Hai cercato:  dall'anno 2000 --- Titoli trovati: : 5980
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Allman gregg band southern blood
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2017  rounder / universal 
rock 60-70
Album in vinile pesante, copertina apribile, inner sleeve ed inserto/litografia. Uscito nel settembre 2017, a distanza di sei anni dal precedente album in studio "Low Country Blues", l' ottavo e purtroppo ultimo album in studio per l' ex Allman Brothers Band, scomparso il 27 maggio del 2017 in seguito ad un cancro diagnosticato nel 2012. Registrato in sole nove giorni con la band che lo ha accompagnato dal vivo in questi ultimi anni, con l' aiuto del produttore Don Was, l' album si riallaccia idealmente allo spirito del suo primo lavoro solista, "Laid Back"; incensato da gran parte della critica, contiene un solo brano di sua composizione (la malattia non gli concesse di prepararne di piu'), il singolo ""My Only True Friend", coscritto con il chitarrista Scott Sharrard, e molte covers, con brani tra gli altri di Bob Dylan ("Going Going Gone"), Grateful Dead ("Black Muddy River"), Tim Buckley (una malinconica ma rilassata "Once I Was"), Willie Doxon ("I Love the Life I Live"), Little Feat ("Willin'") e Jackson Browne, ospite ai cori nella sua "Song for Adam".
Euro
27,00
codice 2072562
scheda
Almas fronterizas Almas fronterizas
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2015  pistolas y saguaros 
indie 2000
Vinile da 200 grammi, copertina cartonata senza codice a barre, label con immagine sullo sfondo leggermente diversa su di una facciata rispetto all'altra, catalogo PYS002. Pubblicato nel 2015 dalla Pistolas Y Saguaros negli USA, il primo eponimo album di questo trio americano di origini messicane e native, composto da Gilberto Rodriguez, Karin Rodriguez ed Anthony Sul, e proveniente dalla Bay Area californiana. Gli Almas Fronterizas combinano diverse influenze, dal latin soul alla psichedelia, dal blues ai canti dei nativi americani, cantando in lingue inglese, spagnola, ohlone (lingua del popolo degli ohlone, nativi americani della costa californiana settentrionale) e nahuatl, concentrandosi su temi sociopolitici che sembrano particolarmente legati alle comunita' dei nativi, ma ispirandosi anche a canzoni tradizionali dei nativi oholone, di cui le ultime testimonianze registrate risalgono a vecchi 78 giri. Un sound ruvido che passa da sfumature hard rock ad echi di melodie rituali ancestrali. Dopo questo album, il gruppo ha ulteriormente ampliato la sua paletta stilistica, attingendo dal ricco e cosmopolita retaggio culturale e musicale di San Francisco, con elementi cumbia, chicano soul, ritmi afrolatini con l'aggiunta di congas, arrangiamenti di ottoni, come evidenziato nel singolo ''Malo'' (2016) e nel 10'' ep ''Rosa tropical'' (2017).
Euro
36,00
codice 3510498
scheda
Almenares alejandro Casa de trova – cuba 50's
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2014  tumi / pure pleasure 
world
Vinile doppio da 180 grammi, pressato nei prestigiosi stabilimenti Pallas, copertina apribile senza codice a barre, label custom fotografica a colori con particolari dello artwork di copertina, catalogo PPANTUMI228. Pubblicato nel febbraio del 2014 dalla Tumi / Pure Pleasure, questo album contiene ventidue brani del trovador Alejandro Enis Almenares. Nato a Cuba nel 1937, Almenares è considerato uno degli ultimi grandi esponenti storici della trova, un importante genere musicale cubano, che ha avuto grande influenza sullo sviluppo della musica popolare dell'isola caraibica: i trovadores erano musicisti itineranti che suonavano le proprie canzoni con voce e chitarra acustica, principalmente nella zona orientale dell'isola, nell'area di Santiago di Cuba, spesso riuscendo a creare una sintesi fra poesia e canzone grazie al potente lirismo dei migliori di loro. Almenares ha composto centinaia di canzoni, fra cui "Mueve la cintura mulata", che si può sentire nel film "Original sin" interpretato da Antonio Banderas ed Angelina Jolie (2001), e che è stata cantata anche da una grandissima voce femminile cubana come quella di Omara Portuondo; ultrasettantenne, Almenares ancora si esibisce quotidianamente alla Casa De Trova, locale importantissimo per il movimento dei trovadores cubani. La musica di Almenares è più vicina al cantautorato che alla musica da ballo, è una forma canzone riflessiva e venata spesso di una sottile malinconia, ma l'autore si cimenta anche con episodi strumentali, come evidenzia il secondo disco di questo doppio album, impiegando arrangiamenti più ricchi, con flauto, violino, sassofono, percussioni. Qui di seguito la scaletta. Brani cantati: "No critiques al nene", "La finca de vila", "Mujercita linda", "Te vi y te contemplé", "El son de vicentico", "La chica de mi rosal", "Esa guitarra que suena", "Lechero", "La nina que yo ame", "De lo que quiero saber", "Pepillito"; brani strumentali: "No critiques al nene", "El son de vicentico", "Pepillito", "Te vi y te contemplé", "Lechero", "Mujercita linda", "La chica de mi rosal", "La nina que yo ame", "De lo que quiero saber", "Esa guitarra que suena", "La finca de vila".
Euro
26,00
codice 3025096
scheda
Almenares alejandro Casa de trova – cuba 50's
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2014  tumi / pure pleasure 
world
Vinile doppio da 180 grammi, pressato nei prestigiosi stabilimenti Pallas, copertina apribile senza codice a barre, label custom fotografica a colori con particolari dello artwork di copertina, catalogo PPANTUMI228. Pubblicato nel febbraio del 2014 dalla Tumi / Pure Pleasure, questo album contiene ventidue brani del trovador Alejandro Enis Almenares. Nato a Cuba nel 1937, Almenares è considerato uno degli ultimi grandi esponenti storici della trova, un importante genere musicale cubano, che ha avuto grande influenza sullo sviluppo della musica popolare dell'isola caraibica: i trovadores erano musicisti itineranti che suonavano le proprie canzoni con voce e chitarra acustica, principalmente nella zona orientale dell'isola, nell'area di Santiago di Cuba, spesso riuscendo a creare una sintesi fra poesia e canzone grazie al potente lirismo dei migliori di loro. Almenares ha composto centinaia di canzoni, fra cui "Mueve la cintura mulata", che si può sentire nel film "Original sin" interpretato da Antonio Banderas ed Angelina Jolie (2001), e che è stata cantata anche da una grandissima voce femminile cubana come quella di Omara Portuondo; ultrasettantenne, Almenares ancora si esibisce quotidianamente alla Casa De Trova, locale importantissimo per il movimento dei trovadores cubani. La musica di Almenares è più vicina al cantautorato che alla musica da ballo, è una forma canzone riflessiva e venata spesso di una sottile malinconia, ma l'autore si cimenta anche con episodi strumentali, come evidenzia il secondo disco di questo doppio album, impiegando arrangiamenti più ricchi, con flauto, violino, sassofono, percussioni. Qui di seguito la scaletta. Brani cantati: "No critiques al nene", "La finca de vila", "Mujercita linda", "Te vi y te contemplé", "El son de vicentico", "La chica de mi rosal", "Esa guitarra que suena", "Lechero", "La nina que yo ame", "De lo que quiero saber", "Pepillito"; brani strumentali: "No critiques al nene", "El son de vicentico", "Pepillito", "Te vi y te contemplé", "Lechero", "Mujercita linda", "La chica de mi rosal", "La nina que yo ame", "De lo que quiero saber", "Esa guitarra que suena", "La finca de vila".
Euro
26,00
codice 3512965
scheda
Almond marc chaos and a dancing star
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bmg 
punk new wave
Edizione regolare in vinile nero, copertina apribile. Pubblicato nel gennaio del 2020 dalla BMG, a distanza di oltre due anni dal precedente lavoro in studio "Shadows and Reflections", il ventitreesimo album solista in studio dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & the Mambas. Ospite nel brano "Lord of Misrule" Ian Anderson dei Jethro Tull con il suo flauto, ma va menzionata anche la presenza di Neal X, ex chitarrista dei Sigue Sigue Sputnik, e qui suona in più di metà dei brani; produttore e co-autore dei brani è Chris Braide, con il quale Almond aveva collaborato nell'apprezzato album del 2015, "The velvet trail". Una propensione per ballate e midtempo drammatici e decadenti, con una vena rock che pulsa sotto la superficie, è evidente in pezzi come "Black sunrise"; risaltano lenti episodi come la misteriosa "Giallo" (con elementi nelle melodie che richiamano le colonne sonore di film gialli e thriller di molti decenni addietro) o "Hollywood fever", storia di ambizioni, luci splendenti e rovine esistenziali; bellissima "The crow's eyes have turned blue", episodio classicamente almondiano, dolente ed amara ballata pianistica che esprime il lato più malinconico e struggente del cabaret con grande eleganza. "Figthing a war" è uno degli episodi più vivaci, sostenuta da un groove elettronico in mid tempo e ballabile, ma la maggior parte delle canzoni si mantiene su toni cullanti e ritmi rilassati, altro esempio ne è l'avvolgente "Cherry tree", nella quale la critica ha ravvisato non a torto una vena bowieana. Ben amalgamata e gradevole è anche la miscela sonora fatta di pianoforte, strumenti elettrici ed elettronici e, talora, arrangiamenti di archi molto composti e suadenti.
Euro
28,00
codice 2096848
scheda
Almond marc shadows and reflections
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2017  bmg 
punk new wave
Edizione regolare in vinile nero, copertina su sfondo rosso, apribile, corredata di inner sleeve e di codice per il download digitale. Pubblicato nel settembre del 2017 dalla BMG, a distanza di due anni dal precedente "Velvet Trail" (2015), e dopo la collaborazione con gli Starcluster per l' album "Silver City Ride" del 2016, il ventiduesimo album solista in studio dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & the Mambas. Un lavoro ancora una volta originale e spiazzante, ed al tempo stesso espresso con classe ed eleganza musicale, ''Shadows and reflections'' e' stato definito dal critico Thom Jurek come un lavoro che fa da ponte fra l'album di cover ed il concept album: in effetti sembra proprio una descrizione calzante per questo lp, nel quale Almond interpreta con gusto e con splendidi arrangiamenti elettroacustici ed orchestrali una serie di canzoni pop e rock degli anni '60 (oltre ad alcune composizioni proprie), legandole con un filo conduttore che percorre gli stati d'animo di un immaginario protagonista immerso nel lusso e nella peggiore solitudine, evocando immagini di rotture sentimentali, di conflitto fra isolamento e desiderio di connessione con l'altro, fra ricchezza matieriale e poverta' interiore. Tutto questo cantato da Almond con toni dolenti ma mai sopra le righe, lievi ed autunnali, ispirandosi fortemente alle atmosfere del pop anni '60 anglosassone da cui provengono molte delle cover del disco, ed al tempo stesso dando il suo personalissimo tocco a brani come la title track (cover degli Action), ''I know you love me not'' di Julie Driscoll, ''How can I be sure'' degli Young Rascals o ''Still I'm sad'' degli Yardbirds. Un disco che e' qualcosa di piu' di un semplice tributo a tema ad un'era musicale trascorsa.
Euro
29,00
codice 3018928
scheda
Almond marc stardom road (numbered gold vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  music on vinyl 
punk new wave
Edizione limitata in 1500 copie (numerate sul retro) in vinile dorato, pesante 180 grammi, prima edizione vinilica, realizzata nel settembre 2019 dalla Music On Vinyl, dell' album "Stardom Road", originariamente uscito nel giugno 2007 solo in cd (e giunto al numero 53 delle charts inglesi), realizzato dopo "Heart on Snow" (2003) e prima di "Orpheus in Exile" (2009). Il tredicesimo album solista dell' artista inglese ex Soft Cell e Marc & The Mambas, il primo dopo l' incidente del 2004 che gli stava quasi costando la vita. Ben accolto dalla critica e considerato uno dei lavori migliori della discografia solista di Almond, "Stardom Road" e' composto quasi interamente di covers, perlopiu' di popolari "oldies", proposte come al solito con straordinaria personalita', ed una grande eleganza unita ad una notevole sensibilita' interpretativa. Tra gli ospiti Sarah Cracknell, Jools Holland ed Antony Hegarty (Antony & The Johnsons). Questa la lista dei brani e l' interprete originario: 1. "I Have Lived" (Charles Aznavour), 2. "I Close My Eyes and Count to Ten" featuring Sarah Cracknell (Dusty Springfield), 3. "Bedsitter Images" (Al Stewart), 4. "The London Boys" (David Bowie), 5. "Strangers in the Night" (Frank Sinatra), 6. "The Ballad of the Sad Young Men" featuring Antony Hegarty (Roberta Flack), 7. "Stardom Road" (Third World War), 8. "Kitsch" (Barry Ryan) 9. "Backstage (I'm Lonely)" featuring Jools Holland & Kiki Dee (Gene Pitney), 10. "Dream Lover" (Bobby Darin), 11. "Happy Heart" (Andy Williams), 12. "Redeem Me (Beauty Will Redeem the World)" (brano originale), 13. "The Curtain Falls" featuring Igor Outkine (Bobby Darin).
Euro
17,00
codice 2098455
scheda
Almond marc Velvet trail
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2015  strike force entertainment 
punk new wave
Edizione limitata con 2 bonus tracks, "When the comet comes (full lenght solo version)" e "he velvet trail (radio edit)" occupanti l'intero quarto lato, vinili 180 gr., copertina apribile corredata da poster apribile in 4 parti, adesivo di presentazione sul cellophane, etichette custom con scritte bianche sui lati A e B, con scritte nere sui lati C e D, doppio Lp pubblicato dalla Strike Force Entertainment nel marzo 2015, dopo "Ten plagues - A song cycle" (14), il ventesimo album. Primo album di materiale originale da "Variete' (10), prodotto da Cristopher Braide (Lana del Rey, Beyonce, David Guetta, Britney Spears e molti altri), con la partecipazione di Beth Ditto, "Velvet trail" nasce come il tentativo da parte di Braide, da sempre fan di Almond, di rimandare l'annunciato ritiro dalla scena dell'ex Soft Cell, il quale ha riposto con entusiasmo alla 3 tracce strumentali inviategli dal produttore losangelino. E' infatti volato nella citta' degli Angeli, dove insieme hanno definito il suono di quest'album, completandosi a vicenda. Il sempre accentuato e spavaldo lirismo di Almond ossessionato da temi intrisi d'amore, lussuria e perdite, ha trovato pienamente corrispondenza in una serie di tracce che si muovono fra synth-pop e ballate romantiche con un piglio teatrale che in episodi come "Life in my own way" assume connotati da cabaret. Da segnalare "Winter sun" che ricorda il Brian Ferry piu' romantico e "Demon lover" una moderna "Tainted love".
Euro
34,00
codice 2053049
scheda
Almond marc / john harle Tyburn tree: dark london
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  sospiro noir 
punk new wave
Vinile doppio pesante, copertina apribile, label marrone con simbolo nero sulla prima e terza facciata, a colori invertiti sulla seconda e quarta facciata, scritte bianche, catalogo SOSTT200114. Pubblicato nel febbraio del 2014 dalla Sospiro Noir, il primo album in collaborazione fra l'ex Soft Cell Marc Almond e John Harle, eclettico musicista inglese, sassofonista, clarinettista, compositore e produttore, che ha collaborato con artisti diversi quali Elvis Costello, Ute Lemper e Paul McCartney. "The tyburn tree: dark london" è talora considerato parte della discografia solista di Almond, della quale sarebbe il 17esimo lp, dopo "Feasting with panthers" (2011, a sua volta una collaborazione con Michael Cashmore, già mente dei Nature and Organisation e membro dei Current 93) e prima di "The dancing marquis" (6/2014). Prendendo il nome dal famigerato patibolo di Tyburn, villaggio dell'area di Londra che in tempi lontani era frequente teatro delle impiccagioni dei condannati a morte provenienti dalle carceri della città, l'album è un lavoro tematico, che dipinge un quadro ad un tempo macabro ed elegante, musicalmente melodico e sognante ma anche percorso da una vena sinistra ed inquietante, della grande e vecchia città di Londra; intrecciando influssi di musica classica, jazz, canzone popolare della prima metà del '900 e moderne sonorità elettriche ed elettroniche, Harle ricama un atmosferico tappeto sonoro sul quale Almond canta con un approccio ora sussurrante ora da crooner d'altri tempi, magnetico, decadente e misuratamente drammatico.
Euro
34,00
codice 3512737
scheda
Alo girl / last rape Alo girl last rape
Lp [edizione] originale  stereo  ita  2009  urashima 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
L' originale stampa, pressata in sole 120 copie numerate sul retro copertina in basso a destra (questo esemplare il numero 29 / 120), copertina "texture" senza barcode, inserto formato A4 con artwork a colori e note, label neutra grigia scura, quasi nera, catalogo UMA006 inciso sul trail off. Pubblicato nel luglio del 2009 dalla italiana Urashima, l'album split fra Alo Girl e Last Rape, due progetti legati al noise radicale. Alo Girl è una creatura dell'italiano Cristiano Renzoni, il direttore della label Urashima, e qui propone "Dedicate to susan", sedici minuti in cui quelli che sembrano campionamenti da colonne sonore filmiche, organizzati in modo da assumere un andamento circolare ed ipnotizzante, vengono stravolti e torturati da aggressivi assalti di noise estremo; Last Rape è formato dagli americani Sean Matzus e Richard Ramirez, prolifici veterani di musica noise e sperimentale sulla scena da fine anni '80 con tantissimi progetti, e qui propongono una lunga traccia di quindici minuti, "Gathering the pieces", riconducibile allo allo Harsh Noise Wall (HNW), un filone della musica noise che si caratterizza per la costruzione di "muri sonori" rumoristi che presentano un suono costante, che non cambia quasi mai, nemmeno con microvariazioni, per durate temporali relativamente lunghe; il "white noise" è una materia frequentemente usata, ma non esclusivamente, dagli autori di musica HNW, la quale può assumere, accanto a manifestazioni aggressive ed urticanti, anche un suono meno graffiante, composto da semplici reiterazioni di scoppiettii e crepiti.
Euro
23,00
codice 332509
scheda
Alog amateur
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2007  rune grammofon 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 2000
copertina con cellophane. Edizione vinilica limitata a 500 copie. Doppio lp con copertina apribile, etichette custom bianche con scritte e simboli in nero. Pubblicato nel Maggio del 2007 dalla Rune Grammofon, etichetta specializzata nella pubblicazione di lavori di alcuni tra i piu' avventurosi e creativi artisti e compositori Norvegesi. Uscito dopo "Red Shift Swing", "Amateur" e' il quarto album, se si esclude la compilation di rarita' "Catch That Totem", del duo sperimentale norvegese elettro-acustico formato da Espen Sommer Eide e Dag-Are Haugan. Il titolo del disco "Amateur", si riferisce all'utilizzo di strumenti che in realta' nessuno dei due membri sa suonare veramente, infatti l'attenzione degli Alog nel creare musica sembra qui piu' spostata sul potenziale emotivo posseduto da ciascun timbro che sulla composizione stessa. Le sonorita' predominanti sono acustiche, in massima parte dovute a percussioni e chitarre, ma anche i silenzi hanno un peso determinante nello svolgere dei brani, con l'uso creativo e sensibile delle pause il duo riesce infatti a controllare l'atmosfera e la tensione con risultati piuttosto intriganti. Tra le proposte soniche piu' eccitanti e interessanti in ambito sperimentale degli ultimi anni.
Euro
28,00
codice 109323
scheda
Aloha Here comes everyone
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2004  polyvinyl records c. 
indie 90
In Occasione del Record Store Day, ristampa a tiratura limitata a 1000 copie in vinile verde, copertina pressoche' identica all'edizione originale, completa di coupon per il download digitale e di inserto con testi, adesivo sul cellophane, del terzo full lenght del gruppo, uscito originariamente nell'ottobre 2004 sempre sulla Polyvinyl, dopo "Sugar" (02), prima di "Some echoes" (06). Lavoro considerato quello piu' accessibile, data le limitate divagazioni post e jazz, che caratterizzano i precedenti lavori, "Here comes everyone" risulta essere un mix equilibrato fra pulsioni indie, pop vellutato, progressive melodico, derive orchestrali e slanci quasi math, con elementi jazz (sempre presente il vibrafono) e post rock, fra Sea and Cake, Police e Robert Wyatt. Le tracce, cosi' varie dal punto di vista stilistico, presentano tutte il pianoforte come asse portante, oltre alla fragile voce di Tony Cavallario, dalla melodie complesse ed intriganti, fra malinconia e rilassatezza. Band nordamericana, conosciuta per essere 'quella con il vibrafono', formatasi nel 97 da Tony Cavallario e da Matthew Gengler in Ohio, fautori di un indie rock, in cui confluiscono vari elementi, dal free-jazz al progressive, esordiscono nel 99 con l'Ep "The nonbelievers", a cui seguono "That's your fire" nel 2000, "Sugar" nel 2002, "Here comes everyone" nel 2004, "Some echoes" nel 2006, "Light Works" nel 2007 e "Home acres" nel 2010
Euro
20,00
codice 6003312
scheda
Aloha Sugar
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2002  polyvinyl 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa usa, copertina liscia apribile senza codice a barre, etichetta arancione sfumata con scritte bianche e rosse, Lp, pubblicato nel 2002, prima di "Here comes everyone" e dopo "That's your fire", il terzo album della band americana, che propone sonorità post rock, caratterizzate da un uso frequente del vibrafono, di percussioni e cimbali, da synth e piano, da una base ritmica con influenze jazz, da una voce vicina a quella dei Shudder to think, e da un approccio particolare alla stesura dei brani; considerando che l'attitudine e lo spirito è quello della ricerca e della sperimentazione, che trova ispirazione nel progressive dei settanta, tutto ciò rende la loro musica originale ed attraente. Band nordamericana, conosciuta per essere 'quella con il vibrafono', formatasi nel 97 da Tony Cavallario e da Matthew Gengler in Ohio, fautori di un indie rock, in cui confluiscono vari elementi, dal free-jazz al progressive, esordiscono nel 99 con l'Ep "The nonbelievers", a cui seguono "That's your fire" nel 2000, "Sugar" nel 2002, "Here comes everyone" nel 2004, "Some echoes" nel 2006 e "Light Works" nel 2007.
Euro
16,00
codice 600496
scheda
Alphataurus atto secondo
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  ams 
rock 60-70
copertina lucida apribile senza barcode, vinile pesante, etichetta "custom". A distanza di 40 anni dal primo e finora unico album in studio "Alphataurus", registrato con Pietro Pellegrini (organo e sintetizzatori) e Guido Wassermann (chitarre, tastiere aggintive, voce) superstiti della formazione originaria, il secondo album della storica formazione progressiva italiana, riformatasi in occasione della Progvention del 6 novembre 2010 al Bloom di Mezzago, occasione immortalata da un live uscito nel 2012, e da li' determinata a continuare incidendo del nuovo materiale, spinti dall' apprezzamento ricevuto. Il lavoro in studio che ha impegnato il gruppo tra il novembre del 2011 ed il febbraio del 2012 si materizlizza in questo nuovo lavoro che si mantiene fedele alla storia del gruppo, attraverso cinque brani che agli ingredienti originari aggiungono qua' e la' una maggiore propensione verso la melodia. Gli Alphataurus furono uno dei migliori gruppi progressive Italiani degli anni '70, il loro stile e' simile agli Emerson, Lake and Palmer, Van der Graaf Generator o King Crimson del periodo 1969-1971, ma con una groove tipicamente mediterranea, musicalmente il disco vede partiture tra musica da camera, Jazz, Heavy progressive, la voce del cantante, Michele Bovaro, si puo' paragonare a quella di David Byron degli Uriah Heep per lo stile e la potenza, senza le caratterizzazioni heavy metal dell' Inglese. Il gruppo fu vittima della poca visibilita' e dell' assenza di promozione e si sciolse durante le registrazioni del secondo album nel 1974, poi pubblicato postumo nel 1993 in CD con il titolo ''Dentro l'uragano''.
Euro
24,00
codice 3017011
scheda
Alt-j An awesome wave
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  infectious 
indie 2000
Copertina apribile senza codice a barre, inner sleeve con foto a colori e lista brani, adesivo sul cellophane, etichetta multicolorata sul lato A, bianca con scritte circolari nere e grigie sul B, Lp pubblicato dalla Infectiuos nel giugno 2012, dopo l'Ep "Matilda/Fizzpleausure", debutto full lenght per il quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul.
Euro
23,00
codice 2103664
scheda
Alt-j An awesome wave
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  infectious 
indie 2000
Copertina apribile senza codice a barre, inner sleeve con foto a colori e lista brani, adesivo sul cellophane, etichetta multicolorata sul lato A, bianca con scritte circolari nere e grigie sul B, Lp pubblicato dalla Infectiuos nel giugno 2012, dopo l'Ep "Matilda/Fizzpleausure", debutto full lenght per il quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul.
Euro
23,00
codice 2102743
scheda
Alt-j Reduxer
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  infectious 
indie 2000
adesivo su cellophane, coupon per download. Album di reinterpretazioni dei brani di "relaxer" con la collaborazione di artisti quali GoldLink, Danny Brown, Kontra K, Lomepal, Rejjie Snow, Little Simz & Twin shadow featuring Pusha T.
Euro
27,00
codice 2079755
scheda
Alt-j This is all yours
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  infectious music 
indie 2000
Vinili colorati 180 gr., copertina apribile con parti interne colorate, apribile senza codice a barre completa di coupon per il download digitale (adesivo si uno dei due inner sleeves), adesivo di presentazione sul cellophane, etichette custom colorate, doppio Lp pubblicato dalla Infectious Music nel settembre 2014, dopo "An awesome wave" (12), il secondo atteso album per la band inglese. Dopo il successo del primo disco, arriva dopo una gestazione non senza problemi, che ha visto l'abbandono del bassista Gwil Sainsbury per troppo stress, rimpiazzato da una soluzione interna (suonato sulla tastiera con la mano sinistra da Gus Unger Hamilton); l'album si colloca in una attitudine folk condita da ritmiche hip hop in un mood generalmente depresso: un mix impreziosito da intrecci vocali, spesso in falsetto, del cantante chitarrista Joe Newman, reverberi e rarefazioni, sorta di convergenza fra Radiohead, Sigur Ros, Hot Chips, Bon Iver e Fleet Foxes. Quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul. "An awesome wave", album d'esordio del quartetto ora diventato trio, ha venduto oltre il milione di copie, ricevendo 6 nominations al Brit Awards, vincendo un Mercury Prize nel 2013.
Euro
28,00
codice 2102956
scheda
Altered hours Sweet jelly roll
10" [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  a records 
indie 2000
Copertina senza codice a barre, etichetta custom bianca con parziale immagine copertina, 10 " pubblicato dalla A Records nel maggio 2013, dopo l'Ep del novembre 2011, "Downstream", contenete 3 nuove tracce, "Sweet jelly roll", "Smoke your eyes" e "Everyone is inside", registrate a Berlino nello studio di Andrew Newcombe dei Brian Jonestown Massacre, sotto la produzione di Fabien Leseure. La musica di questa giovane band irlandese, basata a Cork, e' un pop psichedelico, il cui percorso e' ancora in fase di oscillazione fra il noise pop alla Black Tambourine dell'iniziale "Sweet jelly roll", in cui spicca l'etera e soffice voce della cantante Elaine Howley, il folk blues alla Raconteurs di "Smoke your eyes", cantato ad unisono sia dalla Howley che da una voce maschile, fino ai toni cupi della conclusiva "Everyone is inside", dove si odono echi post punk, tanto che la voce del cantante evoca Ian Curtis e Ian McCulloch.
Euro
11,00
codice 2038941
scheda
Altin gun Gece
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2019  glitter beat 
indie 2000
vinile 180 grammi, coupon per download, etichette custom. Il secondo album dopo On del 2018. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
24,00
codice 2096195
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  bongo joe 
indie 2000
etichette custom. Il primo album, canzoni folk-pop turche passate attraverso una miscela di ritmica funky, chitarre psichedeliche con wah-wah e organi vintage. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
21,00
codice 2103017
scheda
Altin gun Yol
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  glitter beat 
indie 2000
copertina ruvida, etichette custom. Il terzo album, continua la ricerca del gruppo nella musica rock Anatolica e psichedelia turca con un tocco di di synth-pop e dancefloor. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
24,00
codice 2103353
scheda
Aluminum group Happyness
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2002  wishing tree 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
prima stampa, pressata negli USA, copertina (con giusto lievi segni di invecchiamento) con barcode 803645053017, label bianca con disegni in bianco e nero e scritte nere, catalogo WTR-105. Pubblicato nel settembre del 2002 dalla Wishing Tree negli USA, il quinto album, successivo a ''Pelo'' (2000) e precedente ''Morehappyness'' (2003). ''Happyness'' vede il gruppo dei fratelli Navin proseguire sulla raffinata ed elegante strada degli acclamati lavori precedenti, integrando sonorita' indie pop delicate e morbide con richiami a stili pop e dance dei tardi anni '70 ed inserimenti dance elettronici non banali e qualche apparente affinita' con lo acid jazz, creando una musica leggera ma non triviale; brani come ''Kid'' e ''I blow you kisses'', con le loro ritmiche regolari ed agili, i riferimenti a sonorita' vintage (in questo caso si direbbero gli anni '70 pop funk e disco) e le atmosfere raffinate ed eleganti, fanno pensare ad una versione americana degli Stereolab piu' melodici e solari. Formati a Chicago nella prima meta' degli anni '90 dai fratelli John e Frank Navin, ex membri del gruppo hardcore Women In Love (attivo dalla prima meta' degli anni '80), gli Aluminum Group sono spesso descritti dalla critica come una band ''chamber pop''; ispirati da artisti come i Carpenters e Sergio Mendes, sono autori di un raffinato indie pop melodico arricchito da arrangiamenti di archi e poi apertosi anche ad inserimenti elettronici, sempre in mirabile equilibrio fra richiami a musiche dei decenni passati e modernismo. Esordirono su lp nel 1995 con ''Wonder boy'', a cui fece seguito nel 1998 l'acclamato ''Plano''; il loro terzo album ''Pedals'' (1999) fu prodoto da Jim O'Rourke.
Euro
14,00
codice 238408
scheda
Alva noto Xerrox vol.4
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  raster noton 
indie 2000
doppio vinile, copertina apribile, etichette custom. “Xerrox Vol.4” (2020) è il quarto volume del progetto “Xerrox” di Alva Noto. Utilizzando il processo di copia come base, la serie Xerrox lavora sulla manipolazione di dati per creare riproduzioni infinite. La procedura prevede la continua creazione copie di altre copie, il suono diventa sempre più alterato e difficilmente può essere riconducibile al materiale sorgente. Alva Noto è uno dei progetti musicali dell'artista audiovisivo tedesco Carsten Nicolai, cresciuto nella Germania dell'Est e poi trasferitosi a Berlino, dopo aver studiato architettura e design di paesaggi, appassionandosi al tema del rapporto fra suono e spazio. Nicolai fonda quindi un'etichetta discografica, la Noton.Archiv Fuer Ton Und Nichtton (che alla fine degli anni '90 diventerà Raster-Noton in seguito ad una fusione), e nella seconda metà degli anni '90 comincia a pubblicare lavori dietro le sigle Noto e Signal, progetti a cui si sovrappongono nel decennio successivo Alva Noto ed Aleph-1. Nel corso degli anni ha sperimentato con varie concezioni sonore elettroniche, dalla musica collage al glitch, dalla techno al dubstep.
Euro
29,00
codice 2094545
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2014  yep roc 
punk new wave
Sottotitolato: "Play and sing the songs of Bog Bill Broonzy". Vinile 180 gr., copertina apribile completa della versione in Cd in omaggio, adesivo di presentazione sulla busta esterna, etichetta custom fotografica con scritte bianche, inner grigio con foro centrale. Lp pubblicato dalla Yep Roc Records nel giugno 2014, dopo "Eleven eleven" di Dave Alvin (2011), il primo album, prima di "Lost in Time", che vede insieme Dave e Phil insieme a registrare dopo 30 anni (da "Hard line" del 1985). I fratelli Alvin, fondatori dei seminali Blasters, rendono omaggio alla leggenda del blues, Big Bill Broonzy, interpretando 12 tracce in un country blues sostenuto da una voce passionale e da ritmiche secche ed incalzanti. Ecco la scaletta: "All myself", "I feel so good", "How you want it done", "Southern flood blues", "Big Bill blues", "Key to highway", "Tomorrow", "Just a dream", "You've changed", "Stuff they call money", "Truckin' little woman", "Saturday night rub". Il californiano Dave Alvin e' considerato uno dei maggiori animatori di quello che e' stato il movimento roots rock americano, volto negli ultimi venticinque anni del XX secolo alla riscoperta delle radici musicali americane, alla luce dei piu' recenti sviluppi della musica rock. Fondatore insieme al fratello Phil della storica band Blasters, fra roots, rock'n'roll e rockabilly, Alvin vanta anche una lunga e prolifica carriera solista, oltre a vari progetti.
Euro
20,00
codice 2053868
scheda

Page: 8 of 240


Pag.: oggetti: