Hai cercato:  immessi ultimi 15 giorni --- Titoli trovati: : 492
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Gentle giant three friends
Lp [edizione] nuovo  stereo  eec  1972  tapestry 
rock 60-70
ristampa limitata in 500 copie, come indicato sul retrocopertina, copertina senza barcode, lucida ed apribile, pressocche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Vertigo. Pubblicato in Uk nel luglio del 1972 dopo ''Acquiring the taste'' e prima di ''Octopus'', non entrato in classifica in Uk ne' in Usa. Il terzo album. L' ultimo inciso con la formazione originale, infatti phil shulman abbandona all'indomani delle registrazioni. dopo la produzione di Tony Visconti per i primi due albums, qui il gruppo per la prima volta affronta in piena autonomia anche questa fase , ed il suono si tinge di hard rock , le chitare, il basso e la tastiera suonano assai piu' presenti e potenti degli albums precedenti, ma il lato piu' progressive e sognante e' presente come e piu' che nel passato, vedi la prima parte di "Schooldays"; le armonie vocali e gli arrangiamenti sono ancora carichi di riferimenti medioevaleggianti, e le melodie sono tra le piu' belle in asoluto della loro carriera, composto in forma di concept album, con tema le relazioni personali di ''tre amici'' nell'arco delle loro vite, e' considerato a ragione come uno degli esempi piu' riusciti del progressive britannico di alta epoca.
Euro
24,00
codice 2103941
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  keep cool 
hip-hop
Completo di inserto, label nera e grigia con scritte bianche, catalogo 19075-93492-1. Pubblicato nel giugno del 2019 dalla Keep Cool, "Bandana" è il secondo album collaborativo fra il rapper Freddie Gibbs ed il produttore e beatmaker Madlib, dopo l'acclamato "Pinata" del 2014. Madlib elabora una base strumentale dai toni asciutti, rarefatti e cinematici, al tempo stesso ricchissima di sfumature, citazioni ed influenze, sia di generi musicali che vanno dal funk al reggae al soul e fino alle colonne sonore occidentali ed asiatiche, mentre Gibbs comunica con un rap rabbioso e cupissimo, calato in un contesto decadente e disgregato. Rapper originario di Gary, Indiana, dove nasce nel 1982, Freddie Gibbs è considerato uno dei più importanti e talentuosi "street poets" del Midwest della sua generazione: abilità tecnica nel rappare e testi provocatori lo hanno fatto apprezzare sia sulla scena gangsta che su quella dello hip hop alternativo. Apprezzato produttore e dj in ambito hip hop, Madlib, vero nome Otis Jackson Jr., proviene dalla città californiana di Oxnard. Attivo dagli anni '90 inizialmente con i Lootpak, per poi avviare una importante collaborazione con l'etichetta Stones Throw come produttore; ha inciso anche sotto lo pseudonimo di Quasimoto. Il suo stile è molto eclettico e ricettivo verso le sonorità più disparate, in particolare il jazz ed il soul; fra le sue produzioni annovera anche l'esotica serie ''Beat Konducta''.
Euro
27,00
codice 2103867
scheda
Gilberto joao Joao gilberto (aguas de marco) ltd. clear vinyl
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  klimt 
world
ristampa limitata in vinile chiaro, con copertina improntata su quella della prima stampa, senza barcode. Uno dei capolavori dell' artista brasiliano. Originariamente pubblicato dalla Polydor nel 1973 dopo ''Untitled'' (1972) e prima di ''Amoroso'' (1977), questo lp vede il musicista brasiliano con una strumentazione essenziale: la sua voce, la sua chitarra e la batteria di Sonny Carr, molto discreta sullo sfondo. E' un Gilberto molto intimista, impegnato in dialoghi fra la sua voce e la sua chitarra acustica, con una bossa nova molto essenziale, quasi rarefatta. Seminale musicista brasiliano del Bahia, il chitarrista e cantante Joao Gilberto e' considerato insieme a Jobim il principale architetto della bossa nova, che prende forma intorno alla meta' degli anni '50. Sebbene meno famoso si altri grandi nomi della musica brasiliana post bellica, Gilberto ha comunque esercitato una grandissima influenza, ed ha collaborato con stelle quali Veloso, Gil, Gal Costa e Chico Barque, oltre ad aver inciso e suonato insieme al jazzista americano Stan Getz, con il quale realizzo' il famoso e celebrato album ''Getz/Gilberto'' (1963).
Euro
20,00
codice 3026965
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  klimt 
rock 60-70
Ristampa del 2021, limitata in vinile rosso, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato nel 1975 dalla Caroline in Gran Bretagna, il primo album, precedente ''Another fine tune you got me into'' (1978). Il gruppo inglese propone in questo lavoro un raffinato jazz rock progressivo che si puo' accostare a gruppi come i National Health e la scena di Canterbury, con brani lunghi ed articolati, in larga parte strumentali guidati da chitarre e tastiere e sostenuti da ritmiche dinamiche e complesse. Questo talentuoso gruppo britannico era composto da esperti musicisti jazz, aperti alle influenze del jazz elettrico e del jazz rock della scena di Canterbury. Il tastierista Alan Gowan era stato in precedenza negli Assegai e nei Sunship (e piu' tardi avrebbe suonato con i National Health). Pubblicarono due album negli anni '70, ''Gilgamesh'' (1975) e ''Another fine tune you got me into'' (1978), quest'ultimo con Hugh Hopper (Soft Machine) al basso. Gowan mori' prematuramente nel 1981, ed il gruppo realizzo' un terzo album in suo tributo, composto di brani da lui composti.
Euro
25,00
codice 3026957
scheda
Giobia Plasmatic idol
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  heavy psych sounds 
indie 2000
copertina apribile. Prodotto dalla band ma mixato con Brett Orrison, già al lavoro con Jack White ed i texani Black angels (curiosamente la copertina ricorda alcuni dei loro dischi). Il sesto lavoro della band milanese, ottimo connubio psichedelico tra hard rock e viaggi lisergici. I Giobia provengono da Milano e prendono il nome da un'antica festa pre-cristiana celebrata nell'Italia del nord; Stefano 'Bazu' Basurto alla voce e chitarra, Saffo all'organo, Detrji al basso e Stefano Betta alla batteria, debuttano con "Beyond the stars" nel 2004, cui seguono "Hard stories" (10), "Introducing night sound" (13) e "Magnifier" (15).
Euro
18,00
codice 2103782
scheda
Giobia Plasmatic idol (ltd green)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  heavy psych sounds 
indie 2000
edizione limitata in vinile verde, copertina apribile. Prodotto dalla band ma mixato con Brett Orrison, già al lavoro con Jack White ed i texani Black angels (curiosamente la copertina ricorda alcuni dei loro dischi). Il sesto lavoro della band milanese, ottimo connubio psichedelico tra hard rock e viaggi lisergici. I Giobia provengono da Milano e prendono il nome da un'antica festa pre-cristiana celebrata nell'Italia del nord; Stefano 'Bazu' Basurto alla voce e chitarra, Saffo all'organo, Detrji al basso e Stefano Betta alla batteria, debuttano con "Beyond the stars" nel 2004, cui seguono "Hard stories" (10), "Introducing night sound" (13) e "Magnifier" (15).
Euro
25,00
codice 2103943
scheda
Giobia / cosmic dead The intergalactic connection
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  heavy psych sounds 
indie 2000
sottotilato 'EXPLORING THE SIDERAL REMOTE HYPERSPACE', split album tra gli italiani Giobia, tra le migliori realtà psichedeliche nostrane e gli scozzesi Cosmic Dead. I Giobia forniscono tre brani sul primo lato mentre i Cosmic Dead una lunga suite di 19 minuti sul retro. I Giobia provengono da Milano e prendono il nome da un'antica festa pre-cristiana celebrata nell'Italia del nord; Stefano 'Bazu' Basurto alla voce e chitarra, Saffo all'organo, Detrji al basso e Stefano Betta alla batteria, debuttano con "Beyond the stars" nel 2004, cui seguono "Hard stories" (10), "Introducing night sound" (13) e "Magnifier" (15). Attivi dai primi mesi del 2010, gli scozzesi Cosmic Dead sono autori di un suono vorticoso in cui risiedono rock spaziale e stoner, espresso attraverso un'attivita' incessante sia dal vivo, che tramite svariate realizzazioni, che includono il digitale Cd e cassette. Nel 2011 hanno collaborato con il leggendario cantante dei Can, Damo Suzuki.
Euro
20,00
codice 2104034
scheda
Giobia / cosmic dead The intergalactic connection (red/blue)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  heavy psych sounds 
indie 2000
edizione limitata in vinile rosso e blu. sottotilato 'EXPLORING THE SIDERAL REMOTE HYPERSPACE', split album tra gli italiani Giobia, tra le migliori realtà psichedeliche nostrane e gli scozzesi Cosmic Dead. I Giobia forniscono tre brani sul primo lato mentre i Cosmic Dead una lunga suite di 19 minuti sul retro. I Giobia provengono da Milano e prendono il nome da un'antica festa pre-cristiana celebrata nell'Italia del nord; Stefano 'Bazu' Basurto alla voce e chitarra, Saffo all'organo, Detrji al basso e Stefano Betta alla batteria, debuttano con "Beyond the stars" nel 2004, cui seguono "Hard stories" (10), "Introducing night sound" (13) e "Magnifier" (15). Attivi dai primi mesi del 2010, gli scozzesi Cosmic Dead sono autori di un suono vorticoso in cui risiedono rock spaziale e stoner, espresso attraverso un'attivita' incessante sia dal vivo, che tramite svariate realizzazioni, che includono il digitale Cd e cassette. Nel 2011 hanno collaborato con il leggendario cantante dei Can, Damo Suzuki.
Euro
25,00
codice 2104035
scheda
Giobia / cosmic dead The intergalactic connection (ultra ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  heavy psych sounds 
indie 2000
edizione ultra limitata di 150 copie in vinile bianco arancio e viola. sottotilato 'EXPLORING THE SIDERAL REMOTE HYPERSPACE', split album tra gli italiani Giobia, tra le migliori realtà psichedeliche nostrane e gli scozzesi Cosmic Dead. I Giobia forniscono tre brani sul primo lato mentre i Cosmic Dead una lunga suite di 19 minuti sul retro. I Giobia provengono da Milano e prendono il nome da un'antica festa pre-cristiana celebrata nell'Italia del nord; Stefano 'Bazu' Basurto alla voce e chitarra, Saffo all'organo, Detrji al basso e Stefano Betta alla batteria, debuttano con "Beyond the stars" nel 2004, cui seguono "Hard stories" (10), "Introducing night sound" (13) e "Magnifier" (15). Attivi dai primi mesi del 2010, gli scozzesi Cosmic Dead sono autori di un suono vorticoso in cui risiedono rock spaziale e stoner, espresso attraverso un'attivita' incessante sia dal vivo, che tramite svariate realizzazioni, che includono il digitale Cd e cassette. Nel 2011 hanno collaborato con il leggendario cantante dei Can, Damo Suzuki.
Euro
35,00
codice 2104036
scheda
Goat (sweden) Head soup (ltd)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  rocket recordinds 
indie 2000
edizione limitata in vinile doppio blu con un 7". adesivo su cellophane. "head soup" è una raccolta di brani rari ed inediti, b-sides e due nuove composizioni. SIDE 1: 01. The Sun And Moon 02. Stonegoat 03. Dreambuilding 04. Dig My Grave 05. It's Time For Fun 06. Relax SIDE 2: 1. Union Of Mind And Soul (prev. unreleased on vinyl) 2. The Snake Of Addis Adaba 3. Goatfizz 4. Let It Burn (Edit) (prev. unreleased on vinyl) 5. Friday Pt. 1 7" SIDE 1: 1. Fill My Mouth (prev. unreleased) 7" SIDE 2: 1. Queen Of The Underground (prev. unreleased) I Goat sono un collettivo svedese, basato nel nord dello stato scandinavo, precisamente dal villaggio di Korpilombolo; la loro proposta riassume psichedelia acida, kraut, funk, afrobeat, progressive e musica tribale. Le tracce sono ritmicamente, oltre alla batteria, appoggiate su percussioni africaneggianti (congas), che unite all'effetto wah-wah delle chitarre, catapultano l'ascoltatore in un film americano dei settanta. Altre caratteristiche è la voce delle cantanti (goat girls), anch'essa molto vicina ad un'estetica passata e il mosaico sonoro, autentica orgia di suoni, intercetta elementi dai Led Zeppelin, Funkadelic, Jefferson Starship. Fela Kuti, Congos, Rolling Stones, Agitation Free e Embryo
Euro
38,00
codice 2104030
scheda
Godspeed you! black emperor slow riot for new zero kanada e.p.
mlp [edizione] nuovo  stereo  can  1999  constellation 
indie 90
Copertina a busta textured senza codice a barre, con scritte e disegni in rilievo color rame, inserto in carta color crema con scritte nere, inner sleeve nera con scritte bianche in carta sagomata sul lato di apertura, etichetta neutra nera con scritte bianche. Pubblicato su vinile dalla canadese Constellation nell'agosto del 1999, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico, "Slow riot for new zero Kanada" e' il primo mini lp del collettivo musicale canadese, formatosi a Montreal nel 1994. Uscito dopo "F#a#8" (1997) e prima di "Lift your skinny fists like antennas to heaven" (2000), questo mini lp si compone di due lunghi brani, "Moya" e "BB3", dalle atmosfere epiche ed oscure, contraddistinte da un'atmosfera drammatica e da potenti impennate ritmiche e chitarristiche che sprofondano in momenti di improvvisa calma. Senza dubbio uno dei gruppi indipendenti piu' originali ed interessanti a cavallo dei due secoli, i G.Y.B.E.! Sono diventati una formazione leggendaria nel panorama indie, sia per la loro complessa ed epica musica che rielabora il miglior rock progressivo, la musica cosmica tedesca e i Pink Floyd in un contesto moderno talvolta accostato al cosiddetto post rock, sia per il loro rifiuto di far parte dell'industria discografica e di accettarne i compromessi. Altra caratteristica del gruppo e' l'urgenza di comunicare, attraverso la propria musica che comprende spesso voci registrate dalla strada o da trasmissioni radiofoniche, messaggi critici nei confronti del militarismo e del capitalismo sfrenato che imperversa nel mondo occidentale.
Euro
27,00
codice 2103831
scheda
Golson benny blues on down
LP2 [edizione] ristampa  mono  fra  1958  milestone 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Doppio album, l' originale stampa, realizzata in Francia (oltre che in Italia) nel 1978, copertina apribile laminata all' esterno, con note all' interno, etichetta rossa con logo marrone in alto, catalogo M47048; si tratta in realta' di una riedizione di due albums usciti originariamente per la Riverside in una unica confezione. I due album in questione sono qui riportati in modo che sul lato 1 e 2 abbiamo "The Modern Touch", registrato il 19 e 23 dicembre del '57, con Kenny Dorham alla tromba, J. J. Johnson al trombone, Wynton Kelly al piano, Paul Chambers al basso e Max Roach alla batteria; invece, sul lato 3 e 4, troviamo "The Other Side of Benny Golson", registrato il 12 novembre del '58, con Curtis Fuller al trombone, Barry Harris al piano, Jymie Merritt al basso e Philly Joe Jones alla batteria. Talentuoso compositore, arrangiatore e sassofonista tenore nato a Philadelphia nel '29, studia alla Howard University e nel '51 suona con Bull Mose Jackson's R&B Band, che al tempo comprendeva Tadd Dameron al piano, con il quale Golson suona per un periodo nel '53 per poi suonare con Lionel Hampton tra il '53 ed il '54, con Johnny Hodges ed Earl Bostic dal '54 al '56. Diviene famoso nell' Orchestra di Dizzy Gillespie nel periodo tra il '56 ed il '58. Nel corso della sua carriera ha scritto alcuni 'standards', tra i quali "I Remember Clifford" (dedicata a Clifford Brown), "Killer Joe", "Stablemates", "Whisper Not" ed altre. E' stato anche con Art Blakey ed i suoi Messengers ('dal '58 al '59) ed ha guidato, insieme ad Art Farmer, il Jazztet.
Euro
20,00
codice 249979
scheda
Gonzalez jose Local valley (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  city slang 
indie 2000
edizione limitata in vinile verde trasparente per i negozi indipendenti, coupon per download digitale, adesivo su cellophane, copertina apribile ruvida. Il quarto album, uscito a sei anni di distanza da "Vestiges & Claws" del 2015 ci presenta il cantautore svedese di origini argentine in un disco sobrio ed ispirato con brani che spaziano dal folk intimista alla musica latina. Registrato nel proprio studio di Goteborg "local valley" è un disco dove a fare da padrone sono voce e chitarra acustica fingerpicking, con leggeri inserti di elettronica e rumori ambientali. Jose Gonzalez, Cantautore svedese nato da genitori argentini. Ispirandosi alla tradizione dei grandi singer/songwriter quali John Martyn, Nick Drake, Roy Harper, Jackson C. Frank, Elliot Smith il cantautore svedese incanta con naturalezza e semplicita' tramite una musica dalle intime atmosfere autunnali, impalpabili e sfumate, evocate dalle trame del fingerpicking e la voce contenuta ma dotata di una notevole forza espressiva, autore di composizioni che denotano un gusto e una capacita' di scrivere fuori dal comune. Fa parte anche del gruppo di musica elettronica Junip.
Euro
29,00
codice 2104020
scheda
Gories house rockin'
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1989  Crypt 
indie 90
Ristampa deluxe con copertina apribile, l' originale non lo era, etichetta gialla con scritte rosse. Il primo leggendario ed ormai storico album del grande trio di Detroit guidato da chitarrista e cantante di colore Mick Collins. Pubblicato in un momento in cui il panorama "garage" mondiale mostrava i segni di una profonda crisi, nei migliori casi ravvisabile in un approccio callligraficamente ineccepibile ma anche assai superficiale da parte di vecchie e nuove bands, "House Rockin' " fu un rivelatore fulmine a ciel sereno, recuperando le sonorita' piu' ruvide e viscerali del blues piu' selvaggio (magnificamente "reinventato" in una chiave urticante ed urbana ma anche fedele allo spirito originario, anche grazie alla magnifica voce del leader Mick Collins),e del garage degli anni '60 piu' viscerale, proponendo un sound crudissimo e ridotto davvero all' osso, ma straordinariamente intenso e "vero", che piuttosto esplicitamente si ispira a quello dei primissimi Cramps, e non a caso come quello non fa uso del basso. Divenuti presto un culto, destinato ad allargarsi negli anni a venire anche per via di altri due ottimi albums, i Gories saranno la principale influenza per innumerevoli bands tra low fi, garage e punk rock. Collins sara' poi a capo di un' altra band destinata a far breccia nei cuori degli appassionati del r'n'r piu' crudo e viscerale, i Dirtbombs; ma dalle ceneri di questo seminale gruppo nacquero anche Demolition doll rods e Blacktop. Tra i brani, covers di "Boogie Chillun" John Lee Hooker e "You'll Be Mine" ed "Hidden Charms" di Willie Dixon.
Euro
19,00
codice 2103783
scheda
Gotan project lunatico
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2006  Ya basta 
indie 2000
doppio lp con copertina ruvida apribile, inner neutre nere con foro centrale, etichette custom bianche e rosse su uno dei dischi, bianche e grigie sull'altro, con scritte nere. il secondo album, uscito dopo il successo mondiale "la revancha del tango", del progetto elettronico basato sulla fusione tra dub e tango, formato dai musicisti parigini Philippe Cohen Solal, Christoph H. Muller e Eduardo Makaroff. contiene la cover di "paris texas" di Ry Cooder. combinando la musica popolare, il tango e la musica di strada della tradizione latino americana, suonata da veri musicisti, con dub, downtempo e altre forme di elettronica. il titolo del disco si riferisce al nome del cavallo da corsa del mitico artista argentino Carlo Gardel. per queste tracce, registrate alternativamente a Parigi e a Buenos Aires, e' stato ingaggiato un quartetto di tango, con la cantante Cristina Villalonga e il pianista e direttore d'orchestra Gustavo Beytelman, piu' alcuni ospiti, tra cui, nel pezzo in "amor porteno", i Calexico.
Euro
30,00
codice 2103981
scheda
Graziani ivan viaggi e intemperie (green vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  sony / bmg 
cantautori
ristampa del 2020, edizione limitata in vinile verde, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura. Pubblicato in Italia dalla Numero1 nel 1980 dopo ''Q Concert- Canzone senza inganni' e prima di ''Il grande ruggito''. L' ottavo album, lavoro tra i suoi piu' noti ed amati, segnato dalla presenza della indimenticata "Firenze (Canone Triste). Registrato con Giovanni Tommaso, Dave Bristow, Michael Barker, Tony sidney, Baba Yaga, Massimo Fabbaneschi, Piero Montanari, Van Esarl Patterson, Paolo Rustichelli, Rossana Casale. Contiene i seguenti brani: "Firenze (Canzone Triste)", "Isabella sul treno", "Olanda", "Tutto qusto cosa c'entra con il r & r", "Dada", "Radio Londra", "Siracusa", "Angelina". Ivan Graziani, cantautore vicino al rock, e tra i pochi in Italia ad affiancare a testi poetici e originali una base musicale autonoma e non solo funzionale alle parole, gia' leader dell'Anonima Sound, sara' uno dei musicisti piu' importanti dalla Numero 1, per la quale fara' uscire 9 albums dal 1976 al 1983, oltre a collaborare a numerosissimi lavori pubblicati dalla label di Mogol e Battisti, chitarrista tra i piu' notevoli della intera scena Italiana, dopo essersi fatto una notevole reputazione come turnista e sessiomn man, collaborando con PFM, Battisti, etc, esordisce per la Numero 1con '' Balalta per 4 stagioni'' dopo un assai raro album autoprodotto, '' La citta' che vorrei'' del 1971, la sua carriera sara' interessante e ricca di soddisfazioni anche se lo stile forse troppo '' rock '' per il publico italiano dell'epoca, lo terra' lontano dalla grandissima fama, regalandogli pero' un seguito di culto e sporadici successi di classifica .
Euro
25,00
codice 2103808
scheda
Hammill peter patience
lp [edizione] originale  stereo  ita  1983  philips 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina (con diversi segni di invecchiamento ed un' abrasione di circa 3x1 cm. in alto a destra dovuta probabilmente ad un' etichetta adesiva rimossa) senza barcode, completa di inner sleeve con testi, etichetta blu con logo e scritte bianche, catalogo 814229-1, data incisa nel trail off del lato A "13-09-83". Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1983 dopo ''Enter k'' e prima di ''The Margin'', non entrato nelle classifiche Uk, non pubblicato all' epoca in Usa. Il dodicesimo album. Uno dei mgliori lavori solisti del decennio, contiene delicate canzoni quali "Just Good Friends" (di cui l' amico Marc Almond eseguira' una cover di straordinaria bellezza nel suo minialbum "A Woman's Story" del 1986); la voce ed i ritmi che lo hanno reso celeberrimo sin dai tempi dei suoi Van Der Graaf Generator sono resi al massimo livello in "Jeunesse Doree", i silenzi oscuri di "Comfortable" e l' umanita' conturbante di "Patient"; sicuramente uno dei piu' coinvolgenti lavori di Peter Hammill.
Euro
13,00
codice 249956
scheda
Hammill peter sitting targets
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1981  virgin 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
seconda stampa inglese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) ancora senza barcode, etichetta rossa da un lato e verde dall' altro, catalogo OVED139. Pubblicato in Inghilterra nel giugno del 1981 dopo ''A black box'' e prima di ''Enter k'', non entrato nelle classifiche Uk non pubblicato all' epoca in Usa. Il decimo album. Nel lavoro che vede il ritorno degli ex VAN DER GRAF GENERATOR Guy Evans e Dave Jackson, Hammill si presenta con questa opera in grande forma, abbandonando momentaneamente il repertorio cupo e di critica sociale che aveva contraddiastinto gli ultimi albums del decennio trascorso e donandoci brani piu' solari e suonati, con episodi davvero degni del gruppo madre, qui Peter Hammill ricalca la situazione del periodo 1978-1979, quando fa seguire allo strano e sperimentale The Future Now, il piu' '' normale'' e tradizionale pH7. la stessa relazione esiste tra 'A Black Box' e questo 'Sitting Targets'. tra i brani "Breakthrough" , "Hesitation" , "Glue", "Ophelia" , "Sitting Targets", "Sign", "Central Hotel" .
Euro
20,00
codice 249955
scheda
Hancock herbie Herbie hancock trio (1977) (black friday rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1977  get on down / sony / columbia 
jazz
Edizione limitata a 2000 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL BLACK FRIDAY del 27 novembre 2020, completa di inserto esterno a protezione della costola che riproduce l'artwork dello OBI originario, inserto interno formato 12" con note ed artwork. Ristampa del 2020 ad opera della Get On Down / Sony / Columbia, pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1977 dalla CBS / Sony solo in Giappone, uscito per la prima volta negli USA nel 2014 solo in cd, questo fu il primo album ad uscire sotto la sigla The Herbie Hancock Trio, prima dell'album del 1982, anch'esso eponimo. Inciso allo Automatt di San Francisco il 13 luglio del 1977 con formazione composta da Herbie Hancock (pianoforte), Ron Carter (contrabbasso) e Tony Williams (batteria), è un frizzante e gradevolissimo lavoro di jazz post bop, frutto della stessa sessione che fruttò l'album "Third plane", uscito nel 1978 ed accreditato in alcuni paesi a Ron Carter, in altri a tutti e tre i musicisti. Il trio riesce ad elaborare un jazz sì cerebrale, non commerciale ed intricato, ma al tempo stesso mantiene un saldo legame con la melodia e la fluidità; splendidamentre elegante il piano di Hancock, capace di dosare tocchi morbidi e lirici e passaggi energici e quasi percussivi. Questa la scaletta: "Watch it", "Speak like a child", "Watcha waitin for", "Look", "Milestones". Uno dei più importanti e discussi protagonisti della storia del jazz, il pianista e compositore Herbie Hancock inizia la propria carriera suonando nel 1961 con Donald Byrd, proseguendo poi con Freddie Hubbard, Kenny Dorham, Miles Davis (in quel quintetto che molti considerano la più grande formazione jazz della storia), Wayne Shorter, Stanley Turrentine, Wes Montgomery e mille altri, ma anche iniziando nel '62 una produzione solista straordinaria e baciata da grande fortuna commerciale, che nei primi anni '70, contemporaneamente al Davis di "Bitches Brew" rivelò una fondamentale apertura verso la cultura psichedelica ed un altrettanto importante recupero delle radici africane; tra il '70 ed il '73 toccò forse il punto più alto della sua storia artistica, a cui corrispose un totale fallimento commerciale (risultato frequente nell'arte per chi apre strade nuove ed inesplorate), prima del successo dell'accattivante funk dei lavori di metà anni '70.
Euro
38,00
codice 2103832
scheda
Happy flowers lasterday i was been bad
Lp [edizione] originale  stereo  Hol  1990  homestead 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa europea, copertina lucida con barcode, etichetta rossa con logo giallo in alto, catalogo HMS 160, del quarto ed ultimo album del corrosivo duo americano di Charlottesville (nato da una costola dei Landlords) che aveva esordito con un ep nel 1985; pubblicato nel 1990 dopo "Oof", contiene tra i brani anche alcune covers, ovviamente trasfigurate: "Rock Bottom" degli UFO, "Thirteen" dei Big Star e "A Pox On You" dei Silver Apples. Gli Happy Flowers, progetto nato da una costola dei Landlords sono dediti a melodie laceratissime e devastanti, a cui fanno da contraltare tematiche a volte infantili e demenziali, caratterizzate dalla voce quasi provocatamente non intonata del cantante. Le sonorita' sono dedite ad una attitudine punk noise ridotta pero' anch'essa a puro istinto, con un' accompagnamento ridotto al minimo indispensabile, a dispetto del nome che potrebbe ricordare paesaggi distensivi, ad esclusione di rarissimi episodi, gli Happy Flowers urlano il loro mondo fatto di sogni ed orrori capaci di dividere la critica specializzata in due, amati o odiati, ancora oggi a distanza di oltre venti anni dal loro esordio, continuano a cantare la loro destrutturazione. Gli Happy Flowers, progetto americano originario di Charlottesville, Virginia, nato da una costola dei Landlords, erano dediti ad una musica laceratissima e devastante, particolarmente estrema ed ostica nei loro primi lavori, a tratti una via di mezzo tra i Big Black piu' grezzi ed i primi Butthole Surfers, a cui fanno da contraltare tematiche a volte infantili e demenziali, ma lacerate dall' orrore del quotidiano, con testi declamati od urlati su un tappeto sonoro scarno ed abrasivo, sorta di punk noise ridotto a puro istinto, con una strumentazione ridotta di volta in volta al minimo indispensabile; due soltanto d'altro canto erano i componenti della formazione: Mr. Anus (Charlie Kramer) e Mr. Horribly-Charred-Infant (John Beers). A dispetto del nome che potrebbe ricordare paesaggi distensivi, e ad esclusione di rarissimi episodi, gli Happy Flowers urlano il loro mondo fatto di sogni ed orrori capaci di dividere la critica specializzata in due, amati o odiati, ancora oggi a distanza di oltre venti anni dal loro esordio.
Euro
16,00
codice 9199
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  liberty 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
prima rara stampa inglese, nella versione stereofonica, sebbene la copertina (con diversi segni di invecchiamento) riporti il catalogo della versione mono del disco (LBL83212E), completamente diversa da quella dell' edizione americana del disco, etichetta Liberty blu, catalogo LBS83212. Pubblicato in Usa nel maggio del 1969 dopo ''Featuring the Human Host... '', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk, il secondo ed ultimo album. Registrato con una formazione in buona parte cambiata rispetto all' esordio, vede comunque ancora la presenza di Tony Mc Phee dei Groundhogs e Mickey Finn dei Tyrannosaurus Rex (The Heavy Metal Kids); il disco e' meno caotico e sperimentale del primo lp, a tratti tradizionalista pur non rinunciando a slanci progressivi. Contiene anche versioni dei traditionals "Colinda" (pubblicata anche su singolo" e "Fare You Well", oltre ad una originale versione di "Car Car" di Woody Guthrie. Il gruppo fu formato da tre non-musicisti: i due designers Michael English e Nigel Weymouth, autori di molti dei posters piu' leggendari dell'estate dell' amore britannica (furono tra l'altro collaboratori dell' Ufo Club e creatori delle copertine di Oz e It, nonche' grafici per i Tomorrow ed i Soft Machine) ed il manager Guy Stevens; i tre pubblicano nel pieno dell' esplosione della psichedelia, il loro primo album, uno dei lavori piu' leggendari e rappresentativi della psichedelia inglese piu' estrema e meno contaminata dal pop; il disco, nel quale suonano gli Art al completo, e' un' opera completamente lisergica, free form e freakout che rappresenta pienamente il clima e lo spirito della seconda meta' del 1967 inglese. Dopo la pubblicazione del disco Weymouth ed English continuarono a lavorare come grafici mentre Stevens divenne un produttore della Island, lavorando con gli Art (futuri Spooky Tooth), che avevano a loro volta suonato molte delle partiture di questo lavoro, tra gli altri. Nigel Weymouth produrra' un altro album a nome Hapshash And The Coloured Coat, ''Western Flyer'', dal tono assai meno estremo. Il gruppo si sciogliera' definitivamente nel 1969.
Euro
50,00
codice 249900
scheda
Harsh reality heaven and hell
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  philips 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
prima rarissima stampa inglese, copertina (con diversi segni di invecchiamento) apribile, laminata all' esterno, etichetta nera ed argento, catalogo SBL.7891. Pubblicato nel 1969 dalla Philips in Gran Bretagna, l' unico album di questo quintetto britannico, di origine gallese. Si tratta di un disco mitico dell' underground britannico a cavallo fra gli anni '60 ed i '70, considerato uno dei piu' rappresentativi lavori di confine fra le sonorita' dei due decenni: le sue sonorita' in cui convivono i postumi della psichedelia, i primi accenni al rock progressivo sanguigne impennate hard rock e rock blues, presentano infatti caratteri decisamente tipici del rock inglese in quella fase di transizione, e trovano punti di paragone in un altro apprezzato lp dell'epoca, il primo album degli East Of Eden ''Mercator projected'' o nell'unico album dei Velvett Fogg. Piu' tardi, il chitarrista Carl Barnwell trovo' posto nei Matthews Southern Comfort di Ian Matthews, mentre il batterista Roger Swalow suono' in Principle Edwards Magic Theatre ed Albion Country Band.
Euro
320,00
codice 249914
scheda
Hathaway donny Extension of a man
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1973  rhino/atco 
soul funky disco
vinile 180 grammi. Copertina liscia a busta senza codice a barre, label gialla con scritte nere e logo ATCO multicolore a sinistra, catalogo SD7029. Ristampa ad opera della Rhino/ATCO, pressoche' identica alla prima tiratura del 1973. Originariamente pubblicato dalla ATCO, il terzo ed ultimo album in studio di Donny Hathaway, uscito dopo ''Donny Hathaway'' (1971) e dopo il live ''Donny Hathaway live'' (1972). Un disco ambizioso in cui il soul e' solo un punto di partenza per le sperimentazioni dell'autore, che passa dal brano orchestrale dai forti toni spirituali ''I love the lord: he heard my cry (parts I & II)'' all'incalzante ma vellutato funk di ''Come little children'', e nel mezzo romantiche ballads, agili episodi fra jazz e soul, spruzzatine di blues. Oppresso dalla depressione, Hathaway non realizzo' piu' album in seguito, esibendosi per lo piu' in piccoli locali. Questa la scaletta: ''I love the lord: he heard my cry (parts I & II)'', ''Somedya we'll all be free'', ''Flying easy'', ''Valdez in the country'', ''I love you more than you'll ever know'', ''Come little children'', ''Love, love, love'', ''The slums'', ''Magdalena'', ''I know it's you''. Talentoso interprete soul, Donny Hathaway (1945-1979) era considerato uno dei piu' promettenti cantanti afroamericani degli anni '70, autore di un soul eclettico ed aperto alle contaminazioni con disparati generi, e caratterizzato da una voce vellutata che si trovava a suo agio con romantiche ballate ma che non disdegnava canzoni dal forte impegno sociale riguardanti la condizione degli afroamericani; importante anche la sua collaborazione con Roberta Flack nel corso degli anni. Purtroppo la sua carriera venne ostacolata da un serio problema di depressione, le cui conseguenze lo allontanarono nel corso degli anni '70 dal grande pubblico ed anche dalla partnership musicale con Flack, e che probabilmente lo portarono alla prematura scomparsa, apparentemente dovuta al suicidio, proprio quando sembrava aver rimesso in moto la sua carriera di musicista.
Euro
26,00
codice 2103833
scheda
Hathaway donny Live (rsd 2021)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  atco 
soul funky disco
EDIZIONE LIMITATA DI 8500 COPIE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2021, bella ristampa in vinile 180 grammi, con copertina cartonata apribile, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1972 dalla ATCO, giunto al 18esimo posto nella classifica billboard 200 americana, il terzo album, uscito dopo ''Donny hathaway'' (1971) e prima di ''Extension of a man'' (1973). Questo acclamato album dal vivo, registrato durante concerti a Hollywood ed a New York, confermo' la caratura del cantante afroamericano presso critica e grande pubblico, con un coinvolgente set che include eccellenti interpretazioni del suo cavallo di battaglia ''The ghetto'' e di celebri brani di altri autori quali ''What's goin' on'' di Marvin Gaye e ''Jealous guy'' di John Lennon, il tutto all'insegna di un efficace Chicago soul, che mette in evidenza anche le qualita' di tastierista di Hathaway, oltreche' che quelle vocali. Questa la scaletta: ''Little ghetto boy'', ''Jealous guy'', ''The ghetto'', ''Voices inside (everything is everything)'', ''What's going on'', ''Hey girl'', ''We're still friends'', ''You've got a friend''. Talentoso interprete soul, Donny Hathaway (1945-1979) era considerato uno dei piu' promettenti cantanti afroamericani degli anni '70, autore di un soul eclettico ed aperto alle contaminazioni con disparati generi, e caratterizzato da una voce vellutata che si trovava a suo agio con romantiche ballate ma che non disdegnava canzoni dal forte impegno sociale riguardanti la condizione degli afroamericani; importante anche la sua collaborazione con Roberta Flack nel corso degli anni. Purtroppo la sua carriera venne ostacolata da un serio problema di depressione, le cui conseguenze lo allontanarono nel corso degli anni '70 dal grande pubblico ed anche dalla partnership musicale con Flack, e che probabilmente lo portarono alla prematura scomparsa, apparentemente dovuta al suicidio, proprio quando sembrava aver rimesso in moto la sua carriera di musicista.
Euro
37,00
codice 3026940
scheda
Hawkwind greasy truckers party (live 13/2/1972 - rsd 2021)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  parlophone 
rock 60-70
Doppio album, EDIZIONE LIMITATA DI 4500 COPIE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL LUGLIO 2021, copertina apribile, corredata di inner sleeves. Pubblicato per la prima volta ufficialmente in questa edizione, questo doppio testimonia per la prima volta nella sua interezza la leggendaria performance della seminale band inglese (eccellente la qualita' di registrazione) alla Roundhouse di Londra il 13 febbraio del 1972, durante un celebre festival che vide impegnati anche tra gli altri Man, Byzantium e Brinsley Schwartz, in uno dei templi della musica inglese, sin dagli albori della psichedelia, nel 1966, dove si erano esibiti Pink Floyd, Soft Machine, Move o Who, solo per citarne alcuni, ed anche dopo il declinare della scena psichedelica, comunque centro dell' Underground Britannico. Si tratta di un concerto ''benefit '' in aiuto della comunita' alternative di Notting Hill Gate chaimata, appunto, The Greasy Truckers. Alcune tracce dell' esibizione degli Hawkwind avevano gia' visto la luce, in una nota raccolta uscita su United Artists o in alcuni singoli del gruppo, ma questa e' la prima occasione per ascoltare l' intera travolgente apparizione degli Hawkwind.
Euro
33,00
codice 2103807
scheda

Page: 9 of 20


Pag.: oggetti: