Autore Aa.vv. (usa 60's garage)   Euro
20,00
Titolo Back from the grave vol. 5  
supporto Lp edizione ristampa          stereo  
anno 1966 stampa usa etichetta   Crypt   codice 254087

aiuto
condizioni   [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent  

versione per stampa
copia ancora incellophanata, ristampa degli anni 2000, copertina con barcode, corredata di inserto con note e foto (con indicazione del sito internet dell' etichetta), etichetta gialla con scritte e logo rossi, catalogo CR-005; il quinto volume della piu' famosa ed importante serie di compilations sul garage punk americano degli anni 60, giunta dopo lo storico "Nuggetts" curato da Lenny Kaye nel '72 e dopo i primi volumi della "gemella" "Pebbles", e come quest' ultima influenza e punto di riferimento fondamentale per tutta la scena neo garage degli anni '80. 16 brani introvabili da singoli rarissimi usciti in gran parte tra il '66 ed il '67; ecco la lista completa dei brani: gli Humans da New York, con la bellissima "Warning", che risente di forti influenze Animals; i Warlords di Chicago, non da meno con la notevole "Real Fine Lady"; piacevolissimi i Vestells, dalla Pennsylvania, con "Won't You Tell Me"; la magnifica "City of People" degli Illusions conferma quanto eccitante fosse la scena di Detroit gia' prima dell' avvento di Stooges ed MC5, gia' caratterizzata da un approccio selaggio e decisamente "punk" ante-litteram; dal Michigan provenivano anche i grezzi Jaguars, qui con l' efficacemente ingenua "It's Gonna Be Alright"; dall' Illinois, i Few (l' unico gruppo della raccolta insieme ai Tigermen ed agli Hatfields ad essere riuscito a pubblicare "ben" due singoli), con la notevole "Escape", caratterizzata da splendidi suoni di fuzz guitar e di tastiera; deliziosa "Show You Love" dei Tikis, dall' Indiana; si ritorna a Detroit con gli incredibili Keggs, autori di una selvaggia e crudissima "To Find Out"; un piccolo mito i Jesters Of Newport, californiani, autori di una "Stormy" che rappresenta una delle piu' riuscite commistioni tra surf e garage di sempre; valida anche "Livin' " degli Henchmen, nuovamente da Detroit; dal primo dei due singoli dei Tigermen, di New York, e' tratta la gradevole "Close That Door", del 1965; ottimo il garage peat degli Aztex, dall' Indiana, con "The Little Streets In My Town"; dall' Indiana, ma basati a Chicago, anche gli Hatfields della dinamica "The Kid From Cinncy", dal loro secondo ed ultimo singolo); grezzissima ed aggressiva "Something Else" dei Nobles, dal Delaware; interessanti influenze surf per i Centrees da Dayton, Ohio, con "She's Good For Me"; Rda un acetato con due brani proviene infine "Take The World As It Comes" dei Rising Tides, dal New Jersey.    
   
     
altri titoli di Aa.vv. (usa 60's garage)    

Cerca titoli di Aa.vv. (usa 60's garage) nel nostro catalogo


Ascolta il titolo (Back from the grave vol. 5 ) su Youtube Music o Spotify


Cerca Aa.vv. su


Bandcamp

Youtube

Google

Vimeo

Wikipedia

Allmusic 

Musicbrainz (discografia)

Metacritic                               Rate your music

 

Pitchfork                               

N.M.E.                                    Uncut

 

Onda Rock

SentireAscoltare                  

Rumore (via google)

 

Se hai una webzine e vuoi comparire qui gratuitamente scrivici una mail