Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 441
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 18  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
13Th floor elevators    Easter everywhere
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  international art. / private 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi pressocche' identica alla prima rarissima tiratura, copertina senza barcode in cartoncino lucido. Pubblicato in USA nel Giugno del 1968 dopo ''The Psychedelic Sound Of'' e prima di ''Live'', non entrato nelle classifiche USA e non pubblicato all'epoca in UK. Il secondo lp. Per molti anche superiore allo stratosferico debutto, sicuramente molto piu' psychedelico e spaziale e meno legato al garage, contiene alcuni dei classici della musica americana di tutti i tempi, ''slip inside the house'', ''earthquake'', ''levitation'', ''baby blue'', ''she lives in a time of her own'', ''dust'', ''i had to tell you''. Fu registrato a Kerville, nella campagmna texana, con i nuovi membri Danny Thomas e Dan Galindo, dopo l'abbandono di Walton e Leatherman, abbattuti dai continui guai con la polizia, gli arresti e i grossi problemi personali dovuti all'enorme uso di droghe di tuti i tipi, allucinogene in particolare, sara' l'ultimo vero lavoro della band, che dopo alcuni concerti, soprattutto in California, letteralmente ''perdera' '' sia Rocky Erickson che Tommy Hall. Rimane, ovviamente, uno dei testi fondamentali dell'underground mondiale ed un capolavoro assoluto che non puo' non figurare nella lista dei 20, ma forse anche 10, albums di rock acido piu' belli di tutti i tempi.
Euro
17,00
codice 2094725
scheda
1919    Machine (+4 tracks)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  restless empire 
punk new wave
Ristampa del 2019, con copertina con sfondo nero ed inserto (arricchita della presenza di quattro tracce aggiunte, ovvero i quattro brani, tutti altrimenti inediti, dei primi due singoli del gruppo, usciti nel 1982 su Red Rhino: "Repulsion"/"Tear Down These Walls" e "Caged"/"After the Fall"), del minialbum "Machine". Pubblicato nell' aprile del 1983 dalla Red Rhino in Gran Bretagna, dove giunse al settimo posto nella classifica indipendente, ''Machine'' fu per lungo tempo l' unico album, mini con sette brani, della oscura e misconosciuta band britannica nata a Bradford nel 1980, eccellente dark-wave, nata dalle ceneri degli Heaven Seventeen (un demo nel 1980 ed un flexi nel 1981), ed autrice di un post-punk oscuro e potente, per una musica ispirata ai primissimi lavori dei loro padri spirituali Killing Joke, e legata anche a certo positive punk. Un disco semplicemente superbo, meraviglioso e devastante, che non potra' deludere le aspettative dei sostenitori della prima ondata dark post-punk. Il gruppo, composto da Ian Tilleard, Mark Tighe, Sputnik, Nick Hiles e Mick Reed, realizzo' una manciata di singoli ed ep fra il 1982 ed il 1984, oltre a questo minialbum; dopo lo scioglimento, il chitarrista Mark Tighe ed il cantante Ian Tilleard formarono gli Another Cinema, autori di due singoli tra il 1984 ed il 1985. Dopo decenni, finalmente i 1919 si riformano nel 2015, pubblicando nuovo materiale: il live ''2015: ''the madness continues'' sessions'' (2015, autoprodotto su CDr) e ''Bloodline'' (presentato come il secondo vero album, pubblicato nel 2017 dalla Westworld in cd).
Euro
19,00
codice 3024666
scheda
Aa.vv (primitive r'n'r & blues    songs the cramps taught us vol.6
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1956  cato 
blues rnr coun
copertina lucida con barcode, etichetta bianca e senape, il sesto volume della favolosa serie con magnifici brani (qui sono 16) scelti tra i tanti reinterpretati nel corso degli anni dai grandi Cramps del compianto Lux Interior, ma originariamente su spesso oscurissimi singoli pubblicati tra la meta' degli anni '50 e la meta' degli anni '60. La band originaria dell' Ohio, poi stabilitasi a New York, e' stata forse la principale responsabile dell riscoperta negli ultimi decenni di un ricco, inesauribile patrimonio musicale, tra grezzo e viscerale blues e primitivo rock'n'roll, tra il surf piu' selvaggio ed il primo garage punk. Ed allora, niente di meglio che sentire, uno dopo l' altro, questi classici, spesso davvero "perduti", che in pochi hanno sentito se non nelle versioni fornite, bonta' loro, dagli stessi Cramps. Ecco la lista completa dei brani: SIDE 1: 1. Elvis Presley – Do The Clam 2. The Busters – Bust Out 3. The Sonics – He’s Waiting 4. The Fender Four – Margaya 5. The Red Crayola – Hurricane Fighter Plane 6. Link Wray – Rumble 7. Captain Beefheart – Hard Working Man 8. The Shades – Strolling After Dark SIDE 2: 1. Gene Summers – Taboo 2. The Jesters – Peter Gunn Twist 3. The Revels – Intoxica! 4. J.J. Jackson & The Jackaels – Oo-Ma-Liddi 5. The Rhythm Rockers – Madness 6. The Instrumentals – Chop Suey Rock 7. Roy Brown – Butcher Pete Part 1 8. Terry Dunavan – Earthquake Boogie
Euro
16,00
codice 2094778
scheda
Aa.vv.    halcyon 1969
lp [edizione] originale  mono  usa  1969  halcyon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale rarissima stampa, stampa privata realizzata in poche copie in Canada, copertina cartonata, etichetta verde con scritte argento, catalogo M-7257. Pressato pare in sole 500 copie, distribuito presso la Carleton University Alumni di Ottawa, Ontario, Canada, questo album, prodotto da Wylie Spicer e Susan Stronach, fu realizzato in occasionale sostituzione della rivista universitaria "Halcyon" della Carleton University nel 1969. Contiene canzoni e poesie recitate di cui sono autori e protagonisti gli studenti di quella Universita', che pero' rimangono, nelle scarne note dell' album, del tutto anonimi. Pare comunque che almeno una parte degli interventi siano riconducibili a Larry Jones, artista dell' area di Ottawa, poi attivo tra l' altro come Larry Jones and Company. Tra i brani, la prima traccia del lato A, strumentale folk dai sapori medievaleggianti, il primo brano del lato B, autunnale folk cantautoriale delicato ed agrodolce, ed il brano conclusivo, sulle stesse corde e certamente eseguito dallo stesso autore.
Euro
160,00
codice 47409
scheda
Aa.vv. (alley cats x weirdos..)    Dangerhouse volume two - give me a little pain!
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1977  frontier 
punk new wave
ristampa in vinile colorato, copertina pressoche' identica a quella della prima tiratura del 2006, il secondo volume, pubblicato nel 1992 ma solo in CD, della a dir poco favolosa raccolta, assolutamente imperdibile, che compendia quasi per intero la produzione della microscopica ma leggendaria etichetta Dangerhouse di Los Angeles (restano fuori giusto un paio di brani e l' unico album realizzaato dalla label, quello di Black Randy & the Metrosquad), che tra il '77 ed il '79 ha dato alle stampe una ristretta quantita' di dischetti oggi di valore collezionistico elevatissimo, considerati da molti quanto di meglio il punk rock abbia mai prodotto, la crema del punk californiano, una scena straordinaria, misconosciuta a lungo per la cronica irreperibilita' dei suoi reperti discografici, poi col tmpo venuti alla luce in varie forme. In questo volume: gli ALLEY CATS con "Give Me A Little Pain" (facciata B del loro primo singolo del '78, tre anni prima del primo dei loro due splendidi albums) e "Too Much Junk" (dalla storica raccolta "Yes L.A." del '79), straordinariamente viscerali ed intensi, molto piu' graffianti in queste prime registrazioni che negli albums; la genaile e INEDITA "Eniwetok" dei misconosciuti EYES (un solo singolo per loro, gruppo originalissimo ricco di inflenze 60's, con una formazione che includeva D:J:Donebrake degli X e Joe Nanini poi nei Wall of Voodoo); l' immortale "Adult Books" degli X, qui nella prima insuperabile versione, facciata A del loro primo singolo del 1978, tre anni prima della piu' nota versione presente nell' album "Wild Gift"; i grandissimi WEIRDOS, deraglianti ed originalissimi, con "We Got The Neutron Bomb", uno dei loro massimi inni, (facciata A del loro secondo 7" del '77); lo sfortunato BLACK RANDY con i suoi METROSQUAD, in due eloquenti testimonianze della genialita' eccentrica della sua musica, sorta di art punk caleidoscopico ed imprevedibile ("Idi Amin" e "I Slept in an Arcade", dal secondo e dal terzo 7" rispettivamente del '78 e del '79); le favolose BAGS, ancora con Joe Nanini, con Rob Ritter poi nei 45 Grave, Alice Bag poi nella Alice Bag Band e Patricia Morrison poi nei Gun Club, nei Sisters of Mercy e nei Damned, davvero micidiali nell' indimenticabile anthem "Babylonian Gorgon" (b-side del loro primo ed unico singolo) e nell' incredibilmente aggressiva "We Will Bury You" (registrata nel '78 ma comparsa per la prima volta su una rara compilation nel 1983); gli inspiegabilmente sottovalutati RHINO 39 con due brani dal bellissimo unico 7"ep del '79 ("Xerox" e la bellissima e deragliante "No Compromise"), ben 8 anni prima del loro unico discreto album, realizzato pero' dopo la morte dell' originario cantante; L' IMMENSA "CAR CRASH" DEGLI AVENGERS (per il sottoscritto uno dei due pezzi di punk rock piu' belli di tutti i tempi!), dal primo strabiliante 7"ep del 1977; "ABCD" dei mitici RANDOMS, con John Doe degli X al basso, facciata A del loro unico singolo, grende oggetto di culto del punk di sempre, ed infine "Mr.Big" dei grandissimi DILS, i Clash californiani come venivano definiti per il loro impegno politico, facciata B del loro secondo singolo, a base di chitarre graffianti e melodia quasi 60's (i fratelli Kinman avrebbero poi formato i Rank & File). 13 brani incredibili, legati da un filo conduttore identificabile nel tipico ed immediatamente riconoscibile "suono Dangerhouse", eppure 9 band diverse e spiccatamente originali, testimonianza della straripante creativita' di una scena indimenticabile, Se amate il punk rock ma gli unici gruppi della prima scena punk americana che conoscete sono i Ramones, i Dead Boys, gli X ed i Germs (per sempre siano lodati), comprate assolutamente questa favolosa raccolta: un mondo nuovo vi si aprira'.
Euro
21,00
codice 2079012
scheda
Aa.vv. (exotica)    Britxotica goes east!
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  trunk 
soundtracks
Catalogo JBH059LP. Pubblicato nel 2016 dalla Trunk, dopo ''Britxotica! london's rarest primitive pop and savage jazz'' (2015), questo e' il secondo volume della serie di raccolte volte al recupero di un particolare fenomeno sorto fra gli anni '50 e '60 a Londra, quando le suggestioni esotiche delle musiche latine, caraibiche, africane e polinesiane si fecero strada sulla scena musicale della capitale britannica, dando luogo ad una incarnazione inglese di quelle musiche passate alla storia come ''exotica'', incorporando elementi etnici, spesso solo echi, a strutture pop e jazz, e producendo cosi' una musica che manteneva i tratti familiari della musica anglosassone ma al tempo stesso li rendeva piu' stuzzicanti e misteriosi grazie a sfumature culturali lontane dall'Occidente moderno. La musica definita qui come ''Britxotica'' era suonata principalmente da musicisti bianchi occidentali, fra cui in questo caso il geniale produttore Joe Meek, che collaboro' con Chico Arnez in ''Yashmak'', episodio dagli esotici echi arabi. Questa la scaletta: 01. SPHINX WON'T TELL - BEVERLEY SISTERS 02. YASHMAK - CHICO ARNEZ 03. CARAVAN - STANLEY BLACK 04. FOUR BEATS TO THE CASBAH - JOHNNY KEATING AND THE Z MEN 05. PERSIAN TWIST - CHARLES BLACKWELL 06. BAGHDAD BAZAAR - PHILIP GREEN AND HIS MAYFAIR ORCHESTRA 07. SHEIK OR MOROCCO - KENNY DAY 08. MARRAKESH - TONY OSBOURNE 09. CLIMB UP THE WALL – YANA 10. MISERLOU - STANLEY BLACK 11. DELILAH'S THEME - JOHNNY KEATING KOMBO 12. CALL OF THE CASBAH - LAURIE JOHNSON 13. LONELY ONE - ROY TIERNEY 14. TURKISH COFFEE - TONY OSBORNE 15. KAZOO - REG OWEN 16. THE SULTAN OF BEZAAZ - RAY ELLINGTON.
Euro
26,00
codice 3509172
scheda
Aa.vv. (otis redding, sam & dave, carla thomas, eddie floyd)    Stax / volt revue, volume one – live in london
Lp [edizione] ristampa  stereo  can  1967  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Ristampa canadese di fine anni '70 su Atlantic, copertina lucida fronte retro, label bianca e rossa con banda bianca centrale, catalogo SD7721. Originariamente pubblicato nel 1967 dalla Stax negli USA, il primo dei due volumi, usciti pressoché contemporaneamente, che documentano il tour internazionale della Stax / Volt Revue del marzo 1967, quando i principali artisti della storica label soul si esibirono alternandosi sullo stesso palco: Otis Redding, Carla Thomas, Sam & Dave ed Eddie Floyd, supportati sempre dagli eccezionali strumentisti di casa Stax / Volt, vale a dire la sezione ottoni dei Mar-Keys e la band strumentale Booker T. & the MG's. Praticamente il gotha del Southern soul dell'epoca (manca Aretha Franlklin, ma era su un'altra etichetta), con performances vocali scoppiettanti, particolarmente potenti quelle di Sam & Dave, ma tutte sorrette con eguale bravura da strumentisti di altissimo livello in ambito soul e r'n'b, a partire da Booker T. Jones e Steve Cropper. I brani presenti su questo primo volume furono registrati a Londra. Questa la scaletta: Booker T. & the MG's, "Green onions"; The Mar-Keys, "Philly dog"; Eddie Floyd, "If I had a hammer", "Knock on wood"; Otis Redding, "Shake"; Carla Thomas, "Yesterday", "B-a-b-y"; Sam & Dave, "I take what I want", "When something is wrong with my baby", "Hold on, I'm comin'".
Euro
24,00
codice 332431
scheda
Aa.vv. (otis redding, sam & dave, carla thomas, eddie floyd)    Stax / volt revue, volume two – live in paris
Lp [edizione] ristampa  stereo  can  1967  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Ristampa canadese di fine anni '70 su Atlantic, copertina lucida fronte retro, label bianca e rossa con banda bianca centrale, catalogo SD7722. Originariamente pubblicato nel 1967 dalla Stax negli USA, il secondo dei due volumi, usciti pressoché contemporaneamente, che documentano il tour internazionale della Stax / Volt Revue del marzo 1967, quando i principali artisti della storica label soul si esibirono alternandosi sullo stesso palco: Otis Redding, Carla Thomas, Sam & Dave ed Eddie Floyd, supportati sempre dagli eccezionali strumentisti di casa Stax / Volt, vale a dire la sezione ottoni dei Mar-Keys e la band strumentale Booker T. & the MG's. Praticamente il gotha del Southern soul dell'epoca (manca Aretha Franlklin, ma era su un'altra etichetta), con performances vocali scoppiettanti, particolarmente potenti quelle di Sam & Dave e di Carla Thomas, ma tutte sorrette con eguale bravura da strumentisti di altissimo livello in ambito soul e r'n'b, a partire da Booker T. Jones e Steve Cropper. I brani presenti su questo secondo volume furono registrati a Parigi. Questa la scaletta: Carla Thomas, "I got my mojo working", "Let me be good to you", "Gee whiz"; Eddie Floyd, "Raise your hand", "Something you got", "But it's alright"; Sam & Dave, "Soothe me", "You don't know like I know", "You got me hummin'"; Otis Redding, "Try a little tenderness".
Euro
24,00
codice 332432
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Punk and disorderly - chaos in the streets
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  restless empire 
punk new wave
Pubblicato nel 2017 dalla Restless Empire, questo album contiene quattordici brani tratti dai due rari albums "Punk and Disorderly - Further Changes" (uscito nel settembre 1982 per la Anagram in Inghilterra) e "Punk and Disorderly III - The Final Solution" (uscito nel giugno 1983 per la stessa etichetta), dischi-manifesto della terza ondata punk inglese, di impronta perlopiu' hardcore, che avevano seguito il primo storico "Punk And Disorderly" pubblicato nel marzo 1982 dalla Abstract. Una panoramica piu' che valida della terza ondata punk inglese, con molti inni forse "miinori" ma efficacissimi. Questa la scaletta: Abrasive Wheels "Burn'em Down" (singolo del 1982); The Vibrators "Dragnet" (b-side pubblicata su singolo nel 1982), One Way System "Give Us A Future" (singolo del 1982); The Insane "El Salvador" (dall'omonimo singolo, 5/82); Court Martial "Gotta Get Out" (dall'omonimo ep, 1982); Chron Gen "Outlaw" (singolo del 1982), The Samples "Dead Hero" (singolo del 1982); Vice Squad "Resurrection" (dal secondo 7'', 5/81), The Exploited "Computers Don't Blunder" (singolo del 1982), Angelic Upstarts "Woman In Disguise" (singolo del 1982), The Ejected "Have You Got 10p" (singolo del 1982), Disorder "More Than Fights" (dal secondo ep ''Distortion to deafness'', 12/81); Erazerhead "Shellshock" (singolo del 1982); The Violators "Summer Of '81" (singolo del 1982).
Euro
19,00
codice 3024678
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Rock contest (picture disc)
lpm [edizione] originale  stereo  ita  1987  controradio 
  [vinile]  Excellent punk new wave
Prima stampa, pressata sotto forma di picture disc, corredato di un piccolo inserto con lista dei brani, scritta ''this side'' incisa sul trail off del lato A e ''other side'' su quello del lato B, catalogo RADIO937 sull'inserto. Pubblicato nel 1987, questo mini lp documenta il primissimo ''Rock contest'' organizzato nel 1987 dalla radio fiorentina Controradio, proponendo cinque brani di altrettanti gruppi che parteciparono a quella edizione: con Malina Harma & the Ascaral Bang con ''No all'arm'', fra echi di Vasco Rossi e tocchi funk rock, Funzionamento Anomalo con ''Di corsa'', una melodica fusion fra pop rock e jazz funk, FUNHOUSE con ''Nothing to do'', un sound sferragliante e punk rock, Casino Boogie piu' vicini al post punk con ''Scontro tra titani'', infine Stropharia Merdaria con ''Hero bird'', che abbina a ritmi dispari un sound chitarristico che evoca accostamenti con quello contemporaneo dei CCCP.
Euro
18,00
codice 327280
scheda
Aa.vv. (punk)    killed by john peel vol.1
LP [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  vatican radio 
punk new wave
Copertina lucida senza barcode, etichetta nera con scritte bianche. Pubblicata nel 2020, questa splendida, davvero imperdibile raccolta, primo volume di quella che speriamo diventi una nuova serie, mette insieme quattordici tracce, testimonianze incendiarie della prima scena punk (perlopiu' inglese), registrate durante sessions in studio (rimaste perlopiu' assolutamente inedite) effettuate per la BBC inglese tra il 1977 ed il 1981 (ci sono anche un paio di episodi che sarebbe piu' opportuno pero' definire "post-punk"), e trasmesse dal leggendario John Peel nella sua trasmissione su Radio One. Come sempre per le Peel Sessions, si tratta di registrazioni live in studio di livello eccezionale, spesso effettuate prima dell' uscita dei dischi delle bands, se non addirittura contenenti materiale che sarebbe rimasto del tutto inedito. Ecco la lista dei brani contenuti: Metal Urbain - E-202 (Peel Session registrata da questa seminale band francese di punk elettronico il 16 gennaio 1978) 2. Outcasts - Gangland Warfare (13 maggio 1981) 3. King - Antipope (dalla storica Peel Session registrata l' 11 luglio del 1978 dall' effimero gruppo formato da Captain Sensible poco dopo il momentaneo scioglimento degli stessi Damned, con Dave Berk del gruppo di Johnny Moped ed Henry Badowsky dei Chelsea; il brano sara' ripreso dai riformati Damned nel terzo album "Machine Gun Etiquette"), 4. Rudi - Yummy Yummy (29 maggio 1980) 5. Idiot Dancers - Jealousy (14 maggio 1980) 6. The Cortinas - Further Education (16 luglio 1977) 7. Alternative Tv - Going Round In Circles (17 luglio 1978), 8. Skids - Open Sound (16 maggio 1978) 9. Scars - She's Alive (20 febbraio 1980) 10. The Lurkers - Countdown (25 luglio 1978) 11. The Flys - Energy Boy (18 settembre 1979) 12. Funboy Five - Haircut Bob Dylan (19 settembre 1979) 13. Pragvec - Bits (23 agosto 1978) 14. The Wasps - She's Alarming (13 febbraio 1979).
Euro
19,00
codice 3024684
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Neder beat 63-69: beat, bluf & branie – 1
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1963  concerto / universal music 
rock 60-70
Edizione limitata a 500 copie numerate sull'adesivo apposto sul cellophane, vinile doppio pesante color porpora, copertina apribile, label bianca e blu, catalogo 478 453-7. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2016 ad opera della Concerto / Universal Music, la prima parte della raccolta originariamente pubblicata solo in doppio cd nel 2004 dalla Hunter Music (un secondo doppio vinile uscito contemporaneamente a questo ne contiene la seconda parte). Con ben ventincinque brani editi, un'eccellente e vasta panoramica sul vitale e per certi versi pionieristico fenomento del beat olandese, senza alcun dubbio espressione di una delle migliori scene beat, r'nb' e garage dell'Europa continentale durante gli anni '60: alfieri del movimento come i Q'65 e gli Outsiders di Wally Tax, qui rappresentati, nei loro momenti migliori non avevano niente da invidiare ad analoghi gruppi britannici come Pretty Things o Animals. Questa raccolta puo' rappresentare un efficace punto di accesso all'interessante mondo musicale dei Paesi Bassi, che includeva anche gruppi piu' vicini alla sensibilita' pop quali Shocking Blue e Cuby+The Blizzards, artisti ispirati dal nuovo cantautorato angloamericano come Boudewijn De Groot e sperimentatori psichedelici di prim'ordine quali i Groep 1850, tutti qui rappresentati insieme a molti altri protagonisti. Questa la scaletta: 01. Q65 - You're The Victor 02. The Outsiders - Lying All The Time 03. Ro-D-Ys - Just Fancy 04. Golden Earrings - Please Go 05. Les Baroques - Such A Cad 06. The Motions - Why Don't You Take It 07. Sandy Coast- I See Your Face Again 08. Phantoms - I'll Go Crazy 09. Rudy Bennett - I'm So Proud 10. Shocking Blue - Send Me A Postcard 11. The Shoes - Na Na Na 12. ZZ & De Maskers – Dracula 13. Cuby + The Blizzards - Another Day Another Road 14. The Dukes - Friday On My Mind 15. Groep 1850 - Mother No-Head 16. HET - Ik Heb Geen Zin Om Op Te Staan 17. Hu & The Hilltops - Cry Me A River 18. The Hunters - Russian Spy And I 19. Johnny Kendall & The Heralds - See See Rider 20. De Maskers - Brand New Cadillac 21. Q65 – Ann 22. George Baker Selection - Little Green Bag 23. The Outsiders - I've Been Loving You So Long 24. Boudewijn de Groot - Meester Prikkebeen 25. The Cats - Sure He's A Cat.
Euro
34,00
codice 3509149
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Nuggets: Original Artyfacts from the First Psychedelic Era 1965-1968
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  Rhino/Elektra 
rock 60-70
doppio album in vinile 180 grammi, ristampa ottenuta dai master tapes analogici originali, pressoche' identica alla prima tiratura del 1972, con copertina apribile ruvida e cartonata, inners "elektra", cosi' come l'etichetta con farfalla. La piu' importante antologia di singoli di psichedelia e garage mai uscita, il disco che ha dato avvio alla riscoperta del genere, un'opera assolutamente fondamentale che include 26 brani tra i piu' belli mai pubblicati in usa dal 1965 al 1968. Compilata dal critico e futuro chitarrista del Patti Smith Group Lenny Kaye nel 1972, "Nuggets" risveglio' in America prima e nel mondo occidentale poi, l' interesse per il garage rock psichedelico della meta' degli anni '60, genere che nei '70 era stato completamente dimenticato. Divenuto un vero capostipite con migliaia di imitatori, ci sono state dopo di questo centinaia di albums a questo ''Nuggets'' ispirati ma nessuno ne ha mai superato ne' la classe ne' la selezione; i 27 brani compresi vanno da hits di bands celeberrime a testimonianze di gruppi assai oscuri, tutti pero' accumunati dall' avere scritto almeno un brano capolavoro del genere nel suo periodo artistico principale. Un documento essenziale e dall' importanza storica incalcolabile. Ecco la lista dei partecipanti e dei brani inclusi: 'I had ad Too Much to Dream (Last Night)' Electric Prunes, 'Dirty Water' Standells, 'Night Time' Strangeloves, 'Lies' Knickerbockers, 'Respect' Vagrants, 'A Public Execution' Mouse & the Traps, 'No Time Like the Right Time' Blues Project, 'Oh Yeah' Shadows Of Knight, 'Pushin' Too Hard' Seeds, 'Moulty' Barbarians, 'Don't Look Back' Remains, 'An Invitation to Cry' Magicians, 'Liar, Liar' Castaways, 'You're Gonna Miss Me' Thirteenth Floor Elevators, 'Psychotic Reaction' Count Five, 'Hey Joe' Leaves, 'Romeo and Juliet' Michael & The Messengers, 'Sugar and Spice' Cryan' Shames, 'Baby Please Don't Go' Amboy Dukes, 'Tobacco Road' Blues Magoos, 'Let's Talk About Girls' Chocolate Watchband , 'Sit Down, I Think I Love You' Mojo Men, 'Run, Run, Run' Third Rail , 'My World Fell Down' Sagittarius, 'Open My Eyes' Nazz , 'Farmer John' Premiers , 'It's-A-Happening' Magic Mushrooms.
Euro
29,00
codice 2061748
scheda
Aa.vv. (rock turchia)    Turkish one hit wonders
Lp [edizione] nuovo  stereo  tur  1967  basma 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, catalogo LP01. Pubblicata nel 2016 dalla Basma, questa raccolta compila quattordici rari brani tratti da oscuri singoli degli anni '60 e '70 ad opera di musicisti turchi e ciprioti assai meno noti rispetto a nomi internazionali come Erkin Koray o Baris Manco: molti di essi adottavano elementi come il fuzz ed influssi garage o psichedelici, abbinandoli a quelli della musica popolare e tradizionale anatolica. Il piu' prolifico fra gli artisti rappresentati e' Rifat Oncel, autore di sei singoli nei primi anni '70, mentre i Sila 4 ed i Guryeller provenivano da Cipro; Kadikoy Ticaret Lisesi, Istanbul Erkek Lisesi e Tarsus Amerikan Kolej erano gruppi formati da studenti universitari molto influenzati dal garage, mentre Lili Ivanova era una cantante bulgara che pubblico' un singolo in Turchia. Questa la scaletta: 01. Grup Uyanis - Halimiz Duman (1974) 02. Melih Faruk Serdar Saygun - Aynali Carsi (1972) 03. Rifat Öncel - Hele Hele Vay (1973) 04. Kadiköy Ticaret Lisesi - L.S. And D. (1969) 05. Lili Ivanova - Nisan Sakasi (1969) 06. Güryeller - Bir Tutam Sac 07. Istanbul Erkek Lisesi - In The Deepings (1967) 08. Tarsus Amerikan Koleji - Tüm (1969) 09. Sila 4 - Gariban (1973) 10. Hasan Hür - Nazlim (1970) 11. Kim Bunlar - Eskisehir Karsilamasi (1973) 12. Ipucu Beslisi - Heyecanli (1976) 13. Ergenekon Destani - Vah Vah (1975) 14. Seyhan Karabay & Kardaslar - Nem Kaldi (1974).
Euro
25,00
codice 3509171
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    Francois truffaut, bandes originales 1959-1962
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1959  jeanne dielman 
soundtracks
Catalogo JD105. Pubblicato nel 2016 dalla Jeanne Dielman, questo album compila brani tratti dalle colonne sonore originali dei primi tre storici film diretti da Francois Truffaut, "Les quatre-cent coups" (1959), "Tirez sur le pianiste" (1960) "Jules et jim" (1962), composte la prima da Jean Constantin, le altre due da Georges Delerue; ascoltiamo anche due celebri voci femminili, quella di Juliette Greco nel brano "Comment voulez-vous?" e quella di Jeanne Moreau in "Le tourbillon". Un documento sonoro la cui importanza è alimentata anche dalle opere filmiche alle quali fa riferimento, almeno due delle quali sono classici assoluti della nouvelle vague. Questa la scaletta: Jean Constantin, "Générique et car de police", "Ecole buissonière", "Comment voulez-vous", "Balzac et gymnastique", "Trinité et finale", "Comment voulez-vous?" (lead vocals Juliette Gréco); Georges Delerue, "L'arbois", "Charlie", "Thème d'amour", "Poursuite", "Jules et jim", "Vacances", "Retrouvailles à l'auberge de la bécasse", "Brouillard (version I)", "Jules et thérése", "La terre promise", "Rixe", "Jim et catherine", "Le cimetiére"; Georges Delerue / Cyrus Bassiak, "Le tourbillon" (lead vocals Jeanne Moreau).
Euro
12,00
codice 3513077
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    Jean-pierre melville, bandes originales 1956-1963
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1956  jeanne dielman 
soundtracks
Catalogo JD129. Pubblicato nel 2018 dalla Jeanne Dielman, questo album compila brani tratti dalle colonne sonore originali di quattro film diretti da Jean-Pierre Melville, "Bob Le Flambeur" (1956), "Deux Hommes Dans Manhattan" (1959), "Le Doulos" (1962) e "L'Ainé Des Ferchaux" (1963), composte rispettivamente da Jo Boyer, Christian Chevallier, Paul Misraki e Georges Delerue. Melville (1917-1973) è stato un influente regista transalpino, non solo per la nouvelle vague francese, ma anche per il cinema asiatico ed occidentale, ed ha diretto attori come Jean-Paul Belmondo ed Alain Delon (indimenticabile l'interpretazione di quest'ultimo in "Le samourai" del 1967). Particolarmente rinomati i suoi film noir, dai caratteri minimali ed esistenzialisti. Questa la scaletta: Christian Chevalier: "Deux hommes dans Manhattan (générique)", "Déambulation nocturne", "Filature", "Street in Manhattan"; Jo Boyer, "Thème de bob"; Georges Delerue, "Les appalaches", "Fin de route, arrivée nouvelle-orleans", "Maudet et ferchaux", "Lina"; Paul Misraki, "Le doulos (générique)", "Jazz rapide", "Final".
Euro
12,00
codice 3513076
scheda
Aa.vv. (uk punk)    Streets
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1977  beggars banquet 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Bella copia con leggeri segni di usura sulla copertina, prima rara stampa inglese, copertina (con disegni di Savage Pencil) senza barcode, label rossa con scritte nere e logo Beggars Banquet nero in alto, catalogo BEGA1, groove message ''more college girls please'' sul lato A. Pubblicata nel 1977 dalla Beggars Banquet, la storica compilation dedicata alla nuova ondata punk, con diciassette brani all' epoca in gran parte inediti del fatidico anno 1977, con Slaughter And The Dogs, Lurkers, Drones, John Cooper Clarke e Snivelling Shits (qui accreditati come Arthur Comics?, pare perche' l'etichetta non voleva che la parola ''shit'' comparisse sulla copertina), fra gli altri. Si tratta anche del primo lp pubblicato dalla storica etichetta inglese, ed anche di uno dei primi manifesti "collettivi" del movimento. Questa la scaletta: The Doll, ''Trash'' (poi sulla b-side del singolo ''Don't tango in my heart'', uscito nel 1978); The Members, ''Fear on the streets'' (inedito); The Lurkers, ''Be my prisoner'' (poi sul primo album ''Fulham fallout'', uscito nel 1978); Arthur Comics?, ''Isgodaman'' (si tratta dei Snivelling Shits sotto altro nome); Art Attacks, ''Arabs in 'arrads'' (inedito); The Dogs, ''19'' (dal 7'' ''Charlie was a good boy'', uscito nel 1977, gruppo francese); The Reaction, ''Talk talk talk talk'' (inedito, esordio assoluto di Mark Hollis, futuro Talk Talk; poi lo stesso gruppo pubblichera' un singolo nel '78 prima di sciogliersi, il brano di questa raccolta dara' il nome al successivo gruppo di Hollis, i Talk Talk, che reincideranno lo stesso brano in una versione assai diversa anni dopo); Cane, ''College Girls'' (inedito); Slaughter and the Dogs, ''Cranked up really high'' (uscito su singolo nel 1977); The Nosebleeds, ''Aint bin to no music school'' (serratissima facciata A del loro unico singolo del 1977, con VINI REILLY alias DURUTTI COLUMN alla chitarra!); The Drones, ''Lookalikes'' (dal primo album ''Further temptations'', 1977); The Zeros, ''Hungry'' (uscito su singolo nel 1977); Pork Dukes, ''Bend and flush'' (poi inserita nel primo eponimo album del 1978); The Exile, ''Disastermovie'' (poi sul 7'' ''The real people'', uscito nel 1978); Drive, ''Jerkin'' (uscito su singolo nel 1977); John Cooper Clarke, ''Innocents'' (dall'omonimo ep del 1977); Tractor, ''No more rock n'roll'' (si tratta del gruppo rock dei primi anni '70, che pubblico' un disco per la Dandelion di John Peel).
Euro
30,00
codice 327279
scheda
Aa.vv. (usa 60's garage)    back from the grave vol. 1
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1966  crypt 
rock 60-70
il primo storico volume, ristampa con copertina per l' occasione apribile, con le note dell' originario inserto scritte all' interno, della piu' famosa ed importante serie di compilation sul garage punk americano degli anni 60, influenza e punto di riferimento fondamentale per tutta la scena neo garage degli anni '80. Naturalmente, come spesso accade, inevitabile che il primo volume sia anche perlomeno uno dei migliori in assoluto degli innumerevoli usciti negli anni, con 15 brani introvabili da singoli rarissimi ursciti in gran parte tra il '65 ed il '66: i texani Elite, tra garage e beat, con "My Confusion" (uno di loro poi nei Yellow Payges), i Jujus del Michigan, grezzi e minimali, con una bellissima "Do You Understand Me?", gli immensi Alarm Clocks, dall' Ohio, con i due miticissimi brani del loro unico singolo, ripresi da decine di gruppi, "Yeah" e "No Reason to Complain", vere perle senza tempo, insuperabili esempi di "snotty" garage punk, i californiani Fabs con "The Bag I'm In", grande fuzz guitar ed organo Farfisa da urlo, i favolosi Malibus del Connecticut con la micidiale "Cry", i Bel-Aires del Michigan con la divertente "Ya Ha Be Be", i Legends del Michigan con la perfetta "I'll Come Again" (tra garage e folk rock, da studiare a scuola...), i incredibili Rats, con le due facciate del loro unico singolo del 1963 ("Rats Revenge Part 1" e "Rats Revenge Part 2") di Akron, Ohio, intestatari nello stesso anno di un singolo come Decades, un singolo minimale e grezzissimo, figlio bastardo del surf piu' selvaggio, anticipatore del garage punk di la' da venire, chitarre basso male accordati, orgia di voci ed urla, puro "primal sound" da amare od odiare incondizionatamente, gli One Way Streets, dall' Ohio, con "We All Love Peanut Butter" e la loro versione di "Jack the Ripper", i favolosi texani Larry & the Blue Notes con la stratosferica "Night of the Phantom", i proto soogesiani Swamp Rats di Pittsbourgh con una versione killer di "Psycho", incredibile orgia di fuzz e distorsori, ed infine i pazzeschi Cords, gruppo di frati francescani del Winsconsin, con una strumentale "Ghost Power" tra surf, garage e psichedelia........Imperdibile!
Euro
19,00
codice 2094775
scheda
Aa.vv. (usa 60's garage)    back from the grave vol. 2 (gatefold sleeve)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1966  Crypt 
rock 60-70
ristampa del secondo imperdibile volume, con copertina apribile, a differenza della originaria tiratura, della piu' famosa ed importante serie di compilation sul garage punk americano degli anni 60, influenza e punto di riferimento fondamentale per tutta la scena neo garage degli anni '80. 16 brani introvabili da singoli rarissimi usciti in gran parte tra il '66 ed il '67, ma in questo caso con alcuni esempi precednti, importanti per poter capire l' evoluzione di un suono che e' partito mettendo insieme il surf piu' selvaggio e l' influenza della "british invasion": si parte con i LYRICS da San Diego, California (due di loro poi nei Magic Mushrooms): "They Can't Hurt Me" (dal loro primo singolo del '65) e' secca e deragliante, semplice e perfetta; notevoli i CANADIAN ROGUES, dalla Florida, con "Keep In Touch", tra Pretty Things e Bo Diddley sound, dal secondo singolo; grandissima e' "Cry Cry Cry" dei leggendari e sfortunati UNRELATED SEGMENTS, di Detroit, dal loro terzo ed ultimo singolo, lunga e complessa composizione di grande bellezza, tra Animals (davero notevole il cantante) e garage punk, potentissima e con un assolo di chitarra davvero incisivo; ottimi gli OUTSIDERS dalla Florida, con la semplice ma efficacissima "She's Coming On Stronger" e con la deragliante cover di "Summertime Blues", dai loro due singoli del '65 e del '66; carina "Victim Of Circumstances" del texano ROY JUNIOR (autore della mitica "No Friend of Mine" per gli Sparkles); bella la cover di "Satisfaction" dei MODS del New Jersey, debitamente americanizzata con tanto di chitarra in puro surf style; gli HATFIELDS dall' Indiana sono presenti con "Yes I Do", dal loro primo singolo, puro teenbeat punk con delizioso organo farfisa; i REASONS WHY di Chicago con "All I Really Need Is Love" dal loro secondo singolo dimostrano come una deliziosa canzoncina d'amore si possa trasformare in un classico del garage punk se l' attitudine e' quella giusta; "They Prefer Blondes" dei californiani Banshees, dal loro primo singolo del '65, e' uno dei grandi classici "oscuri" del garage punk americano, brano magnifico ed irresistibile nella vena di certo northwest punk; canonica ma efficace "Surfside Date" dei TRIUMPHS del Milwaukee; dal New Jersey, RALPH NIELSEN & THE CHANCELLORS con la pazzesca "Scream" del 1962 forniscono un esempio fantastico di un surf aggressivo e velocissimo che certo anticipo' il garage punk a venire; immensa "The Crusher" dei Novas (coverizzata innumerevoli volte, mitica la versione dei Cramps), accostabile alla altrettanto nota "Surfin' Bird" dei Trashmen, ovvero il surf piu' grezzo e deragliante che diventa puro garage punk, quando ancora erano in pochi (un altro gruppo: i Sonics) a suonarlo, nel 1965; restiamo nell' ambito del "proto garage" con la versione dei MYSTICS della Florida di "Snoopy" (dal loro unico singolo del 1964); molto bella "Her Big Man" dei BRIGANDS di Forest Hills, NY, tratta da un acetato, tra folk rock e garage;oscurissimi, come il nome suggerisce, i CHILDREN OF DARKNESS, di cui si hanno poche notizie: "She's Mine" pero' e' un brano solare e contagioso, con un organo che sara' la delizia di molti.
Euro
19,00
codice 2094776
scheda
Adicts    songs of praise
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  dwed wecords 
punk new wave
ristampa del 2017, in vinile 180 grammi, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato originariamente nell' ottobre del 1981, e giunto al 15esimo posto della classifica indipendente inglese, il primo album della storica punk band, prima del successivo "Sound Of Music", che un anno dopo regalera' al pubblico una inattesa popolarita'. Il primo nucleo degli Adicts si chiama Afterbirth & the Pinch e nasce a Ipswich, Gran Bretagna, alla fine del 1975. Quella stessa formazione aveva esordito discograficamente con l' ep "Lunch With The Adicts" nel gennaio del 1980 e quindi giunse alla pubblicazione di questo lp, disco di notevole bellezza, purtroppo oscurata forse dai dischi successivi, progressivamente piu' opachi, e dalla immagine stessa del gruppo, ripresa dai "drughi" del celeberrimo film "Arancia Meccanica" di Stanley Kubrick, che ebbe il merito/demerito di far parlare di loro troppo spesso per motivi extra musicali. Un peccato, perche' particolarmente questo album va annoverato tra i migliori frutti della scena inglese dei primi anni '80, con i suoi taglienti 16 episodi tra punk rock, interessantissime contaminazioni "post punk", effine in alcuni episodi, curiosamente, a certo hardcore californiano tanto potente ed affilato quanto capace di trovare nella melodia la sua forza di penetrazione (un nome per tutti, gli Adolescents), o talvolta venato di atmosfere vagamente oscure (non era ancora uscito il primo album dei Lords of the New Church, che pero' in piu' di un momeno vengono in mente. Insomma, un disco di notevole bellezza e grande originalita', assai sottovalutato, e ricco di episodi memorabili (uno dei quali, "Viva La Revolution", sara' riletto anni dopo dai Savage Republic!). La formazione e' tutt'ora attiva, con lo stesso nucleo originario: Keith "Monkey" Warren, voce, Mel Ellis, basso, Pete Dee Davison, chitarra e Michael "Kid Dee" Davison, batteria, a cui con il tempo si sono aggiunti il fratello di Mel Ellis, Scruff (chitarra), il tastierista James Harding e Dan Gratziani (violino).
Euro
19,00
codice 3024686
scheda
Alice donut    Ass trilogy
12" [edizione] originale  stereo  usa  1991  alternative tentacles 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa USA, copertina fabbricata in Canada e con barcode 721616-0101-14, label custom gialla con scritte verdi su di una facciata, amaranto con grande logo Alternative Tentacles argentato sull'altra, catalogo VIRUS101. Pubblicato nell'ottobre del 1991 dalla Alternative Tentacles, il 12'' uscito fra il quarto album ''Revenge fantasies of the impotent'' (5/1991) ed il quinto ''The untidy suicides of your degenerate children'' (1992). Contiene quattro brani, tutti inediti su album tranne ''Big ass'', tratto dall'album ''Mule'' (1990): ''Biggest ass'', ''Bigger ass'', ''Big ass'' e ''Mr. Hayes' gimp leg'', i primi tre dei quali sono variazioni ritmiche dello stesso brano, tutti caratterizzati da un eccellente heavy rock, pungente e stradaiolo, a velocita' lenta o media. Corrosiva punk band di New York attiva da meta' anni '80 e cara a Jello Biafra dei Dead Kennedys, che li mise sotto contratto per la Alternative Tentacles subito dopo averli visti suonare dal vivo, gli Alice Donut sono da alcuni critici considerati come una delle band piu' interessanti dell' alternative rock americano dell'epoca, che nella sua prima fase di attivita', quella piu' folle e dissennata, metteva insieme il punk e Zappa, l' hardcore ed 60's pop, con una attitudine propensa al caos ed alla graffiante ironia degna dei Butthole Sufers, ai cui dischi "maturi" quelli degli Alice Donut venneo comprensibilmente accostati. Questo primo periodo della loro storia musicale si concluse con il quarto album "Revenge Fantasies of the Impotent" (1991), ma negli anni successivi il gruppo riusci' a maturare influenze nuove che portarono altri splendidi frutti. Dopo l' ultimo "Pure Acid Park" la band si sciolse, ma a sorpresa nel 2003 gli Acid Donut arganizzarono una benvenuta reunion registrando un nuovo capitolo della loro ricca discografia ("Three Sisters").
Euro
18,00
codice 330084
scheda
Allen terry    Just like moby dick
LP2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  paradise of bachelors 
rock 60-70
Vinile doppio inciso su tre facciate e con la quarta facciata scolpita, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina cartonata apribile senza codice a barre e con testi sulla parte interna, label custom a colori con artwork diverso su ciascuna delle prime tre facciate, e di dimensioni ridotte sulla quarta facciata, quella scolpita, catalogo POB-055. Pubblicato nel gennaio del 2020 dalla Paradise of Bachelors, accreditato a Terry Allen con la Panhandle Mystery Band, "Just like moby dick" esce a circa sette anni di distanza dal precedente nuovo album del cantautore, "Bottom of the world" (2013). Co-prodotto insieme a Charlie Sexton (già collaboratore di nomi come Bob Dylan e David Bowie), e composto con l'ausilio di Joe Ely e Dave Alvin, questo lavoro è stato presentato dalla Paradise Of Bachelors come il successore spirituale di "Lubbock (on everything)" (1978), il secondo album di Allen, e forse il suo capolavoro. Una raccolta di storie in musica sospese fra realismo e fantastico, ironiche ed amare, talora tragicomiche, fra Houdini in crisi esistenziale, feroci pirati, le guerre in Afghanistan ed Iraq, case mobili in fiamme e vampiri che infestano un circo... il tutto espresso con un toccante, misurato e dolente folk rock dai risvolti country. Straordinario musicista nato a Wichita, Kansas, ma cresciuto a Lubbock, vicino al confine con il Messico, Terry Allen è stato, nonostante due soli album incisi nei primi due decenni di attività, uno dei più validi esponenti della cosiddetta "border music": musica di confine, Tex-Mex, ma aperta a tutte le influenze più svariate della tradizione americana; nella sua musica, al di là dell'approccio "filologico", è evidente il segno di una fortissima personalità artistica. Artista impegnato su più fronti, è anche apprezzatissimo scultore. Il suo lp di debutto, ''Juarez'', uscì nel 1975.
Euro
41,00
codice 2094687
scheda
Amboy dukes    Journey to the Center of the Mind (signed by ted nugent!)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1968  mainstream 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima assai rara stampa americana, copertina cartonata, con microhole promozionale in alto a sinistra, COPIA AUTOGRAFATA DA TED NUGENT SUL FRONTE E SUL RETRO (!!!), etichetta blu argentato con logo bianco e nero, catalogo S6112. Pubblicato in Usa dall' etichetta Mainstream nell' agosto del 1968 dopo il primo "Amboy Dukes'' e prima di ''Migration'', giunto al numero 74 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk dove usci' nel febbraio del 1969, il secondo album del gruppo americano di Detroit, Michigan, guidato da Ted Nugent, qui ancora lontano dall' essere conosciuto nel mondo come eroe della chitarra, sebbene la sua band fosse una delle piu' considerate realta' della scena heavy di Detroit della fine degli anni '60. Inciso dopo i primi dei tanti cambiamenti di line up (furono rispetto al primo album sostituiti il bassista ed il tastierista) che lasceranno accanto a Nugent il solo batterista Dave Palmer reduce della formazione originaria gia' nel successivo "Migration", questo album e' considerato da molti il capolavoro della band e vede sulla seconda facciata una lunga suite vicina alla psichedelia, non aliena da un distintivo tocco jazz, merito del produttore, Harold Land, gia' con molti artisti di estrazione jazzistica; questa sua caratteristica influenza anche le sonorita' della chiatrra di Nugent, registrata anch'essa con tonalita' vicine a quelle allora in uso negli album jazz, appunto, pur senza nulla perdere in potenza ed incisivita'. Lavoro certo tra i piu' duri e potenti della psichedelia americana e' un ascolto abbligatorio all'interno della scena di Detroit della sua epoca. Il bassista Greg Arama sara' qualche anno dopo negli Ursa Major, mentre il chitarrista Steve Farmer ricomparira' sul finire degli anni '90 grazie ad una estemporanea collaborazione con il gruppo neopsichedelico Babylonian Tiles.
Euro
180,00
codice 246419
scheda
America    america (no ''A Horse With No Name'' on cover)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica a quella della primissima rara tiratura su Warner Bros, SENZA l' indicazione stampata ''A Horse With No Name''. Pubblicato in Usa nel gennaio del 1972 prima di ''Homecoming'', giunto al numero 1 delle clasifiche Usa ed al numero 3 di quelle Uk. Il primo album, uno dei classici assoluti del folk-pop ed una collezione eccezionale di brani splendidi che sara' di enorme nfluenza su artisti del calibro degli Eagles e Dan Fogelberg. Costruito sulle coordinate di Crosby, Stills & Nash specialmente nelle armonie vocali, e nell'uso degli strumenti acustici negli arrangiamenti, prevede un suono intricatissimo e assai piu' compesso di quello dei loro illustri ispiratori; il disco include diversi momenti strumentali nei quali la grande perizia e creativita' del gruppo e' facilmente individuabile, con testi che sono al tempo oscuri ma carichi di riflessioni sul quotidiano, tutto il disco risente di una sorta di '' aura '' data dall' ispirazione e che lo stile, che di fatto reinventa il suono west coast donandogli quella anima pop e luminosa che lo rendera' celeberrimo nella seconda meta' del decennio, dopo i fasti della psychedelia degli anni ''60. tra i brani presenti molti quelli celeberrimi, da "A Horse with No Name" a "I Need You" o "Sandman", ma anche le meno note "Three Roses", "Rainy Day", "Clarice" sono splendide. Un grande album, purtroppo molto sottovalutato, e degnissimo di riscoperta.
Euro
25,00
codice 2094785
scheda
America    american (Silent letter)
lp [edizione] originale  stereo  ita  1979  emi / de agostini 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
ristampa italiana del 1988, con copertina esclusiva e titolo "America", realizzata per il circuito delle edicole nell' ambito della collana "Il Rock" della De Agostini,, copertina senza barcode, azzurra. Pubblicato in Usa nel luglio del 1979 dopo ''America Live'' e prima di ''Alibi'' , non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk. Il nono album. Registrato come al solito con George Martin, fu il primo lavoro per la Capitol; l' opera si distacca dal classico folky californian soft rock degli inizi e si avvicina al rock piu' classico del periodo. Tra i brani, un' alternanza di episodi piu' originali ad altri in vena assai classica, "High in the City", "Only Game in Town" e "All Around". Si formano a Londra nel 1969 pur essendo americani, tutti e tre figli di militari Usa di stanza in Inghilterra, saranno tra i principali esponenti del pop con radici roots statunitense di sempre, producendo albums che possono ricordare per lo stile quelli degli Eagles ma con riferimenti country pop ed acustici piu marcati e meno inclini al rock. Collaboreranno spesso con George Martin, grande estimatore del gruppo, che produrra' numerosi dei loro lavori.
Euro
10,00
codice 241105
scheda

Page: 1 of 18

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 18  ---»
Pag.: oggetti: