Hai cercato:  dall'anno 60 all'anno 69 --- Titoli trovati: : 3409
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Aa.vv. (peanut butter conspiracy, lollipop shoppe, stu phillips) Angels From Hell (Original Motion Picture Soundtrack)
lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1968  reel time 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
copia ancora incellophanata, ristampa del 2011 in vinile pesante, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura uscita in America su etichetta Tower, nel luglio del 1968; catalogo RTLP1001. Colonna sonora del biker movie di culto "Angels from Hell", questo disco va ricordato soprattutto per l' inclusione di tre brani altrimenti inediti dei PEANUT BUTTER CONSPIRACY, in efficacissimo equilibrio come sempre tra pop e psichedelia, e di due brani altrimenti inediti dei grandissimi LOLLIPOP SHOPPE di Fred Cole (la tesa psichedelia venata di visceralita' garage di "Mr.Madison Avenue", tra i loro classici, e l' acid punk della non meno bella "Who's It Gonna Be), che si aggiungono a sei piacevolissimi brani strumentali, tra pop, psichedelia, jazz e lounge, di STU PHILLIPS e ad al pop folk di "Shake Off The Chains" di Ted Markland. Ecco la lista completa dei brani: 1. PEANUT BUTTER CONSPIRACY No One Says A Word (No Communication) 2. STU PHILLIPS Angels From Hell 3. STU PHILLIPS 4 O’Clock Tea (Laudanum) 4. STU PHILLIPS Walkin’ In 5. PEANUT BUTTER CONSPIRACY Crystal Tear 6. PEANUT BUTTER CONSPIRACY Angels From Hell 7. STU PHILLIPS Propinquity 8. STU PHILLIPS Circumambient Cycles 9. TED MARKLAND Shake Off The Chains 10. LOLLIPOP SHOPPE Mr. Madison Avenue 11. STU PHILLIPS Amalgamation 12. LOLLIPOP SHOPPE Who’s It Gonna Be?
Euro
26,00
codice 3006184
scheda
Aa.vv. (phil pratt, et al.) Safe travel with phil pratt and friends 1966-1968
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1966  pressure sounds 
reggae
Ristampa del 2021 ad opera della Pressure Sounds, pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 2005 dalla Pressure Sounds, questa antologia compila ventitré storiche incisioni effettuate fra il 1966 ed il 1968 sotto la supervisione di Phil Pratt, durante la breve epoca d'oro del rocksteady, movimento che avrebbe avuto una enorme influenza sulla nascita del reggae classico degli anni '70. Phil Pratt è stato un abile produttore dell'epoca di transizione fra rocksteady e primo reggae, ma non è uno dei nomi più famosi del panorama giamaicano di quegli anni, sebbene egli abbia prodotto artisti del calibro di Horace Andy (giovanissimo), Ken Boothe, Tommy McCook ed i Clarendonians, come documentato in questa antologia. Grande amico di Lee "Scratch" Perry, ed a sua volta anche autore di musica oltre che produttore, Pratt ebbe i suoi primi exploit nella produzione lavorando con la Caltone, e poi si mise in proprio, curando ottime produzioni sia nella seconda metà degli anni '60 che nella prima metà degli anni '70, oltre a dirigere una label sussidiaria della Caltone, la Sunshot. Ebbe modo anche di utilizzare i leggendari studi Black Ark dell'amico Lee Perry per registrare storici pezzi come "Bobby Kalphat in dub" con l'organista Bobby Kalphat e l'esordio di Linval Thompson, "Girl you've got to run". Questa benemerita antologia compila alcune delle sue migliori produzioni dell'epoca rocksteady. Questa la scaletta: Phil Pratt, "Safe travel"; Larry Marshall & Alvin Leslie, "No one to give me love"; Milton Boothe, "I used to be a fool"; Vincent "Don D Junior" Gordon, "Dirty dozen"; Horace "Andy" Hinds, "Black man's country"; Peter Austin, "Time is getting harder"; Phil Pratt, "Reach out"; The Cool Cats, "What kind of man"; Hemsley Morris & Phil Pratt, "Little things"; Tommy McCook, "Bigger things"; Larry Marshall, "Money girl"; Ken Boothe, "You left the water running"; Charlie Ace, "Book of books"; Tommy McCook, "Caltone special"; Hemsley Morris, "Love is strange"; Ken Boothe, "The one I love"; The Clarendonians, "Bye bye bye", "Phil Pratt & Ken Boothe, "Sweet song for my baby"; Alva "Reggie" Lewis, "Suicide (hang my head & cry)"; Peter Austin, "Your love"; The Thrillers, "I'm restless"; The Clarendonians, "Baby baby"; Phil Pratt All Stars, "Victory".
Euro
37,00
codice 3513969
scheda
Aa.vv. (psych rock) Incredible Sound Show Stories Vol. 13 (Far Away Roundabout)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1967  buzz with fuzz 
rock 60-70
Sottotitolato "16 Wild and Exotic Pleasures From Around The World". Edizione limitata di 500 copie numerate a mano sull' inserto apribile con foto e note presente all' interno, copertina senza barcode, l' ennesimo volume (non il 13esimo, in effetti, perche' alcuni volumi non sono mai stato pressati) della serie di raccolte assemblate dalla Buzz With Fuzz a partire dal 1995, con brani di rock psichedelico provenienti per solito da rarissimi 45 giri pubblicati in tutto il mondo, perlopiu' alla fine degli anni '60. Ecco la scaletta completa, con relative note: DICKENS Sho Need Love (si tratta di un gruppo americano di New York, dall' unico singolo uscito registrato sul finire degli anni '60 ma pubblicato nel 1971 su Scepter solo a scopo promozionale); SIR HENRY Poor Bobby (dall' album del 1968 "H2O" del gruppo danese ex Sir Henry & His Butlers); THE MOTIONS Make It Legal (retro di un singolo del 1967 del prolifico gruppo olandese); MUSICK EXPRESS Jackys Thing (dall' unico singolo del gruppo australiano, 1969); HONEST MEN Help! (personalissima cover del brano dei Beatles, pubblicata dal gruppo olandese su singolo nel 1970); RONNIE JAMES REINCARNATION Is This The Only Life Youve Had (dall' unico singolo del gruppo americano, 1969); UNDERGROUND SUNSHINE Take Me, Break Me (pubblicata su singolo nel 1969 dal guppo americano del Winsconsin); MOSE JONES Here We Go Again (nel primo singolo e primo album, del 1973, del gruppo americano); AVENGERS Listen, Listen (singolo del 1969 del gruppo australiano); MALCOLM MITCHELL Sightseer (dall' unico singolo, uscito in Usa su Dot, a scopo promozionale); OXPETALS Prune Growing In June (dal primo singolo del gruppo americano, 1966); THE FLAME See The Light (dall' album "The Flame" del 1970 del gruppo sud africano in cui militava Blondie Chaplin, poi nei Beach Boys); TREMORS Little Liza Jane (singolo del 1969 del gruppo scozzese) RO-D-YS Sleep, Sleep, Sleep (singolo del 1968 del gruppo olandese); MASHMAKHAN Children Of The Sun (dall' album del 1971 "The Family" del gruppo canadese); MANTIS (Youre My Cake) Amanda Blake (dal primo misconosciuto singolo su Cbs, pubblicato nel 1968 dalla band originaria delle isole Fiji, anni dopo intestataria di un singolo ed un album su Vertigo.
Euro
15,00
codice 3019674
scheda
Aa.vv. (psych rock) Incredible Sound Show Stories Vol. 13 (Far Away Roundabout)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1967  buzz with fuzz 
rock 60-70
Sottotitolato "16 Wild and Exotic Pleasures From Around The World". Edizione limitata di 500 copie numerate a mano sull' inserto apribile con foto e note presente all' interno, copertina senza barcode, l' ennesimo volume (non il 13esimo, in effetti, perche' alcuni volumi non sono mai stato pressati) della serie di raccolte assemblate dalla Buzz With Fuzz a partire dal 1995, con brani di rock psichedelico provenienti per solito da rarissimi 45 giri pubblicati in tutto il mondo, perlopiu' alla fine degli anni '60. Ecco la scaletta completa, con relative note: DICKENS Sho Need Love (si tratta di un gruppo americano di New York, dall' unico singolo uscito registrato sul finire degli anni '60 ma pubblicato nel 1971 su Scepter solo a scopo promozionale); SIR HENRY Poor Bobby (dall' album del 1968 "H2O" del gruppo danese ex Sir Henry & His Butlers); THE MOTIONS Make It Legal (retro di un singolo del 1967 del prolifico gruppo olandese); MUSICK EXPRESS Jackys Thing (dall' unico singolo del gruppo australiano, 1969); HONEST MEN Help! (personalissima cover del brano dei Beatles, pubblicata dal gruppo olandese su singolo nel 1970); RONNIE JAMES REINCARNATION Is This The Only Life Youve Had (dall' unico singolo del gruppo americano, 1969); UNDERGROUND SUNSHINE Take Me, Break Me (pubblicata su singolo nel 1969 dal guppo americano del Winsconsin); MOSE JONES Here We Go Again (nel primo singolo e primo album, del 1973, del gruppo americano); AVENGERS Listen, Listen (singolo del 1969 del gruppo australiano); MALCOLM MITCHELL Sightseer (dall' unico singolo, uscito in Usa su Dot, a scopo promozionale); OXPETALS Prune Growing In June (dal primo singolo del gruppo americano, 1966); THE FLAME See The Light (dall' album "The Flame" del 1970 del gruppo sud africano in cui militava Blondie Chaplin, poi nei Beach Boys); TREMORS Little Liza Jane (singolo del 1969 del gruppo scozzese) RO-D-YS Sleep, Sleep, Sleep (singolo del 1968 del gruppo olandese); MASHMAKHAN Children Of The Sun (dall' album del 1971 "The Family" del gruppo canadese); MANTIS (Youre My Cake) Amanda Blake (dal primo misconosciuto singolo su Cbs, pubblicato nel 1968 dalla band originaria delle isole Fiji, anni dopo intestataria di un singolo ed un album su Vertigo.
Euro
15,00
codice 3019616
scheda
Aa.vv. (reggae) Soul for sale
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  treasure isle 
reggae
Copertina senza codice a barre. Ristampa del 2017, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1969 dalla Treasure Isle in Giamaica, ''Soul for sale'' e' una compilation di musica che coglie il periodo di passaggio dal rocksteady al reggae verso la fine degli anni '60, passaggio cruciale che fu il preludio della fase piu' popolare a livello internazionale della nuova musisca popolare giamaicana. Questa raccolta fu curata dal Arthur ''Duke'' Reid (1915-1975), produttore e discografico di enorme influenza ed importanza per la musica giamaicana, fondatore della Trojan e di altre label come Duchess e Treasure Isle, case discografiche che promossero in maniera decisiva le varie correnti della musica locale fra gli anni '50 e '60, in particolare lo ska ed il rocksteady; Reid era anche recettivo delle tendenze che emergevano nella musica afroamericana degli Stati Uniti, in particolare lo r'n'b, del quale aveva una profonda conoscenza, importandole in patria. In questa raccolta possiamo ascoltare dodici brani, inciso intorno al 1968, fra rocksteady e primo reggae, interpretati da nomi importanti come Alton Ellis, Tommy McCook, John Holt ed i Paragons. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. John Holt – Tonight 2. Tommy McCook – Regay 3. Joya Landis – Kansas City 4. Tommy McCook - Get Me To The Church On Time 5. John & Joya - I'll Be Lonely 6. Tommy McCook – Second Fiddle SIDE 2: 1. Tommy McCook - Soul For Sale 2. Alton Ellis - Breaking Up 3. Tommy McCook – Mary Poppins 4. Phyllis Dillon - Love Is All I Had 5. The Paragons - Maybe Some Day 6. Tommy McCook - Billie Joe.
Euro
20,00
codice 3510326
scheda
Aa.vv. (rhythm & blues) Instrumentals r&b style 1964
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1964  rhythm & blues 
blues rnr coun
Copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, label nera con scritte bianche e rosse, logo Rhythm and Blues rosso, blu e bianco in alto, catalogo R&B37. Pubblicata nell'aprile del 2019 dalla Rhythm and Blues, questa raccolta compila sedici brani editi, originariamente pubblicati su singolo nel 1964 da varie etichette locali e nazionali negli Stati Uniti ed in qualche raro caso in Europa: tema unificante della compilation è la musica r'n'b strumentale dell'anno 1964, con brani di grandi strumentisti quali Clarence ''Gatemouth'' Brown (dalla Louisiana, particolarmente legato al violino ed al blues), Big Bill Doggett (pianista ed organista della Pennsylvania attivo dalla fine degli anni '30 ed ancora in pista, soprattutto con l'organo, nei primi '60) e Smokey Johnson, il più grande batterista di New Orleans nel dopoguerra, che collaborò anche con illustri colleghi quali Earl King, Dave Bartholomew e Fats Domino, oltre che con il produttore Barry Gordy che lo trattenne a Detroit in casa Motown per qualche mese. Questa la scaletta: Side ONE 1. Junior's Jerk - Little Daddy & The Bachelors; 2. Watcha Wanna Do (Pt. 2) - Johnny Talbot; 3. The Cricket - Clarence 'Gatemouth' Brown; 4. Soulful Chant - David Rockingham Trio; 5. Kicker - Big Bill Doggett; 6. Chittlins - Gus Jenkins; 7. I've Been Thinking (Pt.2) - The Nite Riders; 8. Sizzlin' - Johnny Hartsman; Side TWO 1. It Ain't My Fault (Pt.1) - Smokey Johnson; 2. It Ain't My Fault (Pt.2) - Smokey Johnson; 3. Fire Fly - Travis Wammack; 4. Cozy Lounge Blues - Kid Thomas; 5. Sherry's Party - Ray Johnson; 6. Walkin' - Charlie Lucas Combo; 7. Creepin' - The Jay-Hawks; 8. The Last Minute - The Mixtures.
Euro
24,00
codice 3512030
scheda
Aa.vv. (rhythm & blues) New orleans soul '68 (rsd 2019)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1968  history of soul 
blues rnr coun
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 13 APRILE 2019, copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, label porpora, rossa e bianca con scritte nere, catalogo HS17. Pubblicata nell'aprile del 2019 dalla History Of Soul, questa raccolta compila sedici brani editi, originariamente usciti per lo più su singolo nel 1968, opera di gruppi e di solisti della scena soul di New Orleans dell'epoca. Il collasso del gruppo Dover di Cosimo Matassa, polo di attrazione e canale vitale per molte delle piccole etichette di New Orleans grazie alle sue strutture di pressaggio, distribuzione e vendita, avvenne all'inizio del 1968 e mise in crisi per alcuni anni la scena musicale locale; tuttavia, la mole di musica soul di qualità registrata fino a poco prima del nefasto evento trovò sbocco in una serie di rari singoli destinati a divenire oggetto di culto, alcuni dei quali sono qui compilati. Fra questi, un pezzo da novanta locale come Eddie Bo, musicista, cantante e produttore dalla musa eclettica che si dedicò anche al soul, Guitar Ray, cantante e chitarrista qui con una grande ballata, ''True love of a man'', Barbara George, che giovanissima aveva avuto una grande hit con ''I know'' nel 1961 (qui però ascoltiamo ''Satisfied with your love'', percorsa da una vena motwoniana). Questa la scaletta: Side ONE 1. Satisfied With Your Love (Barbara George); 2. The Sweetest I Knew (Clemmon Smith); 3. Horse with a Freeze Pt. 1 (Roy Ward); 4. Like I Like It (Prince Royals); 5. Do The Sissy (Charley Simmons & Royal Imperials); 6. Can't Stay Away (Fabuletts); 7. True Love Of A Man (Guitar Ray); Side TWO 1. Got To Keep Hanging On (Vicki Labatt); 2. She Really Did Surprise Me (Willie Tee); 3. Suffering (Sonny Jones); 4. Action Time (Charley Wynn); 5. Funky Soul Train (Robert Parker); 6. If I Had To Do It Over (Eddie Bo); 7. One Little Word (Marilyn Barbarin).
Euro
24,00
codice 3512029
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 17 From morden (a path through the forest of oak records 1964-1967)
Lp [edizione] nuovo  mono  uk  1964  top sounds 
rock 60-70
Vinile pesante, copertina laminata sul fronte e flipback su due lati sul retro, allegato splendido libretto di sedici pagine con note biografiche, foto e riproduzioni delle originarie etichette degli acetati, label verde scura con scritte argento, logo Oak argentato in alto ed a sinistra, logo Top Sounds sopra il foro centrale, catalogo TSLP008. Pubblicata nel 2020 dalla britannica Top Sounds, questa antologia compila, in MONO, diciassette brani tratti dagli archivi della Oak Records, quindici dei quali inediti. Tratti dagli originali acetati della Oak, questi brani testimoniano il lavoro di R.G. Jones ingegnere del suono britannico che gestiva uno studio di registrazione nella zona Sud di Londra a metà anni '60, noto come Morden Park Studios (dove i Rolling Stones avevano regiastrato alcuni dei loro primi demos), e che era stato il fondatore della label Oak, attiva dal 1962. I brani di "17 from Morden" evidenziano come le bands di beat e r'n'b duro della zona londinese gravitassero intorno allo studio di Jones: molti brani presentano un sound piuttosto selvaggio, fra i Rolling Stones più scatenati di metà anni '60 ed i primi dischi dei Pretty Things, talora con una vena quasi garagistica. Un piccolo tesoro di beat duro, mod sound e blue eyed soul. Qui di seguito la scaletta. SIDE 1: 1. THE ANCIENT BRITONS - I'm A Man 2. THE SOUTHERN SOUNDS - One Track Mind 3. THE ROOSTERS - All Aboard 4. UNKNOWN – Mona 5. THE RAMBLERS - I Don't Care 6. ST. JAMES INFIRMARY - Don't Take My Love 7. THE OLD BERKELEY SQUARES - Sho' Know A Lot About Love 8. THE CINDICATE - I'm Mad Again 9. THE NIGHT SOCIETY - Play Around With Love SIDE 2: 1. THE CINDICATE – Respectable 2. THE SPIRIT FEEL - Please Do Something 3. THE CANDYDATES - Don't Let Me Down 4. UNKNOWN - I Need Your Loving Now 5. THE GABB - Come On Up 6. UNKNOWN (THE CANDYDATES?) - Please Stay Baby 7. THE LOCOMOTION - One More Heartache 8. THE GABB - Finger Poppin'.
Euro
27,00
codice 3514270
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 1960S fever diamonds vol. 3
Lp [edizione] nuovo  stereo  ost  1969  freak out 
rock 60-70
Copertina a busta senza codice a barre, label custom multicolore con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo 0003. Pubblicato nel 2013 dalla austriaca Freak Out, il terzo volume della serie di raccolte ''1960s fever diamonds'', che fin qui hanno compilato brani di psichedelia ed acid rock degli anni '60 e dei primi '70. Questo terzo volume e' piu' concentrato su gruppi underground degli anni '70: troviamo alcuni brani dagli acidissimi album dei Brainticket (gruppo internazionale basato in Svizzera), fra cui due dal mitico e stordente ''Cottonwoodhill'' (1971), un brano dall'album ''Paradieswarts duul'' degli Amon Duul (1970), il loro lavoro piu' musicale e vicino allo acid folk, un brano dallo splendido secondo album dei tedeschi Gila ''Bury my heart at wounded knee'' (1973), inciso con membri dei Popol Vuh, ed uno dei capolavori del rock tedesco, ed un pezzo del gruppo underground americano Cromagnon, fra gli altri. La scaletta dei brani non e' presente sull'album, quindi segnaliamo la presenza anche dei restanti artisti rappresentati: Cosmic Eye (UK, con cinque brani) e Carpenborg, Staff & The Electric Party (GER, con un brano). Tutti i brani della raccolta sono tratti da album originariamente pubblicati fra il 1969 ed ul 1973.
Euro
22,00
codice 3506617
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 60'S italian beat resurrection! volume 2 !?!
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  destination x 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
COPIA ANCORA INCELLOPHANATA, l' originale molto rara stampa, pressata dalla italiana Destination X, copertina senza barcode con il brano ''Tu sei al buio'' dei Chewing Gum erroneamente accreditato ai Black Angels sul retro (ed anche sull'etichetta), e con il brano ''Somebody else'', anch'esso accreditato per errore, in questo caso a Billy e i Cani Fedeli (ma si tratta di un brano di Danny, pseudonimo dietro il quale si cela Paolo Tofani, futuro membro degli Area, tratto da un suo singolo), label bianca con scritte nere, logo Discoverix con disegno di volto di uomo in alto, catalogo DSX33003. Pubblicato nei primi anni '90 in Italia, il secondo volume della imperdibile serie dedicata dalla Destination X al piu' oscuro beat italiano degli anni '60. Diciotto brani, di cui otto inediti all'epoca di questa pubblicazione, gli provenienti da singoli di enorme rarita', ad opera di oscurissime band fra beat melodico e garage beat duro, che ben difficilmente vi sara' capitato di ascoltare altrove; fra gli altri, troviamo anche due brani inediti di un giovanissimo Paolo Tofani, pre-Area, e la b-side dell'unico singolo della leggendaria garage band fiorentina I Chewing Gum, il devastante incrocio fra garage e primo Hendrix di ''Tu sei al buio''. Questa la scaletta: Billy e i Cani Fedeli, ''Lei ama me''; Danny, ''Somebody else''; Bielle Roventi, ''Perche' tanti ragazzi'' (inedito), ''Faccia d'angelo'' (inedito); Noi Tre, ''Se tu non ci sei'' (inedito); Paolo Tofani, ''We could be happy'' (inedito), ''That's all right'' (inedito); I Chewing Gum, ''Tu sei al buio''; Noi Tre, ''Outside'' (inedito); Tremendi, ''I knew I'd get you'' (inedito), ''If you don't come around'' (inedito); Evangelisti, ''Gloria'' (inedito); Innominati, ''Prendi un fiammifero''; Telstars, ''With my girl'', ''She waits the happiness''; Kings, ''Sei stata tu'', ''Sei solo tu''; Kolmans, ''All'improvviso''.
Euro
60,00
codice 249706
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 60'S italian beat resurrection! volume one: punk era
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  destination x 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, prima molto rara stampa, pressata solo in Italia, copertina senza barcode, label bianca con scritte nere, logo Discoverix con disegno di volto di uomo in alto, catalogo DSX33002. Pubblicato nei primi anni '90 in Italia, il primo volume della imperdibile serie dedicata dalla Destination X al piu' oscuro beat italiano degli anni '60. Venti brani, di cui uno inedito all'epoca di questa pubblicazione, gli altri provenienti da singoli di enorme rarita', ad opera di oscurissime band fra beat melodico e garage beat duro, che ben difficilmente vi sara' capitato di ascoltare altrove; grezze perle di garage carico di fuzz cantato però con un approccio melodico tipicamente italiano come "Torna sui tuoi passi" di Roberto Pozzoli (1966) e "Sento crescere l'erba" dei Persiani, gli echi kinskiani di "Come farei" degli Spettri (1966), il fantastico merseybeat incattivito dei Rangers di "Non scocciare". Questa la scaletta: Roberto Pozzoli, "Torna sui tuoi passi"; Apostoli, "E' meglio che mi muova"; Persiani, "Sento crescere l'erba", "Piccoli giochi"; 4 Califfi, "Ti giuro è così"; Spettri, "Come farei"; Le Ombre di Bronzo, "Finirà"; Nightbirds, "Quelli"; Diabolici, "Qualcuno forse piange"; Rangers, "Non scocciare"; Fantoms, "Le insegne pubblicitarie"; Kolmans, "Quando occhi fissi"; Liars, "Estremo oriente"; Le Facce di Bronzo, "E' inutile"; Telstars, "Tu sei lontana"; Jaguars, "Il tempo passerà"; Trippers, "Oh baby", "Corruzione x 008"; Goldenmen, "Statale 16"; Sharks, "Gloria" (inedito).
Euro
60,00
codice 252297
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Astral daze – psychedelic south african rock 1968-72
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  take it acid is 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, inserto con note, catalogo LSD69001. Pubblicata in vinile nel 2018 dalla Take It Acid Is, questa raccolta compila rari brani di culto originariamente usciti fra il 1968 ed il 1972 su album e singoli di non facile reperibilita' fuori dal Sud Africa, incisi da gruppi rock sudafricani come Abstract Truth, Suck, Otis Waygood, Freedom's Children, John & Philipa Cooper, McCully Workshop and Hawk, come da formazioni ancor meno conosciute a livello internazionale quali Buzzard, The Fireflies, The Idiots, Tidal Wave, e The Invaders. Il movimento rock sudafricano di quegli anni si apriva alla psichedelia, al freak beat, al primo progressive ed allo hard rock, e manifestava una notevole energia e vitalita' a dispetto del clima repressivo instaurato dal regime: molte di queste bands ebbero problemi anche a farsi promuovere dalla radio, pertanto difficilmente raggiungevano un pubblico vasto, facendosi conoscere invece con i concerti. I brani compilati in questo ''Astral daze'' spaziano da episodi di popsike sognante e melodico a pezzi di sporco e graffiante hard rock stradaiolo, ed a brani percorsi da vene psichedeliche e freakbeat. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. Suck - The Whip (dall'album ''Time to suck'', 1970) 2. The Invaders - Astral III (dall'album ''There's a light there's a way'', 1971) 3. Otis Waygood - Straight Ahead (dall'album ''Ten light claps and a scream'', 1971) 4. Abstract Truth - My Back Feels Light/What Can You Say (gia' sulla raccolta ''Cool sounds for heads'') 5. Dickie Loader With Freedom's Children - The Eagle Has Landed (dall'album ''A breath of fresh air'', 1970) 6. Buzzard - Blurry Visions 7. The Fireflies - Cathy Come Home SIDE 2: 1. Hawk – Predictions (dall'album ''Africa too che can cry'', 1972) 2. Freedom's Children – Kafkaesque (dall'album ''Battle hymn of the broken hearted horde'', 1969) 3. Bryan Miller's Destruction - Blue Machines And Dreams 4. John & Philipa Cooper - The Mad Professor (dall'album ''The copperville times'', 1969) 5. Tidal Wave - Morning Light (dall'album ''Tidal wave'', 1970) 6. The Idiots - Magic Dragon 7. McCully Workshop - Birds Flying High.
Euro
17,00
codice 3511729
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Beat on the krauts im star-club hamburg 2
Lp [edizione] originale  mono  usa  1963  romulan 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa USA, copertina lucida fronte retro senza barcode, label argento con scritte blu e logo Romulan Records blu ed argento a sinistra, catalogo UFOX26. Pubblicata nel 1990 dalla Romulan, questa antologia compila sedici brani di altrettante formazioni beat e garage degli anni '60, quasi tutte tedesche, tratti per lo più da rari singoli usciti intorno a metà decennio. Lo stile è fortemente influenzato sia dal Mersey beat dei primi Beatles e di altre bands di Liverpool, ben conosciuto in certi ambienti tedeschi grazie alla vivacissima scena internazionale che aveva animato Amburgo fra la fine degli anni '50 ed i primi '60, che dal rock'n'roll statunitense. Questa la scaletta: Cliff Cenneth & the Lights, "Come on shake" (1964); Cry'n Strings, "Bu bu bi du" (1967); Rainbows, "Rotkarierte petersilie" (1966); Shake Spears, "Shake it over" (1965); Inga, "Beg your love" (1967); Starfighters, "Lost john" (1964); Grant Tracy & the Sunsets, "Ya ya twist" (1963); Jail-Birds, "Jenny jenny" (1965); Kentuckys, "Uncle willy" (1965); Gents, "Hello let's slop" (1965); Percy & the Gaolbirds, "Liber franz" (1966); Rebbels, "Monkey monkey" (1966); Chubby Checker & the Masks, "My little girl" (1965); Bats, "Money" (1964); Tony River & the Castaways" (1963); Toni Cavanaugh & die Liverpool Triumphs" (1964).
Euro
23,00
codice 333988
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Belgian vaults volume 1
Lp [edizione] nuovo  stereo  bel  1964  starman 
rock 60-70
Edizione limitata in vinile da 180 grammi, copertina a busta, inserto in carta con note biografiche sui gruppi rappresentati, label bianca con scritte nere, logo Starman Records in alto e logo SABAM in basso, catalogo SMR001. Pubblicata nel 2012 dalla Starman, questa compilation presenta sedici brani di oscure formazioni garage e beat del Belgio, tratti da singoli usciti fra il 1964 ed il 1969, alcuni dei quali (Sundrops, Tellstars, Garnets) ai livelli dei loro leggendari vicini olandesi. Questa la scaletta: Paramounts, ''About girls'' (1965); Snakes, ''Don't set me free'' (1968); Davy Jr & Guess Who, ''Party in joe craig's bar'' (1969); Sundrops, ''Soul singer'' (1967); Tellstars, ''I want to sing'' (1966); Garnets, ''The cellar of narcotics'' (1969); Pebbles, ''Someone to love'' (1966); Les Ombres, ''Angry age''; Little Jimmy and the Sharks, ''All I need'' (1966); Little Chris and the Boumerangs, ''Girl of radium'' (1966); Les Najas, ''What do you want?'' (1969); Foottappers, ''Waw waw'' (1964); Young Devils, ''I don't wanna know'' (1964); Samo Reds, ''Under my sweet plaid'' (1967); Closed, ''Lovin''' (1969); Mec Op Singers, ''Dies irae'' (1966).
Euro
27,00
codice 3505781
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Bonnie and clyde and other roaring hits
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1968  fontana 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina laminata fronte retro, label blu con parte argento in alto, scritte argento e logo Fontana blu in alto, con loghi BIEM e D.R. ("Diritti Riservati"), senza logo né timbro SIAE (introdotti nel 1970), anno 1968 stampigliato sul trail off. Pubblicato nel 1968 dalla Fontana in Austria, Olanda ed Italia, questo misterioso album, di cui non si conosce il nome degli artisti coinvolti, contiene una scaletta di covers di successi pop dell'epoca, fra cui "Here we go round the mulberry bush" dello Spencer Davis Group, "Hello goodbye" dei Beatles, "World" dei Bee Gees e "Susannah's still alive" dei Kinks. I musicisti cercano di mantenere le vibrazioni delle versioni originali, con arrangiamenti nel complesso meno elaborati ed inevitabilmente senza le qualità dei geniali autori (difficile per chiunque, se non impossibile, arrivare ai livelli di Lennon / McCartney, dei fratelli Gibb e Davies, o di Steve Winwood nei loro giorni di massimo splendore...), ma con una coerenza di fondo che percorrre tutta la variegata scaletta. Questa la lista dei brani: "Ballad of bonnie and clyde", "World", "Daydream believer", "Thank U very much", "Something's gotten hold of my heart", "Here we go round the mulberry bush", "Hello goodbye", "Walk away renee", "I'm coming home", "Kites", "The other man's grass", "Susannah's still alive".
Euro
18,00
codice 333017
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the eight trip - heavy rock from the underground comedown (vol.8)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile verde, etichetta custom. Pubblicato nell' aprile 2019, questo e' l' ottavo volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70 (sebbe sia qui incluso anche un gruppo svedese). Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: 1. Attack - School Daze (dall' unico singolo, del 1969, del gruppo americano del Michigan nato dalle ceneri degli Illusions, autori di un singolo nel 1966), 2. White Rock - Please Don't Run Away (dall' unico singolo del 1972 del gruppo di Houston, Texas), 3. Riverside - Wayfarer (traccia inedita del 1974 da un oscurissimo gruppo di Austin, Texas), 4. Luke & The Apostles - Not Far Off (dal secondo ed ultimo singolo, uscito nel 1970, del gruppo di Toronto, Canada, gia' autore di un 7" su Elektra nel 1967), 5. Tourists - I Need My Music (dall' unico singolo del 1977 del gruppo di Mine HIll, New Jersey), 6. Barton Brothers Band - Gambler (dall' unico singolo, del 1969, del gruppo di Parma Heights, Ohio), Inside Experience - Tales of Brave Ulysses (dall' unico singolo, del 1968, del gruppo di Lakeside, Ohio), 8. Karma - New Mexico (dall' unico singolo, del 1969, del gruppo di Iowa City, Iowa), 9. Moloch - Cocaine Katy (dal singolo realizzato nel 1972 dal gruppo di Memphis, Tennessee, gia' autore di un album nel 1969), 10. Grump - Heartbreak Hotel (dall' unico singolo del 1969 del gruppo di Boston, Massachussetts).
Euro
23,00
codice 2092940
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the eleventh trip - vol. 11
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, Pubblicato nel novembre 2020, questo e' l' undicesimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo undicesimo volume: A1 Adam Wind "Something Else" (da Tacome, Washington, 1969), A2 Grump "I'll Give You Love" (Boston, Massachussetts, 1969), A3 Bagshot Row "Turtle Wax Blues" (Stevens Point, Winsconsin, 1973), A4 Larry Lynn "Diamond Lady" (Milwaukee, Winsconsin, 1970), A5 Renaissance Fair "In Wyrd" (Sault Ste. Marie, Michigan, 1968), B1 Zendik "Mom's Apple Pie Boy" (Chicago, Illinois, 1970), B2 Daybreak "Just Can't Stay" (San Mateo, California, 1970), B3 West Minist'r "I Want You" (Fort Dodge, Iowa, 1975), B4 Debb Johnson "Dancin In The Ruin" (Saint Louis Park, Minnesota, 1969), B5 Crazy Jerry "Every Girl Gets One" (New Yor City, New York, 1973).
Euro
23,00
codice 2098824
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the fifth trip - heavy rock from the underground comedown (green vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile colorato (giallo) etichetta custom. Pubblicato nell' ottobre 2017, questo e' il quinto volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dello hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: A1 Captain Foam "No Reason" (dall' unico singolo del 1968 di questo gruppo di Canton, Ohio), A2 George Brigman & Split "Blowin Smoke" (da un bellissimo singolo del 1977, esempio straordinario di grezzo e viscerale heavy blues chitarrstico iperdistorto, suonato con attitudine stoogesiana ai limiti del punk, scarno ed essenziale, da questo nome di culto dell' underground americano di sempre, originario di Baltimore, nel Maryland), A3 Finch "Nothing In The Sun" (bellissimo brano tra heavy rock e pop psichedelico, dall' unico singolo, del 1968, di questa band di Milwaukee, Winsconsin), A4 Clockwork "Cybernaut" (dall' unico singolo, del 1974, di questo gruppo canadese del Quebec), A5 Fargo "Abaddon" (dall' unico singolo, del 1969, dei texani di Oak Cliff, ed Wells Fargo), B1 Mammoth "Mammoth" (eccellente brano vicino ai Blue Cheer dall' unico singolo, del 1970, del gruppo texano di San Antonio), B2 Flasher "Icky Bicky" (dall' unico singolo, del 1976, del gruppo di Vancouver, British Columbia), B3 Lance "Fireball" (dall' unico singolo, del 1977, del gruppo di Fremont, Ohio), B4 Zebra "Helter Skelter" (cover del celebre brano dei Beatles, dall' unico singolo del 1971 del gruppo di Hollywood, California), B5 Thor "Lick It" (da un oscurissimo singolo del gruppo di Huntsville, Alabama, pubblicato nel 1977).
Euro
23,00
codice 2086204
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the first trip
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Riedizione in vinile colorato, copertina pressoche' identica alla rara prima tiratura. Pubblicato nell'agosto 2015 dalla Ridingeasy, questo e' il primo volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dello underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dello hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli come ''Box'' degli Zeke o ''Sunflower'' degli Snow, o le distorsioni hendrixiane sepolte sotto pesanti effetti di ''Faze 1'' dei Bob Goodsite, l'assalto fuzz garagistico e proto stoner di ''Stand-by girl'' dei Raw Meat, la torturata e lenta ''Deathhead'' dei Punch, fra Hendrix e primi Black Sabbath. Questa la scaletta: Zekes, ''Box'' (da Los Angeles, 1970); Snow, ''Sunflower'' (da Camden, New Jersey, 1969); Tour, ''One of the bad guys'' (da Freeport, Illinois, 1979); Zebra, ''Wasted'' (da Hollywood, 1971); Bob Goodsite, ''Faze I'' (da Detroit, 1972); Raw Meat, ''Stand-by girl'' (da Milwaukee, 1969); Punch, ''Deathhead'' (da New York, 1970); Bacchus, ''Carry my lead'' (da Jacksonville, Florida, 1969); Lenny Drake, ''Love eyes (cast your spell on me)'' (da Farmington, Michigan, 1970); The Todd, ''Mystifying me'' (da Youngstown, Ohio, 1974); Josefus, ''Hard luck'' (da Houston, 1979).
Euro
22,00
codice 3026562
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the fourth trip - heavy rock from the underground comedown (1969-75)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Pubblicato nel maggio 2017, questo e' il quarto volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dello hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: 1. Kanaan - Leave It (Daingerfield, Texas, dall' unico singolo del 1969), 2. Stone Garden - Oceans Inside Me (Lewiston, Idaho, splendido brano dall' unico leggendario singolo del 1969), 3. Headstones - Carry Me On (Columbus, Ohio, dal primo dei due singoli, uscito nel 1975, del gruppo autore nel 1974 dell' album "Still Looking") 4. Wrath - Rock'n'Roll Fever (Canton, Ohio, dall' unico notevole singolo, 1975), 5. Bungi - Numbers (Appleton, Wisconsin, un brano molto vicino agli Steppenwolf, dalla seconda versione, autoprodotta, dell' unico singolo, 1972), 6 Erving Forbush "The Train" (serrato brano dall' unico singolo della band di Youngstown, Ohio, 1971), 7. Zekes - Comin' Back (brano inedito del 1970 dalla band di Los Angeles, California, autrice sempre nel 1970 del suo unico singolo), 8. Bad Axe - Coachman (brano del 1973, a lungo inedito, e pubblicato per la prima volta nel 2014 su un singolo postumo, da Chicago, Illinois), 9. Ash - Warrant (eccellente brano da uno dei due singoli pubblicatii nel 1970 dalla band di Melbourne, Australia), 10. Axas - Lucifer (Logansport, Indiana, dall' unico singolo del 1975; la band pubblichera' anche un album nel 1979).
Euro
22,00
codice 2079452
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the ninth trip - heavy rock from the underground comedown (vol.9)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile giallo/arancio trasparente, etichetta custom. Pubblicato nell' ottobre 2019, questo e' il nono volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: SIDE 1: 1. White Lightning - Under Screaming Double Eagle (brano del 1969 rimasto all' epoca inedito, uscito gia' in una raccolta postuma del 1995 dedicata a questa band di Minneapolis, Minnesota, nata per iniziativa degli ex-Litter "Zippy" Caplan e Woody Woodrich). 2. Peacepipe - The Sun Won't Shine Forever (dall' unico singolo, del 1969, della formazione di Los Angeles, California) 3. Magi - Win Or Lose (dall' unico album "Win Or Lose" pubblicato nel 1975 dalla band di Kalamazoo, Michigan) 4. Fiberglass Vegetables - Pain (dall' unico singolo realizzato nel 1970 da questa band poi nota con il nome di Flood, con cui realizzarono l' album "The RIse Of Flood" sempre nel 1970, riprendendo questo stesso brano) 5. Erik - Rebel Woman (dal secondo dei due singoli, uscito nel 1973; da Owensboro, Kentucky) SIDE 2: 1. Stonewall - Outer Spaced (dall' unico album del 1976 "Stonewall", da New York City) 2. Zukus (aka ICE) - Running High (dall' unico singolo del 1972, Indianapolis, Indiana) 3. Space Rock - Going Down The Road (dall' unico singolo, del 1975, di questa band di musicisti macedoni basati a Detroit, Michigan) 4. Buckshot - Barstar (dall' unico singolo del 1976, da Houston, Texas) 5. 29.9 - Paradiddle Blues (da Pittsburgh, Pennsylvania, un inedito risalente al 1969).
Euro
23,00
codice 3024188
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the seventh trip - heavy rock from the underground comedown (vol.7)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile bianco, etichetta custom. Pubblicato nell' ottobre 2018, questo e' il settimo volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70 (sebbe sia qui incluso anche un gruppo svedese). Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: 1. Pegasus "The Sorcerer" (dall' unico singolo del gruppo di Baltimore, Maryland, 1972), 2. Nobody's Children "Good Times" (dall' unico singolo del gruppo di Dallas, Texas, 1967, devastato ed acido garage punk), 3. Blue Amber "We Got Love" (dall' unico singolo del gruppo di Youngstown, Ohio 1971), 4. Negative Space "The Calm After The Storm" (dall' unico album "Hard, Heavy, Mean And Evil" del gruppo di Camden, New Jersey, 1970), 5. Zane "Damage" (dall' unico singolo del gruppo svedese di Malmo, 1976), 6. Blizzard "Peace Of Mind" (dall' unico singolo del gruppo di Oklahoma City, Oklahoma, 1973), 7. Third World "End Of Time" (dall' unico singolo della band di McAlester, Oklahoma 1971), 8. Sweet Wine "Things You Told Me" (dall' unico singolo della band di Virginia, Minnesota 1970), 9. C.T. Pilferhogg "You Haul" (dall' unico singolo della band di Norton, Virginia 1973), 10. Summit "The Darkness" (dall' unico singolo della band di Clinton, Missouri, 1969)
Euro
23,00
codice 2082866
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the sixth trip - heavy rock from the underground comedown
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, etichetta custom. Pubblicato nell' aprile 2018, questo e' il sesto volume della serie di compilation ''Brown acid'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dello hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo volume: Gold "No Parking" (molto vicina ai piu' potenti Blue Cheer, dall' unico singolo del gruppo di San Francisco, pubblicato tra il 1969 ed il 1970); Heat Exchange "Inferno" (dall' unico singolo, 1968), Travis "Lovin' You" (dall' unico singolo, 1970), Enoch Smoky "It's Cruel" (dall' unico singolo), Backwood Memory "Give Me Time" (dall' unico singolo del gruppo di Kansas City, 1970), Flight "Luvin', Huggin' & More" (dall' unico singolo del gruppo dell' Ohio, 1974, tra rock'n'roll stradaiolo e proto punk), Truth And Janey "Midnight Horsemen" (dall' unico singolo del gruppo di culto dello Iowa, pubblicato nel 1972, quattro anni prima del bellissimo album d' esordio "No Rest For The Wicked"), West Minist'r "My Life" (dal secondo singolo, 1971), Purgatory "Polar Expedition" (dall' unico singolo del gruppo dell' Ohio, 1970), Johnny Barnes "Steel Rail Blues" (da un oscuro singolo del 1976, pubblicato da una piccola etichetta di Boston), Zendik "Is There No Peace" (dall' unico singolo, del 1970).
Euro
23,00
codice 2079454
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the tenth trip - vol. 10
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, etichetta custom. Pubblicato nell' aprile 2020, questo e' il decimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo decimo volume: Sounds Synonymous “Tensions” da Flint, Michigan, dall' unico singolo del 1969 / Ralph Williams and the Wright Brothers “Never Again” da Yreka, California, dall' unico singolo del 1972 / Conception “Babylon” da Louisville, Kentucky, cover del brano dei Blue Cheer, dall' unico singolo del 1969 / Bitter Creek “Plastic Thunder” da Atlanta, Georgia, dall' unico singolo del 1970 / Rubber Memory “All Together” da New Orleans, Louisiana, dall' unico album "Welcome" del 1970 / First State Bank “Mr. Sun” da Dallas, Texas, dal primo di tre singoli, 1970 / Brothers and One “Hard On Me” da New Waterford, Cape Breton, Nova Scotia, dall' unico singolo, uscito nel 1974 dopo un album del 1973 / Frozen Sun “Electric Soul” da Tuscon, Arizona, dal secondo ed ultimo singolo, 1969 / Brood “The Roach” da Birmingham, Alabama, dall' unico singolo del 1969 / Tabernash “Head Collect” basati a Iowa City, Iowa, ma provenienti da Westminster, Colorado, nati dalle ceneri dei Contents Are, dall' unico singolo del 1969.
Euro
24,00
codice 2105248
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) Brown acid: the thirteenth trip - vol. 13
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, copertina senza barcode, etichetta custom. Pubblicato nel gennaio 2022, questo e' il tredicesimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo tredicesimo volume: 1 Max "Run Run" (b-side dell' unico singolo, uscito nel 1970, del gruppo di Montreal, Quebec, Canada); 2 Ralph Williams And The Wright Brothers "Dark Street" (facciata A dell' unico singolo, uscito nel 1972, da Seattle, Washington), 3 Geyda "Third Side" (b-side dell' unico singolo, 1967, da Detroit, Michigan), 4 Gary Del Vecchio "Buzzin" (1972, da Youngstown, Ohio), 5 John Kitko "Indecision" (1973, da Tampa, Florida, da uno split single condiviso con Tom Poff, unico suo reperto discografico), 6 Bacchus "Hope" (1972, da Jackson, Florida, b-side di uno dei quattro singoli pubblicati), 7 Master Danse "Feelin Dead" (1974, Detroit, Michigan, dall' unico singolo, uscito solo a scopo promozionale), 8 Orchid "Go Big Red" (1973, da Edgerton, Wisconsin, dall' unico singolo del gruppo), 9 Dry Ice "Don't Munkey With The Funky Skunky" (dall' unico singolo, del 1974, da Bluffton, Indiana), 10 Good Humore "Detroit" (1976, dall' unico singolo del gruppo di Warren, Michigan).
Euro
26,00
codice 2107198
scheda

Page: 5 of 137


Pag.: oggetti: