author Goblin   Euro
28,00
title Roller (180 g)  
support Lp edition new record          stereo  
year 1976 print eu label   ams   item id. 2106853

help
  try to 'translate' with Google.

printer friendly
Vinile pesante, copertina apribile, label custom. Ristampa del 2014 ad opera della AMS, pressoche' identica alla prima tiratura del 1976. Originariamente pubblicato in Italia dalla Cinevox, ''Roller'' e' il secondo album dei Goblin, uscito dopo ''Profondo rosso'' (1975) e prima di ''Suspiria'' (1977). ''Roller'' venne concepito come progetto musicale a se' stante, al contrario dell'album che lo precedette e di quello che lo segui', entrambi colonne sonore dei celebri film di Dario Argento; i Goblin realizzano qui un disco sostanzialmente di rock progressivo strumentale, dominato dalle tastiere ed in particolare dall'organo. Contiene la lunga ''Goblin'', che ricorda il prog di Yes, King Crimson e ELP nella sua complessa e cangevole struttura. Le radici dei Goblin si trovano in un gruppo chiamato Oliver, formato da Claudio Simonetti e Massimo Morante. Simonetti aveva precedentemente suonato con il batterista Walter Martino ne Il Ritratto di Dorian Gray ed il gruppo di breve durata Seconda Generazione. Con il bassista Fabio Pignatelli e il batterista Carlo Bordini, il gruppo si trasferi' in Inghilterra e per un breve periodo ha avuto un cantante inglese, Clive Artman. Questa formazione suono' in Inghilterra nel circuito delle universita' e registro' anche alcuni brani con Eddie Offord (a lungo un collaboratore di Emerson Lake & Palmer). Tornati in Italia, e con il nuovo cantante Tony Tartarini (gia' conosciuto come Toni Gionta, dell'Uovo di Colombo), poterono registrare un album nell'aprile 1974, dopo aver cambiato nome in Goblin. Aiutati dalla passata esperienza di Claudio Simonetti presso la Cinevox come musicista di studio nella registrazione di colonne sonore, i Goblin ebbero un contratto con quella casa discografica e l'offerta di comporre la colonna sonora per il film horror d'esordio del regista Dario Argento, Profondo rosso. Il batterista Bordini rifiuto' il contratto, e venne sostituito da Walter Martino, precedentemente con Simonetti nel Ritratto di Dorian Gray, e questa formazione registro' il primo album ufficiale, mentre l'LP precedente venne pubblicato a nome Cherry Five solo nel 1976. Il film ebbe un enorme successo, cosi'￾ come il cupo e ipnotico brano guida della colonna sonora, che divento' un hit. Totalmente strumentale, basata principalmente sulle tastiere, la musica dei Goblin era molto elaborata e curata rispetto alle colonne sonore piuttosto anonime di molti film dell'epoca.    
   
     
Other records by Goblin