Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 262
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 11  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
13 Engines    Before Our Time
lp [edizione] originale  stereo  usa  1987  nocturnal 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, la originale stampa americana, copertina pressata in Canada come d'uso di molte etichette americane all' epoca, copertina in cartoncino lucido fronte retro senza barcode, con alcuni segni di invecchiamento, etichetta in bianco e nero con grattacieli, catalogo NOT1. Il primo notevole album della ottima band Canadese, pubblicato prima del secondo ''Byram lake Blues''. Formazione composta da John Critchley, Grant Ethier, Jim Hughes e Mike Robbins, provenienti da Toronto, i 13 Engines erano autori di un eccelente rock chitarristico ora graffiante ed ora melodioso, a tratti non distante dalle sonorita' piu' ruvide di certo paisley underground, ed ancor di piu' al rock desertico dei primi Giant Sand o dei Thin White Rope, ma non estraneo ad influenze diverse come quella del punk rock americano di fine anni '70 (nei brani piu' aggressivi il gruppo ricorda non poco i Leaving Trains, ed anche l' approccio vocale di John Critchley si avvicina a quello del grande Falling James), o anche di certo post-punk, riscontrabile in alcuni brani dalle tinte vagamente oscure, il tutto inserito in un contesto decisamente personale che fa di questo esordio un disco assolutamente meritevole di essere riscoperto e valorizzato quanto certo avrebbe meritato. I 13 Engines pubblicano inizialmente due albums su di una etichetta indipendente di Detroit nel 1987 e 1989 prima di passare alla ben piu' potente Emi (almeno in Canada, dove presto otterranno un buon successo) per il terzo "A Blur to Me Now" (1991), e gli ultimi "Perpetual Motion Machine" (1993) e "Conquistador" (1995). Nel 2000 John Critchley con il chitarrista Mike Robbins ed il batterista Grant Ethier dei 13 Engines ha pubblicato a proprio nome "Crooked Mile"per la label indipendente Sound King, album che nonostante la forte presenza di Critchley non si discosta dai lavori precedenti fatti con i "13 Engines".
Euro
26,00
codice 233665
scheda
2Pac (tupac shakur)    me against the world
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  interscope / universal / amaru 
hip-hop
Doppio album in vinile 180 grammi, ristampa realizzata in occasione del 25esimo anniversario dall' uscita originaria, copertina pressoche' identica a quella della originaria molto rara tiratura. Pubblicato nel marzo del 1995, dopo "Strictly 4 My N.I.G.G.A.Z." e prima di "All Eyez on Me", giunto al primo posto delle classifiche americane, il terzo album. Descrizione completa a seguire. Uno dei piu' celebri e discussi rappers del genere gangsta, la cui fama forse si ancor piu' allargata dopo la prematura morte, Tupac Amaru Shakur (1971-1996, noto anche come 2Pac) nacque a New York in una famiglia fortemente legata al movimento delle Pantere Nere, ma si trasferi' nella tarda adolescenza in California, dove comincio' a farsi strada nel mondo dello hip hop. Dopo aver collaborato con i Digital Underground, Shakur si affermo' prepotentemente con il suo acclamato album d'esordio, ''2pacalypse now'' (1991), avviando contemporaneamente anche una promettente carriera cinematografica, che lo avrebbe visto recitare in alcuni film nella prima meta' degli anni '90. La sua immagine di rapper fuorilegge ed i suoi testi duri, incentrati sulla violenza della vita di strada nei ghetti afroamericani, erano uno dei piu' spettacolari ritratti della figura del gangsta rapper. La sua reputazione fu cementata dal terzo e dal quarto album, ''Me against the world'' (1995) e ''All eyez on me'' (1996), entrambi giunti in vetta alle classifiche americane, ma la sua giovane vita fu stroncata in una sparatoria a Las Vegas nel 1996, al culmine di un periodo di tensione all'interno della inquieta scena gangsta, che lo aveva visto scontrarsi pubblicamente con il rapper rivale The Notorious B.I.G.
Euro
33,00
codice 3023878
scheda
A taste of honey    Ladies of the eighties
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1982  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Copia ancora incellophanata e con adesivo che annuncia la presenza del brano "I'll try something new", prima stampa USA, copertina con barcode, label porpora con scritte argento, logo Capitol con cupola argento in alto, catalogo ST-12173. Pubblicato nel 1982 dalla Capitol in Europa e negli USA, dove giunse alla 73esima posizione nella classifica billboard 200, il quarto ed ultimo album, successivo a "Twice as sweet" (1980). Prodotto in gran parte da Al McKay (tranne due brani curati da Donald La Pread), membro degli Earth, Wind & Fire negli anni '70, "Ladies of the eighties" tiene fede al suo titolo con le sue sonorità funk pop levigate, ballabili e dominate dalle tastiere e dai synth, ormai calate appieno negli anni '80 con un moderno approccio allo r'n'b e con levigate melodie vicine al quiet storm; ancora belle e vellutate le armonie vocali delle due cantanti. Dei singoli che ne furono tratti, "I'll try something new" fu l'unico di successo, giungendo alla nona posizione nella classifica r'n'b ed alla 41esima nella billboard hot 100. Gruppo disco e soul music formatosi a Los Angeles nel 1971/72, gli A Taste Of Honey erano composti nella loro formazione consolidata da due donne e due uomini, Janice Marie Johnson (voce, chitarra, basso), Perry Kibble (tastiere), Hazel Payne (chitarra, voce) e Donald R. Johnson (batteria). Il gruppo fece anni di gavetta prima di approdare al traguardo di una pubblicazione, debuttando su disco nel 1978 con il singolo Boogie oogie oogie", grandissimo hit che giunse in vetta alla billboard hot 100, e con l'album A taste of honey" (arrivato alla sesta posizione nella billboard 200), primo di quattro lp. La loro versione tradotta in lingua inglese della vecchia hit pop giapponese "Sukiyaki" interpretata originariamente da Kyu Sakamoto nel 1961, fu nel 1981 il loro secondo ed ultimo grande successo, piazzandosi al terzo posto nella billboard hot 100. Caratteristica della musica degli A Taste Of Honey è stata la capacità di non appiattirsi sulla disco music imperante nei tardi anni '70, ma di alternarla con intuizioni di moderno r'n'b e di quiet storm; i loro brani sono stati spesso utilizzati come fonti di campionamento daglki artisti hip hop fin dai primi anni '80.
Euro
19,00
codice 332086
scheda
A.c. acoustics    Hand passes plenty (limited white vinyl)
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1994  el-e-mental 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good indie 90
Copia con alcuni segni di usura sulla copertina, su cui e' apposto l'adesivo (in parte abraso) che indica l'edizione limitata in vinile bianco, prima stampa inglese, pressata appunto in vinile bianco, copertina con barcode 5023469002564, label bianca con scritte nere e logo El-e-mental nero in basso, catalogo ELM25T, scritta ''a porky prime cut'' incisa sul trail off del lato A e ''another porky prime cut'' su quello del lato B. Pubblicato nel novembre del 1994 dalla El-e-mental in Gran Bretagna, non uscito negli USA, l'ep che segui' il primo mini lp ''Able treasury'' (4/94) e che precedette il secondo 7'' ''Stunt girl'' (1996). Contiene quattro brani, inediti o in versione inedita su album: la splendida ''Hand passes plenty'' fra impulsi psichedelici ed echi degli U2, ''Love lies broken pieces'', che inizia come una ballata acustica per esplodere in un dirompente noise rock chitarristico, ''Love lies (equamneno mix)'', episodio di confine fra rock e house, e l'ottundente ''Emily'', un vortice di psichedelia minimalista che richiama certe tempeste scatenate da Spacemen 3 e Spiritualized. Acclamata indie band scozzese, gli A.C. Acoustics furono formati nel 1992 a Glasgow dal compositore Paul Campion; inizialmente autori di una musica densa, carica di fuzz e travolgente, in cui trovavano spazio anche strumenti come sax e violino e che e' stata accostata da alcuni critici a gruppi come Pavement, Jesus and Mary Chain e Mercury Rev, adottarono piu' avanti le tastiere ed un approccio piu' rarefatto ed atmosferico, ottenendo il plauso della critica e l'ammirazione di altre band, fra cui i Placebo, senza pero' sfondare presso il grande pubblico. Dopo un primo singolo del 1993 ed un mini lp del 1994, ''Able treasury'', il gruppo pubblico' nel 1997 il primo album ''Victory parts'', ma piu' niente di nuovo e' apparso dopo il terzo lp ''O'' del 2002. Un gruppo sottovalutato.
Euro
10,00
codice 326593
scheda
Aa. vv. (anne briggs, oak, dave and toni arthur...)    English Garland (topic folk sapler)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1972  topic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
Prima rara stampa inglese, copertina con diversi segni di invecchiamento, etichetta azzurra con logo unboxed argento, catalogo TPSS221. Pubblicato in Inghilterra nel 1972, e' un bellissimo sampler (l' ottavo di una lunga serie) dell' etichetta di culto del folk inglese. Contiene quindici brani, di qualita' media elevatissima, tratti da albums spesso assai rari, originariamente pubblicati dalla stessa etichetta tra il 1968 ed il 1971, con alcuni nomi particolarmente importanti, come Anne Briggs, Dave & Toni Arthur, gli Oak... Ecco la lista del materiale incluso- 1.Roy Harris with Notts Alliance "Robin Hood and the Tanner" (dall' album "The Bitter And The Sweet" del 1971) 2. High Level Ranters "The Breakdown / Blanchland Races" (dall' album "Northumberland For Ever" del 1968), 3.Dave and Toni Arthur "Six Jolly Miners" (dall' album "The Lark In The Morning" del 1969), 4.Anne Briggs "The Snow It Melts the Soonest" (dal leggendario primo splendido album "Anne Briggs" del 1971), 5.Peter Bellamy "The Fox Jumps Over the Parson's Gate" (dall' album "The Fox Jumps Over The Parson`s Gate" del 1970), 6. Bernard Wrigley "The Molecatcher" (dall' album "The Phenomenal B. Wrigley - Folk Songs, Tunes And Drolleries" del 1971), 7.Oak "Thousands or More" (dall' album "Welcome To Our Fair" del 1971), 8.Peter Bellamy con Barry Dransfield al fiddle: "The Barley and the Rye" (dall' album "The Fox Jumps Over The Parson`s Gate" del 1970), 9.Anne Briggs "The Cuckoo" (ancora dal primo album "Anne Briggs" del 1971) 10.Dave and Toni Arthur con Barry Dransfield al fiddle "The Lark in the Morning" (dall' album "The Lark In The Morning" del 1969), 11. Bernard Wrigley, Wilf Darlington "Gee Whoa, Dobbin / Jack the Horse Courser" (dall' album "The Phenomenal B. Wrigley - Folk Songs, Tunes And Drolleries" del 1971), 12. Peta Webb (degli Oak) "Roving Round the County Tyrone" (dall' album "Welcome To Our Fair" degli Oak, 1971), 13.Roy Harris, with Muckram Rakes "The Bonny Green Woods" (dall' album "The Bitter And The Sweet" del 1971), 14.Tom Gilfellon, acc. The High Level Ranters "The Hexhamshire Lass" (dall' album "Northumberland For Ever" del 1968), 15.Oak "Scan's Polkas" (dall' album "Welcome To Our Fair" del 1971).
Euro
14,00
codice 51136
scheda
Aa.vv. (4 ad label)    lonely is an eyesore (box version!)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1987  4ad 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Nella LIMITATISSIMA VERSIONE IN BOX CARTONATO (con giusto lievi segni di invecchiamento), pressata in 1000 copie, contenente cover apribile in tre parti, inner sleeve in cartoncino con artwork, libretto di 22 pagine, prima stampa inglese, senza barcode, vinile stampato in Francia come in tutte le copie, label custom grigia con scritte nere, catalogo CAD D 703. La bella raccolta contenente brani INEDITI realizzati specificatamente per l' occasione dell'etichetta capitanata da Ivo-Watts-Russell la storica 4AD. Uscita nel 1987 "Lonely is An Eyesore", logica successione di "Natures Mortes Still Lives", e' espressione della ricercata evoluzione del sound minimal wave dei primi anni ottanta, capace di regalarci perle di assoluta bellezza. Colourbox - This Mortal Coil - Wolfgang Press - Throwing Muses - Dead Can Dance - Cocteau Twins - Dif Juz - Clan Of Xymox sono gli indimenticabili interpreti di questa stupenda ed ultima grande raccolta della etichetta di culto per eccellenza del post punk inglese dalle tinte oscure. Questa la scaletta: Colourbox, ''Hot doggie''; This Mortal Coil, ''Acid, bitter and sad''; The Wolfgang Press, ''Cut the tree''; Throwing Muses, ''Fish''; Dead Can Dance, ''Frontier''; Cocteau Twins, ''Crushed''; Dif Juz, ''No motion''; Clan Of Xymox, ''Muscoviet musquito''; Dead Can Dance, ''The protagonist''.
Euro
50,00
codice 204928
scheda
Aa.vv. (country)    20 Country legends
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1944  black tulip 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Very good blues rnr coun
copia con moderati segni di invecchiamento su copertina e vinile, seconda stampa inglese della prima metà degli anni '80 su Black Tulip, copertina semilucida senza barcode e con scritta "printed in england" sul retro in basso, label arancione con scritte nere e logo Black Tulip nero in alto, logo STEMRA a destra, catalogo 555006. Pubblicata nei primi anni '80 dalla Everest nel Regno Unito, questa antologia compila venti grandi classici della musica country e rockabilly di alta epoca, con pezzi di Johnny Cash (ben quattro, fra cui quello che apre la scaletta, "Train of love"), Roy Orbison, Jerry Lee Lewis, Conway Twitty, Lester Flatt ed Earl Scruggs, Al Dexter (autore di "Pistol packin' mama", uno dei brani più famosi negli Stati Uniti durante gli ultimi anni della seconda guerra mondiale), la sfortunata Patsy Cline, scomparsa in un incidente aereo poco più che trentenne che costò la vita anche ad un altro artista qui rappresentato, Cowboy Copas, e Roger Miller. Questa la scaletta: Johnny Cash, "Train of love"; Roger Miller, "King of the road"; Hank Locklin, "Send me the pillow that you dream on"; Tillman Frank, "Your cheating heart"; Sonny James, "Bimbo"; Al Dexter, "Pistol packin' mama"; Roy Orbison, "Domino"; Conway Twitty, "Crazy dreams"; Flatt and Scruggs, "Foggy mountain breakdown"; Johnny Cash, "Cry cry cry"; Dave Dudley, "Oh lonesome me"; Johnny Cash, "I heard that lonesome whistle"; Jimmy Dean, "Release me"; Patsy Cline, "There he goes"; George Jones, "I love you because"; Cowboy Copas, "A satisfied mind"; Carl Belew, "Am I that easy to forget"; Jerry Lee Lewis, "CC rider"; Johnny Cash, "Country boy"; Roger Miller, "Do waka do".
Euro
10,00
codice 332101
scheda
Aa.vv. (dinosaur jr,giant sand    Time between a tribute to the byrds (+promo insert)
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1989  imaginary 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa europea di pressaggio olandese, copertina lucida fronte retro con barcode, label rossa con scritte nere, catalogo ILLUSION004, copia corredata di un INSERTO PROMOZIONALE DELLA IMAGINARY, di un inserto con catalogo della Imaginary Records, un inserto per avere informazioni sulla fanzine dedicata ai Byrds "Full Circle" ed una cartolina per comprare dischi dell'etichetta per posta. Pubblicata nel 1989 dalla Imaginary Records, etichetta specializzata in tributi, la bella raccolta di brani dei Byrds riproposti da Moffs (come sempre magnifici nella "loro" "Eight miles high" ), Mock Turtles, Cateran, Giant Sand, Static, Primevals, Richard Thompson, Dinosaur Jr, Thin White Rope, Miracle Legion, Chills, Barracudas, Icicle Works, Nigel and the Crosses (ovvero Robyn Hitchcock sotto mentite spoglie). Un'acquisto piacevolissimo per gli amanti dei Byrds, ed irrinunciabile per tutti coloro che conoscono il valore di molte delle bands e degli artisti sopra elencati. Questa la scaletta: Moffs, ''Eight miles high''; Mock Turtles, ''Time between/Why''; Cateran, ''She don't care about time''; Giant Sand, ''Change is now''; Static, ''It happens each day''; Primevals, ''Thoughts and words''; Richard Thompson/Clive Gregson/Christine Collister, ''Here without you''; Dinosaur Jr., ''I'll feel a whole lot better''; Thin White Rope, ''Everybody has been burned''; Miracle Legion, ''Mr. Spaceman''; Chills, ''Draft morning''; Barracudas, ''King apathy III''; Icicle Works, ''Triad/Chestnut mare''; Nigel and the Crosses, ''Wild mountain thyme''.
Euro
23,00
codice 229202
scheda
Aa.vv. (dubliners, sweeney's men, johnstons...)    Here's to the irish! (irish folk sampler)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  Transatlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rara stampa Inglese, copertina laminata sul fronte, pressata da Robert Stace, come indicato sul retro, completa di inserto di quattro pagine, etichetta ruvida bianca e viola con logo centrale, catalogo TRASAM1. Pubblicato in Inghiltrra nel 1968, questo album contiene dodici brani di folk irlandese o di matrice irlandese, perlopiu' tratti da albums del ricco catalogo della Transatlantic, ma con un brano dei Dubliners tratto da un raro 7"ep e due brani dell Grehan Sisters totalmente inediti altrove (le sorelle Grehan avevano pubblicato per la Transatlatic il loro unico album nel 1967, in cui non sono presenti i due brani in questione). Ecco la lista del materiale incluso: Dubliners "Rocky road to Dublin" (dall' album "The Dubliners" del 1964), Finbar & Eddie Furey "The curragh of Kildare" (dall' album "Finbar And Eddie Furey" del 1968), Glenside Ceilidh Band "Polkas the glenslide nos 1 &2" (dall' album "All-Ireland Champions, Fleadh Ceoil, 1966" del 1967), Grehan sisters "Henry joe" (inedita), Sweeny's men "Handsome cabin boy" (dall' album "Sweeney’s Men" del 1968), Johnston "Frog wedding" (dall' album "The Johnstons" del 1968), Sweeny's men "Exile jig" (dall' album "Sweeney’s Men" del 1968), Johnstons "The lambs on the green hills" (dall' album "The Johnstons" del 1968), Finbar & Eddie Furey "Spanish cloack" (dall' album "Finbar And Eddie Furey" del 1968), "Glenside Ceilidh Band "Golden jubilee" (dall' album "All-Ireland Champions, Fleadh Ceoil, 1966" del 1967), Dubliners "Cook in the kitchen" (dall' ep "More Of The Dubliners" del 1966, Grehan Sisters "Orange and the green" (inedita).
Euro
23,00
codice 43574
scheda
Aa.vv. (folk arabia)    Music from yemen arabia – sanaani, laheji, adeni / samar
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  sub rosa 
world
Vinile doppio, inserto, catalogo SRV438. Pubblicato nel 2018 dalla Sub Rosa, questo album e' una riedizione congiunta di due lp originariamente pubblicati intorno a meta' anni '70 dalla americana Lyrichord: ''Music from Yemen Arabia – sanaani, laheji, adeni'' e '' Music from Yemen Arabia – samar''. Registrati sul campo da Ragnar Johnson e Jessica Mayer nel corso del 1973, a Sanaa ed a Taez, due delle piu' importanti citta' dello Yemen, questi album sono affascinanti documenti etnomusicali sulla musica araba yemenita suonata a Sanaa, nel porto di Aden e nello sceiccato di Laheji; accanto alle voci, l'oudh e percussioni etniche sono gli strumenti principali. Gli artisti registrati furono in alcuni brani i tre fratelli Kawkabani, i quali cantavano poemi tradizionali accompagnandosi con oud, percussioni ed occasionalmente con il kanoun, negli altri episodi invece Hassan al Zabeede, suonatore di oudh, accompagnato dal fratello percussionista, che cantavano nello stile di Laheji. Questa la scaletta: Sanaani, Laheji, Adeni (LP1): side 1 01 Kawkabani Brothers You Said That You Would Forget Me 02 Kawkabani Brothers Wa Seed Ana Lak Min Al Khodan 03 Hassan Al Zabeede Ana Mush Areemak side 2 04 Hassan Al Zbeede Tabal Samar 05 The Kawkabanis Wa Mogarred Bi Wadi Aldoore 06 Saad Al Kawkabani Ya Sabooh Al Enab; Samar (LP2): side 3 01 Hassan Zubeede Leish Teguib 02 The Three Kawkabani Brothers Al Sabah 03 Hassan Zubeede Keef Faiah side 4 04 'Abdul, Mohammed And Saad Kawkaban A'Zaffer Sanaa Wedding Song.
Euro
24,00
codice 3510970
scheda
Aa.vv. (musica italiana)    Booms anni '60 vol. 1
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1960  durium/start 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent musica italiana
Seconda stampa italiana del 1983 su Durium/Start, copertina senza barcode, label nera con scritte argento, logo Start nero ed argento in alto, logo Durium nero ed argento a destra, catalogo LP.S40.209 (cambiato rispetto alla prima tiratura), data sul trail off 21/4/82. Pubblicata nel 1982 dalla Durium, questa antologia compila venti superclassici della canzone pop italiana degli anni '60, pezzi che non hanno bisogno di presentazione come "Stasera mi butto" di Rocky Roberts, "Sapore di sale" di Gino Paoli, "Riderà" di Little Tony, "Due note" di Mina, "Casatschock" di Dori Ghezzi, il singolo che lanciò la carriera della giovane cantante lombarda, due brani di Wess, cantante afroamericano che negli anni '70 formò un affiatato duo proprio con la stessa Ghezzi, ottenendo grande successo in Italia durante il decennio. Questa la scaletta completa: Rocky Roberts, "Stasera mi butto"; Mina, "Due note"; Little Tony, "Riderà"; Nini Rosso, "Ballata della tromba"; Dori Ghezzi, "Casatschock"; Gino Paoli, "Sassi"; Fausto Papetti, "Estate violenta"; Mina, "Coriandoli"; Wess, "Senza luce (a whiter shade of pale)"; Los Marcellos Ferial, "Sei diventata nera"; Little Tony, "Cuore matto"; Wess, "I miei giorni felici"; Rocky Roberts, "Sono tremendo"; Los Marcellos Ferial, "Angelita di anzio"; Mina, "Come sinfonia"; Gino Paoli, "Sapore di sale"; Little Tony, "Ogni mattina"; I Nuovi Angeli, "Ragazzina ragazzina"; Nini Rosso, "Il silenzio"; Los Marcellos Ferial, "Cuando calienta el sol".
Euro
12,00
codice 332102
scheda
Aa.vv. (pankow, beatnigs...)    21st century quakemakers
12x2 [edizione] originale  stereo  ITa  1989  bbat / contempo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Prima stampa, doppio vinile a 45 giri, copertina (con lievi segni di invecchiamento) con barcode, etichetta bianca con scritte nere e triangolo rosso in alto, catalofo BBAT002. Pubblicata nel 1989 dalla Bbat/Contempo, questa raccolta e' il primo volume della serie ''21st century quakemakers'', che documentava la musica di gruppi americani ed europei attivi in territori di confine fra industrial, new wave e ed elettronica (house, techno), qui con otto brani, in gran parte in versioni inedite su album, ad opera di band quali i fiorentini Pankow, fra le prime band italiane a cimentarsi con sonorita' elettroniche industriali, i Beatnigs di Michael Franti, progetto dalle cui ceneri sarebbero nati i Disposable Heroes Of Hiphoprisy, e gli Heavenly Bodies, formati da membri dei Dead Can Dance e dalla cantante Caroline Seaman (gia' con i This Mortal Coil nel loro secondo disco). Questa la scaletta: Pankow, ''Sickness takin' over (joseph watt's remix)'' (versione diversa da quella su album); Beatnigs, ''Television (radio edit)'' (versione piu' breve di quella su album); World Domination Enterprises, ''Hit me little children (hard kid mix)'' (dall'album ''Love from lead city'', 1988); Rinf, ''Rubber on rider (bone version)'' (versione diversa da quella dell'ep omonimo, inedita su album); Heavenly Bodies, ''Rains on me (extended version)'' (versione diversa da quella su album); Hardsonic Bottoms 3, ''Do it anyway you wanna (The sixth version)'' (inedito su album); Acid Angels, ''Speed speed ecstasy'' (dall'ep omonimo, 1988, inedito su album); Groupietemple, ''I'm your acidbaby!'' (inedito).
Euro
12,00
codice 13148
scheda
Aa.vv. (PJ Harvey, Lee Ranaldo, Moose...)    Outlaw blues volume two - a tribute to bob dylan
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  imaginary 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 5016555704015, label grigia con parte bianca a sinistra, scritte nere, logo Imaginary Records nero in alto, catalogo ILLUSION040, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel 1993 dalla Imaginary Records in Gran Bretagna, il seguito della prima raccolta realizzata in tributo a Bob Dylan da alcuni dei piu' importanti esponenti del rock indipendente angloamericano degli anni '80 e '90. Il primo ''Outlaw blues'' era uscito nel 1992 e conteneva contributi di membri dei Sonic Youth, Thinn White Rope e Boo Radleys, fra gli altri; in questo secondo volume troviamo ancora una volta uno dei Sonic Youth, Lee Ranaldo, che interpreta ''Visions of johanna'' con un lento rock inacidito, con il supporto, fra gli altri, di Mike Watt, Steve Shelley e Robert Quine, PJ Harvey con una aggressiva e spigosa ''Highway 62 revisited'', i Dodgy che suonano ''Rainy day women...'' come se fossero il Syd Barrett del secondo album solista, i Moose che rifanno con un piglio shoegazer pop melodico ''Positively 4th street'', e Chuck Prophet, che ci offre una ''Abandoned love'' molto rootsy. Questa la scaletta completa: Dodgy, ''Rainy day women no. 12 and 35''; Chuck Prophet & the Creatures of Habit, ''Abandoned love''; Henry Kaiser's Obsequious Cheeselog, ''Tombstone blues''; Christine Collister, ''You're gonna make me lonesome''; Calamity Jane, ''Mr. Jones''; PJ Harvey, ''Highway 61 revisited''; Lee Ranaldo, ''Visions of johanna''; Moose, ''Positively 4th street''; Strangelove, ''Motor psycho nitemare''; Magnapop, ''Every grain of sand''.
Euro
24,00
codice 328278
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    in good company
lp [edizione] originale  stereo  uk  1970  17 / cbs special product 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
l' originale stampa inglese, copertina (con qualche segno di invecchiamento) laminata sul fronte, etichetta arancio con scritte e logo neri, catalogo WSR 945. La raccolta uscita in Inghilterra nel 1970, manifesto del reparto ''underground'' della Cbs-Columbia, mette a confronto artisti americani ed inglesi del periodo che va dal 1967 al 1970, con brani tratti da albums, talora anche molto rarti. Ecco la scaletta (in cui il quinto ed il sesto brano sono indicati correttamente sull' etichetta, ma invertiti nel loro ordine sul retrocopertina: Chicago "Someday" (dall' album "Chicago Transit Authority"), Spirit "Dark Eyed Woman" (da "Clear Spirit"), Laura Nyro "Save The Country" (da "New York Tendaberry"), It's A Beautiful Day "White Bird" (da "It's a Beautiful day"), Mike Bloomfield / Al Kooper "Albert Shuffle" (da "Supersession"), Black Widow "The Way To Power" (da "Sacrifice"), Santana "Evil Ways" (da "Santana"), Argent "Freefall" (da "Argent"), Johnny Winter "Hustled Down In Texas" (da "Second Winter"), Byrds "Ballad Of Easy Rider" (da "The Ballad of Easy Rider"), Gun "Head In The Clouds" (da "The Gun"), Trees "Nothing Special" (da "The Garden of Jane Delawney").
Euro
15,00
codice 30664
scheda
Aberfeldy    Young forever
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2004  rough trade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
l' originale stampa europea, "Made in EU" anche per il mercato inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 5050159818112, inner sleeve in cartoncino lucido con artwork, label nera con scritte gialle e disegno in bianco e nero a destra, scritta ''made in the E.U.'' in basso a sinistra, catalogo RTRADLP181. Pubblicato nell'agosto del 2004 dalla Rough Trade in Gran Bretagna e negli USA, il primo album, precedente ''Do whatever turns you on'' (2006). ''Young forever'' e' un squisito album di indie pop, stile musicale che sembra decisamente congeniale alla scena scozzese: brani in eccellente equilibrio fra sapori dolci ed amari, atmosfere solari ed autunnali, guidati dalle belle armonie vocali delle due cantanti femminili e dalla voce maschile di Riley Briggs, accompagnate da un sound delicato ed introspettivo che non si lascia mai prendere dalla depressione, elaborato con una strumentazione elettroacustica che include glockenspiel, organo, synth, violino, mandolino, basso e batteria. Un esordio da riscoprire. Gli Aberfeldy sono un gruppo indie pop scozzese di Edimburgo formato nei primissimi anni del nuovo secolo dal paroliere Riley Briggs con Ian Stoddart, Ruth Barrie, Sarah McFayden e Ken McIntosh. La critica ha talora descritto la loro musica come ''chamber pop'', per via di sonorita' sognanti e delicate espresse con chitarre acustiche e dolci melodie vocali maschili e femminili, sostenute da una ritmica leggera e sullo sfondo. Debuttano nel 2003 su Rough Trade con il singolo ''Vegetarian restaurant'', seguito nel 2004 dal primo album ''Young forever''; il secondo ''Do whatever turns you on'' arriva nel 2006 ed il terzo ''Somewhere to jump from'' nel 2010.
Euro
23,00
codice 326586
scheda
Acqua fragile    Mass media stars
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  sony / rca 
rock 60-70
ristampa del 2015 in vinile pesante, pressoche' identica alla prima rara tiratura su Numero Uno, copertina lucida, completa di inner sleeve con testi, etichetta arancio e nera. Pubblicato nel 1974 dalla Ricordi in Italia, il secondo album, uscito dopo l'eponimo lp d'esordio del 1973. Il gruppo italiano e' qui artefice di sei brani cantati in inglese, come nel primo lp, e si cimenta in un prog rock melodico che mette insieme influenze inglesi, in particolare Genesis e Yes, oltre a sfumature pop in certi punti; indubbiamente un disco particolare nell'ambito del progressivo italiano, sia dal punto di vista stilistico che per l'uso della lingua inglese. Gruppo progressivo formato a Parma nel 1971, che includeva tre ex membri degli sciolti Immortali, gli Acqua fragile erano un quintetto fronteggiato dal cantante Bernardo Lanzetti. Notati dalla PFM e dal loro manager Franco Mamone, suonarono di spalla ad importanti band straniere come Soft Machine e Uriah Heep, e realizzarono due album piuttosto peculiari nell'ambito del prog italiano, principalmente perche' cantati in inglese, ''Acqua fragile'' (1973) e ''Mass media stars'' (1974). Dopo quest'ultimo album, Lanzetti lascio' il gruppo per unirsi alla PFM, e gli Acqua Fragile si sciolsero nel 1975.
Euro
18,00
codice 2066288
scheda
Adam and the ants    antmusic / fall in
7" [edizione] originale  stereo  uk  1980  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
singolo in formato 7", la prima stampa inglese, copertina senza barcode, flipback su due lati sul retro, con sagomatura per l' estrazione del disco, nella versione con etichetta cartacea e foro al centro piccolo ("paper labels", "solid centre", etichetta gialla ed arancio a sfumare, catalogo SCBS9352. Pubblicato nel novembre del 1980, e giunto al secondo posto delle classifiche inglesi, contiene sul lato A "Antmusic", uno dei piu' memorabili brani del secondo album "Kings of the Wild Frontier", e sul retro l' altrimenti inedita "Fall In", brano dalla fronte impronta punk, nel repertorio del gruppo gia' nel 1977, cofirmato da Lester Square che appunto aveva militato negli Ants nel 1977, dopo aver formato i B-Sides con lo stesso Adam Ant (all' epoca semplicemente Stuart Goddard) prima di uscirne per formare i suoi Monochrome Set. L' "Ant Music" della band fu un fenomeno forse effimero, ma ricco di tentativi di imitazione, ed il suo post punk tribale (nella band suonavano due batteristi) dai connotati fondamentalmente pop, personalissimo, risulta godibilissimo a tutt'oggi. All' epoca, il successo del gruppo fu non poco aiutato dal fatto che gli Ants furono tra i primi a comprendere fino in fondo l'importanza dell'immagine e l'utilizzo del videoclip. I look da guerrieri, pirati e principi sfoggiati sulle copertine e nei filmati promozionali furono un vero e proprio propellente per la conquista di un successo di scala mondiale. Dopo il successivo "Prince Charming" nel 1982 Adam scioglie il gruppo e prosegue come solista, con una carriera divisa tra la musica, il cinema e il teatro.
Euro
8,00
codice 245250
scheda
Adam and the ants    Prince charming / christian d'or
7" [edizione] originale  stereo  uk  1981  CBS 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
singolo in formato 7", l' originale stampa inglese, nella versione con copertina (con moderati segni di invecchiamento) non apribile, e con etichetta color rame con scritte nere in rilievo, e con foro al centro piccolo, copertina con apertura per il disco in alto, con sagomatura per l' estrazione del disco, flipback sul retro su due lati, "Rays" inciso sul trail off del latoA, catalogo CBS11408. Il singolo uscito nel settembre del 1981, e giunto al primo posto delle classifiche inglesi, che anticipo' di un paio di mesi l' uscita del terzo album "Prince Charming". Il secondo singolo (con il retro inedito su album, la notevole "Christian D' Or") pubblicato dopo l' ingresso in formazione negli Ants del bassista Gary Tibbs, ex Vibrators e Roxy Music ad affiancare Chris Huges (Merrick) ed i due ex Models Marco Pirroni e Terry Lee Miall, e secondo numero uno consecutivo nella classifica inglese dei singoli dopo il precedente "Stand and Deliver". Dopo il bellissimo "Dirk Wears White Socks", che aveva chiuso nel migliore dei modi il primo periodo di attivita' della band londinese, tra punk e new wave, nel secondo album della band "Prince Charming" si era delineato il sound che regalo', per qualche stagione, alla band di Adam Ant uno straordinario successo non solo in Inghilterra; l' "Ant Music" della band fu un fenomeno forse effimero, ma ricco di tentativi di imitazione, ed il suo post punk tribale dai connotati fondamentalmente pop, personalissimo, risulta godibilissimo a tutt'oggi.
Euro
6,00
codice 245251
scheda
Adamson barry    Taming of the shrewd
12"ep [edizione] originale  stereo  uk  1989  mute 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode, con vinile estraibile dall'alto e con indirizzo ''429 harrow road, london w10 4re'' sul retro, label verde acqua con scritte nere e titolo in bianco, scritte bianche lungo il bordo su di una facciata, catalogo 12MUTE97, groove message ''the end of an era'' sul lato A e ''my secret loves no secret anymore'' sul lato B. Pubblicato nell'ottobre del 1989 dalla Mute in Gran Bretagna, non uscito negli USA, il primo ep solista, successivo al primo album ''Moss side story'' (3/89) e precedente il secondo lp ''Delusion'' (1991). Contiene quattro brani, per lo piu' strumentali e tutti inediti su album (anche se il primo pezzo riapparira' su ''Delusion'' in una versione molto piu' breve): ''Diamonds'', dai richiami alle spy story degli anni '60 su di un tappeto percussivo insistente, occupa la prima facciata, mentre i brani sulla b-side ''Boppin' out / Eternal morning'', ''Splat goes the cat'' e ''From rusholme with love'' sono lenti e conturbanti pezzi jazzati dalle atmosfere che intrecciano in modo spiazzante e conturbante toni leggeri e da incubo. Veterano della scena musicale britannica, attivo in ambito post punk con i Magazine e poi con i Bad Seeds di Nick Cave, l'inglese Barry Adamson lascia questi ultimi nel 1987 e si dedica alla carriera solista, ispirato da compositori di colonne sonore come Ennio Morricone e John Barry, esordendo su lp con l'apprezzato ''Moss side story'' (1989), in cui emerge il suo approccio eclettico che fonde sonorita' post punk, funk, e colonne sonore da film di spionaggio. Nel decennio successivo realizza in effetti varie colonne sonore, oltre a pubblicare lavori solisti in cui l'atmosfera cinematica e' comunque un elemento costante.
Euro
18,00
codice 326607
scheda
Aka (indonesia)    Crazy joe
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1972  granadilla music 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, ristampa del 2015, ormai fuori catalogo, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura. Originariamente pubblicato nel 1972 dalla Indra in Indonesia, il terzo album, successivo a ''Reflection'' (1971) e precedente ''Cruel side of the suez war'' (1975). Un coloratissimo set di brani stilisticamente piuttosto variegati, che si apre con l'incalzante ed torrido funk rock venato di psichedelia (ed anche di follia) di ''Crazy joe'', continuando con energici episodi dalle tinte quasi garage come ''Skip away'' e ''Raja jalan'' e con qualche ballata per calmare le acque, come la sognante ''Kenangan beku'' e la bella ''Senyum'', il cui lirismo e l'andamento crudamente rock ricorda il Dylan elettrico di meta' anni '60 che suona insieme ad un gruppo garage. Storica band indonesiana di Surabaya (Java), gli Aka (acronimo di Apotik Kali Asin) furono negli anni '70 una delle piu' rispettate band hard rock indonesiane; fronteggiati dall'istrionico e scatenato ''Ucok'' Harahap, fan di James Brown e ricordato per la sua grande presenza di scena, si fecero le ossa a livello locale suonando cover di gruppi occidentali come Jimi Hendrix, Cream, James Brown e Grand Funk Railroad. Accresciuta la propria fama oltre la citta' di origine, firmarono con la indonesiana Indra Records, che pubblico' ben sei album del gruppo fra il 1971 ed il 1975, con brani cantati sia in inglese che in melayu (lingua locale indonesiana). Successivamente passarono su Remako e resero il loro stile piu' commerciale per poi sciogliersi verso la fine degli anni '70.
Euro
26,00
codice 3507865
scheda
Aka (indonesia)    Do what you like
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1970  granadilla music 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, ristampa del 2014, edizione limitata a 500 copie, ormai fuori catalogo, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura. Originariamente pubblicato nel 1970 dalla Indra in Indonesia, il primo album, precedente ''Reflection'' (1971). Disco variegato, che contiene aggressivi episodi hard rock funkeggianti dal sound abrasivo e fuzzato come la devastante title track e l'incalzante ''Glenmore'' ed il groove afroamericano di ''We've gotta work it out'', insieme a brani piu' melodici e pop e ad altri ancora reminiscenti del beat melodico degli anni '60. Storica band indonesiana di Surabaya (Java), gli Aka (acronimo di Apotik Kali Asin) furono negli anni '70 una delle piu' rispettate band hard rock indonesiane; fronteggiati dall'istrionico e scatenato ''Ucok'' Harahap, fan di James Brown e ricordato per la sua grande presenza di scena, si fecero le ossa a livello locale suonando cover di gruppi occidentali come Jimi Hendrix, Cream, James Brown e Grand Funk Railroad. Accresciuta la propria fama oltre la citta' di origine, firmarono con la indonesiana Indra Records, che pubblico' ben sei album del gruppo fra il 1971 ed il 1975, con brani cantati sia in inglese che in melayu (lingua locale indonesiana). Successivamente passarono su Remako e resero il loro stile piu' commerciale per poi sciogliersi verso la fine degli anni '70.
Euro
26,00
codice 3507316
scheda
Alice    azimut
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1982  EMI 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
prima stampa italiana, copertina senza barcode, etichetta crema con logo rosso in basso, catalogo 3C 064-18596, trail off con data "29/1/82", copia corredata di inner sleeve con testi e foto. Pubblicato nel 1982 prima di "Falsi allarmi" e dopo "Alice". Il quinto album. Prodotto e realizzato da Angelo Carrara, registrato con Filippo Destrieri, Matteo Fasolino, Alfredo Golino, Franco Testa, Claudio Bazzari, Claudio Pascoli, Alberto Radius, Giorgio Baiocco, e con la collaborazione di Franco Battiato (con lo pseudonimo Albert Kui) in due brani, i celebri singoli ''Chanson egocentrique'' e ''Messaggio'', e con la scrittura e gli arrangiamenti di Eugenio Finardi in ''Laura degli specchi'' (Finardi contribuisce pero' anche agli arrangiamenti in "La Mano", vede anche le splendide prove autografe di ''Animali d' America'' e soprattutto ''A cosa pensano'', scritta con Francesco Messina. Contiene i seguenti brani: Azimut , A cosa pensano, Animale d'america, Deciditi , Messaggio , Principessa , Chan-son egocentrique , Laura degli specchi , La mano. Da Wikipedia: L'album conferma l'abilità e l'espressività stilistica di Alice in qualità di musicista e autrice, oltre che di cantante. I successi Messaggio (che in estate anticipò l'album con risultati straordinari) e Chan-son egocentrique, portano la firma di Franco Battiato. Chan-son egocentrique, secondo singolo estratto, è praticamente un duetto tra Battiato e Alice, e venne spesso proposta dal vivo, oltre che su disco. Tra le sue canzoni più originali e riuscite, A cosa pensano fu estratto come singolo per il mercato europeo e conobbe una discreta notorietà anche in Svizzera e Germania, dove Alice tornò ad esibirsi con successo in un secondo tour internazionale, che ne consolidò la popolarità.
Euro
20,00
codice 234231
scheda
Almond marc    chaos and a dancing star (orange vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bmg 
punk new wave
Edizione limitata in vinile arancione, come da adesivo sul cellophane, copertina apribile. Pubblicato nel gennaio del 2020 dalla BMG, a distanza di oltre due anni dal precedente lavoro in studio "Shadows and Reflections", il ventitreesimo album solista in studio dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & the Mambas. Ospite nel brano "Lord of Misrule" Ian Anderson dei Jethro Tull con il suo flauto, ma va menzionata anche la presenza di Neal X, ex chitarrista dei Sigue Sigue Sputnik, e qui suona in più di metà dei brani; produttore e co-autore dei brani è Chris Braide, con il quale Almond aveva collaborato nell'apprezzato album del 2015, "The velvet trail". Una propensione per ballate e midtempo drammatici e decadenti, con una vena rock che pulsa sotto la superficie, è evidente in pezzi come "Black sunrise"; risaltano lenti episodi come la misteriosa "Giallo" (con elementi nelle melodie che richiamano le colonne sonore di film gialli e thriller di molti decenni addietro) o "Hollywood fever", storia di ambizioni, luci splendenti e rovine esistenziali; bellissima "The crow's eyes have turned blue", episodio classicamente almondiano, dolente ed amara ballata pianistica che esprime il lato più malinconico e struggente del cabaret con grande eleganza. "Figthing a war" è uno degli episodi più vivaci, sostenuta da un groove elettronico in mid tempo e ballabile, ma la maggior parte delle canzoni si mantiene su toni cullanti e ritmi rilassati, altro esempio ne è l'avvolgente "Cherry tree", nella quale la critica ha ravvisato non a torto una vena bowieana. Ben amalgamata e gradevole è anche la miscela sonora fatta di pianoforte, strumenti elettrici ed elettronici e, talora, arrangiamenti di archi molto composti e suadenti.
Euro
28,00
codice 3023637
scheda
Almond marc    desperate hours - picture (extended flamenco mix + orchestral version)
12" [edizione] originale  stereo  uk  1990  parlophone / some bizzare 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa inglese, nella versione in PICTURE DISC, sovraccopertina plastificata trasparente, contenente inserto a colori, catalogo 12RPD 6252; pubblicato nel maggio del 1990, e giunto al 45esimo posto delle classifiche inglesi, il secondo dei singoli che anticiparono il sesto album solista "Enchanted" dell'ex Soft Cell e Marc & the Mambas. In questa versione in picture disc, contiene una delle tracce poi inclusa in quell' album in due vesioni inedite su album: sul lato A un "Extended Flamenco Mix" di quasi otto minuti, presente anche nella regolare versione del 12", e sul lato B una esclusiva "Orchestral Version".
Euro
13,00
codice 245239
scheda
Almond marc    jacky (12" version) + 2
12" [edizione] originale  stereo  ger  1991  wea / some bizzare 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
l' originale stampa europea, pressata in Germania, copertina (con moderati segni di invecchiamento) lucida fronte retro con barcode, label rossa con scritte nere (con barcode sul lato A), doppio catalogo YZ 610T, 9031-75531-0. Pubblicato nel settembre del 1991 dalla WEA / Some Bizzare, giunto al 17esimo posto delle classifiche inglesi, il singolo che anticipo' il settimo album solista "Tenement Symphony" dell'ex Soft Cell e Marc & the Mambas, con una versione molto piu' lunga di quella presente sull' album di "Jacky", cover da Jacques Brel, il grande cantautore francese piu' e piu' volte coverizzato da Almond che gli aveva anche tributato un intero album, "Jacques", nel 1989, e sul retro un' altra versione altrimenti inedita dello stesso brano, denominata "Jacky (Alpine Dub)" e l' inedita su album "Deep Knight", originale, tra musica da chansonnier, pop e dance.
Euro
10,00
codice 245238
scheda

Page: 1 of 11

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 11  ---»
Pag.: oggetti: