Hai cercato:  immessi ultimi 15 giorni --- Titoli trovati: : 336
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  Atlantic / private 
rock 60-70
Ristampa private press, copertina lucida apribile senza barcode, etichetta Atlanticrossa e verde. Pubblicato in Inghilterra il 5 ottobre del 1970 dopo ''Led Zeppelin 2'' e prima di ''Led Zeppelin 4'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle Usa. Il terzo album, per molti il loro capolavoro, fu composto in isolamento totale nel cottage gallese di ''Bron y aur''; qui il gruppo prende le distanze dall' hard rock dei primi due albums e, pur mantenendone invariate la potenza e l'energia, si cimenta anche con delicate ballate acustiche, tra le piu' belle dell' intera loro produzione, che affondano le radici nella tradizione inglese, confezionando un vero masterpiece senza tempo. Il cuore dell' album e' da ricercarsi nella facciata 2, in cui figurano brani quali "Tangerine'', ''That's the way'', ''Bron y aur stomp'', e la magnifica ''Hats off to Roy Harper''; la facciata 1 e' invece piu' elettrica, ma anche qui si sentono i cambiamenti in atto, piu' sperimentale la voce di Plant, piu' ''progressive'' la chitarra di Page, e vi figurano classici epocali del calibro di ''Immigrant song'', ''Celebration day'' o ''Since i've been loving you''.
Euro
19,00
codice 3034588
scheda
Led zeppelin Osaka 1971, vol. 1
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  off the shelf 
rock 60-70
Vinile doppio, copertina apribile. Pubblicato nel 2024 dalla Off The Shelf, questo doppio album è il primo di due volumi usciti in contemporanea e che, insieme, contengono la scaletta quasi completa del concerto dato dai Led Zeppelin alla Festival Hall di Osaka, Giappone, il 28 settembre del 1971 (mancano pochi brani, originariamente all'inizio ed alla fine del concerto). In attesa della pubblicazione del loro quarto album, uscito nel novembre del 1971, i Led Zeppelin effettuarono verso la fine del settembre precedente un breve tour del Giappone, dando cinque concerti, due a Tokyo, uno a Hiroshima e due ad Osaka. Il concerto del 28 settembre fu il penultimo del mini tour, e contiene una scaletta a dir poco epica, con lunghe ed elaborate interpretazioni di brani come "Dazed and confused", qui della durata di trenta minuti (suddivisi fra due facciate, quasi inevitabilmente), "Stairway to heaven", "Going to California", "That's the way" (ciascuna intorno ai nove minuti di durata), "What is and what should never be" (dodici minuti) e "Moby Dick" (diciannove minuti). Qui di seguito la scaletta del primo volume. SIDE A: 1. Heartbreaker 5:19 2. Since I’ve Been Loving You 8:42; SIDE B: 3. Black Dog 6:32 4. Dazed And Confused Pt.1 11:53; SIDE C: 5. Dazed And Confused Pt.2 18:24; SIDE D: 6. Stairway To Heaven 9:51 7. Please Please Me 1:03.
Euro
36,00
codice 3515881
scheda
Led zeppelin Osaka 1971, vol. 2
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  off the shelf 
rock 60-70
Vinile doppio, copertina apribile. Pubblicato nel 2024 dalla Off The Shelf, questo doppio album è il secondo di due volumi usciti in contemporanea e che, insieme, contengono la scaletta quasi completa del concerto dato dai Led Zeppelin alla Festival Hall di Osaka, Giappone, il 28 settembre del 1971 (mancano pochi brani, originariamente all'inizio ed alla fine del concerto). In attesa della pubblicazione del loro quarto album, uscito nel novembre del 1971, i Led Zeppelin effettuarono verso la fine del settembre precedente un breve tour del Giappone, dando cinque concerti, due a Tokyo, uno a Hiroshima e due ad Osaka. Il concerto del 28 settembre fu il penultimo del mini tour, e contiene una scaletta a dir poco epica, con lunghe ed elaborate interpretazioni di brani come "Dazed and confused", qui della durata di trenta minuti (suddivisi fra due facciate, quasi inevitabilmente), "Stairway to heaven", "Going to California", "That's the way" (ciascuna intorno ai nove minuti di durata), "What is and what should never be" (dodici minuti) e "Moby Dick" (diciannove minuti). Qui di seguito la scaletta del secondo volume. SIDE A: 1. From Me To You 0:36 2. Celebration Day 5:01 3. Bron-Yr-Aur Stomp 3:07 4. That’s The Way 8:53; SIDE B: 5. Going To California 9:32 6. We Shall Overcome 0:48; SIDE C: 7. Tangerine 3:44 8. Down By The Riverside 2:46 9. The Grand Ole Opry 0:25 10. What Is And What Should Never Be 5:10; SIDE D: 11. Moby Dick 19:28.
Euro
36,00
codice 3515883
scheda
Linkin park Papercuts - singles collection 2000-2023 (ltd)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2000  warner 
indie 2000
edizione limitata in vinile doppio colorato (bone colored), copertina apribile. note dell'etichetta "l'album include 20 tracce iconiche, tra cui la nuova "Friendly Fire", registrata durante le sessioni dell'ultimo album "One More Light". La raccolta vanta hit come "In the End", "Burn It Down", e "Numb/Encore", oltre a "Lost", rivelata l'anno scorso. Brad Delson e Mike Shinoda condividono il loro entusiasmo per la selezione delle canzoni, evidenziando l'importanza di ogni traccia nel racconto della storia della band. "Papercuts" rappresenta un viaggio attraverso i successi che hanno definito Linkin Park, offrendo ai fan vecchi e nuovi un'immersione completa nell'evoluzione musicale della band." I Linkin Park provengono da Agoura Hills, California, dove si attivano nel 1996 su impulso di Mike Shinoda e dei suoi compagni di scuola, Rob Bourdon e Brad Delson. Dopo aver reclutato altri musicisti ed assestato la formazione, il gruppo segna il proprio stile proponendo gia' con il debutto full lenght, "Hybrid Theory" dell'autunno 2000, un mix di rock, metal e rap, fra Faith No More e Public Enemy, vendendo tantissime copie in tutto il mondo.
Euro
49,00
codice 2128895
scheda
Litfiba 3 (Ltd. fumé)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1988  east west / warner 
punk new wave
RIstampa del 2022, edizione limitata di 3000 copie (numerate sul retro) in vinile 180 grammi color "fumé", copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura su Ira, completa di inner sleeve con testi e note. Il terzo album in studio della band fiorentina, un disco che trova il suo fascino nella evidente indecisone sulla strada da intraprendere, chiusa ormai la prima fase della sua storia artistica, certamente piu' oscura da tutti i punti di vista. Ormai chiaramente destinati a divenire delle stars nel panorama discografico italiano, Pelu' e Renzulli si mettono in discussione e si concentrano sulla forza delle singole canzoni, alternando episodi grintosi ed accattivanti che diventeranno un marchio di fabbrica ad altri piu' ricchi di sfumature, come la bella "Louisiana". L'accattivante "Paname", pubblicata anche su singolo, sara' il loro primo successo commerciale che li concedera' al grande pubblico. Con Litfiba 3 il gruppo, in seno al quale stanno prendendo sempre piu' campo Pelu' e soprattutto Renzulli, abbandona la new wave. Alla fine degli anni ottanta, ormai al termine entrambe le due ondate della new wave (quella di fine Settanta, inizi Ottanta dei Joy Division e quella pop di meta' Ottanta degli Smiths), i Litfiba ripuliscono, semplificano e potenziano il loro suono, in una direzione non dissimile a quella che avevano gia' adottato durante le loro esibizioni dal vivo; Renzulli e Pelu' sono cosi' poco legati al senso estetico della musica che in un anno possono benissimo passare da un genere all'altro, a seconda della moda italiana del momento. I Litfiba dichiararono che 3 e' stato l'ultimo atto della "trilogia del potere", in quanto i loro primi 3 album sarebbero sorretti dall'opposizione ai regimi totalitari. Per il gruppo tuttavia e' la fine; Maroccolo se ne va (formera' i CSI), De Palma muore e cosi' rimangono i soli Pelu', Renzulli insieme ad Aiazzi. I due capitani del progetto avrebbero potuto smettere o cambiare nome, invece dato che i diritti li possedeva Renzulli, perseverano, passano alla Cgd, e dando cosi' vita ad un nuovo corso nella parabola artistica dei Litfiba che non sara' pero' l'ultimo.
Euro
34,00
codice 2128849
scheda
Litfiba Sogno ribelle (ltd. white vinyl)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  warner music italy 
punk new wave
Doppio album, in vinile 180 grammi, ristampa del 2024, edzione limitata e numerata sul retro, IN VINILE BIANCO, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, completa di inner sleeves con testi. Pubblicato nel 1992 dalla CGD, uscito dopo il sesto album ''El diablo'' (1990) e prima del settimo ''Terremoto'' (1993), ''Sogno ribelle'' e' una sorta di greatest hits del gruppo fiorentino, composto da vecchi classici remixati, in nuova versione o dal vivo e spesso con un piglio piu' rock rispetto alle versioni originarie, oltre all'inedito ''Linea d'ombra''. Questa la scaletta: ''Linea d'ombra'' (inedito), ''Corri'' (nuova versione), ''Proibito'' (remix), ''Eroi nel vento'' (nuova versione), ''Bambino'' (nuova versione), ''Cangaceiro'' (versione mix), ''Tex'' (remix), ''Apapaia'' (remix), ''Istanbul'' (remix), ''Paname'' (nuova versione), ''El diablo'' (live), ''Ci sei solo tu'' (live), ''Cane'' (live a Montreux).
Euro
42,00
codice 3034475
scheda
Little simz No thank you (clear vinyl)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  ger  2022  forever loving originals 
hip-hop
Vinile doppio trasparente, copertina con chiusura ad incastro sul retro, label grigia con scritte nere, catalogo FLO00016LP. Pubblicato nel dicembre del 2022 dalla Forever Living Originals, il quinto album, successivo a "Sometimes I might be introvert" (2021). Lavoro acclamato da buona parte della critica, "No thank you" è un disco ispirato in modo non secondario dall'esperienza dell'artista con l'industria musicale, sull'avidità e sulle lezioni imparate durante la sua rapida ascesa fra le nuove star dello hip hop britannico. Ancora una volta inciso con la collaborazione del produttore Inflo, è un album dalle sonorità minimali ma calde ed avvolgenti, delicate e non banali, ideale tappeto sonoro su cui si muove il rapping agile ed acuto di Little Simz, che esprime riflessioni ed emozioni non sempre positive, includendo rabbia e frustrazione, ma senza aggressione, in un sottile gioco con il lato introspettivo dell'opera. Nata nel 1994 a Londra da genitori nigeriani, Little Simz (al secolo Simbiatu Ajikawo) è emersa con convinzione sulla scena hip hop britannica nel secondo decennio del XXI secolo. Il suo rap, incisivo ed a tratti duro nella cadenza, è stato espresso con versatilità, sia nel contesto di arrangiamenti musicali levigati ed avvolgenti, che con sonorità più ruvide. Little Simz ha portato avanti sia la carriera di attrice, lavorando in alcune serie di Netflix, che quella di rapper, pubblicando nel 2014, solo in forma elettronica, i suoi primi lavori, fra cui "E.D.G.E." (di solito non considerato un album nelle discografie dell'artista). Dopo quel prolifico anno, esce nel 2015 il suo primo vero album, "A curious tale of trials + people", seguito nel 2016 da "Stillness in wonderland" e nel 2019 dall'acclamato "Grey area".
Euro
38,00
codice 2128913
scheda
Lovich lene Stateless (italian version)
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1979  stiff 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
La prima stampa italiana, che (come quella di altri paesi europei) ha copertina completamente diversa e ordine dei brani cambiato rispetto a quella inglese, copertina senza barcode, label bianca con scritte nere e logo Stiff Records nero in alto, catalogo SEEZ7, senza data sul trail off. Originariamente pubblicato nel marzo del 1979 dalla Stiff in Gran Bretagna e dalla Stiff/Epic negli USA, il primo album, precedente ''Flex'' (1980). Un disco di grande originalita', accolto da un sorprendente successo internazionale, tra post punk, elettronica alla Kraftwerk, una vena pop eccentrica e stralunata che alimenta una personalissma visione della new wave; bellissima in particolare "Home", oltre agli altri singoli "Lucky Number" e "Say when". L'affascinante ed istrionica Lili Marlen Primilovich, nata a Detroit, Michigan, in Usa, da padre serbo e madre inglese, e presto trasferitasi in Inghilterra dove pubblico' il suo primo singolo nel '76, suscito' l'attenzione della Stiff nel 1978 grazie ad un demo, e presto entro' nel novero degli artisti di punta dell'importante etichetta punk e new wave inglese. La sua stravagante new wave risente della sua attitudine teatrale e della sua voce penetrante, mentre iconica rimane la sua immagine, con eccentriche ed elaborate acconciature ed indumenti. Pubblico' tre album nell'era della new wave, dei quali i primi due ''Stateless'' (1979) e ''Flex'' (1980) ottennero un significativo successo in Gran Bretagna anche alla luce del suo anticonformismo, mentre il successivo ''No man's land'' non riscosse i favori della critica ne' quelli del pubblico, preludio al suo lungo ritiro dalle scene.
Euro
26,00
codice 260902
scheda
Lunar effect Sounds of green & blue
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  svart 
indie 2000
copertina apribile, note di etichetta "I Lunar Effect sollevano gli spiriti cosmici con l'album 'Sounds Of Green & Blue'. The Lunar Effect, architetti sonori noti per la loro attrazione gravitazionale di riff confusi e ringhianti e visioni psichedeliche, presentano l'uscita del loro viaggio galattico attraverso il suono che mostra l'evoluzione dei The Lunar Effect e segna un capitolo cruciale nella loro odissea musicale. Formati nel 2016, i The Lunar Effect hanno fatto irruzione sulla scena con una miscela distinta di grunge e hard rock retrò. Con un talento per i capelli e una predilezione per i riff taglienti e ringhianti, il gruppo londinese ha rapidamente attirato l'attenzione per il loro suono dinamico e la riverenza del blues rock psichedelico." Hanno prodotto 3 lps: il debutto, autoprodotto "strange lands" del 2016, "calm before the calm" del 2019 e "sounds of green & blue" del 2024 Riferimenti a Soundgarden, Led Zeppelin, Radio Moscow.
Euro
29,00
codice 2128990
scheda
Magical power mako Super record (ltd.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  cosmic rock 
rock 60-70
Ristampa del 2023, in edizione limitata, copertina pressoche' identica sul fronte alla prima molto rara tiratura. Originariamente pubblicato nel 1975 dalla Polydor in Giappone, il secondo album, uscito dopo ''Magical power mako'' (1974). Uno dei dischi piu' apprezzati del prolifico musicista underground nipponico, ''Super record'' e' un lavoro che mette insieme ispirazioni folk di varia provenienza, sia giapponese che straniera, in un suggestivo quadro meditativo e venato di psichedelia e di musica cosmica, creando una sorta di acid folk cosmico in cui convivono strumenti acustici ed elettrici; difficile fare accostamenti, ma possono venire in mente dischi come ''Crawling to Lhasa'' (1972) dei Kalacakra o il leggendario ''Debon'' (1975) dei giapponesi Brast Burn; tuttavia Mako usa toni meno ossessivi e piu' bucolici rispetto ai gruppi citati. Nato nel 1956, Magical Power Mako, una delle figure di culto dell'underground giapponese, e' un musicista in bilico fra folk giapponese, psichedelia ed elettronica "cosmica". Attivo gia' dai primi anni '70, fra il 1973 ed il 1974 partecipo' alla realizzazione di tre colonne sonore cinematografiche sotto la direzione di Toru Takemitsu; nel 1973 usci'￾ anche il suo primo album, "Magical power", con la collaborazione di Keiji Haino, altra figura di culto della musica sotterranea giapponese.
Euro
24,00
codice 2128943
scheda
Majic ship majic ship (remastered)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  guerssen 
rock 60-70
Ristampa del 2023, rimasterizzata, copertina senza codice a barre, pressoche' identica alla prima enormemente rara turatura, con obi di presentazione ed esclusivo inserto con note. L' unico album per questa band originaria di Long Island, New York e basata per qualche tempo in Florida, autrice anche di una manciata di singoli tra il '68 ed il '70, l' ultimo dei quali, "Wednesday Morning Dew", tratto da questo disco. L' album testimonia il solido ed intenso rock chitarristico del quintetto con influenze ora tardo-psichedeliche ed ora heavy rock, ma anche un grezzo approccio "garagey". Tra i brani, le grintose "Free" e "Life's Lonely Road", ma anche le delicate "Wednesday Morning Dew" e "Where Are We Going". Uno dei momenti migliori del disco e' il notevolissimo medley "Down By The River" (Neil Young) / "For What It's Worth" (Stephen Stills all' epoca dei Buffalo Springfield).
Euro
29,00
codice 2128944
scheda
Marillion Holidays in eden
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1991  emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina con barcode, inner sleeve con foto e testi, label custom, blu con particolari dell' artwork di copertina su di una facciata, rosa e verde chiara con particolari dell' artwork della inner sleeve sull'altra facciata, catalogo 64 7968221, date sul trail off 31/5/91 e 10/6/91. Pubblicato nel luglio del 1991 dalla EMI nel Regno Unito, dove giunse al settimo posto in classifica, e nel febbraio del 1992 dalla I.R.S. negli USA, il sesto album in studio, successivo a ''Seasons end'' (1989) e precedente ''Brave'' (1994). "Holidays in eden", descritto dal nuovo cantante Steve Hogarth come l'album più pop di sempre dei Marillion, fu il secondo album con lui al microfono, subentrato all'ex frontman Fish durante le lavorazioni del precedente lp. Il gruppo si allontana qui dall'estetica strettamente progressive dei loro primi lavori, strizzando l'occhiolino alla forma canzone ed alle melodie più tipicamente pop, complice anche la produzione di Christopher Neil, esperto produttore noto soprattutto in ambito pop, per l'appunto. Questo cambio di rotta, insieme alla stabilizzata presenza di Hogarth, dà al gruppo un'identità distinta, che in un episodio come "Cover my eyes (pain and heaven)" si avvicina addirittura alle sonorità di gruppi come gli U2 della seconda metà degli anni '80. Le atmosfere e le sonorità progressive non sono comunque del tutto svanite, e rimangono ancora evidenti nei begli arrangiamenti tastieristici e nelle atmosfere ancor sognanti. Formatisi ad Aylesbury in Gran Bretagna nel 1979, i Marillion sono probabilmente il gruppo più importante ed illustre della rinascita del rock progressivo inglese degli anni '80. Fronteggiati fino al 1988 dallo scozzese Fish, caratterizzato da una presenza scenica e da una voce che ricordava indubbiamente Peter Gabriel quando era ancora nei Genesis, realizzarono una serie di apprezzati album, anche dal pubblico, e si costruirono un fedele seguito con la loro assidua attività live. Fish venne sostituito da Steve Hogarth, ed il gruppo continuò la sua carriera, ancora in corso all'inizio del nuovo secolo.
Euro
30,00
codice 260888
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  tiger bay 
punk new wave
Ristampa in vinile 180 grammi ed a 45 giri, copertina pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel marzo del 1983 dalla Cherry Red in Gran Bretagna, ed ivi giunto al quarto posto nella classifica indipendente, non uscito negli USA, ''Lazy ways'' e' il secondo delizioso album delle Marine Girls, uscito dopo la cassetta ''A day by the sea'' (1980) e dopo il primo lp ''Beach party'' (1981). Il gruppo femminile inglese prosegue con questo lavoro sul sentiero di un indie pop ''balneare'' intimista e minimalista, caratterizzato dal contrasto fra toni leggeri e solari ed una vena inguaribilmente agrodolce, con una malinconia tutta inglese di fondo, che attraversa gli scarni brani basati su voci, cori, chitarra elettrica e basso, in cui risuona l'eco del pop femminile anni '60 filtrato pero' attraverso un'estetica minimale che risente indubbiamente dell'influsso innovativo della new wave. Formatesi nel 1980 ad Hatfield, le inglesi Marine Girls erano un trio in cui militava Tracey Thorn alla voce ed alla chitarra, prima di mettere insieme i celebri Everything But The Girl, insieme alle sorelle Alice e Jane Fox. Il gruppo ebbe vita breve, sciogliendosi nel 1983, ma pubblico' ben due album, ''Beach party'' (1981) e ''Lazy ways'' (1983) oltre alla cassetta ''A day by the sea'' (1980); la bassista Jane Fox formo' in seguito il progetto Jane, quindi il gruppo Grab Grab The Haddock con la sorella Alice ed altri, pubblicando un paio di ep a meta' anni '80 prima di ritirarsi dalle scene.
Euro
27,00
codice 3034460
scheda
Marlene kuntz Catartica (30th)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  ita  1994  universal 
indie 90
Edizione per il trentennale con foto inedite e copertina apribile . Pubblicato in Italia dal Consorzio Produttori Indipendenti nel maggio 1994, prima di "Il vile" (96), il debutto della band piemontese. Prodotto da Marco Lega, "Catartica" e' anche la prima realizzazione per la neonata label, ma soprattutto, un esordio sorprendente che porto' alla ribalta il giovane gruppo di Cuneo inserendolo tra le promesse del nuovo rock italiano: grezze distorsioni e feedback di chitarre, sono base per i testi di Cristiano Godano dove rabbia, malinconia e poesia si uniscono. Brani potenti e lacerati che rendono giustizia solo in parte alla forza che il gruppo era capace nelle loro esibizioni live. Contiene i brani "Sonica" e la trascinante "Merry X-Mas", che saranno cavallo di battaglia in quegli anni del gruppo, ma l'album racchiude altre piccole gemme come "Nuotando Nell'Aria" e "Lieve". Formatisi nel 1990 ad opera di Riccardo Tesio e Luca Bergia, ai quali si unisce poi Cristiano Godano, proveniente dai Jack On Fire, i Marlene Kuntz sono uno dei principali gruppi indie rock italiani degli anni '90; partendo da un abrasivo indie rock in cui la critica ravvisava influenze degli Einsturzende Neubauten e soprattutto dei Sonic Youth, apprezzato per i testi poetici, ampliano progressivamente le proprie sonorita' e le rendono meno dure, accrescendo la loro fama anche all'estero. Esordiscono su album con "Catartica" (1994), con il sostegno del Consorzio Produttori Indipendenti, seguito nel 1996 da "Il vile" e nel 1999 da "Ho ucciso paranoia". Il nuovo secolo si apre per il gruppo con l'album "Che cosa vedi", che include un duetto con Skin degli Skunk Anansie e ottiene un buon successo commerciale; sara' seguito nel 2003 da "Senza peso", inciso a Berlino. Il gruppo e' anche molto apprezzato per il suo live show, consolidato attraverso una lunga ed instancabile serie di tour.
Euro
42,00
codice 2128882
scheda
Marlene kuntz Nella tua luce (ltd green)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  sony 
indie 90
edizione limitata di 500 copie in vinile verde del 2023. Il nono album in studio dei Marlene Kuntz, uscito originariamente nel 2013, registrato e mixato da Riccardo Parravicini presso il MaM Recording Studio di Cavallermaggiore Formatisi nel 1990 ad opera di Riccardo Tesio e Luca Bergia, ai quali si unisce poi Cristiano Godano, proveniente dai Jack On Fire, i Marlene Kuntz sono uno dei principali gruppi indie rock italiani degli anni '90; partendo da un abrasivo indie rock in cui la critica ravvisava influenze degli Einsturzende Neubauten e soprattutto dei Sonic Youth, apprezzato per i testi poetici, ampliano progressivamente le proprie sonorita' e le rendono meno dure, accrescendo la loro fama anche all'estero. Esordiscono su album con ''Catartica'' (1994), con il sostegno del Consorzio Produttori Indipendenti, seguito nel 1996 da ''Il vile'' e nel 1999 da ''Ho ucciso paranoia''. Il nuovo secolo si apre per il gruppo con l'album ''Che cosa vedi'', che include un duetto con Skin degli Skunk Anansie e ottiene un buon successo commerciale; sara' seguito nel 2003 da ''Senza peso'', inciso a Berlino. Il gruppo e' anche molto apprezzato per il suo live show, consolidato attraverso una lunga ed instancabile serie di tour.
Euro
30,00
codice 2128830
scheda
Matching mole (robert wyatt) Little red record (+ 1 track red vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  klimt 
rock 60-70
Ristampa del 2019, edizione limitata in vinile rosso e corredata di 1 traccia aggiunta, "Horse", inedita composizione di Wyatt, registrata in studio il 10 gennaio del 1972, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Cbs. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1972 dopo ''Matching mole'' , non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle Usa. Il secondo album. Prodotto da Robert Fripp e' davvero il frutto di un gruppo e non del solo Wyatt, infatti i brani ora sono scritti da tutti i componenti della band; la fusione tra rock, progressive, jazz e psychedelia e' qui focalizzata in lunghi brani in cui le parti strumentali divengono maggioritarie, disco completamente concettuale ma allo stesso tempo incredibilmente perfetto nella esecuzione strumentale, molto meno ''pop'' del primo, risulto' troppo difficile sia per la critica che per il grande pubblico e passo' completamente inosservato all'epoca della sua uscita. da sempre amatissimo dai pochi che lo conoscono a fondo, puo' essere sicuramente inserito nella lista delle opere di culto della musica inglese degli anni '70.
Euro
26,00
codice 2128945
scheda
Mdou moctar Funeral for justice
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2024  matador 
world
copertina apribile. Presentazione a cure dell'etichetta : Registrato al termine di due anni trascorsi in tournée in tutto il mondo dopo l'uscita di "Afrique Victime" del 2021, cattura il quartetto nigeriano in forma feroce. La musica è più forte, più veloce e più selvaggia. Gli assoli di chitarra sono bruciati dal feedback e i testi sono appassionatamente politici. Nulla è trattenuto o attenuato. Musicista e compositore tuareg basato ad Agadez in Niger, Mahamadou "Mdou Moctar" Souleymane è autore di una originale musica che sposa le sonorità elettriche di generi come il rock con la musica tradizionale tuareg. Moctar si fa conoscere in Africa occidentale quando le sue prime registrazioni circolano in modo virale attraverso una rete di telefoni cellulari; il suo primo album, ''Anar'', esce nel 2008, poi entra in contatto con la label americana Sahel Sounds di Christopher Kirkley, che pubblica i suoi due lavori successivi ''Afelan'' (2013) ed ''Akounak tedalat taha tazoughal'' (2015), quest'ultima colonna sonora dell'omonimo film che lo vede anche in veste di attore. Nel 2017 esce il quarto lp ''Sousoume tamachek'', seguito nel 2019 da ''Ilana: the creator''. La loro musica trae ispirazione dal folklore dei Tuareg, dai canti polifonici dei nomadi sahariani e dalla tradizione dei griot e della musica takamba, e parimenti dallo heavy rock, dal blues e dallo acid rock. Producono dischi dai toni duri ed impegnati anche nei testi, che non parlano solo d'amore ma anche di religione, disuguaglianze e sfruttamento dell'Africa occidentale.
Euro
31,00
codice 2128883
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2024  cold spring 
indie 90
Edizione normale in vinile nero (è stato pressato anche in una versione in vinile di colore rosso, in edizione limitata a 300 copie vendute direttamente dall'etichetta), label custom marrone con particolari dello artwork di copertina, catalogo CSR330LP. Pubblicato nell'aprile del 2024 dalla Cold Spring, il primo album in collaborazione fra Jack Dangers (Meat Beat Manifesto) e Masami Akita (Merzbow). Lo "industrial breakbeat" di MBM incontra il noise lancinante ed ossessivo di Merzbow, in due lunghissimi brani, "!FLAKKA!" e "Burner", dove struttura ed anarchia sonora si dilaniano in una tensione decostruzionista che sfocia in rumorismo stratificato, loops in feedback e ritmiche pulsanti. "!FLAKKA!" si evolve costantemente fra breakbeats sull'orlo della distruzione, harsh noise in un dinamismo dai toni aspri e distorti; "Burner" inizia in modo più lento ed ipnotico, per poi svilupparsi come una sequenza di interferenze, pulsazioni lente ed increspate, sfigurate da un inesorabile processo rumorista. Duo londinese formato nel 1987 da Jack Dangers e Johnny Stephens, entrambi ex Perennial Divide, i Meat Beat Manifesto si sono caratterizzati per una musica che integra le abrasive e sperimentali sonorita' industrial con elementi musicali mutuati dallo hip hop e dal dub, integrando talvolta rumorismo e ritmi ballabili. Dopo che i nastri del loro progettato primo lp vennero danneggiati, tornarono in studio per realizzare ''Storm the studio'' (1989), che resta il loro primo vero album, primo di una serie di lavori che continuano ad uscire anche all'inizio del nuovo secolo. Nei primi anni '90 il gruppo integro' elementi di dance elettronica nel suo gia' eclettico sound. Il musicista giapponese Masami Akita, meglio noto come Merzbow, è considerato uno dei massimi esponenti della musica noise. Influenzato dal dadaismo e dal surrealismo come dall'arte spazzatura, ascolta in gioventù rock psichedelico e progressivo, ed in seguito il free jazz. Il nome del progetto deriva dal titolo dell'opera ''Merzbau'' dell'artista tedesco Kurt Schwitters (1887-1948); con questa sigla, Masami Akita produce centinaia di incisioni dai primi anni ottanta in poi, all'insegna di un noise estremo ma al tempo stesso cerebrale e privo del lato rabbioso di musicisti occidentali affini.
Euro
30,00
codice 3515878
scheda
Melvins tarantula heart (silver streak vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2024  ipecac 
punk new wave
Edizione in vinile argento, copertina apribile senza barcode, adesivo con barcode e artwork sul cellophane, booklet di 12 pagine formato 7". Pubblicato nell' aprile 2024, dopo "Bad Mood Rising" (2022), il ventisettesimo album in studio della band americana di Montesano, Washington. Descrizione completa a seguire. Formatisi ad Aberdeen nello stato di Washington nel 1985, gli americani Melvins sono uno dei gruppi piu' influenti sullo indie rock degli anni '90: la loro musica dura e senza compromessi ma anche ironica, ispirata dai Black Sabbath, ebbe molto fascino su futuri pezzi da novanta della scena di Seattle, come i Nirvana (Cobain era un loro grande estimatore), Mudhoney (dove suono' Matt Lukin dopo aver lasciato i Melvins) e Soundgarden, che ripresero la lezione dei Melvins incrociandola con strutture pop e rock piu' accessibili. Guidati da Buzz Osbourne (noto come King Buzzo), esordirono su lp con ''Gluey porch treatments'' nel 1987, seguito nel 1990 da Ozma, primi capitoli di una lunga storia discografica, che attraverso' anche un breve periodo su major (la Atlantic) fra il 1993 ed il 1994, prima del benvenuto ritorno in ambito indie; nonostante il sostegno di Cobain, il gruppo e' sempre rimasto a livello di culto, anche per la sua musica piuttosto ostica per le orecchie delle masse.
Euro
26,00
codice 3034614
scheda
Messa Close
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  svart 
indie 2000
copertina apribile, doppio vinile. Il secondo lavoro della band italiana di Vicenza, gruppo che si muove in un'intrigante atmosfera dove si fondono riffs hard rock, cavalcate progressive, new wave onirica alla Dead can dance ed elementi di folk mediorentale. Riferimenti a Swans, Om, Opeth, Black sabbath.
Euro
33,00
codice 2128768
scheda
Messa Close (ltd red)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  svart 
indie 2000
ristampa limitata in doppio vinile rosso trasparente, copertina apribile.. Il terzo lavoro della band italiana di Vicenza, gruppo che si muove in un'intrigante atmosfera dove si fondono riffs hard rock, cavalcate progressive, new wave onirica alla Dead can dance ed elementi di folk mediorentale. Riferimenti a Swans, Om, Opeth, Black sabbath.
Euro
35,00
codice 2128767
scheda
Metallica And justice for all (with inner sleeves)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1988  vertigo / phonogram / private 
heavy metal
Doppio album, ristampa private press, copertina lucida con barcode, completa di inner sleeves, etichetta custom. Pubblicato nel settembre del 1988 dalla Elektra negli USA, dove arrivo' al sesto posto in classifica, e dalla Vertigo in Gran Bretagna, dove giunse alla quarta posizione, ''...and justice for all'' e' il quarto album dei Metallica, uscito dopo ''Master of puppets'' (1986) e prima di ''Metallica'' (1991). Disco discusso ed ambizioso, questo monumentale doppio del gruppo californiano e' caratterizzato da un approccio complesso ed articolato, in cui il rock progressivo, almeno in spirito, viene innestato nel feroce heavy metal della band, attraverso brani lunghi che mostrano cambi di ritmo e di melodia, come dimostra la cupa ''One'', uno dei cavalli di battaglia dei Metallica. Un disco cupo e quasi apocalittico nelle sue atmosfere, che alterna episodi piu' lenti e marziali con altri piu' tirati ed ancor memori del trash degli esordi.
Euro
29,00
codice 3034600
scheda
Metheny pat dream box
LP2 [edizione] nuovo  stereo  ger  2023  modern recording / bmg 
jazz
Doppio album, copertina apribile, inserto. Pubblicato nel giugno del 2023, dopo "Road to the sun", il nuovo album ddel grande chitarrista jazz americano. Dalle note di presentazione dell' etichetta discografica: L’album comprende nove “tracce ritrovate” per una “calma chitarra elettrica”, che Metheny descrive come “qualcosa di unico per me; è fondamentalmente una compilation di tracce solistiche registrate nell’arco di alcuni anni, che ho riscoperto ascoltandole in tour”. Tra i brani, in gran parte originali, anche "Blue in Green" di Miles Davis, "Never Was Love" di Russ Long e "Morning Of The Carnival" di Luiz Bonfa. Pat Metheny, uno dei più famosi chitarristi degli ultimi decenni del XX secolo, inizia a suonare giovanissimo nel corso degli anni '60, entusiasta sia del jazz che del rock. Dotato di grande tecnica e di larghe vedute musicali, effettua le sue prime incisioni in compagnia di Paul Bley e Jaco Pastorius nel 1974 per poi trascorrere un triennio nel Gary Burton Group. In quel periodo incontra il tastierista Lyle Mays con il quale decide di fondare il Pat Metheny Group, autore di numerosi dischi per la ECM ed in seguito per altre etichette. Il gruppo, con la sua solare ed inventiva fusione di molteplici stili, dal jazz al rock, dal pop alla musica latino-americana, ottiene un enorme successo ed accende l'interesse verso il jazz nel pubblico più giovane.
Euro
39,00
codice 2128848
scheda
Misch tom and yussef dayes What kinda music
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  blue note 
jazz
Vinile doppio da 180 grammi, copertina apribile con logo "parental advisory explicit content" in basso a destra sul fronte, label custom blu e rossa con artwork diverso su ciascuna delle quattro facciate, scritte bianche e logo Blue Note a destra, catalogo 2812123108. Pubblicato nel maggio del 2022 dalla Blue Note, il primo album in collaborazione fra il cantante e chitarrista Tom Misch ed il percussionista Yussef Dayes. La musica di Misch continua ad evolversi ed a raffinarsi in questa collaborazione con il musicista di ambito jazz Dayes, anch'egli londinese: un lavoro dal sound avvolgente e rotondo, caldo e con richiami al funk degli anni '70, che si fonde con lo hip hop e con leggere sfumature jazz fusion. Eleganti e liquide le parti di chitarra elettrica, rilassata e leggera la trama percussiva, mentre le parti vocali intrecciando cantato pop soul vellutato e rap. Questa la scaletta: "What Kinda Music", "Festival", "Nightrider (feat Freddie Gibbs)", "Tidal Wave", "Sensational", "The Real", "Lift Off (feat Rocco Palladino)", "I Did It For You", "Last 100", "Kyiv", "Julie Mangos", "Storm Before The Calm (feat Kaidi Akinnibi)". Tom Misch è un cantante, paroliere e chitarrista londinese, autore di una musica di confine fra neo-soul, jazz e hip hop, che si è fatto apprezzare a partire dal 2014 con una serie di ep di di albums; musicista fin da ragazzino, quando impara a suonare il violino, si avvicina al canto ed alla musica rock, poi si appassiona allo hip hop, ispirato in particolare da J Dilla, e comincia nel 2012 a mettere on line i propri brani: i suoi beats divengono presto oggetto di campionamento da parte di altri rappers, portando ad una collaborazione con il cantante e paroliere Carmody. Nel 2014 esce in formato digitale "Beat tape 1", che raccoglie brani strumentali, fra cui "Dilla love", omaggio al sopracitato J Dilla; sarà seguito fa "Beat tape 2" nel 2016, questa volta su vinile, che include collaborazioni con Loyle Carner, Zak Abel e Carmody, quindi nel 2018 esce il suo primo vero album "Geography" e nel 2020 la collaborazione con Yussef Dayes "What kinda music", su Blue Note.
Euro
30,00
codice 2128925
scheda
Misfits american psycho
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  private 
punk new wave
Ristampa private press, in vinile pesante, copertina lucida senza barcode, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura su Geffen. Originariamente pubblicato dalla Geffen, l' album che segno' il ritorno della storica horror punk band originaria del New Jersey, riformatasi nella notte di Halloween del '95 con i fratelli Doyle alla chitarra e Jerry Only al basso, membri origiari del gruppo, ed i nuovi arrivi Michale Graves alla voce e David "Dr.Chud" Calabrese alla batteria (ex Sardonica). A distanza di 14 anni dall' ultimo vero album della formazione, ottenuti Only i diritti di sfruttamento del nome Misfits e dell' immagine della band in una battaglia legale con Danzig, viene riesumato con successo il sound tra punk rock ed hardcore che unitamente all' incredibile look ed alle tematiche ironicamente sataniche dei loro brani ha reso questa band un fenomeno di culto con pochi eguali, con la novita' di influenze haevy che affiorano qua' e la', rendendo piu' moderna ed attuale la musica dei 18 brani contenuti (uno in piu' rispetto al cd), tra cui "Dig Up Her Bones", per la quale venne registrato il primo video del gruppo (scaricabile su internet, rimase per molto tempo in alto nella classifica dei video maggiormente scaricati). Dopo due anni "Famous Monsters" fu l' ultimo lavoro di questa ennesima incarnazione del gruppo: Michale Graves e Dr. Chud lasciarono la band durante una performance alla House of Blues di Orlando il 25 ottobre 2000, con Graves poi solista.
Euro
18,00
codice 3034515
scheda

Page: 8 of 14


Pag.: oggetti: