Hai cercato:  immessi ultimi 60 giorni --- Titoli trovati: : 1267
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 51  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
13th floor elevators    Psychedelic sounds of (colored vinyl)
LP [edizione] nuovo  stereo  usa  1966  international artist 
rock 60-70
ristampa limitata in vinile colorato, copertina senza barcode pressoche' identica a quella della prima molto rara tiratura. Pubblicato dalla International Artists negli Stati Uniti nel novembre del 1966, "The psychedelic sounds of" e' il primo storico album del gruppo texano di Rocky Erickson. Uscito prima di "Easter everywhere" (1967), e' considerato quasi unanimemente uno dei massimi capolavori della psichedelia americana. La voce selvaggia ed eccezionalmente ispirata di Rocky Erickson si staglia su classici brani come il tellurico inno garage psych "You're gonna miss me" (da lui composta quando ancora militava negli Spades), gli incubi lisergici di "Rollercoaster" e "Kingdom of heaven" ed i tiratissimi garage di "Fire engine" e "Tried to hide", ma Rocky da' prova anche del suo lato piu' lirico e delicato nella trasognata ballata "Splash 1" e nella litania misticheggiante "Don't fall down". La bizzarra anfora elettrificata di Tommy Hall conferisce un tono straniante ed ipnotico ai brani ed il gruppo, alimen
Euro
21,00
codice 2087870
scheda
A tribe called quest    Midnight marauders
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1993  jive 
hip-hop
Copertina liscia a busta, label bianca con scritte nere, scritte e disegni neri intorno al foro centrale su di una facciata. Ristampa del terzo album degli A Tribe Called Quest, originariamente pubblicato dalla Jive nel 1993, uscito dopo ''The low end theory'' (1991) e prima di ''Beats, rhymes & life'' (1996). Un altro grande successo di critica e di vendite dopo i due apprezzati lp precedenti, ''Midnight marauders'' presenta uno spostamento verso sonorita' funk morbide e fluide rispetto ai maggiori influssi jazz di ''The low end theory''. L'album e' contraddistinto da toni riflessivi sia dal punto di vista vocale che strumentale, senza trascurare l'ironia ed i taglienti commenti sociali; venature jazz ancora presenti si intrecciano con sonorita' ipnotiche e cerebrali. Formatisi nel 1988 a New York, nel Queens, gli A Tribe Called Quest sono stati insieme ai De La Soul fra i principali esponenti dello hip hop alternativo al gangsta negli anni '90. Spiritosi e portatori di messaggi alternativi allo hip hop mainstream, con una predilezione per il campionamento di melodie jazz, esordirono su lp nel 1990 con ''People's instinctive travels...'', seguito poi da due lavori ancora piu' apprezzati, ''The low end theory'' (1991) e ''Midnight marauders'' (1993). Il successo critico e commerciale li porto' anche a girare in tour con il Lollapalooza 1994, prima dello scioglimento avvenuto nel 1998.
Euro
29,00
codice 2087521
scheda
Aa. vv. ( swedish psych )    Who will buy these... vol 4
Lp [edizione] nuovo  stereo  swe  1967  hot stuff 
rock 60-70
Titolo completo ''Who will buy these wonderful evils vol 4''. Edizione limitata a 500 copie, copertina lucida a busta, inner sleeve in carta con note storiche scritte da Johan Holmlund, label bianca con scritte nere e titolo stilizzato in grigio in alto, catalogo COOL59. Pubblicata dalla svedese Hot Stuff nel 2012, questa raccolta contiene quattordici brani di rock svedese ed e' il quarto volume della serie omonima (i primi tre volumi erano stati pubblicati dalla Dolores). Il disco documenta il periodo 1967-1974, presentando, come il terzo volume, una maggiore varieta' di stili rispetto ai primi due della serie, con la presenza di brani hard rock, folk progressivo a fare compagnia al freakbeat ed alla psichedelia, ed una notevole varieta' che va dall'incalzante hard rock corale di Gin & Grappo (''Forstaelse'', 1974) al brumoso folk acido degli Underground Failure (''How unpleasant to meet mr eliot'', 1970/71). Un disco che puo' riservare piacevoli sorprese a chi si vuole addentrare nel panorama della musica europea degli anni '60: molti dei brani presenti mostrano un'attitudine decisamente underground, non lontane dalle manifestazioni piu' estreme del rock inglese ed olandese dell'epoca. Questa la scaletta dei brani: TOMMY KORBERG - Igor the dog (1969, dall'album ''Spotlight'') TROUBLEMAKERS – Sally (1967) ACKE - I feel (1971, singolo inedito su album) GIN & GRAPPO – Forstaelse (1974, singolo) NOVEMBER - Tillbaks till Stockholm (1971, singolo inedito su album) STAFFAN STENSTROM - Wake up (1970, singolo) HAZZE HEP – Snow (1967) Side B: UFFE - Strange days (1969) ALGARNA - Ett konstigt djur (1973, singolo) ANDERS NELSON - Black ode to gill (1968) GIMMICKS - Bermuda inn (1970) JOHN JULIAN/CURT G - Misery is such a mystery (1968) UNDERGROUND FAILURE - How unpleasant to meet Mr. E (1971, dall'album ''Underground failure'') CONBRIO - Jesus is all I need (1969).
Euro
18,00
codice 2087695
scheda
Aa. vv. (los lobos...)    La bamba (soundtrack)
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1987  london 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa europea, pressata in Olanda, copertina lucida, inner sleeve con pubblicita' degli albums dei Los Lobos, etichetta bianca con linee verticali grigie e logo nero, bianco e rosso in alto, catalogo 828058-1. Pubblicata dalla Slash nel 1987, questa e' la riuscitissima colonna sonora del celebre film sulla vita del grande e sfortunato Ritchie Valens, protagonista per pochi mesi del rock'n'roll di fine anni '50 e precursore del rock latino; sua e' la celeberrima ''La bamba'', una delle prime, se non la prima hit di rock latino, in cui si mescola il rock'n'roll con stili latino americani, che nella versione qui contenuta, magistralmente riletta dai Los Lobos, giunse in vetta alle classifiche di mezzo mondo, ameircane in primo luogo. La colonna sonora e' composta in gran parte da cover di Valens interpretate dai Los Lobos, apprezzato gruppo fra tex-mex, country rock e musica messicana, che ebbe con la title track il suo piu' grande successo. Sono presenti anche brani interpretati da Howard Huntsberry, Brian Setzer, Marshall Crenshaw e nientepopodimeno che il mitico Bo Diddley. Questa la scaletta dei brani: Los Lobos, ''La bamba'', ''Come on, let's go'', ''Ohh! My head'', ''We belong together'', ''Framed'', ''Donna''; Howard Huntsberry, ''Lonely teardrops''; Mashall Crenshaw, ''Crying, waiting, hoping''; Brian Setzer, ''Summertime blues''; Bo Diddley, ''Who do you love?''; Los Lobos, ''Charlena'', ''Goodnight my love''.
Euro
18,00
codice 244009
scheda
Aa.vv. (area)    1979 il concerto (omaggio a Demetrio Stratos) rsd 2019
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  cramps / sony / rca 
rock 60-70
Doppio album, EDIZIONE LIMITATA IN VINILE ROSSO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019 ED IN CONCOMITANZA CON IL 40ESIMO ANNIVERSARIO DALLA PUBBLICAZIONE ORIGINARIA; ristampa con copertina apribile pressoche' identica a quella della originaria tiratura su Cramps, ormai rara. Pubblicato sul finire del 1979, questo doppio album contiene una ricca sintesi del concerto in memoria di Demetrio Stratos, tenutosi all' Arena Civica di Milano il 14 giugno del 1979, il giorno dopo la morte del grande artista, sebbene fosse originariamente organizzato per raccogliere fondi a favore delle costose cure che Stratos stava seguendo. Assistettero all' evento 60.000 persone, , e ne fu tratto questo doppio album. Straordinariamente ricco l' elenco dei partecipanti; questa la lista dei brani: A1 Kaos Rock – Basta Basta A2 Area – Danz(A)nello A3 Francesco Guccini – Per Un Amico A4 Eugenio Finardi – Hold On A5 Roberto Ciotti – Shake It B1 Venegoni & Co. – Coesione B2 Angelo Branduardi – Il Funerale B3 Carnascialia – Europa Minor B4 Adriano Bassi Italo Lo Vetere – Nero Sul Bianco C1 Antonello Venditti – Bomba O Non Bomba C2 Skiantos – Ehi Sbarbo ; Ehi Buba Loris ; Come Faccio A Farmi Fare C3 Gaetano Liguori Tullio De Piscopo – Tarantella Del Vibrione D1 Giancarlo Cardini – Novelletta D2 Giancarlo Cardini – «Cardini» Solfeggio Parlante Per Voce Sola D3 Roberto Vecchioni – Figlia D4 Banco Del Mutuo Soccorso – E Mi Viene Da Pensare D5 Area (6) – L'Internazionale
Euro
33,00
codice 2087307
scheda
Aa.vv. (blues, rock'n'roll)    First rock and roll record
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  eu  1920  famous flames 
blues rnr coun
Cofanetto che contiene quattro lp in vinile, la versione in cd dell'opera (triplo cd munito di custodia con artwork) contenente tredici brani in piu' rispetto ai quattro vinili, singolo contenente due ulteriori brani e contenuto in copertina con artwork (''Rocket 88'' di Jackie Brenston & His Delta Cats del 1951, considerato da molti il primo disco propriamente rock'n'roll, e ''Crazy man crazy'' di Bill Haley & The Comets del 1953, il primo singolo rock'n'roll ad entrare in classifica negli USA), allegato coupon per il download da internet di tredici ulteriori brani, libretto di 32 pagine, vinili custoditi in buste che riportano il titolo del cofanetto ripetuto sullo sfondo, catalogo FLAMELP01. La versione vinilica, pubblicata nel 2015 dalla Famous Flames, della bella compilation originariamente edita solo in cd nel 2011 dalla stessa etichetta. ''The first rock and roll record'' si prefigge l'ambizioso ma nobile compito di tracciare un percorso della nascita del rock'n'roll, partendo da generi musicali come il blues ed il country che negli anni '20, '30 e '40 svilupparono caratteristiche poi fatte proprie dal primo rock'n'roll degli anni '50 (compreso l'uso del termine stesso in alcuni titoli e testi dei brani). Si parte cosi' ascoltando storici brani di grandi bluesmen del Delta come Charley Patton e Robert Johnson, e maestri del country come Hank Williams Senior, ma anche cantanti femminili blues come Ella Fiztgerald e Big Mama Thornton, passando per influentissimi bluesmen elettrici quali Arthur Big Boy Crudrup (sua la ''That's alright mama'' che fu il primo singolo di Elvis) e Muddy Waters, per arrivare ai protagonisti del rock'n'roll propriamente detto come Bill Haley, Elvis Presley, Chuck Berry e Little Richard. Questa la scaletta dei brani presenti sui vinili: Unknown, ''The camp meeting jubilee''; Trixie Smith, ''My man rocks me''; Jim Jackson, ''Kansas city blues''; Charley Patton, ''Going to move to alabama''; Hank Williams, ''Move it on over''; Tampa Red, ''It's tight like that''; Clarence Pinetop Smith, ''Pinetop's boogie woogie''; Blind Roosevelt Graves, ''Crazy about my baby''; Washboard Rhythm Kings, ''Tiger rag''; Harlem Hamfats, ''Oh red!''; Robert Johnson, ''Cross road blues''; Benny Goodman and Gene Krupa, ''Sing! Sing! Sing! (with a swing)''; Ella Fitzgerald, ''Rock it for me''; Sister Rosetta Tharpe, ''Rock me''; Bob Wills, ''Ida red''; Big Joe Turner, ''Roll 'em pete''; John Lee Williamson, ''New erarly in the morning''; Bill Bradley, ''Down the road apiece''; Lionel Hampton and his Orchestra, ''Flying home''; Illinois Jacquet, ''Blues, pt. 2''; T-Bone Walker, ''Mean old world''; Nat King Cole, ''Straighten up and fly right''; Sister Rosetta Tharpe, ''Strange things happening every day''; Helen Humes, ''Be baba leba''; Joe Liggins, ''Honeydripper''; Arthur Smith, ''Guitar boogie''; Arthur Big Boy Crudrup, ''That's all right mama''; Louis Jordan and his Tympany Five, ''Let the good times roll''; Ella Mae Morse and Freddie Slack, ''House of blue lights''; The Delmore Brothers, ''Hillbilly boogie''; Pee Wee King, ''Ten gallon boogie''; Roy Brown, ''Good rocking tonight''; Wild Bill Moore, ''We're gonna rock, we're gonna roll''; Muddy Waters, ''I can't be satisfied''; Amos Milburn, ''Chicken shack boogie''; Bill Haley, ''Rovin' eyes''; The Orioles, ''It's too soon to know''; Sticky McGhee, ''Drinkin' wine spo-dee-o-dee''; Erline ''Rock 'n' Roll'' Harris, ''Rock and roll blues''; Jimmy Preston, ''Rock the joint''; Louis Jordan and his Tympany Five, ''Saturday night fish fry''; Hardrock Gunter, ''Gonna dance all night''; Arkie Shibley and his Mountain Dew Boys, ''Hot rod race''; The Dominoes, ''60 minute man''; Jackie Brenston and His Delta Cats, ''Rocket 88''; Big Mama Thornton, ''Hound dog''; Charli Gracie, ''Rockin' and rollin'''; Lloyd Price, ''Lawdy miss clawdy''; The Dominoes, ''Have mercy baby''; The Clovers, ''One mint julep''; The Crows, ''Gee''; Bill Haley and his Comets, ''Crazy man, crazy''; Ray Charles, ''Mess around''; Clyde McPhatter and the Drifters, ''Money honey''; Joe Turner, ''Honey hush''; Big Joe Turner, ''Shake, rattle and roll''; The Chords, ''Sh-boom''; Sunny Dae and the Knights, ''Rock around the clock''; Ray Charles, ''I've got a woman''; Hank Ballard and the Midnighters, ''Work with me, annie''; The Robins, ''Riot in cell block number nine''; Lavern Baker, ''Tweedle dee''; Bpo Diddley, ''Bo diddley''; Chuck Berry, ''Maybellene''; Little Richard, ''Tutti frutti''; Carl Perkins, ''Blue suede shoes''; Elvis Presley, ''That's alright mama''; Bill Haley and the Comets, ''Rock around the clock''; Elvis Presley, ''Heartbreak hotel''.
Euro
29,00
codice 2087784
scheda
LP2 [edizione] originale  stereo  uk  1990  110 below 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
prima stampa inglese, vinile doppio, copertina con barcode 5016553250316, adesivo di presentazione sul fronte, label custom arancio e blu su di una facciata, blu con scritte bianche ed arancioni sull'altra, catalogo BELOW3LP, scritta "damont" incisa sul trail off di tutti i lati. Pubblicata nel 1995 dalla 110 Below, sottoetichetta della Beechwood, questa è la terza raccolta dedicata da questa label all'elettronica sperimentale ed alla dance per la mente alternativa della prima metà anni '90, con brani e remixes di artisti del calibro di Brian Eno, Muslimgauze, The Future Sound Of London, Anton Fier, Material e Jah Wobble, fra gli altri, accomunati qui dalla volontà di sperimentare con sonorità dilatate e ritmiche elettroniche relativamente lente, fra ambient techno ed elettronica "leftfield", tratti per lo più da 12" ed inediti o in versione inedita su album. Questa la scaletta: Muslimgauze, "Khan younis" (dall'album "Hamas arc", 1993); Future Sound Of London, "Smokin japanese babe" (versione più lunga del brano apparso sull'album "ISDN", 1994); Brian Eno, "Fractal zoom (naive mix II)" (dal 12" "Fractal zoom", 1992); Thessalonians, "Serious ancient rhythm (Blood red crescent moon mix)" (dall'album "Soulcraft", 1993); Anton Fier, "Emotional smear" (dall'album "Dreamspeed", 1993); Jah Wobble's Invaders of the Heart, "Bomba (nonsonicus maximus mix)" (dal 12" "Bomba", 1990); Material, "Mantra (doors of perception mix)" (dal 12" "Mantra – remixes", 1993); Urban Dance Squad, "3 Heights" (dal 12" "Bureaucrat of flaccostreet", 1991); Planet Jazz, "Sun" (dal 10" "Planet jazz", 1995); Squid, "Overdub", (dal 12" "Overdub", 1994).
Euro
18,00
codice 331562
scheda
Aa.vv. (clapton, pink floyd..)    Knebworth the album
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1990  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa italiana, vinile doppio, copertina (con moderati segni di invecchiamento) apribile con barcode, con adesivo "Network 105 - Grunding Vibration" sul fronte, lucida all'esterno, inner sleeve con foto e crediti, label rossa con logo Polydor bianco e nero in alto, catalogo 843921-1 sulla copertina. Pubblicato nel 1990 dalla Polydor, giunto al 92esimo posto in classifica negli USA, l'album che documenta le performance al festival di Knebworth del 1990, al quale partecipo' una nutrita schiera di star del rock degli anni '60 e '70, con qualche ospite illustre dell'epoca anni '80. Troviamo qui Pink Floyd, Robert Plant, Cliff Richard con gli Shadows, Genesis, Tears For Fears, Eric Clapton e Paul McCartney, solo per citare una parte del cast stellare di quell'evento, al quale partecipo' un pubblico di circa centoventimila persone. Questa la scaletta: Tears For Fears, ''Everybody wants to rule the world''; Status Quo, ''Dirty water'', ''Whatever you want'', ''Rockin' all over the world''; Cliff Richard and the Shadows, ''On the beach'', ''Do you wanna dance''; Robert Plant, ''Hurting kind'', ''Liar's dance'', ''Tall cool one'', ''Wearing and tearing (featuring Jimmy Page)''; Genesis, ''Mama''; Phil Collins, ''Sussudio''; Eric Clapton, ''Sunshine of your love''; Dire Straits, ''Think I love you too much'', ''Money for nothing''; Elton John, ''Sad songs (say so much)'', ''Saturday night's all right (for fighting)''; Paul McCartney, ''Coming up'', ''Hey jude''; Pink Floyd, ''Comfortably numb'', ''Run like hell''.
Euro
18,00
codice 243954
scheda
Aa.vv. (contortions / mars / dna, teenage jesus & the jerks)    no new york (produced by brian eno)
Lp [edizione] ristampa  stereo  rus  1978  lilith 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ristampa del 2005 in vinile 180 grammi, copertina (con adesivo di presentazione in russo sul fronte) lucida e senza barcode, pressoche' identica alla prima ormai introvabile e costosa tiratura su Antilles, corredata di inner sleeve con note in inglese e russo. Il fondamentale manifesto, prodotto da Brian Eno e dato alle stampe nel dicembre del 1978, della neonata scena "no wave" newyorkese, che restera' per diversi anni tra le piu' creative ed originali del globo, ponendo inoltre i germi di molto rock alternativo a venire (i Sonic Youth, tra gli altri). Esordiscono qui i CONTORTIONS di James White/Chance ed i grandi MARS, mentre i TEENAGE JESUS & THE JERKS di una giovanissima Lydia Lunch, ed i D.N.A. di Arto Lindsay si erano da poco autoprodotti i loro singoli d'esordio: sedici geniali brani altrimenti inediti, tra funk, punk, jazz e sperimentazione, che proclamano in ogni frammento della loro musica una liberta' espressiva, uno slancio artistico ed una capacita' di anticipare scenari musicali futuri, che hanno pochi riscontri nella storia del rock, e che fanno di questo disco uno tra gli albums americani piu' importanti degli ultimi trent'anni. Ecco la lista completa dei brani: Contortions – Dish It Out / Contortions – Flip Your Face / Contortions – Jaded / Contortions – I Can't Stand Myself / Teenage Jesus And The Jerks – Burning Rubber / Teenage Jesus And The Jerks – Closet / Teenage Jesus And The Jerks – Red Alert / Teenage Jesus And The Jerks – I Woke Up Dreaming / Mars – Helen Fordsdale / Mars – Hairwaves / Mars – Tunnel / Mars – Puerto Rican Ghost / DNA – Egomaniac's Kiss / DNA – Lionel / DNA – Not Moving / DNA - Size.
Euro
16,00
codice 243950
scheda
Aa.vv. (dutch beat-nederbiet)    Diggin' in the goldmine – dutch beat nuggets
LP2 [edizione] nuovo  mono  hol  1965  pseudonym 
rock 60-70
Versione in vinile nero, pressata in 250 copie (altre 250 copie sono in vinile rosso semitrasparente), vinile doppio da 180 grammi, copertina apribile con all'interno le riproduzioni delle copertine originali dei singoli compilati, catalogo VP99.073. Pubblicata nel 2019 dalla Pseudonym, questa bella raccolta compila trentadue brani originariamente usciti per lo più su rari singoli nella seconda metà degli anni '60, che testimoniano della floridissima ed influente scena ''nederbiet'' degli anni '60; si dedica qui molto spazio a gruppi magari meno conosciuti ed in alcuni casi provenienti da realtà geografiche periferiche dei Paesi Bassi, lasciando da parte nomi di grosso calibro come Q65 ed Outsiders (ma non i Cuby + The Blizzards), per formare un quadro meno scontato e più ricco di piccoli o grandi segreti di un movimento fra i più brillanti in assoluto della musica europea continentale del decennio d'oro. I brani, rimasterizzati in 24 bit dai nastri originali in mono, offrono una spaziosa panoramica dello sfaccettato movimento musicale olandese di quegli anni, da canzoni pop e beat melodiche fino a pezzi garagistici, carichi di fuzz e talora deliziosamente venati di psichedelia, fino a ruvidi e scatenati r'n'b, genere questo che ebbe non poca influenza sulla scena olandese di metà anni '60. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. THE BEATNIKS - Wouldn't You Like To Know 2. THE COMPETITORS - Long Tall Shorty 3. CUBY + BLIZZARDS - Stumble And Fall 4. THE COUNSELLORS - I'll Be Your Man 5. NICKY AND THE SHOUTS - Don't Be A Fool 7. JOHN HATTON AND THE DEVOTIONS - I'm Comin' Home 6. THE ROLLING BEATS - Sweeter Than You 8. THE CHEESE TOWN JEWELS - No One Else SIDE 2: 1. THE MODS - Brown Paper Sack 2. ST. JOHN AND THE CREW - I Am A Man 3. JENNY AND THE RASCALS - You Told Me A Lie 4. THE KWYET - No Time For Tears 5. THE ENTERTAINERS - Crazy Miss Daisy 6. DAT EN WAT - I Can Live Without You 7. SOFTS - Kassie Kijken 8. SOFTS - Paarse Broek SIDE 3: 1. NICKY AND THE SHOUTS - Tears Inside 2. JOHNNY KENDALL AND THE HERALDS - Girl 3. THE LORDS - In The City 4. LINDA VAN DYCK WITH BOO & THE BOO BOO'S - Stengun 5. THE SPARKLINGS - Now It's Your Turn To Cry 6. FLASH CALL - Crying All Day 7. THE TOREROS - Bald Headed Woman 8. GROUP SOALL - Will You Teach Me How To Love SIDE 4: 1. THE NICOLS - Lord, I've Been Thinking 2. THE FALLOUTS - I'm Sick Of Living 3. THE FALLOUTS - I've Been Waiting 4. JENNY AND THE RASCALS - That's A Man's Way 5. THE RIATS - Run, Run, Run 6. BINTANGS - Please Do Listen 7. ADJÉEF THE POET - Iekk! I'm A... Freak 8. THE INN-SECT - Let Me Tell You About The Things I Need.
Euro
28,00
codice 2087364
scheda
Aa.vv. (dutch punk and new wave)    i don't care (The No Fun And Plurex Singles)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  pseudonym 
punk new wave
edizione in vinile 180 grammi, copertina apribile; uscito nel novembre del 2015, questo album contiene diciassette brani tratti che mettono insieme nella prima facciata il contenuto dei quattro rari singoli pubblicati tra il 1978 ed il 1979 dalla piccola ma storica etichetta olandese No Fun, e nella seconda facciata quello dei primi tre 7" pubblicati nel 1978 dalla Plurex, piu' due brani inediti da un singolo di Ton Van Der Meer (poi nei Mo, oltre che solista) del 1978 che fu all' epoca annullato dalla stessa Plurex, altra piccola etichetta dei paesi Bassi, che pero' sarebbe rimasta attiva fino al 1983, producendo alcune delle piu' importanti realta' della scena post punk locale. Si tratta di un importante spaccato della ricca produzione punk e post punk dei paesi Bassi di quegli anni. Questo nel dettaglio il contenuto: GODS HEART ATTACK: "Treat Me Like A Doll" e "Ain't No Hooker" (unico singolo, primo numero del catalogo della No Fun). HELMETTES "I Don't Care What The People Say" e "1/2 2". MECANO Ltd. "Face Cover Face" e "Fools" (il primo 7" di uno dei gruppi piu' importanti ed influenti di tutta la scena post punk olandese, qui molto piu' punk che in qualunque altro loro disco). SUBWAY "Jesus Loves Me (But I Don't Care)" e "You Gotta Support" (uscito nel 1979, nello stesso anno in cui il gruppo pubblico' il suo unico album). TITS "Daddy Is My Pusher" e "We're So Glad Elvis Is Dead" (unico singolo, primo numero del catalogo della Plurex, per il gruppo con Wally Van Middendorp, poi nei Minny Pops), MOLLESTERS "Plastic" e "I Am" (unico singolo). FILTH "Don't Hide Your Hate", "Sex" e "Nothing For Me" (unico 7"), TON VAN DER MEER "Niets Aan Me Leven" e "Ik Zie 't Niet Meer Zitten" (singolo inedito).
Euro
21,00
codice 3022715
scheda
Aa.vv. (makers, teengenerate, rip offs...)    Rip Off Records – The Early Ones
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1993  rip off 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, prima stampa USA, copertina con barcode 607608003817, label custom rossa con scritte bianche e nere, catalogo 038. Pubblicata nel luglio del 1999 dalla Rip Off, la bella antologia che compila brani di singoli ormai fuori stampa, originariamente stampati fra il 1993 ed il 1995 dalla stimata etichetta punk di Greg Lowery (gia' nei Supercharger, Rip Offs, Infections e Zodiac Killers), a lungo dedita alla pubblicazione di singoli su 7'', nel corso degli anni '90. Si tratta dei primi singoli pubblicati dalla Rip Off, caratterizzati da una qualità di registrazione molto grezza, dovuta anche, per sua stessa ammissione, all'inesperienza di Lowery, che peraltro ha rimasterizzato tutti i brani per la pubblicazione di questa raccolta. I gruppi qui rappresentati erano accomunati, almeno in quel periodo storico, da un sound grezzo e graffiante che integrava low fi, garage duro e punk stradaiolo: ascoltiamo quattro brani degli stessi Rip Off di Lowey, due dei Makers, inizialmente proprio dediti ad un crudo e diretto garage punk, due dei Teengenerate, gruppo giapponese nato a Tokyo dalle ceneri degli American Soul Spiders, veri capiscuola di una scena che ha dato al garage ed al punk rock degli anni '90 molti dei suoi gruppi migliori. Ispirandosi all' incendiario rock detroitiano di Stooges ed MC5, ma soprattutto al miglior punk rock americano di fine anni '70, e due dei Cryin' Out Louds, quartetto basato ad Austin, fra proto punk, garage rock e Ramones. Questa la scaletta: Statics, "The statics theme", "All mixed up" (3/93); Spoiled Brats, "Jackies never coming back", "No I don't" (10/93); Rip Offs, "Now I know (Its you)", "Can I come over" (10/93); "Make up your mind", "Wild jane" (3/94); Makers, "Bust out", "Why won't you" (1/95); Teengenerate, "Out of sight", "Pushin' me around" (5/95); Cryin' Out Louds, "Bloodhound", "Motorcycle cop" (6/95).
Euro
25,00
codice 331494
scheda
Aa.vv. (mutantes, gil, veloso, costa...)    tropicalia ou panis et circencis
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  lilith 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1968, in vinile 180 grammi, con allegata la versione in cd dell'album, copetina senza codice a barre. Si tratta di uno dei piu' leggendari e celebrati lavori degli anni '60, non una sempice compilation, ma l' album che sanci' la nascita del movimento ''Tropicalia'', vero trampolino di lancio per molti degli artisti che avrebbero fatto la storia della musica brasiliana nei decenni successivi, il movimento, si prefiggeva la rinascita della musica brasiliana, e per la prima volta contaminarono con gli strumenti elettrici ed uno spirito propriamente ''rock'' il pop esotico con la psychedelia, la samba, la bossa nova, ed altri generi ancora piu' popolari della musica sudamericana. Tropicalia non solo include brani dei piu' importanti artisti del movimento (Gilberto Gil, Os Mutantes, Caetano Veloso, Gal Costa), ma presenta un grande numero di collaborazioni tra questi ed altri musicisti, diverse delle quali passate alla storia come veri accadimenti e capolavori. Quasi tutte le originali realizzazioni della Tropicalia sono purtroppo fuori catalogo, ma questo vero e proprio manifesto dara' un idea piu' che chiara di cosa fosse questo movimento artistico e del perche' oggi sia cosi' celebrato. Ecco la lista dei brani "Miserere N¢bis" - Gilberto Gil, "CoracÆo Materno" - Caetano Veloso, "Panis et Circenses" - Mutantes, "Lindon‚ia" - Nara Leao, "Parque Industrial" - Gilberto Gil, Caetano Veloso, Gal Costa, "Gel‚ia Geral" - Gilberto Gil, "Baby" - Gal Costa, Caetano Veloso, "Trˆs Caravelas" (Las Trˆs Carabelas) - Caetano Veloso, Gilberto Gil, "Enquanto Seu Lobo NÆo Vem" - Caetano Veloso, "MamÆe Coragem" - Gal Costa, "Bat Macumba" - Gilberto Gil, "Hino Do Senhor Do Bonfim Da Bahia" - Caetano Veloso, Gilberto Gil, Gal Costa.
Euro
22,00
codice 2088020
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1979  A&M 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa europea di pressaggio olandese, copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, label rossa con scritte nere, catalogo AMLE64786, marchio BIEM/STEMRA senza riquadro a destra. Pubblicata nel 1979 dalla A&M, questa raccolta presenta brani di musicisti new wave come Joe Jackson, Police, Squeeze (di cui troviamo qui un brano all'epoca inedito) e The Reds, attraverso una facciata di brani registrati dal vivo nel 1979, ed una facciata con brani in studio. Questa la scaletta: Squeeze, ''Goodbye girl'' (live a New York, 26/7/79); Joe Jackson, ''Throw it away'', ''Come on'' (live al Whisky a Go Go, Hollywood 12/5/79); Police, ''Landlord'', ''Next to you'' (live a New York, 4/4/79); Joe Jackson, ''Don't wanna be like that'' (dall'album ''I'm the man'', 1979); Shrink, ''The doll''; Bobby Henry, ''Hollow sound''; Squeeze, ''Wrong way'' (inedito); The Secret, ''Weather station''; The Reds, ''Joey'' (dall'album ''The reds'', 1979).
Euro
18,00
codice 243953
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Electroconvulsive therapy vol. 4 (rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1981  medical records 
punk new wave
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, edizione limitata in vinile da 180 grammi, copertina senza codice a barre, catalogo MR-077. Pubblicato nell'aprile del 2018 dalla Medical Records, quarto volume della serie "Electronvulsive therapy" della label americana. L'album compila dieci brani tratti da rare pubblicazioni del catalogo della Survival, piccola etichetta indipendente inglese ricordata per la promozione delle prime realizzazioni di dance elettronica in Gran Bretagna, ancora legate in molti casi alla new wave sintetica. Si tratta in particolare di una attenta selezione dei più rari ed apprezzati brani tratti dai primi singoli del catalogo Survival, e di quelli più "dance oriented". Ascoltiamo qui entrambi i brani del singolo "Space tension" degli Analysis, gruppo in cui militavano Martin Lloyd (Oppenheimer Analysys) e David Rome (Drinking Electricity), e quelli del 7" "Shock waves" dei Limit, il giocoso pop elettronico minimale di Richard Bone ("Digital days"), la circolarità minimal synth e le sfumature di sensibilità new romantic declinata elettronicamente dei 13 At Midnight ("Other passangers"), la classica dance pop-tronica di Eddie & Sunshine ("Somewhere else in Europe"). Questa la scaletta completa: Analysis, "Connections" (dal 7" "Surface tension", 1981); The Limit, "Shock waves" (dal 7" "Shock waves", 1981); Richard Bone, "Digital days" (singolo uscito su Rumble nel 1981, poi compilato dalla Survival nel multi-7" "6 singles from survival..." del 1982); 13 At Midnight, "Other passangers" (dal 12" "Climb down", 1982); Eddie & Sunshine, "Somewhere else in europe" (B-side del 7" "All I see is you", 1983); Analysis, "Surface tension" (dal 7" "Surface tension", 1981); The Limit, "OK go" (dal 7" "Shock waves", 1981); 13 At Midnight, "On the beach" (dal 12" "Climb down", 1982); The Limit, "Do it" (dal 7" "Take it", 1981); Richard Bone, "Quantum hop" (dal 12" "The beat is elite", 1982).
Euro
14,00
codice 2087489
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Oi! the album
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1980  zit / emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa inglese, copertina in cartoncino lucido fronte retro senza barcode, catalogo ZIT1, label gialla con scritte nere. La a dir poco storica raccolta compilata dal giornalista Garry Bushell per conto della rivista musicale Sounds (la copertina in alto recita "Sounds Presents For Your Titillation Edification and Enjoyment"), in vendita dall' ottobre del 1980 originariamente solo per corrispondenza ma poi immessa nel mercato dalla Emi, viste le crescenti richieste: il primo manifesto in assoluto della neonata scena Oi. Nei 17 brani contenuti, tutte le migliori energie della controversa scena "Oi" nel suo versante piu' proletario e genuino, ("ruck 'n' rollers and punk pathetiques" lo stesso Bushell defini' i gruppi rappresentati), perlopiu' lontano dalla seriosita' se non dagli estremismi di tante altre band che ne furono rappresentanti. Ed anche l'approccio musicale e' ancora strettamente imparentato con quello del punk rock originario piu' grezzo e genuino, come testimonia la presenza qui di un vecchio brano degli Slaughter & the Dogs, ritenuti tra gli anticipatori di questa scena. Diciassette serratissimi brani talora del tutto inediti, talora tratti da rari singoli, con alcune band che qui fanno il loro esordio assoluto. Ecco la lista completa dei brani: COCKNEY REJECTS - Oi Oi Oi | PETER & TEST TUBE BABIES - Rob A Bank (Wanna) | 4-SKINS - Wonderful World | THE POSTMEN - Have A Cigar | THE EXPLOITED - Daily News | TERRIBLE TWINS - Generation Of Scars | ANGELIC UPSTARTS - Guns For The Afghan Rebels | COCK SPARRER - Sunday Stripper | ANGELIC UPSTARTS - Last Night Another Soldier | 4-SKINS - Chaos | COCKNEY REJECTS - Here We Go Again | MAX SPLODGE - DESERT ISLAND JOE - Isubeleene | THE POSTMEN - Beardsmen | SALUGHTER & THE DOGS - Where Have All The Boot Boys Gone | BARNEY & THE RUBBLES - Bootboys | PETER & THE TEST TUBE BABIES - Intensive Care | THE EXPLOITED - I Still Believe In Anarchy.
Euro
50,00
codice 243955
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Cornflake zoo episode one
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  particles 
rock 60-70
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in basso, vinile da 180 grammi di colore giallo, inserto con note e foto dei gruppi compilati, catalogo PARTLP4058. Edizione vinilica, curata nel 2017 dalla Particles, della raccolta originariamente pubblicata nel 2016 solo in cd dalla stessa etichetta. Si tratta del primo volume della lunga serie di compilations "Cornflake zoo": il disco è un'antologia di venti brani, per lo più rari ed oscuri, tratti da album e singoli del periodo 1967-1971 di gruppi legati alla psichedelia e provenienti sia dall'Europa che dalle Americhe. Citiamo la presenza dei californiani David, formati dal talentuoso Warren Hansen, autori ambiziosa e brillante miscela di psichedelia e pop barocco, e con arrangiamenti ricchi e riuscitissimi; gli olandesi Jay Jays, autori di una eccellente sintesi fra garage e blues, con un sound incendiario sullo stile di quello dei Kinks o dei Pretty Things del primo periodo; i belgi Wallace Collection, dallo stile essenzialmente pop, ben suonato e cantato, che trovava un elemento di notevole originalita' nell'impiego degli archi, e poi anche capaci di inserire influenze progressive nel loro sound; gli olandesi Motions, band versatile e capace di vibranti tirate garage, ballate pop e suggestioni merseybeat, nel complesso sul versante più melodico del beat olandese, musicalmente non dissimili da gruppi Inglesi quali Skip Bifferty, Kaleidoscope o Kinks; o ancora gli svedesi Tages, il più importante gruppo pop svedese degli anni '60 insieme agli Hep Stars, inizialmente dediti al beat ma poi, nell'anno di grazia 1967, ad un pop psichedelico accostato ai Beatles di "Sgt. Pepper". Questa la scaletta completa: Casey Jones and the Governors, "Zebedy zak" (1969); David, "Please mr. Policeman" (1969); Baby Py Grandmother, "Single girl" (1967); Jay Jays, "I know in my mind" (1968); The Toxic, "Horse and director" (1968); Blues Section, "End of a poem" (1967); John Winfields, "You know, you go" (1971); Los Iberos, "Night time" (1969); Hearts and Flowers, "Tin angel, will you ever come down" (1968); Juan and Junior, "Nothing" (1967); Wallace Collection, "Hello suzannah" (1969); The Motions, "Nightmare" (1968); The Toxic, "Einmal" (1968); Tages, "Like a woman" (1968); Casey Jones and the Governors, "Beechwood park" (1968); Octopus 4, "Walking on the waves" (1969); Ro-d-ys, "Sleep, sleep, sleep" (1968); The Klan, "Melody maker" (1967); Boudewijn De Groot, "When the smoke around your eyes has cleared" (1967); Roeks Family, "Get yourself a ticket" (1968).
Euro
16,00
codice 3512400
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Diggin' for gold volume 2 (rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1965  rubble 
rock 60-70
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, edizione limitata a 1500 copie numerate sul retro copertina in basso, in vinile da 180 grammi di colore dorato, completa di inserto e di libretto a colori con note e foto. Ristampa del 2018 ad opera della Rubble, della compilation originariamente pubblicata nel 1994 dalla Smorgasbord, secondo volume della serie "Diggin' for gold". Una raccolta di rari e misconsociuti 45 giri di gruppi degli anni '60 provenienti da Europa ed Australia, in salsa garage punk, con gruppi come gli anglosassoni Undertakers, autori di un devastante garage freakbeat con "(I fell in love) For the very first time", gli eccellenti olandesi Rolling Beats con un ottimo mod sound in "Don't ask me why", gli islandesi Thor's Hammer, da non confondere con l'omonima band progressive underground danese, autori invece di un graffiante e potente garage carico di fuzz sostenuto da una batteria decisamente aggressiva per i tempi, gli australiani Marksmen, vicini ai primi Pretty Things con il loro sound r'n'b graffiante e garagizzato, gli olandesi Inn-Sect, a loro volta autori di un tagliente garage inacidito da organo protopsichedelico e chitarra molto carica di fuzz. Davvero una bella raccolta, con tante piccole gemme da riscoprire. Questa la scaletta completa: SIDE 1: 1. The Undertakers - (I Fell In Love) For The Very First Time (1965) 2. Nameless – Life (1967) 3. The Moods - 'Cause Of You (1966) 4. Sound LTD Set - Sunside World (1967) 5. Group $Oall - Will You Teach Me How To Love (registrato nel 1967, edito nel 1997) 6. Toreros – Come (1966) 7. Thor's Hammer - My Life (1966) 8. Dat En Wat - Dead Man Blues (1966) SIDE 2: 1. Thursday's Child - I Want You Back 2. The Marksmen – Moonshine (1966) 3. The Beatnicks - Can't Be Sad About It (1966) 4. The Inn-Sect - Let Me Tell You About The Things I Need (1967) 5. Thor's Hammer - Better Days (1966) 6. Dat En Wat - I Can Live Without You (1966) 7. The Rolling Beats - Don't Ask Me Why (1966) 8. The Unforgettable Amnesiacs - Leave Me Alone.
Euro
16,00
codice 3512401
scheda
Aa.vv. (rock argentina 60-70)    Diggin down argentina (Nuggets From 1967-1976) vol.2
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  la crema 
rock 60-70
Sottotitolo completo "Nuggets From The Rioplatense Scene, 1967-1976". Copertina senza codice a barre, inserto con note e foto, catalogo CRDLP-1202. Pubblicato nel 2012, il secondo volume, dopo quello uscito nel 2010 su Crazy Apple Records, della compilation che documenta la scena rock underground argentina della regione Rioplatense, intorno a Buenos Aires, qui attraverso 14 brani tratti perlopiu' da oscuri 45 giri del periodo 1967/76, ristampati qui quasi sempre per la prima volta. Tra beat, rock psichedelico, garage, freakbeat ed heavy rock. Questa la scaletta: A1 Mel Williams "Mr. Baker" (dal primo album "Yes!" del 1970), A2 Bosques "La Casa Que Un Dia" (dalla compilation del 1970 "Emision Beat '70"), A3 Trio Galleta "Te Vere En La Esquina" (singolo tratto dall' album "Galleta Soul" del 1971), A4 Pacific Band "Sally Row" (dall' unico singolo, 1971), A5 Brujos "Desesperacion" (dal secondo singolo, 1970), A6 Alta Tension "Sobresaliente (Stand Out)" (b-side di un singolo del 1970 da questa band autrice ti tra albums tra il 1970 ed il 1973), A7 Kon-Tiki "Recorrido Sin Final" (secondo ed ultimo singolo, 1976), B1 Caballo Vapor "Illusion De Libertad" (b-side di un singolo del 1974), B2 Jumbo "Todo Con Eso" (dall' unico singolo del 1970), B3 Provos "Eva" (dall' unico singolo, del 1970), B4 Tonelada "Amor En Nuestras Almas (Love In Our Soul)" (singolo del 1972); B5 Crema "Loco, Loco (Crazy, Crazy)" (1973), B6 Formacion 2000 "Noche Ciega (Blind Night)" (b-side di un singolo del 1970 da parte di questa band autrice di un album nel 1969), B7 Los Tíos Queridos "Extiendete Que Me Encontraras (Reach Out I'll Be There)" (singolo del 1967).
Euro
25,00
codice 3022728
scheda
Aa.vv. (rock argentina 60-70)    Diggin down argentina (Nuggets From 1969-1975)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  crazy apple 
rock 60-70
Sottotitolo completo "Nuggets From The Rioplatense Scene, 1969-1975". Copertina ruvida a busta senza codice a barre, inserto in carta lucida apribile di quattro pagine in formato 2xlp con note e foto in bianco e nero, label azzurra con parte blu e scritte nere, catalogo CRAP-1040. Pubblicata nel 2010 dalla Crazy Apple Records, questa compilation documenta la scena rock underground argentina della regione Rioplatense, intorno a Buenos Aires. I quindici brani sono tratti da oscuri 45 giri del periodo 1969/75, ristampati qui per la prima volta. Il disco si apre con il trascinante garage beat dai ritmi r'n'b di ''Heya'' dei Bosques fronteggiati dal selvaggio Victor Paredes, proseguendo poi fra beat, rock psichedelico, garage e freakbeat. Questa la scaletta: Bosques, ''Heya'' (1970); Dynamita, ''Toma tu tiempo'' (1971); Los Fantasmas, ''El precio de la vida'' (1970); The Gypsys, ''Kamasutra'' (1971); Caballo Vapor, ''Busco el sol, no se asconde voy'' (1975); Kon-Yiki, ''Viaje al ayer'' (1975); Brujos, ''Ese dinero'' (1969); Gypsys, ''Oh! Malala'' (1971); Wooky Toky, ''Pero hay una melena'' (1971); Los Barbaros, ''Zoom-zoom-zoom'' (1969, gruppo bolognese emigrato in Argentina!); Victoria, ''Elena, vivio solo un dia'' (1971); Them, ''Tiempos cambiantes'' (1970); Asfalto, ''No se que pensar'' (1970); Jarabe de menta, ''Con el sol en el bolsillo'' (1969); Little Green Men, ''Para ti lilian'' (1971).
Euro
21,00
codice 3022717
scheda
Aa.vv. (sebadoh, eric's Trip...)    Curtis w. pitts: sub pop employee of the month
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  sub pop 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
prima stampa USA, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida fronte retro con barcode 098787-0230-15 e con indicazione "pay no more than $ 6,98" sul retro in basso, label bianca con scritte nere, catalogo SP230, vinile che assume colore ambrato se posto controluce. Pubblicata nell'agosto del 1993 dalla Sub Pop, la compilation di brani tratti da singoli, album e colonne sonore pubblicate dalla stessa label, intitolata dal nome di un dipendente della Sub Pop (con tanto di spassose, e piuttosto assurde, notizie biografiche sullo stesso, scritte sul retro copertina); nello stesso anno uscì una compilation simile, "Lutz R. Mastmeyer: Sub Pop employee of the month", che condivideva alcuni brani con questa. In questa antologia ascoltiamo gruppi come i supremi low fi rockers Sebadoh, l'eccellente noise / pop / punk band canadese Eric's Trip, il texano di Corpus Christi Reverend Horton Heat, personaggio di culto della scena americana degli anni '90, capace di rinnovare l' interesse ed i fasti di una musica gloriosa, il rockabilly, nata negli anni '50 e poi periodicamente tornata agli onori delle cronache ed all' attenzione del pubblico, nel suo caso con un approccio per niente revivalista e semmai animato da uno spirito punk e garage (non nel suono però), le giapponesi Supersnazz, scoperte da Mike Mariconda durante un tour in Giappone con i suoi Raunch Hands, dedite ad una musica a metà tra travolgente e grezzo garage punk e gli all girls group degli anni '60, i Six Finger Satellite da Rhode Island, inseriti talvolta nel filone electro punk e considerati da alcuni come dei precursori degli Add N To (X), autori di una proposta musicale piuttosto atipica rispetto alle band pubblicate dalla Sub Pop, a causa di massicci inserimenti di elettronica e di acid rock ed influenze krautrock, ed i francesi Les Thugs, storica punk band francese il cui sound, graffiante e vicino sia al punk che al garage duro agli esordi, con il passare del tempo si è aperto anche a soluzioni più melodiche e vicine al power pop. Questa la scaletta: Sebadoh, "Sacred attention" (dall'album "Bubble & scrape", 1993); Velocity Girl, "Crazy town" (dall'album "Copacetic", 1993); Big Chief, "One born every minute" (dalla colonna sonora di "Mack avenue skullgame", 1993); Pond, "Cinders" (dal 7" "Wheel", 1992); Eric's Trip, "Blue sky for julie / Smother" (dal doppio 7" "Never mind the molluscs", 1993); Hazel, "Truly" (dal 7" "Jilted", 1993); Reverend Horton Heat, "400 bucks" (dall'album "The full-custom gospel sounds of the reverend horton heat", 1993); Supersnazz, "Uncle wiggly" (dall'album "Superstupid!", 1993); Les Thugs, "Flags" (dall'album "As happy as possible", 1993); Six Finger Satellite, "Funny like a clown" (dall'album "The pigeon is the most popular bird", 1993).
Euro
16,00
codice 331498
scheda
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1986  black sweat 
rock 60-70
Vinile doppio, copertina apribile senza codice a barre, label custom in bianco e nero con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo BS056. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2019 ad opera della Black Sweat, la rara cassetta "Ethnoelectronics", originariamente pubblicata nel 1986 dalla Sound Reporters. L'opera è frutto dello sforzo collaborativo di alcuni brillanti studiosi e sperimentatori: fra questi, l'antropologo e studioso di musica elettronica Fred Gales, specialista di etnomusicologia africana e dell'Asia centrale, ma anche appassionato dalle possibilità sonore degli strumenti elettronici; Walter Maioli, fondatore degli interessantissimi progetti Aktuala (negli anni '70) e Futuro Antico (all'alba degli anni '80); il compositore Raffaele Serra, autore di moltissime opere a partire dai primi anni '80, e dal decennio precedente appassionato sperimentatore di elettronica analogica e manipolazione di nastri; e quindi Nirodh Fortini, John Zandjik ed Edward Luyken. "Ethnelectronics" può essere accostato all'estetica ed ai concetti di altre opere affini pubblicate sempre su nastro dalla Sound Reporters nello stesso 1986, come "Amazonia 6891", di Walter Maioli, Fred Gales e Pit Piccinelli, e "Het jakoba prieel" dello stesso Gales: un incontro fra musiche "primitive" di diverse culture del pianeta, per lo più non occidentali, e sperimentazione elettronica. Astratte e spaziali partiture di sintetizzatori dialogano con campionamenti di voci e strumenti etnici asiatici, africani ed afrocaraibici, e con registrazioni di suoni della natura come il gracidare delle rane, la pioggia, le onde del mare o i richiami degli insetti: tutto confluisce in una melodia organica ed a suo modo armoniosa, arcana e futuristica.
Euro
35,00
codice 3512347
scheda
Aa.vv. (windham hill sampler)    Piano sampler
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1984  windham hill 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Copia con cut promozionale sulla costola inferiore della copertina, prima stampa USA, copertina lucida fronte retro con barcode, label bianca con scritte nere, logo Windham Hill in bianco e nero in alto, catalogo WH-1040, vinile che assume colore ambrato se posto controluce. Pubblicata nel 1985 negli USA ed in Europa, questa compilation è dedicata a musica fondamentalmente pianistica, opera di artisti che incisero per la label americana Windham Hill, diventata in quel decennio un punto di riferimento della cosiddetta new age music. Spaziando fra diversi indirizzi artistici della musica elettronica da ascolto, aperti a suggestioni jazz, classiche e new age, la raccolta compila nove brani all'epoca molto recenti o addirittura, in alcuni casi, non ancora pubblicati o rimasti inediti. Fra gli artisti presenti, ascoltiamo Michael Harrison, allievo del maestro minimalista LaMonte Young, influenzato sia dal minimalismo che dalla musica classica occidentale e da quella dell'India del Nord, la tastierista e pianista jazz Peggy Stern, e Tim Story, considerato un maestro della musica da camera elettronica, premiato da consensi internazionali per la sua musica che fonde abilmente ed elegantemente strumenti orchestrali classici con trame elettroniche, attraverso un piglio pioneristico, . Questa la scaletta: Michael Harrison, "In flight" (all'epoca inedito, poi inserito nell'album "In flight", 1987); Peggy Stern, "Amy's song" (versione più breve del brano presente sull'album "City hawk", 1985); Philip Aaberg, "Lou ann" (versione più breve del brano presente sull'album "High plains", 1985); Richard Dworsky, "A morning with the roses" (inedito); Tim Story, "In this small spot" (dall'album "Untitled", 1984); Paul Dondero, "Out to play" (inedito); Allaudin Mathieu, "Listening to evening" (dall'album "Listening to evening", 1985); Cyrille Verdeaux, "Messenger of the son" (dall'album "Messenger of the son", 1985); Rick Peller, "Consolation" (versione più lunga del brano già apparso sull'album "Unspoken", 1984).
Euro
18,00
codice 331493
scheda
AC/DC    Back in black
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1980, in vinile pesante, con copertina in rilievo e note e foto sull'inner sleeve non presenti sull'originale. Il loro ottavo album, uscito originariamente nel Luglio del 1980 su Atlantic, pubblicato dopo "Highway To Hell" e prima di "For Those About To Rock", giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA. Il primo disco senza Bon Scott, fulminato da una scossa elettrica del microfono nel Febbraio del 1980, rimpiazzato da Brian Johnson gia' con i Geordie, vendera' sedici milioni di copie negli USA soltanto, il nuovo cantante, potente come Bon Scott ma piu' bluesy e pieno di entusismo, sara' ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Questo lp uscito solo 5 mesi dopo la morte di Scott, ed a lui ovviamente dedicato, e' certamente da annoverarsi tra i grandi classici dell' hard rock del decennio, lo stile e' quello classico, chitarre violente e distorte, voce in primo piano, con brani che fanno tutt'ora parte del repertorio live del gruppo, ''back in black'', ''hell's bells'', ''shoot to thrill'', ''rock and roll ain't noise pollution'', ''you shook me all night long''. Il disco e' stato inserito dalla critica europea, durante il referendum del 1999, nella sezione ''hard and heavy'' nella top 5 degli albums di tutti i tempi insieme a Led Zeppelin 2, l'omonimo Van Halen, "Are you experienced" di Jimi Hendrix e "Paranoid" dei Black Sabbath.
Euro
24,00
codice 2087814
scheda
Ac/Dc    highway to hell
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1979  columbia / albert / sony 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2009, rimasterizzata ed in vinile pesante, copertina pressoche' identica alla prima tiratura del 1979, nella sua versione uscita su Atlantic fuori dall' Australia, corredata di esclusiva inner sleeve con foto e note, catalogo 5107641. Uscito nell'agosto del 1979 dopo ''If you want blood you got it'', e prima di ''Back In Black'', giunto al numero 8 delle classifiche UK ed al 17 di quelle UK. Il primo album di grande successo, specie negli stati uniti, dove entrano in classifica per la prima volta, e' un lavoro carico e dirompente che riesce a sposare perfettamente gli elementi hard rock classici dell'inizio del decennio con le tensioni della n.w.o.b.h.m. di li' a venire, qui prendono forma i riferimenti satanici che si svilupperanno nei futuri albums e l'inserimento del nuovo bassista Cliff Williams dona una maggiore affidabilita' alla ritmica. Infine, da non dimenticare che e' anche l'ultimo lavoro che vede la formazione originaria, con alla voce Bon Scott, che morira' nel febbraio del 1980. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
18,00
codice 243768
scheda

Page: 1 of 51

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 51  ---»
Pag.: oggetti: