Hai cercato:  immessi ultimi 60 giorni --- Titoli trovati: : 1621
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 65  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
1-4-5S (teen titans)    Rock invasion (+"Planetary Annihilation!"ep)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1996  estrus 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, prima stampa americana, nella versione in vinile nero, limitata in 500 copie (altre 500 furono pressate in vinile chiaro), CORREDATA DEL 7"EP con sei brani "Planetary Annihilation!", nella versione in vinile chiaro, uscito anche quello nel 1996, copertina senza barcode, label nera con scritte bianche, catalogo ES1229. Pubblicato nel 1996 dalla Estrus negli USA, il primo ed unico album, precedente il mini a 10" ''Rock'n'roll spook party'' (1997). ''Rock invasion'' è una carrellata di brevissimi e grezzissimi episodi in cui si fondono il trash garage più sgangherato e grezzo, il punk ramonesiano, il low fi ed un'attitudine molto festaiola. Formati nel 1994 da Dean Hsieh (chitarra) ed Anna Viniegra (batteria), entrambi all'epoca membri anche dei Teen Titans, con Travis Higdon (voce, seconda chitarra) e Gavin Scott (basso), i quali all'epoca erano esordienti, gli 1-4-5s emersero dalla vivace scena garage punk di Austin, Texas, inizialmente come poco più di uno scherzo. Ispirati da gruppi come Supercharger e Mummies, fra garage, punk, low fi e tanto divertimento, gli 1-4-5s si vestivano con caschi e giubbotti da corsa e suonavano una musica grezza, sgangherata, a bassa fedeltà e tecnicamente primitiva, tutta attitudine ed energia. Il gruppo, mai inteso come esperienza duratura dai suoi membri, cantava canzoni proprie su temi adolescenzial-garagistici come automobili, ragazze, ragazzate e topi addomesticati, ed alcune cover selezionate. Dopo un 7"ep d'esordio su Peck-A-Boo (1995), il gruppo firmò con la Estrus e pubblicò il suo unico album ''Rock invasion'' (1996) ed il successivo 10" ''Rock'n'roll spook party'' (1997), chiudendo poi la sua discografia e la sua breve carriera con un 7"ep dal vivo, ''Almost good! Live'' (1997).
Euro
18,00
codice 331180
scheda
10 Cc    The dean and i / bee in my bonnet
7" [edizione] originale  stereo  uk  1973  uk 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
l' originale stampa inglese, fornita ancora della originaria copertina neutra azzurra della Uk Records (il singolo non fu fornito in Uk di picture sleeve), etichetta azzurra ed argento (con piccola scritta a penna biro sul lato A), con push out centre ancora intatto, catalogo UK48. Pubblicato nell' agosto del 1973, e giunto al decimo posto delle classifiche inglesi, il terzo singolo, con "The Dean And I" sul lato A, tratta dal primo album "Ten cc", uscito da poche settimane, e sul lato B l' altrimenti inedita "Bee In My Bonnett", tra glam e rock'n'roll. Nella classica tradizione pop del gruppo inglese di Graham Gouldman, gia' autore di un album come Graham Gouldman Thing nel '69 e compositore di "For your love" ed "Heart full of soul" degli Yardbirds, con Kevin Godley, Eric Stewart (sin dal 1964 con Wayne Fontana And The Mindbenders) e Lol Creme intestatari come Hotlegs di un album nel 1971, e quindi insieme a Gouldman gia' nello stesso 1971 nell' album "Space Hymns" dei Ramases. Passati alla storia per l' invenzione del''Gizmotron''. Nati a Manchester agli inizi del decennio, sospesi tra Beatles, Zappa, citazioni rock'n'roll, ironia e falsetti alla Beach boys, il tutto suonato magistralmente e con classe sopraffina.
Euro
8,00
codice 101079
scheda
13Th floor elevators    Easter everywhere
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  international art. / private 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi pressocche' identica alla prima rarissima tiratura, copertina senza barcode in cartoncino lucido. Pubblicato in USA nel Giugno del 1968 dopo ''The Psychedelic Sound Of'' e prima di ''Live'', non entrato nelle classifiche USA e non pubblicato all'epoca in UK. Il secondo lp. Per molti anche superiore allo stratosferico debutto, sicuramente molto piu' psychedelico e spaziale e meno legato al garage, contiene alcuni dei classici della musica americana di tutti i tempi, ''slip inside the house'', ''earthquake'', ''levitation'', ''baby blue'', ''she lives in a time of her own'', ''dust'', ''i had to tell you''. Fu registrato a Kerville, nella campagmna texana, con i nuovi membri Danny Thomas e Dan Galindo, dopo l'abbandono di Walton e Leatherman, abbattuti dai continui guai con la polizia, gli arresti e i grossi problemi personali dovuti all'enorme uso di droghe di tuti i tipi, allucinogene in particolare, sara' l'ultimo vero lavoro della band, che dopo alcuni concerti, soprattutto in California, letteralmente ''perdera' '' sia Rocky Erickson che Tommy Hall. Rimane, ovviamente, uno dei testi fondamentali dell'underground mondiale ed un capolavoro assoluto che non puo' non figurare nella lista dei 20, ma forse anche 10, albums di rock acido piu' belli di tutti i tempi.
Euro
19,00
codice 2086595
scheda
13Th floor elevators    Easter everywhere (stereo+mono)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1968  charly 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, ampliata a doppio album con l' inserimento, oltre alla versione stereo, anche della versione mono (rarissima) dell' album, con copertina per l' occasione apribile, che contiene nel primo vinile la versione mono del disco (con la riproduzione della rarissima inner sleeve con i testi) e nel secondo quella stereo (sono molte le differenza tra le versioni di molti brani del disco in questo caso. Pubblicato in USA nel Giugno del 1968 dopo ''The Psychedelic Sound Of'' e prima di ''Live'', non entrato nelle classifiche USA e non pubblicato all'epoca in UK. Il secondo lp. Per molti anche superiore allo stratosferico debutto, sicuramente molto piu' psychedelico e spaziale e meno legato al garage, contiene alcuni dei classici della musica americana di tutti i tempi, ''slip inside the house'', ''earthquake'', ''levitation'', ''baby blue'', ''she lives in a time of her own'', ''dust'', ''i had to tell you''. Fu registrato a Kerville, nella campagmna texana, con i nuovi membri Danny Thomas e Dan Galindo, dopo l'abbandono di Walton e Leatherman, abbattuti dai continui guai con la polizia, gli arresti e i grossi problemi personali dovuti all'enorme uso di droghe di tuti i tipi, allucinogene in particolare, sara' l'ultimo vero lavoro della band, che dopo alcuni concerti, soprattutto in California, letteralmente ''perdera' '' sia Rocky Erickson che Tommy Hall. Rimane, ovviamente, uno dei testi fondamentali dell'underground mondiale ed un capolavoro assoluto che non puo' non figurare nella lista dei 20, ma forse anche 10, albums di rock acido piu' belli di tutti i tempi.
Euro
35,00
codice 2087035
scheda
13Th floor elevators    psychedelic sounds of (mono+stereo)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1966  charly 
rock 60-70
Ristampa del 2013 in vinile 180 grammi, con masterizzazione ottenuta dai masters originali, ampliata a doppio album, con l' inclusione sia della versione mono che di quella stereo dell' album, copertina apribile (a differenza della originaria tiratura su International Artists); dopo l' inclusione nel box "Music of the Spheers" del 2012, realizzato in edizione ovviamente limitata in occasione del Record Store Day dell' aprile 2012, viene pubblicato anche individualmente in questa veste doppia "mono / stereo" il primo album "The Psychedelic Sounds of 13th Floor Elevators". Pubblicato dalla International Artists negli Stati Uniti nel novembre del 1966, "The psychedelic sounds of" e' il primo storico album del gruppo texano di Rocky Erickson. Uscito prima di "Easter everywhere" (1967), e' considerato quasi unanimemente uno dei massimi capolavori della psichedelia americana. La voce selvaggia ed eccezionalmente ispirata di Rocky Erickson si staglia su classici brani come il tellurico inno garage psych "You're gonna miss me" (da lui composta quando ancora militava negli Spades), gli incubi lisergici di "Rollercoaster" e "Kingdom of heaven" ed i tiratissimi garage di "Fire engine" e "Tried to hide", ma Rocky da' prova anche del suo lato piu' lirico e delicato nella trasognata ballata "Splash 1" e nella litania misticheggiante "Don't fall down". La bizzarra anfora elettrificata di Tommy Hall conferisce un tono straniante ed ipnotico ai brani ed il gruppo, alimentato da un massiccio uso di sostanze allucinogene, realizza uno stupefacente caleidoscopio sonoro che oscilla fra il sogno e l'incubo, fra fisicita' quasi tribale e misticismo. Nati dalla fusione di due gruppi di Austin, Texas, tra cui gli Spades di Rocky Erickson che avevano gia' in repertorio quella "You' re gonna miss me" che restera' negli anni il loro cavallo di battaglia, gli Elevators non possono che essere considerati, per il peso artistico dei loro primi due albums e l' influenza esercitata attraverso gli anni su tante generazioni di musicisti, il gruppo fondamentale della psichedelia americana. Caratterizzati dalle chitarre acidissime di Sutherland ed Erickson (peraltro cantante dalla visceralita' non comune), dal suono inconfondibile della "electric jug" di Hall e da una serie di composizioni perfettamente indicative dello stato di perenne allucinazione psichedelica in cui vivevano, come ben testimoniano anche i testi delle canzoni, i 13th Floor Elevators arrivarono pero' presto a subire gravemente il peso di quegli eccessi: Hall ed Erickson rivelavano irrimediabili turbe psichiche, e quest' ultimo, dopo un ricovero in ospedale con relativa fuga, fu rinchiuso per anni in un manicomio criminale; Sutherland fu invece arrestato per droga (com' era gia' successo al gruppo al completo gia' nel '66).
Euro
38,00
codice 2086648
scheda
2Pac (tupac shakur)    All eyez on me
LP4 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  death row 
hip-hop
Vinile quadruplo, copertina apribile con logo ''parental adivsory explicit content'' in basso a destra sul fronte. Ristampa del 2017 ad opera della Death Row, rimasterizzata digitalmente e pressoche' identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel febbraio del 1996 dalla Death Row / Interscope, giunto al 32esimo posto in classifica in Gran Bretagna ed alla prima posizione nella billboard 200 americana, il quarto album del rapper americano, e l'ultimo ad uscire prima della sua morte. Successivo a ''Me against the world'' (1995) e precedente ''The don killuminati: the 7 day theory'' (11/1996), ''All eyez on me'' fu il primo prodotto del nuovo sodalizio stretto fra 2Pac e la Death Row di Suge Knight. E' un disco piu' duro e cattivo, in cui il rapper abbraccia e celebra, forse anche ''romanticamente'', la vita del gangsta, e rimane per la critica l'opera magna di Shakur, il quale si avvale qui della produzione di Johnny J e Dat Nigga Daz, con contributi di star quali Dr. Dre (''California love'') e Snoop Dogg (''2 of amerikaz most wanted''). Un classico del gangsta rap. Uno dei piu' celebri e discussi rappers del genere gangsta, la cui fama forse si ancor piu' allargata dopo la prematura morte, Tupac Amaru Shakur (1971-1996, noto anche come 2Pac) nacque a New York in una famiglia fortemente legata al movimento delle Pantere Nere, ma si trasferi' nella tarda adolescenza in California, dove comincio' a farsi strada nel mondo dello hip hop. Dopo aver collaborato con i Digital Underground, Shakur si affermo' prepotentemente con il suo acclamato album d'esordio, ''2pacalypse now'' (1991), avviando contemporaneamente anche una promettente carriera cinematografica, che lo avrebbe visto recitare in alcuni film nella prima meta' degli anni '90. La sua immagine di rapper fuorilegge ed i suoi testi duri, incentrati sulla violenza della vita di strada nei ghetti afroamericani, erano uno dei piu' spettacolari ritratti della figura del gangsta rapper. La sua reputazione fu cementata dal terzo e dal quarto album, ''Me against the world'' (1995) e ''All eyez on me'' (1996), entrambi giunti in vetta alle classifiche americane, ma la sua giovane vita fu stroncata in una sparatoria a Las Vegas nel 1996, al culmine di un periodo di tensione all'interno della inquieta scena gangsta, che lo aveva visto scontrarsi pubblicamente con il rapper rivale The Notorious B.I.G.
Euro
31,00
codice 2086924
scheda
4 Big guitars from texas (aka big guitars from texas)    Trash twang and thunder (uk version)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1985  demon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Prima stampa inglese, con artwork di copertina completamente diverso, con ordine dei brani parzialmente diverso e due pezzi in meno rispetto a quella USA ("Boss" e "Near East band"), copertina lucida fronte retro senza barcode, label rossa con scritte nere e logo Demon Records nero in alto, catalogo FIEND40, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambi i lati, ''a porky prime cut'' su quello del lato A e "porky" su quello del lato B. Pubblicato nel 1985 dalla Demon nel Regno Unito e dalla Jungle negli USA, il primo dei due album di questo supergruppo chitarristico basato ad Austin, Texas, precedente "That's cool, that's trash" (1986). Il gruppo si presentò con una formazione quasi completamente diversa su ciascuno dei suoi album: in questo primo lp erano formati da Don Leady (chitarra, già con Le Roi Brothers, Headhunters, Lou Ann and the Fliptops, Tailgators), Frankie Camaro (chitarra, già con Mars Needs Women, Moto-X), Denny Freeman (chitarra, già con The Storm, Cobras, Lou Ann Barton, Angela Strehli Band), Evan Johns (chitarra, già con H-Bombs, Le Roi Brothers), Keith Ferguson (basso, già con Johnny Winter, Doug Sahm, The Storm, Fabulous Thunderbirds, Tailgators) e Mike Buck (batteria, già con Fabulous Thunderbirds, Le Roi Brothers, Johnny Carroll, Five Careless Lovers). Un pedigree di tutto rispetto è quello esibito da questi veterani, che qui si cimentano con un set pressoché interamente strumentale di brani composti dai vari membri del progetto, con l'eccezione di una surfeggiante cover di "Il buono il brutto e il cattivo" di Ennio Morricone: molta è la varietà stilistica, ma tutta decisamente vintage, fra blues, rockabilly, richiami a gruppi storici come gli Shadows, e soprattutto tanto surf rock, spesso e volentieri veloce ed aggressivo.
Euro
20,00
codice 331335
scheda
68 Comeback    Memphis
7" [edizione] originale  stereo  usa  1993  Sympathy For The Record Industry 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Singolo in formato 7", prima stampa USA, copertina di cartoncino ripiegata attorno al disco, senza barcode, label con foro centrale piccolo, nera con scritte bianche su di una facciata, con grande logo Sympathy For The Record Industry in bianco e nero sull'altra, catalogo SFTRI-215, groove message "all the way from memphis" sul lato A. Pubblicato nel 1993 dalla Sympathy For The Record Industry negli USA, uno dei primissimi singoli del gruppo, contenente due brani inediti su album, "Chantilly rock (and a pony's tail)", splendido stomp che incrocia Bo Diddley ed i Velvet Underground, e la versione del traditional "All night long", sospesa invece fra i primi Cramps ed il punk rock. Questa cult band americana basata a Memphis e nata nel 1992 per iniziativa di Jeffrey Evans, chitarrista degli oscuri e purtroppo dimenticati Gibson Bros (gruppo dell' Ohio tra i primi ad operare un recupero delle sonorità piu' grezze e sotterranee del rock'n'roll e del blues), registrava il suoi dischi nella più disinvolta noncuranza delle problematiche relative alle tecniche di registrazione; nel gruppo suonò anche il chitarrista Jack Taylor, con Evans nei Gibson Bros prima e nei '68 Comeback dopo, prima della prematura scomparsa sopraggiunta nel 1997. La band (autrice oltre che di tre album anche di una sterminata quantità di singoli) sfoderava un suono incredibilmente sporco e grezzo, ma davvero viscerale, con una fedeltà solo sostanziale ai modelli originari che non impedisce di tirar fuori un torrido approccio decisamente garage. Il 33 giri ''Love Always Wins" (1999) sarà l' ultimo album a nome '68 Comeback, ma presto Jeffrey Evans si rifarà vivo con un album a nome proprio.
Euro
10,00
codice 331300
scheda
75 Dollar bill    I was real
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2019  tak:til 
indie 2000
doppio vinile 180 grammi, coupon per download, adesivo su cellophane, copertina apribile. Il terzo album per la band New yorkese, formata da Che Chen (True Primes) e Rick Brownbaulk ( Run On). Lunghi brani strumentali che incrociano ipnoticamente ed in maniera originale post rock, desert blues, psichedelia, jazz-cosmico e folk anglosassone. note a seguire. ***clicca sul nome dell'autore per ascoltare brani da youtube****
Euro
29,00
codice 2086952
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  hallow ground 
indie 2000
Vinile bianco, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina senza codice a barre, catalogo HG1902. Pubblicato nel giugno del 2019 dalla Hallow Ground, "Harmistice" è il primo album in collaborazione fra Siavash Amini ed il duo 9T Antiope, entrambi artisti di origine iraniana. Amini, nato nel 1987 a Teheran, è autore di musica elettronica che spazia dall'ambient alla IDM, che adotta elementi di musica classica, dissonanze elettroniche e melodie chitarristiche dilatate ed atmosferiche; ha collaborato fra gli altri con l'artista "spoken word" Matt Finney in tre album. I 9T Antiope sono un duo, anch'esso iraniano ma attualmente basato a Parigi, composto da Sara Bigdeli Shamloo e Nima Aghiani, formato nel 2014; sono autori di musica elettronica sperimentale in cui si incontrano testi poetici e dissonanze elettroniche, interazioni fra queste e strumenti acustici. Inciso fra Parigi e Teheran, "Harmistice" è composto da soli quattro brani nei quali i testi, ispirati da un incubo di guerra, e la voce di Sara, il cui canto confina con la declamazione poetica e con la narrazione, sono sostenuti dalle stordenti sonorità elaborate da Aghiani ed Amini, nelle quale rabbrividenti dissonanze elettroniche convivono con spettrali droni di archi. Un'opera dai toni dolenti ed angosciosi, espressi con sonorità confinanti con l'astrattismo ed immersi in atmosfere oniriche.
Euro
28,00
codice 3512272
scheda
A hawk and a hacksaw (neutral milk hotel)    the way the wind blows
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2006  leaf 
indie 2000
ristampa per il ventennale della label, include il cd del disco, copertina con parti lucide. Il terzo album, uscito dopo "Darkness at Noon" e prima di "Delivrance". Affascinante progetto creato dal musicista americano Jeremy Barnes (batterista dei Neutral Milk Hotel, con la partecipazione in questo disco di Zach Condon dei Beirut. Barnes ha viaggiato, e vi soggiorna tutt'ora, per l'Europa, in special modo in quella orientale, da solo come one man band, suonando con musicisti di strada o locali bande paesane, usando una serie di strumenti acustici piu' o meno insoliti, tra cui fisarmonica, arpa, piano, percussioni, violino, tromba, tuba. Questo lavoro davvero bello e struggente, in cui viene fatto un maggiore uso della voce rispetto ai primi due dischi, presenta un suggestivo e magico sapore multietnico, con atmosfere e stili che si rifanno in maniera predominante alla musica balcanica, comprendendo influssi klezmer e mediorientali. Affascinante progetto creato dal musicista americano Jeremy Barnes (batterista dei Neutral Milk Hotel, Gerbils e Bablicon, oltre che collaboratore di Broadcast e Bright Eyes), insieme alla moglie, la violinista Heather Trost; i due, attraverso ripetuti viaggi e soggiorni piu' o meno lunghi, in Europa, realizzano una musica da una forte e suggestiva valenza multietnica (balcanica, mediorientale e klemzer), suonando anche con musicisti di strada, usando una serie di strumenti acustici piu' o meno insoliti, tra cui fisarmonica, arpa, piano, percussioni, violino, tromba e tuba. Dopo il debutto eponimo del 2002, realizzano "Darkness at noon" nel 2005, "The way the wind blows" (06), "Deliverance" (09), "Cerventine" (09) e "You have already gone to the other world" (13).
Euro
23,00
codice 2086246
scheda
A perfect circle    emotive
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2004  virgin 
indie 2000
Doppio lp con copertina apribile in tre, inner neutre nere con foro centrale, etichette custom a colori, il cartone della copertina all'interno e' di colore nero. Il terzo album del gruppo di Billy Howerdel e Maynard James, uscito dopo "Thirteenth Step", pubblicato dalla Virgin nel novembre del 2004. Gli A Perfect Circle nascono a Los Angeles nel 1996, su iniziativa di Billy Howerdel (collaboratore dei Tool, Nine Inch Nails, David Bowie, Smashing Pumpkins) dopo l'incontro con Maynard James Keenan (gi… frontman dei Tool). Quest'ultimo scopre alcune composizioni inedite dello stesso Howerdel e gli propone di realizzarle e inciderle. Da qui nasce il progetto A Perfect Circle, simile per intensit… e malinconia ai Tool, ma con una componente melodica in pi—. Ai due si uniscono il batterista Josh Freese (Vandals, Devo, Guns N' Roses), la bassista Paz Lenchantin e il chitarrista Troy van Leeuwen. La band prova insieme per parte del 1999, ma non annuncia la formazione della nuova band sino alla loro prima esibizione dal vivo, il 15 agosto del 1999, in occasione di un concerto benefico tenutosi al Viper Room di Los Angeles. Grazie anche al periodo di pausa forzata dai Tool del cantante Keenan, dovuto a problemi con la ex casa discografica, la band riesce a registrare i pezzi l' album di debutto. Mer de Noms. Pubblicato nel 2000 per la Virgin Records verra' premiato con il disco di platino per gli ottimi risultati di vendita, specialmente negli Usa. Il primo singolo estratto dall'album, Judith, presenta molte similitudini con i Tool, ma il resto dell'album si discosta nettamente da questa prima impressione. Dopo la pubblicazione del primo lavoro Paz Lenchantin e Troy van Leeuwen lasciano la band per andare a suonare rispettivamente negli Zwan la nuova band di Billy Corgan ex-Smashing Pumpkins e nei Queens of the Stone Age e saranno sostituiti da Jeordie White (noto anche come Twiggy Ramirez ex Marilyn Manson) e James Iha, gi… chitarrista degli Smashing Pumpkins. Tra le cuoriosita' segnaliamo che per distinguere le sue apparizioni con i Tool da quelle con gli A Perfect Circle, Maynard James Keenan usa con questi ultimi una lunga parrucca per tutte le apparizioni dal vivo, per i video musicali, set fotografici e tutte le occasioni ufficiali in cui si presenta come cantante degli A Perfect Circle. Con i Tool esibisce invece la sua veste normale, cioŠ con i capelli rasati.
Euro
27,00
codice 2086455
scheda
Aa.vv. (angelo badalamenti, et al.)    Twin peaks – limited event series soundtrack
LP2 [edizione] originale  stereo  eu  2017  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good soundtracks
Copia ancora incellophanata, ma con apertura di alcuni centimetri lungo la costola superiore, vinile doppio da 180 grammi, adesivo di presentazione sul cellophane, copertina apribile, label con linee spezzate bianche e nere e bordo nero su di una facciata, marrone sfumata sull'altra, scritte bianche, catalogo 081227933951. Pubblicato nel settembre del 2017 dalla Rhino, questo e' uno dei due doppi album che contengono le musiche della colonna sonora della nuova serie del celebre telefilm ''Twin Peaks'', andato in onda nello stesso 2017 in soli diciotto episodi; si tratta di un sequel creato da David Lynch e Mark Frost, della serie originale che affascino' un foltissimo pubblico nel 1990/91. Due sono gli album contenenti le musiche della nuova serie, contenenti materiale completamente diverso l'uno rispetto all'altro: uno si intitola ''Twin Peaks – music from the limited event series'', l'altro, questo, e' intitolato invece ''Twin Peaks – limited event series soundtrack''. L'album contiene diciotto brani, in gran parte creati da Angelo Badalamenti, gia' autore principale della colonna sonora della serie originaria; ben sei brani di Badalamenti qui in scaletta sono inediti. Questa la lista dei brani: 1. Twin Peaks Theme by Angelo Badalamenti 2. American Woman (David Lynch Remix) by Muddy Magnolias 3. Laura Palmer's Theme (Love Theme From Twin Peaks) by Angelo Badalamenti 4. Accident / Farewell Theme by Angelo Badalamenti 5. Grady Groove (feat. Grady Tate) by Angelo Badalamenti 6. Windswept (Reprise) by Johnny Jewel 7. Dark Mood Woods / The Red Room by Angelo Badalamenti 8. The Chair by Angelo Badalamenti 9. Deer Meadow Shuffle by Angelo Badalamenti 10. Threnody For The Victims Of Hiroshima (with Warsaw National Philharmonic Orchestra) by Witold Rowicki 11. Slow 30s Room by David Lynch & Dean Hurley 12. The Fireman by Angelo Badalamenti 13. Saturday (Instrumental) by Chromatics 14. Headless Chicken by Thought Gang 15. Night by Angelo Badalamenti 16. Heartbreaking by Angelo Badalamenti 17. Audrey's Dance by Angelo Badalamenti 18. Dark Space Low by Angelo Badalamenti.
Euro
22,00
codice 243371
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1986  sst 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia con cut promozionale sul lato di apertura della copertina, prima stampa USA, copertina lucida fronte retro senza barcode, completa dell'inserto apribile con crediti e testi, e dell'inserto catalogo della SST che elenca questo disco fra le nuove uscite, label rossa con scritte nere, logo SST nero in alto, catalogo SST062, vinile ambrato se posto controluce. Pubblicata nel 1986 dalla SST negli USA, questa è la colonna sonora del film "Lovedolls superstar", girato da David Markey, seguito del suo precedente film "Desperate teenage lovedolls" (1984). Entrambi sono oscuri film di culto incentrati sulle avventure e disavventure di una rock band femminile, vagamente ispirata alle Runaways, le Lovedolls. Così come per il film del 1984, anche la colonna sonora di questo lungometraggio del 1986 fu realizzata con il contributo di alcune importanti band hardcore e punk californiane, fra cui Black Flag, Redd Kross, Meat Puppets, Dead Kennedys e White Flag, tutti con contributi esclusivi ed altrove inediti. Questa la scaletta: Redd Kross, "Lovedoll superstar"; The Lovedolls (with Redd Kross), "Beer n' ludes"; Lovedolls (with Redd Kross), "Rex smith (I wanna be a cholo chick)"; Lovedolls (with Painted Willie), "Now that I've tasted blood"; Lovedolls (with Redd Kross), "Sunshine day"; Black Flag, "Kicking and sticking"; Lovedolls (with SWA), "Love machine"; Sonic Youth, "Hallowed be thy name"; Painted Willie, "Darling she-la"; Lawndale, "Wingtips"; Gone, "Lord of the wasteland"; Anarchy 6, "Slam, spit, etc."; Gone, "Goodbye forever"; Meat Puppets, "No values"; Gone, "Atomic jam"; Dead Kennedys, "One way ticket to pluto".
Euro
26,00
codice 331358
scheda
Aa.vv. (blues)    Rollin' the blues – brian jones presents his favourite songs
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1936  le chant du monde 
blues rnr coun
Vinile doppio pesante, copertina apribile, catalogo 74 3007.08. Pubblicata nel 2019 dalla Le Chant Du Monde, nell'ambito delle celebrazioni degli ottant'anni di attività di questa venerabile etichetta francese fondata nel 1938, questa raccolta viene presentata come un tributo ad uno dei principali protagonisti della nuova musica rock degli anni '60, Brian Jones, cofondatore dei Rolling Stones ed anima del gruppo nei suoi anni formativi. Jones era anche un grande conoscitore della musica che influenzò fortissimamente i giovani Stones nei primi anni '60: il blues elettrico ed acustico, il soul e lo r'n'b afroamericani. Questa raccolta compila per l'appunto ventotto classici brani di questi generi musicali, nelle loro versioni originali: ascoltiamo quindi brani di Robert Johnson, Howlin' Wolf, Muddy Waters, Bo Diddley, Jimmy Reed, John Lee Hooker e B.B. King, quasi un ABC del blues di metà '900, e canzoni di autori rock'n'roll, r'n'b e soul coverizzate dai Rolling Stones come Chuck Berrt, Nat King Cole e Marvin Gaye. Questa la scaletta: Elmo James, "Dust my broom"; Muddy Waters, "I can't be satisfied", "I feel like going home"; Sonny Boy Williamson II, "Don't start me talkin'", "All my love in vain"; Robert Johnson, "Stones in my passway", "I'm a steady rollin' man"; Slim Harpo, "I'm a king bee", "I got love if you want it"; Howlin' Wolf, "Smokestack lightning", "The red rooster"; B.B. King, "Three o'clock blues"; John Lee Hooker, "Dimpes", "Crawling king snake"; Chuck Berry, "Come on"; Nat King Cole, "Route 66"; Bo Diddley, "Pretty thing"; Barrett Strong, "Money"; Benny Spellman, "Fortune teller"; Marvin Gaye, "Hitch hike"; Solomon Burke, "Cry to me".
Euro
23,00
codice 3512258
scheda
Aa.vv. (british folk)    Vision & revision – the first 80 years of topic records
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2019  topic 
rock 60-70
Vinile doppio pesante, copertina ruvida apribile con parti in rilievo sul fronte, label bianca con scritte nere su di un vinile e nera con scritte bianche sull'altro, catalogo TXLP597. Pubblicata nel maggio del 2019 dalla Topic, questa raccolta commemora gli ottant'anni di attività di questa venerabile etichetta britannica, da decenni punto di riferimento della musica folk di Albione. ''Vision & revision'' offre venti nuove ed inedite interpretazioni di storici brani che in passato erano già stati pubblicati in dischi del catalogo Topic, qui reinterpretate dalla crema dell'attuale scena folk britannica: musicisti come Martin Carthy, Richard Thompson, Peggy Seeger Martin Simpson, Oysterband e Lisa Knapp offrono il loro contributo a questa opera. Questa la scaletta completa: Martin Simpson, ''Beaulampkin''; Peggy Seeger, ''Jack frost''; John Smith, ''She moves through the fair''; Josienne Clarke & Ben Walker, ''The bank of the sweet primroses''; Oysterband, ''Seven gypsies''; Nancy Kerr, ''Searching for lambs''; Sam Lee, ''The deserter''; Kitty MacFarlane, ''Go your way''; Lisa O'Neill, ''As I roved out''; Chris Wood, ''Fable of the wings''; The Oldham Tinkers, ''Dirty old town''; Rachel McShane & The Cartographers, ''Worker's song''; Richard Thompson, ''The light bob's lassie''; Olivia Chaney, ''Polly Vaughan''; Martin Carthy, ''Napoleon's dream''; Lisa Knapp, ''I wish my love was a cherry''; Sam Kelly & The Lost Boys, ''Shawnee town''; Emily Portman & Rob Harbron, ''The bay of biscay''; Eliza Carthy & Olivia Chaney, ''Nancy of yarmouth''; Lankum, ''The sea captain''.
Euro
32,00
codice 2086406
scheda
Aa.vv. (david bowie, manhattan transfer, et al.)    Just a gigolo ost (different tracklist)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  music on vinyl 
soundtracks
Edizione limitata a 3000 copie, numerate sul retro copertina in basso, in vinile blu semitrasparente da 180 grammi, copertina lucida fronte retro. Ristampa del 2019 ad opera della Music On Vinyl, con copertina che riprende parzialmente lo artwork dell'edizione tedesca, e con scaletta dei brani parzialmente diversa rispetto alle edizioni originarie. Originariamente pubblicata nel 1979 dalla Jambo nel Regno Unito e da diverse etichette in altri paesi, non uscita negli USA, la colonna sonora del film "Just a gigolo", diretto da David Hemmings ed interpretato da David Bowie, nel ruolo protagonista, oltre che da Sidney Rome, Kim Novak, lo stesso Hemmings (il protagonista del film "Blow up" di Michelangelo Antonioni) e da Marlene Dietrich, qui alla sua ultima apparizione cinematorgrafica. Le musiche del film furono realizzate da diversi artisti, fra cui gli americani Manhattan Transfer, esperti nel ricreare sonorità e musiche dai diretti richiami agli anni '20; Marlene Dietrich, celebre cantante oltre che attrice, interpreta alcune canzoni, mentre altri brani sono suonati da The Pasaden Roof Orchestra, gruppo specializzato nella riproduzione di musica degli anni '20 e '30, e The Gunther Fischer Quintet; segnaliamo infine la presenza, in questa edizione del 2019 a cura della Music On Vinyl, di tre tracce suonate dai Rebels, formazione esistita solo per queste registrazioni, nella quale Bowie ricoprì il ruolo di cantante (sua è la voce del "la la lala" che si sente nei brani in questione). Questa la scaletta: SIDE A MARLENE DIETRICH - JUST A GIGOLO 2. THE PASADENA ROOF ORCHESTRA – SALOME 3. THE REBELS - DAVID BOWIE'S REVOLUTIONARY SONG (PART I) 4. THE MANHATTAN TRANSFER – JOHNNY 5. THE GUNTHER FISCHER ORCHESTRA - THE STREETS OF BERLIN 6. THE PASADENA ROOF ORCHESTRA – CHARMAINE 7. MARLENE DIETRICH - JUST A GIGOLO (PIANO) 8. SYDNE ROME - DON'T LET IT BE TOO LONG SIDE B 1. THE REBELS - DAVID BOWIE'S REVOLUTIONARY SONG (PART II) 2. THE MANHATTAN TRANSFER - JEALOUS EYES 3. THE MANHATTAN TRANSFER - I KISS YOUR HAND, MADAME 4. MARLENE DIETRICH - JUST A GIGOLO (OUTTAKE) 5. THE GUNTHER FISCHER QUINTET - KISSING TIME 6. THE PASADENA ROOF ORCHESTRA - BLACK BOTTOM 7. THE REBELS - DAVID BOWIE'S REVOLUTIONARY SONG (PART III) 8. MARLENE DIETRICH - FAREWELL GIGOLO.
Euro
29,00
codice 3512336
scheda
Aa.vv. (dutch punk and new wave)    Dutch wave – a history of minimal synth and cold wave in the netherlands
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  onderstroom 
punk new wave
Vinile da 180 grammi, copertina apribile con finiture metallizzate, label marrone, catalogo OS36. Pubblicata nel maggio del 2018 dalla Onderstroom, questa raccolta scava nella memoria della scena minimal synth e cold wave dell'Olanda di inizio anni '80, compilando otto brani tratti per lo piu' da rare cassette autoprodotte, formato utilizzato cosi' spesso da tante realta' underground del post punk della prima meta' di quel decennio, ed in alcuni casi da rari lp. Dalle delicate e lente melodie guidate da voce femminile dei Nine Circles, alle piu' cupe e dark circolarita' elettroniche degli Storung, anch'essi fronteggiati da una cantante femminile ma dallo stile piu' spigoloso che fa pensare a Siouxsie, fino ai Beatnik Love Affair, che con ''Share my heart's blood'' impiegano un groove piu' vivace e molto dance a sostegno di melodie di synth minimali e in bilico fra oscurita' e pop (richiamando una versione dance ed elettronica degli ultimi Joy Division), un sottobosco musicale che finalmente ritorna alla luce. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. Nine Circles - What's There Left 2. Beatnik Love Affair - Share My Heart's Blood (dalla compilation del 1987 ''Contactdisc 5'') 3. The Actor - Unreal Personality (dalla cassetta ''Exploded view'', 1982) 4. Störung - Dimensie 4 (dall'album ''This is future'', 1982) SIDE 2: 1. Van Kaye + Ignit - Picassos On The Wall (dall'omonimo 7'' del 1981) 2. S.M. Nurse - Hot Day In Istanbul (dalla cassetta compilation ''Turkish delight'', 1983) 3. Ende Shneafliet - Session Zeitgeist (dalla cassetta ''Simphoy romant'', 1983) 4. Das Ding - A Dark Place (Vocal Version).
Euro
27,00
codice 2086504
scheda
Aa.vv. (flying saucer attack, handful of dust...)    Speed kills – bonus phono record issue 7
10" [edizione] originale  stereo  usa  1995  speed kills 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Ep in formato 7", prima stampa USA, 10" originariamente allegato al numero 7 della rivista Speed Kills, copertina in carta ripiegata attorno al disco e con il retro di dimensioni ridotte rispetto al fronte, senza barcode, label azzurra con banda nera centrale, scritte nere ed azzurre, catalogo SCP-007, groove message "art + science = the future" sul lato A e "the sound of speed = the speed of sound" sul lato B. Pubblicato nel 1995 con la rivista Speed Kills, questo 10" contiene quattro brani di altrettanti gruppi: gli inglesi Flying Saucer Attack, noti per la loro musica eterea ma anche gentilmente dissonante, influenzata dalla musica tedesca dei '70, propongono qui l'acustica e grezza "February 8th" (brano inserito anche nella loro raccolta "Chorus", sempre nel 1995); i Back Off Cupids, formati da due membri della punk'n'roll band americana ROCKET FROM THE CRYPT (Jason Crane e John Reis), suonano l'inedita "Sleds behave", episodio curiosamente in bilico fra slow core e low fi; i neozelandesi A Handful Of Dust, composti da Bruce Russell dei DEAD C, dal violinista Alistair Galbraith e dal percussionista Peter Stapleton, offrono "A sort of saliva", fra droni di noise quieto ed alienato strimpellare di violino (brano tratto dalla cassetta del 1995 "From A Soundtrack To The Anabase Of St-John Perse"); i Portastatic, progetto dell'americano Mac McCaughan, frontman dei Superchunk, offrono una inedita e delicata ballata elettroacustica dai toni vagamente psichedelici e cullanti, "Useless switch".
Euro
15,00
codice 331247
scheda
Aa.vv. (italian popular music)    Graffiti settanta – 1973
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1973  rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good musica italiana
prima stampa italiana, copertina (con lievissimi segni di invecchiamento e con alcune piccole ''x'' scritte a penna biro in prossimità della scaletta sul retro) lucida fronte retro con barcode, label blu con scritte bianche lungo il bordo in basso e nere al centro, logo RCA bianco e blu in verticale a sinistra, catalogo CL71563. Pubblicato nel 1988 dalla RCA in Italia, questo è uno dei volumi, ciascuno riguardante un anno del decennio 1970-1979, che compilano brani celebri e rappresentativi della musica italiana pubblicati all'epoca. Questo volume compila quattordici brani usciti originariamente nel 1973, ad opera di autori come Francesco De Gregori (con la celebre e bellissima "Alice"), Le Orme ("Gioco di bimba"), Antonello Venditti (con il tormentone "Roma capoccia") e Patty Pravo ("Pazza idea"). Questa la scaletta completa: Patty Pravo, "Pazza idea"; Gianni Morandi, "Il mondo cambierà"; I Nuovi Angeli, "Anna da dimenticare"; Johnny Dorelli & Catherine Spaak, "Una serata insieme a te (Whee are you going to my love)"; Gabriella Ferri, "Sempre"; Domenico Modugno, "Amara terra mia"; Antonello Venditti, "Roma capoccia"; Francesco De Gregori, "Alice"; Marcella, "Un sorriso e poi perdonami"; Le Orme, "Gioco di bimba"; Wess & Dori Ghezzi, "Tu nella mia vita"; Gilda Giuliani, "Serena"; Nicola Di Bari, "Paese"; Claudio Baglioni, "Amore bello".
Euro
10,00
codice 331241
scheda
Aa.vv. (italian popular music)    Graffiti settanta – 1977
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1977  rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent musica italiana
Prima stampa italiana, copertina lucida fronte retro con barcode, label blu con scritte bianche lungo il bordo in basso e nere al centro, logo RCA bianco e blu in verticale a sinistra, catalogo CL71567. Pubblicato nel 1988 dalla RCA in Italia, questo è uno dei volumi, ciascuno riguardante un anno del decennio 1970-1979, che compilano brani celebri e rappresentativi della musica italiana pubblicati all'epoca. Questo volume compila quattordici brani usciti originariamente nel 1977, ad opera di autori come Renato Zero (con l'indimenticabile "Mi vendo"), Roberto Vecchioni (l'altrettanto iconica "Samarcanda"), gli Homo Sapiens ("Bella da morire") e Claudio Baglioni ("Solo"). Questa la scaletta completa: Renato Zero, "Mi vendo"; Ivan Graziani, "Lugano addio"; Iva Zanicchi, "Mamma tutto"; Roberto Vecchioni, "Samarcanda"; Franco Simone, "Il cielo in una stanza"; Umberto Balsamo, "L'angelo azzurro"; Le Orme, "Regina al troubadour"; Homo Sapiens, "Bella da morire"; Stefano Rosso, "Una storia disonesta"; Marcella, "Abbracciati"; I Santo California, "Monica"; Gianni Bella, "Io canto e tu"; Juli & Julie, "Poesie d'amore"; Claudio Baglioni, "Solo".
Euro
15,00
codice 331254
scheda
Aa.vv. (italian popular music)    Italian graffiti – 1968
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1968  k-tel 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent musica italiana
Prima stampa italiana su K-Tel (poi ristampato su RCA nel 1987), copertina semilucida senza barcode, label rossa con parti bianche, scritte nere, logo K-Tel bianco, rosso e nero in alto, catalogo SKI5023, data sul trail off 23/IV/80. Pubblicato nel 1980 dalla K-Tel in Italia, sia come disco singolo che all'interno di un cofanetto che conteneva dieci lp, questo album fa parte della serie ''Italian graffiti'', raccolte che compilavano alcuni dei brani più rappresentativi della musica popolare italiana degli anni '60 (e poi anche degli anni '70), nelle loro versioni originali, per lo più singoli di successo ad opera dei grandi del pop nazionale. I brani sono raccolti per anno e ciascun album compila solo quelli usciti in una data annata, nel caso di questo lp si tratta del 1968, con pezzi come la celeberrima ''La bambola'' interpretato da Patty Pravo, il gioiellino quasi freakbeat ''Visioni'' dei New Trolls e ''Piccola katy'' dei Pooh (il loro primo singolo di grande successo). Questa la scaletta: Patty Pravo, ''La bambola''; Mino Reitano, ''Avevo un cuore (che ti amava tanto)''; I Pooh, ''Piccola katy''; Sergio Leonardi, ''Non ti scordar di me''; I New Trolls, ''Visioni''; Marisa Sannia, ''Casa bianca''; Riccardo Del Turco, ''Luglio''; Franco I e Franco IV, ''Ho scritto t'amo sulla sabbia''; Caterina Caselli, ''Il volto della vita''; The Showmen, ''Un'ora sola ti vorrei''; Anna Identici, ''Quando m'innamoro''; Maurizio, ''Cinque minuti e poi''; Sylvie Vartan, ''Come un ragazzo''; The Rokes, ''Lascia l'ultimo ballo per me''.
Euro
15,00
codice 331240
scheda
Aa.vv. (milton nascimento, sergio mendes, et al.)    Brazil usa 70 – brazilian music in the usa in the 1970s
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1970  soul jazz 
jazz
Doppio vinile pesante, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina apribile, catalogo SJRLP428. Pubblicata nel 2019 dalla Soul Jazz, questa raccolta compila sedici brani prodotti negli anni '70 da musicisti brasiliani che all'epoca vivevano e lavoravano negli Stati Uniti: il clima politico pesante nel Brasile degli anni '70 fu forse una delle cause principali della diaspora di musicisti carioca fuori dal paese, sebbene già dal decennio precedente alcuni illustri artisti brasiliani di fossero fatti apprezzare in Nord America (ad esempio Antonio Carlos Jobim e Sergio Mendes), proponendo musiche radicate nel ricco patrimonio brasiliano tradizionale e moderno. Sempre durante gli anni '60 si ebbero felici e popolari esempi di fusione fra il jazz statunitense e la musica brasiliana (ad esempio la samba e la bossa nova), e questa interazione proseguì nel corso dei '70, espandendosi nei territori del jazz elettrico e della fusion: si pensi a quando Miles Davis invitò Airto Moreira ad unirsi al suo gruppo elettrico, a quando Dom Um Romao (già con i Brazil '66 di Sérgio Mendes) si unì all'importantissimo gruppo fusion Weather Report, od a quando Flora Purim and Airto entrarono a far parte del nuovo progetto di Chick Corea, Light As A Feather, per arrivare alla collaborazione fra Wayne Shorter e Milton Nascimento. Attraverso questi sodalizi la ricca e peculiare musica brasiliana si intrecciò al jazz ed alla fusion nordamericani, creando nuove strade, melodie, grooves; questa raccolta si concentra però sulle produzioni autonome di questi musicisti sudamericani, seppure realizzate nel contesto statunitense. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. Airto - Samba De Flora 2. Duke Pearson With Flora Purim - Sandalia Dela 3. Sérgio Mendes & Brasil '66 - Batacuda (The Beat) 4. Deodato – Skyscrapers SIDE 2: 1. Milton Nascimento – Catavento 2. Airto - Tombo In 7/4 3. Luiz Bonfá - Bahia Soul 4. Dom Um Romao – Braun-Blek-Blu SIDE 3: 1. Moacir Santos – Kathy 2. Joao Donato - Almas Irmas 3. Sivuca - Ain't No Sunshine 4. Milton Nascimento - Rio Vermelho SIDE 4: 1. Tamba 4 - Consolation (Consolacao) 2. Flora Purim - Moon Dreams 3. Dom Um Romao - Escravos De Jo 4. Airto - Andei (I Walked).
Euro
31,00
codice 3512226
scheda
Aa.vv. (new wave australia)    Pardon me for barging in like this (5lp + booklet)
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  vinyl on demand 
punk new wave
Edizione limitata a seicento copie numerate su un certificato/cartolina presente all' interno, cofanetto liscio senza codice a barre, cinque lp, ciascuno con la sua copertina in cartoncino lievemente ruvido, libretto di sedici pagine in carta/cartoncino liscio spillato con note sui gruppi coinvolti e foto, label bianca con scritte rosse su di una facciata e rossa con scritte bianche sull'altra in tutti i vinili, catalogo VOD62. Pubblicata nel maggio del 2009 dalla tedesca Vinyl On Demand, questa corposa compilation e' dedicata alla discografia dell'oscura etichetta post punk sperimentale australiana M Squared fra il 1979 ed il 1983, e contiene rari brani ed inediti di gruppi altrettanto oscuri che facevano parte della label: Scattered Order, Patrick Gibson/The Systematics, The Makers Of The Dead Travel Fast e A Cloakroom Assembly (a questi quattro gruppi e' dedicato un disco ciascuno), quindi l'ultimo lp che e' un ''campione'' degli altri gruppi che pubblicavano su M Squared, qui presentati con brani che originariamente uscirono per lo piu' su rare edizioni limitate in cassetta, si tratta dei Prod, Knife On Top, Day Glo, Jet Boy Survives The Fall, Height/Dismay, East End Butchers, Jonathan Dunshea, A Volatile T Shirt, Pleasant Peasants, Shane Fahey. In tutto ben settantaquattro brani, di non facile reperibilita' nelle loro vesti originarie (spesso rare cassette) quando non addirittura inediti, che costituiscono un importante tassello nel puzzle del post punk australiano piu' sperimentale. Per ragioni spazio rimandiamo al sito msquaredrecords.com che contiene numerose notizie storiche sulla label e sui gruppi e la discografia di questa etichetta, qualora si volesse approfondirne la conoscenza.
Euro
100,00
codice 3022565
scheda
10" [edizione] originale  stereo  ita  2011  spittle 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, copertina con sagomatura centrale sul fronte e con barcode 8033706210222, label grigia scura, quasi nera, con parte bianca vicino al bord, scritte bianche e rosse, logo Spittle Records bianco in basso, catalogo SPITTLE22. Questo disco è il vinile 10" originariamente allegato alla edizione finalmente ufficiale, pubblicata nel 2011 dalla Spittle, molto ampliata rispetto a quella autofinanziata di diversi anni orsono, del libro ormai davvero esaustivo redatto a quattro mani da Paolo Dovico e Luigi Riganti, praticamente un abbecedario della musica indipendente italiana degli ultimi 30 anni (e passa) attraverso una ricostruzione puntuale. Il 10" contiene otto brani, sette dei quali inediti, firmati da alcuni dei maggiori gruppi del panorama indipendente italiano degli anni '80, fra punk'n'roll stradaiolo (Not Moving) e più raffinato ed elettronico post punk (Art Fleury), neopsichedelia (No Strange), deviazioni zappiane e quasi free jazz rock (La Pattona), che offrono un interessante scorcio su alcune delle principali correnti della nuova musica italiana underground degli ultimi due decenni del '900, arricchito anche dalle dettagliate note storiche impresse sulla copertina del disco. Questa la scaletta: Art Fleury, "Lost" (inedito tratto dalle sessioni di ''Radio memoria'', inciso nell'agosto / settembre del 1981); La Pattona, "Paco e benecchi" (tratto dall'EP ''Reclame'', 1982); Inside Out, "Sale room" (registrato dal vivo a Pavia, 1985); Aus Decline, "News on" (brano composto nel 1979 e registrato nel 1982/83); No Strange, "Rainbow" (tratto dal demo "Rainbow", 1983); Not Moving, "Devil's rattle" (registrato nel 1981 con la formazione del loro primo singolo); Primeteens, "You lie" (registrato nell'aprile del 1988 con la formazione del loro primo singolo); Vegetable Men, "Willie the pimp".
Euro
15,00
codice 331187
scheda

Page: 1 of 65

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 65  ---»
Pag.: oggetti: