author Hayes isaac and the bar-kays   Euro
24,00
title Do your thing (rsd 2016)  
support Lp edition new record          stereo  
year 1971 print usa label   now again   item id. 2069210

help
  try to 'translate' with Google.

printer friendly
USCITA PER IL RECORD STORE DAY BLACK FRIDAY del 2016, in edizione limitata, adesivo di presentazione sul cellophane, completa di libretto con note storiche, label rossa con scritte blu e logo Now Again rosso e blu in basso, catalogo NA5144. Pubblicato nel 2016 dalla Now Again, questo disco contiene l'intera jam session di trentatre' minuti dalla quale fu tratta la versione edita di ''Do your thing'', il brano di quasi venti minuti che fu incluso nell'album capolavoro ''Shaft'' di Isaac Hayes, uscito nel luglio del 1971; a chiusura della scaletta e' presente un ''Rhythm section mix'' di oltre undici minuti sempre relativo al brano ''Do your thing'', e finora inedito come una parte consistente della title track, qui divisa in una ''Part 1'' di ventidue minuti sulla prima facciata, ed una ''Part 2'' di undici minuti, tutti inediti, sulla seconda facciata. Mixate direttamente dai nastri originali, queste registrazioni danno nuova luce all'eccezionale sessione, un caposaldo del soul e del funk dei primi anni '70. Geniale artista afroamericano originario del Texas ma cresciuto musicalmente a Memphis, Isaac Hayes era gia' una star di prima grandezza nell'ambito della musica afroamericana all'epoca del suo primo album "Presenting Isaac Heyes" del 1968, in quanto compositore e musicista gia' da anni responsabile di molti grandi successi per altri artisti; fu pero' solo il secondo "Hot Buttered Soul" (1969) che mando' il nome di Hayes nelle piu' alte posizioni delle classifiche americane, con un riscontro straordinario presto confermato da "Isaac Heyes Movement" (1970), il suo primo lavoro registrato con una vera e propria band, i Movement appunto, giunto nei piani alti delle classifiche. Si iniziava ad intravedere la vena istrionica di un personaggio il cui peso sulla musica soul/funk degli anni a venire sarebbe stato notevole, poi fu il turno dell'epocale colonna sonora di "Shaft" (1971) tra i capolavori della musica afroamericana di sempre, capace con la sua influenza di determinare una netta svolta nell'attivita' di artisti gia' affermati come Curtys Mayfield e Marvin Gaye.    
   
     
Other records by Hayes isaac and the bar-kays