Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 341
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 14  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
A/lpaca    Make it better
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  sulatron 
indie 2000
edizione limitata in vinile viola, copertina ruvida. Il debutto su album per la Sulatron della giovane band italiana di Mantova, con un disco che affondando nel beat psichedelico anni sessanta inglese (l'album si svolge in un immaginario "beat club") di band come Pink Floyd e Soft Machine, ne amplifica e distorce i suoni con una spinta ipnotica teutonica di Can, la freddezza post punk inglese degli anni ottanta e li trasporta nell'era adrenalinica moderna con riferimenti a Thee Oh Sees o King Gizzard & the lizard wizard.
Euro
23,00
codice 2100797
scheda
Aa.vv (flaming lips, metallica, iron maiden...)    Re-machined a tribute to deep purple
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  eagle records 
rock 60-70
titolo completo: "re-machined a tribute to Deep Purple's Machine Head". Copertina apribile, completa di inner sleeve, etichetta custom con scritte bianche, Lp pubblicato dalla Eagle Records nel settembre 2012, compilation tributo ai Deep Purple, in occasione del quarantennale dell'uscita, con reinterpretazione di tutti i brani della tracklist originale eseguiti da gruppi e musicisti dal calibro di Metallica, Iron Maiden, Carlos Santana, Steve Vai, Chad Smith (Red Hot Chili Peppers), Glenn Hughes e Flaming Lips, uniti forse, nel progetto, dalla commozione per la recente scomparsa (luglio 12) del grande tastierista dei Purple, John Lord. Ecco la scalettta: "Smoke on the water" Carlos Santana & Jacoby Shaddix - "Highway star" Chickenfoot - "Maybe I'm a leo" Glenn Hughes & Chad Smith - "Pictures of home" Black Label Society - "Never before" Kings of Chaos - "Smoke on the water" Flaming Lips con Gibby Haynes - "Lazy" Jimmy Barnes & Joe Bonamassa - "Space truckin'" Iron Maiden - "When a blind man cries" Metallica.
Euro
16,00
codice 3015400
scheda
Aa.vv. (area)    1979 il concerto (omaggio a Demetrio Stratos) rsd 2019
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  cramps / sony / rca 
rock 60-70
Doppio album, EDIZIONE LIMITATA IN VINILE ROSSO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019 ED IN CONCOMITANZA CON IL 40ESIMO ANNIVERSARIO DALLA PUBBLICAZIONE ORIGINARIA; ristampa con copertina apribile pressoche' identica a quella della originaria tiratura su Cramps, ormai rara. Pubblicato sul finire del 1979, questo doppio album contiene una ricca sintesi del concerto in memoria di Demetrio Stratos, tenutosi all' Arena Civica di Milano il 14 giugno del 1979, il giorno dopo la morte del grande artista, sebbene fosse originariamente organizzato per raccogliere fondi a favore delle costose cure che Stratos stava seguendo. Assistettero all' evento 60.000 persone, , e ne fu tratto questo doppio album. Straordinariamente ricco l' elenco dei partecipanti; questa la lista dei brani: A1 Kaos Rock – Basta Basta A2 Area – Danz(A)nello A3 Francesco Guccini – Per Un Amico A4 Eugenio Finardi – Hold On A5 Roberto Ciotti – Shake It B1 Venegoni & Co. – Coesione B2 Angelo Branduardi – Il Funerale B3 Carnascialia – Europa Minor B4 Adriano Bassi Italo Lo Vetere – Nero Sul Bianco C1 Antonello Venditti – Bomba O Non Bomba C2 Skiantos – Ehi Sbarbo ; Ehi Buba Loris ; Come Faccio A Farmi Fare C3 Gaetano Liguori Tullio De Piscopo – Tarantella Del Vibrione D1 Giancarlo Cardini – Novelletta D2 Giancarlo Cardini – «Cardini» Solfeggio Parlante Per Voce Sola D3 Roberto Vecchioni – Figlia D4 Banco Del Mutuo Soccorso – E Mi Viene Da Pensare D5 Area (6) – L'Internazionale
Euro
31,00
codice 2100908
scheda
Aa.vv. (clapton, pink floyd..)    Knebworth the album
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1990  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, vinile doppio, copertina apribile con barcode, con adesivo "Network 105 - Grunding Vibration" sul fronte, lucida all'esterno e liscia all'interno, inner sleeve con foto e crediti, label rossa con scritte bianche lungo il bordo e nere al centro, logo Polydor bianco e nero in alto, catalogo 843921-1 sulla copertina. Pubblicato nel 1990 dalla Polydor, giunto al 92esimo posto in classifica negli USA, l'album che documenta le performance al festival di Knebworth del 1990, al quale partecipo' una nutrita schiera di star del rock degli anni '60 e '70, con qualche ospite illustre dell'epoca anni '80. Troviamo qui Pink Floyd, Robert Plant, Cliff Richard con gli Shadows, Genesis, Tears For Fears, Eric Clapton e Paul McCartney, solo per citare una parte del cast stellare di quell'evento, al quale partecipo' un pubblico di circa centoventimila persone. Questa la scaletta: Tears For Fears, ''Everybody wants to rule the world''; Status Quo, ''Dirty water'', ''Whatever you want'', ''Rockin' all over the world''; Cliff Richard and the Shadows, ''On the beach'', ''Do you wanna dance''; Robert Plant, ''Hurting kind'', ''Liar's dance'', ''Tall cool one'', ''Wearing and tearing (featuring Jimmy Page)''; Genesis, ''Mama''; Phil Collins, ''Sussudio''; Eric Clapton, ''Sunshine of your love''; Dire Straits, ''Think I love you too much'', ''Money for nothing''; Elton John, ''Sad songs (say so much)'', ''Saturday night's all right (for fighting)''; Paul McCartney, ''Coming up'', ''Hey jude''; Pink Floyd, ''Comfortably numb'', ''Run like hell''.
Euro
26,00
codice 241383
scheda
Aa.vv. (e. costello, waterboys, r. thompson, de danann...)    Bringing it all back home (music from the bbc tv series)
lp3 [edizione] originale  stereo  uk  1991  bbc 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
triplo album, prima stampa inglese, copertina ruvida fronte retro con barcode 5011755084417, inner sleeve in cartoncino con sagomatura sul lato di apertura, foto e note sulle canzoni in scaletta, label nera con scritte bianche lungo il bordo in basso ed argentate al centro, logo BBC Records bianco e nero con linette blu, rossa e verde in alto, catalogo REF844. Pubblicato nel 1991 dalla BBC Records in Gran Bretagna, questo triplo album contiene canzoni utilizzate per la colonna sonora per la serie televisiva della stessa BBC ''Bringing it all back home'' (tra cui preziosi INEDITI DI ELVIS COSTELLO, WATERBOYS (molto intensa la versione di "A Song For The Life" di Rodney Crowell), RICHARD THOMPSON (in coppia con Mary Black), DE DANANN e molti altri) che raccontava l'impatto della migrazione irlandese in Nord America sulla musica statunitense: questo massiccio processo migratorio, iniziato nel XVIII secolo e proseguito a lungo, ha portato milioni di irlandesi a stabilirsi in America, in particolare negli Stati Uniti, dove con la loro cultura hanno portato anche la loro musica folk, facendola incontrare nel corso del tempo con tradizioni musicali come il bluegrass, il country e poi anche il rock. Questo album vede molteplici artisti, sia irlandesi che nordamericani, suonare personali versioni di brani folk irlandesi, dando luogo ad un affascinante incontro fra musica tradizionale e moderna, fra folk e rock. I brani erano per lo piu' inediti all'epoca di questa pubblicazione, oppure in alcuni casi erano usciti recentemente su singolo. Questa la scaletta: Donal Lunny and Friends, ''April the 3rd''; Dolores Keane with Mick Hanly, ''My love is in america''; Rita & Sara Keane, ''A stor mo chroi''; The Lee Valley String Band, ''When first into this country'', ''Carolina star''; Mick Moloney, Jimmy Keane, Robbie O'Connell, ''Kilkelly''; Philip Chevron, ''Thousands are sailing''; The Hughes' Band, ''The bucks of oranmore''; Everly Brothers, ''Rose connolly''; Hothouse Flowers, ''Lakes of ponchartran''; De Dannan, ''Humours of galway''; Emmylou Harris, Dolores Keane, Mary Black, ''Sonny'', ''Grey funnel line''; Paul Brady, ''Nothing but the same old story''; Sharon Shannon, Mary Custy, Eoin O'Neill, ''Keving griffins''; Mary Black, ''No frontiers''; Luka Bloom, ''You couldn't have come at a better time''; Peadar O Riada and Cor Cuil Aodh, ''Im long me' measaim''; Maire Ni' Chathasaigh, ''Carolan's farewell to music''; Noirin Ni' Rian and the Monks of Glenstall Abbey, ''An t-aiseiri'''; Micheal O'Suilleabhain and the Irish Chamber Orchestra with John McCarthy, ''Oilean / Island''; Micheal O'Suilleabhain and the Irish Chamber Orchestra, ''Idir eatarthu / Between worlds''; Elvis Costello with Mary Coughlan, ''Mischievous ghost''; Davy Spillane, ''Equinox''; An Emotional Fish with Maire Ni' Bhraonain, ''Blue''; Ricky Skaggs, Paddy Glackin, Mark O'Connor, ''St. Ann's reel''; Richard Thompson with Mary Black and Dolores Keane, ''The dimming of the day''; Sonny Condell, ''Cooler at the edge''; Paddy Glackin, Seamas Glackin, Kevin Glackin, ''Glen road to carrick''; Everly Brothers, ''Don't let our love die''; Catherine Ennis, Liam O'Flynn, ''Easter snow''; Pierce Turner, ''All messed up''; Roger Sherlock, Bobby Casey, John Bowe, Tom Nagle, Eilish Byrne, Siobhan O'Donnell, ''Tunes''; Maura O'Connell, ''Western highway''; Waterboys, ''A song for the life''; The Voice Squad, ''The parting glass''; Liam O'Flynn, ''A stor mo chroi'''.
Euro
30,00
codice 328439
scheda
Aa.vv. (garage usa)    I'm gonna stay (Target: Fuzz!)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1966  teenage shutdown 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
L' originale stampa americana, copertina (con micro cut corner in alto a destra), semilucida fronte retro con barcode 633637661315 e con note sul retro, che proseguono poi sull'inserto formato A4 ancora allegato, label marrone con disegno di ragazzo con palla al piede al centro, catalogo TS6613. Pubblicato nel 2000 negli USA, il tredicesimo volume della eccellente serie di antologie "Teenage Shutdown", in tutto quindici lp usciti fra il 1998 ed il 2000, curati da Tim Warren della Crypt Records e "Mop Top" Mike Markesich: la serie è caratterizzata per le ottime e dettagliate note biografiche ed introduttive, e per l'apprezzata qualità sonora. E' una serie di compilations che scava a fondo nel foltissimo sottobosco del garage rock americano brulicante intorno a metà anni '60, con una miriade di gruppi che pubblicarono magari solo uno o pochi singoli; come spiegato sulle stesse note di retro copertina, le versioni qui ascoltate sono state registrate direttamente dai 45 giri originali suonati con un impianto ed una puntina mono di alta qualità. In questo tredicesimo capitolo della serie ascoltiamo diciassette brani di scatenato garage punk e r'n'b irruvidito, tratti da singoli usciti fra il 1966 ed il 1969, con una particolare attenzione riservata alle sonorità chitarristiche fuzz, di cui qui ascoltiamo grezzi e radicali esempi. Una esaltante sintesi fra stomp ritmico mutuato dal soul / r'n'b ma incattivito dal garage punk e di inacidita e ronzante chitarra fuzz è quello dei Mongrell's Band, da Oneonta, Alabama, in "Be my girl", l'assalto di organo ipnotico e chitarra sovraccarica di fuzz, alimentato da dramma adolescenziale, di "Something so" dei Peabody Hermitage, da Chattanooga, Tennessee, la scazzatissima e rabbiosa "Leave my house", con un cantato al vetriolo che sembra predatare Iggy Pop, sonicamente low fi e fantastico esempio di garage trash, il trascinante ibrido fra garage fuzz e dinamico groove r'n'b di "Got to have your lovin" di Oscar Hamod & The Majestics, da Gary, Indiana. Questa la scaletta completa: Mondels, "I got a feeling" (1967); Mongrell's Band, "Be my girl" (5/67); Wanderer's Res, "Anytime anywhere" (7/67); Peabody Hermitage, "Something so" (2/68); Modds, "Leave my house" (1967); Sceptres, "But i can dream" (11/66); Greg Barr & The Barr Association, "Dance girl dance" (6/66); Great Society, "I'm the one for you" (9/66); Oscar & The Majestics, "Got to have your lovin" (7/67); Ides', "Psychedelic ride" (1967); Grains Of Time, "No matter what they say" (5/68); Lou Capri, "Love and kisses" (11/66); Mondels, "You'll never come back to stay" (1967); Rock Garden, "Super stuff" (1967); Moxies, "I'm gonna stay" (1966); Black Banana, "Listen girl" (1969); Night Mist, "Last night" (12/67).
Euro
23,00
codice 333154
scheda
Aa.vv. (garage usa)    Move It! (Frantic Frat-Stomp Fracas! Revved-Up & Rowdy Rockers! 1964-1968)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1964  teenage shutdown 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
L' originale stampa americana, copertina lucida fronte retro con barcode 633637661117 e con note sul retro, che proseguono poi sull'inserto formato A4 ancora allegato, label verde con disegno di ragazzo con palla al piede al centro, catalogo TS6611. Pubblicato nel 1999 negli USA, l'undicesimo volume della eccellente serie di antologie "Teenage Shutdown", in tutto quindici lp usciti fra il 1998 ed il 2000, curati da Tim Warren della Crypt Records e "Mop Top" Mike Markesich: la serie è caratterizzata per le ottime e dettagliate note biografiche ed introduttive, e per l'apprezzata qualità sonora. E' una serie di compilations che scava a fondo nel foltissimo sottobosco del garage rock americano brulicante intorno a metà anni '60, con una miriade di gruppi che pubblicarono magari solo uno o pochi singoli; come spiegato sulle stesse note di retro copertina, le versioni qui ascoltate sono state registrate direttamente dai 45 giri originali suonati con un impianto ed una puntina mono di alta qualità. In questo undicesimo capitolo della serie ascoltiamo diciotto brani, di scatenato garage punk e r'n'b irruvidito, a partire dal primo brano in scaletta, un classicissimo garage punk adolescenziale dei Peck's Bad Boys dell'ottobre 1966, "Crazy world"; il garage surf rock'n'roll dei Deadlys, da Columbus, Ohio, in "On the road again", la cavalcata rock'n'roll che riecheggia i primi Beatles di "I know" degli Stompers, da Mount Vernon, Iowa, nel complesso una scaletta che sembra sintetizzare le influenze del rock'n'roll di Chuck Berry, del soul / r'n'b inselvaggito dal garage, e del fresco ed energico stile dei primissimi Fab Four, si ascoltino anche i Buccanneers da Ashtabula, Ohio, che rifanno il classico di New Orleans "Oop poo pah doo" con un irresistibile quanto grezzo groove ritmico e strilla selvagge; la title track, incisa nel 1964 dai Twiliters di Plattsburgh, New York, è una cover di Cliff Richard suonata con un approccio fra surf e rock'n'roll dai ritmi tirati e propulsiva per l'epoca, che non sfigurerebbe nella colonna sonora di "Pulp fiction", mentre puro garage trash è l'allusiva "Lollipop" che chiude la scaletta, firmata The Royal Coachmen, dal New England. Questa la scaletta completa: Peck's Bad Boys, "Crazy world" (10/66); The Deadlys, "On the road again" (10/66); The Stompers, "I know" (2/65); The Buccanneers, "Oop poo pah doo" (7/66); Dave & The Stone Hearts, "Slow down" (10/65); The Individuals, "I want love" (1966); The Chevron's Five, "Niat pac lavram" (1/66), The Retreds, "Johnny B good" (2/66); The Twiliters, "Move it" (6/64); The Shondells, "Something's got a hold on me" (1964); The Reason Why, "One more time" (6/67); The Creations, "Don't be mean" (2/65); Bobby Runnel's Faux Pas, "True love – heartaches (1/68); Bill Tatman & The Rampagers, "What's wrong with you" (3/66); The Galaxies, "Gitchy-gitchy-goo" (9/64); The Banshees, "Take a ride with me" (7/65); The Customs Five, "Let's go in '69" (1966); The Royal Coachmen, "Lollipop" (6/66).
Euro
26,00
codice 333153
scheda
Aa.vv. (garage usa)    She's A Pest! (18 Revved-Up Teen Swingers!)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1966  teenage shutdown 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa americana, copertina semilucida fronte retro con barcode 633637661513 e con note sul retro, che proseguono poi sull'inserto formato A4 ancora allegato, label verde con disegno di ragazzo con palla al piede al centro, catalogo TS6615. Pubblicato nel 2000 negli USA, il quindicesimo volume della eccellente serie di antologie "Teenage Shutdown", in tutto quindici lp usciti fra il 1998 ed il 2000, curati da Tim Warren della Crypt Records e "Mop Top" Mike Markesich: la serie è caratterizzata per le ottime e dettagliate note biografiche ed introduttive, e per l'apprezzata qualità sonora. E' una serie di compilations che scava a fondo nel foltissimo sottobosco del garage rock americano brulicante intorno a metà anni '60, con una miriade di gruppi che pubblicarono magari solo uno o pochi singoli; come spiegato sulle stesse note di retro copertina, le versioni qui ascoltate sono state registrate direttamente dai 45 giri originali suonati con un impianto ed una puntina mono di alta qualità. In questo quindcesimo capitolo della serie ascoltiamo diciotto brani di scatenato garage punk e r'n'b irruvidito, in particolare incentrati qui su grooves ballabili. Dallo stomp classicamente diddleyano di "Bo Diddley", coverizzata dai Rovin' Flames da Tampa, Florida, con un piglio garagistico dalla voce graffiante, alla frenetica "I gotta be goin'" dei Playgue, da Baton Rouge, Louisiana, dagli stonesiani (periodo 1964/65) Wind, da Canoga Park / Van Nuys, California, con la scalpitante "Your man is gonna leave you", alla propulsiva "Cut your lawn", fra garage e r'n'b, dei losangelini Chyldren. Questa la scaletta completa: The Pendelums, "Tell me" (2/67); Rovin' Flames, "Bo diddley" (6/66); Wind, "Your man is gonna leave you" (4/66); Insects, "She's a pest" (6/66); 3rd Evolution, "Gone gone gone" (6/66); Playgue, "I gotta be goin" (10/65); Treez, "Only as long as you want it" (8/66); Living Ends, "Self-centered girl" (1965); A.J. And the Savages, "Long long time" (1966); Lavender Hour, "I've got a way with girls" (9/67); Wind, "Don't take your love away" (7/66); Sceptres, "The last time" (11/66); Apollos Apaches, "Cry me a lie" (2/66); Chyldren, "Cut your lawn" (1966); Mott's Men, "She is so mean" (3/66); Royal Knights, "I wanna know" (1966); Primates, "Knock on my door" (9/65); Converts, "Don't leave me now" (1967).
Euro
26,00
codice 333155
scheda
Aa.vv. (jazz)    One night with blue note (voll. 1, 3, 4 - 3lp box)
LPBOX [edizione] originale  stereo  hol  1985  blue note 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
prima stampa europea con cofanetto "made in Holland", ma con vinili pressati negli USA ("printed in USA" sulle etichette), superficie del box textured in rilievo (con moderati segni di invecchiamento), label bianca e blu Blue Note, catalogo 9118/3 sul cofanetto, BT85113, BT85115 e BT116 sulla label dei rispettivi dischi. Pubblicato nel 1985 dalla Blue Note, questo cofanetto compila tre dei quattro album tutti registrati dal vivo il 22 febbraio del 1985 a New York, durante lo storico concerto tenuto alla Town Hall che segno' la rinascita della storica etichetta jazz newyorchese fondata nel 1939 e rilanciata appunto nel 1985 dopo alcuni anni di inattività; ascoltiamo qui in sequenza il volume primo, terzo e quarto. I quattro album furono pubblicati anche separatamente e, negli USA, in un cofanetto che li conteneva tutti insieme. Ascoltiamo un set interpretato da formazioni di assoluto valore a partire da un quintetto da urlo composto da Herbie Hancock, Freddie Hubbard, Joe Henderson, Ron Carter e Tony Williams sulla prima facciata del primo disco, e diverse configurazioni che includono alcuni dei nomi sopracitati e Bobby Hutcherson sulla seconda, per chiudere con una interpretazione di "Hat and beard" di Eric Dolphy guidata dal flautista George Newton; una lunga "Moanin'" di oltre dieci minuti interpretata dai Jazz Messengers di Art Blakey, e poi Jimmy Smith, Kenny Burrell e Grover Washington sul terzo disco; un quartetto guidato da Charles Lloyd e formato da Michel Petrucciani, Jack DeJohnette e Cecil McBee, e poi due perfomances del chitarrista Stanley Jordan, occupano infine il quarto volume. Una splendida fotografia di jazz melodico fra hard bop e post bop, con i protagonisti dell'epoca d'oro degli anni '50 e '60 ancora ispirati nel cuore degli '80. Questa la scaletta: Herbie Hancock, "Canteloupe island", "Recorda me"; Bobby Hutcherson, "Little B's poem", "Bouquet"; James Newton, "Hat and beard"; Art Blakey and the Jazz Messengers, "Moanin'"; Jimmy Smith, "A child is born", "The jumpin' blues"; Kenny Burrell and Grover Washington, "Summertime", "I'm glad there's you", "Medley: Blues walk / Gettin' sentimental over you"; Charles Lloyd, "The blessing", "Tone poem", "Lady day", "El encanto", "How long"; Stanley Jordan, "When you wish upon a star", "Jumpin' jack".
Euro
23,00
codice 333124
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    She had a taste for music
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1971  dagored 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good soundtracks
prima stampa, pressata in esclusiva dalla italiana Dagored, vinile pesante, copertina (con leggeri segni di invecchiamento), semilucida apribile e con barcode 8013252010316, inserto con scaletta e crediti, label nera con logo Dagored bianco e nero in alto, catalogo RED103-1. Pubblicata nel 1999 dalla italiana Dagored, questa antologia compila quindici brani tratti da colonne sonore di film erotici italiani usciti nelle sale fra il 1971 ed il 1981, composte da alcuni dei massimi autori di musica per cinema sulla scena italiana dell'epoca, fra cui Armando Trovajoli, Nico Fidenco e Teo Usuelli. La presenza di autori diversi e di spiccata personalità rende questa scaletta eclettica e vivace, ma percorsa quasi costantemente da una vena sbarazzina ed ammiccante. Questa la scaletta: Massimo Moriconi e Roberto Fogu, "Small fawn clawn" (dal film "Benvenuto sesso"); Nico Fidenco, "Red sound" (dal film "Le eriditiere superporno", 1981); Franco De Gemini, "Cheops and nefertiti" (dal film "Si può fare molto con 7 donne", 1971); Gianfranco Plenizio, "Grigio perla" (dal film "La gatta in calore", 1971); Armando Trovajoli, "L'ospite" (dal film "Sessomatto", 1973); Franco De Gemini, "What is this love (instrumental)" (dal film "Si può fare molto con 7 donne", 1971); Nico Fidenco, "La via della prostituzione M9" (dal film "La via della prostituzione", 1978); Gianfranco Plenizio, "Voce d'amore" (dal film "La gatta in calore", 1971); Teo Usuelli, "Piacere sequence M36" (dal film "Alla ricerca del piacere", 1971); Armando Trovajoli, "Signora sono le otto" (dal film "Sessomatto", 1973); Nico Fidenco, "Make love on the wing (instrumental)" (dal film "Emanuelle e gli ultimi cannibali", 1978); Gianfranco Plenizio, "Musica per anna" (dal film "La gatta in calore", 1971); "Franco De Gemini, "Cairo night" (dal film "Si può fare molto con 7 donne", 1971); Armando Trovajoli, "Kinky peanuts" (dal film "Sessomatto", 1973); Nico Fidenco, "Butch poppy" (dal film "Le eriditiere superporno", 1981).
Euro
18,00
codice 333150
scheda
AC/DC    Back in black
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1980, in vinile pesante, con copertina in rilievo e note e foto sull'inner sleeve non presenti sull'originale. Il loro ottavo album, uscito originariamente nel Luglio del 1980 su Atlantic, pubblicato dopo "Highway To Hell" e prima di "For Those About To Rock", giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA. Il primo disco senza Bon Scott, fulminato da una scossa elettrica del microfono nel Febbraio del 1980, rimpiazzato da Brian Johnson gia' con i Geordie, vendera' sedici milioni di copie negli USA soltanto, il nuovo cantante, potente come Bon Scott ma piu' bluesy e pieno di entusismo, sara' ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Questo lp uscito solo 5 mesi dopo la morte di Scott, ed a lui ovviamente dedicato, e' certamente da annoverarsi tra i grandi classici dell' hard rock del decennio, lo stile e' quello classico, chitarre violente e distorte, voce in primo piano, con brani che fanno tutt'ora parte del repertorio live del gruppo, ''back in black'', ''hell's bells'', ''shoot to thrill'', ''rock and roll ain't noise pollution'', ''you shook me all night long''. Il disco e' stato inserito dalla critica europea, durante il referendum del 1999, nella sezione ''hard and heavy'' nella top 5 degli albums di tutti i tempi insieme a Led Zeppelin 2, l'omonimo Van Halen, "Are you experienced" di Jimi Hendrix e "Paranoid" dei Black Sabbath.
Euro
27,00
codice 2100860
scheda
Ac/dc    For those about to rock
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1981, in vinile pesante con copertina apribile con parti in rilievo, corredata di inner sleeve esclusiva a colori con foto e note, non presente sull'originale. Il nono album, uscito nel 1981 su Atlantic, dopo "Back in Black" e prima di "Flick of the Switch", sullo stile del precedente album, vende un milione di copie in una settimana, e' l'ultimo lavoro con Phil Rudd, il batterista originale, che lascia con questo disco, e' anche l'ultimo dei loro grandi classici, da qui in poi il gruppo diradera' le uscite e lascera' spazio ai nuovi eroi dello speed metal che incombono, divenendo un'icona dell'hard internazionale. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
27,00
codice 2100861
scheda
Ac/dc    Live
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  columbia 
rock 60-70
Ristampa rimasterizzata dai nastri originali, pressoche' identica alla prima tiratura ma con catalogo cambiato, vinile doppio pesante, copertina apribile con barcode, inner sleeve con note e numerose foto, label nera con scritte bianche e logo AC/DC rosso in alto, catalogo 5128361. Originariamente pubblicato nell'ottobre del 1992 dalla ATCO in Gran Bretagna, dove giunse al quinto posto in classifica, e negli USA, dove arrivo' alla quindicesima posizione, il secondo album dal vivo degli AC/DC, uscito fra gli album in studio ''The razor's edge'' (1990) e ''Ballbreaker'' (1995). L'album contiene registrazioni effettuate in vari concerti europei ed americani del lungo tour di ''The razor's edge'', che ebbe luogo fra il 1990 ed il 1991, e vede alla batteria il veterano Chris Slade, con cui il gruppo aveva inciso il sopracitato album in studio. Nonostante il passare degli anni, la band australiana e' qui ancora capace di sorprendere e di elettrizzare con il suo potentissimo hard rock senza fronzoli, che cattura ancora lo spirito dei migliori AC/DC, capaci di coinvolgere e sconvolgere attraverso una scaletta piena zeppa di classici del loro repertorio. Questa la scaletta: ''Thunderstruck'', ''Shoot to thrill'', ''Back in black'', ''Sin city'', ''Who made who'', ''Fire your guns'', ''Jailbreak'', ''The jack'', ''The razor's edge'', ''Dirty deeds done dirt cheap'', ''Hells bells'', ''Heatseeker'', ''That's the way I wanna rock 'n' roll'', ''High voltage'', ''You shook me all night long'', ''Whole lotta rosie'', ''Let there be rock'', ''Highway to hell'', ''T.N.T.'', ''For those about to rock (we salute you)''. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
30,00
codice 2100862
scheda
Ac/Dc    powerage
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  columbia / albert / sony 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1978, in vinile pesante, copertina pressoche' identica a quella della prima tiratura, corredata di inner sleeve esclusiva in carta liscia con foto a colori ed in bianco e nero, non presente nell'edizione originale. Il quinto album, pubblicato nel maggio del 1978 dalla Atlantic in Gran Bretagna, dove giunse al 26ø posto in classifica, e negli USA, dove non entro' in classifica. Uscito dopo ''Let there be rock'' (1977) e prima del live ''If you want blood, you've got it'' (1978), ''Powerage'' segna l'ingresso in formazione del bassista Cliff Williams ed e' l'ultimo lp del gruppo prodotto dal duo Vanda & Young. Il gruppo australiano prosegue qui imperterrito con il suo potente e brutale hard rock, in cui i testi basati sugli eccessi e sulla dannazione del rock'n'roll fanno al solito contrappunto con una musica che sprizza divertimento e non scivola mai nella cupezza di molte band metal, ponendo il gruppo a meta' strada fra il primigenio spirito rock'n'roll ed il metal. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
25,00
codice 2100871
scheda
Ac/dc    pwr up (red)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  columbia 
rock 60-70
Edizione in VINILE ROSSO, adesivo di presentazione del disco sul cellophane, copertina apribile, inner sleeve con foto e crediti, etichetta custom. Pubblicato nel novembre 2020, a distanza di sei anni dal precedente "Rock or Bust" (2014), il sedicesimo album in studio (seguendo la discografia internazionale del gruppo, in quella australiana e' il diciassettesimo), subito giunto in vetta alle classifiche di molti paesi, inclusi gli USA. Nonostante problemi di salute che negli ultimi anni hanno colpito alcuni membri chiave della band, portando al ritiro dalle scene di Malcolm Young nel 2014 (e purtroppo scomparso nel 2017), e impedendo a Brian Johnson di completare il tour di "Rock or bust" (problemi all'udito), mentre il bassista Cliff Williams ha lasciato la band nel 2016, i buoni vecchi AC/DC tornano in pista nel 2020 con questo "Pwr up" (aka "Power up"), ancora una volta prodotto da Brendan O'Brien: Angus Young lavora sulle ultime canzoni scritte insieme al fratello Malcolm prima della morte di quest'ultimo, completandole e rifinendole per questo lp, e sposandole con un sound che, sebbene ripulito e non più selvaggio come quarant'anni prima, mantiene ancora l'inconfondibile carattere degli AC/DC, duro, anthemico, sguaiato ed animato da un genuino spirito rock'n'roll, con la voce di Johnson che ancora sa farsi rispettare con il suo timbro graffiante e rauco. Un disco che sicuramente non apporta evidenti novità, ma che suona ancora autenticamente AC/DC. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Youn
Euro
31,00
codice 2096807
scheda
Ac/dc    pwr up (yellow vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  columbia 
rock 60-70
Edizione in VINILE GIALLO, adesivo di presentazione del disco sul cellophane, copertina apribile (con barcode adesivo 194398166612 sul cellophane, sul retro), inner sleeve con foto e crediti, etichetta custom. Pubblicato nel novembre 2020, a distanza di sei anni dal precedente "Rock or Bust" (2014), il sedicesimo album in studio (seguendo la discografia internazionale del gruppo, in quella australiana e' il diciassettesimo), subito giunto in vetta alle classifiche di molti paesi, inclusi gli USA. Nonostante problemi di salute che negli ultimi anni hanno colpito alcuni membri chiave della band, portando al ritiro dalle scene di Malcolm Young nel 2014 (e purtroppo scomparso nel 2017), e impedendo a Brian Johnson di completare il tour di "Rock or bust" (problemi all'udito), mentre il bassista Cliff Williams ha lasciato la band nel 2016, i buoni vecchi AC/DC tornano in pista nel 2020 con questo "Pwr up" (aka "Power up"), ancora una volta prodotto da Brendan O'Brien: Angus Young lavora sulle ultime canzoni scritte insieme al fratello Malcolm prima della morte di quest'ultimo, completandole e rifinendole per questo lp, e sposandole con un sound che, sebbene ripulito e non più selvaggio come quarant'anni prima, mantiene ancora l'inconfondibile carattere degli AC/DC, duro, anthemico, sguaiato ed animato da un genuino spirito rock'n'roll, con la voce di Johnson che ancora sa farsi rispettare con il suo timbro graffiante e rauco. Un disco che sicuramente non apporta evidenti novità, ma che suona ancora autenticamente AC/DC. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Youn
Euro
31,00
codice 2100921
scheda
Aggrovators    Rasta dub '76
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1976  radiation roots 
reggae
Ristampa del 2017 ad opera della Radiation Roots, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1976 dalla Grounation nel Regno Unito, questo fu il primo album accreditato ai soli Aggrovators, precedente ''Kaya dub'' (1978). ''Rasta dub '76'' contiene dodici brani ad opera degli Aggrovators, realizzati con la produzione di Bunny Lee, una delle massime menti della storia del reggae, e mixati da Philip Smart, in arte Prince Philip, uno dei pupilli del King Tubby's Studio. Gli Aggrovators suonano qui brani dub su basi musicali di classiche canzoni di cantanti come Bob Marley, Cornell Campbell e Johnny Clarke, in versioni strumentali. Questa la scaletta dei brani: ''None shall escape dub'', ''Fatty boom boom dub'', ''Dread locks bald head dub'', ''Two face rasta dub'', ''Tradition dub'', ''Take my hand dub'', ''Hold on dub'', ''Ja ja in de dub'', ''Ites gold green dub'', ''No woman no cry dub'', ''Small axe dub'', ''If you should loose me dub''. Gli Aggrovators sono stati uno dei più famosi ed importanti gruppi di accompagnamento e di studio della storia del reggae: messi insieme dal celebre produttore Bunny Lee, avevano in organico muscisti del calibro di Carlton Barrett, Aston ''Family Man'' Barrett, Sly Dunbar e Robbie Shakespear (il duo Sly & Robbie), Jackie Mittoo ed altri. Molti dei classici del reggae anni '70 furono incisi con l'apporto di questi musicisti.
Euro
20,00
codice 3512061
scheda
Ahmed elman    Turbe funzionali nevrotiche (+sticker)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1992  ahmed elman 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Corredata di un raro adesivo con logo del gruppo, ancora da staccare, l' originale stampa, autoprodotta, copertina lucida senza barcode, label nera con scritte bianche catalogo AH33-01. Pubblicato nell'aprile del 1992, l' unico album del gruppo fiorentino attivo dal 1986, inizialmente con il nome Miscela al 2, alle prese con un folle pop rock demenziale in cui le sonorita' spesso autunnali contrastano con i testi decisamente ironici e con occasionali stacchetti comici.
Euro
18,00
codice 316382
scheda
Allen tony    there is no end
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  blue note 
soul funky disco
Doppio album in vinile pesante, copertina apribile, etichetta azzurra con scritte bianche da un lato, custom con disegno a colori dall' altro. Pubblicato nel maggio 2021, a quattro anni di distanza dal precedente "Source", il dodicesimo album in studio, il primo postumo del grande batterista nigeriano, morto nell' aprile del 2020. Tra gli ospiti Koreatown Oddity, Zelooperz, Lava La Rue, Sampa The Great, Lord Jah-Monte Ogbon, Jeremiah Jae, Nah Eeto, Tsunami, Nate Bone, Ben Okri, Skepta e Marlowe. Descrizione completa a seguire. Esponente di spicco della musica nigeriana, Tony Allen e' stato per molti anni, in qualita' di batterista degli Africa 70 di Fela Kuti, uno dei maggiori contributori allo sviluppo dello afrobeat, stile musicale in cui le influenze soul e funk provenienti dagli USA si fusero con le melodie ed i complessi ritmi della musica africana, prendendo piede principalmente nella Nigeria degli anni '70 e poi affermandosi a livello internazionale. Allen e' un musicista eclettico, che ha sperimentato le sue concezioni con stili etnici diversi come con il dub e lo hip hop. Il suo primo album come leader, "Jealousy", usci' nel 1975 e segno' l'inizio di una carriera solista che prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo. E' dello stesso anno il secondo "Progress", cui seguono "No accomodation for Lagos" (79), "No discrimination" (79), "Ariya" (98), "Black voices", "Homecooking" (02), "Every season" (02), "Lagos no shaking" (06) e "Secret agent" (09).
Euro
33,00
codice 3026123
scheda
Alternative tv / here and now    What you see...is what you are
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1978  deptford fun city 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
La rara prima stampa inglese con copertina (con giusto assai lievi segni di invecchiamento) senza codice a barre, catalogo DLP02, label blu e bianca con case sullo sfondo e scritte nere. Pubblicato nel dicembre del 1978 dalla Deptford Fun City, il raro split album registrato dal vivo e realizzato dalla band del grande Mark Perry, il teorico della scena punk inglese con la sua storica fanzine Sniffin' Glue, con gli Here and Now, qui al loro esordio, gruppo capace di coniugare in modo geniale le spinte più genuinamente artistiche della scena Canterburyana della prima metà dei '70 con l' immediatezza espressiva del punk. Per quanto grezzamente registrato, un disco davvero notevole e rappresentativo come pochi dello stimolante periodo di ricerca di forme espressive che superassero i confini angusti del punk rock, che caratterizzo' felicemente il biennio '78/79. Mark Perry è stato uno dei principali animatori del punk anglosassone: fu autore della prima, più influente e anche più venduta fanzine, la storica Sniffin' Glue, scritta, impaginata, stampata e distribuita artigianalmente a partire dall'estate del 1976 (grazie anche all'aiuto della Rough Trade e di altre strutture indipendenti) dal giovane e disoccupato londinese Mark Perry. A differenza della conformista stampa musicale ufficiale, dalle pagine della sua rivista Perry incensava o maltrattava senza peli sulla lingua i gruppi punk del momento, che aveva modo di seguire e studiare da vicino, promuovendo fra grezzi collages e montaggi neo-dadaisti efficaci slogan del tipo "eccovi tre accordi, ora formate un gruppo musicale", o incitando i lettori a fondare le loro fanzines (appello che in molti non si fecero ripetere due volte). Nel punk ogni scioccante "rivolta nello stile" si è bruciata e consumata con enorme rapidità: dopo poco più di un anno Perry fondava egli stesso un gruppo rock, gli Alternative TV, il cui singolo di esordio era allegato all'ultimo numero di Sniffin' Glue. Le realizzazioni degli Alternative TV sono tra le più atipiche, se non seminali e fondamentali, di tutto il movimento punk e post-punk anglosassone.
Euro
32,00
codice 246532
scheda
America    holiday
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1974  Warner Bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
seconda stampa italiana, copertina con diversi segni di invecchiamento ed una foratura promozionale che attraversa la copertina e l' etichetta del disco, corredata di inner sleeve con testi e foto, etichetta multicolore con viale alberato, con piccolo piccolo logo W lungo la circonferenza, catalogo W56045, data sul trail off riferita al 1976, timbro Siae del secondo tipo, in uso tra il 1975 ed il 1978/79, con marchio Siae che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato in Usa dalla Warner Bros nel giugno del 1974 dopo ''Hat trick'' e prima di ''Hearts'', giunto al terzo posto delle classifiche Usa e non entrato in quelle inglesi, il quarto album. Prodotto da George Martin, fu, a differenza del lavoro precedente, un grande successo. Registrato dopo l' ingresso in formazione del batterista Willie Leacox, contiene una micidiale successione di brani celeberrimi, tra cui i singoli "Tin Man" e "Lonely People", oltre a "Another Try", "Old Man Took", "In the Country" e "Baby It's Up to You". Si formano a Londra nel 1969 pur essendo americani, tutti e tre figli di militari americani di base in Inghilterra, saranno tra i principali esponenti del pop con radici roots statunitense di sempre, producendo albums che possono ricordare per lo stile quelli degli Eagles ma con riferimenti country pop ed acustici piu' marcati e meno inclini al rock. Collaboreranno spesso, dal 1974, con George Martin, grande estimatore del gruppo, che produrra' numerosi dei loro lavori.
Euro
10,00
codice 248611
scheda
An emotional fish    An emotional fish
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1990  eastwest 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good indie 90
Copia con alcuni segni di usura sulla copertina, prima stampa europea di pressaggio tedesco, realizzata anche per il mercato inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 09031-72148-18, inner sleeve con testi ed artwork, label custom gialla con logo EastWest nero e giallo in alto, marchio GEMA/BIEM in basso, doppio catalogo WX359 / 9031-72148-1. Pubblicato nel 1990 dalla EastWest nel Regno Unito e dalla Atlantic negli USA, il primo album, precedente "Junk puppets" (1993). L'album di debutto della band irlandese si apre alla grande con uno dei loro pezzi migliori e più famosi, l'incalzante "Celebrate", nella quale confluiscono influssi di Bob Dylan e Waterboys in un sound tipicamente fine anni '80, levigato ed espansivo, ma percorso da una vena autenticamente energica. Il resto dell'album prosegue su un registro più tranquillo, rendendo il sound più avvolgente e morbido, caratterizzato da una enfasi emotiva affine a quella degli U2 di epoca pre-Achtung baby, le cui influenze aleggiano anche sul sound chitarristico di An Emotional Fish così come sul cantato di Gerard Whelan. Formatisi sul finire degli anni '80 a Dublino, An Emotional Fish sono stati per un breve periodo un popolare gruppo pop rock irlandese ispirato indubbiamente dagli U2, ma maggiormente aperti a sonorità del folk celtico e soprattutto ad un approccio più pop; i loro sforzi dettero alcuni ottimi risultati come la splendida "Celebrate" (1989), uno dei loro singoli di maggior successo, che con il suo groove incalzante avrebbe con ogni probabilità ispirato il Vasco Rossi di "Gli spari sopra". Dopo una serie di singoli di buon successo in patria, il gruppo pubblicò tre album, "An emotional fish" (1990), "Junk puppets" (1993) e "Sloper" (1994), tutti piuttosti diversi l'uno dall'altro.
Euro
10,00
codice 333161
scheda
Atomic rooster    in hearing of...
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato in Inghilterra dalla Pegasus nel luglio 1971 dopo ''Death walks behind you '' e prima di ''Made in england'', non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle americane, il terzo album. E' quello che chiude il primo periodo, piu' oscuro e sperimentale, registrato nel 1971 con Pete French dei Cactus alla voce, ed e'considerato dalla critica inglese come il loro capolavoro. Molto meno aggressivo ed accattivante dei primi lavori, "In Hearing Of" ha connnotazioni che lo avvicinano, in alcuni momenti, ad una sorta di acido funky, con "The Devil's Answer" che suona come una via di mezzo tra il Memphis soul ed il progressive inglese; i testi sono oscuri e carichi di riferimenti sovrannaturali e gotici, nello stile dell'hard rock inglese del periodo, influenze classicheggianti si fanno sentire saltuariamente, ma le tastiere di Vincent Crane sono sempre di ottimo gusto e le melodie assai caratteristiche e ottimamente eseguite. purtoppo il gruppo si sciogliera' di li a poco per riformarsi poi con una line up completamente diversa e dare vita alla seconda stagione del gruppo.
Euro
26,00
codice 2100872
scheda
Augustus pablo    King tubby's meets rockers uptown
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  only roots 
reggae
Ristampa del 2019 con copertina senza barcode pressoche' identica alla prima tiratura su Clocktower. Originariamente uscito nel 1977, ma inciso fra il 1972 ed il 1975, questo album accreditato ad Augustus Pablo e frutto della collaborazione con King Tubby e' considerato uno dei massimi capolavori della musica dub esemplificato dal brano che da' il titolo al disco, considerato da molti uno dei migliori esempi di dub contraddistinti dal personale stile strumentale di Pablo, accreditato qui all'organo, piano e clarinetto oltre che con la sua caratteristica melodica. Fra gli altri strumentisti troviamo i mostri sacri del reggae Robby Shakespeare, Aston Barret, Earl Chinna Smith e Carlton Barret. Seminale e considerato musicista nell'ambito del reggae e del dub, Augustus Pablo (1954-1999) e' ricordato per il rivoluzionario uso della melodica nella musica giamaicana, da lui introdotto e sviluppato, oltreche' per l'apprezzato lavoro come produttore e tastierista. Entro' nel mondo della musica appena adolescente, alla fine degli anni '60, per poi esplodere nel decennio successivo, quando collaboro' con King Tubby alla realizzazione di importanti lavori in ambito dub come ''King Tubby meets Rockers uptown'' (1977, Rockers era il soprannome di Augustus Pablo). La sua attivita' si interruppe nel 1999, a causa della prematura scomparsa dovuta a gravi problemi di salute.
Euro
23,00
codice 2100828
scheda
Bards    moses lake recordings
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  gear fab/clear spot 
rock 60-70
Vinile 180 grammi, copertina cartonata "textured", inner sleeve, etichetta arancio con logo grigio e nero in alto; uscito per la prima volta nel 2002, il leggendario album registrato nel 1969 e prodotto da Curt Boetcher e Keith Olsen, ma rimasto per decenni nei cassetti, della sfortunata band di Washington, che gia' nel '67 aveva ultimato le registrazioni di un lp uscito solo nel 1980 (!!!) con il titolo "First American". Nonostante una decina di singoli pubblicati tra il '66 ed il '71 la band, attiva peraltro dal '61, tra le primissime della scena che avrebbe dato vita al cosiddetto "northwest punk" (Sonics, Kingsmen, Paul Revere & the Raiders....), non riusci' mai a raggiungere il traguardo dell' album; un vero peccato, giacche' questo disco rivela un gruppo di notevolissima statura, capace di amalgamare influenze diverse come il garage beat, la psichedelia, una certa vena sperimentale che ogni tanto affiora ed un' attitudine talora quasi progressiva, con un suono ricco ed impeccabile, con bellissime chitar
Euro
13,00
codice 2100799
scheda

Page: 1 of 14

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 14  ---»
Pag.: oggetti: