Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 663
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 27  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
13th floor elevators    Psychedelic sounds of (colored vinyl)
LP [edizione] nuovo  stereo  usa  1966  international artist 
rock 60-70
ristampa limitata in vinile colorato, copertina senza barcode pressoche' identica a quella della prima molto rara tiratura. Pubblicato dalla International Artists negli Stati Uniti nel novembre del 1966, "The psychedelic sounds of" e' il primo storico album del gruppo texano di Rocky Erickson. Uscito prima di "Easter everywhere" (1967), e' considerato quasi unanimemente uno dei massimi capolavori della psichedelia americana. La voce selvaggia ed eccezionalmente ispirata di Rocky Erickson si staglia su classici brani come il tellurico inno garage psych "You're gonna miss me" (da lui composta quando ancora militava negli Spades), gli incubi lisergici di "Rollercoaster" e "Kingdom of heaven" ed i tiratissimi garage di "Fire engine" e "Tried to hide", ma Rocky da' prova anche del suo lato piu' lirico e delicato nella trasognata ballata "Splash 1" e nella litania misticheggiante "Don't fall down". La bizzarra anfora elettrificata di Tommy Hall conferisce un tono straniante ed ipnotico ai brani ed il gruppo, alimen
Euro
21,00
codice 2087870
scheda
Aa. vv. ( swedish psych )    Who will buy these... vol 4
Lp [edizione] nuovo  stereo  swe  1967  hot stuff 
rock 60-70
Titolo completo ''Who will buy these wonderful evils vol 4''. Edizione limitata a 500 copie, copertina lucida a busta, inner sleeve in carta con note storiche scritte da Johan Holmlund, label bianca con scritte nere e titolo stilizzato in grigio in alto, catalogo COOL59. Pubblicata dalla svedese Hot Stuff nel 2012, questa raccolta contiene quattordici brani di rock svedese ed e' il quarto volume della serie omonima (i primi tre volumi erano stati pubblicati dalla Dolores). Il disco documenta il periodo 1967-1974, presentando, come il terzo volume, una maggiore varieta' di stili rispetto ai primi due della serie, con la presenza di brani hard rock, folk progressivo a fare compagnia al freakbeat ed alla psichedelia, ed una notevole varieta' che va dall'incalzante hard rock corale di Gin & Grappo (''Forstaelse'', 1974) al brumoso folk acido degli Underground Failure (''How unpleasant to meet mr eliot'', 1970/71). Un disco che puo' riservare piacevoli sorprese a chi si vuole addentrare nel panorama della musica europea degli anni '60: molti dei brani presenti mostrano un'attitudine decisamente underground, non lontane dalle manifestazioni piu' estreme del rock inglese ed olandese dell'epoca. Questa la scaletta dei brani: TOMMY KORBERG - Igor the dog (1969, dall'album ''Spotlight'') TROUBLEMAKERS – Sally (1967) ACKE - I feel (1971, singolo inedito su album) GIN & GRAPPO – Forstaelse (1974, singolo) NOVEMBER - Tillbaks till Stockholm (1971, singolo inedito su album) STAFFAN STENSTROM - Wake up (1970, singolo) HAZZE HEP – Snow (1967) Side B: UFFE - Strange days (1969) ALGARNA - Ett konstigt djur (1973, singolo) ANDERS NELSON - Black ode to gill (1968) GIMMICKS - Bermuda inn (1970) JOHN JULIAN/CURT G - Misery is such a mystery (1968) UNDERGROUND FAILURE - How unpleasant to meet Mr. E (1971, dall'album ''Underground failure'') CONBRIO - Jesus is all I need (1969).
Euro
18,00
codice 2087695
scheda
Aa. vv. (los lobos...)    La bamba (soundtrack)
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1987  london 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa europea, pressata in Olanda, copertina lucida, inner sleeve con pubblicita' degli albums dei Los Lobos, etichetta bianca con linee verticali grigie e logo nero, bianco e rosso in alto, catalogo 828058-1. Pubblicata dalla Slash nel 1987, questa e' la riuscitissima colonna sonora del celebre film sulla vita del grande e sfortunato Ritchie Valens, protagonista per pochi mesi del rock'n'roll di fine anni '50 e precursore del rock latino; sua e' la celeberrima ''La bamba'', una delle prime, se non la prima hit di rock latino, in cui si mescola il rock'n'roll con stili latino americani, che nella versione qui contenuta, magistralmente riletta dai Los Lobos, giunse in vetta alle classifiche di mezzo mondo, ameircane in primo luogo. La colonna sonora e' composta in gran parte da cover di Valens interpretate dai Los Lobos, apprezzato gruppo fra tex-mex, country rock e musica messicana, che ebbe con la title track il suo piu' grande successo. Sono presenti anche brani interpretati da Howard Huntsberry, Brian Setzer, Marshall Crenshaw e nientepopodimeno che il mitico Bo Diddley. Questa la scaletta dei brani: Los Lobos, ''La bamba'', ''Come on, let's go'', ''Ohh! My head'', ''We belong together'', ''Framed'', ''Donna''; Howard Huntsberry, ''Lonely teardrops''; Mashall Crenshaw, ''Crying, waiting, hoping''; Brian Setzer, ''Summertime blues''; Bo Diddley, ''Who do you love?''; Los Lobos, ''Charlena'', ''Goodnight my love''.
Euro
18,00
codice 244009
scheda
Aa.vv. (blues, rock'n'roll)    First rock and roll record
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  eu  1920  famous flames 
blues rnr coun
Cofanetto che contiene quattro lp in vinile, la versione in cd dell'opera (triplo cd munito di custodia con artwork) contenente tredici brani in piu' rispetto ai quattro vinili, singolo contenente due ulteriori brani e contenuto in copertina con artwork (''Rocket 88'' di Jackie Brenston & His Delta Cats del 1951, considerato da molti il primo disco propriamente rock'n'roll, e ''Crazy man crazy'' di Bill Haley & The Comets del 1953, il primo singolo rock'n'roll ad entrare in classifica negli USA), allegato coupon per il download da internet di tredici ulteriori brani, libretto di 32 pagine, vinili custoditi in buste che riportano il titolo del cofanetto ripetuto sullo sfondo, catalogo FLAMELP01. La versione vinilica, pubblicata nel 2015 dalla Famous Flames, della bella compilation originariamente edita solo in cd nel 2011 dalla stessa etichetta. ''The first rock and roll record'' si prefigge l'ambizioso ma nobile compito di tracciare un percorso della nascita del rock'n'roll, partendo da generi musicali come il blues ed il country che negli anni '20, '30 e '40 svilupparono caratteristiche poi fatte proprie dal primo rock'n'roll degli anni '50 (compreso l'uso del termine stesso in alcuni titoli e testi dei brani). Si parte cosi' ascoltando storici brani di grandi bluesmen del Delta come Charley Patton e Robert Johnson, e maestri del country come Hank Williams Senior, ma anche cantanti femminili blues come Ella Fiztgerald e Big Mama Thornton, passando per influentissimi bluesmen elettrici quali Arthur Big Boy Crudrup (sua la ''That's alright mama'' che fu il primo singolo di Elvis) e Muddy Waters, per arrivare ai protagonisti del rock'n'roll propriamente detto come Bill Haley, Elvis Presley, Chuck Berry e Little Richard. Questa la scaletta dei brani presenti sui vinili: Unknown, ''The camp meeting jubilee''; Trixie Smith, ''My man rocks me''; Jim Jackson, ''Kansas city blues''; Charley Patton, ''Going to move to alabama''; Hank Williams, ''Move it on over''; Tampa Red, ''It's tight like that''; Clarence Pinetop Smith, ''Pinetop's boogie woogie''; Blind Roosevelt Graves, ''Crazy about my baby''; Washboard Rhythm Kings, ''Tiger rag''; Harlem Hamfats, ''Oh red!''; Robert Johnson, ''Cross road blues''; Benny Goodman and Gene Krupa, ''Sing! Sing! Sing! (with a swing)''; Ella Fitzgerald, ''Rock it for me''; Sister Rosetta Tharpe, ''Rock me''; Bob Wills, ''Ida red''; Big Joe Turner, ''Roll 'em pete''; John Lee Williamson, ''New erarly in the morning''; Bill Bradley, ''Down the road apiece''; Lionel Hampton and his Orchestra, ''Flying home''; Illinois Jacquet, ''Blues, pt. 2''; T-Bone Walker, ''Mean old world''; Nat King Cole, ''Straighten up and fly right''; Sister Rosetta Tharpe, ''Strange things happening every day''; Helen Humes, ''Be baba leba''; Joe Liggins, ''Honeydripper''; Arthur Smith, ''Guitar boogie''; Arthur Big Boy Crudrup, ''That's all right mama''; Louis Jordan and his Tympany Five, ''Let the good times roll''; Ella Mae Morse and Freddie Slack, ''House of blue lights''; The Delmore Brothers, ''Hillbilly boogie''; Pee Wee King, ''Ten gallon boogie''; Roy Brown, ''Good rocking tonight''; Wild Bill Moore, ''We're gonna rock, we're gonna roll''; Muddy Waters, ''I can't be satisfied''; Amos Milburn, ''Chicken shack boogie''; Bill Haley, ''Rovin' eyes''; The Orioles, ''It's too soon to know''; Sticky McGhee, ''Drinkin' wine spo-dee-o-dee''; Erline ''Rock 'n' Roll'' Harris, ''Rock and roll blues''; Jimmy Preston, ''Rock the joint''; Louis Jordan and his Tympany Five, ''Saturday night fish fry''; Hardrock Gunter, ''Gonna dance all night''; Arkie Shibley and his Mountain Dew Boys, ''Hot rod race''; The Dominoes, ''60 minute man''; Jackie Brenston and His Delta Cats, ''Rocket 88''; Big Mama Thornton, ''Hound dog''; Charli Gracie, ''Rockin' and rollin'''; Lloyd Price, ''Lawdy miss clawdy''; The Dominoes, ''Have mercy baby''; The Clovers, ''One mint julep''; The Crows, ''Gee''; Bill Haley and his Comets, ''Crazy man, crazy''; Ray Charles, ''Mess around''; Clyde McPhatter and the Drifters, ''Money honey''; Joe Turner, ''Honey hush''; Big Joe Turner, ''Shake, rattle and roll''; The Chords, ''Sh-boom''; Sunny Dae and the Knights, ''Rock around the clock''; Ray Charles, ''I've got a woman''; Hank Ballard and the Midnighters, ''Work with me, annie''; The Robins, ''Riot in cell block number nine''; Lavern Baker, ''Tweedle dee''; Bpo Diddley, ''Bo diddley''; Chuck Berry, ''Maybellene''; Little Richard, ''Tutti frutti''; Carl Perkins, ''Blue suede shoes''; Elvis Presley, ''That's alright mama''; Bill Haley and the Comets, ''Rock around the clock''; Elvis Presley, ''Heartbreak hotel''.
Euro
29,00
codice 2087784
scheda
LP2 [edizione] originale  stereo  uk  1990  110 below 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
prima stampa inglese, vinile doppio, copertina con barcode 5016553250316, adesivo di presentazione sul fronte, label custom arancio e blu su di una facciata, blu con scritte bianche ed arancioni sull'altra, catalogo BELOW3LP, scritta "damont" incisa sul trail off di tutti i lati. Pubblicata nel 1995 dalla 110 Below, sottoetichetta della Beechwood, questa è la terza raccolta dedicata da questa label all'elettronica sperimentale ed alla dance per la mente alternativa della prima metà anni '90, con brani e remixes di artisti del calibro di Brian Eno, Muslimgauze, The Future Sound Of London, Anton Fier, Material e Jah Wobble, fra gli altri, accomunati qui dalla volontà di sperimentare con sonorità dilatate e ritmiche elettroniche relativamente lente, fra ambient techno ed elettronica "leftfield", tratti per lo più da 12" ed inediti o in versione inedita su album. Questa la scaletta: Muslimgauze, "Khan younis" (dall'album "Hamas arc", 1993); Future Sound Of London, "Smokin japanese babe" (versione più lunga del brano apparso sull'album "ISDN", 1994); Brian Eno, "Fractal zoom (naive mix II)" (dal 12" "Fractal zoom", 1992); Thessalonians, "Serious ancient rhythm (Blood red crescent moon mix)" (dall'album "Soulcraft", 1993); Anton Fier, "Emotional smear" (dall'album "Dreamspeed", 1993); Jah Wobble's Invaders of the Heart, "Bomba (nonsonicus maximus mix)" (dal 12" "Bomba", 1990); Material, "Mantra (doors of perception mix)" (dal 12" "Mantra – remixes", 1993); Urban Dance Squad, "3 Heights" (dal 12" "Bureaucrat of flaccostreet", 1991); Planet Jazz, "Sun" (dal 10" "Planet jazz", 1995); Squid, "Overdub", (dal 12" "Overdub", 1994).
Euro
18,00
codice 331562
scheda
Aa.vv. (clapton, pink floyd..)    Knebworth the album
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1990  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa italiana, vinile doppio, copertina (con moderati segni di invecchiamento) apribile con barcode, con adesivo "Network 105 - Grunding Vibration" sul fronte, lucida all'esterno, inner sleeve con foto e crediti, label rossa con logo Polydor bianco e nero in alto, catalogo 843921-1 sulla copertina. Pubblicato nel 1990 dalla Polydor, giunto al 92esimo posto in classifica negli USA, l'album che documenta le performance al festival di Knebworth del 1990, al quale partecipo' una nutrita schiera di star del rock degli anni '60 e '70, con qualche ospite illustre dell'epoca anni '80. Troviamo qui Pink Floyd, Robert Plant, Cliff Richard con gli Shadows, Genesis, Tears For Fears, Eric Clapton e Paul McCartney, solo per citare una parte del cast stellare di quell'evento, al quale partecipo' un pubblico di circa centoventimila persone. Questa la scaletta: Tears For Fears, ''Everybody wants to rule the world''; Status Quo, ''Dirty water'', ''Whatever you want'', ''Rockin' all over the world''; Cliff Richard and the Shadows, ''On the beach'', ''Do you wanna dance''; Robert Plant, ''Hurting kind'', ''Liar's dance'', ''Tall cool one'', ''Wearing and tearing (featuring Jimmy Page)''; Genesis, ''Mama''; Phil Collins, ''Sussudio''; Eric Clapton, ''Sunshine of your love''; Dire Straits, ''Think I love you too much'', ''Money for nothing''; Elton John, ''Sad songs (say so much)'', ''Saturday night's all right (for fighting)''; Paul McCartney, ''Coming up'', ''Hey jude''; Pink Floyd, ''Comfortably numb'', ''Run like hell''.
Euro
18,00
codice 243954
scheda
Aa.vv. (contortions / mars / dna, teenage jesus & the jerks)    no new york (produced by brian eno)
Lp [edizione] ristampa  stereo  rus  1978  lilith 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ristampa del 2005 in vinile 180 grammi, copertina (con adesivo di presentazione in russo sul fronte) lucida e senza barcode, pressoche' identica alla prima ormai introvabile e costosa tiratura su Antilles, corredata di inner sleeve con note in inglese e russo. Il fondamentale manifesto, prodotto da Brian Eno e dato alle stampe nel dicembre del 1978, della neonata scena "no wave" newyorkese, che restera' per diversi anni tra le piu' creative ed originali del globo, ponendo inoltre i germi di molto rock alternativo a venire (i Sonic Youth, tra gli altri). Esordiscono qui i CONTORTIONS di James White/Chance ed i grandi MARS, mentre i TEENAGE JESUS & THE JERKS di una giovanissima Lydia Lunch, ed i D.N.A. di Arto Lindsay si erano da poco autoprodotti i loro singoli d'esordio: sedici geniali brani altrimenti inediti, tra funk, punk, jazz e sperimentazione, che proclamano in ogni frammento della loro musica una liberta' espressiva, uno slancio artistico ed una capacita' di anticipare scenari musicali futuri, che hanno pochi riscontri nella storia del rock, e che fanno di questo disco uno tra gli albums americani piu' importanti degli ultimi trent'anni. Ecco la lista completa dei brani: Contortions – Dish It Out / Contortions – Flip Your Face / Contortions – Jaded / Contortions – I Can't Stand Myself / Teenage Jesus And The Jerks – Burning Rubber / Teenage Jesus And The Jerks – Closet / Teenage Jesus And The Jerks – Red Alert / Teenage Jesus And The Jerks – I Woke Up Dreaming / Mars – Helen Fordsdale / Mars – Hairwaves / Mars – Tunnel / Mars – Puerto Rican Ghost / DNA – Egomaniac's Kiss / DNA – Lionel / DNA – Not Moving / DNA - Size.
Euro
16,00
codice 243950
scheda
Aa.vv. (mutantes, gil, veloso, costa...)    tropicalia ou panis et circencis
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  lilith 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1968, in vinile 180 grammi, con allegata la versione in cd dell'album, copetina senza codice a barre. Si tratta di uno dei piu' leggendari e celebrati lavori degli anni '60, non una sempice compilation, ma l' album che sanci' la nascita del movimento ''Tropicalia'', vero trampolino di lancio per molti degli artisti che avrebbero fatto la storia della musica brasiliana nei decenni successivi, il movimento, si prefiggeva la rinascita della musica brasiliana, e per la prima volta contaminarono con gli strumenti elettrici ed uno spirito propriamente ''rock'' il pop esotico con la psychedelia, la samba, la bossa nova, ed altri generi ancora piu' popolari della musica sudamericana. Tropicalia non solo include brani dei piu' importanti artisti del movimento (Gilberto Gil, Os Mutantes, Caetano Veloso, Gal Costa), ma presenta un grande numero di collaborazioni tra questi ed altri musicisti, diverse delle quali passate alla storia come veri accadimenti e capolavori. Quasi tutte le originali realizzazioni della Tropicalia sono purtroppo fuori catalogo, ma questo vero e proprio manifesto dara' un idea piu' che chiara di cosa fosse questo movimento artistico e del perche' oggi sia cosi' celebrato. Ecco la lista dei brani "Miserere N¢bis" - Gilberto Gil, "CoracÆo Materno" - Caetano Veloso, "Panis et Circenses" - Mutantes, "Lindon‚ia" - Nara Leao, "Parque Industrial" - Gilberto Gil, Caetano Veloso, Gal Costa, "Gel‚ia Geral" - Gilberto Gil, "Baby" - Gal Costa, Caetano Veloso, "Trˆs Caravelas" (Las Trˆs Carabelas) - Caetano Veloso, Gilberto Gil, "Enquanto Seu Lobo NÆo Vem" - Caetano Veloso, "MamÆe Coragem" - Gal Costa, "Bat Macumba" - Gilberto Gil, "Hino Do Senhor Do Bonfim Da Bahia" - Caetano Veloso, Gilberto Gil, Gal Costa.
Euro
22,00
codice 2088020
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1979  A&M 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa europea di pressaggio olandese, copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, label rossa con scritte nere, catalogo AMLE64786, marchio BIEM/STEMRA senza riquadro a destra. Pubblicata nel 1979 dalla A&M, questa raccolta presenta brani di musicisti new wave come Joe Jackson, Police, Squeeze (di cui troviamo qui un brano all'epoca inedito) e The Reds, attraverso una facciata di brani registrati dal vivo nel 1979, ed una facciata con brani in studio. Questa la scaletta: Squeeze, ''Goodbye girl'' (live a New York, 26/7/79); Joe Jackson, ''Throw it away'', ''Come on'' (live al Whisky a Go Go, Hollywood 12/5/79); Police, ''Landlord'', ''Next to you'' (live a New York, 4/4/79); Joe Jackson, ''Don't wanna be like that'' (dall'album ''I'm the man'', 1979); Shrink, ''The doll''; Bobby Henry, ''Hollow sound''; Squeeze, ''Wrong way'' (inedito); The Secret, ''Weather station''; The Reds, ''Joey'' (dall'album ''The reds'', 1979).
Euro
18,00
codice 243953
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Oi! the album
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1980  zit / emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa inglese, copertina in cartoncino lucido fronte retro senza barcode, catalogo ZIT1, label gialla con scritte nere. La a dir poco storica raccolta compilata dal giornalista Garry Bushell per conto della rivista musicale Sounds (la copertina in alto recita "Sounds Presents For Your Titillation Edification and Enjoyment"), in vendita dall' ottobre del 1980 originariamente solo per corrispondenza ma poi immessa nel mercato dalla Emi, viste le crescenti richieste: il primo manifesto in assoluto della neonata scena Oi. Nei 17 brani contenuti, tutte le migliori energie della controversa scena "Oi" nel suo versante piu' proletario e genuino, ("ruck 'n' rollers and punk pathetiques" lo stesso Bushell defini' i gruppi rappresentati), perlopiu' lontano dalla seriosita' se non dagli estremismi di tante altre band che ne furono rappresentanti. Ed anche l'approccio musicale e' ancora strettamente imparentato con quello del punk rock originario piu' grezzo e genuino, come testimonia la presenza qui di un vecchio brano degli Slaughter & the Dogs, ritenuti tra gli anticipatori di questa scena. Diciassette serratissimi brani talora del tutto inediti, talora tratti da rari singoli, con alcune band che qui fanno il loro esordio assoluto. Ecco la lista completa dei brani: COCKNEY REJECTS - Oi Oi Oi | PETER & TEST TUBE BABIES - Rob A Bank (Wanna) | 4-SKINS - Wonderful World | THE POSTMEN - Have A Cigar | THE EXPLOITED - Daily News | TERRIBLE TWINS - Generation Of Scars | ANGELIC UPSTARTS - Guns For The Afghan Rebels | COCK SPARRER - Sunday Stripper | ANGELIC UPSTARTS - Last Night Another Soldier | 4-SKINS - Chaos | COCKNEY REJECTS - Here We Go Again | MAX SPLODGE - DESERT ISLAND JOE - Isubeleene | THE POSTMEN - Beardsmen | SALUGHTER & THE DOGS - Where Have All The Boot Boys Gone | BARNEY & THE RUBBLES - Bootboys | PETER & THE TEST TUBE BABIES - Intensive Care | THE EXPLOITED - I Still Believe In Anarchy.
Euro
50,00
codice 243955
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Cornflake zoo episode one
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  particles 
rock 60-70
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in basso, vinile da 180 grammi di colore giallo, inserto con note e foto dei gruppi compilati, catalogo PARTLP4058. Edizione vinilica, curata nel 2017 dalla Particles, della raccolta originariamente pubblicata nel 2016 solo in cd dalla stessa etichetta. Si tratta del primo volume della lunga serie di compilations "Cornflake zoo": il disco è un'antologia di venti brani, per lo più rari ed oscuri, tratti da album e singoli del periodo 1967-1971 di gruppi legati alla psichedelia e provenienti sia dall'Europa che dalle Americhe. Citiamo la presenza dei californiani David, formati dal talentuoso Warren Hansen, autori ambiziosa e brillante miscela di psichedelia e pop barocco, e con arrangiamenti ricchi e riuscitissimi; gli olandesi Jay Jays, autori di una eccellente sintesi fra garage e blues, con un sound incendiario sullo stile di quello dei Kinks o dei Pretty Things del primo periodo; i belgi Wallace Collection, dallo stile essenzialmente pop, ben suonato e cantato, che trovava un elemento di notevole originalita' nell'impiego degli archi, e poi anche capaci di inserire influenze progressive nel loro sound; gli olandesi Motions, band versatile e capace di vibranti tirate garage, ballate pop e suggestioni merseybeat, nel complesso sul versante più melodico del beat olandese, musicalmente non dissimili da gruppi Inglesi quali Skip Bifferty, Kaleidoscope o Kinks; o ancora gli svedesi Tages, il più importante gruppo pop svedese degli anni '60 insieme agli Hep Stars, inizialmente dediti al beat ma poi, nell'anno di grazia 1967, ad un pop psichedelico accostato ai Beatles di "Sgt. Pepper". Questa la scaletta completa: Casey Jones and the Governors, "Zebedy zak" (1969); David, "Please mr. Policeman" (1969); Baby Py Grandmother, "Single girl" (1967); Jay Jays, "I know in my mind" (1968); The Toxic, "Horse and director" (1968); Blues Section, "End of a poem" (1967); John Winfields, "You know, you go" (1971); Los Iberos, "Night time" (1969); Hearts and Flowers, "Tin angel, will you ever come down" (1968); Juan and Junior, "Nothing" (1967); Wallace Collection, "Hello suzannah" (1969); The Motions, "Nightmare" (1968); The Toxic, "Einmal" (1968); Tages, "Like a woman" (1968); Casey Jones and the Governors, "Beechwood park" (1968); Octopus 4, "Walking on the waves" (1969); Ro-d-ys, "Sleep, sleep, sleep" (1968); The Klan, "Melody maker" (1967); Boudewijn De Groot, "When the smoke around your eyes has cleared" (1967); Roeks Family, "Get yourself a ticket" (1968).
Euro
16,00
codice 3512400
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Diggin' for gold volume 2 (rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1965  rubble 
rock 60-70
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, edizione limitata a 1500 copie numerate sul retro copertina in basso, in vinile da 180 grammi di colore dorato, completa di inserto e di libretto a colori con note e foto. Ristampa del 2018 ad opera della Rubble, della compilation originariamente pubblicata nel 1994 dalla Smorgasbord, secondo volume della serie "Diggin' for gold". Una raccolta di rari e misconsociuti 45 giri di gruppi degli anni '60 provenienti da Europa ed Australia, in salsa garage punk, con gruppi come gli anglosassoni Undertakers, autori di un devastante garage freakbeat con "(I fell in love) For the very first time", gli eccellenti olandesi Rolling Beats con un ottimo mod sound in "Don't ask me why", gli islandesi Thor's Hammer, da non confondere con l'omonima band progressive underground danese, autori invece di un graffiante e potente garage carico di fuzz sostenuto da una batteria decisamente aggressiva per i tempi, gli australiani Marksmen, vicini ai primi Pretty Things con il loro sound r'n'b graffiante e garagizzato, gli olandesi Inn-Sect, a loro volta autori di un tagliente garage inacidito da organo protopsichedelico e chitarra molto carica di fuzz. Davvero una bella raccolta, con tante piccole gemme da riscoprire. Questa la scaletta completa: SIDE 1: 1. The Undertakers - (I Fell In Love) For The Very First Time (1965) 2. Nameless – Life (1967) 3. The Moods - 'Cause Of You (1966) 4. Sound LTD Set - Sunside World (1967) 5. Group $Oall - Will You Teach Me How To Love (registrato nel 1967, edito nel 1997) 6. Toreros – Come (1966) 7. Thor's Hammer - My Life (1966) 8. Dat En Wat - Dead Man Blues (1966) SIDE 2: 1. Thursday's Child - I Want You Back 2. The Marksmen – Moonshine (1966) 3. The Beatnicks - Can't Be Sad About It (1966) 4. The Inn-Sect - Let Me Tell You About The Things I Need (1967) 5. Thor's Hammer - Better Days (1966) 6. Dat En Wat - I Can Live Without You (1966) 7. The Rolling Beats - Don't Ask Me Why (1966) 8. The Unforgettable Amnesiacs - Leave Me Alone.
Euro
16,00
codice 3512401
scheda
AC/DC    Back in black
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1980, in vinile pesante, con copertina in rilievo e note e foto sull'inner sleeve non presenti sull'originale. Il loro ottavo album, uscito originariamente nel Luglio del 1980 su Atlantic, pubblicato dopo "Highway To Hell" e prima di "For Those About To Rock", giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA. Il primo disco senza Bon Scott, fulminato da una scossa elettrica del microfono nel Febbraio del 1980, rimpiazzato da Brian Johnson gia' con i Geordie, vendera' sedici milioni di copie negli USA soltanto, il nuovo cantante, potente come Bon Scott ma piu' bluesy e pieno di entusismo, sara' ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Questo lp uscito solo 5 mesi dopo la morte di Scott, ed a lui ovviamente dedicato, e' certamente da annoverarsi tra i grandi classici dell' hard rock del decennio, lo stile e' quello classico, chitarre violente e distorte, voce in primo piano, con brani che fanno tutt'ora parte del repertorio live del gruppo, ''back in black'', ''hell's bells'', ''shoot to thrill'', ''rock and roll ain't noise pollution'', ''you shook me all night long''. Il disco e' stato inserito dalla critica europea, durante il referendum del 1999, nella sezione ''hard and heavy'' nella top 5 degli albums di tutti i tempi insieme a Led Zeppelin 2, l'omonimo Van Halen, "Are you experienced" di Jimi Hendrix e "Paranoid" dei Black Sabbath.
Euro
24,00
codice 2087814
scheda
Ac/dc    let there be rock
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1977, in vinile pesante, completa di inner sleeve esclusiva con foto a colori e note, non presente nell' originale, etichetta nera con scritte in lettere bianche e nome gruppo in lettere grandi in color rosso, pubblicato nell'ottobre del 1977 dopo 'dirty deeds done dirt cheap' e prima di 'powerage', giunto al numero 17 delle classifiche inglesi e non entrato in quelle usa. il quarto album in assoluto ma il secondo nella discografia europea. certamente il loro lavoro piu' energetico e potente fino a quel momento, e' questo un episodio chiave della loro vicenda, sara' infatti il disco che portera' l' hard rock alle sue estreme conseguenze con un suono di chitarra durissimo e partiture vocali aggressive e metalliche, pur mantenendo ancora forti connotati blues, caratteristica questa che andra' scomparendo con gli anni del successo planetario. bon scott e' naturalmente al centro della scena e la sua pirotecnica energia, sommata alla sua classe innata, rende il lavoro dei fratelli Young alla chitarra memorabile, anche le composizioni sono ora piu' dinamiche e meglio costruite, al punto da includere almeno quattro classici 'Let There Be Rock', 'Problem Child', 'Whole Lotta Rosie' e 'Bad Boy Boogie'. un album fondamentale nell'evoluzione del rock pesante e vero anello di congiunzione tra il primo periodo hard ed il secondo, piu' vicino al metal. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
22,00
codice 2087961
scheda
Adolescents    Adolescents (vinile colorato)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1981  frontier 
punk new wave
ristampa in vinile colorato, etichetta bianca con scritte nere, corredata di inserto con testi, della band di Orange County, California. Uscito nell' aprile del 1981, sei mesi dopo la partecipazione alla storica raccolta "Rodney on the Roq", "Adolescents" e' uno dei massimi capolavori non solo dell'hardcore statunitense, ma di tutta la storia del punk rock! Diviso tra episodi brevi e serratissimi ("Self Destruct", "L.A. Girl", "World Attack", puri assalti all'arma bianca), autentici "anthems" che mettono insieme la ferocia dell'hardcore e una vena "melodica" che ne fa degli inni immortali (bastino le immense "No Way" e "Amoeba") ed episodi atipici (come la lunga, geniale ed articolatissima "Kids of the Black Hole") che una volta di piu' esaltano le doti di Rikk Agnew (di li' ad un anno autore di un bellissimo album solista e con i Christian Death dell'immenso "Only Theatre of Pain"), il piu' grande chitarrista punk di sempre, e' un disco assolutamente imperdibile, tra i piu' belli di tutti gli anni '80. Dopo un ottimo ep ("Welcome to Reality") inciso senza pero' Rikk Agnew in formazione, la formazione si sciolse momentaneamente, con il batterista Casey Royer ed il solito Rikk Agnew (gia' insieme prima degli Adolescents nella primissima formazione dei Social Distortion) impegnati nei D.I. Ma nel 1987 una line up parzialmente rinnovata pubblico' il discreto "Brats in Battalions", che non rimarra' l' ultimo album, seguito da successive reunion.
Euro
23,00
codice 2087743
scheda
Adolescents    complete demos 1980/1986
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1980  frontier 
punk new wave
Uscito nel 2005, IN VINILE COLORATO, imperdibile per i cultori della prima scena hardcore americana, che certo conoscono a memoria quell' autentico masterpiece che e' il primo, omonimo album della band di Los Angeles, California, questo disco contiene ben 14 brani inediti del tutto o perlomeno in queste versioni, provenienti dai demos registrati dalla band tra l' 80 e l' 81, con l' aggiunta poi di 2 brani registrati nel 1986, nella prima delle tante reincarnazioni del gruppo. I primi 4 brani, del tutto inediti, e grezzissimi, sono registrati il 14 marzo del 1980, circa due mesi dopo che Steve Soto, fuoriuscito dagli Agent Orange, aveva formato il gruppo, qui ancora senza Casey Ryer e soprattutto Rikk Agnew che, provenienti dai Social Distortion, sono invece gia' presenti nel demo del Maggio del 1980, che presenta 4 classici della band ("I Hate Children" e "Wrecking Crew", gia' stordenti e magnifiche, "No Friends" e "Who is Who") in registrazioni di ben 10 mesi antecedenti a quelle dell' album, acerbe ma decisamente imperdibili. Stesse considerazioni vanno fatte per il demo successivo, registrato nel luglio del 1980, la cui resa sonora non e' eccezionale per la perdita del master originario, ma i cui contenuti musicali sono davvero eccezionali: le versioni di ""Wrecking Crew", "Creatures", "Amoeba" (uno dei brani punk piu' belli di sempre!) e "Self Destruct" vedono il sound inconfondibile della band gia' perfettamente delineato, misto di ferocia e lirismo, con la chitarra di Rikk Agnew a costituire un vero e proprio marchio di fabbrica, davvero con pochi eguali; e poi c'e anche dallo stesso demo l' inedita "Do the Eddie", la cui storia puo' essere lettanelle ricche note dell' inserto interno. La successiva "Richard Hung Himself", registrata nel luglio del 1981, avrebbe dovuto far parte dell' ep "Welcome to Reality", ma la sentiamo solo ora (qui la band ha ancora una volta cambiato formazione, senza piu' Rikk Agnew, ma il risultato e' ancora notevolissimo). Gli ultimi due brani appartengono al periodo di "Brats in Battalions", l' inatteso album della reunion, con ancora la formazione del primo album, grossomodo, un disco, come questi due brani comunque inediti suggeriscono, forse da rivalutare. Grande uscita!
Euro
23,00
codice 2087785
scheda
Adverts    Crossing the red sea (+singles/live
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1978  fire 
punk new wave
copertina apribile, inner sleeves con testi e note, vinile pesante, "custom labels", con coupon per il download in Mp3, questo doppio album contiene tutti i brani del primo leggendario e magnifico album "Crossing the Red Sea With The Adverts", uscito nel febbraio del 1978 su etichetta Bright, tutti i brani dei primi quattro imprescindibili singoli usciti tra l' aprile del 1977 ed il gennaio del 1978 (su Stiff, su Anchor e su Bright) ed una facciata registrata dal vivo. Queste le note dell' album: Pubblicato nel febbraio del 1978 dalla Bright in Gran Bretagna, dove arrivo' al 38esimo posto in classifica, non uscito negli USA, ''Crossing the Red Sea'' e' l'album d'esordio degli Adverts, precedente ''Cast of thousands'' (1979). Prodotto da John Leckie, questo album e' considerato comprensibilmente uno dei piu' belli della storia del punk rock, e sebbene la sua influenza non sia stata paragonabile a quella degli esordi di Clash, Sex Pistols e Damned, almeno pari e' il suo valore strettamente musicale ed artistico; nessuno meglio di loro ha saputo sintetizzare le due fondamentali tendenze della scena punk inglese, quella piu' irruenta ed aggressiva e quella che, guardando all' esempio di certa "art music" degli anni '70 (i Roxy Music in primis), seppe anticipare molta della new wave a venire. Gli Adverts, grandissima punk band londinese, furono tra le voci senz'altro piu' interessanti ed originali del '77 inglese, con il loro punk rock feroce e melodico al tempo stesso, complesso ed articolato senz'altro piu' degli standard del tempo, straordinariamente personale e capace di produrre autentici "anthems" quali le leggendarie "One Chord Wonders", "Safety in Numbers" o "No Time to Be 21" (tutte gia' facciate A di storici singoli, il primo dei quali qui in versione diversa da quello che nell' aprile del '77 aveva rappresentato l' esordio del gruppo), o nuovi inni come l'indimenticabile "Bored Teenagers". Esordirono su lp con l'acclamato ''Crossing the red sea'' (1978); Un secondo album decisamente interessante ma discontinuo ed incerto ("Cast of Thousand") anticipo' poco piu' di un anno dopo la fine della band; di tutti, il cantante TV Smith fu negli anni a venire il piu' attivo, con i suoi TV Smith Explorers.
Euro
29,00
codice 2087786
scheda
Agnostic front    first warning (the united blood era recordings, nyc, 1983)
LP [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  radiation 
punk new wave
edizione limitata di 350 copie, in vinile nero (altre 150 copie sono state pressate in vinile chiaro), corredato di inner sleeve ed inserto con riproduzione di un poster dell' epoca. Pubblicato nel luglio 2019, questo album pone definitiva luce sul primo periodo di attivita' della storica hardcore band di New York, contenendo tutti i dieci brani del primo 7" ep "United Blood" del 1983, autoprodotto ("No One Rules", "Final War", "Last Warning", "Traitor", "Friend Or Foe", "United Blood", "Fight", "Discriminate Me", "In Control" e "Crucial Changes"), sedici brani (versioni diverse di quelle dell' ep o inediti assoluti) tratti dalle stesse sessions ("Smell The Bacon/What's With You", "In Control", "Last Warning", "Fuck All Authority", "Fight", "Final War", "Discriminate Me", "United Blood", "No Rights (No One Rules)", "Friend Or Foe", "We Shoud Care", "Crucial Changes", "Traitor", "United Blood", "Discriminate Me", "We Should Care"), diciassette brani registrati addirittura prima di quelli dell' ep ("Smell The Bacon/What's With You", "In Control", "Last Warning", "Fuck All Authority", "Fight", "Get Out/Final War", "Discriminate Me", "United Blood", "Society Suckers", "No Rights (No One Rules)", "Friend Or Foe", "We Should Care", "Blind Justice", "Crucial Changes", "Traitor", "Skins Go Marching In/We Can Do Anything", "It's My Life") ed infine due brani tratti dalla raccolta "Message From America - Hardcore Has Come Of Age" uscita nel 1985 su Urinal Records ("United Blood" e "Time Will Come"). Gia' dal secondo album "Cause for Alarm", del 1986, la band avrebbe inserito nel suo sound forti influenze metalliche qui ancora del tutto assenti, giacche' "questi" Agnostic Front suonavano un crudo hardcore punk, davvero feroce ed abrasivo, che li inserisce ai vertici della ricca produzione americana e non solo dell' epoca.
Euro
18,00
codice 2087787
scheda
Alice    e respiro / un fiore
7" [edizione] originale  stereo  ita  1978  emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
singolo in formato 7", completo di copertina, etichetta gialla con logo rosso in alto, foro al centro largo, catalogo CGD10052, data sul trail off "19-1-78". Pubblicato nel gennaio del 1978, il singolo con due brani inseriti anche nel secondo album "Cosa Resta... Un Fiore" (pubblicato a nome Alice Visconti, mentre il singolo usci' semplicemente a nome Alice. La traccia sul lato A, "...E Respiro", coscritta da Riccardo Fogli, ebbe un buon successo.
Euro
6,00
codice 243875
scheda
Alice in chains    Alice in chains
LP2 [edizione] originale  stereo  hol  1995  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
prima molto rara stampa europea, pressata in Olanda anche per il mercato inglese, vinile doppio, copertina (con moderati segni di invecchiamento) apribile semilucida con barcode 5099748111418, inner sleeve con testi, artwork e sagomatura sul lato di apertura, label custom viola con scritte bianche e verdi su di una facciata e verde chiara con scritte bianche e nere sull'altra, logo Columbia bianco in alto e scritta "360 Sound" in basso, logo SACEM / BIEM a sinistra, catalogo 481114 1. Pubblicato negli USA il 7 novembre 1995 dopo ''Jar of Flies'' e prima di ''MTV Unplugged live'', giunto al numero 1 delle classifiche USA ed al numero 37 di quelle britanniche. Il terzo album. Nonostante le voci che volevano il gruppo sul punto di sciogliersi, gli Alice in Chains producono qui il loro assoluto capolavoro, il più maturo e potente album della loro carriera: lavoro basato più sulle composizioni e gli arrangiamenti che sui facili riffs, vede anche uno spazio non piccolo dedicato ad intense ballate con le acustiche in primo piano; i testi sono una vera e propria discesa negli inferni metropolitani con trattazione di argomenti quali la solitudine, gli abusi, la miseria, e la paura di non farcela, con un linguaggio diretto ma allo stesso tempo intenso e vero che pone i testi su di un livello molto più alto dei lavori precedenti. Episodio meno viscerale e anche meno ''facile'', il doppio album concede pochissimo al commercio; tra i brani, "Grind", "Brush Away", "Over Now" e "Heaven Beside You" sono certamente da considerarsi come il loro punto artisticamente più rilevante. E' un album glorificato e visto dalla critica come l'inizio di una nuova fase del gruppo, più rilevante artisticamente, ma resterà invece e purtroppo l'ultima testimonianza; il lato oscuro ed i problemi cronici dei membri riprenderanno il sopravvento e la saga degli Alice in Chains si chiuderà poco dopo.
Euro
125,00
codice 331541
scheda
Alice in chains    Jar of flies/sap
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1994  music on vinyl 
indie 90
ristampa limitata in vinile 180 grammi per audiofili, pressoché identica alla prima tiratura. copertina apribile. Edizione con sul primo vinile i 7 brani del mini "jar of flies" e sul secondo vinile, inciso solo su di una facciata, scolpito sull'altra, i quattro brani dell'ep ''SAP'' (1992): ''Brother'', ''Got me wrong'', ''Right turn'', ''Am I inside'' e ''Love song'', quest'ultima non indicata nella tracklist. Pubblicato dalla Columbia nel gennaio del 1994 in Gran Bretagna, dove arrivo' al quarto posto in classifica, e negli USA, dove giunse' al primo posto, il mini lp ''Jar of flies'' usci' dopo il secondo album ''Dirt'' (1992) e prima del terzo album eponimo del 1995. Uno dei lavori piu' considerati nella discografia del gruppo americano, questo mini lp consacro' gli Alice In Chains con il suo cupo amalgama di hard rock, pop e grunge, assai eclettico nelle sonorita' e nei toni ma sempre contraddistinto da un'atmosfera oscura e da un malinconico senso di solitudine, che avvolge monolitici e lunghi pezzi quali ''Rotten apple'', brani fra di pop semiacustico venato di psichedelia come ''No excuses'' e l'epica per quanto desolata ''I stay away''. Gruppo fondato a Seattle nel 1987 da Jerry Cantrell, Layne Staley, Sean Kinney e Mike Starr, gli Alice In Chains costituiscono un punto d'incontro fra il grunge, del quale mantengono le atmosfere malinconiche e le liriche depressive e cupe, e lo heavy metal (in particolare i Black Sabbath), da cui ereditano la potenza del suono ma anche l'approccio hard rock alle ballate, non infrequenti nel catalogo del gruppo. Il gruppo venne accostato al movimento grunge nei primi anni '90, forse anche per la propria provenienza da Seattle, e partecipo' con un brano alla colonna sonora del film "Singles". Il mini lp "Dirt" (1992), considerato uno dei lavori piu' belli ed importanti degli Alice In Chains, e' un concept album sulla dipendenza dalla droga, dai ritmi lenti e dalle chitarre potenti e distorte in stile sabbathiano. Il chitarrista e cantante Layne Staley, autore di molti dei testi, morira' per overdose nel 2002.
Euro
29,00
codice 2087744
scheda
Almond marc    stardom road (numbered gold vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  music on vinyl 
punk new wave
Edizione limitata in 1500 copie (numerate sul retro) in vinile dorato, pesante 180 grammi, prima edizione vinilica, realizzata nel settembre 2019 dalla Music On Vinyl, dell' album "Stardom Road", originariamente uscito nel giugno 2007 solo in cd (e giunto al numero 53 delle charts inglesi), realizzato dopo "Heart on Snow" (2003) e prima di "Orpheus in Exile" (2009). Il tredicesimo album solista dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & The Mambas, il primo dopo l' incidente del 2004 che gli stava quasi costando la vita. Ben accolto dalla critica e considerato uno dei lavori migliori della discografia solista di Almond, "Stardom Road" e' composto quasi interamente di covers, perlopiu' di popolari "oldies", proposte come al solito con straordinaria personalita', ed una grande eleganza unita ad una notevole sensibilita' interpretativa. Tra gli ospiti Sarah Cracknell, Jools Holland ed Antony Hegarty (Antony & The Johnsons). Questa la lista dei brani e l' interprete originario: 1. "I Have Lived" (Charles Aznavour), 2. "I Close My Eyes and Count to Ten" featuring Sarah Cracknell (Dusty Springfield), 3. "Bedsitter Images" (Al Stewart), 4. "The London Boys" (David Bowie), 5. "Strangers in the Night" (Frank Sinatra), 6. "The Ballad of the Sad Young Men" featuring Antony Hegarty (Roberta Flack), 7. "Stardom Road" (Third World War), 8. "Kitsch" (Barry Ryan) 9. "Backstage (I'm Lonely)" featuring Jools Holland & Kiki Dee (Gene Pitney), 10. "Dream Lover" (Bobby Darin), 11. "Happy Heart" (Andy Williams), 12. "Redeem Me (Beauty Will Redeem the World)" (brano originale), 13. "The Curtain Falls" featuring Igor Outkine (Bobby Darin).
Euro
25,00
codice 2087924
scheda
Alt-j    An awesome wave
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  infectious 
indie 2000
Copertina apribile senza codice a barre, con codice per il download digitale stampato su adesivo all'interno della copertina, inner sleeve con foto a colori e lista brani, adesivo sul cellophane, etichetta multicolorata sul lato A, bianca con scritte circolari nere e grigie sul B, Lp pubblicato dalla Infectiuos nel giugno 2012, dopo l'Ep "Matilda/Fizzpleausure", debutto full lenght per il quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul.
Euro
22,00
codice 2087989
scheda
Altin gun    On
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  bongo joe 
indie 2000
etichette custom. Il primo album, canzoni folk-pop turche passate attraverso una miscela di ritmica funky, chitarre psichedeliche con wah-wah e organi vintage. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
20,00
codice 2088021
scheda
Amazing rhythm aces    How the hell do you spell rythum?
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1980  Warner Bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa USA, copertina con barcode, inner sleeve con crediti e sagomatura sul lato di apertura, etichetta bianco/crema con logo Warner Bros rosso e grigio/argento in alto, righe grigie orizzontali parallele e scritte lungo la circonferenza, catalogo BSK3476. Pubblicato nel 1980 dalla Warner Bros in Europa e negli USA, dove giunse al 175esimo posto nella classifica billboard 200, il sesto album, successivo a "The amazing rhythm aces" (1979) e precedente il live "Full house / Aces high" (1981). Prodotto da Jimmy Johnson, fu il loro ultimo album prima dello scioglimento; è un disco dal sound compatto e diretto, che prosegue sulla strada a due corsie del soft rock e del country rock (con qualche spruzzatina di soul music sudista), con un tocco un po' più rustico e meno levigato rispetto a gruppi californiani come gli Eagles (in particolare nelle parti vocali, più sanguigne), incurante del fatto che gli anni '70 sono ormai giunti alla fine. Ottime le parti chitarristiche ed il groove è ancora solido e senza fronzoli; il gruppo fra le altre cose coverizza "Wild night" di Van Morrison e "Farther on down the road" di Taj Mahal. In contrasto con grandi nomi del country-rock dei '70 come Eagles e Poco, i cui natali vanno ricercati nel folk rock westcoastiano inaugurato dai Byrds sul finire degli anni '60, gli Amazing Rhythm Aces si formano a Memphis e questa provenienza geografica arricchisce la loro musica di un approccio peculiare, fortemente legato al "southern sound", con una vena soul ignota ai musicisti della West Coast californiana. Scioltisi all'alba degli anni '80, si riformeranno poi nel 1994, pubblicando alcuni nuovi lavori.
Euro
16,00
codice 331533
scheda

Page: 1 of 27

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 27  ---»
Pag.: oggetti: