Hai cercato:  Mogwai --- Titoli trovati: : 14
  • 1
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Mogwai A wrenched virile lore
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2012  rock action 
indie 90
Vinili pesanti in edizione a tiratura limitata a 2500 copie, corredata d coupon per il download digitale, inner sleeves, adesivo sul cellophane, etichette nere con scritte bianche, doppio Lp pubblicato dalla Rock Action Records nel novembre 2012, dopo l'ottavo full lenght, "Hardcore will never die, but you will" (10); trattasi di un album di remix che reinterpreta tutti i brani del sopracitato disco originale grazie agli interventi di “manipolatori” elettronici come JK Broadrick (Jesu, Godflesh), Zombi (Relapse), Tim Hecker, Soft Moon, Umberto e altri ancora. Ecco la scaletta con i relativi interpreti: "George Square Thatcher Death Party" (Justin K. Broadrick Reshape) – "Rano Pano" (Mogwai Is My Dick RMX by Klad Hest) – "White Noise" (EVP Mix by Cylob) – "How To Be A Werewolf" (Xander Harris remix) – "Letters To The Metro" (Zombi remix) – "Mexican Grand Prix" (reworked by RM Hubbert) – "Rano Pano" (Tim Hecker remix) – "San Pedro" (The Soft Moon remix) – "Too Raging To Cheers" (Umberto remix) – "La Mort Blanche" (Robert Hampson remix). Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
27,00
codice 2034784
scheda
Mogwai As the love continues
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  rock action 
indie 90
doppio vinile nero, copertina apribile, adesivo su cellophane, coupon per download. Il decimo album in studio per il gruppo scozzese, a venticinque anni esatti dal primo singolo, registrato con la produzione (a distanza causa covid) di Dave Friedmann, vede la collaborazione di Atticus Ross (nel brano Midnight Flit) e Colin Stetson (nel brano Pat Stains). Sostanzialmente il gruppo non si muove dal proprio principio stilistico post-rock, continuando con gran classe nel loro percorso fatto di brani principalmente strumentali tra quiete e tempesta, con un eccezione nel brano, uscito come singolo, "Ritchie Sacramento" uno dei più radiofonici mai prodotti dalla band. Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album "Young team" (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
31,00
codice 2101450
scheda
Mogwai Atomic soundtrack
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  rock action 
indie 90
doppio vinile pesante, copertina apribile, etichette custom. “Atomic soundtrack” raccoglie le tracce rielaborate, pensate per la sonorizzazione del documentario di Mark Cousins, “Storyville: Atomic – Living in Dread and Promise”, trasmesso dalla BBC nell’estate 2015. Il gruppo, in passato, ha già composto alcune colonne sonore, “Zidane: A 21st Century Portrait” (2006) e “Les revenants” (2013), ma con “Atomic” il filo con la narrazione delle immagini si fa più stretta. La musica, scritta dalla band, racconta la storia epica e tragica dell’energia atomica, a settanta anni dal disastro nucleare ad Hiroshima. Le tessiture musicali si strutturano sullo sviluppo dell’alternarsi di ritmi dilatati e fratture esplosive. Come nelle ultime prove della band l’elettronica è sempre più presente, “U-235”, brano che prende il nome dal simbolo dell’isotopo dell’uranio, ne è un esempio. Uno dei gruppi più importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventerà quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscirà dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identità distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi più importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', più quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna. La discografia si completa nel nuovo millennio con "Rock action" nel 2001, cui segue "Happy songs for happy people" nel 2003, "Mr Beast" (06), "The hawk is howling" (08) e "Hardcore will never die" (11).
Euro
33,00
codice 2097034
scheda
Mogwai Every country's sun
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  rock action 
indie 90
doppio vinile 180 grammi, coupon per download, adesivo su cellophane, copertina apribile, etichette custom. “Every Country’s Sun” (2017) è il nono album della band post rock scozzese, prodotto da Dave Fridmann (già al lavoro con Baroness, The Flaming Lips, Mercury Rev) e registrato ai Tarbox Road Studios di Cassadaga (New York). La scelta del produttore potrebbe far pensare a un ritorno del suono storico di dischi come “Come on Die Young” (1999) o “Rock Action” (2001) – prodotti per l’appunto da Fridmann - ma in realtà i Mogwai in questo nuovo lavoro si presentano con un’identità sonora multisfaccettata, seppur omogenea : un gruppo in grado di scrivere brani strumentali in odor di colonna sonora ma che rinuncia a scrivere canzoni pop come “Party in the Dark”. Uno dei gruppi più importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventerà quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscirà dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identità distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed EP ed è considerato uno dei dischi più importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', più quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna. La discografia si completa nel nuovo millennio con gli album in studio - “Rock action” (2001), “Happy songs for happy people” (2003), "Mr Beast" (06), “The hawk is bowling” (08), “Hardcore will never die” (11), “Rave Tapes” (14), “Every Country’s Sun” (17) – e le colonne sonore “Atomic” (16) e “Before the Flood” (16).
Euro
30,00
codice 2096300
scheda
Mogwai Happy songs for happy people (reissue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2003  play it again sam 
indie 90
ristampa con copertina esclusiva, vinile 180 grammi. Pubblicato nel giugno del 2003 dalla Play It Again Sam in Gran Bretagna e dalla Matador negli USA, il quarto album in studio, successivo a ''Rock action'' (2001) e precedente ''Mr beast'' (2006). Positivamente accolto da molti critici, ''Happy songs'' e' un lavoro che prosegue verso una maggiore enfasi sull'elettronica nel sound dei Mogwai, sempre basato su autunnali ed ipnotiche melodie chitarristiche, che possono anche lasciare il posto ad occasionali possenti muri sonori di sei corde, e su trascinanti parti ritmiche, entrambi caratteri presenti anche nei loro primi dischi; le tastiere e l'elettronica, utilizzata anche per travisare le voci fino a renderle quasi incomprensibili, ricoprono tuttavia un ruolo piu' rilevante ora, accanto ad occasionali e toccanti arrangiamenti di archi. L'album nel complesso evidenzia il lato piu' atmosferico ed introspettivo dei Mogwai, con pochi episodi dedicati alle loro travolgenti tempeste sonore (fra cui la lunga e progressivamente attratta nel magma sabbathiano ''Ratts of the capital'', comunque lontana dalla durezza dei tempi di ''Young team''). Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
33,00
codice 2095927
scheda
Mogwai Hardcore will never die but you will
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2011  rock action 
indie 90
doppio vinile, copertina apribile. Pubblicato dalla Rock Action nel 2011, dopo "The hawk is howling", l'ottavo album del quintetto scozzese. Opera ben strutturata e compatta, giocata sul classico 'tzunami' strumentale alternato alla quiete, ma che, qua e la', lascia intravedere sbocchi verso l'elettro-sinth ed accelerazzioni da math rock. Si crea un suono corposo e pastoso piu' spesso rispetto ai precedenti lavori, arricchito da voci filtrate al vocoder in alcuni casi, che unite alle distorsioni abrasive chitarristiche ed ai sintetizzatori, conferiscono all'opera un'alone piu rotondo e meno fluido. Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
31,00
codice 2101640
scheda
Mogwai Les revenants
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2013  rock action 
indie 90
Vinile pesante, completo di coupon per il download digitale e di inner sleeve, etichetta grigia con bordi e scritte bianche, lp pubblicato dalla Rock Action Records nel febbraio 2013 dopo l'album di remix "A wrenched virile lore" (nov.12) e dopo l'ottavo studio-album "Hardcore will never die, but you will" (10), il nono album del gruppo post rock scozzese. Trattasi di una colonna sonora, la terza dopo "Zidane, a 21st century portratit" e "The fountain", per la serie francese 'Ravenants' (un horror surreale, paragonato dalla critica ad un moderno Twin Peaks): 14 tracce imperniate su minime note di pianoforte e sintetizzatori, sui cui la band dipana le proprie digressioni e stratificazioni sonore, giocando con l'intensita' e/o sottrazione di chitarre, archi, creando atmosfere fra sogno, incubo e desolazione. Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
23,00
codice 2095368
scheda
Mogwai Mr. beast
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2006  pias / rock action 
indie 90
ristampa, doppio vinile, adesivo su cellophane, doppio album (con musica su tre facciate e quarta facciata con logo del gruppo "laser etched"). Pubblicato nel marzo 2006, dopo "Happy Songs For Happy People" (2003) e prima di "The Hawk Is Howling" (2008), il quinto album. Da sempre dediti ad una musica completamente strumentale, atmosferica piu' che cinematica, capace di emozionare e coinvolgere tramite il contrasto tra i pieni e i vuoti, attraverso arpeggi delicati ed esplosioni soniche, contemporaneamente sinfonica e minimale, un magnifico connubio tra space rock e post rock. si formano a Glasgow in Scozia alla fine del 1995 dall'unione di Dominic Aitchison (Demonic), Stuart Leslie Braithwaite (pLasmatroN) e Martin Bulloch (bionic). Durante il 1996 il gruppo incidera' cinque singoli in versione sette pollici, nel gennaio del 1997 dopo la pubblicazione del nuovo singolo, sempre in versione sette pollici, al gruppo si unira' John Cummings (Cpt.Meat) che completera' definitivamente una delle piu' affascinanti e capaci nuove formazioni nate nella fine degli anni novanta.
Euro
40,00
codice 2098373
scheda
Mogwai Rave tapes
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2014  rock action 
indie 90
Vinile pesante, copertina lucida con die-cut sul fronte,inner sleeve, etichetta fuxia con disegni geometrici bianchi, Lp pubblicato dalla Rock Action nel gennaio 2014, dopo la colonna sonora "Les revenants" (13), il decimo album della band scozzese. Il suono di questa prova appare affinato, con chitarre e sintetizzatori, fra sonorita' ormai classiche in quasi 20 anni di attivita' e suggestioni elettroniche, gia' presenti in "Hardcore will never, die but you will" del 2011, che evocano i Tangerine Dream, soprattutto in "Remurdered". Altra caratteristica e' la minor propensione alle derive furiose, meno brusche del solito; un controllo dell'intensita' piu' rilassato, che conferisce all'opera uno status di maturita', riassunta pienamente in "Blues hour", unico brano cantato, o nella conclusiva "The Lord is out of control". Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album "Young team" (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
29,00
codice 2103263
scheda
Mogwai rock action
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2001  pias 
indie 90
Ristampa pressoché identica alla prima tiratura. inner sleeve, copertina ruvida e inserto apribile in quattro, etichetta nera con scritte bianche. Pubblicato nell'aprile del 2001 dalla Southpaw in Gran Bretagna, dove giunse al 23ø posto in classifica, e dalla Matador negli USA, dove non entro' in classifica, ''Rock action'' e' il terzo album dei Mogwai, uscito dopo ''Come on die young'' (1999) e prima di ''Happy songs for happy people'' (2003). Prodotto da Dave Fridmann (Mercury Rev), ''Rock action'' vede la partecipazione del cantante Gruff Rhys (Super Furry Animals) e di Dave Pajo (Slint, Tortoise etc.). I Mogwai addolciscono ulteriormente la propria musica rispetto al precedente ''Come on die young'', facendo uso di malinconici e sommessi arrangiamenti di archi e mettendo in secondo piano le devastanti esplosioni chitarristiche di ''Young team'' (1997). Un lavoro piu' vicino allo indie rock melodico che al post rock sperimentale, quieto e meditativo. Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
31,00
codice 2103264
scheda
Mogwai The hawk is howling
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2008  wall of sound 
indie 90
Vinile doppio, copertina liscia apribile senza, adesivo su cellophane. Pubblicato nel settembre del 2008 dalla Wall Of Sound in Gran Bretagna e dalla Matador negli USA, ''The hawk is howling'' e' il sesto album in studio dei Mogwai, uscito dopo ''Mr. Beast'' (2006). Il gruppo scozzese si muove in questo lp con un approccio eclettico nelle sonorita' come nelle atmosfere, passando dai potenti muri chitarristici minimali e quasi metallici che riportano alla memoria ''Young team'' (1997), delicate ballate ipnotiche e notturne, e rarefatte composizioni in cui confluiscono echi del minimalismo di Steve Reich, la ambient e la musica cosmica. Uno dei gruppi piu' importanti del cosiddetto post rock e di tutto il rock indipendente a cavallo fra la fine degli anni '90 e l'inizio del nuovo secolo, i Mogwai nascono a Glasgow in Scozia nel 1995 come terzetto, che diventera' quintetto nel 1997 con l'aggiunta del secondo chitarrista John Cummings e di Brendan O'Hare (ex Teenage Fanclub e Telstar Ponies); quest'ultimo uscira' dal gruppo nel 1998. Autori di un rock in gran parte strumentale, dominato dalle chitarre ed influenzato dal minimalismo come dal noise e dalla musica cosmica tedesca, i Mogwai costruiscono epici brani in crescendo che, partendo con toni quieti e suffusi, terminano in autentiche tempeste sonore. Il loro stile porta somiglianze con quello dei canadesi G.Y.B.E.!, sebbene i due gruppi abbiano identita' distinte e marcate differenze. Il primo acclamato album ''Young team'' (1997) esce dopo una serie di apprezzati singoli ed ep ed e' considerato uno dei dischi piu' importanti del rock indipendente di fine secolo. Il gruppo si costruisce una buona fama anche grazie ai suoi impressionanti e rumorosi concerti; nel 1999 esce il secondo album ''Come on die young'', piu' quieto e sognante rispetto ai lavori precedenti e seguito da ulteriori album, in genere apprezzati dalla critica, molti dei quali entrano in classifica in Gran Bretagna.
Euro
38,00
codice 2100582
scheda
Mogwai Zerozerozero soundtrack (rsd 2021)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  rock action 
indie 90
edizione limitata in occasione del RECORD STORE DAY 2021, doppio vinile bianco. La bella colonna sonora della serie "zerozerozero" basata sul libro di Roberto Saviano. Ventuno brani strumentali , di durata sotto i quattro minuti, dove melodia e armonia sono magistralmente condotte nelle atmosfere del classico stile post-rock del gruppo, con pianoforti, elettronica ed esplosioni di chitarre distorte.
Euro
30,00
codice 2102028
scheda
Mogwai zidane (ost)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2006  pias/wall of sound 
indie 90
Doppio lp, inciso solo su tre lati, con copertina apribile, etichette custom nere con scritte grigie. Pubblicato nel Novembre del 2006, il sesto album, uscito dopo "Mr. Beast", del gruppo post rock scozzese. Titolo completo, "Zidane. A 21st Century Portrait. An Original Soundtrack by Mogwai", si tratta della colonna sonora del film dedicato al calciatore francese Zinedine Zidane, diretto da Douglas Gordon e Philippe Parreno. Cosi' come i texani Explosions in the Sky avevano creato la colonna sonora per "Friday Night Lights", film sul football americano, la musica di un altro gruppo strumentale post rock si presta ad accompagnare le scene di un film che riguarda lo sport, con il proprio carattere atmosferico, introspettivo e cinematico, dato dai tempi dilatati e dai crescendo, da tappeti avvolgenti di infiniti drones di chitarre e dai malinconici movimenti di piano. L'effetto circolare della musica e' accentuato anche dalla ripetizione delle melodie, con alcune canzoni che ritornano in versione diversa durante lo svolgimento dell'album e le linee di basso arrangiate in modo uniforme come a sottolineare un tema conduttore.
Euro
19,00
codice 2089307
scheda
Mogwai / dweeb Angels vs aliens / buzzsong (green vinyl)
7'' [edizione] originale  stereo  uk  1996  ché 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
La rara primissima stampa, uscita in edizione limitata a 500 copie in vinile verde, copertina in carta aperta su tre lati, con foto e crediti nella parte interna, barcode 603375006174, label argentata con parte intorno al foro centrale scoperta e nome di ciascun gruppo in incavo sulla rispettiva facciata, foro centrale piccolo, catalogo CHE61. Pubblicato nel luglio del 1996 dalla Che' in Gran Bretagna, il raro secondo singolo della geniale band di Glasgow, fra le realta' piu' belle della musica britannica degli ultimi anni '90, caratterizzati da lunghi brani strumentali, con intrecci di chitarre ed uso di elettronica ed archi. Inciso dal gruppo con formazione ancora a tre (Stuart braithwaite alla chitarra, Dominic Aitchison al basso e Martin Bulloch alla batteria), il brano ''Angels vs aliens'' sara' poi raccolto in ''Ten rapid'' nel 1997, compilation del primo periodo della band; e' un pezzo che, pur nel suo carattere acerbo e grezzo, rivela gia' i tratti distintivi dei primi Mogwai, passando da momenti lenti, malinconici ed intimisti a montante tensione ed esplosioni furiose. Sul retro la band scozzese dweeb con ''Buzzsong'', indie-pop con riferimenti ad Urusei Yatsura e Bis, poi inserito nel loro unico album ''Turn you on'' (1998).
Euro
30,00
codice 327111
scheda

Page: 1 of 1

  • 1

Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Mogwai":
Mogwai - 

altri autori contnenti le parole cercate: