Hai cercato:  dall'anno 60 all'anno 69 --- Titoli trovati: : 3331
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Aa.vv. (jazz) Atlantic jazz: fusion
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1969  Atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa europea di pressaggio tedesco, copertina lucida fronte retro con barcode, label argento e nera con scritte nere e logo Atlantic argentato in alto, logo GEMA/BIEM in riquadro a sinistra del foro centrale, catalogo 781711-1. Pubblicato nel 1986 dalla Atlantic negli USA ed in Europa, edito anche all'interno del cofanetto ''Atlantic jazz'' dello stesso anno, questo album è un manifesto della musica jazz fusion prodotta dalla label dei fratelli Ertegun negli anni '70, compilando sei brani editi, tratti da album pubblicati dall'etichetta, di autori di altissimo livello come Miroslav Vitous, Les McCann, Billy Cobham, Larry Coryell, i tedeschi Passport di Klus Doldinger e Jean-Luc Ponty. La Atlantic, nei suoi anni migliori, è stata una casa discografica attenta non solo alle migliori novità del rock e del soul, ma anche della musica jazz: questa propensione è celebrata negli anni '80 con le antologie della serie ''Atlantic jazz'', ciascuna delle quali compila brani editi afferenti ad un determinato filone della musica improvvisata di origine afroamericana. Questo volume è dedicato alla fusion, il movimento che ebbe la sua genesi alla fine degli anni '60 e la sua massima fioritura nei '70, incontro di musica acustica ed elettrica (e perfino elettronica, grazie ai synth), di jazz di matrice bop e soul e di sonorità funk e rock, con risultati spesso originalissimi e di alto valore artistico, prima che la commercializzazione del movimento prendesse il sopravvento. Questa la scaletta: Miroslav Vitous, ''Freedom jazz dance'' (da ''Infinite search'', 1970); Les McCann, ''Beaux J. Pooboo" (da ''Invitation to openness'', 1972); Billy Cobham, ''Quadrant 4" (da ''Spectrum'', 1973); Larry Coryell, ''Beneath the earth'' (da ''Back together again'', 1977); Passport, ''Homunculus'' (da ''Cross-collateral'', 1975); Jean-Luc Ponty, ''Egocentric molecules'' (da ''Cosmic messenger'', 1978).
Euro
15,00
codice 330841
scheda
Aa.vv. (jazz) Atlantic jazz: introspection
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1967  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa europea di pressaggio tedesco, copertina lucida fronte retro con barcode, label argento e nera con scritte nere e logo Atlantic argentato in alto, logo GEMA/BIEM in riquadro a sinistra del foro centrale, catalogo 781710-1. Pubblicato nel 1986 dalla Atlantic negli USA ed in Europa, edito anche all'interno del cofanetto ''Atlantic jazz'' dello stesso anno, questo album è un'antologia delle opere jazz più aperte ad eleganti e raffinate ''contaminazioni'' con la musica latinoamericana e quella europea, prodotte dalla label dei fratelli Ertegun fra gli anni '60 ed i '70, compilando sette brani editi, tratti da album pubblicati dall'etichetta, di autori di altissimo livello come Chick Corea, Joe Zawinul, Gary Burton e Keith Jarrett. La Atlantic, nei suoi anni migliori, è stata una casa discografica attenta non solo alle migliori novità del rock e del soul, ma anche della musica jazz: questa propensione è celebrata negli anni '80 con le antologie della serie ''Atlantic jazz'', ciascuna delle quali compila brani editi afferenti ad un determinato filone della musica improvvisata di origine afroamericana. Questo volume è dedicato alle produzioni di raffinatissimi autori di una nuova generazione jazzistica emersa fra gli anni '60 e '70, aperti a brillanti fusioni stilistiche, ma non strettamente nel contesto della fusion elettrica, bensì in quello di un incontro con il ricco patrimonio latinoamericano come con quello complesso ed intellettuale della musica europea contemporanea. Questa la scaletta: Hubert Laws, ''Yoruba'' (da ''Wild flower'', 1972); Chick Corea, ''Tones for joan's bones'' (da ''Tones for joan's bones'', 1968); Charles Lloyd, ''Forest flower – sunrise'' (da ''Forest flower'', 1967); Joe Zawinul, ''In a silent way'' (da ''Zawinul'', 1971); Keith Jarrett, ''Standing outside'' (da ''The mourning of a star'', 1971); Gary Burton, ''Chega de saudade (no more blues)'' (da ''Alone at last'', 1971); Gary Burton / Keith Jarrett, ''Fortune smiles'' (da ''Gary Burton & Keith Jarrett'', 1971).
Euro
14,00
codice 331001
scheda
Aa.vv. (jazz) Definitive jazz scene vol. 2
Lp [edizione] originale  mono  usa  1964  impulse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
prima stampa USA in mono, copertina cartonata apribile, laminata all'esterno (con nastro adesivo trasparente lungo il bordo superiore del pannello posteriore e microforo promozionale in basso a sinistra), etichetta "orange black rim", arancio con fascia esterna nera, nella prima versione con “A PRODUCT OF ABC-PARAMOUNT RECORDS, INC.” in basso, catalogo A-100. Pubblicato nel 1964 dalla Impulse negli USA, il secondo di tre volumi di una serie di raccolte che compilano brani rari ed inediti (in questo secondo volume erano tutti precedentemente inediti) di alcuni giganti del jazz americano; si tratta di una raccolta stilisticamente molto eterogenea, ma indubbiamente popolata da nomi di altissimo livello, con brani che in alcuni casi non sono meno che splendidi. In questo primo volume troviamo i seguenti brani: Ray Charles, ''Without a song'' (inciso il 10/7/63 da da Ray Charles con un'orchestra arrangiata da Marty Paich e con i Jack Halloran Singers); Shirley Scott, ''The blues ain't nothin' but some pain'' (inciso il 14/5/64 da Shirley Scott, Bob Cranshaw ed Otis Finch); Lionel Hampton, ''Moon over my annie'' (inciso il 28/10/64 da Lionel Hampton, Clark Terry, Ben Webster, Hank Jones, Milt Hinton ed Osie Johnson); Oliver Nelson, ''Night lights'' (inciso il 11/11/64 da Oliver Nelson, arrangiatore, Thad Jones, Phil Woods, Phil Bodner, Pepper Adams, Roger Kelleway, Richard Davis e Grady Tate); J.J. Johnson, ''Gloria'' (inciso il 1/5/64 da J.J. Johnson, Harold Mabern, Arthur Harper Jr. e Frank Gant); John Coltrane, ''Dear old stockholm'' (inciso il 29/4/63 da John Coltrane, McCoy Tyner, Jimm Garrison ed Elvin Jones); McCoy Tyner, ''You'd be so nice to come home to'' (inciso il 4/6/63 da McCoy Tyner, Jimmy Garrison ed Albert Heath); Manny Albam, ''Blues company'' (inciso il 12/1/62 da Manny Albam, arrangiatore, Al De Risi, Bernie Glow, Nick Travis, Johnny Coles, Urbie Green, Bill Elton, Al Raph, Willie Dennis, Phil Woods, Oliver Nelson, Jim Hall, George Duvivier e Gus Johnson Jr.); Tommy Flanagan, ''Anything I do'' (inciso il 7/8/64 da Tommy Flanagan, Richard Davis e Connie Kay).
Euro
30,00
codice 331636
scheda
Aa.vv. (jazz) Intercollegiate music festival vol. 1
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1967  impulse 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
prima stampa americana, copertina cartonata apribile, laminata all'esterno e liscia all'interno, label arancio al centro e nera lungo il bordo, con quattro loghi Impulse lungo il bordo e "A Product of Abc Records Inc" in basso, catalogo A-9145 sulla copertina, AS-9145 (seguito dalla lettera che indica il lato) sull' etichetta. Pubblicato nel 1967 dalla Impulse!, questo album contiene registrazioni dal vivo effettuate al primo Intercollegiate Music Festival, tenutosi a Miami fra il 4 ed il 6 maggio del 1967: fu il momento culminante di un concorso musicale al quale avevano partecipato centinaia di gruppi jazz formati da giovani studenti universitari americani. Questo album, prodotto da Bob Thiele, contiene brani registrati da tre degli ensemble che arrivarono a partecipare a questa fase finale dell'evento: sulla prima facciata troviamo la Ohio State University Jazz Workshop Band (poi autrice di un album autoprodotto), un'orchestra che continuava a portare alta la bandiera del jazz per big band, ispirata da maestri come Duke Ellington, e qui con i brani ''Machu picchu'', ''You turn me on sump'n fierce!'', ''Forever lost in my mind's eye'' e ''And se we swang''; sulla seconda facciata suonano prima il San Francisco State College Quintet, formazione di piu' piccole dimensioni dedita a bop e post bop, con due composizioni scritte da membri del quintetto, ''Kharisma for keiko'', dove viene impiegao anche un flauto pakistano oltre a strumenti piu' tradizionalmente jazz, e ''New jass'', ed infine il cantante Joe De Vito, dal Rider College di Trenton, accompagnato da un quartetto di strumentisti, che offre una performance di jazz vocale con ''A joyful noise'' e ''Thou swell''.
Euro
28,00
codice 328251
scheda
Aa.vv. (jazz) Jazzactuel part 2
LP3 [edizione] originale  stereo  ita  1969  get back 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Triplo album in vinile pesante, prima stampa vinilica, pressata solo in Italia, contenuto musicale inciso su cinque facciate e con la sesta scolpita ("etched"), copertina apribile in tre, lucida all'esterno ed all'interno, senza barcode, catalogo GET300. Pubblicata nel 2001 dalla Charly in cd e dalla italiana Get Back in vinile, questa è la seconda parte della monumentale antologia dedicata alla collana Jazzactuel della Byg Records: in questa edizione vinilica, l'album fu pubblicato sotto forma di due tripli album separati ma originariamente venduti assieme in un unico pacchetto. Compilata da Thurston Moore (Sonic Youth) e Byron Coley (poeta e critico musicale), entrambi appassionati conoscitori del catalogo Jazzactuel, questa antologia è un manifesto "postumo" di una delle serie di pubblicazioni più avventurose del jazz sperimentale ed in particolare del free, ma aperte anche alla musica elettronica ed allo art rock (vedi la presenza dei Gong), uscite fra il 1969 ed il 1971 sulla label francese Byg. Tratti dagli album usciti durante quegli anni, questi brani documentano un progetto radicale ed anticommerciale, selvaggiamente creativo ed anticonformista, che vide coinvolti artisti del calibro di Don Cherry, Anthony Braxton Dewey Redman, Jimmy Lyons, Alan Silva ed i Musica Elettronica Viva. I brani qui raccolti sono ascolti impegnativi, a volte ermetici ed ostici, che però costituiscono una tappa pressoché irrinunciabile per chi desidera esplorare i meandri del jazz sperimentale di quei fertili anni. Questa la scaletta: Frank Wright, "One for john / China, part 2" (da "One for john", 1969); Dewey Redman, "Tarik" (da "Tarik", 1969); Acting Trio, "Cello discordato no. 9" (da "Acting trio", 1969); Don Cherry, "Teo-teo-can (excerpt)" (da Mu second part", 1969); Anthony Braxton, "B-Xo NO147a (excerpt)" (da Anthony Braxton", 1969); Jimmy Lyons, "Premonitions" (da "Other afternoons", 1969); Claude Delcloo / Arthur Jones, "Africanasia, part 1 (excerpt)" (da "Africanasia", 1969); Gong, "Squeezing sponges over policemen's heads / Foghat digs holes in space" (da "Camembert electrique", 1971); Musica Elettronica Viva, "The sound pool, part 1A" (da The sound pool", 1969); Kenneth Terroade, "Blessing" (da "Love rejoice", 1969); Alan Silva and the Celestial Communications Orchestra, "The seasons, part 6" (da "The seasons", 1970).
Euro
30,00
codice 332981
scheda
Aa.vv. (jazz) Talkin' jazz volume 2: more themes from the black forest
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1966  talkin' loud 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa vinilica, copertina con barcode 731452352910, label nera con scritte in marrone chiaro, grande logo Talkin' Loud su di una facciata, logo BIEM/STEMRA sull'altra, catalogo 523 529-1. Pubblicato nel 1994 dalla Talkin' Loud, il secondo volume della serie di compilations "Talkin' jazz", dopo il primo uscito nel 1993 e prima del terzo uscito nel 1997; questa serie di antologie fu curata dal DJ e discografico inglese Gilles Peterson, coinvolto fra le altre cose nella scena acid jazz e co-fondatore della celebre label omonima, la Acid Jazz. "Talkin' jazz" fornisce un affresco della scena jazz e soul jazz attiva in Germania fra gli anni '60 e '70 (da qui il riferimento alla Foresta Nera nel titolo), compilando piacevoli ed in molti casi interessantissimi episodi in cui si fondono jazz elettrico ed acustico, easy listening, soul / r'n'b e funk strumentali, canzone pop ed influssi esotici ed orientaleggianti (come l'impiego del sitar in alcuni brani, fra tutti l'ammaliante "Mathar" del Dave Pike Set che apre la scaletta). La maggior parte degli artisti rappresentati in questa compilation sono tedeschi, nomi di livello assoluto quali Wolfgang Dauner e Karin Krog, ma non mancano anche strumentisti anglosassoni come Dave Pike (vibrafonista americano che visse e lavorò in Europa continentale fra gli anni '60 e '70) e Dee Dee McNeill (cantante ed autrice di Detroit già coinvolta con la Motown). Questa la scaletta: Dave Pike Set, "Mathar" (dall'album "Noisy silence", 1969); Wolfgang Dauner, "Take off your shoes to feel the setting sun" (dall'album "The oimels", 1969); Johnny Teupen, "Love me" (dall'album "Harpedelic", 1970); Karin Krog, "Maiden voyage" (dall'album "Here and now", 1969); Catch Up!, "Onkel joe" (dall'album "Catch up!", 1975); Dee Dee Barry (McNeill) and the Movements, "Get out of my life woman" (dall'album "Soul hour", 1968); Dave Pike Set, "Big schlepp" (dall'album "Album", 1971); Knut Kiesewetter Train, "Roll on the left side" (dall'album "Stop! Watch and listen", 1970); Dieter Reith Trio, "Wives and lovers" (dall'album "A happy afternoon", 1967); Karel Velebny, "Nude" (dall'album "Nonet SHQ and woodwinds", 1968).
Euro
26,00
codice 332354
scheda
Aa.vv. (jazz) The young lions - Lions of jazz
lp2 [edizione] ristampa  stereo  usa  1960  trip 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
ristampa americana dei primi anni '70, copertina cartonata con foratura promozionale in basso a destra, etichetta nera con logo argento; riedizione in doppio vinile su Trip dell'album originariamente pubblicato su Vee-Jay, inciso a New York in due sessioni, il 25 ed il 30 aprile del 1960: la prima con formazione composta da Lee Morgan (tromba), Frank Strozier (sax alto), Wayne Shorter (sax tenore), Bobby Timmons (pianoforte), Bob Cranshaw (contrabbasso), Albert Heath e Louis Hayes (batteria); la seconda con Nat Adderley (tromba), Yusef Lateef (sax tenore), Barry Harris (pianoforte), Sam Jones (contrabbasso) e Louis Hayes (batteria). Un apprezzato lavoro frutto di una collaborazione estemporanea fra alcuni ''giovani leoni'' del jazz dell'epoca, questo lp vede i musicisti impegnati in composizioni che toccano varie sfumature del bop, del quale alcuni critici apprezzano in particolare l'approccio ''democratico'', grazie al quale tutti i componenti fanno sentire bene la propria voce; una sorta di piccolo manifesto del messaggio portato da influenti musicisti come Lee Morgan, Wayne Shorter (compositore di gran parte dei brani sul primo vinile) e Yusef Lateef. La varieta' delle composizioni fa oscillare il disco tra infuocati tour de force e lente e rilassate ballate. Questa la scaletta dei brani: ''Seeds of sin'', ''Scourn'', ''Fat lady'', ''Peaches & cream'', ''That's right'', ''Hazing'', ''Rip de boom'', ''Teef'', ''I need you'', ''Back yard'', ''Sassy Ann''.
Euro
22,00
codice 210664
scheda
Aa.vv. (jazz) You've got to hear it to believe it
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  solid state 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Copia con adesivo dorato della distribuzione Carosello apposto a sigillo sul lato di apertura della copertina (ovviamente aperto), prima rara stampa italiana, copertina apribile laminata all'esterno e liscia all'interno, label gialla con parte nera in alto, scritte nere e logo Solid State bianco, rosso, giallo e nero in alto, catalogo UA PROM 1, con logo BIEM e senza marchio ne' timbro Siae (subentrera' nel 1970). Pubblicato nel 1968 dalla Solid State, questo album e' una raccolta che compila dieci brani tratti da album jazz usciti per la stessa etichetta; troviamo ben quattro brani di Jimmy McGriff, importante organista ''Hammond'' allievo del grande Jimmy Smith, il grande pianista Bill Evans, collaboratore di Miles Davis nel capolavoro ''Kind of blue'', la premiata coppia Thad Jones/Mel Lewis con la loro orchestra, e l'arrangiatore e direttore d'orchestra Nelson Riddle, a lungo collaboratore di Frank Sinatra. Questa la scaletta: Jimmy McGriff, ''Cherry point'' (da ''The big band'', 1966); Jimmy McGriff, ''See see rider'' (da ''A bag full of soul'', 1966); Thad Jones/Mel Lewis, ''Willow weep for me'' (da ''Presenting thad jones-mel lewis & the jazz orchestra'', 1966); Jimmy McGriff, ''Watermelon man'' (da ''Cherry'', 1966); Joe Williams/Thad Jones/Mel Lewis, ''Woman's got soul'' (da ''Presenting Joe Williams & Thad Jones/Mel Lewis – The jazz orchestra'', 1966); Nelson Riddle, ''Strangers in the night'' (da ''Music for wives & lovers'', 1968); Joe Williams, ''Imagination'' (da ''Something old, new & blue'', 1967); Thad Jones/Mel Lewis, ''Little pixie II'' (da ''At the village vanguard'', 1968); Jimmy McGriff, ''Finishin''' (da ''A bag full of blues'', 1967); Bill Evans/Jim Hall, ''My funny valentine'' (da ''Undercurrent'', 1968).
Euro
20,00
codice 322018
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1962  elektra 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa americana, copertina cartonata, laminata sul fronte, con la splendida e storica etichetta oro con dentatura e chitarrista in alto, catalogo SMP-6. Pubblicata nel 1962 dalla Elektra negli USA, la bellissima raccolta manifesto del vivacissimo movimento folk nordamericano dei primi anni '60, contenente brani (tre dei quali all'epoca inediti) di artisti destinati ad una carriera di grande spessore come Judy Collins e Ramblin' Jack Elliott, ma anche un grande chitarrista folk blues afroamericano come Josh White, o personaggi da ricordare e da rivalutare come Ed McCurdy, un cantante folk molto produttivo ed assai importante per il movimento nella seconda meta' degli anni '50, poi oscurato dall'emergere di una nuova generazione di cantautori come Bob Dylan, Cynthia Gooding, anch'essa autrice di molti lavori nel corso degli anni '50, e fonte di ispirazione per una giovane Judy Collins, Sandy Paton, non solo un musicista ma anche un discografico ed un ricercatore dedito alla rivitalizzazione della musica folk statunitense, in particolare quella della costa orientale del paese, e Bob Gibson, un altro pioniere e leader della rinascita del folk americano dagli anni '50 in poi, i cui brani sono stati coverizzati da artisti piu' giovani come Simon & Garfunkel, Byrds e Peter, Paul & Mary. Insomma ''The folk scene'' e' un'interessante introduzione agli angoli un po' piu' nascosti del vastissimo panorama del folk revival nordamericano della seconda meta' del '900. Questa la scaletta (Alcuni brani sono in mono, altri in stereo): The Travelers 3, ''Bowling green'' (da ''The travelers 3'', 1962); Josh White ''Red sun'' (da ''Josh White: spirituals and blues'', 1960); Ed McCurdy, ''Gypsy laddie'' (da ''A treasure chest of american folk song'', 1961); Judy Collins, ''Pretty saro'' (da ''A maid of constant sorrow'', 1961); (Ramblin') Jack Elliott, ''Talking dust bowl'' (inedito); E. Weissberg & M. Brickman, ''Flop-eared mule'' (da ''Folk banjo styles'', 1962); Casey Anderson, ''Grizzly bear'' (da ''Goin' places'', 1960); Bob Grossman, ''Bonnie highland laddie'' (da ''Bob grossman'', 1962); The Limeliters, ''Greenland fisheries'' (inedito); Theodore Bikel, ''One sunday morning'' (da ''From bondage to freedom'', 1960); Cynthia Gooding, ''Lowlands of holland'' (da ''Early english folksongs'', 1953); Bob Gibson, ''Gilgarry mountain'' (da ''Yes I see'', 1960); Sandy Paton, ''Daily growing'' (da ''The many sides of sandy paton'', 1958); Oscar Brand, ''Squid jiggin' sound'' (inedito).
Euro
30,00
codice 329646
scheda
Aa.vv. (latin american psych) love, peace and poetry - latin american psychedelic music
Lp [edizione] nuovo  stereo  ger  1965  normal 
rock 60-70
copertina lucida apribile, etichetta custom; si tratta della bella compilation che raccoglie ultrarari brani di oscuri gruppi psichedelici dai piu' remoti angoli del mondo; questo volume, uscito nel 1997 ed intitolato ''Love , Peace and Poetry - Latin American Psychedelic Music'' raccoglie brani dal 1968 al 1971, con all 'interno della copertina apribile note e riproduzioni delle covers originali. Ecco la lista del materiale contenuto: Almendra -Trema de pototo (Argentina 1968), Laghonia - Someday (Peru' 1971), Traffic Sound I'm So Glad (Peru' 1968), Kaleidoscope - Colours (Mexico 1969), We All Together - Tomorrow (Peru' 1972), Los Gatos - Cuando Llegue El Ano 2000 (Argentina 1968), Kissing Spell - Yellow Moon (Chile 1970), Traffic Sound - Virgin (Peru' 1970), Almendra - Obertura (Argentina 1970), Laghonia - Trouble Child (Peru' 1971), Los Mac's El Evangelio De La Gente Sola (Peru' 1971), Los Vidrios Quebrados - Oscar Wilde (Chile 1967), Som Imaginario - Super-God (Brazil 1970), Ladies W.C. - People (Venezuela 1970), Modulo 1000 Lem - Ed Ecalg (Brazil 1971), Los Mac's - Degrees (Chile 1967), The St. Thomas Pepper Smelter - Betty Boom (Peru' 1969).
Euro
23,00
codice 3014596
scheda
Aa.vv. (lindley, mcguinn...) Banjo greats vol. 1
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  ita  1964  joker 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora avvolta nel cellophane (aperto), seconda stampa di inizio anni '70, copertina con sagomatura sul lato di apertura sul retro, label nera con parte argento vicino al bordo, scritte argento al centro e nere lungo il bordo, logo Joker nero in alto, catalogo SM3010, data sul trail off 20/7/66, logo SIAE stampato sull' etichetta a destra, e, quasi invisibile per via del colore dell'etichetta, timbro Siae del primo tipo, in uso tra il '70 ed il '75, con diametro di circa 13/13,5 mm., piu' piccolo dei successivi. Pubblicata dalla Joker negli anni '60 in Italia, questa raccolta e' una versione leggermente modificata della storica "The Banjo Story, Volume 1" uscita in America su Horizon tra il 1963 ed il 1964, con gli stessi musicisti rappresentati ma tre brani cambiati (quelli di Joe Maphis, Billy Faier e Mike Seeger), con dodici brani strumentali di musica country folk americana suonati con il banjo, in alcuni casi accompagnato dal violino, ma spesso utilizzato come solo strumento. Si tratta di un momento cruciale nella storia del folk americano, che dalla tradizione si apre a nuove influenze e forme musicali, sebbene ancora qui' il folk rock sia di la' da venire. Straordinaria e' la presenza qui di personaggio che diverranno ben noti al pubblico rock negli anni a venire, in primo luogo David Lindley, che milito' anche in quegli anni nei New Christy Minstrels e che presto formera' i californiani Kaleidoscope, e Jim (aka Roger) McGuinn, che si era fatto le ossa nei Limeliters, il Chad Mitchell Trio ed Hoyt Axton tra gli altri, ed era in procinto di formare i Byrds, oltre a Mike Seeger, fratello del cantautore folk Pete, e poi l'eclettico compositore e virtuoso della chitarra Mason Williams, il chitarrista folk Dick Rosmini ed il multistrumentista country folk Eric Weissberg. Questa la scaletta: Mason Williams, ''Banjo hello''; Eric Weissberg & Marshall Brickman, ''Earle's breakdown''; Billy Cheatwood, ''Hundreds of miles''; Billy Faier, ''Green corn''; Art Podell, ''Hindu stomp''; David Lindley, ''Mad mountain medley''; Dick Weissman, ''Trail ridge road''; Joe Maphis, ''Joe's breakdown''; Erik Darling, ''Banjo tune''; Dick Rosmini, ''Fast and loose''; Jim McGuinn, ''Rumblin' on''; Mike Seeger, ''Goin' down there''.
Euro
23,00
codice 319913
scheda
Aa.vv. (mersey beat) At the Cavern - Recorded live
lp [edizione] ristampa  mono  uk  1964  see for miles 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa inglese del 1985, in mono, copertina semilucida senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura, etichetta nera e bianca, catalogo SEE58. Pubblicato in Uk ed in Germania dalla Decca nel 1964, uscito anche in Canada su London con titolo "The Mersey Beat - Recorded Live At The Cavern, Liverpool, England", si tratta di una delle pochissime testimonianze dell' esplosione del MerseyBeat di Liverpool nel suo periodo classico; l' opera contiene 16 brani, altrimenti inediti, eseguiti da nove diversi "act" (gran parte dei quali mai giunti al traguardo dell' album ma intestatari soltanto di alcuni rari singoli), tutto in puro stile beat, registrati live nel 1964 durante le loro esibizioni al Cavern Club, storico locale di Liverpool gia' passato alla storia per i primi concerti inglesi dei Beatles. Certamente uno dei documenti storici della nascita del rock britannico. Ecco la lista del materiale contenuto: The Marauders "Doctor Feel Good" e "Keep On Rolling" The Fortunes "She's Sure The Girl I Love" e "You Really Got A Hold On Me" Beryl Marsden "Everybody Loves A Lover" The Dennisons "Devoted To You" e "You Better Move On" Heinz "Somebody To Love", "I Got A Woman" e "Little Queenie" Dave Berry & The Cruisers "Diddley, Diddley, Daddy" The Big Three "Bring It On Home To Me" Lee Curtis & The All-Stars "Skinny Minny" e "Jezebel" Bern Elliott & The Fenmen "I'm Talking About You" e ""Little Egypt".
Euro
23,00
codice 43997
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1969  durium 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina laminata fronte retro, label nera con scritte argento, logo Durium argentato in alto, marchio BIEM a sinistra, senza marchio "D.r.", senza marchio ne' timbro Siae, catalogo MSA77222, data sul trail off 7/5/69. Pubblicato nel 1969 dalla Durium, il secondo volume della serie di raccolte ''Durium club'' (il primo usci' nel 1966, il terzo usci' nello stesso 1969). La raccolta compila dodici brani tratti per lo piu' da singoli di giovani cantanti e gruppi pubblicati dalla casa discografica milanese, fra cui uno dei primissimi singoli di Dori Ghezzi, ''Casatschok'', i Nuovi Angeli, uno dei piu' importanti gruppi beat italiani degli anni '60, gli inglesi Motowns, provenienti da Liverpool ma operanti in Italia nella seconda meta' degli anni '60 con un eccellente beat poi evolutosi in forme piu' moderne come la psichedelia, Roberto Matano, gia' nei Campioni con un giovanissimo Lucio Battisti. Questa la scaletta: I Nuovi Angeli, ''Ragazzina, ragazzina'' (singolo del 1969, inedito su album); Dori Ghezzi, ''Casatschok'' (singolo del 1968, inedito su album); Rocky Roberts, ''This old world'' (poi sull'album ''This is rocky roberts'' del 1970); Paolo & i Crazy Boys, ''Cuore mio'' (singolo del 1969, inedito su album); Marcello's Ferial Co, ''Michael'' (singolo del 1969, inedito su album); Giosy Capuano, ''Mi piaci come sei'' (singolo del 1968, inedito su album); The Motowns, ''Dai, vieni giu''' (singolo del 1969, inedito su album); Isabella Iannetti, ''Cuore innamorato'' (singolo del 1969, inedito su album); Wess & the Airedales, ''Just tell me'' (singolo del 1969, poi sull'album ''Quando'' del 1970); Rosanna Negri (aka Rosy), ''Quel giorno d'illusione'' (singolo del 1969, inedito su album); Mario Zelinotti, ''Cento fuochi'' (B-side del singolo ''Bada bambina'', 1969, inedito su album); Roberto Matano, ''L'amore e' il mio mestiere'' (singolo del 1969, inedito su album).
Euro
30,00
codice 329995
scheda
Aa.vv. (mutantes, gil, veloso, costa...) tropicalia ou panis et circencis
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  lilith 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1968, in vinile 180 grammi, con allegata la versione in cd dell'album, copetina senza codice a barre. Si tratta di uno dei piu' leggendari e celebrati lavori degli anni '60, non una sempice compilation, ma l' album che sanci' la nascita del movimento ''Tropicalia'', vero trampolino di lancio per molti degli artisti che avrebbero fatto la storia della musica brasiliana nei decenni successivi, il movimento, si prefiggeva la rinascita della musica brasiliana, e per la prima volta contaminarono con gli strumenti elettrici ed uno spirito propriamente ''rock'' il pop esotico con la psychedelia, la samba, la bossa nova, ed altri generi ancora piu' popolari della musica sudamericana. Tropicalia non solo include brani dei piu' importanti artisti del movimento (Gilberto Gil, Os Mutantes, Caetano Veloso, Gal Costa), ma presenta un grande numero di collaborazioni tra questi ed altri musicisti, diverse delle quali passate alla storia come veri accadimenti e capolavori. Quasi tutte le originali realizzazioni della Tropicalia sono purtroppo fuori catalogo, ma questo vero e proprio manifesto dara' un idea piu' che chiara di cosa fosse questo movimento artistico e del perche' oggi sia cosi' celebrato. Ecco la lista dei brani "Miserere N¢bis" - Gilberto Gil, "CoracÆo Materno" - Caetano Veloso, "Panis et Circenses" - Mutantes, "Lindon‚ia" - Nara Leao, "Parque Industrial" - Gilberto Gil, Caetano Veloso, Gal Costa, "Gel‚ia Geral" - Gilberto Gil, "Baby" - Gal Costa, Caetano Veloso, "Trˆs Caravelas" (Las Trˆs Carabelas) - Caetano Veloso, Gilberto Gil, "Enquanto Seu Lobo NÆo Vem" - Caetano Veloso, "MamÆe Coragem" - Gal Costa, "Bat Macumba" - Gilberto Gil, "Hino Do Senhor Do Bonfim Da Bahia" - Caetano Veloso, Gilberto Gil, Gal Costa.
Euro
27,00
codice 2118226
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  particles 
rock 60-70
Sottotitolato "16 Trippy New Zealand Nuggets 1967-69"; ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata, della ormai rara raccolta edita originariamente nel 1997 (in cd ed in una limitatissima versione vinilica), con 16 brani scelti nell' ambito della poco nota ma molto ricca ed interessante scena neozelandese di fine anni '60 di orientamento psichedelico, copertina lucida, etichetta nera con cerchi multicolorati, con titoli indicati tutti da un lato, corredata di due inserti con note e foto. A1. The Gremlins - Blast Off 1970 A2. The Smoke - Never Trust Another Woman A3. The Avengers - Water Pipe A4. The Group People - In The Night A5. Lew Pryme - Gracious Lady Alice Dee A6. The Hi-Revving Tongues - Tropic Of Capricorn A7. The La De Das - Find Us A Way A8. Larry's Rebels - Coloured Flowers B1. The House Of Nimrod - Slightly-Delic B2. The Brew - Bengal Tiger B3. The Top Shelf - Time Beyond B4. The Music Convention - Footprints On My Mind B5. The Human Instinct - A Day In My Mind's Mind B6. The Dave Miller Set - Mr. Guy Fawkes B7. Vicky & Dicky - I'm Allergic To Flowers B8. The Zarks - Jumbo
Euro
19,00
codice 2059288
scheda
Aa.vv. (phil pratt, et al.) Safe travel with phil pratt and friends 1966-1968
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1966  pressure sounds 
reggae
Ristampa del 2021 ad opera della Pressure Sounds, pressoché identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 2005 dalla Pressure Sounds, questa antologia compila ventitré storiche incisioni effettuate fra il 1966 ed il 1968 sotto la supervisione di Phil Pratt, durante la breve epoca d'oro del rocksteady, movimento che avrebbe avuto una enorme influenza sulla nascita del reggae classico degli anni '70. Phil Pratt è stato un abile produttore dell'epoca di transizione fra rocksteady e primo reggae, ma non è uno dei nomi più famosi del panorama giamaicano di quegli anni, sebbene egli abbia prodotto artisti del calibro di Horace Andy (giovanissimo), Ken Boothe, Tommy McCook ed i Clarendonians, come documentato in questa antologia. Grande amico di Lee "Scratch" Perry, ed a sua volta anche autore di musica oltre che produttore, Pratt ebbe i suoi primi exploit nella produzione lavorando con la Caltone, e poi si mise in proprio, curando ottime produzioni sia nella seconda metà degli anni '60 che nella prima metà degli anni '70, oltre a dirigere una label sussidiaria della Caltone, la Sunshot. Ebbe modo anche di utilizzare i leggendari studi Black Ark dell'amico Lee Perry per registrare storici pezzi come "Bobby Kalphat in dub" con l'organista Bobby Kalphat e l'esordio di Linval Thompson, "Girl you've got to run". Questa benemerita antologia compila alcune delle sue migliori produzioni dell'epoca rocksteady. Questa la scaletta: Phil Pratt, "Safe travel"; Larry Marshall & Alvin Leslie, "No one to give me love"; Milton Boothe, "I used to be a fool"; Vincent "Don D Junior" Gordon, "Dirty dozen"; Horace "Andy" Hinds, "Black man's country"; Peter Austin, "Time is getting harder"; Phil Pratt, "Reach out"; The Cool Cats, "What kind of man"; Hemsley Morris & Phil Pratt, "Little things"; Tommy McCook, "Bigger things"; Larry Marshall, "Money girl"; Ken Boothe, "You left the water running"; Charlie Ace, "Book of books"; Tommy McCook, "Caltone special"; Hemsley Morris, "Love is strange"; Ken Boothe, "The one I love"; The Clarendonians, "Bye bye bye", "Phil Pratt & Ken Boothe, "Sweet song for my baby"; Alva "Reggie" Lewis, "Suicide (hang my head & cry)"; Peter Austin, "Your love"; The Thrillers, "I'm restless"; The Clarendonians, "Baby baby"; Phil Pratt All Stars, "Victory".
Euro
37,00
codice 3513969
scheda
Aa.vv. (psych rock) Incredible Sound Show Stories Vol. 13 (Far Away Roundabout)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1967  buzz with fuzz 
rock 60-70
Sottotitolato "16 Wild and Exotic Pleasures From Around The World". Edizione limitata di 500 copie numerate a mano sull' inserto apribile con foto e note presente all' interno, copertina senza barcode, l' ennesimo volume (non il 13esimo, in effetti, perche' alcuni volumi non sono mai stato pressati) della serie di raccolte assemblate dalla Buzz With Fuzz a partire dal 1995, con brani di rock psichedelico provenienti per solito da rarissimi 45 giri pubblicati in tutto il mondo, perlopiu' alla fine degli anni '60. Ecco la scaletta completa, con relative note: DICKENS Sho Need Love (si tratta di un gruppo americano di New York, dall' unico singolo uscito registrato sul finire degli anni '60 ma pubblicato nel 1971 su Scepter solo a scopo promozionale); SIR HENRY Poor Bobby (dall' album del 1968 "H2O" del gruppo danese ex Sir Henry & His Butlers); THE MOTIONS Make It Legal (retro di un singolo del 1967 del prolifico gruppo olandese); MUSICK EXPRESS Jackys Thing (dall' unico singolo del gruppo australiano, 1969); HONEST MEN Help! (personalissima cover del brano dei Beatles, pubblicata dal gruppo olandese su singolo nel 1970); RONNIE JAMES REINCARNATION Is This The Only Life Youve Had (dall' unico singolo del gruppo americano, 1969); UNDERGROUND SUNSHINE Take Me, Break Me (pubblicata su singolo nel 1969 dal guppo americano del Winsconsin); MOSE JONES Here We Go Again (nel primo singolo e primo album, del 1973, del gruppo americano); AVENGERS Listen, Listen (singolo del 1969 del gruppo australiano); MALCOLM MITCHELL Sightseer (dall' unico singolo, uscito in Usa su Dot, a scopo promozionale); OXPETALS Prune Growing In June (dal primo singolo del gruppo americano, 1966); THE FLAME See The Light (dall' album "The Flame" del 1970 del gruppo sud africano in cui militava Blondie Chaplin, poi nei Beach Boys); TREMORS Little Liza Jane (singolo del 1969 del gruppo scozzese) RO-D-YS Sleep, Sleep, Sleep (singolo del 1968 del gruppo olandese); MASHMAKHAN Children Of The Sun (dall' album del 1971 "The Family" del gruppo canadese); MANTIS (Youre My Cake) Amanda Blake (dal primo misconosciuto singolo su Cbs, pubblicato nel 1968 dalla band originaria delle isole Fiji, anni dopo intestataria di un singolo ed un album su Vertigo.
Euro
15,00
codice 3019674
scheda
Aa.vv. (psych rock) Incredible Sound Show Stories Vol. 13 (Far Away Roundabout)
lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1967  buzz with fuzz 
rock 60-70
Sottotitolato "16 Wild and Exotic Pleasures From Around The World". Edizione limitata di 500 copie numerate a mano sull' inserto apribile con foto e note presente all' interno, copertina senza barcode, l' ennesimo volume (non il 13esimo, in effetti, perche' alcuni volumi non sono mai stato pressati) della serie di raccolte assemblate dalla Buzz With Fuzz a partire dal 1995, con brani di rock psichedelico provenienti per solito da rarissimi 45 giri pubblicati in tutto il mondo, perlopiu' alla fine degli anni '60. Ecco la scaletta completa, con relative note: DICKENS Sho Need Love (si tratta di un gruppo americano di New York, dall' unico singolo uscito registrato sul finire degli anni '60 ma pubblicato nel 1971 su Scepter solo a scopo promozionale); SIR HENRY Poor Bobby (dall' album del 1968 "H2O" del gruppo danese ex Sir Henry & His Butlers); THE MOTIONS Make It Legal (retro di un singolo del 1967 del prolifico gruppo olandese); MUSICK EXPRESS Jackys Thing (dall' unico singolo del gruppo australiano, 1969); HONEST MEN Help! (personalissima cover del brano dei Beatles, pubblicata dal gruppo olandese su singolo nel 1970); RONNIE JAMES REINCARNATION Is This The Only Life Youve Had (dall' unico singolo del gruppo americano, 1969); UNDERGROUND SUNSHINE Take Me, Break Me (pubblicata su singolo nel 1969 dal guppo americano del Winsconsin); MOSE JONES Here We Go Again (nel primo singolo e primo album, del 1973, del gruppo americano); AVENGERS Listen, Listen (singolo del 1969 del gruppo australiano); MALCOLM MITCHELL Sightseer (dall' unico singolo, uscito in Usa su Dot, a scopo promozionale); OXPETALS Prune Growing In June (dal primo singolo del gruppo americano, 1966); THE FLAME See The Light (dall' album "The Flame" del 1970 del gruppo sud africano in cui militava Blondie Chaplin, poi nei Beach Boys); TREMORS Little Liza Jane (singolo del 1969 del gruppo scozzese) RO-D-YS Sleep, Sleep, Sleep (singolo del 1968 del gruppo olandese); MASHMAKHAN Children Of The Sun (dall' album del 1971 "The Family" del gruppo canadese); MANTIS (Youre My Cake) Amanda Blake (dal primo misconosciuto singolo su Cbs, pubblicato nel 1968 dalla band originaria delle isole Fiji, anni dopo intestataria di un singolo ed un album su Vertigo.
Euro
15,00
codice 3019616
scheda
Aa.vv. (r'n'r garage usa) baltimore's teen beat a go go
lp [edizione] nuovo  mono  usa  1965  get hip 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima rarissima tiratura, pressata in 500 copie nel 1965, dell' album pubblicato dalla Dome Record Company per rappresentare al meglio la vivace realta' della scena di Baltimore, nel Maryland, dove appunto la Dome svolse un ruolo fondamentale attraverso la sponsorizzazione di numerose "battle of the bands", chiedendo poi ai migliori gruppi di registrare un brano in studio da concedere all' etichetta un brano per questa raccolta. Ne risulta, attraverso questi 16 grezzi brani, il quadro di una scena sospesa tra folk-rock e teen beat, che certo gli appassionati del genere apprezzeranno. Ecco la lista completa dei brani: 1 The 24 Karat Five - Get You / 2 The Night Walkers - The Night Walker / 3 The Beggars - Night Of Pleasure / 4 The Fabulous Monarchs - Memories (Of The Past) / 5 The Impacts LTD - This Love So Real / 6 The Del Prixs - She'll Be Mine / 7 The Road Runners - She's Gone / 8 The Executioners - My Diana / 9 The Amoebas - Look At The Moon / 10 Bobby J. & The Generations - Lost In Time / 11 The Week-Enders - Rampage / 12 The Vendors - My Rose-Ann / 13 The Rysing Suns - A Third Hour On Forty Eleventh St. / 14 The Chadwicks - The Only Way To Do It / 15 The Destinations - Shame - Shame / 16 Joey Charles Drums - The Rub.
Euro
26,00
codice 3029062
scheda
Aa.vv. (reggae) Reggae power (ltd. numbered 180 gr. coloured vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  music on vinyl 
reggae
Edizione limitata a mille copie, numerate sul retro copertina, in vinile da 180 grammi di colore arancio. Ristampa del 2022 ad opera della Music On Vinyl, pressoché identica alla assai rara e ricercata prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1969 dalla Sir J.J. in Giamaica, la compilation manifesto delle produzioni del discografico e commerciante di dischi e jukebox di Kingston Karl "J.J." Johnson, scomparso poi nel 1972, una delle figure prominenti della musica del paese caraibico fra gli anni '60 e l'inizio dei '70; fu produttore di una sfilza di hits di rocksteady e proto-reggae a 45 giri, che furono fatte conoscere anche nel Regno Unito grazie a pubblicazioni come l'album "Reggae power" degli Ethiopians, uscito nello stesso 1969 su Trojan in Inghilterra. Quel disco non va confuso con questa omonima compilation, che contiene sì molti brani degli Ethiopians, ma anche successi giamaicani di altri autori come Roy Shirley ed i Kingston Tops. Un importante documento storico del rocksteady e dei primi vagiti di quello che sarebbe diventato il moderno reggae. Questa la scaletta: The Ethiopians, "Everything Crash", "What A Fire"; Roy Shirley, "Dancing Reggae"; The Ethiopians, "Losing You"; The Kingston Tops, "Robert F. Kennedy"; The Ethiopians, "Hong Kong Flu"; Roy Shirley, "Life"; The Ethiopians, "Gun Man", "Feel The Spirit"; Roy Shirley, "Your Smile"; The Kingston Tops, "Dollar Of Soul".
Euro
30,00
codice 3514764
scheda
Aa.vv. (reggae) Soul for sale
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  treasure isle 
reggae
Copertina senza codice a barre. Ristampa del 2017, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1969 dalla Treasure Isle in Giamaica, ''Soul for sale'' e' una compilation di musica che coglie il periodo di passaggio dal rocksteady al reggae verso la fine degli anni '60, passaggio cruciale che fu il preludio della fase piu' popolare a livello internazionale della nuova musisca popolare giamaicana. Questa raccolta fu curata dal Arthur ''Duke'' Reid (1915-1975), produttore e discografico di enorme influenza ed importanza per la musica giamaicana, fondatore della Trojan e di altre label come Duchess e Treasure Isle, case discografiche che promossero in maniera decisiva le varie correnti della musica locale fra gli anni '50 e '60, in particolare lo ska ed il rocksteady; Reid era anche recettivo delle tendenze che emergevano nella musica afroamericana degli Stati Uniti, in particolare lo r'n'b, del quale aveva una profonda conoscenza, importandole in patria. In questa raccolta possiamo ascoltare dodici brani, inciso intorno al 1968, fra rocksteady e primo reggae, interpretati da nomi importanti come Alton Ellis, Tommy McCook, John Holt ed i Paragons. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. John Holt – Tonight 2. Tommy McCook – Regay 3. Joya Landis – Kansas City 4. Tommy McCook - Get Me To The Church On Time 5. John & Joya - I'll Be Lonely 6. Tommy McCook – Second Fiddle SIDE 2: 1. Tommy McCook - Soul For Sale 2. Alton Ellis - Breaking Up 3. Tommy McCook – Mary Poppins 4. Phyllis Dillon - Love Is All I Had 5. The Paragons - Maybe Some Day 6. Tommy McCook - Billie Joe.
Euro
20,00
codice 3510326
scheda
Aa.vv. (rhythm & blues) Instrumentals r&b style 1964
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1964  rhythm & blues 
blues rnr coun
Copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, label nera con scritte bianche e rosse, logo Rhythm and Blues rosso, blu e bianco in alto, catalogo R&B37. Pubblicata nell'aprile del 2019 dalla Rhythm and Blues, questa raccolta compila sedici brani editi, originariamente pubblicati su singolo nel 1964 da varie etichette locali e nazionali negli Stati Uniti ed in qualche raro caso in Europa: tema unificante della compilation è la musica r'n'b strumentale dell'anno 1964, con brani di grandi strumentisti quali Clarence ''Gatemouth'' Brown (dalla Louisiana, particolarmente legato al violino ed al blues), Big Bill Doggett (pianista ed organista della Pennsylvania attivo dalla fine degli anni '30 ed ancora in pista, soprattutto con l'organo, nei primi '60) e Smokey Johnson, il più grande batterista di New Orleans nel dopoguerra, che collaborò anche con illustri colleghi quali Earl King, Dave Bartholomew e Fats Domino, oltre che con il produttore Barry Gordy che lo trattenne a Detroit in casa Motown per qualche mese. Questa la scaletta: Side ONE 1. Junior's Jerk - Little Daddy & The Bachelors; 2. Watcha Wanna Do (Pt. 2) - Johnny Talbot; 3. The Cricket - Clarence 'Gatemouth' Brown; 4. Soulful Chant - David Rockingham Trio; 5. Kicker - Big Bill Doggett; 6. Chittlins - Gus Jenkins; 7. I've Been Thinking (Pt.2) - The Nite Riders; 8. Sizzlin' - Johnny Hartsman; Side TWO 1. It Ain't My Fault (Pt.1) - Smokey Johnson; 2. It Ain't My Fault (Pt.2) - Smokey Johnson; 3. Fire Fly - Travis Wammack; 4. Cozy Lounge Blues - Kid Thomas; 5. Sherry's Party - Ray Johnson; 6. Walkin' - Charlie Lucas Combo; 7. Creepin' - The Jay-Hawks; 8. The Last Minute - The Mixtures.
Euro
24,00
codice 3512030
scheda
Aa.vv. (rhythm & blues) New orleans soul '68 (rsd 2019)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1968  history of soul 
blues rnr coun
Pubblicazione realizzata per il RECORD STORE DAY DEL 13 APRILE 2019, copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, label porpora, rossa e bianca con scritte nere, catalogo HS17. Pubblicata nell'aprile del 2019 dalla History Of Soul, questa raccolta compila sedici brani editi, originariamente usciti per lo più su singolo nel 1968, opera di gruppi e di solisti della scena soul di New Orleans dell'epoca. Il collasso del gruppo Dover di Cosimo Matassa, polo di attrazione e canale vitale per molte delle piccole etichette di New Orleans grazie alle sue strutture di pressaggio, distribuzione e vendita, avvenne all'inizio del 1968 e mise in crisi per alcuni anni la scena musicale locale; tuttavia, la mole di musica soul di qualità registrata fino a poco prima del nefasto evento trovò sbocco in una serie di rari singoli destinati a divenire oggetto di culto, alcuni dei quali sono qui compilati. Fra questi, un pezzo da novanta locale come Eddie Bo, musicista, cantante e produttore dalla musa eclettica che si dedicò anche al soul, Guitar Ray, cantante e chitarrista qui con una grande ballata, ''True love of a man'', Barbara George, che giovanissima aveva avuto una grande hit con ''I know'' nel 1961 (qui però ascoltiamo ''Satisfied with your love'', percorsa da una vena motwoniana). Questa la scaletta: Side ONE 1. Satisfied With Your Love (Barbara George); 2. The Sweetest I Knew (Clemmon Smith); 3. Horse with a Freeze Pt. 1 (Roy Ward); 4. Like I Like It (Prince Royals); 5. Do The Sissy (Charley Simmons & Royal Imperials); 6. Can't Stay Away (Fabuletts); 7. True Love Of A Man (Guitar Ray); Side TWO 1. Got To Keep Hanging On (Vicki Labatt); 2. She Really Did Surprise Me (Willie Tee); 3. Suffering (Sonny Jones); 4. Action Time (Charley Wynn); 5. Funky Soul Train (Robert Parker); 6. If I Had To Do It Over (Eddie Bo); 7. One Little Word (Marilyn Barbarin).
Euro
24,00
codice 3512029
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 17 From morden (a path through the forest of oak records 1964-1967)
Lp [edizione] nuovo  mono  uk  1964  top sounds 
rock 60-70
Vinile pesante, copertina laminata sul fronte e flipback su due lati sul retro, allegato splendido libretto di sedici pagine con note biografiche, foto e riproduzioni delle originarie etichette degli acetati, label verde scura con scritte argento, logo Oak argentato in alto ed a sinistra, logo Top Sounds sopra il foro centrale, catalogo TSLP008. Pubblicata nel 2020 dalla britannica Top Sounds, questa antologia compila, in MONO, diciassette brani tratti dagli archivi della Oak Records, quindici dei quali inediti. Tratti dagli originali acetati della Oak, questi brani testimoniano il lavoro di R.G. Jones ingegnere del suono britannico che gestiva uno studio di registrazione nella zona Sud di Londra a metà anni '60, noto come Morden Park Studios (dove i Rolling Stones avevano regiastrato alcuni dei loro primi demos), e che era stato il fondatore della label Oak, attiva dal 1962. I brani di "17 from Morden" evidenziano come le bands di beat e r'n'b duro della zona londinese gravitassero intorno allo studio di Jones: molti brani presentano un sound piuttosto selvaggio, fra i Rolling Stones più scatenati di metà anni '60 ed i primi dischi dei Pretty Things, talora con una vena quasi garagistica. Un piccolo tesoro di beat duro, mod sound e blue eyed soul. Qui di seguito la scaletta. SIDE 1: 1. THE ANCIENT BRITONS - I'm A Man 2. THE SOUTHERN SOUNDS - One Track Mind 3. THE ROOSTERS - All Aboard 4. UNKNOWN – Mona 5. THE RAMBLERS - I Don't Care 6. ST. JAMES INFIRMARY - Don't Take My Love 7. THE OLD BERKELEY SQUARES - Sho' Know A Lot About Love 8. THE CINDICATE - I'm Mad Again 9. THE NIGHT SOCIETY - Play Around With Love SIDE 2: 1. THE CINDICATE – Respectable 2. THE SPIRIT FEEL - Please Do Something 3. THE CANDYDATES - Don't Let Me Down 4. UNKNOWN - I Need Your Loving Now 5. THE GABB - Come On Up 6. UNKNOWN (THE CANDYDATES?) - Please Stay Baby 7. THE LOCOMOTION - One More Heartache 8. THE GABB - Finger Poppin'.
Euro
27,00
codice 3514270
scheda
Aa.vv. (rock 60-70) 1960S fever diamonds vol. 3
Lp [edizione] nuovo  stereo  ost  1969  freak out 
rock 60-70
Copertina a busta senza codice a barre, label custom multicolore con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo 0003. Pubblicato nel 2013 dalla austriaca Freak Out, il terzo volume della serie di raccolte ''1960s fever diamonds'', che fin qui hanno compilato brani di psichedelia ed acid rock degli anni '60 e dei primi '70. Questo terzo volume e' piu' concentrato su gruppi underground degli anni '70: troviamo alcuni brani dagli acidissimi album dei Brainticket (gruppo internazionale basato in Svizzera), fra cui due dal mitico e stordente ''Cottonwoodhill'' (1971), un brano dall'album ''Paradieswarts duul'' degli Amon Duul (1970), il loro lavoro piu' musicale e vicino allo acid folk, un brano dallo splendido secondo album dei tedeschi Gila ''Bury my heart at wounded knee'' (1973), inciso con membri dei Popol Vuh, ed uno dei capolavori del rock tedesco, ed un pezzo del gruppo underground americano Cromagnon, fra gli altri. La scaletta dei brani non e' presente sull'album, quindi segnaliamo la presenza anche dei restanti artisti rappresentati: Cosmic Eye (UK, con cinque brani) e Carpenborg, Staff & The Electric Party (GER, con un brano). Tutti i brani della raccolta sono tratti da album originariamente pubblicati fra il 1969 ed ul 1973.
Euro
22,00
codice 3506617
scheda

Page: 4 of 134


Pag.: oggetti: