Hai cercato:  immessi ultimi 15 giorni --- Titoli trovati: : 394
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Hawkwind greasy truckers party (live 13/2/1972 - rsd 2021)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  parlophone 
rock 60-70
Doppio album, EDIZIONE LIMITATA DI 4500 COPIE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL LUGLIO 2021, copertina apribile, corredata di inner sleeves. Pubblicato per la prima volta ufficialmente in questa edizione, questo doppio testimonia per la prima volta nella sua interezza la leggendaria performance della seminale band inglese (eccellente la qualita' di registrazione) alla Roundhouse di Londra il 13 febbraio del 1972, durante un celebre festival che vide impegnati anche tra gli altri Man, Byzantium e Brinsley Schwartz, in uno dei templi della musica inglese, sin dagli albori della psichedelia, nel 1966, dove si erano esibiti Pink Floyd, Soft Machine, Move o Who, solo per citarne alcuni, ed anche dopo il declinare della scena psichedelica, comunque centro dell' Underground Britannico. Si tratta di un concerto ''benefit '' in aiuto della comunita' alternative di Notting Hill Gate chaimata, appunto, The Greasy Truckers. Alcune tracce dell' esibizione degli Hawkwind avevano gia' visto la luce, in una nota raccolta uscita su United Artists o in alcuni singoli del gruppo, ma questa e' la prima occasione per ascoltare l' intera travolgente apparizione degli Hawkwind.
Euro
33,00
codice 2103807
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  replica / musea 
rock 60-70
Bella ristampa rimasterizzata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, textured in rilievo fronte e retro, esattamente come l' originaria rara tiratura, corredata di inserto in cartoncino con foto e testi. Pubblicato in Francia dalla Shandar nel settembre del 1971 dopo ''La Devanture Des Ivresses'' (uscito nel 1970 ed accreditato a Melmoth), l' unico album a nome Dashiell Hedayat. Leggendario lavoro tra i piu' rappresentativi dell' underground Europeo, registrato nel maggio del 1971 ma composto nell' autunno del 1969, vede impegnati I GONG DI DAEVID ALLEN AL COMPLETO (nella formazione che registrava nello stesso periodo il secondo album "Continental Circus", con Daevid Allen, Didier Malherbe, Pip Pyle, Gilli Smyth e Christian Tritsch), oltre a William Burroughs e Sam Wyatt (figlio di Robert Wyatt, all' epoca bambino di cinque anni, e cresciuto all' interno della comunita' dei Gong) ospiti in un brano alla voce. Il disco presenta una groove vicina alla psichedelia acidissima di marca anarcoide degli inizi del decennio, culturalmente legata al movimento hippie di scuola tipicamente Gong, vede una ritmica molto vicina al Canterbury Britannico ed un definito feeling progressive con le chitarre elettriche in grande risalto e arrangiamenti complessi assai vicini al Jazz ed alla sperimentazione a base di fiati dissonanti. Un album davvero notevole e rappresentativo del movimento che caratterizzera' tutta al decade dei '70.
Euro
20,00
codice 2103785
scheda
Hendrix Jimi Are you experienced? (mono usa)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1967  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, ottenuta dai master tapes originali, pressocche' identica alla prima molto rara tiratura nella sua versione uscita in America su Reprise, qui' nella versione MONO (davvero molto rara per quanto rigurda la originale stampa americana del disco). La peculiarita' di questa stampa americana rispetto a quella inglese risiede nella copertina, decisamente qui molto piu' psichedelica, e nei tre brani diversi contenuti. Pubblicato dalla Track nel maggio del 1967 in Gran Bretagna, dove giunse al secondo posto in classifica, e dalla Reprise nell'agosto del 1967 negli Stati Uniti, dove giunse al quinto posto in classifica. Uscito prima di "Axis: bold as love" (1967), l'esordio di Jimi Hendrix e' senza dubbio uno dei dischi piu' importanti ed influenti della storia del rock, nonche' uno dei massimi capolavori della psichedelia; ogni brano e' praticamente un classico, dai furiosi e distorti assalti chitarristici di "Purple haze" e "Foxey lady" alla celeberrima versione di "Hey Joe", dalla delicata ballata "The wind cries Mary" alla scoppiettante "Fire", per arrivare ai turbini psichedelici di "Third stone from the sun" e "Are you experienced?". Questa edizione americana presenta i brani "Purple haze", "Hey Joe" e "The wind cries Mary", assenti nella versione inglese, mentre mancano "Red house", "Can you see me" e "Remember" rispetto a quest'ultima. Senza dubbio un disco immancabile in qualsiasi discografia rock essenziale; la storia del rock sarebbe stata quasi certamente diversa se "Are you experienced?" non fosse esistito.
Euro
28,00
codice 2103729
scheda
Herman's hermits Both sides of (frank frazetta artwork)
Lp [edizione] originale  mono  usa  1966  mgm 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, la prima rara stampa americana stereofonica, copertina cartonata (con artwork sul fronte e sul retro realizzato da un giovane Frank Frazetta, destinato a diventare uno dei piu' grandi illustratori fantasy, ma continuando a realizzare non di rado copertine per albums di musica rock), con foro promozioanle in basso a sinistra, etichetta nera con logo multicolorato in alto, catalogo SE4386, copia ancora fornita della originaria busta interna della Mgm. Pubblicato nell' agosto 1966 dalla Mgm in Usa (dopo qualche mese la Columbia pubblichera' un album con lo stesso titolo in Inghilterra, ma con copertina e brani diversi), dove giunse al 48esimo posto in classifica, il quinto album della discografia americana degli Herman's Hermits, uscito dopo ''Hold On' " e prima di "There's a kind of hush all over the world'' (1967). Undici brani di sopraffino pop e beat melodico britannico classicamente meta' anni '60 e pre-psichedelico, fra i quali spicca ''My reservation's been confirmed'', b-side del singolo ''No milk today'', il singolo "This Door Swings Both Ways" e la versione di "Bus Stop", da poco pubblicata anche dagli Hollies. Una ulteriore testimonianza della capacita' del gruppo di pennellare classici quadretti pop dal gusto melodico ed equilibrato tipico dello stile britannico. Questa la scaletta dell' album: "This Door Swings Both Ways", "Bus Stop", "For Love", "Je suis anglais (L'autre jour)", "Dial My Number", "The Future Mrs. 'Awkins", "Oh! Mr. Porter", "The Man With the Cigar", "Two Lovely Black Eyes", "My Reservation's Been Confirmed", "My Old Dutch". Gli inglesi Herman's Hermits furono un gruppo che ebbe molto piu' successo negli Stati Uniti, tra i principali della cosidetta "British Invasion" che rivoluziono' la musica americana, piuttosto che in patria. Un gruppo di matrice puramente e deliziosamente pop, incredibilmente sottovalutato, anche se ebbero all' epoca numerosi hits negli Stati Uniti. Scoperti da Mickey Most, furono uno dei gruppi britannici piu' popolari negli States, insieme a Rolling Stones, Animals, Beatles e Dave Clark Five tra il 1964 al 1967.
Euro
28,00
codice 249888
scheda
Hipp jutta quintet Cool dogs and two oranges
Lp [edizione] nuovo  mono  ger  1954  l+r / bellaphon 
jazz
Ristampa del 2014 ad opera della L+R / Bellaphon, la prima in assoluto in vinile e pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1980 dalla L+R in Germania, questo album contiene registrazioni di molto tempo prima, effettuate a Franz-Althoff-Bau, Francoforte sul Meno, il 13 aprile ed il 20 luglio del 1954, da Jutta Hipp (pianoforte), Emil Magelsdorff (sax alto), Joki Freund (sax tenore), Hans Kresse (contrabbasso) e Karl Sanner (batteria). Rimane uno dei pochissimi album della pianista tedesca che offre qui dodici brani di breve durata a base di fluente ed elegante jazz melodico, alla guida del suo quintetto allora da poco formato, con due sassofonisti provenienti dal leggendario Joe Klimm Combo. Questa la scaletta: ''Yogi'', ''Cool dogs'', ''Frankfurt bridges'', ''Two oranges'', ''Mon petit'', ''Anything goes'', "Simone", "Ghost of a chance", "Don't worry about me", "Laura", "Chloe-patra", "Variations". Originaria di Lipsia, la pianista tedesca Jutta Hipp (1925-2003) e' ricordata per uno stile personale che pero' e' stato da piu' parti accostato a quello di Horace Silver. Si accosto' al jazz clandestinamente durante il regime nazista, che ovviamente osteggiava questo genere musicale, quindi suono' in Germania fra la seconda meta' degli anni '40 ed i primi '50, guidando un suo quintetto fra il 1953 ed il 1955, e facendosi notare da Leonad Feather, pianista e critico jazz, che favori' il suo trasferimento a New York, dove suono' spesso alla Hickory House ed incise tre album per la Blue Note, l'ultimo dei quali la vedeva accompagnata dal sassofonista Zoot Sims (1956), poco dopo pero' la Hipp abbandono' quasi totalmente la scena musicale, dedicandosi alla pittura e lavorando poi per decenni nel settore tessile, sempre negli Stati Uniti. Col tempo si era talmente allontanata dal mondo musicale che nel 2000 la Blue Note non sapeva piu' dove inviare le royalties a lei dovute; tre anni dopo mori' nel Queens, a New York, dove aveva vissuto in solitudine.
Euro
31,00
codice 3513727
scheda
Ian janis aftertones
lp [edizione] originale  stereo  jap  1976  cbs / sony 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa giapponese, copertina cartonata, corredata di obi ancora intatto con prezzo indicato di 2500 Yen, senza pubblicita' sul retro di album successivi e nella versione larga circa 10 cm., e di esclusivo inserto apribile con testi in inglese e foto da un lato, e e testi in giapponesse e foto dall' altro, etichetta bianca e arancione, catalogo SOPO-120, nella rara versione promozionale con etichetta bianca promo, copertina (con lievi segni di invecchiamento) senza codice a barre con timbro dorato promozionale sul retro, completa di inner sleeve con foto e testi, catalogo PC33919. Pubblicato in Usa nel gennaio del 1976 dopo ''Between the lines'' e prima di ''Miracle Row'', giunto al numero 12 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk dove usci' nel febbraio dello stesso anno, numero 1 nelle classifiche giapponesi (spinto dal grande successo del singolo "Love is blind"), l' ottavo album. Lavoro che combina la poetica e il genio musicale dell' artista, con ogni brano che ha i suoi momenti magici e illustra la vulnerabilita' della vita quotidiana in maniera davvero originale e mirabile; specialmente per cio' che riguarda i testi si tratta di uno dei suoi piu' rimarchevoli lavori in assoluto. Cresciuta a Manhattan, New York City, Janis Eddy Fink entro' giovanissima nei circuiti folk cittadini, pubblicando il suo primo album appena sedicenne, mettendosi in evidenza per i suoi testi socialmente impegnati e per una musica decisamente personale, pur se evidentemente influenzata da Dylan e, appunto nei primi lavori, anche dalla psichedelia. Nell' ambito della produzione dei '70 spicca il primo lavoro su Columbia, "Between the Lines", da molti ritenuto il suo disco piu' maturo, mentre quelli successivi risentono di produzioni non sufficientemente sobrie, fino alla caduta in basso di "Night Trains", prodotto nientemeno che da Giorgio Moroder! Decisamente meglio il suo ultimo lavoro, "Restless Eye" del 1981.
Euro
23,00
codice 249820
scheda
Id (australia) Big time operators
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1967  a shot of rhythm & blues 
rock 60-70
Copertina laminata sul fronte e ruvida sul retro, senza codice a barre, ristampa dei primi anni 2000 ad opera della A Shot Of Rhythm & Blues, pressoché identica alla rara prima tiratura, catalogo SHOT07. Originariamente pubblicato nel 1967 dalla Spin in Australia, l'unico album di questo gruppo australiano di Sidney, da non confondere con l'omonima e ad esso contemporanea band californiana. Questi Id erano una nutrita formazione che includeva una sezione fiati e che pubblicò anche qualche singolo nello stesso 1967; la loro musica, divisa fra cover ed alcune composizioni originali, era un graffiante ed adrenalinico cocktail di soul, funk e garage beat, con fiati ed organo in rilievo accanto ad una voce ruvida, a metà strada fra ragazzaccio garage e soul man, il tutto condito da sonorità fuzz della chitarra e da una sezione ritmica molto danzereccia. Da qualche parte fra Rolling Stones, Pretty Things, James Brown e Sam & Dave. Gli Id iniziarono la loro carriera come Syndicate e poi come Wild Oats e Jeff St. John & the Id, prima di pubblicare a nome The Id; incisero una serie di singoli con il sopracitato Jeff St. John, che poi pubblicherà lavori solisti negli anni '70. Questa la scaletta: Side One 1. You Got Me Hummin' 2. Papa's Got A Brand New Bag 3. If I Had A Ticket 4. In The Midnight Hour 5. Big Time Operator 6. Watch Out Side Two 1. Sister's Got A Boyfriend 2. Devil Got My Woman 3. Feel Awright 4. How Much Pressure (Do You Think I Can Stand) 5. Parchman Farm 6. The Jerk.
Euro
15,00
codice 249884
scheda
Il Generale / dj kote giacalone Della parola armati
12"ep [edizione] originale  stereo  ita  1992  wide 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent reggae
Prima stampa italiana, copertina (con foratura promozionale in alto a destra) in cartoncino sottile lucido senza costola e senza barcode, label custom bianca e nera con scritte rosa, catalogo WD016, groove message ''di qua''' sul lato A e ''di la''' sul lato B. Pubblicato nel 1992 dalla Wide in Italia, dopo il 12'' ''Pupilla / Dondola'' (1992), realizzato a nome Il Generale & Tax, e prima dello lp ''Guarda la luna e non il dito'' (1993, a nome Il Generale e Ludus Dub Band), questo ep offre quattro brani inediti su album, ''Dancehall'', ''Version'', ''Raggasoldati'' e ''Della parola armati'', spassoso mix fra raggamuffin' e dancehall. Il fiorentino Stefano Bettini (alias Il Generale), gia' nei geniali punk I Refuse It, ha collaborato a lungo con Giuseppe Giacalone, alias D.J. Giaka, siciliano basato da anni in toscana, oltre che con Ludus Pinski, anch'egli ex I Refuse It. Uno tra i piu' attivi personaggi della Firenze degli anni '90, autore di raggamuffin' con testi ironici, da ballare ma anche per pensare!
Euro
16,00
codice 249864
scheda
Il Generale & tax Pupilla / dondola!
12'' [edizione] originale  stereo  ita  1992  wide 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent reggae
Ep in formato 12", l' originale stampa italiana, copertina (con foratura promozionale in alto a sinistra) lucida senza costola e senza barcode e con vinile estraibile dall'alto, label in diverse tonalita' di blu/azzurro con scritte gialle e logo Wide giallo in alto, catalogo WD015. Pubblicato nel 1992 dalla Wide in Italia, il 12'' frutto della collaborazione fra Il Generale e Tax, quest'ultimo chitarrista dei Negazione, storica band hardcore punk torinese, presenta due brani, ciascuno in due versioni diverse, ''Pupilla'' e ''Dondola!'', quest'ultima in veste, forse sarcasticamente, techno. Il fiorentino Stefano Bettini (IL Generale), gia' nei geniali punk I Refuse It, ha collaborato a lungo con Giuseppe Giacalone, alias D.J. Giaka, siciliano basato da anni in toscana, oltre che con Ludus Pinski, anch'egli ex I Refuse It. Uno tra i piu' attivi personaggi della Firenze degli anni '90, autore di raggamuffin' con testi ironici, da ballare ma anche per pensare!
Euro
16,00
codice 249879
scheda
Inhaler It won't always be like this
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  polydor 
indie 2000
vinile 180 grammi, adesivo su cellophane. Il debutto della band irlandese di Dublino che vede cantante il figlio di Bono degli U2 Elijah Hewson. Formatasi nel 2012 arriva al primo album solo nel 2021 dopo vari singoli usciti nel periodo 2019-20. Musicalmente si tratta di un buon pop-rock chitarristico dal tono positivo ed energico pieno di melodie accattivanti e ben suonato, con riferimenti (oltre al gene "youtoo") a Interpol, Strokes, Muse e Doves.
Euro
30,00
codice 2103868
scheda
Iron maiden Senjutsu
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  parlophone 
heavy metal
triplo album in vinile pesante, in edizione limitata, come indicato sull' adesivo posto sul cellophane, copertina apribile in tre parti, con barcode adesivo sul cellophane sul retro, corredata di inner sleeves. Pubblicato nel settembre del 2021, a sei anni dal precedente album in studio "Book of Souls" (2015), il diciassettesimo album in studio per la storica metal band inglese. Descrizione completa a seguire.
Euro
57,00
codice 3026893
scheda
Iron maiden Senjutsu (red and black vinyl)
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  parlophone 
heavy metal
triplo album in vinile pesante, in edizione limitata IN VINILE ROSSO E NERO MARMORIZZATO, come indicato sull' adesivo posto sul cellophane, copertina apribile in tre parti, con barcode adesivo sul cellophane sul retro, corredata di inner sleeves. Pubblicato nel settembre del 2021, a sei anni dal precedente album in studio "Book of Souls" (2015), il diciassettesimo album in studio per la storica metal band inglese. Descrizione completa a seguire.
Euro
77,00
codice 3026894
scheda
Isley brothers 3 + 3 (ltd. crystal clear vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  music on vinyl 
soul funky disco
EDIZIONE LIMITATA DI 1500 COPIE, NUMERATE SUL RETROCOPERTINA, IN VINILE TRASPARENTE, ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura su T-Neck, dell' undicesimo album, uno dei classici fondamentali della band di colore dei fratelli Isley, attivi con questa denominazione dalla meta' degli anni '50 ed originari di Lincoln Heights, Ohio. Dopo innumerevoli singoli (con i successi di "Shout" nel '59, della celeberrima "Twist and Shout" nel '62 e di "This Old Heart Of Mine" nel '66) e svariati albums, ed il passaggio da una casa discografica all' altra (l' ultima era stata la Motown), "It's Your Thing" nel '69 aveva rappresentato il definitivo passaggio alla propria etichetta T Neck, segnando una svolta straordinaria sia da un punto di vista artistico che commerciale nella storia della band, da quel momento per lunghi anni tra le protagoniste delle classifiche, e lontanissimi ormai dalla frivola leggerezza del passato, ma autori di alcune pagine fondamentali e piu' eccitanti della storia della musica funky. Questo "3+3", considerato il capolavoro del gruppo insieme al gia' citato "It's Our Thing", e' marchiato a fuoco dal chitarrismo sempre piu' esuberante di Earnie Isley, che in molti proclamarono all' epoca come il "nuovo Hendrix" (lo stesso Hendrix che per qualche tempo, prima di iniziare la sua carriera solista, aveva suonato perlatro nella band), straordinario particolarmente in "That Lady" (rifacimento del singolo del gruppo del '64 "Who's That Lady", trasformata qui da innoqua ballata d'amore in travolgente acid blues chitarristico...) e nella cover del brano di Seals and Crofts "Summer Breeze", che furono insieme a "What it Comes Down To" anche i singoli tratti dall' album, che giunse fino al secondo posto nelle classifiche rhythm & blues ed all' ottavo in quelle "pop". Il suono del gruppo, per quanto in continuita' con i dischi precedenti, si fa' qui' ancora piu' spigliato e moderno, e certo si inizia a sentire l' avvicinarsi di quella che sara' la seconda era della musica funky americana, che caratterizzera' la seconda meta' del decennio fino all' avvento della disco music.
Euro
29,00
codice 3026909
scheda
Isley brothers givin' it back (gatefold sleeve - ltd. crystal clear vin.)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  music on vinyl 
soul funky disco
EDIZIONE LIMITATA DI 1500 COPIE, NUMERATE SUL RETROCOPERTINA, IN VINILE TRASPARENTE, ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, con copertina per l' occasione apribile, dell' ottavo album della band di colore dei fratelli Isley, attivi con questa denominazione dalla meta' degli anni '50 ed originari di Lincoln Heights, Ohio, uscito tra "The Brothers Isley" e "Brother, Brother, Brother" e giunto in America al 13esimo posto delle classifiche r'n'b ed al 71esimo di quelle "pop". Dopo innumerevoli singoli (con i successi di "Shout" nel '59, della celeberrima "Twist and Shout" nel '62 e di "This Old Heart Of Mine" nel '66) e svariati albums, ed il passaggio da una casa discografica all' altra (l' ultima era stata la Motown), nel 1969 il singolo "It's Your Thing" era stato pubblicato per la propria etichetta T Neck (creata a dire il vero nel '64, per il singolo "Testify", tra i pochi frutti discografici della permanenza nel gruppo di Jimi Hendrix....), segnando una svolta straordinaria sia da un punto di vista artistico che commerciale nella storia della band, che qui rende ancora piu' esplicite le influenze rock che gia' avevno caratterizzato i dischi immediatamente precedenti, in un album composto interamente da covers, che tuttavia risulta uno dei piu' importanti e belli della loro ricca discografia, oltre che uno dei dischi piu' intensamente capaci di fotografare la stagione di paure e ripensamenti, quando non di rabbia, nella quale fu concepito. L' apertura affidata ad una magnifica ed intensissima versione dell' amara "Ohio" di Neil Young nella quale confluisce anche "Machine Gun" di Hendrix e' assolutamente significativa; "Fire and Rain" di James Taylor e' tramutata in puro soul psichedelico, e "Lay Lady Lay" di Dylan in una delicata ed intensa ballata soul; "Spill the Wine" dei War e' un tripudio di chitarre e percussioni, dai sapori latineggianti; "Nothing to do but today" e "Love The One You're With", entrambe scritte da Stephen Stills, sono rivitalizzate da robuste iniezioni di ritmi funkt, e "Cold Bologna", scritta da un Bill Withers non ancora approdato al grande successo, ed ospite alla chitarra, e' un magistrale funky blues muscolare e vigoroso. Lontanissimi ormai dalla frivola leggerezza del passato, gli Isley Brothers consolidarono con questo disco un suono assolutamente maturo ed ancora ispiratissimo, ormai nella piu' totale autonomia artistica.
Euro
29,00
codice 3026910
scheda
Isolation Isolation (+ dvd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1973  seelie court 
rock 60-70
Copertina ruvida apribile, allegato DVD video contenente il film di diciotto minuti originariamente proiettato ai concerti del gruppo, inner sleeve con foto e note biografiche. Ristampa del 2021 ad opera della Seelie Court, con copertina esclusiva e con allegato un DVD video che contiene il film originariamente realizzato dal gruppo. Originariamente pubblicato su Riverside nel Regno Unito nel 1973, in una ultrarara tiratura di 99 esemplari con le copertine fatte a mano, l'unico album di questo gruppo hippie folk rock britannico di Bristol, uno dei più ricercati e leggendari di questo genere. Formati da Richard Blondell (chitarra 12 corde, voce), Dave Smith (piano, voce), John Paul Davidson (flauto), Ian Robinson (chitarra elettrica), Chris Pritchett (violino) e Tim Neild (basso, banjo), gli Isolation concepirono il progetto di un performance dal vivo che combinasse musica e film, e realizzarono un cortometraggio in bianco e nero di diciotto minuti, proiettato durante i loro concerti e legato alla loro musica; il tema dell'opera è la crisi di una relazione sentimentale e la regressione nella solitudine e nella malinconia. Inciso in una sola sessione nel gennaio del 1973, dopo che il gruppo aveva già deciso di non presentare più il loro spettacolo dal vivo, nonostante tre serate di grande successo nel dicembre del 1972, l'album offre una musica elettroacustica pastorale e contemplativa, tipicamente autunnale, con evocative parti vocali corali, arrangiamenti delicati che animano un ibrido fra progressive folk, folk rock non tradizionalista e perfino occasionali influssi jazzati, in cui si intrecciano malinconiche melodie di chitarre acustiche ed elettriche, interventi pianistici ed ammalianti svolazzi di flauto. Un piccolo classico oscuro da riscoprire.
Euro
29,00
codice 3513750
scheda
Jacks Vacant world
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  life goes on 
rock 60-70
Ristampa del 2021, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura del 1968. Originariamente pubblicato dalla Express in Giappone, il primo leggendario album, prececente ''2nd'' (1968). Disco acclamato dalla critica anche in seguito alla riscoperta in occidente di questo originalissimo gruppo nipponico, ''Vacant world'' e' un disco indubbiamente spiazzante, in cui convivono melodie beat, garage, acid folk e psichedeliche con soluzioni ritmiche spesso intricate e figlie del jazz, cosi' come lo stile vocale, talvolta un po' drammatizzato, si accompagna con soluzioni strumentali sfuggenti e bizzarre creando singolati contrasti. La musica dei Jacks e' incredibilmente bizzarra, con influenze totalmente psichedeliche, anche se di natura caotica ed imprevedibile, che convivono con quelle piu' legate alla musica Giapponese come al garage; musicalmente si tratta di un quartetto elettrico che utilizza batteria, basso vicino al jazz e chitarre distorte e acidissime, influenzati dalla musica Giapponese, dal beat, ma anche dalla psychedelia Americana, i Jacks sono un caso unico ed eccezionale nell'underground mondiale, i loro albums, ovviamente rarissimi, sono sempre stati oggetti leggendari e di assoluto culto, con una groove sicuramente diversa dalla maggior parte della psychedelia occidentale, ma certamente figlia un suono di confine con il quale vale la pena di cimentarsi e che arricchisce in maniera sostanziale il puzzle della musica Underground del decennio. Il gruppo nacque nel 1966 come Nightingale, trio senza batteria, a cui poi si aggiunse il batterista jazz Takasuke Kida.
Euro
22,00
codice 3026886
scheda
Jam Sound affects
Lp [edizione] originale  stereo  fra  1980  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good punk new wave
l'originale stampa pressata in Francia anche per il mercato inglese (la stampa pressata in Uk e' decisamente rara e gran parte delle copie distribuite in Inghilterra erano queste pressate in Francia), copertina (con diversi segni di invecchiamento) lucida senza barcode, completa di inner sleeve con testi e foto, etichetta celeste metallizzata con scritte logo neri, catalogo POLD 5035. Il quinto lavoro della politicizzata punk mod band londinese di Paul Weller, attiva dal '75, eletto "album dell' anno 1980" dalle riviste specializzate inglesi e certamente tra i capolavori del gruppo, qui davvero all' apice della sua intensa e straordinaria parabola artistica e del suo successo. Pubblicato nel novembre del 1980, accentua ulteriormente le influenze 60's del precedente "Sitting Sons" (con occasionali tracce di psichedelia, come nella bellissima "Monday" che si giurerebbe uscita dal repertorio dei Teardrop Explodes), evidenziando una felicissima vena pop, certo non solo nell' hit "Start!" che ruba il riff a "Taxman" e fu il secondo numero 1 della band (l' album fu per 19 settimane in classifica, giungendo fino al numero 2), in una perfetta sintesi della spigolosa musica degli esordi, r'n'b e 60's pop. Tra i gioielli dell' album anche il travolgente inno mod di "Boy About Town" e la delicata ed elettroacustica e bellissima "That's Entertainment" (che fu il secondo singolo tratto dall' album). E poi ancora "Pretty Green", deliziosamente power pop, la incalzante "But I'm Different Now", "Set The House Ablaze", la cui marzialita' iniziale implode nei contagiosi "la-la-la"e nei fischiettii inquietanti sotto l'incedere dirompente della batteria, trovando poi l'indispensabile via d'uscita nel memorabile ritornello, per poi affondare nell'opprimente cupezza del finale dove ogni cosa sale di giri e chiama a raccolta il caos tanto da far vacillare la storica compostezza di Weller preso da un soprassalto di tensione emotiva, un instant classic come "Dream Time", quella piccola meraviglia luminosa di "The Man In The Corner Shop", e quel memorabile "lalalalala" cosi' pregno di dolce nostalgia che ne fanno la melodia piu' cristallina della carriera del trio, "Music For The Last Couple" dominata da un basso preciso, serrato e nevrotico, e la spigolosa "Scrape Away" che chiude il disco, tutta giocata sulla ritmica nervosa e petulante della sezione ritmica. Caratterizzato da un suono immediato e deliziosamente "easy", "Sound Affects" e' distante mille miglia dall' irruenza ounk dei primissimi Jam, dotato di una gamma di colori e di timbriche pressoche' infinita; il poetico sarcasmo di Weller fa il resto infarcendo di testi al vetriolo undici pezzi di un'urgenza creativa eruttante.
Euro
12,00
codice 249837
scheda
Jan dukes de grey mice and rats in the loft
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  trading places / sanctuary 
rock 60-70
ristampa del 2020, in vinile pesante, copertina non apribile. Pubblicato nel 1971 dopo "Sorcerers", non entrato nelle classifiche UK. Il secondo ed ultimo lp. Il gruppo, basato nello Yorkshire, e' responsabile per due degli albums piu' belli e, originali e ricercati di tutto il progressive folk inglese, composti da meteriale interamente originale. Nel primo dei due, "Sorcerers", suonato con formazione a due, tutti i brani sono composti e cantati da Noy, con l'accompagnamento di percussioni, chitarre a 12 corde, flautini, con uno stile che ricorda i Doctor Strangely Strange, l' Incredible String Band, King Crimson, tra i brani, 18, la eccezionale "Dominique", uno dei capolavori assouti del genere. Il secondo album, registrato sempre nel 1971, con formazione a trio, ha invece sonorita' completamente diverse, la batteria e' molto presente, e le tracce sono tre invece di diciotto, tutte molto lunghe con una suite che occupa una intera facciata. La musica diviene ora molto piu' complessa e progressive, con lunghe improvvisazioni e dissonanze. Ecco quanto scritto dai critici inglesi dell'epoca per descrivere la musica del gruppo, "this is highly interesting music made by minds that seem to be on the verge of disintegrating. Not for everyone's tastes, probably, but recommended nonetheless''. Dopo questo "Mice and rats in the loft" il gruppo non pubblico' altro, ma un cd dal titolo "Strange Terrain" nel 2010 conterra' materiale registrato tra il 1976 ed il 1977. Derek Noy formera' la Noy's Band, pubblicando un singolo nel 1974 su Dawn.
Euro
20,00
codice 2103682
scheda
Jesus and mary chain Stoned and dethroned
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1994  1972 
punk new wave
ristampa pressoche' identica alla prima molto rara tiratura. Pubblicato nell' agosto del 1994 dalla Blanco Y Negro in Gran Bretagna, dove giunse al tredicesimo posto in classifica, e dalla American negli USA, dove arrivo' alla 98esima posizione, questo e' il quinto album del gruppo scozzese dei fratelli Reid, uscito dopo ''Honey's dead'' (1992) e prima di ''Munki'' (1998). Il loro piu' quieto e rilassato, riuscita raccolta di canzoni che, oltre che alla consueta influenza dei Velvet (quelli del terzo album), rimanda agli Spacemen 3 piu' acustici, ai Galaxie 500, ai Mazzy Star (la cui cantante Hope Sandoval e' ospite in un brano), gruppi che a loro volta in modo fondamentale avevano a suo tempo tratto ispirazione dai dischi dei J&MC. I Jesus & Mary Chain si formano nell'East Kilbride-Scozia nel 1983, a dar vita al progetto sono i fratelli Jim e William Reid insieme a Murray Dalglish e Douglas Hart. I Jesus and Mary Chain formarono il gruppo prima di iniziare a suonare, per loro l'idea della band era la cosa piu' importante ed il saper suonare era una cosa totalmente irrilevante rispetto a questa. Sfruttavano le loro capacita' concentrandole in un repertorio di rumori distorti, fischi e feedback, prodotti rivolgendo gli strumenti verso gli amplificatori. Ribelli, irriverenti e sfrontati, restii ai giornalisti ed alla stampa specializzata, ma desiderosi nello stesso tempo di riuscire a guadagnarsi un posto nell'olimpo degli anni ottanta, personificavano il mito autolesionista dei Sex Pistols, non nascondevano il loro uso di lsd e anfetamine, non amavano bere ma amavano ubriacarsi. La loro musica e' stata definita come un attacco di terrorismo sonoro, rifiuto di ogni forma di controllo razionale. Le loro esibizioni erano devastanti e spesso si creavano disordini fra il pubblico e tra lo stesso pubblico ed il gruppo. Amati o odiati rappresentano una chiave di volta fondamentale e imprescindibile di un processo radicato nella musica rock, che ha come fine ultimo la ricerca di un estremo sonoro, uno dei gruppi piu' importanti degli anni ottanta, capace di un impatto sulla scena inglese a dir poco devastante, fautori di una nuova era dopo il dark e la new wave.
Euro
26,00
codice 2103787
scheda
Jethro tull Aqualung (steven wilson remix + booklet)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  Chrysalis 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi, remixata nel 2011 da Steven Wilson, copertina apribile pressocche' identica a quella della prima rara tiratura ma con "The 2011 Steven Wilson Stereo Remix", CORREDATA DI BOOKLET ESCLUSIVO DI QUESTA EDIZIONE. Pubblicato in Inghilterra nel marzo del 1971 dopo ''Benefit'' e prima di ''Thick as a brick'', giunse al quarto posto delle classifiche Uk ed al settimo di quelle Usa. Il quarto album. Concept con temi incentrati sul divino ma contro la chiesa, fu pubblicato in piena ''Jesus Christ Superstar'' sindrome, contiene alcuni tra i brani piu' epici del decennio, basti citare '' my god'', ''hymn 43'', ''locomotive breath'', ''cross-eyed mary'', ''aqualung'', ''wind up'', fu il disco che li lancio' nel rock da arene con decine di migliaia di spettatori e le posizioni a cui giunsero in classifica non furono abbandoonate per quasi un decennio, la musica e' uno straordinario ed originalissimo mix tra progressive, folk rock, hard, jazz e pop, i testi estremamente celebrali e complessi, furono una vera rivelazione per milione di teen agers che all'epoca non avevano mai pensato a problemi filosofico religiosi di questa complessita', sicuramente un opera epocale destinata a rimanere per sempre nella storia della musica rock e che mantiene inalterata la sua carica energetica ed artistica ad oltre 30 anni dalla sua realizzazione, un vero capolavoro.
Euro
37,00
codice 3026916
scheda
Jones howard Human's lib
Lp [edizione] originale  stereo  jap  1984  wea 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, la prima stampa giapponese, copertina senza barcode, completa di obi ancora intatto, con prezzo indicato di 2500 Yen, nella prima versione in carta trasparente con scritte rosse, e di sclusivo inserto apribile con testi in inglese da un lato, e testi in giapponese e foto dall' altro, etichetta nera con scritte bianche, catalogo P-11469. Pubblicato nel marzo del 1984 dalla WEA in Gran Bretagna, dove giunse al primo posto in classifica, e dalla Elektra negli USA, dove arrivo' alla 59esima posizione, l' album di debutto di Howard Jones, precedente ''Dream into action'' (1985). Grande successo in patria (dove tutti e quattro i singoli tratti da esso entrarorno nella top 20), trainato da un hit di enorme risonanza come "What Is Love?", il primo lp di Jones e' un classico synth pop mainstream con tendenze dance nei brani piu' veloci, dalle sonorita' morbide ed accattivanti e da uno stile vocale che talvolta si mostra affine a quello dei new rommantics. Howard Jones rimane tra i migliori artisti e produttori autonomi che sono riusciti a cavalcare l'onda pop sino ai nostri giorni, ed un esponente di spicco del synth pop anni negli '80. Dal Settembre del 1983, data dell'uscita del suo primo singolo, Howard e' riuscito a mantenere costante nel tempo il suo successo senza alcuna caduta di stile, imponendosi tra i piu' longevi artisti anglosassoni, vantando innumerevoli ed illustri collaborazioni con artisti quali Phil Collins (Genesis) , Greg Lake (Emerson Lake & Palmer), Ringo Star (Beatles) e Midge Ure (Ultravox), Kevin Wilkinson (China Crisis/The Waterboys/Squeeze) e Sheila E.
Euro
20,00
codice 249822
scheda
Joy division Closer - live
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  not a factory records product 
punk new wave
Copertina lucida senza barcode, in cartoncino nero all' interno, adesivo di presentazione sul cellophane, etichetta custom in bianco e nero. Questa pubblicazione private press del 2021 contiene gli stessi nove brani dell' epocale secondo album "Closer" (luglio 1980), in versioni registrate dal vivo tra il 1979 ed il 1980 in varie localita' (e con qualita' di riproduzione variabile). Questa la lista dei brani e l' occasione di registrazione: Atrocity Exhibition (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) Isolation (Lyceum Ballroom - London. 29/02/1980) Passover (University of London Union - London. 07/02/1980) Colony (Bournemouth. 29/02/1980) A Means to an End (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) Heart and Soul (Lyceum Ballroom - London. 29/02/1980) Twenty Four Hours (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) The Eternal (University of London Union - London. 07/02/1980) Decades (Birmingham. 02/05/1979). I Joy Division si formano a Manchester nella meta' del 1977, inizialmente utilizzarono lo pseudonimo The Stiff Kittens che verra' poi cambiato in Warsaw . Causa l'uscita del primo disco dei Warsaw Pakt, altro gruppo londinese, la formazione di Ian Curtis decise di adottare il nome Joy Division. Lo pseudonimo e' tratto da un racconto intitolato "The House of Dolls" che narra degli orrori vissuti da una ragazza ebrea in un campo di sterminio nazzista, segregata nella "Joy Division" sezione del lager dove ufficiali e soldati del III Reich costringevano le prigioniere a prostituirsi. La prima formazione dei The Stiff Kittens era composta da Ian Curtis, Bernard Dicken che successivamente adottera' il nome di Bernard Albrecht, Peter Hook e Terry Mason. Quest'ultimo lascera' ben presto il gruppo e verra' sostitito da Tony Tobac. Durante l'estate del '77 il gruppo cambiera' nome in Warsaw e contemporaneamente Tobac sara' sostituito da Steve Brotherdal che adottera' il nome di Steve Morris; dando cosi' inizio ad una delle pagine piu' influenti ed importanti della scena post-punk anglosassone. I Joy Division subito dopo l'esplosione del fenomeno punk-rock, spostarono l'enfasi della loro musica sulle atmosfere invece che sulla semplice rabbia nuda e cruda della generazione punk dei Sex Pistols, Ramones, Clash e Buzzcocks. Alle lacerate e crepuscolari atmosfere si associavano i testi di Ian Curtis incentrati su di un deviato senso di frustrazione cosmica, un'inadeguatezza del vivere ed al vivere, un inafferrabile desiderio di rivalsa verso se stessi ma destinato miseramente a fallire. I Joy Division erono quattro ragazzi poco piu' che ventenni, contrariamente da quanto si possa pensare, estremamente vitali capaci di cambiare e segnare profondamente il processo evolutivo della musicale degli anni ottanta sino ai nostri giorni.
Euro
22,00
codice 2103695
scheda
Joy division unknown pleasures - live
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  not a factory records product 
punk new wave
Copertina lucida senza barcode, nella versione con primo piano in bianco e nero di Ian Curtis sul fronte, in cartoncino nero all' interno, adesivo di presentazione sul cellophane. Questa pubblicazione private press del 2021 contiene gli stessi dieci brani dell' epocale primo album "Unknown Pleasures" (giugno 1979), in versioni registrate dal vivo tra il 1979 ed il 1980 in varie localita' (e con qualita' di riproduzione variabile). Questa la lista dei brani e l' occasione di registrazione: A1 Disorder (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) A2 Day Of The Lords (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) A3 Candidate (Factory - Manchester. 07/09/1979) A4 Insight (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) A5 New Dawn Fades (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) B1 She’s Lost Control (data e localita' non precisati) B2 Shadowplay (Factory - Manchester. 07/09/1979) B3 Wilderness (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) B4 Interzone (Paradiso - Amsterdam. 11/01/1980) B5 I Remember Nothing Bournemouth. 02/11/1979. I Joy Division si formano a Manchester nella meta' del 1977, inizialmente utilizzarono lo pseudonimo The Stiff Kittens che verra' poi cambiato in Warsaw . Causa l'uscita del primo disco dei Warsaw Pakt, altro gruppo londinese, la formazione di Ian Curtis decise di adottare il nome Joy Division. Lo pseudonimo e' tratto da un racconto intitolato "The House of Dolls" che narra degli orrori vissuti da una ragazza ebrea in un campo di sterminio nazzista, segregata nella "Joy Division" sezione del lager dove ufficiali e soldati del III Reich costringevano le prigioniere a prostituirsi. La prima formazione dei The Stiff Kittens era composta da Ian Curtis, Bernard Dicken che successivamente adottera' il nome di Bernard Albrecht, Peter Hook e Terry Mason. Quest'ultimo lascera' ben presto il gruppo e verra' sostitito da Tony Tobac. Durante l'estate del '77 il gruppo cambiera' nome in Warsaw e contemporaneamente Tobac sara' sostituito da Steve Brotherdal che adottera' il nome di Steve Morris; dando cosi' inizio ad una delle pagine piu' influenti ed importanti della scena post-punk anglosassone. I Joy Division subito dopo l'esplosione del fenomeno punk-rock, spostarono l'enfasi della loro musica sulle atmosfere invece che sulla semplice rabbia nuda e cruda della generazione punk dei Sex Pistols, Ramones, Clash e Buzzcocks. Alle lacerate e crepuscolari atmosfere si associavano i testi di Ian Curtis incentrati su di un deviato senso di frustrazione cosmica, un'inadeguatezza del vivere ed al vivere, un inafferrabile desiderio di rivalsa verso se stessi ma destinato miseramente a fallire. I Joy Division erono quattro ragazzi poco piu' che ventenni, contrariamente da quanto si possa pensare, estremamente vitali capaci di cambiare e segnare profondamente il processo evolutivo della musicale degli anni ottanta sino ai nostri giorni.
Euro
22,00
codice 2103696
scheda
Joy division Unknown pleasures (textured cover!)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1979  factory / warner 
punk new wave
bellissima ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata, che riproduce fedelmente la ormai rara stampa originale, con copertina "textured", senza barcode, completo di inner sleeve. Uscito in Inghilterra (dove non entro' in classifica) nell'agosto del 1979, a distanza di oltre un anno dal loro leggendario esordio con l'ep "An Ideal For Living", "Unknown Pleasures" e' un capolavoro di dolorosa ed intensissima bellezza, il primo dei due lp degli ex Warsaw di Manchester, creatori di un suono ed evocatori di atmosfere che determinarono molto del successivo andamento del post punk inglese. Uno di quei rari casi in cui un disco e' talmente importante che tutto il resto e' "prima" o "dopo", inevitabilmente ed inequivocabilmente, dalle sonorita' complessivamente piu' ruvide e venate di punk rispetto al successivo capolavoro ''Closer'' (1980), ma e' forse superfluo scendere in dettagli sulla musica, per un disco che merita un ascolto da parte di tutti. I Joy Division si formano a Manchester a meta' del 1977, inizialmente utilizzando lo pseudonimo The Stiff Kittens che verra' poi cambiato in Warsaw. Causa l'uscita del primo disco dei Warsaw Pakt, altro gruppo londinese, la formazione di Ian Curtis decise di adottare il nome Joy Division. Lo pseudonimo e' tratto da un racconto intitolato "The House of Dolls" che narra degli orrori vissuti da una ragazza ebrea in un campo di sterminio nazista, segregata nella "Joy Division" sezione del lager dove ufficiali e soldati del III Reich costringevano le prigioniere a prostituirsi. La prima formazione dei The Stiff Kittens era composta da Ian Curtis, Bernard Dicken che successivamente adottera' il nome di Bernard Albrecht, Peter Hook e Terry Mason. Quest'ultimo lascera' ben presto il gruppo e verra' sostitito da Tony Tobac. Durante l'estate del '77 il gruppo cambiera' nome in Warsaw e contemporaneamente Tobac sara' sostituito da Steve Brotherdal che adottera' il nome di Steve Morris; dando cosi' inizio ad una delle pagine piu' influenti ed importanti della scena post-punk anglosassone. I Joy Division subito dopo l'esplosione del fenomeno punk-rock, spostarono l'enfasi della loro musica sulle atmosfere invece che sulla semplice rabbia nuda e cruda della generazione punk dei Sex Pistols, Ramones, Clash e Buzzcocks. Alle lacerate e crepuscolari atmosfere si associavano i testi di Ian Curtis incentrati su di un deviato senso di frustrazione cosmica, un'inadeguatezza del vivere ed al vivere, un inafferrabile desiderio di rivalsa verso se stessi ma destinato miseramente a fallire. I Joy Division erono quattro ragazzi poco piu' che ventenni, contrariamente da quanto si possa pensare, estremamente vitali capaci di cambiare e segnare profondamente il processo evolutivo della musicale degli anni ottanta sino ai nostri giorni.
Euro
29,00
codice 2103655
scheda
Juicy lucy juicy lucy (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato in Inghilterra su Vertigo nel settembre del 1969 prima di "Lie back and enjoy it", non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il primo album. Il debutto della blues hard band formata da Glen Campbell e due altri Misunderstood; furono tra i principali gruppi di rock blues britannico, la musica proposta in questo primo lavoro e' un eccellente mistura tra blues classico, hard e progressive con un tono fisico e sanguigno; da questo primo album, l' unico con la formazione originale, il singolo "Who do you love'', entrato in classifica in Inghilterra. Gli inglesi Juicy Lucy vennero formati nel 1969 su impulso di alcuni ex membri dei Misunderstood, Ray Owen, Chris Mercer ed il talentuoso chitarrista Glen Campbell. Erano autori di uno sporco e sanguigno hard rock blues, che secondo la critica tocco' l'apice con il primo acclamato album ''Juicy lucy'' (1969). Il gruppo ebbe un organico costantemente fluttuante attraverso la sua breve storia, giunta al termine nel 1972 dopo quattro lp. Si sono poi riformati negli anni '90 e 2000.
Euro
28,00
codice 2103869
scheda

Page: 8 of 16


Pag.: oggetti: