Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 413
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
13th floor elevators Psychedelic sounds of (green vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  international artists / private 
rock 60-70
Ristampa private press, in vinile verde, copertina lucida senza barcode pressoche' identica alla prima rarissima tiratura del 1966, condotta sulla rarissima versione mono del disco, con etichetta gialla e verde. Pubblicato dalla International Artists negli Stati Uniti nel novembre del 1966, "The psychedelic sounds of" e' il primo storico album del gruppo texano di Rocky Erickson. Uscito prima di "Easter everywhere" (1967), e' considerato quasi unanimemente uno dei massimi capolavori della psichedelia americana. La voce selvaggia ed eccezionalmente ispirata di Rocky Erickson si staglia su classici brani come il tellurico inno garage psych "You're gonna miss me" (da lui composta quando ancora militava negli Spades), gli incubi lisergici di "Rollercoaster" e "Kingdom of heaven" ed i tiratissimi garage di "Fire engine" e "Tried to hide", ma Rocky da' prova anche del suo lato piu' lirico e delicato nella trasognata ballata "Splash 1" e nella litania misticheggiante "Don't fall down". La bizzarra anfora elettrificata di Tommy Hall conferisce un tono straniante ed ipnotico ai brani ed il gruppo, alimentato da un massiccio uso di sostanze allucinogene, realizza uno stupefacente caleidoscopio sonoro che oscilla fra il sogno e l'incubo, fra fisicita' quasi tribale e misticismo. Nati dalla fusione di due gruppi di Austin, Texas, tra cui gli Spades di Rocky Erickson che avevano gia' in repertorio quella "You' re gonna miss me" che restera' negli anni il loro cavallo di battaglia, gli Elevators non possono che essere considerati, per il peso artistico dei loro primi due albums e l' influenza esercitata attraverso gli anni su tante generazioni di musicisti, il gruppo fondamentale della psichedelia americana. Caratterizzati dalle chitarre acidissime di Sutherland ed Erickson (peraltro cantante dalla visceralita' non comune), dal suono inconfondibile della "electric jug" di Hall e da una serie di composizioni perfettamente indicative dello stato di perenne allucinazione psichedelica in cui vivevano, come ben testimoniano anche i testi delle canzoni, i 13th Floor Elevators arrivarono pero' presto a subire gravemente il peso di quegli eccessi: Hall ed Erickson rivelavano irrimediabili turbe psichiche, e quest' ultimo, dopo un ricovero in ospedale con relativa fuga, fu rinchiuso per anni in un manicomio criminale; Sutherland fu invece arrestato per droga (com' era gia' successo al gruppo al completo gia' nel '66).
Euro
18,00
codice 3029011
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1992  toast 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
N.8 della serie Punto Zero, edito dalla Toast nell'estate 1992, audiorivista concepita da Giulio Tedeschi e diretta da Silvano Bini, copertina senza barcode, in cartoncino leggero e ripiegata in tre attorno al disco, con notizie, articoli, recensioni di dischi e concerti, etichetta nera con scritte argento, Lp compilation di musica underground italiana, che raccoglie e documenta gli impulsi e i suoni della scena italiana dei prima anni novanta, attraverso brani per la quasi totalita' altrove assolutamente inediti. Ecco l'elenco dei brani e relativi gruppi contemplati: "Young black rebels (on the move)", versione diversa del brano tratto dall' album "True hunde" (92), dei fiorentini Pankow (gruppo tra i migliori della scena elettronica mondiale in quegli anni) - "Sleeping in the sand" dei TNR - "The view", brano che non compare nell'album del 93, "The feeble-minded man", dei carraresi Cage - "Memories", dei salernitani Leaf - "Folleamore", inedito del geniale ed impagabile Sandro Oliva con i suoi Blue pampurio's - la strepitosa ed irresistibile "Love the colours", a meta' tra garage e beat, dei cagliaritani Joe Perrino & the Mellowtones, dal raro 7" d' esordio del 1986 - "Running wilde", dei romani Cellophane flowers, armonioso 60's pop un po' alla Bangles - "3000 cani gentili", degli agrigentini Camelia Danz' Orchestra. Una vera e propria fanzine sonora, punto di riferimento della 'resistenza' indipendente torinese ed italiana e maggior archivio della musica underground italiana a cavallo fra gli anni 80 e i 90, nasce nel 1990 e termina nel 1996 dopo 25 numeri e piu' di 200 gruppi presentati.
Euro
20,00
codice 252775
scheda
Aa.vv. (david bowie, mick ronson, queen, ian hunter...) Beside bowie: the mick ronson story – the soundtrack (yellow vinyl)
LP2 [edizione] seconda stampa  stereo  eu  2018  universal music 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
copia ancora incellophanata, e con adesivo di presentazione sul cellophane, ma con una piccola ammaccatura nell' angolo in alto a sinistra, seconda stampa del giugno 2019, in VINILE GIALLO, doppio album in vinile 180 grammi, copertina apribile, inner sleeve con artwork a colori, label custom nera, rossa e gialla, catalogo 00600753826324. Pubblicata nel 2018 dalla Universal Music Group, la colonna sonora del film documentario ''Beside Bowie: the Mick Ronson story'' (2017), diretto da Jon Brewer, che racconta la storia di Mick Ronson. Grande chitarrista inglese, elemento fondamentale nella musica di gran parte delle incisioni di David Bowie nella prima meta' dei '70, oltre che al lavoro con innumerevoli altri musicisti e gruppi (restando in tema, i Mott The Hoople), Mick Ronson (1946-1993) inizia la sua carriera musicale a Hull nei primi anni '60 con i Marines e poi nei King Bee (non la band di Bowie); piu' tardi e' a Londra con i Voice prima e con i Rats dopo. Finalmente nel 1969 si unisce agli Hype, la backin
Euro
28,00
codice 245822
scheda
Aa.vv. (hardcore punk) For want of...
7"2 [edizione] originale  stereo  ger  1995  x-mist 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ep in formato 7" (doppio), l' originale stampa, realizzata dalla tedesca X-Mist, doppio 7", copertina rigida in cartoncino grezzo, con chiusura ad incastro sul retro in alto, con artwork applicato tramite adesivo sul fronte, presente altro adesivo con annotazioni sul disco apposto sul retro a mò di sigillo (aperto in questo esemplare), inserto apribile in tre con note ed artwork, label bianca con foro centrale largo scritte nere e bianche, catalogo XM-050. Pubblicata nel 1995 dalla X-Mist in Germania, questa compilation su doppio 7" presenta sette brani di sei gruppi di area hardcore / emo provenienti dal Nord America, dal Regno Unito e dalla Germania. Ascoltiamo i Christie Front Drive, da Denver, Colorado, con un emo non particolarmente aggressivo, fatto di scatti e ripartenze, con echi degli ultimi Husker Du (l'inedita "After the parade"), gli inferociti Inhumanity, gruppo classificato da taluni come "emo violence" hardcore, provenienti da Columbia, Carolina del Sud ("The in's and out's of a waste of flesh", poi sul loro primo album "The nutty anti-christ" del 1996), i britannici di Leeds Baby Harp Seal, fra emo e post-hardcore ("New no truth", poi inserita nel loro primo eponimo album del 1996), i californiani dell'area di Berkeley Torches To Rome, hardcore con un brani eponimo (presente anche sul loro demo tape del 1995, e poi inserito nel loro primo album, anch'esso eponimo, uscito nel 1999, ma inciso nel 1995), i tedeschi Solar Bomb Kit, da Landau (con l'inedito "Wicked I shift"), ancora gli Inhumanity (con l'inedita "Rocket park"), infine i tedeschi Kurt, con la abrasiva, viscerale, rumorista e furiosa "Franklin (kleiner landbesitzer)" (inedita).
Euro
8,00
codice 332262
scheda
Aa.vv. (hardcore punk) Hell on earth vol. 2
7" [edizione] originale  stereo  fra  1996  spock productions 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ep in formato 7", l' originale stampa, realizzata dalla francese Spock Productions, copertina a poster ripiegata in sei parti attorno al disco (con i pannelli di dimensioni diverse), senza barcode, label bianca e nera con foro centrale piccolo, catalogo SPOCK44. Il secondo volume della serie di 7" compilations "Hell on earth" curata dalla Spock Productions di Grenoble, Francia, uscito nel 1996, dopo il primo del 1995. Ascoltiamo otto brani di altrettanti gruppi di area hardcore punk non sempre ortodosso, provenienti dalle Americhe e da diversi paesi europei, fra cui l'Italia (i fiorentini Erasermen). Si inizia con i russi DBT, che propongono l'ossessiva ed inedita "Vasia is getting high" (con un assolo di chitarra dal curioso sentore orientale), poi i canadesi Corpusse con "Zeal" (poi sull'album "Precious memento" del 1999), con un approccio meno dirompente e più "art punk", con tanto di sax elettrificato, quindi si ritorna ad uno hardcore più tirato e tipico con i brasiliani Slack Nipples ("Autonomia", dalla loro cassetta "Já Estava Assim Quando Eu Cheguei, Caras!" Del 1995) e con i francesi D Maisons (la tiratissima e gridata "L'argent et la glorie", inedita), i metallici e grindcoreschi teutonici Morsgatt ("Moederneuker", inedita), i californiani Chances Are, puro concentrato di rabbia nell'incattivita "Who cares" (inedita), gli italiani Erasermen con una "Dental tragedy" al vetriolo (inedita), ed infine gli americani Friday Dies, dallo Wisconsin, con "Protect your temple" (dal loro album "And then there was blood" del 1995), in cui lo hardcore è rallentato ed addensato in magma quasi metal.
Euro
10,00
codice 332261
scheda
Aa.vv. (punk new wave) Great complotto pordenone
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1980  spittle/goodfellas 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ristampa del 2014, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura, corredata di esclusiva inner sleeve ricca di note, catalogo PITTLE48LP. Pubblicata nel 1980 dalla Italian Records Service, questa compilation e' una delle piu' affascinanti e rare raccolte che testimoniano la fervente attivita' artistica che stava nascendo in Italia alla fine degli anni settanta: diciotto brani che rappresentano un caleidoscopio di band portavoci della nascente scena post punk e new wave con un suono in linea con gli sviluppi della scena internazionale composto da minimale rock, elettronica e sperimentazione, spesso con riferimenti a gruppi quali Devo, Pere Ubu ed anche ai californiani Chrome. Purtroppo quasi nessuna di queste realta' ha poi prodotto alcunche'. I gruppi inclusi nella raccolta sono Mess, Fhedolts, Sexy Angels, Andy Warhol Banana Technicolor, Mind Invaders, Cancer, Musique Mecanique, Tampax/Hitlerss, W.K.W., Little Chemists e Waalt Diisneey Prod. Tra il 1977 ed il 1985 Pordenone e' stato centro e simbolo di un forte movimento culturale antagonista, denominato Great Complotto: il luogo ''immaginario'' in cui questo movimento non solo musicale si manifesta e' lo Stato di Naon (dal nome latino di Pordenone, Portum Naonis), e lo Stato di Naon non e' altro che la proiezione dello stato d'animo che animava una parte della nuova generazione pordenonese, una nuova ondata che pensava se' stessa come una controparte creativa, moderna e misteriosa di una cittadina borghese, immobile ed ammuffita. Questa la scaletta: Mess, ''Paraguay''; Fhedolts, ''Stimolation''; Sexy Angels, ''Atoms for energy''; Andy Warhol Banana Technicolor, ''I'm in love with my computer''; Mind Invaders, ''Individual therapy''; Cancer, ''000010'', ''000001''; Musique Mechanique, ''Atoms for energy'', ''Good ideas must not fall in the hands of the enemy''; Tampax/Hitlers SS, ''London cartoon concert''; Fhedolts, ''Herating''; Andy Warhol Banana Technicolor, ''The future''; Mess, ''Foolish girls''; WKW, ''Wyatt earp''; Sexy Angels, ''La beat''; Little Chemists, ''FE2CRO''; Waalt Diisney Production, ''Chips dore' (IDY)'', ''(I need) Action''.
Euro
14,00
codice 252740
scheda
Aa.vv. (punk new wave) Iv3scr (the great complotto 2)
Lp+cd [edizione] ristampa  stereo  ita  1983  spittle/goodfellas 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora corredata dell' originaria busta plastificata esterna con adesivo di presentazione, copertina senza barcode ripiegata in due attorno al disco (ognuna delle quattro pagine puo' essere posta come copertina frontale), allegato cd (con relativa copertina) contenente tutti i brani del vinile (piu' cinque preziose bonus tracks, originariamente pubblicate in un raro 7''ep allegato alla fanzine Onda 400, inner sleeve con ricche note ed artwork. Ristampa del 2015 ad opera della Spittle/Godfellas, ormai fuori catalogo, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente uscita nel 1983, questa rarissima raccolta intitolata The Great Complotto IV3SCR Stato Di Naon e' il seguito della prima compilation ''The great complotto'' del 1980; si tratta di due delle autoproduzioni indiscutibilmente piu' affascinanti del panorama underground italiano degli anni '80. Questa raccolta e' testimonianza di quattro formazioni, i Sexy Angels con i brani ''Mathematic Mind'' e ''Neutronic Mind'', i Gigolo' Look con ''Elegant'' e ''Nouveau Riches'', gli 0010110000010011 con i brani ''Naonian Style'' e ''Wheels'' ed infine chiudono i Mess con ''Kunst Und Technik'' e ''Get Proud''. L'album, conosciuto con il ttolo di ''IV3SCR'', venne registrato nel 1981 ma pubblicato solo nel 1983 e rimane splendida se non meravigliosa testimonianza delle sonorita' minimal wave che caratterizzarono i primi passi dello stato dell'arte in Naon. I Sexy Angels sono stati uno dei gruppi piu' longevi della scena del Complotto: nati nel 1979 come gruppo punk, si accostarono a sonorita' dark-wave all'inizio degli anni '80 per poi approdare verso un rock piu' classico sul finire dello stesso decennio (la band cambio' nome in Ex); con lo pseudonimo Sexy Angels produssero un unico mini album oltre a partecipare a numerose raccolte. I Gigolo' Look si formarono nel 1981 dallo scioglimento degli Andy Warhol, altra storica formazione dello stato di Naon, senza mai approdare alla realizzazione di un proprio album; gli 001 100 111 100 011 001 011 100 sono stati una formazione attiva tra il 1979 ed il 1984 e dedita all'elettronica sperimentale: il gruppo partecipo' solo ad alcune raccolte senza produrre un proprio album solista. I Mess erano una formazione wave attiva dal 1979 al 1983 ed anch'essi parteciparono solo ad alcune raccolte senza mai pubblicare un proprio album. Tra il 1977 ed il 1985 Pordenone e' stato centro e simbolo di un forte movimento culturale antagonista, denominato Great Complotto: il luogo ''immaginario'' in cui questo movimento non solo musicale si manifesta e' lo Stato di Naon (dal nome latino di Pordenone, Portum Naonis), e lo Stato di Naon non e' altro che la proiezione dello stato d'animo che animava una parte della nuova generazione pordenonese, una nuova ondata che pensava se' stessa come una controparte creativa, moderna e misteriosa di una cittadina borghese, immobile ed ammuffita.
Euro
25,00
codice 252759
scheda
Aa.vv. (punk new wave) Punk and disorderly - chaos in the streets
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  restless empire 
punk new wave
Pubblicato nel 2017 dalla Restless Empire, questo album contiene quattordici brani tratti dai due rari albums "Punk and Disorderly - Further Changes" (uscito nel settembre 1982 per la Anagram in Inghilterra) e "Punk and Disorderly III - The Final Solution" (uscito nel giugno 1983 per la stessa etichetta), dischi-manifesto della terza ondata punk inglese, di impronta perlopiu' hardcore, che avevano seguito il primo storico "Punk And Disorderly" pubblicato nel marzo 1982 dalla Abstract. Una panoramica piu' che valida della terza ondata punk inglese, con molti inni forse "miinori" ma efficacissimi. Questa la scaletta: Abrasive Wheels "Burn'em Down" (singolo del 1982); The Vibrators "Dragnet" (b-side pubblicata su singolo nel 1982), One Way System "Give Us A Future" (singolo del 1982); The Insane "El Salvador" (dall'omonimo singolo, 5/82); Court Martial "Gotta Get Out" (dall'omonimo ep, 1982); Chron Gen "Outlaw" (singolo del 1982), The Samples "Dead Hero" (singolo del 1982); Vice Squad "Resurrection" (dal secondo 7'', 5/81), The Exploited "Computers Don't Blunder" (singolo del 1982), Angelic Upstarts "Woman In Disguise" (singolo del 1982), The Ejected "Have You Got 10p" (singolo del 1982), Disorder "More Than Fights" (dal secondo ep ''Distortion to deafness'', 12/81); Erazerhead "Shellshock" (singolo del 1982); The Violators "Summer Of '81" (singolo del 1982).
Euro
19,00
codice 3024678
scheda
Aa.vv. (punk new wave) Valium orgasms - a creation compilation (coloured vinyl)
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1984  creation 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa, pressata in Germania, in vinile bianco con striature multicolore, copertina lucida fronte retro senza barcode e con indirizzo "83 Clerkenwell Road", label blu con scritte nere, catalogo RTD/CRE1-39. Pubblicata nel 1986 dalla Creation in Germania, "Valium orgasms" è una delle compilations manifesto della splendida label di Alan McGee: l'antologia si concentra sui primi anni di attività della casa discografica, compilando singoli usciti fra il 1984 ed il 1985, quando la Creation ebbe un ruolo cardine nel promuovere una nuova scena indipendente di gruppi britannici che andavano ormai oltre al dark ed al synth pop, proponendo una musica con riferimenti differenti (non di rado quegli agli anni '60, ma senza un approccio revivalista), e facendo emergere nomi che avrebbero segnato la storia del pop e del rock del Regno Unito negli anni successivi, in questo caso in particolare i Primal Scream. Questa la scaletta: Slaughter Joe, "I'll follow you down" (singolo inedito su album, 1985); Primal Scream, "All fall down" (singolo inedito su album, 1985); The Weather Prophets, "Worm in my brain" (dalla compilation "Different for domeheads", 1985); The Bodines, "God bless" (singolo inedito su album, 1985); Jasmine Minks, "Where the traffic goes" (dal mini lp "One Two Three Four Five Six Seven, All Good Preachers Go To Heaven", 1984); Biff Bang Pow!, "There must be a better life" (singolo, 1984, poi sull'album "Pass the paintbrush, honey...", 1985); The Bodines, "Paradise" (B-side di "God bless", 1985, inedito su album); Revolving Paint Dream, "In the afternoon" (B-side del singolo "Flowers in the sky", 1984, inedito su album); Primal Scream, "It happens" (B-side di "All fall down", 1985, inedito su album); Biff Bang Pow!, "Love and hate" (dall'album "Pass the paintbrush, honey...", 1985); Jasmine Minks, "Think!" (singolo inedito su album, 1984); Slaughter Joe, "Napalm girl" (B-side di "I'll follow you down", 1985).
Euro
26,00
codice 334193
scheda
Aa.vv. (punk nuggets '77/'81) kick your mama's ass
lp [edizione] originale  stereo  usa  1977  reverendo moon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
l' originale ormai rara stampa, pressata in 500 copie, copertina senza barcode, etichetta bianca con scritte nere, della bella raccolta uscita nel 1997, con 18 brani di notevole livello medio, tratti da rarissimi dischi di punk rock usciti in vari paesi del mondo (Italia compresa!) tra il 1977 ed il 1981, molti dei quali qui presenti per la prima volta dai tempi della originaria pubblicazione. Ecco la lista completa dei brani: R.A.F. (dall' unico album dei grandi danesi SODS, 1979); "The Hell" (un brano a dir poco straordinario, dal secondo 7" degli americani MAD, 1979); "Poliisi Pamputtaa Taas" (dal primo lp del 1978 degli storici finlandesi EPPU NORMAALI); "I Don't Care" (tra i capolavori del grande gruppo belga, i KIDS, dal primo lp del 1978); "Punk Man" (dall' unico 7" degli inglesi di Manchester PREDATOR, 1978); "Intoxication" (il brano migliore dei RANCID X, formazione di Milano, autrice di un singolo ed un album nel '78); "Star In The Streets" (dall' unico ottimo album degli F.U.2, ovvero i gloriosi inglesi Downliners Sect, uscito nel 1978, uscito in Francia, Australia ed Italia); "Wall of Berlin" (dei finnici WIDOWS, dal secondo singolo del '79); "No Solution" (degli storici HITLER SS italiani, dall' ultrararo split ep con i Tampax, uscito nel '79, viscerale e devastato); "Devil" (dei longevi SEXY ANGELS, dall' ep compilation ""Onda 400", uscito nel 1981); "Johnny Johnny" (dall' unico 7" del 1980 del danese JOHNNY CONCRETE); "Ikuinen Rakkaus" (cover in lingua finnica dai Buzzcocks, da parte dei finlandesi RATSIA, dal secondo lp del 1980); "Low Down Kids" (dal secondo 7" dei bravissimi tedeschi RAZORS, 1980); "Tumor Boy" (dei grandi e folli MENTALLY ILL, dal primo singolo del 1979); "Amputee" (dal primo singolo dei californiani ROTTERS, 1978); "Narodna Pjesma" (dai PARAF,uno dei gruppi della storica raccolta yugoslava "Novi Punk Val" uscita nel 1981); "Television Viewer" (dall' unico album degli inglesi VACANTS, 1977); "NRP" (dal primo 7" del 1979 degli svedesi BUGS).
Euro
20,00
codice 215695
scheda
Aa.vv. (soundtracks) Pretty woman ost
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  emi usa 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima stampa italiana, copertina con barcode 077779349210 e con logo "disco TV" sul retro in alto, label bianca, celeste e blu sfumata, con scritte nere, logo EMI USA bianco e nero in alto a destra, catalogo 64 7934921, date sul trail off 26/2/90 e 28/2/90. Pubblicata nel 1990 dalla EMI USA nel Regno Unito e dalla EMI negli USA, dove giunse al quarto posto in classifica, la vendutissima colonna sonora del celebre film "Pretty woman", diretto da Garry Marshall ed interpretato da Richard Gere e Julia Roberts. Le musiche impiegate per il film raccolgono un cast di superstars, e brani vintage quali la splendida "Pretty woman" di Roy Orbison (1964) e "Fame" di David Bowie (proposta però in una nuova versione, intitolata "Fame 90", e tratta dalla compilation "Changesbowie", uscita nel marzo del 1990), pezzi degli anni '80 come "It mus have been love" dei Roxette (1987, qui presentata in una versione aggiornata del 1990, che divenne una grandissima hit internazionale), e pezzi contemporanei scritti per il film, fra cui "Show me your soul" dei Red Hot Chili Peppers e "King of wishful thinking" dei Go West. Questa la scaletta completa: Natalie Cole, "Wild women do"; David Bowie, "Fame 90"; Go West, "King of wishful thinking"; Jane Wiedlin, "Tangled"; Roxette, "It must have been love"; Robert Palmer, "Life in detail"; Peter Cetera, "No explanation"; Christopher Otcasek, "Real wild child (wild one)"; Lauren Wood, "Fallen"; Roy Orbison, "Pretty woman"; Red Hot Chili Peppers, "Show me your soul".
Euro
18,00
codice 334194
scheda
AC/DC High voltage
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  columbia 
rock 60-70
Ristampa in vinile pesante, pressoche' identica alla prima tiratura del 1976, nella sua versione pubblicata per il mercato non australiano, con brani diversi rispetto alla versione australiana, in vinile pesante, corredata di inner sleeve ricca di foto e note assenti nella stampa originaria, Pubblicato nel Maggio del 1976 dopo ''TNT'' e prima di "Dirty Deeds Done Dirt Cheap'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA. Il terzo album. Con lo stesso titolo del primo album del Gennaio 1975, ma con contenuto parzalmente diverso, fu registrato agli Albert Studios a Sydney, Australia, e masterizzato a Londra, e pubblicato in USA ed UK dalla atlantic, che li mise sotto contratto nel 1976, dopo lo straordinario successo in patria dei primi due albums, entrambi disco di platino, a differenza della edizione australiana del 1975 del primo disco, con lo stesso titolo di questo, ma uscito su Albert, contiene brani tratti dal primo album ''high voltage'' e dal secondo ''tnt'', ecco la scalett: it's a long way to the top, rock'n'roll singer, she's got the jack, live wire, t.n.t., can i sit next to you girl, little lover, she's got balls, high voltage. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
27,00
codice 2111000
scheda
Ac/Dc highway to hell
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  columbia 
rock 60-70
Ristampa in vinile pesante, pressoche' identica alla prima tiratura del 1979, con copertina liscia a busta corredata di inner sleeve con foto e note esclusive, etichette nere con scritte bianche e logo "AC/DC" in rosso. Uscito nell'agosto del 1979 dopo ''If you want blood you got it'', e prima di ''Back In Black'', giunto al numero 8 delle classifiche UK ed al 17 di quelle UK. Il primo album di grande successo, specie negli stati uniti, dove entrano in classifica per la prima volta, e' un lavoro carico e dirompente che riesce a sposare perfettamente gli elementi hard rock classici dell'inizio del decennio con le tensioni della n.w.o.b.h.m. di li' a venire, qui prendono forma i riferimenti satanici che si svilupperanno nei futuri albums e l'inserimento del nuovo bassista Cliff Williams dona una maggiore affidabilita' alla ritmica. Infine, da non dimenticare che e' anche l'ultimo lavoro che vede la formazione originaria, con alla voce Bon Scott, che morira' nel febbraio del 1980. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
29,00
codice 2110993
scheda
Ac/dc if you want blood you've got it
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  columbia 
rock 60-70
ristampa pressocche' identica alla prima tiratura su Atlantic, corredata di inner sleeve. Pubblicato nel 1978 dopo "Power Age" e prima di "Highway to Hell", giunto al numero 13 delle classifiche UK e non entrato in quelle USA. Il sesto album. Il loro primo live, registrato dal vivo durante il tour mondiale del 1978, e' un' eccellente testimonianza del primo periodo della band, alla vigilia del grande successo americano che arrivera' nel 1979, contiene i seguenti brani: Riff raff, Hell ain't a bad place to be, Bad boy boogie, The jack, Problem child, Whole lotta rose, Rock and roll damnation, High voltage, Let there be rock, Rocker. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
27,00
codice 2111001
scheda
Acid mothers temple Pink lady lemonade - you're from outer space (col.)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2008  riot season 
indie 90
Accreditato a: Acid Mothers Temple and the cosmic inferno, per la prima volta in vinile, doppio colorato "pink lemonade" l'album uscito solo su cd nel 2008. Uno dei lavori più "estivi" del gruppo con forti influenze psichedeliche "San Francisco '67", dove la canzone più rappresentativa del gruppo "pink lady lemonade" viene riassemblata in modalità lisergica e colorata. Vede la prima partecipazione di Pikachu, batterista e cantante con il duo di granata-girl di Osaka Afrirampo. Gruppo giapponese dedito ad un'estrema sintesi di acid rock, folk acido, noise, minimalismo e musica etnica, gli Acid Mothers Temple si formano nel 1995 attorno al chitarrista Makoto Kawabata (Mainliner, Toho Sara, Seventh Seal, Musica Transonic). Collettivo musicale dall'organico in continuo mutamento, esordiscono su Lp con un apprezzato album eponimo nel 1997, seguito negli anni successivi da un gran numero di pubblicazioni, spesso dalla durata di un doppio lp, fra cui citiamo ''La novia'' (2000), con contaminazioni di musica occitana, ''Univers zen ou de zero a zero'' (2002) e ''Pataphysical freak out MU!'' (originariamente uscito nel 1999, riedito su vinile nel 2002 ad opera della Eclipse). I loro lunghi brani alternano selvagge tempeste chitarristiche ispirate a Hendrix, Blue Cheer, Amon Duul e noise con brani semiacustici dal sapore acid folk e con lunghe suite cosmiche in stile Tangerine Dream; il tutto e' spesso contraddistinto da acustica low fi e bizzarri interventi vocali e di sintetizzatore.
Euro
37,00
codice 2111096
scheda
Acid mothers temple The ripper at the heavens gates of dark (red)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2011  riot season 
indie 90
Ristampa limitata in vinile rosso marmorizzato nero, con nuovo artwork, copertina apribile. Accreditato agli Acid Mothers Temple and the Melting Paraiso Ufo. doppio Lp pubblicato dalla Riot Season nel novembre 2011, dopo "Pink lady lemonade - you're from inner space" (11) e prima di "Live as troubador" (11). Registrato poco dopo il disastro di Fukushima, e' composto da cinque tracce, quattro delle quali molto lunghe, con cui Makoto e soci si avventurano nei territori cosmici e freak con la solita intensa delirante epicita', fra acido e mistico: si parte con il riff che cita i Led Zeppelin per poi passare al loro pezzo vero e proprio, cosi come nel secondo disco la citazione contempla i Pink Floyd di Ummagamma. Gruppo giapponese dedito ad un'estrema sintesi di acid rock, folk acido, noise, minimalismo e musica etnica, gli Acid Mothers Temple si formano nel 1995 attorno al chitarrista Makoto Kawabata (Mainliner, Toho Sara, Seventh Seal, Musica Transonic). Collettivo musicale dall'organico in continuo mutamento, esordiscono su Lp con un apprezzato album eponimo nel 1997, seguito negli anni successivi da un gran numero di pubblicazioni, spesso dalla durata di un doppio lp, fra cui citiamo ''La novia'' (2000), con contaminazioni di musica occitana, ''Univers zen ou de zero a zero'' (2002) e ''Pataphysical freak out MU!'' (originariamente uscito nel 1999, riedito su vinile nel 2002 ad opera della Eclipse). I loro lunghi brani alternano selvagge tempeste chitarristiche ispirate a Hendrix, Blue Cheer, Amon Duul e noise con brani semiacustici dal sapore acid folk e con lunghe suite cosmiche in stile Tangerine Dream; il tutto e' spesso contraddistinto da acustica low fi e bizzarri interventi vocali e di sintetizzatore.
Euro
34,00
codice 2111095
scheda
Acid mothers temple The ripper at the heavens gates of dark (reissue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2011  riot season 
indie 90
Ristampa limitata in vinile blu con nuovo artwork, copertina apribile. Accreditato agli Acid Mothers Temple and the Melting Paraiso Ufo. doppio Lp pubblicato dalla Riot Season nel novembre 2011, dopo "Pink lady lemonade - you're from inner space" (11) e prima di "Live as troubador" (11). Registrato poco dopo il disastro di Fukushima, e' composto da cinque tracce, quattro delle quali molto lunghe, con cui Makoto e soci si avventurano nei territori cosmici e freak con la solita intensa delirante epicita', fra acido e mistico: si parte con il riff che cita i Led Zeppelin per poi passare al loro pezzo vero e proprio, cosi come nel secondo disco la citazione contempla i Pink Floyd di Ummagamma. Gruppo giapponese dedito ad un'estrema sintesi di acid rock, folk acido, noise, minimalismo e musica etnica, gli Acid Mothers Temple si formano nel 1995 attorno al chitarrista Makoto Kawabata (Mainliner, Toho Sara, Seventh Seal, Musica Transonic). Collettivo musicale dall'organico in continuo mutamento, esordiscono su Lp con un apprezzato album eponimo nel 1997, seguito negli anni successivi da un gran numero di pubblicazioni, spesso dalla durata di un doppio lp, fra cui citiamo ''La novia'' (2000), con contaminazioni di musica occitana, ''Univers zen ou de zero a zero'' (2002) e ''Pataphysical freak out MU!'' (originariamente uscito nel 1999, riedito su vinile nel 2002 ad opera della Eclipse). I loro lunghi brani alternano selvagge tempeste chitarristiche ispirate a Hendrix, Blue Cheer, Amon Duul e noise con brani semiacustici dal sapore acid folk e con lunghe suite cosmiche in stile Tangerine Dream; il tutto e' spesso contraddistinto da acustica low fi e bizzarri interventi vocali e di sintetizzatore.
Euro
34,00
codice 2099433
scheda
Afterhours Ballate per piccole iene (vin. rosso)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2005  universal 
indie 90
per la prima volta in vinile, qui in edizione con vinile 180 grammi rosso, stampa del 2019, copertina apribile, inner sleeve. Realizzato con la collaborazione di Greg Dulli (Twilight Singers, Afghan Whigs), che vi suona e partecipa alle composizioni, e' un disco dai toni drammatici e decadenti, che pare ricollegarsi ai progetti del sopracitato Dulli come a quelli di Nick Cave, attraverso brani che alternano passaggi intimisti e rarefatti con epiche esplosioni hard rock. Formazione milanese fra le piu' note del panorama alternativo italiano, gli Afterhours esordiscono nel 1990 con l'album ''During Christine's sleep''. Apprezzate performance dal vivo e svariati lp accrescono la fama della band, che arrivera' poi a collaborare con Greg Dulli ed i suoi Twilight Singers, ed a suonare con questi ultimi in tour internazionali.
Euro
27,00
codice 2110980
scheda
Ahbez eden Eden's Island (The Music Of An Enchanted Isle)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  life goes on 
rock 60-70
Ristampa del 2021, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura uscita in Usa su Del-Fi, dell'unico album solista di questo originale artista americano; originariamente pubblicato nel 1960 su Del-Fi negli USA, il disco e' generalmente classificato nel genere exotica, anche se, sebbene non manchino sonorita' a loro modo esotiche per quei tempi (flauti, bongos, scricchiolii di barche di legno...), Ahedz carica questo disco di contenuti spirituali, recitando le sue poesie di ispirazione mistica e naturalistica nel corso dell'album, disco che Carlo Bordone definisce "tra i primi dischi psichedelici della storia..., cocept ante-litteram che mescola le suggestioni tropicali proprie di Les Baxter e Martin Denny, spoken word alla Kerouac, richiami classici, jazz, calipso, percussioni e fantasmagorici cori femminili. Musica apparentemente easy ma dal sorprendente potere ipnotico. Alexander Aberle (1908-1995), di origini newyorchesi e noto con il suo pseudonimo di eden ahbez (rifiutava di scrivere il suo nome con le maiuscole), e' stato gia' negli anni '40 uno dei pionieri di un certo modo di vivere alternativo, ispirato dal vegetarianesimo, dalla vita in mezzo alla natura, dal rifiuto del consumismo e del materialismo, che avrebbe poi ispirato almeno una parte della controcultura degli anni '60. Stabilitosi in California appunto negli anni '40, divenne famoso per essere stato l'autore del brano ''Nature boy'', che dopo essere stato notato dal celebre Nat King Cole, venne da questi riproposto dal vivo ed inciso con enorme successo; la canzone sarebbe stata poi interpretata anche da altre star quali Frank Sinatra e Dinah Shore.
Euro
24,00
codice 2110896
scheda
Alessandroni alessandro A trip around the world
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1973  saar 
soundtracks
Edizione limitata in vinile giallo. Ristampa ad opera della Saar, pressoché identica alla rarissima e ricercata prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1973 dalla Stella solo in Italia, il rarissimo album realizzato da Alessandro Alessandroni, uno di quelli che uscirono a nome Alessandro Alessandroni Orchestra. Leggendario disco d'archivio, inciso con la partecipazione dell'abilissimo suonatore di armonica Gianfranco Di Lelio, "A trip around the world" è uno dei lavori in cui Alessandroni opera non solo come esecutore ma anche come compositore, ruolo spesso passato in secondo piano nella prospettiva sulla sua carriera, a fronte delle sue celebri collaborazioni con illustri colleghi come Morricone ed Umiliani. Le sonorità di questi brevi brani sono un melange tipico della musica italiana per colonne sonore a cavallo fra gli anni '60 e '70, dove interagiscono armoniosamente melodie pop barocche, influssi bossa nova, melodie lounge, arrangiamenti di archi composti e sottilmente malonconici. Davvero eccezionale l'armonica di Di Lelio nei pochi brani in cui fa la sua comparsa. Questa la scaletta: "Oceano", "Everest", "Beach party", "Rocking moon", "Summer breeze", "Gargano", "A day in the sun", "Seven stars", "My sitar", "Love on the sand", "Fishing", "Desert inn". Alessandro Alessandroni (1925-2017) è un dotato cantante e soprattutto fischiatore, oltreché chitarrista, che ha lavorato insieme ai suoi Cantori Moderni in numerose colonne sonore, fra le quali quelle degli spaghetti western di Sergio Leone musicati da Ennio Morricone, in cui si ricordano gli indimenticabili motivi da lui fischiettati. Alessandroni, insieme al suo gruppo vocale i Cantori Moderni, ha anche cantato in album di vari musicisti, al di là delle colonne sonore, fra cui ''Non al denaro, non all'amore né al cielo'' di Fabrizio De André, ed è ormai conosciuto e stimato a livello internazionale.
Euro
30,00
codice 2111072
scheda
Alice falsi allarmi
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1983  emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
copia ancora incellophanta, seconda stampa italiana, copertina senza barcode, inner sleeve con foto e testi, etichetta crema con piccolo logo rosso Emi in basso, data sul trail off "30-9-83", catalogo 641186291. Pubblicato nel settembre del 1983 dopo "Azimut" e prima di "gioielli Rubati", il quarto album realizzato a nome semplicemente Alice, dopo quelli a nome Alice Visconti, e naturalmente dopo gli inizi con il vero nome Carla Bissi, da parte dell' artista di Forli'. Da Wikipedia: Uscito nella stagione autunnale, dopo la vittoria della cantante (in coppia con Nada) alla gara canora Azzurro, l'album segna un temporaneo distacco da Franco Battiato, per quanto riguarda musica, testi e arrangiamenti, ai quali collabora Matteo Fasolino. In Italia e' stato estratto il singolo Il profumo del silenzio/Solo un'idea (numero 15), mentre in Germania usci' Carthago/Una sera di novembre e in Svizzera Solo un'idea/Notte a Roma. Del brano Notte a Roma, il piu' intenso ed affascinante dell'album, verra' inserita una versione alternativa nell'album Elisir del 1987.
Euro
20,00
codice 245809
scheda
Allen tony and africa 70 No accomodation for lagos
Lp [edizione] nuovo  stereo  fra  1979  comet (fra) 
soul funky disco
Copertina cartonata. Ristampa del 2021 ad opera della francese Comet, con copertina non più apribile. Originariamente pubblicato nel 1977 dalla Polydor in Nigeria, il terzo rarissimo album di Tony Allen, accompagnato ancora una volta dagli Africa 70, successivo a "Progress" (1977) e precedente "No discrimination" (1979, con gli Afro Messengers). Prodotto ancora una volta da Fela Kuti, che vi suona anche il sassofono tenore ed il piano, ed inciso insieme ai grandi Africa 70, ma composto ed arrangiato da Allen, "Jealousy" contiene due soli lunghi brani, della durata di diciassette e dodici minuti, la title track e "African message", in una classica struttura afrobeat (appunto con due lunghi brani, uno per facciata): episodi che distillano il meglio dello afrobeat del quale Allen e Kuti furono fra i massimi architetti: ritmiche ballabili e dinamiche, ma anche ricchissime di sfumature e molto raffinate, che sostengono un funk ipnotico e torrido al tempo stesso, con potenti arrangiamenti di ottoni che richiamano il soul ed il funk afroamericani del decennio. Esponente di spicco della musica nigeriana, Tony Allen (1940-2020) è stato per molti anni, in qualità di batterista degli Africa 70 di Fela Kuti, uno dei maggiori contributori allo sviluppo dello afrobeat, stile musicale in cui le influenze soul e funk provenienti dagli USA si fusero con le melodie ed i complessi ritmi della musica africana, prendendo piede principalmente nella Nigeria degli anni '70 e poi affermandosi a livello internazionale. Allen è un musicista eclettico, che ha sperimentato le sue concezioni con stili etnici diversi come con il dub e lo hip hop. Il suo primo album come leader, ''Jealousy'', uscì nel 1975 e segnò l'inizio di una carriera solista che prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo.
Euro
30,00
codice 2110897
scheda
Alt-j The dream (indie exclusive)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  infectious 
indie 2000
edizione limitata in vinile violetto trasparente per i negozi indipendenti, copertina apribile. Il quarto atteso album della band inglese. Un disco che prende spunto dal passato con riferimenti al pop-rock dei sixties e le colonne sonore del cinema classico hollywoodiano, il tutto filtrato dalla sensibilità del gruppo che in questo lavoro accantona in parte il lato elettronico per un suono più vintage elettro-acustico con cori ed atmosfere oniriche. Gruppo di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul.
Euro
33,00
codice 2111101
scheda
Ammons gene Funky
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1957  prestige 
jazz
Copertina lucida a busta senza codice a barre, label blu con scritte argento. Ristampa dell'album originariamente pubblicato dalla Prestige nel 1957. Inciso al Rudy Van Gelder Studio di Hackensack, New Jersey, l'11 gennaio del 1957, con formazione composta da Gene Ammons (sax tenore), Art Farmer (tromba), Jackie McLean (sax alto), Mal Waldron (pianoforte), Kenny Burrell (chitarra), Doug Watkins (contrabbasso) e Art Taylor (batteria). Frutto di una sessione di ''all stars'', questo lp vede Ammons cimentarsi con un jazz che spazia fra hard bop e venature soul, con sonorita' fluide e melodiche e dai toni solari e svagati. Questa la scaletta: ''Pint size'', ''King size'', ''Funky'', ''Stella by starlight''. Gene Ammons, nato a Chicago il 14 aprile del 1925 e morto il 23 luglio del 1974 sempre a Chicago, cresce con il boogie-woogie di suo padre Albert nel sangue, ben presto si dedico' allo studio di altri strumenti, diversi dal piano del padre, tra i quali predilesse il sax tenore. Suo maestro fu Walter Dyette, della celebre "DuSable High School" (insegnante, tra gli altri, anche di Nat King Cole e Ahmad Jamal), ma la sua vera fonte ispiratrice furono, senza dubbio, le morbide, liriche e rilassate sonorita' di Lester Young. Esordi' verso la fine della Seconda guerra mondiale, prima nella band di King Kolax, e in seguito nella sezione fiatistica della gloriosa band di Billy Eckstine che e' stata il trampolino di lancio di grandi musicisti come Parker, Gillespie e Davis. Musicista di difficile collocazione quanto di indubbia levatura, nella sua carriera ottenne un grande successo discografico. Definito dal critico J.E. Berendt come il piu' personale e potente, ricco e corposo, tra i sassofonisti provenienti dalla "scuola" di Lester Young. Ira Gitler defini' il suo sound "Grande come una casa, come un grande magazzino di quindici piani, e inoltre molto vocale". Si esprimeva agilmente e senza difficolta' sia nel lancinante e sguaiato stile "honkers"che nelle piu' seducenti e soffici "ballads". Dopo l'esperienza nella band di Eckstine, Ammons passa, in sostituzione di Stan Getz, nell'orchestra di Woody Herman, e negli anni Cinquanta diviene protagonista, con Dexter Gordon, di "battaglie musicali" e "cutting contest", per poi distinguersi alla guida di un brillante settetto in coabitazione con il sassofonista Sonny Stitt ed in importanti collaborazioni con svariati gruppi, partecipazioni ai piu' importanti festival e manifestazioni internazionali, il tutto arricchito da una vasta produzione discografica. La sua vita privata e artistica diviene pero' sempre piu' gravemente segnata dalle sofferenze legate al consumo di stupefacenti. Nel '58 viene arrestato e condannato a due anni di reclusione, e nel '62 tornera' in carcere fino al '69. I suoi lavori discografici pero' ottennero, mentre lui era in carcere, un grande successo e, dopo la definitiva uscita dalla cella di reclusione, Ammons riprese ad esibirsi dal vivo, partecipando anche ad incisioni discografiche di Mingus, Adderley, Coltrane, Farmer e della sua "guida spirituale" Lester Young. Incise anche numerosi dischi come "leader". Dara' poi vita ad una autentica "scuola" di tenoristi quali Johnny Griffin e Clifford Jordan e rivaleggiera' in popolarita' con l'altro irruento tenorista Von Freeman, insieme al quale sara' il piu' autorevole rappresentante dell'avanguardia nello sviluppo della scuola tenorile di Chicago.
Euro
19,00
codice 2110898
scheda
Ana y jaime Dire' a mi gente
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  munster 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, inserto con foto a colori e note a cura del collezionista e DJ messicano Carlos Icaza (aka Tropicaza, della Dublab/Worldwide FM). Ristampa del 2022 ad opera della Munster, la prima in assoluto in vinile e pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1969 dalla Discos in Colombia, questo è il primo album, precedente "Este viento" (1970), del duo colombiano, composto a Ana e Jaime Valecia Aristizabal, sorella e fratello colombiani, all'epoca delle incisioni giovanissimi; i due avrebbero continuato a pubblicare dischi nel corso dei decenni successivi. "Diré a mi gente" è considerato un classico del pop colombiano degli anni '60, una deliziosa sintesi fra pop melodico, canzone di protesta folkeggiante e garage rock inacidito dal fuzz. Un'opera grezza ed acerba, espressione di ad un tempo di rabbia e dolcezza adolescenziale, accostata a Pablus Gallinazo, Elia y Elizabeth ed il duo post Los Yetis di Norma y Dario. La voce femminile di Ana, che canta in spagnolo, si esprime con candore e convinzione, sembrano a volte più matura della sua giovanissima età, a volte rivelandola invece nella sua delicatezza, supportata da un sound diretto, senza molti fronzoli, in spiccano le chitarre fuzz, occasionale organetto e chitarra acustica latineggiante. Fra i pezzi da citare la piccola magia di rock latino di "Jerusalem".
Euro
28,00
codice 3514486
scheda

Page: 1 of 17


Pag.: oggetti: