author Black sabbath   Euro
180,00
title paranoid (laminated sleeve, large swirl label)  
support Lp edition third issue          stereo  
year 1971 print uk label   vertigo   item id. 242742

help
conditions   [vinyl]  Excellent  [cover]  excellent   try to 'translate' with Google.

printer friendly
Stampa inglese del 1972, intermedia tra la seconda e la terza tiratura, copertina apribile NELLA RARA VERSIONE LAMINATA all' esterno (non sono laminate le prime due tirature), con interno naturalmente nella versione definitiva che NON riporta i crediti ''Management/Jim Simpson, BigBear, Birmingham'' (presente solo nella prima tiratura), etichetta (con piccola scritta a penna sul lato b) ancora della prima tiratura (e della seconda), Vertigo "Big Swirl", con scritta Vertigo in basso sul lato B e non sopra il foro centrale, trail off matrix (inciso a macchina) sui rispettivi lati: "6360011 1Y//2>420 1 2 1 0" e "6360011 2Y//1>420 1 1 3 3", vinile nella prima versione in cui sul lato B tra il secondo ed il terzo brano non c'e' separazione. Pubblicato nel Settembre del 1970 dopo ''Black Sabbath'' e prima di ''Master of Reality'', giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed al numero 12 di quelle USA, dove usci' pero' nel gennaio 1971. Il secondo album, uno dei massimi lavori della storia del rock piu' duro, e un assoluto masterpiece che creera' una scuola che porta diritto fino alla n.w.o.b.heavy metal, ma anche al grunge dei Soundgarden, incalcolabile l'impatto di questa titanica opera sui decenni successivi, include una serie di brani da brivido, solo per citarne alcuni: "War pigs", "Paranoid", "Iron man", "Electric funeral", e' il disco che ridefinisce il termine ''hard rock'', meno improvvisato del predecessore, piu' conciso e carico di atmosfere oscure e soprannaturali, i brani parlano di olocausti nucleari, droghe allucinogene, mondi paralleli, guerra, morte, disperazione, il disco evoca i recessi dell'anima piu' nascosti ed inconsci, inoltre le partiture vocali e chitarristiche non indulgono mai al tecnicismo esasperato e sono invece improntate a creare una ''vibrazione'', una groove, che coinvolge e travolge i musicisti e gli ascoltatori in una dimensione stordente ed aliena. Come ebbe a dire di questo album la critica inglese di Melody Maker, ''Paranoid" definisce lo stile ed il suono dell'hard rock piu' e meglio di qualunque altro album pubblicato nella storia del rock''.    
   
     
Other records by Black sabbath