Hai cercato:  Beatles --- Titoli trovati: : 82
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Beatles Tutti Per Uno (A Hard Day's Night) red-silver label, no Biem logo!
Lp [edizione] originale  mono  ita  1964  parlophon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rarissima stampa italiana, ricercatissima esclusiva versione dell' album "A Hard Day's Night" con copertina esclusiva, e titolo tradotto in italiano, nella primissima tiratura monofonica (la versione stereofonica del disco non venne all' epoca pubblicata), caratterizzata non solo dalla originaria etichetta rossa ed argento, presto cambiata in nera ed argento, ovviamente con logo Parlophon e non Parlophone in alto, ma si tratat di una delle primissime copie che non presentano ancora il marchio Biem riquadrato a sinistra, come sara' in altre due tirature effettuate ancora con etichetta rossa ed argento; copertina laminata fronte e retro, flipback sul retro, catalogo PMCQ31504 su copertrina ed etichetta, data sul trail off dei due lati "28-7-64". Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
400,00
codice 242401
scheda
Beatles White album (2018 mix)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  apple / universal 
rock 60-70
Ristampa del 2018, caratterizzata da un nuovo missaggio stereofonico curato da Giles Martin (figlio del produttore dei Beatles George Martin), doppio album in vinile 180 grammi, con copertina apribile con scritta ''The Beatles'' in rilievo sul fronte, senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura, e corredata come quella del poster gigante apribile e delle quattro foto dei musicisti. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1968 dopo ''Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band'' e prima di ''Yellow Submarine'', giunto al numero 1 delle classifiche UK e di quelle USA. Il nono album dei Beatles, il primo doppio in studio della musica rock inglese (in USA era uscito "Blonde On Blonde" di Dylan gia' nel luglio 1966), musicalmente completamente poliedrico e diversissimo dal precedente, durissimo ed agrodolce con gli arrangiamenti e la produzione ridotti all'osso e completamente anticommerciale, qui i Beatles danno immediatamente il metro di quanto e' cambiato dal 1967 al 1968, si inizia dalla copertina che sostituisce i colori psychedelici del precedente ''Magical Mistery Tour'' con una totale assenza di colore, che fa risaltare ancora meglio la seconda assenza, quella del titolo, mancano anche i titoli dei brani in copertina che presenta solo una piccola scritta, ''The Beatles'' anch'essa senza colori, bianco su bianco in rilievo, in basso a destra. Essenzialita', dopo gli eccessi del passato, giunge il clima caratteristico ed irripetibile del 1968, l'anno di ''Beggar's Banquet'' ed ''Electric Ladyland'', il momento in cui arriva pesantemente l'eroina che sostituisce l' lsd, e quello del ripiegamento in se stessi, della riscoperta delle radici country in USA e folk in Inghilterra, delle rivolte di piazza, della politicizzazione, dell'abbandono delle citta' da parte degli hippies che vanno a vivere lontano esiliati nelle tante comuni che nasceranno proprio in questo periodo in USA ed Europa, l'accettazione da parte del mondo ''alternative'' che la rivoluzione pacifica dell' amore e' miseramente fallita tra le overdose e i guru alla moda, il White Album rispecchia tutto questo, oltre alla morte di Brian Epstain, che costringera' il gruppo ad occuparsi, per la prima volta, del lato ''economico'' dell' impero Beatles, con la creazione del sogno Apple, le produzioni improbabili, ed infine le tensioni che sposteranno l'attenzione dei 4 membri dal lato ''artistico puro'' a quello monetario con il successivo scioglimento. Il disco fu composto perlopiu' in India, a Rishikesh, dove i Beatles si recano a meditare nella primavera del 1968 al seguito del Maharishi Mahesh Yogi, con loro Mia Farrow, Donovan, alcuni dei Beach Boys, questo clima personale, sociale e politico di cambiamento e' riflesso e raccontato nel ''White Album'', opera suprema e magistrale, considerato oramai dalla maggior parte della critica come il disco piu' importante e riuscito del gruppo. In questo album ognuno lavora come session man agli ordini degli altri, non ci sono composizioni ''comuni'' ma per la prima volta ognuno dei Beatles rivela totalmente la sua personalita', John Lennon riemerge dagli anni del ritiro londinese familiare con Cynthia e apre il suo periodo politico con polemiche contro tutto e tutti ed atteggiamenti provocatori (il 29 novembre pubblichera' ''Two Virgins'' in cui lui e Yoko appaiono nudi frontali in copertina), da lui arrivano brani quali Glass Onion, Dear Prudence, Bungalow Bill, Yer Blues, Sexy Sadie, Happiness is a warm gun, Revolution, Julia, I'm so tired, Paul McCartney e' assolutamente eclettico, compone solo per citarne alcuni Back in the USSR, I Will, Martha My Dear, Blackbird, Rocky Raccoon, ma anche Helter Skelter e Why don't we do it in the road sono di Paul, e non di John, mentre ''Good Night'' e' di John e non di Paul. Anche George Harrison contribuisce con quattro magnifici brani, Piggies, While my guitar gently weeps con il magistrale assolo di Eric Clapton, Savoy Truffle, Long Long Long, Ringo presenta una sua composizione, Don't pass me by e canta la chiusura ''Goodnight''. Uno dei monumenti della storia della musica, un album perfetto e profetico che ha necessitato oltre 30 anni per essere compreso a fondo e che ancora oggi riserva sorprese anche a chi lo ha ascoltato decine ma anche centinaia di volte. Non ci sono brani inutili o minori in questo lp, come si e' invece supposto dall'epoca della sua uscita in poi, in cui si diceva che sarebbe stato meglio trarne un singolo album anziche' un doppio, per fortuna oggi tale giudizio e' stato ampiamente ribaltato sia dal tempo che dalla storia. Uno dei 5 dischi di tutti i tempi, che riesce nell'incredibile compito di superare come genialita' ed innovazione il precedente ''Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band''.
Euro
60,00
codice 2128291
scheda
Beatles White power - 1969 outtakes
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  eli / private 
rock 60-70
Edizione in vinile bianco, copertina ruvida con retro capovolto e senza codice a barre, label bianca con mela verde su di una facciata e mela tagliata sull'altra, catalogo WP5177. Pubblicazione private press del 2015, questo album contiene brani registrati durante le sessioni dell'album ''Let it be'' a Twickenham ed agli studi della Apple nel gennaio del 1969; fra di esse troviamo versioni alternative di brani editi, qui ancora in fase di sviluppo. Eccellente la qualita' sonora. Qui di seguito la scaletta. Twickenham sessions: ''Negro in reserve'' (3/1/69 day 2 of reharsals), ''Get back'' (early version, different lyrics, 7/1/69), ''Get back'' (pakistanies / puerto-ricans version, 9/1/69), ''Commonwealth / Enoch powell'' (refering to Enoch Powell's ''rivers of blood'' speech, 9/1/69), ''Get off / White power'' (9/1/69), ''Get back'' (Lennon vocals, 14/1/69); Apple Studio sessions: ''I've got a feeling / I had a dream this afternoon'' (referring to Martin Luther King's assassination, 22/1/69), ''I've got a feeling'' (22/1/69), ''Do not forsak me, oh my darling'' (26/1/69), ''Get back (geh raus)'' (german / french version, 26/1/69), ''Clair obscur toundra''.
Euro
18,00
codice 3028656
scheda
Beatles with the beatles
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1963  emi / parlophone 
rock 60-70
ristampa del 2012 rimasterizzata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Parlophone. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1963 dopo ''Please, Please Me'' e prima di ''A hard Day' s Night'' giunto al numero 1 delle classifiche Uk e non pubblicato negli U.S.A. (dove usci' con il titolo ''Meet The Beatles'' nel gennaio del 1964 e giunse al numero 1 delle classifiche). Considerato dalla critica come ''un punto fermo della musica moderna'', l'unico album dei primi '60 che mantiene inalterata la freschezza e il respiro musicale che apparvero evidenti al momentoi della pubblicazione e naturalmente uno dei migliori albums dei Beatles in assoluto''. Prodotto da George Martin, contiene 14 brani, di cui sei sono revisitazioni di standards del rock'n'roll e otto originali, tra questi il primo brano composto da George Harrison, ''don't bother me'', ''all my loving'' e il brano scritto per i Rolling Stones ''I wanna be your man''. Il disco e' un classico del ''beat'' dei primi anni '60, la EMI aveva deciso di investire sul gruppo e gli concesse mezzi e tempi di registrazione assi piu' lunghi rispetto a quelli minimi del primo album, a cominciare dalla copertina, che e' molto distante dallo stile ancora in voga, si dimostra come un opera piu' ''di studio'', registrato con molta maggiore cura del primo e' anche il disco in cui si iniziano a intravedere, nei suoni e negli arrangiamenti, le straordinarie qualita' evolutive che porteranno il gruppo ad incarnare mirabilmente lo spirito del decennio, l'album si chiude con uno dei brani piu' incisi della storia del rock, ''Money'', di Barrett-Strong, che lo stesso Lennon avrebbe reinterpretato con la Plastic Ono Band nell'album dal vivo a Toronto.
Euro
36,00
codice 2128345
scheda
Beatles with the beatles (loud cut mix)
Lp [edizione] originale  mono  uk  1963  parlophone 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Very good rock 60-70
prima molto rara stampa inglese in mono, copia con moderati segni di invecchiamento sulla copertina e ancor piu' moderati sul vinile, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati pressata in questo caso da "Garrod & Lofthouse" e non da "E.J.Day" (le due versioni sono contemporanee), con "Mono" grande (oltre due pollici) sul fronte in alto a destra, versione con la primissima copertina con indicazione (errata) "You Really Gotta Hold On Me" sul retro, ed etichetta black/yellow senza 'Sold in uk...', con "The Parlophone co..." e "recording first published...", etichetta nella versione definitiva con "You Really Got a Hold On Me", "Dominion/Belinda" credits sull' etichetta per il brano "Money", e nella versione con "I Wanna Be Your Man" su due righe; disco nella primissima molto rara e ricercata versione con trail-off matrix "1N" su entrambi i lati, con un mix diverso dell' album rispetto alle successive copie mono, maggiormente potente e con i bassi in maggiore evidenza, poi invece attenuati. Tax code "K T" visibile in rilievo sull' etichetta del lato 2. La copia e' corredata di inner sleeve bianca con varie scritte tra cui "Use Emitex" (usata dalla Parlophone tra il '62 ed il '66). Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1963 dopo ''Please, Please Me'' e prima di ''A hard Day' s Night'' giunto al numero 1 delle classifiche Uk e non pubblicato negli U.S.A. (dove usci' con il titolo ''Meet The Beatles'' nel gennaio del 1964 e giunse al numero 1 delle classifiche). Considerato dalla critica come ''un punto fermo della musica moderna'', l'unico album dei primi '60 che mantiene inalterata la freschezza e il respiro musicale che apparvero evidenti al momentoi della pubblicazione e naturalmente uno dei migliori albums dei Beatles in assoluto''. Prodotto da George Martin, contiene 14 brani, di cui sei sono revisitazioni di standards del rock'n'roll e otto originali, tra questi il primo brano composto da George Harrison, ''don't bother me'', ''all my loving'' e il brano scritto per i Rolling Stones ''I wanna be your man''. Il disco e' un classico del ''beat'' dei primi anni '60, la EMI aveva deciso di investire sul gruppo e gli concesse mezzi e tempi di registrazione assi piu' lunghi rispetto a quelli minimi del primo album, a cominciare dalla copertina, che e' molto distante dallo stile ancora in voga, si dimostra come un opera piu' ''di studio'', registrato con molta maggiore cura del primo e' anche il disco in cui si iniziano a intravedere, nei suoni e negli arrangiamenti, le straordinarie qualita' evolutive che porteranno il gruppo ad incarnare mirabilmente lo spirito del decennio, l'album si chiude con uno dei brani piu' incisi della storia del rock, ''Money'', di Barrett-Strong, che lo stesso Lennon avrebbe reinterpretato con la Plastic Ono Band nell'album dal vivo a Toronto.
Euro
250,00
codice 261528
scheda
Beatles yellow submarine
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  emi / apple 
rock 60-70
ristampa del 2012 rimasterizzata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Apple, e corredata di esclusiva inner sleeve con disegni e note. Pubblicato in Inghilterra nel gennaio 1969 dopo il ''White album'' e prima di ''Abbey road'', giunse al numero 4 dele clasifiche inglesi ed al numero 2 di quelle Usa. Il decimo album. Fu colonna sonora del cartoon stato dell'arte della ''pop art'' inglese, contiene, tra gli altri brani, ''all you need is love'', ''yellow submarine'' e la splendida ''it's all too much'' di harrison, il disco e' costruito su due facciate separate, la prima vede sei brani dei beatles, di cui quattro, ''all together now'', ''it's all too much'', ''hey bulldog'', ''only a northern song'', completamente inediti, uno, ''all you need is love'' inedito su album, e solo l'ultimo ''yellow submarine '' non e' inedito ma tratto da ''revolver'', il lato b vede invece la parte della colonna sonora ''strumentale'' con brani che sono suonati da un orchestra diretta da george martin, composti da lui stesso con l'aiuto di lennon e mc cartney, il disco e', naturalmente, una delle piu' celebri opere degli interi anni ''60 ed ha decisamente assunto, caso unico nella storia della musica rock, vita propria. la sua importanza in termini iconografici e storici, ( che trascende completamente i brani in se, chi al mondo non conosce il sottomarino giallo ??) e' anche superiore a quella degli altri lavori del gruppo.
Euro
34,00
codice 2109095
scheda
Beatles yellow submarine - songtrack
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  apple / emi 
rock 60-70
ristampa con copertina apribile, pressoche' identica alla prima tiratura, con barcode 7 24352 14811 0. Pubblicato nel 1999 dalla Apple, questo album e' la nuova versione della colonna sonora del mitico film d'animazione che vedeva protagonisti i Beatles. Lo "Yellow submarine" originario, pubblicato nel 1969, comprendeva una facciata con sei brani dei Beatles inseriti nella colonna sonora del film, quattro dei quali inediti fino ad allora, ed una facciata orchestrale composta da George Martin con l'aiuto di Lennon e McCartney. Questa edizione del 1999 include invece tutti i brani dei Beatles presenti nel film, vale a dire i sei di cui sopra piu' altri nove, ed esclude le composizioni di George Martin. Questa la scaletta dei brani, in cui segnaliamo i quattro brani inediti all'epoca della pubblicazione della versione originaria della colonna sonora: "Yellow submarine", "Hey bulldog" (inedita), "Eleanor Rigby", "Love you to", "All together now" (inedita), "Lucy in the sky with diamonds", "Think for yourself", "Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band", "With a little help from my friends", "Baby you're a rich man", "Only a northern song" (inedita), "All you need is love", "When I'm sixty four", "Nowhere man", "It's all too much" (inedita).
Euro
37,00
codice 2125209
scheda

Page: 4 of 4


Pag.: oggetti:
Indice autori contenenti "Beatles":
beatles - 

altri autori contnenti le parole cercate: