Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 694
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 28  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
2Pac (tupac shakur)    All eyez on me
LP4 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  death row 
hip-hop
Vinile quadruplo, copertina apribile con logo ''parental adivsory explicit content'' in basso a destra sul fronte. Ristampa del 2017 ad opera della Death Row, rimasterizzata digitalmente e pressoche' identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel febbraio del 1996 dalla Death Row / Interscope, giunto al 32esimo posto in classifica in Gran Bretagna ed alla prima posizione nella billboard 200 americana, il quarto album del rapper americano, e l'ultimo ad uscire prima della sua morte. Successivo a ''Me against the world'' (1995) e precedente ''The don killuminati: the 7 day theory'' (11/1996), ''All eyez on me'' fu il primo prodotto del nuovo sodalizio stretto fra 2Pac e la Death Row di Suge Knight. E' un disco piu' duro e cattivo, in cui il rapper abbraccia e celebra, forse anche ''romanticamente'', la vita del gangsta, e rimane per la critica l'opera magna di Shakur, il quale si avvale qui della produzione di Johnny J e Dat Nigga Daz, con contributi di star quali Dr. Dre (''California love'') e Snoop Dogg (''2 of amerikaz most wanted''). Un classico del gangsta rap. Uno dei piu' celebri e discussi rappers del genere gangsta, la cui fama forse si ancor piu' allargata dopo la prematura morte, Tupac Amaru Shakur (1971-1996, noto anche come 2Pac) nacque a New York in una famiglia fortemente legata al movimento delle Pantere Nere, ma si trasferi' nella tarda adolescenza in California, dove comincio' a farsi strada nel mondo dello hip hop. Dopo aver collaborato con i Digital Underground, Shakur si affermo' prepotentemente con il suo acclamato album d'esordio, ''2pacalypse now'' (1991), avviando contemporaneamente anche una promettente carriera cinematografica, che lo avrebbe visto recitare in alcuni film nella prima meta' degli anni '90. La sua immagine di rapper fuorilegge ed i suoi testi duri, incentrati sulla violenza della vita di strada nei ghetti afroamericani, erano uno dei piu' spettacolari ritratti della figura del gangsta rapper. La sua reputazione fu cementata dal terzo e dal quarto album, ''Me against the world'' (1995) e ''All eyez on me'' (1996), entrambi giunti in vetta alle classifiche americane, ma la sua giovane vita fu stroncata in una sparatoria a Las Vegas nel 1996, al culmine di un periodo di tensione all'interno della inquieta scena gangsta, che lo aveva visto scontrarsi pubblicamente con il rapper rivale The Notorious B.I.G.
Euro
31,00
codice 2085667
scheda
A.t.r.o.x.    Night's remains
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1982  spittle 
punk new wave
Copertina a busta. Ristampa del 2014 ad opera della Spittle, pressoche' identica alla rara prima tiratura; si tratta della prima ristampa vinilica in assoluto dell'album. Originariamente pubblicato nel 1982 dalla Trinciato forte, prima di ''Water tales'' (1984), ''The night's remains'' e ' il primo rarissimo album dei Tuxedomoon italiani, in bilico tra la vena oscura e sperimentale dei primi lavori della band di San Francisco ed un decadentismo mittleuropeo che avrebbe caratterizzato i lavori successivi del gruppo americano. Si tratta di un'opera raffinata e cinematica, elegante ed essenziale; splendide le notturne atmosfere della lunga title track, mentre episodi piu' brevi come la dinamica e minimalmente sintetica ''New york race track'' e la lenta ed avvolgente ''Against the odds'' offrono un sound piu' ritmico. I piacentini A.T.R.O.X., formatisi nel 1981, furono tra i primi gruppi ad arricchire la new wave con massicci inserimenti di elettronica, offrendo risultati accostati a quelli dei Tuxedomoon e dei Minimal Compact. Pubblicarono due soli album nel corso della loro breve attivita', ''The night's remains'' (1982) e ''Water tales'' (1984), oltre all'ep finale ''Falls of time'' (1985), tutti decisamente rari. Alcuni membri degli A.T.R.O.X. furono poi nei Doubling Riders.
Euro
14,00
codice 2085940
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1988  woronzow 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good punk new wave
Prima rara stampa inglese, copertina (con diverse macchie di umidita', visibili sul fronte e soprattutto sul retro) senza barcode, catalogo WOO6, etichetta "custom" in bianco e nero, corredata di inserto con note in carta azzurra con scritte rosse, "Adrenalin" inciso sul trail off delle due facciate. Pubblicato nel 1988 dalla etichetta inglese di culto gestita da Nick Saloman/Bevis Frond, la Woronzow, questo album propone tre lunghi brani ad opera di alcuni dei gruppi di punta della neo psichedelia inglese di fine anni '80: gli Outskirts Of Infinity, accompagnati da Nick Saloman stesso, eseguono la chilometrica jam ''Growing weeds'', fra hard rock e psichedelia, con lunghi ed acidi assoli di chitarra che si stagliano su di un'aggressiva sezione ritmica, con reminiscenze di Cream ed Hendrix; i Parthenogenetick Brotherhood, sorta di supergruppo formato da Saloman, Cyke Bancroft, Mick Wills ed altri, eseguono ''The miskatonic variations'', lungo e lento hard blues psichedelico, in cui sax, chitarra elettrica ed organo si intrecciano in ottundenti ed ipnotici assoli; infine Bevis Frond propone ''Long journey into light'', lento hard rock distorto ed inacidito, ipnotico ed oscuro, sempre con influenze hendrixiane ma a tinte piu' cupe. L'album e' in gran parte frutto della mente di Nick Saloman, fondatore e leader dei Bevis Frond, una delle figure piu' importanti del revival psichedelico inglese del periodo, piu' precisamente del ramo maggiormente vicino alle sonorita' vintage degli anni '60 e '70.
Euro
18,00
codice 242984
scheda
Aa.vv. (blues)    Lonesome & blue vol. 2 – under the covers
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1950  vinyl passion 
blues rnr coun
Edizione limitata in vinile colorato, pesante 180 grammi per audiofili, catalogo VP90077. Pubblicata nel 2018 dalla Vinyl Passion, questa splendida raccolta compila ben ventuno classicissimi brani di blues e r'n'b degli anni '50 e '60, nelle loro versioni originali; come il precedente volume del 2017, il progetto e' correlato in qualche modo all' ultimo album in studio dei Rolling Stones, ''Blue & lonesome'' (2016), nel quale il piu' grande gruppo rock'n'roll del pianeta ha suonato solo cover di brani blues. Qui al contrario, possiamo ascoltare brani che il gruppo inglese ha coverizzato nel corso della sua lunga carriera, nelle fondamentali versioni originali. Quindi ''Lonesome & blue'' non e' solo una eccellente panoramica sul meglio della musica blues afroamericana dell'epoca d'oro, e quindi una valida introduzione a chi volesse per la prima volta accostarsi ad essa, ma anche una dimostrazione del forte legame degli Stones con questo genere musicale, presente nel loro sound fortissimamente e sin dagli inizi. Questa la scaletta: 1. Howlin’ Wolf - Li le Baby 2. Chuck Berry - Confessin’ The Blues 3. Muddy Waters - I Can’t Be Satisfied 4. Solomon Burke - Cry To Me 5. Benny Spellman - Fortune Teller 6. Jimmy Reed - Honest I Do 7. Bo Diddley - Mona (I Need You Baby) 8. Ray Charles - I’m Movin’ On 9. Robert Johnson - Stop Breakin’ Down Blues 10. Chuck Berry - Route 66 Side B: 1. Muddy Waters - Mannish Boy 2. Chuck Berry - Down The Road A Piece 3. Bo Diddley - Crackin’ Up 4. The Staple Singers - (This May Be) The Last Time 5. Barre Strong - Money 6. Robert Johnson - Love In Vain Blues 7. The Coasters - Poison Ivy 8. Muddy Waters - Look What You’ve Done 9. Larry Williams - She Said Yeah 10. Gene Allison - You Can Make It If You Try 11. Arthur Alexander - You Be er Move On.
Euro
15,00
codice 2085839
scheda
Aa.vv. (blues)    Lonesome & blue vol. 3 – confessin' the blues
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1950  vinyl passion 
blues rnr coun
Edizione limitata in vinile colorato, pesante 180 grammi per audiofili, catalogo VP90101. Pubblicata nel 2019 dalla Vinyl Passion, questa splendida raccolta compila ben diciannove classicissimi brani di blues e r'n'b degli anni '50 e '60, nelle loro versioni originali; come i precedenti volumi del 2017 e del 2018, il progetto e' correlato in qualche modo all' ultimo album in studio dei Rolling Stones, ''Blue & lonesome'' (2016), nel quale il piu' grande gruppo rock'n'roll del pianeta ha suonato solo cover di brani blues. Qui al contrario, possiamo ascoltare brani che il gruppo inglese ha coverizzato nel corso della sua lunga carriera, nelle fondamentali versioni originali. Quindi ''Lonesome & blue'' non e' solo una eccellente panoramica sul meglio della musica blues afroamericana dell'epoca d'oro, e quindi una valida introduzione a chi volesse per la prima volta accostarsi ad essa, ma anche una dimostrazione del forte legame degli Stones con questo genere musicale, presente nel loro sound fortissimamente e sin dagli inizi. Questa la scaletta: 1. Confessin' The Blues - Jay McShann & Walter Brown 2. Key To the Highway - Big Bill Broonzy 3. Little Queenie - Chuck Berry 4. You Can't Judge A Book By the Cover - Bo Diddley 5. Don't Stay Out All Night - Billy Boy Arnold 6. Boogie Chillen - John Lee Hooker 7. (Night Time Is) The Right Time - Ray Charles 8. Dust My Broom - Elmore James 9. Worried Life Blues - Big Maceo Side B: 1. I Want To Be Loved - Muddy Waters 2. Carol - Chuck Berry 3. Blues Before Sunrise - Elmore James 4. Down In the Bottom - Howlin' Wolf 5. That's No Way To Get Along - Robert Wilkins 6. Crawdad - Bo Diddley 7. Bright Lights, Big City - Jimmy Reed 8. Bad Boy - Eddie Taylor 9. I'll Go Crazy - James Brown 10. Down the Road Apiece - Amos Milburn.
Euro
15,00
codice 2085838
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  rus  1978  lilith 
punk new wave
la prima ristampa vinilica, pressocche' identica alla prima ormai introvabile e costosa tiratura su Antilles, completa di inner sleeve con testi in inglese e russo, in vinile 180 gr., senza codice a barre. Il fondamentale manifesto, prodotto da Brian Eno e dato alle stampe nel dicembre del 1978, della neonata scena "no wave" newyorkese, che restera' per diversi anni tra le piu' creative ed originali del globo, ponendo inoltre i germi di molto rock alternativo a venire (i Sonic Youth, tra gli altri). Esordiscono qui i CONTORTIONS di James White/Chance ed i grandi MARS, mentre i TEENAGE JESUS & THE JERKS di una giovanissima Lydia Lunch, ed i D.N.A. di Arto Lindsay si erano da poco autoprodotti i loro singoli d'esordio: sedici geniali brani altrimenti inediti, tra funk, punk, jazz e sperimentazione, che proclamano in ogni frammento della loro musica una liberta' espressiva, uno slancio artistico ed una capacita' di anticipare scenari musicali futuri, che hanno pochi riscontri nella storia del rock, e che fanno di questo disco uno tra gli albums americani piu' importanti degli ultimi trent'anni. Ecco la lista completa dei brani: Contortions – Dish It Out / Contortions – Flip Your Face / Contortions – Jaded / Contortions – I Can't Stand Myself / Teenage Jesus And The Jerks – Burning Rubber / Teenage Jesus And The Jerks – Closet / Teenage Jesus And The Jerks – Red Alert / Teenage Jesus And The Jerks – I Woke Up Dreaming / Mars – Helen Fordsdale / Mars – Hairwaves / Mars – Tunnel / Mars – Puerto Rican Ghost / DNA – Egomaniac's Kiss / DNA – Lionel / DNA – Not Moving / DNA – Size.
Euro
20,00
codice 2085873
scheda
Aa.vv. (country)    Country classic 45s (rsd 2017)
7"BOX [edizione] nuovo  stereo  eu  1956  demon 
blues rnr coun
REALIZZATO IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 22 APRILE 2017, cofanetto con dischi estraibili da apertura laterale, contenente dieci singoli 7", ciascuno dei quali custodito in una inner sleeve a colori con loghi della rispettiva casa discografica originaria, label diverse, ciascuna riferita alla casa discografica che originariamente pubblicò il rispettivo singolo, catalogo CLASSIC45005. Pubblicato nel 2017 dalla Demon, questo cofanetto contiene venti dei più belli ed importanti brani della storia della musica country, originariamente pubblicati fra i tardi anni '50 ed i primi anni '80, in gran parte su singolo (quasi tutti come A-sides), da artisti di livello assoluto quali Johnny Cash, Dolly Parton, Kris Kristofferson, Willie Nelson e Charlie Rich: pezzi come ''I walk the line'', ''Big river'', ''Stand by your man'', ''Jolene'', ''On the road again'' e ''Help me make it through the night'' hanno marchiato a fuoco la storia dela musica country americana della seconda metà del '900, e sono qui tutti compilati. Questa la scaletta completa: Johnny Cash, ''I walk the line'', ''Big river''; Dolly Parton, ''Jolene'', ''I will always love you''; Tammy Wynette, ''Stand by your man'', '''Til I can make it on my own''; Kris Kristofferson, ''Help me make it through the night'', ''Me and bobby mcgee''; George Jones, ''He stopped loving her today'', ''The grand tour''; Jim Reeves, ''He'll have to go'', ''Distant drums''; Charlie Rich, ''The most beautiful girl'', ''Behind closed doors''; Marty Robbins, ''Big iron'', ''Devil woman''; Willie Nelson, ''On the road again'', ''Always on my mind''; Bobby Bare, ''The gambler'', ''500 miles away from home''.
Euro
30,00
codice 3512164
scheda
Aa.vv. (genesis, van der graaf, nice...)    Charisma Keyboards (+charsima inner sleeve "the inside story")
lp [edizione] originale  stereo  uk  1974  charisma 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
l' originale stampa inglese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) pressata da "James Upton", come indicato sul retro, etichetta "Charisma Mad Hatter", multicolore con cappellaio matto su sfondo rosa, con "Manufactured and Distributed by B&C" in basso, catalogo CLASS5, "PEcko+Melo" e "Porky+Melly" inciso sul trail off delle rispettive facciate, copia corredata della rara inner sleeve della Charisma "The Inside Story" con pubblicita' di albums dell' etichetta che arriva fino a questo disco ed al contemporaneo "Blue Pine Trees" degli Unicorn, e con modulo da riempire per ottenere dei premi dalla label. Pubblicata nel 1974, questa raccolta celebra l' epoca del rock progressivo e delle tastiere che spesso ne erano protagoniste, attraverso sei lunghi brani pubblicati in altrettanti albums del prestigioso catalogo della storica etichetta Charisma. Questa la lista dei brani: The Nice "America (2nd Amendment)" (dall' album "Elegy", 1971), Genesis "The Fountain Of Salmacis" (dall' album "Nursery Cryme", 1971), Robert John Godfrey "Mountains" (dall' album "Fall of Hyperion", 1974), Rare Bird "As Your Mind Flies By" (dall' album "As Your Mind Flies By", 1970), Van Der Graaf Generator "White Hammer" (dall' album "The Least We Can Do...", 1970), Bo Hansson "Flight To The Ford" (dall' album "Lord of the Rings", 1972).
Euro
23,00
codice 38300
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  anomie 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, prima stampa USA, copertina senza barcode, inserto con foto e formazioni dei gruppi compilati, label nera con scritte argento, catalogo ANOMIE-002, vinile che assume colore grigio/fucsia se posto controluce. Pubblicata nel 1989 dalla Anomie Records, etichetta del gruppo texano Pain Teens, questa raccolta compila brani di nove gruppi indipendenti della scena di Houston di fine anni '80, fra garage punk, hardcore punk, indie aggressivo e dissonante nella miglior tradizione texana di Butthole Surfers e Scratch Acid, fra cui spiccano nomi come gli Sugar Shack (con alcuni futuri membri dei Lord High Fixers), autori di uno sporco garage punk, inizialmente affine anche al grunge garagistico dei primi Mudhoney, ed i Pain Teens, band formata a Austin nell'88 dalla coppia felicemente sposata, Bliss blood alla voce e percussioni e Scott Ayers alla chitarra, ai campionamenti e alla batteria. Buona parte dei gruppi qui rappresentati pubblicarono poco o nulla oltre a questa apparizione su compilation (ad esempio i Non Dairy Creamers, i Grindin' Teeth, i Ms. Carriage & The Casual Tease, questi ultimi autori di una sola misteriosa cassetta, edita anch'essa dalla Anomie), oppure una manciata di singoli ed ep come nel caso dei Dresen 45. Tutti i brani di ''Houston loud'' sono esclusivi di questa compilation, con l'eccezione dei due pezzi dei Pain Teens e di ''Where the sun is frightening'' dei Ms. Carriage & the Casual Tease, pubblicati su musicassette dalla stessa Anomie. Questa la scaletta completa: Sugar Shack, ''Got a match''; Blind Ignorents, ''Pieces of santa''; da Plug Uglies, ''Children shouldn't play with dead things''; Non Dairy Creamers, ''Chuck''; Grindin' Teeth, ''Glue factory''; Ms. Carriage & the Casual Tease, ''No salvage''; Pain Teens, ''E.K.G.''; Bayou Pigs, ''Rise up!''; Pain Teens, ''Geraldo 666''; Grindin' Teeth, ''Red star''; Non Dairy Creamers, ''Yo gramma knows''; Ms. Carriage & the Casual Tease, ''Where the sun is frightening''; Dresden 45, ''Pipe fittin' man''.
Euro
21,00
codice 331100
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    deafening divinities with aural affinities (Beggars Banqquet Collection Vol.2)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  beggars banquet 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa inglese, copertina ruvida, etichetta custom, catalogo BBQ LP 399, groove message "george copy masters" sul primo lato, completo di inner sleeve con foto e note. Pubblicata nel 1993 dalla Beggars Banquet, questa raccolta propone undici brani di altrettanti gruppi o artisti della scuderia Beggars Banquet, alcuni dei queli altrimenti inediti. Aprono i Radial Spangle con il brano Birthday tratto dal loro album di debutto Ice Cream Headache, formazione proveniente dall'Oklahoma gia' casa dei Flaming Lips, strano ibrido incontro tra Sonic Youth e Mercury Rev, seguono i Sundial con il brano Star Baby tratto dal terzo album Libertine, il progetto The Nefilim con il brano Chaocracy denominato (demo version) brano altrimenti inedito del progetto nato dalle ceneri dei Fields Of The Nephilim e capitanato dal solo Carl McCoy, teso verso sonorita' piu' heavy (sara' autore con questa sigla di un dodici pollici e di un album che videro luce solo nel 1996), seguono i superlativi The Hair And Skin Trading Company con il brano On Again Off Again che sara' brano di apertura del secondo album Over Valence uscito nell'Ottobre del 1993, progetto nato dalla sezione ritmica dei Loop, Neil McKay e John Wills, originariamente come progetto laterale agli stessi Loop, infine chiudono la prima parte di questa raccolta i Mercury Rev con il brano Boys Peel Out tratto dall'album Boces pubblicato nel Giugno del 1993. L'apertura della seconda parte e' affidata all'ex Bauhaus Daniel Ash con il brano Get Out Of Control in una inedita versione Thyroidinal Mix prodotta da J.G. Thirwell aka Foetus, segue l'affascinante brano The Sea Map degli oscuri Polyphemus tratto dal loro primo album Scrapbook Of Madness sognante distorto ed oscuro, i Carnival Art con il brano Bullet Surprise tratto dal loro secondo album Welcome To Vas Llegas, i Terminal Power con il brano Splinterpsyche, incontro di oscure sonorita' rock ed elettronica tratto dall'album Red Skin Eclipse prodotto da Justin Broadrick dei Godflesh e mixato dal carismatico Adrian Sherwood degli On-U Sound, segue la formazione nata dalle ceneri dei Bauhaus Love And Rockets con una versione del brano This Heaven che sara' inclusa nell'album Hot Trip To Heaven album che uscira' solo nel 1994, infine chiudono egregiamente questo manifesto della Beggars Banquet i Main con una inedita ed altrimenti non disponibile versione del brano Blown denominata Flight Mix, progetto nato per iniziativa del chitarrista dei mitici Loop Robert Hampson.
Euro
19,00
codice 500697
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Punk off!
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1977  united artists 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima rara stampa, pressata solo in Italia, copertina (con diversi segni di invecchiamento) con l'indicazione ''lire 3500 IVA compresa'' in alto sul fronte, con il brano dei 999 erroneamente riportato con il titolo di ''My number is your number'' su retro copertina e label (e' in realta' ''Your number is my number''), label marroncina chiara con scritte in marrone piu' scuro lungo il bordo e nere al centro, logo United Artists in marrone scuro in alto, catalogo UALM18500, data sul trail off 16/2/78, timbro SIAE del secondo tipo, in uso dal '75 al '78/79, con marchio Siae che ancora ne occupa l' intero cerchio centrale. Pubblicata nel 1978 dalla United Artists in Italia, la storica raccolta, una delle prime a compilare per il pubblico italiano brani della nuova scena punk anglosassone. ''Punk off!'' coniene dodici brani di sei diversi gruppi, in gran parte tratti da singoli ed inediti su album: gli Stranglers con ''No more heroes'' (dall' album ''No more heroes'', 1977) e ''Peaches'' (dall' album ''Rattus norvegicus'', 1977), i Dr. Feelgood con ''She's a windup'' e ''Baby jane'' (entrambi tratti dall' album ''Be seeing you'', 1977), i 999 con ''Nasty, nasty'' (singolo inedito su album, 1977) e ''Your number is my number'' (dall' album ''999'', 1978), i Buzzcocks con ''Orgasm addict'' e ''Whatever happened to?'' (i brani del magnifico primo singolo su United Artists, uscito nel 1977, entrambi inediti su album), Celia and the Mutations con ''Mony mony'' (dal primo singolo, 1977, inedito su album) e ''You better believe me'' (dal secondo singolo, 1977, inedito su album), ed infine i Maniacs con ''Chelsea 77'' e ''Ain't no legend'' (i brani del loro unico singolo, uscito nel 1977, inediti su album).
Euro
14,00
codice 243122
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Samples only
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1981  spittle 
punk new wave
Copertina a busta. Ristampa del 2014 ad opera della Spittle, pressoche' identica alla rara prima tiratura ma con due bonus track (''European crime'' e ''The fake of loving'' degli Art Deco, tratti dal loro primo 12'' del 1985, e qui posti alla fine della seconda facciata). Originariamente pubblicato nel 1981 dalla Art Retro Ideas in Italia, la rara e storica, sebbene misconosciuta, compilation che testimonia l'esistenza di una vitale ed interessante scena elettronica/industriale nell' area veneziana all' alba degli anni '80. Nove brani di quattro formazioni tutte interessanti e stimolanti, a partire da quei Ruins che con i tre brani qui presenti ("Short Wave", poi edita anche come singolo, ritmata ed accattivante, ma anche sufficientemente "deviata", la piu' sperimentale "Restless House" e la suggestiva e strumentale "Elegant Shout") debuttarono, gli unici che poi siano riusciti a produrre negli anni altri dischi, mentre il ricordo di European Stage (tra il Bowie di "Low" ed i primi Ultravox), Kitsch Putsch (tra ironia e sperimentazione, ricordano alcune cose della Italian Records) e R.A.R.A. (peccato per le voci, perche' la musica e' a tratti sorprendente) e' affidato unicamente a queste tracce.
Euro
13,00
codice 2085939
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Brown acid: the eight trip - heavy rock from the underground comedown (vol.8)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile verde, etichetta custom. Pubblicato nell' aprile 2019, questo e' l' ottavo volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70 (sebbe sia qui incluso anche un gruppo svedese). Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: 1. Attack - School Daze (dall' unico singolo, del 1969, del gruppo americano del Michigan nato dalle ceneri degli Illusions, autori di un singolo nel 1966), 2. White Rock - Please Don't Run Away (dall' unico singolo del 1972 del gruppo di Houston, Texas), 3. Riverside - Wayfarer (traccia inedita del 1974 da un oscurissimo gruppo di Austin, Texas), 4. Luke & The Apostles - Not Far Off (dal secondo ed ultimo singolo, uscito nel 1970, del gruppo di Toronto, Canada, gia' autore di un 7" su Elektra nel 1967), 5. Tourists - I Need My Music (dall' unico singolo del 1977 del gruppo di Mine HIll, New Jersey), 6. Barton Brothers Band - Gambler (dall' unico singolo, del 1969, del gruppo di Parma Heights, Ohio), Inside Experience - Tales of Brave Ulysses (dall' unico singolo, del 1968, del gruppo di Lakeside, Ohio), 8. Karma - New Mexico (dall' unico singolo, del 1969, del gruppo di Iowa City, Iowa), 9. Moloch - Cocaine Katy (dal singolo realizzato nel 1972 dal gruppo di Memphis, Tennessee, gia' autore di un album nel 1969), 10. Grump - Heartbreak Hotel (dall' unico singolo del 1969 del gruppo di Boston, Massachussetts).
Euro
23,00
codice 3022225
scheda
Abba    arrival
Lp [edizione] originale  stereo  dan  1976  polar 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale stampa danese, copertina con distribuzione Emi ed "Electric & Musical Industries (Dansk-Engelsk) A/S" sul retro, completa di inner sleeve con testi e foto, etichetta azzurra in basso, bianca, azzurra e nera in alto, catalogo POLS272. Pubblicato in Svezia nell' ottobre del 1976 (in Inghilterra usci' a novembre ed in America usci' nel gennaio del 1977), giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed al 20esimo di quelle americane, il quarto album (considerando anche il primo "Ring Ring" uscito solo in Svezia e pochi altri paesi), dopo "Abba" e prima di "The Album". Il gruppo svedese di Stoccolma e' ormai nel pieno della sua esplosione commerciale su dimensioni planetarie. L' album fu spinto dai singoli "Dancing Queen", "Money Money Money" e "Knowing Me Knowing You", testimonianza di una ricetta pop apparentemente facile facile, ed invece complessa e raffinatissima.
Euro
20,00
codice 243035
scheda
Absalom mike    Mike absalom
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1971  vertigo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
prima rarissima stampa inglese, coeprtina (con alcuni segni di invecchiamento, un piccolo restauro in alto a destra in corrispondenza probabilmente di una etichetta adesiva rimossa ed una foratura promozionale in basso a sinistra) apribile a poster in sei parti, etichetta in bianco e nero con spirale, sul lato B con il logo "Vertigo" non sopra il foro centrale ma in basso, catalogo 6360053, trail off matrix sui rispettivi lati "...1Y//1 420 1 1 2 04" e "...2Y//1 420 1 1 1 04". Pubblicato nel 1971 dalla Vertigo in Gran Bretagna, il terzo album, successivo a ''Save The Last Gherkin For Me'' (1969) e precedente ''Hector and the other peccadillos'' (1973). Impreziosito dalla copertina disegnata da Roger Dean (celebre collaboratore degli Yes), ispirata dalle canzoni dell'abum, questo lavoro vede l'eccentrico cantautore inglese proporre una raccolta di canzoni che trattano, con toni ironici, di politica e sesso, droga e corruzione, su musiche all'insegna di una sorta di pop cabaret. Mike Absalom fu uno dei principali folk-singers della scena Inglese degli anni '70, personaggio bizzarro e dalla vita movimentata fu uno dei primi artisti ad iniziare il recupero delle tradizioni Britanniche nei primi anni '60, periodo nel quale si esibiva nei clubs dell'isola proponendo le ''Rugby-style songs''. L'unica testimonianza di quel primo periodo e' raccolta nell'esordio ''Sings bathroom ballads'', pubblicato in Inghiltera dalla piccola Sportsdisc nel 1969, e precedente il suo primo lavoro da tutti conosciuto, ''Save The Last Gherkin For Me", ed ovviamente di molto anteriore alle celebri incisioni per la Vertigo di Patrick Campbell - Lyons del 1971.
Euro
225,00
codice 243104
scheda
Abuelo miguel and nada    miguel abuelo and nada
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  guerssen 
rock 60-70
ristampa del maggio 2019, copertina apribile senza barcode pressoche' identica alla prima rarissima tiratura pubblicata in Francia su Moshe-Naim nel 1975, corredata di inserto apribile con foto e testi. Originariamente pubblicato solo in Francia nel 1975, il leggendario unico album accreditato a Miguel Abuelo & Nada e' certamente uno dei capolavori dell' underground argentino degli anni '70 e probabilmente uno dei lavori migliori mai partoriti da artisti rock sudamericani. Miguel Abuelo (vero nome Miguel Angel Peralta), argentino di Buenos Aires, aveva pubblicato gia' tre singoli solisti tra il 1968 ed il 1970, uno dei quali a nome Miguel Abuelo & Nada, quando diede vita ad una nuova versione dei suoi Nada in Europa nel 1972, con altri musicisti argentini, come lui esuli in Europa, incidendo nel 1973 a Parigi questo album, prima di sciogliere il gruppo che vedra' pubblicato il suo disco, solo in Francia, due anni dopo, L' album quindi non venne mai promosso, tuttavia la fama dell' opera si propago' rapidamente facendone un disco di culto da subito collezionato e ricercatissimo. Musicalmente il disco vede sette lunghe tracce che mischiano psichedelia, folk e hard-rock, tra le quali da citare almeno l' oscuro viaggio allucinato di "El Muelle", con arrangiamenti ricchi e mai banali, marchiato dalla forte personalita' di Abuelo, cantante istrionico e sovente volutamente sopra le righe. Abuelo tornera' attivo discograficamente solo dal 1980, dopo il suo ritorno in patria, con lavori solisti, dischi incisi con nuove versioni dei Nada e varie collaborazioni. Morira' prematuramente nel 1988.
Euro
25,00
codice 3022291
scheda
Aerosmith    rehabilitated (the massachussets broadcast 1986)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1986  back on black / rock classics 
rock 60-70
doppio album, copertina apribile. Pubblicato nel 2016, contiene l' intero concerto, trasmesso all' epoca anche radiofonicamente e di ottima qualita' sonora, eseguito il 12 marzo del 1986 durante una tappa nel Massachussetts del tour americano che fece seguito alla pubblicazione del nono album "Done With Mirrors" (novembre 1985). Questa la scaletta completa: A1 Back In The Saddle A2 Same Old Song And Dance A3 Big Ten Inch Record A4 My Fist Your Face B1 Last Child B2 No Surprise B3 She's On Fire B4 The Hop C1 Shela C2 Walk This Way C3 Let The Music Do The Talking C4 Sweet Emotion D1 Kramer Solo D2 Toys In The Attic D3 Dream On D4 Train Kept A Rollin'.
Euro
16,00
codice 3022332
scheda
African head charge    In pursuit of shashamane land
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  on-u sound 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa inglese, copertina (con una leggera piegatura sull'angolo superiore sinistro) lucida fronte retro con barcode 5017687817802, label verde scura con parte nera e scritte nere e verdi su di una facciata, con disegno grigio / verde e bianco sull'altra, catalogo ONULP65, scritta ''damont'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel 1993 dalla On-U Sound nel Regno Unito, il sesto album in studio (settimo in totale), successivo a ''Songs of praise'' (1990) ed al live ''Pride and joy – live'' (1991), e precedente ''Akwaaba'' (1995). Un altro brillante e suggestivo lavoro di integrazione cultural-musicale, che mostra come il gruppo, ad oltre dieci anni di distanza dalla sua fondazione, possiede ancora creatività ed ispirazione: un avvolgente amalgama di ritmiche dub, melodie di sitar indiano, campionamenti di voci folk africane, bordoni elettronici quasi ambient, atmosfere oniriche e modernamente psichedeliche, percussioni tribali, il tutto volto a creare una musica quasi meditativa, ma anche cinematica ed ipnotizzante. Formatosi all'inizio degli anni '80, il collettivo African Head Charge, capitanato dal percussionista Bonjo Iyabinghi Noah, è autore di sonorità psichedeliche e dub che affondano le proprie radici nelle matrici afro musicali e che troveranno completamento nella produzione della On U Sound dell'inossidabile Adrian Sherwood. I loro album sono considerati lavori seminali nel mettere insieme stilemi occidentali come rock, dub con quelli etnici, creando una musica da alcuni definita ''ethno-beat'' e contribuendo al fiorire della world music. Bonjo ha suonato anche nei suoi Noah House Of Dread negli anni '80, quindi si è trasferito in Ghana all'inizio del decennio successivo.
Euro
20,00
codice 331130
scheda
Agora    Live in montreux
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1975  btf/vinyl magic 
rock 60-70
Vinile pesante, copertina a busta con figura di albero sagomata che si puo' alzare sulla parte frontale della copertina, senza codice a barre, inner sleeve con foto, note e crediti, busta di plastica trasparente con chiusura adesiva. Ristampa del 2012 ad opera della BTF/Vinyl Magic, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1975 dalla Atlantic, il primo album, precedente ''Agora 2'' (1976). Il primo disco del gruppo marchigiano e' curiosamente registrato dal vivo, frutto della performance data dalla band al prestigioso festival jazz di Monbtreux il 7 luglio del 1975. Il disco presenta cinque lunghe tracce di fluido jazz rock progressivo in gran parte strumentale, che presenta affinita' con il jazz rock e la fusion britanniche degli anni '70; in rilievo il sax soprano di Ovidio Urbani e il piano elettrico di Roberto Bacchiocchi. Gli Agora' furono uno dei pochi gruppi di ambito progressive/jazz rock ad emergere dalle Marche: formatisi nei pressi di Ancona nel 1974, erano autori appunto di un jazz rock con tinte prog, che venne documentato in due album, il primo dei quali dal vivo, ''Live in Montreux'' (1975) e ''Agora' 2'' (1976). Suonarono anche al festival di Parco Lambro nel 1976, per poi sciogliersi nel 1978. Il grande Pepe Maina suono' brevemente nel gruppo, mentre il sassofonista Ovidio Urbani e' diventato un apprezzato jazzista. Grazie ad Augusto Croce per le preziose informazioni contenute sul suo sito italianprog.it.
Euro
27,00
codice 2085682
scheda
Alice donut    Mule
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1990  alternative tentacles 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 5016691100825, inserto con testi, label bianca con scritte nere su di una facciata, amaranto ed argento con grande logo Alternative Tentacles sull'altra, catalogo VIRUS82, scritta ''orlake'' incisa sul trail off di entrambi i lati, ''a porky prime cut'' su quello del lato A e ''porky'' su quello del lato B. Pubblicato nel settembre del 1990 dalla Alternative Tentacles in Gran Bretagna e negli USA, il terzo album della corrosiva punk band di New York cara a Jello Biafra dei Dead Kennedys, che li mise sotto contratto per la Alternative Tentacles subito dopo averli visti suonare dal vivo. Dopo il primo acerbo "The Donut Comes Alive" (1988), già "Bucketfulls of Sickness and Horror in an Otherwise Meaningless Life" (1989) aveva proposto la band come una delle più interessanti dell' alternative rock americano dell' epoca; questo "Mule" chiude nel migliore dei modi la prima fase della storia musicale degli Alice Donut fornendo già qualche indizio su quelli che ne saranno gli sviluppi futuri, sempre folle e dissennato, capace di mettere insieme il punk e Zappa, l' hardcore ed il 60's pop, con una attitudine propensa al caos ed alla graffiante ironia degna dei Butthole Sufers, ai cui dischi "maturi" quelli degli Alice Donut vennero comprensibilmente accostati, ma anche ora aperto a nuove ed interessanti influenze, come la psichedelia e certo hard rock chitarristico, che crearono i presupposti per nuovi splendidi sviluppi nella musica della band. Corrosiva punk band di New York attiva da metà anni '80 e cara a Jello Biafra dei Dead Kennedys, che li mise sotto contratto per la Alternative Tentacles subito dopo averli visti suonare dal vivo, gli Alice Donut sono da alcuni critici considerati come una delle band più interessanti dell' alternative rock americano dell'epoca, che nella sua prima fase di attività, quella più folle e dissennata, metteva insieme il punk e Zappa, l' hardcore ed 60's pop, con una attitudine propensa al caos ed alla graffiante ironia degna dei Butthole Sufers, ai cui dischi "maturi" quelli degli Alice Donut vennero comprensibilmente accostati. Questo primo periodo della loro storia musicale si concluse con il quarto album "Revenge Fantasies of the Impotent" (1991), ma negli anni successivi il gruppo riusci' a maturare influenze nuove che portarono altri splendidi frutti. Dopo l' ultimo "Pure Acid Park" la band si sciolse, ma a sorpresa nel 2003 gli Acid Donut arganizzarono una benvenuta reunion registrando un nuovo capitolo della loro ricca discografia ("Three Sisters").
Euro
25,00
codice 331115
scheda
Alice donut    Untidy suicides of your degenerate children (+booklet)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  alternative tentacles 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa USA, copertina con barcode 721616-0115-17 e fabbricata in Canada, come d'uso in quegli anni della Alternative Tentacles per i minori costi, completa del libretto di trentasei pagine in formato 11'', inserto catalogo della Alternative Tentacles che arriva al numero VIRUS110, label custom gialla con foto sfumata sullo sfondo e scritte nere su di una facciata, marrone con grande logo Alternative Tentacles argentato sull'altra, catalogo VIRUS115, groove message ''Tom sucks crease'' sul lato A e ''don't hide it... divide it - S. Haulter'' sul lato B. Pubblicato nel settembre del 1992 dalla Alternative Tentacles in Gran Bretagna e negli USA, il quinto album degli Alice Donut, uscito dopo ''Revenge fantasies of the impotent'' (1991) e prima di ''Dry-humping the cash cow'' (1994). Un disco sorprendente, lontano dal punk folle e dissennato dei primi dischi; di punk ce n'è ancora in questi solchi (e jazz, funk, hard rock e quant'altro), ma soprattutto c'è una vsione in un certo qual modo psichedelica (e psicotica) non distante dai Jane's Addiction, la cui influenza pare tra questi solchi evidente, sebbene senza intaccare la natura della musica di questa band decisamente sottovalutata. Corrosiva punk band di New York attiva da metà anni '80 e cara a Jello Biafra dei Dead Kennedys, che li mise sotto contratto per la Alternative Tentacles subito dopo averli visti suonare dal vivo, gli Alice Donut sono da alcuni critici considerati come una delle band più interessanti dell' alternative rock americano dell'epoca, che nella sua prima fase di attività, quella più folle e dissennata, metteva insieme il punk e Zappa, l' hardcore ed 60's pop, con una attitudine propensa al caos ed alla graffiante ironia degna dei Butthole Sufers, ai cui dischi "maturi" quelli degli Alice Donut vennero comprensibilmente accostati. Questo primo periodo della loro storia musicale si concluse con il quarto album "Revenge Fantasies of the Impotent" (1991), ma negli anni successivi il gruppo riusci' a maturare influenze nuove che portarono altri splendidi frutti. Dopo l' ultimo "Pure Acid Park" la band si sciolse, ma a sorpresa nel 2003 gli Acid Donut arganizzarono una benvenuta reunion registrando un nuovo capitolo della loro ricca discografia ("Three Sisters").
Euro
28,00
codice 331116
scheda
Amazing blondel    Fantasia lindum
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1971  island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa tedesca, copertina con la peculiare laminatura opaca, etichetta multicolore con fascia esterna rosa ("Island pink rim"), "ST 33" in due cerchi a sinistra, "Gema" riquadrato a destra, catalogo 85526 IT. Pubblicato in Inghilterra nel febbraio del 1971 dopo ''Evensong'' e prima di ''England'', non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle americane. Il terzo album. Qui nel loro lavoro di maggiore successo, che suoneranno live in un memorabile tour che li portera' anche in italia. concept album basato sulla descrizione di un mondo scomparso , si differenzia , oltre che per la musica, anche per le idee dai contemporanei gruppi inglesi di progressive rock , invece di cimentarsi con tematiche apocalittiche o fantasy, gli Amazing Blondel scavano con delicatezza e classe sopraffina nel mondo classico della vecchia inghilterra e ne descrivono mirabilmente gli aromi ed i paesaggi, cuore dell' opera nella lunga suite , oltre 20-minuti, che racconta, con spirito vicino a quello dei romanzi del ciclo Arturiano medioevale di un magico e scomparso Kent, della contea di Lincoln, di amore cortese, del rapporto tra uomo e natura e con la divinita', il tutto suonato, cantato e composto in maniera assolutamente mirabile e con un gusto irripetuto. uno dei migliori albums acustici degli anni ''70 . il gruppo si forma sulle ceneri dei methuselah, autori di un album di folk elettrico nel 1968, dopo un primo lavoro su bell producono tre albums tra i piu' belli e ispirati dell'intero folk inglese, originalissimi e profondamente influenzati dalla musica elisabettiana con un gusto ed una vena artistica insuperabili.
Euro
30,00
codice 243055
scheda
America    History - america' s Greatest Hits
lp [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1975  warner bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
seconda stampa italiana, copertina (con diversi comunque non gravi segni di invecchiamento) senza barcode, completa di inner sleeve con testi, etichetta bianco/crema con linee orizzontali e con scritte lungo tutta la circonferenza su una riga, data sul trail off "7/11/75", timbro Siae del terzo tipo, in uso dal 1978/79, con marchio Siae che non ne occupa piu' l' intero cerchio centrale, catalogo W56169. Pubblicato in USA nel novembre del 1975, giunto al numero 3 delle classifiche USA ed al numero 60 di quelle UK dove usci' nel gennaio del 1976. Album che raccoglie i singoli e maggiori brani del gruppo tratti dai primi 5 albums, dal 1971 al 1975, vede i seguenti episodi- A horse with no name, I need you, Sandman, Ventura highway, Don't cross the river, Only in your heart, Muskrat love, Tin man, Lonely people, Sister golden hair, Daisy jane, Woman tonight. Si formano a Londra nel 1969 pur essendo americani, tutti e tre figli di militari Usa di stanza in Inghilterra, saranno tra i principali esponenti del pop con radici roots statunitense di sempre, producendo albums che possono ricordare per lo stile quelli degli Eagles ma con riferimenti country pop ed acustici piu marcati e meno inclini al rock. Collaboreranno spesso con George Martin, grande estimatore del gruppo, che produrra' numerosi dei loro lavori.
Euro
10,00
codice 242991
scheda
American football    American football 3
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  big scary monster 
indie 90
adesivo su cellophane, coupon per download, libretto, etichette custom. "American Football" (2019), ritorno discografico degli statunitensi American Football, è all'insegna dell'emocore più di impatto e di atmosfera con sfumature dream pop. Terzo disco sulla lunga distanza e ancora una volta titolo omonimo, com' è nello stile della band. Alla nuova line up si è aggiunto il fratello del leader, Nate Kinsella. Con la partecipazione preziosa di Rachel Goswell degli Slowdive nella canzone "I Can’t Feel You", il disco segna un'ulteriore maturazione nel songwriting di questa formazione storica, che intraprende nuove strade sonore, come quella del post rock. Gli American Football, gruppo emo formatosi nel 1997 a Urbana (Illinois), che con il disco d'esordio omonimo del 1999 ha contribuito a gettare le coordinate del suono emo anni novanta. Dopo essersi sciolti nel 2000 sono ritornati in attività nel 2014 e hanno pubblicato due nuovi dischi, uno nel 2016 e l'altro nel 2019.
Euro
29,00
codice 2085719
scheda
Andersen Eric    eric andersen
lp [edizione] originale  stereo  usa  1970  Warner Bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
prima rara stampa americana, copertina (con accentuato ringwear) cartonata, etichetta verde con logo W7 in alto, catalogo WS1806. Pubblicato in Usa all' inizio del 1970, dopo "Avalanche" e prima di "Blue River", il settimo album, il secondo ed ultimo lavoro di Andersen per la Warner Bros, dopo gli anni della Vanguard e prima del passaggio alla Columbia. Registrato a Nashville, fu il disco che, nonostante la tiepida accoglienza della critica, preparo' alla rinascita artistica di "Blue River", con uno stile piu' maturo e riflessivo, tra folk, rock e country, con apisodi assai riusciti come la delicata "Secrets", l' amara e scarna "I Will Wait" o una "She Touched Me" dall' approccio decisamente rock. Nato a Pittsburgh, si fece conoscere suonando al Village di New York, introdotto nel giro da Tom Paxton che lo presento' come novello Dylan. Come testimoniano i molti cambiamenti di etichetta, la delicata vena poetica di questo grande folk-singer non e' mai stata baciata da un vero successo commerciale, il che fa di lui uno dei grandi perdenti della storia del rock. Un album originariamente edito solo in Norvegia nel '79 chiude, un po' dimessamente, la sua attivita' per quanto riguarda gli anni '70, oltre ad una collaborazione per due albums con la Woodstock Mountain Revue.
Euro
15,00
codice 243062
scheda

Page: 1 of 28

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 28  ---»
Pag.: oggetti: