Autore Groundhogs   Euro
55,00
Titolo thank christ for the bomb  
supporto Lp edizione seconda stampa          stereo  
anno 1970 stampa uk etichetta   liberty   codice 231562

aiuto
condizioni   [vinile]  excellent  [copertina]  Very good  

versione per stampa
seconda rara stampa inglese di pochi mesi successiva alla prima, con copertina (con una piccola abrasione a destra sul fronte) apribile in rilievo ed etichetta nera a destra ed azzurra e gialla a sinistra (la prima edizione su etichetta azzurra e blu e' davvero introvabile!). Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1970 prima di ''Split'' e dopo ''Blues obituary'', giunto al numero 9 delle classifiche Uk e non entrato in quelle Usa. Il terzo album. Uno dei must dell' hard blues inglese, concept sulla catastrofe nucleare, e' il primo capitolo registrato della nuova formazione che vede Pete Cruikshank, Ken Pustelnik e Steve Rye. Pubblicato negli ultimi giorni del fenomeno del ''British blues boom'' , il disco non e' decedente, al contrario, dimostra come la band abbia ancora molto da dire , ed e' il primo della serie di capolavori dalla struttura semi-concept che seguono alla decisione di abbandonare il levigato ma nel 1970 oramai risaputo blues del primo periodo per abbracciaare una musica dai forti contenuti sociali e vicina al blues progressive , questo periodo che culminera' nel 1972 con l'uscita di '' Who Will Save The World?'' al quale seguira' un ulteriore cambiamento di rotta. Il disco e' oscuro, con testi esoterici ed a parte il brano che da' il titolo all'opera si compone di brani brevi con un solo episodio, la semi acustica "Garden," che supera i 5 minuti. prodotto da McPhee con l'aiuto di Martin Birch gia' con i Deep Purple di ''in Rock'' e' considerato come uno dei capolavori del gruppo ed uno dei piu' influenti albums del blues progressive di sempre.    
   
     
altri titoli di Groundhogs    

Groundhogs

Cerca titoli di Groundhogs nel nostro catalogo



i risultati dei video in alcuni casi potrebbero non essere pertinenti all'autore