Hai cercato:  Numan gary --- Titoli trovati: : 5
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Numan gary I can't stop / faces
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1986  numa 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina in cartoncino sottile lucido, senza costola, flipback su due lati sul retro, senza barcode e con vinile estraibile dall'alto, con annuncio della presenza di un ''free numa preview flexi disc'' (assente in questa copia), label nera con scritte rosse lungo il bordo, argentate al centro, logo Numa rosso in alto, cataogo NUM17, scritta ''damonT'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel giugno del 1986 dalla Numa in Gran Bretagna, dove giunse al 27esimo posto in classifica, non uscito negli USA, questo singolo precedette l'ottavo album in studio ''Strange charm'' (1986). Contiene due brani: ''I can't stop (extended mix)'' in una versione piu' lunga di quella apparsa sul sopracitato album, e l'inedita su album ''Faces'', piu' vicina al pop ballabile la prima, piu' oscura e lenta la seconda. Seminale artista inglese, Gary Numan fu prima con i Tubeway Army e poi da solo. Se i Tubeway Army furono uno dei gruppi che per primi nell' ambito del post punk inglese si ispirarono ad atmosfere decadenti e mitteleuropee lontane dai fragori del punk rock, sciolto il gruppo Numan affino' ulteriormente quelle stesse coordinate musicali, ottenendo per qualche stagione uno straordinario successo, grazie alla indubbia bellezza di molti brani, al fascino di liriche sci-fi ispirate a Ballard, ed alla capacita' di metabolizzare influenze come i Kraftwerk, Bowie, i Roxy Music, gli Ultravox di John Foxx, per un risultato finale di maniacale perfezione formale, volutamente freddo, glaciale addirittura, ma di grande fascino.
Euro
12,00
codice 313410
scheda
Numan gary I, assassin (green vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  beggars banquet 
punk new wave
Ristampa rimasterizzata dai master tapes analogici originali, IN VINILE VERDE, copertina pressoche' identica alla prima tiratura, e corredata di inner sleeve. Pubblicato nel settembre del 1982 dalla Beggars Banquet in Gran Bretagna, dove giunse all'ottavo posto in classifica, e dalla ATCO negli USA, ''I, assassin'' e' il quarto album in studio di Gary Numan, uscito dopo ''Dance'' (1981) e prima di ''Warriors'' (1983). Registrato con musicisti per l' ennesima volta del tutto cambiati rispetto al disco precedente, tra cui il batterista Chris Slade, ex Uriah Heep e Manfred Mann's Earth Band, "I Assassin" e' un disco che segna l'inizio dei successivi sviluppi della musica di Newman, un lavoro dai toni insieme barocchi e decadenti, segnato come sempre dall' influsso del Bowie berlinese, ma anche dei Japan, fra synthpop notturno e ritmi spesso vicini alla dance. Seminale artista inglese, Gary Numan fu prima con i Tubeway Army e poi da solo. Se i Tubeway Army furono uno dei gruppi che per primi nell' ambito del post punk inglese si ispirarono ad atmosfere decadenti e mitteleuropee lontane dai fragori del punk rock, sciolto il gruppo Numan affino' ulteriormente quelle stesse coordinate musicali, ottenendo per qualche stagione uno straordinario successo, grazie alla indubbia bellezza di molti brani, al fascino di liriche sci-fi ispirate a Ballard, ed alla capacita' di metabolizzare influenze come i Kraftwerk, Bowie, i Roxy Music, gli Ultravox di John Foxx, per un risultato finale di maniacale perfezione formale, volutamente freddo, glaciale addirittura, ma di grande fascino.
Euro
27,00
codice 2122525
scheda
Numan gary Pleasure principle
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  beggars banquet 
punk new wave
Ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata, copertina pressocche' identica a quella della prima tiratura, corredata di inner sleeve in carta con testi e foto. Inserito da Paolo Bertoni di Blow Up tra i 20 albums fondamentali del synth pop. Pubblicato nel settembre del 1979 dalla Beggars Banquet in Gran Bretagna, dove giunse al primo posto in classifica, e dalla ATCO negli USA, dove arrivo' alla sedicesima posizione, il primo album solista dell' artista londinese gia' leader dei Tubeway Army, con cui era stato attivo sin dal '77 pubblicando due albums, "Tubeway Army" e "Replicas", il secondo dei quali uscito nel giugno del '79 e giunto clamorosamente al primo posto delle classifiche inglesi. Solo tre mesi dopo, dimostrando che il successo di quel gruppo poggiava essenzialmente sulle sue spalle, questo "The Pleasure Principle" fu capace di ripetere l' exploit commerciale di "Replicas", spinto dai singoli "Cars" e "Complex", ripetendone essenzialmente la formula con immutata ispirazione, grazie anche all' importante apporto dell' altro Tubeway Army Paul Gardiner al basso, ennesimo piccolo capolavoro di altera, gelida bellezza, capace di portare alle estreme conseguenze le intuizioni degli Ultavox! di John Foxx in un sound che per la scena inglese sara' foriero di ulteriori sviluppi, capace di metabolizzare con grande personalita' influenze nobilissime come i Kraftwerk, il Bowie del periodo "berlinese", i Roxy Music e naturalmente i gia' citati Ultravox, per un risultato finale che aveva ormai dalla sua perfezione formale e compiutezza. Presto con il successivo "Telekon" (1980) Numan riuscira' anch'esso ad andare in vetta alle classifiche inglesi, mantenendo per qualche anno un grande riscontro di pubblico ed un notevole profilo artistico.
Euro
30,00
codice 3034894
scheda
Numan gary Pleasure principle - the first recordings
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  beggars banquet 
punk new wave
doppio album, in vinile arancione, adesivo di presentazione sul cellophane, copertina sagomata, inner sleeves. Pubblicato nell' ottobre 2019, in occasione del 40esimo anniversario dall' uscita dell' album "Pleasure Principle", contiene ventuno brani tra demos dell' album (tredici tracce), versioni rimasterizzate (quattro brani) ed i quattro brani della bellissima session radiofonica registrata per John Peel presso la BBC inglese il 29 maggio del 1979, ovvero diversi mesi prima che Numan esordisse discograficamente da solista (gia' usciti in una John Peel Sessions" realizzata dalla Strange Fruit nel 1989). Questa la lista completa dei brani: A1 Cars (Demo Version 2) A2 Films (Demo Version) A3 Complex (Demo Version) A4 Random (Remastered 2009) A5 M.E. (Demo Version) B1 Conversation (Demo Version 2) B2 Tracks (Demo Version) B3 Cars (Demo Version 1) B4 Metal (Demo Version) B5 Airlane (Demo Version) C1 Trois Gymnopédies No. 1 (Demo Version) C2 Observer (Demo Version) C3 Conversation (Demo Version 1) C4 Engineers (Demo Version) C5 Asylum (Remastered 2009) C6 Oceans (Remastered 2009) C7 Photograph (Remastered 2009) D1 Airlane (BBC Peel Session) D2 Cars (BBC Peel Session) D3 Films (BBC Peel Session) D4 Conversation (BBC Peel Session). Queste le note all' album "PLeasure Principle" nella sua forma originaria: Inserito da Paolo Bertoni di Blow Up tra i 20 albums fondamentali del synth pop. Pubblicato nel settembre del 1979 dalla Beggars Banquet in Gran Bretagna, dove giunse al primo posto in classifica, e dalla ATCO negli USA, dove arrivo' alla sedicesima posizione, il primo album solista dell' artista londinese gia' leader dei Tubeway Army, con cui era stato attivo sin dal '77 pubblicando due albums, "Tubeway Army" e "Replicas", il secondo dei quali uscito nel giugno del '79 e giunto clamorosamente al primo posto delle classifiche inglesi. Solo tre mesi dopo, dimostrando che il successo di quel gruppo poggiava essenzialmente sulle sue spalle, questo "The Pleasure Principle" fu capace di ripetere l' exploit commerciale di "Replicas", spinto dai singoli "Cars" e "Complex", ripetendone essenzialmente la formula con immutata ispirazione, grazie anche all' importante apporto dell' altro Tubeway Army Paul Gardiner al basso, ennesimo piccolo capolavoro di altera, gelida bellezza, capace di portare alle estreme conseguenze le intuizioni degli Ultavox! di John Foxx in un sound che per la scena inglese sara' foriero di ulteriori sviluppi, capace di metabolizzare con grande personalita' influenze nobilissime come i Kraftwerk, il Bowie del periodo "berlinese", i Roxy Music e naturalmente i gia' citati Ultravox, per un risultato finale che aveva ormai dalla sua perfezione formale e compiutezza. Presto con il successivo "Telekon" (1980) Numan riuscira' anch'esso ad andare in vetta alle classifiche inglesi, mantenendo per qualche anno un grande riscontro di pubblico ed un notevole profilo artistico.
Euro
34,00
codice 2113286
scheda
Numan gary she's got claws / i sing rain
7" [edizione] originale  stereo  uk  1981  beggars banquet 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good punk new wave
Singolo in formato 7", l' originale stampa inglese, copertina (con diversi segni di invecchiamento) in cartoncino, senza barcode, con apertura per il disco in alto (e sagomatura sul retro per l' estrazione del vinile), etichetta custom, foro al centro piccolo, catalogo BEG62. Pubblicato nell' agosto del 1981, giunto al sesto posto delle classifiche inglesi, il singolo che anticipo' il terzo album solista in studio "Dance", decretando una svolta nella musica dell' ex frontman dei Tubeway Army: in "She's Got Claws", poi inclusa nell' album, dal gelido synth pop infarcito di un suggestivo immaginario sci-fi delle sue produzioni precedenti, Numan adotta per la prima volta uno stile piu' glam e decadente (anche nel suo look, come da copertina), largamente influenzato dai Japan di "Gentlemen Take Polaroids", il cui bassista Mick Karn e' peraltro qui presente, con il suo inconfondibile basso fretless, ma suonando anche un efficace sax. Sul retro l' altrimenti inedita, atmosfera ed ancora piu' atipica "I Sing Rain".
Euro
3,00
codice 258243
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti: