Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 208
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
De andre' fabrizio    storia di un impiegato (+insert)
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1973  sony music / rca 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent cantautori
ristampa del 2014, proveniente dal box stampato in 500 copie "Gli Album Originali", copertina apribile lucida, pressoche' identica alla prima rara tiratura, catalogo 88697615181, copia corredata di esclusivo inserto che replica in formato lp il fronte della copertina. Pubblicato in Italia nell'ottobre del 1973 dopo ''Non all'amore non al denaro ne al cielo'' e prima di ''Canzoni'', il settimo album. Contiene i seguenti brani: Introduzione , Canzone del Maggio, La bomba in testa, Al ballo mascherato, Sogno numero due , La canzone del padre, Il bombarolo, Verranno a chiederti del nostro amore, Nella mia ora di liberta'. Tutti i testi sono di Fabrizio De Andre'‚ e Giuseppe Bentivoglio, ad eccezione della Nr. 5, che e' di Fabrizio De ANdre'‚ e Roberto Dan‚. Tutte le musiche sono di Fabrizio De Andr‚ e Nicola Piovani. Arrangiamenti e direzione d'orchestra di Nicola Piovani, Edizioni Musicali Editori Associati a cura di Roberto Dan‚, Chitarre: Fabrizio De Andr‚, Silvano Chimenti, Bruno Battisti Damario, Basso elettrico: Daniele Patucchi, Batteria: Enzo Restuccia, Contrabbasso: Antonio Ferrelli, Pianoforte: Nicola Piovani, Synthesizer: Giorgio Carnini. Finito di registrare il 10 luglio 1973 nella sala di registrazione Ortophonic di Roma, Tecnico del suono: Sergio Marcotulli, Assistente: Giancarlo Iannucci. Concept leggendario, dalla politicizzazione estrema, arrangiato da nicola piovani, e' quasi profetico degli anni del terrorismo di li a venire, racconta con lucidita' ed amarezza un paese sull'orlo del baratro in cui le contraddizioni sociali assumono un ruolo sempre piu' forte, contiene brani incredibili, quali ''canzone del maggio, la bomba in testa, il bombarolo, verranno a chiederti del nostro amore.
Euro
26,00
codice 244025
scheda
De andre' fabrizio    volume 3 (+insert)
lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1968  sony music / rca 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent cantautori
ristampa del 2014, proveniente dal box stampato in 500 copie "Gli Album Originali", copertina lucida, pressocche' identica alla prima rara tiratura, sebbene con gli angoli non stondati ma squadrati, catalogo 88697615141, copia corredata di esclusivo inserto che replica in formato lp il fronte della copertina. Pubblicato in Italia nel giugno del 1968 dopo ''Tutti morimmo a stento'' e prima di ''Nuvole barocche''. Collaborazione alle musiche e orchestrazione di Giampiero Reverberi, Assistenza tecnico-artistica Gianfranco Reverberi. Il terzo album, uno dei capolavori della musica cantautoriale italiana di ogni tempo; e' il suo album piu' vicino alla musica popolare, contiene nuove esecuzioni di canzoni già edite nei 45 giri e 4 canzoni completamente inedite, bastera' dare uno sgusrdo alla scaletta, qui di seguito riportata, per sincerarsi del fatto che la maggior parte, se non tutte, le canzoni incluse, sono divenute patrimonio della musica italiana. Contiene i seguenti brani- La canzone di Marinella - Il gorilla [Le gorille](Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens), La ballata dell'eroe, S'i fossi foco (Da un sonetto di Cecco Angiolieri - Adattamento musicale di Fabrizio De André), Amore che vieni amore che vai, La guerra di Piero, Il testamento, Nell'acqua della chiara fontana [Dans l'eau de la claire fontaine] (Testo italiano Fabrizio De André - Testo e Musica di Georges Brassens),La ballata del Michè, Il re fa rullare i tamburi(Traduzione e adattamento di Fabrizio De Andre').
Euro
26,00
codice 244029
scheda
De andre' fabrizio    volume 8 (+insert)
lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1975  sony music / rca 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent cantautori
ristampa del 2014, proveniente dal box stampato in 500 copie "Gli Album Originali", copertina lucida apribile, pressocche' identica alla prima rara tiratura, catalogo 88697673961, copia corredata di esclusivo inserto che replica in formato lp il fronte della copertina. Pubblicato in Italia nel 1975 "Canzoni" e prima di ''Rimini'', l' ottavo album. Prodotto da Roberto Dane', arrangiamenti e direzione d'orchestra: Tony Mimms, registrato negli studi Ricordi di Milano. Con la meta' del decennio DeAndre' abbandona anche le sue fobie da palco e parte per una tournee che lo vede esordire alla bussola accompagnato dai New Trolls, poi e' al Palalido di Milano, con Finardi e Lucio Violino Fabbri. Dopo un tris di concept album, ritorna con questo lavoro alla canzone vera e propria; "Volume 8" e' il disco sicuramente piu' complesso della sua discografia, realizzato da Fabrizio a 4 mani con De Gregori, ai tempi di ''Francesco De Gregori''. Quasi tutti i brani sono frutto di scrittura in collaborazione tra i due, e "Le storie di ieri", addirittura, e' tutta di De Gregori, che la riprendera' poi anche in veste solista, mentre "Nancy" e' una traduzione di Cohen. E' un disco di sogni, di illusoni spezzate, di amara consapevolezza, e la scelta provocatoria della cattiva strada come inizio non e' casuale: la strada cattiva, le scelte all'apparenza errate, sono una sorta di "ultima spiaggia", che spesso molti intraprendono, magari inconsciamente, per cercare di contrastare il tempo che passa. Contiene i seguenti brani: "La cattiva strada" (testo e musica di Fabrizio De Andre' e Francesco De Gregori), "Oceano" (testo e musica di Fabrizio De Andre' e Francesco De Gregori), "Nancy" (testo italiano di Fabrizio De Andre', testo originale e musica di Leonard Cohen), "Le storie di ieri" (testo e musica di Francesco De Gregori), "Giugno '73" (testo e musica di Fabrizio De Andre'), "Dolce Luna" (testo e musica di Fabrizio De Andre' e Francesco De Gregori), "Canzone per l'estate" (testo e musica di Fabrizio De Andre' e Francesco De Gregori), "Amico fragile" (testo e musica di Fabrizio De Andre').
Euro
26,00
codice 244028
scheda
De Gregori Francesco    francesco de gregori ( la pecora )
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1974  rca italiana 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
ristampa di fine anni '70, copertina lucida senza barcode, senza data sul retro e senza piu' l' errore di stampa ''Cercando un' altro Egitto'' (qui senza apostrofo, correttamente) sul retrocoeprtina, etichetta blu, timbro Siae del terzo tipo, in uso dal 1978/79, con marchio Siae che non ne occupa piu' l' intero cerchio centrale. Pubblicato in Italia nel febbraio del 1974 dopo ''Alice non lo sa'' e prima di ''Rimmel'', non entrato nelle classifiche italiane. Il secondo bellissimo album (senza considerare "Theorius Campus", l' esordio condiviso con Antonello Venditti). Prodotto da Edoardo De Angelis, al disco partecipano: Italo Greco, Antonello Venditti, Renzo Zenobi, Edoardo De Angelis, Olimpo Petrossi, Tony Esposito. Contiene i seguenti brani: "Niente da capire", "Cercando un altro Egitto", "Dolce amore del Bahia", "Informazioni di Vincent", "Giorno di pioggia", "Bene", "Chissa' dove sei", "A Lupo", "Arlecchino", "Finestre di dolore", "Souvenir". Lavoro molto meno arrangiato ed assai piu' scarno del precedente, mostra anche incredibili segni di evoluzione nelle composizioni, ponendo De Gregori ad un livello mai forse raggiunto prima nella canzone italiana, unico paragone possibile forse quello con De Andre'. Permangono le forti influenze americane (Bob Dylan, soprattutto Leonard Cohen), ma ancora piu' in evidenza quelle di scuola anglosassone, tra Donovan e Nick Drake. Il disco non vendette bene, e sara' quello che chiude il suo primo periodo, quello piu' oscuro, gia' dal'anno successivo con l'uscita di ''Rimmel'' le cose cambieranno.
Euro
20,00
codice 244002
scheda
Deep purple    Book of Taliesyn
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  tetragrammaton 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura americana su Tetragrammaton del 1969, con copertina come quella a busta singola senza codice a barre. Il secondo album, pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1969 su Harvest ed in USA nel Gennaio dello stesso anno su Tetragrammaton, dopo ''Shades of Deep Purple'' e prima di ''Deep Purple'', giunto al numero 54 delle classifiche americane e non entrato in quelle inglesi. Registrato con la formazione originale, prima dell'avvento di Gillan e Glover, furono etichettati dalla critica come una sorta di ''british vanilla fudge'', il disco e' molto diverso da quello che saranno i successivi, la cover dei Beatles ''we can work it out'' ha sapore ancora da party londinese dei '60 sullo stile di Brian Auger, la lunga jam di ''Exposition'' mette in luce le qualita' di Blackmore, ancora una volta al centro dell'attenzione, mentre in brani quali ''the shield'' e ''anthem'' che ricordano le radici psychedeliche del gruppo, e dal sapore quasi barrettiano, e' l'organo di John Lord ad avere la parte principale. Ma e' solo con la finale ''river deep mountain high'' che si giunge al culmine del souno della prima incarnazione della band, in cui progressive, hard e soul si uniscono in una totale interazione.
Euro
16,00
codice 3022868
scheda
Deep purple    in rock
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  Parlophone 
rock 60-70
ristampa del 2016 in vinile 180grammi, con copertina apribile pressoché identica alla prima rara tiratura. Pubblicato in Inghilterra nel giugno del 1970 dopo ''Concert for group and orchestra'' e prima di ''Fireball'', giunto al numero 4 delle classsifiche Uk e non entrato in quelle americane. Il quinto album. Fu il primo ad essere registrato con la formazione classica, quella che vede all' opera Ian Gillan, Roger Glover, Ian Paice, Jon Lord e Ritchie Blackmore; "In Rock" e' un lavoro straordinariamente importante nella storia della musica del decennio, infatti qui per la prima volta l' hard rock che posizionera' il gruppo nella sacratrimurti dell' hard rock inglese con Led Zeppelin e Black Sabbath fa la sua comparsa. Il disco include brani magistrali e senza tempo, e' gia' dall' iniziale ''Speed King'' che si capisce il cambio di clima, che richiama ora deliranti cacofonie di chitarra elettrica in un clima di surreale potenza distruttiva; "Child in time'', pur se ispirata dagli It's a beautiful day, e' un crescendo da infarto in cui Ian Gillan da una delle sue piu' convincenti interpretazioni di sempre, ''Flight of the rat'' e' l'archetipo del nuovo hard, ''Into the fire'' e ''Living wreck'' sono esempi da manuale di energia creativa e potenza sonora. Un album estremamente riuscito, sia a livello compositivo che di esecuzione, con brani magnifici e suonato con uno stile per allora rivoluzionario che influenzera' la musica rock per molti decenni ancora, forse non maturo come ''Machine head'' ma di questo piu' fresco e creativo. Un caposaldo della musica del secolo passato.
Euro
22,00
codice 3022850
scheda
Deep purple    in rock (purple vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  purple / universal 
rock 60-70
ristampa del 2018, EDIZIONE LIMITATA IN VINILE VIOLA, rimasterizzata con sistema "Half Speed Mastering" presso gli Abbey Road Studios dai master tapes originali, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Harvest. Pubblicato in Inghilterra nel giugno del 1970 dopo ''Concert for group and orchestra'' e prima di ''Fireball'', giunto al numero 4 delle classsifiche Uk e non entrato in quelle americane. Il quinto album. Fu il primo ad essere registrato con la formazione classica, quella che vede all' opera Ian Gillan, Roger Glover, Ian Paice, Jon Lord e Ritchie Blackmore; "In Rock" e' un lavoro straordinariamente importante nella storia della musica del decennio, infatti qui per la prima volta l' hard rock che posizionera' il gruppo nella sacratrimurti dell' hard rock inglese con Led Zeppelin e Black Sabbath fa la sua comparsa. Il disco include brani magistrali e senza tempo, e' gia' dall' iniziale ''Speed King'' che si capisce il cambio di clima, che richiama ora deliranti cacofonie di chitarra elettrica in un clima di surreale potenza distruttiva; "Child in time'', pur se ispirata dagli It's a beautiful day, e' un crescendo da infarto in cui Ian Gillan da una delle sue piu' convincenti interpretazioni di sempre, ''Flight of the rat'' e' l'archetipo del nuovo hard, ''Into the fire'' e ''Living wreck'' sono esempi da manuale di energia creativa e potenza sonora. Un album estremamente riuscito, sia a livello compositivo che di esecuzione, con brani magnifici e suonato con uno stile per allora rivoluzionario che influenzera' la musica rock per molti decenni ancora, forse non maturo come ''Machine head'' ma di questo piu' fresco e creativo. Un caposaldo della musica del secolo passato.
Euro
25,00
codice 3022849
scheda
Deerhunter    Halcyon digest
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2010  4AD 
indie 2000
Vinile bianco, copertina ruvida completa di inner sleeve con foto in bianco e nero, testi e crediti, etichetta bianca con parti grigie, adesivo sulla busta di plastica, Lp, pubblicato dalla 4Ad nel settembre 2010, dopo "Microcastle" (08), il quarto album della band americana. Opera matura con sonorita' pop psichedeliche rivolte verso i sessanta ma anche verso una sorta di alt-folk piu' contemporaneo o perlomeno piu' recente, che dona all'intero disco una valenza piu' fruibile. Massicci riverberi alla voce di Bradford Cox, con chitarre che suonano come fossero clavicembali, o piene di distorsioni quasi shoegaze, batterie rallentate, un magma sonoro che crea atmosfere opacizzate, pigre e narcotiche. I riferimenti partono dai Velvet Undergroung e dai Beatles di "White Album" per arrivare fino agli Arcade Fire, Animal collettive e al progetto soloista di Cox, Atlas Sound. Da segnalare "Memory boy", con echi Byrds e "Desire lines", che ricorda i R.E.M. Formatisi ad Atlanta in Georgia nel 2001, i Deerhunter esordiscono su lp con un lavoro eponimo nel 2001, disco dissonante ed abrasivo che li fa accostare al noise dei Sonic Youth, a Yoko Ono come anche al post punk dei Fall. Il gruppo si fa notare per le sue esibizioni live in cui il longilineo cantante Bradford Cox indossa bizzarri costumi ed adotta movenze alla Iggy Pop. Il secondo album ''Crytpograms'' (2007) vede il gruppo in una veste meno rumorosa e piu' minimale ed acida, vicina a My Bloody Valentine, krautrock e Stereolab. Nel 2008 esce il terzo Lp, "Microcastle", fra pop, jangle e minimalismo di marca krautrock/Stereolab, immerso in un'atmosfera onirica ed ipnotica che ricorda i My Bloody Valentine ma senza la loro aggressivita' sonora. Nel 2010 esce il quarto lavoro, "Halcyon digest".
Euro
27,00
codice 2087996
scheda
Denny sandy    I've always kept a unicorn – the acoustic sandy denny
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  island 
rock 60-70
Vinile doppio da 180 grammi, allegato voucher per il download dell'album da internet, copertina apribile, label custom, catalogo 570797-6. Pubblicato nel 2016 dalla Island, questo doppio album e' un condensato vinilico della bella raccolta pubblicata nello stesso anno su doppio cd, sempre dalla Island; la versione in vinile contiene solo cinque brani in meno rispetto ai quaranta di quella in cd. ''I've always kept a unicorn'' e' un viaggio attraverso il lato acustico della musica della grande cantante folk rock inglese Sandy Denny (1947-1978), e compila brani demo, outtakes da sessioni in studio e registrazioni per la BBC degli anni '60 e '70, effettuati sia come solista che insieme a gruppi nei quali la cantante milito', come Strawbs, Fairport Convention, Fotheringay e The Bunch; i due brani di quest'ultimo gruppo presenti in scaletta erano inediti fino all'uscita di questa raccolta. La scarna strumentazione utilizzata evidenzia il lato splendidamente intimista di Denny, talentuosa compositrice oltreche' grande cantante. Questa la scaletta: The Strawbs & Sandy Denny, ''Who knows where the time goes (acoustic)''; Sandy Denny, ''Milk and honey''; Fairport Convention, ''Now and then (demo)'', ''She moves through the fair (acoustic)'', ''Fotheringay (acoustic)''; Fotheringay, ''The pond and the stream (demo)'', ''Winter winds (demo)'', ''The lowlands of holland (registrazione per la BBC)''; Sandy Denny, ''Wrecthed wilbur (demo)'', ''Late november (registrazione per la BBC)'', ''The north star grassman and the ravens (registrazione per la BBC)'', ''Next time around (registrazione per la BBC)''; The Bunch, ''When will I be loved (demo)'', ''Learning the game (demo)''; Sandy Denny, ''After halloween (demo)'', ''Quiet joys of brotherhood (demo)'', ''The lady (demo)'', ''Bushes & briars (registrazione per la BBC)'', ''The music weaver (demo)'', ''No end (demo – piano version)'', ''Solo (acoustic – registrazione per la BBC)'', ''Like an old fashioned waltz (acoustic – registrazione per la BBC)'', ''The king and queen of england (demo)''; Fairport Convention, ''One more chance (demo)'', ''Sandy's song (demo)''; Sandy Denny, ''No more sad refrains (live on Marc Time)'', ''I'm a dreamer (demo 2)'', ''By the time it gets dark (studio demo)'', ''One way monkey ride (acoustic)'', ''Moments (acoustic)''.
Euro
31,00
codice 3022829
scheda
Denny sandy    I've always kept a unicorn – the acoustic sandy denny
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  island 
rock 60-70
Vinile doppio da 180 grammi, allegato voucher per il download dell'album da internet, copertina apribile, label custom, catalogo 570797-6. Pubblicato nel 2016 dalla Island, questo doppio album e' un condensato vinilico della bella raccolta pubblicata nello stesso anno su doppio cd, sempre dalla Island; la versione in vinile contiene solo cinque brani in meno rispetto ai quaranta di quella in cd. ''I've always kept a unicorn'' e' un viaggio attraverso il lato acustico della musica della grande cantante folk rock inglese Sandy Denny (1947-1978), e compila brani demo, outtakes da sessioni in studio e registrazioni per la BBC degli anni '60 e '70, effettuati sia come solista che insieme a gruppi nei quali la cantante milito', come Strawbs, Fairport Convention, Fotheringay e The Bunch; i due brani di quest'ultimo gruppo presenti in scaletta erano inediti fino all'uscita di questa raccolta. La scarna strumentazione utilizzata evidenzia il lato splendidamente intimista di Denny, talentuosa compositrice oltreche' grande cantante. Questa la scaletta: The Strawbs & Sandy Denny, ''Who knows where the time goes (acoustic)''; Sandy Denny, ''Milk and honey''; Fairport Convention, ''Now and then (demo)'', ''She moves through the fair (acoustic)'', ''Fotheringay (acoustic)''; Fotheringay, ''The pond and the stream (demo)'', ''Winter winds (demo)'', ''The lowlands of holland (registrazione per la BBC)''; Sandy Denny, ''Wrecthed wilbur (demo)'', ''Late november (registrazione per la BBC)'', ''The north star grassman and the ravens (registrazione per la BBC)'', ''Next time around (registrazione per la BBC)''; The Bunch, ''When will I be loved (demo)'', ''Learning the game (demo)''; Sandy Denny, ''After halloween (demo)'', ''Quiet joys of brotherhood (demo)'', ''The lady (demo)'', ''Bushes & briars (registrazione per la BBC)'', ''The music weaver (demo)'', ''No end (demo – piano version)'', ''Solo (acoustic – registrazione per la BBC)'', ''Like an old fashioned waltz (acoustic – registrazione per la BBC)'', ''The king and queen of england (demo)''; Fairport Convention, ''One more chance (demo)'', ''Sandy's song (demo)''; Sandy Denny, ''No more sad refrains (live on Marc Time)'', ''I'm a dreamer (demo 2)'', ''By the time it gets dark (studio demo)'', ''One way monkey ride (acoustic)'', ''Moments (acoustic)''.
Euro
31,00
codice 2078488
scheda
Derek and the dominoes    layla and other assorted love songs
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  polydor 
rock 60-70
Ristampa ufficiale del 2015, pressoche' identica alla prima tiratura del 1970, doppio album con copertina apribile. Pubblicato nel novembre del 1970 in USA e nel gennaio del 1971 in UK, non entrato nelle classifiche inglesi e giunto al numero 16 di quelle americane. Il primo album. L'unico lavoro in studio della band di Clapton, Jim Gordon e Duane Allman, sara' seguito nel gennaio del 1973 dal live ''Derek and the Dominoes in Concert''. Registrato da Clapton dopo la sua fuoriuscita dai Blind Faith, e' per molti il suo capolavoro assoluto, in cui il dualismo delle chitarre di Clapton e Duane Allman scrive una delle pagine piu' gloriose del decennio. Composto durante il periodo dell' innamoramento per la moglie dell'amico George Harrison, per la quale compome ''Layla'', e' album potente e intensissimo, contiene, tra gli altri brani, assoluti masterpieces quali ''Have you ever loved a woman'', ''Nobody knows you'', ''Anyday'', ''Why does love got to be so sad ?'', ''Thorn tree into the garden''.
Euro
25,00
codice 2087997
scheda
Distorted pony    Instant winner
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1994  trance syndicate 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
prima molto rara stampa USA, copertina ruvida fronte retro, ancora incellophanata, ma con leggeri schiacciamenti sugli angoli a sinistra della copertina, senza barcode e fabbricata come tutte le copie in Canada, inserto con foto e testi, label bianca con disegno equino celeste sullo sfondo, scritte celesti lungo il bordo e logo Trance Syndicate celeste in basso, catalogo TR22. Pubblicato dalla Trance Syndicate nel 1994, dopo "Punishment room" (1992), questo è il secondo ed ultimo album della band californiana, che si era già sciolta nel 1993, prima della sua uscita; inciso ancora una volta con Steve Albini, l'album è sintesi di furiose e drammatiche parti vocali, vicine allo hardcore ed al post-hardcore, le devastanti partiture chitarristiche, che intrecciano la rabbia HC punk con lo stridore del noise rock, ed una martellante sezione ritmica, figlia della violenza sonora stoogesiana, il tutto immerso in atmosfere oscure ed ossessive che si riflettono anche nei testi. Un album poco conosciuto, ma che la critica ha più volte indicato come l'opera migliore e compiuta della band. Formati nel 1986 a Los Angeles dalla bassista Dora Jahr e dal chiatrrista/cantante David Uskovic, i Distorted Pony sviluppano un post punk che riesce a miscelare noise, industrial e goth rock, spesso accostato ai Big Black e talvolta ai Cop Shot Cop. Dopo anni di gavetta e diversi avvicendamenti nel ruolo del batterista, emergono nel 1992 con un 7", "Angel on a haug/Concrete bruises", e con un 12" Ep, "Work makes freedom", che precedono l'album debutto "Punishment room" (1992) e il secondo "Instant winner" (1994), quest'ultimo uscito dopo che il gruppo si era già sciolto.
Euro
30,00
codice 331558
scheda
Earth and fire    Earth and fire (Uk sleeve)
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1971  akarma 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2019, in vinile pesante, con copertina cartonata apribile lucida con barcode, con parti traforate "die cut" sul fronte, pressoche' identica alla prima rarissima tiratura inglese del disco su Nephenta, realizzata dal grande Roger Dean e completamente diversa da quella olandese, label del lato A senza indirizzo e-mail della Akarma, catalogo AK384. Originariamente pubblicato in Olanda su Polydor nel 1970 ed in Gran Bretagna su Nephenta nel 1971 con copertina diversa (disegnata da Roger Dean), questo e' il primo album eponimo degli Earth & Fire, uscito prima di ''Song of the marching children'' (1971). Il gruppo olandese propone in questo esordio un hard rock con tocchi progressivi e pop: il canto di Jerney Kaagman somiglia molto a quello di Grace Slick, intenso ed aggressivo, mentre la musica del gruppo e' qui principalmente hard rock melodico, contraddistinto da chitarre ruvide ed una batteria potente, che in momenti piu' quieti si stempera nel progressivo ed in un pop con toni flower power. Autori di alcuni dei piu' considerati album del rock progressivo europeo, gli olandesi Earth & Fire esordiscono su lp nel 1970 con il primo album eponimo, uscito con due diverse e suggestive copertine in Olanda e Gran Bretagna (quella inglese fu disegnata da Roger Dean): l'album e' ancora legato allo hard rock ed al pop flower power, ma lascia intravedere i futuri sviluppi progressivi del gruppo, guidato dal vivace canto di Jerney Kaagman, quasi una Grace Slick olandese da un punto di vista stilistico. I successivi ed apprezzati ''Song of the marching children'' (1971) e ''Atlantis'' (1973) sono invece collocati nell' ambito del rock progressivo, con lunghe ed ambiziose suite. I lavori successivi si orientano verso il pop.
Euro
26,00
codice 244044
scheda
Easton sheena    Madness, money and music
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1982  emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, prima stampa italiana, con la scaletta dei brani identica a quella inglese (quindi con due brani in più ed ordine dei pezzi diverso rispetto a quella USA), copertina senza barcode, label giallo crema con scritte rosse lungo il bordo e nere al centro, nome autrice stilizzato in nero in alto, logo EMI rosso e giallo crema in basso, catalogo 3C 064-07 666, date sul trail off 14/9/82 e 21/9/82. Pubblicato nel 1982 dalla EMI nel Regno Unito, dove giunse al 44esimo posto in classifica, e dalla EMI America negli USA, dove arrivò alla 85esima posizione della classifica billboard 200, il terzo album della cantante scozzese, successivo a ''You could have been with me'' (9/81) e precedente "Best kept secret" (1983). Prodotto da Christopher Neil con molta cura per i dettagli, l'album offre ancora una volta una pop music frizzante, solare e soave, sexy ma con molta leggerezza, fra episodi ballabili e relativamente vivaci ma mai scatenati, e languide ballate. L'album questa volta non fruttò nessuna grande hit a 45 giri per la cantante, con la sola "Machinery" ad entrare nella top 40 britannica ed a fare capolino nella billboard hot 100 americana, alla 57esima posizione. Cantante scozzese che ebbe il suo periodo di maggior successo negli anni '80, Sheena Easton lanciò la sua carriera partecipando al programma televisivo della BBC ''The big time: pop singer'' fra il 1979 ed il 1980: attirò l'attenzione della EMI che la mise presto sotto contratto, pubblicando all'inizio del 1980 il suo primo singolo ''Modern girl'', giunto all'ottavo posto in classifica in patria. Il secondo 45 giri ''9 to 5 (aka morning train)'', uscito nel maggio del 1980 nel Regno Unito e nel febbraio del 1981 negli USA, fece sfracelli, arrivando al terzo posto nella classifica inglese ed addirittura in vetta alla billboard hot 100 americana. Questi successi la resero una tipica diva della musica pop mainstream degli anni '80, dalla sensualità elegante e patinata.
Euro
15,00
codice 331538
scheda
Edgar broughton band    Sing brother sing
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  timeless 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1970, con copertina apribile e vinile pesante. Il secondo album, uscito dopo ''wasa wasa'' e prima di ''edgar broughton band'', e' sicuramente il loro lavoro piu' celebre, nonche' uno dei monumenti dell'underground inglese. E' durante il tour di questo album infatti, che il gruppo trovera' la sua celebrazione, suonando live ''out demons out'', inno senza rivali del movimento hippie inglese, in una leggendaria apparizione al festival di Glastombury nell'estate del 1971 in una versione lunghissima con gruppo e pubblico in preda alle sostanze psycotrope piu' potenti che si potessero trovare. Gruppo anarcoide ed underground per eccellenza, nobili dei bassifondi londinesi, sempre pronti ad aderire a cause perse ed ad esibirsi gratuitamente, sono stati, con il loro blues progressive tinto di hard e sperimentazione spaziale, una vera icona della ribellione sociale sulla scia di Deviants, Pink Faires, ma con connotazioni ancora piu' dure antimilitariste e pacifiste.
Euro
24,00
codice 2088024
scheda
Electric frankenstein    I was a teenage shutdown
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1998  estrus 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, la prima stampa USA, nella versione in vinile nero, copertina lucida fronte retro senza barcode, label verde con scritte nere su di una facciata e con disegno verde e nero sull'altra, catalogo ES1251. Pubblicato nell'ottobre del 1998 dalla Estrus, il quinto album, successivo a "Sick songs" (1997, aka "Action high") ed a "Rock'n'roll monster" (1997, uscito solo in Australia), e precedente "How I rose from the dead" (11/98), della prolifica punk band americana. Sal Canzonieri ed i suoi ci offrono qui nove assalti di punk rock stradaiolo, registrati dal vivo presso la stazione radiofonica WFMU, per il Pat Duncan Show, il 25 aprile del 1996. Un pezzo tirato dietro l'altro, "I was a teenade shutdown" si muove fra gli Stooges di "Raw power", i New York Dolls più aggressivi ed il più recente punk rock di gruppi come i New Bomb Turks, stradaiolo, anthemico e molto aggressivo. Formati all'inizio degli anni '90 dai fratelli Sal (voce) e Dan (basso) Canzonieri, questi Electric Frankenstein, dal New Jersey, sono una longeva e dirompente formazione dedita ad un punk rock di strada che mostra orgogliosamente le sue influenze anni '70, dal proto punk degli Stooges ai New York Dolls più duri, producendo una musica tirata, molto adrenalinica ed anthemica (simile a gruppi della loro generazione come i New Bomb Turks), proposta attraverso un'innumerevole serie di album, eps e singoli, che ancora il gruppo continua a sfornare nei primi decenni del XXI secolo. Nel corso della lunga storia, unico membri fisso della formazione è stato il cantante Sal Canzonieri, accanto al quale si sono avvicendati numerosi compagni.
Euro
23,00
codice 331563
scheda
Etron fou leloublan    Live at the rock in opposition festival, 1978 – new london theatre
Lp [edizione] nuovo  stereo  fra  1978  replica 
rock 60-70
Vinile da 180 grammi, copertina apribile senza codice a barre, label nera con scritte bianche e rosse, logo Replica bianco e nero in alto, catalogo RPC012. Pubblicato nel 2015 dalla Replica, questo album offre registrazioni dal vivo fino ad allora INEDITE, di un concerto dato dal gruppo francese presso il festival Rock In Opposition, al New London Theatre di Londra, il 12 marzo del 1978. Era l'anno del loro secondo album in studio ''Les trois fou's perdegagnent'', lavoro che la critica considera più maturo rispetto all'esordio, con il gruppo maggiormente consapevole dei propri mezzi, ma sempre teso ad una musica ostica e dissonante, libera da qualsiasi etichetta, che fonde free jazz, free rock, dadaismo, nonsenso, anarchia e collage sonori. Questo approccio si manifesta anche sul palco del New London Theatre, con una musica che abbina un groove sbilenco ed imprevedibile, degno del miglior Captain Beefheart, con un cantato declamato e graffiante, poco propenso alla melodia. Questa la scaletta: ''P.O.I. (Pourrissement des Organes Interieurs)'', ''Sololo brigida'', ''Nave de bilande'', ''La fleuve et le manteau'', ''Face à l'extravagante montée des ascenseurs, nous resterons fidèles à notre calme détermination'', ''Percutant reportage au pays des fées''. Band transalpina fra le più importanti del movimento ''Rock In Opposition'' francese, gli Etron Fou Leloublan sono stati autori fra la seconda metà degli anni '70 e la prima metà del decennio successivo di una musica con riferimenti al jazz ed all'avanguardia, largamente improvvisata in un clima anarcoide, dadaista e noise, portando l'esperienza di ''Trout Mask Replica'' di Captain Beefheart e quella degli Henry Cow di ''Leg End'' alle estreme conseguenze. I loro album sono certamente da annoverare fra i più interessanti reperti dello underground musicale europeo militante e non allineato.
Euro
20,00
codice 2088032
scheda
Fallen angels    it's along way down (gatefold sleeve)
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1968  roulette 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa degli anni 2000, con copertina lucida apribile senza codice a barre, etichetta gialla e arancio; rarissimo nella sua originaria edizione su Roulette, il secondo ed ultimo album di una delle band piu' amate della scena psichedelica americana. Provenienti dai dintorni di Washington D.C., attivi sin dal '65 con il nome prima di Disciples poi di Uncalled Four, avevano realizzato due singoli su etichetta Laurie nel '66, prima di approdare alla Roulette per la quale riuscirono a pubblicare i loro due albums; se gia' il primo ne rivelava l' indubbio talento nel dar vita ad episodi di superba fattura compositiva, caratterizzati da efficaci influenze inglesi, questo secondo album si rivela il suo ideale e splendido seguito, assai piu' personale ed avventuroso nell' approccio compositivo (si apre qua' e la' all' influenza di certo folk inglese, addirittura con notevoli "premonizioni" progressive), con un' approccio fortemente psichedelico che non fa piu' parte soltanto della forma di cui i brani sono rivestiti, ancora una volta suggestiva per i ricchi ed imprevedibili arrangiamenti che la contraddistinguono, ma costituisce una parte essenziale del tessuto ispirativo del gruppo. Le affinita' occasionali dei brani con i Kaleidoscope inglesi, i Left Banke, i Beacon Street Union o l' Eric Burdon di "Winds of change" valgano come un indirizzo di massima, "It's A Long Way Down" e' un disco di grande originalita' e bellezza. Un peccato che la band non abbia proseguito (a dire il vero una reunion ha fruttato un discreto disco, ma solo nel 1998...).
Euro
25,00
codice 244021
scheda
Focus    At the rainbow (ltd. yellow vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, edizione limitata in 500 copie, numerate sul retro, in vinile giallo, copertina non apribile, corredata di inserto con foto. Pubblicato in Inghilterra nell' ottobre del 1973 dopo ''Focus three'' e prima di ''Hamburger concerto'', giunto al numero 23 delle classifiche Uk e non entrato in quelle Uk. Il quarto album. Si tratta del famoso live registrato il 5 maggio 1973 al Rainbow Theatre di Londra , considerato unanimemente dalla critica come il lavoro che meglio rappresenta il progressive di matrice classica ma basato sulla chitarra elettrica della band olandese, nel repertorio del concerto molti dei loro brani piu' celebri, di cui di seguito diamo la scaletta- Focus 3, Answers? questions? answers, Focus 2, Eruption orfeus 1 answer 2 orfeus3 answer 4 pupilla 5 tommy 6 pupilla 7, Hocus Pocus, Sylvia, Hocus Pocus reprise. Uno dei gruppi piu' famosi della storia del rock olandese, i Focus si formarono nel 1969 come trio; verso la fine dell'anno si uni' a loro il talentoso chitarrista Jan Akkerman, destinato ad avere un ruolo di rilievo nell'alchimia musicale della band, insieme al tastierista e flautista Thijs Van Leer. Alcuni degli album della band godono di alta considerazione nell'ambito del rock progressivo, in particolare ''3'' (1972), un disco celebratissimo con il suo variegato prog rock dall'alto tasso tecnico.
Euro
25,00
codice 3022834
scheda
Foley ellen    Nightout
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1979  epic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good punk new wave
Copia con diversi segni di usura sulla copertina, prima stampa italiana, copertina senza barcode, inner sleeve con foto in bianco e nero, label Epic blu, catalogo EPC83718, data sul trail off 22/10/79, timbro Siae del terzo tipo, in uso dal 1978/79, con marchio Siae che non ne occupa piu' l' intero cerchio centrale. Pubblicato nel 1979 dalla Epic in Gran Bretagna e negli USA, il primo album solista, precedente ''Spirit of st. Louis'' (1981). Prodotto ed arrangiato dal grande Mick Ronson (gia' collaboratore e chitarrista di David Bowie ai tempi del glam rock) e da Ian Hunter, ex frontman dei Mott The Hoople, l'album contiene principalmente covers di diversi autori (fra cui ''Stupid girl'' dei Rolling Stones e ''Thunder and rain'' di Graham Parker), ma anche un paio di originali scritti dalla Foley con Fred Goodman. La voce molto enfatica e teatrale di Ellen viene accompagnata da arrangiamenti epici e pomposi a tratti, basati principalmente su di un pop rock melodico ed accessibile, ma Ronson, che cura anche gli arrangiamenti degli archi, riesce con il suo talento a dare un tocco di stile ad un sound che altrimenti scadrebbe decisamente nel kitsch; un paio di episodi, come la cover di ''Stupid girl'' e l'originale ''Hideaway'', hanno un'anima piu' rockettara e muscolare e sono fra gli episodi piu' interessanti, cosi' come la bella ballata pianistica ''Don't let go'', scritta da Ian Hunter. Ellen Foley, attrice e cantante americana, dopo aver collaborato con Meat Loaf nell'album "Bat out of hell" (1977) pubblica tre album di pop rock melodico con derive dance "Nightout" (1979, prodotto da Mick Ronson e Ian Hunter), "Spirit of St. Louis" (1981, prodotto da Steve Jones dei Clash, allora compagno della Foley) e "Another breath" (1983). La sua voce e' presente anche nel brano dei Clash "Hitsville UK", sull'album "Sandinista".
Euro
10,00
codice 244057
scheda
Gang gang dance    Gang gang dance
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2004  fusetron 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
Prima stampa USA, copertina cartonata apribile e senza codice a barre (qui applicato in forma adesiva sul retro), inserto con note e foto in bianco e nero in carta formato 11'', label nera con uniche scritte Gang e GNBG in bianco, una per facciata, catalogo FUSETRON032. Pubblicato nel 2004 dalla Fusetron, questo è l'eponimo album d'esordio dei Gang Gang Dance, precedente ''Revival of the shittest'' (9/2004). Il gruppo americano presenta qui il suo ossessivo e bizzarro mix di elettronica, sperimentazione strumentale e vocale, rumorismo ed abrasivo indie rock. Un lavoro indubbiamente ostico che si colloca fra rock ed avanguardia. Formatisi a New York nel 2004, i Gang Gang Dance sono un quartetto di rock sperimentale, che fa uso di elementi elettronici, noise e primitivismo sonoro, collocandosi al di là dei canoni rock o pop e rasentando la musica sperimentale. Il loro primo lp eponimo esce nel 2004 su Fusetron, quindi entrano nella scuderia Social Registry, che pubblica i loro successivi lavori ''Revival of the shittest'' (2004), ''God's money'' (2005) e ''Saint dymphna'' (2008).
Euro
25,00
codice 331546
scheda
Garybaldi    Nuda
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1972  vinyl magic / btf 
rock 60-70
Ristampa in vinile pesante, con copertina lucida senza codice a barre, apribile in tre, pressoche' identica alla prima molto rara tiratura. Pubblicato originariamente in Italia dalla CGD, ''Nuda'' e' il primo album dei ''Garybaldi'', precedente a ''Astrolabio'' (1973). Impreziosito dalla splendida copertina disegnata da Guido Crepax, il primo album del gruppo genovese presenta un hard rock progressivo dominato dalla chitarra hendrixiana di ''Bambi'' Fossati, attraverso lunghi brani che passano da aggressivi hard blues progressivi a momenti piu' rarefatti e spaziali, che riportano alla mente lo Hendrix di ''1983'' ed altri piu' delicati e malinconici, sulla scia di ''Little wing'' del grande Jimi. I Garybaldi, provenienti da Genova, nascono nel 1971 dai Gleemen, altra formazione genovese attiva dal 1965 ed autrice di un album eponimo nel 1970. Lo stile del gruppo si differenzia da quello della maggior parte dei gruppi prog italiani del periodo per la presenza di forti elementi hard rock. Il primo album del nuovo gruppo esce nel 1972 con il titolo ''Nuda'' e presenta una suggestiva copertina ad opera del fumettista Guido Crepax, autore della celebre ''Valentina''. Il gruppo propone un hard rock chitarristico che si fonde con il progressivo, con la potente chitarra di ''Bambi'' Fossati in evidenza. Il successivo ''Astrolabio'' esce nel 1973 dopo un cambiamento di organico: l'album si compone di due lunghe suite fra rock progressivo, Pink Floyd ed hard rock. Il gruppo si scioglie verso la fine del 1973 e Fossati da' vita ad una nuova formazione, i Bambibanda e Melodie, autori di un album eponimo nel 1974.
Euro
23,00
codice 3022851
scheda
Gasoline (japan)    Gasoline
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1997  estrus 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, la prima stampa USA, nella versione in vinile nero, copertina lucida fronte retro senza barcode, label gialla con scritte rosse e gialle, catalogo ES1243. Pubblicato nel 1997 dalla Estrus, il primo album, precedente "Fake to fame" (2001). Prodotto da Tim Kerr, uno dei protagonisti del punk rock texano, e registrato agli Egg Studios di Seattle, il debutto a 33 giri del gruppo giapponese è uno sferragliante, sgangherato ma furiosamente inesauribile assalto sonico che corre sul binario doppio dello hardcore punk pià stradaiolo e del garage blues più aggressivo e graffiante, sostenuto da ritmi martellanti e tirati, guidato da un cantato ruvidissimo ed animalesco, chiaramente figlio del primo Iggy Pop, e da un sound chitarristico roboante e grezzo, propenso alla distorsione con il feedback. Pochi brutali accordi, uno spirito rock'n'roll e tanta aggressività sono la sintesi di "Gasoline". Questo trio giapponese proveniente dalla città portuale di Yokkaichi propone dalla seconda metà degli anni '90 uno sferragliante e sguaiato ibrido fra punk rock stradaiolo e garage blues, suonato con molta ferocia e trasporto selvaggio e pochi brutali accordi, vicino a gruppi come i primissimi Jon Spencer Blues Explosion, influenzato dagli Stooges e dal garage punk più duro, che i tre nipponici portano alle estreme conseguenze. Debuttano su disco nel 1997 con alcuni singoli e con un eponimo album pubblicati, guarda caso, dalla americana Estrus.
Euro
19,00
codice 331564
scheda
Gaynor gloria    I kinda like me
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1981  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Copia ancora incellophanata, prima stampa italiana, copertina senza barcode, label rossa con scritte bianche lungo il bordo in basso e nere al centro, logo Polydor bianco e nero in alto, catalogo 2391 514, data sul trail off del lato A 21/6/81. Pubblicato nel 1981 dalla Polydor, non entrato in classifica nel Regno Unito né negli USA, il nono album in studio, successivo a "Stories" (1980) e precedente "Gloria gaynor" (1982). Terminata la collaborazione con il produttore Dino Fekaris, che aveva curato la produzione dei tre album precedenti, la Gaynor si fa qui produrre da Gene McFadden, John Whitehead e Jerry Cohen, proponendo un lavoro di transizione che ancora presenta elementi di disco music (come gli arrangiamenti di archi in alcuni brani ed il groove dinamico e ballabile), accanto alle immancabili tinte soul, qui almeno in parte proiettate verso le sonorità anni '80, ma non del tutto slegate dai '70 appena trascorsi. L'album, uscito ormai nella fase crepuscolare della disco music, fu un fiasco commerciale così come i singoli che ne furono tratti, ma la cantante ha ancora una voce bellissima e vellutata in questi solchi. Gloria Gaynor è una delle più conosciute cantanti disco dei '70, forse seconda solo a Donna Summer. Nata Gloria Fowles nel '49 a Newark, NJ, la cantante, che inizia a chiamarsi Gloria Gaynor solo dai primi anni '70, canta all'inizio in un oscuro gruppo di r'n'b dal nome Soul Satisfiers. Viene scoperta da Clive Davis della MGM (in seguito a capo della Arista). Incide così il primo album ''Never can say goodbye'' (1975) che, oltre ad ottenere un grande successo con la title track, costituisce il primo esempio di album stampato principalmente per essere passato nei disco clubs, qualità messa in evidenza dal fatto che non esiste tra le canzoni alcuno stacco ed i pezzi sono mixati l'uno di seguito all'altro. Nel '78 la Gaynor diventerà la regina della disco-music con "I will survive", pezzo contenuto nell'album ''Love Tracks'' stampato dalla Polydor, ricevendo nel 1980 il primo "Grammy Award for Best Disco Recording".
Euro
18,00
codice 331535
scheda
Gaznevada    Sick soundtrack
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1980  italian records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Prima rara stampa italiana, copertina (con moderati segni di invecchiamento) senza barcode, inner sleeve con testi su di un lato e con scritte in giapponese sull'altro, label bianca con scritte nere, logo Italian Records rosso in alto, disegno di volto con un occhio verde ed uno rosso a destra, catalogo EXIT905. Pubblicato nel 1980 dalla Italian Records, dopo la musicassetta d'esordio ''Gaznevada'' (1979) e prima del secondo lp ''Psychopatico party'' (1983), questo e' il primo album dello storico gruppo bolognese attivo dal 1978 e nato dalle ceneri del Centro d'Urlo Metropolitano. Un disco rarissimo e storico, che rappresenta il punto di partenza di tutta la new wave italiana, con il gruppo qui impegnato nella propria personalissima interpretazione di influenze quali Devo, Talking Heads e Gang of Four. Avranno un effimero ma significativo successo commerciale con successive realizzazioni molto piu' "fruibili", ma il loro ruolo nella storia dell'underground italiano, insostituibile, e' legato a queste prime pionieristiche realizzazioni: brani come la durissima ''Now i want to kill you'' ci fanno capire subito che e' di un altro gruppo che stiamo parlando.
Euro
40,00
codice 244068
scheda

Page: 3 of 9

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9  ---»
Pag.: oggetti: