Hai cercato:  dall'anno 90 all'anno 99 --- Titoli trovati: : 3636
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Anderson laurie Bright red (ltd. numbered 180 gr. coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1994  music on vinyl 
punk new wave
Edizione limitata a 3000 copie numerate sul retro copertina in basso, in vinile da 180 grammi di colore rosso, completa di inserto apribile con artwork e testi, label custom bianca, rossa e nera, catalogo MOVLP2539. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2022 ad opera della Music On Vinyl, originariamente pubblicato solo in cd nell'ottobre del 1994 dalla Warner Bros, giunto al 195esimo posto in classifica negli USA, il sesto album (quinto in studio), successivo a "Strange angels" (1989) e precedente il live spoken word "The ugly one with the jewels" (1995) ed il successivo in studio "Life on a string" (2001). Dopo le sfumature pop di "Strange angels", la Anderson ritorna su sentieri più sperimentali con "Bright red", lavoro prodotto da Brian Eno, che si caratterizza per melodie dilatate e relativamente scarne, vicine ora ad un brumoso chamber pop avanguardista, ora alla ambient music di cui lo stesso Eno fu pioniere, ma con un tocco più ombroso e misterioso, che si armonizza con le parti vocali, in gran parte recitate in stile spoken word più che cantate; i temi narrati dalla Anderson in questo album, che evocano senso di perdita, incomprensione, sono più inquieti e problematici rispetto al tocco di umorismo presente nelle sue prime opere. Lou Reed firma il testo del brano "In our sleep", nel quale è presente anche con la sua voce e con la chitarra. Attiva su più fronti artistici e già autrice di un singolo nel 1977, Laurie Anderson fu messa sotto contratto sul finire del 1981 dalla Warner Bros che ebbe la capacità di intuire che il brano che un singolo pubblicato in sordina nell'underground newyorchese nel settembre del 1981 nascondeva un potenziale commerciale inedito per la musica dell'artista: si trattava della celebre e splendida "O Superman", che ripubblicata dalla Warner Bros giunse incredibilmente al secondo posto delle classifiche inglesi; ma la Anderson iniziò la sua carriera già nei primi anni settanta con performance bizzarre, che rielaborano in modo originale le forme della musica minimale, nascono così progetti audaci come "Automotive" (concerto per automobili del 1972), "Duets on Ice" (messo in scena a New York nel 1974), "Songs and Stories for the Insomniac" (presentato all'Artist Space di New York e al Museum of Contemporary Art di Chicago nel 1975) e "The Hand Phone Table" (installazione sonora e visiva, realizzata presso il Projects Gallery di New York nel 1978). In quegli stessi anni, si avvicina ad alcuni musicisti d'avanguardia che si riveleranno poi decisivi per la sua maturazione artistica, da Philip Glass a Brian Eno, da John Cage a Lou Reed. Con il singolo "O Superman" e con l'album "Big Science" Laurie Anderson si impone alla ribalta internazionale conquistando critica e pubblico, merito del suo linguaggio universale, fatto di trovate spettacolari, come l'uso in scena di un violino digitale, e di una ricerca incessante sulla voce. La sua voce, infatti, si trasforma costantemente: filtrata dal vocoder, nascosta da mille effetti, inquietante, oppure semplice ed angelica, è il suo strumento musicale per eccellenza. Negli anni, Laurie Anderson realizza anche diversi video e film, compone colonne sonore per film di Wim Wenders, Jonathan Demme e per balletti tra cui ricordiamo quelli di Trisha Brown e Molissa Fenleyi, oltre a scrivere brani per la National Public Radio, la Bbc e l'Esposizione di Siviglia, nonché diversi pezzi da orchestra. Ma la sua carriera si può leggere anche come un percorso a ritroso: dall'uso della tecnologia alla riscoperta degli strumenti "tradizionali" come le percussioni che sono in particolare al centro delle sue più recenti ricerche.
Euro
29,00
codice 3029292
scheda
Angel's breath Angel's breath (ltd 180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  hr  1994  croatia records 
world
Edizione limitata in vinile da 180 grammi, allegato codice per il download digitale dell'album, copertina con il nome del gruppo sul fronte ricavato con fori sul cartoncino, inner sleeve con artwork, label bianca e grigia con scritte nere, catalogo LP6090792. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2020 ad opera della Croatia Records, l'unico album degli Angel's Breath, originariamente pubblicato nel 1994 dalla Imago in Jugoslavia solo in cd. Gli Angel's Breath furono il progetto di due musicisti della ex Jugoslavia, Milan Mladenovic (1958-1994) e Mitar Subotic Suba (1961-1999): il primo era già conosciuto come uno dei fondatori degli Ekatarina Velika, gruppo new wave nato nel 1982 in Serbia e considerato uno dei più influenti del rock del paese balcanico, del quale fu chitarrista, cantante e paroliere, il secondo, noto anche come Suba o Rex Illusivi, originario della Serbia, è diventato uno dei principali produttori della musica brasiliana negli anni '90. Insieme dettero vita a questo progetto Angel's Breath, una originale e sorprendente sintesi fra musica brasiliana, psichedelia e musica balcanica ricavata con sonorità elettroacustiche, ed inciso in Brasile insieme a musicisti e cantanti del paese sudamericano. Un disco che intreccia la musica sinuosa e solare del Brasile con ondeggianti ed ipnotizzanti elementi balcanici, ammantando il tutto di un'aura modernamente psichedelica e post punk.
Euro
29,00
codice 3513392
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  free 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
Bella copia con molto leggeri segni di usura sulla copertina, prima stampa inglese, copertina con barcode, inner sleeve in cartoncino sottile con testi, foto e sagomatura sul lato di apertura, label custom grigia e nera con particolari dello artwork di copertina sullo sfondo e scritte bianche, catalogo LPFRE3 / 828456-1. Pubblicato nel 1993 dalla Free in Gran Bretagna, l'unico album di questo oscuro quartetto inglese di Croydon, autori anche di una manciata di singoli ed ep fra il 1992 ed il 1994. Questo ''101-ism'' e' un disco abbastanza inconsueto per il panorama rock britannico dei primi anni '90, lontano sia dalle allora morenti scene shoegazer e baggy, ma nemmeno vicino al fenomeno brit pop che stava affermandosi con prepotenza; il rock chitarristico potente e tirato, talora abrasivo, di questi Anna e' semmai piu' vicino a certo emocore americano, ed in taluni episodi mostra infuenze protopunk di lontana provenienza stoogesiana.
Euro
15,00
codice 322646
scheda
7" [edizione] originale  stereo  usa  1996  red five 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa, pressata solo negli USA, vinile 8'', copertina aperta su tre lati, senza barcode e con testi e note all'interno, label custom bianca, grigia e nera con scritte nere, catalogo RED 5 001, groove message ''crooked lane crew'' sul lato A e ''silence the cries'' sul lato B. Pubblicato dalla texana Red Five Records nel 1996 negli USA, lo split 8'' fra due formazioni hardcore / post hardcore americane, gli Anomie da Austin, Texas, gia' autori del 7''ep ''Disenchantement of the world'' (1995), e gli oscuri Direction. Cinque brani, inediti su album: gli Anomie propongono ''Thred of despair'', ''Irony of strength'' e ''Status'', mentre i Direction suonano ''Empty'' e ''Puzzle''; entrambe le band presentano uno stile simile, in cui il crudo e feroce sound chitarristico dello hardcore punk viene spesso rallentato e reso cupo ed inesorabile, suggerendo affinita' con i seminali Slint di ''Spiderland'', mentre i cantanti si esprimono con timbri furiosi, graffianti e viscerali.
Euro
12,00
codice 326299
scheda
Ant bee with my favorite vegetables and...
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1994  divine 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima rara stampa inglese, copertina completa di inserto ciclostilato della label, etichetta custom in bianco e nero, Lp pubblicato in Uk dalla Divine nel 1994, dopo "With My Favorite "Mothers" And Other Bizarre Muzik" (93) e prima di "Lunar musik" (97), il terzo album della band americana di Cornelius, giudati dal folle Billy James, per qualche tempo collaboratore di Frank Zappa e Steve Vai. Nel 1990 il loro esordio "Pure Electric Honey" aveva sbalordito per la capacita' di far rivivere, grazie anche all' aiuto di musicisti delle Mothers e della Magic Band, l' originaria ed ancora incontaminata follia del primo Zappa, in un caleidoscopio musicale sempre cangiante ed imprevedibile, in una chiave forse maggiormente psichedelica, che nelle opere successive ("With My Favorite Mothers and Other Bizarre Muzik" e' il disco che precede questo) lascia trasparire attraverso omaggi affettuosi le altre due primarie influenze: i Beach Boys di "Pet Sounds" ed i Pink Floyd di Barrett. Anche in queste registrazioni effettuate tra il 1990 ed il '92 molti dei musicisti utilizzati sono quelli della formazione originale delle Mothers Of Invention, ed il "gioco" e' ancora una volta riuscitissimo. Negli anni successivi le uscite discografiche degli Ant-Bee si diraderanno, ma James continuera' ad incidere una gran quantita' di materiale, perlopiu' edito su cassetta, dedicandosi anche alla sua seconda attivita', quella di scrittore.
Euro
20,00
codice 8222
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  mammoth 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa inglese, etichetta bianca con scritte nere, Lp pubblicato in Uk dalla Mammoth Records (MR 0046-1) nel 1993, dopo "Sway" (91), il secondo ed ultimo album per la band americana. Primo lavoro senza Feeda Love, presenta un suono piu' rock, sempre vicino ai Blake Babies, (formazione in cui aveva militato anche il cantante/chitarrista John Strohm), in linea con un pop chitarristico da college-radio americano, con influssi psichedelici, stile primi Lemonheads e Juliana Hatield, con richiami anche verso i Television ed il pop australe stile Flying Nun (Clean, Bats, Straitjackets Fits). Band nata dopo lo scioglimento dei Blake Babies, avvenuto nel 1991, allorquando John Strohm e Freda Love rientrano nel nativo Indiana, precisamente a Bloomington, dopo la parentesi a Boston. Dopo aver reclutato musicisti locali come Jacob Smith al basso e Vess Ruthemberg alla seconda chitarra, danno vita agli Antenna. Il primo album "Sway" e' una chiara continuazione del suono Blake Babies (molte delle tracce, pare, siano state composte a Boston), con armonie psichedeliche che si spingono in territori anche country. Escono il secondo full lenght "Hideout" e l'Ep "For now" nel 1993, prima dello scioglimento, dopo cui la Love e Strohm si sposano. Strohm forma per un breve periodo i Velo-Deluxe, prima di iniziare la carriera solista.
Euro
18,00
codice 601541
scheda
Antietam (tara key) Everywhere outside
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1991  xxx 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora avvolta nel cellophane (aperto), copertina fabbricata in Canada e con barcode, label grigia chiara con grande logo XXX rosso sullo sfondo e scritte nere, catalogo 51083-1, groove message ''the beamin' sessions 1/24 – 2/7/91 special guests: big foot ale and old weller'' sul lato A e ''it's a feel thang'' sul lato B. Pubblicato nel maggio del 1991 dalla Triple X, il quarto album, uscito dopo il terzo ''Burgoo'' (1990) e prima del live ''Comes alive'' (1992). Il gruppo americano e' qui artefice di un indie rock chitarristico in cui convivono echi punk con elementi jangle rock alla Byrds/R.E.M. ma con un tocco piu' roots e sanguigno. Guidati da Tara Key, cantante particolarissima e chitarrista, e dal marito Tim Harris, bassista, originari del Kentucky, dove si formarono nel 1983, ma presto trasferitisi a New York, gli Antietam mettevano miracolosamente insieme le nevrosi del rock urbano con un'attitudine naif e bucolica tipicamente rurale, e quindi noise rock e roots, riuscendo a produrre una manciata di dischi originalissimi e meritevoli di essere scoperti. Dopo cinque dischi in studio ed un live, Key e Harris hanno riformato la loro prima band, la Babylon Dance Band, per un solo estemporaneo disco, e quindi Tara Key ha iniziato una interessante carriera solista, all' insegna di sonorita' delicate e perlopiu' acustiche, con un album in coppia con Rick Rizzo degli Eleventh Dream Day nel 1999, prima di una inattesa reunion degli Antietam.
Euro
24,00
codice 315424
scheda
Apartments a life full of farewells
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  riley / talitres 
punk new wave
Corredata di inner sleeve, e di codice per il download digitale dell' album. Per la prima volta in vinile, in questa edizione realizzata dalla Riley / Talitres nell' aprile 2021, il terzo album degli Apartments, originariamente pubblicato nel 1995 solo in cd, dopo ''The evening visits... and stays for years'' (1985) e "Drift" (1993) e prima di ''Fete Foraine" (1996). L' album, davvero bellissimo, conferma il felicissimo momento artistico del gruppo australiano, che in questo piccolo capolavoro definisce in modo definitivo la sua poetica, attraverso una raccolta di delicate ballate autunnali ed intimiste, intrise di malinconia, frutto di una vena compositiva ed espressiva non distante da quella dei maturi Go-Betweens, raffinate e caratterizzate da arrangiamenti essenziali ma preziosissimi. Attivi sin dal lontano 1978, formati a Brisbane da Peter Milton Wlash, gli australiani Apartments pubblicarono il loro primo 7ep nel '79 per la Able label degli amici Go-Betweens (di cui Walsh fu anche per un breve periodo un componente), poi scomparvero dalle scene per lunghi anni, con Walsh autore di un singolo nel 1980 con gli Out of Nowhere, e quindi, dopo una parentesi statunitense, nei Laughing Clowns di Ed Kuepper (suona il basso nell' album "Law Of Nature"). La band torna pero' attiva e nel 1984, tra gli altri con l'ex Fun Things Graeme Beavis alla chitarra, incide un singolo, prima del trasferimento a Londra di Walsh che diede vita all' ennesima line up del gruppo, riuscendo finalmente ad incidere il suo primo album, "The Evening Visits...", autentico disco di culto registrato con la partecipazione di personaggi come Ben Watt (Everything But The Girl), Clare Kenny (ex Orange Juice) e Graham Lee (Triffids). Peter Walsh vi si rivela autore di grande caratura e personalita', in un filone del tutto particolare (dalle parti di certo David J solista, di un magnifico perdente come Nikki Sudden), quello di un cantautorato tormentato e crepuscolare, dove un lirismo intenso ma sempre ripiegato su se stesso da' vita ad episodi di grande fascino, elettroacustici ed autunnali, come sara' anche negli anni a venire per i troppo pochi lavori incisi di tanto in tanto, sempre lontano dalla luce dei riflettori.
Euro
22,00
codice 2102813
scheda
Apartments Drift
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  riley / talitres 
punk new wave
Edizione ''half speed mastering'', allegato coupon per il download dell'album da internet, copertina apribile, innser sleeve con artwork, label custom blu con bordo bianco e scritte bianche, ed artwork diverso su ciascuna facciata. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2017 ad opera della Riley / Talitres, il secondo album degli Apartments, originariamente pubblicato nel 1993 solo in cd in Australia ed in Francia, dopo ''The evening visits... and stays for years'' (1985) e prima di ''A life full of farewells'' (1995). Non era certo facile dare un degno seguito al loro splendido primo album, ma alla fine il gruppo australiano venne fuori con questo ''Drift'', un disco dal sound chitarristico piu' prominente, ma ancora intriso di umori ombrosi e di malinconie, e composto da canzoni percorse da una vena di solitudine e di rimpianto, espresse con un sound chitarristico dalle melodie suadenti ed autunnali, in ottimo equilibrio fra sonorita' avvolgenti e saltuari passaggi solo leggermente graffianti, armonie fra chitarre acustiche ed elettriche ed un cantato struggente e fragile ma mai sopra le righe. Attivi sin dal lontano 1978, formati a Brisbane da Peter Milton Wlash, gli australiani Apartments pubblicarono il loro primo 7ep nel '79 per la Able label degli amici Go-Betweens (di cui Walsh fu anche per un breve periodo un componente), poi scomparvero dalle scene per lunghi anni, con Walsh autore di un singolo nel 1980 con gli Out of Nowhere, e quindi, dopo una parentesi statunitense, nei Laughing Clowns di Ed Kuepper (suona il basso nell' album "Law Of Nature"). La band torna pero' attiva e nel 1984, tra gli altri con l'ex Fun Things Graeme Beavis alla chitarra, incide un singolo, prima del trasferimento a Londra di Walsh che diede vita all' ennesima line up del gruppo, riuscendo finalmente ad incidere il suo primo album, "The Evening Visits...", autentico disco di culto registrato con la partecipazione di personaggi come Ben Watt (Everything But The Girl), Clare Kenny (ex Orange Juice) e Graham Lee (Triffids). Peter Walsh vi si rivela autore di grande caratura e personalita', in un filone del tutto particolare (dalle parti di certo David J solista, di un magnifico perdente come Nikki Sudden), quello di un cantautorato tormentato e crepuscolare, dove un lirismo intenso ma sempre ripiegato su se stesso da' vita ad episodi di grande fascino, elettroacustici ed autunnali, come sara' anche negli anni a venire per i troppo pochi lavori incisi di tanto in tanto, sempre lontano dalla luce dei riflettori.
Euro
23,00
codice 2072685
scheda
Aphex twin I care because you do
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1995  warp 
indie 90
Ristampa a cura della Warp, vinili 180 grammi, copertina apribile in alto, pressoche' identica all'edizione originale, corredata da coupon per il download digitale, adesivo sul cellophane, del terzo album di Aphex Twin, realizzato originariamente sempre dalla Warp nell'aprile 1995, dopo "Selected ambient works, vol.2" (949 e prima di "Richard D. James album" (96). Considerato uno degli album piu' solidi del musicista elettronico, questo Lp e' una sintesi fra il suo lato piu' aggressivo ed acido e quello piu' atmosferico e meditativo, vicino all'ambient e qui anche al trip hop; l'album e' piu' versato all'ascolto, attraverso ipnotiche e glaciali composizioni strumentali. Non mancano episodi dai ritmi piu' tirati ed dall'atmosfera piu' agitata, che in ogni caso non raggiungono la malevolenza e l'abrasivita' dei primi singoli di Aphex Twin (si vedano ad esempio quelli raccolti in "Classics", 1996). Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e l' ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da "Selected ambient works, vol. 2", altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
32,00
codice 2113350
scheda
Aphex twin Peel session 2
12" [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  warp 
indie 90
In occasione del trentennale dell'etichetta, la Warp ha deciso una serie di uscite con registrazioni inedite dei suoi artisti. Questa uscita del 2019 è una "Peel session" registrata da Aphex Twin nell'aprile del 1995, comprende quattro brani del primo periodo tra Donkey Rhubarb e I Care Because You do: "Slo bird whistle","Radiator (original mix)", "P-string", "Pancake lizard".
Euro
23,00
codice 2113342
scheda
Aphex twin Richard d.james album
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  warp 
indie 90
Ristampa pressoché identica alla prima tiratura, copertina con apertura sul lato superiore, etichette custom, Lp pubblicato nel novembre del 1996 dalla Warp, "Richard D. James album" e' il quarto album di Aphex Twin, uscito dopo "I care because you do" (1995) e prima di "Drukqs" (2001). Considerato l'album piu' accessibile pubblicato fino a quel momento dall'innovativo musicista elettronico inglese, questo lavoro vede Aphex Twin cimentarsi con brani sintetici ed in gran parte melodici, in cui molti critici vedono l'influenza della drum'n'bass di Squarepusher. Le sonorita' meno abrasive rispetto al passato non fanno comunque venir meno l'attitudine sperimentale di Aphex Twin, che disegna melodie cerebrali ed eteree sopra una ritmica schizzata e convoluta, dando vita secondo molti ad uno dei dischi cardine della drill'n'bass. Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e la ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da "Selected ambient works, vol. 2", altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...
Euro
32,00
codice 2113349
scheda
Aphex twin Selected ambient works 85-92 (original sleeve)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  apollo 
indie 90
doppio album, ristampa ufficiale con copertina (con barcode) pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita su Apollo nel 1992. Il primo album, uscito prima di "Selected Ambient Works vol. 2", pubblicato il 12 Febbraio del 1992, capolavoro "ambient techno" del grande genio dell'elettronica Richard D. James aka Aphex Twin. Si tratta di una raccolta di materiali registrati a partire dall'adolescenza che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligence techno", costituisce il piu' valido esempio della sua musica ed uno dei migliori esempi di elettronica d'ascolto. Irlandese di Limerick, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica (a 14 anni) in solitudine, in Cornovaglia dove vive. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione 'noise' elettronica, la dance e l' ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92". In seguito James dara' luogo a varii progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...) e, influenzato dal minimalismo e dalla "ambient music" incidera' nel '94 l'album dal titolo "Selected Ambient Works vol.2", che sara' di ispirazione per tutta l'elettronica isolazionista. Nel '95, dopo l'antologico "Classics" e l'eclettico "I Care Because You Do", si dedica alla raccolta di materiale registrato negli anni precedenti, destreggiandosi tra "industrial", "trip hop" e "pop"; inoltre e' da ricordare che Philip Glass remixera' il brano "Icct Hedral", contenuto nel singolo "Donkey Rhubarb. Nel '96 esce l'album "Richard D. James" che sperimenta inedite soluzioni ritmiche e pop, inglobando anche elementi tipici del classicismo e dell'avanguardia (Satie). Poi, tra il '97 ed il '99, soprattutto con l'ep "Come To Daddy" riscuote diversi consensi grazie anche al video del brano, opera di un giovane Chris Cunningham. Senza alcun dubbio uno dei musicisti piu' influenti della scena elettronica contemporanea.
Euro
31,00
codice 2114838
scheda
Aphex twin windowlicker
12" [edizione] nuovo  stereo  uk  1999  warp 
indie 90
ristampa pressoché identica all'originale. etichetta custom fotografica. Pubblicato nel marzo del 1999 dalla Warp in Gran Bretagna e dalla Sire negli USA, il celebrato ep ''Windowlicker'' usci' dopo il quarto album ''Richard D. James album'' (1996) e prima del quinto lp ''Drukqs'' (2001). Considerato da molti uno dei massimi vertici della musica del compositore elettronico inglese, questo ep contiene tre brani inediti su album, dai toni e dagli stili differenti: ''Windowlicker'', che venne accompagnata da un celebre video, inquietante, sensuale e comico al tempo stesso, e' un pezzo melodico e notturno, in cui gli interventi vocali hanno inequivocabili richiami erotici, sostenuti da un ritmo e da melodie languide e relativamente distese; ''Equation'' si colloca invece sul versante piu' astratto e spigoloso della musica di Aphex Twin, con i suoi ritmi irregolari in preminenza, mentre il brano di chiusura ''Nannou'' e' una delicata litania cerebrale, rarefatta fin quasi al silenzio. Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e la ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da ''Selected ambient works, vol. 2'', altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
24,00
codice 2111958
scheda
Appleseed cast Tale of the aftermath / skatter ik ignito
7'' [edizione] originale  stereo  swe  1998  tan bur 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
singolo in formato 7", la prima molto rara stampa, pressata solo in Svezia, pare in sole 500 copie, copertina ripiegata attorno al disco, senza barcode, completa del piccolo inserto, label neutra bianca con scritta a pennarello oro sulla prima facciata ''said ei''. Pubblicato nel 1998 dalla svedese Tan Bur, il primo singolo, precedente l'album di debutto ''The end of the ring wars'' (1998). Raro e ricercato, contiene due brani inediti su album: ''Tale of the aftermarth'' e ''Skatter ik ignito'', un emo molto intenso e potente, che si fa cupo ed oppressivo nella piu' lenta B-side. Gli Appleseed Cast sono un gruppo californiano attivo dal 1997 su impulso del chitarrista/cantante Chris Crisci, del bassista Nathan Whitman, del chitarrista Taylor Holenbeck e dal batterista Nathan Wilder; il loro suono, basato prevalentemente sulle chitarre elettriche, si e' progressivamente evoluto da un intenso emo, vicino ai Sunny Real Estate ed ai Mineral, verso un creativo post rock, anche cantato, caratterizzato inoltre da un intricato drumming ed avvolgenti arpeggi effettati.
Euro
60,00
codice 328615
scheda
Arab strap philophobia
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1998  chemikal underground 
indie 90
Per la prima volta ristampato, doppio vinile, coupon per download, adesivo su cellophane Il secondo album, uscito nell' aprile del 1998, dopo "The weeks never starts round here" e prima di "Elephant shoe", capolavoro del geniale duo post-folk scozzese di Falkirk, uno dei piu' interessanti gruppi emersi nel passato decennio nel regno unito, formato da Adain Moffat (voce e tastiere) e Malcom Middleton (chitarra, tastiere, programming). lavoro ispirato e struggente, capace di suscitare emozioni senza riserve, con una musica dilatata, composta di pochi elementi, chitarre arpeggiate che tessono trame chitarristiche ripetitive e magnetiche, come nei brani piu' lenti dei Mogwai, supportata da una rudimentale drum machine, che distilla in maniera cruda e precisa gli attimi su cui si svolgono le liriche di Moffat, coinvolgenti e distaccate allo stesso tempo, proferite da una voce dal cantato atono che in nessun modo cerca di compiacere l'ascoltatore, ma che riesce a trasmette in maniera personale ironia e sottili emozioni. disco di spietate liriche che parlano d'amore che si integrano con originalita' alle parti strumentali minimali e atmosferiche di Middleton. il titolo significa paura di innamorarsi e come dice Moffat "No one really writes honest, hateful love songs, the kids never hear it like they should hear it". nel brano "soaps" compaiono Stuart Murdoch (piano), Chris Geddes (organo) e Sarah Martin (violino) dei Belle & Sebastian, Gery Miller (basso), David Gow (batteria), inoltre Alan Barr suona il violoncello nel brano di apertura dell'album. da avere assolutamente.
Euro
38,00
codice 2114240
scheda
Arab strap the week never starts round here
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1996  chemikal underground 
indie 90
Ristampato per la prima volta dal 1996, coupon per download, adesivo su cellophane, con copertina pressochè identica all'originale. Pubblicato dalla Chemikal Underground nel novembre del 1996 in Gran Bretagna e nel 1997 negli Stati Uniti, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico, "The week never starts round here" e' l'album d'esordio dell'importante duo scozzese fondato a Flakirk nel 1995 dal cantante Aidan Moffat e dal polistrumentista Malcolm Middleton. Uscito dopo il loro primo 7" (il lato A, "The first big weekend", e' qui incluso) e subito apprezzato dalla critica cos￾ come dal dj John Peel, il primo lp degli Arab Strap contiene in nuce gli elementi caratteristici del loro sound, in cui brani minimali, dagli arrangiamenti essenziali, accompagnano il peculiare canto di Moffat, che spesso si fa parlato, come se fosse un narratore di storie, ed altre volte appena sussurrato. L'atmosfera malinconica e pacata dell'album puo' ricordare alla lontana alcuni cantautori inglesi come Nick Drake, ma anche alcuni episodi di "Spiderland" degli Slint, senza tuttavia le esplosioni chitarristiche ed il pathos che contraddistinguono il gruppo di Louisville; gli Arab Strap sono comunque un gruppo originale e non ben classificabile, gia' in questo loro esordio, come tutti quelli che hanno dato impulso a nuove direzioni musicali.
Euro
32,00
codice 2114241
scheda
Arcansiel Stillsearching
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  contempo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in carta azzurra con testi, label bianca con scritte nere e logo Contempo in alto, catalogo CONTE143. Pubblicato dalla Contempo nel 1990, il secondo album, uscito dopo ''Four daisies'' (1988) e prima di ''The normality of perversion'' (1994). L'ultimo album con il cantante e tastierista Marco Galletti (che avrebbe di li' a poco lasciato il gruppo per l'attivita' solista, sostituito da Paolo Baltaro), ''Stillsearching'' si apre con la lunghissima e complessa suite ''I'm still searching'', che occupa tutta la prima facciata, dominata dalle tastiere, immersa in atmosfere oniriche e delicate, accentuate dalla voce di Galletti; simile e' la seconda facciata, con tre brani piu' brevi. Lo stile del disco si rifa' chiaramente al rock progressivo, ma con un approccio sonoro che e' indubbiamente filtrato attraverso la sensibilita' musicale degli anni '80 e della new wave. Questo gruppo italiano, definito come ''neo-progressivo'', ha realizzato quattro album fra il 1988 ed il 2004, ''Four daisies'' (1988), ''Stillsearching'' (1990), ''The normality of perversion'' (1994) e ''Swimming in the sand'' (2004), quest'ultimo contenente per lo piu' vecchie canzoni della band, risuonate con una formazione che ha subito cambiamenti nel corso degli anni.
Euro
18,00
codice 248551
scheda
Arcansiel Stillsearching
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  contempo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in carta azzurra con testi, label bianca con scritte nere e logo Contempo in alto, catalogo CONTE143. Pubblicato dalla Contempo nel 1990, il secondo album, uscito dopo ''Four daisies'' (1988) e prima di ''The normality of perversion'' (1994). L'ultimo album con il cantante e tastierista Marco Galletti (che avrebbe di li' a poco lasciato il gruppo per l'attivita' solista, sostituito da Paolo Baltaro), ''Stillsearching'' si apre con la lunghissima e complessa suite ''I'm still searching'', che occupa tutta la prima facciata, dominata dalle tastiere, immersa in atmosfere oniriche e delicate, accentuate dalla voce di Galletti; simile e' la seconda facciata, con tre brani piu' brevi. Lo stile del disco si rifa' chiaramente al rock progressivo, ma con un approccio sonoro che e' indubbiamente filtrato attraverso la sensibilita' musicale degli anni '80 e della new wave. Questo gruppo italiano, definito come ''neo-progressivo'', ha realizzato quattro album fra il 1988 ed il 2004, ''Four daisies'' (1988), ''Stillsearching'' (1990), ''The normality of perversion'' (1994) e ''Swimming in the sand'' (2004), quest'ultimo contenente per lo piu' vecchie canzoni della band, risuonate con una formazione che ha subito cambiamenti nel corso degli anni.
Euro
25,00
codice 242134
scheda
Architectural metaphor creature of the velvet void
Lp [edizione] originale  stereo  ITa  1997  black widow 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
l' originale stampa, realizzata in esclusiva dall' italiana Black Widow, in 500 copie, copertina lucida apribile senza barcode, corredata di inserto con artwork, etichetta bianca e viola custom da un lato, viola con scritte e elogo bianchi dall' altro, catalogo BWR019. Pubblicato nel 1997, questo e' il secondo album degli Architectural Metaphor, uscito dopo ''Odysseum galacti'' (1994) e prima di ''Viva - live'' (2000). Il gruppo americano propone uno space rock influenzato da storiche band degli anni '70 come Pink Floyd, Hawkwind e Tangerine Dream. I brani, lenti ed ipnotici, sono dominati da tastiere cosmiche vicine ai Tangerine Dream e da lenti ed acidi assoli di chitarra alla Pink Floyd. Narcotici blues psichedelici si alternano con brani piu' rarefatti e cosmici, con gli strumenti che sembrano fluttuare nello spazio. L'album contiene due cover, ''All tomorrow's parties'' dei Velvet Underground e ''Golden void'' degli Hawkwind. Attivi dal 1984, gli Architectural Metaphor provengono dal Massachussets. Autori di un fluttuante space rock con marcate influenze anni '70, compongono i loro brani partendo dall'improvvisazione. Il gruppo ha attraversato innumerevoli cambiamenti di organico nel corso degli anni e tra le sue fila milita anche Patrick Murphy, gia' con i Dinosaur Jr. Il primo album ''Odysseum galacti'' esce nel 1994, seguito nel 1997 da ''Creature of the velvet void'' e da due album dal vivo, ''Viva - live'' (2000) e ''Other music'' (2004). Contraddistinti da eteree voci femminili, ritmi rallentati e tastiere vicine alla musica cosmica tedesca, danno il meglio di se' in concerto.
Euro
20,00
codice 251546
scheda
Archive Londinum (25th)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  music on vinyl 
indie 90
edizione per il venticinquesimo anniversario, copertina apribile in più parti, inserto di 4 pagine, vinile 180 grammi. Il debutto su album del gruppo inglese, presenta un mix molto forte di trip-hop, elettronica, arrangiamenti d'archi e voci femminili. riferimenti a Tricky, Future Sound Of London e Massive Attack. Basati a Londra, gli Archive si attivano nel 1994 per volonta' di Darius Keeler e Danny Griffiths, dalle ceneri dei Genaside II. Con sonorita' che si espandono attraverso l'elettronica, trip hop, avanguardia, post e progressive rock, hanno realizzato circa sette albums. Agli esordi, che vedevano in formazione la cantante d'origine iraniana Roya Arab ed il giovane rapper Rosko John, il suono propendeva maggiormente verso un trip hop dai tono cupi alla Massive Attack. Dopo un primo Lp, "Londinium" (96) discretamente accolto dalla critica ed apprezzato pubbblicamente da Peter Gabriel, la line up viene gia' modificata dalla partenza della Arab e di John. Entra in formazione Suzanne Wooder, poi sostiuita dal cantante del gruppo pop-rock dei Power of dreams, mentre il suono si sposta sempre piu' verso il rock progressivo e melodico inglese.
Euro
36,00
codice 2110156
scheda
Archive So few words (promo)
12" [edizione] promozionale  stereo  uk  1996  island 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
EP in formato 12", stampa promozionale inglese, copertina ruvida fronte retro senza barcode, label neutra bianca, catalogo ARK12002DJ, scritta "orlake" incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel 1996 dalla Island, il primo 12" degli Archive, precedente il primo album "Londinium" (9/96). Contiene tre brani: "So few words", poi inserita nel sopracitato lp, "All time (archive remix)", in una versione diversa e molto più lunga rispetto a quella su "Londinium", e l'inedita su album "Organ reprise". La title track offre una suadente ed ombrosa sintesi fra trip hop e sonorità che rimandano allo space / progressive rock pinkfloydiano degli anni '70, la seconda tracce si muove fra bordoni elettronici dal sapore ambient ed una parte centrale ritmica che evoca una sorta di trance rock al rallentatore, mentre l'ultimo pezzo è uno strumentale tastieristico che intreccia circolari note pianistiche con dilatazioni spaziali che richiamano gli Spiritualized. Basati a Londra, gli Archive si formano nel 1994 per volonta' di Darius Keeler e Danny Griffiths, dalle ceneri dei Genaside II. Impiegando sonorita' che si espandono attraverso l'elettronica, trip hop, avanguardia, post e progressive rock, hanno realizzato circa numerosi album a partire da "Londinium" del 1996. Agli esordi, che vedevano in formazione la cantante d'origine iraniana Roya Arab ed il giovane rapper Rosko John, il suono propendeva maggiormente verso un trip hop dai tono cupi alla Massive Attack. Dopo il primo lp "Londinium" (1996), discretamente accolto dalla critica ed apprezzato pubbblicamente anche da Peter Gabriel, la formazione viene gia' modificata dalla partenza della Arab e di John. Entra quindi in formazione Suzanne Wooder, poi sostiuita dal cantante del gruppo pop-rock dei Power Of Dreams, mentre il suono si sposta sempre piu' verso il rock progressivo e melodico.
Euro
12,00
codice 333955
scheda
Arcwelder pull
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  Touch & go 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa inglese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida, completa di inserto con crediti, etichetta nera con scritte bianche, catalogo TG108. Pubblicato nel 1993 dopo "Jacket Made in Canada" (1991) e prima di "Xerxes" (1994), il terzo album (incluso l' esordio del 1989 a nome Tiltawhirl) della notevole band che aveva iniziato sul finire degli anni '80 a Minneapolis, Minnesota; l' influenza dei concittadini Husker Du e' pressocche' inevitabile nella loro musica, ma nelle vibranti composizioni della band sono rintracciabili anche influenze noise e grunge, e l'eccellente risultato finale e' decisamente meritorio di considerazione, per certi aspetti premonitori di certi sviluppi futuri della storia artistica di Bob Mould, ed alcuni brani davvero memorabili. Il batterista Scott Macdonald (che aveva gia' suonato nei 2i, autori di alcuni 7" ed un album tra il 1985 ed il 1986) ed il chitarrista Bill Graber si scambiano le parti vocali, e la voce del primo ricorda davvero molto quella di Mould degli Husker Du. Davvero un gruppo sottovalutato, da riscoprire.
Euro
20,00
codice 202535
scheda
Area (Arms Of Someone New, Moon seven times) Fragments of the morning (white vinyl)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  c'est la mort 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa USA, vinile bianco, copertina in cartoncino neutro nero, con sagomatura al centro ed adesivo con informazioni sul disco applicato sul fronte, label bianca con scritte nere su di una facciata e con foto in bianco e nero e scritta ''area'' in nero sull'altra, catalogo CLM031. Pubblicato nel 1990 dalla C'Est La Mort, il quinto (considerando anche il primo, uscito su cassetta) ed ultimo album, uscito dopo ''Between purple and pink'' (1989). Il gruppo americano e' qui artefice di un delicato ed essenziale sound tra influssi post punk ed indie pop dai toni sognanti, attraverso brani melodici e ''minimal'', scanditi da ritmi lenti, che rimandano sia a molti gruppi britannici della 4AD come ai primi frutti del progetto newyorchese Ultra Vivid Scene. Gruppo di Champaign, Illinois, attivo dal 1985, questo progetto capeggiato dalla cantante Lynn Canfield e dal chitarrista Henry Frayne, poi entrambi nei Moon Seven Times prima di separarsi (la prima negli Shotgun Wedding e poi solista, il secondo nei Lanterna), e dal tastierista Steve Jones, gia' negli Arms Of Someone New, era all'insegna di una musica tra post punk dalle chiare influenze inglesi (gli amanti della 4AD sono avvisati) ed un approccio vicino a quello di certi gruppi della scena "trance" di Los Angeles. Magnifica la voce delicata ed eterea di Kynn, su una musica essenziale e malinconica. Pubblicarono cinque lp prima di sciogliersi all'inizio degli anni '90.
Euro
28,00
codice 315860
scheda
Armatrading joan Hearts and flowers
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  a&m 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora sigillata nel cellophane (da noi aperto per verificare il contenuto), prima stampa USA, copertina con barcode, label nera con parrti bianche e oro nella fascia centrale, scritte argento e logo A&M bianco a destra, catalogo 75021 5298 1, vinile ambrato su posto controluce. Registrato con la presenza, al basso ed alla batteria in diversi brani, dei due ex Japan MICK KARN e STEVE JANSEN, pubblicato nel giugno del 1990 dalla A&M in Gran Bretagna, dove giunse al 29esimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivo' alla 161esima posizione, il tredicesimo album (dodicesimo in studio), della cantante nata nel 1950 a Basseterre, nell' isola caraibica di Saint Kitts, ma trasferitasi a soli tre anni a Birmingham, Inghilterra. Uscito dopo ''The shouting stage'' (1988) e prima di ''Square the circle'' (1992), e' un lavoro di raffinato pop soul d'atmosfera dal sound mainstream a cavallo fra anni '80 e '90, nel quale la cantante esplora temi sentimentali ed il rapporto fra relazioni amorose ed amicizia, con un piglio dolce-amaro. Ne furono tratti due singoli, ''More than one kind of love'' e ''Free''.
Euro
15,00
codice 320447
scheda

Page: 9 of 146


Pag.: oggetti: