Hai cercato:  Nuove uscite --- Titoli trovati: : 138
«---  1 2 3 4 5 6  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
A/lpaca    Make it better
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  sulatron 
indie 2000
edizione limitata in vinile viola, copertina ruvida. Il debutto su album per la Sulatron della giovane band italiana di Mantova, con un disco che affondando nel beat psichedelico anni sessanta inglese (l'album si svolge in un immaginario "beat club") di band come Pink Floyd e Soft Machine, ne amplifica e distorce i suoni con una spinta ipnotica teutonica di Can, la freddezza post punk inglese degli anni ottanta e li trasporta nell'era adrenalinica moderna con riferimenti a Thee Oh Sees o King Gizzard & the lizard wizard.
Euro
23,00
codice 2101353
scheda
Aa.vv. (mien folk music)    Mien (yao) – canon singing in china, vietnam, laos (ltd.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  sublime frequencies 
world
Edizione limitata, copertina senza codice a barre, inserto con foto, note e descrizioni dei brani a cura di Laurent Jeanneau (Kink Gong), catalogo SF117. Pubblicato nel maggio del 2021 dalla Sublime Frequencies, questo album è frutto di una pluriennale ricerca musicologica condotta da Laurent Jeanneau, che ha registrato e prodotto sul posto, fra il 2009 ed il 2013, una serie di performances vocali di canto contrappuntistico tradizionale delle popolazioni mien, note in Cina anche come yao, un'etnia che vive nelle zone collinari o montane fra Cina, Vietnam e Laos, composta da pochi milioni di individui; la loro cultura appartiene al gruppo etnolinguistico sino-tibetano hmong-mien. La melodia espressa con questi canti a più voci è stata accostata a quelle di musiche del Sud Est asiatico di aree come Giava e le altre isole della Sonda, ma presenta ovviamente un carattere peculiare e tipico; le voci ricamano litanie ipnotizzanti simili ora a lamenti, ora a canti festosi. Questi i brani inclusi: "Lan Pan Moon (Ay Jung Lan Pan Moon Khon Tang Di Tai)", "Kai Tian Pi Di (Open The Sky)", "Shan Ge (Mountain Song)", "Gap Choun - Dao Cham (Long Dress YAO)".
Euro
29,00
codice 3513666
scheda
Aiazzi / maroccolo (litfiba)    mephisto ballad
lp [edizione] nuovo  stereo  ita  2021  Contempo 
punk new wave
copertina senza barcode, busta plastificata esterna con adesivo di presentazione, inner sleeve ed inserto fotografici, etichetta nera con logo e scritte bianche. Pubblicato nel febbraio del 2021, questo album vede nuovamente all' opera insieme i due membri fondatori dei Litfiba Antonio Aiazzi e Gianni Maroccolo (rispettivamente tastierista e bassista della band fiorentina). L' album parte dalla rievocazione della Mephistofesta, svoltasi nel carnevale del 1982 a Firenze, in cui Bruno Casini e i Litfiba crearono una estemporanea performance tra musica e teatro, e non a caso e' aperto da una lunghissima ed atmosferica versione di oltre 16 minuti di "EFS Quarantaquattro", tra i brani eseguiti in quell' occasione e inclusa nello stesso anno nel primo ep dei Litfiba, procedendo poi con nuove scarne e dilatate composizioni create dai due musicisti, con il piano di Aiazzi molto in evidenza, atmofere dark e decadenti, alcuni versi scritti e recitati da Giancarlo Cauteruccio, regista con cui i Litfiba collaborarono ai tempi dell' insonorizzazione dello spettacolo "Eneide", ed ispirati al Faust di Goethe. Tra i possibili punti di riferimento, certo Philip Glass ed i Tuxedomoon piu' rarefatti. Dopo la militanza nei Litfiba, e le molte colonne sonore per cinema e teatro composte come membro dei Beau Geste, Aiazzi ha dato inizio con "Linea Gialla" del 2017 alla sua discografia solista con un lavoro in cui si incontrano elettronica da ascolto e musica concreta, suoni di musica e suoni e rumori dell'ambiente contemporaneo in cui viviamo, che si integrano in una suadente sintesi. Gianni Maroccolo è un bassista e produttore italiano, cofondatore e membro storico dei Litfiba, poi collaboratore degli ultimi CCCP e cofondatore dei CSI, solo per citare alcuni dei principali progetti che lo hanno visto coinvolto; importantissimo è anche il suo contributo alla scena musicale come produttore, e intensa negli anni 2000 l' attivita' solista.
Euro
27,00
codice 2100199
scheda
Allen tony    there is no end
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  blue note 
soul funky disco
Doppio album in vinile pesante, copertina apribile, etichetta azzurra con scritte bianche da un lato, custom con disegno a colori dall' altro. Pubblicato nel maggio 2021, a quattro anni di distanza dal precedente "Source", il dodicesimo album in studio, il primo postumo del grande batterista nigeriano, morto nell' aprile del 2020. Tra gli ospiti Koreatown Oddity, Zelooperz, Lava La Rue, Sampa The Great, Lord Jah-Monte Ogbon, Jeremiah Jae, Nah Eeto, Tsunami, Nate Bone, Ben Okri, Skepta e Marlowe. Descrizione completa a seguire. Esponente di spicco della musica nigeriana, Tony Allen e' stato per molti anni, in qualita' di batterista degli Africa 70 di Fela Kuti, uno dei maggiori contributori allo sviluppo dello afrobeat, stile musicale in cui le influenze soul e funk provenienti dagli USA si fusero con le melodie ed i complessi ritmi della musica africana, prendendo piede principalmente nella Nigeria degli anni '70 e poi affermandosi a livello internazionale. Allen e' un musicista eclettico, che ha sperimentato le sue concezioni con stili etnici diversi come con il dub e lo hip hop. Il suo primo album come leader, "Jealousy", usci' nel 1975 e segno' l'inizio di una carriera solista che prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo. E' dello stesso anno il secondo "Progress", cui seguono "No accomodation for Lagos" (79), "No discrimination" (79), "Ariya" (98), "Black voices", "Homecooking" (02), "Every season" (02), "Lagos no shaking" (06) e "Secret agent" (09).
Euro
33,00
codice 3026123
scheda
Altin gun    Yol
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  glitter beat 
indie 2000
copertina ruvida, etichette custom. Il terzo album, continua la ricerca del gruppo nella musica rock Anatolica e psichedelia turca con un tocco di di synth-pop e dancefloor. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
24,00
codice 2101491
scheda
Aquarian blood    Bending the golden hour
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  goner 
indie 2000
Inner sleeve con artwork e testi, label blu scura con logo Goner Records a destra, catalogo 172GONE. Pubblicato nel maggio del 2021 dalla Goner, il terzo album, successivo a "A love that leads to war" (2019). I coniugi Horrell si avvalgono qui della collaborazione di Keith Cooper (sintetizzatore), Jesse James Davis (chitarra) e Coltrane Duckworth (chitarra), nello sviluppare una musica che prende spunto dal loro secondo album, più acustico e meno urticante e punk rispetto all'esordio del 2017. In "Bending the golden hour" la band elabora un sound più ricco e stratificato, ed atmosfere meno ombrose e più avvolgenti e sognanti, per quanto ancora introspettive ed notturne, che si dipanano attraverso episodi lenti, dalle percussioni sullo sfondo o assenti, guidati da ipnotizzanti melodie di organo e synth e da partiture di chitarra acustica dal sapore folk, il tutto ancora percorso da una pulsante vena stralunata. Gli Aquarian Blood sono un gruppo che fonde influssi del grezzo punk, della musica folk e roots elettroacustica e della psichedelia; furono formati nel 2014 a Memphis, Tennessee, dal duo di coniugi J.B. Horrell (voce, chitarra), ex membro del gruppo punk Ex-Cult, e Laurel Horrell (voce, batteria), già con i Nots, e precedentemente insieme in un'altro progetto, i Moving Finger. Gli Aquarian Blood riescono a fondere a loro modo armoniosamente stili ed influenze piuttosto divergenti, impiegando strumenti che vanno dalla chitarra acutica ai sintetizzatori. Il gruppo pubblica inizialmente due cassette, "Aquarian blood" (2014) e "II" (2015), quindi firmano con la Goner e nel 2017 pubblicano il loro primo lp vinilico, "Last nite in paradise", caratterizzato da un sound ancora urticante ed apparentemente caotico, nella sua fusione fra influssi punk e folk, quindi ammorbidiscono ed arricchiscono il loro stile nei due successivi lavori, "A love that leads to war" (2019) e "Bending the golden hour" (2021), senza perdere la loro vena stralunata ed underground.
Euro
25,00
codice 3513647
scheda
Arab strap    As days get dark
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  rock action 
indie 90
oupon per download, adesivo su cellophane, inner sleeve. copertina senza barcode (su adesivo). Dopo ben 16 anni da "the last romance", ed a cinque dalla reunion, tornano gli Arab Strap con un nuovo album in studio, un disco che cerca nuove strade sonore pur mantenendo ben chiara la via maestra. Prodotto da Paul Savage (già in tre precedenti albums del gruppo). note a seguire Formati a Falkirk nel 1995 da Aidan Moffat e Malcolm Middleton, gli Arab Strap sono stati uno dei piu' importanti e talentuosi gruppi della vivace scena indie rock scozzese di fine secolo. Caratterizzati da ritmi lenti, sonorita' sparse e crepuscolari in cui impiegavano scarne melodie chitarristiche come strumenti elettronici, atmosfere decadenti e testi cantati / narrati con un forte accento scozzese che parlano in modo diretto di sessualita', tradimenti, droghe ed alcol, gli Arab Strap divennero ben presto beniamini della critica britannica, che acclamo' il primo album ''The week never starts round here'' (1996), uscito come quasi tutte le loro pubblicazioni successive sulla cult label di Glasgow Chemikal Underground. Dopo una breve sequenza di album, il gruppo si sciolse nel 2006; Moffat ha portato avanti fra i tardi anni '90 ed i primi anni 2000 anche un altro progetto, Lucky Pierre.
Euro
29,00
codice 2102369
scheda
Azmari    Sama i
Lp [edizione] nuovo  stereo  bel  2021  sdban 
soul funky disco
Label custom gialla e nera / blu scura, catalogo SDBANULP16. Pubblicato nel gennaio del 2021 dalla belga Sdban, il primo album, successivo all'ep "Ekera" (2019). Entrati in contatto con la musica anatolica durante i loro concerti dati ad Istanbul, gli Azmari, tornati in studio per incidere questo primo lp, hanno affiancato allo studio della musica etiope quello della musica turca, imparando l'uso di strumenti etnici come il ney, il sax ed il baglama, di origine mediorientale, ma anche il sudamericano berimbau, arricchendo ulteriormente la propria paletta sonica in questi nove brani strumentali. "Sama i" offre una musica ipnotica, circolare ed induttore di trance, nel suo intrecciare pulsazioni dub, patterns di musica africana ed anatolica, assoli di fiati dal sapore jazz ma mescolato con il Medio Oriente, un afrofunk dai contorni misteriosi e psichedelici, dai ritmi mai troppo agitati, il tutto con un forte richiamo agli anni '70, ma che suona fresco e gradevolissimo. Formati a Bruxelles nel 2015 da musicisti europei, gli Azmari sono un gruppo strumentale che fonde in un armoniosa sintesi grooves di musica etiopica (gli Azmari sono cantori e musicisti della tradizione etiope, paragonati ai bardi europei o ai griot dell'Africa occidentale), funk psichedelico, dub ed influenze orientali, ispirandosi a giganti come Fela Kuti, Mulatu Astatke, Cymande e Heliocentrics. Composti da Arthur Ancion (batteria), Basile Bourtembourg (tastiere, percussioni, saz, baglama), Jojo Demelier (percussioni), Niels D'haegeleer (basso), Matteo Badet (sax, kaval) ed Ambroos De Schepper (sax, flauto), debuttano su disco nel 2019 con il lungo ep "Ekera" (della durata pressappoco di un lp), quindi girano in tour per l'Europa ed in Turchia, dove entrano in contatto con la musica turca, la cui influenza andrà ad arricchire l'impasto sonoro del loro primo album "Sama i" (2021).
Euro
28,00
codice 2102263
scheda
Bachi da pietra    Reset
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  garrincha 
indie 2000
vinile colorato arancio. Il ritorno a 6 anni di distanza dal precedente "Necroide", con formazione allargata a 3 elementi grazie all'innesto al basso e synths di Marcello Batelli (Non Voglio Che Clara, Il Teatro degli Orrori). I Bachi di Pietra sono un duo nato nel 2004 e formato da Giovanni Succi (Madrigali Magri) alla voce, chitarra e basso acustico e da Bruno Dorella (Wolfango, attualmente nei Ronin) alla batteria e percussioni. La musica si basa su di un post rock blues cantato in italiano, dai forti connotati noir. Hanno debuttato nel 2005 con "Tornare nella terra", cui succedono "Non lo" del 2007, "Tarlo terzo" del 2008, "Quarzo" e "Insect trust" nel 2010.
Euro
28,00
codice 2101468
scheda
Bastreghi rachele (baustelle)    Psychodonna (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  atlantic 
indie 90
edizione limitata in vinile trasparente, 1000 copie numerate sul retro e con autografo dell'artista. Il primo vero album da solista della cantante dei Baustelle, una delle icone più riconosciute e ammalianti della scena pop-rock italiana, da lei definito un volo intimo e faticosamente libero nella dimensione femminile. Coprodotto dalla stessa Rachele insieme a Mario Conte, musicalmente è un lavoro sfaccettato che miscela in maniera armonica e/o contrastata electropop con musica d'autore, con uno sguardo alla sperimentazione del primo Battiato, Laurie Anderson o il Morricone più psychedelico. Tra gli ospiti Meg e le attrici Chiara Mastroianni e Silvia Calderoni, Colapesce, Fabio Rondanini e Roberto Dellera.
Euro
32,00
codice 2101066
scheda
Biafra jello and the guantanamo school of medicine    Tea party revenge porn (ltd. clear vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  alternative tentacles 
punk new wave
Versione in vinile trasparente, in edizione limitata, riconoscibile dal barcode 721616550030 (è stato pressato anche in edizione normale in vinile nero), allegato codice per il download digitale dell'album, copertina con parti argentate, inner sleeve con testi ed artwork, label custom con immagine a colori su di una facciata, con grande logo Alternative Tentacles in bianco e nero sull'altra, catalogo VIRUS500. Pubblicato nel marzo del 2021 dalla Alternative Tentacles, il terzo lp di Jello Biafra con il suo nuovo gruppo Guantanamo School of Medicine, successivo al primo album ''The audacity of hype'' (2009) ed al secondo "White people and the damage done" (2013). L'ex Dead Kennedys ed i suoi compagni Larry Boothroyd (basso), Ralph Spight (chitarra) e Jason Willer (batteria) si lanciano qui in un rovente e potente set di abrasivo punk rock chitarristico, da cui emergono sovente gli echi dello hardcore punk anthemico, pungente e sarcastico del glorioso passato della sua vecchia band, ma che rivela al tempo stesso, ancora una volta, una vena imprevedibile, spesso all'interno dei brani stessi, che sostengono la voce ancora inconfondibile di Jello, la cui verve canora e polemica non sembra scemare con il tempo.
Euro
25,00
codice 2102777
scheda
Black angels    Live at levitation (ltd indie exclusive)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  Reverberation 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato di 2000 copie in esclusiva per i negozi indipendenti. Album che raccoglie 6 brani tratti da splendide esibizioni live all'Austin Psych Fest nel 2010, 2011 e 2012. fra space rock e folk elettrico, costituita da brani suggestivi, lisergici, ipnotici e talvolta piu' aggressivi, fra Jefferson, 13th Floor Elevator, Doors e Pink Floyd, nei quali troviamo un perfetto equilibrio fra melodia, astrazione e ritmiche tribali, oltre che ad ulteriori riferimenti a bands piu' o meno contemporanere come Brian Jonestown Massacre, Black Rebel Motorcycle Club e Spaceman 3. I Black Angels si formano ad Austin in Texas nel 2004 grazie ad Alex Maas (voce), Stephanie Bailey (batteria), Christian Bland (chitarra), Jennifer Raines (organo) e Nathan Ryan (basso), prendendo il nome da una canzone dei Velvet Underground, "The Black Angel's Death Song". Debuttano nel 2005 con un Ep omonimo, seguito dall'esordio full lenght, "Passover" (06), da "Directions to see a ghost" (08) e da "Phosphene dream" (10). Il suono del gruppo caratterizzato da chitarre sature e selvagge ed un incedere ipnotico e malato,
Euro
32,00
codice 2102487
scheda
Black keys    Delta kream (indie exclusive)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  nonesuch 
indie 2000
edizione limitata in doppio vinile colorato argento marmorizzato, inner sleeves. Il decimo album del duo americano composto da Dan Auerbach (chitarra e voce) and Patrick Carney (batteria), qui coadiuvati dal chitarrista Kenny Brown (già al lavoro con RL Burnside) ed il bassista Eric Deaton (già nella band di Junior Kimbrough). Un disco registrato dal vivo nello studio Easy Eye Sound di Dan Auerbach a Nashville, in due sessioni per 10 ore complessive circa di registrazioni. Comprende 11 brani, covers rivisitate di pezzi di country-blues di artisti del calibro di John Lee Hooker, Junior Kimbrough, R. L. Burnside, Mississippi Fred McDowell, Big Joe Williams: un omaggio al blues che accompagna il gruppo dalla sua fondazione.
Euro
45,00
codice 2102715
scheda
Blasting rod    Iii
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  glory or death 
indie 2000
vinile colorato verde marmorizzato (è uscito in vari colori e viene distribuito in maniera casuale, senza poter scegliere il colore). Il terzo album del gruppo giapponese di Nagoya, guidato da Mr. S o Sven Shah o altri numerosi pseudonimi che dopo aver iniziato il progetto come solista accompagnato da saltuari musicisti dal 2013 ha stabilizzato il gruppo come trio. Psichedelia tra hard fuzz-rock ma con libertà di movimento in varie direzioni, in questo disco collabora una sezione fiati.
Euro
24,00
codice 2101359
scheda
Bonamassa joe    Now Serving royal tea live from the rayman (transparent vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  provogue 
blues rnr coun
doppio album in vinile 180 grammi, edizione limitata in vinile trasparente, adesivo di presentazione sul cellophane, copertina apribile. Pubblicato nel giugno del 2021, dopo "Royal Tea" (2020), questo ennesimo live album del grande chitarrista americano contiene la registrazione del concerto eseguito il 22 settembre del 2020 al Ryman Auditorium di Nashville con cui il musicista, in collegamento streaming, ha presentato il suo album in studio "Royal Tea", attraverso una scaletta che contiene ben nove dei dieci brani di quel disco, contenuti nelle prime tre facciate, mentre la quarta facciata contiene i brani "Crdle Rock", "Walk In My Shadow" e "A New Day Yesterday / Starship Trooper - Wurm". Nato nello Stato di New York nel 1977, Joe Bonamassa e' un giovane talentuoso chitarrista/cantante blues rock, gia' attvo all'eta' di dodici anni, quando duettava live con B.B. King. Le sue influenze e gusti sono da ricercarsi anche nella musica inglese: Paul Kossoff, Peter Green, Eric Clapon, Gary Moore, Rory Gallagher, Jeff Beck e a Jimmy Page oltre ai classici bluesmen americani, Muddy waters, Robert Johnson e T-Bone Walker.
Euro
31,00
codice 3026576
scheda
Bonnie prince billy / matt sweeney    Superwolves (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  domino 
indie 90
edizione limitata in vinile trasparente "curacao". Il seguito della fortunata collaborazione tra Will Oldham a.k.a. Bonnie prince Billy e Matt Sweeney che si concretizzò la prima volta nel 2005 con il bellissimo "superwolf". Canzoni che spaziano tra malinconiche ballate acustiche e altre sporcate dal tocco "noise" dell'ex Chavez Matt Sweeney. Si segnala una collaborazione in un brano "desert blues" con il chitarrista dei Mdou Moctar Ahmoudou Madassane. Oldham e' autore dei testi mentre Sweeney di gran parte delle musiche. Nato e cresciuto a Louisville, Kentucky, Will Oldham intraprende la carriera di attore nel corso degli anni '80, partecipando ad alcuni film per la TV americana. Oltre a cio' ha modo di conoscere alcuni degli esponenti della vitale scena indie di Louisville, fra cui gli Slint, per i quali scatta la foto di copertina dello storico album "Spiderland" (1991, su Touch & Go); nel 1993 alcuni membri degli Slint collaborano poi alle primissime uscite discografiche dei Palace Brothers, guidati da Oldham. Dal 1996 Oldham comincia ad incidere a proprio nome e, dal 1998, anche sotto lo pseudonimo di Bonnie "Prince" Billy. I suoi numerosi lavori sono contraddistinti da un canto fragile e malinconico, con arrangiamenti spesso scarni ed acustici e meno frequenti passaggi elettrici che riportano alla mente Neil Young.
Euro
32,00
codice 2102714
scheda
Book (Paolo Dovico / Luigi Riganti)    Vinile italiano '80
book [edizione] nuovo    ita  2021  onde italiane 
libro/riviste
Sottotitolato "Indice del Nuovo Rock Dal 1977 al 1989", questo monumentale volume (506 pagine con copertina rigida, in formato 25x31 cm), stampato in sole 350 copie numerate a mano, vede elencati sostanzialmente tutti i reperti discografici (7", 12", albums, cassette e cd) relativi al rock undergound italiano dal punk alla fine degli anni '80, con i gruppi riportati in rigoroso ordine alfabetico, la loro provenienza, note biografiche su molti di loro, i dischi analizzati anche da un punto di vista tecnico, con dettagli sulle varie eventuali stampe, e l' indicazione di una scala di rarita', oltre ad un ricchissimo apparato fotografico a colori relativo agli stessi dischi. Il progetto ha richiesto molti anni di preparazione, e prende le mosse dal volume "Vinile italiano" pubblicato nel 2011, a sua volta edizione ampliata di quella autofinanziata di diversi anni prima. Uno strumento assolutamente insostituibile per i cultori della materia.
Euro
65,00
codice 3026062
scheda
Brondi vasco (luci della centrale elettrica)    Paesaggio dopo la battaglia
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  cara catastrofe 
indie 2000
copertina apribile, inner sleeve. Il nuovo lavoro di Vasco Brondi, il primo in studio dopo l'abbandono del moniker "luci della centrale elettrica", a quattro anni di distanza da "terra". 10 canzoni, scritte e prodotte tra Ferrara, Milano e New York, "un disco di racconti per voce e cori, perorchestra e sintetizzatori.è un disco sui lineamenti emotivi e geografici di un mondo nuovo, le catastrofi silenziose,i momenti sereni, le rivoluzioni impossibili nei nostri cuori e nella vita universale". note a seguire.
Euro
29,00
codice 2102483
scheda
Brondi vasco (luci della centrale elettrica)    Talismani per tempi incerti
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  gibilterra 
indie 2000
edizione di 500 copie, doppio vinile che raccoglie registrazioni del tour dell'estate del 2020 da parte del cantautore emilaino, che mescola nei suoi spettacoli canzoni proprie, covers e letture di poesie. Ospiti Margherita Vicario e Massimo Zamboni (cccp). Le Luci Della Centrale Elettrica sono un progetto di Vasco Brondi, cantautore ferrarese che esordisce con questa sigla nel 2007 con un demo, a cui fa seguito il primo album ''Canzoni da spiaggia deturpata'' (2008, vincitore della Targa Tenco come migliore opera prima), e quindi il secondo ''Per ora noi la chiameremo felicita''' (2010). Le Luci Della Centrale elettrica realizza canzoni basate sull'interazione fra chitarra elettrica ed acustica, immerse in un mondo grigio e desolato, composte da frasi apparentemente scollegate, ciascuna delle quali sembra descrivere un evento od una riflessione a sé, dipingendo quadri fatti di flash in bianco e nero di una provincia e di un decennio che promettono pochi colori, molto grigiore e poche aspettative. Nei dischi successivi – “Costellazioni” (2014) e “Terra” (2017) – comincia la svolta musicale del cantautore ferrarese.
Euro
33,00
codice 2098130
scheda
Cabaret voltaire    Bn9drone (ltd white vinyl)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  mute 
punk new wave
Edizione limitata in doppio vinile bianco, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina apribile, label custom con artwork diverso su ciascun disco, catalogo CABS32. Pubblicato nell'aprile del 2021 dalla Mute, "BN9drone" segue di circa un mese "Dekadrone" ed è il secondo di questi due lavori sperimentali del rinato progetto inglese. I Cabs sono ormai la creatura del solo Richard H. Kirk, unico rimasto della formazione originaria, che già nel 2020 aveva riattivato la storica sigla con l'album "Shadow of fear". Laddove quello era un album di "canzoni", basate su patterns ritmici che si avvicinavano in alcuni casi anche alla dance elettronica, "BN9drone" è un'opera più astratta e dilatata, che si snoda attraverso quattro lunghissime tracce pressoché aritmiche, le quali delineano una oscura sintesi fra ambient, musica cosmica, circolarità minimaliste narcotizzate e da incubo, dissonanze e distorsioni dagli echi industrial che talora sfociano nel noise, atmosfere cinematiche e post-apocalittiche. I Cabaret Voltaire nascono a Sheffield nei primi anni '70, prendono nome dal club dadaista fondato da Hugo Ball nella Zurigo del 1917 all'indomani della prima guerra mondiale, originariamente composti da sette elementi tra il 1973 e 1974 i Cabaret Voltaire produrranno una serie di demo tapes di musica sperimentale prima ancora di aver raggiunto lo stato definitivo di band musicale. Il collettivo si ridurra' ben presto al numero di tre elementi che nel 1976 producono in sole 25 copie la "Limited Edition"; demotape oggi oggetto di culto e di ricerca da parte dei piu' accaniti collezionisti del gruppo. Queste sono le basi della ricerca musicale protratta poi negli anni dall'originario trio, elettronica assemblata a strumentazioni "classiche", sonorita' che trovano ispirazione nelle emanazioni dei Can o di Brian Eno e che defluiscono attraverso la nascente scena industriale della quale condivisero la paternita' con i Throbbing Gristle e i Clock Dva. I Cabaret Voltaire sono tra i gruppi che, durante i loro albori, sono riusciti a determinare il corso della nuova musica elettronica di sperimentazione e di ricerca, veri outsider, isolati a Londra per scelta, Stephen "Mal" Mallinder, Richard H. Kirk e Chris Watson iniziarono a esplorare il territorio del suono elettronico con idee e comportamenti ispirati ai dadaisti e a William Burroughs. A Sheffield durante la loro prima esibizione furono assaliti e costretti fisicamente a smettere di suonare tanto che Stephen Mallinder si procuro' la rottura di un osso della schiena. Anche se il pubblico reclamava e voleva a tutti i costi rock'n'roll questo non impedi' ai Cabaret Voltaire di continuare le loro sperimentazioni con cut-up, sublimazioni, rumori, fonti sonore non strumentali, casualita', incidenti e registrazioni di notizie. Vista la totale indisposizione di una parte del pubblico, ai loro esordi le esibizioni si fecero molto rare ma questo gli permise di lavorare molto in studio e raffinare le loro avanguardie elettroniche tanto che nel 1977 riuscirono ad ottenere un contratto con la Rough Trade che diede loro ampia liberta'; il lavoro svolto non tardo' molto a dare i suoi frutti, le pubblicazioni dei Cabaret Voltaire ottennero favorevoli consensi da parte del pubblico tanto che i singoli componenti abbandonarono i loro lavori per dedicarsi quotidianamente e totalmente alle sperimentazioni nei loro studio Western Works. Nel 1981 Chris Watson abbandono' il gruppo per andare a lavorare alla Tyne-Tees Television, Richard Kirk e Stephen Mallinder continuarono la loro propaganda artistica; in campo video fondarono la Double Vision pronta a tradurre le sperimentazioni musicali in sperimentazioni ed esplorazioni video, in campo musicale consolidarono fama e prestigio alla sigla Cabaret Voltaire imponendosi tra i gruppi fondamentali e protagonisti indiscussi della musica elettronica degli anni ottanta.
Euro
32,00
codice 3513509
scheda
Cabaret voltaire    Dekadrone (ltd white vinyl)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  mute 
punk new wave
Edizione limitata in doppio vinile bianco, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina apribile, label custom con artwork diverso su ciascun disco, catalogo CABS31. Pubblicato nel marzo del 2021 dalla Mute, "Dekadrone" precede di circa un mese "BN9drone" ed è il primo di questi due lavori sperimentali del rinato progetto inglese. I Cabs sono ormai la creatura del solo Richard H. Kirk, unico rimasto della formazione originaria, che già nel 2020 aveva riattivato la storica sigla con l'album "Shadow of fear". Laddove quello era un album di "canzoni", basate su patterns ritmici che si avvicinavano in alcuni casi anche alla dance elettronica, "Dekadrone" è un'opera più astratta e dilatata, che si snoda attraverso quattro lunghissime tracce, "Phase one", "Phase two", "Phase three" e "Phase four", pressoché aritmiche, le quali delineano una oscura sintesi fra ambient, musica cosmica, circolarità minimaliste narcotizzate e da incubo, dissonanze e distorsioni dagli echi industrial che talora sfociano nel noise, atmosfere cinematiche e post-apocalittiche; ondate soniche ottundenti in cui il rumore e la melodia si confondono in una strana armonia. I Cabaret Voltaire nascono a Sheffield nei primi anni '70, prendono nome dal club dadaista fondato da Hugo Ball nella Zurigo del 1917 all'indomani della prima guerra mondiale, originariamente composti da sette elementi tra il 1973 e 1974 i Cabaret Voltaire produrranno una serie di demo tapes di musica sperimentale prima ancora di aver raggiunto lo stato definitivo di band musicale. Il collettivo si ridurra' ben presto al numero di tre elementi che nel 1976 producono in sole 25 copie la "Limited Edition"; demotape oggi oggetto di culto e di ricerca da parte dei piu' accaniti collezionisti del gruppo. Queste sono le basi della ricerca musicale protratta poi negli anni dall'originario trio, elettronica assemblata a strumentazioni "classiche", sonorita' che trovano ispirazione nelle emanazioni dei Can o di Brian Eno e che defluiscono attraverso la nascente scena industriale della quale condivisero la paternita' con i Throbbing Gristle e i Clock Dva. I Cabaret Voltaire sono tra i gruppi che, durante i loro albori, sono riusciti a determinare il corso della nuova musica elettronica di sperimentazione e di ricerca, veri outsider, isolati a Londra per scelta, Stephen "Mal" Mallinder, Richard H. Kirk e Chris Watson iniziarono a esplorare il territorio del suono elettronico con idee e comportamenti ispirati ai dadaisti e a William Burroughs. A Sheffield durante la loro prima esibizione furono assaliti e costretti fisicamente a smettere di suonare tanto che Stephen Mallinder si procuro' la rottura di un osso della schiena. Anche se il pubblico reclamava e voleva a tutti i costi rock'n'roll questo non impedi' ai Cabaret Voltaire di continuare le loro sperimentazioni con cut-up, sublimazioni, rumori, fonti sonore non strumentali, casualita', incidenti e registrazioni di notizie. Vista la totale indisposizione di una parte del pubblico, ai loro esordi le esibizioni si fecero molto rare ma questo gli permise di lavorare molto in studio e raffinare le loro avanguardie elettroniche tanto che nel 1977 riuscirono ad ottenere un contratto con la Rough Trade che diede loro ampia liberta'; il lavoro svolto non tardo' molto a dare i suoi frutti, le pubblicazioni dei Cabaret Voltaire ottennero favorevoli consensi da parte del pubblico tanto che i singoli componenti abbandonarono i loro lavori per dedicarsi quotidianamente e totalmente alle sperimentazioni nei loro studio Western Works. Nel 1981 Chris Watson abbandono' il gruppo per andare a lavorare alla Tyne-Tees Television, Richard Kirk e Stephen Mallinder continuarono la loro propaganda artistica; in campo video fondarono la Double Vision pronta a tradurre le sperimentazioni musicali in sperimentazioni ed esplorazioni video, in campo musicale consolidarono fama e prestigio alla sigla Cabaret Voltaire imponendosi tra i gruppi fondamentali e protagonisti indiscussi della musica elettronica degli anni ottanta.
Euro
32,00
codice 2102749
scheda
Caparezza    exuvia
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  polydor / universal 
indie 2000
doppio album, copertina apribile corredata di inner sleeves. Pubblicato nel maggio del 2021, l' ultimo album. Descrizione completa a venire. Originario di Molfetta, Michele Salvemini e' uno dei piu' popolari cantautori e rapper italiani del nuovo secolo, capace di esprimere pungenti osservazioni sul costume italiano con un linguaggio ironico ed accessibile; inizialmente attivo come Mikimix, pubblica due album con quello pseudonimo nella seconda meta' degli anni '90, quindi ''si trasforma'' in Caparezza nel 1998.
Euro
37,00
codice 3026297
scheda
Carm    Carm
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  37d03d 
indie 2000
adesivo su cellophane, etichette custom. Il debutto sulla lunga distanza di CJ Camerieri, Carmen Jonathan Camerieri, trombettista e sopratutto suonatore di corno francese con base a New York, vede la partecipazione di vari ospiti quali Sufjan Stevens, Georgia Hubley, Ira kaplan (dei Yo La Tengo) Shara nova (My Brightest Diamond), Mouse on Mars, Justin Vernon, per un disco che si muove tra jazz pop ed elettronica. Di estrazione classica, Carmen Jonathan Camerieri inizia con il pianoforte per poi passare alla tromba con un folgorante amore per il jazz. Dopo il suo trasferimento a New York inizia a suonare anche il corno francese ed inizia a suonare per artisti del calibro di Sufjan Stevens, Bon Iver, Antony & the Johnsons, Paul Simon. Membro del collettivo di musica classica contemporanea Ymusic esordisce con un disco a nome Carm nel 2021.
Euro
27,00
codice 2099184
scheda
Carpenter john (soundtrack)    Lost themes 3: alive after death (ltd red vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  sacred bones 
soundtracks
Edizione limitata in vinile di colore rosso, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina senza codice a barre, poster apribile in bianco e nero, label rossa con scritte nere, catalogo SBR-265. Pubblicato nel febbraio del 2021 dalla Sacred Bones, questo è presentato come il terzo album solista del regista John Carpenter, dopo ''The lost themes'' (2015) e "The lost themes 2" (2016); in verita' egli e' uno stimato compositore di musiche oltreche' regista, in quanto le notevoli colonne sonore di molti dei suoi film sono opera sua, talora in collaborazione con altri artisti, ad esempio Alan Howarth. Così come per i due precedenti album, anche ''The lost themes'' contiene nuovo materiale composto e suonato da Carpenter insieme a Cody Carpenter e Daniel Davies, seguendo l'approccio elettronico minimalista e le atmosfere cariche di ansia e di tensione che contraddistinguono le musiche dei suoi film. Gli appassionati delle opere del regista non mancheranno di apprezzare le affinita' di questi brani con le diverse sfaccettature delle classiche colonne sonore carpenteriane, con linee di sintetizzatori asciutte, fra ritmiche pulsanti e bordoni cupi ed inquietanti, ma anche alcuni arrangiamenti di chitarra elettrica dal sapore hard ammodernato e calato in un contesto principalmente elettronico.
Euro
31,00
codice 2101851
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  pol  2021  goliath 
punk new wave
Copertina con parti in rilievo sul fronte e con "made in Poland" sul retro, completo di inner sleeve stampata e di libretto di 24 pagine, label custom bianca con scritte nere, catalogo BS021LP. Pubblicato nel febbraio del 2021 dalla Goliath, "Carnage" è il primo album in collaborazione fra Nick Cave e Warren Ellis (Dirty Three, Grinderman, Bad Seeds) a non nascere come colonna sonora; i due sono già stati insieme autori numerose colonne sonore in questo primo scorcio del nuovo secolo (fra cui quelle dei film ''Hell or high water'' e ''Wind river''), ma questa volta propongono un lavoro che esula dal contesto del cinema. Composto dai due autori durante l'isolamento dovuto alla pandemia del 2020, "Carnage" si dipana in cupi e pessimi testi firmati da Cave, avvolti in melodie lente, crepuscolari e minimali, dai toni fortemente malinconici ed intmisti, generate questa volta principalmente da tastiere elettriche ed elettroniche, senza rinunciare del tutto agli arrangiamenti di archi (essenzialmente il violino di Ellis) e pianistici, che sono fra gli ingredienti abituali della collaborazione fra i due australiani. Non tutto è cupezza in questi solchi, infatti Cave ed Ellis riescono anche a creare potenti elementi di tepore e vitalità nel corso dell'album, seppure non distaccandosi da una vena dolente; "Carnage" è stato largamente acclamato dalla critica musicale, ed accolto come uno dei lavori più intensi e potenti dell'ultimo Cave. Sia con la sua storica formazione, i Bad Seeds, che come solista, il cantante e paroliere australiano Nick Cave, già membro della cult band Birthday Party, prese spunto dal post punk e dal rock gotico, contaminandoli con gospel, blues ed art rock, a sorreggere i suoi oscuri testi, spesso incentrati su amore e morte, dalle tinte forti e dallo stile quasi letterario. Fra i suoi numerosi album, da solo o con i Bad Seeds, lavori come l'esordio ''From her to eternity'' (1984), ''Tender prey'' (1988) e ''Abattoir blues/The lyre of Orpheus'' (2004) beneficiano del plauso della critica, all'interno di una discografia complessivamente molto considerata.
Euro
31,00
codice 3513618
scheda

Page: 1 of 6

«---  1 2 3 4 5 6  ---»
Pag.: oggetti: