Hai cercato:  Nuove uscite --- Titoli trovati: : 181
«---  1 2 3 4 5 6 7 8  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
A.a. williams    Forever blue (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bella union 
indie 2000
edizione limitata in vinile argento, adesivo su cellophane, copertina apribile. Il disco di debutto della cantante Alex Williams, che qui suona anche chitarra, piano e violoncello. Disco dalle tinte scure e sperimentali con la voce di A.A. Williams che si stratifica su basi tra post rock e new wave con richiami ai Birthday party.
Euro
31,00
codice 2094493
scheda
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  strut 
jazz
Vinile doppio, copertina apribile, label grigio/celeste con scritte nere, logo Strut a sinistra, catalogo STRUT214LP. Pubblicato nell'agosto del 2020 dalla Strut, il settimo album dei Pyramids, successivo ad ''An angel fell'' (2018) e come quello co-accreditato al leader Idris Ackamoor. Ancora una volta inciso ai Quatermass Studios di Londra e prodotto da Malcolm Catto degli Heliocentrics, ''Shaman!'' è stato inciso con una formazione rinnovata che però include anche un membro originale della formazione dei Pyramids degli anni '70, Margaux Simmons (flauto), oltre a Bobby Cobb (chitarra), Sandra Poindexter (violino), Ruben Ramos (basso), Gioele Pagliaccia (batteria) e Jack Yglesias (percussioni). E' un album dai temi più introspettivi e meno politici rispetto ad "An angel fell": qui Ackamoor si concentra su argomenti come la mortalità, la famiglia, la spiritualità, l'amore e la perdita. Il disco è costituito da nove lunghi brani, nei quali lo afro-funk più dilatato si fonde con il jazz dalle spinte spirituali, caratterizzato da ritmiche complesse ed eleganti, belle armonie vocali, elementi caratteristici di molta musica africana tradizionale e moderna, assoli di sassofono da parte di Ackamoor più morbidi rispetto al precedente lp, cullanti melodie di violino elettrificato e di flauto. Gruppo afroamericano dedito ad un incrocio fra il free jazz e la musica percussiva africana, i Pyramids prendono forma in Europa su impulso di alcuni musicisti originari dello Ohio nel 1971; del gruppo fa parte il sassofonista Idris Ackamoor (alias Bruce Baker), autore di gran parte delle loro composizioni. Tornati in patria intorno al 1973, i Pyramids incidono e pubblicano in quello stesso anno il loro primo album ''Lalibela'', disco caratterizzato da una furiosa vena creativa che lo avvicina al free piu' esuberante. L'anno successivo pubblicano ''King of kings'', dai toni piu' spirituali e con i legami africani ancor piu' in evidenza, quindi tornano nel 1976 con ''Birth/Speed/Merging''. Si sciolsero nel 1977, per poi riformarsi circa trent'anni dopo, e pubblicare due nuovi lp: nel 2011 ''Otherworldly'', e nel 2016 ''We be all africans'', quest'ultimo a nome Idris Ackamoor & the Pyramids.
Euro
35,00
codice 3513064
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  akuphone 
indie 2000
Edizione limitata, copertina senza codice a barre, inner sleeve con artwork, label marrone con scritte gialle e logo Akuphone giallo a sinistra, catalogo AKULP1023. Pubblicato nel febbraio del 2020 dalla Akuphone, il primo album vinilico degli Ak'chamel, che arriva dopo una lunga serie di cassette uscite fra il 2013 ed il 2017. Questa misteriosa formazione underground americana è nota per le sonorità low fi delle loro pubblicazioni su musicassetta, e per una musica che intreccia elementi psichedelici, sperimentazione ed influenze di diverse culture latine ed asiatiche, calate in un contesto eccentrico ed onirico. Questo "Totemist" è il loro primo lavoro inciso in uno studio con qualità sonora professionale, che si riflette nelle sonorità più pulite e meno pesanti rispetto al passato. Contenente suoni e rumori registrati in diversi luoghi del pianeta (il traffico di Calcutta, India, l'oceano delle Hawaii, il cimitero di Terlingua, una città mineraria fantasma nel Texas occidentale, al confine col Messico), l'album offre una moderna iterazione psichedelica, delicata e fluttuante, ricca di riferimenti esotici e misteriosi che si vanno ad inserire in uno stile "folkedelico" elettroacustico, dalle sfumature sciamaniche in alcuni episodi, molto ipnotizzanti e circolari.
Euro
27,00
codice 3513030
scheda
Albini Steve, Alison Chesley, Tim Midyett, Gaelynn Lea    Music from the film Girl on the third floor
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  touch & go 
Doppio album, copertina apribile senza barcode, adesivo di presentazione sul cellophane. Pubblicata nel giugno 2020, la colonna sonora del film di Travis Stevens "Girl on the third floor", del 2019. Registrato dall' ex Big Black e Rapemen Steve Albini alla chitarra, leader degli Shellac, musicista e produttore tra i piu' importanti della scena alternative sin dagli anni '80, con l' ex Poi Dog Pondering Alison Chesley (cello and electronics), l' ex Silkworm ed attualmente nei Mint Mile Tim Midyett e l' ex Murder Of Crows oltre che solista Gaelynn Lea alla voce nel lungo brano che occupa per intero la seconda facciata del disco, "Irish", un lavoro affascinante, oscuro ed atmosferico, un nuovo affascinante capitolo artistico per Steve Albini, che si tratti solo di una parentesi, o dell' inizio di un interesse per il mondo delle colonne sonore.
Euro
38,00
codice 3024451
scheda
Alfio antico    trema la terra
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  al-kemi / warner bros 
cantautori
Corredato si inner sleeve. Pubblicato nel 2020 dalla Al-Kemi, il sesto album, successivo ad "Antico" (2016). Prodotto dal cantautore catanese Cesare Basile, che vi suona anche diversi strumenti elettrici ed acustici, l'album fu inciso con la collaborazione fra gli altri di Puccio Castrogiovanni dei Lautari (chitarra battente, ciaramella, marranzano, zampogna, cori) e di Alice Ferrara degli Ipercussonici (cori), Gino Mattia (vari strumenti elettronici, organo Hammond, chitarra acustica), Mattia Antico (chitarre, sintetizzatore, glockenspiel, e-bow, harmonium, etc.), Rossella Alessandrini (urlo) e Salvo Noto (campana). "Trema la terra" è un'opera che fonde potentemente le tradizioni folk della Sicilia e dell'Italia meridionale con sonorità e soluzioni moderne e vicine talora all'avanguardia, espresse con effetti e strumenti elettronici, che si integrano con i numerosi strumenti acustici tipici del folk. Ne emerge un affascinante ibridazione fra canto popolare in dialetto e sperimentazione elettronica non accademica, che in alcuni episodi presenta affinità con certe espressioni musicali di Battiato. Canzoni riflessive, talora immerse in atmosfere ombrose ed introspettive ("Nun n'aiu sonnu"), ma anche dolci canti d'amore per la vita ("Me figghiu"). Nato a Lentini nel 1956, il siciliano Alfio Antico è da tempo considerato il più importante suonatore della tammorra in Italia ed a livello internazionale: l' antico tamburo a cornice le cui origini si perdono nel tempo, e parte integrante di molta musica folk della Sicilia e dell'Italia meridionale. Antico lavorò come pastore, conciatore di pelli ed artigiano, cresciuto a contatto con la cultura e la musica popolare e tradizionale della propria terra; scoperto da Eugenio Bennato, Antico suonò in molti dei dischi dei Musicanova, lo storico gruppo di Bennato e Carlo D'Angiò, importanti esponenti della nuova musica folk dell'Italia del Sud a cavallo fra gli anni '70 e '80. Nel tempo, Antico ha collaborato anche con Lucio Dalla, Fabrizio De André e Beppe Parra, oltre che con importanti artisti di teatro quali Giorgio Albertazzi e Roberto De Simone. Autore anche di dischi solisti a partire dall'inizio del XXI secolo (cominciando con "Anima 'nginusa" del 2000, uscito a nome Alfio Antico Quartetto), Antico elabora una musica viva e moderna che prende le mosse da tradizioni ancestrali ma che non disdegna di integrare sonorità elettriche e stilemi contemporanei.
Euro
28,00
codice 3023999
scheda
Algiers    There is no year (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  matador 
indie 2000
edizione limitata in vinile "cloudy" trasparente, adesivo su cellophane, inner sleeve. "There is no year" (2020), registrato a New York dagli amici di infanzia Franklin James Fisher, Ryan Mahan e Lee Tesche, originari di Atlanta, e dal batterista Matt Tong, è stato prodotto da Randall Dunn: disco dal forte impatto espressivo unendo - ancora una volta - black music e post punk. Algiers, trio (e poi quartetto) americano formatosi nel 2007. La formazione ad oggi è composta da: Franklin James Fisher (voce, chitarra, piano, Rhodes, Wurlitzer, percussioni, violoncello, batteria, sampling), Ryan Mahan (basso, tastiere, Wurlitzer, programming, percussioni, backing vocals), Lee Tesche (chitarra, pianoforte preparato, chitarra preparata, Prophet-5, programming, backing vocals), Matt Tong (batteria dal 2015 ad oggi). La proposta musicale della band è originale e particolare, si propone di fondere insieme industrial, post punk, (punk)blues, gospel. Il primo album del gruppo, dal titolo omonimo, "Algiers", esce nel 2015 ed è apprezzato dalla critica specializzata che considera il quartetto di Atlanta una bella novità del panorama musicale contemporaneo. "The Underside of Power" (2017), lavoro che ripropone con efficacia la formula sonora e cifra stilistica del disco precedente : ancora una volta gli Algiers fanno girare insieme in una girandola (di suoni) impazzita ritmi industrial e vibrazioni gospel, blues. Nel 2020 arriva "There is no year", ennesima convincente prova discografica del gruppo.
Euro
29,00
codice 2094550
scheda
Allen terry    Just like moby dick
LP2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  paradise of bachelors 
rock 60-70
Vinile doppio inciso su tre facciate e con la quarta facciata scolpita, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina cartonata apribile senza codice a barre e con testi sulla parte interna, label custom a colori con artwork diverso su ciascuna delle prime tre facciate, e di dimensioni ridotte sulla quarta facciata, quella scolpita, catalogo POB-055. Pubblicato nel gennaio del 2020 dalla Paradise of Bachelors, accreditato a Terry Allen con la Panhandle Mystery Band, "Just like moby dick" esce a circa sette anni di distanza dal precedente nuovo album del cantautore, "Bottom of the world" (2013). Co-prodotto insieme a Charlie Sexton (già collaboratore di nomi come Bob Dylan e David Bowie), e composto con l'ausilio di Joe Ely e Dave Alvin, questo lavoro è stato presentato dalla Paradise Of Bachelors come il successore spirituale di "Lubbock (on everything)" (1978), il secondo album di Allen, e forse il suo capolavoro. Una raccolta di storie in musica sospese fra realismo e fantastico, ironiche ed amare, talora tragicomiche, fra Houdini in crisi esistenziale, feroci pirati, le guerre in Afghanistan ed Iraq, case mobili in fiamme e vampiri che infestano un circo... il tutto espresso con un toccante, misurato e dolente folk rock dai risvolti country. Straordinario musicista nato a Wichita, Kansas, ma cresciuto a Lubbock, vicino al confine con il Messico, Terry Allen è stato, nonostante due soli album incisi nei primi due decenni di attività, uno dei più validi esponenti della cosiddetta "border music": musica di confine, Tex-Mex, ma aperta a tutte le influenze più svariate della tradizione americana; nella sua musica, al di là dell'approccio "filologico", è evidente il segno di una fortissima personalità artistica. Artista impegnato su più fronti, è anche apprezzatissimo scultore. Il suo lp di debutto, ''Juarez'', uscì nel 1975.
Euro
41,00
codice 2094687
scheda
Almond marc    chaos and a dancing star
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bmg 
punk new wave
Edizione regolare in vinile nero, copertina apribile. Pubblicato nel gennaio del 2020 dalla BMG, a distanza di oltre due anni dal precedente lavoro in studio "Shadows and Reflections", il ventitreesimo album solista in studio dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & the Mambas. Ospite nel brano "Lord of Misrule" Ian Anderson dei Jethro Tull con il suo flauto, ma va menzionata anche la presenza di Neal X, ex chitarrista dei Sigue Sigue Sputnik, e qui suona in più di metà dei brani; produttore e co-autore dei brani è Chris Braide, con il quale Almond aveva collaborato nell'apprezzato album del 2015, "The velvet trail". Una propensione per ballate e midtempo drammatici e decadenti, con una vena rock che pulsa sotto la superficie, è evidente in pezzi come "Black sunrise"; risaltano lenti episodi come la misteriosa "Giallo" (con elementi nelle melodie che richiamano le colonne sonore di film gialli e thriller di molti decenni addietro) o "Hollywood fever", storia di ambizioni, luci splendenti e rovine esistenziali; bellissima "The crow's eyes have turned blue", episodio classicamente almondiano, dolente ed amara ballata pianistica che esprime il lato più malinconico e struggente del cabaret con grande eleganza. "Figthing a war" è uno degli episodi più vivaci, sostenuta da un groove elettronico in mid tempo e ballabile, ma la maggior parte delle canzoni si mantiene su toni cullanti e ritmi rilassati, altro esempio ne è l'avvolgente "Cherry tree", nella quale la critica ha ravvisato non a torto una vena bowieana. Ben amalgamata e gradevole è anche la miscela sonora fatta di pianoforte, strumenti elettrici ed elettronici e, talora, arrangiamenti di archi molto composti e suadenti.
Euro
28,00
codice 3023957
scheda
Alva noto    Xerrox vol.4
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  raster noton 
indie 2000
doppio vinile, copertina apribile, etichette custom. “Xerrox Vol.4” (2020) è il quarto volume del progetto “Xerrox” di Alva Noto. Utilizzando il processo di copia come base, la serie Xerrox lavora sulla manipolazione di dati per creare riproduzioni infinite. La procedura prevede la continua creazione copie di altre copie, il suono diventa sempre più alterato e difficilmente può essere riconducibile al materiale sorgente. Alva Noto è uno dei progetti musicali dell'artista audiovisivo tedesco Carsten Nicolai, cresciuto nella Germania dell'Est e poi trasferitosi a Berlino, dopo aver studiato architettura e design di paesaggi, appassionandosi al tema del rapporto fra suono e spazio. Nicolai fonda quindi un'etichetta discografica, la Noton.Archiv Fuer Ton Und Nichtton (che alla fine degli anni '90 diventerà Raster-Noton in seguito ad una fusione), e nella seconda metà degli anni '90 comincia a pubblicare lavori dietro le sigle Noto e Signal, progetti a cui si sovrappongono nel decennio successivo Alva Noto ed Aleph-1. Nel corso degli anni ha sperimentato con varie concezioni sonore elettroniche, dalla musica collage al glitch, dalla techno al dubstep.
Euro
29,00
codice 2094545
scheda
Apple fiona    Fetch the bolt cutters (ltd bronze)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  sony 
indie 90
edizione limitata in doppio vinile bronzo 180 grammi, booklet con testi, coupon per download. “Fetch the Bolt Cutters” (2020), pubblicato a otto anni di distanza da “'The Idler Wheel...”, è il ritorno discografico di Fiona Apple: l’album, considerato dalla critica specializzata una delle produzioni più belle del 2020, ci consegna l’artista in stato di grazia. Tra blues, country, rock, jazz. Fiona Apple è una cantautrice americana, esordisce nel 1996 con l’album “Tidal”. È stata otto volte candidata ai Grammy Award e vincitrice di un Grammy Award alla migliore interpretazione vocale rock femminile per il brano '”Criminal” I suoi album hanno raggiunto i primi cinque posti della classifica statunitense in quattro decenni consecutivi.
Euro
40,00
codice 2094525
scheda
Apple fiona    Fetch the bolt cutters (ltd pearl)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  sony 
indie 90
edizione limitata in doppio vinile opaco perla, 180 grammi, booklet con testi, coupon per download. “Fetch the Bolt Cutters” (2020), pubblicato a otto anni di distanza da “'The Idler Wheel...”, è il ritorno discografico di Fiona Apple: l’album, considerato dalla critica specializzata una delle produzioni più belle del 2020, ci consegna l’artista in stato di grazia. Tra blues, country, rock, jazz. Fiona Apple è una cantautrice americana, esordisce nel 1996 con l’album “Tidal”. È stata otto volte candidata ai Grammy Award e vincitrice di un Grammy Award alla migliore interpretazione vocale rock femminile per il brano '”Criminal” I suoi album hanno raggiunto i primi cinque posti della classifica statunitense in quattro decenni consecutivi.
Euro
34,00
codice 2094417
scheda
Apple fiona    Fetch the bolt cutters (ltd pearl)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  sony 
indie 90
edizione limitata in doppio vinile opaco perla, 180 grammi, booklet con testi, coupon per download. “Fetch the Bolt Cutters” (2020), pubblicato a otto anni di distanza da “'The Idler Wheel...”, è il ritorno discografico di Fiona Apple: l’album, considerato dalla critica specializzata una delle produzioni più belle del 2020, ci consegna l’artista in stato di grazia. Tra blues, country, rock, jazz. Fiona Apple è una cantautrice americana, esordisce nel 1996 con l’album “Tidal”. È stata otto volte candidata ai Grammy Award e vincitrice di un Grammy Award alla migliore interpretazione vocale rock femminile per il brano '”Criminal” I suoi album hanno raggiunto i primi cinque posti della classifica statunitense in quattro decenni consecutivi.
Euro
34,00
codice 2093951
scheda
Arca    Kick i
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  xl 
indie 2000
copertina apribile con parti lucide. booklet, il quarto album per Alejandra Ghersi in arte ARCA, con apparizioni di ospiti quali Björk , Rosalía, Shygirl e SOPHIE. note a seguire. artista d'origini venezuelane, Alejandra Ghersi, conosciuto per le collaborazioni con Kanye West, Mykki Blanco e FKA Twigs. Elettronica d'avanguardia ottenuta processando e filtrando pianoforti, archi e quant'altro, con sofisticazioni sonore, ondulazioni, loops, reverberi, ritmiche continuamente sfaccettate e campionamenti vocali. Un mix di componenti classiche, dub step, IDM, techno e trance, che si rivela magnetico fin dal primo ascolto: un corpo sonoro a se' stante, plasmato da influenze multiple, che evidenziano il backgorund classico e l'abilita' nella manipolazione sonora attraverso sofware.
Euro
29,00
codice 2093574
scheda
Astatke mulatu + black jesus experience    To know without knowing
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  agogo 
world
Label custom, catalogo AR135VL. Pubblicato nel luglio del 2020 dalla Agogo, il secondo album in collaborazione fra il maestro etiope Mulatu Astatke ed i Black Jesus Experience, gruppo basato in Australia ed attivo dal primo decennio del XXI secolo, influenzato fortemente dal jazz etiope di cui Astatke è uno dei padri fondatori. La loro prima collaborazione a 33 giri "Cradle of humanity" aveva visto la luce nel 2016; con "To know without knowing" Astatke (vibrafono, piano elettrico Wurlitzer, congas) ed il gruppo, con un folto cast di strumentisti che include una sezione di ottoni e varie voci maschili e femminili, propongono sei lunghi brani dove largo spazio è lasciato alle parti strumentali, con bel flauto volentieri in evidenza insieme agli ottoni, una chitarra dal sound molto funk e sinuoso, eteree linee di vibrafono ed un groove ritmico che si muove fra funk e jazz con fluidità. Musicista importantissimo nell'ambito del jazz etiope, di cui è considerato uno dei fondatori, Mulatu Astatke ebbe la possibilità di formarsi musicalmente a Londra e negli Stati Uniti, studiando negli anni '60 presso quello che sarebbe poi diventato il Berklee College Of Music di Boston; successivamente è attivo a New York con il suo gruppo jazz Ethiopians, con il quale comincia a sviluppare la sua idea di ''ethio jazz'', incrociando jazz, musica latina ed etiope. Tornato in patria alla fine del decennio, inserisce elementi soul e funk nella sua musica e diventa uno dei musicisti più influenti dell'Etiopia. Viene ''riscoperto'' all'inizio del nuovo secolo in seguito all'inserimento di alcuni dei suoi brani nella colonna sonora del film ''Broken Flowers'' di Jim Jarmusch.
Euro
28,00
codice 3512994
scheda
Badly drawn boy    Banana skin shoes
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  one last fruit 
indie 2000
doppio vinile, copertina apribile, adesivo su cellophane, poster. “Banana Skin Shoes” (2020), nono album in studio di Damon Gough (aka Badly Drawn Boy), esce a dieci anni di distanza da “It’s What I’m Thinking Pt.1 – Photographing Snowflakes” (2010): facendosi produrre da Gethin Pearson (già al lavoro con Kyle Okereke) e Youth (Paul McCartney), Badly Drawn Boy ritorna al pop in chiave cantautoriale. Commovente ed onesto. Il cantautore inglese Damon Gough è artefice, sotto lo pseudonimo di Badly Drawn Boy, di un creativo intreccio fra pop, indie rock e canzone d'autore, fra i più apprezzati dell'inizio del nuovo secolo. Il suo album d'esordio "The hour of bewilderbeast" (2000) ottiene un ottimo riscontro di critica ed anche un notevole successo di pubblico in patria; a questo farà seguito "About a boy" (2002), colonna sonora del celebre film con Hugh Grant, tratto da un romanzo di Nick Hornby. Il suo quinto album "Born in the UK" (2006), segna il passaggio sulla major discografica EMI oltre che uno spostamento verso il pop. Negli anni, magari con minore successo, Badly Drawn Boy ha sempre continuato a fare dischi pop di ottimo livello. “Banana Skin Shoes”, del 2020, è l’ultimo disco del musicista britannico.
Euro
29,00
codice 2094063
scheda
Bc camplight    Shortly after takeoff (clear)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bella union 
indie 2000
edizione limitata in vinile trasparente. adesivo su cellophane, copertina ruvida, inner sleeve. Il quinto album di Brian Christinzio, ovvero BC Camplight, il terzo ed ultimo capitolo della cosidetta trilogia di Manchester, città dove si è spostato dalla natia Philadelphia. Cantautore che può assimilarsi ai lavori di Eels, Bon Iver con echi sixties. Brian Christinzio, cantante/compositore e pianista di Philadelphia, titolare del moniker BC Camplight. Dopo i primi 2 albums su One Little Indian, "Hide, run away" del 2005 e "Blink of a nikilist" del 2007 (entrambi recepiti bene dalla critica ma non estesi ad ampi consensi di pubblico), Christizio si e' dedicato a collaborazioni esterne, come quella con i War on Drugs e Sharon Van Etten (ha inciso varie parti strumentali in "Epic", secondo lavoro per la cantautrice americana). Dopo il trasferimento a Manchester, arriva la firma per la label inglese, Bella Union di Simon Raymonde (Cocteau Twins).
Euro
30,00
codice 2093573
scheda
Benvegnu' paolo    Dell'odio dell'innocenza (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  black candy 
indie 2000
edizione numerata a mano di 500 copie. sesto album di inediti da solista dell'ex Scisma, note a seguire. Dopo lo scioglimento del gruppo intraprende la carriera solista agli inizi del nuovo millennio, proponendo una musica scarna ed intima, frutto di un cantautorato molto sentito ed ispirato. Nel 2003 esce il suo primo album solista dal titolo "Piccoli fragilissimi film", che riscuote un discreto successo sia di pubblico che di critica; seguono l'Ep "Cerchi nell'acqua" (05), l'album "Le labbra" e "Proiettili buoni" con Marco Parente, entrambi nel 2008, la partecipazione al progetto "Il paese reale", voluto da Manuel Agnelli e da "Hermann" nel 2011.
Euro
29,00
codice 2092592
scheda
Beth jehnny (savages)    To love is to live
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  20L07 music 
indie 2000
vinile 180 grammi, inner sleeve.“To love is to live” (2020), album di debutto di Jehnny Beth (Savages), è una riflessione dark e cinematografica sulla vita. Nel disco la musicista scava i meandri più remoti della sua coscienza artistica. Analizzando il lato più oscuro della sua persona, Jehnny ha dato vita un’opera travolgente. Jehnny Beth (Camille Berthomier) è la voce delle Savages. A fine 2011 la cantante Camille Berthomier (nota come Jehnny Beth) e la chitarrista Gemma Thompson si incontrano a Londra e cominciano a lavorare insieme a un progetto, che si trasforma poi in un gruppo musicale, dal nome Savages, in omaggio alle letture della Thompson adolescente. Alle due musiciste si uniscono successivamente Ayse Hassan (basso) e Fay Milton (batteria). Il primo show della band nel gennaio 2012, di supporto ai British Sea Power, è un successo nella misura in cui attira l’attenzione di John Best, manager dei Sigur Rós. E nell’agosto dello stesso anno le Savages pubblicano il primo sette pollici, “Flying To Berlin / Husbands” per la Pop Noire (etichetta della stessa Jehnny Beth e di Johnny Ostile), apprezzato favorevolmente dalla stampa britannica, che paragona il quartetto ad artisti come Public Image Ltd., Siouxsie and the Banshees e PJ Harvey. I live della band dal forte impatto ne accrescono la popolarità e nel 2012 esce un secondo singolo, “I am here”, sempre per Pop Noire. Il debutto su disco, invece, avviene sulla Matador Records nel maggio 2013 con “Silence Yourself”, prodotto da Johnny Ostile.
Euro
27,00
codice 2094788
scheda
Big scenic nowhere (fu manchu, yawning man)    Vision beyond horizon (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  heavy psych sounds 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato, copertina apribile. Il debutto del supergruppo, progetto di Gary Arce dei Yawning Man e Bob Balch dei Fu Manchu, comprendente inoltre Tony Reed (Mos Generator), Mario Lalli (Fatso Jetson, Yawning Man), Per Wiberg (Spiritual Beggars), Bill Stinson (Yawning Man), Nick Oliveri (Mondo Generator, ex-Kyuss), Lisa Alley e Ian Graham (entrambi dei The Well), Alain Johannes (Them Crooked Vultures, Chris Cornell, Eleven), Mario Lalli, Kylen Reed. Musicalmente un'incontro nel deserto Mojave della California di differenti stili dallo stoner-rock al più classico heavy rock, sulla falsariga delle desert sessions.
Euro
25,00
codice 2091031
scheda
Bjork brant (kyuss)    Brant bjork
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  heavy psych sounds 
indie 90
vinile nero, album del 2020, registrato con Yosef Sanborn nello studio Joshua Tree e mixato da John McBain (ex-Monster Magnet), progetto di lavoro in solitudine che già era stato affrontato nel passato ma non trattasi di ripetizione in quanto il nostro propone nuove e diverse atmosfere nell'ambito hard-rock desertico. note a seguire. Ex batterista di Kyuss (dei quali è co-fondatore) e Fu manchu, proprietario dell'etichetta El camino, poi ribattezzata Duna, pubblica il suo primo album solista "Jamalanta" nel 99; Influenzato dal classico rock'n'roll e dall'hard rock degli anni '70, partecipa anche alle celebri "Desert sessions" di Josh Homme, nella primissima formazione dei Queens of stonage e suona nei Mondo Generator in "Cocaine rodeo" (2000). Un ulteriore progetto sono i Brant Bjork and The Bros, che esordiscono nel 2005 con "Saved by magic" e proseguono nel 2007 con "Somera sol". Nel 2013 Bjork partecipa alla reunion dei Kyuss, realizzando il doppio "Peace", con John Garcia, piu 'Nick Olivieri (nei Kyuss dal 92) e il chitarrista Bruno Fevery (sostituto di Homme nei Kyuss Lives).
Euro
21,00
codice 2092267
scheda
Black lips    Sing in a world that's falling apart (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  fire 
indie 2000
edizione limitata in vinile rosso, copertina sagomata die-cut , poster, coupon per download. Il nuovo disco della band americana. note a seguire. Gruppo dedito ad un garage punk ruvido ed aggressivo che porta agli estremi la furia dei gruppi americani di meta' anni '60 fino a farla incontrare con quella del punk e con la follia dei Cramps, i Black Lips si formano ad Atlanta in Georgia all'alba del nuovo secolo; dopo essersi fatta una pessima fama in vari locali della Georgia per i loro concerti scatenati, vengono notati da Greg Shaw della Bomp che li mette sotto contratto. Il primo album eponimo esce nel 2003, poco dopo la scomparsa del chitarrista Ben Ederbaugh, ma il gruppo decide di proseguire come terzetto, dando alle stampe il terzo apprezzato lp ''Let it bloom'' nel 2005 su In The Red, per poi proseguire su Vice con il live ''Los valientes del mundo nuevo'' (2007) e con ''Good bad not evil'' (2007).
Euro
29,00
codice 2091974
scheda
Blues pills    Holy moly (180 gr. black)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  nuclear blast 
indie 2000
edizione in vinile nero 180gr. copertina apribile. "Holy Moly!” (2020), scritto, prodotto e registrato nello studio analogico di Anderson e soci, è un album in perfetto stile Blues Pills: si incrociano, come al solito, scenari sonori a metà strada tra blues, rock e psichedelia. L'illustrazione della copertina s'intitola "Beast” ed è a opera dell'artista Daria Hlazatova. I Blue Pills sono un gruppo franco/americano/svedese, formato da Cory Berry, ex batterista dei Radio Moscow (qui come chitarrista), il quale, dopo l'uscita da quest'ultimi nel settembre 2011, ha reclutato, insieme al bassista Zack Anderson, la cantante svedese Elin Larsonn, il batterista svedese Jonas Askerlund (Dead Man) ed il giovanissimo chitarrista francese Dorian Sorriaux. Prima del debutto omonimo realizzano tre EP in formato 10", "Bliss" (12), "Devil man" (13) e "Live at Rockplast" (14). Nel 2016 pubblicano il secondo disco "Lady in gold”, seguito nel 2020 da "Holy Moly!”
Euro
34,00
codice 2094680
scheda
Blues pills    Holy moly (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  nuclear blast 
indie 2000
edizione limitata in vinile splatter rosso e oro. copertina apribile. "Holy Moly!” (2020), scritto, prodotto e registrato nello studio analogico di Anderson e soci, è un album in perfetto stile Blues Pills: si incrociano, come al solito, scenari sonori a metà strada tra blues, rock e psichedelia. L'illustrazione della copertina s'intitola "Beast” ed è a opera dell'artista Daria Hlazatova. I Blue Pills sono un gruppo franco/americano/svedese, formato da Cory Berry, ex batterista dei Radio Moscow (qui come chitarrista), il quale, dopo l'uscita da quest'ultimi nel settembre 2011, ha reclutato, insieme al bassista Zack Anderson, la cantante svedese Elin Larsonn, il batterista svedese Jonas Askerlund (Dead Man) ed il giovanissimo chitarrista francese Dorian Sorriaux. Prima del debutto omonimo realizzano tre EP in formato 10", "Bliss" (12), "Devil man" (13) e "Live at Rockplast" (14). Nel 2016 pubblicano il secondo disco "Lady in gold”, seguito nel 2020 da "Holy Moly!”
Euro
32,00
codice 2094333
scheda
Bocoum afel    Lindé
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  world circuit 
world
Vinile da 180 grammi, inserto esterno a protezione della costola con note di presentazione, copertina ruvida fronte retro, inserto apribile con note e testi in lingue francese ed inglese, label verde con scritte bianche, catalogo WCV095. Pubblicato nel settembre del 2020 dalla World Circuit, il nuovo album di Afel Bocoum, successivo a "Tabital pulaaku" (2009). "Lindé" prende il suo titolo dalle distese selvagge che confinano con la sua città natale, Niafunké, e che Afel usava esplorare da bambino. Inciso con la produzione esecutiva di Damon Albarn e Nick Gold, l'album è impreziosito dalla collaborazione di musicisti maliani illustri come Madou Kouyaté, "Hama" Sankaré e Madou Sidiki Diabaté, e la partecipazione di altri veterani come il batterista afrobeat Tony Allen ed il trombonista reggae Vin Gordon; l'impasto musicale è quello ipnotizzante e fascinoso di strumenti tradizionali come il kora, lo ngoni ed il calabash, integrati con chitarre elettriche e numerose percussioni, a sostegno di un approccio vocale basato su richiamo e risposta. Una musica di pace ed un appello alla solidarietà ed alla speranza per il suo tribolato paese, il Mali. Stimato musicista Maliano nato nel 1955 a Niafunké, nella regione di Timbuktu, Afel Bocoum è stato per più di trent'anni uno dei principali componenti del gruppo del grande Ali Farka Toure. Nel 1999 pubblica il suo primo album solista "Alkibar: messenger of the great river", inciso sulle rive del grande fiume Niger, ed esempio di un'affascinante sintesi fra strumenti e stili dell'Africa occidentale subsahariana ed influenze internazionali, ricco di sonorità e di riferimenti alla propria cultura ma al tempo stesso in possesso di una bellezza universale.
Euro
30,00
codice 3513085
scheda
Bonamassa joe    A new day now - 20th anniversary ed. - blue vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  provogue 
blues rnr coun
Doppio album, edizione limitata in vinile blu, ristampa realizzata in occasione del ventennale dall' uscita originaria, con titolo "A New Day Now" invece che "A New Day Yesterday", remixata e rimasterizzata, con le parti vocali totalmente reincise, ampliata a doppio album con l' inserimento di tre tracce in piu' ("Hey Mona", "I Want You" e "Line of Denial"), copertina per l' occasione apribile, con adesivo di presentazione sul cellophane e corredata di inner sleeve. Pubblicato originariamente nell' ottobre del 2000, prima di "So, It's Like That" (2002), il debutto full lenght del chitarrista/compositore americano, non entrato nelle classifiche ne' in Usa ne' in Uk, ma giunto al nono posto delle classifiche blues americane. Prodotto da Tom Dowd, mette in luce, oltre alle influenze blues (che portano a fare similitudini con altri giovani talenti chitarristici come Kenny Wayne Shepard e Johnny Lang), rimandi al rock classico dei settanta, soprattutto quello inglese, sin dal titolo che omaggia i Jethro Tull. Registrato con la presenza di ospiti importanti, come Rick Derringer, Leslie West, Gregg Allman e David Borden, l' album e' diviso tra brani originali, tra cui i singoli "Miss You, Hate You" e "Colour and the Shape", e covers, con "Cradle rock" di Roy Gallagher, "Walk in my shadow" dei Free, "A new day yesterday" dei Jethro Tull, "Nuthin' I wouldn't do (for a woman like you)" di Al Kooper, "If Heartaches were nickels" di Warren Haynes, "Don't burn down that bridge" di Alber King. Nato nello Stato di New York nel 1977, Joe Bonamassa e' un giovane talentuoso chitarrista/cantante blues rock, gia' attvo all'eta' di dodici anni, quando duettava live con B.B. King. Le sue influenze e gusti sono da ricercarsi anche nella musica inglese: Paul Kossoff, Peter Green, Eric Clapon, Gary Moore, Rory Gallagher, Jeff Beck e a Jimmy Page oltre ai classici bluesmen americani, Muddy waters, Robert Johnson e T-Bone Walker.
Euro
29,00
codice 2094085
scheda

Page: 1 of 8

«---  1 2 3 4 5 6 7 8  ---»
Pag.: oggetti: