Autore Grateful dead   Euro
20,00
Titolo wake of the flood / from the mars hotel  
supporto Lp2 edizione seconda stampa          stereo  
anno 1974 stampa uk etichetta   united artists / grateful dead   codice 243570

aiuto
condizioni   [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good  

versione per stampa
seconda stampa inglese del 1977, con i due albums "Wake of the Flood" del 1973 e "From the Mars Hotel" del 1974 riuniti in un doppio album, copertina (con lievi segni di invecchiamento) apribile con fronte e retro con le immagini di copertina dei due rispettivi dischi, etichetta bianca con scheletro / giullare. Queste le note dei due dischi: "From the Mars Hotel": Pubblicato negli Usa nel luglio 1974 prima di "Blues from Allah" e dopo "Wake of the flood", giunto al numero 16 delle delle classifiche Usa ed al numero 47 di quelle Uk, il decimo album, registrato con ospite John McFee dei Clover che suona la pedal steel in "Pride Of Cucamonga". I Grateful Dead hanno sempre avuto problemi nel riprodurre in studio la tensione e l'energia catartica dei loro live shows, ma questo "From the Mars Hotel" rappresenta invece uno dei loro migliori e piu' riusciti albums registrati in studio. Jerry Garcia canta quasi tutti i brani, tra cui "U.S. Blues", "China Doll" e "Scarlet Begonias", ma il punto cardine dell' album e' "Unbroken Chain", in cui ognuno dei membri trova un proprio spazio con una grazie ed una intensita' che lo rende un immortale classico del repertorio dei Grateful Dead. In assoluto uno dei migliori lavori del periodo iniziato con "Workingman's Dead" e proseguito con "American Beauty". "Wake of the Flood": Pubblicato in Usa nell' ottobre del 1973 prima di ''From the mars hotel'' e dopo ''Europe 72'' , giunto al numero 18 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk dove usci' nel luglio dello stesso anno. Il nono album. Pubblicato dopo la fine del contratto con la Warner Brothers, e la nascita delle proprie etichette, la Grateful Dead Records ( per le uscite del gruppo) e la Round Records (per le uscite soliste ). Wake of the Flood fu il primo album ad essere stato completamente soggeto alla supervisione del gruppo, dalla progettazione al marketing. registrato dopo la morte di Ron "Pigpen" McKernan avvenuta l'8 marzo del 1972, e con l'ingreso alla tastiera di Keith Godchaux che si porta dietro la moglie Donna Jean Godchaux alla voce, e' il primo lavoro in studio in tre anni, dall'epoca cioe' di American Beauty e presenta brani inediti ma che come tradizione furono presentati live molto tempo prima di essere incisi in studio. considerato dalla critica e dai Dead Heads come uno dei loro migliori albums tra quelli non live, presenta un lato vicino al jazz e meno coinvolto nelle lunghe jams , oltre a diversi brani entrati nel repertorio '' storico'' del gruppo, tra questi "Eyes of the World" , "Weather Report Suite," , "Prelude," , "Part One," e la ballata di Jerry Garcia "Stella Blue".    
   
     
altri titoli di Grateful dead    

Grateful dead

Cerca titoli di Grateful dead nel nostro catalogo



i risultati dei video in alcuni casi potrebbero non essere pertinenti all'autore