author Albertine viv (slits)   Euro
32,00
title Vermillion border (red vinyl)  
support Lp2 edition original issue          stereo  
year 2012 print uk label   cadiz music   item id. 2040123

help
conditions   [vinyl]  Excellent  [cover]  Excellent   try to 'translate' with Google.

printer friendly
Copia ancora incellophanata, l' originale stampa, doppio album in vinile rosso pesante, copertina apribile, etichette custom, l' originario catalogo CADIZLP120 (poi cambiato nella ristampa del 2019). Pubblicato dalla Cadiz Music nel novembre 2012 in cd, e dopo qualche mese in questa edizione vinilica, dopo l'Ep "Flesh" (2010), l' esordio solista full lenght per la mitica Viv Albertine, chitarrista delle seminali Slits. Lavoro inaspettatamente fresco e genuino, dove la cinquasettenne Viv Albertine, racconta la sua condizione di donna di mezza eta', uscita da un matrimonio, e di riott girls per niente pentita. Pezzi autobiografici dalle molteplici sfaccettature, la cui produzione e' stata affidata a Dennis Bovell, gia' in consolle al capolavoro delle Slits, "Cut" del 79, con una serie prestigiosa ed etereogenea di ospiti, molti dei quali bassisti: Jack Bruce dei Cream, Tina Weymouth dei Talking Heads, Wayne Nunes di Tricky, Glen Matlock dei Sex Pistols, Richard Pike dei PVT, Jenny Lee Lindberg delle Warpaint, Dennis Bovell e Norman Watt Roy di Ian Dury, Danny Thompson di Nick Drake, John Martin e Pentangle, Jah Wobble dei PIL, Wiston Blisset dei Massive Attack, Jim Barr dei Portished, oltre Mick Jones alla chitarra. Le canzoni fra disillusione, sogno ed ironia fra retaggi wave, si muovono fra molteplici rimandi, molti dei quali portano ai Wire e Stererolab, oltre al gruppo madre. Le britanniche Slits formate nel 1976 sono state le progenitrici delle "riot grrrls" movimento che sarebbe esploso dieci anni dopo negli USA, una delle band preferite da Kurt Cobain e citata da tutte le riot grrls di inizio anni 90, immensa la loro influenza anche sulle band del recente trend disco-punk. Ancor piu' delle formazioni femminili che le avevano precedute, dalle Runaways alle Go-Go's, le Slits anche se negavano di essere femministe, suonavano un feroce punk-rock ispirato ai problemi delle ragazze. Tra i brani capaci di riscuoter maggior successo da citare sicuramente "Typical Girls", che ironizzava lo stereotipo di "ragazza tipica", la vecchia "Newtown", che vi consigliamo di ascoltare anche nella versione contenuta nell' imperdibile Peel Session del gruppo, ed infine i brani "Love And Romance" e "Ping Pong Affair", bellissimi ibridi dove la rabbia punk riscopriva la musica giamaicana e la trasformava in spiritualita' post-punk capace di raggiungere soffuse melodie pop. Leggendaria la foto di copertina che le ritrae semi-nude e ricoperte di fango, foto che nel 1979 provoco' scalpore ed un semi-scandalo nelle societa' meno aperta e liberale.    
   
     
Other records by Albertine viv (slits)