Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 408
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
999 (Nine nine nine) 999 (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  music on vinyl 
punk new wave
Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Il primo album della longeva punk band di Northhampton basata a Londra, uscito nel febbraio del 1978 su United Artists in Gran Bretagna, dove giunse al 53esimo posto in classifica, e non pubblicato negli USA. Formatisi nel '76 come 48 Hours, per iniziativa di Keith Lucas (ribattezzatosi Nick Cash), gia' chitarrista nei Kilburn & the High Roads di Ian Dury, e qui anche cantante, si erano autoprodotti nell' agosto del '77 il singolo "I'm Alive", talmente ben accolto da procurare subito alla band un contratto con la United Artists; la grezza e travolgente facciata A di quell' acerbo singolo e' qui per fortuna inclusa, cosi' l' ancora piu' aggressiva "No Pity", b-side del secondo singolo, ma forse ancora meglio a rappresentare la musica della band possono essere indicati il punk pop non privo di elementi 60's della semplicemente deliziosa "Me and My Desire" o della meno immediata ma bellissima "Emergency", non a caso scelte come facciate A dei singoli usciti a cavallo dell' album, che resta uno degli esempi piu' freschi ed efficaci di tutta la scena punk inglese. Una musica secca ed irruenta, che non nasconde i suoi forti legami con il proto punk di certo pub rock inglese, e fondamentalmente "pop", a tratti non distante da quella dei compagni di etichetta Buzzcocks, all' insegna del puro divertimento (un filone fondamentale e spesso sottovalutato della scena punk non solo inglese).
Euro
28,00
codice 3028591
scheda
A perfect circle Thirteenth step
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2003  music on vinyl 
indie 2000
Ristampa in doppio lp in vinile 180 grammi per audiofili, con copertina apribile lucida pressocche' identica a quella della prima rara tiratura. Il secondo album, pubblicato nel settembre del 2003, a tre anni dal debutto "Mer De Noms". Gli A Perfect Circle nascono a Los Angeles nel 1996, su iniziativa di Billy Howerdel (collaboratore dei Tool, Nine Inch Nails, David Bowie, Smashing Pumpkins) dopo l'incontro con Maynard James Keenan (gi… frontman dei Tool). Quest'ultimo scopre alcune composizioni inedite dello stesso Howerdel e gli propone di realizzarle e inciderle. Da qui nasce il progetto A Perfect Circle, simile per intensit… e malinconia ai Tool, ma con una componente melodica in pi—. Ai due si uniscono il batterista Josh Freese (Vandals, Devo, Guns N' Roses), la bassista Paz Lenchantin e il chitarrista Troy van Leeuwen. La band prova insieme per parte del 1999, ma non annuncia la formazione della nuova band sino alla loro prima esibizione dal vivo, il 15 agosto del 1999, in occasione di un concerto benefico tenutosi al Viper Room di Los Angeles. Grazie anche al periodo di pausa forzata dai Tool del cantante Keenan, dovuto a problemi con la ex casa discografica, la band riesce a registrare i pezzi l' album di debutto. Mer de Noms. Pubblicato nel 2000 per la Virgin Records verra' premiato con il disco di platino per gli ottimi risultati di vendita, specialmente negli Usa. Il primo singolo estratto dall'album, Judith, presenta molte similitudini con i Tool, ma il resto dell'album si discosta nettamente da questa prima impressione. Dopo la pubblicazione del primo lavoro Paz Lenchantin e Troy van Leeuwen lasciano la band per andare a suonare rispettivamente negli Zwan la nuova band di Billy Corgan ex-Smashing Pumpkins e nei Queens of the Stone Age e saranno sostituiti da Jeordie White (noto anche come Twiggy Ramirez ex Marilyn Manson) e James Iha, gi… chitarrista degli Smashing Pumpkins. Tra le cuoriosita' segnaliamo che per distinguere le sue apparizioni con i Tool da quelle con gli A Perfect Circle, Maynard James Keenan usa con questi ultimi una lunga parrucca per tutte le apparizioni dal vivo, per i video musicali, set fotografici e tutte le occasioni ufficiali in cui si presenta come cantante degli A Perfect Circle. Con i Tool esibisce invece la sua veste normale, cioŠ con i capelli rasati.
Euro
36,00
codice 2109767
scheda
A tree of night A tree of night
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2011  orpheus 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Copia ancora incellophanata, l' originale stampa, copertina ruvida fronte retro senza barcode, inner sleeve rigida con testi e crediti, label viola con scritte marroni e viola su di una facciata, e con grande logo Orpheus Records nero e viola sull'altra, catalogo ORPH018, scritta "MPO" incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel marzo del 2011 dalla danese Orpheus, il primo album, precedente "II" (2011, uscito su CDr), di questo gruppo proveniente dalla Danimarca, progetto di Bo Hill, cantante e multistrumentista attivo sulla scena underground di Elsinore (Danimarca orientale) in diverse bands come cantante, chitarrista e batterista. Inciso fra il 2005 ed il 2010, "A tree of night" contiene otto brani scritti da Hill stesso, marchiati dall' acid folk e dalla psichedelia: c'è un'aria fiabesca e stralunata in questi brani, che riconduce all'influenza di Syd Barrett, mentre il cantato di Hill, soffuso fino ad essere poco più che sussurrato, e dilatato da effetti eco, si avvicina molto al dream pop ed allo shoegazer, ma ulteriormente rallentato e più misticheggiante, sopra lente ballate dalle percussioni sullo sfondo, accompagnato da bordoni di organo e da cullanti melodie di chitarra distorta da effetti psichedelici.
Euro
18,00
codice 334103
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 60'S italian beat resurrection! volume 2 !?!
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  destination x 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, l' originale molto rara stampa, pressata dalla italiana Destination X, copertina senza barcode con il brano ''Tu sei al buio'' dei Chewing Gum erroneamente accreditato ai Black Angels sul retro (ed anche sull'etichetta), e con il brano ''Somebody else'', anch'esso accreditato per errore, in questo caso a Billy e i Cani Fedeli (ma si tratta di un brano di Danny, pseudonimo dietro il quale si cela Paolo Tofani, futuro membro degli Area, tratto da un suo singolo), label bianca con scritte nere, logo Discoverix con disegno di volto di uomo in alto, catalogo DSX33003. Pubblicato nei primi anni '90 in Italia, il secondo volume della imperdibile serie dedicata dalla Destination X al piu' oscuro beat italiano degli anni '60. Diciotto brani, di cui otto inediti all'epoca di questa pubblicazione, gli provenienti da singoli di enorme rarita', ad opera di oscurissime band fra beat melodico e garage beat duro, che ben difficilmente vi sara' capitato di ascoltare altrove; fra gli altri, troviamo anche due brani inediti di un giovanissimo Paolo Tofani, pre-Area, e la b-side dell'unico singolo della leggendaria garage band fiorentina I Chewing Gum, il devastante incrocio fra garage e primo Hendrix di ''Tu sei al buio''. Questa la scaletta: Billy e i Cani Fedeli, ''Lei ama me''; Danny, ''Somebody else''; Bielle Roventi, ''Perche' tanti ragazzi'' (inedito), ''Faccia d'angelo'' (inedito); Noi Tre, ''Se tu non ci sei'' (inedito); Paolo Tofani, ''We could be happy'' (inedito), ''That's all right'' (inedito); I Chewing Gum, ''Tu sei al buio''; Noi Tre, ''Outside'' (inedito); Tremendi, ''I knew I'd get you'' (inedito), ''If you don't come around'' (inedito); Evangelisti, ''Gloria'' (inedito); Innominati, ''Prendi un fiammifero''; Telstars, ''With my girl'', ''She waits the happiness''; Kings, ''Sei stata tu'', ''Sei solo tu''; Kolmans, ''All'improvviso''.
Euro
60,00
codice 249706
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 60'S italian beat resurrection! volume one: punk era
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  destination x 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, prima molto rara stampa, pressata solo in Italia, copertina senza barcode, label bianca con scritte nere, logo Discoverix con disegno di volto di uomo in alto, catalogo DSX33002. Pubblicato nei primi anni '90 in Italia, il primo volume della imperdibile serie dedicata dalla Destination X al piu' oscuro beat italiano degli anni '60. Venti brani, di cui uno inedito all'epoca di questa pubblicazione, gli altri provenienti da singoli di enorme rarita', ad opera di oscurissime band fra beat melodico e garage beat duro, che ben difficilmente vi sara' capitato di ascoltare altrove; grezze perle di garage carico di fuzz cantato però con un approccio melodico tipicamente italiano come "Torna sui tuoi passi" di Roberto Pozzoli (1966) e "Sento crescere l'erba" dei Persiani, gli echi kinskiani di "Come farei" degli Spettri (1966), il fantastico merseybeat incattivito dei Rangers di "Non scocciare". Questa la scaletta: Roberto Pozzoli, "Torna sui tuoi passi"; Apostoli, "E' meglio che mi muova"; Persiani, "Sento crescere l'erba", "Piccoli giochi"; 4 Califfi, "Ti giuro è così"; Spettri, "Come farei"; Le Ombre di Bronzo, "Finirà"; Nightbirds, "Quelli"; Diabolici, "Qualcuno forse piange"; Rangers, "Non scocciare"; Fantoms, "Le insegne pubblicitarie"; Kolmans, "Quando occhi fissi"; Liars, "Estremo oriente"; Le Facce di Bronzo, "E' inutile"; Telstars, "Tu sei lontana"; Jaguars, "Il tempo passerà"; Trippers, "Oh baby", "Corruzione x 008"; Goldenmen, "Statale 16"; Sharks, "Gloria" (inedito).
Euro
60,00
codice 252297
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Beautiful lady – a medley of rare 70s prog & psych
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1970  audio archives 
rock 60-70
Edizione limitata a 300 copie numerate sul retro copertina in basso, vinile pesante, copertina senza codice a barre, catalogo AALP111. Pubblicata nel 2017 dalla Audio Archives, questa raccolta compila dodici rarissimi brani ad opera di oscure o leggendarie formazion di culto del rock progressivo underground delle Isole Britanniche, risalenti agli anni '70: rare versioni dal vivo, demo inediti, pezzi tratti da rari singoli o da album pressati privatamente in pochi esemplari. Fra di essi, i Collusion, sestetto di Dagenham con voci maschili e femminili, autori di un rock progressivo melodico con enfasi sulle chitarre e sulle parti vocali maschili e femminili, queste ultime particolarmente belle quando si esprimono in armonia, e con affinita' sia con il folk rock che con i King Crimson piu' lirici e melodici e con gli Yes meno prolissi e piu' intimisti; i geniali ed ostici Gnidrolog dei fratelli Goldring, autori con il loro primo lp ''In spite of harry's toenail'' di uno dei piu' bizzarri ed ostici lavori del progressive underground britannico; i Tapestry, da Cheltenham, autori di un promettente progressive folk; i Guggenheim da Manchester, autori di un curioso blend fra jazz, prog e folk; gli irlandesi Ceathrar, accostati ai Mellow Candle; i Foister, autori di una rarissima stampa privata all'alba degli anni '70, che coinvolgevano il giovanissimo chitarrista Mark Fry, poco dopo autore del leggendario album solista ''Dreaming with alice''. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. Tapestry – Armageddon (1971, tratto da un raro album promozionale della BBC Transcription Services) 2. Gnidrolog - Ship (Live 1972) 3. Witches Brew - Take Me There (demo inedito) 4. Guggenheim - Morning Light (inedito) 5. Ceathrar – Faoilean (da un singolo split con i Clannad, 1975) 6. Listen - Astral Boogie (singolo, 1/1973) SIDE 2: 1. Witches Brew - Beautiful Lady (demo inedito) 2. Sandgate - A Thousand Years (singolo, 1975) 3. Tapestry - Betrothal/Sea Suite (1971, tratto da un raro album promozionale della BBC Transcription Services) 4. Foister - The Three Wheels (da una rara stampa privata, 1970) 5. Guggenheim – Confusion (inedito, meta' anni '70) 6. Collusion - I've Got That Cold Porridge Feeling (dal loro rarissimo eponimo album del 1971).
Euro
26,00
codice 2073585
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the thirteenth trip - vol. 13
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, copertina senza barcode, etichetta custom. Pubblicato nel gennaio 2022, questo e' il tredicesimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo tredicesimo volume: 1 Max "Run Run" (b-side dell' unico singolo, uscito nel 1970, del gruppo di Montreal, Quebec, Canada); 2 Ralph Williams And The Wright Brothers "Dark Street" (facciata A dell' unico singolo, uscito nel 1972, da Seattle, Washington), 3 Geyda "Third Side" (b-side dell' unico singolo, 1967, da Detroit, Michigan), 4 Gary Del Vecchio "Buzzin" (1972, da Youngstown, Ohio), 5 John Kitko "Indecision" (1973, da Tampa, Florida, da uno split single condiviso con Tom Poff, unico suo reperto discografico), 6 Bacchus "Hope" (1972, da Jackson, Florida, b-side di uno dei quattro singoli pubblicati), 7 Master Danse "Feelin Dead" (1974, Detroit, Michigan, dall' unico singolo, uscito solo a scopo promozionale), 8 Orchid "Go Big Red" (1973, da Edgerton, Wisconsin, dall' unico singolo del gruppo), 9 Dry Ice "Don't Munkey With The Funky Skunky" (dall' unico singolo, del 1974, da Bluffton, Indiana), 10 Good Humore "Detroit" (1976, dall' unico singolo del gruppo di Warren, Michigan).
Euro
26,00
codice 2107198
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the thirteenth trip (silver vinyl) - vol. 13
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile argento, copertina senza barcode, etichetta custom. Pubblicato nel gennaio 2022, questo e' il tredicesimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo tredicesimo volume: 1 Max "Run Run" (b-side dell' unico singolo, uscito nel 1970, del gruppo di Montreal, Quebec, Canada); 2 Ralph Williams And The Wright Brothers "Dark Street" (facciata A dell' unico singolo, uscito nel 1972, da Seattle, Washington), 3 Geyda "Third Side" (b-side dell' unico singolo, 1967, da Detroit, Michigan), 4 Gary Del Vecchio "Buzzin" (1972, da Youngstown, Ohio), 5 John Kitko "Indecision" (1973, da Tampa, Florida, da uno split single condiviso con Tom Poff, unico suo reperto discografico), 6 Bacchus "Hope" (1972, da Jackson, Florida, b-side di uno dei quattro singoli pubblicati), 7 Master Danse "Feelin Dead" (1974, Detroit, Michigan, dall' unico singolo, uscito solo a scopo promozionale), 8 Orchid "Go Big Red" (1973, da Edgerton, Wisconsin, dall' unico singolo del gruppo), 9 Dry Ice "Don't Munkey With The Funky Skunky" (dall' unico singolo, del 1974, da Bluffton, Indiana), 10 Good Humore "Detroit" (1976, dall' unico singolo del gruppo di Warren, Michigan).
Euro
26,00
codice 3028129
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Imaginations – psychedelic sounds from the young blood, beacon and mother labels, 1969-1974
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  guerssen 
rock 60-70
Copertina laminata sul fronte, senza codice a barre, inserto apribile con foto e note sui gruppi rappresentati, label nera con scritte bianche e logo Guerssen bianco in alto, catalogo GUESS127, adesivo di presentazione del disco sul cellophane. Pubblicata nel 2014 dalla Guerssen, questa raccolta compila rari singoli (qualche brano tratto da lp) di oscuri gruppi britannici, originariamente pubblicati fra il 1969 ed il 1974 sulle etichette di Miki Dallon quali Youngblood, Beacon e Mother, nomi conosciuti ed ambiti in ambito collezionistico. ''Imaginations'' e' incentrata esplicitamente sui brani piu' vicini al sentire psichedelico fra quelli pubblicate dalle etichette in questione, con declinazioni freakbeat e talora glam. Troviamo gruppi come i Revolver di Wolverhampton, con il brano ''Imaginations'' che da' il titolo alla raccolta, episodio dai risvolti psichedelici che venne pubblicato anche in Italia, i Taiconderoga dal Sussex (noti anche come Train), con una aggressiva ed esplosiva ''Whitchi tai to'', i Funky Bottom Congregation, che avevano al basso Ray Randall, ex membro dei Tornados, storica band legata al geniale produttore Joe Meek. Questa la scaletta: Revolver, ''Imaginations'' (1969); The Damned, ''Theta'' (1974); Shakane, ''I'm coming home'' (1972); Uzi & The Styles, ''Morning train'' (1970); Boots, ''You better run'' (1970); Information, ''Oh strange man'' (1969); Shakane, ''You go your way'' (1972); Taiconderoga, ''Whitchi tai to'' (1969), ''Speakin' my mind'' (1969); Shakane, ''Dance of the dead'' (1972); Derek Paul, ''Drugtaker'' (1972); Rubber Band, ''Moonwalker'' (1973); Jelly, ''Chicago calling'' (1972); Funky Bottom Congregation, ''Things about yourself'' (1969); The Damned, ''Morning bird'' (1974).
Euro
23,00
codice 3506958
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Wild mexico vol. 2
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  pinche discos 
rock 60-70
Vinile pesante, copertina ruvida fronte retro senza codice a barre, catalogo PINCHE04. Pubblicata nel 2017 dalla Pinche Discos, questa raccolta compila rari brani di quattordici gruppi e solisti messicani degli anni '60, dediti a rock'n'roll, beat e garage ma capaci anche di aggiungere un tocco locale alle loro creazioni. Cantati in spagnolo, questi brani rivelano la via messicana al lato piu' vivace e solare, del rock e del pop degli anni '60, soprattutto quello in voga prima della rivoluzione psichedelica. Un vero disco da vintage party, con eccellenti esempi di garage latino quali ''Delincuente'' dei Los Hitters, ''El sellin''' dei Los Sellers, ''Loco'' dei folli Beattens, il frizzante beat / r'n'b dei Los Black Birds (''Quiero que te vayas''), che richiama i primi Kinks e Rolling Stones. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. Los Hitters – Delincuente 2. Los Versalites - Hola, Te Quiero 3. Beto Diaz Y Su Orquesta - Caliente Caliente 4. Nanina Y Orquesta De Arturo Castro - Enamorada De Un Amigo Mio 5. Los Puntos Suspensivos - El Baile De La Pluma 6. Los Correcaminos - Incienso Y Menta 7. Los Sellers - El Sellin SIDE 2: 1. César Costa - El Salvaje 2. Diego De Cossio Y Sus Barrocks - Noches De Hippies 3. Los 4 Crickets – Martha 4. Los Beatteens – Loco 5. Dyno - La Petisa 6. Los Black Birds - Quiero Que Te Vayas 7. Angélica Mara - Brebaje De Amor.
Euro
22,00
codice 3511136
scheda
Aa.vv. (soul / funky) birth of funk - low down and dirty
lp [edizione] nuovo  mono  uk  1963  history of soul 
soul funky disco
copertina lucida sul fronte, flipback su due lati sul retro. Pubblicato nel luglio del 2015, questo bellissimo album contiene quindici brani, provenienti perlopiu' da rari singoli pubblicati grossomodo tra il 1959 ed il 1963, davvero alle radici di un suono che, dal r&b e dal soul caratterizzati da una componente ritmica piu' accentuata, arrivava fino alle radici di quello che sara' definito come funk (il cui anno di nascita viene generalmente individuato nel 1965). Un disco di particolare interesse storico, quindi, e ricco di brani oscuri davvero meritevoli di riscoperta. Ecco la lista dei brani contenuti: A1 Yvonne Fair "Say Yeah Yeah", A2 Eddie Bo "Check Mr. Popeye", A3 Spider Johnson "The Popeye", A4 Al Robinson "I'm Leaving You Today", A5 Porgy & The Polka Dots "Say Yeah", A6 Huey "Piano" Smith "Talk To Me Baby", A7 Earl King "Trick Bag" B1 Shirley Raymond "What A Wedding Day" B2 Wilson Pickett "Robert's Monkey Beat", B3 The Turquinettes "Tell Me The Truth" B4 Vernon Harrell "Slick Chick", B5 James Brown "I've Got Money" B6 Bill Doggett "Hold It", B7 Billy Stewart "Fat Boy", B8 Roy Montrell "Mudd".
Euro
19,00
codice 2109838
scheda
Aa.vv. (soundtrack) American dreamer ost (+ poster) rsd 2018
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  cinewax 
soundtracks
EDIZIONE LIMITATA IN 1000 COPIE, IN VINILE ROSSO E CORREDATA DEL POSTER APRIBILE ORIGINARIO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, copertina cartonata apribile, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura. Pubblicata nel 1971 dalla Mediarts negli USA, la colonna sonora di uno dei piu' misconosciuti film legati alla controcultura degli anni '60 e '70 americani. Diretto da Lawrence Schiller e L.M. Kit Carson, ''The american dreamer'' e' una sorta di documentario su Dennis Hopper, all'epoca figura di regista ed attore iconico della controcultura americana, gia' regista e co-protagonista dell'epocale film ''Easy rider'' (1969), ma anche sul periodo di cambiamento attraversato dagli Stati Uniti fra la fine dei '60 ed i primi '70, sui contrasti fra le visioni e le idee degli allora giovani hippies e quelle dello establishment del paese nordamericano, per lo meno dal punto di vista di Hopper. Le musiche furono composte ed incise da diversi e talentuosi autori, fra cui l'ex Byrds Gene Clark, qui con due brani inediti, e John Buck Wilkin, stimatissimo chitarrista e session man di musica country e rock, particolarmente legato in quegli anni allo outlaw country; e proprio un ispirato ed intenso country folk acustico e' lo stile utilizzato per questa colonna sonora, in gran parte basata solo su chitarre acustiche e su voci solitarie o corali. Questa la scaletta: Gene Clark, "American dreamer''; Hello People, ''Pass me by''; John Manning, ''Whole song''; Gene Clark, ''Outlaw song''; Chris Sikelianos, ''Easy rider, 1970''; John Buck Wilkin, ''The screaming metaphysical blues''; John Manning, ''Hard road to new mexico''; John Buck Wilkin, ''Look at me, mama'', ''Sun, moon, and stars''; Abbey Road Singers, ''Other side of this life''.
Euro
34,00
codice 2076889
scheda
AC/DC High voltage
Lp [edizione] ristampa  stereo  ger  1976  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa europea, pressata in Germania nella meta' degli anni '80, copertina lucida con barcode, etichetta verde e arancio, com "Gema/Biem" riquadrato a destra, catalogo K50527. Pubblicato nel Maggio del 1976 dopo ''TNT'' e prima di "Dirty Deeds Done Dirt Cheap'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA, il terzo album. Con lo stesso titolo del primo album del Gennaio 1975, ma con contenuto parzalmente diverso, fu registrato agli Albert Studios a Sydney, Australia, masterizzato a Londra e pubblicato in USA ed UK dalla Atlantic, che li mise sotto contratto nel 1976, dopo lo straordinario successo in patria dei primi due albums, entrambi disco di platino. A differenza della edizione australiana del 1975 del primo disco, con lo stesso titolo di questo, ma uscito su Albert, contiene brani tratti dal primo album ''High voltage'' e dal secondo ''Tnt'', ecco la scaletta: "It's a long way to the top", "Rock'n'roll singer", "She's got the jack", "Live wire", "T.n.t.", "Can i sit next to you girl", "Little lover", "She's got balls", "High voltage". Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
20,00
codice 252303
scheda
Ache green man
lp [edizione] originale  stereo  dk  1971  philips 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima dannatamente rara stampa danese, copertina apribile laminata (con la laminatura integra ma parzialmente distaccata rispetto al cartoncino lungo la costola), etichetta azzurra con scritte e logo argento, con "NCB" riquadrato a sinistra, catalogo 6318005. Pubblicato nel 1971 dalla Philips in Germania, il secondo album, successivo a ''De homine urbano'' (1970) e precedente ''Pictures of cyklus 7'' (1976). Considerato un lavoro piu' maturo e riuscito dell'esordio, questo secondo lp vede il gruppo danese proseguire sulla strada di un ambizioso rock progressivo, dominato dall'organo, con atmosfere a tratti drammatizzate, ma anche con brani piu' strutturati e meno estesi rispetto a ''De homine urbano''. Gli Ache si formano a Copenhagen nel 1969 e, dopo un primo album, ''De homine urbano'' (1970), bello ma ancora immaturo, giungono con il secondo ''Green man'' (1971) alla piena maturazione, con un progressive rock tra Van Der Graaf Generator e Pink Floyd, e con soluzioni originali ed innovative, considerato tra i piu' belli mai usciti in europa. Il gruppo si sciogliera' quello stesso anno per mancanza di denaro e si riformera' nel 1976 per un terzo ed un quarto lp.
Euro
280,00
codice 252290
scheda
Acid mothers temple & the melting paraiso u.f.o. Acid mothers temple & the melting paraiso u.f.o.
Lp2 [edizione] originale  stereo  eu  1997  black editions 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
la prima edizione vinilica, realizzata nel 2019 (il disco usci' originariamente solo in cd), edizione limitata di 2500 copie, doppio album, copertina cartonata apribile, senza barcode, con parti lucide in rilievo sul fronte e sul retro, colorata all' interno (giallo e azzurro), inner sleeves in cartoncino (anche questo con parti lucide), poster a colori apribile in quattro parti, etichette custom, catalogo BE-009/93. Il leggendario primo album, uscito per la P.S.F. nel 1997 solo in cd, e finalmente anche in vinile. Raccoglie brani incisi tra il 1995 ed il 1997, contiene alcuni dei brani più ipnotici e cosmici del gruppo qui nella prima formazione composta da Kawabata Makoto, Koizumi Hajime, Suhara Keizo, Cotton Casino oltre a vari collaboratori. Uno dei massimi lavori della psichedelia anni novanta. Gli Acid Mothers Temple si formano nel 1995 attorno al chitarrista Makoto Kawabata (Mainliner, Toho Sara, Seventh Seal, Musica Transonic). Collettivo musicale dall'organico in continuo mutamento, esordiscono su Lp con un apprezzato album eponimo nel 1997, seguito negli anni successivi da un gran numero di pubblicazioni, spesso dalla durata di un doppio lp, fra cui citiamo ''La novia'' (2000), con contaminazioni di musica occitana, ''Univers zen ou de zero a zero'' (2002) e ''Pataphysical freak out MU!'' (originariamente uscito nel 1999, riedito su vinile nel 2002 ad opera della Eclipse). I loro lunghi brani alternano selvagge tempeste chitarristiche ispirate a Hendrix, Blue Cheer, Amon Duul e noise con brani semiacustici dal sapore acid folk e con lunghe suite cosmiche in stile Tangerine Dream; il tutto e' spesso contraddistinto da acustica low fi e bizzarri interventi vocali e di sintetizzatore.
Euro
40,00
codice 252272
scheda
Allen terry Bloodlines
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1983  paradise of bachelors 
rock 60-70
Ristampa del 2022, rimasterizzata dai master tapes originali, copertina per l' occasione apribile, corredata di esclusiva inner sleeve con foto ed artwork, di inserto con testi e note, e di coupon con codice per il download digitale. Pubblicato nel 1983 dalla Fate in Gran Bretagna e negli USA, dopo ''Smokin' the dummy'' (1980) e prima di ''Amerasia'' (1987), il quarto album (il secondo insieme ai Panhandle Mystery Band). Lavoro che secondo la critica tocca a tratti i livelli dell'acclamato secondo lp ''Lubbock (on everything)'' (1979), ''Bloodlines'' e' caratterizzato dai pungenti testi che trattano in modo talora irriverente e spesso tagliente il rapporto fra religione e modernita', sorretti musicalmente da uno stile eclettico che sposa country folk, rock scarno ed autunnale e toccanti ballate pop elettroacustiche, il tutto senza eccedere sotto l'aspetto della produzione. Straordinario musicista nato a Wichita, Kansas, ma cresciuto a Lubbock, vicino al confine con il Messico, Terry Allen e' stato, nonostante due soli album incisi nei primi due decenni di attivita', uno dei piu' validi esponenti della cosiddetta "border music": musica di confine, Tex-Mex, ma aperta a tutte le influenze piu' svariate della tradizione americana; nella sua musica, al di la' dell'approccio "filologico", e' evidente il segno di una fortissima personalita' artistica. Artista impegnato su piu' fronti, e' anche apprezzatissimo scultore. Il suo lp di debutto, ''Juarez'', usci' nel 1975).
Euro
33,00
codice 3028595
scheda
Allen terry lubbock (on everything)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  1978  paradise of bachelors 
rock 60-70
bella ristampa del 2016, doppio album con copertina cartonata apribile senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura su Fate, e corredata di inner sleeves e di booklet esclusivo di 28 pagine. Uscito nel 1978 per la Fate Records fondata dallo stesso Terry Allen, il secondo album, dopo "Juarez" (1975) e prima di "Smokin' The Dummy" (accreditato a Terry Allen & The Panhandle Mystery Band ed uscito nel 1980). Forse il capolavoro di questo straordinario musicista nato a Wichita, Kansas, ma cresciuto a Lubbock, vicino al confine con il Messico. E' stato, nonostante due soli album incisi nei primi due decenni di attivita', uno dei piu' validi esponenti della cosiddetta "border music": musica di confine, Tex-Mex, ma aperta a tutte le influenze piu' svariate della tradizione americana, soprattutto in questo secondo, clebratissimo e bellissimo album, magnifica raccolta di canzoni in cui aldila' dell' approccio "filologico" e' evidente il segni di una fortissima personalita' artistica. Artista impegnato su piu' fronti, e' anche apprezzatissimo pittore e scultore.
Euro
38,00
codice 2109880
scheda
Allman brothers band idlewild south
Lp [edizione] nuovo  stereo  hol  1970  mercury / universal 
rock 60-70
ristampa del 2016, rimasterizzata dai masters analogici originali con sistema "Direct Metal Mastering" ed in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Usa su Atco. Pubblicato in Usa nel novembre del 1970 dopo ''Allman Brothers Band'' e prima di ''At Fillmore East'', giunto al numero 49 delle clasifiche Usa e non entrato in quelle Uk, il secondo lp. Considerato il loro miglior lavoro in studio, riesce ad andare oltre al gia' eccezionale esordio con un mix di blues elettrico, tessiture acustiche, assoli di chitarra elettrica e di slide, che sommati al suono innovativo dell' organo costruisono alcuni tra i brani piu' riusciti dell'intero movimento del southern rock; qui contenuti "Midnight Rider," "Revival," "Don't Keep Me Wonderin'," "In Memory of Elizabeth Reed" per non parlare della migliore cover del grande Willie Dixon's mai suonata, una "Hoochie Coochie Man" che rimane e rimarra' per sempre negli annali della musica rock. un album assolutamente straordinario ed innovativo, che sta al successivo e celeberrimo '''Live at Fillmore East'' come (nel caso dei Grateful Dead) ''Aoxomoxoa'' sta a ''Live Dead'', difficile comprendere l'uno senza conoscere l'altro.
Euro
27,00
codice 2109768
scheda
Allman brothers band second set - An Evening with the Allman Brothers Band
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  music on vinyl 
rock 60-70
doppio album in vinile 180 grammi per audiofili, adesivo di presentazione sulla busta esterna trasparente, corredato di inserto, copertina lucida apribile, etichetta bianca e rossa. Per la prima volta in vinile in questa edizione dell' ottobre 2015, l' eccellente album dal vivo uscito originariamente su cd e cassetta ma non in vinile nel maggio del 1995. Il titolo fa riferimento all' altro live album "First Set" uscito nel 1992, ma in realta' completamente diverse sono le occasioni immortalate dal disco; gli otto brani sono registrati infatti al Garden State Arts Center di Holmdel, New Jersey, il 6 agosto 1994, al Walnut Creek Amphitheatre di Raleigh, North Carolina, l' 1 luglio 1994 e al R&R Club di Los Angeles, California, l' 11 giugno 1992, con una line up che vede all' opera Gregg Allman, Dickey Betts, Butch Trucks, Warren Haynes, Allen Woody e Marc Quinones, con Paul T. Riddle alla batteria in due brani. Ecco al lista dei brani inclusi: "Sailin’ ‘Cross The Devil’s Sea / You Don’t Love Me / Soulshine / Back Where It All Begins / In Memory Of Elizabeth Reed / The Same Thing / No One To Run With / Jessica.
Euro
33,00
codice 2109905
scheda
Altar de fey Original sin - an anthology of the early years (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1985  other voices 
punk new wave
Edizione limitata a 200 copie in vinile nero (altre 50 sono in vinile nero con chiazze bianche), label custom nera ed argento con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo VOX46LP. Originariamente pubblicata nel 2015 dalla Other Voices solo in musicassetta, quindi edita in vinile e cd dalla stessa label nel 2019 (anche sotto forma di lussuoso cofanetto super-limitato), questa antologia compila registrazioni inedite effettuate fra il 1985 ed il 1986, sotto forma di demos, prove e performances dal vivo, di questa oscura band di culto della scena deathrock californiana degli anni '80. Gli Altar De Fey si formarno a San Francisco nei primi anni '80 e furono tra i primi gruppi capaci di fondere l'aggressività ed il nichilismo del punk con la cupezza del primo dark ed un approccio barocco e decadente, prendendo parte alla scena californiana da cui erano emersi gruppi come Christian Death e 45 Grave. La formazione ruotava attorno al chitarrista Kent Cates, anticonvenzionale e molto originale, accompagnato dal sound quasi tribale del batterista Aleph Kali e dal cantato tormentato e morboso di Butch Mason, mentre nel ruolo di bassista si avvicendarono diversi strumentisti. Il gruppo non riuscì a pubblicare alcun disco nel corso degli anni '80, sciogliendosi nel 1988 e diventando un semisconosciuto nome di culto, per poi riformarsi nel 2011 per alcuni concerti con una formazione in parte rinnovata, ed arrivando finalmente ad incidere dei dischi, "Echoes in the corridor" (2016) e "The insatiable desire... for more" (2019). Questa interessante antologia ci offre la rara possibilità di ascoltare la band nei suoi primi anni di attività e nel pieno della prima stagione del deathrock. Questa la scaletta: "Crimson sin" (1985 demo), "My bone" (1986 live at Full Moon Saloon), "Veil of death" (1985 demo), "You do not scare me" (1985 demo), "Division" (1986 live at Full Moon Saloon), "Right to the point" (1986 live at Full Moon Saloon), "She's fun" (1985 reharsal), "Slow death" (1985 reharsal), "Vampires" (1985 reharsal), "Which guy" (1985 reharsal), "My bone / Veil of death" (1985 live at Club Vis A Vis).
Euro
24,00
codice 2109815
scheda
Amon duul paradieswarts duul (+ 2 tracks)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  wah wah 
rock 60-70
Ristampa del 2008, con copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura del 1972, ma arricchita della presenza di due tracce aggiunte, "Eternal Flow" e "Paramechanical World", da un raro singolo del 1970 uscito per la stessa etichetta Ohr che avrebbe pubblicato l' album. Si tratta del terzo ed ultimo album del gruppo tedesco, sicuramente il loro piu' raro, uscito nel 1971 prima di ''Disaster'' (che contiene pero' brani risalenti al 1969) e dopo ''Collapsing'', diversissimo da tutti gli altri lavori del gruppo, assai piu' simile al classico sound dell'underground germanico del periodo, e' un lavoro assolutamente lontano dal chaos anarcoide degli altri esperimenti della band, qui prevalgono arrangiamenti folk e psychedelici carichi di magia e suggestione. Tra i brani ''Love is peace'', inno degli hippies tedeschi. Gli Amon Duul facevano parte, come gli Amon Duul 2, della comune di Essen, i membri del gruppo si divisero in due tronconi diversi nel 1968, a causa delle differenze ideologiche, piu' interessati al lato politico e multimediale, gli Amon Duul 1 pubblicarono 3 albums dal 1969 al 1971, oltre ed uno postumo, la loro era una musica senza compromessi, molto rituale, a base di percussioni, chitarre, suoni e rumori, influenzatissima dalle droghe, che si svolgeva in un clima anarcoide e largamente improvvisato, i loro albums sono testimonianze spettacolari della cultura underground europea e, seppur di difficile ascolto, hanno lasciato una traccia indelebile nella musica tedesca degli anni '70.
Euro
27,00
codice 2109816
scheda
Amyl and the sniffers Comfort to me (deluxe)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  rough trade 
indie 2000
edizione limitata in vinile doppio colorato contenente oltre all'album un disco registrato dal vivo (comfort to me - live from williamstown -) e poster. copertina apribile. Il secondo album, a due anni dal debutto omonimo. Con la produzione di Dan Luscombe, travolgente punk rock della band australiana capitanata dalla cantante Amyl Taylor. note a seguire. Gli Amyl and the Sniffers, nati nel 2016, sono un gruppo garage punk, rock australiano di stanza a Melbourne, formato dalla vocalist Amy Taylor, dal batterista Bryce Wilson, dal chitarrista Dec Martens e dal bassista Gus Romer. Hanno all'attivo due EP - "Giddy Up" (2016) e "Big Attraction" (2017) - e un album omonimo pubblicato nel 2019.
Euro
40,00
codice 2109950
scheda
Anderson ian a. Royal york crescent (rsd 2022)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  bonfire records 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2022, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato nel 1970 dalla Village Thing in Gran Bretagna, il terzo notevole album solista, successivo a ''Book of changes'' (1970) e precedente ''A vulture is not a bird you can trust'' (1971). Inciso da Anderson (voce, chitarra), con la collaborazione di Ian Hunt (seconda chitarra, voce), John Turner (contrabbasso, pianoforte), Ian Turner (bongo) ed Andy Leggett (flauti), e' un album di ispirato folk blues acustico, che si apre con una rustica cover del vecchio classico blues ''No way to get along'' di Robert Wilkins, brano che fu coverizzato dai Rolling Stones di ''Beggars banquet'', che la rifecero con il titolo di ''Prodigal son''. ''Royal york crescent'' prosegue con un set di brani in bilico fra folk inglese ed americano e blues, dai toni molto rurali, ma contiene anche un lungo episodio, ''The maker / The man in the high castle / The last conjuring'', che assume connotati piu' eccentrici e slegati dalla tradizione, avvicinandosi piuttosto al folk progressivo. Artista che non va confuso con il quasi omonimo frontman dei Jethro Tull, Ian A. Anderson nacque nel 1947 nel Somerset; bravo chitarrista bottleneck e slide, comincio' a suonare folk e blues nel 1966 nei club della zona di Bristol, incidendo nel 1968 un ep condiviso con Al Jones ed Elliot Jackson, ed un album a meta' con il chitarrista e cantautore Mike Cooper, ''The inverted world'', nel quale i due musicisti si prendevano una facciata ciascuno. Poco dopo formo' un proprio gruppo di supporto, la Ian Anderson's Country Blues Band, che suono' con lui nel suo primo album ''Stereo death breakdown'' del 1969, quindi l'anno successivo pubblico' il secondo ''Book of changes'' ed il terzo ''Royal york crescent'', quest'ultimo uscito su The Village Thing, etichetta da lui fondata poco prima. Dopo altri due lp solisti, nel 1973 formo' gli Hot Vultures con la moglie Maggie Holland; Anderson lavora anche nel campo dell'editoria musicale ed e' stato il fondatore della rivista ''Southern rag'', piu' tardi ribattezzata ''Folk roots'', e divenuta col tempo una delle piu' importanti pubblicazioni musicali specializzate in Gran Bretagna.
Euro
30,00
codice 2109862
scheda
Aphex twin windowlicker
12" [edizione] nuovo  stereo  uk  1999  warp 
indie 90
ristampa pressoché identica all'originale. etichetta custom fotografica. Pubblicato nel marzo del 1999 dalla Warp in Gran Bretagna e dalla Sire negli USA, il celebrato ep ''Windowlicker'' usci' dopo il quarto album ''Richard D. James album'' (1996) e prima del quinto lp ''Drukqs'' (2001). Considerato da molti uno dei massimi vertici della musica del compositore elettronico inglese, questo ep contiene tre brani inediti su album, dai toni e dagli stili differenti: ''Windowlicker'', che venne accompagnata da un celebre video, inquietante, sensuale e comico al tempo stesso, e' un pezzo melodico e notturno, in cui gli interventi vocali hanno inequivocabili richiami erotici, sostenuti da un ritmo e da melodie languide e relativamente distese; ''Equation'' si colloca invece sul versante piu' astratto e spigoloso della musica di Aphex Twin, con i suoi ritmi irregolari in preminenza, mentre il brano di chiusura ''Nannou'' e' una delicata litania cerebrale, rarefatta fin quasi al silenzio. Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e la ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da ''Selected ambient works, vol. 2'', altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
13,00
codice 2109940
scheda
Arab strap (Afternoon) soaps
12" [edizione] originale  stereo  uk  1998  chemikal underground 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent indie 90
l' originale stampa inglese, copia (con lievi segni di invecchiamento sul vinile) distribuita in Italia con adesivo Siae bianco e rosa sul retro, copertina lucida in cartoncino nero all' interno, completa di inner sleeve, etichetta nera con scritte grigie e logo rosso e bianco in alto, catalogo CHEM27T. 12" pubblicato dalla Chemikal underground nel settembre 98, dopo il secondo Lp "Philophobia" (aprile 1998), giunto alla posizione n.74 delle classifiche inglesi e contenente 3 brani: "(Afternoon) soaps", versione inedita di "Soaps" (un brano di "Philophobia), remixata da Jason Famous, alias Calum McLean, (Ben tramer, Jaya, Kayashi), e due episodi assoluamente inediti altrove: "Toy fights" con la partecipazione di Adele Bethel (Sons and daugthers) e "Forest hills". Geniale band scozzese di Falkirk, attiva dal 1995 per opera del cantante Aidan Moffat e del polistrumentista Malcolm Middleton, fra le più interessanti emerse nel passato decennio in Inghilterra, la cui musica risulta essere un indie elettro-acustico
Euro
14,00
codice 245283
scheda

Page: 1 of 17


Pag.: oggetti: