Hai cercato:  immessi ultimi 90 giorni --- Titoli trovati: : 2224
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Battisti lucio Il mio canto libero
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2016, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura. Pubblicato in Italia nel novembre del 1972 dopo ''Umanamente uomo : il sogno'' e prima di ''Il nostro caro angelo''. Il sesto lp. Tutti i brani sono di Mogol-Battisti e suonati con Gianni Dall'Aglio, Guido Guglielmetti, Bruno Longhi dei Flora Fauna Cemento, Angelo Salvador, Massimo Luca, Mario Lavezzi, Gian Piero Reverberi, Alberto Radius, Tony Cicco e Gabriele Lorenzi (i Formula Tre al completo), Reginaldo Ettore, Gigi Mucciolo. Prodotto da Lucio Battisti. Per alcuni critici il capolavoro assoluto di Battisti snel formato album, contiene i seguenti brani- La luce dell'est, Luci-ah, L'aquila, . Vento nel vento, Confusione, Io vorrei...non vorrei...ma se vuoi, Gente per bene e gente per male, Il mio canto libero. i punti di forza del lavoro sono come al solito le non comuni doti melodiche di Battisti, unite alle sue eccezionali capacit… di arrangiatore che trovano nei postmoderni testi di Mogol, immagini che riescono al tempo a stupire ed affascinare per lo loro atipicita' nel panorama italiano, la title track, dal carattere volutamente discontinuo che influenzera' non poco il pop del periodo vede l'inclusione di una poderosa sezione fiati , "La luce dell'est" con la celebre frase iniziale '' a te che sei il mio presente'', e "Io vorrei.non vorrei.ma se vuoi" sono esempi del tipico suono di battisti, partenze lente e sognanti con chitarra acustica e melodia in primo piano che si arricchiscono poi di archi e strumenti elettrici fino all'esplosione melodica del finale, "Vento nel vento" e "L'aquila" sono carichi di tensioni emotive ma la loro modernita' e da ricercarsi soprattutto nelle liriche, veramente inconsuete per la penisola del 1972, gli episodi piu' rock sono 2, "Luci-ah" e "Confusione", mentre "Gente per bene e gente per male" ricorda nello stile l'album precedente, pubblicato a distanza di soli 7 mesi, ma da questo assai diverso.
Euro
26,00
codice 2102627
scheda
Battisti lucio Il nostro caro angelo
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2017, rimasterizzata, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura su Numero 1. Pubblicato in italia nel settembre del 1973 dopo ''Il mio canto libero'' e prima di ''Anima latina''. Il sesto lp. Tutti i brani sono di Mogol-Battisti e suonati con Gianni Dell 'Aglio, Bob Callero, Gian Piero Reverberi; in questo album Lucio Battisti compie un passo avanti nella starda della sperimentazione sonora e si distacca, sia pure parzialmente, dalle classiche atmosfere melodiche dei due album del 72, per approfondire il rapporto tra struttura armonica e struttura ritmica . I brani "Il nostro caro angelo" e "La collina dei ciliegi" si ricollegano evidentemente , sia nel climax che nella struttura del brano, ai brani piu' ''classici'' dei due anni precedenti, mentre "Le allettanti promesse" usufruisce di un testo ed una architettura del tutto inedite per il mondo cdel pop italiano, gli altri cinque brani vedono le splendide "La canzone della terra", "Io gli ho detto no" e "Prendi fra le mani la testa" che si situano a meta' strada tra la tradizione e l'innovazione, con una potente ritmica a cui contribuiscono tuti gli strumenti impiegati e non solo basso e batteria ceratmente uno dei grandi classici della musica italiana, vede una splendida e surrerale copertina concepita da Mogol e dallo studio G 7, che rimane come una delle piu' spettacolari ed originali in assoluto in tutta la storia della grafica musicale della penisola. il disco contiene i seguenti brani- La collina dei ciliegi, Ma e' un canto brasileiro, La canzone della terra, Il nostro caro angelo, Le allettanti promesse, Io gli ho detto no, Prendi fra le mani la testa, Questo inferno rosa.
Euro
26,00
codice 2103446
scheda
Battisti Lucio lucio battisti, la batteria, il contrabbasso, eccetera
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2017, rimasterizzata, copertina pressoche' identica alla prima tiratura. Pubblicato in Italia nel febbraio del 1976 dopo ''Anima latina '' e prima di ''Io tu noi tutti ''. Il nono album. Tutti i brani sono di Mogol-Battisti, Lucio Battisti, la batteria, il contrabbasso, eccetera godette di una notevole attesa, visto che per un anno l'artista non aveva pubblicato dischi: infatti, il lavoro preliminare fatto sul disco con i componenti de Il Volo e Mario Lavezzi non venne giudicato soddisfacente da Mogol e Battisti reincise tutti i brani (a meno di Io ti venderei e Il veliero) con una nuova formazione organizzata da Claudio Pascoli, che vedeva Claudio Pascoli - sax (in La compagnia) Lucio Battisti - chitarra ,Ivan Graziani - chitarra , Alberto Radius - chitarra (in Io ti venderei) , Claudio Maioli - tastiere , Massimo Salerno - tastiere , Gabriele Lorenzi - tastiere (in Io ti venderei) , Hugh Bullen - basso , Bob Callero - basso (in Io ti venderei) , Walter Calloni - batteria , Gianni Dall'Aglio - batteria (in Io ti venderei). Rimase al primo posto in classifica per sedici settimane consecutive. La canzone trainante, Ancora tu, anticipa le ritmiche funky che di l￾ a poco avrebbero avuto ampia diffusione in tutto il mondo. In Italia risulto' il singolo piu' venduto dell' anno. Contiene i seguenti episodi: Ancora tu, Dove arriva quel cespuglio, No dottore, Respirando, Un uomo che ti ama, Il veliero, La compagnia, Io ti venderei.
Euro
24,00
codice 2103078
scheda
Bauhaus bela session (+poster)
lpm [edizione] nuovo  stereo  uk  1979  leaving records 
punk new wave
Edizione (ufficiale) in vinile 180 grammi, adesivo di presentazione sul cellophane, copertina nera all' interno, corredata di poster apribile in quattro parti in formato 20"x20", che riproduce la copertina originaria del 12" "Bela Lugosi's Dead", inner sleeve, etichetta nera con scritte bianche da un lato e in bianco e nero con logo del gruppo con profilo stilizzato dall' altro. Pubblicato nel novembre del 2018, questo imperdibile minialbum contiene sul primo lato la facciata A dello storico 12" d' esordio "Bela Lugosi' s Dead" della dark band inglese, uscito nel settembre del 1979 su Small Wonder, ovvero la lunghissima ed epocale title track, e presenta sul retro quattro tracce registrate nelle stesse sessions, il 26 gennaio del 1979, inedite del tutto o almeno in queste versioni: "Boys" sarebbe stata riregistrata qualche mese dopo ed inserita, in quella seconda versione, come b-side di "Bela Lugosi's Dead", lasciando inedita questa la versione qui' presente, meno secca e tagliente, forse, ma gia' notevolissima; straordinaria e' la presenza della splendida "Bite My Hip", riregistrata anni dopo e pubblicata con il titolo di "Lagartija Nick" nel 1983 come a-side di un celebre singolo del gruppo, mentre "Harry" e' presente nella stessa versione che sarebbe comparsa, solo nel febbraio del 1982, nel 12" "Kick In The Eye (Searching For Satori E.P.)". Infine, l' acerba "Some Faces", ancora vanata di punk e non priva di elementi pop, compare qui per la prima volta.
Euro
27,00
codice 2102149
scheda
Baxter les Ritual Of The Savage (Le Sacre Du Sauvage) + 2 tracks
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1951  waxtime in color 
soundtracks
Ristampa del 2021, edizione limitata in vinile giallo, pesante 180 grammi, copertina pressoche' identica sul fronte a quella della originaria tiratura, con note supplementari sul retro e due tracce aggiunte per l' occasione "Simba" e "Wotuka", registrate nel maggio del 1955. Originariamente pubblicato nel 1951 dalla Capitol negli USA come 10", contenente otto brani, quindi ripubblicato nel 1955 dalla stessa Capitol come lp con quattro brani in piu', provenienti dalle sessions del luglio 1955 che produssero anche l' album "Tamboo!", uno dei primi album di Les Baxter, considerato uno dei piu' importanti ed influenti lavori nell'ambito dell'exotica. ''Ritual of the savage'' e' un groviglio di pop orchestrale e sonorita' di vaga ispirazione tropicale e tribale, che dipinge in modo ingenuo (e fa parte del suo fascino) esotici paesaggi sonori che talora richiamano il Brasile (''Quiet village''). Considerato uno dei padri dell'exotica, insieme a Martin Denny, il detroitiano Les Baxter (1922-1996) è stato un pioniere dell'uso del theremin, strumento entrato anche nell'universo rock, avendo realizzato con esso un influente album, ''Music out of the moon'', già nel 1948, lavoro che contribuì alla genesi dello space age pop; nel 1951 incise il suo album ''Ritual of the savage'', considerato uno dei più rilevanti lp di exotica, e collaborò come compositore, conduttore ed arrangiatore in alcune delle prime opere di Yma Sumac, come ''Voice of the xtabay'' (1950). Ha anche lavorato molto con le colonne sonore, componendone più di cento.
Euro
19,00
codice 3026828
scheda
Beach boys friends
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1968  capitol 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Very good rock 60-70
la prima rara stampa americana, copia con qualche moderato segno di invecchiamento, copertina cartonata, etichetta nera con arcobaleno lungo la circonferenza SENZA "a subsidiary of Capitol" in basso, catalogo ST2895. Pubblicato in Usa il 24 giugno del 1968, dopo ''Wild honey'' e prima di ''Sunflower'', non entrato nelle classifiche Usa e giunto al numero 13 di quelle Uk, il quattordicesimo album. Uscito quando il duro sound dei Cream e di Jimi Hendrix era all'apice, risulto' troppo sognante e melodico per il pubblico del 1968, ottenendo un riscontro inferiore alle aspettative. Fu uno dei primi albums del gruppo in cui le composizioni furono divise in modo equo tra i membri della band, e contiene alcuni brani che diverranno cavalli di battaglia nel decennio successivo, come "Friends'' o ''Busy doin' nothing''. Pur essendo ancora pregno della psichedelia che imperava nel periodo, e' un album molto piu' pop di "Pet sounds'' e "Smiley Smile", con un ritorno alle armonie vocali ed un definitivo abbandono della sperimentazione avanguardistica che aveva segnato il periodo precedente.
Euro
38,00
codice 249283
scheda
Beach boys party! uncovered and unplugged
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  capitol 
rock 60-70
adesivo di presentazione sul cellophane, vinile pesante, inner sleeve con foto e note, etichetta nera con fascia esterna arcobaleno, coupon con codice per il download digitale. Pubblicato in edizione vinilica per la prima volta nel marzo del 2016, questo album contiene gli stessi brani (nella medesima sequenza) dell' album "Party!" pubblicato negli Usa nel novembre del 1965, e giunto 6 delle classifiche americane ed al numero 3 di quelle inglesi (dove usci' nel febbraio del 1966), ma con le registrazioni "uncovered and unplugged", come recita il titolo, ovvero prive delle incisioni in studio che furono effettuate in occasione della pubblicazione originaria. Il risultato ci restituisce un disco deliziosamente superfluo ancora piu' piacevole e contagioso di come ricordassimo. Queste le note relative all' album originario: Lavoro stranissimo, registrato (giusto per assolvere all' impegno contrattuale con la Capitol che prevedeva un nuovo album entro la fine del 1965) live in studio in una atmosfera da party (appunto) assolutamente informale, vede l'inclusione di una cover di ''The times they're a changin'' stralunata come poche altre, della celeberrima ''Barbara ann'', oltre a vari brani dei Beach Boys riproposti per l' occasione ed ancora covers di brani degli anni '50. Fu, clamorosamente viste le circostanze di registrazione, un ennesimo successo per il gruppo. Tutti gli strumenti ad eccezione del basso, sono acustici, gli arrangiamenti infatti sono diversi e carichi di atmosfere informali e particolari. Un disco incredibile, diversissimo da come molti se lo immaginano e che merita assolutamente di essere riscoperto.
Euro
20,00
codice 2103475
scheda
Beach house Thank your lucky stars
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2015  bella union 
indie 2000
copertina apribile, inner sleeve, coupon per download, etichette custom, adesivo sul cellophane. Uscito a brevissima distanza da 'depression cherry' del quale è il complemento per questo prolifico 2015. Duo formatosi a Baltimora, Maryland, nel 2005, i Beach House sono composti da Alex Scally e Victoria Legrand (nipote del compositore francese Michel Legrand. Autori di una musica sognante e soffusa, carica di riverberi, che riporta ai tempi del dream pop a cavallo fra anni '80 e '90 e che suggerisce accostamenti con Galaxie 500 e Mazzy Star, propongono le loro lente ed ipnotiche composizioni dai toni quasi fiabeschi nel primo album eponimo del 2006 e suscitano entusiasmo su internet, quindi il secondo Lp ''Devotion'' esce nel 2008. Nel 2010, esce il terzo disco, "Teen dreams".
Euro
17,00
codice 2103249
scheda
Beastie boys Licensed to ill
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1986  def jam 
hip-hop
Ristampa del 2016, realizzata in occasione del trentennale dall' uscita originaria, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura. Pubblicato nel novembre del 1986 dalla Def Jam in Gran Bretagna, dove giunse al settimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivo' alla prima posizione, ''Licensed to ill'' e' il primo album dei Beastie Boys, precedente ''Paul's boutique'' (1989). Pochi sospettarono nel momento della sua uscita che si sarebbe trattato di uno degli albums piu' importanti ed influenti della seconda meta' degli anni '80; il sorprendente esordio a 33 giri del gruppo hip hop di New York, vede i tre rapper MCA, Ad-Rock e Mike D esporre i loro aggressivi ma anche demenziali vocalizzi su basi musicali che alternano campionamenti hard rock e metal con altri piu' vicini allo hip hop dell'epoca, decisamente scarni, creando un contrasto musicale notevole, con le voci a fare da trait d'union. Un disco di enorme importanza nello scenario musicale (non solo hip hop) degli anni '80, che propone una musica suo modo di confine, fra punk, metal e hip hop, e che nel corso del tempo e' assurto allo status di classico, con brani epocali come la durissima "Rhymin and Stealin", la potente "No Sleep Till Brooklyn" (davvero figlia dei Run Dmc meets Aerosmith di "Walk This Way"), o il singolo (di notevole successo) "Fight For Your Right"). Formatisi a New York nel 1981, i Beastie Boys sono uno dei gruppi hip hop piu' popolari del pianeta; composti da tre rapper bianchi, inizialmente attivi in ambito hardcore punk e con un bagaglio di influenze che andavano dal metal al funk ed alla psichedelia, Sorspresero (ed in parte irritarono) la scena hip hop nel 1986 con il primo album ''Licensed to ill'', in cui si alternavano campionamenti metal con scheletriche basi musicali dal sentore elettronico, oltre ad una buona dose di ironia. Il grande successo dell'album, a discapito dello sfavore di molti critici, non verra' bissato fino all'apprezzato quarto album ''Ill communication'' (1994), in cui il gruppo preferisce suonare gli strumenti piu' che il campionatore, come era successo anche nel precedente ''Check your head'' (1992), dando luogo ad un crossover in cui si incrociano hip hop, funk, psichedelia, punk. Il successivo ''Hello nasty'' (1998) conferma il loro status di star internazionali, dominando le classifiche sia in patria che in Gran Bretagna.
Euro
30,00
codice 2103332
scheda
Beatles beatles '65
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1964  capitol / apple 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Rara ristampa americana del 1971, copertina Capitol cartonata (con giusto lievi segni di invecchiamento sul retro), nella variante che sul retro riporta sul retro il logo "RIAA Record Industry Association of America", etichetta Apple con mela verde da un lato e tagliata dall' altro, nella versione con "...A Subsidiary of Capitol..." e logo Capitol in basso sul lato 2 lungo la circonferenza, ancora senza "All Rights Reserved", catalogo ST-2228, versione pressata negli stabilimenti Capitol Records Pressing Plant di Los Angeles, con un simbolo sul trail off dei due lati, generalmente descritto come una stella a sei punte. Pubblicato in Usa nel dicembre del 1964 dopo "Something New'' e prima di ''Beatles VI'', giunto nel gennaio del '65 al primo posto delle classifiche americane, non pubblicato all' epoca in Uk. Il quinto album della discografia americana. Un altro degli albums creati dalla Capitol Americana in piena Bealtesmania, fu compilato dall' addetto artistico dell' etichetta americana, Dave Dexter Jr. e dai Beatles stessi. Contiene 8 brani in comune con l' album inglese "Beatles for Sale" ("No reply", "I' m a loser", "Baby's in black", "Rock and roll music", "I'll follow the sun", "Mr. moonlight", "Honey don't", "Everybody's trying to be my baby"), uno tratto dalla versione inglese di "A Hard Day' s Night" ("I' ll be back", assente nella versione americana di "A Hard Day' s Night" come anche in "Something New"), e due tratti da singoli ("She's a woman" / "I feel fine", singolo inglese del novembre 1964). Gli altri 6 brani dell' album inglese "Beatles For Sale" furono inclusi nell' album americano "VI". Come altri quattro albums "americani" dei Beatles fu anche stampato in UK dalla Parlophone, ma esclusivamente per l' esportazione in altri paesi europei (CPCS 102).
Euro
40,00
codice 249300
scheda
Beatles Help (eco - bag, white)
bag [edizione] nuovo      190  rock off 
rock 60-70
"Eco-bag" in polypropylene, realizzata su licenza ufficiale, per contenere dischi formato lp, con effetto telato, con sfondo biancoe con il nome del gruppo e le sagome dei Beatles (nella stessa famosa posa della copertina dell' album "Help") in nero, con manici e soffietto (capienza circa 20 lps).
Euro
5,00
codice 3026912
scheda
Beatles Revolver
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  emi / parlophone 
rock 60-70
ristampa del 2012 rimasterizzata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Parlophone. Pubblicato originariamente in Inghilterra il 5 Agosto del 1966 e giunto al primo posto delle classifiche UK ed americane. Il settimo album dei Beatles, il successore di ''Rubber Soul'' e l'opera che precede ''Sgt Pepper's''. Riportiamo le parole della critica dell'epoca che lo descrisse in questo modo alla sua uscita ''questo album praticamente privo di difetti puo' essere considerato il punto piu' alto della carriera creativa dei Beatles in particolare e della musica moderna in generale''. Sicuramente tra i 10 albums piu' riusciti di sempre, cattura il gruppo nel periodo immediatamente precedente all'estate dei fiori del 1967, vale la pena di riportare per intero la scaletta, che suscita sconcerto, Taxman, Elenor Rigby, I'm Only Sleeping, Love You Too, Here There and Everywhere, Yellow Submarine, She Said She Said, Good Day Sunshine, And Your Bird Can Sing, For No One, Dr. Robert, I Want To Tell You, Got To Get You Into My Life, e, soprattutto, Tomorrow Never Knows. E' il primo album dei cosiddetti ''studio years'', il perioodo in cui i Beatles cessarono ogni attivita' concertistica, l'ultimo concerto e' dell' Agosto del 1966, il disco e' completamente impregnato di cio' che diverra' di li' a poco l'ideologia dell'estate dei fiori, controcultura, metafisica, sogno, droghe, brani geniali, musica indiana, esperimenti mai prima tentati, ma anche testi che divengono impegnati, anche socialmente, inoltre qui emerge la figura di George Harrison, in secondo piano nel primo periodo, diviene, con il suo interesse per la cultura ed il misticismo indiano, una influenza di enorme impatto sui Beatles prima e sulla intera scena poi, opera multiforme e caleidoscopica, e' invecchiato benissimo e suona sorprendente e geniale oggi come dovette esserlo 50 anni fa.
Euro
32,00
codice 2103320
scheda
Beatles rubber soul
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  emi 
rock 60-70
ristampa del 2012 rimasterizzata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Parlophone. Pubblicato il 3 dicembre del 1965, prima di ''Revolver'' e dopo ''Help'', giunto al numero 1 delle classifiche Uk ed al numero 1 di quelle Usa. Il sesto album della discografia inglese, sicuramente uno dei lavori piu' importanti di tutti i tempi, qui per la prima volta la psichedelia si affaccia nelle partiture dei Beatles, tra echi di 12 corde byrdsiane, la scoperta delle droghe leggere a cui furono introdotti da bob dylan, ed i primi nastri al contrario, e' anche il disco preferito di george harrison, mirabile e miracoloso equilibrio tra la primavera della stagione acida ed i suoni iniziali, contiene, solo per citarne alcuni, brani del calibro di ''norwegian wood'','' nowhere man'', ''in my life'', ''drive my car'',''run for your life'', ''michelle'', fu recensito, all'epoca della sua uscita, con le parole '' e' tale la sostanza del lavoro che entriamo oramai in un territorio in cui le note critiche hanno una valenza quasi esclusivamente soggettiva''. si nota subito sin dalla copertina e poi anche nei testi, che sono taglienti, aspri e critici, l'addio alla canzone d' amore per i teen agers ed il primo passo del gruppo verso la mistica e l'arte pura e totale. fondamentale gradino dell'evoluzione sia della musica rock che del 33 giri, forse per la prima volta inteso come opera compiuta e non come mera raccolta di brani, mette in luce il conflitto e la contraddizione tra cio' che i beatles rappresentavano agli occhi di milioni di fans, ragazzini puliti e ben vestiti, e cio' che invece erano divenuti veramente, ovvero quattro artisti che cercavano di spostare il loro limite sempre piu' oltre, avranno tempo per puntualizzare la propria posizione nella incredibile escalation che partendo da qui durarera' inarrestabile fino allo scioglimento nel 1969.
Euro
32,00
codice 2102478
scheda
Beatles songs and pictures (introducing the beatles)
Lp [edizione] ristampa  mono  usa  1964  vee-jay / private 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Rara ristampa private press degli anni '70, copertina (con piccolo strappetto di circa 1,5 cm sul fronte a destra) con titolo accorciato in "Songs and Pictures of the fabulous Beatles" invece che "Songs, Pictures and Stories of the Fabulous Beatles", costituita da un foglio in carta leggera sotto il quale e' presente la copertina riciclata di un altro disco (in questo caso una raccolta intitolata "Believe in Music - 22 Original Hits..." uscita nel 1972), non apribile, a differenza della rarissima tiratura originale, etichetta nera con scritte argento e logo VJ tra parentesi, catalogo VJLP1092; si tratta della prima versione dell' album, CON I BRANI "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU" ma senza "Audiomatrix" e data "6/29/63" incisi sul trail off, cosa che identifica il vinile, come gia' visto la copertina, come una stampa privata. Pubblicato in Usa nel giugno del 1963 prima di ''Meet the Beatles'' giunto al numero 2 delle classifiche Usa, non pubblicato in Uk, il primo album della discografia americana. "Introducing...The Beatles" e' una versione lievemente diversa di "Please Please Me", che era uscito in Inghilterra 4 mesi prima, ed esiste in due versioni, la prima , uscita il 29 Giugno del 1963 prevede due brani in meno rispetto all' edizione Britannica , "Please Please Me" ed "Ask Me Why"ma l'inclusione, al posto di essi, di "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU"; questa seconda versione del disco, pressata il 22 Febbraio del '64, non include invece "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU", ma al loro posto "Please Please Me" e "Ask Me Why". Va segnalato che, in questa versione, il primo di questi due brani e' diverso nelle versioni stereo e mono, la qual cosa pare evidente nell ' ultimo verso del finale della "stereo version", dove John e Paul cantano, sbagliando, parti diverse. GRAN PARTE DELLE COPIE IN CIRCOLAZIONE DI QUESTO DISCO SONO DELLE CONTRAFFAZIONI, non sempre facilmente riconoscibili. Ecco qualche aiuto per il riconoscimento degli innumerevoli bootlegs: a) essendo stato stampato in stabilimenti diversi contemporaneamente, copie autentiche possono presentare differenze nella lucentezza dei colori della copertina, ma QUALUNQUE COPERTINA COMPLETAMENTE OPACA E' CONTRAFFATTA, sebbene alcuni bootlegs vantino delle copertine piuttosto nitide; b) TUTTE LE COPERTINE CON UN BORDO MARRRONE LUNGO IL PERIMETRO SONO FALSE; c) TUTTE LE COPERTINE CON "STEREO" SCRITTO IN NERO IN ALTO A SINISTRA SONO FALSE; D) TUTTE LE COPERTINE CON L' OMBRA DI HARRISON NON VISIBILE ALLA SUA DESTRA SONO FALSE; e) TUTTE LE COPERTINE CHE PRESENTANO DEI PUNTINI ROSSI, BLU E GIALLI CHIARAMENTE VISIBILI SOTTO IL BORDO SUPERIORE DEL RETROCOPERTINA SONO FALSE (si tratta, attenzione, delle contraffazioni in cui il fronte della copertina e' meglio riprodotto); f) probabilmente TUTTE LE COPERTINE IN EDIZIONE STEREO CON TITOLI SUL RETRO IN DUE COLONNE ELENCANTI "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU" SONO FALSE (sebbene alcune fonti riportino comunque questa stampa come esistente); g) TUTTI I VINILI ORIGINALI HANNO LA SCRITTA "BEATLES" ED IL TITOLO SOPRA IL BUCO DELL' ETICHETTA; h) I DISCHI ORIGINALI CON ETICHETTA NERA E ARCOBALENO HANNO I COLORI SULLA LABEL NITIDI A SFUMARE, MENTRE I BOOTLEGS CORRISPONDENTI HANNO I COLORI APPANNATI O CONFUSI ED INDISTINTI; i) I VINILI CON UNA SCRITTA SUL TRAIL-OFF STAMPATA NON A MANO CHE RIPORTA DEL TUTTO O IN PARTE LA DICITURA "AUDIOMATRIX, MR6ARP" SONO TUTTI ORIGINALI (ma non e' vero il contrario, in quanto nello stabilimento di Santa Monica la scritta veniva incisa a mano); l) IL TRAIL-OFF DEI DISCHI ORIGINALI NON E' MAI PIU' LARGO DI 2,5 CM; m) NON ESISTONO probabilmente BOOTLEGS CON LA PAROLA STEREO SULL' ETICHETTA.
Euro
28,00
codice 249304
scheda
Beatles The Live Beatles - Teatro Adriano Roma June 27, 1965
lp [edizione] originale  stereo  ita  1965  bulldog 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale rara stampa, nella versione in vinile nero, copertina apribile senza barcode, etichetta verde e bianca asfumare, catalogo BGLP006. Pubblicato nel 1985, non ufficialmente, dalla italiana Bulldog, contiene la registrazione del concerto effettuato dalla grande band inglese di Liverpool il 27 giugno del 1965 al Teatro Adriano di Roma. La registrazione non e' certo ottimale, come spesso per le registrazioni live dei Fab 4, ma la testimonianza di grande valore storico. Questi i brani contenuti: A1 Twist & Shout A2 She's A Woman A3 I'm A Loser A4 Can't Buy Me Love A5 Baby's In Black A6 I Wanna Be Your Man B1 A Hard Day's Night B2 Everybody's Trying To Be My Baby B3 Rock And Roll Music B4 I Feel Fine B5 Ticket To Ride B6 Long Tall Sally.
Euro
40,00
codice 249243
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1981  plexus 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa olandese, realizzata dalla PLexus nel 1982, copertina lucida senza codice a barre, inner sleeve con testi e foto, etichetta multicolore con logo Plexus da un lato e bianca con scritte nere dall' altro, catalogo KMH 709227 VR 22163. Originariamente pubblicato nel 1981 dalla Vap in Giappone e dalla Plexis in Olanda, poi uscito anche nel 1982 in Gran Bretagna su Statik (con copertina diversa ed alcune tracce cambiate) ed in Olanda su Plexus (versione che corrisponde invece a quella giapponese), il primo album dei giapponesi Beatniks, precedente ''Exitentialist a go go'' (1987). Questo duo nipponico era formato da due vivaci figure musicali del sol levante: Yukihiro Takahashi, gia' membro dei Sadistic Mika Band nei primi anni '70, e' uno dei tre membri fondatori dei celebrati Yellow Magic Orchestra con Harumi Hosono e Ryuichi Sakamoto, e Keiichi Suzuki, cantante di uno dei piu' famosi gruppi pop rock giapponesi degli ultimi decenni del XX secolo, i Moonriders. Insieme dettero vita a questo progetto che, nel primo album ''Exitentialism'', produssero un interessante ed elegante pop elettronico, sapientemente in bilico fra toni zuccherini e ritmi ballabili in alcuni episodi, e sonorita' piu' dissonanti, inquiete e sperimentali su altri, talora mescolando entrambi gli approcci, in un suggestivo e spiazzante connubio fra pop e avanguardia. Il gruppo ha pubblicato sporadicamente qualche altro lp nel corso dei decenni successivi.
Euro
28,00
codice 3509215
scheda
Beau brummels Introducing Beau Brummels
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1964  trading places 
rock 60-70
ristampa del 2019, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Usa su Autumn. Pubblicato in Usa nel 1964 prima di ''Volume 2'', il primo album. Uno dei migliori debutti americani del'anno, vede ben 10 brani su 12 scritti dal co-leader Ron Elliott , tra di essi le celeberrime "Laugh Laugh", "Still in Love with You Baby" e "Just a Little". Alcuni episodi sono vicini alla nascente scena garage, mentre "Stick Like Glue" e "I Would Be Happy" ricordano i Beatles, mentre il folk-rock di "They'll Make You Cry" lascia intravedere gli sviluppi futuri della musica del gruppo. Questi californiani di S.Francisco, guidati da Ron Elliott e Sal Valentino, fondatori, con i Byrds, prima del folk-rock e poi del country-rock, conservarono sempre nel loro sound un' impronta vagamente britannica, acquisita facendosi le ossa su brani di Beatles, Searchers e Stones. Strano destino il loro: baciati da un notevole successo sin dal primo singolo pubblicato, lo persero, con formazione gia' in via di sfaldamento, in corrispondenza dei loro dischi piu' belli e maturi. Dopo la pubblicazione del loro ultimo disco e prima della momentanea reunion per un LP nel '75, Ron Elliott pubblico' un album solista nel '69 con l' aiuto di Sal Valentino, il quale a sua volta ando' a suonare nei primi tre dischi degli Stoneground. Meno rilevanti gli altri progetti di Elliott: i Pan ed i Giants, entrambi con un LP all' attivo.
Euro
20,00
codice 2102758
scheda
Beck jeff Blow by blow
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1975  epic 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, prima stampa americana, copertina senza codice a barre in cartoncino ruvido, etichetta arancione con logo bianco in alto, catalogo PE33409. Pubblicato nel marzo del 1975 dopo ''Jeff Beck group'' e prima di ''Wired'', giunto al quarto posto delle classifiche americane, non entrato in quelle inglesi, fu prodotto da george martin, ed inciso con richard bailey, phil chenn, max middleton, considerato una pietra miliare nel campo della fusion e dl jazz rock, e' un album completamente strumentale, fu definito dai recensori inglesi come un ''all time peak'' , e '' one of rock's greatest instrumental works'', lavoro che apre nuove frontiere alla musica di fusione ed in cui beck dimostra che il suo immane talento chitarristico puo' essere indirizzato verso traguardi importanti se, come in questo caso, messo nelle mani di veri professionisti come sir george martin in persona. il disco e' infarcito di brani che la critica defini' indimenticabili, ricordiamo tra gli altri, ''Cause we've ended as lovers'' ''Freeway jam''.
Euro
30,00
codice 249732
scheda
Bee Gees horizontal
Lp [edizione] originale  mono  uk  1968  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima assai rara stampa inglese in mono, copertina (con lievi segni di invecchiamento) laminata sul fronte (diversa da quella dell' edizione americana del disco), pressata da "Ernest J. Day & Co.", etichetta rossa con scritte nere e logo Polydor in nero e bianco in alto con ''M 33'' in un triangolo sulla destra. Pubblicato nel febbraio del 1968 dopo ''First'' e prima di ''Idea'', giunto al numero 12 delle classifiche Usa ed al numero 16 di quelle Uk. Il secondo album. Registrato alla fine del 1967, fu il loro primo successo Inglese, rispetto all'esordio vede una vena meno potente ma piu' malinconica, ben esemplificata dall'iniziale "World," con il Mellotron in primo piano e con il gran piano che anticipa le atmosfere di Odessa , tra gli altri brani "And the Sun Will Shine" "Lemons Never Forget" "Really and Sincerely" , il secondo lato e' invece piu' '' upbeat'', e si apre con la celeberrima "Massachusetts," seguita da brani del calibro di "Harry Braff." "The Earnest of Being George" e "The Change Is Made" piu' hard e blues con il brano che da il titolo all'album pregno di una atmosfera psychedelica memore dell' esordio.
Euro
45,00
codice 249780
scheda
Bee Gees Idea
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1968  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima rara stampa olandese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) laminata fronte e retro (diversa da quella dell' edizione americana del disco), pressata in Inghilterra da Ernest J. Day & Co., come tutte le copie originali olandesi sia stereo che mono, etichetta rossa con logo nero e bianco in alto, "ST 33" in due cerchi a destra, "Made in Holland" a sinistra, con "gradino" rialzato lungo la circonferenza, catalogo 583036. Pubblicato nel settembre del 1968 dopo ''Horizontal'' e prima di ''Odessa'', giunto al numero 4 delle classifiche Uk ed al numero 20 di quelle Usa dove usci' nel febbraio del 1969, il terzo album. Registrato con un suono decisamente piu' rock e meno orchestrale che nei primi due albums, anche se gli archi sono ancora assai presenti, contiene due brani celeberrimi, "I've Gotta Get a Message to You" e "I Started a Joke", ma vi figurano anche altri episodi degni di nota, per esempio "Kitty Can", "Indian Gin and Whisky Dry" e "Such a Shame" (quest' ultima scritta dall' allora chitarrista del gruppo Vince Melouney). E' questo album l'episodio della loro discografia in cui la band suona piu' vicina ad un vero gruppo che a un tri vocale accompagnato da musicisti esterni. la scrittura mantiene l'angolazione melodica e emotiva che sempre li ha contraddistinti e che si sviluppera' ulteriormente in ''Odessa'', pubblicato sei mesi dopo questo lavoro, ma questo album ha anche un tono peculiare, piuttosto oscuro e romantico, e presenta influenze che come in "Kilburn Towers" indulgono al pop-jazz o che, come invece in "Swan Song," o "I Started a Joke", ricordano nei temi e nelle liriche, fantastiche ed immaginifiche, cio' che saranno gli anni ''70 ed il periodo in cui giungera' a maturazione il nascente progressive.
Euro
28,00
codice 249778
scheda
Bee gees My world / the bee gees best collections (japan only!)
LP2 [edizione] originale  stereo  jap  1972  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa giapponese, vinile doppio, copertina cartonata apribile con prezzo di 3.000 yen sul retro in basso (poi aumentato a 3.500 yen nella successiva stampa su RSO) e con inserto testi incollato alla parte interna, label rossa con scritte bianche lungo il bordo e nere al centro, logo Polydor bianco e nero in alto, catalogo MP9403/4. Pubblicata nel 1972 dalla Polydor in Giappone, questa antologia compila ventiquattro fra i più celebri brani del periodo 1967 – 1972 del grande gruppo australiano, splendidi esempi di un pop delicato e dolceamaro, con le belle armonie vocali dei fratelli in evidenza, immerse in un sound ed in una atmosfera che richiama il lato piu' autunnale e meno esuberante della musica beatlesiana, ma anche, sul finire degli anni '60, dalle delicate sfumature proto-progressive ed elettroacustiche. Questa la scaletta: "Massachussetts" (singolo 9/1967), "New york mining disaster 1941" (singolo 4/1967), "Turn of the century" (dall'album "The Bee Gees 1st", 1967), "World" (singolo 11/1967), "Words" (singolo 1/1968), "To love somebody" (singolo 6/1967), "Melody Fair" (uscito su singolo nel 1971 in vari paesi, ma non nel Regno Unito), "I.O.I.O." (1970), "I started a joke" (singolo 12/1968), "Don't Forget To Remember" (1969), "Holiday (singolo 9 /1967), "First of may" (singolo 2/1969), "In the morning" (1971, dalla colonna sonora di "Melody"), "Lonely Days" (1970), "Country woman" (1971, B-side del singolo "How can you mend a broken heart", inedita su album), "Two years on" (dall'album "Two years on", 1970), "Man For All Seasons" (1970), "Don't Wanna Live Inside Myself" (singolo uscito nel 1971 in vari paesi, ma non in Inghilterra), "My World" (1972), "Israel" (1971, dall'album "Trafalgar"), "Trafalgar" (1971, dall'album "Trafalgar"), "Lion in winter" (1971, dall'album "Trafalgar"), "Walking back to waterloo" (1971, dall'album "Trafalgar"), "How can you mend a broken heart" (1971, dall'album "Trafalgar").
Euro
24,00
codice 333451
scheda
Bee Gees odessa part one
lp [edizione] originale  stereo  ita  1969  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Fair rock 60-70
l' originale rara stampa italiana in versione mono, copertina laminata sul fronte (con ampio restauro di circa 8x2 cm. sul retro in alto), etichetta rossa con marchio Biem e senza marchio Siae ne' stampato ne' su timbro (subentrera' nel '70), con "M 33" a destra, catalogo SLPHM/D 184199. Si tratta del primo dei due dischi del progetto "Odessa", uscito in vari paesi, come in Italia, sia in versione doppia che in due distinti albums. Pubblicato in Usa nel gennaio del 1969 dopo ''Idea'' e prima di ''Cucumber castle", giunto al numero 20 delle classifiche Usa ed al numero 10 di quelle inglesi dove usci' nel marzo dello stesso anno. Il quarto album. Lavoro dalle delicate sfumature progressive ed elettroacustiche, e' una sorta di testamento della prima fase del gruppo, che si sciogliera' di li a poco per tornare un anno dopo con una musica piu' leggera ed arrangiata. La critica non ha dubbi, "Odessa" e' il capolavoro dei Bee Gees degli anni '60, strutturato come un concept album, che doveva intitolarsi "Masterpeace" prima e "The American Opera" poi; fu contraddistinto dalle furiose polemiche tra Barry Gibb e Robin Gibb che portarono allo scioglimento del trio. Uno dei pochissimi doppi albums degli anni '60, riesce a portare a compimento il primo percorso artistico del gruppo ed a fondere le orchestrazioni, gli esperimenti di studio, la psichedelia, il pop, il progressive, in un suono melodico ma anche innovativo, dalle moltissime sfaccettature, che vanno dal quasi-country di "Melody Fair" e "Lamplight" alla Dylaniana "Give Your Best," alla ballata di "First of May" al rock progressive di "Edison" e "Whisper Whisper". La musica ricorda nelle partiture i Moody Blues, gli strumenti utilizzati oltre all'orchestra, vedono chitarre acustiche ed elettriche, violoncelli, miriadi di suoni, effetti, che risaltano splendidamente nei cesellatissimi arrangiamenti, tanto da fare accostare come importaza nella storia del gruppo e sforzo compositivo questo "Odessa" ai Beatles di "Sgt. Pepper".
Euro
10,00
codice 249302
scheda
Bee gees Spirits having flown
Lp [edizione] originale  stereo  ITA  1979  Rso 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima stampa italiana, copertina apribile, laminata fronte retro ed all'interno completa di inner sleeve con foto, etichetta marroncina rosa con logo mucca rosso in alto, catalogo 2394216, data nel trail off ''15-01-79'', timbro Siae del secondo tipo, ha dimensioni 15 mm circa di diametro, con la scritta SIAE che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale, usato tra il 1975 ed il 1978/79. Pubblicato in Inghilterra nel febbraio del 1979 dopo ''Saturday night fever'' e prima di ''Living eyes'', giunto al numero 1 delle classifiche Uk ed al numero 1 delle classifiche Usa. Il quindicesimo album. "Spirits Having Flown" e' l'ultimo lavoro del periodo di maggiore successo dei Bee Gees; contiene numerosi brani classici, "Too Much Heaven," "Love You Inside Out","Reaching Out", "Spirits (Having Flown", "Tragedy", registrato con la consueta mostruosa tecnica vocale e con alcuni tra gli arrangiamenti piu' coomplessi e ricercati della loro storia sara' anche il loro LP piu' pasato dlle radio FM, vendette ben 35 milioni di copie.
Euro
24,00
codice 249552
scheda
Ben Ben
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  trading places 
rock 60-70
Ristampa del 2020, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica alla prima enormemente rara tiratura del 1971 su Vertigo. Certamente uno dei piu' leggendari, rari e costosi albums della Vertigo inglese, pubblicato in poche centinaia di copie in Inghilterra dalla etichetta Vertigo. I Ben, quintetto inglese formato da Peter Davey, Alex Macleery, Gerry Reid, Len Surtees e David Sheen, incisero questo unico lavoro, basato su di un progressive completamente strumentale e vicino al jazz rock ed alla fusion, con richiami a Soft machine e Nucleus; l'opera vede 4 lunghi brani, "The Influence", "Gibbon", "Christmas Execution" e "Gizmo2", suonati con eccellente perizia strumentale e carichi di forti influenze provenienti dal jazz inglese del periodo. Dopo l' incisione dell' unico album il gruppo, che dal vivo aveva accompagnato in tour sia Groundhogs che Van Der Graaf Generator, si sciolse. Il batterista David Sheen, gia' con Graham Bond, sara' poi con Jonathan Kelly.
Euro
20,00
codice 2102410
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1969  seelie court 
rock 60-70
Copertina ruvida apribile, inner sleeve con foto e note biografiche. Ristampa del 2021 ad opera della Seelie Court, con copertina apribile e con lo stile dei caratteri sul fronte copertina modificato. Originariamente pubblicato nel 1969 su Hollick & Taylor nel Regno Unito, in una ultrarara tiratura di soli 75 esemplari ormai ricercati e costosissimi, l'unico leggendario album di questo gruppo folk psichedelico britannico formato da due giovani musicisti insieme dal 1967, inizialmente ispirati da Simon & Garfunkel. Con il progetto di incidere un album, il duo cominciò a comporre ed a consolidare materiale proprio, ma non riuscirono ad arrivare in studio con il lavoro completato, pertanto optarono per una scaletta composta in parte da brani originali ed in parte da cover che conoscevano bene: fra queste, molte erano di brani degli Incredible String Band, ed una di Donovan, artisti affermati che sicuramente esercitarono una importante influenza sulla musica dei Benjamin Delaney Lion, basata su intimiste melodie di chitarra acustica e flauto, e su un cantato gentile e raccolto, il tutto immerso in atmosfere sognanti, fatate, a tratti sottilmente malinconiche, e decisamente figlio della controcultura hippie.
Euro
27,00
codice 3026902
scheda

Page: 9 of 89


Pag.: oggetti: