Hai cercato:  immessi ultimi 60 giorni --- Titoli trovati: : 1778
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Savila Mayahuel
LPM [edizione] nuovo  stereo  usa  2021  not on label 
indie 2000
Vinile pesante nella versione di colore nero (è stato pressato anche in una versione limitata in vinile turchese), a 45 giri, copertina cartonata senza barcode, inserto con note ed artwork a colori, label custom nera con disegno colorato. Pubblicato nel maggio del 2021 in forma autoprodotta, questo mini lp con sei brani segue l'eponimo album d'esordio, uscito nel 2018. I sei brani di questo lavoro hanno la loro origine in un periodo trascorso dal gruppo, prima della pandemia del COVID19, nello Stato messicano dello Oaxaca, durante il quale i tre Sàvila si immersero nella musica, nelle tradizioni e nell'ambiente di quel territorio, dove la civiltà indigena pre-ispanica è sopravvissuta al contatto con gli europei. Facendo uso di "field recordings" catturati negli ambienti naturali ed urbani dello Oaxaca, di collaborazioni con musicisti folk incontrati lungo il percorso, di percussioni pre-colombiane, il tutto intrecciato con sonorità elettriche ed elettroniche fluttuanti e sognanti, e con uno splendido ed avvolgente cantato femminile, gentile e spirituale, i Sàvila costruiscono sei deliziose canzoni sospese fra folk messicano ed universalità indie pop, fra richiami a culture ancestrali ed etereo e contemplativo modernismo elettroacustico. I Sàvila sono un gruppo fra indie rock, radici folk messicane ed influenze cumbia basato a Portland, ma composto da tre musicisti di origini latino americane: Papi Fimbres (batteria, percussioni), Brisa Gonzalez (voce, percussioni) e Fabiola Reyna (chitarra, basso, sintetizzatore); il gruppo prende il nome da quello di una pianta officinale selvatica che cresce nelle zone tropicali del pianeta, e si potrebbe ben dire che la loro delicata e spirituale musica contenga dei caratteri terapeutici. Debuttano su disco nel 2018 con un eponimo album autoprodotto, seguito nel 2021 dal mini lp "Mayahuel", anch'esso autoprodotto, ispirato dalla cultura dello Stato messicano di Oaxaca.
Euro
29,00
codice 2109638
scheda
Scaggs boz Bob Scaggs & Band
lp [edizione] originale  stereo  usa  1971  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima stampa americana, copertina (con moderati segni di invecchiamento) cartonata, con timbro dorato "For MIlitary Sale Only" sul retro, etichetta rossa con logos Columbia in arancione lungo la circonferenza, catalogo C 30796. Pubblicato in Usa nel dicembredel 1971 dopo ''Moments'' e prima di ''My time'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk, il terzo abum. Dopo il Californiano e rilassato "Moments", Boz Scaggs aggiunge un po' di potenza e cattiveria al suo blue-eyed soul / funk; "Boz Scaggs & Band" e' un lavoro meno concentrato sul lato solista e piu' il prodotto di una vera band, con la musica del gruppo (tra i musicisti David Brown, ex 31st Of February, George Rains, ex Sir Douglas Quintet e Mother Earth, Joachim Young, ex Shades of Joy) in risalto non meno della voce di Scaggs, con brani come "Runnin' Blue", "Up to You", "Here to Stay" ed il suono pieno e convincente di "Flames of Love" e "Why Why," in cui il gruppo ricorda i migliori Little Feat. Ottimo anche l' utilizzo della sezione fiati. Nato in Ohio ma tresferitosi prima in Oklahoma e poi in Texas, William Royce "Boz" Scaggs ebbe la sua prima band, i Marksmen, ad appena undici anni; era il '55 e del gruppo faceva parte tra gli altri Steve Miller. I due continuarono a tributare il loro omaggio alla musica nera quando, trasferitisi in Wisconsin per gli studi universitari, formarono gli Ardells con il tastierista Ben Sidran; alla fine degli studi Scaggs si reco' in Europa (con alcuni musicisti i quali, tornati presto in Texas, formarono i Mother Earth, tra questi il batterista George Rains) e si fece apprezzare come folk singer, pubblicando in Svezia un album nel '65 (il rarissimo "Boz"). Tornato in America ritrovo' a San Francisco Steve Miller e suono' la chitarra nei primi due albums della sua Steve Miller Band, tra le protagoniste della nuova stagione musicale californiana. Lasciato il gruppo riprese a pubblicare per conto proprio, esordendo con un eccellente lavoro per la Atlantic, ennesimo omaggio al blues ed alla musica nera che si avvale della partecipazione di Duane Allman, e passando poi definitivamente alla Columbia. Della sua discografia dei '70 vanno segnalati soprattutto i primi tre ottimi dischi, tra blues, soul, jazz e musica sudamericana, ispirati e personali, registrati tra gli altri con il tastierista Ben Sidran, gia' con Scaggs negli Ardells, ed il batterista George Rains, ex Mother Earth e gia' con Scaggs in Europa. Meno incisivi ma di maggiore riscontro commerciale gli albums successivi, aperti ad influenze funky, fino a "Middle Man", del 1980, prima di un lungo ritiro dalle scene interrotto nel 1988 e di un decennio successivo attivo e brillante.
Euro
23,00
codice 251940
scheda
Scott jimmy Falling in love is wonderful
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1963  4 men with beards 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Ristampa del 2011, ormai da tempo fuori catalogo, in vinile da 180 grammi, copertina cartonata senza codice a barre, pressoche' identica alla prima tiratura, catalogo $M804. Originariamente pubblicato nel 1963 dalla Tangerine, questo album, molto considerato nell'ambito del jazz vocale, vede il particolare cantante soul jazz americano, con la supervisione musicale di Ray Charles, cimentarsi con un set di romantiche ballate fra pop e jazz, con accompagnamenti orchestrali, e con la sua caratteristica voce androgina. Questa la scaletta: ''They say it's wonderful'', ''I wish I didn't love you so'', ''There is no greater love'', ''If I should lose you'', ''Why try to change me now'', ''I'm getting sentimental over you'', ''Someone to watch over me'', ''How deep is the ocean'', ''I didn't know what time it was'', ''Sunday, Monday or always''. Proveniente da Cleveland, dove nacque nel 1925, il cantante jazz afroamericano Jimmy Scott e' noto per la sua caratteristica voce contralto, dovuta ad una rara malattia, la sindrome di Kallmann. Si fece notare a livello nazionale alla fine degli anni '40, cantando nella band di Lionel Hampton con il nome di Little Jimmy Scott; la sua particolare voce, ma anche le sue notevoli capacita' come cantante, lo fecero apprezzare da illustri colleghi dell'epoca, fra cui Ray Charles.
Euro
32,00
codice 252081
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  music on vinyl 
punk new wave
ristampa in vinile 180 grammi, pressoché identica all'originale. Pubblicato nel luglio del 1996 dalla Epic in Gran Bretagna, dove giunse al 32esimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivo' alla 134esima posizione, il settimo ed ultimo album uscito dopo ''Sweet oblivion'' (1992). Il gruppo americano da' qui la sua ultima prova con un denso rock chitarristico che riprende il filo di ''Sweet oblivion'', arricchito da tinte psichedeliche scorie grunge e da qualche evocativa ballata che mostra echi del Lanegan solista, ma nel complesso ''Dust'' e' un disco dal suono sanguigno e corposo, in cui ancora permane il caratteristico sound del gruppo di Ellensburg. Grande gruppo fra garage punk psichedelico e grunge, fra i padri della scena che fara' furore partendo da Seattle negli anni '90, gli Screaming Trees si formano a meta' anni '80 ad Ellensburg nello stato di Washington, ad opera dei fratelli Gary Lee e Van Conner, mark Pickerel ed ovviamente Mark Lanegan. I loro primi lavori, quelli del periodo indipendente, furono prodotti da Steve Fisk, altro esponente di spicco della musica del nord ovest degli USA, e mostrano un gruppo capace di mettere insieme la psichedelia doorsiana, la ferocia del punk, i toni sgangherati del garage ed il piu' moderno indie rock. Il gruppo, che non raccogliera' mai gli allori commerciali spettanti a ''cugini'' come Nirvana, Soundgarden e Pearl Jam, si accasa presso la Epic all'inizio degli anni '90, con l'album ''Uncle anesthesia'', senza pero' fare molte concessioni alla musica commerciale. Si sciolgono nel 2000.
Euro
29,00
codice 2108629
scheda
Scritti politti Skank Bloc Bologna + 2
7"ep [edizione] originale  stereo  uk  1978  st pancreas 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ep in formato 7", l' originale molto rara stampa inglese del leggendario esordio, pubblicato sulla autogestita St. Pancreas, copertina "hand-made", costutuita da un foglio ripiegato in quattro parti e spillato alla busta interna neutra bianca, fotocopiato all' esterno ed all' interno, ed il nome del gruppo (ed in questa copia alcune striature) sul fronte e sul retro in rosso, etichetta bianca con scritte timbrate a mano in blu su un lato e logo del gruppo timbrato sempre a mano, in verde (come la copertina, anche le etichette esistono in diverse varianti di colore, essendo preparate a mano), foro al centro piccolo. Autoprodotto nel novembre 1978, pressato in sole 2500 copie, l' esordio della band di Leeds, con tre brani altrimenti inediti: sul lato A la lunga e memorabile "Skank Bloc Bologna", brano di straordinaria bellezza ed intensita', comprensibilmente negli anni divenuto un culto assoluto della scena britannica di quegli anni, che riesce a mettere insieme primo post punk, influenze reggae e voce ed atmosfere chiaramente debitrici nei confronti di Robert Wyatt (ma a tratti anche barrettiane), e sul lato B le intriganti "Is And Ought The Western World" e "28 / 8 / 78" (quest' ultima strumentale), che accentuano ulteriormente la vena artsy e quasi sperimentale della musica del gruppo, in questa prima fase della sua lunga storia; una band talentuosissima, autrice di una personalissima musica nella quale, in un sound ancora magnificamente grezzo ed incontaminato, confluivano elementi come il post punk, il 60's pop, il jazz, il reggae, persino la psichedelia, sotto la lente deformante di una attitudine sperimentale affine a quella dei gruppi del contemporaneo Pop Group, per citare un nome, in un sound pero' onirico e delicato, lontano dalla claustrofobia cupissima di quelli. Dopo altri due ep, la collaborazione con Robert Wyatt nel 1981 per il delizioso singolo "Sweetest Girl" ed il suo buon riscontro di vendite a fronte di un approccio molto piu' "pop", proiettarono la band verso un successo inimmaginabile all' epoca dei suoi primi dischi, ottenuto con una musica gradevole ma infinitamente meno interessante di questa. Formatisi nel 1977 a Londra sotto la guida del cantante ed autore gallese Greene Gartside, che restera' nel corso degli anni il fulcro di una formazione in continuo cambiamento, gli Scritti Politti sono stati uno dei piu' apprezzati gruppi pop degli anni '80, con il loro raffinato e melodico dance pop arricchito dai testi raffinati e vagamente filosofici di Gartside come dal suo delicato timbro vocale, definito da alcuni perennemente adolescenziale. I primi anni del gruppo trascorrono nell'underground londinese, e l'approccio degli Scritti Politti e' piu' abrasivo e sperimentale rispetto allo stile che li rendera' famosi negli anni '80. In seguito ad un attacco cardiaco, subito a soli 23 anni, Gartside si ritira momentaneamente dalle scene nel 1979, per poi ritornare nel 1981 con una nuova versione del gruppo, che pubblica nel 1982 il primo album ''Songs to remember'', assai apprezzato dalla critica con il suo pop raffinato ed i testi ricercati. Il successivo ''Cupid & Psyche 85'' (1985) ottiene un notevole successo ma Gartside, disgustato dal mondo musicale e ritenendo incompreso il suo lavoro, abbandona nel 1991 gli Scritti Politti, dopo il terzo album ''Provision'' (1988), dedicandosi ad altri progetti e collaborazioni; il cantante rimette insieme il gruppo solo nel 1999, pubblicando l'atteso quarto album, ''Anomie and bonhomie'', con marcate influenze hip hop.
Euro
65,00
codice 252103
scheda
Sea of wires / chris jones Recordings 80-82 (ltd. numbered)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  ger  1980  vinyl on demand 
punk new wave
Edizione limitata a 500 copie numerate sull'inserto formato cartolina, vinile doppio pesante, copertina apribile senza codice a barre, label custom in bianco e nero con artwork diverso su ciascuna delle quattro facciate, catalogo VOD131.09/10. Pubblicata nel 2014 dalla Vinyl On Demand, questa antologia compila brani tratti dalle tre rare cassette originariamente edite fra il 1980 ed il 1982 dal progetto Sea Of Wires, creautra di Chris Jones in collaborazione con Tony "T" Murphy. Entrambi erano grandi estimatori sia degli Hawkwind che della scena elettronica tedesca degli anni '70 di Tangerine Dream, Ash Ra Tempel, Harmonia e Cluster; i Sea Of Wires si esibirono dal vivo nell'area di Coventry e pubblicarono una due rare cassette autoprodotte all'inizio degli anni '80, "Individually screened" (1980), "Beyond the edge of tomorrow" (1982), mentre nel 1981 Jones a sua volta realizzò un nastro, "Diversions (an odd electronic assortment)", anch'esso raro oggetto di culto nel microcosmo della "cassette culture". La loro musica, minimalista, dominata da pulsazioni elettroniche ipnotizzanti e vicine alla sopracitata musica tedesca, screziata tuttavia anche da dissonanze noisy ed occhieggianti allo industrial, fu molto bene accolta dalla stampa specializzata e dalla scena underground della cassette culture. La musica dei Sea Of Wires si basava su improvvisazioni live soprastanti diversi stratti di musica già registrata, e nei loro progetti c'era la realizzazione di un'arte miltimediale che combinasse suono e video, purtroppo non portata a termine prima dello scioglimento del sodalizio fra i due a metà anni '80. Questa la scaletta: Lp1A - Sea of Wires 2 "Indivdually Screened" (SOW02, 1980): A1 Invincible 7:15 A2 Is the New Man Human 8:30 A3 Returrn of the Captain 2:15 A4 Robot Dance 2:19 A5 Breathing 8:30; LP1B - Sea of Wires 2 "Indivdually Screened" (SOW02, 1980): B1: An Endless Rainy Day 16:15 (also on V/A Snatch 2, Sntach Tapes, 1981) B2: Seascape 12:10; Lp2A - Chris Jones "Diversions Sea of Wires" (SOW11, 1981): A1 The Man who Smiles 3:50 A2 S.O.W. (the Sea of Wire) 5:50 A3 New Age (With Apologies to you know who) 5:40 A4 It will never work 3:00 A5 The Nightmare Continues Edit to 3:00; Lp2B - Sea of Wires 3 "Beyond the Edge of Tomorrow" (SOW3, 1982): B1 Recollections of Death (29:54).
Euro
31,00
codice 3514210
scheda
Second layer (sound) World of rubber (grey vinyl + 3 tracks - rsd 2020)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  radiation 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA IN 500 COPIE, NUMERATE A MANO SULL' ADESIVO POSTO SULLA BUSTA ESTERNA, IN VINILE GRIGIO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' AGOSTO 2020, ristampa con copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita su Cherry Red, con inserto e soprattutto tre tracce aggiunte per l' occasione ("Courts or Wars" e "Metal Sheet" dal primo raro 7"ep del luglio 1979 "Flesh As Property", e la delicata e sognante, inedita in vinile, "Skylon", qui erroneamente indicata come "Skyclon", composta da un giovanissimo Phil King, che poi sara' con Apple Boutique, Felt, Biff Bang Pow!, Servants, Lush e Jesus & Mary Chain, e cantata dalla ragazza di King stesso, Roxanne New). "World of Rubber" e' l' unico album del progetto Second Layer, composto da Adrian Borland e Graham Green Bailey dei Sound (gia' insieme, prima dei Sound, negli Outsiders), pubblicato nello stesso anno del secondo splendido album dei Sound "From The Lion's Mouth". I Second Layer erano autori di una musica dalle atmosfere oscure ed evocative, che si sviluppano sul basso gelidamente ossessivo di Green, sostenuto da una drum machine, con echi di chitarre e synth, e su tutto la voce dolorosamente intensa di Borland, il tutto avvolto in una atmosfera oscura, sognante e tesa a tempo stesso, non distante a tratti dai territori gia' percorsi dai newyorkesi Suicide, nonostante la fortissima impronta della personalita' dei suoi artefici. Melodie oscure che si addentrano in territori ancora piu' dolorosi e profondi rispetto a quelli dei Sound, abbandonando la malata solarita' del progetto madre; Second Layer e' nuova via espressiva, ancora piu' introversa, malinconica e glacialmente minimale che conferma il compianto Adrian Borland uno dei maggiori "cantori" del post-punk britannico, con i suoi testi tra paranoia e romanticismo.
Euro
21,00
codice 2109375
scheda
Senese james (napoli centrale) james senese (ltd. red vinyl, rsd 2021)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  polydor 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE ROSSO, REALIZZATA IN 500 COPIE NUMERATE SULL' ADESIVO POSTO SUL CELLOPHANE, IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2021, ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata dai nastri originali, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato nel 1983, prima di "Il passo del gigante" (1984), il primo album del cantante e sassofonista napoletano James Senese, ex 4 Conny (alcuni 45 giri per loro), Showmen e soprattutto Napoli Centrale, oltre che nel supergruppo che accompagno' per anni Pino Daniele. Descrizione completa a seguire.
Euro
33,00
codice 2109846
scheda
Sensations' fix Sensation's fix (coloured vinyl)
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1974  btf.it / polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, con adesivo di presentazione sul cellophane, ristampa del 2019, edizione limitata in vinile chiaro con chiazze multicolore, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura, etichetta Polydor rossa con logo nero e bianco in alto, catalogo VMLP212. Originariamente pressato nel 1974 dalla Polydor solo in Italia, uscito solo in forma promozionale e ritenuto il loro disco più raro, questo è il primo album dello storico gruppo, ed è l'unico ad essere accreditato a nome Sensation's Fix, denominazione poi corretta dallo lp successivo in Sensations' Fix. Uscito poco prima di ''Portable madness'' (1974), questo eponimo 33 giri d'esordio fu probabilmente concepito come disco d'archvio non destinato alla vendita, data la presenza della scritta ''music specially recorded for radio and television'' sul retro della copertina. Ciò sembra essere confermato anche dal contenuto musicale, composto da brani di breve durata e stilisticamente diversi, da tracce di suggestivo ''space progressive'' come ''Astride Vibration'' a pezzi per sole tastiere e sintetizzatori come la litania ipnotizzante di ''Cosmic fuel'', da un pezzo più tipicamente rock ma stralunato e venato di psichedelia come ''Muddy candy'' ad episodi senza percussioni e vicini alla musica cosmica, ma con un tocco originale, quali ''Galactic interference'' e ''Fall of sensations on earth'', fino ad un episodio guidato da una chitarra elettrica pastorale ed etera che mostra affinità con certi Popol Vuh, come ''Broad mindedness''. Composto interamente da Franco Falsini, questo primo album contiene i germi della peculiare musica dei Sensations' Fix poi maturati nei dischi successivi. Franco Falsini era stato nel 1966 uno dei fondatori del leggendario trio dei Noi Tre, che comprendeva anche un futuro componente della Triade, Agostino Nobile. Il gruppo, influenzato da Cream e Pretty Things, realizzo' un unico singolo nel 1968, dopodiché Falsini uscì, sostituito da un'altra futura leggenda del rock progressivo italiano, Paolo Tofani, poi negli Area e da solo come Electric Frankenstein. Dopo un'altra breve esperienza con Le Madri Superiori, Falsini formò i Sensations' Fix, con l'ex bassista italo-americano dei Campo di Marte Richard Ursillo e il batterista americano Keith Edwards. Da notare che il nome del gruppo è scritto Sensation's Fix sul loro primo album promozionale e Sensations' Fix su tutti gli altri. Il gruppo provava in una casa di campagna vicino Firenze, ed aveva un gusto molto vicino alla musica tedesca che li rendeva unici nel panorama del prog italiano. Gruppo principalmente elettronico, con un suono basato sulle tastiere e con un uso limitato della voce, produssero ben tre album nel 1974, uno dei quali uscito solo in edizione promozionale e completamente strumentale nello stesso stile di tanti gruppi tedeschi del genere Cosmic Couriers. I loro album erano tutti autoprodotti e registrati nello studio del gruppo, spesso con una qualità tecnica solo amatoriale.Con l'ingresso del tastierista Stephen Head, il quarto album ''Finest finger'' è il primo a contenere parti vocali piu' elaborate, ed è un lavoro più accessibile dei precedenti. Anche il disco seguente, ''Boxes paradise'', prosegue nella stessa direzione. Il gruppo si trasferì poi in California, dove venne registrato ''Vision's fugitives'', uscito solo negli USA, ma senza successo. Questo è il loro album dal suono più americano, e include anche l'ex batterista dei Campo di Marte Carlo Felice Marcovecchio (chiamato Marco Marcovecchio in copertina) in un paio di brani. L'ultimo album fu ''Flying tapes'', uscito nel 1978 e comprendente rifacimenti di brani dagli album precedenti. Seguì lo scioglimento definitivo, probabilmente all'inizio degli anni '80. Il leader Franco Falsini ha anche pubblicato un album da solo, ''Cold nose'', colonna sonora del film omonimo, nel 1975; trasferitosi negli Stati Uniti, in Northern Virginia, Falsini formò il gruppo Sheriff dopo lo scioglimento dei Sensations's Fix, con un suono molto più rock. Le ultime notizie lo davano come produttore di musica techno a Londra nei primi anni '90. Il bassista Richard Ursillo ha continuato a suonare in vari gruppi della zona di Firenze dopo la fine del gruppo, ed ha collaborato per un breve periodo alla riunione del Campo di Marte nel 2003. Note a cura di Augusto Croce, dal suo bellissimo libro e sito internet "Italian Prog".
Euro
28,00
codice 251922
scheda
Sepultura revolusongs (ltd. picture disc, rsd 2022)
lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  2002  bmg 
heavy metal
RISTAMPA IN EDIZIONE LIMITATA DI SOLE 1800 COPIE, IN PICTURE DISC, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 20222, copertina plastificata esterna, con adesivo di presentazione, inserto con lista dei brani ed artwork visibile sul retro; originariamente pubblicato nel 2002, questo minialbum della band brasiliana contiene sette covers, con una scelta di titoli a volte davvero soprprendente, ovviamente trasfigurate, con eccellenti risultati: "Messiah" degli Hellhammer, "Angel" dei Massive Attack, "Black Steel in the Hour of Chaos" dei Public Enemy, "Mongoloid" dei Devo, "Mountain Song" dei Jane's Addiction, "Bullet the Blue Sky" degli U2 e "Piranha" degli Exodus. I Sepultura, gruppo brasiliano di Belo Horizonte, dedito a trash-death metal, uno dei pochi gruppi dopo i Metallica a mettere d'accordo la stampa specializzata ed il pubblico in un ambito musicale molto spesso snobbato dalla critica. Dopo aver esordito nel 1986 con l'album "Morbid visions", successivi lavori come il quarto lp "Arise" del 1991 confermano gli esponenziali progressi del gruppo, ormai giunto all'inzio dei '90 ad una piena maturita', capace di mettere in mostra una personalita' che certo i primi dischi non lasciavano sospettare, e che ha fatto della band una delle piu' influenti della musica "metal" degli ultimi anni, perfettamente in grado di mettere a fuoco anche un piu' che mai esplicito slancio politico nei testi, nell' ambito di una musica di straordinario impatto sonoro, ricchissima di influenze ed elementi diversi amalgamati perfettamente, con le solite influenze degli Slayer e dei Metallica messe insieme a mille altre (certo post-punk dalle tinte oscure, una complessita' a tratti "progressive" ed un approccio viscerale vicino a tratti a certo grunge) dominata dalla voce urlata del cantante, vicina a quella di tanti gruppi death-metal, ma destinata ad una ben diversa efficacia nel contesto musicale. La loro lunga carriera va avanti con nuovi lavori nei primi decenni del XXI secolo.
Euro
34,00
codice 3028509
scheda
Setien elena Unfamiliar minds (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2022  thrill jockey 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato, blu trasparente. Il quarto album per l'artista basca, ex del duo vocale jazz Little Red Suitcase, il primo per la statunitense Thrill Jockey. Con la collaborazione con l'artista di avanguardia Xabier Erkizia, è un album che fonde il cantautorato e le armonie vocali della Setien con arrangiamenti di elettronica minimali e sperimentali, con riferimenti a Laurie Anderson o nei pezzi più rock a Pj Harvey.
Euro
31,00
codice 2109262
scheda
Sex pistols Never mind the bollocks.. (uk version)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  back to black / universal 
punk new wave
ristampa ufficiale, in vinile 180 grammi, pressoche' identica alla prima rara tiratura nella sua versione inglese definitiva, con 12 brani (inclusa "Submission", che nelle prime copie era allegata come singolo bonus), e retrocopertina , senza barcode, nella versione che ancora non include nella lista "Submission", etichetta azzurra con logo rosa e rosso. l' album piu' importante nella storia del rock dai tempi del primo Velvet Underground. Uscito in Inghilterra il 28 ottobre del '77, dopo infiniti rinvii, "Never Mind The Bollocks Here's the Sex Pisols" e' un' opera il cui impatto sull' immaginario sia musicale che "estetico" del suo tempo e' stato davvero a dir poco enorme (basti pensare che raggiunse il primo posto nelle classifiche di vendita inglesi!), per parlare del contenuto del quale, a scelta, basta una parola ("EPOCALE") od occorrerebbero libri (cercate quello, bellissimo di John Savage), momento di massima gloria nella breve, intensissima e sgangherata esistenza di una band nata da troppe spinte diverse e contrastanti, ed in cui l' ingresso di Sid Vicious aveva definitivamente spostato gli equilibri verso le tendenze autodistruttive che esploderanno durante la tournee americana che segui' la pubblicazione del disco negli States. Il punk rock e' tutto qui': spirito iconoclasta, tra ironia e rivolta anarchica, un minimalismo musicale in violenti brani da due accordi che paradossamente restituiscono l' arte alla musica, o la musica all' arte, dopo anni di buio, la sacrosanta voglia di sfondare le barriere dell' immobilismo, ma con la consapevolezza del vuoto aldila'. Inni come "God Save the Queen", "Pretty Vacant" o "Anarchy in the Uk", aldila' delle tante disquisizioni sull' effettivo valore della band, o su quanto fosse manipolata da Malcom McLaren, appartengono ormai alla memoria collettiva, e vi hanno lasciato una traccia profondissima. Se nel '77 compraste al posto di questo ''Going for the one'' degli Yes, non e' ancora troppo tardi per pentirsene.
Euro
27,00
codice 2109100
scheda
Shadows the shadows (+2 extra tracks)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1961  waxtime 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica sul fronte a quella della prima rara tiratura uscita in Uk su Columbia, con note supplementari sul retro, e arricchita della presenza di due tracce aggiunte (i due noti singoli "Apache" e "Dance On!"). Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1961 prima di ''Out of the Shadows'', giunto al numero 1 delle classifiche Uk e non entrato in quelle Usa. Il primo album. Dopo aver pubblicato dversi singoli di grande successo gli Shadows evidenziano la loro indipendenza da Cliff Richard con questo debutto, certamente uno dei capolavori della musica Inglese pre-Beatles ed uno dei piu' influenti di tutta la saga del rock, con un intera generazione di musicisti che si ispireranno al suono chitarristico assolutamente innovativo di Hank Marvin, che trova per molti aspetti un termine di paragone nella nascente musica surf americana, e al batterista Tony Meehan. Tra i brani "Blue Star", "Sleepwalk", "Nivram" (da cui Peter Frampton trarra' "Theme From Nivram"). Nati nell' estate del 1958 come Drifters, con membri di Vipers e Railroaders, si fanno conoscere come accompagnatori di Cliff Richard, e nel 1959 divengono Shadows, caratterizzati dalla chitarra di Hank Marvin, con brani completamente strumentali tra il surf ed il pop con un misto di dolcezza ed energia, divengono uno dei principali miti del rock inglese prima dell'avvento del primo beat.
Euro
20,00
codice 2108985
scheda
Shane jackie Live! (ltd. coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  can  1967  other peoples music 
soul funky disco
Edizione limitata in vinile di colore rosso. Ristampa del 2015 ad opera della Other Peoples Music, pressoché identica alla rarissima prima tiratura (l'adesivo sul fronte copertina indica la presenza di una bonus track, che non viene però specificata nella scaletta né sul retro copertina né sulle labels). Originariamente pubblicato nel 1967 dalla Caravan solo in Canada, il leggendario unico album di Jackie Shane (1940-2019), cantante afroamericana originaria di Nashville, Tennessee, ma passata alla storia come figura di culto della scena soul del Canada, dove si era trasferita nel 1960, prima a Montreal, dove fu scoperta da un altro musicista statunitense espatriato, Frank Motley, con il quale instaurò una lunga collaborazione, e poi a Toronto, dove divenne una grande attrazione locale. Esponente di una corrente del soul e r'n'b radicata nel Sud degli Stati Uniti, vibrante, energica ed a tratti graffiante, Shane è descritta in più ricostruzioni biografiche come artista transgender, una delle prime ad emergere sulle scene. Questo unico album, uscito nel 1967 ma registrato dal vivo nel 1963, offre un adrenalinico e scoppiettante soul / r'n'b in cui la cantante si esprime con la forza e la frenesia di un predicatore o di grandi voci del Sud come Little Richard, James Brown e Wilson Pickett, esprimendosi con una voce androgina rauca e strillante, in alcuni casi in lunghi tour de force come "Money" (dieci minuti di durata) e "Any other way" (otto minuti). Sebbene negli anni '60 Shane fosse stata una delle figure di riferimento della scena soul di Toronto, nel decennio successico ers apparentemente uscita dalle scene ed aveva fatto ritorno negli Stati Uniti; nei decenni successivi rimase una figura di culto sconosciuta ai più, riscoperta solo nel secondo decennio del XXI secolo grazie ad un documentario su di lei.
Euro
34,00
codice 3514233
scheda
Shankar family and friends (ravi shankar, george harrison) I am missing you / lust (ltd. blue vinyl, rsd 2022)
12" [edizione] nuovo  stereo  cze  1974  dark horse 
world
EDIZIONE LIMITATA A 2700 COPIE, IN VINILE DI COLORE BLU, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 23 APRILE 2022, copertina senza codice a barre. Ristampa del 2022 ad opera della Dark Horse, in formato 12" e non più 7", e con copertina che riprende lo artwork dell'album "I am missing you". Originariamente pubblicato nel 1974 dalla Dark Horse, etichetta fondata dall'ex Beatle George Harrison, questo singolo, il primo edito da quella label, è uno dei pochissimi dischi realizzati dalla Shankar Family & Friends (a cui nome uscì anche un album nello stesso anno): un'opera collettiva realizzata da un folto gruppo di musicisti, fra cui il grandissimo sitarista Ravi Shankar e lo stesso Harrison; nella lunga lista dei partecipanti alle sessioni troviamo la cantante Lakshmi Shankar, Ringo Starr, Klaus Voorman, l'organista Billy Preston, il grande violinista indiano L. Subramaniam, il pianista Nicky Hopkins ed il suonatore di tablas Alla Rakha, fedele collaboratore di Ravi Shankar. Questo singolo contiene due brani, "I am missing you", tratta dal sopracitato lp, un pezzo di pop vocale con un forte afflato spirituale e corale e richiami all'India ma con uno stile musicale molto occidentale, e "Lust", inedita su album, un pezzo strumentale che fonde la musica indiana con un una sorta di easy listening esotico guidato dal flauto e dal sitar. Uno dei più importanti e famosi musicisti indiani del '900, Ravi Shankar nasce a Varanasi nel 1920; importantissima è stata la sua opera di diffusione della musica del Nord dell'India presso il pubblico internazionale, ispirando anche l'accostamento di musicisti rock occidentali alla musica indiana, come George Harrison (che studiò il sitar presso Shankar nel 1966) e suonando allo storico festival di Monterey nel 1967.
Euro
27,00
codice 3514338
scheda
Shellac At action park
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1994  touch & go 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
prima rara stampa, con copertina in cartone ruvido grezzo, stampata in USA, con scritte ben marcate nere, vinile pressato in UK, pesante 165 grammi (e non 180 grammi come le ristampe), etichetta nera con scritte bianche ed inner rigido (fabbricato in UK come scritto in basso su di un lato) sagomato sul lato di apertura con note e disegni, dicitura su interno copertina ''Presses used 1952 Chandler & Pryce 9x12'' new stye platen press. Kelsey 5X8" model P hand press'', groove message ''smoking is as natural as breathing. They've been doing it since before I was born...'' sul lato A e ''...which is a shame because I could have invented it – ted stanford trainer 1994'' sul lato B. Pubblicato nell' agosto del 1994, il primo album della band del geniale Steve Albini, nato a Pasadena, California, ma basato a Chicago, gia' tra i personaggi piu' influenti della scena americana alternative noise degli anni '80, alla guida prima dei pionieristici Big Black e quindi dei Rapeman, oltre che produttore di innumerevoli bands. A distanza di ben cinque anni dall' unico album dei Rapeman, un paio di 7" e questo "At Action Park" riproposero Albini, coadiuvato da Todd Trainer (gia' con Rifle Sport, Breaking Circus e Brick Layer Cake) e Bob Wetson dei Volcano Suns, all' avanguardia dei suoni piu' estremi dell' alternative rock americano di stampo noise, pur fedele ad un percorso artistico che rimane logica ma non scontata prosecuzione del discorso gia' intrapreso con Big Black e Rapeman. Claustrofobico e psicotico, violento talora piu' nelle tensioni che aleggiano su ogni brano che nella aggressivita' che in realta' e' spesso latente, minaccia ma di rado esplode, in brani scarni, dai ritmi costantemente spezzati e segnati dalla chitarra inconfondibile di Albini, "At Action Park" rimane il capolavoro degli Shellac, ed uno dei massimi della lunga storia artistica di questo personaggio.
Euro
50,00
codice 252300
scheda
Shocking blue at home (ltd. pink vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  music on vinyl 
rock 60-70
Ristampa del 2021, in vinile 180 grammi per audiofili, rimasterizzata per l' occasione, EDIZIONE LIMITATA DI 3000 COPIE, NUMERATE SUL RETROCOPERTINA, IN VINILE ROSA, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura olandese del 1969 ma con dieci tracce invece di nove: manca rispetto alla prima edizione "The Butterfly And I", ma al suo posto sono presenti, nell' originario mix monofonico, i singoli del 1969 "Venus" e "Long and Lonesome Road" (la celeberrima "Venus" fu inserita nella seconda versione olandese del disco e nelle versioni dell' album uscite in altri paesi). Originariamente pubblicato dalla Pink Elephant in Olanda, il secondo album, uscito dopo ''First album'' (1968) e prima di ''Scorpio's dance'' (1970). ''At home'' e' un lavoro storico nella discografia del gruppo olandese, in quanto segna l'ingresso in formazione della cantante Mariska Veres in sostituzione dell'originario frontman Fred De Wilde, e perche' contiene (nella sua seconda versione) il loro brano di gran lunga piu' famoso, ossia ''Venus'', vero tormentone pop di fine anni '60; musicalmente l'album mette insieme il pop degli anni '60 con influssi del garage, del beat e della British invasion, con interventi di sitar, chitarre fuzz e vibrate che appaiono in alcuni brani. Celebre gruppo olandese formato da Robby Van Leeuwen, sulle ceneri dei Motions, gli Shocking Blue si formano all'inizio del 1967; caratterizzati dalla splendida voce femminile di Mariska Veres, pubblicano numerosi lavori prima di sciogliersi nel 1974 ed il loro ricordo e' immortalato dal celeberrimo singolo ''Venus'' (1969). I primi tre albums, con ancora tracce di beat, sono considerati i loro migliori e piu' originali.
Euro
29,00
codice 3028525
scheda
Shutdown 66 Come on girl gimme half a chance
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2004  soundflat 
indie 90
ristampa del 2021. Il quarto ed ultimo album della travolgente band australiana garage di Melbourne. influenzato dal garagepunk degli anni '60 e dall'R&B britannico, il gruppo (con membri di THE BREADMAKERS, HEKAWIS, THE PURITANS e DRIVEWAY SERVICE) durante il periodo di attività dal 1998 al 2004 ha prodotto quattro albums per l'australiana Corduroy. Garage punk di alta qualità con una forte infusione di R&B, chitarre fuzz sporche, organo farfisa e armonica e la voce urlante del cantante Nicky Shutdown.
Euro
17,00
codice 2108559
scheda
Sill judee judee sill (180 gr.)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  music on vinyl 
rock 60-70
Inserito dallo staff del Mucchio Selvaggio tra i 50 dischi piu' importanti del folk americano e dallo staff della rivista di Blow Up tra i 600 dischi fondamentali della storia del rock. Ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, con copertina apribile con testi all' interno, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Asylum, dello splendido esordio, oggetto di doverosa riscoperta, cosi' come il secondo e purtroppo ultimo album "Heart Food", della cantautrice americana di culto, originariamente pubblicato dalla Asylum. Un incantesimo folk rock, vicino alla miglior Joni Mitchell di "Ladies of the Canyon" (di cui condivide la produzione, curata da Bob Harris) o di "Blue", caratterizzato da arrangiamenti misurati eppur ricchi (gli archi fanno di tanto in tanto capolino), liricissimo pur nella discreta e quasi timida vocalita' della splendida voce della Sill, che nella quasi bucolica limpidezza di una musica delicatissima lascia trasparire una tristezza malinconica e disperata, qualla di una vita ancora breve, che presto sara' spezzata dalle droghe e dall' autodistruzione. Un disco magnifico, uno dei massimi capolavori della musica americana dei primi anni '70, che lasciare nel dimenticatoio sarebbe stato davvero un delitto.
Euro
29,00
codice 2108605
scheda
Silver apples contact (limited colored vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  jackpot / universal 
rock 60-70
bella ristampa limitata in vinile colorato, realizzata dalla Jackpot nel 2017, per la prima volta ottenuta dai master tapes originali, copertina senza barcode, pressoche' identica a qeulla della prima rara tiratura uscita in Usa su Kapp, e corredata di esclusiva inner sleeve. Il secondo album, uscito dopo ''Silver Apples''. Duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con nove oscillatori e 86 controlli manuali'', sono stati uno dei piu' senzazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi, il loro lavoro precede quello di bands quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno 10 anni. Questo loro album, composto da basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile, suona come una versione punk psichedelica dei Suicide ed e' incredibile che l'anno di uscita sia il 1969. Il disco, naturalmente, vendette pochissimo, si parla di meno di 500 copie, seguendo le orme del lavoro precedente, sia nel successo che nello stile, pubblicato nel 1968, dopodiche' i due si smaterializzarono lasciarono il pianeta e tornarono nella galassia aliena dalla quale certo provenivano. I Silver Apples erano un duo di New York, che si autodefiniva ''meccanismo organico con 9 oscillatori e 86 controlli manuali''; sono stati uno dei piu' sensazionali ed innovativi gruppi di tutti i tempi. Il loro lavoro precede quello di band quali Suicide, Spacemen 3 o Laika di almeno dieci anni (o almeno venti, nel caso degli ultimi due gruppi citati); la loro musica, suonata per lo piu' con basso, oscillatori, tastiera e batteria, e' indescrivibile: suona come una versione punk psichedelica dei Suicide propulsa dalla vena visionaria dei tardi anni '60. I loro due album, usciti rispettivamente nel 1968 e nel 1969, vendettero pochissimo (si parla di poche centinaia di copie), e dei due si persero le tracce finche' incredibilmente nel 1996 Simeon Coxe, il tastierista e cantante originario, in compagnia di tale Xian Hawkins ha pubblicato un singolo, a nome Silver Apples, intitolato ''Fractal flow'', seguito da dua nuovi albums, "Beacon" (1997) e "Decatur" (1998), oltreche' da ''The garden'' (1998), album contenente incisioni inedite dei tardi anni '60 e completate trent'anni dopo, che avrebbero dovuto essere la base di un terzo album rimasto incompiuto all'epoca.
Euro
32,00
codice 2109295
scheda
Silver horace Six pieces of silver (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1956  blue note / universal 
jazz
ristampa in vinile 180 grammi, masterizzata dai master tapes analogigi originali, copertina pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1957 dalla Blue Note, inciso al Rudy Van Gelder Studio di Hackensack, New Jersey, il 10 novembre del 1956, con formazione composta da Horace Silver (pianoforte), Donald Byrd (tromba), Hank Mobley (sax tenore), Doug Watkins (contrabbasso) e Louis Hayes (batteria). Definito dalla critica come il primo album classico del quintetto di Horace Silver, questo ''Six pieces'' vede il leader ed il suo gruppo trovare una propria voce originale, nonostante che il quintetto fosse ancora in buona parte composto dai Jazz Messengers dell'anno precedente (meno Art Blakey, ovviamente). Classico hard bop. Questa la scaletta: ''Cool eyes'', ''Shirl'', ''Camouflage'', ''Enchantment'', ''Senor blues'', ''Virgo'', ''For heaven's sake''. Nato nel 1928 a Norwalk nel Connecticut, Horace Silver e' considerato uno dei piu' grandi interpreti dello hard-bop degli anni '50 ed uno dei pianisti piu' influenti sul jazz mainstream dei decenni successivi. Le sue prime influenze musicali sono quelle di Capoverde, trasmesse dal padre di origine portoghese. Dopo aver iniziato a studiare il piano ed il sassofono cade sotto l'influenza di "boppers" come Thelonious Monk e Bud Powell. Nel '50 suona per la prima volta insieme a Stan Getz, con il quale lavorera' anche in seguito. Poi va a New York dove suona con Coleman Hawkins, Lester Young e Oscar Pettiford. Nel '52 incide per la Blue Note insieme a Lou Donaldson. Poi incontra Art Blakey ed incide il suo primo album, "Horace Silver and The Jazz Messengers", uno dei capisaldi dell' hard-bop. Nel corso della sua carriera ha inciso dischi quasi esclusivamente per la Blue Note.
Euro
28,00
codice 3028448
scheda
Simon & Garfunkel concert in central park (+booklet)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  sony / legacy 
rock 60-70
Doppio album, ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata, con codice per il download digitale, copertina apribile pressocche' identica a quella della originaria tiratura su Warner Bros, e corredata dell' originario booklet di 12 pagine con testi e foto in bianco e nero ed a colori. Pubblicato in Usa nel febbraio del 1982 dopo ''Bridge over troubled water'', giunto al numero 6 delle classifiche americane ed al numero 6 di quelle Uk. Contiene la registrazione del celeberrimo concerto gratuito tenuto a New York il 19 settembre 1981di fronte ad oltre un milione di persone in occasione della reunion a 12 anni dal loro scioglimento. Ecco la scaletta dei brani contenuti: Mrs. Robinson, Homeward Bound,America, Me and Julio Down by the Schoolyard, Scarborough Fair, April Come She Will, Wake Up Little Susie, , Still Crazy After All These Years, American Tune, Late in the Evening, Slip Slidin' Away, A Heart in New York, Kodachrome/Maybellene, Bridge over Troubled Water, 50 Ways to Leave Your Lover, The Boxer, Old Friends, The 59th Street Bridge Song (Feelin' Groovy),The Sound of Silence.
Euro
29,00
codice 2109692
scheda
Simon paul graceland
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1986  Warner Bros 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa americana, copertina in rilievo nella versione con codice a barre sul retro direttamente sullo sfondo crema della copertina, e non su un rettangolo bianco, completa di inner sleeve con testi, etichetta bianco/crema con logo ''WB'' in alto e logos ''WB'' grigi sullo sfondo, catalogo 1-25447 sull' etichetta e 9 25447-1 sulla copertina, copia pressata negli stabilimenti Specialty Records Corporation di Olyphant, Pennsylvania, con "AL-SP" inciso sul trail off. Pubblicato nel settembre del 1986 dopo ''Hearts and bones'' e prima di ''The rhythm of the saints'', giunto al numero 3 delle classifiche Usa ed al numero 1 di quelle Uk. Il nono album. Uno dei dischi piu' considerati, premiati e rilevanti della musica americana del decennio. Con "Graceland", Paul Simon combina il suo eccelso talento compositivo con la poco conosciuta musica mbaqanga del Sud Africa, e crea un affascinante ibrido sonoro e letterario che recupera il suo vecchio pubblico e gliene assicura uno nuovo. vi sono anche altre influenze in questa opera, lo zydeco per esempio, ma anche un anima decisamente rock & roll , i testi sono innovativi, meno lineari, piu' poetici ed astratti , come in "Diamonds on the Soles of Her Shoes" ma sempre ispirati e satirici. Album dallo status leggendario, e' divenuto una sorta di standard musicale, nei confronti del quale tutti gli esperimenti musicali dei piu' noti artisti si sono misurati.
Euro
32,00
codice 251842
scheda
Simone nina 'Nuff said (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  music on vinyl 
soul funky disco
Vinile da 180 grammi. Ristampa del 2015 ad opera della Music On Vinyl, pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1968 dalla RCA Victor nel Regno Unito, dove giunse all'undicesimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivò alla 44esima posizione nella classifica r'n'b, questo album fu registrato dal vivo alla Westbury Music Fair di New York il 7 aprile dello stesso anno, con l'eccezione dell'ultimo brano in scaletta "Do what you gotta do", inciso in studio. Il concerto ebbe luogo tre giorni dopo l'assassinio di Martin Luther King, e fu interamente dedicato alla sua memoria; il brano "Why? (the king of love is dead)" fu scritto sul momento, ispirato dalla tragica scomparsa del grande leader della lotta per i diritti civili. Fu una performance amara e carica di tensione emotiva, sintesti di pop, jazz e r'n'b fuori dagli schemi, che fruttò fra l'altro una delle più grandi hits europee della Simone, la commovente e splendida "Ain't fot no, I got life", cover del brano tratto dal musical "Hair", e l'album ricevette anche una nomination agli Emmy awards. Questa la scaletta completa: "IN THE MORNING", "SUNDAY IN SAVANNAH", "THE BACKLASH BLUES", "PLEASE READ ME", "GIN HOUSE BLUES", "WHY? (THE KING OF LOVE IS DEAD)", "PEACE OF MIND", "AIN'T GOT NO; I GOT LIFE", "I LOVES YOU PORGY", "TAKE MY HAND, PRECIOUS LORD", "DO WHAT YOU GOTTA DO". Una delle più grandi voci della musica afroamericana della seconda metà del '900, Nina Simone (1933-2003) era una cantante dalla voce particolare, quasi maschile, calda ed avvolgente, a suo agio con i più diversi stili, dal jazz al pop, dal soul al folk. Dotata di un carattere molto forte ed attiva nei movimenti per i diritti degli afroamericani, attraversò un periodo di splendore negli anni '60, sebbene non giungesse mai alle vette delle classifiche, per poi tornare alla ribalta alla fine degli anni '80 dopo un periodo più oscuro trascorso in giro per il mondo nel corso dei '70.
Euro
30,00
codice 3514358
scheda
Simone nina And piano
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  music on vinyl 
soul funky disco
Ristampa in vinile da 180 grammi per audiofili, pressocche' identica alla prima rara tiratura su Rca nel 1968 negli USA. Nina Simone si accompagna con il suo solo pianoforte in quasi tutto questo lp, frutto di un periodo in cui la grande cantante aggiungeva tocchi sperimentali al suo gia' eclettico stile. Una serie di spettrali e toccanti ballate pianistiche, fra cui spiccano interpretazioni di brani diversi fra loro come ''Nobody's fault but mine'', ''I think is going to rain today'' (di Randy Newman) e lo standard ''I get along without you very well''. Questa la scaletta: ''Seems I'm never tired lovin' you'', ''Nobody's fault but mine'', ''I think it's going to rain today'', ''Everyone's gone to the moon'', ''Compensation'', ''Who am I'', ''Another spring'', ''The human touch'', ''I get along without you very well'', ''The desperate ones''. Una delle piu' grandi voci della musica afroamericana della seconda meta' del '900, Nina Simone (1933-2003) era una cantante dalla voce particolare, quasi maschile, calda ed avvolgente, a suo agio con i piu' diversi stili, dal jazz al pop, dal soul al folk. Dotata di un carattere molto forte ed attiva nei movimenti per i diritti degli afroamericani, attraverso' un periodo di splendore negli anni '60, sebbene non giungesse mai alle vette delle classifiche, per poi tornare alla ribalta alla fine degli anni '80 dopo un periodo piu' oscuro trascorso in giro per il mondo nel corso dei '70.
Euro
29,00
codice 2109481
scheda

Page: 60 of 72


Pag.: oggetti: