Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 859
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 35  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
13Th floor elevators    Easter everywhere
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  international art. / private 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi pressocche' identica alla prima rarissima tiratura, copertina senza barcode in cartoncino lucido. Pubblicato in USA nel Giugno del 1968 dopo ''The Psychedelic Sound Of'' e prima di ''Live'', non entrato nelle classifiche USA e non pubblicato all'epoca in UK. Il secondo lp. Per molti anche superiore allo stratosferico debutto, sicuramente molto piu' psychedelico e spaziale e meno legato al garage, contiene alcuni dei classici della musica americana di tutti i tempi, ''slip inside the house'', ''earthquake'', ''levitation'', ''baby blue'', ''she lives in a time of her own'', ''dust'', ''i had to tell you''. Fu registrato a Kerville, nella campagmna texana, con i nuovi membri Danny Thomas e Dan Galindo, dopo l'abbandono di Walton e Leatherman, abbattuti dai continui guai con la polizia, gli arresti e i grossi problemi personali dovuti all'enorme uso di droghe di tuti i tipi, allucinogene in particolare, sara' l'ultimo vero lavoro della band, che dopo alcuni concerti, soprattutto in California, letteralmente ''perdera' '' sia Rocky Erickson che Tommy Hall. Rimane, ovviamente, uno dei testi fondamentali dell'underground mondiale ed un capolavoro assoluto che non puo' non figurare nella lista dei 20, ma forse anche 10, albums di rock acido piu' belli di tutti i tempi.
Euro
17,00
codice 2094725
scheda
1919    Machine (+4 tracks)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  restless empire 
punk new wave
Ristampa del 2019, con copertina con sfondo nero ed inserto (arricchita della presenza di quattro tracce aggiunte, ovvero i quattro brani, tutti altrimenti inediti, dei primi due singoli del gruppo, usciti nel 1982 su Red Rhino: "Repulsion"/"Tear Down These Walls" e "Caged"/"After the Fall"), del minialbum "Machine". Pubblicato nell' aprile del 1983 dalla Red Rhino in Gran Bretagna, dove giunse al settimo posto nella classifica indipendente, ''Machine'' fu per lungo tempo l' unico album, mini con sette brani, della oscura e misconosciuta band britannica nata a Bradford nel 1980, eccellente dark-wave, nata dalle ceneri degli Heaven Seventeen (un demo nel 1980 ed un flexi nel 1981), ed autrice di un post-punk oscuro e potente, per una musica ispirata ai primissimi lavori dei loro padri spirituali Killing Joke, e legata anche a certo positive punk. Un disco semplicemente superbo, meraviglioso e devastante, che non potra' deludere le aspettative dei sostenitori della prima ondata dark post-punk. Il gruppo, composto da Ian Tilleard, Mark Tighe, Sputnik, Nick Hiles e Mick Reed, realizzo' una manciata di singoli ed ep fra il 1982 ed il 1984, oltre a questo minialbum; dopo lo scioglimento, il chitarrista Mark Tighe ed il cantante Ian Tilleard formarono gli Another Cinema, autori di due singoli tra il 1984 ed il 1985. Dopo decenni, finalmente i 1919 si riformano nel 2015, pubblicando nuovo materiale: il live ''2015: ''the madness continues'' sessions'' (2015, autoprodotto su CDr) e ''Bloodline'' (presentato come il secondo vero album, pubblicato nel 2017 dalla Westworld in cd).
Euro
19,00
codice 3024666
scheda
A full cosmic sound    A.f.c.s.
Lp [edizione] nuovo  stereo  cl  2012  bym 
indie 2000
Edizione limitata a 500 copie, copertina senza codice a barre, catalogo BYM066. Pubblicata nel 2020 dalla cilena Bym, questa antologia è anche il primo lp in formato vinilico per la band sudamericana, finora autrice solo di cassette, cd ed alcuni 7"; "A.F.C.S." compila otto brani incisi dal gruppo fra il 2012 ed 2019, alcuni tratti dalle loro pubblicazioni, altri inediti. Questo collettivo musicale cileno fu fondato nel 2007 in Brasile da Alvaro Daguer, ed ha poi stabilizzato la sua formazione in anni successivi. Autori nel loro primo decennio di attività di una serie di cassette e cd e di alcuni 7", A Full Cosmic Sound sono autori di una musica dalle forme fluide, che spazia da ipno-rock minimale a maestose partiture cosmiche che richiamano sia i Popol Vuh che certi Flying Saucer Attack o anche gli Spacemen 3 più rarefatti e dilatati, come anche le sperimentazioni dissonanti ed ottundenti di Sonic Youth e Throbbing Gristle. Questa la scaletta: A1 – FUMIGACIÓN (DALLA CASSETTA CHEMTRAILS, FABRICA RECORDS, 2012) A2 – ORGONITA (DALLA CASSETTA CHEMTRAILS, FABRICA RECORDS, 2012) A3 – MILTON FRIEDMAN (DAL 7" SPLIT CON I MUGRIS, BYM RECORDS, 2012) A4 – AMATISTA (DALLA CASSETTA SPLIT CON GLI OMASIN, BYM RECORDS, 2016) B1 – EL TIO PANTERA (DALLA CASSETTA MULTIPLA LA AUTOMATIC FLIGHT CONTROL SYSTEM, 2017) B2 – LA CURVA DEL FEELING (2019, INEDITO) B3 – EL RITUAL DEL HUMO (2019, INEDITO) B4 – EL SOLO DE OVNI (2019, INEDITO).
Euro
31,00
codice 3513074
scheda
A.a. williams    Forever blue (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bella union 
indie 2000
edizione limitata in vinile argento, adesivo su cellophane, copertina apribile. Il disco di debutto della cantante Alex Williams, che qui suona anche chitarra, piano e violoncello. Disco dalle tinte scure e sperimentali con la voce di A.A. Williams che si stratifica su basi tra post rock e new wave con richiami ai Birthday party.
Euro
31,00
codice 2094493
scheda
Aa.vv (primitive r'n'r & blues    songs the cramps taught us vol.6
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1956  cato 
blues rnr coun
copertina lucida con barcode, etichetta bianca e senape, il sesto volume della favolosa serie con magnifici brani (qui sono 16) scelti tra i tanti reinterpretati nel corso degli anni dai grandi Cramps del compianto Lux Interior, ma originariamente su spesso oscurissimi singoli pubblicati tra la meta' degli anni '50 e la meta' degli anni '60. La band originaria dell' Ohio, poi stabilitasi a New York, e' stata forse la principale responsabile dell riscoperta negli ultimi decenni di un ricco, inesauribile patrimonio musicale, tra grezzo e viscerale blues e primitivo rock'n'roll, tra il surf piu' selvaggio ed il primo garage punk. Ed allora, niente di meglio che sentire, uno dopo l' altro, questi classici, spesso davvero "perduti", che in pochi hanno sentito se non nelle versioni fornite, bonta' loro, dagli stessi Cramps. Ecco la lista completa dei brani: SIDE 1: 1. Elvis Presley – Do The Clam 2. The Busters – Bust Out 3. The Sonics – He’s Waiting 4. The Fender Four – Margaya 5. The Red Crayola – Hurricane Fighter Plane 6. Link Wray – Rumble 7. Captain Beefheart – Hard Working Man 8. The Shades – Strolling After Dark SIDE 2: 1. Gene Summers – Taboo 2. The Jesters – Peter Gunn Twist 3. The Revels – Intoxica! 4. J.J. Jackson & The Jackaels – Oo-Ma-Liddi 5. The Rhythm Rockers – Madness 6. The Instrumentals – Chop Suey Rock 7. Roy Brown – Butcher Pete Part 1 8. Terry Dunavan – Earthquake Boogie
Euro
16,00
codice 2094778
scheda
Aa.vv.    halcyon 1969
lp [edizione] originale  mono  usa  1969  halcyon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale rarissima stampa, stampa privata realizzata in poche copie in Canada, copertina cartonata, etichetta verde con scritte argento, catalogo M-7257. Pressato pare in sole 500 copie, distribuito presso la Carleton University Alumni di Ottawa, Ontario, Canada, questo album, prodotto da Wylie Spicer e Susan Stronach, fu realizzato in occasionale sostituzione della rivista universitaria "Halcyon" della Carleton University nel 1969. Contiene canzoni e poesie recitate di cui sono autori e protagonisti gli studenti di quella Universita', che pero' rimangono, nelle scarne note dell' album, del tutto anonimi. Pare comunque che almeno una parte degli interventi siano riconducibili a Larry Jones, artista dell' area di Ottawa, poi attivo tra l' altro come Larry Jones and Company. Tra i brani, la prima traccia del lato A, strumentale folk dai sapori medievaleggianti, il primo brano del lato B, autunnale folk cantautoriale delicato ed agrodolce, ed il brano conclusivo, sulle stesse corde e certamente eseguito dallo stesso autore.
Euro
160,00
codice 47409
scheda
Aa.vv. (irish post punk)    strange passion - Explorations in Irish post punk diy and electronic music 1980-83
lp [edizione] originale  stereo  uk  1980  cache cache 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, l' originale ormai rara stampa, copertina semiruvida, etichetta nera con scritte bianche da un lato ed in bianco e nero "custom" dall' altro, inserto in cartoncino con note e foto, catalogo CACHE03LP; questa raccolta uscita nel luglio del 2012 contine quattordici brani provenienti da rarissimi dischi e cassette autoprodotti, ed in alcuni casi assolutamente inediti, provenienti dalla vitalissima scena post punk irlandese dei primi anni '80, una scena certo sviluppatasi all' ombra di quella inglese, ma comunque ricchissima e multiforme, assolutamente meritevole di esplorazione. Questa la lista completa dei brani: 1. Dogmatic Element - Just Friends (dal primo di tre singoli, "Strange Passion" del 1982, un brano bellissimo, vicino alla scena di Liverpool della Zoo Records) / 2. The Threat - High Cost Of Living (potente ed oscura, dall' unico singolo del 1980) / 3. Chant! Chant! Chant! - Play Safe (nati da una costola della prima line up dei Threat, una piccola gemma dall' unico singolo in proprio, del 1981) / 4. Virgin Prunes - Twenty Tens (I've Been Smoking All Night Long) (dal primo storico e gia' bellissimo singolo "Twenty Tens" del 1980) / 5. Operating Theatre - Austrian (delicata ed evocativa, da un singolo uscito nel 1981 a nome in realta' del loro leader Roger Doyle, tra i protagonisti della scena underground irlandese sin dalla meta' degli anni '70) 6. Stano - Town (dall' eccentrico singolo d' esordio dell' ex Threat, uscito nel 1982, primo tassello di una ricca discografia) 7. The Peridots - No Water (inedito del 1980, tra post punk e sperimentazione elettronica, per questo progetto guidato dall' ex Modern Heirs Pete Hamilton, ed autore di un unico singolo, con Stan Herraught poi chitarrista degli Stars of Heaven) 8. Choice - Always In Danger (inedito del 1981, delicatamente wave, per quasta band mai giunta alla pubblicazione di un proprio disco) 9. PH - Last Days (inedito del 1983 di Pete Hamilton, ex Peridots) 10. Major Thinkers - Avenue B (duo formato da Lary Kirwan e Pierce Turner di Wexford, autori di lavori come duo sin dagli anni '70, dal primo omonimo album del 1981, tra funk e post punk, registrato a New York e divenuto un anthem della scena underground newyorkese dell' apoca) 11. SM Corporation - Accentuate 12. SM Corporation - Fire From Above (due inediti del 1983 per questo gruppo autore di un singolo nello stesso anno,e legato a Radiators from Space, Modern Heirs e Peridots, guidato da Steve Averill, autore di molte copertine dei dischi degli U2) 13. Tripper Humane - Discoland (minimal wave, da un ep su cassetta del 1981), 14. Operating Theatre - Eighties Rampwalk (suggestivo inedito del 1981 del gia' citato progetto di Roger Doyle).
Euro
35,00
codice 2033713
scheda
Aa.vv. (mutantes, gil, veloso, costa...)    tropicalia ou panis et circencis
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  lilith 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1968, in vinile 180 grammi, con allegata la versione in cd dell'album, copetina senza codice a barre. Si tratta di uno dei piu' leggendari e celebrati lavori degli anni '60, non una sempice compilation, ma l' album che sanci' la nascita del movimento ''Tropicalia'', vero trampolino di lancio per molti degli artisti che avrebbero fatto la storia della musica brasiliana nei decenni successivi, il movimento, si prefiggeva la rinascita della musica brasiliana, e per la prima volta contaminarono con gli strumenti elettrici ed uno spirito propriamente ''rock'' il pop esotico con la psychedelia, la samba, la bossa nova, ed altri generi ancora piu' popolari della musica sudamericana. Tropicalia non solo include brani dei piu' importanti artisti del movimento (Gilberto Gil, Os Mutantes, Caetano Veloso, Gal Costa), ma presenta un grande numero di collaborazioni tra questi ed altri musicisti, diverse delle quali passate alla storia come veri accadimenti e capolavori. Quasi tutte le originali realizzazioni della Tropicalia sono purtroppo fuori catalogo, ma questo vero e proprio manifesto dara' un idea piu' che chiara di cosa fosse questo movimento artistico e del perche' oggi sia cosi' celebrato. Ecco la lista dei brani "Miserere N¢bis" - Gilberto Gil, "CoracÆo Materno" - Caetano Veloso, "Panis et Circenses" - Mutantes, "Lindon‚ia" - Nara Leao, "Parque Industrial" - Gilberto Gil, Caetano Veloso, Gal Costa, "Gel‚ia Geral" - Gilberto Gil, "Baby" - Gal Costa, Caetano Veloso, "Trˆs Caravelas" (Las Trˆs Carabelas) - Caetano Veloso, Gilberto Gil, "Enquanto Seu Lobo NÆo Vem" - Caetano Veloso, "MamÆe Coragem" - Gal Costa, "Bat Macumba" - Gilberto Gil, "Hino Do Senhor Do Bonfim Da Bahia" - Caetano Veloso, Gilberto Gil, Gal Costa.
Euro
22,00
codice 2094414
scheda
Aa.vv. (otis redding, sam & dave, carla thomas, eddie floyd)    Stax / volt revue, volume one – live in london
Lp [edizione] ristampa  stereo  can  1967  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Ristampa canadese di fine anni '70 su Atlantic, copertina lucida fronte retro, label bianca e rossa con banda bianca centrale, catalogo SD7721. Originariamente pubblicato nel 1967 dalla Stax negli USA, il primo dei due volumi, usciti pressoché contemporaneamente, che documentano il tour internazionale della Stax / Volt Revue del marzo 1967, quando i principali artisti della storica label soul si esibirono alternandosi sullo stesso palco: Otis Redding, Carla Thomas, Sam & Dave ed Eddie Floyd, supportati sempre dagli eccezionali strumentisti di casa Stax / Volt, vale a dire la sezione ottoni dei Mar-Keys e la band strumentale Booker T. & the MG's. Praticamente il gotha del Southern soul dell'epoca (manca Aretha Franlklin, ma era su un'altra etichetta), con performances vocali scoppiettanti, particolarmente potenti quelle di Sam & Dave, ma tutte sorrette con eguale bravura da strumentisti di altissimo livello in ambito soul e r'n'b, a partire da Booker T. Jones e Steve Cropper. I brani presenti su questo primo volume furono registrati a Londra. Questa la scaletta: Booker T. & the MG's, "Green onions"; The Mar-Keys, "Philly dog"; Eddie Floyd, "If I had a hammer", "Knock on wood"; Otis Redding, "Shake"; Carla Thomas, "Yesterday", "B-a-b-y"; Sam & Dave, "I take what I want", "When something is wrong with my baby", "Hold on, I'm comin'".
Euro
24,00
codice 332431
scheda
Aa.vv. (otis redding, sam & dave, carla thomas, eddie floyd)    Stax / volt revue, volume two – live in paris
Lp [edizione] ristampa  stereo  can  1967  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Ristampa canadese di fine anni '70 su Atlantic, copertina lucida fronte retro, label bianca e rossa con banda bianca centrale, catalogo SD7722. Originariamente pubblicato nel 1967 dalla Stax negli USA, il secondo dei due volumi, usciti pressoché contemporaneamente, che documentano il tour internazionale della Stax / Volt Revue del marzo 1967, quando i principali artisti della storica label soul si esibirono alternandosi sullo stesso palco: Otis Redding, Carla Thomas, Sam & Dave ed Eddie Floyd, supportati sempre dagli eccezionali strumentisti di casa Stax / Volt, vale a dire la sezione ottoni dei Mar-Keys e la band strumentale Booker T. & the MG's. Praticamente il gotha del Southern soul dell'epoca (manca Aretha Franlklin, ma era su un'altra etichetta), con performances vocali scoppiettanti, particolarmente potenti quelle di Sam & Dave e di Carla Thomas, ma tutte sorrette con eguale bravura da strumentisti di altissimo livello in ambito soul e r'n'b, a partire da Booker T. Jones e Steve Cropper. I brani presenti su questo secondo volume furono registrati a Parigi. Questa la scaletta: Carla Thomas, "I got my mojo working", "Let me be good to you", "Gee whiz"; Eddie Floyd, "Raise your hand", "Something you got", "But it's alright"; Sam & Dave, "Soothe me", "You don't know like I know", "You got me hummin'"; Otis Redding, "Try a little tenderness".
Euro
24,00
codice 332432
scheda
Aa.vv. (pagans, styrenes, defnics...)    cleveland confidential (orange vinyl - rsd 2020)
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1982  superior viaduct 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE ARANCIONE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' AGOSTO 2020, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita nel 1982 su Termal Records. Prosecuzione ideale di un 7"ep pubblicato dalla stessa Termal nel 1980 (con cui non ha in comune alcun brano, sebbene alcune formazioni fossero gia' li' presenti) si tratta di un imperdibile e storico documento sulla splendida scena punk e post punk di Cleveland, Ohio, gia' ricca e straordinariamente fertile gia' nella meta' degli anni '70, e poi capace di produrre per diversi anni alcune delle cose piu' interessanti delle scena underground americana. La scaletta, messa insieme dal grande Mike Hudson dei Pagans, contiene sia brani di stampo proto-punk o punk-rock, sia preziose ed oscure testimonianze di formazioni (spesso effimere) dedite a sperimentazioni tra art-punk ed oscuro post-punk, e ci sono anche gli immensi Pagans e gli storici Styrenes, nati a meta' anni '70 dalle ceneri dei seminali Mirrors. Questa la lista completa dei brani, tutti all' epoca inediti, e tutti, o quasi tutti, di grande valore, assolutamente da ascoltare: Womanhaters - Cry 816 (con Mike Hudson dei Pagans alla voce) / Severe - Her Name Was Jane (brano poi coverizzato dai Pagans!) / Menthol Wars - Even Lower Manhattan (ancora con Mike Hudson) / Defnics - Suicide Trip / Dark - I Can Wait / Styrenes - Jaguar Ride (cover degli altrettanto seminali Electric Eels) / Invisibles - In New York / Lab Rats - Cover Song End Of Side One (si tratta della cover di "Venus" degli Shocking Blue) / Keith Matic - I Really Want To Stay (Lost In Rome) (si tratta di Larry Lewis degli Offbeats) / Jazz Destroyers - Love Meant To Die (si tratta di Dave E, ex-Electric Eels) / Offbeats - I'm Confused / Pagans - Boy Can I Dance Good / Red Decade - Scars Of Lust / John Lovsin - Key Of E / Easter Monkeys - Cheap Heroin.
Euro
22,00
codice 3024553
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Punk and disorderly - chaos in the streets
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  restless empire 
punk new wave
Pubblicato nel 2017 dalla Restless Empire, questo album contiene quattordici brani tratti dai due rari albums "Punk and Disorderly - Further Changes" (uscito nel settembre 1982 per la Anagram in Inghilterra) e "Punk and Disorderly III - The Final Solution" (uscito nel giugno 1983 per la stessa etichetta), dischi-manifesto della terza ondata punk inglese, di impronta perlopiu' hardcore, che avevano seguito il primo storico "Punk And Disorderly" pubblicato nel marzo 1982 dalla Abstract. Una panoramica piu' che valida della terza ondata punk inglese, con molti inni forse "miinori" ma efficacissimi. Questa la scaletta: Abrasive Wheels "Burn'em Down" (singolo del 1982); The Vibrators "Dragnet" (b-side pubblicata su singolo nel 1982), One Way System "Give Us A Future" (singolo del 1982); The Insane "El Salvador" (dall'omonimo singolo, 5/82); Court Martial "Gotta Get Out" (dall'omonimo ep, 1982); Chron Gen "Outlaw" (singolo del 1982), The Samples "Dead Hero" (singolo del 1982); Vice Squad "Resurrection" (dal secondo 7'', 5/81), The Exploited "Computers Don't Blunder" (singolo del 1982), Angelic Upstarts "Woman In Disguise" (singolo del 1982), The Ejected "Have You Got 10p" (singolo del 1982), Disorder "More Than Fights" (dal secondo ep ''Distortion to deafness'', 12/81); Erazerhead "Shellshock" (singolo del 1982); The Violators "Summer Of '81" (singolo del 1982).
Euro
19,00
codice 3024678
scheda
Aa.vv. (punk)    killed by john peel vol.1
LP [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  vatican radio 
punk new wave
Copertina lucida senza barcode, etichetta nera con scritte bianche. Pubblicata nel 2020, questa splendida, davvero imperdibile raccolta, primo volume di quella che speriamo diventi una nuova serie, mette insieme quattordici tracce, testimonianze incendiarie della prima scena punk (perlopiu' inglese), registrate durante sessions in studio (rimaste perlopiu' assolutamente inedite) effettuate per la BBC inglese tra il 1977 ed il 1981 (ci sono anche un paio di episodi che sarebbe piu' opportuno pero' definire "post-punk"), e trasmesse dal leggendario John Peel nella sua trasmissione su Radio One. Come sempre per le Peel Sessions, si tratta di registrazioni live in studio di livello eccezionale, spesso effettuate prima dell' uscita dei dischi delle bands, se non addirittura contenenti materiale che sarebbe rimasto del tutto inedito. Ecco la lista dei brani contenuti: Metal Urbain - E-202 (Peel Session registrata da questa seminale band francese di punk elettronico il 16 gennaio 1978) 2. Outcasts - Gangland Warfare (13 maggio 1981) 3. King - Antipope (dalla storica Peel Session registrata l' 11 luglio del 1978 dall' effimero gruppo formato da Captain Sensible poco dopo il momentaneo scioglimento degli stessi Damned, con Dave Berk del gruppo di Johnny Moped ed Henry Badowsky dei Chelsea; il brano sara' ripreso dai riformati Damned nel terzo album "Machine Gun Etiquette"), 4. Rudi - Yummy Yummy (29 maggio 1980) 5. Idiot Dancers - Jealousy (14 maggio 1980) 6. The Cortinas - Further Education (16 luglio 1977) 7. Alternative Tv - Going Round In Circles (17 luglio 1978), 8. Skids - Open Sound (16 maggio 1978) 9. Scars - She's Alive (20 febbraio 1980) 10. The Lurkers - Countdown (25 luglio 1978) 11. The Flys - Energy Boy (18 settembre 1979) 12. Funboy Five - Haircut Bob Dylan (19 settembre 1979) 13. Pragvec - Bits (23 agosto 1978) 14. The Wasps - She's Alarming (13 febbraio 1979).
Euro
19,00
codice 3024684
scheda
Aa.vv. (simpletones, crowd, rik l rik)    Beach blvd (coloured vinyl expanded 2lp - rsd 2020)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  radiation 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA, DOPPIO ALBUM CON UN VINILE GIALLO E L' ALTRO TURCHESE, IN 700 COPIE NUMERATE A MANO SULL' ADESIVO POSTO SUL CELLOPHANE, ristampa espansa a doppio lp, con un intero lp bonus, copertina per l' occasione apribile, pressoche' identica sul fronte a quella della prima rara tiratura su Posh Boy nella versione con copertina regolare (le primissime 500 copie avevano una copertina disegnata a mano). L' album aggiunto per l' occasione contiene sedici brani di F-Word, Simpletones, Crowd e Klan (tutte band della scuderia Posh Boy), e per l' esattezza "Shut Down", "Out There" e "Government Official" dal primo 7"ep degli F-Word, realizzato nel 1978, "Do The Nihl" e "In The Haze" dall' unico album degli stessi "F-Word, "Like It Or Not Live", uscito sempre nel 1978, "I Like Drugs", da un singolo dei Simpletones pubblicato nel 1979, "Tv Love" dei Simpletones, dal primo volume delle raccolte "Rodney on the Roq", uscito nel 1980, le inedite "Dead Meat (Killer Smog)"; Rock'n'roll Star", "Disco Ape" e "Nasty Nazi" dei Simpletones, "Right Time" dal primo volume di "Rodney on the Roq", 1980, "Desmond And Kathy" e "Melody Hill" dall' album dei Crowd "A World Apart", 1981, "Pushin' Too Hard" (cover dai Seeds) e "Cover Girls" dall' unico singolo dei Klan (nati dalle ceneri dei Simpletones), pubblicato nel 1980. Ecco invece le note relative all' album nella sua forma originaria: La splendida e storica raccolta uscita nel 1979, una delle testimonianze fondamentali di tutto il punk rock californiano, ed in particolare della all' epoca nascente scena "beach punk" dell' Orange County, cratterizzata da una forte impronta melodica non priva di influenze 60's ed ovviamente Ramones, unitamente ad una velocita' di esecuzione talora prossima all' hardcore. Contine 15 brani imperdibili, ovvero cinque a testa altrimenti irreperibili su album (ne' in molti casi su singolo) per gli irresistibilmente melodici SIMPLETONES, legati ad altre formazioni storiche come Negative Trend, Klan, Chiefs e Stepmothers ("Kristy Q" / "I have a date" / "Tiger Beat Twist" / "Don't bother me" / "California", quest' ultima nello stesso anno facciata A del loro unico singolo), i folli CROWD (la magnifica "Modern Machine" / "New Crew" / l' inno "Suzy is a Surf Rocker" / l' irresistibile "Living in Madrid" / "Trix are for the Kids"), autori un anno dopo dell' album "A World Apart" e vicini per certi aspetti ai migliori Dickies, ed infine l' ex F-Word RIK L RIK, in cinque brani registrati in realta' con i Negative Trend, durante la sua permanenza in quella grande band, tra cui nuove magnifiche versioni di tre brani del loro unico ep ("Black and red" / "Meathouse" / "I got power" / "Mercenaries" / "Atomic Lawn"), ovvero Iggy & the Stooges in cella di isolamento e sotto sedativo, pura violenza repressa ed autodistruttiva; due di questi brani furono pubblicati su singolo dalla stessa Posh Boy nel 1980, poi dopo un secondo singolo a proprio nome nel 1982 Rik L Rik purtroppo scomparve dalle scene, dopo qualche tempo un album inedito registrato all' inizio degli anni '80 ne rinverdi' la leggenda. Ricomparira' negli anni '90, e sara' con Slaves (autori di un lp nel 1990) ed Electric Frankenstein alla fine del decennio. Morira' purtroppo di cancro il 30 giugno 1990.
Euro
26,00
codice 3024649
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    Francois truffaut, bandes originales 1959-1962
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1959  jeanne dielman 
soundtracks
Catalogo JD105. Pubblicato nel 2016 dalla Jeanne Dielman, questo album compila brani tratti dalle colonne sonore originali dei primi tre storici film diretti da Francois Truffaut, "Les quatre-cent coups" (1959), "Tirez sur le pianiste" (1960) "Jules et jim" (1962), composte la prima da Jean Constantin, le altre due da Georges Delerue; ascoltiamo anche due celebri voci femminili, quella di Juliette Greco nel brano "Comment voulez-vous?" e quella di Jeanne Moreau in "Le tourbillon". Un documento sonoro la cui importanza è alimentata anche dalle opere filmiche alle quali fa riferimento, almeno due delle quali sono classici assoluti della nouvelle vague. Questa la scaletta: Jean Constantin, "Générique et car de police", "Ecole buissonière", "Comment voulez-vous", "Balzac et gymnastique", "Trinité et finale", "Comment voulez-vous?" (lead vocals Juliette Gréco); Georges Delerue, "L'arbois", "Charlie", "Thème d'amour", "Poursuite", "Jules et jim", "Vacances", "Retrouvailles à l'auberge de la bécasse", "Brouillard (version I)", "Jules et thérése", "La terre promise", "Rixe", "Jim et catherine", "Le cimetiére"; Georges Delerue / Cyrus Bassiak, "Le tourbillon" (lead vocals Jeanne Moreau).
Euro
12,00
codice 3513077
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    Jean-pierre melville, bandes originales 1956-1963
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1956  jeanne dielman 
soundtracks
Catalogo JD129. Pubblicato nel 2018 dalla Jeanne Dielman, questo album compila brani tratti dalle colonne sonore originali di quattro film diretti da Jean-Pierre Melville, "Bob Le Flambeur" (1956), "Deux Hommes Dans Manhattan" (1959), "Le Doulos" (1962) e "L'Ainé Des Ferchaux" (1963), composte rispettivamente da Jo Boyer, Christian Chevallier, Paul Misraki e Georges Delerue. Melville (1917-1973) è stato un influente regista transalpino, non solo per la nouvelle vague francese, ma anche per il cinema asiatico ed occidentale, ed ha diretto attori come Jean-Paul Belmondo ed Alain Delon (indimenticabile l'interpretazione di quest'ultimo in "Le samourai" del 1967). Particolarmente rinomati i suoi film noir, dai caratteri minimali ed esistenzialisti. Questa la scaletta: Christian Chevalier: "Deux hommes dans Manhattan (générique)", "Déambulation nocturne", "Filature", "Street in Manhattan"; Jo Boyer, "Thème de bob"; Georges Delerue, "Les appalaches", "Fin de route, arrivée nouvelle-orleans", "Maudet et ferchaux", "Lina"; Paul Misraki, "Le doulos (générique)", "Jazz rapide", "Final".
Euro
12,00
codice 3513076
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    Once upon a time in hollywood ost
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  columbia 
soundtracks
doppio album in vinile pesante, copertina apribile, poster apribile a colori, inner sleeve con artwork a colori, label rossa con scritte bianche e nere, logo Columbia bianco in alto, riproduzione dello storico logo "360 sound" in bianco in basso, catalogo 19075981971. Pubblicata nell'ottobre del 2019 dalla Columbia, la colonna sonora del film "Once upon a time in Hollywood", diretto da Quentin Tarantino. Come ci si poteva aspettare alla luce dell'importanza che il regista americano ha sempre dato alle sonorizzazioni dei propri film, questa colonna sonora è una impressionante sintesi di rock e pop angloamericano degli anni '60, frammischiato a riproduzioni di spot pubblicitari dell'epoca e di monologhi di DJs, che alimentano in modo esponenziale le atmosfere del film, ambientato per l'appunto nella Los Angeles del 1969; ascoltiamo celebri pezzi di Paul Revere and the Raiders, Neil Diamond, Deep Purple, Buffy Sainte-Marie e Simon & Garfunkel, ma anche brani di Jose Feliciano (che interpreta "California dreamin'") e dei Cantori Moderni di Alessandroni, ennesima testimonianza della passione di Tarantino per i grandi autori italiani di colonne sonore. Questa la scaletta completa: Roy Head & the Traits, "Treat her right"; The Bob Seeger System, "Ramblin' gamblin' man"; "Boss radio (feat. Humble Harve)"; Deep Purple, "Hush"; "Mug root beer advertisement"; The Village Callers, "Hector"; Buchanan Brothers, "Son of a lovin' man"; Chad & Jeremy, "Paxton quigley's had the course"; Tanya tanning butter advertisement"; Paul Rever & the Raiders, "Good thing", "Hungry"; The Box Tops, "Choo choo train"; Mitch Ryder and the Detroit Wheels, "Jenny take a ride"; Deep Purple, "Kentucky woman"; Buffy Sainte-Marie, "The circle game"; "Boss radio (feat. The real Don Steele)"; Simon & Garfunkel, "Mrs. Robinson"; "Numero uno advertisement"; Los Bravos, "Bring a little lovin'"; "Suddenly / Heaven sent advertisement "; "Vagabond high school reunion"; "Khj los angeles weather report"; "The illustrated man advertisement / Ready for action"; Dee Clark, "Hey little girl"; "Summer blonde advertisement"; Neil Diamond, "Brother love's traveling salvation show"; Robert Corff, "Don't chase me around"; Paul Revere & the Raiders (feat. Mark Lindsay), "Mr. Sun, mr. Moon"; Jose Feliciano, "California dreamin'"; I Cantori Moderni di Alessandroni, "Dinamite jim (english version)"; Vanilla Fudge, "You keep me hangin' on (Quentin Tarantino edit)"; Maurice Jarre, "Miss lily langtry (cue from The life and times of judge Roy Bean)"; "KHJ Batman promotion".
Euro
29,00
codice 2094309
scheda
Aa.vv. (usa 60's garage)    back from the grave vol. 1
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1966  crypt 
rock 60-70
il primo storico volume, ristampa con copertina per l' occasione apribile, con le note dell' originario inserto scritte all' interno, della piu' famosa ed importante serie di compilation sul garage punk americano degli anni 60, influenza e punto di riferimento fondamentale per tutta la scena neo garage degli anni '80. Naturalmente, come spesso accade, inevitabile che il primo volume sia anche perlomeno uno dei migliori in assoluto degli innumerevoli usciti negli anni, con 15 brani introvabili da singoli rarissimi ursciti in gran parte tra il '65 ed il '66: i texani Elite, tra garage e beat, con "My Confusion" (uno di loro poi nei Yellow Payges), i Jujus del Michigan, grezzi e minimali, con una bellissima "Do You Understand Me?", gli immensi Alarm Clocks, dall' Ohio, con i due miticissimi brani del loro unico singolo, ripresi da decine di gruppi, "Yeah" e "No Reason to Complain", vere perle senza tempo, insuperabili esempi di "snotty" garage punk, i californiani Fabs con "The Bag I'm In", grande fuzz guitar ed organo Farfisa da urlo, i favolosi Malibus del Connecticut con la micidiale "Cry", i Bel-Aires del Michigan con la divertente "Ya Ha Be Be", i Legends del Michigan con la perfetta "I'll Come Again" (tra garage e folk rock, da studiare a scuola...), i incredibili Rats, con le due facciate del loro unico singolo del 1963 ("Rats Revenge Part 1" e "Rats Revenge Part 2") di Akron, Ohio, intestatari nello stesso anno di un singolo come Decades, un singolo minimale e grezzissimo, figlio bastardo del surf piu' selvaggio, anticipatore del garage punk di la' da venire, chitarre basso male accordati, orgia di voci ed urla, puro "primal sound" da amare od odiare incondizionatamente, gli One Way Streets, dall' Ohio, con "We All Love Peanut Butter" e la loro versione di "Jack the Ripper", i favolosi texani Larry & the Blue Notes con la stratosferica "Night of the Phantom", i proto soogesiani Swamp Rats di Pittsbourgh con una versione killer di "Psycho", incredibile orgia di fuzz e distorsori, ed infine i pazzeschi Cords, gruppo di frati francescani del Winsconsin, con una strumentale "Ghost Power" tra surf, garage e psichedelia........Imperdibile!
Euro
19,00
codice 2094775
scheda
Aa.vv. (usa 60's garage)    back from the grave vol. 2 (gatefold sleeve)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1966  Crypt 
rock 60-70
ristampa del secondo imperdibile volume, con copertina apribile, a differenza della originaria tiratura, della piu' famosa ed importante serie di compilation sul garage punk americano degli anni 60, influenza e punto di riferimento fondamentale per tutta la scena neo garage degli anni '80. 16 brani introvabili da singoli rarissimi usciti in gran parte tra il '66 ed il '67, ma in questo caso con alcuni esempi precednti, importanti per poter capire l' evoluzione di un suono che e' partito mettendo insieme il surf piu' selvaggio e l' influenza della "british invasion": si parte con i LYRICS da San Diego, California (due di loro poi nei Magic Mushrooms): "They Can't Hurt Me" (dal loro primo singolo del '65) e' secca e deragliante, semplice e perfetta; notevoli i CANADIAN ROGUES, dalla Florida, con "Keep In Touch", tra Pretty Things e Bo Diddley sound, dal secondo singolo; grandissima e' "Cry Cry Cry" dei leggendari e sfortunati UNRELATED SEGMENTS, di Detroit, dal loro terzo ed ultimo singolo, lunga e complessa composizione di grande bellezza, tra Animals (davero notevole il cantante) e garage punk, potentissima e con un assolo di chitarra davvero incisivo; ottimi gli OUTSIDERS dalla Florida, con la semplice ma efficacissima "She's Coming On Stronger" e con la deragliante cover di "Summertime Blues", dai loro due singoli del '65 e del '66; carina "Victim Of Circumstances" del texano ROY JUNIOR (autore della mitica "No Friend of Mine" per gli Sparkles); bella la cover di "Satisfaction" dei MODS del New Jersey, debitamente americanizzata con tanto di chitarra in puro surf style; gli HATFIELDS dall' Indiana sono presenti con "Yes I Do", dal loro primo singolo, puro teenbeat punk con delizioso organo farfisa; i REASONS WHY di Chicago con "All I Really Need Is Love" dal loro secondo singolo dimostrano come una deliziosa canzoncina d'amore si possa trasformare in un classico del garage punk se l' attitudine e' quella giusta; "They Prefer Blondes" dei californiani Banshees, dal loro primo singolo del '65, e' uno dei grandi classici "oscuri" del garage punk americano, brano magnifico ed irresistibile nella vena di certo northwest punk; canonica ma efficace "Surfside Date" dei TRIUMPHS del Milwaukee; dal New Jersey, RALPH NIELSEN & THE CHANCELLORS con la pazzesca "Scream" del 1962 forniscono un esempio fantastico di un surf aggressivo e velocissimo che certo anticipo' il garage punk a venire; immensa "The Crusher" dei Novas (coverizzata innumerevoli volte, mitica la versione dei Cramps), accostabile alla altrettanto nota "Surfin' Bird" dei Trashmen, ovvero il surf piu' grezzo e deragliante che diventa puro garage punk, quando ancora erano in pochi (un altro gruppo: i Sonics) a suonarlo, nel 1965; restiamo nell' ambito del "proto garage" con la versione dei MYSTICS della Florida di "Snoopy" (dal loro unico singolo del 1964); molto bella "Her Big Man" dei BRIGANDS di Forest Hills, NY, tratta da un acetato, tra folk rock e garage;oscurissimi, come il nome suggerisce, i CHILDREN OF DARKNESS, di cui si hanno poche notizie: "She's Mine" pero' e' un brano solare e contagioso, con un organo che sara' la delizia di molti.
Euro
19,00
codice 2094776
scheda
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  strut 
jazz
Vinile doppio, copertina apribile, label grigio/celeste con scritte nere, logo Strut a sinistra, catalogo STRUT214LP. Pubblicato nell'agosto del 2020 dalla Strut, il settimo album dei Pyramids, successivo ad ''An angel fell'' (2018) e come quello co-accreditato al leader Idris Ackamoor. Ancora una volta inciso ai Quatermass Studios di Londra e prodotto da Malcolm Catto degli Heliocentrics, ''Shaman!'' è stato inciso con una formazione rinnovata che però include anche un membro originale della formazione dei Pyramids degli anni '70, Margaux Simmons (flauto), oltre a Bobby Cobb (chitarra), Sandra Poindexter (violino), Ruben Ramos (basso), Gioele Pagliaccia (batteria) e Jack Yglesias (percussioni). E' un album dai temi più introspettivi e meno politici rispetto ad "An angel fell": qui Ackamoor si concentra su argomenti come la mortalità, la famiglia, la spiritualità, l'amore e la perdita. Il disco è costituito da nove lunghi brani, nei quali lo afro-funk più dilatato si fonde con il jazz dalle spinte spirituali, caratterizzato da ritmiche complesse ed eleganti, belle armonie vocali, elementi caratteristici di molta musica africana tradizionale e moderna, assoli di sassofono da parte di Ackamoor più morbidi rispetto al precedente lp, cullanti melodie di violino elettrificato e di flauto. Gruppo afroamericano dedito ad un incrocio fra il free jazz e la musica percussiva africana, i Pyramids prendono forma in Europa su impulso di alcuni musicisti originari dello Ohio nel 1971; del gruppo fa parte il sassofonista Idris Ackamoor (alias Bruce Baker), autore di gran parte delle loro composizioni. Tornati in patria intorno al 1973, i Pyramids incidono e pubblicano in quello stesso anno il loro primo album ''Lalibela'', disco caratterizzato da una furiosa vena creativa che lo avvicina al free piu' esuberante. L'anno successivo pubblicano ''King of kings'', dai toni piu' spirituali e con i legami africani ancor piu' in evidenza, quindi tornano nel 1976 con ''Birth/Speed/Merging''. Si sciolsero nel 1977, per poi riformarsi circa trent'anni dopo, e pubblicare due nuovi lp: nel 2011 ''Otherworldly'', e nel 2016 ''We be all africans'', quest'ultimo a nome Idris Ackamoor & the Pyramids.
Euro
35,00
codice 3513064
scheda
Adams ryan    Prisoner
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  blue note 
indie 90
adesivo su cellophane, coupon per download, inserto, etichette custom. “Prisoner” è il sedicesimo album in studio di Ryan Adams, disco inediti dopo la revisitazione in chiave rock di “19892 di Taylor Swift. Questo nuovo lavoro del musicista americano, uscito a febbraio 2017, raccoglie dodici brani all’insegna di un pop/rock dalla forte impronta anni 80 ma con una veste contemporanea: nella sua scrittura Adams fa viaggiare sulla stessa lunghezza d’onda le chitarre smithsiane, l’heartland rock di Bruce Springsteen e di Tom Petty, country rock. Cantautore americano di Jacksonville, Carolina del Nord, già con Patty Duke Syndrome (dove suonava punk-hardcore con influenze husker du) e poi con i Whiskeytown, fondamentale gruppo della scena alt-country anni 90, dopo lo scioglimento della band Ryan Adams continuerà a scrivere canzoni sospese tra country e rock. Il suo debutto solista ''Heartbreaker'' esce nel 2000, primo tassello di una discografia che entrerà anche nelle grazie del grande pubblico.
Euro
17,00
codice 2094212
scheda
Adicts    songs of praise
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  dwed wecords 
punk new wave
ristampa del 2017, in vinile 180 grammi, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato originariamente nell' ottobre del 1981, e giunto al 15esimo posto della classifica indipendente inglese, il primo album della storica punk band, prima del successivo "Sound Of Music", che un anno dopo regalera' al pubblico una inattesa popolarita'. Il primo nucleo degli Adicts si chiama Afterbirth & the Pinch e nasce a Ipswich, Gran Bretagna, alla fine del 1975. Quella stessa formazione aveva esordito discograficamente con l' ep "Lunch With The Adicts" nel gennaio del 1980 e quindi giunse alla pubblicazione di questo lp, disco di notevole bellezza, purtroppo oscurata forse dai dischi successivi, progressivamente piu' opachi, e dalla immagine stessa del gruppo, ripresa dai "drughi" del celeberrimo film "Arancia Meccanica" di Stanley Kubrick, che ebbe il merito/demerito di far parlare di loro troppo spesso per motivi extra musicali. Un peccato, perche' particolarmente questo album va annoverato tra i migliori frutti della scena inglese dei primi anni '80, con i suoi taglienti 16 episodi tra punk rock, interessantissime contaminazioni "post punk", effine in alcuni episodi, curiosamente, a certo hardcore californiano tanto potente ed affilato quanto capace di trovare nella melodia la sua forza di penetrazione (un nome per tutti, gli Adolescents), o talvolta venato di atmosfere vagamente oscure (non era ancora uscito il primo album dei Lords of the New Church, che pero' in piu' di un momeno vengono in mente. Insomma, un disco di notevole bellezza e grande originalita', assai sottovalutato, e ricco di episodi memorabili (uno dei quali, "Viva La Revolution", sara' riletto anni dopo dai Savage Republic!). La formazione e' tutt'ora attiva, con lo stesso nucleo originario: Keith "Monkey" Warren, voce, Mel Ellis, basso, Pete Dee Davison, chitarra e Michael "Kid Dee" Davison, batteria, a cui con il tempo si sono aggiunti il fratello di Mel Ellis, Scruff (chitarra), il tastierista James Harding e Dan Gratziani (violino).
Euro
19,00
codice 3024686
scheda
Aerosmith    Done With Mirrors
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1985  geffen / back to black 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, corredata di codice per il download digitale, copertina pressoche' identica alla prima tiratura, completa di inner sleeve fotografica, etichetta nera con logo grigio/argento, con scritte argento scritto al contrario con effetto ''specchio'' ( mirror), catalogo GHS24091. Pubblicato in Usa nel novembre del 1985 dopo ''Rock in a hard place'' e prima di ''Permanent vacation'', giunto al numero 36 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk dove usci' nel dicembre dello stesso anno, il nono album. Riformati con la formazione orignale che vede Joe Perry , la band produce il suo miglior lavoro dai tempi di "Rocks". Caratterizzato da testio intriganti e ironci e potenti riffs chitarristici caratteristici dei migliori brani di scuola Aerosmith, non ebbe i risultati di vendita e critica che si meritava, al contrario di quanto accaduto per "Permanent Vacation" di due anni prima, peccato, perche' l' album e' decisamente superiore al suo predecessore e sara' proprio da questi suoni che la band vedra' la monumentale rinascita artistica della fine del decennio.
Euro
19,00
codice 3024567
scheda
Agent orange    living in darkness (purple vinyl + 5 tracks - rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  radiation 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA IN 800 COPIE, NUMERATE A MANO SULL' ADESIVO POSTO SULLA BUSTA ESTERNA, IN VINILE PORPORA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' AGOSTO 2020, ristampa con copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita su Posh Boy in America nel 1981, corredata di inserto con testi, e soprattutto arricchita della presenza di cinque tracce aggiunte ("America" e "Bored of You" sono tratte dal primo leggendario 7"ep "Agent Orange" del 1980, "Pipeline" e' il retro del singolo "Everything Turns Grey" del 1981 e "Mr. Moto" e "Breakdown" sono tratte dal 12" "Bitchin' Summer" del 1982). Il primo storico album (ben cinque anni prima del secondo "This Is The Voice" del 1986) del gruppo californiano di Orange County, gia' autore del leggendario 7" ep "Bloodstains", autoprodotto nel 1980, e del singolo "Everything turns Grey" nel 1981 gia' su posh Boy. Tra i maggiori esponenti del codiddetto "beach punk", una scena nata alla fine dei '70, a cavallo tra il primo punk rock e il nascente hardcore, non riuscirono mai ad eguagliare la feroce bellezza del favoloso primo ep, ma realizzarono con questo "Living In Darkness" comunque un eccellente ed originalissimo album, tra i migliori che l' etichetta Posh Boy abbia realizzato, esempio splendido di un "punk evoluto", capace di mettere insieme punk rock, occasionali accelerazioni hardcore, contaminazioni surf (significativa la presenza di una bella cover punkizzata della grande "Miserlou" di Dick Dale) e addirittura elementi vicini a certo contemporaneo goth-punk californiano. Lo impreziosisce la presenza di "Bloodstains", mitico brano gia' facciata A di uno dei singoli piu' belli del punk rock americano, qui in una nuova sempre micidiale versione.
Euro
28,00
codice 3024641
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  akuphone 
indie 2000
Edizione limitata, copertina senza codice a barre, inner sleeve con artwork, label marrone con scritte gialle e logo Akuphone giallo a sinistra, catalogo AKULP1023. Pubblicato nel febbraio del 2020 dalla Akuphone, il primo album vinilico degli Ak'chamel, che arriva dopo una lunga serie di cassette uscite fra il 2013 ed il 2017. Questa misteriosa formazione underground americana è nota per le sonorità low fi delle loro pubblicazioni su musicassetta, e per una musica che intreccia elementi psichedelici, sperimentazione ed influenze di diverse culture latine ed asiatiche, calate in un contesto eccentrico ed onirico. Questo "Totemist" è il loro primo lavoro inciso in uno studio con qualità sonora professionale, che si riflette nelle sonorità più pulite e meno pesanti rispetto al passato. Contenente suoni e rumori registrati in diversi luoghi del pianeta (il traffico di Calcutta, India, l'oceano delle Hawaii, il cimitero di Terlingua, una città mineraria fantasma nel Texas occidentale, al confine col Messico), l'album offre una moderna iterazione psichedelica, delicata e fluttuante, ricca di riferimenti esotici e misteriosi che si vanno ad inserire in uno stile "folkedelico" elettroacustico, dalle sfumature sciamaniche in alcuni episodi, molto ipnotizzanti e circolari.
Euro
27,00
codice 3513030
scheda

Page: 1 of 35

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 35  ---»
Pag.: oggetti: