Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 363
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
2Pac (tupac shakur) All eyez on me
LP4 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  death row 
hip-hop
Vinile quadruplo, copertina apribile con logo ''parental adivsory explicit content'' in basso a destra sul fronte. Ristampa del 2017 ad opera della Death Row, rimasterizzata digitalmente e pressoche' identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel febbraio del 1996 dalla Death Row / Interscope, giunto al 32esimo posto in classifica in Gran Bretagna ed alla prima posizione nella billboard 200 americana, il quarto album del rapper americano, e l'ultimo ad uscire prima della sua morte. Successivo a ''Me against the world'' (1995) e precedente ''The don killuminati: the 7 day theory'' (11/1996), ''All eyez on me'' fu il primo prodotto del nuovo sodalizio stretto fra 2Pac e la Death Row di Suge Knight. E' un disco piu' duro e cattivo, in cui il rapper abbraccia e celebra, forse anche ''romanticamente'', la vita del gangsta, e rimane per la critica l'opera magna di Shakur, il quale si avvale qui della produzione di Johnny J e Dat Nigga Daz, con contributi di star quali Dr. Dre (''California love'') e Snoop Dogg (''2 of amerikaz most wanted''). Un classico del gangsta rap. Uno dei piu' celebri e discussi rappers del genere gangsta, la cui fama forse si ancor piu' allargata dopo la prematura morte, Tupac Amaru Shakur (1971-1996, noto anche come 2Pac) nacque a New York in una famiglia fortemente legata al movimento delle Pantere Nere, ma si trasferi' nella tarda adolescenza in California, dove comincio' a farsi strada nel mondo dello hip hop. Dopo aver collaborato con i Digital Underground, Shakur si affermo' prepotentemente con il suo acclamato album d'esordio, ''2pacalypse now'' (1991), avviando contemporaneamente anche una promettente carriera cinematografica, che lo avrebbe visto recitare in alcuni film nella prima meta' degli anni '90. La sua immagine di rapper fuorilegge ed i suoi testi duri, incentrati sulla violenza della vita di strada nei ghetti afroamericani, erano uno dei piu' spettacolari ritratti della figura del gangsta rapper. La sua reputazione fu cementata dal terzo e dal quarto album, ''Me against the world'' (1995) e ''All eyez on me'' (1996), entrambi giunti in vetta alle classifiche americane, ma la sua giovane vita fu stroncata in una sparatoria a Las Vegas nel 1996, al culmine di un periodo di tensione all'interno della inquieta scena gangsta, che lo aveva visto scontrarsi pubblicamente con il rapper rivale The Notorious B.I.G.
Euro
70,00
codice 2129659
scheda
31St of february (butch trucks) 31St of february (ltd. 180 gr. black friday rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  craft / vanguard 
rock 60-70
Edizione limitata a 2000 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL BLACK FRIDAY del 23 novembre 2018, vinile da 180 grammi, copertina cartonata senza codice a barre. Ristampa del 2018 ad opera della Craft / Vanguard, tratta dai nastri stereofonici originali per opera di Kevin Gray, realizzata in occasione del 50esimo anniversario dell'originaria pubblicazione, e pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1968 dalla Vanguard, l'unico eponimo album dei 31st Of February, trio della Florida composto da Scott Boyer (chitarra, voce), David Brown (basso) e Butch Trucks (batteria); attivi per alcuni anni nella seconda metà dei Sixties, realizzarono con questo lp un lavoro dal sound tipico degli Stati Uniti di quel periodo, un intreccio fra folk rock con elementi pop e psichedelici, sonorità elettroacustiche melodiche, spesso e volentieri bucoliche e sognanti, cantato melodico, in alcuni brani un po' "stonato" (come nella acida ed ipnotica cover di "Codine"). Gran parte dei brani furono composti da Boyer e Brown, con una manciata di covers quali "The greener isle" di Jackie DeShannon, "Sandcastles" di Dan Penn / Spooner Oldham / Chips Moman, e la sopracitata "Codine". Dopo l'esperienza dei 31st Of February, i tre membri proseguirono con nuove avventure musicali: Trucks entrò negli Allman Brothers, Boyer fu con i Cowboy, e Brown divenne un turnista, lavorando fra gli altri con Boz Scaggs; tutti e tre poi suonarono come gruppo di supporto nell'album "Duane & Gregg Allman" dei fratelli Allman, uscito nel 1972.
Euro
23,00
codice 3515951
scheda
Aa.vv. (mekons, billy bragg, lindisfarne, tom robinson...) Heads Held High - The Album (Jarrow 86)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1986  hhh productions 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
L'originale stampa inglese, copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, etichetta custom grigia e bianca con scritte grigie e rosse, catalogo HHH 86; del progetto animato dalla associazione Jarrow 86, composito lavoro intitolato Heads Held High The Album. Uscita nel 1986, questa raccolta, i cui fondi originariamente erano indirizzati alle organizzazioni a sostegno dei disoccupati, si ispirava alla Jarrow March, chiamata anche Jarrow Crusade, marcia di protesta attuata nell'Ottobre del 1936 contro la disoccupazione e le estreme condizioni di poverta' a cui il North East England era sottoposto, che aveva visto protagonisti inizialmene 200 lavoratori che partendo dalla citta' di Jarrow percorsero oltre 300 miglia raggiungendo la sede del parlamento a Londra (Palace Of Westminster). A cinquanta anni di distanza da quella storica protesta, un gruppo di commedianti teatrali, musicisti e artisti di strada ripercorse il tragitto della marcia fermandosi nelle principali citta', esibendosi e raccogliendo fondi per la loro causa. La prima parte dell' album e' intitolata "From The Show", e vede un vero e proprio cast alle prese con la rappresentazione di "Heads Held High", sorta di musical sull' argomento appositamente composto da Alan Hull dei Lindisfarne e Alan McDonald. La seconda parte invece vede il contributo di artisti che donarono alcune loro composizioni a favore dell'ambizioso progetto: apre Tom Robinson con il brano "Wedding" tratto dal suo album "Still Loving You", "Hard Times" di Brendan Croker & the 5 O'Clock Shadows, l' inno "Power In A Union" di Billy Bragg, tra i classici e piu' politicizzati brani dell'artista, in una inedita versione eseguita con i Pattersons, i Mekons con "Hello Cruel World", tratto dall' album "The Edge Of The World", Heaven 17 con "Crushed By The Wheels Of Industry" tratta dall' album "Endless" e il conclusivo inno "Marshal Riley's Army" dei Lindisfarne tratto dall'album "Back And Fourth".
Euro
10,00
codice 502511
scheda
Aa.vv. (punk new wave) right after this... ...alright?
lp [edizione] promozionale  stereo  uk  1981  A&M 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
L'originale stampa inglese, copertina (con moderati segni di invecchiamento) con "Promotional Use Only" stampato sul retro, etichetta bianca con scritte in lettere viola e verdi, catalogo Nuke 1. Pubblicata nel novembre del 1981, la raccolta SOLO PROMOZIONALE dedicata al programma realizzato per la radio Get Down intitolato "Christmas Day Show". Il programma radiofonico condotto da Stephen Lavers e Peter Richardson nel Natale del 1981 tende a seguire le orme di alcune trascrizioni della BBC Sessions, con i brani a cui si alternano o sovrappingono brevi interventi dei conduttori, una diretta radiofonica intenta "celatamente" a promuovere le nuove uscite edite per la A&M Records, con fantasiosi e divertenti collegamenti dal Salvador alla Polonia ed interventi telefonici. "Right After This... ...Alright?" oggi ci trasporta fantasticamente indietro nel tempo, in terre a noi straniere durante il Christmas Day, sintonizzati davanti ad una vecchia radio, consolati dal calore del fuoco di un camino in compagnia di un buon cognac, divertiti dagli interventi e persi nelle sessioni di radio Get Down che vede protagonisti THE POLICE "spirit in the material world", SQUEEZE "messed around", CHAS JANKEL "109", CARPENTERS "have yourself a merry little christmas", ELKIE BROOKS "if you leave me now", JOAN ARMATRADING "i'm lucky", CHRIS DE BURGH "a spaceman came travelling", THE POLICE "every little thing she does is magic", SQUEEZE "labelled with love", JOAN ARMATRADING "no love", QUINCY JONES "razzamatazz", ELKIE BROOKS "fool if you think it's over", HERB ALPERT "manhattan melody", JOE JACKSON "jumpin' jive"
Euro
13,00
codice 502513
scheda
Aa.vv. (usa punk / hardcore) Rodney on the roq (1st label!)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1980  posh boy 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
La prima rarissima stampa americana, copertina (con lievi segni di invecchiamento) senza barcode, LA ORIGINARIA ETICHETTA ROSA con scritte nere e logo Posh Boy rosso in alto, catalogo PBS106, presto ristampato con etichetta argento e comunemente venduto come originale in quella assai piu' comune versione. Pubblicata dalla Posh Boy nel novembre del 1980, la prima di tre splendide raccolte che hanno testimoniato come meglio non si sarebbe potuto la splendida scena californiana di Los Angeles nella fase di passaggio dal punk rock all' hardcore, con quattordici brani si straordinario livello tratti da rarissimi singoli od ep ed in alcuni casi assolutamente all' epoca inediti. Bellissima la copertina (...), curiosa la partecipazione al progetto di Brooke Shields che introduce il disco. Ecco la lista completa dei brani: Agent Orange - bloodstains (tra i massimi capolavori della scena in questione, la micidiale title track del loro primo 7" uscito proprio nel 1980) / Adolescents - amoeba (uno dei migliori brani dell' album capolavoro "Adolescents", che sarebbe pero' uscito solo alcuni mesi dopo) / Circle Jerks - wild in the streets (riuscitissima cover del brano di Garland Jeffreys, quasi due anni dopo riregistrata ed inclusa nel secondo album che ne prendera' il titolo) / UXA - tragedies (altro gioiello, dall' unico album "Illusions Of Grandeur" uscito nello stesso 1980) / Klan - pushin’ too hard (notevolissima cover punkizzata del classico dei Seeds, facciata A del loro unico singolo del 1980) / Black Flag - no values (dal primo storico 12" "Jealous Again", 1980) / Rik L Rik - the outback (straordinario brano all' epoca inedito di implosiva parossistica tensione, da parte dell' Iggy Pop della scena punk californiana, gia' con F-Word e Negative Trend) // Crowd - right time (tipico riuscitissimo "Beach punk", con una forte componente melodica, dal loro primo album "A World Apart" del 1980)/ David Micro­wave - i don’t want to hold you (gioiellino di 60's pop in chiave synth punk-wave da parte del componente dei Los Microwaves) / The Nuns - wild (uno degli episodi migliori del primo album "Nuns" della leggendaria punk band) / Fender Buddies - furry friend (progetto estemporaneo di interessante synth punk) / Vidiots - laurie’s lament (preziosa traccia altrimenti inedita, tra le pochissime disseminate dalla storica ma misconosciuta band di punk rock con sfumature art-punk)/ Simpletones - tv love (piacevolissimo punk pop con influenze 60's, per questa storica band legata a Chiefs, Rik L Rik, Klan, Stepmothers...) / New York - surprise (diversivo che nulla a a che fare, almeno musicalmente, con il punk, si tratta di una tale Cristina alle prese con la nota "Is that all there is” di Peggy Lee.
Euro
28,00
codice 317111
scheda
Aiazzi antonio (litfiba, beau geste) linea gialla (signed!)
lp [edizione] originale  stereo  ita  2017  Contempo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
COPIA AUTOGRAFATA DALL' AUTORE, l' originale stampa, nella versione in vinile nero, edizione limitata, copertina "die cut" con aperture sagomate sul fronte, inner sleeve, etichetta nera con scritte e logo gialli, catalogo C01019LP. Pubblicato nel novembre del 2017, il primo album solista dell' ex Litfiba e Beau Geste, che sara' seguito nel 2021 da "Mephisto Ballad", coaccreditato a Gianni Maroccolo. Dopo la militanza nei Litfiba, e le molte colonne sonore per cinema e teatro composte come membro dei Beau Geste, Aiazzi da' inizio alla sua discografia solista con un lavoro in cui si incontrano elettronica da ascolto e musica concreta, suoni di musica e suoni e rumori dell'ambiente contemporaneo in cui viviamo, che si integrano qui in una suadente sintesi: affascinanti sono le melodie minimaliste di ''Tramvia'', in cui note elettroniche e note di piano di incontrano sparse sopra un tessuto ritmico incalzante e regolare che sembra evocare il movimento sulle rotaie, fino a che le melodie non si fanno piu' avanti ricamando un'elettronica psichedelica e contemporanea; altrove la musica si fa piu' intimista e distesa, evocando a tratti un senso di isolamento ma anche un approccio contemplativo sulla vita quotidiana di tanti luoghi di Firenze, che Aiazzi ha catturato con uno smartphone, dal passo dei musici del calcio storico al chiacchierare dei turisti, e che fornisce il terreno su cui il musicista ha costruito l'edificio sonoro di ''Linea gialla'', in cui suoni e rumori del mondo in cui viviamo si insinuano nella musica che ascoltiamo, e dall'esterno verso il nostro interiore, per quanto isolato o protetto esso sia reso dai ritmi e dai condizionamenti del vivere contemporaneo.
Euro
25,00
codice 261278
scheda
Air Talkie walkie
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2004  parlophone 
indie 90
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili,, etichetta custom. Pubblicato in Europa (anche per il mercato inglese) dalla Source/Virgin alla fine del gennaio 2004, dopo "10.000 Hz legend" (01), prima di "Pocket symphony" (07), il quarto album del duo francese. Prodotto dalla band stessa e da Nigel Goldrich, "Talkie walkie" propone una serie di canzoni elettroniche dalle atmosfere languide e sensuali alla Gainsbourg, fughe ambient in stile floydiano, create con l'ausilio di tastiere vintage e campionatori, in un elettronica che ricorda anche i Kraftwerk e J.M. Jarre. Gli Air, influente duo francese capostipite dell'easytronica, si formano nel 1995 a Parigi grazie a Nicolas Godin (voce filtrata, basso, chitarre elettriche, synth, organo, percussioni) e Jean-Benoit Dunckel (organo, piano, synth, voce filtrata). Tra il '96 e il '97 pubblicano una serie di singoli per la l'etichetta inglese Mo' Wax e per quella francese Source, raccolti poi in "Premiers Symptomes" del 1999, nel '98 firmano per la Virgin e pubblicano quello che e' divenuto un classico della fine del secolo, l'album "Moon Safari", in cui definiscono il loro stile, elettronica downbeat, sottoforma di canzoni pop, basando le composizioni su bassi rotondi e pulsanti dalla groove soul-funk, imperniate di atmosfere languide e fughe ambient in stile floydiano, grazie all'inserimento di tappeti di synth (moog, Korg MS20, vocoder, casiotone), utilizzando inoltre campionamenti ed effetti dalle sonorita' retro' alla Jean Michel Jarre. Ma le influenze dei due francesi includono anche sonorita' electro pop anni '80, contaminate da influssi Kraftwerk, avvolte da una seducente atmosfera flou vaporosa e melliflua, ormai divenuta il marchio di fabbrica del duo.
Euro
29,00
codice 2111819
scheda
Animal collective sung tongs
LP2 [edizione] nuovo  stereo  can  2004  domino 
indie 2000
ristampa del 2021 in doppio lp, copertina apribile. Il quinto album del duo indie folk sperimentale formato da Avey Tare e Panda Bear, registrato a Hades, Lamar, Colorado, durante il settembre del 2003, composto tramite sovrapposizioni di strumenti acustici e fields recordings e attraverso manipolazioni digitali, i brani di questo disco sono comunque piu' definiti rispetto a quelli dei loro lps precedenti e divengono "quasi-canzoni", dall'atmosfera surreale e dall'esito imprevedibile, su cui si inseriscono melodie e cantati che le rendono familiari all'ascolto, le influenze vanno dall'avant folk al noise, dal lo-fi alla psychedelia. una delle opere piu' originali degli ultimi anni, consigliato. riferimenti a Books, Flaming Lips, Incredible String Band. etichette custom, senza codice a barre, copertina ruvida.
Euro
39,00
codice 2129649
scheda
Aphex twin windowlicker
12" [edizione] nuovo  stereo  uk  1999  warp 
indie 90
ristampa pressoché identica all'originale. etichetta custom fotografica. Pubblicato nel marzo del 1999 dalla Warp in Gran Bretagna e dalla Sire negli USA, il celebrato ep ''Windowlicker'' usci' dopo il quarto album ''Richard D. James album'' (1996) e prima del quinto lp ''Drukqs'' (2001). Considerato da molti uno dei massimi vertici della musica del compositore elettronico inglese, questo ep contiene tre brani inediti su album, dai toni e dagli stili differenti: ''Windowlicker'', che venne accompagnata da un celebre video, inquietante, sensuale e comico al tempo stesso, e' un pezzo melodico e notturno, in cui gli interventi vocali hanno inequivocabili richiami erotici, sostenuti da un ritmo e da melodie languide e relativamente distese; ''Equation'' si colloca invece sul versante piu' astratto e spigoloso della musica di Aphex Twin, con i suoi ritmi irregolari in preminenza, mentre il brano di chiusura ''Nannou'' e' una delicata litania cerebrale, rarefatta fin quasi al silenzio. Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e la ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da ''Selected ambient works, vol. 2'', altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
24,00
codice 2111958
scheda
Aphrodite's child 666 - the apocalypse of john, 13/18
lp2 [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1972  vertigo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Doppio album, seconda rara stampa italiana del 1976, copertina (in belle condizioni ma con qualche scoloritura sul fronte) laminata ed apribile, etichetta bianca e nera con logo a spirale ''swirl'', catalogo (cambiato rispetto alla prima edizione) 6641439A sulla copertina, 9286089 e 9286090 sui rispettivi vinili, trail off con data ''20-04-72'', timbro Siae del secondo tipo, in uso tra il 1975 ed il 1978/79, con diametro di circa 15 mm e marchio Siae che ne occupa l' intero cerchio centrale. Pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1972 dopo ''It's 5 o clock'' e non entrato in classifica ne' in Uk ne' in Usa. Il terzo album. Considerato unanimemente come uno dei capolavori del progressive europeo, pietra miliare della musica degli anni '70, e' un doppio concept album dalla complessita' estrema, composto da Vangelis Papathanassiou su libretto di Costas Ferris, sul tema della Apocalisse di Giovanni, l' opera si struttura in lunghe suites divise in frammenti strumentali e cantati con uso massiccio di tastiere e chitarre acide e distorte in un mix irripetibile di progressive, psichedelia, musica antica, folk, beat, pop, narrazioni, tocchi di jazz ed invenzioni mai prima tentate, e' un album realmente eccezionale e non trova termini di paragone per originalita' in nessuna opera composta prima o dopo di questa. Gli Aphrodite's Child formati da Vangelis Papathanassiou, Lucas Sideras e Demis Roussos, nascono a meta' degli anni '60 in Grecia sulle ceneri di due gruppi beat, ma presto si trasferiscono in Inghilterra dove iniziano a registrare ed a divenire parte della scena underground, con un mix di progressive, folk, psichedelia, certamente da considerarsi tra i principali dell'intero movimento musicale dell' Europa continentale.
Euro
40,00
codice 261253
scheda
Arcade fire Arcade fire ep
12" [edizione] nuovo  stereo  eu  2003  arcade fire 
indie 2000
ristampa riamsterizzata con copertina esclusiva apribile. l'ep di debutto degli Arcade Fire, sette brani registrati nel 2002 e usciti in cd autoprodotto nel 2003, con una line-up diversa dai successivi lavori. Guidati dalla coppia Win Butler-Regine Chassagne, gli Arcade Fire propongono gia' dal primo album "Funeral", una musica intensa ed autunnale, in equilibrio tra indie-rock e post punk, contraddistinta da un pathos pervaso di romanticismo e da un suono pieno ed energico, con pianoforte e chitarre distorte in evidenza. Hanno ottenuto un forte consenso di critica e di pubblico e hanno condiviso le scene con personaggi del calibro di David Bowie e U2. La discografia si completa con "Neon bible" nel 2007, "The Suburbs" nel 2010 e "Reflektor" nel 2013.
Euro
23,00
codice 2111919
scheda
Astley rick Whenever you need somebody (+ poster)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1987  Rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata e corredata del grande poster con foto di Rick Astley a colori, prima stampa italiana su RCA, copertina lucida fronte retro con barcode, inner sleeve con testi e foto, label nera con scritte e logo argento, catalogo PL71529. Pubblicato nel novembre del 1987 dalla RCA, giunto al primo posto in classifica nel Regno Unito ed alla decima posizione negli USA, il primo album, precedente "Hold me in your arms" (1988). Un classico esempio della levigata produzione dance pop di Stock, Aitken & Waterman, l'album si apre proverbialmente con la grandissima hit "Never gonna give you up", giunta in vetta alle classifiche di mezzo mondo, seguita a ruota dalla altrettanto appiccicosa "Whenever you need somebody" e dalla romantica "Together forever", anch'esse due grandissime hits: tutti brani che evidenziano l'azzeccato ibrido fra le influenze del soul melodico classico e la moderna produzione intrisa di elettronica di SA&W. L'inglese Rick Astley è una delle icone del pop ballabile degli anni '80, in particolare quello architettato dal celebre team di produzione Stock, Aitken & Waterman; in possesso di una voce profonda ma dolce ed avvolgente, chiaramente ispirato dal soul melodico classico, ma capace di trasportarlo nell'epoca dei sintetizzatori e delle ritmiche secche e dance oriented del pop melodico degli anni '80, Astley debuttò con il botto nel 1987 grazie al primo album "Whenever you need somebody" ed ancor più grazie al primo singolo "Never gonna give you up", uno dei grandi tormentoni dei tardi anni '80. Distaccatosi da Stock, Aitken & Waterman all'inizio degli anni '90, Astley tenterà una strada più personale e creativamente autonoma con il terzo album "Free" del 1991, riscuotendo un successo assai minore rispetto ai primi dischi, e nel primo scorcio del XXI secolo godrà di un ritorno in auge presso il pubblico britannico.
Euro
23,00
codice 336127
scheda
Back jack Back jack
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1974  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, copertina senza codice a barre, inserto con foto, note e testi, label rossa con bordo arancio e bianco su di una facciata, con foto del gruppo in bianco e nero e grande logo RidingEasy sull'altra, catalogo EZRDR-177. Pubblicato nel 2024 dalla RidingEasy, questo album compila otto registrazioni inedite di questo oscuro gruppo hard rock americano della zona di St. Louis, Missouri, attivo nella prima metà degli anni '70, che non pubblicò alcunché durante la sua carriera. Attivi sul circuito live locale, suonavano un ruvido hard rock dalla produzione relativamente primitiva, dal sound stradaiolo e memore della stagione garage, ma pienamente ispirato dalle innovazioni e dalla potenza portate dai primi gruppi di rock pesante inglesi come Led Zeppelin, Deep Purple e Black Sabbath, anche nelle atmosfere, spesso cupe, dei loro lunghi brani. Il gruppo prese le prime mosse nel 1971, inizialmente con il nome di Trellis, presto mutato in Back Jack; il nucleo della formazione che nel 1974 avrebbe inciso molti dei brani qui compilati era formato da Kim McKinney, Mike Collier e Hans Myers. Aprirono in quell'anno i concerti di gruppi come Blue Oyster Cult e Trapeze, poi la formazione si ampliò a quartetto nel 1975, composta da Collier e McKinney con due ex membri di un'altra band locale, gli Osage Lute; quattro dei brani di questa raccolta furono registrati da questa configurazione del gruppo, che aprì i concerti di nomi come Ted Nugent, Rush e James Gang, sciogliendosi poi nella tarda estate del 1975. I brani qui compilati ci offrono il ritratto di un gruppo che sposa le innovazioni e la cupa potenza del primo heavy rock britannico con la più cruda e stradaiola attitudine dello underground della periferia statunitense degli anni '70. Questa la scaletta: "Bridge Waters Dynamite", "Reefer Madness", "Gearhead", "Satisfied Man", "Assault And Battery", "As You Were", "Tomorrow", "California".
Euro
29,00
codice 3515944
scheda
Back jack Back jack (ltd. coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1974  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile colorato, pressata in 500 copie, copertina senza codice a barre, inserto con foto, note e testi, label rossa con bordo arancio e bianco su di una facciata, con foto del gruppo in bianco e nero e grande logo RidingEasy sull'altra, catalogo EZRDR-177. Pubblicato nel 2024 dalla RidingEasy, questo album compila otto registrazioni inedite di questo oscuro gruppo hard rock americano della zona di St. Louis, Missouri, attivo nella prima metà degli anni '70, che non pubblicò alcunché durante la sua carriera. Attivi sul circuito live locale, suonavano un ruvido hard rock dalla produzione relativamente primitiva, dal sound stradaiolo e memore della stagione garage, ma pienamente ispirato dalle innovazioni e dalla potenza portate dai primi gruppi di rock pesante inglesi come Led Zeppelin, Deep Purple e Black Sabbath, anche nelle atmosfere, spesso cupe, dei loro lunghi brani. Il gruppo prese le prime mosse nel 1971, inizialmente con il nome di Trellis, presto mutato in Back Jack; il nucleo della formazione che nel 1974 avrebbe inciso molti dei brani qui compilati era formato da Kim McKinney, Mike Collier e Hans Myers. Aprirono in quell'anno i concerti di gruppi come Blue Oyster Cult e Trapeze, poi la formazione si ampliò a quartetto nel 1975, composta da Collier e McKinney con due ex membri di un'altra band locale, gli Osage Lute; quattro dei brani di questa raccolta furono registrati da questa configurazione del gruppo, che aprì i concerti di nomi come Ted Nugent, Rush e James Gang, sciogliendosi poi nella tarda estate del 1975. I brani qui compilati ci offrono il ritratto di un gruppo che sposa le innovazioni e la cupa potenza del primo heavy rock britannico con la più cruda e stradaiola attitudine dello underground della periferia statunitense degli anni '70. Questa la scaletta: "Bridge Waters Dynamite", "Reefer Madness", "Gearhead", "Satisfied Man", "Assault And Battery", "As You Were", "Tomorrow", "California".
Euro
30,00
codice 3515945
scheda
Baglioni claudio sabato pomeriggio / poster
7" [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1975  rca italiana 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
singolo in formato 7", seconda stampa italiana, copertina nella seconda variante con data "7-75" stampata sul retro, e non piu' "6-75", etichetta Rca Italiana blu con Rca in verticale e Italiana in orizzontale, con data "6/75" stampata in basso, catalogo TPBO-1146, timbro Siae del primo tipo, con diametro di circa 13/13,5 mm, in uso tra il 1970 ed il 1975, e piu' piccolo dei successivi. Pubblicato in Italia nel luglio del 1975 dopo ''E tu'' e prima di ''Solo''. Il sesto lp. Registrato con gli arrangiamenti di Luis Enriquez Bacalov. Il disco giunse al primo posto delle classifiche italiane e spagnole, alla sua uscita seguirono due mesi di tour in Sudamerica: Argentina, Brasile, Peru', Venezuela e Messico. nell'album suonano massimo buzzi, ciro cicco, luciano ciccaglioni, enrico ciacci, piero ricci, antonio coggio, i cantori moderni di alessandroni. Lavoro dalla fama leggendaria e simbolo della rinascita artistica e musicale della ''canzone italiana'' che trova finalmente una sua via, moderna e distaccata da quella oramai fuori tempo massimo degli interpreti del passato, e' sicuramente uno dei dischi piu' celebri tra quelli usciti nel paese negli anni ''70, qui Baglioni e' colto in un momento cruciale e di passaggio, sia come compositore che come musicista, una maturazione, sociale ed umana, che lo vedra' sempre piu' vicino a temi che si distaccano dalla canzone d' amore per avvicinarlo a quella d'autore vera e propria, in un percorso musicale che ha piu' di un affinita' con l'altro grande simbolo della musica del belpaese, a lui di pochi anni precedente , Lucio Battisti, che come lui affrontera' un percorso artistico lontano da precise connotazioni politiche, scelta questa non facile in quegli anni, e che releghera' entrambi in un ambito assai lontano dall'ambiente ''intellettuale'' che non riuscira' a comprendere come invece proprio nei lavori di questi artisti vadano ricercate molte delle innovazioni, sia per i testi che per le musiche che rinnoveranno negli anni successivi dal profondo la musica popolare italiana. contiene i seguenti brani- aspettare, carillon, alzati giuseppe, poster, tutto qua, doremifasol, lampada osram, sisto v, il lago di misurina, ed aspettare, sabato pomeriggio .
Euro
6,00
codice 253112
scheda
Battiato franco sulle corde di aries (ltd. 180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  EU  1973  sony / saifam 
cantautori
ristampa del 2024, in vinile 180 grammi, edizione limitata di 300 copie, numerate da un adesivo posto sul cellophane, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Bla Bla. Pubblicato in Italia nel marzo del 1973 dopo ''Pollution'' e prima di ''Clic'', non entrato nelle classifiche italiane. Pubblicato in Italia dalla Bla Bla nel marzo del 1973 dopo ''Pollution'' e prima di ''Clic'', non entrato nelle classifiche italiane. Il terzo album. Contiene i seguenti brani- Sequaenze e Frequenze, Aria Di Rivoluzione, Da Oriente a Occidente. Testi e musiche di Franco Battiato, prodotto da Pino Massara, Battiato voce solista, vcs3, piano preparato, calimba, Gianni Mocchetti chitarra mandola, voce, Gianfranco D' Adda percussioni, Gianni Bedori sassofono, Jane Robertson violoncello, Daniele Cavallanti clarino e sax soprano, Gaetano Galli oboe, Rossella Conz soprano, Jutta Nienhaus soprano, voce recitante, fiati del conservatorio di Milano, tecnici del suono Luciano Mariotti, Gian Luigi Pezzera; registrato al Regson di Milano. Considerato da molti come il maggiore album della intera musica Italiana, si tratta certamente di un capolavoro assoluto che nulla ha da invidiare ai masterpieces inglesi o tedeschi degli anni '70, ed eì non a caso uno dei pochissimi dischi italiani che gode di grande considerazione in Inghilterra, Germania ed Usa anche al di fuori dei circuiti collezionistici. Contiene supremi capolavori quali ''Sequenze e frequenze'', ''Aries'', ''Aria di rivoluzione'', ''Da oriente a occidente'', ed e' un album che coniuga, caso unico nella storia della musica della penisola e non solo, la sperimentazione minimalista di stampo Riley alla tradizione arabo orientale e tedesca, per le atmosfere la prima e per la profondita' filosofica la seconda. la musica e' ora assai diversa da quella di ''Pollution'' anche se da essa evidentemente discendente, lavoro assai oscuro, malinconico, mistico ed inquieto, i testi sono certamente i piu' belli che Battiato abbia mai scritto fino a quel momento e per ceri versi in assoluto, vi e' la rivelazione di un mondo sospeso tra l'esotismo mistico del vicino oriente e la mittleeuropa letteraria in cui la Sicilia, qui ricordata e trasfigurata, si trasforma al tempo in luogo fuori dal tempo e crocevia spaziale, ricordi, speranze, immagini e riflessioni si sovrappongono senza soluzione di continuita'. Il disco venne presentato live nel 1973 in Inghilterra, all'interno della copertina due foto tratte da questo tour vedono Battiato in compagnia di Stomu Yamash'ta e di Karl Heinz Stockausen, in Italia invece suonera' moltissimo, presentandosi a molti dei raduni pop estivi in cui proporra' un set intitolato ''Battiato Pollution Happening'' in cui proporra' musica ''Contemplativa per la mente''.
Euro
33,00
codice 3034920
scheda
Battisti lucio amore e non amore (+ booklet)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  rca / sony 
cantautori
Ristampa del 2021, rimasterizzata ed arricchita della presenza di un esclusivo libretto con foto e note, copertina apribile pressoche' identica a quella della originaria tiratura su Ricordi. Pubblicato in Italia nel luglio del 1971 dopo ''Emozioni'' e prima di ''Volume 4''; tutte le musiche sono di Battisti e tutti i testi di Mogol, contiene otto brani di cui 4 dai titoli lunghissimi, fu registrato con la Premiata Forneria Marconi ed Alberto Radius, e' considerato il suo lavoro piu' progressive e sperimentale. La registrazione del disco risale al dicembre del 1970, ma la Ricordi , considerando l'LP tropo estremo prefer￾ non rischiare e al posto di questo pubblica un disco che, pur essendo in discografia il secondo album ufficiale di Battisti, Š a tutti gli effetti un'antologia, intitolata Emozioni. Per vedere pubblicato questo Amore e Non Amore bisognera' attendere infatti il luglio 71, , il disco contiene i seguenti brani- . Dio mio no, Seduto sotto un platano con una margherita in bocca guardando il fiume nero macchiato dalla schiuma bianca dei detersivi, Una, 7 agosto di pomeriggio. Fra le lamiere roventi di un cimitero di automobili solo io, silenzioso eppure straordinariamente vivo, Se la mia pelle vuoi, Davanti ad un distributore automatico di fiori dell'aeroporto di Bruxelles anch'io chiuso in una bolla di vetro, Supermarket, Una poltrona, un bicchiere di cognac, un televisore. 35 morti ai confini di Israele e Giordania. Si tratta del primo tentativo da parte di Battisti e Mogol di dare vita ad un album unitario, una sorta di concept mutuato dall' arrivo del progressive in Italia, nello stile tuttavia l'opera e' assai vicina al rock ed al rock and roll e ricorda e predata curiosamente anche nei toni della voce cio' che avrebbe fatto oltre 10 anni dopo Zucchero Fornaciari, mentre i 4 brani dai titoli lunghissimi sono degli strumentali basati su una estetica nuova e rivoluzionaria, per la musica Italiana d'autore, che propongono continue novita' in sede di composizione ed arrangiamento.
Euro
26,00
codice 2129657
scheda
Battisti lucio Il nostro caro angelo
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2017, rimasterizzata, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura su Numero 1. Pubblicato in Italia nel settembre del 1973 dopo ''Il mio canto libero'' e prima di ''Anima latina'', giunto al primo posto delle classifiche italiane, il sesto lp. Tutti i brani sono di Mogol-Battisti e suonati con Gianni Dell 'Aglio, Bob Callero, Gian Piero Reverberi; in questo album Lucio Battisti compie un passo avanti nella starda della sperimentazione sonora e si distacca, sia pure parzialmente, dalle classiche atmosfere melodiche dei due album del 72, per approfondire il rapporto tra struttura armonica e struttura ritmica . I brani "Il nostro caro angelo" e "La collina dei ciliegi" si ricollegano evidentemente , sia nel climax che nella struttura del brano, ai brani piu' ''classici'' dei due anni precedenti, mentre "Le allettanti promesse" usufruisce di un testo ed una architettura del tutto inedite per il mondo cdel pop italiano, gli altri cinque brani vedono le splendide "La canzone della terra", "Io gli ho detto no" e "Prendi fra le mani la testa" che si situano a meta' strada tra la tradizione e l'innovazione, con una potente ritmica a cui contribuiscono tuti gli strumenti impiegati e non solo basso e batteria ceratmente uno dei grandi classici della musica italiana, vede una splendida e surrerale copertina concepita da Mogol e dallo studio G 7, che rimane come una delle piu' spettacolari ed originali in assoluto in tutta la storia della grafica musicale della penisola. il disco contiene i seguenti brani- La collina dei ciliegi, Ma e' un canto brasileiro, La canzone della terra, Il nostro caro angelo, Le allettanti promesse, Io gli ho detto no, Prendi fra le mani la testa, Questo inferno rosa.
Euro
28,00
codice 2127748
scheda
Battisti lucio l' apparenza
lp [edizione] originale  stereo  ita  1988  numero 1 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
Prima rara stampa italiana copertina pressata come tutte le copie in Germania, lucida senza barcode, completa di inner sleeve, etichetta verde con logo bianco ed arancio in alto, trail off senza data, catalogo PL71850. Pubblicato in Italia nel settembre del 1988 dopo ''Cosa succedera' alla ragazza'' e prima di ''Hegel'', il diciassettesimo album. Prodotto da Robyn Smith, suonato con Robyn Smith, Mitch Dalton, Orchestra diretta da Gavyn Wright. Registrato da John Gallen. Tutti i brani sono scritti da Lucio Battisti e Pasquale Panella. Contiene i segueti brani: Portata di mano, Specchi opposti, Allontanando, L' apparenza, Per altri motivi, Per nome, Dalle prime battute, Lo scenario. "L'apparenza" segue a distanza di due anni il rivoluzionario e discusso "Don Giovanni" e ne ripete l' impatto e lo stile, confermando che la svolta antimelodica di Lucio Battisti e' definitiva. La collaborazione col poeta Pasquale Panella continua, mentre la produzione e' affidata a Robin Smith che cura anche gli arrangiamenti. Il prodotto finale non si discosta troppo da quello precedente, si respira la stessa aria algida e cerebrale. La copertina ha assunto i connotati minimali che verranno ripetuti per tutti gli albums successivi: bianco ghiaccio con titolo, autore e pochi tratti di nero. Testi e suoni sono piu' malinconici e scuri, e affiora un senso di pessimismo che pervade l' opera, tra le istruzioni di Battisti al suo paroliere vi e' ora il divieto assoluto di parlare d' amore, una condizione che alla lunga creera' attriti tra i due. Musicalmente "L'apparenza" presenta una tessitura simile a "Don Giovanni", col pianoforte in grande evidenza, coadiuvato da un leggero e sobrio accompagnamento orchestrale. La base ritmica e' molto sintetica e modernista, mentre la voce di Battisti utilizza toni alti con nessuna concessione alle facili melodie. L'unica traccia che puo' ricordare il lavoro del passato e' come nel precedente album quella che apre il disco, in questo caso ''A portata di mano''. Album difficile e complesso, necessita di ascolti ripetuti per essere svelato appieno.
Euro
30,00
codice 261257
scheda
Baustelle L'amore e la violenza (ltd avorio)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  atlantic 
indie 2000
Ristampa in vinile color avorio, edizione limitata numerata , vinile 180 grammi, copertina apribile, inner sleeves." Dopo il monumentale “Fantasma” (2013) i Baustelle pubblicano “L’amore e la violenza” (2017), disco definito da Bianconi “oscenamente pop”. In chiave postmoderna si ritorna al synth pop de il “Sussidario illustrato della giovinezza” (2000) e de “La moda del lento” (2003), di citazione in citazione: il titolo – “L’amore e la violenza” - richiama alla mente “L'Amour et La Violence” di Sébastien Tellier; il primo singolo, “Amanda Lear”, racconta una “storia di common people” , con sonorità alla Pulp, citando Amanda Lear e l’epoca dei vinili (“I wanna be Amanda Lear/ il tempo di un LP/ il lato A, il lato B”); “Basso e Batteria” riprende il giro introduttivo della sigla di Sandokan e il gruppo dichiara ironicamente di voler essere “gli Oliver Onions del Duemila"; “Eurofestival” , incrocio tra la “Let’s stick together” (interpretata a suo tempo da Bryan Ferry) e Battiatismi vari, è un cut up di contrasti (che vanno e vengono) in un “mondo di amore e violenza”; “La Musica Sinfonica” (che in fase di scrittura si chiamava “ Rondò Valentino”) è l’incontro/scontro tra il Rondò Veneziano e “Comprami” di Viola Valentino; “Ragazzina” ricorda, invece, “Uomini persi” di Claudio Baglioni. Dodici tracce (quelle del disco), quindi, che sono un bignami, ben prodotto, della musica leggera anni settanta e ottanta. I Baustelle (parola tedesca che significa lavori in corso) si formano a Montepulciano (SI), nella seconda meta' dei novanta. Debuttano nel 2000 con "Sussidiario illustrato della giovinezza", in cui si ritrovano elementi della canzone d'autore italiana e francese, la new wave, elettronica, colonne sonore e la bossa nova. Nel 2003 esce "La moda del lento", con cui rafforzano la propria idea di musica, fra canzone d'autore e pop, ricevendo positivi consensi da parte della critica specializzata e non. Due anni piu' tardi esce il terzo "Malavita", con suoni piu' rock e piu' potenti, registrato dal produttore storico del rock italiano, Carlo U. Rossi, la cui produzione prosegue anche in "Amen", disco di platino, che vanta la collaborazione di numerosi musicicti fra cui Sergio Carnevale, Mulatu Astatke, Beatrice Antolini. Prima del quinto album "I mistici dell'occidente, pubblicano la colonna sonora del film "Giulia non esce la sera" del regista Giuseppe Piccioni, incidendo un inedito duetto con l'attrice valeria Golino, "Piangi Roma".
Euro
31,00
codice 2129672
scheda
Beatles 1962/1966 (red vinyl)
lp2 [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1973  Apple 
  [vinile]  Very good  [copertina]  excellent rock 60-70
seconda stampa inglese del 1978, NELLA RARA E RICERCATA VERSIONE IN VINILE ROSSO, copia con lievi segni di invecchiamento sul vinile e con due nomi scritti a penna biro sull' adesivo sul fronte e su due etichette, copertina apribile laminata all' esterno (nella versione definitiva che riporta all' intrerno accreditato alla produzione George Martin) stampata da Garrod & Lofthouse come indicato dalla sigla "G & L" sulle inner sleeves, e con l' originario adesivo che indica il colore del vinile, completa di inner sleeves con testi, sagomate all' apertura e nella seconda versione, con angoli stondati, etichetta con sfondo rosso, con mela verde su un lato e bianca tagliata sull' altro, in orizzontale le indicazioni "An Apple Records", "An E.M.I. Recording" e "The Gramophone Company limited'', trail off matrix sul lato 1 "YEX 905 -4", sul lato 2 "YEX 906 -4", sul lato 3 "YEX 907 -3", sul lato 4 "YEX 908- 3", catalogo PCSPR717 sulla copertina, PCS7171 sulle etichette. Pubblicato originariamente nell'aprile del 1973 e giunto al terzo posto delle classifiche UK e di quelle USA. Manifesto del primo periodo con tutti i singoli e molti inediti su lp. Rimane a tutt'oggi la piu' bella e ben fatta testimonianza dei Beatles dopo lo scioglimento, insieme all'altro volume ''1967-1970'', il disco, di importanza storica eccezionale, per molti quasi un album ''normale'' e non una raccolta, fu per una intera generazione, quella nata negli anni '60, il primo incontro con i Beatles e per molti ascoltatori i brani inclusi nelle due raccolte, quella blu e questa rossa, gli unici conosciuti del repertorio del gruppo prima di avvicinarsi agli albums ''normali''. Pubblicato originariamente nell'Aprile del 1973 e giunto al terzo posto delle classifiche UK e di quelle USA, contiene 26 brani perlopiu' tratti da singoli, con diversi inediti su lp, ecco la scaletta con date di uscita degli originali singoli, i brani inediti su lp sono specificati, cosi' come quelli non pubblicati su singolo. Love me do (10/62), please please me (3/63), from me to you (4/63, inedita su lp), she loves you (8/63 inedita su lp), i want to hold your hand (11/63), all my loving (non pubblicata su singolo), can't buy me love (3/ 64), a hard day's night (7 / 64), and i love her (8/ 64), eight days a week (2/ 65), i feel fine (11/ 64 inedita su lp), ticket to ride (4/65), yesterday (9/65), help (7/65), you 've got to hide your love away (non pubblicata su singolo), we can work it out (12/65 inedita su lp), day tripper (12/65 inedita su lp), drive my car (non pubblicato su singolo), norwegian wood (non pubblicato su singolo), nowhere man (2/66), michelle (non pubblicata su singolo), in my life (non pubblicata su singolo), girl (non pubblicata su singolo), paperback writer (6/66 inedita su lp), eleanor rigby (8/66), yellow submarine (8/66).
Euro
50,00
codice 261262
scheda
Beck Hyperspace
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  capitol 
indie 90
vinile 180 grammi, coupon per download, copertina apribile. "Hyperspace" (2019), quattordicesimo album in studio di Beck, è la diretta conseguenza della continua ricerca creativa del musicista americano. Questa volta, collaborando con Pharrell Williams (ben sette brani prodotti e scritti insieme), Greg Kurstin, Paul Epworth, Terrell Hines, Cole M.G.N. e tanti altri, ha creato il suo album retrofuturista, in bilico tra synth pop, dream pop, r'n'b, electropop e vaporwave. Beck, uno tra i più importanti esponenti della musica underground americana degli anni '90, è influenzato in gioventù sia dal blues rurale di Leadbelly e Mississippi John Hurt che dal noise e dallo hardcore; dopo alcuni anni trascorsi a New York, nel 1991 torna a Los Angeles, sua città natale, dove registra un 7" in 500 copie, "Loser", che diviene l'inno della generazione x, con enorme successo in tutti gli USA. Reclutato dalla Geffen, da qui in poi ogni suo nuovo album è un avvenimento internazionale, grazie ad un caleidoscopio sonoro in cui si intrecciano folk, noise, hip hop, psichedelia, tropicalia e pop. Album come "Odelay" del 1996 e "Sea changes" del 2002, sono fra i più acclamati e popolari dell'intera discografia.
Euro
20,00
codice 2094534
scheda
Beck jeff Blow by blow (orange vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  sony / epic / legacy 
rock 60-70
Ristampa ufficiale in vinile arancione, copertina pressoche' identica alla prima tiratura. Pubblicato nel marzo del 1975 dopo ''Jeff Beck group'' e prima di ''Wired'', giunto al quarto posto delle classifiche americane, non entrato in quelle inglesi, fu prodotto da george martin, ed inciso con richard bailey, phil chenn, max middleton, considerato una pietra miliare nel campo della fusion e dl jazz rock, e' un album completamente strumentale, fu definito dai recensori inglesi come un ''all time peak'' , e '' one of rock's greatest instrumental works'', lavoro che apre nuove frontiere alla musica di fusione ed in cui beck dimostra che il suo immane talento chitarristico puo' essere indirizzato verso traguardi importanti se, come in questo caso, messo nelle mani di veri professionisti come sir george martin in persona. il disco e' infarcito di brani che la critica defini' indimenticabili, ricordiamo tra gli altri, ''Cause we've ended as lovers'' ''Freeway jam''.
Euro
25,00
codice 2129624
scheda
Bennato edoardo Abbi Dubbi
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1989  virgin 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good cantautori
l' originale stampa italiana, copertina (con lievi segni di invecchiamento) in cartoncino lucido, con logo "Disco TV" sul retro, completa di inner sleeve con testi e disegni, etichetta Virgin grigia, data sul trail off "18-5-89", "More Echo, Alan" inciso sul trail off del lato B, catalogo EB955. Pubblicato in Italia nel maggio 1989 dopo ''Il gioco continua'' e prima di ''Edo Rinnegato'', il quattordicesimo album del cantautore napoletano. Da Wikipedia: "Abbandonata l'idea dei concept album, il cantautore napoletano pone la sua capacita' artistica al servizio della nostalgia e, come e' nei suoi canoni, della denuncia sociale. Il degrado del suo territorio, il ricordo dell'infanzia e dei valori persi negli anni. Grande il successo commerciale del disco, grazie soprattutto al singolo apripista "Viva la mamma"." Registrato con Edoardo Bennato voce, chitarra e armonica,Luciano Ninzatti chitarra e basso, Davide Romani programmazione computer basso e tastiere, Mauro Spina batteria e percussioni, Luis Jardin percussioni, James Simpson arrangiamenti sezione fiati e tastiere, Adam Sieff chitarra, Gary Barnacle sax tenore e sax baritono, Peppe Russo sax tenore, Andy Forest armonica, Tessa Niles Carol Kenton coro, Alfio Antico percussioni e marranzano. Contiene i seguenti brani- .Sogni, 2.La luna, 3.La chitarra, 4.Stasera o mai, 5.Mergellina, 6.Viva la mamma, 7.Abbi dubbi, 8.Vendo Bagnoli, 9.Ma quale ingenuità, 10.Zen.
Euro
15,00
codice 261258
scheda
Big daddy big daddy (What really happened to the band of '59)
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1983  making waves 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
la seconda stampa inglese, con un brano in piu' rispetto alla prima (nonche' alla versione americana del disco), ovvero ''Dancing in the dark'', posta all'inizio della prima facciata, ed uscita su singolo nel 1985), copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, con adesivo "Featuring Dancing in the Dark" sul fronte, label verde e bianca, catalogo SPRAY101, groove message ''boppin' bob at cts'' sul lato A. Pubblicato nel 1983 dalla Making Waves in Gran Bretagna e dalla Rhino negli USA, registrato con il grande Ray Campi ospite al contrabasso, il primo spassosissimo album dei Big Daddy, precedente ''Meanwhile... back in the states'' (1985). Se vi siete mai chiesti come suonerebbero ''Hotel california'' in chiave rockabilly anni '50 declinato al demenziale o la sigla di Guerre stellari in veste surf / rock'n'roll, questo e' il disco che fa per voi: i Bid Daddy qui esemplificano al massimo la loro originalissima e bizzarra idea, quella di interpretare in chiave rock'n'roll brani rock e pop di fine anni '70 e degli anni '80, ottenendo risultati esilaranti ma basati su di una bravura tecnica non indifferente e su di un lavoro di rilettura tutt'altro che superficiale. La storia degli americani Big Daddy e' avvolta nell'ombra, occultata dalla leggenda, da loro stessi creata, per cui il gruppo, reclutato dalle truppe americane per un tour nel sud est asiatico, sarebbe caduto nelle mani dei comunisti rivoluzionari del Laos. Fatti prigionieri per ventiquattro anni, una volta tornati in liberta', non avendo ascoltato niente della musica dell'ultimo ventennio, il gruppo non poteva che suonare con un vecchio stile, ossia in chiave rock'n'roll anni '50. La band, in realta' losangelina, offriva esilaranti cover di grandi hits degli anni '70 e '80 come ''Hotel california'', ''Ebony and ivory'', "Billie Jean", "Jump" e "Flashdance", riviste pero' in chiave incredibilmente e favolosamente rockabilly (detto per inciso, il gruppo suonava con una competenza ed una capacita' assolutamente rare) stravolte ovviamente nello spirito ma fedelissime nella struttura compositiva agli originali!
Euro
18,00
codice 253060
scheda

Page: 1 of 15


Pag.: oggetti: