Hai cercato:  all'anno 49 --- Titoli trovati: : 160
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Smith bessie bessie smith story volume 1
Lp [edizione] ristampa  mono  ita  1923  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Stampa italiana del 1969 su CBS, con copertina esclusiva, laminata sul fronte e liscia sul retro, flipback su due lati sul retro, label arancio con scritte nere e logo CBS nero al centro, con logo ''DR'' a destra, senza logo BIEM, senza logo né timbro SIAE, catalogo 62377, data sul trail off 24/11/69. Originariamente pubblicato nel 1951 dalla Columbia negli USA, questo lp è il primo di una serie di quattro volumi che documentano la parabola artistica della grande cantante afroamericana. L'album compila dodici storici brani della grande cantante, quasi tutti incisi con formazioni che vedono la presenza del grande Louis Armstrong alla cornetta, splendidi esempi di blues femminile prebellico, cantati con una voce di potenza ed abilità quasi ineguagliabile nel suo genere; troviamo alcuni dei suoi pezzi più famosi e significativi, come le eccelse ''St. Louis blues'' e ''Careless love blues'', entrambe datate 1925. Una sintetica ma significativa introduzione al vasto catalogo della cantante, oggetto nei decenni successivi alla sua morte di molte antologie e raccolte con materiale d'archivio. Questa la scaletta, con date di incisione fra parentesi: ''St. Louis blues'' (24/1/25), ''I ain't gonna play no second fiddle'' (27/5/25), ''You've been a good ole wagon'' (24/1/25), ''Sobbin' hearted blues'' (24/1/25), ''Reckless blues'' (24/1/25), ''J.C. Holmes blues'' (26/5/25), ''Careless love blues'' (26/5/25), ''Cold in hand blues'' (24/1/25), ''Nashville woman's blues'' (26/5/25), ''Jailhouse blues'' (21/9/23), ''Ticket agent ease your window down (blue train blues)'' (7/4/24), ''Down hearted blues'' (16/2/23). Bessie Smith nasce nel 1894 nel Tennessee, inizia come ballerina nel 1912; nel 1923 registra con la Columbia e diviene l'artista nera più pagata degli anni '20 guadagnando 2000 dollari la settimana e viene dichiarata l'imperatrice del blues, ma nel 1929 arriva la recessione, perde il contratto e diviene poverissima. Muore nel 1937, dopo essere stata rifiutata da un ospedale per motivi razziali in seguito un incidente automobilistico nel quale perde anche un braccio. Solo grazie all'interessamento di una delle sue eredi naturali, Janis Joplin, ebbe una tomba degna di tale nome, decenni dopo la sua morte. E' stata una grande influenza sul blues e sul jazz vocale, e la sua voce potente, passionale e talvolta rabbiosa è ancor oggi in grado di coinvolgere gli ascoltatori, a testimonianza della sua grandezza.
Euro
25,00
codice 330716
scheda
Smith bessie bessie smith story volume 2
Lp [edizione] ristampa  mono  ita  1924  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Stampa italiana del 1969 su CBS, con copertina esclusiva, laminata sul fronte e liscia sul retro, flipback su due lati sul retro, label arancio con scritte nere e logo CBS nero al centro, con logo ''DR'' a destra, senza logo BIEM, senza logo né timbro SIAE, catalogo 62378, data sul trail off 24/11/69. L'album originariamente uscito nel 1951 su Columbia negli USA, secondo di una serie di quattro volumi che documentano la parabola artistica della grande cantante afroamericana. Il volume 2 contiene dodici incisioni risalenti al periodo 1924-1933 e mostra diversi stili, barrelhouse, vaudeville, blues, e gruppi di accompagnamento che includono nomi di primo piano come Fletcher Henderson, Jack Teagarden e Benny Goodman; su tutto spicca la voce potente e lo stile esuberante, a tratti furioso, di Bessie Smith. Questa la scaletta: ''Gimme a pigfoot'' (24/11/1933), ''Take me out for a buggy ride'' (24/11/1933), ''Do your duty'' (24/11/1933), ''I'm down in the dumps'' (24/11/1933), ''Black mountain blues'' (22/07/1930), ''New Orleans hop scop blues'' (27/03/1930), ''Weeping willow blues'' (26/09/1924), ''Jazzbo Brown from Memphis town'' (18/03/1926), ''The gin house blues'' (18/03/1926), ''Poor man's blues'' (24/08/1928), ''Me and my gin'' (25/08/1928), ''Nobody knows you when you're down and out'' (25/05/1929). Bessie Smith nasce nel 1894 nel Tennessee, inizia come ballerina nel 1912; nel 1923 registra con la Columbia e diviene l'artista nera più pagata degli anni '20 guadagnando 2000 dollari la settimana e viene dichiarata l'imperatrice del blues, ma nel 1929 arriva la recessione, perde il contratto e diviene poverissima. Muore nel 1937, dopo essere stata rifiutata da un ospedale per motivi razziali in seguito un incidente automobilistico nel quale perde anche un braccio. Solo grazie all'interessamento di una delle sue eredi naturali, Janis Joplin, ebbe una tomba degna di tale nome, decenni dopo la sua morte. E' stata una grande influenza sul blues e sul jazz vocale, e la sua voce potente, passionale e talvolta rabbiosa è ancor oggi in grado di coinvolgere gli ascoltatori, a testimonianza della sua grandezza.
Euro
25,00
codice 330717
scheda
Smith bessie Bessie smith story volume 3
Lp [edizione] ristampa  mono  ita  1925  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Stampa italiana del 1969 su CBS, con copertina esclusiva, laminata sul fronte e liscia sul retro, flipback su due lati sul retro, label arancio con scritte nere e logo CBS nero al centro, con logo ''DR'' a destra, senza logo BIEM, senza logo né timbro SIAE, catalogo 62379, data sul trail off 24/11/69. Originariamente pubblicato nel 1951 dalla Columbia negli USA, questo lp è il terzo di una serie di quattro volumi che documentano la parabola artistica della grande cantante afroamericana. L'album compila dodici storici brani della grande cantante, incisi con i grandi Hot Six di Joe Smith (tromba) e Fletcher Henderson (pianoforte); in alcuni brani si segnala la presenza di un giovane Coleman Hawkins al sax tenore. Questi brani sono splendidi esempi di blues femminile prebellico, cantati con una voce di potenza ed abilità quasi ineguagliabile nel suo genere. Una sintetica ma significativa introduzione al vasto catalogo della cantante, oggetto nei decenni successivi alla sua morte di molte antologie e raccolte con materiale d'archivio. Questa la scaletta, con date di incisione fra parentesi: ''Alexander's ragtime band'' (2/3/27), ''Baby doll'' (4/5/26), ''The yellow dog blues'' (5/5/25), ''One and two blues'' (10/10/26), ''Money blues'' (4/5/26), ''After you've gone'' (2/3/27), ''Cake walking blues (from home)'' (5/5/25), ''Young woman's blues'' (10/10/26), ''At the christmas ball'' (18/11/25), ''There'll be a hot time in the old town tonight'' (2/3/27), ''Lost your head blues'' (4/5/26), ''Muddy water (a mississippi moan)'' (2/3/27). Bessie Smith nasce nel 1894 nel Tennessee, inizia come ballerina nel 1912; nel 1923 registra con la Columbia e diviene l'artista nera più pagata degli anni '20 guadagnando 2000 dollari la settimana e viene dichiarata l'imperatrice del blues, ma nel 1929 arriva la recessione, perde il contratto e diviene poverissima. Muore nel 1937, dopo essere stata rifiutata da un ospedale per motivi razziali in seguito un incidente automobilistico nel quale perde anche un braccio. Solo grazie all'interessamento di una delle sue eredi naturali, Janis Joplin, ebbe una tomba degna di tale nome, decenni dopo la sua morte. E' stata una grande influenza sul blues e sul jazz vocale, e la sua voce potente, passionale e talvolta rabbiosa è ancor oggi in grado di coinvolgere gli ascoltatori, a testimonianza della sua grandezza.
Euro
25,00
codice 330718
scheda
Smith bessie bessie smith story volume 4
Lp [edizione] ristampa  mono  ita  1927  cbs 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Stampa italiana del 1969 su CBS, con copertina esclusiva, laminata sul fronte e liscia sul retro, flipback su due lati sul retro, label arancio con scritte nere e logo CBS nero al centro, con logo ''DR'' a destra, senza logo BIEM, senza logo né timbro SIAE, catalogo 62380, data sul trail off 26/11/69. Originariamente pubblicato nel 1951 dalla Columbia negli USA, questo lp è il quarto di una serie di quattro volumi che documentano la parabola artistica della grande cantante afroamericana. Il volume 4 si concentra sulle incisioni effettuate da Smith con i pianisti James P. Johnson e Charlie Green, che insieme a Joe Smith erano fra gli accompagnatori musicali preferiti dalla cantante. Le incisioni qui incluse risalgono al periodo 1927-1931, quando Bessie Smith scivolo' dalle cime della fama verso il declino (dal '29), dovuto alla perdita di popolarita' del blues ed alla devastante crisi economica del 1929, sebbene la cantante fosse ancora in grande forma. Questa la scaletta: ''Back water blues'' (17/02/1927), ''Preachin' the blues'' (17/02/1927), ''Moan, mourners'' (09/06/1930), ''He's got me goin''' (20/08/1929), ''Blue spirit blues'' (11/10/1929), ''On revival day'' (09/06/1930), ''Trombone cholly'' (03/03/1927), ''Send me to the 'lectric chair'' (03/03/1927), ''Long old road'' (11/06/1931), ''Shipwreck blues'' (11/06/1931), ''Empty bed blues'' (20/03/1928). Bessie Smith nasce nel 1894 nel Tennessee, inizia come ballerina nel 1912; nel 1923 registra con la Columbia e diviene l'artista nera più pagata degli anni '20 guadagnando 2000 dollari la settimana e viene dichiarata l'imperatrice del blues, ma nel 1929 arriva la recessione, perde il contratto e diviene poverissima. Muore nel 1937, dopo essere stata rifiutata da un ospedale per motivi razziali in seguito un incidente automobilistico nel quale perde anche un braccio. Solo grazie all'interessamento di una delle sue eredi naturali, Janis Joplin, ebbe una tomba degna di tale nome, decenni dopo la sua morte. E' stata una grande influenza sul blues e sul jazz vocale, e la sua voce potente, passionale e talvolta rabbiosa è ancor oggi in grado di coinvolgere gli ascoltatori, a testimonianza della sua grandezza.
Euro
25,00
codice 330719
scheda
Smith bessie Empty bed blues
Lp2 [edizione] ristampa  stereo  usa  1924  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
doppio album, ristampa degli anni 2000 pressoche' identica alla prima tiratura del 1968, con copertina apribile senza codice a barre, ma non di cartone pesante, etichetta rossa con logo bianco in alto. Uscito negli Usa su Columbia con la produzione esecutiva di John Hammond, nel 1971. Raccoglie 31 incredibili brani pubblicati su 78 giri tra il '24 ed il '28, ovvero nel suo periodo di massimo splendore, di bellezza quasi divina, e di straordinaria carica artistico emotiva. Una ristampa imperdibile per chiunque, non importa che genere di musica ascoltiate. Questa la lista completa dei brani: Side 1: sorrowful blues / pinchbacks take 'em away / rocking chair blues / ticket agent ease your window down / boweavil blues / hateful blues / frankie blues / moonshine blues Side 2: lou'siana low down blues / mountain top blues / workhouse blues / house rent blues / salt water blues / rainy weather blues / weeping willow blues / the bye bye blues Side 3: I used to be your sweet mama / I'd rather be dead and buried in my grave / standin' in the rain blues / it wont be you / spider man blues / empty bed blues / put it right here Side 4: yes indeed he do / devil's gonna get you / you ought to be ashamed / washwoman's blues / slow and easy man / poor man's blues / please help me get him off my mind / me and my gin. Bessie Smith nasce nel 1894 nel Tennessee, inizia come ballerina nel 1912; nel 1923 registra con la Columbia e diviene l'artista nera piu' pagata degli anni '20 guadagnando 2000 dollari la settimana e viene dichiarata l'imperatrice del blues, ma nel 1929 arriva la recessione, perde il contratto e diviene poverissima. Muore dopo essere stata rifiutata da un ospedale per motivi razziali dopo un incidente automobilistico e aver perso un braccio, nel 1937. Solo grazie all'interessamento di una delle sue eredi naturali, Janis Joplin, ebbe una tomba degna di tale nome, decenni dopo la sua morte. E' stata una grande influenza sul blues e sul jazz vocale, e la sua voce potente, passionale e talvolta rabbiosa e' ancor oggi in grado di coinvolgere gli ascoltatori, a testimonianza della sua grandezza.
Euro
24,00
codice 238362
scheda
Smith bessie Great original performances 1925 to 1933
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1925  bbc 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro senza barcode, label azzurra con scritte nere e logo BBC Records and Tapes giallo, arancio e nero in alto, catalogo REB602. Pubblicata nel 1986 dalla BBC Records And Tapes in Gran Bretagna, questa raccolta compila quindici brani tratti da rari vecchi 78 giri d'epoca, ed incisi a New York fra il 1925 ed il 1933 dalla grandissima cantante jazz e blues, accompagnata da strumentisti di eccezionale caratura quali Coleman Hawkins, Fletcher Henderson, Garvin Bushell e Chu Berry (a seconda della sessione di registrazione). Questa la scaletta: ''Empty bed blues'' (20/3/28), ''Alexander's ragtime band'' (2/3/27), ''Preachin' the blues'' (17/2/27), ''Keep it to yourself'' (27/3/30), ''Trombone cholly'' (3/3/27), ''At the christmas ball'' (18/11/25), ''Kitchen man'' (8/5/29), ''You've got to give me some'' (8/5/29), ''He's got me goin''' (20/8/29), ''Thinking blues'' (9/2/28), ''Devil's gonna git you'' (24/8/28), ''Send me to the 'lectric chair'' (3/3/27), ''Baby doll'' (4/5/26), ''Take me for a buggy ride'' (24/11/33), ''Young woman's blues'' (26/10/26). Bessie Smith nasce nel 1894 nel Tennessee, inizia come ballerina nel 1912; nel 1923 registra con la Columbia e diviene l'artista nera piu' pagata degli anni '20 guadagnando 2000 dollari la settimana e viene dichiarata l'imperatrice del blues, ma nel 1929 arriva la recessione, perde il contratto e diviene poverissima. Muore dopo essere stata rifiutata da un ospedale per motivi razziali dopo un incidente automobilistico e aver perso un braccio, nel 1937. Solo grazie all'interessamento di una delle sue eredi naturali, Janis Joplin, ebbe una tomba degna di tale nome, decenni dopo la sua morte. E' stata una grande influenza sul blues e sul jazz vocale, e la sua voce potente, passionale e talvolta rabbiosa e' ancor oggi in grado di coinvolgere gli ascoltatori, a testimonianza della sua grandezza.
Euro
23,00
codice 323628
scheda
Smith clara Vol. 4 – complete recorded works in chronological order
Lp [edizione] originale  mono  aut  1925  document 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Prima stampa, in mono, pressata in edizione limitata nel 1989 dalla austriaca Document Records, copertina emilucida fronte retro senza barcode, label bianca con banda nera centrale e scritte nere, logo Document nero in alto, catalogo DLP569. Questa bella raccolta, quarto volume di una serie che compila tutte le incisioni della cantante, contiene ben diciotto storiche incisioni, tratte da 78 giri dell'epoca, effettuate fra il 1925 ed il 1926 a New York da Clara Smith, ed alle quali parteciparono musicisti come Bob Fuller, Stanley Miller, Bessie Smith, Ted Nixon, Porter Grainger e Buddy Christian. Clara Smith (1894-1935), originaria della Carolina del Sud, comincio' la sua carriera musicale cantando nei teatri e nel circuito vaudeville intorno al 1910, facendosi le ossa in lunghi anni di lavoro nel Sud degli Stati Uniti. Arrivo' a New York nel 1923 e comincio' ad incidere per la Columbia; effettuo' numerose registrazioni di blues e musica popolare fino al 1932, poi documentate decenni dopo con alcune raccolte tratte dai suoi 78 giri. Incise anche tre duetti con la grande collega Bessie Smith (nessuna parentela fra le due), ''My man blues'', ''I'm coming back to my used to be'' e ''Far away blues'' (1925). Clara Smith era in possesso di una voce piu' gentile e leggera rispetto a molte cantanti blues afroamericane dell'epoca; mori' prematuramente per problemi cardiaci. Questa la scaletta: ''Different way blues'', ''Down home bound blues'', ''My two timing papa'', ''Kitchen mechanic blues'', ''My man blues'', ''I'm tired of bein' good'', ''Onery blues'', ''You get mad'', ''Alley rat blues'', ''When my sugar walks down the street'', ''Disappointed blues'', ''The market street blues'', ''It takes the lawd'', ''Look where the sun done gone'', ''Rock, church, rock'', ''Jelly bean blues'', ''How'm I doin''', ''Whip it to a jelly''.
Euro
20,00
codice 327458
scheda
Snow valaida Until the real thing comes along
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1933  monk 
jazz
Copertina a busta senza codice a barre, label nera e rossa con scritte rosse e logo Monk rosso in alto, catalogo MK343. Pubblicata nel 2015 dalla Monk, questa raccolta compila sedici storiche incisioni effettuate da Valaida Snow a New York ed a Londra fra il 1933 ed il 1937. Figura rimasta relegata al ruolo di culto principalmente a causa della malasorte, l'artista afroamericana Valaida Snow (1903-1956), originaria di Chattanooga in Tennessee, era una talentuosa cantante, strumentista (principalmente trombettista) ed arrangiatrice di blues e musica popolare prebellica. Attivissima gia' dagli anni '20 (a ventidue anni era gia' un'attrazione del cabaret Barron Wilkins ad Harlem, New York), non solo negli Stati Uniti ma anche in Europa ed in estremo Oriente, suscito' l'ammirazione di illustri colleghi quali Louis Armstrong ed Earl Hines. Il suo talento poliedrico (notevole cantante dalle grandi doti vocali, trombettista, arrangiatrice) limito' secondo alcuni critici il successo della sua carriera, relegandola ingiustamente al ruolo di curiosita' artistica. Mentre si trovava a Copenhagen all'inizio della seconda guerra mondiale, fu catturata dai tedeschi e tenuta in prigionia in un lager per un anno e mezzo prima di essere liberata in uno scambio di prigionieri: l'esperienza la segno' terribilmente sia dal punto di vista psicologico che da quello fisico e non fu piu' la stessa e, anche se torno' a lavorare nello show business, la magia era andata perduta. Mori' per un'emorragia cerebrale poco piu' che cinquantenne. Questa la scaletta: ''Maybe I'm to blame'', ''I wish I were twins'', ''I can't dance'', ''It ad to be you'', ''You bring out the savage in me'', ''Imagination'', ''Sing, you sinners'', ''Singin' in the rain'', ''Until the real thing comes along'', ''High hat, trumpet and rhythm'', ''Take care of you for me'', ''You're not the kind'', ''Nagasaki'', ''Some of these days'', ''Chloe'', ''I got rhythm''.
Euro
17,00
codice 3507774
scheda
Sons of the pioneers Teardrops in my heart/you don't k..
78 [edizione] originale  mono  usa  1947  rca victor 
  [vinile]  Very good blues rnr coun
Titolo completo '' Teardrops in my heart/you don't know what lonesome is '' . Prima inverosimilmente rara stmpa Usa, copertina neutra, etichetta nera con logo e scritte oro. Il nono 78 per la rca. I Sons Of The Pioneers furono uno dei pi— grandi e famosi gruppi di Country degli Stati Uniti , specializzati, se cos￾ si pu• dire, nelle canzoni dei Cow Boys , sono considerati tra i pionieri e tra i massimi innovatori della musica Country. Si formano nel '33 con il nome di The Pioneer Trio grazie all' incontro tra Leonard Slye (subito ribattezzato Roy Rogers), Tim Spencer e Bob Nolan. In seguito,con l' entrata nel gruppo dei fratelli Farr, cambiano nome in Sons of the Pioneers. Hanno scritto le canzoni di molti film western. Roy Rogers Š l' unico artista country la cui stella brilla "due volte" nella Country Music Hall of Fame, una come membro dei Sons of the Pioneers e l'altra come solista.
Euro
75,00
codice 41574
scheda
Soundtrack Samson and Delilah/the quiet man
Lp [edizione] ristampa  mono  usa  1949  varese sarabande 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Ristampa Usa del 1978, copertina cartonata, etichetta rosso mattone con logo e scritte bianche. Colonna sonora del film uscito in Usa nel 1949 ,Samson and Delilah uscito per la Paramount Pictures, con le musiche di Victor Young, prodotto e diretto da Cecil B. DeMille con Victor Mature e Hedy Lamarr , Angela Lansbury, George Sanders e Henry Wilcoxon .L'altra colonna sonora inclusa e' ''The quiet man'' del 1952 con le musiche sempre di Victor Young., Diretto da John Ford. Con John Wayne, Maureen O'Hara, Barry Fitzgerald.
Euro
18,00
codice 47770
scheda
Soundtrack (max steiner) Gone with the wind (via col vento)
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1939  moving image entertainment 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Copia ancora incellophanata (sigillata e da noi aperta per verificare il contenuto), ristampa italiana del 2004 su Moving Image Entertainment, con copertina esclusiva, cartonata lucida fronte retro e con barcode, label nera con scritte bianche e gialle e con grande logo Moving Image Entertainment su di una facciata, catalogo MIE013. Originariamente pubblicata su lp nel 1954 dalla RCA Victor, la colonna sonora del celeberrimo colossal hollywoodiano del 1939 diretto da David O. Selznick, ''Via col vento''. Il regista commissiono' le musiche del film al compositore viennese (ma all'epoca stabilitosi negli USA) Max Steiner, che in precedenza aveva composto la colonna sonora del primo ''King kong'' (1933) ed aveva gia' vinto il primo dei suoi tre oscar con le musiche di ''The informer'' di John Ford (1935, in italia ''Il traditore''). Steiner, che registro' l'opera fra il novembre ed il dicembre del 1939, si ispiro' alla musica folk americana ed alle canzoni patriottiche della guerra di secessione per realizzare questo lavoro, associando fortemente i toni di molti brani a tratti caratteristici e a stati emotivi dei personaggi del film a cui essi facevano riferimento. Questa la scaletta: ''Main title'', ''The o'hara family'', ''Scarlett o'hara prepares for the barbeque'', ''Twellve oaks'', ''The barbeque (extended version)'', ''War is declared / The death of charles'', ''At the bazaar'', ''Escape from atlanta'', ''Twelve oaks in ruin / Scarlett comes home'', ''Battle montage'', ''Paddock scene'', ''Melanie and mammy'', ''Scarlett in the mist / Rhett leaves''.
Euro
18,00
codice 322895
scheda
Spirit of memphis quartet When mother's gone
Lp [edizione] nuovo  mono  swe  1949  dr. horse 
blues rnr coun
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1988 dalla Gospel Jubilee, questa raccolta compila quattordici storici brani incisi fra il 1949 ed il 1958 dall'importante gruppo gospel afroamericano. La raccolta si concentra in particolare sul periodo 1949-1952, durante il quale il gruppo tocco' altissimi vertici nell'ambito della musica gospel. Questa la scaletta: ''Joshua fit the battle of jericho'' (1949), ''Mother gone theme'' (1949), ''Swing down chariot'' (1949), ''Freedom'' (1949), ''Ezekiel saw the wheel a'rollin''' (1949), ''Blessed are the dead'' (1949), ''Every day and every hour'' (1951), ''When mother's gone'' (1954), ''The atomic telephone'' (1951), ''The world prayer'' (1951), ''There's no sorrow'' (1952), ''Surely, surely, amen'' (1953), ''I need thee (every hour)'' (1958), ''Come and go with me'' (1958). Fondati nel 1930 a Memphis, gli Spirit of Memphis Quartet sono stati uno dei piu' importanti e talentuosi gruppi gospel di sempre; rimasti in attivita' per oltre cinquant'anni grazie anche al ricambio di energie fornito da nuovi ingressi nel corso del tempo, avevano il loro nucleo nella voce solista di Jethro Bledsoe, nel tenore Robert Reed e nel basso Earl Malone, che si erano uniti al gruppo negli anni '30. Il periodo 1949-1952 e' considerato uno di quelli artisticamente piu' felici della loro carriera: in quegli anni offrirono eccezionali performance vocali di musica religiosa afroamericana.
Euro
24,00
codice 3508629
scheda
Stewart rex Hollywood jam
Lp [edizione] originale  mono  ita  1945  duke 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
Bella copia con leggeri segni di usura sulla copertina, prima stampa italiana, copertina senza barcode, label rossa con scritte gialle lungo il bordo in basso e nere al centro, logo Duke Records giallo in alto, catalogo D-1017, logo SIAE a sinistra e timbro SIAE del terzo tipo, in uso dal 1978/79, con marchio Siae che non ne occupa piu' l' intero cerchio centrale. Pubblicato sul finire degli anni '70 o nei primi anni '80 dalla Duke in Italia, questo album raccoglie brani registrati nel 1945 da Rex Stewart con la sua All Stars Band, con l'eccezione dell'ultimo, ''Frantic fantasy'', inciso con l'orchestra di Duke Ellington (di cui Stewart faceva parte), sempre nello stesso anno (3/1/45, New York). Registrato ad Hollywood nello show radiofonico ''Lamplighters' show'' di Billy Berg, il 19 marzo del 1945, con formazione composta da Rex Stewart (tromba), Bob Wilson (trombone), Barney Bigard (clarinetto), Joe Sullivan (pianoforte), Duke Ellington (pianoforte nel brano ''Mood indigo''), Rollo Garber (contrabbasso) e Zutty Singleton (batteria). E' un jazz ancora legato all'epoca swing e con echi del dixieland quello che possiamo ascoltare in queste tracce. Questa la scaletta: ''Blues jam'', ''Someday sweetheart'', ''Message from the U.S. Coast Guard'', ''Muskrat ramble'', ''Mood indigo'', ''The Shei of araby'', ''Frantic Fantasy''. Grande trombettista del jazz della prima meta' del '900, Rex Stewart (1907-1967) deve la sua fama principalmente agli undici anni trascorsi nell'orchestra di Duke Ellington, della quale fu un importante componente: Ellington nelle sue composizioni adottava spesso soluzioni su misura per mettere in rilievo lo stile eccellente e personale della tromba di Stewart, definito da alcuni critici come ''parlante'' e caratterizzato dall'uso di effetti ''a mezzo pistone''. Influenzato da Bix Beiderbecke, Louis Armstrong e Bubber Miley, inizio' la carriera suonando sui battelli fluviali che navigavano il Potomac, quindi si uni' all'orchestra di Ellington nel 1934, diventandone una delle stelle e quindi un protagonista del jazz pre be bop.
Euro
13,00
codice 324201
scheda
Tatum art Solo piano
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1949  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
Bella copia che presenta una abrasione di circa 2 cm di diametro sul retro copertina, prima stampa europea di pressaggio olandese, copertina laminata sul fronte e liscia sul retro, label verde con scritte nere, logo Capitol nero, viola e bianco in alto, catalogo 5C052.80800, logo STEMRA senza riquadro a sinistra. Pubblicato nel 1972 dalla Capitol negli USA ed in Europa, questo album raccoglie sedici brani per solo pianoforte interpretati da Art Tatum nel 1949, in tre sessioni tenute a Los Angeles. Tatum, che nella seconda meta' degli anni '40 stava soffrendo un calo di popolarita' e di interesse verso la sua musica, effettuo' poche incisioni durante quel periodo, e queste tre sessioni sono una delle rare testimonianze della raggiunta maturita' artistica del pianista, capace di tirare fuori soluzioni spettacolari anche dai brani piu' banali, grazie alla sua inventiva ed alle sue enormi doti melodiche e ritmiche. Questa la scaletta: ''Willow weep for me'', ''I cover the waterfront'', ''Aunt hagar's blues'', ''Nice work if you can get it'', ''Someone to watch over me'', ''Dardanella'' (brani incisi il 13/7/49); ''Time on my hands'', ''Sweet lorraine'', ''Somebody loves me'', ''Don't blame me'' (brani incisi il 25/7/49); ''My heart stood still'', ''You took advantage of me'', ''I gotta right to sing the blues'', ''Blue skies'', ''It's the talk of the town'', ''Dancing in the dark'' (brani incisi il 29/9/49). Il pianista Art Tatum (1909-1956) e' considerato uno dei piu' grandi interpreti dello strumento in ambito jazz; dotato di una tecnica eccezionale che gli permetteva di proporre complesse soluzioni a grandi velocita', e' anche considerato un pianista avanti di decenni rispetto ai suoi contemporanei, grazie alle sue importanti innovazioni.
Euro
17,00
codice 322087
scheda
Teagarden jack / pee wee russell Jack teagarden's big eight / pee wee russell's rhythmakers
Lp [edizione] ristampa  mono  usa  1938  riverside 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
rara ristampa USA pressata in edizione limitata nel 1985, copertina (con leggeri segni di usura) senza barcode, label bianca con parti verdi chiare, logo Riverside bianco su campo verde chiaro in alto, catalogo OJC-1708. Originariamente pubblicato nel 1956 dalla Riverside, questo album ripropone i frutti di due pregevoli sessioni incise a New York nel 1938 e nel 1940 per la label H.R.S., guidate da due grandi del jazz prebellico, legati al jazz dixieland ed allo swing: sulla prima facciata ascoltiamo Jack Teagarden con i suoi Big Eight (data 31/8/1938), composti in gran parte da membri dell'orchestra di Duke Ellington, fra i quali Rex Stewart (cornetta), Barney Bigard (clarinetto) e Ben Webster (sax tenore), offrire quattro ispiratissime performances; sulla seconda facciata troviamo invece sei brani registrati da Pee Wee Russell con i suoi Rhythmakers (data 15/12/1940), altra formazione ricca di talento (con il trombettista Max Kaminsky, il pianista James P. Johnson ed il trombonista Dicky Wells). Questa la scaletta: Jack Teagarden's Big Eight, "Shine", "St. James infirmary", "The world is waiting for the sunrise", "Big eight blues"; Pee Wee Russell's Rhythmakers, "Baby, won't you please come home", "Dinah", "Zutty's hootie blues", "There'll be some changes made", "I found a new baby", "Everybody loves my baby" (questi ultimi due brani incisi con formazione a trio). Uno dei massimi protagonisti del jazz, in particolare di quello prebellico, Jack Teagarden (1905-1964) è considerato il più grande trombonista dell'epoca pre-be bop ed uno dei più grandi cantanti jazz; il suo nome è legato principalmente ai generi dixieland e swing. Ammirato da Tommy Dorsey, Teagarden suonò in prestigiose orchestre (ed anche in qualche gruppo di piccole dimensioni) fra gli anni '20 e '30, per poi guidare una propria big band fra il 1939 ed il 1946, quindi suonare con gli All Stars di Louis Armstrong fra il 1947 ed il 1951, ed infine guidare un efficace sestetto dixieland per il resto della sua carriera. Proveniente da St. Louis, Missouri, il clarinettista Pee Wee Russell (1906-1969) è considerato un esponente di primo piano nel jazz; attivo spesso in orchestre dixieland, sviluppò tuttavia una personalità musicale che trascendeva i confini di un solo stile; iniziò la sua carriera nei primi anni '20, giovanissimo.
Euro
16,00
codice 332629
scheda
Tharpe sister rosetta rhythm 'n' gospel (1938-48)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1948  not now 
blues rnr coun
Realizzata dalla Not Now nel 2018, questa raccolta contine quattordici straordinari brani registrati tra il 1938 ed il 1948, nella fase forse piu' importante della lunga storia artistica della immensa artista afroamericana, in cui incise un notevole numero di dischi, perlopiu' che la Decca, ottenendo un grande successo, soprattutto grazie alle sue leggendarie e carismatiche esibizioni, trascinanti ed intense come poche all' epoca, tra i punti di riferimento per quella scena che avrebbe presto creato i presupposti per la nasita del rock'n'roll, di cui la Tharpe va considerata una della imprescindibili anticipatrici, infleuenzando peraltro, con il suo stile chitarristico, piu' di una generazione di chitarristi. Questa la lista dei brani contenuti: A1 Up Above My Head, I Hear Music In The Air (1948), A2 Shout, Sister, Shout (1941), A3 Down By The Riverside (1948), A4 Ain't No Grave Hold Body Down (1947), A5 Didn't It Rain (1947), A6 Trouble In Mind (1943), A7 Strange Things Happening Every Day (1944), B1 This Train (1944), B2 Everybody's Gonna Have A Wonderful Time Up There (1947), B3 God's Mightly Hand (1946), B4 Teach Me To Be Right (1947), B5 That's All (1938), B6 Don't Take Everybody To Be Your Friend (1946), B7 My Journey To The Sky (1947). ''Sister'' Rosetta Tharpe (1915-1973) fu una delle prime interpreti di gospel a trovare consensi anche al di fuori del suo ambiente, grazie alla sua profonda affinita' con i ritmi del jazz e ad una personalita' eclettica ed irrequieta, nonche' al vivace spirito da vaudeville delle sue apparizioni in concerto. Cresciuta tra Arkansas e Chicago, canta insieme alla madre Katie Bell Nubin nelle chiese pentecostali. A New York si unisce all'orchestra di Cab Calloway e porta brani religiosi sul palcoscenico della Cotton Club Revue di Broadway. Inizia ad incidere per la Decca nel 1938 accompagnandosi da sola con la chitarra. La sua attivita' fu importante per la diffusione della musica gospel presso un pubblico piu' vasto, e la sua musica pulsante che univa influenze folk rurali e blues metropolitane ebbe influenza addirittuta su importanti esponenti del primo rock'n'roll.
Euro
18,00
codice 2097438
scheda
Thomas henry Bull doze blues
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1927  mississippi/l. axe 
blues rnr coun
Copertina a busta senza codice a barre, label blu con riquadro dai contorni argento e scritte argento, catalogo MRL004. Pubblicato nel 2012 dalla Mississippi/LIttle Axe, questo album presenta dodici brani del bluesman texano, incisi come il resto della sua discografia fra il 1927 ed il 1929; fra di essi alcuni classici come ''Fishing blues'' e ''Railroadin' some'', che rivelano il suo stile country blues arcaico, ponte fra l'800 ed il '900. Questa la scaletta: ''Bull doze blues'', ''Don't ease me in'', ''Railroadin' some'', ''Shanty blues'', ''Fox and the hounds'', ''Fishing blues'', ''Lovin babe'', ''Old country stomp'', ''Red river blues'', ''Texas worried blues'', ''Honey won'r you allow me one more chance'', ''Jonah in the wilderness''. Uno dei piu' vecchi bluesmen ad avere effettuato delle incisioni, il texano Henry Thomas nacque, si ritiene, nel lontano 1874, circa diciotto anni prima di Charley Patton. Si pensa che fosse essenzialmente un musicista di strada itinerante, che suonava seguendo il percorso delle linee ferroviarie texane. La sua musica, per quanto ci e' pervenuto (circa due dozzine di brani incisi fra il 1927 ed il 1929), era orientata a generi ballabili arcaici, in voga nella seconda meta' dell'800, e comprendeva anche elementi stilistici Spiritual come, ovviamente, blues; Thomas suonava la sua chitarra in modo particolare, maneggiandola e suonandola come se fosse un banjo, e dando piu' rilievo ai ritmi che alle finezze tecniche. Il suo stile unico resta un importante documento storico di un'epoca musicale afroamericana piu' antica rispetto a quella del primo novecento, ed la sua ''Bull doze blues'' ha ispirato decenni dopo i Canned Heat per la loro versione di ''Going up the country''.
Euro
14,00
codice 2074497
scheda
Vian boris Jazz à saint-germain-des-prés
Lp [edizione] nuovo  stereo  fra  1947  diggers factory / ina 
jazz
Edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in basso, vinile da 140 grammi, allegata tessera per ol download digitale dell'album, label blu e nera con scritte bianche e logo Ina in alto. Pubblicato nel 2020 dalla Diggers Factory / Ina, questo album documenta attraverso rare registrazioni le performances date da Boris Vian nei cabaret del quartiere parigino di Saint-Germain-Des-Prés, fra il 1947 ed il 1957. Questi brani evidenziano soprattuto il Vian trombettista e jazzista, attraverso un set di squisiti brani che richiamano sia il bop che, alcuni casi, il più fluente jazz prebellico. Questa la scaletta, con date di incisione: "Ah! Si j'avais un franc cinquante", "Basin street blues", "Sweet and be bop", "Rose room", "Time's a-wastin'" (brani registrati il 25 ottobre del 1947 al Tabou, storico locale che all'epoca era un ritrovo per jazzisti e bohémiens); "Interview de Boris Vian à Saint-Germain-des-Prés" (intervista registrata il 2/11/48); "Royal garden blues" (dal vivo al Teatro Edouard VII, 4/7/49); "J'suis snob", "On n'est pas là pour se faire engulfer" (al cabaret de La Fontaine des Quatre-Saisons, 23/2/55); "Pan pan poireux" (registrato a Rue de Rome, Parigi, il 2/2/57). Boris Vian, nato in Francia nel 1920 e morto nel 1959, e' stato uno scrittore, cantautore, trombettista e traduttore francese (tradusse Alfred Elton van Vogt e Raymond Chandler). E' stato anche membro del College de Pataphysique e dirigente del reparto discografico jazzistico della Philips. Autore anche di racconti e canzoni, Vian ha suonato la sua tromba tascabile nel famoso club "Tabou" di Parigi. La sua canzone piu' famosa e' "Le deserteur", dal testo apertamente pacifista; fu scritta durante la guerra d'Indocina. ''Il disertore'' fu tradotta per la prima volta da Luigi Tenco, il quale la intitolo' "Padroni della terra", ma rimase inedita; fu poi ripresa da Ivano Fossati. Fu tradotta inoltre da Bob Dylan ed ispiro' "Masters of war". Le sue canzoni sono state riprese da moltissimi artisti, tra cui Juliette Greco, Nana Mouskouri, Yves Montand, Magali Noel, Henri Salvador e Ivano Fossati. Grande fu il suo amore per il jazz ed esso traspare anche nelle sue opere.
Euro
29,00
codice 3512676
scheda
Vintage Radio Broadcast Inner Sanctorum ( Mar Bren)
lp [edizione] originale  stereo  usa  1945  mar bren sounds ltd 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima rara stampa Usa, copertina cartonata, etichetta gialla con scritte e logo neri. Si tratta della stampa in vinile dei leggendari ''Inner Sanctorum'', programmi radiofonici Americani degli anni ''40 che iniziarono nel 1941 alla NBC Network, di argomento soprannaturale, una sorta di 'Ai confini della realta' ' versione radiofonica, ognuno di questi lp's, stampati negli anni ''60, raccoglie due puntate del programma della durata di mezz'ora circa, gli episodi di questo album sono del 1945 e sono narrati da Boris Karloff e Myron McCormick.
Euro
25,00
codice 47474
scheda
Vintage Radio Broadcast Inner Sanctorum ( pelican)
lp [edizione] originale  stereo  usa  1945  pelican 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima rara stampa Usa, copertina cartonata, etichetta crema con scritte e logo neri. Si tratta della stampa in vinile dei leggendari ''Inner Sanctorum'', programmi radiofonici Americani degli anni ''40 che iniziarono nel 1941 alla NBC Network, di argomento soprannaturale, una sorta di 'Ai confini della realta' ' versione radiofonica, ognuno di questi lp's, stampati negli anni ''60, raccoglie due puntate del programma della durata di mezz'ora circa, gli episodi di questo album sono del 1945 e sono narrati da Boris Karloff e Richard Widmark
Euro
25,00
codice 47475
scheda
Vintage Radio Broadcast Inner Sanctorum ( radiola)
lp [edizione] originale  stereo  usa  1949  radiola 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima rara stampa Usa, copertina cartonata, etichetta gialla con scritte e logo neri. Si tratta della stampa in vinile dei leggendari ''Inner Sanctorum'', programmi radiofonici Americani degli anni ''40 che iniziarono nel 1941 alla NBC Network, di argomento soprannaturale, una sorta di 'Ai confini della realta' ' versione radiofonica, ognuno di questi lp's, stampati negli anni ''60, raccoglie due puntate del programma della durata di mezz'ora circa, gli episodi di questo album sono del 1949 e contiene ''the hermit's cave e hanson's ghost.
Euro
25,00
codice 47476
scheda
Waller fats Complete fats waller vol.2, 1935
lp2 [edizione] originale  mono  usa  1935  bluebird-rca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa USA, vinile doppio, copertina cartonata apribile con barcode, label gialla e blu con scritte gialle lungo il bordo in basso e blu altrove, logo Bluebird blu in alto e piccolo logo RCA giallo in basso, catalogo AXM2-5575. Pubblicato nel 1981 dalla Bluebird/RCA, il secondo volume di una serie di raccolte che avrebbe dovuto compilare tutte le registrazioni di Fats Waller, ma che si fermo' al quarto volume. Questo secondo volume ci consegna trentadue storiche incisioni effettuate nel 1935, infiammate dalla voce spiritosa e carismatica di Waller e dal suo irresistibile pianoforte stride, ed impreziosite dall'apporto tecnico di strumentisti quali Herman Autrey (tromba) e Rudy Powell (clarinetto). Questa la scaletta: ''Rosetta'', ''Rosetta (instrumental)'', ''Pardon my love'', ''What's the reason (I'm not pleasin' you)'', ''What's the reason (I'm not pleasin' you) (instrumental)'', ''Cinders'', ''(Oh suzanna) Dust off that old pianna'' (brani incisi il 6/3/35 con Fats Waller, pianoforte, celesta e voce, Herman Autrey, tromba, Rudy Powell, clarinetto, sax alto, Al Casey, chitarra, Charlie Turner, contrabbasso, Harry Dial, batteria); ''Lulu's back in town'', ''Sweet & slow'', ''You've been taking lessons in love'', ''You're the cutest one'', ''I'm gonna sit right down and write me a letter'', ''Hate to talk about myself'' (brani incisi il 8/5/35, stessa formazione delle sessioni del 6/3/35); ''Dinah'', ''Take it easy'', ''You're the picture (I'm the frame)'', ''My very good friend the milkman'', ''Blue because of you'', ''There's going to be the devil to pay'', ''12 street rag'', ''There'll be some changes made'', ''Somebody stole my gal'', ''Sweet sue – just you'' (brani incisi il 24/6/35, stessa formazione delle sessioni precedenti tranne Jimmy Smith, chitarra, al posto di Al Casey, ed Arnold Bolden, batteria, al posto di Harry Dial); ''Truckin''', ''Sugar blues'', ''As long as the world goes round and round'', ''Georgia rockin' chair'', ''Brother seek and ye shall find'', ''The girl I left behind me'' (brani incisi il 2/8/35, stessa formazione della sessione del 24/6/35); ''You're so darn charming'', ''Woe! Is me'', ''Rhythm and romance'' (brani incisi il 20/8/35, stessa formazione della sessione del 24/6/35). Pianista, organista, cantante e compositore nato a New York il 21 maggio del 1904 e morto a Kansas City il 15 dicembre del 1943, Fats Waller fu un vero e proprio beniamino della comunita' afroamericana di New York, per le sue abilita' di intrattenitore unite ad una acuta intelligenza musicale che gli ha permesso di raccogliere e utilizzare elementi musicali di tutte le tradizioni: grande improvvisatore in stile classico all'organo a canne, enorme performer al piano Wurlitzer in accompagnamento al cinema muto ed autore prolifico, capace di vendere in blocco decine di canzoni. Personaggio complesso, la cui comicita' ha finito forse per lasciare in ombra le sue grandi qualita' musicali, diventa pianista professionista a quindici anni. Durante gli anni '20 accompagna le piu' grandi cantanti blues, tra le quali Bessie Smith. Alla fine degli anni '20 inizia l'attivita' di compositore ed insieme al paroliere Andy Razaf crea la musica per i popolari spettacoli del Connie's Inn. Nel '28 partecipa con il suo maestro James P. Johnson al musical "Keep Shufflin". Inizia ad incidere per conto proprio negli anni '30 per la Victor (le registrazioni qui proposte appartengono a quel periodo). Diviene uno dei personaggi di maggior successo delle trasmissioni radiofoniche, anche grazie alle sue proverbiali battute, e dei primi filmati, soprattutto grazie alla sua fantastica mimica. Nel dicembre del '43 Waller viene trovato morto di broncopolmonite la mattina del 15 alla fermata di Kansas City, mentre sta viaggiando in treno da Los Angeles a New York.
Euro
28,00
codice 322463
scheda
Washington dinah Mellow mama
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1945  delmark 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Ristampa USA, copertina lucida a busta con barcode, inserto catalogo della Delmark, label bianca con scritte blu e logo Delmark in blu in alto. Originariamente pubblicato dalla Delmark nel 1992, contenente incisioni effettuate a Los Angeles il 10, 12 e 13 dicembre del 1945 con formazione composta da Dinah Washington (voce), Lucky Thompson (sax tenore), Karl George (tromba), Jewel Grant (sax alto), Gene Porter (clarinetto, sax alto, sax baritono), Milt Jackson (vibrafono), Wilbert Baranco (piano), Charles Mingus (contrabbasso) e Lee Young (batteria). Le primie registrazioni da solista di Dinah Washington (eccezion fatta per una sessione del 1943 sotto la supervisione di Lionel Hampton) vedono coinvolti alcuni pezzi da novanta come Mingus e Milt Jackson, ma le luci sono ovviamente sulla cantante, che guida i brani con la sua voce squillante e carica di rabbia come di malessere blues, lasciando spazio anche ai vari solisti della band, attraverso un set fra blues e jazz fluido e melodico. Questa la scaletta: ''Mellow mama blues'', ''All or nothing blues'', ''Rich man's blues'', ''Chewin' mama blues'', ''Blues for a day'', ''Wise woman blues'', ''My voot is really vout'', ''Pacific coast blues'', ''Beggin' mama blues'', ''Walking blues'', ''No voot no boot'', ''My lovin' papa''. Considerata una delle piu' grandi ed influenti cantanti del '900, Dinah Washington (1924-1963, vero nome Ruth Lee Jones), era un'interprete versatile, a suo agio con blues, jazz, pop e gospel, ed in possesso di una voce dai toni alti e scintillanti. Cresciuta musicalmente nel mondo del gospel, lascio' la musica sacra dopo essersi dedicata a quella secolare, ritenendo inopportuno mescolare i due generi. Comincio' giovanissima ad esibirsi nei club di Chicago, dove si era trasferita durante l'infanzia dalla natia Alabama, raggiungendo poi il culmine della propria carriera fra il 1948 ed il 1955, con una serie di successi da top ten. Gli ultimi anni della sua carriera, stroncata da una morte prematura ed accidentale, la videro' concentrarsi su levigate ballate orchestrali.
Euro
15,00
codice 317436
scheda
Waxman frank Bride of frankenstein
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1935  music on vinyl 
soundtracks
Vinile da 180 grammi, copertina a busta, inserto apribile con artwork a colori e note, label custom con artwork a colori diverso su ciascuna facciata e con scritte verdi e marroni, busta di plastica trasparente con chiusura adesiva. Edizione del 2013 ad opera della Music On Vinyl (la prima in assoluto in vinile), della colonna sonora del celebre film horror del 1935, diretto da James Whale, e seguito del primo ''Frankenstein'' del 1931, anch'esso diretto da James Whale; l'acclamato attore Boris Karloff interpreto' il mostro inventato da Mary Shelley in entrambi i film. La colonna sonora di ''The bride of frankenstein'' venne composta dal germano-americano Franz Waxman, stimato autore di musiche per il cinema (fra le sue colonne sonore, quella di ''Dr. Jekyll & Mr. Hyde'' del 1941 e di ''Sunset boulevard'' del 1950). Questa la scaletta: ''Main title'', ''Prologue/Menuetto and storm/Monster entrance'', ''Processional march'', ''Strange apparition/Pretorius' entrance/You will need a coat'', ''Bottle sequence'', ''Female monster/Pastorale/Village chase/Crucifixion'', ''Fire in the hut/Graveyard'', ''Dance macabre'', ''The creation/The tower explodes/Finale''.
Euro
25,00
codice 3506627
scheda
Wells dicky In paris, 1937
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1937  prestige 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good jazz
ristampa USA dei primi anni '70, rimasterizzata in stereo dai nastri mono originali, copertina (con diversi segni di invecchiamento) cartonata, etichetta verde con logo Prestige azzurro e giallo in alto, scritte azzurre lungo il bordo in basso e nere al centro, catalogo PRT7593 sull'etichetta. Originariamente pubblicato nel 1955 dalla His Master's Voice nel Regno Unito, uscito negli USA solo nel 1968 su Prestige, questo apprezzato ma non molto conosciuto album contiene registrazioni effettuate a Parigi il 7 ed il 12 luglio del 1937 da Dicky Wells (trombone) con diverse formazioni: il 7 luglio con Bill Dillard, Bill Coleman e Shad Collins (trombe, Coleman anche alla voce in un brano), Django Reinhardt (chitarra), Richard Fullbright (contrabbasso), Bill Beason (batteria); il 12 luglio con Sam Allen (pianoforte), Roger Chaput (chitarra), Bill Beason (batteria), Howard Johnson (sax alto), Bill Dillard e Shad Collins (trombe). Prima di diventare famoso come membro dell'orchestra di Count Basie, Wells incise queste brillanti performances di swing jazz, caratterizzate dall'umorismo del leader e da un gioioso dinamismo. Questa la scaletta: "Between the devil and the deep blue sea", "Bugle call rag", "I got rhythm", "Hangin' round boudon", "Sweet sue", "Japanese sandman"; "Lady be good", "Dicky wells blues", "I found a new baby", "Hot club blues", "Dinah", "Nobody's blues but my own". Originario di Centerville, Tennessee, Dicky Wells (1907-1985) è ricordato dai critici come uno dei più innovativi trombonisti del jazz durante l'epoca dello swing, capace di conferire una forte comunicativa al proprio strumento, caratterizzata anche da un notevole umorismo. La sua carriera decollò a New York nella seconda metà degli anni '20, incidendo con Cecil Scott e Spike Hughes ed intraprendendo anche un tour europeo (1937), durante il quale effettuò diverse incisioni. Fu poi nel 1938, quando entrò nell'orchestra del grandissimo Count Basie, che la sua fama si consacrò; rimase con Basie fino al 1945 e poi dal 1947 al 1950, poi nei decenni successivi, con il declino dello swing a vantaggio di nuovi stili, la sua carriera non fu più fulgida come un tempo.
Euro
10,00
codice 332722
scheda

Page: 6 of 7


Pag.: oggetti: