author Bar-kays   Euro
25,00
title soul finger (180 gr.)  
support lp edition new record          stereo  
year 1967 print eu label   music on vinyl   item id. 3023958

help
  try to 'translate' with Google.

printer friendly
ristampa del 2020, in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, Pubblicato dalla Volt in USa nel 1967, il primo bellissimo album del grande gruppo strumentale, l' unico della storica formazione originale, quella che, attiva dal '66 con il nome orima di River Arrows e poi di Imperials, fu notata da Otis Redding, che la vide suonare presso il barbiere proprio accanto agli studi della Stax/Volt. Redding li "arruolo'" immediatamente, ed in breve i Bar-Keys si aggiunsero ai Booker T. & The Mg's ed ai Mar-Keys come "houseband" dell' etichetta, registrando nello spazio di pochi mesi in studio con molti dei piu' grandi artisti di quella scuderia. Trovarono anche pero' modo di incidere un singolo, l' eccitante "Soul Finger", che ottenne un grande successo nelle classifiche non solo r&b ma anche "pop", e dopo un secondo singolo di minor riscontro e questo eccitante album d'esordio la band parti' nell' inverno del 1967 per accompagnare Otis Redding per una sua tournee, trovando con lui la morte il 10 dicembre, precipitato l' aereo in un lago vicino Madison, Winsconsin. "Soul Finger" e' uno dei classici del suono tra soul e r&b che anticipo' l' esplosione della musica funky, versione aggiornata della musica dei migliori Booker T. & the Mg's (a proposito, proprio di Booker T. sono le note sul retrocopertina), caratterizzato da un suono essenziale ma assolutamente scintillante, dove spesso e' in risalto la notevole tastiera di Ronnie Caldwell, con brani di grande efficacia, tra cui i due magnifici brani del primo singolo "Soul Finger" e "Knucklehead", composta da Steve Cropper e Booker T. e caratterizzata da una bellissima armonica, la rilassata "With A Child's Heart", il potenziale hit di "Bar-Kays Boogaloo", la riuscitissima "Theme From Hell's Angels", o ancora "Don't Do That", retro del secondo singolo del gruppo, o "I Want Someone", che sara' il retro di un singolo uscito poco dopo la tragica fine dei musicisti. Gli unici due superstiti della prima formazione, il bassista James Alexander, che aveva perso il volo, ed il trombettista Ben Cauley, rimisero insieme il gruppo molto presto con nuovi musicisti, con risultati sorprendenti e buon successo, pubblicando un buon numero di albums nei decenni a venire.    
   
     
Other records by Bar-kays