Rock Bottom records
Via de' Giraldi 16r
Firenze tel. 055245220
www.rockbottom.it
autore A house   Euro
35,00
titolo Wide eyed and ignorant  
supporto Lp edizione originale          stereo  
anno 1994 stampa uk etichetta   setanta   codice 334915

condizioni   [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent  

Prima rara stampa inglese, copertina lucida fronte retro con vinile estraibile dall'alto e con barcode 724382935513, inner sleeve con note, foto e sagomatura sul lato di apertura, label custom arancione, rosa e nera con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo 7243 8 29355 1 3. Pubblicato nel 1994 dalla Setanta nel Regno Unito e nel 1995 dalla Radioactive negli USA, il quarto album, successivo a "I am the greatest" (1991) e precedente "No more apologies" (1996). Prodotto in buona parte da Edwyn Collins, cantante degli scozzesi Orange Juice che aveva curato la produzione del precedente lp (alcuni brani sono qui prodotti da altri, in particolare da Phil Thornalley), e che qui appoggia gli A House suonando vari strumenti (chitarra acustica, armonica, alcune tastiere), "Wide eyed and ignorant" prosegue e matura il valido lavoro condotto con l'ottimo "I am the greatest". Il gruppo come sempre stupisce cambiando radicalmente stile ed atmosfera fra un brano e l'altro: qui si comincia con la malinconia acustica di "Intro", che esplode poi inaspettatamente con il festoso pop soul corale (con tanto di ottoni squillanti) di "Here come the good times", ed ancora subito una virata con l'autunnale e riflessiva "She keeps me humble", cullata da arrangiamenti di archi. Dave Couse intreccia nei suoi testi ironia, sentimenti e riflessione, raggiungendo effetti molto toccanti nella dolente "Why me?", e cantando come suo solito con un approccio versatile che passa da gentili e cullanti vocalizzi ad espressioni più stridenti e tese, oppure solari ed esuberanti o ancora allo "spoken word". L'album contiene la loro più "grande" hit, il singolo "Here come the good times", giunto ad una strabiliante 37esima posizione in classifica nel Regno Unito; ancora una volta il gruppo ha mietuto meno successo di quanto avrebbe meritato. Gruppo dublinese attivo fra il 1985 ed il 1997, gli A House sono una delle bands più importanti espresse dal rock indipendente irlandese, amati da cultori e critici in patria, ma mai assurti alla fama mondiale degli U2 o mai così influenti come gli Undertones. Erano fronteggiati dal cantante e paroliere Dave Couse, autore di testi elaborati e ricchi di ironia, che trattano con intelligenza di temi sentimentali e culturali, il quale formava il nucleo della band insieme al chitarrista Fergal Bunbury ed al bassista Martin Healy. La loro musica era un brillante ed imprevedibile pop rock dai richiami folk rock, per quanto calati in un contesto modernamente post punk ed elettrificato. Debuttarono nel 1987 con il singolo autoprodotto "Kick me again, jesus", prima di firmare con la Blanco Y Negro, che nel 1988 dette alle stampe il loro primo album "On our bug fat merry-go-round", seguito nel 1990 da "I want too much", ottimi dischi che purtroppo non ottennero adeguato successo commerciale; il gruppo fu così lasciato dalla Blanco Y Negro e firmò con la Setanta, che pubblicò i successivi tre album in studio, partendo da "I am the greatest" (1991), che fruttò la prima hit per la band, il singolo "Take it easy on me" (1992), ma il successo si rivelò effimero, ed i due successivi lp "Wide eyed and ignorant" (1994) e "No more apologies" (1996), passarono quasi inosservati presso il pubblico. La band conserverà un alto status presso la critica musicale irlandese anche dopo il suo scioglimento.    
   
     
   
stampa