author Mould bob (husker du)   Euro
32,00
title circle of friends (rsd 2020)  
support Lp2 edition new record          stereo  
year 2007 print eu label   demon   item id. 2100330

help
  try to 'translate' with Google.

printer friendly
Doppio album, in vinile 180 grammi trasparente, realizzato per la prima volta in vinile nell' agosto 2020, in occasione del travagliato Record Store Day di quell' anno, corredato di inner sleeves. Registrato (splendidamente) dal vivo il 7 ottobre del 2005 al 9:30 Club di Washington D.C. (evento gia' testimoniato nel 2007 da un dvd), pochi mesi dopo l' uscita dell' album in studio "Body Of Song", e' la notevole testimonianza del primo tour dopo molti anni che vide Bob Mould accompagnato da una band elettrica (con l' ex Fugazi Brendan Canty alla batteria, Jason Narducy al basso e Richard Morel alle tastiere), e contiene le versioni (perlopiu' superiori a quelle li' presenti) di ben sette brani, ma tra i ben ventitre brani vi troviamo anche alcuni dei migliori titoli della carriera solista di Mould, ed anche episodi provenienti dal repertorio degli Sugar ("The Act We Act", "A Good Idea", "Changes", "Hoover Dam", "If I Can't Change Your Mind" e "Man on the Moon") e, sopratutto, dei grandi Husker Du; per la prima volta dallo scioglimento del suo primo gruppo, infatti, Mould si cimento' durante il tour di "Body of Song" con le versioni nuovamente elettriche di alcuni classici degli Husker Du, e le versioni di "Hardly Getting Over It" (versione delicatissima e commossa), "Could You Be the One?", "I Apologize", "Chartered Trips", "Celebrated Summer" e "Makes No Sense at All" (travolgente!) sono tutte davvero bellissime ed intense. Dopo l'indimenticabile epopea degli Husker Du, senza dubbio uno dei massimi gruppi del rock americano degli anni '80, Bob Mould si dedica all'attivita' solista ed a quella con il suo nuovo gruppo Sugar (dal 1992). Il suo primo album solista, "Workbook", piu' acustico ed quieto rispetto alla musica degli Husker Du, esce nel 1989 e si guadagna il favore della critica. Il successivo "Black sheets of rain" (1990) segna un ritorno a sonorita' dure ed elettriche. Il successivo album, esce senza titolo nel 1996, dopo che Mould aveva sciolto gli Sugar l'anno precedente. Successivi lavori lo vedono anche inserire elementi elettronici, senza pero' abbandonare il rock chitarristico e la canzone semi-acustica.    
   
     
Other records by Mould bob (husker du)