Hai cercato:  immessi ultimi 15 giorni --- Titoli trovati: : 307
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 13  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
Aa.vv. (soul)    New york soul '68 (rsd 2019)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1968  history of soul 
soul funky disco
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 13 APRILE 2019, copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, label porpora, rossa e bianca con scritte nere, catalogo HS18. Pubblicata nell'aprile del 2019 dalla History Of Soul, questa raccolta compila sedici brani editi, originariamente usciti per lo più su singolo nel 1968 (e molti dei quali mai ristampati finora), opera di gruppi e di solisti della scena soul newyorchese dell'epoca. Un soul raffinato ed urbano, influenzato dalla seminale scena motowniana di Detroit ma derivativo, e con alcune interessanti tracce del nascente funk. Fra gli artisti rappresentati, Judy White, figlia del celebre bluesman Josh White, la grande Big Maybelle, aperta ad influssi del soul sudista, Pat Lundy, che più tardi, a metà anni '70, sarebbe passata alla disco music. Questa la scaletta: Side ONE: 1. (I've Given) All My Love (Patti Austin); 2. Mr Rainmaker (Pat Lundy); 3. I'm Just Gonna Be Missing You (Rene Bailey); 4. Take My Heart And Soul (Ortheia Barnes); 5. I Can't Wait Any Longer (Big Maybelle); 6. Sit Down And Cry (Jean Wells); 7. Twice As Much For My Baby (Little Charles); 8. You Got 'Em Beat (Soul Sisters); Side TWO: 1. My New Found Joy (Jimmy Richards); 2. Open Up Your Heart (Mamselles); 3. People Sure Act Funny (Titus Turner); 4. Check Yourself (Debbie Taylor); 5. Young Boy Blues (Little Buster); 6. Guilty (Of Love In The 1st Degree) (Little Jimmie Ballard); 7. Girls Can't Do What The Guys Do (Judy White); 8. I Can't Help Loving You (Jimmy Breedlove).
Euro
25,00
codice 2089231
scheda
Aa.vv. (soundtrack)    Criminale vol. 1: paura
Lp+cd [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  penny 
soundtracks
vinile da 140 grammi, copertina lucida, fascetta esterna con note e supporto per la versione in cd dell'album, qui inclusa, catalogo PNY4506. Pubblicato per la prima volta nel febbraio del 2013 dalla Penny, questo e' il primo volume di una serie di raccolte che ripescano brani tratti dal vasto catalogo della storica label italiana Flipper Music e delle sue sottoetichette: la Flipper Music pubblica dalla fine degli anni '70 rari dischi afferenti principalmente all'ambito delle colonne sonore televisive. La serie ''Criminale'' ripropone estratti dal quel vasto catalogo con particolare attenzione agli anni '70, facendo riemergere oscuri pezzi musicali (fra post psichedelia, funk rock, tastiere da horror) che riportano alla luce il lato piu' bizzarro di quel decennio, carico di tensioni ma anche di sviluppi culturali nel nostro paese. Questa la scaletta: Side A: 1. GIORGIO E FRANCO BRACARDI - Il Pozzo E Il Pendolo N.5 2. ALESSANDRO ALESSANDRONI - Corruzione Al Vertice 3. AMEDEO TOMMASI - Effetto Di Tensione 4. GIORGIO E FRANCO BRACARDI - La Morte Rossa 5. PEYMONT - Tensione Beta 6. UGO BUSONI, PAOLO FERRARA & MASSIMO DI CICCO - Topazio 7. ALESSANDRO ALESSANDRONI & GIULIANO SORGINI - Rastrellamento 8. GERARDO IACOUCCI – Zombie 9. GIORGIO E FRANCO BRACARDI - I Bevitori Di Sangue. Side B: 1. PEYMONT - Tensione Gamma 2. LAMARTINE - Angoscia Universale 3. DANIELA CASA - Pericolo 4. UGO BUSONI, PAOLO FERRARA & MASSIMO DI CICCO – Rullio 5. JOEL V.D.B. 6. DANIELA CASA - Occultismo 7. FABIO FRIZZI – Fear 8. SANDRO BRUGNOLINI – Narvalo 9. PEYMONT - Tensione Delta.
Euro
12,00
codice 3023263
scheda
Aa.vv. (soundtrack)    Criminale vol. 2: ossessione
lp+cd [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  penny 
soundtracks
Vinile da 140 grammi, copertina lucida, fascetta esterna con note e supporto per la versione in cd dell'album, qui inclusa, catalogo PNY4507. Pubblicato nel 2013 dalla Penny, questo e' il secondo volume di una serie di raccolte che ripescano brani tratti dal vasto catalogo della storica label italiana Flipper Music e delle sue sottoetichette: la Flipper Music pubblica dalla fine degli anni '70 rari dischi afferenti principalmente all'ambito delle colonne sonore televisive, scovando anche, in questo volume, due brani altrimenti inediti. La serie ''Criminale'' ripropone estratti dal quel vasto catalogo con particolare attenzione agli anni '70, facendo riemergere oscuri pezzi musicali (fra post psichedelia, funk rock, tastiere da horror) che riportano alla luce il lato piu' bizzarro di quel decennio, carico di tensioni ma anche di sviluppi culturali nel nostro paese. Questa la scaletta: Side A: 1. GERARDO IACOUCCI - From Tokyo To Las Vegas 2. REMIGIO DUCROS - Ritmica (Previously Unreleased) 3. ROBERTO CONRADO – Hills 4. SANDRO BRUGNOLINI - Psichefreélico (ballad) 5. UGO BUSONI, PAOLO FERRARA & MASSIMO DI CICCO – Motocross 6. ENZO SCOPPA - Contatto 7. ALESSANDRO ALESSANDRONI – Hovercraft 8. PAOLO FERRARA – Marker 9. ALESSANDRO ALESSANDRONI E I CANTORI MODERNI - Una Storia. Side B: 1. ALESSANDRO ALESSANDRONI & GIULIANO SORGINI - Perquisizione 2. GERARDO IACOUCCI - Ossessione Notturna 3. DANIELA CASA - Black Sabbath (Previously Unreleased) 4. UMBERTO SANTUCCI - Violenza In Beat 5. GERARDO IACOUCCI - Città Del Capo 6. PAOLO FERRARA - Percussion Blues 7. GERARDO IACOUCCI - Riccione 8. PIERO MONTANARI & ROBERTO CONRADO – Properly 9. ALESSANDRO ALESSANDRONI E I CANTORI MODERNI - Nella Balera.
Euro
12,00
codice 3023264
scheda
Aa.vv. (soundtrack)    Criminale vol. 3: colpo gobbo
Lp+cd [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  penny 
soundtracks
Vinile da 140 grammi, copertina lucida, fascetta esterna con note e supporto per la versione in cd dell'album, qui inclusa, catalogo PNY4510LPC. Pubblicato nel 2015 dalla Penny, questo e' il terzo volume di una serie di raccolte che ripescano brani tratti dal vasto catalogo della storica label italiana Flipper Music e delle sue sottoetichette: la Flipper Music pubblica dalla fine degli anni '70 rari dischi afferenti principalmente all'ambito delle colonne sonore televisive. La serie ''Criminale'' ripropone estratti dal quel vasto catalogo con particolare attenzione agli anni '70, facendo riemergere oscuri pezzi musicali (fra post psichedelia, funk rock, tastiere da horror) che riportano alla luce il lato piu' bizzarro di quel decennio, carico di tensioni ma anche di sviluppi culturali nel nostro paese. Questa la scaletta: A1. Gerardo Iacoucci/Mario Vinciguerra - Tangenziale Sud A2. Vittorio Impiglia - Riviera Di Ponente A3. Mario Molino/Elvio Monti - First Sound A4. Bruno Battisti D'Amario - Piper Blues A5. Franco Tamponi - Rotatory Motion A6. Gerardo Iacoucci - Sabbie D'Oro A7. Amedeo Tommasi – Capricorno A8. Antonio Riccardo Luciani - Round And Round B1. Amedeo Tommasi - Noi Giovani B2. Alessandro Alessandroni - North Wind B3. Leopoldo Perez-Bonsignore/Mario Pagano – Beatnik B4. Giovanni Ferroni - Chitarre Hippies B5. Enzo Scoppa - Hot Pants (previously unreleased) B6. Leopoldo Perez-Bonsignore – Carosello B7. Stelio Subelli – Quadrante B8. Fernando Marucci/Paolo Ferrara/Massimo Di Cicco - Foresta Indiana.
Euro
12,00
codice 3023265
scheda
Aa.vv. (soundtrack)    Criminale vol. 4, violenza!
Lp+cd [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  penny 
soundtracks
Vinile da 140 grammi, copertina lucida, fascetta esterna con note e supporto per la versione in cd dell'album, qui inclusa, catalogo PNY4511LPC. Pubblicato nel 2015 dalla Penny, questo e' il quarto volume di una serie di raccolte che ripescano brani tratti dal vasto catalogo della storica label italiana Flipper Music e delle sue sottoetichette: la Flipper Music pubblica dalla fine degli anni '70 rari dischi afferenti principalmente all'ambito delle colonne sonore televisive. La serie ''Criminale'' ripropone estratti dal quel vasto catalogo con particolare attenzione agli anni '70, facendo riemergere oscuri pezzi musicali (fra post psichedelia, funk rock, tastiere da horror) che riportano alla luce il lato piu' bizzarro di quel decennio, carico di tensioni ma anche di sviluppi culturali nel nostro paese. Questa la scaletta, che in questo caso include anche QUATTRO BRANI INEDITI: A1 Daniela Casa "Contestation" (Previously Unreleased), A2 Remigio Ducros "Baterasso" (Previously Unreleased), A3 Piero Montanari "Lupin", Paolo Ferrara, Massimo Di Cicco "Metal", Stelvio Cipriani "Danger Flight Slow", F. Tamponi, Stefano Torossi, Sandro Brugnolini, Marcello Catalano "Fuorilegge", Gerardo Iacoucci "Violenza", Stellio Subelli "Diatomea", Joel V.D.B. "Hertz Blues", B1 Nino Rapicavoli "Dispersione", B2 Enzo Scoppa "Raggio Zero" (Previously Unreleased), B3 Remigio Ducros "Canottaggio", B4 Massimo Catalano, Remigio Ducros "Lunedi Ore 7.45", B5 Daniela Casa "N' 1 Chitarra (Previously Unreleased)", Paolo Ferrara "Afrotheme", B7 Stelvio Cipriani "Alligator Terror", B8 Piero Montanari "Saigon Night", B9 Alessandro Alessandroni "Tea Room".
Euro
12,00
codice 3023271
scheda
Accept    Balls to the wall (ltd. silver-metal vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  music on vinyl 
heavy metal
ristampa del 2019 in vinile 180 grammi per audiofili, EDIZIONE LIMITATA IN 3000 COPIE NUMERATE, IN VINILE argento metallizzato, copertina lucida pressoche' identica a quella della prima tiratura, corredata di booklet di 4 pagine con foto e testi. Pubblicato nel dicembre del 1983 dalla RCA in Germania e dalla Portrait nel Regno Unito, dove non entrò in classifica, uscito negli USA solo nel 1984, ed ivi giunto al 74esimo posto in classifica, il quinto album in studio, successivo a ''Restless and wild'' (1982) e precedente ''Metal heart'' (1985). Il metal anthemico e da stadio degli Accept era forse al culmine, con un sound chitarristico denso, potente ed aggressivo il quale, insieme al timbro vocale ed allo stile graffiante di Udo Dirkschneider, suggerisce affinità con i grandi AC/DC di epoca Bon Scott; solo una parte dei brani presenta ritmiche tirate e martellanti, mentre molti episodi, a partire dall'anthemica title track (in cui il gruppo intona anche un curioso canto funebre o liturgico a un certo punto), sono più vicini al mid tempo. Gli Accept sono una band heavy metal tedesca nativa della città di Solingen, fondata negli anni '70 dal cantante e leader Udo Dirkschneider, dotato di una immensa estensione vocale; il gruppo ha avuto un importante ruolo nella nascita dell'heavy metal, dello speed metal e del power metal. Dopo i primi esordi nei locali della propria città e numerosi cambi di formazione che portarono il gruppo gradualmente ad avere una propria identità compositiva, gli Accept furono contattati da un etichetta discografica che assicurò loro un contratto e la partecipazione al leggendario festival tedesco Rock am Rhein. Pochi mesi dopo l'apparizione al festival, i giovani Accept riuscirono a mettere insieme un buon numero di tracce per l'uscita del primo omonimo lp (1979), che lasciava intravedere le potenzialità del gruppo, basate sull'incredibile capacità di Udo Dirkschneider e su di una base musicale aggressiva e brutale, inedita per quegli anni. Gli Accept sono considerati leggende della scena heavy metal dei primi anni '80, definiti dalla critica americana come la più grande metal band tedesca dopo gli Scorpions. Finita la parabola artistica degli Accept, Udo Dirkschneider ha continuato una propria carriera solista costellata di grandi successi nell'ambiente heavy ed è considerato figura carismatica anche fuori della terra teutonica.
Euro
25,00
codice 3023319
scheda
Agitation free    Last (original artwork)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  wah wah 
rock 60-70
ristampa del 2018, limitata in 500 copie, copertina pressoche' identica a quella della originaria rara tiratura uscita in Francia su Barclay, e corredata di esclusivo inserto con foto e note. Originariamente pubblicato nel 1976 dalla Barclay solo in Francia, il terzo raro album, successivo a ''2nd'' (1973). Uscito postumo, ''Last'' contiene tre lunghi brani: i primi due, ''Soundpool'' e ''Laila II'', vennero registrati dal vivo nel marzo del 1973, con il chitarrista Jorg Schwenke ancora in formazione, e sono efficaci testimonianze del loro space rock dagli spunti pinkfloydiani, con lunghi assoli di chitarra acida e magistrali tappeti sonori di organo e synth; il terzo brano ''Looping IV'' fu inciso in studio nel febbraio del 1974, ed e' pura musica cosmica, rarefatta e distesa, sullo stile dei Tangerine Dream del 1971/73 e degli Ash Ra Tempel meno rockeggianti. Gli Agitation Free sono stati senza dubbio uno dei piu' importanti gruppi della musica cosmica tedesca ed in particolare della scena berlinese. Il loro primo leggendario album ''Malesch'' (1972) e' un capolavoro senza tempo del cosmic sound teutonico, sicuramente uno dei cinque dischi piu' belli di sempre della musica tedesca: fu registrato da Lutz Ulbrich, Jorg Schwenke, Burghard Rausch, Uli Pop, Michael Hoenig, Michael Gunther e Peter Michael Hamel, e presenta un mix di cosmic sound, musica orientale, psichedelia davvero senza termini di paragone. Il disco fu registrato parte in Germania e parte in Egitto, Libano, Giordania e grecia durante il tour che la band di Berlino (formata nel 1967) effettuo' nel 1972, e fu purtroppo anche l'unico lavoro a vedere la partecipazione di Jorg Schwenke, che lascio' il gruppo nel marzo del 1973. Il secondo lp ''2nd'' (1973) e' un disco assai diverso da "Malesch", e per molti non inferiore, con una musica piu' meditativa e sofisticata, con ampio uso di effetti, l'elettronica ed il jazz che fanno capolino, senza rinunciare ad efficaci esplosioni elettriche, che purtroppo pero' fu da preludio allo scioglimento del gruppo, verso la fine del 1974. Un terzo album, ''Last'' usci' postumo solo in Francia nel 1976, con materiale registrato nel 1973/74.
Euro
27,00
codice 2089351
scheda
Aitken laurel    Says fire
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  black butcher classics 
reggae
Ristampa del 2014 ad opera della Black Butcher Classics, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1969 dalla Doctor Bird nel Regno Unito, il secondo album solista, successivo a "Ska with laurel" e precedente "The high priest of reggae" (1970). Composto in buona parte da brani scirtti da Aitken, accanto ad una manciata di cover, fra cui il classico soul di "If you need me" di Wilson Pickett, e "Quando quando" (!) di Tony Renis, "Says fire" raccoglie allora recenti singoli e nuovi brani inediti di Aitken, una autentica festa al confine fra ska, rocksteady ed il primo reggae. Questa la scaletta: "Fire", "Worried over me", "Halfway to paradise", "Coconut", "Quando quando", "If you need me", "La la la", "Rice and peas", "Stand by me", "Sunnyside", "Mr. Lee", "Gonna get married". Pioniere per vocazione, Laurel Aitken infilò, tra il '58 ed il '60, due mosse decisive per quello che sarà in seguito lo sviluppo della scena reggae: l'incisione, agli ordini di Chris Blackwell, di ''Booggie in my bones" che, nel '58, fruttò a lui la fama in Giamaica e a Blackwell il capitale ed il coraggio per intraprendere l'avventura Island; ed il fatto di essere il primo dei cantanti giamaicani apprezzati nel Regno Unito, grazie al fatto che si recò in Inghilterra fino dal 1960. Molto conteso tra i produttori, Aitken disseminava il mercato di dischi, attraversando gli stili ska, blue beat e rocksteady. Molto popolare tra gli skinhead inglesi, produttore e talent scout di buona fama sul mercato britannico. Col reggae ha avuto minor fortuna, ma il revival ska di fine '80 lo ha di nuovo visto protagonista.
Euro
15,00
codice 3512543
scheda
Allah-las    Lahs (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  mexican summer 
indie 2000
edizione limitata in vinile arancio, coupon per download, adesivo su cellophane.Dopo la breve (e ottima) parentesi da solista di Pedrum Siadatian a nome PAINT, tornano i californiani Allah-Las con "LAHS" (2019), quarto disco in studio della formazione di Los Angeles e prova della maturità della band, capace finalmente di scrivere e produrre canzoni completamente a fuoco, in bilico tra pop, psichedelia, surf rock, tropicalismo. Allah-Las, quartetto di Los Angeles, autore di un suono garage surf derivativo della West Coast, fra il jangle pisichedelico alla Byrds e il surf pop dei Beach Boys, vicino anche al Paesley Underground. Ha all'attivo quattro dischi in studio: l'omonimo "Allah-Las" (2012), "Worship the Sun" (2014), "Calico Review" (2016) e "LAHS" (2019).
Euro
27,00
codice 2089320
scheda
Allin g.g.    always was is and always shall be
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  orange 
punk new wave
ristampa pressocche' identica alla prima tiratura, copertina senza barcode, etichetta nera con scritte e logo bianchi, del primo bellissimo e misconosciuto album, oggi molto raro nella sua originale stampa su Orange risalente all' agosto del 1980, del leggendario ed oltraggioso personaggio, manifesto vivente (almeno fin quando un' overdose non se lo e' portato via nel 1993, da quel momento manifesto e basta) del punk rock americano piu' devastante e devastato, estremista fino all' autoimmolazione, votato al superamento di ogni limite immaginabile dell' oscenita' nel rock'n'roll, come i testi dei suoi brani (sin dai titoli) e le cronache dei suoi concerti dimostrano ampiamente. Ricordato per motivi per solito extra musicali, ha anche occasionalmente inciso qualche buon disco; tra tutti questo e' quello forse migliore, originariamente pubblicato dalla piccola Orange di David Peel (edizione a dir poco introvabile), altro newyorkese che in termini di provocazione non scherzava affatto, e qui ospite alla voce. Alcuni brani sono sotituiti rispetto a quella versione, qui si arriva ad un totale di bel 21 tracce, eccellente esempio di grezzo e viscerale, sferragliante punk rock fatto di pochi accordi e decisamente ancora legato alla miglior tradizione del punk newyorkese, profondamente e sostanzialmente legata al r'n'roll ed al garage punk, quella che oltre ai Ramones (omaggiati da una versione dal vivo di "Blitzkrieg Bop") va ascritta a New York Dolls, Heartbreakers e Dictators, ovviamente con una carica anfetaminica maggiore. Uno dei pochi dischi di Allin da consigliare indipendentemente dalla simpatia/antipatia per il personaggio.
Euro
16,00
codice 2089352
scheda
Alphataurus    alphataurus
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1973  ams 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura pubblicata in Italia nel 1973 su Magma e valutata ora oltre 500 euro, vinile pesante, copertina lucida apribile in tre senza codice a barre, etichetta grigia custom. Gli Alphataurus furono uno dei migliori gruppi progressive Italiani degli anni '70, il loro stile e' simile agli Emerson, Lake and Palmer, Van der Graaf Generator o King Crimson del periodo 1969-1971, ma con una groove tipicamente mediterranea, musicalmente il disco vede partiture tra musica da camera, Jazz, Heavy progressive, la voce del cantante, Michele Bovaro, si puo' paragonare a quella di David Byron degli Uriah Heep per lo stile e la potenza, senza le caratterizzazioni heavy metal dell'Inglese. Dei 5 brani dell'album tre sono lunghi oltre 9 minuti, tra di esse spicca '"eccato d'orgoglio'', di oltre 11 minuti. Il gruppo fu vittima della poca visibilita' e dell'assenza di promozione e si sciolse durante le registrazioni del secondo album nel 1974, poi pubblicato postumo nel 1993 in CD con il titolo ''Dentro l'uragano''.
Euro
27,00
codice 2089264
scheda
LP2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2019  smithsonian folkways 
classica cont.
Edizione limitata, vinile doppio pesante, copertina apribile, inserto, label nera con scritte bianche e logo Smithsonian Folkways bianco in basso, ma con scritte di indicazione della facciata di colore diverso su ciascuna delle quattro etichette, catalogo SFWLP40583. Pubblicato nel settembre del 2019 dalla Smithsonian Folkways, l'atteso album frutto della collaborazione fra Laurie Anderson (voce narrante, violino), il multistrumentista tibetano Tenzin Choegyal (canto, lingbu – flauto di bambù tibetano, dranyen – strumento a corde tibetano, campane tibetane, gong) e la figlia di Patti Smith, Jesse Paris Smith (pianoforte, campane di cristallo, gong), coadiuvati in queste sessioni da Rubin Kodheli (violoncello) e Shahzad Ismaily (percussioni). Opera ispirata al libro tibetano dei morti, "Songs from the bardo" ha avuto una lunga genesi, iniziata nel 2008 con la collaborazione fra Jesse Paris Smith e Tenzin Choegyal, i quali reclutarono poi Laurie Anderson, in particolare per la recitazione delle parti narrative. Alcuni anni dopo, queste musiche furono presentate dal vivo in una performance del 2015, e poi incise in studio nella versione che ascoltiamo in questo doppio lp. Siamo di fronte ad una magistrale sintesi fra letteratura, minimalismo, musica rituale tibetana, atmosfere ora di distesa e contemplativa spiritualità, ora percorse da un'ombrosa vena mistica alimentata da sonorità ispirate dalla musica sacra tibetana ed asiatica ed al tempo stesso dalla musica occidentale d'avanguardia. Attiva su più fronti artistici e già autrice di un singolo nel 1977, Laurie Anderson fu messa sotto contratto sul finire del 1981 dalla Warner Bros che ebbe la capacità di intuire che il brano che un singolo pubblicato in sordina nell'underground newyorchese nel settembre del 1981 nascondeva un potenziale commerciale inedito per la musica dell'artista: si trattava della celebre e splendida "O Superman", che ripubblicata dalla Warner Bros giunse incredibilmente al secondo posto delle classifiche inglesi; ma la Anderson iniziò la sua carriera già nei primi anni settanta con performance bizzarre, che rielaborano in modo originale le forme della musica minimale, nascono così progetti audaci come "Automotive" (concerto per automobili del 1972), "Duets on Ice" (messo in scena a New York nel 1974), "Songs and Stories for the Insomniac" (presentato all'Artist Space di New York e al Museum of Contemporary Art di Chicago nel 1975) e "The Hand Phone Table" (installazione sonora e visiva, realizzata presso il Projects Gallery di New York nel 1978). In quegli stessi anni, si avvicina ad alcuni musicisti d'avanguardia che si riveleranno poi decisivi per la sua maturazione artistica, da Philip Glass a Brian Eno, da John Cage a Lou Reed. Con il singolo "O Superman" e con l'album "Big Science" Laurie Anderson si impone alla ribalta internazionale conquistando critica e pubblico, merito del suo linguaggio universale, fatto di trovate spettacolari, come l'uso in scena di un violino digitale, e di una ricerca incessante sulla voce. La sua voce, infatti, si trasforma costantemente: filtrata dal vocoder, nascosta da mille effetti, inquietante, oppure semplice ed angelica, è il suo strumento musicale per eccellenza. Negli anni, Laurie Anderson realizza anche diversi video e film, compone colonne sonore per film di Wim Wenders, Jonathan Demme e per balletti tra cui ricordiamo quelli di Trisha Brown e Molissa Fenleyi, oltre a scrivere brani per la National Public Radio, la Bbc e l'Esposizione di Siviglia, nonché diversi pezzi da orchestra. Ma la sua carriera si può leggere anche come un percorso a ritroso: dall'uso della tecnologia alla riscoperta degli strumenti "tradizionali" come le percussioni che sono in particolare al centro delle sue più recenti ricerche.
Euro
45,00
codice 3512555
scheda
Arcade fire    funeral
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2004  rough trade/merge 
indie 2000
Copertina ruvida apribile con fregio argentato in rilievo, piccolo inserto apribile con foto e testi, etichette custom beige e blu. Pubblicato dalla Merge nel Settembre del 2004. L'album di debutto del gruppo di Montreal, Canada, guidato dalla coppia Win Butler-Regine Chassagne, uscito prima di "Neon Bible", disco segnato dalla concomitanza, per alcuni membri della band, di diversi lutti familiari, portera' il gruppo ad ottenere un ampio consenso di critica e pubblico e a condividere le scene con personaggi del calibro di David Bowie, U2. La musica degli Arcade Fire e' un indie-rock con influenze post punk, intenso ed autunnale, contraddistinto da un pathos pervaso di romanticismo e da un suono pieno ed energico, con pianoforte e chitarre distorte in evidenza. Riferimenti a Interpol, Cure, Pixies, Broken Social Scene, Strokes.
Euro
25,00
codice 2089267
scheda
Arctic monkeys    Am
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  domino 
indie 2000
Vinile 180 gr., copertina apribile senza codice a barre con interno nero, corredata da coupon per il download digitale, da inserto con testi, adesivo di presentazione su cellophane, etichetta nera con scritte bianche sul primo lato, nera con disegno bianco sul secondo, Lp pubblicato dalla Domino nel settembre 2013, dopo "Suck and see" (11), il quinto album del gruppo inglese, giunto allaposizione n.1 delle charts britanniche. Prodotto, come altri, da James Ford (batterista dei Last Puppets Show, nonche' fondatore dei Simian) e da Ross Orton, "Am" si muove fra plurime derivazioni del rock: hard, blues, psichedelia, rock desertico, soul e hip hop, con piano e drum machine a supportare l'impianto sonico, in un rock elegante e magnetico, fondamentalmente inglese nel dna, (frequenti i rimandi a Smiths e Lennon, ma anche, come dichiarato dallo stesso Turner, Outcast e anche Black Sabbath), ma con suoni piu' cupi, moderni, carichi di tensione e disillusione. Partecipano come ospiti Josh Homme (QTSA), Pete Thomas (Elvis Costello, Tom Waits) e Bill Ryder-Jones (Coral). Gruppo inglese di Sheffield attivo dal 2002 e cresciuto di popolarita' grazie al passaparola nell'universo dei blog di internet, poi scritturati dalla Domino, gli Arctic Monkeys esplodono gia' con il primo singolo, "I bet you look good on the dancefloor", divenuto un successone, apparso su molte playlist. L'album ''Whatever people say I am, that's what I'm not'' (2006) ha raggiunto il primo posto delle classifiche inglesi, anche grazie all'espressivita' delle liriche, in cui si delineano personaggi e racconti di vita quotidiana di teenagers della working class, che gli estimatori del gruppo paragonano ai testi di Smiths, Felt, Specials e Streets. molto del fascino degli Arctic Monkeys risiede nello stile risoluto del cantante Alex Turner, supportato adeguatamente da una strumentazione ridotta all'osso dalle sonorita' scarne e dinamiche. la musica del gruppo, un indie pop chitarristico/melodico con influssi ska, e' pervasa da un'atmosfera immediata e fresca, come se fosse stata registrata in presa diretta e senza sovra incisioni. gli iniziali e naturali riferimenti a Coral, Strokes, si aprano, soprattutto in "Humbug" del 2009 e "Suck and see", del giugno 11, ad elementi rock piu' tirati, quasi stoner.
Euro
26,00
codice 2089347
scheda
Arctic monkeys    Crying lightning
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  2009  domino 
indie 2000
ristampa del 2019. Sul retro l'inedita cover di Nick Cave "red right hand", all'interno coupon per scaricare mp3, etichetta nera scritte bianche e custom su un lato. Primo singolo tratto da 'Humbug'', il terzo album degli Arctic Monkeys, uscito dopo ''Favourite worst nightmare'' (2007). Il gruppo inglese si fa qui produrre dall'americano Josh Homme (Queens Of The Stone Age), per un lavoro guidato da ritmi dinamici che sporadicamente rallentano a sostenere i pochi passaggi rarefatti del disco, a vantaggio di episodi carichi di tensione ritmica ma essenzialmente melodici, oltreche' memori della new wave
Euro
9,00
codice 2089292
scheda
Artwoods    art gallery
lp [edizione] originale  mono  uk  1966  decca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
la leggendaria prima rarissima stampa inglese in mono, copertina laminata sul fronte, pressata da Robert Stace, etichetta Decca rossa con "deep groove", con logo "unboxed", ovvero non in un rettangolo, "Made in England - The Decca Record Co.Ltd." in alto, anno di uscita a sinistra e non in basso, catalogo LK4830, tax code "K/T" a sinistra. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1966, non entrato nelle classifiche inglesi, non pubblicato all'epoca in USA. Il primo album. R&B band Londinese nata nel 1964, con in formazione Arthur Wood (gia' con Blues Incorporated), fratello di Ron, Jon Lord futuro Deep Purple, Keef Hartley (gia' con Rory Storm and the Hurricanes poi con John Mayall ed infine solista), oltre a Derek Griffiths (Mike Cotton Sound, Satisfaction) e Malcolm Pool (Colosseum, Don Partridge Band). Gli Artwoods sono un gruppo storico della prima onda Inglese, che va inserito di diritto tra i massimi esponenti del movimento britannico al pari di Animals, Yardbirds, Rolling Stones, Them, ma con un piglio duro e mod che ricorda ed anticipa per l' energia gli Who, musicalmente proponevano un micidiale r'n'b' con in grande evidenza un potentissimo organo suonato da Jon Lord. Questo loro unico album, ''Art Gallery'' del 1966, insieme ai singoli dal 1964 al 1966 sono da considerarsi senza ombra di dubbio tra i classici assoluti della prima stagione del rock britannico.
Euro
1.200,00
codice 236695
scheda
Baker ginger airforce    ginger baker's air force (1st lp)
lp2 [edizione] originale  stereo  uk  1970  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima molto rara stampa inglese, doppio album con copertina apribile (pressata da E.J. Day Group, come indicato all' interno), etichetta (con piccole scritte a penna biro sul lato 2 e sul lato 3) rossa con scritte nere e logo Polydor nero e bianco in alto, con ''st 33'' in due cerchi a destra, catalogo 2662 001 sulla copertina e 2383-012/013 sui vinili. Pubblicato in Inghilterra nel febbraio del 1970 dopo l' unico album dei Blind Faith ''Blind faith'' e prima di ''Airforce 2'', giunto al numero 37 delle classifiche Uk ed al 33esimo posto di quelle Usa dove usci' nel maggio dello stesso anno. Il primo lavoro a nome Ginger Baker's Air Force, registrato live, con in formazione oltre a Baker anche Graham Bond al sax, Rich Grech dei Family al basso, Danny Laine (degli Small Faces) alla chitarra, Harold McNair al sax, Remi Kabaka alle percussioni e la partecipazione di Steve Winwood, Chris Wood, Phil Seaman e Bud Beadle. Gli Airforce furono una band altamente innovativa ed allo stesso tempo spettacolare; suonavano una miscela di blues, progressive, con influenze soul, jazz e dominata dalle percussioni, si esibivano solitamente con tre batteristi. Questo loro debutto fu registrato live alla Royal Albert Hall nel gennaio del 1970 di fronte ad un pubblico stupito che vedeva il flauto suonato insieme alle percussioni africane su un tappeto jazz e R&B... Fu solo il secondo concerto del gruppo, che suona pero' gia' con straordinaria amalgama ed efficacia. 5 delle 8 tracce durano piu' di 10 minuti, la versione che danno del classico dei Cream "Toad" e quella di "Man of Constant Sorrow" lo rendono un lavoro eccezionale ed evocativo, tra i primi che riuscirono a mischiare coerentemente jazz-rock, Afro-fusion, blues-rock, il tutto al servizio del tappeto percussivo mantrico e tribale che rende questa incarnazione di Baker assolutamente speciale.
Euro
90,00
codice 244490
scheda
Barkmarket    Easy listening record (+promo photo!)
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1989  brake out 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
COPIA CORREDATA DI FOTO PROMOZIONALE DEL GRUPPO (realizzata dalla Play It Again Sam nel 1996), prima stampa europea di pressaggio tedesco, copertina senza barcode, inserto con testi e artwork, label gialla e nera con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo OUT101 sulla costola. Pubblicato nel 1989 dalla Purge/Sound League negli USA e nel febbraio del 1990 dalla Brake Out in Europa, il secondo album, successivo a ''1-899-godhouse'' (1988) e precedente ''Vegas throat'' (1990). Il gruppo americano si lancia in uno psicotico noise rock nel quale confluiscono influenze dei texani Butthole Surfers, del feroce indie rock della Chicago anni '80 e della scena underground newyorchese dello stesso decennio (Sonic Youth, Swans, Live Skull). Ritmi sconclusionati, basso rimbombante quanto a-ritmico, chitarre lancinanti e vocalizzi graffianti fanno di questo album un classico esempio del rock alternativo americano piu' autentico, per quanto ostico da ascoltare. Questa cult band newyorchese, difficile da etichettare ma spesso accostata al noise rock, venne formata nel 1987 dal cantante e chitarrista Dave Sardy con il bassista John Nowlin e con il batterista Rock Savage. Gruppo agli esordi incompromissorio e stordente, esordirono con l'album autoprodotto ''1-899-godhouse'' (1988), seguito nel 1989 da ''Easy listening record'', quindi furono notati dalla American Recordings di Rick Rubin, che ne pubblico' i successivi lp fra il 1993 ed il 1996; il gruppo si sciolse intorno al 1997, quando la carriera di produttore e di ingegnere del suono di Sardy prese il sopravvento su quella di musicista.
Euro
23,00
codice 323168
scheda
Bathory    bathory
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1984  black mark 
heavy metal
Ristampa rimasterizzata, corredata di inserto con testi, copertina nella versione con caprone sul fronte in colore bianco (la prima e rarissima versione del disco sull' etichetta svedese Black Mark aveva il caprone in giallo). Pubblicato nel 1984 in Svezia su Black Mark, ed in Inghilterra su Under One Flag, prima di "The return of darkness & Evil" (85), il primo storico album della band scandinava, definito da molti come il primo album di "black metal", con il gruppo che non si limita a muoversi attraverso territori dove le tematiche sataniche sono evidetemente di casa, ma arricchisce il consueto immaginario esoterico tipico di un certo filone del metal con elementi attinti dagli antichi miti pagani scandinavi. Un esordio grezzo ma gia' riuscito e di rilevanza storica notevolissima, come gia' evidenziato. I Bathory si formano nel 1983 in Svezia grazie a Thomas Forsberg, polistrumentista conosciuto con il nome di Quorthon; pubblicano il primo album omonimo un anno dopo, a cui segue "The return of darkes & evil". Il terzo Š "Under the sign of black mark", dove ha inizio l'evoluzione che porter… la band ad essere considerata uno dei primi esempi di viking metal. Nel 88 esce " Blood fire death" ma la svolta definitiva avviene con "Hammerheart" nel 90, in cui Quorthon accantona il satanismo a favore della mitologia nordica e vichinga. Nel 94 Š la volta del trash metal di "Requiem", a cui succede "Blood on ice", "Nordland I" e "Nordland II"; nel 2004 Quorthon muore per un attacco cardiaco e il progetto termina.
Euro
24,00
codice 2089354
scheda
Battiato franco    Fleurs 1, 3, 2 (3lp box)
LP3 [edizione] nuovo  stereo  eu  1999  universal 
cantautori
Box di 3 lp, in vinile 180 grammi, EDIZIONE LIMITATA DI 1499 COPIE, NUMERATE sul retro, tramite piccolo adesivo, realizzata nel novembre del 2019. Contiene i tre volumi del progetto "Fleurs", di cui "Fleurs 2" per la prima volta pubblicato in vinile in questa occasione. Descrizione completa a seguire.
Euro
78,00
codice 2089322
scheda
Beatles    singles collection (23 singles box + booklet)
7"BOX [edizione] nuovo  stereo  ger  1962  apple / universal 
rock 60-70
box di 23 singoli, copertina in cartone rigido, con apertura per il disco a destra; pubblicato nel novembre del 2019, contiene 23 singoli, con contenuto rimasterizzato presso gli Abbey Road Studios dai master tapes originali, negli originali mix mono o stereo, piu' un booklet esclusivo di 40 pagine. Ci sono tutti i 22 singoli pubblicati in Uk dalla band tra il 1962 ed il 1970, tutti forniti di picture sleeves scelte tra quelle di cui furono forniti gli stessi singoli nelle loro pubblicazioni nei vari paesi del globo (per solito in Inghilterra ed in Usa all' epoca i singoli venivano posti in vendita senza picture sleeve). Ai 22 singoli si aggiunge inoltre un "double A-side single" con "Free As A Bird" su un lato (singolo pubblicato per la prima volta nel 1995, precedentemente inedito) e "Real Love" sull' altro lato (pubblicata su singolo nel 1996, all' epoca inedita ma pubblicata anche su "Anthology 2"). Questa la lista dei singoli contenuti: Love Me Do / P. S. I Love You (copertina americana), I Want To Hold Your Hand / This Boy (copertina cilena), She Loves You / I’ll Get You (copertina greca), Please Please Me / Ask Me Why (copertina italiana), From Me To You / Thank You Girl (copertina norvegese), Can’t Buy Me Love / You Can’t Do That (copertina austriaca), A Hard Day’s Night / Things We Said Today (copertina olandese), I Feel Fine / She’s A Woman (copertina svedese), We Can Work It Out / Day Tripper (copertina francese), Help! / I’m Down (copertina belga), Ticket To Ride / Yes It Is (copertina spagnola), Eleanor Rigby / Yellow Submarine (copertina argentina), Paperback Writer / Rain (copertina turca), Strawberry Fields Forever / Penny Lane (copertina australiana), Hello, Goodbye / I Am The Walrus (copertina messicana), All You Need Is Love / Baby, You’re A Rich Man (copertina tedesca), Lady Madonna / The Inner Light (copertina giapponese), Hey Jude / Revolution (copertina sudafricana), Get Back / Don’t Let Me Down (copertina danese), Something / Come Together (copertina israeliana), The Ballad Of John And Yoko / Old Brown Shoe (copertina portoghese), Let It Be / You Know My Name (Look Up The Number) (copertina inglese), Free As A Bird [1995] / Real Love [1996].
Euro
220,00
codice 3023295
scheda
Beck    Hyperspace
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  capitol 
indie 90
vinile 180 grammi, coupon per download, copertina apribile. "Hyperspace" (2019), quattordicesimo album in studio di Beck, è la diretta conseguenza della continua ricerca creativa del musicista americano. Questa volta, collaborando con Pharrell Williams (ben sette brani prodotti e scritti insieme), Greg Kurstin, Paul Epworth, Terrell Hines, Cole M.G.N. e tanti altri, ha creato il suo album retrofuturista, in bilico tra synth pop, dream pop, r'n'b, electropop e vaporwave. Beck, uno tra i più importanti esponenti della musica underground americana degli anni '90, è influenzato in gioventù sia dal blues rurale di Leadbelly e Mississippi John Hurt che dal noise e dallo hardcore; dopo alcuni anni trascorsi a New York, nel 1991 torna a Los Angeles, sua città natale, dove registra un 7" in 500 copie, "Loser", che diviene l'inno della generazione x, con enorme successo in tutti gli USA. Reclutato dalla Geffen, da qui in poi ogni suo nuovo album è un avvenimento internazionale, grazie ad un caleidoscopio sonoro in cui si intrecciano folk, noise, hip hop, psichedelia, tropicalia e pop. Album come "Odelay" del 1996 e "Sea changes" del 2002, sono fra i più acclamati e popolari dell'intera discografia.
Euro
27,00
codice 2089424
scheda
Beck    Hyperspace (indie exclusive color)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  capitol 
indie 90
edizione limitata "indie exclusive" in vinile colorato, argento, coupon per download, copertina apribile. "Hyperspace" (2019), quattordicesimo album in studio di Beck, è la diretta conseguenza della continua ricerca creativa del musicista americano. Questa volta, collaborando con Pharrell Williams (ben sette brani prodotti e scritti insieme), Greg Kurstin, Paul Epworth, Terrell Hines, Cole M.G.N. e tanti altri, ha creato il suo album retrofuturista, in bilico tra synth pop, dream pop, r'n'b, electropop e vaporwave. Beck, uno tra i più importanti esponenti della musica underground americana degli anni '90, è influenzato in gioventù sia dal blues rurale di Leadbelly e Mississippi John Hurt che dal noise e dallo hardcore; dopo alcuni anni trascorsi a New York, nel 1991 torna a Los Angeles, sua città natale, dove registra un 7" in 500 copie, "Loser", che diviene l'inno della generazione x, con enorme successo in tutti gli USA. Reclutato dalla Geffen, da qui in poi ogni suo nuovo album è un avvenimento internazionale, grazie ad un caleidoscopio sonoro in cui si intrecciano folk, noise, hip hop, psichedelia, tropicalia e pop. Album come "Odelay" del 1996 e "Sea changes" del 2002, sono fra i più acclamati e popolari dell'intera discografia.
Euro
34,00
codice 2089398
scheda
Beck jeff group    Live on air 1967 (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  london calling 
rock 60-70
Edizione in vinile nero, da 180 grammi, inserto con note e foto, label custom fotografica a colori, catalogo LCLP5004. Pubblicato nel 2018 dalla London Calling, questo album contiene registrazioni radiofoniche dal vivo effettuate dal Jeff Beck Group per i programmi britannici Saturday Club e Top Gear nel corso del 1967. Dopo l'uscita dagli Yardbirds, Beck aveva formato all'inizio del 1967 il suo nuovo gruppo, che aveva in formazione talenti come Rod Stewart e Ron Wood (e poi anche il batterista Ansley Dunbar); nel marzo di quell'anno il primo singolo del Jeff Beck Group, ''Hi ho silver lining'', ebbe un notevole successo, giungendo al 14esimo posto in classifica nel Regno Unito, e proprio in quel mese Beck ed i suoi effettuarono la loro prima sessione per la BBC, registrata il 7 e trasmessa il 18 da Saturday Club. Seguirono altre due sessioni nel corso dell'anno, il 4 luglio ed il primo di novembre, qui tutte raccolte in ordine cronologico. Un ecellente compendio ai primi due magnifici album del gruppo, con elettrizzanti parti chitarristiche beckiane e la consueta energia del cantante Stewart. Questa la scaletta: Side One March 7th 1967 - Saturday Club Broadcast March 18th 1967 with Rod Stewart, Ronnie Wood, Mickey Waller, Dave Ambrose: 1. I Ain't Superstitious 2. Beck Interview 3. Hi Ho Silver Lining 4. I'm Losing You 5. Let Me Love You 6. Stone Cold Crazy; Side Two July 4th 1967 - Saturday Club Broadcast July 8th 1967 with Rod Stewart, Ronnie Wood, Aynsley Dunbar: 1. Rock My Plimsoul 2. Tallyman; November 1st 1967 - Top Gear Broadcast November 5th 1967 with Rod Stewart, Ronnie Wood, Mickey Waller: 3. I Ain't Superstitious 4. Beck's Bolero 5. You'll Never Get To Heaven 6. You Shook Me 7. Loving You Is Sweeter Than Ever.
Euro
22,00
codice 3023315
scheda
Big thief    Masterpiece
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2016  saddle creek 
indie 2000
coupon per download, copertina apribile. l'album di debutto della band, I Big Thief sono un gruppo indie rock americano dalle forti venature folk, di stanza a New York. La line up della band è formata da Adrianne Lenker (chitarra, voce), Buck Meek (chitarra, voce di accompagnamento), Max Oleartchik (basso) e James Krivchenia (batteria). Il primo album della band, "Masterpiece", è stato pubblicato dalla Saddle Creek Records il 27 maggio 2016, seguito da "Capacity" nel 2017 e da "U.F.O.F." e "Two Hands" nel 2019. La proposta musicale della band, capitanata da Adrianne Lenker si caratterizza per la capacità di mettere sullo stesso piano l’intimismo cantautoriale, folk e melodie chitarristiche da gruppo rock.
Euro
30,00
codice 2089411
scheda

Page: 1 of 13

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 13  ---»
Pag.: oggetti: