author Dead kennedys   Euro
23,00
title In god we trust, inc.  
support lpm edition new record          stereo  
year 1981 print usa label   manifesto   item id. 2094384

help
  try to 'translate' with Google.

printer friendly
Ristampa rimasterizzata USA su Manifesto del 2006, nella versione con la copertina che originariamente era stata della stampa inglese su Statik, con il nome del gruppo in basso ed il titolo in alto, vinile pesante, copertina liscia fronte retro con barcode. Il primo mini album, uscito nel novembre del 1981 su Statik in Gran Bretagna, dove giunse al terzo posto nella classifica indipendente, e su Alternative Tentacles negli USA, circa un anno dopo il primo epocale album "Fresh fruit for rotting vegetables", e prima del secondo lp ''Plastic surgery disasters'' (1982). Mantenendo inalterata la capacita' di dar vita a brani dalle strutture imprevedibili, il gruppo di San Francesco guidato da Jello Biafra preme sul pedale dell' acceleratore, proponendo otto nuovi brani mozzafiato, parecchio piĆ¹ veloci ed aggressivi di quelli dell'album precedente, che fissarono definitivamente i canoni dell' hardcore a venire, rimanendo perlopiu' insuperati per la ferocia e la incisivita' che li caratterizzano, cinici e devastanti come quell' autentico inno che e' "Nazi punks fuck off", che si colloca esattamente dalla parte opposta rispetto a gran parte della contemporanea scena inglese skinheads. Da segnalare anche la nuova versione del loro primo storico singolo "California Uber Alles", con alcuni versi cambiati, forse ancora piu' riuscita della prima, qui reintitolata "We Have A Bigger Problem Now", e la geniale rilettura del tema da film "Rawhide". Oltre un anno occorrera' alla band per approdare al suo vero secondo album, "Plastic Surgery Disasters", altro punto fermo dell' hardcore americano. Ecco la lista completa dei brani: "Religious vomit" / "Moral majority" / "Hyperactive child" / "Kepone factory" / "Dog bite" // "Nazi punks fuck off "/ "We've got a bigger problem now" / "Rawhide".    
   
     
Other records by Dead kennedys