Hai cercato:  immessi ultimi 15 giorni --- Titoli trovati: : 315
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Aa. vv. (Acth, Birdy hop) Punto zero n.15 (+ toast records magazine)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1994  toast 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia corredata di un piccolo booklet-magazine della Toast Records, di otto pagine, risalente appunto al 1994, con foto di Iguana dei Fleurs Du Mal sulla copertina, l' originale stampa del N.15 della serie Punto Zero, edito dalla Toast nell'inverno 1993/94, audiorivista concepita da Giulio Tedeschi e diretta da Silvano Bini, copertitina senza barcode, in cartoncino leggero e ripiegata in tre attorno al disco, con notizie, articoli, recensioni di dischi e concerti, etichetta nera con scritte argento. Lp compilation di musica underground italiana, con inserto formato 7" apribile con ulteriori recensioni live, dischi e video, che raccoglie e documenta gli impulsi e i suoni della scena italiana dei prima anni novanta, utilizzando come sempre brani almeno in gran parte inediti altrove. Ecco l'elenco dei brani e relativi gruppi contemplati, con la prima facciata dedicata a gruppi dalle sonorita' spiccatamente blues: lato A: "I still call it the blues", dei torinesi Dario lombardo & the blues gang - "Teardrops from my eyes" di Carla Suppo & blues melodies - "Last night" dei Long Horns, "You Shooke Me", cover da Willie Dixon del Tony D'urso group - la ancora piu' nota "Heartbreak hotel" di Presley riletta dalla Travellin' band - . Lato B: "Che storia strana", dei veronesi ACTH (tra punk rock e melodie 60's, come d' abitudine della band, qui particolarmente "pop")- "Chin sas armas o chin sas rosas" dei sardi Kenze neke - "Tears wash the pain", bella ballata elettroacustica dei redivivi pugliesi Birdy hop (autori nel 1990 di un buon minalbum, ("Welcome To The Insanity Ride"), - "Ma poi non arrivi mai" di Davide Riccio & Carlo Actis Dato. Una vera e propria fanzine sonora, punto di riferimento della 'resistenza' indipendente torinese ed italiana e maggior archivio della musica underground italiana a cavallo fra gli anni 80 e i 90, nasce nel 1990 e termina nel 1996 dopo 25 numeri e piu' di 200 gruppi presentati.
Euro
20,00
codice 17963
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Circles end vol. 1 (ltd. numbered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1968  misty lane 
rock 60-70
Edizione limitata a 500 copie numerate a mano sul retro copertina in basso, completa di inserto con note biografiche sugli artisti compilati, label marroncina chiara con scritte nere e logo Misty Lane Records nero in alto, catalogo MISTY075. Pubblicata nel 2018 dalla italiana Misty Lane, questa antologia contiene diciotto rari brani, molti finora mai compilati, tratti principalmente da 45 giri usciti fra il 1968 ed il 1973; il filo conduttore è quello di artisti olandesi (ma anche alcuni anglosassoni) che in questi brani propongono varie sfumature di musica pop, dal folk pop a quello con venature jazzate od orchestrali, che potranno stuzzicare l'interesse soprattutto di chi ama il pop britannico autunnale e delicato (come "Angela grey" degli Opus, dagli echi donovaniani, gli intrecci folk barocchi e dai rimandi vagamente kinksiani di "You kissed me with a smile" dei Dutch Spring). Un pop non sempre zuccherino ed indirizzato al mainstream, come testimonia il brano che dà il titolo alla raccolta, l'eterea ballata acustica di folk sognante e dai richiami psichedelici "Circle's end" di Jon Wyce, un cantauore inglese stabilitosi ad Amsterdam nei primi anni '70, o la bella ballata folk pop elettroacustica "You came to see me" dei Justice, da Rotterdam, o ancora l'autunnale folk rock "Maybe it's too late tomorrow" di Richard Neal (vero nome Frans Bronzwaer), che richiama i Fairport Convention. Questa la scaletta: John Prins, "I Told Her" (1968); Linda Christine, "Feeling Awful Cold Today" (1970); Alderman, "String Lady" (1971); Alligator, "Free In B" (1971); Justice, "You Came To See Me" (1971); Lloyd Watson, "Lady In The Morning" (1972); Fon Klement, "The Sun" (1972); Double You, "Wild Flowers" (1973); Jon Wyce, "Circle's End" (1973); Opus, "Angela Grey" (1970); Mystical Brotherhood, "Tuesday Afternoon" (1970); Jumbo, "I Want You" (1971); Richard Neal, "Maybe It's Too Late Tomorrow" (1971); The Marigold, "Edwin" (1971); Kenney And Pete, "I Need You" (1972); Dutch Spring, "You Kissed Me With A Smile" (1972); Judith Angela, "A Day Begins" (1973); Amsterdam, "No One Really Cares" (1973).
Euro
23,00
codice 3513800
scheda
Aa.vv. (soul / funky) birth of funk - low down and dirty
lp [edizione] nuovo  mono  uk  1963  history of soul 
soul funky disco
copertina lucida sul fronte, flipback su due lati sul retro. Pubblicato nel luglio del 2015, questo bellissimo album contiene quindici brani, provenienti perlopiu' da rari singoli pubblicati grossomodo tra il 1959 ed il 1963, davvero alle radici di un suono che, dal r&b e dal soul caratterizzati da una componente ritmica piu' accentuata, arrivava fino alle radici di quello che sara' definito come funk (il cui anno di nascita viene generalmente individuato nel 1965). Un disco di particolare interesse storico, quindi, e ricco di brani oscuri davvero meritevoli di riscoperta. Ecco la lista dei brani contenuti: A1 Yvonne Fair "Say Yeah Yeah", A2 Eddie Bo "Check Mr. Popeye", A3 Spider Johnson "The Popeye", A4 Al Robinson "I'm Leaving You Today", A5 Porgy & The Polka Dots "Say Yeah", A6 Huey "Piano" Smith "Talk To Me Baby", A7 Earl King "Trick Bag" B1 Shirley Raymond "What A Wedding Day" B2 Wilson Pickett "Robert's Monkey Beat", B3 The Turquinettes "Tell Me The Truth" B4 Vernon Harrell "Slick Chick", B5 James Brown "I've Got Money" B6 Bill Doggett "Hold It", B7 Billy Stewart "Fat Boy", B8 Roy Montrell "Mudd".
Euro
19,00
codice 2104432
scheda
Ac/Dc Dirty deeds done dirt cheap
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1976, in vinile 180 g, corredata di inner sleeve a colori con note e foto esclusive, non presenti sull'originale, etichetta nera con scritte bianche e logo "AC/DC" in rosso. Il terzo album uscito originariamente su albert nel 1976 in australia, pubblicato dopo "tnt" e prima di "let there be rock", non entrato nelle classifiche australiane e rimasto inedito in usa fino all'uscita di questa edizione nell'aprile del 1981. composto e suonato da bon scott, angus young, malcom young, mark evans, phil rudd, e' l'ultimo dei lavori del primo periodo, quello antecedente al grande successo internazionale, considerato il loro lavoro piu' duro, fu con questo che grazie al tour inglese del 1976 il gruppo ottenne la popolarita' in europa. contiene rispetto alla stampa australiana i brani ''rocker'' studio version e ''problem child'' . Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
25,00
codice 2104475
scheda
Acqua fragile Mass-media stars (ltd. violet vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  sony / rca 
rock 60-70
ristampa limitata in vinile Viola. con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura su Numero Uno, copertina lucida, completa di inner sleeve con testi, etichetta arancio e nera. Pubblicato nel 1974 dalla Ricordi in Italia, il secondo album, uscito dopo l'eponimo lp d'esordio del 1973. Il gruppo italiano e' qui artefice di sei brani cantati in inglese, come nel primo lp, e si cimenta in un prog rock melodico che mette insieme influenze inglesi, in particolare Genesis e Yes, oltre a sfumature pop in certi punti; indubbiamente un disco particolare nell'ambito del progressivo italiano, sia dal punto di vista stilistico che per l'uso della lingua inglese. Gruppo progressivo formato a Parma nel 1971, che includeva tre ex membri degli sciolti Immortali, gli Acqua fragile erano un quintetto fronteggiato dal cantante Bernardo Lanzetti. Notati dalla PFM e dal loro manager Franco Mamone, suonarono di spalla ad importanti band straniere come Soft Machine e Uriah Heep, e realizzarono due album piuttosto peculiari nell'ambito del prog italiano, principalmente perche' cantati in inglese, ''Acqua fragile'' (1973) e ''Mass media stars'' (1974). Dopo quest'ultimo album, Lanzetti lascio' il gruppo per unirsi alla PFM, e gli Acqua Fragile si sciolsero nel 1975.
Euro
27,00
codice 2104476
scheda
Afghan whigs Up in it (loser edition)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1990  sub pop 
indie 90
Edizione limitata in vinile colorato180 grammi, coupon per download. Il secondo lp del gruppo nato nel 1986 a Denver, Colorado, grazie all'incontro in prigione tra Greg Dulli (voce e chitarra) e Rick McCollum (chitarra); a loro in seguito si uniranno John Curley (basso) e Steve Earle (batteria). Uno dei gruppi piu' famosi del proto-grunge della Sub Pop. Definiti dalla critica statunitense "hard grungy noir-soul". Il disco qui presente è prodotto da Jack Endino, uno dei piu' grandi maestri del tipico grunge-sound di Seattle e costituisce un valido esempio della loro musica, fatta di un suono tipicamente grunge ma anche pieno di influenze country e soul. Una curiosità: Dulli, nel 1994, ha interpretato la parte di John Lennon nella storia di Stuart Sutcliffe, "Backbeat".
Euro
29,00
codice 2104477
scheda
African head charge Churchical chant of the iyabinghi
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  on-u sound 
punk new wave
Copertina ruvida fronte retro, allegato coupon per il download digitale dell'album, completa di inserto apribile formato 2x12" con artwork e lunga intervista al leader del gruppo Bonjo Iyabinghi Noah, label nera e grigia con scritte bianche e logo On-U Sound bianco in basso, catalogo ONULP141. Pubblicato nel marzo del 2020 dalla On-U Sound, questo album è una raccolta di outtakes completamente inediti, risalenti alle sessioni di incisione dei classici album degli African Head Charge "Songs of praise" (1990) e "In pursuit of shashamane land" (1993), tratti dai nastri originali e compilati dall'archivista dell'etichetta Patrick Dokter; una pubblicazione da affiancare all'antologia "The return of the crocodile" del 2016, che compilava incisioni inedite del gruppo risalenti alla prima metà degli anni '80. Questo "Churchical chant" offre brani che somigliano ad esperimenti ancor più immersi nel dub rispetto alle registrazioni edite all'epoca dell'uscita degli album: gli ingredienti sono quelli di voci eteree e dilatate dall'eco, sonorità scarne ed ipnotizzanti di tastiere, fiati, basso e chitarra, spinte da un groove tribale e rituale, non lontano in alcuni brani da una sorta di dub psichedelicizzato. Qui di seguito la scaletta. "Shashamane versions": "Peace and happiness", "Jungle law", "Learned", "One love, one heart (version)", "Pitched fever"; "Dubs of praise": Dervish dub", "Dub some more", "Disciplined and dignified", "Healing father's dub", "Dub for the spirits". Formatosi all'inizio degli anni '80, il collettivo African Head Charge, capitanato dal percussionista Bonjo Iyabinghi Noah, è autore di sonorità psichedeliche e dub che affondano le proprie radici nelle matrici afro musicali e che troveranno completamento nella produzione della On U Sound dell'inossidabile Adrian Sherwood. I loro album sono considerati lavori seminali nel mettere insieme stilemi occidentali come rock, dub con quelli etnici, creando una musica da alcuni definita ''ethno-beat'' e contribuendo al fiorire della world music. Bonjo ha suonato anche nei suoi Noah House Of Dread negli anni '80, quindi si è trasferito in Ghana all'inizio del decennio successivo.
Euro
25,00
codice 3513812
scheda
Afterhours Ballate per piccole iene (vin. rosso)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2005  universal 
indie 90
per la prima volta in vinile, qui in edizione con vinile 180 grammi rosso, stampa del 2019, copertina apribile, inner sleeve. Realizzato con la collaborazione di Greg Dulli (Twilight Singers, Afghan Whigs), che vi suona e partecipa alle composizioni, e' un disco dai toni drammatici e decadenti, che pare ricollegarsi ai progetti del sopracitato Dulli come a quelli di Nick Cave, attraverso brani che alternano passaggi intimisti e rarefatti con epiche esplosioni hard rock. Formazione milanese fra le piu' note del panorama alternativo italiano, gli Afterhours esordiscono nel 1990 con l'album ''During Christine's sleep''. Apprezzate performance dal vivo e svariati lp accrescono la fama della band, che arrivera' poi a collaborare con Greg Dulli ed i suoi Twilight Singers, ed a suonare con questi ultimi in tour internazionali.
Euro
27,00
codice 2104292
scheda
Akron/family Akron/family
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2005  young god 
indie 2000
Inserito dallo staff del Mucchio Selvaggio tra i 50 dischi piu' importanti del folk americano. Vinile doppio, copertina apribile, label custom color crema con bordo verde e disegno al centro, scritte bianche. Pubblicato nel 2005 dalla Young God, questo e' il primo eponimo album degli Akron/Family, precedente a ''Meek warrior'' (2006). Il gruppo newyorchese da' vita in questo sorprendente esordio ad un indie rock originale ed eclettico, in cui musica acustica dai toni talvolta low fi e con reminiscenze di Devendra Banhart si mescola con psichedelia, musica concreta, melodie pop e musica sperimentale. I brani hanno un impianto acustico e delicato, lasciandosi andare talvolta a cascate di rumore e ad acidi crescendo chitarristici, altre volte scivolando nella ambient piu' rareffatta, per poi ritornare verso l'acid folk. Formatisi a New York nel 2002 ad opera di quattro giovani musicisti provenienti da altre zone degli USA, gli Akron/Family si fanno notare da Michael Gira con alcuni demo: l'ex Swans apprezza e pubblica il primo eponimo album del gruppo sulla sua etichetta Young God nel 2005. Poco dopo vede la luce uno split album con gli Angels Of Light e nel 2006 esce il secondo lp ''Meek warrior''. La musica del gruppo, difficilmente definibile, si situa fra psichedelia rarefatta, pop, sperimentazione ed acid folk moderno: alcuni critici hanno fatto accostamenti con Devendra Banhart come con gli Spiritualized, per arrivare a Beatles e Beach Boys.
Euro
29,00
codice 2104306
scheda
All about eve All about eve
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1988  mercury 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia completa di adesivo sul fronte copertina che indica la presenza di alcuni brani, prima stampa inglese, copertina con barcode, inner sleeve in carta dorata con testi, artwork e sagomatura sul lato di apertura, custom label, catalogo MERH119 834260-1. Pubblicato nel febbraio del 1988 dalla Mercury in Gran Bretagna, dove giunse al settimo posto in classifica, e negli USA, il primo eponimo album, precedente ''Scarlet and other stories'' (1989). Prodotto da niente meno che Paul Samwell-Smith, bassista e cofondatore degli Yardbirds negli anni '60 (e poi stimato produttore), l'esordio a 33 giri del gruppo britannico e' un lavoro di confine che intreccia in modo fluido sonorita' folk rock (vedi l'atmosferica interpretazione del traditional ''She moves through the fair'', che ricorda un po' anche certi gruppi sognanti della 4AD), echi vagamente goth rock e carezzevoli melodie pop, il tutto ammantato da atmosfere ora autunnali ora piu' cupamente dark. Gli All About Eve sono stati anticamera di tutte quelle sonorita' e gruppi che oggi attraverso nuova lente rielaborano sonorita' rock e gotiche dominate da chitarre e suadenti melodie. Un affascinante ibrido che la stampa specializzata del periodo defini' come "hippy goth". Prendendo nome da un film di Bette Davis, gli All About Eve si formano a Londra nel 1985 ad opera dall'unione artistica della giornalista musicale Julianne Regan (che aveva collaborato come vocalist con i Mission) e di Tim Bricheno, ex Aemotti Crii e futuro Sisters Of Mercy, dopo i primi singoli prodotti per la propria etichetta Even (con l'appoggio e la produzione di Simon Hinkler e Wayne Hussey dei Mission, insieme anche al compagno Mick Brown che partecipera' attivamente anche se indirettamente alle fasi iniziali del progetto degli All About Eve), il gruppo passera' alla major Mercury che li accompagnera' in tutto il loro percorso artistico.
Euro
20,00
codice 250118
scheda
Almond marc black kiss (picture disc)
7" [edizione] originale  stereo  uk  1998  echo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Singolo in formato 7", edizione limitata in PICTURE DISC, completa della originaria copertina plastificata con largo adesivo con autore, contenuto del disco e barcode, catalogo ECS58. Pubblicato nel novembre 1998, non entrato nelle classifiche inglesi, questo singolo anticipo' l' album "Open All Night" (aprile 1999) dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & the Mambas. Contiene due versioni altrimenti inedite di uno dei brani di quell' album, "Black Kiss", una denominata "Black Kiss (Full Length Version)", mixata da Oscar Paul, e l' altra "Black Kiss (DJ Face Single Mix)".
Euro
8,00
codice 250108
scheda
Alternative tv Was it white and sticky? (ltd.)
12" [edizione] nuovo  stereo  uk  1997  fourth dimension 
punk new wave
Edizione limitata a 300 copie, catalogo FDEP127. Pubblicato nell'agosto del 2021 dalla Fourth Dimension, questo ep è un tributo al recentemente scomparso Genesis P-Orridge, discusso artista e provocatore culturale inglese, fra gli artefici del movimento industrial britannico con i Throbbing Gristle e poi con gli Psychic TV. Contiene tre brani del progetto di Mark Perry Alternative TV, già editi su cd nei tardi anni '90: i quindici minuti di "Alternative TG", una sorta di giocoso medley di tre brani dei Throbbing Gristle, "United", "Discipline" e "Persuasion", originariamente sul cd "Punk life" del 1997, "Oh shit, we fell from grace" e "Slap and tickle", tratti dal cd "Apollo" del 1999. Testimonianze di una fase in cui il progetto Alternative TV di Mark Perry, con la collaborazione di Ian McKay, sperimentava con elettronica sia atmosferica e soffusa che pulsante e ritmica, venata anche di derivazioni industriali. Mark Perry è stato uno dei principali animatori del punk anglosassone: fu autore della prima, più influente e anche più venduta fanzine, la storica Sniffin' Glue, scritta, impaginata, stampata e distribuita artigianalmente a partire dall'estate del 1976 (grazie anche all'aiuto della Rough Trade e di altre strutture indipendenti) dal giovane e disoccupato londinese Mark Perry. A differenza della conformista stampa musicale ufficiale, dalle pagine della sua rivista Perry incensava o maltrattava senza peli sulla lingua i gruppi punk del momento, che aveva modo di seguire e studiare da vicino, promuovendo fra grezzi collages e montaggi neo-dadaisti efficaci slogan del tipo "eccovi tre accordi, ora formate un gruppo musicale", o incitando i lettori a fondare le loro fanzines (appello che in molti non si fecero ripetere due volte). Nel punk ogni scioccante "rivolta nello stile" si è bruciata e consumata con enorme rapidità: dopo poco più di un anno Perry fondava egli stesso un gruppo rock, gli Alternative TV, il cui singolo di esordio era allegato all'ultimo numero di Sniffin' Glue. Le realizzazioni degli Alternative TV sono tra le più atipiche, se non seminali e fondamentali, di tutto il movimento punk e post-punk anglosassone.
Euro
19,00
codice 3513790
scheda
America alibi
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1980  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa americana, completa di inner sleeve con foto e crediti, etichetta custom a colori, catalogo SOO12098. Pubblicato in Usa nel settembre del 1980 dopo ''The silent letter'' e prima di "View from the ground'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk dove usci' nel settembre dello stesso anno. Il decimo album, registrato dopo un alunga collaborazione senza la produzione di George Martin. Il disco vede una certa svolta A.O.R. nel sound della band, anche dovuto al lavoro di studio dei nuovi produttori, Matthew McCauley e Fred Mollin. Costruito comunque sullo stile del precedente ''Silent Letter'' contiene, al solito, alcuni brani davvero belli, come "Survival," "Might Be Your Love","You Could've Been the One", "Right Back to Me," ma vi sono anche episodi che virano, per la prima volta, verso territori hard rock come in "Hangover". Si formano a Londra nel 1969 pur essendo americani, tutti e tre figli di militari Usa di stanza in Inghilterra, saranno tra i principali esponenti del pop con radici roots statunitense di sempre, producendo albums che possono ricordare per lo stile quelli degli Eagles ma con riferimenti country pop ed acustici piu marcati e meno inclini al rock. Collaboreranno spesso con George Martin, grande estimatore del gruppo, che produrra' numerosi dei loro lavori.
Euro
20,00
codice 250149
scheda
lp2 [edizione] nuovo  stereo  ger  2019  International Anthem 
jazz
Doppio album in vinile 140 grammi, pressato nei prestigiosi stabilimenti tedeschi Pallas, copertina apribile senza codice a barre e con tasche interne di colore nero, completa di fascia obi con note di presentazione, label oro con scritte marroncine, catalogo IMRC0037. Pubblicato dalla International Anthem nell'ottobre del 2020 in cd e nel marzo del 2021 in vinile, il primo album dal vivo di Angel Bat Dawid, registrato con Tha Brothahood, dopo il suo primo lp in studio solista "The oracle" (2019). Registrato dal vivo, in gran parte il primo novembre del 2019 alla Haus der Berliner Festspiele di Berlino, durante il festival JazzFest, l'album vede la cantante afroamericana accompagnata dal suo gruppo di supporto, Tha Brothahood, che include Deacon Otis Cooke, Viktor Le Givens, Xristian Espinoza, Norman W. Long, Dr. Adam Zanolini ed Asher Simiso Gamedze. La performance del gruppo e della cantante è considerata da lei stessa una delle migliori in assoluto, nonostante una residenza tutt'altro che piacevole nella capitale tedesca: un intreccio fra blues postmoderno, jazz sperimentale fra spiritualità ed astrattismi free urticanti, cantato femminile che richiama la grande Nina Simone, profondo e dolente, ma anche capace di farsi frenetico, sperimentale e graffiante, e che riflette le sofferenze patite dagli afroamericani di ieri e di oggi. Questa la scaletta, che include, fra i molti originali, anche interpretazioni di due brani di Sun Ra ed uno della poetessa afroamericana Margaret T. Burroughs: "Enlightenment", "Destination", "Capetown", "Black family", "What shall I tell my children who are black", "London", "We hearby declare the african look", "We are starzz", "Viktorious return", "Tha wicked shall not prevail", "Melo deez from heab'n", "Dr. Wattz n'em", "Hell". Angel Bat Dawid, al secolo Angel Elmore, è una cantante, compositrice e clarinettista afroamericana di Chicago, che nella sua arte sposa poesia, jazz sperimentale e spirituale, ed una forte attenzione su problematiche come il razzismo e la condizione degli americani di colore; nella sua musica sembrano confluire le influenze di grandi del passato come Nina Simone e John Coltrane, così come quelle di figure letterarie e musicali espresse dalla cultura afroamericana della seconda metà del '900, sia con la poesia che con lo spiritual jazz ed il free. Esordisce su disco nel 2019 con "The oracle".
Euro
37,00
codice 2104312
scheda
Angels of light (gira/swans) Sing other people
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2005  young god 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, E CORREDATA DI FOTO PROMOZIONALE DI MICHAEL GIRA, l' originale stampa vinilica del 2008, copertina ruvida, inserto testi con foto sfocate a colori in carta liscia formato lp, label con al centro disegno a colori e bordo nero, scritte bianche lungo il bordo e nere al centro in basso. Per la prima volta su vinile in questa edizione del 2008, il quarto album in studio degli Angels Of Light, originariamente pubblicato dalla Young God nel 2005 in cd, uscito dopo ''Everything is good here'' (2003) e prima di ''We are him'' (2007). Il progetti di Michael Gira prosegue qui sulla sua strada radicalmente diversa da quella degli Swans, rinunciando in questo lavoro anche alla batteria, e realizzando ancora una volta un set di brani in gran parte acustici, quieti e riflessivi, che si mostrano qui piu' prossimi alla canzone d'autore che al rock. Progetto di Michael Gira, gli Angels Of Light nascono subito dopo lo scioglimento degli Swans nel 1997. I primi album come ''New Mother'' (1999), ''How I Loved You'' (2001), ed ''Everything is good here/Please come home'' (2003) segnano il nuovo percorso acustico di Michael Gira che dai trascorsi passati sotto le sembianze di cigno ci appare ora come figura angelica piena di luce, anima musicale capace di attraversare decadi senza mai cadere nelle facili tentazioni commerciali ed ancora avversa a qualsiasi compromesso o autocompiacimento. Gli Angels Of Light, come suggerisce il nome, ci trasportano in un mondo fatato e poetico, le distorsioni e le implosioni degli Swans lasciano spazio a strumentazioni per la quasi totalita' dei casi acustiche, capaci di trasmettere tutta la poesia di Michael Gira, uno degli artisti piu' importanti nati dalla scena post-punk che con le sue realizzazioni e' stato capace di trasmettere il fascino oscuro ed evocativo della piu' fervida scena underground americana.
Euro
30,00
codice 3023456
scheda
Anunnaki Martyr of alexandria
Lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  cardinal fuzz 
indie 2000
mini lp con 3 brani che coprono 30 minuti di musica, edizione limitata. Il settimo lavoro per la band canadese composta da Dave Read (Moths & Locusts) a batteria e synths modulari e Arlen Thompson (Wolf Parade) al basso, chitarra e synths, dedita a brani principalmente strumentali tra drone e noise-math/rock. Lavoro dedicato alla figura di Ipazia, una filosofa, astronoma e matematica pagana conosciuta ai suoi tempi come insegnante dotata di grande saggezza. Vittima di voci accusatorie provenienti da una complessa situazione religioso-politica in un momento storico violento, Ipazia fu martirizzata dopo la sua brutale fine per mano di una folla cristiana incitata e rabbiosa nel 415 d.C.
Euro
31,00
codice 2104465
scheda
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1966  worthy 
world
Copertina senza codice a barre, label rossa con scritte argento. Ristampa della seconda decade degli anni 2000, pressoche' identica alla assai rara e ricercata prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1966 dalla Worthy negli USA, il secondo dei due lavori intitolati ''Afro-latin soul'', usciti entrambi nello stesso anno. Uno dei primi lavori del seminale musicista etiope, all'epoca della sua residenza a New York, ''Afro-latin soul vol. 2'' e' un album che si puo' inserire nel contesto del latin jazz melodico, con le sue melodie ed i ritmi chiaramente ispirati dalla musica caraibica, oltreche' venati di soul e talvolta ammiccanti al boogaloo, e guidati dal vibrafono; gli importanti sviluppi raggiunti nelle opere di alcuni anni dopo, attraverso le quali Astatke dara' vita allo ''ethio jazz'', appaiono qui ancora allo stadio embrionale. Questa la scaletta dei brani: ''The panther (boogaloo)'', ''Konjit (pretty)'', ''Soul power'', ''Lover's mambo'', ''Love mood for two'', ''Jijiger'', ''Girl from addis ababa'', ''Karayu'', ''Raina''. Musicista importante nell'ambito del jazz etiope, di cui e' considerato uno dei fondatori, Mulatu Astatke ebbe la possibilita' di formarsi musicalmente a Londra e negli Stati Uniti, studiando negli anni '60 presso quello che sarebbe poi diventato il Berklee College Of Music di Boston; successivamente e' attivo a New York con il suo gruppo jazz Ethiopians, con il quale comincia a sviluppare la sua idea di ''ethio jazz'', incrociando jazz, musica latina ed etiope. Tornato in patria alla fine del decennio, inserisce elementi soul e funk nella sua musica e diventa uno dei musicisti piu' influenti dell'Etiopia. Viene ''riscoperto'' all'inizio del nuovo secolo in seguito all'inserimento di alcuni dei suoi brani nella colonna sonora del film ''Broken Flowers'' di Jim Jarmush.
Euro
21,00
codice 2104351
scheda
Axelrod david songs of experience (2nd album)
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  capitol 
rock 60-70
bella ristampa basata sulla prima tiratura pubblicata in usa nel 1969 su Capitol e valutata ora oltre 100 $, identica persino nella riproposizione della originaria etichetta "verde con logo nero e porpora in alto", con copertina apribile senza codice a barre, del secondo misconosciuto album solista del produttore, compositore ed arrangiatore David Axelrod, l' uomo che fu alla base del successo degli Electric Prunes, principale artefice del loro terzo celeberrimo album "Mass In F Minor" (registrato in gran parte con la vera band in tour in Europa da musicisti di studio, seguendo per l' appunto le direttive e le idee di Axeldod). Questo "Song of Experience" e' ispirato come il precedente ''songs of Innocence'' all' opera di William Blake dallo stesso titolo; interamente strumentale, e' un disco che rivela il suo indubbio fascino a chi vi si accosti senza pregiudizi, tra psichedelia e musica orchestrale, con partiture complesse ed articolate, in un' abile alternarsi di oscurita' e squarci di luce. Non un album per tutti, ma una possibile scoperta per chi voglia addentrarsi nelle pieghe della psichedelia americana, alla ricerca di opere, come questa, "diverse" e stimolanti.
Euro
21,00
codice 2104352
scheda
Ayers roy coffy (soundtrack)
lp [edizione] nuovo  stereo  USA  1973  polydor 
soul funky disco
ristampa limitata in vinile 180 grammi, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima tiratura del 1973, della bellissima colonna sonora dell' omonimo film di Jack Hill con Pam Grier, tra i massimi capolavori della blaxploitation e tra i migliori dischi della nutrita discografia del vibrafonista di colore nato a Los Angeles, California, considerato tra i padri dell' acid jazz. Musicista tra i piu' richiesti della scena jazz weastcoastiana durante gli anni '60, Ayers aveva gia' pubblicato ben cinque albums solisti tra il '63 ed il '69, collaborando nel frattempo con artisti di spicco quali Jack Wilson, Gerald Wilson, Herbie Mann, Ron Carter ed Herbie Hancock; nel 1971 "He's Coming", suo primo lavoro realizzato con gli Ubiquity, inauguro' un duraturo rapporto con la Polydor, e soprattutto una nuova fase artistica per Ayers, in uno stile che pur memore della matrice jazz che aveva caratterizzato fino a quel momento il percorso dell' artista, ne faceva prezioso strumento di arricchimento di un approccio funky soul fino a quel momento del tutto inedito al vibrafonista, con un risultato che, benche' snobbato all' epoca dalla critica che vide la svolta muiscale repentina come un tradimento alle radici jazz di Ayers, e pressocche' ignorato dal pubblico, pone quel disco e forse ancora di piu' questo "Coffy", pubblicato due anni dopo dopo l' interlocutorio "Ubiquity", come opere di grande interesse per l' evoluzione della musica funk della prima meta' degli anni '70, non a caso enormemente rivalutate a distanza di anni. Lo stile poliedrico di Ayers, che negli anni a venire si confermera' abile trasformista dotato comunque di una sua spiccata sensibilita' e personalita', trova proprio nella colonna sonora la sua dimensione ideale, libero di alternare o metterere insieme, in brani ora cantati ora strumentali, l' antico legame con le sue radici jazz, un funky muscolare ed incisivo come solo alcuni episodi di "He's Coming" avevano saputo proporre, ed un approccio di matrice soul che proprio il ricco patrimonio di influenze diverse rende straordinariamente efficace. Alla voce solista in "Coffy Sauna" una giovanissima Denise "Dee Dee" Bridgewater. Forse il massimo capolavoro di una carriera che proseguira' a lungo, sempre interessante perlomeno fino alla fine degli anni '80.
Euro
22,00
codice 2104353
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  USA  1973  polydor 
soul funky disco
ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1973, copertina in cartoncino lucido, senza codice a barre, etichetta rossa con logo bianco e nero in alto, del quarto ottimo album con gli Ubiquity, successivo a "Red Black and Green", del vibrafonista di colore nato a Los Angeles, California, considerato tra i padri dell' acid jazz. Gia' da tempo musicista tra i piu' richiesti della scena jazz weastcoastiana del periodo, Ayers aveva gia' pubblicato ben cinque albums solisti tra il '63 ed il '69, collaborando nel frattempo con artisti di spicco quali Jack Wilson, Gerald Wilson, Herbie Mann, Ron Carter ed Herbie Hancock; nel 1971 "He's Coming" era stato il primo tassello di un duraturo rapporto con la Polydor ed il suo primo album realizzato con una vera e propria band, gli Ubiquity, che lo accompagneranno per diversi anni a venire, in uno stile che pur memore della matrice jazz che aveva caratterizzato fino a quel momento il percorso dell' artista, ne fa prezioso strumento di arricchimento di un approccio funky soul fino a quel momento del tutto inedito al vibrafonista, con un risultato che, benche' snobbato all' epoca dalla critica che vide la svolta muiscale repentina come un tradimento alle radici jazz di Ayers, e pressocche' ignorato in un primo momento dal pubblico, raccolse con gli anni sempre maggiore consenso. Dopo il secondo interlocutorio "Ubiquity", "Red Black and Green" e questo "Virgo Red" attestarono lo stato di forma eccellente del gruppo e di Ayers, che d'altro canto nello stesso 1973 fu capace di realizzare la bellissima colonna sonora "Coffy", tra i capolavori della ricca scena blaxpoitation di quegli anni. Un disco rilassato e caratterizzato da una notevolissima groove, con quella vellutata leggerezza che tipica del Roy Ayers maturo. La sua carriera che proseguira' a lungo, sempre interessante perlomeno fino alla fine degli anni '80.
Euro
19,00
codice 2104354
scheda
Baraka imamu amiri It's nation time: africa visionary music
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1972  motown / ume 
jazz
Vinile da 150 grammi, copertina cartonata apribile. Ristampa del 2018 ad opera della Motown / Ume, la prima in assoluto in vinile, e pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1972 dalla Black Forum / Motown negli USA, il primo album solista di Amiri Baraka, precedente alcuni lp co-accreditati ad altri artisti ed usciti nei decenni successivi. Imamu Amiri Baraka (aka Everett Leroy Jones, 1934-2014) è stato un controverso ed influente poeta, drammaturgo, scrittore e critico afroamericano, attivista ed animatore riconosciuto nel movimentismo per i diritti e l'emancipazione degli afroamericani, in particolare nelle sue frange più radicali; le sue prese di posizione sono state spesso molto forti, ispirate da personaggi come Malcolm X, ed hanno suscitato prese di posizione sia molto favorevoli che duramente critiche nei suoi confronti negli Stati Uniti. In campo musicale, Baraka è ricordato per aver scritto due libri sotto il nome di LeRoy Jones, ''Blues music: negro music in white america'' (1964) e ''Black music'' (1967), e per aver lavorato ad alcuni dischi molto radicali, come ''Black mass'', con Sun Ra e la sua Arkestra (1968) e ''New music new poetry'' con il sassofonista David Murray (1980). Questo suo album solista ''It's nation time'' fu inciso con un cast di talentuosi musicisti, fra cui Mtume, Gary Bartz, Reggie Workman, Lonnie Smith ed Idries Muhammad, ed è una sintesi fra poesia, musica afroamericana ed impegno politico. Voci maschili declamano poemi con energia e trasporto, a tratti con un ritmo frenetico, mentre cori femminili conferiscono un'aura di spiritualità africana in alcuni passaggi, e gli strumentisti esprimono sia melodie di jazz avanguardista che di soul/funk corale.
Euro
34,00
codice 2104478
scheda
Lp [edizione] terza stampa  stereo  uk  1971  Harvest 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
terza stampa inglese del 1975, copertina laminata fronte retro apribile, pressata da "Garrod & Lofthouse", etichetta verde chiaro e verde scuro con piccolo logo Emi e con scritta in alto lungo la circonferenza che inizia con "Emi Records...", catalogo SHVL788. Il secondo album, pubblicato in Inghilterra nel febraio del 1971 dopo ''Barclay james harvest'' e prima di ''Baby james harvest'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle Usa. Lavoro ancora vicino all' orchestral rock, largamente a carico di Stuart "Woolly" Wolstenholme e delle sue tastiere, fu registrato con la London Symphony Orchestra, vede testi visionari sullo stile di quelli di Pete Sinfield e Peter Gabriel. Tra i brani diversi quelli magnifici e rimasti nella storia del progressive, come "She Said" con il notevole riff di Mellotron, "Song for Dying" e la leggendaria "Mocking Bird", certamente uno dei loro brani principe. Questa longeva formazione inglese, fondata nel 1966 ad Oldham, non ha riscosso nel corso del tempo il successo di pubblico che avrebbe meritato, a discapito di un efficace stile che prendeva spunto dal pop dei Beatles e dal progressive melodico dei Moody Blues, e che ha fruttato album come l'acclamato eponimo esordio su lp del 1970, caratterizzato da sonorita' di gusto classicamente britannico, autunnali e malinconiche, e condite da eccellenti armonie vocali. La loro carriera, tra alterne fortune, continua ancora negli anni 2010, con John Lees unico rimasto della formazione originale.
Euro
35,00
codice 250164
scheda
Barkmarket Easy listening record (+promo photo!)
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1989  brake out 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
COPIA CORREDATA DI FOTO PROMOZIONALE DEL GRUPPO (realizzata dalla Play It Again Sam nel 1996), prima stampa europea di pressaggio tedesco, copertina (con apertura di circa 5 cm. lungo il bordo in alto) senza barcode, inserto con testi e artwork, label gialla e nera con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo OUT101 sulla costola. Pubblicato nel 1989 dalla Purge/Sound League negli USA e nel febbraio del 1990 dalla Brake Out in Europa, il secondo album, successivo a ''1-899-godhouse'' (1988) e precedente ''Vegas throat'' (1990). Il gruppo americano si lancia in uno psicotico noise rock nel quale confluiscono influenze dei texani Butthole Surfers, del feroce indie rock della Chicago anni '80 e della scena underground newyorchese dello stesso decennio (Sonic Youth, Swans, Live Skull). Ritmi sconclusionati, basso rimbombante quanto a-ritmico, chitarre lancinanti e vocalizzi graffianti fanno di questo album un classico esempio del rock alternativo americano piu' autentico, per quanto ostico da ascoltare. Questa cult band newyorchese, difficile da etichettare ma spesso accostata al noise rock, venne formata nel 1987 dal cantante e chitarrista Dave Sardy con il bassista John Nowlin e con il batterista Rock Savage. Gruppo agli esordi incompromissorio e stordente, esordirono con l'album autoprodotto ''1-899-godhouse'' (1988), seguito nel 1989 da ''Easy listening record'', quindi furono notati dalla American Recordings di Rick Rubin, che ne pubblico' i successivi lp fra il 1993 ed il 1996; il gruppo si sciolse intorno al 1997, quando la carriera di produttore e di ingegnere del suono di Sardy prese il sopravvento su quella di musicista.
Euro
18,00
codice 323168
scheda
Battiato franco la voce del padrone (ltd. 40th anniversary ed. gold)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  emi / universal 
cantautori
Ristampa del settembre 2021, edizione limitata in vinile oro, pesante 180 grammi, rimasterizzata dai master tapes originali, con copertina per l' occasione apribile e con sfondo color senape invece che blu, completa di inner sleeve con testi e corredata di versione in cd dell' album, che include alcune tracce in piu': versioni in spagnolo di "Bandera Blanca", "Cuccurucucù", "Centro De Gravedad" e "Sentimiento Nuevo", e le registrazioni dal vivo "Summer On A Solitary Beach (Live 1988 / Alcalà Palace / Madrid)", "Cuccurucucù (Live 1988 / Teatro Lirico / Milano)", "Centro Di Gravità Permanente (Live 1988 / Teatro Lirico / Milano)", "Gli Uccelli (Live 1988 / Teatro Lirico / Milano)". Pubblicato in Italia nel luglio del 1981 dopo ''Patriots'' e prima di ''L' arca di Noe' '', l' undicesimo album. Prodotto da angelo carrara, arrangiato da battiato e giusto pio, art director francesco messina, registrato negli studi radius di milano, con alfredo golino alla batteria, paolo donnarumma al basso, filipo ''phil'' destrieri alle tastiere, alberto radius alla chitarra, claudio pascoli al sax, donato scolese al vibrafono, il coro dei madrigalisti di milano, direzione d'orchestra a cura di giusto pio. il primo disco italiano a superare il milione di copie vendute, giunge a coronamento di una carriera straordinaria ed assolutamente unica nel panorama italiano, i brani divengono celeberrimi e Battiato si presento al pubblico durante un lunghissimo tour in cui si mostra spesso sul palco con i sandali, i capelli legati e gli occhiali da sole, la musica e' vicina a quella del disco precedente, ma ora molto piu' ironica, con un tempo quasi dance su di un tessuto sonoro rock e testi citazionistici che spaziano senza riferimenti temporali ne' di logica apparente, questo collage insieme colto e popolare, di parole e musiche antiche e moderne, di oriente e di occidente, divenne un vero e proprio fenomeno sociale che tocco' tutte le classi e le eta', donandogli insieme il successo e l'ammirazione della critica. ecco la scaletta dei brani contenuti- summer on a solitary beach, gli uccelli, segnali di vita, bandiera bianca, cuccurucucu, centro di gravita' permanente, sentimento nuevo. Un' opera straordinaria, tra i piu' grandi lasciti di questo grande artista.
Euro
40,00
codice 2104287
scheda
Battiato franco sulle corde di aries (ltd. yellow vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  EU  1973  sony 
cantautori
Ristampa del 2021, rimasterizzata, edizione limitata di 1000 copie, numerate sul retrocopertina, in vinile giallo, pesante 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Bla Bla. Pubblicato in Italia nel marzo del 1973 dopo ''Pollution'' e prima di ''Clic'', non entrato nelle classifiche italiane. Pubblicato in Italia dalla Bla Bla nel marzo del 1973 dopo ''Pollution'' e prima di ''Clic'', non entrato nelle classifiche italiane. Il terzo album. Contiene i seguenti brani- Sequaenze e Frequenze, Aria Di Rivoluzione, Da Oriente a Occidente. Testi e musiche di Franco Battiato, prodotto da Pino Massara, Battiato voce solista, vcs3, piano preparato, calimba, Gianni Mocchetti chitarra mandola, voce, Gianfranco D' Adda percussioni, Gianni Bedori sassofono, Jane Robertson violoncello, Daniele Cavallanti clarino e sax soprano, Gaetano Galli oboe, Rossella Conz soprano, Jutta Nienhaus soprano, voce recitante, fiati del conservatorio di Milano, tecnici del suono Luciano Mariotti, Gian Luigi Pezzera; registrato al Regson di Milano. Considerato da molti come il maggiore album della intera musica Italiana, si tratta certamente di un capolavoro assoluto che nulla ha da invidiare ai masterpieces inglesi o tedeschi degli anni '70, ed eì non a caso uno dei pochissimi dischi italiani che gode di grande considerazione in Inghilterra, Germania ed Usa anche al di fuori dei circuiti collezionistici. Contiene supremi capolavori quali ''Sequenze e frequenze'', ''Aries'', ''Aria di rivoluzione'', ''Da oriente a occidente'', ed e' un album che coniuga, caso unico nella storia della musica della penisola e non solo, la sperimentazione minimalista di stampo Riley alla tradizione arabo orientale e tedesca, per le atmosfere la prima e per la profondita' filosofica la seconda. la musica e' ora assai diversa da quella di ''Pollution'' anche se da essa evidentemente discendente, lavoro assai oscuro, malinconico, mistico ed inquieto, i testi sono certamente i piu' belli che Battiato abbia mai scritto fino a quel momento e per ceri versi in assoluto, vi e' la rivelazione di un mondo sospeso tra l'esotismo mistico del vicino oriente e la mittleeuropa letteraria in cui la Sicilia, qui ricordata e trasfigurata, si trasforma al tempo in luogo fuori dal tempo e crocevia spaziale, ricordi, speranze, immagini e riflessioni si sovrappongono senza soluzione di continuita'. Il disco venne presentato live nel 1973 in Inghilterra, all'interno della copertina due foto tratte da questo tour vedono Battiato in compagnia di Stomu Yamash'ta e di Karl Heinz Stockausen, in Italia invece suonera' moltissimo, presentandosi a molti dei raduni pop estivi in cui proporra' un set intitolato ''Battiato Pollution Happening'' in cui proporra' musica ''Contemplativa per la mente''.
Euro
29,00
codice 2104438
scheda

Page: 1 of 13


Pag.: oggetti: