Hai cercato:  rsd --- Titoli trovati: : 415
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Cooper clarke john gimmix ! (play loud) - rsd 2015
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  epic 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA REALIZZATA IN 1000 COPIE IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2015. Ep in formato 7", in vinile arancione e "shaped", sagomato, contenuto in una busta plastificata trasparente con adesivo di presentazione, etichetta arancione con cerchi concentici e logo bianchi. Contiene cinque brani, di cui uno dal vivo e quattro tratti da ormai rari dischi usciti per la Epic in Inghilterra tra il 1978 ed il 1982: "Gimmix! (Play Loud)" era stata pubblicata su singolo nel 1978, ma la versione qui presente, di durata piu' lunga, dovrebbe essere quella dell' lp Walking Back To Happiness" del 1979; "Twat" era originariamente inclusa nell' ep "Splat / Twat" del 1979, ma anche nello stesso lp di cui sopra; "I Wanna Be Yours" e' tratta dall' lp "Zip Style Method" del 1982; "Evidently Chickentown" dall' lp "Snap, Crackle & Bop" del 1980; "Kung Fu International" e' presente in una versione registrata dal vivo al Ritz. John Cooper Clarke, originario di Salford (Greater Manchester) e' considerato tra i maggiori poeti performer dell'epoca punk aprendo molte performance dei Sex Pistols, The Fall, Joy Division, Buzzcocks ed Elvis Costello. Anima tormentata e devastata John Cooper Clark e' stata tra gli artisti piu' oscuri capaci di animare con la propria poesia il movimento punk, la sua musica e' invece un sinuosa alchimia capace di attraversare rock, electtronica, funk, soul, spoken word sotto una singolare egemonia che caratterizzera' l'artista sino ai nostri giorni. La poetica di Clarke trovano le proprie radici nella poesia della beat generation riuscendo a catturare ancora oggi apprezzatissimi consensi, durante la sua inarrestabile carriera artistica vantera' collaborazioni tra cui ricordiamo quella con Joe Strummer & The Mescaleros, The Fall, Nico sino a raggiungere gli attuali Arctic Monkey che stamperanno alcuni suoi poemi all'interno delle versioni sette e dieci pollici del loro singolo Fluorescent Adolescent.
Euro
26,00
codice 3014757
scheda
Coral Holy mountain picnic... (rsd 2017)
12" [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  ignition 
indie 2000
edizione limitata per il record store day 2017, vinile picture, senza copertina con busta trasparente ed adesivo su di essa. titolo completo "Holy Mountain Picnic Massacre Blues", 4 brani inediti o remix di pezzi dell'album "In distance between" del 2016. Insieme dal 1996, con una musica influenzata principalmente dagli anni '60, suonata con strumenti vintage ma, con un approccio contemporaneo, un mix in cui si ritrovano suoni e temi vicini alla psychedelia americana, allo ska, al freakbeat, al pop psychedelico, con influssi Love, Doors, Teardrop Explodes, Zappa, Specials, Pretty Things.
Euro
16,00
codice 2067536
scheda
Costello elvis La Face de Pendule a Coucou (rsd 2021)
lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  concord 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE ROSSO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2021; pubblicato per la prima volta in questa occasione, questo minialbum, coaccreditato a Elvis Costello e Steve Nieve, contiene sei tracce, sei inedite versioni in lingua francese di brani tratti dall' album del 2020 "Hey Clockface", registrate con ospiti come Iggy Pop, Isabelle Adjani ed il collettivo franco-africano Tshegue. Questa la lista dei brani contenuti: "No Flag" cantata da Iggy Pop, "Revolution #49" (recitata da Isabelle Adjani), "Hetty O'Hara Confidential (Tshegue Remix)" (eseguita con il progetto Tshegue), "No Flag" (versione recitata, ancora con la voce di Iggy Pop), "Revolution #49 (eseguita con Steve Nieve, versione cantata, sempre da Isabelle Adjani), "Hetty O'Hara Confidential" (eseguita con Etta Somatis e Ajuq).
Euro
25,00
codice 3026538
scheda
Cotton james late night blues (rsd 2019)
Lp [edizione] nuovo  stereo  can  1967  Justin time 
blues rnr coun
EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIOEN DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019. Adesivo di presentazione sul cellophane, ricche note sul retro; realizzato per la prima volta in vinile in occasione del Record Store Day dell' aprile 2019, questo album presenta registrazioni dal vivo effettuate al New Penelope Café di Montreal, Canada, il 28 settembre del 1967, con James Cotton (armonica e voce) accompagnato per l' occasione da Luther Tucker alla chitarra, Francis Clay alla batteria, Bobby Anderson al basso, Albert Gianquinto al piano, alle prese con questa scaletta: "Intro", "Honky Tonk", "Woke up This Morning", "Black Night", "Feelin' Good", "Mean Old World", "Mother-In-Law Blues ", "Everyday I Have The Blues", "Tramp", "Nine Below Zero", "That's Alright", "Rock Me Baby", "Rocket 88", "Outro". Nato nel 1935 a Tunica nel Mississippi, James Cotton e' considerato uno dei piu' maggiori esponenti dell'armonica blues, oltre che ad essere in possesso di una voce potente e ruvida. Dopo aver imparato a suonare lo strumento dal leggendario Sonny Boy Williamson, con il quale sviluppo' un forte legame personale ed artistico, Cotton entro' nel 1954 nel gruppo di Muddy Waters, in sostituzione dell'armonicista Little Walter, ricoprendo il ruolo per i successivi dodici anni. Il primo album solista viene pubblicato nel 1966, mentre l'anno successivo il suo nuovo gruppo, la James Cotton Blues Band, pubblica il primo eponimo album su Verve. Cotton viene conosciuto ed apprezzato anche dal pubblico rock, suonando dal vivo con Janis Joplin, Led Zeppelin, Santana e Steve Miller, per citarne alcuni; gli anni '70 sono forse il suo periodo di maggiore popolarita' con la sua voce ancora in forma ed un largo seguito di pubblico. Seri problemi di salute per la sua gola ne limitano le possibilita' vocali negli anni successivi, sebbene il pubblico non lo abbandoni e la sua armonica continui a regalare un apprezzato blues.
Euro
29,00
codice 2085314
scheda
Crispy ambulance Plateau phase (+bonus lp) rsd 2019
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  factory benelux 
punk new wave
doppio album, EDIZIONE LIMITATA DI 500 COPIE (IN VINILE TRASPARENTE) REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; ristampa rimasterizzata, ampliata per l' occasione a doppio album, copertina apribile, e corredata di codice per il download digitale. Il primo vinile contiene per intero l' album "Plateau phase" (febbraio 1982), unico per lungo tempo della band inglese, il secondo vinile contiene su un lato i due lunghi brani del 12" "Live On A Hot August Night (Comprising The Presence and Concord Square)", ovvero "THe Presence" e "Concorde Square" (luglio 1981), alla cui copertina si rifa quella di questa uscita, sull' altro lato le quattro tracce, inedite finora su vinile, regiatrate durante una John Peel Session effettuata il 12 gennaio del 1981 per Radio One della Bbc ("Come On", "Drug User - Drug Pusher", "October 31st" e "Egypt"): tre dei quattro brani di questa session erano apparsi nel 1983 nella rara cassetta "The Blue And Yellow Of The Yacht Club", la session per intero era contenuta invece nel cd "Frozen Blood" pubblicato nel 2000, ma restava inedita su vinile. Queste le note all' album "The Plateau Phase": Pubblicato nel febbraio del 1982 dalla Factory Benelux in Gran Bretagna, dove giunse al 23esimo posto in classifica, non uscito negli USA, il primo album dei Crispy Ambulance, precedente il live ''Accessory after fact'', uscito nel 2000 dopo la riunione del gruppo. Considerato dalla critica come uno degli album cardine della scena dark wave anglosassone, Plateau Phase e' opera originalissima che presenta un suono che sta' tra i danse society di ''seduction'' e gli ultimi joy division, ma con un angolazione assolutamente peculiare, misterica, oscura, profonda ed esoterica e con rimandi nella struttura e nelle atmosfere agli anni ''70, ed a gruppi quali king crimson, pink floyd, primi caravan ed alla scena tedesca dei corrieri cosmici, il lavoro riesce miracolosamente ad amalgamare queste disparate influenze ed a fonderle in un opera di bellezza ammaliante. anche all'epoca della sua uscita, nella quale passo' purtroppo completamente innosservato, ai critici piu' attenti il gruppo non sfuggi' e ci fu chi lo recensi' in termini entusiastici. i crispy ambulance furono una band di Manchester, futuri Ram Ram Kino. Dopo l'autoproduzione nel 1980 del loro 7" di esordio "From the cradle to the grave" vennero notati e messi sotto contratto da Rob Gretton (manager dei Joy Division) con cui produrrano nel 1981, prima di questo loro primo album, un 12" Live on a Hot August ed il famoso 10" Unsightly and Serene. Molto sottovalutati dalla stampa del periodo hanno acquisito oggi un vero cult status essendo considerati come una tra le bands piu' rappresentative della fredda ed oscura wave dei primi anni '80.
Euro
35,00
codice 2085060
scheda
Crosby, stills, nash & young Deja vu - alternates (rsd 2021)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  atlantic / rhino 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA (IN 20000 COPIE) IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL LUGLIO 2021, copertina cartonata apribile, senza barcode, con adeisvo di presentazione sul cellophane, vinile 180 grammi. Per la prima volta pubblicata, si tratta di una versa e propria versione alternativa del capolavoro del supergruppo "Deja Vu", con i primi otto brani di quel disco presenti (nello stesso ordine) in versioni diverse (si tratta di registrazioni del tutto diverse, in alcuni casi, di mix alternativi, in altri, particolarmente rilevanti in un paio di brani per la presenza di diverse tracce vocali o strumentali), ed a chiudere il disco l' inedita "Know You Got To Run" di Stephen Stills. Queste le note al disco originario: Pubblicato in Usa nel marzo del 1970, prima di ''4 way street'', e giunto al numero 1 delle classifiche Usa ed al numero 5 di quelle Uk, il primo straordinario album. Registrato con Dallas Taylor alla batteria e Gregory Reeves al basso, fu uno dei piu' attesi lps della storia, registrato in 800 ore da ''un gruppo che non era un vero gruppo ma che suonava come tale''. Prodotto, registrato e suonato come meglio non si puo', vede l' ingesso di Neil Young nella formazione di Crosby, Stills & Nash; questo, oltre alle composizioni del canadese, dona un nuovo equilibrio vocale e compositivo, oltre a quel dualismo chitarristico, elettrico, violento e sognante, che sara' il marchio di fabbrica del quartetto. I brani sono perlopiu' eseguiti, a parte "Carry On" e la cover di Joni Mitchell "Woodstock", con tre dei membri che lavorano alle dipendenze del quarto a rotazione; David Crosby registra finalmente quella "Almost Cut My Hair" che risale addirittura all' epoca dei Byrds, e la title track, che ha richiesto ben 100 ore di registrazione e che rappresenta l' evoluzione del vecchio suono di "Mind Gardens" dei Byrds, Graham Nash scrive "Teach Your Children" ed "Our House", Stephen Stills in "4+20" precorre le escursioni blues progressive che verranno alla luce nei suoi lavori solisti, e Neil Young propone "Helpless" e "Everybody I Love You,"leggendario brano inedito risalente ai tempi dei Buffalo Springfield. "Deja vu" e' un album di varieta' incredibile ma anche con un filo conduttore preciso, un vero capolavoro senza eta' che riesce a chiudere idealmente gli anni '60 ed ad aprire nuovi orizzonti per la musica rock, che verranno approfonditi ed ulteriormente rivelati nel tour dell' album dal quale sara' tratto l' altrettanto magnifico doppio live ''4 Way Street''.
Euro
40,00
codice 2103223
scheda
Curanderos (bardo pond/kohoutek) Curanderos (rsd 2017)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2017  fire 
indie 90
edizione limitata in vinile oro, uscita per il Record store day 2017, coupon per download. Curanderos è un progetto parallelo dei Bardo Pond (qui con John e Michael Gibbons) in collaborazione di membri dell'ensemble sperimentale Kohoutek. Due lunghe suites intitolate Mescalito pt.1 e Mescalito pt.2, un viaggio cosmico attraverso drone music, noise, prog, cosmic psychedelia e free jazz.
Euro
24,00
codice 2078315
scheda
Cure Faith (ltd. picture disc, rsd 2021)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1981  fiction / polydor / universal 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA IN 8000 COPIE, IN VINILE PICTURE DISC, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2021, copertina con parte centrale die-cut, attraverso cui e' visibile pil picture disc all' interno, e corredata di voucher con codice per il download digitale. Ristampa del leggendario immortale capolavoro dei tre ragazzi immaginari, uscito nell'aprile del 1981 in Gran Bretagna su Fiction, dove arrivo' alla 14esima posizione in classifica, e negli USA, dove non entro' in classifica, secondo capitolo di una straordinaria trilogia dark che era iniziata con "Seventeen seconds" e si concludera' col successivo "Pornography". Il "dark minimale" di "17 seconds" prende forma, preparandosi all' esplosione di "Pornography", le atmosfere stranite ed oscure della musica del gruppo viaggiano costantemente tra una dimensione onirica ed improvvisi cupi risvegli, in brani indimenticabili come ''Holy hour'', ''Primary'' (pubblicata anche su singolo), ''Other voices'', ''Funeral party'', ''Drowning man'' e ''Faith''. Il disco proietto' per la prima volta il gruppo verso i riscontri commerciali degli anni a venire, anche se qui il termine commerciale non corrisponde alle sonorita' proposte che riescono comunque a far breccia nelle charts anglosassoni. Dopo la pubblicazione di "Seventeen Seconds" il gruppo di Crawley si immerge in un lavoro dalle tinte ancora piu' grigie e sofferenti. Mai come in "Faith" il senso di decadenza sara' cosi' evidente in un disco dei Cure; i pezzi,se nel predecessore erano gia' piu' lenti rispetto all'esordio di "Three Imaginary Boys", adesso sono di una staticita' agonizzante, avvolti in un torpore mortale. "Faith" e' un'unica sensazione di meravigliosa angoscia impalpabilmente dilatata nel tempo, il suo incedere procede lento come una goccia di rugiada traccia il suo sentiero sul vetro di una finestra, fra echi di rassegnata disperazione e note sbieche di pianoforte riecheggianti, il suono di un qualcosa che vorrebbe venire fuori, ma troppo distante affondato nel baratro della psiche umana dello stesso Robert Smith in un momento di particolare sensibilita' in cui il dolore e' da lui stesso palpabile e reale, scritto in un periodo di cui oggi evita volentieri di parlarne, la sua voce suona come un eco lontano, gemiti dispersi in un ghiacciaio affiancati dalla sezione ritmica di Gallup e Tolhurst che scandisce un tempo in perpetua brama di spegnersi. Su tutto, orde di chitarre minimali e suoni sintetici che vibrano come le corde dell'anima. I Cure si formano nel 1976 a Crawley nel Sussex sotto lo pseudonimo Easy Cure, da Robert Smith, Lawrence Tolhurst e Michael Dempsey, produrranno un unico e raro singolo straniero alle sonorita' future che caratterizzeranno il gruppo nel volgere di pochi anni. L'esordio ufficiale della formazione risale al 1978 per la Small Wonder con il singolo Killing an Arab. Le potenzialita' del gruppo e il carisma di Robert Smith sono evidenti ed il gruppo incontra immediatamente i favori della critica e del pubblico. Il loro primo album e' essenzialmente un album post-punk anche se il brano Three Imaginary Boys lasciava presagire la loro carica intimista. I successivi tre album, oltre a vedere l'entrata di Simon Gallup, sono e rimangono le piu' belle realizzazioni della formazione, una triologia affascinante che sara' capace di caratterizzare gli anni ottanta e conquistera' intere generazioni. Dopo questa le poetiche di Robert Smith abbracceranno sonorita' pop-psichedeliche mantenendo una venatura decadente, uno strano ma irresistibile ibrido che crea un rapporto di amore-odio con i vecchi fans, ma che comunque riesce ad accattivarsi sia le simpatie dei locali alternativi, sia le classifiche internazionali, e sara' questo il maggior pregio della seconda fase evolutiva dei Cure dovuto alla poesia ed al carisma egocentrico ed affascinante di Robert Smith agitatore di sogni e soavi incubi di intere generazioni.
Euro
29,00
codice 3026456
scheda
D.r.i. live at cbgb's 1984 (rsd 2015)
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1984  beer city 
punk new wave
EDIZONE LIMITATA DI 2000 COPIE IN VINILE BIANCO, USCITA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 18 APRILE 2015. Etichetta gialla con scritte nere da un lato, gialla e nera "custom" dall' altro, inner sleeve con testi. Registrato dal vivo al CBGB's durante il tour americano del 1984 della storica hardcore band (D.R.I. sta per Dirty Rotten Imbeciles), contiene in 39 densissimi minuti ben quaranta brani (!!!) di abrasivo e serratissimo hardcore punk, testimonianza eloquente della prima fase della storia del gruppo americano di Houston, Texas, autrice tra il 1983 ed il 1984 di due 7" ep; "Dirty Rotten ep" (con 22 brani, e non a caso ristampato come lp in seguito) e "Violent Pacification", prima dell' album "Dealing With It" del 1985 che, ancora ottimo, gia' evidenziera' un' evoluzione in un sound qui' ancora abrasivo e feroce. Uno dei piu' innovativi gruppi della ricca scena hardcore americana, caratterizzati da una velocita' di esecuzione dei brani ed una ferocia fino a quel momento raramente uditi, senza peraltro che questo lasciasse ancora intravedere nulla delle contaminazioni metalliche che si faranno piu' tardi avanti nel loro sound portandolo in una direzione "speed metal". Un sound grezzo e potente, efficacissimo e stordente, che si sviluppera' ancora con gli eccellenti albums "Dealing With It" e "Crossover", prima del poco riuscito "4 Of A Kind" del 1988.
Euro
23,00
codice 2051194
scheda
Dalla lucio Il Giorno Aveva Cinque Teste (gatefold, ltd. orange vinyl, rsd 2021)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  sony music 
cantautori
EDIZIONE LIMITATA, E NUMERATA SUL RETRO, IN VINILE ARANCIONE, PESANTE 180 GRAMMI, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2021, ristampa rimasterizzata, con copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura, sebbene con apertura per il disco a destra e non piu' in alto. Pubblicato in Italia dalla Rca Italiana nell' aprile del 1973 dopo ''Storie di casa mia'' e prima di ''Anidride solforosa''. Il quinto lp. Testi di Roberto Roversi, musiche di Lucio Dalla; registrato con la collaborazione di Toto Torquati. E' il primo dei numerosi lavori che vedono la colaboraziobnne del poeta Roberto Roversi, gli arrangiamenti vedono una forte presenza degli archi, i temi sono quelli sociali, dall'immigrazione alla condizione operaia, musicalmente si tartta di un opera che alterna partiture viu' vicine alla sperimentazione iniziale a melodie classiche. Contiene i seguenti brani: "Un' auto targata To", "A una fermata del tram", "E' li' ", "Passato presente", "L'operaio gerolamo", "Il coyote", "Grippaggio", "La bambina", "Pezzo zero", "La canzone di Orlando".
Euro
28,00
codice 3026499
scheda
Davis miles champions (ltd. yellow vinyl - rsd 2021)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  columbia / legacy / sony 
jazz
EDIZIONE LIMITATA DI 7000 COPIE, IN VINILE GIALLO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL LUGLIO 2021; per la prima volta in vinile, in questo album sottotitolato "Rare Miles From The Complete Jack Johnson Sessions", sei preziose tracce tratte dalle straordinarie sessions effettuate il 7 aprile del 1970, e che portarono all' album "A Tribute to Jack Johnson", realizzato nel febbraio del 1971 dalla Columbia negli USA, uno dei massimi capolavori elettrici di Miles, per quanto all'epoca passato quasi inosservato. Incise con Bennie Maupin, Billy Cobham, Dave Holland, John McLaughlin, Wayne Shorter, Lenny White, Steve Grossman, Jack DeJohnette, Airto Moreira, Gene Perla, Keith Jarrett, Herbie Hancock e Mike Henderson, queste tracce (a parte una finale versione alternativa di "Right Off", ovvero il brano che nel disco originario occupa la a-side) sono intitolate ad altri grandi campioni afroamericani di boxe, e dimostrano ulteriormente il grande stato di grazia del fondamentale trombettista. QUesta la lista completa dei brani: "Duran (Take 4), "Sugar Ray", "Johnny Bratton (take 4), "Ali (take 3), "Ali (take 4) e "Right Off (take 11)". Queste le note all' album "Jack Johnson": Un disco definito da Tom Jurek fra i piu' misteriosi del grande trombettista (a partire dai crediti dei musicisti in copertina, che sono incompleti), ''Jack Johnson'', dedicato al grande pugile afroamericano della prima meta' del '900, e' forse il disco che piu' si avvicina al rock nell'ambito dell'epopea elettrica di Miles, com dimostra in particolare la dinamica ''Right off'', sostenuta da un groove che poco ha a che spartire con il jazz e che invece e' molto vicino al rock, sul quale si stagliano lunghi assoli di tromba, sax e chitarra; l'altro brano che compone il disco e' la sulfurea ''Yesternow'', che inzia con un pigro e rallentato groove funk su cui Miles ricama un caldo assolo, per poi svilupparsi con un'andatura lievemente piu' accelerata e una grande tensione emotiva nella seconda parte, pur mantenendo l'andamente ipnotico della prima, e tutto l'album da' una sensazione di creazione spontanea (le cronache narrano che Herbie Hancock sedette alle tastiere praticamente per caso, in quanto girava per l'edificio dello studio di registrazione, e fu invitato a sedere alle tastiere).
Euro
29,00
codice 2103324
scheda
De brassers 1979-1982 (rsd 2021)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  onderstroom 
punk new wave
Doppio album, EDIZIONE LIMITATA DI 500 COPIE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL GIUGNO 2021, ristampa con copertina per l' occasione apribile (non lo era quella dell' originaria edizione realizzata nel 2010 dalla stessa Onderstroom, senza codice a barre. Pubblicata per la prima volta nel 2010 dalla belga Onderstroom, questa raccolta contiene i sette brani del loro 7'' e del loro 12'' (uniche pubblicazioni viniliche non postume della band), oltre a brani della cassetta ''Levend'' ed un inedito, in tutto quattordici pezzi che combinano la ferocia del punk dei Sex Pistols con il cupo post punk dei primi Joy Division, dando luogo ad un sound denso ed abrasivo, con brani ora tirati e piu' vicini al punk, ora piu' lenti e funerei, nello spirito di ''Unknown pleasures''. Questa la scaletta: ''Kontrole'' (dalla cassetta ''Levend'', 1981), ''En toen was niets meer'' (dal 7'' ''En toen was niets meer'', 1980), ''Twijfels'' (dal 7'' ''En toen was niets meer'', 1980), ''???'' (dal 7'' ''En toen was niets meer'', 1980), ''Pijn'' (dalla cassetta ''Levend'', 1981), ''They wanted us away'' (dal 12''ep ''De brassers'', 1981), ''Sick in your mind'' (dal 12''ep ''De brassers'', 1981), ''The scream'' (dal 12''ep ''De brassers'', 1981), ''He lives in his dreams'' (dal 12''ep ''De brassers'', 1981), ''If there is something'' (inedito), ''Neo I'' (dalla cassetta ''Levend'', 1981), ''Neo II'' (dalla cassetta ''Levend'', 1981), ''Neo III'' (dalla cassetta ''Levend'', 1981), ''Neo VII'' (dalla cassetta ''Levend'', 1981), ''I'm not afraid of you'' (dal cdr ''Levend vol. 2'', uscito nel 2006 ma registrato dal vivo nel 1982), ''The last time'' (dal cdr ''Levend vol. 2'', uscito nel 2006 ma registrato dal vivo nel 1982), ''I lost control again'' (dal cdr ''Levend vol. 2'', uscito nel 2006 ma registrato dal vivo nel 1982), ''My night'' (dal cdr ''Levend vol. 2'', uscito nel 2006 ma registrato dal vivo nel 1982). Questo gruppo belga attivo fra la fine degli anni '70 ed i primi anni '80 (alcune nuove uscite sono emerse poi nel primo decennio del nuovo secolo), e' considerato una delle piu' importanti band post punk del paese nordeuropeo. Realizzarono nel corso della lori breve attivita' solo un paio di dischi (il 7'' ''En toen was niets meer'' del 1980 ed il 12'' eponimo del 1981), oltre alla cassetta ''Levend'' del 1981, che raccoglieva brani live. La loro musica metteva insieme la ferocia punk con la cupezza dei Joy Division, questi ultimi influenza riconosciuta sulla band, che eseguiva sovente la cover di ''Shadowplay'' del gruppo di Ian Curtis.
Euro
38,00
codice 3026644
scheda
De moraes, ungaretti, endrigo La vita, amico e' l' arte dell'incontro (rsd 2017)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  warner music 
world
USCITA PER IL RECORD STORE DAY del 2017, edizione limitata a mille copie numerate sul retro copertina in alto, vinile da 180 grammi di colore arancione, copertina apribile, inner sleeve. Ristampa del 2017 ad opera della Warner Music, pressoche' identica alla prima tiratura italiana. Accreditato a ''Vinicius De Moraes, Giuseppe Ungaretti e Sergio Endrigo'', titolo completo "La vita, amico, e' l' arte dell' incontro''. Pubblicato in Italia ed in Brasile nel 1969, questo album e' la bella testimonianza dell' incontro e dell' amicizia tra il poeta e compositore brasiliano Vinicius De Moraes ed il poeta italiano Giuseppe Ungaretti, realizzato con preziosi contributi, in primo luogo quello di Sergio Endrigo, autore di raffinatissime interpretazioni vocali in molti brani dell' album, e di Luis Bacalov, che cura gli splendidi arrangiamenti oltre a dirigere l'orchestra e suonare il pianoforte. Un originalissimo e memorabile incontro fra lirismo e musica brasiliani ed italiani. De Moraes e' una vera leggenda della musica brasiliana ed autore di moltissime canzoni divenute classiche; fra le altre cose, e' l'autore della celeberrima opera teatrale ''Orfeu da conceicao''. Notevole e' la lista degli artisti e tecnici coinvoli in questo progetto: Vinicius de Moraes - voce e recitato, Giuseppe Ungaretti - recitato, traduzione delle poesie, Sergio Endrigo - voce, Luis Bacalov - arrangiamento, direzione d'orchestra, pianoforte, Toquinho - chitarra, Giorgio Carnini e Giancarlo Chiaramello - organo, Maurizio De Angelis e Filippo Rizzuto - chitarra, Giovanni Tommaso - basso elettrico, Enzo Restuccia - batteria, Nora Orlandi - direzione coro di bambini, Sergio Bardotti - produzione e realizzazione, traduzione delle canzoni, traduzione di Il giorno della crezione, Massimo Becagli - fonico, Antonio Marzullo - registrazione, Filippo Odiard - editing e missaggio (Auditorio Fonit Cetra, Torino).
Euro
28,00
codice 3509932
scheda
Dead kennedys Iguana Studios Rehearsal Tape - San Francisco 1978 (rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1978  manifesto 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA DI 2000 COPIE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL BLACK FRIDAY RECORD STORE DAY DEL NOVEMBRE 2018; per la prima volta pubblicati ufficialmente in vinile, le registrazioni degli storici demos effettuati nel 1978 presso gli Iguana Studios di San Francisco dalla seminale, fondamentale punk band americana di San Francisco, da poco formatasi ed ancora a quasi a due anni dalla pubblicazione del primo storico album "Fresh Fruit For Rotting Vegetables". L' hardcore era di la' da venire, ma certamente la feroce abrasivita' del gruppo gia' ne annunciava l' avvento, che trovera' proprio nei primi dischi del gruppo alcuni dei suoi fondamentali punti di riferimento e la voce ed i testi di un ancoa sconosciuto Jello Biafra sono gia' mirabili esempi di un' ironia sferzante, politicamente e socialmente impegnata, che lo portera' ad essere qu-alche anno dopo uno dei candidati piu' votati all' elezione di sindaco di S.Francisco; d'altro canto molti dei brani qui' contenuti sono quelli che costituiranno l' ossatura di "Fresh Fruit....", con versioni primitive, e talora vagamente caotiche, ma sorprendenti soprattutto considerando l' epoca di registrazione, di "Forward To Death", "I Kill Children", "Holiday in Cambodia", "Kill the Poor", "Your Emotions", "California Uber Alles", e poi ancora "Kepone Kids" e "Rawhide", poi sul mini "In God We Trust Inc", "THe Man With The Dogs", che sara' il retro del primo singolo del gruppo, e le altrimenti inedite "Cold Fish", "Kidnap", "Mutations of Today" e "Dreadlocks of the Suburbs". Nati a San Francisco nel gennaio 1978, sono stati sicuramente il piu' importante gruppo di punk hardcore americano, nonche' una delle bands piu' seminali di sempre. Impegnati su piu' fronti, da quello politico alle produzioni discografiche, hanno fornito ispirazione e supporto a stuoli di gruppi, la musica moderna non sarebbe la stessa senza la loro presenza. Soprattutto, pero', hanno fornito particolarmente con i loro primi lavori una illuminante prova della possibilita' di superare i confini del punk rock allora conosciuto ed anche, contemporaneamente, dell' hardcore che stava allargandosi velocemente a macchia d'olio, e che raramente negli anni a venire riuscira' ad esprimersi con la stessa liberta' creativa, nel loro caso supportata pero' dalla rara scintilla del genio.
Euro
27,00
codice 3026498
scheda
Deep purple Book of taliesyn (mono rsd 2015)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1969  parlophone / hvl 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA IN MONO (il mixaggio mono del disco venne originariamente approntato contemporaneamente a quello stereo ma mai pubblicato finora), REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 18 APRILE 2015, copertina apribile pressocche' identica a quella della prima molto rara tiratura uscita in Inghilterra su Harvest. Il secondo album, pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1969 su Harvest ed in USA nel Gennaio dello stesso anno su Tetragrammaton, dopo ''Shades of Deep Purple'' e prima di ''Deep Purple'', giunto al numero 54 delle classifiche americane e non entrato in quelle inglesi. Registrato con la formazione originale, prima dell'avvento di Gillan e Glover, furono etichettati dalla critica come una sorta di ''british vanilla fudge'', il disco e' molto diverso da quello che saranno i successivi, la cover dei Beatles ''we can work it out'' ha sapore ancora da party londinese dei '60 sullo stile di Brian Auger, la lunga jam di ''Exposition'' mette in luce le qualita' di Blackmore, ancora una volta al centro dell'attenzione, mentre in brani quali ''the shield'' e ''anthem'' che ricordano le radici psychedeliche del gruppo, e dal sapore quasi barrettiano, e' l'organo di John Lord ad avere la parte principale. Ma e' solo con la finale ''river deep mountain high'' che si giunge al culmine del souno della prima incarnazione della band, in cui progressive, hard e soul si uniscono in una totale interazione.
Euro
27,00
codice 2100920
scheda
Delirium jesahel / king's road (blue vinyl, rsd 2019)
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  fonit / warner 
rock 60-70
Singolo in formato 7", EDIZIONE LIMITATA DI 500 COPIE, NUMERATE SUL RETROCOPERTINA, IN VINILE BLU, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; ristampa con copertina pressoche' identica a quella della prima tiratura su Fonit, del celebre singolo uscito nel febbraio del 1972, tra il primo album "Dolce Acqua" ed il secondo "Lo Scemo del Villaggio", con due brani altrimenti inediti: sul lato A la memorabile "Jesahel", cantata in italiano, che fu presentata al Festival di Sanremo ed ottenne un notevolissimo successo, tra i brani-simbolo del rock italiano degli anni '70, sul retro la strumentale "King's Road", piu' vicina alla complessita' dello stile espresso dalla band negli albums, tra jazz-rock ed elementi sinfonici, con un piano ed il flauto di Ivano Fossati in evidenza. I Delirium vennero formati a Genova nel 1970, da un precedente gruppo beat chiamato I Sagittari, e realizzarono il primo 45 giri un anno più tardi, "Canto di Osanna"; presentato al primo Festival Pop di Viareggio fu un discreto successo e diede al gruppo un'immediata popolarità. Nello stesso anno il gruppo vinse il concorso rock di Radio Montecarlo. Il primo album, "Dolce acqua", esce nel 1971, prima di una memorabile apparizione televisiva al festival di Sanremo, che si risolse con il loro il più grande successo, "Jesahel", un singolo subito seguito da un altro 45 "Haum!". Ivano Fossati lasciò il gruppo nel 1972, il suo sostituto fu un inglese, Martin Frederick Grice, che oltre al sempre presente flauto suonava molto bene anche il sax. Il secondo album Lo scemo e il villaggio presenta ancora influenze jazz ed un forte uso del sax di Grice, e vede tutti i musicisti che a turno cantano. Il terzo album arrivò nel 1974, intitolato "Delirium III (Viaggio negli arcipelaghi del tempo)", ed e' giudicato da molti come il lavoro più vicino al progressie, il flauto ha di nuovo un ruolo prominente, mentre il sax è presente solo in "Viaggio n.2"., è questo anche il primo album a contenere la chitarra elettrica, visto che Mimmo Di Martino aveva suonato solo l'acustica fino ad allora. Il gruppo era ormai al termine della carriera, e anche a causa dello scarso interesse mostrato dai media, e dopo alcuni singoli nel 1974-75 con il nuovo tastierista Rino Dimopoli arrivo' a sciogliersi.
Euro
18,00
codice 2098687
scheda
Demarco mac Other here comes the cowboy demos (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  croline 
indie 2000
edizione limitata in vinile per il RECORD STORE DAY 2020 , in vinile viola . 11 brani inediti tratti da b-sides e demos del periodo dell'album "here comes the cowboy". Mac DeMarco è un cantautore, polistrumentista e produttore canadese : ha pubblicato sei album in studio, il suo debutto "2" (2012), "Salad Days" (2014), "This Old Dog" (2017), e "Here Comes the Cowboy" (2019). Il suo stile musicale è stato descritto come "blue wave" e "slacker rock", o, dallo stesso DeMarco, "jizz jazz".
Euro
30,00
codice 2094667
scheda
Denny sandy Like an old fashioned waltz (RSD 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  EU  1973  island 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE CHIARO E PESANTE 180 GRAMMI, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, corredata di inserto con testi, copertina in rilievo "embossed" sul fronte, pressoche' identica a quella della prima rara tiratura su Island. Pubblicato in Inghilterra nel giugno del 1974 dopo ''Sandy'' e prima di ''Rendezvous'', non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle americane. Il quinto album, il penultimo dei lavori pubblicati a proprio nome dalla cantante dei Fairport Convention, prodotto da Trevor Lucas e John Wood, registrato a Los Angeles ed a Londra con Pat Donaldson, Gerry Conway, Dave Pegg, Dave Mattacks, Danny Thompson, Alan Skidmore, Jerry Donahue, Trevor Lucas, Richard Thompson, Ian Armit, Jean Russel, Diz Disley & Rabbit. Con "Like an Old Fashioned Waltz", Sandy Denny vira la propria musica verso i momenti piu' raffinati e luminosi di "Sandy" (1972); il tono e' intriso di malinconia ed i testi sono amari e spesso indulgono al personale, con arrangiamenti a base di piano, archi , e tracce di British folk . "Solo," il brano di apertura ed uno dei suoi picchi creativi,insieme alla title track , "At the End of the Day," aed alla finale "No End" sono i brani piu' celebri ed atosferici, vi sono poi due covers dagli Ink Spots "Whispering Grass" e "Until the Real Thing Comes Along" in cui pulsioni jazz- pop si fanno sentire e indicano una nuova direzione che pero' non si materializzera' mai definitivamente, sara' infatti l'ultimo disco pubblicato da Sandy Denny in oltre 4 anni.
Euro
30,00
codice 2099025
scheda
Denovo kamikaze bohemien (rsd 2014)
lp [edizione] originale  stereo  ita  1984  viceversa 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
copia ancora incellophanata, l' originale stampa, USCITA LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014, edizione in 500 copie numerate sul retrocopertina (questa la numero 443), copertina apribile, con foto e testi all' interno, etichetta bianca con scritte nere e nome del gruppo in marrone, catalogo VV1LP006. Realizzato per la prima volta in occasione del Record Store Day dell' aprile 2014, l' album "perduto" della band catanese, contenente 12 brani dalle stesse sessions che produssero il loro primo mini "Niente insetti su Wilma" del 1984, con i quattro brani del mini in versioni inedite e otto inediti assoluti; una testimonianza imperdibile del freschissimo e sopraffino pop del gruppo siciliano, dai sapori mediterranei, ma affine anche a quello degli Xtc, e non privo di influenze wave. Questa la lista dei brani: A1 Ipnosi A2 Dove Batte Il Segno A3 Le Mie Cortesie A4 Il Valore Di Un'Idea A5 El Gheddahia A6 Fallo B1 Quinta Finestra B2 Coazione B3 Niente Insetti Su Wilma B4 So Cos'e'
Euro
30,00
codice 248422
scheda
Destroy all monsters bored / you're gonna die (rsd 2019)
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  radiation 
punk new wave
singolo in formato 7", EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE BIANCO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; ristampa con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, nella sua versione uscita su Cherry Red in Inghilterra (con copertina diversa, sebbene realizzata anche questa dalla cantante Niagara, rispetto alla versione americana su IDBI pubblicata nel 1978. Uno dei piu' bei singoli di sempre, in cui scegliere tra la straordinaria bellezza dei due brani e' davvero arduo, questo esordio della storica cult band americana attiva in quel di Ann Arbor, Michigan, sin dal '73, gia' lontano dai loro inizi "art rock", dopo l' ingresso di due leggende del rock di Detroit: RON ASHETON, l' immenso chitarrista (e poi bassista) degli STOOGES e Michael Davis, ex bassista degli MC5, capaci di trasformare il gruppo in una infuocata punk rock'n'roll band tra le piu' grandi che abbiano mai calcato le scene, anche grazie alla straordinaria e bella Niagara, cantante dotata di carisma e fascino notevolissimi; con Asheton la band incidera' ancora due splendidi singolo, poi le loro strade si separeranno nuovamente, ma Niagara formera' piu' tardi con lui gli ottimi Dark Carnival. Questa leggendaria band di Ann Arbor, Michigan, fu formata nel 1973 dagli studenti Mike Kelley, Jim Shaw, Niagara (Lynn Rovner) e Cary Loren (giovane filmaker), Un caso decisamente atipico il loro nella storia del rock, poiche' attraverso vari cambiamenti di line up, e rimescolamenti vari nel corso del tempo, il gruppo e' stato nella sua prima fase proteso verso forme di abrasiva sperimentazione noise tra Sun Ra, la psichedelia piu' acida, Captain Beefheart ed i Velvet piu free form, con l' influenza del rock duro di Stooges ed Mc5 certo presente ma trasfigurata in qualcosa di assai meno decifrabile (soprattutto per i tempi); in questa prima fase della sua attivita' la band non produsse alcun reperto discografico, ma molti anni dopo una serie di registrazioni hanno iniziato a vedere la luce e "quei" Destroy All Monsters sono stati considerati dagli stessi Sonic Youth un gruppo seminale ed influentissimo nell' ambito del noise rock degli anni '80 e 90, Nel 1976, l' abbandono di Kelley e Shaw impose la ricerca di nuovi musicisti, risolta prima con l' ingresso del chitarrista Laurence B. (Larry) Miller e del sassofonista Benjamin (Ben) Miller, entrambi provenienti dai seminali Sproton Layer capitanati dal fratello Roger Miller (poi Mission of Burma...), e quindi anche di due glorie del rock locale: Ron Asheton degli Stooges alla chitarra (reduce dalla breve parentesi con i New Order) e Michael Davis degli Mc5 al basso. Naturalmente questi cambiamenti portarono una drastica virata del suono della band verso lidi assai diversi, e non soprende che questi "nuovi" Destroy All Monsters siano stati una delle massime glorie del rock duro del Michigan e non solo, i loro tre singoli in studio autoprodotti tra il 1978 ed il 1979 lo dimostrano inequivocabilmente, cosi' come tutte le registrazioni live ed in studio venute fuori successivamente (iniziando da un 7"ep live del 1979, per poi arrivare alle molte pubblicazioni postume). Immediata la trasformazione del gruppo in una delle punk rock band piu' grandi che abbiano mai calcato le scene, capace di rinnovare la magia del suono detroitiano di fine anni '60 grazie alla rigenerante energia del primo punk rock americano, grezzo e diretto, ma nel loro caso anche personalissimo, tanto per l' inconfondibile impronta della incendiaria chitarra di Asheton, quanto per le le straordinarie performance vocali della bella e sensuale Niagara, cantante dotata di carisma e fascino mozzafiato, sorta di incrocio tra il piu' selvaggio Iggy Pop e la migliore Patti Smith. Chiusa questa splendida parentesi, il gruppo prosegui' fino alla meta' degli anni '80 senza Asheton e Davis, tornando alle sue origini musicali, ma anche dopo lo scioglimento, avvenuto nel 1985, di tanto in tanto rimetteranno insieme il progetto per parentesi piu' o meno estemporanee, di cui questo box contiene qualche preziosa testimonianza. Asheton (r.i.p.)e Niagara si ritroveranno insieme anni dopo nei Dark Carnival, ma da ricordare e' anche la breve avventura del chitarrista con i New Race.
Euro
8,00
codice 3026209
scheda
Destroy all monsters meet the creeper / november 22nd 1963 (rsd 2019)
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  radiation 
punk new wave
singolo in formato 7", EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE ROSA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; ristampa con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, nella sua versione uscita su Cherry Red in Inghilterra nel giugno del 1979 (con copertina diversa rispetto alla versione americana su IDBI). Questo secondo singolo riesce incredibilmente quasi ad eguagliare lo straordinario primo singolo "Bored"/"You're Gonna Die", con la serratissima "November 22nd 1963" e la piu' rock'n'rollistica "Meet The Creeper", brani impregnati fino al midollo di tutto il miglior rock detroitiano. Questa leggendaria band di Ann Arbor, Michigan, fu formata nel 1973 dagli studenti Mike Kelley, Jim Shaw, Niagara (Lynn Rovner) e Cary Loren (giovane filmaker), Un caso decisamente atipico il loro nella storia del rock, poiche' attraverso vari cambiamenti di line up, e rimescolamenti vari nel corso del tempo, il gruppo e' stato nella sua prima fase proteso verso forme di abrasiva sperimentazione noise tra Sun Ra, la psichedelia piu' acida, Captain Beefheart ed i Velvet piu free form, con l' influenza del rock duro di Stooges ed Mc5 certo presente ma trasfigurata in qualcosa di assai meno decifrabile (soprattutto per i tempi); in questa prima fase della sua attivita' la band non produsse alcun reperto discografico, ma molti anni dopo una serie di registrazioni hanno iniziato a vedere la luce e "quei" Destroy All Monsters sono stati considerati dagli stessi Sonic Youth un gruppo seminale ed influentissimo nell' ambito del noise rock degli anni '80 e 90, Nel 1976, l' abbandono di Kelley e Shaw impose la ricerca di nuovi musicisti, risolta prima con l' ingresso del chitarrista Laurence B. (Larry) Miller e del sassofonista Benjamin (Ben) Miller, entrambi provenienti dai seminali Sproton Layer capitanati dal fratello Roger Miller (poi Mission of Burma...), e quindi anche di due glorie del rock locale: Ron Asheton degli Stooges alla chitarra (reduce dalla breve parentesi con i New Order) e Michael Davis degli Mc5 al basso. Naturalmente questi cambiamenti portarono una drastica virata del suono della band verso lidi assai diversi, e non soprende che questi "nuovi" Destroy All Monsters siano stati una delle massime glorie del rock duro del Michigan e non solo, i loro tre singoli in studio autoprodotti tra il 1978 ed il 1979 lo dimostrano inequivocabilmente, cosi' come tutte le registrazioni live ed in studio venute fuori successivamente (iniziando da un 7"ep live del 1979, per poi arrivare alle molte pubblicazioni postume). Immediata la trasformazione del gruppo in una delle punk rock band piu' grandi che abbiano mai calcato le scene, capace di rinnovare la magia del suono detroitiano di fine anni '60 grazie alla rigenerante energia del primo punk rock americano, grezzo e diretto, ma nel loro caso anche personalissimo, tanto per l' inconfondibile impronta della incendiaria chitarra di Asheton, quanto per le le straordinarie performance vocali della bella e sensuale Niagara, cantante dotata di carisma e fascino mozzafiato, sorta di incrocio tra il piu' selvaggio Iggy Pop e la migliore Patti Smith. Chiusa questa splendida parentesi, il gruppo prosegui' fino alla meta' degli anni '80 senza Asheton e Davis, tornando alle sue origini musicali, ma anche dopo lo scioglimento, avvenuto nel 1985, di tanto in tanto rimetteranno insieme il progetto per parentesi piu' o meno estemporanee, di cui questo box contiene qualche preziosa testimonianza. Asheton (r.i.p.)e Niagara si ritroveranno insieme anni dopo nei Dark Carnival, ma da ricordare e' anche la breve avventura del chitarrista con i New Race.
Euro
8,00
codice 3026211
scheda
Destroy all monsters what do i get / nobody knows (rsd 2019)
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  radiation 
punk new wave
singolo in formato 7", EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE GRIGIO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; ristampa con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, nella sua versione uscita su Cherry Red in Inghilterra nell' ottobre del 1979 (con copertina, realizzata dalla cantante Niagara, in tinta diversa rispetto alla versione americana su IDBI). L' ultimo di una trilogia straordinaria di singoli realizzati tra il 1978 ed il 1979, dopo "Bored"/"You're Gonna Die" e "November 22nd 1963"/"Meet The Creeper", con altri due brani a dir poco eccellenti: "What Do I Get" e "Nobody Knows", forse meno deflagranti rispetto alla potenza dei brani dei primi due singoli, ma carichi come quelli di tensione ed impregnati fino al midollo di tutto il miglior rock detroitiano. Questa leggendaria band di Ann Arbor, Michigan, fu formata nel 1973 dagli studenti Mike Kelley, Jim Shaw, Niagara (Lynn Rovner) e Cary Loren (giovane filmaker), Un caso decisamente atipico il loro nella storia del rock, poiche' attraverso vari cambiamenti di line up, e rimescolamenti vari nel corso del tempo, il gruppo e' stato nella sua prima fase proteso verso forme di abrasiva sperimentazione noise tra Sun Ra, la psichedelia piu' acida, Captain Beefheart ed i Velvet piu free form, con l' influenza del rock duro di Stooges ed Mc5 certo presente ma trasfigurata in qualcosa di assai meno decifrabile (soprattutto per i tempi); in questa prima fase della sua attivita' la band non produsse alcun reperto discografico, ma molti anni dopo una serie di registrazioni hanno iniziato a vedere la luce e "quei" Destroy All Monsters sono stati considerati dagli stessi Sonic Youth un gruppo seminale ed influentissimo nell' ambito del noise rock degli anni '80 e 90, Nel 1976, l' abbandono di Kelley e Shaw impose la ricerca di nuovi musicisti, risolta prima con l' ingresso del chitarrista Laurence B. (Larry) Miller e del sassofonista Benjamin (Ben) Miller, entrambi provenienti dai seminali Sproton Layer capitanati dal fratello Roger Miller (poi Mission of Burma...), e quindi anche di due glorie del rock locale: Ron Asheton degli Stooges alla chitarra (reduce dalla breve parentesi con i New Order) e Michael Davis degli Mc5 al basso. Naturalmente questi cambiamenti portarono una drastica virata del suono della band verso lidi assai diversi, e non soprende che questi "nuovi" Destroy All Monsters siano stati una delle massime glorie del rock duro del Michigan e non solo, i loro tre singoli in studio autoprodotti tra il 1978 ed il 1979 lo dimostrano inequivocabilmente, cosi' come tutte le registrazioni live ed in studio venute fuori successivamente (iniziando da un 7"ep live del 1979, per poi arrivare alle molte pubblicazioni postume). Immediata la trasformazione del gruppo in una delle punk rock band piu' grandi che abbiano mai calcato le scene, capace di rinnovare la magia del suono detroitiano di fine anni '60 grazie alla rigenerante energia del primo punk rock americano, grezzo e diretto, ma nel loro caso anche personalissimo, tanto per l' inconfondibile impronta della incendiaria chitarra di Asheton, quanto per le le straordinarie performance vocali della bella e sensuale Niagara, cantante dotata di carisma e fascino mozzafiato, sorta di incrocio tra il piu' selvaggio Iggy Pop e la migliore Patti Smith. Chiusa questa splendida parentesi, il gruppo prosegui' fino alla meta' degli anni '80 senza Asheton e Davis, tornando alle sue origini musicali, ma anche dopo lo scioglimento, avvenuto nel 1985, di tanto in tanto rimetteranno insieme il progetto per parentesi piu' o meno estemporanee, di cui questo box contiene qualche preziosa testimonianza. Asheton (r.i.p.)e Niagara si ritroveranno insieme anni dopo nei Dark Carnival, ma da ricordare e' anche la breve avventura del chitarrista con i New Race.
Euro
8,00
codice 3026210
scheda
Destroy all monsters what do i get / nobody knows (rsd 2019)
7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  radiation 
punk new wave
singolo in formato 7", EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE GRIGIO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019; ristampa con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, nella sua versione uscita su Cherry Red in Inghilterra nell' ottobre del 1979 (con copertina, realizzata dalla cantante Niagara, in tinta diversa rispetto alla versione americana su IDBI). L' ultimo di una trilogia straordinaria di singoli realizzati tra il 1978 ed il 1979, dopo "Bored"/"You're Gonna Die" e "November 22nd 1963"/"Meet The Creeper", con altri due brani a dir poco eccellenti: "What Do I Get" e "Nobody Knows", forse meno deflagranti rispetto alla potenza dei brani dei primi due singoli, ma carichi come quelli di tensione ed impregnati fino al midollo di tutto il miglior rock detroitiano. Questa leggendaria band di Ann Arbor, Michigan, fu formata nel 1973 dagli studenti Mike Kelley, Jim Shaw, Niagara (Lynn Rovner) e Cary Loren (giovane filmaker), Un caso decisamente atipico il loro nella storia del rock, poiche' attraverso vari cambiamenti di line up, e rimescolamenti vari nel corso del tempo, il gruppo e' stato nella sua prima fase proteso verso forme di abrasiva sperimentazione noise tra Sun Ra, la psichedelia piu' acida, Captain Beefheart ed i Velvet piu free form, con l' influenza del rock duro di Stooges ed Mc5 certo presente ma trasfigurata in qualcosa di assai meno decifrabile (soprattutto per i tempi); in questa prima fase della sua attivita' la band non produsse alcun reperto discografico, ma molti anni dopo una serie di registrazioni hanno iniziato a vedere la luce e "quei" Destroy All Monsters sono stati considerati dagli stessi Sonic Youth un gruppo seminale ed influentissimo nell' ambito del noise rock degli anni '80 e 90, Nel 1976, l' abbandono di Kelley e Shaw impose la ricerca di nuovi musicisti, risolta prima con l' ingresso del chitarrista Laurence B. (Larry) Miller e del sassofonista Benjamin (Ben) Miller, entrambi provenienti dai seminali Sproton Layer capitanati dal fratello Roger Miller (poi Mission of Burma...), e quindi anche di due glorie del rock locale: Ron Asheton degli Stooges alla chitarra (reduce dalla breve parentesi con i New Order) e Michael Davis degli Mc5 al basso. Naturalmente questi cambiamenti portarono una drastica virata del suono della band verso lidi assai diversi, e non soprende che questi "nuovi" Destroy All Monsters siano stati una delle massime glorie del rock duro del Michigan e non solo, i loro tre singoli in studio autoprodotti tra il 1978 ed il 1979 lo dimostrano inequivocabilmente, cosi' come tutte le registrazioni live ed in studio venute fuori successivamente (iniziando da un 7"ep live del 1979, per poi arrivare alle molte pubblicazioni postume). Immediata la trasformazione del gruppo in una delle punk rock band piu' grandi che abbiano mai calcato le scene, capace di rinnovare la magia del suono detroitiano di fine anni '60 grazie alla rigenerante energia del primo punk rock americano, grezzo e diretto, ma nel loro caso anche personalissimo, tanto per l' inconfondibile impronta della incendiaria chitarra di Asheton, quanto per le le straordinarie performance vocali della bella e sensuale Niagara, cantante dotata di carisma e fascino mozzafiato, sorta di incrocio tra il piu' selvaggio Iggy Pop e la migliore Patti Smith. Chiusa questa splendida parentesi, il gruppo prosegui' fino alla meta' degli anni '80 senza Asheton e Davis, tornando alle sue origini musicali, ma anche dopo lo scioglimento, avvenuto nel 1985, di tanto in tanto rimetteranno insieme il progetto per parentesi piu' o meno estemporanee, di cui questo box contiene qualche preziosa testimonianza. Asheton (r.i.p.)e Niagara si ritroveranno insieme anni dopo nei Dark Carnival, ma da ricordare e' anche la breve avventura del chitarrista con i New Race.
Euro
8,00
codice 2095628
scheda
Dexys midnight runners at the bbc 1982 (rsd 2019)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1982  mercury / universal 
punk new wave
doppio album, EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE VERDE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019, label nera con scritte bianche e scritte nere in riquadri bianchi, catalogo 773 097-5. Pubblicato dalla Mercury, questo doppio album rende finalmente disponibili in vinile le registrazioni del concerto dato dal gruppo per la BBC a Newcastle, il 26 giugno del 1982, originariamente pubblicate nel 1993 solo in cd con il titolo di "BBC Radio One live in concert"; questa edizione vinilica contiene una traccia in più tratta dal concerto, "I'll show you", più quattro brani, posti alla fin della quarta facciata, registrati per la BBC Session del 4 luglio del 1982, poco dopo il concerto. Rimasto a lungo l'unico live ufficiale della band, il concerto va segnalato anche, oltre che per la qualità sonora delle registrazioni e l'energia della performance, intrisa di torrido r'n'b ammodernato ed intrecciato con un post punk spigoloso ma mai cupo, anche perché fu l'ultima performance data con la loro vecchia sezione di ottoni, che conferisce a queste interpretazioni una verve sopra la media insieme all'eccellente prova vocale di Kevin Rowland. Questa la scaletta: "T.S.O.P.", "Burn it down", "Let's make this precious", "Jackie wilson says (I'm in heaven when you smile)", "Come on eileen", "Soon", "Plan B", "Geno", "Respect", "Old", "The celtic soul brothers (more, please, thank you)", "There there my dear", "Show me", "I'll show you", "Let's make this precious", "Jackie wilson says (I'm in heaven when you smile)", "All in all (this one wild last waltz)", "Old". Gruppo inglese del bizzoso ma geniale Kevin Rowland (ex punk con i grandi Killjoys), capace di conquistare le classifiche europee per qualche stagione con un inedito ed irresistibile incontro di 60's pop, folk celtico/irlandese, soul e r'n'b, i Dexys Midnight Runners seppero fare con la tradizione inglese quello che i Violent Femmes fecero con quella americana, e con risultati non inferiori. Formatisi nel 1978 a Birmingham, lasciarono partire la loro sezione fiati nel 1982 dopo aver preso un indirizzo più decisamente vicino al folk rispetto al soul; si sciolsero nel 1986, con Rowland in seguito sporadicamente autore di lavori solisti. Nella formazione dei loro primi lavori, tra gli altri, l' ex Merton parkas e futuro Style Council Mick Talbot.
Euro
33,00
codice 2084695
scheda
Dictators live rochester ny, july, 77 (rsd 2016)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  interference 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA IN 1000 COPIE, IN VINILE COLORATO, NUMERATE A MANO SUL RETRO, REALIZZATA PER IL RECORD STORE DAY DEL 16 APRILE 2016. Copertina lucida, inserto con note; contiene otto brani registrati dal vivo a Rochester, New York, il 7 giugno del 1977 negli studi della stazione radio WCMF-FM, e trasmessi ovviamente anche radiofonicamente. Nell' anno dell' uscita del loro secondo album "Manifest Destiny", la band proto punk di New York City capeggiata dal cantante Handsome "Dick" Manitoba e da Andy Shernoff, propone la seguente scaletta: "Science Gone Too Far", "The Next Big Thing", "Young Fast and Scientifik", "Hey Boys", "Steppin' Out", "Disease", la cover di "Search and Destroy" degli Stooges, "Two Tub Man". Gia' il primo seminale album "Go Girl Crazy" nel 1975 aveva rappresentato tappa fondamentale tra il r'n'r bastardo e stradaiolo dei concittadini New York Dolls, appena disciolti, e tutto il punk rock americano a venire, a cominciare dalla mitica scena del CBGB's e dai Ramones, ma la band possedeva una sua forte personalita', rimanendo riconoscibilissima, tra influenze 60's, un approccio smaccatamente glam ed un suono asciutto ed aggressivo tra hard rock e proto punk, vicino agli Mc5 piu' rock'n'rollistici. La band vede Shernoff (spostatosi dal basso alla tastiera) e Manitoba affiancati dai chitarristi Ross "The Boss" Friedman (vero nome Ross Funicello) e Scott "Top Ten" Kempner, all' epoca del secondo album e di queste registrazioni con una nuova sezione ritmica costituita dal batterista Ritchie Teeter e dal bassista Mark Mendoza. Poco dopo la pubblicazione dell' album Mendoza formo' i Twisted Sisters, raggiungendo un successo commerciale che mai i Dictators hanno sfiorato, neppure con il successivo "Bloodbrothers", dove si riveleranno piu' che mai in forma, ma il cui insuccesso fu da preludio allo scioglimento della band. Tutti rimasero attivissimi musicalmente, ed in particolare Shernoff e Manitoba continuarono spesso a collaborare, soprattutto sotto la sigla Wild Kingdom, consolidando un' amicizia che porto' la band ad una acclamata reunion all' alba del nuovo millennio.
Euro
26,00
codice 2058983
scheda

Page: 4 of 17


Pag.: oggetti: