Hai cercato:  dall'anno 2000 --- Titoli trovati: : 5903
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 237  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
********    The drink
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  weird world 
indie 2000
doppio vinile 180 grammi, etichette bianche scritte nere. "The Drink" (2018) è il debutto discografico di un duo misterioso, si fanno chiamare con una serie di asterischi ********, che stanno per l'acronimo Guinness, Generally. Underwhelmed. Incognito. Niceties. Not. Even. Slightly. Suggestive. Il loro debutto è un lavoro minimale ma ispirato : tra lo fi, minimal wave, ritmi sbilenchi, synth, drum machine la band crea uno scenario sonoro straniante e affascinante. ******** è il nome misterioso di un duo britannico, l'asterisco si riferisce a una parola il cui acronimo forma Guinness, Generally. Underwhelmed. Incognito. Niceties. Not. Even. Slightly. Suggestive. La formazione è composta da Ailie Ormston, artista di Glasgow e attiva nella ristorazione, e O, responsabile di un centro ricreativo a Edimburgo. Debuttano con l'album "The Drink" nel 2018.
Euro
29,00
codice 2076396
scheda
1-Speed bike    Droopy butt begone
Lp [edizione] nuovo  stereo  can  2000  constellation 
indie 2000
Copertina ruvida a busta senza codice a barre, inserto in cartoncino liscio bianco formato 10'', piccolo coupon promozionale dell'etichetta, label custom gialla con scritte nere e disegni in nero diversi su ciascuna facciata. Pubblicato dalla Constellation nell'ottobre del 2000, ''Droopy butt begone!'' e' il primo album del progetto musicale del canadese Aidan Girt. Suonato interamente da Girt, questo album presenta una originale ed ironica miscela di sonorita' house e hip hop, ritmi rock minimali ed ipnotici, eterei tappeti di tastiere, passaggi parlati, il tutto immerso in un'atmosfera notturna ed onirica ma leggera e scevra della cupezza che avvolge spesso la musica di gruppi come i GYBE!, dei quali Girt fa parte. 1-Speed Bike e' un progetto musicale del multi-strumentista e dj canadese Aidan Girt, batterista nei Godspeed You Black Emperor! e negli Exhaust, che si caratterizza per i toni piu' leggeri ed ironici rispetto a questi gruppi e per la commistione fra eletronica, musica rarefatta e sognante e rock strumentale minimale. Il primo album di 1-Speed Bike, ''Droopy butt begone!'', esce nel 2000.
Euro
16,00
codice 3501027
scheda
16 Horsepower    Hoarse
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2001  glitterhouse 
indie 90
per la prima volta in vinile, include cd dell'album, doppio vinile 180 grammi, copertina apribile, etichette custom. Live uscito nel 2001, il primo per il gruppo, registrato durante il tour del 1998 negli Stati Uniti ed in Francia, oltre a vari brani del gruppo (principalmente degli album 'Low Estate' e 'Sackloth'n'Ashes') contiene tre covers: 'fire spirit' dei Gun Club, Badmoon rising dei C.C.R. e 'day of the lords' dei Joy division. Formatisi a Denver in Colorado nel 1992 ad opera di David Eugene Edwards, i 16 Horsepower sono un originale gruppo fra indie rock, folk e pop gotico; guidati da Edwards, i cui testi sono fortemente improntati dalla rigida educazione religiosa ricevuta e ricchi di riferimenti biblici, mentre il suo canto istrionico e carico di tensione, sembra un punto d'incontro fra un predicatore e Nick Cave o Peter Murphy, i 16 Horsepower esordiscono con un singolo nel 1995 e pubblicano il loro primo apprezzato Lp "Sackloth 'n' ashes" nel 1997, seguito l'anno successivo dall'altrettanto considerato "Low estate". Il quinto Lp "Folklore" sposta il loro baricentro musicale verso il folk, sempre immerso in atmosfere notturne e gotiche. Nel 2005 la band si scioglie ed Edwards da' vita la progetto denominato Woven hand
Euro
35,00
codice 2062768
scheda
16 Horsepower    Olden
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2003  volkoren/glitterh. 
indie 90
Doppio lp, etichette custom nere. Raccolta di demos, versioni diverse e registrazioni lives della band di Denver, Colorado. I brani qui inclusi fanno parte di tre diversi set, the Night Owl Session registrate nel 1993 a Denver, the Kerr Marcy Session dell'aprile del 1994 sempre a Denver e Live 1994, un concerto dell'ottobre 1994 al Mercury Cafe di Denver. I brani dei 16 Horsepower presentano uno stile in bilico tra alternative country e neo gothic rock e sono incentrati sulla voce e il songwriting del leader David Eugene Edwards, che riesce a trasmettere un clima spirituale ed oscuro, quasi da predicatore, gli arrangiamenti che arricchiscono un'ossatura costituita da chitarre, basso e batteria, si caratterizzano per l'uso di banjo, violini ed organo.
Euro
34,00
codice 2062769
scheda
16 Horsepower    Yours, truly
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  ger  2011  glitterhouse 
indie 90
Vinili 180 gr., copertina ruvida apribile con scritte e disegni in rilievo sul fronte, completa di inserto lucido con foto a colori, testi e crediti, adesivo sul cellophane, etichette gialle con scritte marroni, doppio Lp pubblicato dalla Glitterhouse nel 2011, compilation rimasterizzata, che contempla pezzi editi ed inediti, oltre che rarita: il primo vinile, denominato 'people choice', contiene brani piu' famosi , scelti dai fans tramite sondaggi nel web,, mentre il secondo, le rarita', i lati B e demos: " Black Soul Choir ", "American Wheeze", "Splinters", "Haw", "For Heaven's Sake", "Clogger ","Hutterite Mile ", "Poor mouth", "Cinder Alley", "Low Estate ", "I Seen What I Saw ", "Strawfoot", "Phyllis Ruth", "Flowers In My Heart ", "Dead Run", "American Wheeze", "Black Soul Choir", "Bad Moon Rising", "Worry", "The Partisan", "Fire Spirit", "Cinder Alley", "Poor Mouth", "Clogger", "De-railed". Formatisi a Denver in Colorado nel 1992 ad opera di David Eugene Edwards, i 16 Horsepower sono un originale gruppo fra indie rock, folk e pop gotico; guidati da Edwards, i cui testi sono fortemente improntati dalla rigida educazione religiosa ricevuta e ricchi di riferimenti biblici, mentre il suo canto istrionico e carico di tensione sembra un punto d'incontro fra un predicatore e Nick Cave o Peter Murphy, i 16 Horsepower esordiscono con un singolo nel 1995 e pubblicano il loro primo apprezzato lp ''Sackloth 'n' ashes'' nel 1997, seguito l'anno successivo dall'altrettanto considerato ''Low estate''. Il quinto lp ''Folklore'' sposta il loro baricentro musicale verso il folk, sempre immerso in atmosfere notturne e gotiche.
Euro
34,00
codice 2029336
scheda
1919    Bloodline
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2017  let them eat vinyl 
punk new wave
Edizione limitata in vinile rosso, copertina apribile, label bianca con nome gruppo stilizzato in alto, catalogo LETV484LP. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2018 ad opera della Let Them Eat Vinyl, il secondo album, pubblicato originariamente nel marzo del 2017 solo in cd dalla Westworld, successivo al primo ''Machine'' (1983) ed al live CDr ''2015: ''the madness continues'' sessions'' (2015). Riprendendo il filo delle loro produzioni degli anni '80, i rinati 1919 presentano qui un lavoro dal sound denso, minimale, potente ed ossessivo, ancora affine ai grandi Killing Joke, che sostiene un cantato che richiama il John Lydon di epoca P.I.L.; le atmosfere rimangono oscure e cariche di tensione, e ricordano anche quelle dei Bauhaus, aggiornandosi alle ombre ed alle incertezze di questo inizio di nuovo millennio. Autori nella prima fase della loro carriera di un solo lp, il raro ''Machine'' del 1983, i 1919 sono un'oscura e misconosciuta band britannica nata a Bradford nel 1980. In quegli anni suonavano una grandissima dark-wave, un post-punk oscuro e potente, una musica ispirata ai primissimi lavori dei loro padri spirituali Killing Joke. ''Machine'' rimane un disco semplicemente superbo, meraviglioso e devastante. Il gruppo, composto da Ian Tilleard, Mark Tighe, Sputnik, Nick Hiles e Mick Reed, realizzo' una manciata di singoli ed ep fra il 1982 ed il 1984, oltre a questo album; dopo lo scioglimento, il chitarrista Mark Tighe ed il cantante Ian Tilleard formarono gli Another Cinema. Dopo decenni, finalmente i 1919 si riformano nel 2015, pubblicando nuovo materiale: il live ''2015: ''the madness continues'' sessions'' (2015, autoprodotto su CDr) e ''Bloodline'' (presentato come il secondo vero album, pubblicato nel 2017 dalla Westworld in cd).
Euro
24,00
codice 2077469
scheda
2:54    2:54
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2012  fat possum 
indie 2000
Copertina con scritte in rilievo sul fronte, coupon per mp3, inner sleeve, etichette custom, Lp pubblicato dalla Fiction nel 2012, esordio full lenght per la band inglese. Prodotto dallo storico collaboratore e batterista di PJ Harvey, Rob Ellis e mixato da Alan Moudler, evidenzia un suono fra post punk e post shoegaze, molto atmosferico, dalle tinte cupe e crepuscolari, con rimandi a band storiche dell'epopea eighties anglosassone, Cure e Siouxsie, ma anche verso gruppi piu' tardivi in senso temporale come Garbage, o recenti come Warpaint, School of Seven Bells, Ladytron e XX. Band il cui nome e' stato preso da un pezzo imprecisato dei Melvins (si riferisce al minutaggio), capitanata dalle sorelle Colette e Annah Thurlow, coadiuvate da Joel Porter al basso e da Alex Robins alla batteria; esprimono un post punk atmosferico e oscuro, che rimanda ai gruppi storici della new wave inglese, come i Cure, e a gruppi piu' recenti come XX, Esben and the Witch, Anna Calvi e le americane Warpaint. Dopo il 10" dal titolo "Scarlet" del 2011, hanno recentemente debuttato con un full lenght eponimo, prodotto da Rob Ellis e mixato da Alan Moudler.
Euro
23,00
codice 2031090
scheda
2:54    You're early
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  fiction 
indie 2000
Copertina con scritte lucide sul fronte, completa di inner sleeve, etichetta nera con scritte bianche, 7" pubblicato dalla Fiction nel 2012, prima dell'album eponimo, contenente due tracce, "You're early" sulla prima facciate e "You're early" (wild beasts remix). Band il cui nome e' stato preso da un pezzo dei Melvins, capitanata dalle sorelle Colette e Annah Thurlow, coadiuvate da Joel Porter al basso e da Alex Robins alla batteria; esprimono un post punk atmosferico e oscuro, che rimanda ai gruppi storici della new wave inglese, come i Cure, e a gruppi piu' recenti come XX, Esben and the Witch, Anna Calvi e le americane Warpaint. Hanno recentemente debuttato con un full lenght eponimo, anch'esso prodotto da Rob Ellis e mixato da Alan Moudler.
Euro
13,00
codice 6002264
scheda
2120'S    Three makes one
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  nasoni 
indie 2000
Edizione a tiratura limitata a 300 copie in vinile colorato viola, completa di inserto, adesivo sul cellophane, etichetta grigia com grandi lettere bianche indicanti il lato e scritte nere, Lp pubblicato dalla Nasoni nel 2014, dopo "Different strokes/different folks" (13), il terzo album della band svedese, capitanata dal chitarrista/compositore e cantante Christian Smedstrom della leggendaria stoner band, Awesome Machine. La musica di quest'album e' alimentata da influenze che spaziano dal folk al blues e country contestualizzato fra l'epopea del rock, fine 60's, inizio 70's: Mountain, Blue Cheer e Roky Erikson, in prima linea. A cio' si aggiungono sonorita' e sensibilita' pesante derivata da matrici stoner, care ai musicisti. Si segnala la cover di John Lee Hooker, "Send me your pillow".
Euro
29,00
codice 6004501
scheda
23 Skidoo    Beyond time (+dvd)
lpdvd [edizione] nuovo  stereo  ben  2015  les disques du crep. 
punk new wave
Adesivo di presentazione del disco sul cellophane, allegato codice per download dell'album da internet su adesivo applicato all'interno della copertina, che e' ruvida a busta, allegato DVD con il film ''Beyond time'', inner sleeve in carta con foto e note, label bianco/crema con scritte nere ed arancio, logo Les Disques Du Crepuscule bianco e nero in basso, catalogo TWI1223. Pubblicata nel 2015 dalla Les Disques Du Crepuscule, la colonna sonora del film ''Beyond time'', diretto da Alex Turnbull con Pete Stern e narrato dall'attore Jude Law. Il tema del film e' la vita e l'arte dello scultore scozzese William Turnbull (1922-2012), importante artista novecentesco e padre dei membri dei 23 Skidoo Alex e Johnny Turnbull. Le musiche, pressoche' interamente strumentali, variano stilisticamente da lenti e raffinati melange pop / rock d'atmosfera sulla prima facciata alle notturne e fascinose partiture jazzate di ''Kendang'' ed alle sonorita' percussive misteriose ed ipnotiche, dagli echi gamelan, dei restanti tre brani sulla seconda facciata. I 23 Skidoo sono da considerarsi uno dei piu' interessanti gruppi del "primo periodo" del movimento industriale anglosassone. Il progetto 23 Skidoo, che prende nome dal libro Book Of Lies di Aleister Crowley, nasce a Londra nel 1979 da Fritz Haaman, J.C.M. (Johnny Turnbull) e A. Lim (Alex Turnbull), ricordiamo inoltre che la formazione si avvarra' della collaborazione di un giovanissimo David Tibet, proveniente dalla collaborazione con gli Psychic TV e futuro Current 93, tra le menti piu' fervide dello scenario apocalittico anglosassone. Le introspettive e dilatate sperimentazioni dei 23 Skidoo trovano risoluzione in etniche percussioni ed in un uso di strumenti africani ed indiani accompagnati da loop ottenuti da manipolazioni di tape, la loro fruttuosa ricerca stilistica e' riuscita ad imporli tra le formazioni piu' importanti e fondamentali dei primi anni ottanta, durante l'evoluzione del loro percorso artistico partendo dalle prime fondamentali sperimentazioni si avvicineranno gradualmente ad un suono piu' commerciale accostabile alle realizzazioni funk wave degli A Certain Ratio.
Euro
37,00
codice 3507693
scheda
764-Hero    Weekends of sound
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2000  up records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa Usa, copertina con cellophane da noi aperto per verificare il contenuto, completa di inserto formato 10" con testi, etichetta divisa in 4 spicchi, neri, grigio ed azzurro, con scritte nere, Lp pubblicato in Usa dalla Up Records nell'estate 2000, dopo "Get here and stay" (98), prima di "Nobody knows this is everywhere" (02), il terzo album del gruppo americano, che con questo album, prosegue il proprio indie rock chitarristico, sempre in bilico fra melodia e dissonanze, con uno stile vocale che ricorda in parte l'emocore, non distante da quello del 33 giri precedente: un suono pieno e carico di emotivita', ma ma i sopra le righe. Prodotto e registrato da Phil Ek, presenta sonorita' sulla scia di bands come Karate, Built to Spill e Weezer. I 764-Hero si formano a Seattle nel 1995 ad opera di John Atkins (ex Hush Harbor) e Polly Johnson (ex Bell Jar); inizialmente un duo, esordiscono su Lp con "Salt sinks and sugar floats" nel 1996, con un indie low fi vicino ai Pavement ed all'emo core. Accostati anche a Built To Spill e Modest Mouse, reclutano successivamente il bassista James Betram (Red Stars Theory), con il quale incidono il secondo apprezzato Lp "Get here and stay"; il gruppo, attraverso alcuni cambi di organico, pubblica due ulteriori album nel 2000 e nel 2002 per poi sciogliersi. John Atkins forma in seguito i The Can't See.
Euro
27,00
codice 601254
scheda
808 State    Four states (compilation)
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  ztt 
indie 90
4 vinili 180grammi, contenuti in copertina cartonata a box con apertura con linguetta sul retro. Compilation che ripercorre la carriera del gruppo, con sei brani mai apparsi su vinile. Gli 808 State sono stati tra i principali esponenti della elettronica europea degli anni '90; nascono a Manchester alla fine degli anni '80 con formazione a tre composta da Gerald Simpson, Graham Massey e Martin Price, divenendo il primo gruppo techno inglese al quale tutti si ispireranno, compreso Aphex Twin. Vantano collaborazioni con Bjork, David Bowie, MC Tunes, Soundgarden.
Euro
50,00
codice 2084473
scheda
90 day men    panda park
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2004  southern 
indie 2000
Vinile pesante, etichetta grigia con scritte bianche, contiene quattro inserti formato lp con illustrazioni e testi. Pubblicato nel maggio 2004 dopo ''to everybody''. Il terzo album del gruppo di Chicago, Panda Park venne definito alla sua uscita ''il Revolver di un gruppo cresciuto con i Fugazi che presto realizzera' il suo Sgt. Pepper''. Musicalmente si tratta di un opera che gode di enorme considerazione, piu' volte disco dell'anno per la stampa usa, l'album vede lunghi brani catartici ed indefinibili, evocativi ed ipnotici, tra post punk, post rock e sperimentazione, con sfumature progressive, Panda Park e' considerato il capolavoro della band ed uno dei migliori albums dell'anno in usa, paragonato a classici del passato quale il Bowie di Aladdin Sane, e' capitolo lontanissimo dal post-hardcore degli inizi e si avvicina a quell'indefinibile groove definita dalla critica 'post-piano pop', che vede rifeimenti al Brian eno di 'here Comes The Warm Jets' ed al glam rock dei primi anni '70 inglesi, Elton John, Bowie, T. Rex, ELO, unito alla sperimentazione classica dell' area di Chicago, tra i brani la magnifica "Chronological Disorder" in cui il progressive dei '70, la psychedelia dei '60, la new wave degli '80 ed il punk rock si uniscono mirabilmente in un nuovo ed eccitante suono senza termine di paragone.
Euro
20,00
codice 2064155
scheda
90 day men    to everybody
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2002  southern 
indie 2000
copertina liscia a busta, etichette custom in b/n con artwork copertina. Pubblicato dalla Southern nel febbraio del 2002 negli USA e nel marzo dello stesso anno in Gran Bretagna, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico, "To everybody" e' il secondo album del gruppo fondato a St. Louis, Missouri, nel 1995, uscito dopo "(It (is) it) critical band" (2000) e prima dell'ep "Too late or too dead" (2003). Dopo essersi trasferiti a Chicago, i 90 Day Men pubblicano una manciata di singoli e mini cd per poi ottenere un contratto con la Southern, che da' alle stampe il loro primo album nel 2000. Nel corso del tempo la musica del gruppo si fa sempre piu' complessa ed indefinibile, con influenze che vanno dagli Slint meno furiosi al rock progressivo, dalla psichedelia alle melodie minimali del cosiddetto post rock; il gruppo e' stato da alcuni accostato al math rock, sebbene esso sfugga a precise etichette. Questo loro secondo album segna una nuova strada nel percorso musicale del gruppo, dando grande rilievo alle tastiere, in particolare il piano, che sovrasta lunghi ed ipnotici brani con minimali e malinconici assoli, mentre il canto quasi sussurrato di Brian Case contribuisce all'atmosfera intimista ed invernale del disco.
Euro
16,00
codice 2046736
scheda
90 day men    to everybody (+booklet)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2002  southern 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
l' originale stampa americana, etichette custom in bianco e nero, catalogo 18592-1, copia corredata dell' ORIGINARIO BOOKLET di otto pagine in formato cd, assente nella ristampa. Pubblicato dalla Southern nel febbraio del 2002 negli USA e nel marzo dello stesso anno in Gran Bretagna, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico, "To everybody" e' il secondo album del gruppo fondato a St. Louis, Missouri, nel 1995, uscito dopo "(It (is) it) critical band" (2000) e prima dell'ep "Too late or too dead" (2003). Dopo essersi trasferiti a Chicago, i 90 Day Men pubblicano una manciata di singoli e mini cd per poi ottenere un contratto con la Southern, che da' alle stampe il loro primo album nel 2000. Nel corso del tempo la musica del gruppo si fa sempre piu' complessa ed indefinibile, con influenze che vanno dagli Slint meno furiosi al rock progressivo, dalla psichedelia alle melodie minimali del cosiddetto post rock; il gruppo e' stato da alcuni accostato al math rock, sebbene esso sfugga a precise etichette. Questo loro secondo album segna una nuova strada nel percorso musicale del gruppo, dando grande rilievo alle tastiere, in particolare il piano, che sovrasta lunghi ed ipnotici brani con minimali e malinconici assoli, mentre il canto quasi sussurrato di Brian Case contribuisce all'atmosfera intimista ed invernale del disco.
Euro
26,00
codice 236687
scheda
99 Posse    La vida que vendrà
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2000  sony music / rca 
hip-hop
Ristampa europea del 2016 ad opera della Sony Music / RCA, pressoché identica alla rara prima tiratura ma con barcode cambiato, vinile doppio, copertina con barcode 889853231317, corrispondente al numero di catalogo, label verde con scritte nere e bianche, titolo in marroncino. Originariamente pubblicato nel 2000 dalla NoveNove, il quarto album (escludendo quelli co-accreditati ai Bisca), successivo a ''Corto circuito'' (1999) e precedente ''NA9910'' (2001). Lavoro che intreccia lo hip hop e le influenze giamaicane con sostanziali inseriementi elettronici, già a partire dal brano di apertura ''Comincia adesso'', sostenuto da un groove vicino alla techno underground (oppure ''Sub'', che si muove su ritmiche dai richiami big beat), ''La vida que vendrà'' è percorso ancora da forti spinte politiche e sociali nei suoi testi, calate in un contesto che talora fa pensare ad ambientazioni cyberpunk mediterranee. L'album si chiude con una interpretazione di ''El pueblo unido'', una delle canzoni più importanti del repertorio degli Inti Illimani. Formatisi a Napoli nel 1991, i 99 Posse sono uno dei più noti gruppi underground italiani degli anni '90. Artefici di una musica che mescola differenti stili nel corso degli anni, dal funk al reggae, dal ragamuffin allo hip hop fino ad echi di musica etnica, realizzano i propri lavori tramite autoproduzione. Il gruppo dà grande importanza al proprio messaggio di critica sociale e politica, cantando spesso in dialetto napoletano. Dopo il primo album ''Curre curre guaglio'' (1993), i 99 Posse si uniscono ai concittadini Bisca, suonando insieme dal vivo in tutta Italia per un biennio e pubblicando due album a nome Bisca99posse nel 1994 e nel 1995. I due gruppi proseguono poi sulle proprie diverse strade, ed i 99 Posse realizzano ''Cerco tiempo'' nel 1996, quindi ''Corto circuito'' nel 1998. La loro attività prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo, e vede anche la fondazione della propria etichetta musicale, Novenove.
Euro
28,00
codice 2088315
scheda
99 Posse    La vida que vendrà
LP2 [edizione] ristampa  stereo  eu  2000  sony music / rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good hip-hop
copia ancora incellophanata, ma con una leggera piegatura sull'angolo superiore destro della copertina, ristampa europea del 2016 ad opera della Sony Music / RCA, pressoché identica alla rara prima tiratura ma con barcode cambiato, vinile doppio, copertina con barcode 889853231317, corrispondente al numero di catalogo, label verde con scritte nere e bianche, titolo in marroncino. Originariamente pubblicato nel 2000 dalla NoveNove, il quarto album (escludendo quelli co-accreditati ai Bisca), successivo a ''Corto circuito'' (1999) e precedente ''NA9910'' (2001). Lavoro che intreccia lo hip hop e le influenze giamaicane con sostanziali inseriementi elettronici, già a partire dal brano di apertura ''Comincia adesso'', sostenuto da un groove vicino alla techno underground (oppure ''Sub'', che si muove su ritmiche dai richiami big beat), ''La vida que vendrà'' è percorso ancora da forti spinte politiche e sociali nei suoi testi, calate in un contesto che talora fa pensare ad ambientazioni cyberpunk mediterranee. L'album si chiude con una interpretazione di ''El pueblo unido'', una delle canzoni più importanti del repertorio degli Inti Illimani. Formatisi a Napoli nel 1991, i 99 Posse sono uno dei più noti gruppi underground italiani degli anni '90. Artefici di una musica che mescola differenti stili nel corso degli anni, dal funk al reggae, dal ragamuffin allo hip hop fino ad echi di musica etnica, realizzano i propri lavori tramite autoproduzione. Il gruppo dà grande importanza al proprio messaggio di critica sociale e politica, cantando spesso in dialetto napoletano. Dopo il primo album ''Curre curre guaglio'' (1993), i 99 Posse si uniscono ai concittadini Bisca, suonando insieme dal vivo in tutta Italia per un biennio e pubblicando due album a nome Bisca99posse nel 1994 e nel 1995. I due gruppi proseguono poi sulle proprie diverse strade, ed i 99 Posse realizzano ''Cerco tiempo'' nel 1996, quindi ''Corto circuito'' nel 1998. La loro attività prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo, e vede anche la fondazione della propria etichetta musicale, Novenove.
Euro
18,00
codice 330764
scheda
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2008  wax poetics 
indie 2000
Edizione limitata a 1500 copie numerate sul retro copertina in basso, vinile doppio pesante e trasparente, copertina apribile, label blu con scritte bianche e nere, catalogo WPR006, busta di plastica trasparente con chiusura adesiva ed adesivo rettangolare nero di presentazione. Edizione vinilica realizzata nel 2009 dalla Wax Poetics, dell'album originariamente pubblicato su cd dalla giapponese Catune nell'aprile del 2008. Il primo album dei Nine Days Wonder (o 9DW che dir si voglia), successivo al primo ep del 2007. Il gruppo giapponese propone qui un morbido funk rock strumentale, dai forti echi anni '70 ma anche qualche rimando ai primi anni '80, caratterizzato da raffinati per quanto agevoli all'ascolto intrecci strumentali con preminenza di tastiere, sostenuti da un agile groove funk; in certi episodi si notano affinita' con il sound dei Jamiroquai. Questo gruppo giapponese si forma a Tokyo nel 1997, inizialmente con uno stile denominato dal sito del gruppo stesso come ''hardcore fused math-pop''; intorno al 2006 si verificano sostanziali cambiamenti nella formazione, che viene rinnovata attorno al fondatore Kensuke Saito. La nuova incarnazione del gruppo si orienta verso sonorita' funk e di moderno soul, raffinato e ballabile, che si manifesta nel primo eponimo album del 2008, un disco strumentale.
Euro
25,00
codice 2038516
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  hallow ground 
indie 2000
Vinile bianco, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina senza codice a barre, catalogo HG1902. Pubblicato nel giugno del 2019 dalla Hallow Ground, "Harmistice" è il primo album in collaborazione fra Siavash Amini ed il duo 9T Antiope, entrambi artisti di origine iraniana. Amini, nato nel 1987 a Teheran, è autore di musica elettronica che spazia dall'ambient alla IDM, che adotta elementi di musica classica, dissonanze elettroniche e melodie chitarristiche dilatate ed atmosferiche; ha collaborato fra gli altri con l'artista "spoken word" Matt Finney in tre album. I 9T Antiope sono un duo, anch'esso iraniano ma attualmente basato a Parigi, composto da Sara Bigdeli Shamloo e Nima Aghiani, formato nel 2014; sono autori di musica elettronica sperimentale in cui si incontrano testi poetici e dissonanze elettroniche, interazioni fra queste e strumenti acustici. Inciso fra Parigi e Teheran, "Harmistice" è composto da soli quattro brani nei quali i testi, ispirati da un incubo di guerra, e la voce di Sara, il cui canto confina con la declamazione poetica e con la narrazione, sono sostenuti dalle stordenti sonorità elaborate da Aghiani ed Amini, nelle quale rabbrividenti dissonanze elettroniche convivono con spettrali droni di archi. Un'opera dai toni dolenti ed angosciosi, espressi con sonorità confinanti con l'astrattismo ed immersi in atmosfere oniriche.
Euro
28,00
codice 3512272
scheda
A giant dog    Pile
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2016  merge 
indie 2000
inner sleeve, coupon per download, etichette custom. “Pile” (2016) è il terzo disco a firma A giant dog, ma è il primo ad essere pubblicato dalla Merge Records. L’album, come il precedente è prodotto da Mike McCarthy (già al lavoro con gli Spoon). In quindici brani, della durata di 2/3 minuti, la band spazia tra glam, garage e power pop. E lo fa con spensieratezza e con un tono divertito. A Giant Dog: gruppo nato nel 2008 ad Austin (Texas). Sabrina Ellis (voce), Andrew Cashen (voce, chitarra) e Orville Neeley (batteria), tre vecchi amici di liceo, insieme ad Andy Bauer (chitarra) e Graham Low (basso) formano la band, suonano un mix di glam, garage, punk. E nel 2010 pubblicano il primo EP, “House” e nel 2012 arriva il disco d’esordio, “Fight”, seguito nel 2013 da “Bone” e nel 2016 da “Pile”.
Euro
26,00
codice 2061449
scheda
A hawk and a hacksaw (neutral milk hotel)    the way the wind blows
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2006  leaf 
indie 2000
ristampa per il ventennale della label, include il cd del disco, copertina con parti lucide. Il terzo album, uscito dopo "Darkness at Noon" e prima di "Delivrance". Affascinante progetto creato dal musicista americano Jeremy Barnes (batterista dei Neutral Milk Hotel, con la partecipazione in questo disco di Zach Condon dei Beirut. Barnes ha viaggiato, e vi soggiorna tutt'ora, per l'Europa, in special modo in quella orientale, da solo come one man band, suonando con musicisti di strada o locali bande paesane, usando una serie di strumenti acustici piu' o meno insoliti, tra cui fisarmonica, arpa, piano, percussioni, violino, tromba, tuba. Questo lavoro davvero bello e struggente, in cui viene fatto un maggiore uso della voce rispetto ai primi due dischi, presenta un suggestivo e magico sapore multietnico, con atmosfere e stili che si rifanno in maniera predominante alla musica balcanica, comprendendo influssi klezmer e mediorientali. Affascinante progetto creato dal musicista americano Jeremy Barnes (batterista dei Neutral Milk Hotel, Gerbils e Bablicon, oltre che collaboratore di Broadcast e Bright Eyes), insieme alla moglie, la violinista Heather Trost; i due, attraverso ripetuti viaggi e soggiorni piu' o meno lunghi, in Europa, realizzano una musica da una forte e suggestiva valenza multietnica (balcanica, mediorientale e klemzer), suonando anche con musicisti di strada, usando una serie di strumenti acustici piu' o meno insoliti, tra cui fisarmonica, arpa, piano, percussioni, violino, tromba e tuba. Dopo il debutto eponimo del 2002, realizzano "Darkness at noon" nel 2005, "The way the wind blows" (06), "Deliverance" (09), "Cerventine" (09) e "You have already gone to the other world" (13).
Euro
23,00
codice 2086246
scheda
A hawk and a hacksaw (neutral milk hotel)    You have already gone to the other world
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  2013  lm duplication 
indie 2000
Copertina apribile senza codice a barre, corredata da coupon per il download digitale, etichette nere con scritte bianche, doppio Lp pubblicato dalla Lm Duplication nel 2013, dopo "Cervantine" (11), il sesto album per l’ex batterista dei Neutral Milk Hotel Jeremy Barnes e la violinista Heather Trost; lavoro che raccoglie composizioni assemblate durante il loro ultimo tour, in cui si esibivano musicando "Shadows of forgotten ancestors", film di Sergei Parajanov del 1964. Sotto la produzione di John Dieterich dei Deerhoof, "You have already gone to the other world" si basa sulla musica tradizionale dell'europa dell'est, Ucraina, Ungheria e Romania, intervallata ed arricchita da frammenti del suddetto lungometraggio. Affascinante progetto creato dal musicista americano Jeremy Barnes (batterista dei Neutral Milk Hotel, Gerbils e Bablicon, oltre che collaboratore di Broadcast e Bright Eyes), insieme alla moglie, la violinista Heather Trost; i due, attraverso ripetuti viaggi e soggiorni piu' o meno lunghi, in Europa, realizzano una musica da una forte e suggestiva valenza multietnica (balcanica, mediorientale e klemzer), suonando anche con musicisti di strada, usando una serie di strumenti acustici piu' o meno insoliti, tra cui fisarmonica, arpa, piano, percussioni, violino, tromba e tuba. Dopo il debutto eponimo del 2002, realizzano "Darkness at noon" nel 2005, "The way the wind blows" (06), "Deliverance" (09), "Cerventine" (09) e "You have already gone to the other world" (13).
Euro
27,00
codice 2051329
scheda
A la lu la    Amolvacy
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  2000  ultramarine 
indie 2000
Vinile chiaro, copertina senza codice a barre, sagomata a forma trapezioidale che copre parzialmente il disco e stampata all'interno, etichetta completamente verde da un lato e completamente rosa sull'altro, Lp pubblicato dalla Ultramarine nel 2009, dopo "Ho-ho-kus" (07) su Black velvet fuckere recordings, il secondo album della band composta da Aaron Moore (Volcano the bear), Dave Nuss (No-neck blues band) e Sheila Donavan (Laboratory Theater company). Opera interessante che, prendendo spunto dalle parole riportate sul retro-copertina, ad opera di due autori portoghesi, che nel 1855 scrissero, pur non conoscendone una parola, un libro di prose in inglese, "English as she is spoke", sviluppa sonorita' che miscelano, basandosi sull'improvvisazione, sperimentazione e post rock, con elementi folk, country e no-music con un'attitudine astratta e dadaista: percussioni elementari, voci radicali, teatrali, isteriche, perfino da cartoons e strumenti classici acustici, come viola, violino e violoncello. Con questa estetica sviluppano atmosfere caotiche e primordiali, fortemente emotive alle quali contribuisce l'apporto della cantante, le cui partiture vocali ricordano Lydia Lunch.
Euro
13,00
codice 6000386
scheda
A perfect circle    Eat the elephant
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  bmg 
indie 2000
inserto, copertina apribile, adesivo su cellophane. "Eat the Elephant" (2018) è l'atteso ritorno discografico degli A Perfect Circle, a quattordici anni di distanza da "eMOTIVe" (2004). Billy Howerdel, membro della band, racconta, "abbbiamo preso le idee di moltissime demo e le abbiamo lasciate progredire. Queste sono le dinamiche che si celano dietro a un grande album, e penso proprio che Eat the Elephant sia un grande album". Il lavoro, che raccoglie dodici brani, incarna un gruppo in piena forma, in grado di stare al passo con i tempi, che sono radicalmente cambiati : gli A Perfect Circle - forti del proprio songwriting - continuano a proporre la visione di rock, intelligente e profonda. Gli A Perfect Circle nascono a Los Angeles nel 1996, su iniziativa di Billy Howerdel (collaboratore dei Tool, Nine Inch Nails, David Bowie, Smashing Pumpkins) dopo l'incontro con Maynard James Keenan (già frontman dei Tool). Quest'ultimo scopre alcune composizioni inedite dello stesso Howerdel e gli propone di realizzarle e inciderle. Da qui nasce il progetto A Perfect Circle, simile per intensità e malinconia ai Tool, ma con una componente melodica in più. Ai due si uniscono il batterista Josh Freese (Vandals, Devo, Guns N' Roses), la bassista Paz Lenchantin e il chitarrista Troy van Leeuwen. La band prova insieme per parte del 1999, ma non annuncia la formazione della nuova band sino alla loro prima esibizione dal vivo, il 15 agosto del 1999, in occasione di un concerto benefico tenutosi al Viper Room di Los Angeles. Grazie anche al periodo di pausa forzata dai Tool del cantante Keenan, dovuto a problemi con la ex casa discografica, la band riesce a registrare i pezzi l' album di debutto. Mer de Noms. Pubblicato nel 2000 per la Virgin Records verrà premiato con il disco di platino per gli ottimi risultati di vendita, specialmente negli Usa. Il primo singolo estratto dall'album, Judith, presenta molte similitudini con i Tool, ma il resto dell'album si discosta nettamente da questa prima impressione. Dopo la pubblicazione del primo lavoro Paz Lenchantin e Troy van Leeuwen lasciano la band per andare a suonare rispettivamente negli Zwan la nuova band di Billy Corgan ex-Smashing Pumpkins e nei Queens of the Stone Age e saranno sostituiti da Jeordie White (noto anche come Twiggy Ramirez ex Marilyn Manson) e James Iha, già chitarrista degli Smashing Pumpkins. Tra le cuoriosità segnaliamo che per distinguere le sue apparizioni con i Tool da quelle con gli A Perfect Circle, Maynard James Keenan usa con questi ultimi una lunga parrucca per tutte le apparizioni dal vivo, per i video musicali, set fotografici e tutte le occasioni ufficiali in cui si presenta come cantante degli A Perfect Circle. Con i Tool esibisce invece la sua veste normale, cioè con i capelli rasati.
Euro
29,00
codice 2081977
scheda
A perfect circle    Eat the elephant (ltd blue & red)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  bmg 
indie 2000
edizione limitata in doppio vinile blu e rosso, inserto, copertina apribile, adesivo su cellophane. "Eat the Elephant" (2018) è l'atteso ritorno discografico degli A Perfect Circle, a quattordici anni di distanza da "eMOTIVe" (2004). Billy Howerdel, membro della band, racconta, "abbbiamo preso le idee di moltissime demo e le abbiamo lasciate progredire. Queste sono le dinamiche che si celano dietro a un grande album, e penso proprio che Eat the Elephant sia un grande album". Il lavoro, che raccoglie dodici brani, incarna un gruppo in piena forma, in grado di stare al passo con i tempi, che sono radicalmente cambiati : gli A Perfect Circle - forti del proprio songwriting - continuano a proporre la visione di rock, intelligente e profonda. Gli A Perfect Circle nascono a Los Angeles nel 1996, su iniziativa di Billy Howerdel (collaboratore dei Tool, Nine Inch Nails, David Bowie, Smashing Pumpkins) dopo l'incontro con Maynard James Keenan (già frontman dei Tool). Quest'ultimo scopre alcune composizioni inedite dello stesso Howerdel e gli propone di realizzarle e inciderle. Da qui nasce il progetto A Perfect Circle, simile per intensità e malinconia ai Tool, ma con una componente melodica in più. Ai due si uniscono il batterista Josh Freese (Vandals, Devo, Guns N' Roses), la bassista Paz Lenchantin e il chitarrista Troy van Leeuwen. La band prova insieme per parte del 1999, ma non annuncia la formazione della nuova band sino alla loro prima esibizione dal vivo, il 15 agosto del 1999, in occasione di un concerto benefico tenutosi al Viper Room di Los Angeles. Grazie anche al periodo di pausa forzata dai Tool del cantante Keenan, dovuto a problemi con la ex casa discografica, la band riesce a registrare i pezzi l' album di debutto. Mer de Noms. Pubblicato nel 2000 per la Virgin Records verrà premiato con il disco di platino per gli ottimi risultati di vendita, specialmente negli Usa. Il primo singolo estratto dall'album, Judith, presenta molte similitudini con i Tool, ma il resto dell'album si discosta nettamente da questa prima impressione. Dopo la pubblicazione del primo lavoro Paz Lenchantin e Troy van Leeuwen lasciano la band per andare a suonare rispettivamente negli Zwan la nuova band di Billy Corgan ex-Smashing Pumpkins e nei Queens of the Stone Age e saranno sostituiti da Jeordie White (noto anche come Twiggy Ramirez ex Marilyn Manson) e James Iha, già chitarrista degli Smashing Pumpkins. Tra le cuoriosità segnaliamo che per distinguere le sue apparizioni con i Tool da quelle con gli A Perfect Circle, Maynard James Keenan usa con questi ultimi una lunga parrucca per tutte le apparizioni dal vivo, per i video musicali, set fotografici e tutte le occasioni ufficiali in cui si presenta come cantante degli A Perfect Circle. Con i Tool esibisce invece la sua veste normale, cioè con i capelli rasati.
Euro
38,00
codice 2082296
scheda

Page: 1 of 237

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 237  ---»
Pag.: oggetti: