Hai cercato:  rsd --- Titoli trovati: : 453
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Engineers Folly (rsd 2022)
10" [edizione] nuovo  stereo  uk  2004  echo 
indie 2000
ristampa in formato 10" numerata limitata a 1000 copie. Pubblicato nel settembre del 2004 dalla Echo in Gran Bretagna, il primo mini lp, precedente l'eponimo primo album del 2005. La band inglese propone qui la sua visione dell'estetica shoegazer e dream pop, proponendo episodi come ''A given right'', ''Forgiveness'', ''Come in out of the rain'' e ''Nature's editing'', caratterizzati da un rumorismo chitarristico ''gentile'' ed avvolgente, ritmi lenti e voci soffuse, che evocano una sorta di Ride al rallentatore, mentre la delicata cover di ''If I were a carpenter'' di Tim Hardin e' una deliziosa ballata acustica dai toni introspettivi e sottilmente autunnali, ed il lungo brano di chiusura ''Pictobug'' si addentra in contemplativi e distesi paesaggi ambient. Formati nel 2003 a Londra, gli Engineers sono una indie band inglese che si ispira al movimento shoegazer di circa quindici anni prima ed al dream pop: la loro musica eterea, onirica ed immersa in foschie disorientatrici e' influenzata da grandi band quali My Bloody Valentine, Ride, Cocteau Twins e Spiritualized, ma anche da un gruppo superclassico come i Pink Floyd. Composti da Simon Phipps (voce, chitarra), Dan MacBean (chitarra, tastiere), Mark Peters (basso) ed Andrew Sweeney (batteria), debuttarono con il singolo ''Home'' e con il mini lp ''Folly'' nel 2004, a cui fece seguito il primo eponimo album del 2005; dopo il secondo ''Three fact fader'' del 2009, MacBean e Sweeney lasciarono la band, che continua a pubblicare dischi a ritmo lento. Il quarto album ''Always returning'' del 2014 vede ormai il solo Phipps come unico membro originario rimasto.
Euro
15,00
codice 2117439
scheda
Eno brian Forever Voiceless (ltd. crystal clear vinyl, rsd 2023)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2023  opal / universal 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA IN VINILE CHIARO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2023. La versione strumentale uscita in questa occasione per la prima volta, dell' album "ForeverAndEverNoMore", pubblicato nell' ottobre del 2022, a distanza di cinque anni dal precedente "Reflection" (2017), il ventisettesimo album solista in studio del grande artista inglese. Descrizione completa a seguire.
Euro
42,00
codice 2122519
scheda
Evora cesaria Radio Mindelo - Early Recordings (ltd. purple marbled vinyl, rsd 2023)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  music on vinyl 
world
Doppio album, in vinile 180 grammi per audiofili, EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE PORPORA CON EFFETTO MARMORIZZATO, REALIZZATA IN 1000 COPIE OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2023, e numerata sul retro, corredata di booklet di quattro pagine. Descrizione completa a seguire.
Euro
37,00
codice 2126037
scheda
Exit exit ep (rsd 2014)
7"ep [edizione] nuovo  stereo  usa  1979  permanent records 
punk new wave
ep in formato 7", EDIZIONE LIMITATA (in sole 500 copie) REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014, copertina apribile, senza barcode, adesivo di presentazione sul cellophane, etichetta marrone con scritte argento, foro al centro largo. Questo ep riporta alla lune il nome di una oscura ma eccellente punk rock band americana, proveniente da Chicago, Illinois, ed autrice nel 1979 di un unico bellissimo singolo, "Who Asked You" / "Out In The Street" su City Rock, da cui e' tratta la A side, qui' presente insieme ad altri tre brani, finora inediti ("You Lose", "Unsatisfied Man" e "Night") ricavati come quel brano dai master tapes originali. Puro sferragliante punk rock americano in stile 77ino, paragonato a Dead Boys, Epicycle, Flamin' Groovies, imperdibile per gli amanti del Killed By Death style.
Euro
14,00
codice 3011936
scheda
Fairport convention Moat On The Ledge - Live at Broughton Castle (rsd 2014)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1982  let them eat vinyl 
rock 60-70
Ristampa REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014, copertina per l' occasione apribile con la stessa foto della originaria tiratura uscita in Inghilterra su Woodwom Records nel 1982, ma qui' in tinta giallo/arancio. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1982 dopo '' Farewell Farewell'' e prima di ''Glady's Leap'', non entrato nelle classifiche Uk ne' in quelle Usa. Il sedicesimo album. I Fairport Convention si erano sostanzialmente sciolti nel 1979, ma continuarono a suonare in alcuni Festival ogni mese di agosto in Inghilterra; questo lavoro e' infatti tratto dal concerto del 15 agosto 1981 al Broughton Castle di Banbury, Oxfordshire, che vedeva in formazione Simon Nicol e Richard Thompson oltre Dave Swarbrick, Dave Pegg, Dave Mattacks e Bruce Rowland, con ospiti nientemeno che la primissima cantante del gruppo Judy Dyble, alla voce nella cover da Dylan "Country Pie", e Ralph McTell, alla chitarra nella versione di "High School Confidential" di Jerry Lee Lewis. Contiene i seguenti brani: "Walk Awhile", "Country Pie", "Rosie", "Matty Groves", "Both Sides Now", "Poor Will & The Jolly Hangman", "The Brilliancy Medley /The Cherroke Shuffle", "Woman or a Man" ed "High School Confidential".
Euro
19,00
codice 2055398
scheda
Fall king's lynn 1996 (rsd 2019)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1996  let them eat vinyl 
punk new wave
doppio album, EDIZIONE LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; copertina apribile, questo album contiene la registrazione di un concerto effettuato dalla seminale band inglese del compianto Mark E. Smith il 28 settembre del 1996 al Corn Exchange di King's Lynn, Inghilterra, nel tour che segui' la pubblicazione dell' album "The Light User Syndrome" (giugno 1996). Questa la lista dei brani contenuti: "Ten Houses of Eve (instrumental)", "Spinetrak", "Powder Keg", "Cheetham Hill"; "The Mixer (version 1)", "THe Mixer (version 2)", "Oleano", "M5", "He Pep", "The Chiselers", "Behind the Counter", "15 Ways", "US 80s 90s", "Mr. Pharmacist", "Birthday", "Feelin' Numb". I Fall sono tra le piu' importanti e fondamentali formazioni di tutti gli anni ottanta, partiti dal punk ed approdati ad una musica complessa ed articolata. Nel corso degli anni i Fall sono diventati sempre piu' il progetto del leader Mark Smith che e' rimasto l'unico membro fisso in una girandola di formazioni, una band storica che ha alle spalle venticinque anni di carriera. Nati nell'epoca punk, hanno sempre conservato quell'etica del fai da te che si esprime nella semplicita' di struttura delle canzoni e nella incapacita' pressoche' totale di Smith di cantare. Smith infatti spesso adotta un tono recitato/semi cantato che rimane tuttavia efficace ed espressivo, il sound si avvicina piu' al post-punk che al punk vero e proprio ed e' fatto dalla ricerca di ritmi diretti e brutali tenuti in tensione dalla potenza espressiva di Mark Smith. Il fascino principale di questi quadri sonori risiede nella sensazione (che si prova raramente ascoltando musica) di entrare in un mondo tutto particolare, fatto di regole sue, idiosincratico rispetto al mondo esterno: il mondo dei Fall. Questa straordinaria originalita' e coerenza del personaggio sarebbe controproducente se la qualita' di scrittura delle canzoni non fosse rimasta sempre alta fino ad oggi. Mark E. Smith si mostra come vero Captain Beefheart della new wave ed impone i The Fall tra le band piu' importanti ed amate di tutti gli anni ottanta, ancora oggi le pubblicazioni del gruppo sono tra le favorite dalla critica inglese, dai fedelissimi sostenitori del gruppo e da un pubblico sempre piu' vasto, raccolto attraverso una lunga e sempre interessante carriera. Manchester, un centro industriale sviluppato ai tempi della rivoluzione industriale e da piu' di un secolo e mezzo avvolto nei densi fumi uscenti dalle ciminiere delle sue numerose fabbriche, immaginata come una citta' triste, monotona, senza molte attrattive, col cielo perennemente nuvoloso, una citta' grigia che ha assistito alla crescita, alla maturazione, alla gioia ed al dolore di generazioni che alla fine degli anni settanta prendeva coscienza dei mali della civilta' moderna e li aveva tradotti in musica manifestandosi in realta' come Joy Division e The Fall. Queste furono le basi in cui nacque la New Wave, di cui i Fall possono qualificarsi come esponenti di spicco ed interpreti nelle sue varie e successive mutazioni. Senza mai eccedere in oscure analisi introspettive o cadere nel mielato romanticismo synth-pop ma anche lontano dagli eccessi sperimentali, i Fall trovano riflesso nella formazione di David Thomas i Pere Ubu, costruivano come loro canzoni che poi deturpavano con sincopi, dissonanze, armonie eccentriche, contrappunti sbilenchi; trasfigurando la noia della routine quotidiana in una "danza moderna", tanto nevrotica quanto grottesca, in cui la diagnosi del malessere esistenziale forniva al contempo un antidoto per sopravvivervi. Rispetto ai Pere Ubu, tuttavia, i Fall bandivano ogni deformazione espressionista e ogni divagazione surrealista, attenendosi ad un realismo fatalista e disilluso, totalmente privo di vie di fuga, di possibilita' di catarsi, di speranze di cambiamento. I brani dei Fall godono di un incedere monotono, immagine di uno stato delle cose impossibile da mutare, non c'e' traccia di riscatto, di rivalsa, di orgoglio; solo un pugno di note macinate in modo apatico; le estemporanee impennate ritmiche e gli sporadici sfoghi vocali paiono privati del loro potere liberatorio, cinicamente assorbiti dall'indistinto e inesorabile reiterarsi del ciclo sonoro. Ma ad ogni ripetizione c'e' almeno uno strumento che sfasa, per poi rimettersi rapidamente in riga, diversivi che appartengono all'estetica della band dove il minimalismo e la semplicita' sono la sua forza espressiva capace di sviscerare ogni stato d'animo attinente la propria condizione dalla disperazione sino all'indolenza, stati che raggiungono la consapevolezza e manifesti dalla voce di Marc Smith, che si destreggia in un ampia gamma di registri: nasale, distaccato, declamato, trasandato, ma quasi mai tragico, perche' nei Fall non c'e' nessuna tragedia, solo necessaria constatazione del tedio. Coi Fall, tanto semplici nella composizione quanto sofisticati nell'esecuzione, popolari e intellettuali al tempo stesso, la New Wave si trasforma in un sottofondo per vite che si trascinano avanti senza cambi di rotta che non siano mere illusioni.
Euro
31,00
codice 3021852
scheda
Fitzgerald ella Ella at the shrine (black friday rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1956  verve 
jazz
Edizione limitata a 3000 copie in vinile giallo a 45 giri, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL BLACK FRIDAY del 23 novembre 2018, label custom arancione con scritte gialle e bianche, catalogo 00602567969570. Pubblicato nel novembre del 2018 dalla Verve, questo album offre venti minuti di musica finora INEDITI, registrati dal vivo da Norman Granz allo Shrine Auditorium di Los Angeles il 21 gennaio del 1956, una decina di giorni prima della performance allo Zardi's del 2 febbraio, anch'essa a lungo inedita e pubblicata solo nel 2017, sempre dalla Verve. In questa performance allo Shrine Auditorium, la grande cantante e' accompagnata dai seguenti musicisti (sebbene le note ufficiali specifichino ''probabilmente'' riguardo i loro nomi, pertanto non accertati al cento per cento): Don Abney (pianoforte), Vernon Alley o Joe Mondragon (contrabbasso) e Frank Capp (batteria). Questa la scaletta: '''S wonderful'', ''Cry me a river'', ''Lullaby of birdland'', ''Glad to be unhappy'', ''And the angels sing'', ''Joe williams's blues'', ''Air mail special'', ''Norman granz announcement''. Una delle piu' grandi cantanti della storia del jazz, Ella Fitzgerald (1917-1996) crebbe in poverta' come la sua grande contemporanea Billie Holiday ed esplose a meta' degli anni '30, costruendo una carriera rinomata per la sua versatilita' che la rendeva capace di spaziare dallo swing allo scat, dal bop alla canzone popolare o d'autore, e per la gamma tonale unica del suo canto.
Euro
27,00
codice 3511709
scheda
Five day week straw people five day week straw people (RSD 2018)
LP [edizione] ristampa  stereo  eu  1968  morgan blue town 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, e con adesivo di presentazione sul cellophane, EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2018, ristampa in vinile 180 grammi, copertina lucida pressoche' identica alla prima molto rara tiratura, corredata di esclusiva inner sleeve, catalogo BT5013. "Five Day Week Straw People" e' uno dei lavori piu' noti della psichedelia underground britannica. La musica del gruppo, sullo stile di July, Kaleidoscope, primi Pink Floyd, e' un tipico artefatto della fine degli anni '60 inglesi, la band era nata dalle ceneri dei leggendari Attack del chitarrista John Du Cann, uno dei piu' importanti gruppi inglesi tra freakbeat e psichedelia, i cui componenti andranno a dar vita a gruppi come Andromeda, Birds, Koobas, Fire; purtroppo non incisero mai un album, ma solo 45 giri. Questo disco fu registrato in un solo giorno nel 1967 come ''low budget project'' nello stile di ''Electric Banana'' dei Pretty Things, con i musicisti (spesso giovani promesse dell'underground londinese gia' sotto contratto e quindi costretti all'anonimato), pagati (poche ma vitali) sterline alla consegna del master e senza alcun diritto sul materiale registrato. Conosciuti inizialmente come The Soul System la band firma un contratto con la Decca alla fine del 1966, ed a questo punto assumono il nome di Attack. Cambiamo molte volte formazione prima di stabilizzarsi con l'ingresso di Richard Shirman e Gerry Henderson, nel 1967 pubblicano il loro primo 45 Try it/We Don't Know, rilettura di un brano degli Standells con uno stile vicino al R'N'B punk, seguito dal secondo singolo, ' Hi Ho Silver Lining/Anymore than i do' sempre nel 1967, il lato b sara' scelto da John Peel per una delle sue sigle a Radio London mentre il lato a, che vede lo stesso brano pubblicato nello stesso periodo da Jeff Beck, sara' fonte di duri attacchi da parte del chitarrista degli Yardbirds che creera' tensione intorno al gruppo. A questo punto il chitarrista Davey O'List lascia la band per unirsi ai Nice, seguito da Alan Whitehead che entra nei Marmalade. La band non si scoraggia e sempre nel 1967 pubblica un altro 45, Created By Clive/ Colour Of My Mind'', purtroppo pero' il singolo esce lo stesso giorno dell'altra versione del brano, quella dei Syn, pubblicata per la Deram, e questo impedisce ancora una volta che il gruppo abbia il risalto che merita, nel 1968 esce un altro singolo, Neville Thumbcatch/ Lady Orange Peel che naturalmente passa del tutto inosservato al di la' dei soliti addetti ai lavori, Nonostante l'insuccesso pressoche' totale del materiale fino ad allora pubblicato il quartetto inizia apreparare l' album d'esordio, intitolato provvisoriamente ''Roman Gods Of War'', la celebre rivista Record Mirror anteprima rivela che il disco uscitra' il 15 marzo del 1968, ma purtroppo dell'album non vi sara' traccia; scoraggiati da questa ultima beffa il gruppo vedra' l'abbandono di Brian Davidson che entrera' anch'egli nei Nice. Il chitarrista John Du Cann sara' presto nei Five Day Week Straw People autori di un album nel 1968, poi negli Andromeda autori di un album nel 1970 e quindi negli Atomic Rooster. Conosciuti inizialmente come The Soul System la band firma un contratto con la Decca alla fine del 1966, ed a questo punto assumono il nome di Attack. Cambiamo molte volte formazione prima di stabilizzarsi con l'ingresso di Richard Shirman e Gerry Henderson, nel 1967 pubblicano il loro primo 45 Try it/We Don't Know, rilettura di un brano degli Standells con uno stile vicino al R'N'B punk, seguito dal secondo singolo, ' Hi Ho Silver Lining/Anymore than i do' sempre nel 1967, il lato b sara' scelto da John Peel per una delle sue sigle a Radio London mentre il lato a, che vede lo stesso brano pubblicato nello stesso periodo da Jeff Beck, sara' fonte di duri attacchi da parte del chitarrista degli Yardbirds che creera' tensione intorno al gruppo. A questo punto il chitarrista Davey O'List lascia la band per unirsi ai Nice, seguito da Alan Whitehead che entra nei Marmalade. La band non si scoraggia e sempre nel 1967 pubblica un altro 45, Created By Clive/ Colour Of My Mind'', purtroppo pero' il singolo esce lo stesso giorno dell'altra versione del brano, quella dei Syn, pubblicata per la Deram, e questo impedisce ancora una volta che il gruppo abbia il risalto che merita, nel 1968 esce un altro singolo, Neville Thumbcatch/ Lady Orange Peel che naturalmente passa del tutto inosservato al di la' dei soliti addetti ai lavori, Nonostante l'insuccesso pressoche' totale del materiale fino ad allora pubblicato il quartetto inizia apreparare l' album d'esordio, intitolato provvisoriamente ''Roman Gods Of War'', la celebre rivista Record Mirror anteprima rivela che il disco uscitra' il 15 marzo del 1968, ma purtroppo dell'album non vi sara' traccia; scoraggiati da questa ultima beffa il gruppo vedra' l'abbandono di Brian Davidson che entrera' anch'egli nei Nice. Il chitarrista John Du Cann sara' presto nei Five Day Week Straw People autori di un album nel 1968, poi negli Andromeda autori di un album nel 1970 e quindi negli Atomic Rooster.
Euro
30,00
codice 253444
scheda
Flamin' groovies I'll Have A ... Bucket Of Brains - 1972 Rockfield Recordings (rsd 2021)
10" [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  parlophone 
rock 60-70
Album in formato 10", EDZIONE LIMITATA, REALIZZATA NEL GIUGNO DEL 2021, IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY, adesivo argentato Record Store Day Excluisive" sul cellophane. Pubbicato per la prima volta nella suddetta occasione, si tratta sostanzialmente della ristampa del minialbum "Rockfield sessions" uscito nel 1989 per la australiana Aim, con copertina, titolo ed ordine dei brani cambiati, ed inoltre una traccia aggiunta: "Shake Some Action" in una seconda versione che si aggiunge a quella della tracklist del disco originario, con mixaggio diverso e velocita' originaria. "Rockfield Sessions" contiene sette preziosi brani (a cui qui si aggiunge la citata seconda versione di "SHake Some Action") registrati in studio nel 1972, all' epoca inediti, a documentare una fase poco nota ma assolutamente fertile ed interessante nella storia della longeva band originaria di San Francisco. Dopo il terzo album "Teenage Head" la band aveva perso il suo principale songwriter Roy Loney, scaricata dalla etichetta Kamasutra a causa delle scarse vendite di due albums a cui per fortuna la storia ha reso giustizia; fu l' ex Loose Gravel Chris Wilson a sostituire Loney, e con lui la band inizio' prosegui' il suo cammino, ma tra mille difficolta', tanto da giungere solo nel '76 alla pubblicazione del suo album successivo, il favoloso "Shake Some Action". Molto materiale fu pero' registrato prima di quel disco; questo succoso minilp contiene cinque brani frutto di sessions effettuate nel maggio 1972 presso i Rockfield Studios, in Galles, con la produzione di Dave Edmunds ("Get A Sot of Rhythm & lues", "Little Queenie" di Chiuck Berry, l' immortale "Slow Death", che diverra' uno dei loro cavalli di battaglia, una primitiva gia' fantastica versione della immensa "SHake Some Action", che rivela una evoluzione verso una musica meno "garagistica", magicamente sospesa tra folk rock e power pop, che ne caratterizzera' gli sviluppi futuri, e "You Tore Me Down"), un brano ("Married Woman") registrato nello stesso studio nell' agosto dello stesso anno, ed infine una "Tallahasee Lassie" che usci' su singolo in Inghilterra sempre nel 1972, qui in una versione registrata in studio a Londra nell' agosto di quell' anno. Cambiato il batterista, la band riemerse nel '75 con l' avvicinarsi di una nuova eccitante stagione musicale, che vide rinnovato l' interesse nei confronti dei Groovies, grazie soprattutto al compianto Greg Shaw, che andava curando i primi numeri della mitica fanzine Bomp! e che li mise in contatto con la Sire Records, per la quale uscirono il capolavoro "Shake Some Action" e, sostituito James Farrell con Mike Wilhelm (ex Charlatans e Loose Gravel), altri due albums sul finire del decennio; un nuovo album era programmato nel 1981 per la Skydog, l' album non fu mai completato, la band ando' in crisi, Chris Wilson usci' dal gruppo per entrare nei Barracudas, ne usci' anche il batterista Dave Wright, ma qualche anno dopo una nuova versione dei Flamin' Groovies fu pronta per registrare nel 1986 "One Night Stand", che peraltro non sara' l' ultimo capitolo di una storia infinita.
Euro
25,00
codice 3034097
scheda
Flaming lips bad days (rsd 2015)
10" [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  warner bros 
punk new wave
10" IN EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE VERDE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 18 APRILE 2015. Adesivo di presentazione sul cellophane; si tratta della prima versione in vinile dell' ep originariamente uscito solo come minicd nel 1995, con quattro brani: "Bad Days" (tratta dall' album "Clouds Taste Metallic", uscito lo stesso anno, ma qui' in una "edited version" piu' breve), "She Don't Use Jelly" in una inedita versione "primitive demos", l' inedita "Girl with hair like an explosion" e l' inedita versione "demo version" di "Giraffe".
Euro
19,00
codice 3013821
scheda
Flaming lips Brainville (rsd 2015)
10" [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  warner bros 
punk new wave
10" IN EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE GIALLO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 18 APRILE 2015. Adesivo di presentazione sul cellophane; si tratta della prima versione in vinile dell' ep originariamente uscito solo come minicd nel 1996, con tre brani: "Brainville" (tratta dallì album "Clouds Taste Metallic" del 1995), e le versioni dal vivo inedite di "Evil Will Prevail" e "Waterbug".
Euro
19,00
codice 2050631
scheda
Flaming lips Heady nuggs (second 5 wb 5 lps) rsd 2016
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  usa  2011  Warner Bros 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 16 APRILE 2016, box in cartone rigido, con apertura laterale a sinistra adesivo di presentazione sul cellophane, contenente cinque lps, ciascuno corredato della rispettiva copertina originaria, si tratta degli albums pubblicati dalla cult band americana tra il 2006 ed il 2012 per la Warner Bros. Ecco gli albums contenuti: "At War With The Mystics" (2006), "Once Beyond Hopelessness (The Original Score to Christmas on Mars)" (2008), "Embryonic" (2009), "The Flaming Lips with Stardeath and White Dwarfs with Henry Rollins and Peaches doing Dark Side Of The Moon" (2009), e "The Flaming Lips and Heady Fwends" (2012). Formatisi ad Oklahoma City nel 1983, gli americani Flaming Lips sono stati fra i protagonisti del rock indipendentemente americano degli anni '80, per poi passare su major nel decennio successivo ed ottenere un piu' vasto successo di pubblico pur conservando un approccio musicale bizzarro e creativo. Il loro periodo indipendente mostra una band dalla creativita' selvaggia, folle ed esplosiva, che mette insieme la psichedelia estrema con quella piu' melodica (Beatles, Beach Boys), lo hard rock zeppeliniano, il noise e lo hardcore punk, risultando in una quaterna di spettacolari lp, ''Hear it is'' (1986), ''Oh my gawd!!!'' (1987), ''Telepathic sugery'' (1989) e ''In a priest driven ambulance'' (1990), quest'ultimo con John Donahue dei Mercury Rev in formazione e con la produzione di Dave Fridmann, destinato in futuro a diventare uno dei piu' importanti produttori a cavallo fra i due secoli. Il gruppo passa quindi su major, presso la Warner Bros, e addolcisce progressivamente la propria musica senza pero' appiattirsi su di un sound commerciale e confermando lo status di band di culto assoluto.
Euro
210,00
codice 2061410
scheda
Flaming lips Imagene peise: atlas eets christmas (black friday rsd 2014)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2014  warner 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, EDIZIONE LIMITATA DI 5000 COPIE, IN VINILE ROSSO, l' originale stampa americana, copertina pressata in Canada, adesivo di presentazione ed adesivo "Record Store Day Exclusive" entrambi sul cellophane, copertina ruvida, etichetta gialla e rossa. Pubblicato dalla Warner alla fine del novembre 2014, dopo "With a little help from my friends" dell'ottobre dello stesso anno. Trattasi di una compilation di canzoni natalizie, sotto lo pseudonimo Imagene Peise, musicista sconosciuta irachena, pianista jazz suicidatasi nel 1978. La scaletta prevede classiche canzoni di natale come "Winrer wonderland", "Silver bells, "Silent night", "Have yourself a merry little Christmas" ed altre. Formatisi ad Oklahoma City nel 1983, gli americani Flaming Lips sono stati fra i protagonisti del rock indipendentemente americano degli anni '80, per poi passare su major nel decennio successivo ed ottenere un piu' vasto successo di pubblico pur conservando un approccio musicale bizzarro e creativo. Il loro periodo indipendente mostra una band dalla creativita' selvaggia, folle ed esplosiva, che mette insieme la psichedelia estrema con quella piu' melodica (Beatles, Beach Boys), lo hard rock zeppeliniano, il noise e lo hardcore punk, risultando in una quaterna di spettacolari lp, ''Hear it is'' (1986), ''Oh my gawd!!!'' (1987), ''Telepathic sugery'' (1989) e ''In a priest driven ambulance'' (1990), quest'ultimo con John Donahue dei Mercury Rev in formazione e con la produzione di Dave Fridmann, destinato in futuro a diventare uno dei piu' importanti produttori a cavallo fra i due secoli. Il gruppo passa quindi su major, presso la Warner Bros, e addolcisce progressivamente la propria musica senza pero' appiattirsi su di un sound commerciale.
Euro
23,00
codice 6004722
scheda
Flaming lips this here giraffe (rsd 2015)
10" [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  warner bros 
punk new wave
10" IN EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE ARANCIONE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 18 APRILE 2015. Adesivo di presentazione sul cellophane; si tratta della prima versione in vinile dell' ep originariamente uscito solo come minicd nel marzo 1996, con tre brani: "This Here Giraffe" (tratta dall' album "Clouds Taste Metallic", uscito nel 1995), e due brani registrati dal vivo in studio per la trasmissione radiofonica di John Peel, altrimenti inediti: "Jets Part 2 - My Two Days As An Ambulance Driver" e la cover di "Life On Mars" di David Bowie.
Euro
19,00
codice 3013823
scheda
Flaming lips zaireeka (rsd limited edition box)
LPBOX [edizione] nuovo  stereo  usa  1997  warner bros 
punk new wave
Edizione limitata uscita in occasione del Record Store Day del 20 aprile 2013, box in cartone rigido, con apertura per i dischi a sinistra, contenente quattro albums, ciascuno con vinile di un differente colore (blu, rosso, arancio e verde limone), e ciscuno fornito di rispettiva copertina; rimasterizzato per l' occasione, si tratta della prima edizione vinilica ufficiale (dopo una ormai rara edizione non ufficiale che sovrapponeva le incisioni dei quattro dischi in un unico vinile) del folle progetto "Zaireeka", originariamente uscito nel '97 in un quadruplo Cd, con i 4 dischi da suonare separatamente o da suonare per chi fosse stato capace di farli partire simultaneamente, possedendo 4 diversi lettori, peraltro. Per chi possedesse, invece che quattro lettori cd, quattro piatti per lps, il tentativo si ripropone, ma i dischi sono assolutamente interessanti anche se ascoltati separatamente. L' ambiziosissima opera, uscita tra "Clouds Taste Metallic" e "The Soft Bulletin". L'azzardato e geniale progetto sonoro della band americana dell' Oklahoma guidata da Wayne Coyne, un tassello importante nella storia artistica del gruppo, giacche' in "Zaireeka" sono presenti molti degli elementi che caratterizzeranno il proseguo del percorso dei Flaming Lips, una sorta di cantautorato con elementi persino spesso orchestrali, ma certo non privo di quegli elementi di bizarria ed incontaminata geniale creativita' che ne hanno sempre caratterizzato le opere.
Euro
100,00
codice 3009546
scheda
Fleshtones available / let's live (black friday rsd 2013)
7" [edizione] nuovo  stereo  usa  2013  yep roc 
punk new wave
Edizione limitata di 1000 copie, uscita in occasione del Record Store Day Black Friday, nel novembre del 2013, etichetta gialla da un lato e rosa dall' altro, con scritte nere e foro al centro piccolo. Contiene la trascinante "Available" sul lato A, anticipazione dell' album "Wheels of Talent" in uscita nel 2014, e sul lato B l' altrimenti inedita cover da Aaron Neville. I grandi ed inossidabili Fleshtones di New York, a 35 anni dall' inizio della loro attivita', nonostante l' anagrafe "nemica" e le rughe accumulate, sono come sempre irresistibilmente in bilico tra garage, beat, 60's pop e r'n'b, in un inconfondibile "Fleshtones style" che risulta una volta di piu' trascinante e freschissimo. Il combo di Peter Zaremba e Keith Streng rappresenta una band fondamentale nell' ambito della riscoperta di sonorita' e spirito tipicamente sixties negli altrimenti troppo bui anni '80, qui con l' ormai collaudata sezione ritmica formata da Bill Milhizer e Ken Fox.
Euro
12,00
codice 3011084
scheda
Flyin' spiderz Flyin' spiderz (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  music on vinyl 
punk new wave
REALIZZATA PER IL RECORD STORE DAY DEL 2020, edizione limitata a 500 copie numerate sul retro copertina, vinile da 180 grammi di colore rosa, inserto con testi. Ristampa del 2020 ad opera della Music On Vinyl, la prima in assoluto e pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1977 alla EMI in Olanda, il primo dei due album usciti a nome Flyin' Spiderz, precedente "Let it crawl" (1978) e due successivi dischi editi sotto la sigla Spiderz. Un disco che viene da definire come opera di confine fra il sound sporco, ancora molto rock'n'roll e blueseggiante, del pub rock, e l'urgenza e l'aggressività dell'emergente punk rock, "Flyin' spiderz" contiene al suo interno brani che possono finire nell'uno o nell'altro campo. Un sound graffiante, ritmi trascinanti ed un cantato piuttosto grezzo, ma in alcuni episodi ancora ubidili gli echi degli Stones più ruvidi. I Flyin' Spiderz erano un gruppo olandese formatosi nel 1976 come formazione r'n'b influenzata dalla scena pub rock britannica, ma con il 1977 incorporarono nel loro sound anche l'influenza del punk, esploso di lì a poco, e sono considerati da alcuni come un vero gruppo punk, peraltro il primo del proprio paese a fare un disco. Il loro primo eponimo album uscì nel 1977, mostrando però ancora una fortissima inflessione pub rock ed anche influssi dei Rolling Stones più sporchi e ruvidi, accanto a sfumature più vicine al punk. Fu seguito nel 1978 da "Let it crawl", poi il gruppo cambiò ragione sociale in Spiderz, pubblicando due ulteriori lavori, "Pressure" (1979) e "Lines of lust" (1981), su uno stile più melodico e decisamente new wave.
Euro
27,00
codice 3513014
scheda
Flying burrito bros Live at the bottom line nyc 1976 (ltd. black friday rsd 2022)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1976  liberation hall 
rock 60-70
Edizione limitata a 1200 copie, realizzata IN OCCASIONE DEL BLACK FRIDAY RECORD STORE DAY DEL NOVEMBRE 2022, catalogo LIB-5103. Pubblicato nel novembre del 2022 dalla Liberation Hall, questo album contiene le registrazioni INEDITE del concerto dato dalla band alla Bottom Line di New York il 18 agosto del 1976, durante il tour di supporto del loro quinto album in studio "Airborne", uscito nel giugno precedente. La formazione era composta qui dagli ex Byrds Skip Battin e Gene Parsons, con Gib Guilbeau, Joel Scott Hill ed il grande "Sneaky" Pete Kleinow, unico rimasto dell'organico originario dei Flying Burrito Brothers. Il gruppo affronta un set di brani originali e di standards country & western, con il suo approccio folk rock caratterizzato dalla splendida pedal steel guitar di Sneaky, ma anche dalla competenza dei membri del gruppo, esperti interpreti del country rock. Questa la scaletta: Side A 1) Hot Burrito Stomp 2) Hot Burrito #2 3) Quiet Man 4) Dim Lights, Thick Smoke 5) Diggy Diggy Lo 6) Border Town 7) Toe Tappin Music; Side B 1) Waitin For Love To Begin 2) Take A Whiff On Me 3) Close Up The Honky Tonks 4) Truck Drivin’ Man 5) Six Days On the Road 6) Orange Blossom Special. Basati a Los Angeles, i Flying Burrito Brothers furono guidati inizialmente dal chitarrista e cantante Gram Parsons, protagonista della nascita del country rock già con la International Submarine Band e con i Byrds di "Sweetheart of the Rodeo". Proprio dai Byrds portò con sé il chitarrista Chris Hillman (già con Scottsville Squirrel Barkers e Hillmen), mentre la sezione ritmica era quella della International Submarine Band, con il batterista John Corneal ed il bassista Chris Ethridge; a completare l' organico che registrò il primo "Gilded Palace of Sin", riconosciuto capolavoro del country-rock, il grande specialista della chitarra steel "Sneaky" Pete. Il secondo eccellente "Burrito Deluxe" fu registrato dopo l' abbandono di Corneal ed Ethridge (che entarono negli L.A.Gateway di Joel Scott Hill): al loro posto il batterista Mike Clarke (ex Byrds e Dillard & Clark) e Bernie Leadon (ex Scottsville Sqirrel Barkers, Dillard & Clark ed Hearts & Flowers) alla chitarra (con Hillman impegnato nelle parti di basso). Parsons abbandonò a questo punto il gruppo, cercando nuovi stimoli ed avvicinandosi ad un ingresso nei Rolling Stones impedito, pare, da Jagger. Iniziò invece una troppo breve carriera solista, prima della morte avvenuta nel '73. La guida della band passò al nuovo arrivo Rick Roberts, e continuarono incessanti i cabiamenti di formazione: l' ultimo album prima del momentaneo scioglimento ("Last of the Red Hot Burritos") fu registrato senza Leadon (presto negli Eagles), con l' aiuto del Country Gazette Kenny Wertz (ex Scottsville Squirrell Barkers) alla chitarra e con la batteria suonata in parte da Clarke, in parte del nuovo entrato Al Perkins (ex Shiloh, proseguì nei Manassas, nella Souther Hillman Furay Band e con Mike Nesmith alla fine dei '70). La ricostituzione, avvenuta sulla spinta del fanatico seguito di cui il gruppo godeva in Europa (Olanda soprattutto), avvenne intorno a Sneaky Pete (che nel frattempo aveva partecipato ad un album a nome Cold Steel nel '74) e Chris Ethridge, accompagnati da ottimi musicisti: in "Flying Again" il batterista Gene Parsons (ex Nashville West, Byrds e solista) ed il chitarrista Joel Scott Hill (ex L. A. Gateway e Canned Heat); in "Airborne", senza più Ethridge, il bassista Skip Battin (già in Evergreen Blueshoes, Byrds e New Riders of Purple Sage, oltre che solista), Bobby Cochran (già alla chitarra nei Kindred e negli Steppenwolf di metà anni '70, poi nei Bobby & the Midnights), il chitarrista e bassista Gib Gilbeau (ex Castaways, Nashville West, Swamp Water, Cold Steel e solista), il batterista Micky McGee (poi nei Blue Steel) ed il bassista Thad Maxwell (ex Swampwater e poi nei Poco). La formazione di quest' ultimo lavoro dei '70 a nome Flying Burrito Brothers fu la stessa che nel '77 pubblicò un album a nome Sierra.
Euro
31,00
codice 2123024
scheda
Fogerty john (creedence clearwater revival) Centerfield / rock and roll girls (ltd. picture disc, rsd 2018)
12" [edizione] nuovo  stereo  eu  1985  bmg 
rock 60-70
Singolo in formato 12", EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2018, ristampa (per la prima volta in picture dsc, del singolo originariamnte pubblicato nel marzo 1985, giunto al numero 20 delle classifiche americane ed al numero 83 di quelle inglesi, il singolo tratto dalla' album "Centerfield" (gennaio 1985), con due brani li' inclusi. Pubblicato in Usa nel gennaio del 1985 dopo ''John Fogerty'' e prima di "Eye of the zombie'', giunto al numero 1 delle classifiche Usa ed al numero 48 di quelle Uk dove usci' nel febbraio dello stesso anno, "Centerfield" e' il secondo eccellente album dell' ex leader dei Creedence Clearwater Revival; il disco fu , a differenza del successivo, un successo straordinario in Usa, i brani presentano, oltre ad solido tessuto tipicamente creedenciano, influenze molto rockabilly ed anni '50, con un impostazione classica ma sonorita' contemporanee.
Euro
24,00
codice 2077205
scheda
Fontaines d.c. Live at kilmnainham gaol (rsd 2021)
Lp [edizione] originale  stereo  cze  2021  partisan 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Copia ancora incellophanata (con sul retro applicato il piccolo adesivo "made in Czech Republic"), l' originale ormai rara stampa, edizione limitata a 3500 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 12 GIUGNO 2021, in vinile da 180 grammi, completo del grande poster fotografico in bianco e nero, copertina apribile con barcode 720841219415, inner sleeve con artwork e crediti, label bianca e marroncina con scritte nere e nome gruppo in marrone, catalogo PTKF2194-1. Pubblicato nel giugno del 2021 dalla Partisan, questo album fu registrato dal vivo i 14 luglio del 2020 fra le mura del Kilmainham Gaol, storica prigione di Dublino, spesso ricordata come "la Bastiglia d'Irlanda" per aver ospitato molti rivoluzionari ed attivisti irlandesi (ed in alcuni casi la loro esecuzione), ed oggi trasformata in museo. Il gruppo ripropone dal vivo una selezione di brani tratti dai suoi lp in studio "Dogrel" e "A hero's death", con un sound secco e propulsivo, che per certi versi appare molto ispirato ai grandi Fall, anche per lo stile vocale di Grian Chatten. Questa la scaletta: A1) Hero's Death A2) Sha Sha Sha A3) Chequeless Reckless A4) Televised Mind A5) Too Real B1) I Don't Belong B2) Liberty Belle B3) Big B4) Dublin City Sky B5) Boys in the Better Land. I Fontaines D.C. sono una band di Dublino, Irlanda, formatasi nel 2017 e composta da Grian Chatten (voce), Conor Deegan III (basso), Carlos O'Connell (chitarra), Conor Curley (chitarra) e Tom Coll (batteria). Ispirati dal post punk, amati da critica e pubblico, il loro album di debutto "Dogrel" del 2019 è stato proclamato album dell'anno da Rough Trade e BBC 6 Music. Il secondo disco, "A Hero's Death", è del 2020 mentre "Skinty Fia" esce nell'aprile 2022.
Euro
50,00
codice 335982
scheda
Fossati ivano good-bye indiana (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  warner music italia 
cantautori
EDIZIONE LIMITATA DI 500 COPIE, NUMERATE SUL RETRO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2020, ristampa rimasterizzata, corredata di inner sleeve, copertina pressoche' identica a quella della prima molto rara tiratura su Cetra. Pubblicato in Italia nel giugno del 1975 dopo "Poco prima dell'aurora" e prima di "La casa del serpente", il terzo album solista. Da Wikipedia: Rispetto ai dischi precedenti si caratterizza per il diverso modo di cantare del cantautore genovese, che abbandona il tono più roco che lo aveva caratterizzato fino all'album precedente (e che aveva già abbandonato nel 45 giri Cane di strada). Inoltre "Good-Bye Indiana" è suonato dal solo Fossati: le uniche collaborazioni sono quelle di Umberto Tozzi come collaboratore agli arrangiamenti, di alcuni coristi presenti nella title track e della cantautrice californiana Marva Jan Marrow ai cori; la Marrow inoltre firma i testi dei due brani cantati in inglese, "Where is paradise?" e "Harvest moon". Come di consueto, vi è anche uno strumentale, "Azteca"; Good-Bye Indiana invece, con i suoi 9 minuti e 58 secondi di durata, è la canzone più lunga incisa da Fossati. Molto interessante è "I treni fantasma", dove nella coda strumentale presente nella parte centrale della canzone Fossati improvvisa alcuni assoli variando lo strumento solista (dalla chitarra al sax); bella anche "Storie per farmi amare". Le vendite dell'album sono state molto basse; il poco riscontro avuto da questo disco fu uno dei motivi che portarono Fossati al cambiamento di casa discografica e al passaggio alla RCA Italiana, dove iniziò una collaborazione con Antonio Coggio. Nessuna delle canzoni del disco è stata mai eseguita dal vivo dal cantautore genovese.
Euro
28,00
codice 2124375
scheda
Foster josephine This coming gladness (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2008  fire 
indie 2000
prima ristampa in occasione del record store day 2020. Pubblicato nel settembre 2008 dalla Bo' Weavil, ''This coming gladness'' e' il quarto album di Josephine Foster, successivo a ''A wolf in sheep's clothing'' (2006). Accompagnata dal chitarrista Victor Herrero e dal percussionista Alex Neilson (Current 93, Will Oldham), Foster realizza con questo lp uno indie folk psichedelico ancor piu' lunatico ed estremo di quello di musicisti in qualche modo affini come Devendra Banhart; lo spirito del Tim Buckley piu' perso e rarefatto nel cosmo, quello di ''Lorca'' (1970), aleggia su ''This coming gladness'', cosi' come quello degli Incredible Stringband e della Linda Perhacs piu' crepuscolari. La musicista indie folk Josephine Foster ha collaborato con Jason Ajemian al progetto Born Heller; il primo disco della Foster, ''All the leaves are gone'' (2004), la vedeva supportata dalla band Supposed ed era sospeso tra folk e folk rock, con una vena spesso fortemente psichedelica; lo seguiranno altri apprezzati lavori come ''A wolf in sheep's clothing'' (2006) e ''This coming gladness'' (2008).
Euro
31,00
codice 2094499
scheda
Fraternity (ac/dc) Livestock (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  reel 
rock 60-70
Edizione REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 29 AGOSTO 2020, vinile da 180 grammi di colore rosso, copertina apribile senza codice a barre, allegato poster in edizione limitata. Ristampa del 2020 ad opera della Reel, la prima ufficiale in assoluto in vinile, e pressoché identica alla molto rara prima tiratura, ma con due bonus tracks (si tratta dei brani del loro primo singolo del 1971: "Why did it have to be me", posta alla fine della prima facciata, e "Question", posta alla fine della seconda). Originariamente pubblicato nel 1971 dalla Sweet Peach in Australia, il primo album dei Fraternity, precedente ''Flaming galah'' (1972). Il gruppo australiano vide finalmente pubblicare il primo atteso album, dopo le incisioni cominciate un anno prima, un lavoro situato fra l' hard rock dei Deep Purple di fine anni '60 ed il rock progressivo meno complesso, caratterizzato da intrecci fra organo e chitarre elettriche ed un Bon Scott non ancora sboccato come sarebbe stato di lì a qualche anno negli AC/DC; la lunga e riflessiva ''It'' è invece ancora immersa in nebbie post psichedeliche. Storico gruppo progressivo australiano, i Fraternity si formarono nel 1970 ad opera di ex membri dei Levi Smith's Clef, a cui si aggiunse il cantante Bon Scott, ex Valentines e futuro frontman degli AC/DC. Autori di un rock che presentava elementi hard e prog, ma ispirati anche dalla Band, cominciarono a registrare il loro primo album ''Livestock'' nel 1970, per poi vederlo pubblicato l'anno successivo, seguito nel 1972 dal secondo ed ultimo ''Flaming galah'', meno vicino al prog. Il gruppo, che si era stabilito nell'allora periferica città di Adelaide, si recò poi per un periodo in Gran Bretagna, per poi tornare in patria. Bon Scott se ne andò per unirsi alle future superstar AC/DC, mentre il gruppo cambiò nome in Some Dream e poi in Mickey Finn, prima di sciogliersi definitivamente.
Euro
28,00
codice 2119164
scheda
Friedman ruthann Hurried life (rsd 2021 ltd. blue vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  can  1965  tompkins square 
rock 60-70
Edizione limitata a mille copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 17 LUGLIO 2021, in vinile di colore azzurro, inner sleeve con note e foto, label bianca e nera con scritte nere, catalogo TSO5814. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2021 ad opera della Tompkins Square, l'antologia di inediti originariamente pubblicata nel 2006 solo in cd dalla Water. "Hurried life" contiene registrazioni demo e casalinghe effettuate da Ruthann fra il 1965 ed il 1971, fra cui la versione originale della celebre "Windy"; quindici brani compilati da Pat Thomas e Nathaniel Russell, grezzi ma deliziosi nei loro delicati arrangiamenti acustici che avvolgono una voce gentile e flebile, che verrebbe da accostare al canto di un'altra figura di culto come Linda Perhacs, ma anche alla ben più famosa Joni Mitchell. Toni e temi hippie, dalle delicate sfumature psichedeliche (avvertibili nello spirito dei brani più che nelle scarne sonorità), espressi spesso con un fraseggio ed un linguaggio di notevole livello. Questa la scaletta: 1. Hurried Life 2. That's Alright Silver Bird 3. Sky Is Moving South 4. Looking Glass 5. Between The Lines 6. I'm Askin' 7. Windy 8. Typical Sunday 9. Southern Comfortable 10. Alone At Last 11. Boy Took A Ticket 12. Method Madness 13. Little Girl Lost & Found 14. To Treat A Friend. Autrice nel 1969 di un primo ed a lungo unico album, "Constant companion", questa interessante cantautrice americana, che gli darà un seguito solo nel 2013 con ''Chinatown'' (raccolte escluse), è originaria di New York, dove nacque nel 1944, ma cresciuta in California. Ruthann Friedman e' una cantautrice hippie folk particolarmente attiva negli anni '60; dopo aver debuttato come cantante e chitarrista acustica a Los Angeles all'inizio del decennio, visse attivamente nella controcultura californiana e non, stringendo fra l'altro amicizia con il talentuoso collega Van Dyke Parks nel 1964, il quale la presento' poi agli Association; nel 1967, quando viveva nella casa di David Crosby in Beverly Glenn Canyon, la Friedman scrisse una canzone, intitolata ''Windy'', che poi gli Association incisero e pubblicarono, ottenendo un enorme successo, che a sua volta ricadde sulla giovane cantautrice, dandole pressoche' assoluta liberta' artistica. Formo' anche un gruppo rock con Peter Kaukonen, fratello di Jorma dei Jefferson Airplane, i Petrus, che pero' non pubblicarono alcunche'; quindi compose ed incise musiche per la colonna sonora del biker movie ''The peacekillers''. Nel 1969 pubblico' il suo primo album, ''Constant companion'', uscito su Reprise e prodotto dall'esperto Joe Wissert (frequente collaboratore dei Lovin' Spoonful, fra gli altri): un disco dagli arrangiamenti spartani, per sola voce e chitarra acustica, caratterizzato da un eccellente livello compositivo e quindi da solide canzoni, quasi tutte scritte dalla stessa Friedman, riscoperta poi a decenni di distanza da musicisti come Devendra Banhart.
Euro
29,00
codice 3513736
scheda
Froese edgar (tangerine dream) Ages (ltd. coloured vinyl rsd 2023)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  lmlr 
rock 60-70
Edizione limitata a 1300 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 22 APRILE 2023, vinile doppio di colore bianco con parti grigie ed azzurre, copertina apribile, fascia obi, inner sleeve stampate. Ristampa del 2023 ad opera della LMLR, la prima in decenni su vinile, basata sul lavoro di revisione compiuto sull'originario album nel 2004 dallo stesso Edgar Froese, rimasterizzata digitalmente e con artwork pressoché identico a quello della prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1978 dalla Virgin, il quarto album solista, successivo a "Macula transfer" (1976) e precedente "Stuntman" (1979). Con questo "Ages" Froese esprime una musica affine ai lavori dei Tangerine Dream, ma con i caratteri della musica cosmica e della prima ambient che in alcuni episodi si fondono con il "krautrock" propulsivo ed avvolgente di gruppi come gli Harmonia (il lungo brano di apertura "Metropolis" presenta alcune affinità con "Watussi" degli Harmonia); le percussioni, suonate da Klaus Kruger, unico collaboratore di Froese in questo lp, seguono patterns meccanicistici, quasi robotici, che supportano in modo ipnotico le partirure di sintetizzatori, tastiere e chitarre di Froese, cinematiche ed espansive come quelle dei classici lavori dei Tangerine Dream. Il tedesco Edgar Froese (1944-2015) è stato cofondatore e leader dei Tangerine Dream, e pertanto uno dei protagonisti della migliore stagione della musica rock ed elettronica tedesca. Uno dei più importanti gruppi della scena underground tedesca dei primi anni '70, e nei decenni successivi stelle dell'elettronica più accessibile, i Tangerine Dream si formano nel 1967, inizialmente come The Ones. Il nome definitivo viene assunto poco dopo, con una formazione a tre che cambierà nel corso degli anni ma che manterrà al centro il fondatore Edgar Froese. I primi lavori del gruppo, usciti sulla storica label tedesca Ohr, sono opere fondamentali nel contesto della musica cosmica: dopo il selvaggio esordio di ''Electronic meditation'' (1970), fra psichedelia e musica free form alla Red Crayola, il gruppo tranquillizza il proprio suono e realizza lavori rarefatti e spaziali, abbandonando quasi del tutto le percussioni e concentrandosi su chitarre elettriche liquefatte e tappeti di organo e synth, attraverso ''Alpha Centauri'' (1971), ''Zeit'' (1972) ed ''Atem'' (1973). L'uscita del quinto lp ''Phaedra'' (1974), vede il gruppo avvicinarsi al minimalismo ed al tempo stesso rendere la propria musica più accessibile, strategia che li porterà nei decenni successivi verso una grande popolarità internazionale, ed a realizzare numerose colonne sonore. Nello stesso anno di "Phaedra", la Virgin dà alle stampe anche il primo album solista di Froese, "Aqua", che sarà seguito da vari altri lavori fino al 2005, i primi dei quali sono spesso accostati alla musica ambient, pur portando ancora il marchio stilistico cosmico di cui Froese è stato uno dei massimi artefici.
Euro
50,00
codice 2119874
scheda

Page: 6 of 19


Pag.: oggetti: