Hai cercato:  immessi ultimi 30 giorni --- Titoli trovati: : 908
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 37  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
Allen tony and africa 70    Progress
Lp [edizione] nuovo  stereo  fra  1977  comet (fra) 
soul funky disco
Copertina cartonata. Ristampa del 2020 ad opera della francese Comet, pressoché identica alla assai rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1977 dalla Coconut in Nigeria, il secondo album di Tony Allen, accompagnato come nel primo dagli Africa 70, successivo a "Jealousy" (1975) e precedente a "No accomodation for lagos" (1979). Come il primo album, anche questo "Progress" fu prodotto da Fela Kuti, che vi suona anche il sassofono tenore ed il piano, ed inciso insieme ai grandi Africa 70; sempre come il primo lp, anche questo disco contiene due soli lunghi brani, che si aggirano sui dieci / undici minuti di durata, la title track e "Afro disco beat", episodi che distillano una volta di più il meglio dello afrobeat del quale Allen e Kuti furono fra i massimi architetti: ritmiche ballabili e dinamiche, ma anche ricchissime di sfumature e molto raffinate, che sostengono un funk ipnotico e torrido al tempo stesso, con potenti arrangiamenti di ottoni che in alcuni passaggi si lanciano in assoli di ispirazione jazz, in particolare il sax. Esponente di spicco della musica nigeriana, Tony Allen (1940-2020) è stato per molti anni, in qualità di batterista degli Africa 70 di Fela Kuti, uno dei maggiori contributori allo sviluppo dello afrobeat, stile musicale in cui le influenze soul e funk provenienti dagli USA si fusero con le melodie ed i complessi ritmi della musica africana, prendendo piede principalmente nella Nigeria degli anni '70 e poi affermandosi a livello internazionale. Allen è un musicista eclettico, che ha sperimentato le sue concezioni con stili etnici diversi come con il dub e lo hip hop. Il suo primo album come leader, ''Jealousy'', uscì nel 1975 e segnò l'inizio di una carriera solista che prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo.
Euro
29,00
codice 3513100
scheda
Alo girl / last rape    Alo girl last rape
Lp [edizione] originale  stereo  ita  2009  urashima 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
L' originale stampa, pressata in sole 120 copie numerate sul retro copertina in basso a destra (questo esemplare il numero 29 / 120), copertina "texture" senza barcode, inserto formato A4 con artwork a colori e note, label neutra grigia scura, quasi nera, catalogo UMA006 inciso sul trail off. Pubblicato nel luglio del 2009 dalla italiana Urashima, l'album split fra Alo Girl e Last Rape, due progetti legati al noise radicale. Alo Girl è una creatura dell'italiano Cristiano Renzoni, il direttore della label Urashima, e qui propone "Dedicate to susan", sedici minuti in cui quelli che sembrano campionamenti da colonne sonore filmiche, organizzati in modo da assumere un andamento circolare ed ipnotizzante, vengono stravolti e torturati da aggressivi assalti di noise estremo; Last Rape è formato dagli americani Sean Matzus e Richard Ramirez, prolifici veterani di musica noise e sperimentale sulla scena da fine anni '80 con tantissimi progetti, e qui propongono una lunga traccia di quindici minuti, "Gathering the pieces", riconducibile allo allo Harsh Noise Wall (HNW), un filone della musica noise che si caratterizza per la costruzione di "muri sonori" rumoristi che presentano un suono costante, che non cambia quasi mai, nemmeno con microvariazioni, per durate temporali relativamente lunghe; il "white noise" è una materia frequentemente usata, ma non esclusivamente, dagli autori di musica HNW, la quale può assumere, accanto a manifestazioni aggressive ed urticanti, anche un suono meno graffiante, composto da semplici reiterazioni di scoppiettii e crepiti.
Euro
23,00
codice 332509
scheda
Alternative tv    Vibing up the senile man
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1978  deptford fun city 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa inglese, copertina (con diversi segni di invecchiamento) senza barcode, label bianca e azzurra Deptford Fun City, con logo in alto ''Deptford fun city records'' in azzurro sulla prima facciata ed in bianco sulla seconda, catalogo DLP 03. Pubblicato nel dicembre del 1978 dalla Deptford Fun City in Gran Bretagna, questo e' il secondo album degli Alternative TV, successivo a ''The image has cracked'' (1978) e precedente ''Strange kicks'' (1981). Un disco gia' lontanissimo dal punk rock degli esordi, che approfondisce l' aspetto piu' sperimentale ed ostico della musica della band, con brani prossimi alle sperimentazioni industriali dei Throbbing Gristle, non a caso ne sara' significativa testimonianza la partecipazione di Genesis P.Orridge. Un disco difficile ed ostico, che non ammette ascolti distratti e superficiali che sicuramente non potra' deludere anche gli amanti della musica di ricerca e sperimentale. Mark Perry e' figura principe animatrice del punk anglosassone autore della prima, piu' influente e anche piu' venduta fanzines, la storica Sniffin' Glue, scritta, impaginata, stampata e distribuita artigianalmente a partire dall'estate del 1976 (grazie anche all'aiuto della Rough Trade e di altre strutture indipendenti) dal giovane e disoccupato londinese Mark Perry. A differenza della conformista stampa musicale ufficiale, dalle pagine della sua rivista Perry incensava o maltrattava senza peli sulla lingua i gruppi punk del momento, che aveva modo di seguire e studiare da vicino, promuovendo fra grezzi collages e montaggi neo-dadaisti efficaci slogan del tipo "eccovi tre accordi, ora formate un gruppo musicale", o incitando i lettori a fondare le loro fanzines (appello che in molti non si fecero ripetere due volte). Nel punk ogni scioccante "rivolta nello stile" si e' bruciata e consumata con enorme rapidita', dopo poco piu' di un anno Perry fondava egli stesso un gruppo rock, gli Alternative TV, il cui singolo di esordio era allegato all'ultimo numero di Sniffin' Glue. Le realizzazioni degli Alternative TV sono tra le piu' atipiche, se non seminali e fondamentali , di tutto il movimento punk e post-punk anglosassone.
Euro
17,00
codice 246533
scheda
Alternative tv / here and now    What you see...is what you are
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1978  deptford fun city 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
La rara prima stampa inglese con copertina (con giusto assai lievi segni di invecchiamento) senza codice a barre, catalogo DLP02, label blu e bianca con case sullo sfondo e scritte nere. Pubblicato nel dicembre del 1978 dalla Deptford Fun City, il raro split album registrato dal vivo e realizzato dalla band del grande Mark Perry, il teorico della scena punk inglese con la sua storica fanzine Sniffin' Glue, con gli Here and Now, qui al loro esordio, gruppo capace di coniugare in modo geniale le spinte più genuinamente artistiche della scena Canterburyana della prima metà dei '70 con l' immediatezza espressiva del punk. Per quanto grezzamente registrato, un disco davvero notevole e rappresentativo come pochi dello stimolante periodo di ricerca di forme espressive che superassero i confini angusti del punk rock, che caratterizzo' felicemente il biennio '78/79. Mark Perry è stato uno dei principali animatori del punk anglosassone: fu autore della prima, più influente e anche più venduta fanzine, la storica Sniffin' Glue, scritta, impaginata, stampata e distribuita artigianalmente a partire dall'estate del 1976 (grazie anche all'aiuto della Rough Trade e di altre strutture indipendenti) dal giovane e disoccupato londinese Mark Perry. A differenza della conformista stampa musicale ufficiale, dalle pagine della sua rivista Perry incensava o maltrattava senza peli sulla lingua i gruppi punk del momento, che aveva modo di seguire e studiare da vicino, promuovendo fra grezzi collages e montaggi neo-dadaisti efficaci slogan del tipo "eccovi tre accordi, ora formate un gruppo musicale", o incitando i lettori a fondare le loro fanzines (appello che in molti non si fecero ripetere due volte). Nel punk ogni scioccante "rivolta nello stile" si è bruciata e consumata con enorme rapidità: dopo poco più di un anno Perry fondava egli stesso un gruppo rock, gli Alternative TV, il cui singolo di esordio era allegato all'ultimo numero di Sniffin' Glue. Le realizzazioni degli Alternative TV sono tra le più atipiche, se non seminali e fondamentali, di tutto il movimento punk e post-punk anglosassone.
Euro
32,00
codice 246532
scheda
Aphex twin    I care because you do
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1995  warp 
indie 90
Ristampa a cura della Warp, vinili 180 grammi, copertina apribile in alto, pressoche' identica all'edizione originale, corredata da coupon per il download digitale, adesivo sul cellophane, del terzo album di Aphex Twin, realizzato originariamente sempre dalla Warp nell'aprile 1995, dopo "Selected ambient works, vol.2" (949 e prima di "Richard D. James album" (96). Considerato uno degli album piu' solidi del musicista elettronico, questo Lp e' una sintesi fra il suo lato piu' aggressivo ed acido e quello piu' atmosferico e meditativo, vicino all'ambient e qui anche al trip hop; l'album e' piu' versato all'ascolto, attraverso ipnotiche e glaciali composizioni strumentali. Non mancano episodi dai ritmi piu' tirati ed dall'atmosfera piu' agitata, che in ogni caso non raggiungono la malevolenza e l'abrasivita' dei primi singoli di Aphex Twin (si vedano ad esempio quelli raccolti in "Classics", 1996). Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e l' ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da "Selected ambient works, vol. 2", altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
28,00
codice 2095454
scheda
Apple    An Apple A Day
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  guerssen 
rock 60-70
Bella ristampa in vinile 180 grammi, pressocche' identica alla prima straordinariamente rara tiratura su Page One, corredata della riproduzione dell' inserto originario a colori, apribile in tre, e con ulteriore inserto con note e foto, copertina senza barcode, flipback sul retro. L' unico album. Uscito nel dicembre del 1968, uno dei piu' ricercati e considerati albums della psichedelia inglese, superba amalgama di psichedelia, freakbeat ed heavy R&B; questo unico album della oscura ma leggendaria band operante tra Cardiff e Londra include anche i primi due 45 giri "Let's Take A Trip Down The Rhine"/"Buffalo Billycan" (Page One POF 101 1968) e "Doctor Rock"/"The Otherside" (Page One POF 110 1968) che sono certamente tra le tracce migliori dell' intero lavoro. Tra i brani le altamente psichedeliche ''The Otherside'' e ''Buffalo Billycan'', mentre piu' pop sono ''Doctor Rock'' e la leggendaria ''Let's Take A Trip Down The Rhine'', belle anche le covers dagli Yardbirds di '' Rock Me Baby'' e ''Psycho Daisies'', oltre a quella dai Lovin' Spoonful' ''Sporting Life'' . Album piu' volte paragonato all' unico degli Open Mind, e' certamente uno dei piu' leggendari artefatti della intera psichedelia inglese.
Euro
25,00
codice 2095485
scheda
Arbouretum    Let it all in (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  thrill jockey 
indie 2000
edizione limitata in vinile colorato, “Let it All in” (2020), decimo disco della band, è stato registrato ai Wrightway Studios insieme a Steve Wright. Scrittura sempre in bilico come sempre tra folk, psichedelia, americana. È rurale, cosmico, sperimentale quest’ultimo album degli Arbouretum. Un viaggio cosmic folk-rock. Gli Arbouretum si formano nel 2002 ad opera del musicista di Baltimora Dave Heumann, già collaboratore di Papa M, Will Oldham, Cass McCombs ed Anomoanon; Heumann raccoglie inizialmente attorno a sè alcuni musicisti fra cui Walker David Teret (già in Anomoanon), David Bergander (poi sostituito da Mitchell Feldstein, già nei Lungfish) e Rob Girardi. Il gruppo incide e pubblica nel 2004 il primo album "Long live the well-doer" e nel 2007 il seguito "Rites of uncovering". Succedono poi "Song for the pearl" (09) e "The gathering" nel 2011. Gli Arboretum propongono un indie rock dalle sonorità influenzate dal rock blues acido dei Grateful Dead dei primi anni '70 e dell'ultimo Hendrix, a cui si unisce un approccio emotivo che li ha fatti accostare a Will Oldham, mentre il canto ed i testi di Heumann hanno riferimenti letterari e ''proto religiosi'' come lui stesso ha detto. Altri riferimenti più recenti possono essere Black Mountain, Pink Mountaintops ed i Lungfish piu' quieti e meditativi.
Euro
30,00
codice 2094912
scheda
Arcade fire    The suburbs
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2010  merge 
indie 2000
Copertina lucida apribile con scritte band e titolo in rilievo sul retro, completa di inner sleeves con testi e crediti, etichette fotografiche, senza barcode, doppio Lp, pubblicato dalla Merge nell'estate 2010, dopo "Neon bible", il terzo album della band canadese. Lavoro ricco di brani (16 per un'ora di musica), piu' etreogeneo rispetto ai precedenti album, con pezzi slegati, che comunque, presentano il tipico suono Arcade, chitarre taglienti, i cui arrangiamenti sono curati da Owen Pallet, voci pulite e crescendo corali, con una maggior presenza di sintetizatori. Le atmosfere sono piu' rilassate rispetto alla tensione malinconica dei primi due albums, descrivono infatti i sobborghi e le periferie urbane evocate dal titolo; i riferimenti sono un mix fra Neil Young, Depeche Mode, Television e New Order, con rimandi anche a Bon Iver e allo Stesso Owen Pallet. Guidati dalla coppia Win Butler-Regine Chassagne, gli Arcade Fire propongono gia' dal primo album "Funeral", una musica intensa ed autunnale, in equilibrio tra indie-rock e post punk, contraddistinta da un pathos pervaso di romanticismo e da un suono pieno ed energico, con pianoforte e chitarre distorte in evidenza. Hanno ottenuto un forte consenso di critica e di pubblico e hanno condiviso le scene con personaggi del calibro di David Bowie e U2.
Euro
29,00
codice 2095159
scheda
Area    tic & tac
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1980  vinyl magic 
rock 60-70
Ristampa in vinile pesante, pressoche' identica alla prima tiratura del 1980, copertina ruvida senza barcode, etichetta "Ascolto" fotografica marrone chiaro con due volti all' esterno e scritte rosse e nere. Pubblicato in Italia nel maggio del 1980 dopo ''Event 76'', il nono album. Ovviamente senza piu' il compianto Demetrio Stratos, e come prevedibile quasi interamente strumentale, l' ultimo capitolo del piu' importante gruppo italiano del decennio appena trascorso, registrato in pieno territorio jazz da Fariselli, Capiozzo e Tavolazzi, e' questo un lavoro esclusivamente strumentale concepito nel periodo in cui il gruppo si dedica alla realizzazione delle colonne sonore degli spettacoli teatrali di ''Gli Uccelli'' con la regia di Meme' Perlini e del ''Tristano ed Isotta'' della cooperativa nuova scena. Gli Area si formano a Milano nel 1971 con membri dei Califfi, Ribelli e trascorsi jazz; prendono il mome da Allen Ginsberg. Dopo alcuni concerti come spalla ai gruppi inglesi in tour in Italia, pubblicano una serie di album unici nella storia della penisola, con fortissime connotazioni politiche e brani fra sperimentazione e jazz rock, con la sorprendente voce di Stratos in grande rilievo ed alla ricerca di nuove forme di espressione vocale; divengono in breve il principale gruppo italiano alternativo e pubblicano sei album in studio e due dal vivo.
Euro
25,00
codice 2095476
scheda
Armaggedon (germany)    Armaggedon
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  missing vinyl 
rock 60-70
Ristampa in vinile da 180 grammi, copertina senza codice a barre, pressoche' identica alla prima molto rara tiratura del 1970. Originariamente pubblicato in Germania dalla Kuckuck, questo e' l'unico raro album dei tedeschi (basati a Berlino) Armaggedon, gruppo da non confondere con la quasi omonima formazione inglese (Armageddon) in cui militava Keith Relf degli Yardbirds a meta' anni '70. Il quartetto tedesco realizza qui un rock progressivo in larghissima parte strumentale, con lunghi brani che lasciano spazio ad estesi assoli di chitarra, e svariando fra episodi piu' sognanti e spaziali che talvolta ricordano i Pink Floyd di quel periodo, con altri brani piu' duri e potenti, in cui il prog si mescola con sporco hard rock ed hard blues. Fra i brani troviamo anche due cover: ''Rice pudding'' del Jeff Beck Group e ''Better by you, better than me'' degli Spooky Tooth. Il chitarrista Frank Diez, leader del gruppo, sara' poi attivissimo, tra gli altri con gli Atlantis.
Euro
26,00
codice 3024748
scheda
Arnalds olof    Innundir skinni
Lp [edizione] nuovo  stereo  Uk  2010  one little indian 
indie 2000
Copertina lucida apribile, etichetta rosa con disegni geometrici rossi, grigi e celesto e scritte rosse e nere, Lp pubblicato dalla One Little Indian nel settembre 2010, dopo "Vio Og Vio" (07), il secondo album della cantante/musicista islandese. Prodotto da Kjartan Sveinsonn (Sigur Ros), al lavoro con la Arnalds anche nell'Lp debutto, con lal partecipazione di Skuli Sverisson, David Por Jonsonn, Shahzad Ismaily e Bjork, che duetta alla voce in "Surrender", e' un album costituito da folk ancestrale, basato sulle melodie della voce, a sua volta circondate da una sere di strumenti, che comprendono oltre alla chitarra acustica, violini, percussioni, il charango (piccola chitarra sudamericana) e l'ukulele. I rimandi portano a paragoni con Joanna Newson e in maniera minore verso le Coco Rosie. Cantante, compositrice e polistrumentista islandese, nativa del 1980, e gia' attiva in patria, nei primi anni 2000 come collaboratrice di band come i Mum ed artisti come Storsveit Nix Noltes, Mugison, Slowblow e Skuli Sverisson. Nel 2007 realizza il primo album solista, "Vio og vio", caratterizzato esclusivamente da voce e chitarra e da liriche cantate in islandese. L'album ha uno sfogo commerciale limitato all' Islanda, dove, viene accolto discretamente. Nel frattempo la Arnalds studia violino e composizione classica, cosicche' il secondo disco ha una struttura sempre folk, ma molto piu'articolata, oltre a presentare qualche pezzo cantato in inglese.
Euro
20,00
codice 2095160
scheda
Articolo 31    Cosi' com'e' (violet vinyl)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  best sound/sony/bmg 
hip-hop
Doppio album, ristampa del 2019, EDIZIONE LIMITATA IN VINILE VIOLA, pressoche' identica alla prima rara tiratura, completa di inner sleeves. Pubblicato dalla Best Sound/BMG nel 1996, dopo "Messa di vespiri" (94) e prima di "Nessuno" (98), il terzo album del duo milanese; con quest'album, la band ha venduto piu' di mezzo milione di copie, permettendo loro cosi', di diventare una realta' importante nel panorama musicale italiano, con un rap ironico, colorato e divertente espresso attraverso slogans e modi di dire su di un tipico hip hop in stile americano. In evidenza alcuni singoli, diventati dei veri e propri tormentoni, come "Il funkytarro", "Domani", "Un urlo" e "Tranqui funky". Duo milanese composto da J. Ax, Alessandro Aleotti e da Dj Jad, Luca Perrini, il cui nome e' stato preso dal numero sella legge della costituzione irlandese, garante della liberta' di stampa; fautori di un genere che risulta essere non molto apprezzato, si muovono all'inizio in territori underground, riuscendo a farsi apprezzare per alcuni singoli abbastanza arditi, con temi come il sesso ("Datemi una lurida") o come le droghe leggere ("Maria Maria"). Il successo arriva con l'ispirato terzo album "Cosi' com'e'" nel 1996. La critica e' unanime nel riconoscere alla band, la capacita' di aver italianizzato un genere nato oltre oceano, rendendolo divertenete e scanzonato e percio', molto fruibile alle masse.
Euro
28,00
codice 2095512
scheda
Askew ed    2020 Seven songs
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  improved sequence 
rock 60-70
Vinile a 45 giri, copertina senza codice a barre, label bianca e nera con grande logo Improved Sequence, catalogo IMP006. Pubblicato nel settembre del 2020 dalla Improved Sequence, il nuovo album di Ed Askew, successivo a "Art and life" (2017). Frutto del lungo sviluppo di un personale metodo di incisione casalinga, che presenta sia caratteri sfumati che concisione, Ed Askew, impiegando armonica e sintetizzatori, con i quali replica anche sonorità pianistiche, ci consegna qui un set di sette lirici e malinconici quadretti di poesia metropolitana, che riflettono molto anche la situazione sociale ed esistenziale generata dalla pandemia di COVID-19: Askew canta di attese di tempi meno difficili, riconciliazioni con amori perduti, riflessioni sullo scorrere del tempo e sull'isolamento individuale che ha condizionato anche i musicisti ed il loro modo di suonare; Askew esprime i suoi testi con una voce quasi flebile, lenta, che sembra voler sottolineare il peso di ciascuna parola, e che in certi episodi assume un tono quasi confessionale; il suono pianistico, creato con il sintetizzatore Alesis, domina gran parte dell'opera, dando l'idea di un autore da solo con il suo pianoforte, occasionalmente dialogando con l'armonica, o supportato da bordoni elettronici che evocano malinconici arrangiamenti di archi. Questo oscuro cantautore, poeta e pittore americano è ricordato dal punto di vista musicale per il suo primo ed a lungo unico album ''Ask the unicorn'', uscito nel 1969 su ESP, disco ormai di culto, caratterizzato anche per l'uso del tiple, una chitarra di dimensioni ridotte particolarmente difficile da suonare; lo sforzo profuso nel suonare lo strumento aveva effetto anche sul canto di Askew, rendendo ulteriormente originale la sua musica. Dopo questo lavoro Askew realizzo' una rara cassetta, ''Imperfection'', nel 1984. Askew rimarrà a lungo senza pubblicare nuovo materiale, ma negli anni 2000 riprenderà ad incidere ed a far uscire interessanti dischi.
Euro
23,00
codice 3513143
scheda
Astatke mulatu    Mulatu of ethiopia (expanded 3lp)
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  strut / worthy 
world
Triplo album, ristampa rimasterizzata del 2017, in edizione limitata, ampliata a triplo album con copertina per l' occasione apribile in tre parti; i due lps aggiunti in questa edizione contengono il primo una versione inedita con il mixaggio mono del disco, con i brani in versioni spesso assai diverse da quelle note, sin dalla loro stessa durata, e l' altro outtakes dell' album (con nove versioni inedite di quattro brani dell' album), Originariamente pubblicato nel 1972 dalla Worthy negli Usa, "Mulatu of Ethiopia" e' un disco del grande musicista etiope particolarmente eclettico, in cui si alternano o si incontrano funk, soul jazz, fusion, squarci free jazz (in ''Dewel''), il tutto reso piu' omogeneo dal costante effetto ipnotico e circolare portato dalla musica etiope. Questa la scaletta: ''Mulatu'', ''Mascaram setaba'', ''Dewel'', ''Kulunmanqueleshi'', ''Kasalefkut-hulu'', ''Munaye'', ''Chifara''. Musicista importante nell'ambito del jazz etiope, di cui e' considerato uno dei fondatori, Mulatu Astatke ebbe la possibilita' di formarsi musicalmente a Londra e negli Stati Uniti, studiando negli anni '60 presso quello che sarebbe poi diventato il Berklee College Of Music di Boston; successivamente e' attivo a New York con il suo gruppo jazz Ethiopians, con il quale comincia a sviluppare la sua idea di ''ethio jazz'', incrociando jazz, musica latina ed etiope. Tornato in patria alla fine del decennio, inserisce elementi soul e funk nella sua musica e diventa uno dei musicisti piu' influenti dell'Etiopia. Viene ''riscoperto'' all'inizio del nuovo secolo in seguito all'inserimento di alcuni dei suoi brani nella colonna sonora del film ''Broken Flowers'' di Jim Jarmush.
Euro
36,00
codice 3024710
scheda
Asteroid no. 4    These flowers of ours (reissue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2008  ONIZUKA 
indie 90
ristampa limitata in doppio vinile colorato che gira a 45 giri, in occasione del decennale dall'uscita dell'album, disco che è immerso nelle sonorità psichedeliche in un ponte che attraversa la fine degli anni sessanta per collegarsi agli inizi novanta . Band di Philadelphia, Usa, attiva dalla fine degli anni 90 che mescola paisley underground, movenze shoegaze e soffice psichedelia sixties con riferimenti a Jesus and mary chain, House of love, Church, Rain Parade, Stone roses.
Euro
30,00
codice 2094880
scheda
Autosalvage    autosalvage
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  rca victor 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1968, copertina senza barcode. Il primo ed unico album del gruppo Americano. Formati nel 1966 dal virtuoso del bluegrass Thomas Donaher e dal multistrumentista Darius Davenport, gli Autosalvage furono una delle piu' celebrate jug band della loro epoca. la loro formazione presentava elementi di talento eccezionale, tar di essi l' ex-Ian and Sylvia Rick Turner e il bassista Skip Boone fratello del Lovin' Spoonful Steve Boone, il loro suono era originalissimo e riusciva a coniugare il classico jug band con il rock la psichedelia ed il progressive in un mix con pochi termini di paragone, la svolta per la band avvenne quando furono ascoltati e scoperti da Frank Zappa che stava suonando a New York, lo stesso Zappa gli procuro' un contrato con la RCA Victor. Il loro unico lavoro usci' nel 1968 ed e' considerato ancora oggi come uno dei piu' sorprendenti lavori dell'anno, molti i brani originali, Land Of Their Dreams, Burglar Song e Rampant Generalities con un mix di Folk Country alla Byrds, blues-rock , psychedelia . il tutto condito da un sound indefinibile ed originalissimo. Si sciolsero sfortunatamente poco dopo l'uscita di questo album, Boone e Davenport saranno poi nei Bearper poi divenire celeberrimi session Men, suoneranno tra gli altri nell'album di Terence Boylan del 1969 . Rick Turner suonera' con Jerry Corbitt e Jeffrey Cain, per poi divenire un cceleberrimo liutaio, tra l'altro quello di fiducia di Ry Cooder.
Euro
15,00
codice 2095196
scheda
Ayers kevin    shooting at the moon
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, copertina pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita in Uk su Harvest. Pubblicato in Inghilterra a nome ''Kevin Ayers & the Whole World'' nell' ottobre del 1970 dopo ''Joy of a toy'' e prima di "Whatevershebringwesing'', non entrato in classifica in Uk e non pubblicato in Usa. Il secondo album. Registrato con, David Bedford, Lol Coxhill, Mick Fincher, ed un Mike Oldfield allora 17enne al basso tra gli altri, con Bridget St.John ospite alla voce e Robert Wyatt presente in un brano, e' uno dei pilastri assoluti dell' art rock inglese, il disco ha un feeling assai diverso dal primo lavoro, molto piu' sperimentale e complesso, con la musica che ora fonde le intuizioni del lavoro di debutto in un mix senza soluzione di continuita' in cui jazz, psichedelia, progressive, folk acido e Canterbury sound si uniscono alla patafisica e all' avanguardia del gruppo madre, i Soft Machine. Il brano che da il titolo all' album e' recuperato peraltro dalle sessions dei Soft Machine del 1967, e questo la dice lunga sullo spirito in cui questa opera nasce, un opera straordinaria che dimostra come Kevin Ayers sia stato uno dei piu' grandi geni della musica d' albione e solo la sua lunaticita' e bizzarria lo abbiano ( volutamente ? ) tenuto lontano dal successo che gli era dovuto. Include brani dalla potenza espressiva strepitosa, quali ''May I'', ''Pisser dans un violon'', ''The oyster and the flying fish''.
Euro
25,00
codice 2095349
scheda
Ayers roy    West coast vibes
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1963  honey pie 
soul funky disco
Ristampa del 2020 ad opera della Honey Pie, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1963 dalla United Artists negli USA, questo è l'album di debutto da band leader per Roy Ayers. Inciso agli Western Recorders di Hollywood, California, da Roy Ayers (vibrafono), Curtis Amy (sassofono), Jack Wilson (pianoforte), Bill Plummer (contrabbasso, sostituito in alcuni brani da Vic Gaskin) e Tony Bazley (batteria), "West coast vibes" fu propiziato dall'amicizia stretta dal vibrafonista con l'eminente critico Leonard Feather, che ne colse il talento e favorì la firma del suo primo contratto discografico. E' un album più vicino al puro jazz, lontano dalle derive commerciali che spesso caratterizzeranno i dischi di Ayers nei decenni successivi: ascoltiamo qui un delizioso bop molto melodico e rilassato, dal sound caldo e di agevole ascolto, in cui l'elegante e giocoso vibrafono del leader dialoga con il sax dal sound rotondo ed aperto al soul jazz del di Curtis Amy. Questa la scaletta: "Sound and sense", "Days of wine and roses", "Reggie of chester", "It could happen to you", "Donna lee", "Ricardo's dilemma", "Romeo", "Out of sight", "Young and foolish", "Well you needn't". Il vibrafonista Roy Ayers, nato nel 1940 a Los Angeles, California, è considerato tra i padri dell' acid jazz. Già da tempo musicista tra i più richiesti della scena jazz weastcoastiana del periodo, Ayers aveva pubblicato ben cinque albums solisti tra il '63 ed il '69, collaborando nel frattempo con artisti di spicco quali Jack Wilson, Gerald Wilson, Herbie Mann, Ron Carter ed Herbie Hancock. Gli anni '70 lo vedranno spostarsi gradualmente dal jazz alla fusion, al funk ed allo r'n'b (anche con il suo gruppo Ubiquity); una svolta all'epoca criticata ma rivelatasi in seguito molto influente su correnti musicali come l'acid jazz.
Euro
18,00
codice 3513136
scheda
Bad religion    new maps of hell
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  epitaph 
punk new wave
Ristampa con copertina pressoche' identica a quella della originaria tiratura, e corredata di inner sleeve con testi. Pubblicato nel luglio del 2007, dopo "The Empire Strikes First" (2004) e prima di "The Dissent of Man" (2010), il quattordicesimo album per la storica punk rock band californiana, giunto al 35esimo posto delle classifiche americane ed al 134esimo di quelle inglesi. Contiene sedici brani, tra cui i singoli "Honest Goodbye" e "New Dark Ages". I veterani Greg Graffin (voce) e Brett Gurewitz (chitarra) danno qui vita ad uno dei loro lavori del nuovo millennio piu' favorevolmente accolti dalla critica, ulteriore tassello del loro tirato ed anthemico hardcore punk melodico, e caratterizzato dalle forti prese di posizione sociopolitiche dei loro testi. Questa band californiana che aveva esordito nel 1980 con uno storico ep; i Bad Religion furono tra le prime bands ad imprimere al punk americano quelle accelerazioni e quello scatto di ferocia (figlia dei Germs) che significarono la nascita dello hardcore. Caratterizzati da uno stile inconfondibile (ed imitatissimo), dalla capacità di inanellare un "anthem" dopo l' altro e da un impatto emotivo e fisico stordente, furono aiutati nella registrazione del loro primo album, il capolavoro ''How could hell be any worse?'' che usci' nell'aprile del 1982, dalla chitarra dell'amico Greg Hetson dei Circle Jerks; solo molti anni dopo, in seguito ad un inatteso e benvenuto ritorno sulle scene, suonando sostanzialmente la stessa musica dei loro primi dischi, ottennero i meritati sebbene tardivi riconoscimenti, con un successo ben di rado prima di allora raggiunto da una punk band americana.
Euro
28,00
codice 3024733
scheda
Badly drawn boy    Banana skin shoes
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  one last fruit 
indie 2000
doppio vinile, copertina apribile, adesivo su cellophane, poster. “Banana Skin Shoes” (2020), nono album in studio di Damon Gough (aka Badly Drawn Boy), esce a dieci anni di distanza da “It’s What I’m Thinking Pt.1 – Photographing Snowflakes” (2010): facendosi produrre da Gethin Pearson (già al lavoro con Kyle Okereke) e Youth (Paul McCartney), Badly Drawn Boy ritorna al pop in chiave cantautoriale. Commovente ed onesto. Il cantautore inglese Damon Gough è artefice, sotto lo pseudonimo di Badly Drawn Boy, di un creativo intreccio fra pop, indie rock e canzone d'autore, fra i più apprezzati dell'inizio del nuovo secolo. Il suo album d'esordio "The hour of bewilderbeast" (2000) ottiene un ottimo riscontro di critica ed anche un notevole successo di pubblico in patria; a questo farà seguito "About a boy" (2002), colonna sonora del celebre film con Hugh Grant, tratto da un romanzo di Nick Hornby. Il suo quinto album "Born in the UK" (2006), segna il passaggio sulla major discografica EMI oltre che uno spostamento verso il pop. Negli anni, magari con minore successo, Badly Drawn Boy ha sempre continuato a fare dischi pop di ottimo livello. “Banana Skin Shoes”, del 2020, è l’ultimo disco del musicista britannico.
Euro
29,00
codice 2095472
scheda
Badu erykah    Baduizm (complete version)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  motown / universal 
soul funky disco
Ristampa del 2016 finalmente pubblicata nella versione completa, ampliata a doppio album con 5 BRANI in piu' rispetto alle precedenti versioni in vinile ("otherside of the game", "afro (freestyle skit)", "certainly", "drama", "rimshot (outro)") , che corrisponde di fatto alla versione in cd per quanto riguarda la lista dei brani, in vinile da 180 grammi, con COPERTINA APRIBILE. Il primo album di Eyrkah Badu, originariamente pubblicato nel febbraio del 1997 dalla Kedar, giunto al secondo posto in classifica negli USA ed al 17esimo in Gran Bretagna. Uscito prima di ''Mama's gun'' (2000), questo esordio solista della cantante americana raccolse notevoli consensi con il suo intreccio fra scarne e lente basi musicali hip hop e vocalizzi fra soul e jazz, con la voce di Badu morbida e soffusa ma anche incisiva, senza mai essere aggressiva. Erykah Badu, nata a Dallas nel 1972, cresciuta ascoltando lo R&B degli anni '70 e lo hip-hop degli '80 e spesso paragonata a Billie Holiday per l' inflessione della sua voce, e' considerata una delle esponenti femminili piu' importanti dello hip hop fra la fine del '900 e l'inizio del nuovo secolo. Esordisce dal vivo per il concerto del '94 di D' Angelo. Incide in seguito una versione di "Precious Love", pezzo scritto da Marvin Gaye e Tammi Terrell. Il suo primo album solista, "Baduizm", esce nel '97 ed il primo singolo estratto dall'album, "On & On", arriva al n.1 nelle classifiche R&B del 1997. Incide un live nello stesso anno e poi, nel 2000, il suo secondo album "Mama's Gun". Nel corso degli anni si e' sempre distinta per la sua voce davvero particolare e per aver sempre occupato posti alti nelle classifiche americane.
Euro
35,00
codice 3024759
scheda
Baglioni claudio    E tu ...
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  sony / rca 
cantautori
ristampa del 2017, rimasterizzata, copertina apribile pressoche' identica a quella della prima tiratura su Rca Italiana. Pubblicato in italia nel giugno del 1974 dopo ''Gira che ti rigira amore bello'' e prima di ''Sabato pomeriggio''. Il quinto lp. Registrato nella primavera del 1974 a Parigi con Vangelis alla produzione ed agli arrangiamenti, Aldo Frank, Toto Torquati, Antonio Coggio, Raymond Gimenes, Slim Pezin, Marc Chantreau, Antoine Russo, Georges Gireno, Pierre Gossez, Jean Luis Chautemp, Jean Charles Capon, Paola Massari allo studio A Mix Davout di Parigi , tutti itesti di Caludio Baglioni, tutte le musiche di Claudio Baglioni e Antonio Coggio. "E tu...", diventa in breve un trionfo; in pochissimi giorni 500.000 copie vendute. Il disco comprende Ninna Nanna che viene censurata dalla RAI. Con il disco ai primi posti delle classifiche sudamericane, Baglioni inizia il tour estivo, E Tu... vince il "Festivalbar" ad Asiago, e sara' il suo primo disco d' oro , Contiene i seguenti brani- e tu, oh merilu', e me lo chiami amore, ad agordo e' cosi', ninna nanna nanna ninna, chissa' se mi pensi, a modo mio, il matino si e' svegliato, quanta strada da fare, canto. Pubblicato in italia nel giugno del 1974 dopo ''Gira che ti rigira amore bello'' e prima di ''Sabato pomeriggio''. Il quinto lp. Registrato nella primavera del 1974 a Parigi con Vangelis alla produzione ed agli arrangiamenti, Aldo Frank, Toto Torquati, Antonio Coggio, Raymond Gimenes, Slim Pezin, Marc Chantreau, Antoine Russo, Georges Gireno, Pierre Gossez, Jean Luis Chautemp, Jean Charles Capon, Paola Massari allo studio A Mix Davout di Parigi , tutti itesti di Caludio Baglioni, tutte le musiche di Claudio Baglioni e Antonio Coggio. "E tu...", diventa in breve un trionfo; in pochissimi giorni 500.000 copie vendute. Il disco comprende Ninna Nanna che viene censurata dalla RAI. Con il disco ai primi posti delle classifiche sudamericane, Baglioni inizia il tour estivo, E Tu... vince il "Festivalbar" ad Asiago, e sara' il suo primo disco d' oro , Contiene i seguenti brani- e tu, oh merilu', e me lo chiami amore, ad agordo e' cosi', ninna nanna nanna ninna, chissa' se mi pensi, a modo mio, il matino si e' svegliato, quanta strada da fare, canto.
Euro
26,00
codice 3024843
scheda
Baker chet    Sextet & quartet (chet baker in milan)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  saar records 
jazz
ristampa del 2020, in vinile pesante, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, italiana uscita su Music nel 1960, diversa quindi da quella della versione americana del disco, uscito su Jazzland con titolo "In Milan". Originariamente pubblicato nel 1960 dalla Music in Italia (negli USA il disco usci' su Jazzland con il titolo di ''Chet baker in milan'', sempre nel 1960), inciso a Milano il 25 ed il 26 settembre ed il 6 ottobre del 1959, con formazione composta da Chet Baker (tromba), Glauco Masetti (sax alto), Gianni Basso (sax tenore), Renato Sellani (pianoforte), Franco Cerri (contrabbasso) e Gene Voctory (batteria). Uno dei suoi primi dischi incisi durante il periodo vissuto all'estero fra la fine degli anni '50 ed i primi anni '60, questo lp vede Baker in compagnia di un gruppo di musicisti italiani che ben si adattano alle intepretazioni date in chiave West coast jazz dei brani qui presenti, ed ai fluidi assoli del leader, che si cimenta con brani bop e cool. Questa la scaletta: ''Look for the silver lining'', ''Lady bird'', ''My old flame'', ''Line for lions'', ''Tune up'', ''Cheryl blues'', ''Indian summer'', ''Pent up house''. Uno degli esponenti principali del jazz californiano, Chet Baker suono' gia' giovanissimo con Stan Getz, Dexter Gordon e Charlie Parker, uno dei suoi primi sostenitori. Nel 1952 venne ingaggiato da Gerry Mulligan e l'anno successivo venne eletto miglior trombettista dell'anno dalla rivista Down Beat, diventando una delle punte di diamante del cosiddetto cool jazz; grande sia come trombettista che come cantante, Baker ha avuto una lunga e prolifica carriera ed una vita maledetta, terminata in modo tragico e misterioso ad Amsterdam nel 1988.
Euro
29,00
codice 3024793
scheda
Ballard hank    you can't keep a good man down
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1968  polydor 
soul funky disco
ristampa copertina senza barcode pressoche' identica alla prima molto rara tiratura. Da non confondersi con l' omonima raccolta (con copertina pressoche' identica) pubblicata dalla Soul Brother Records nel 2008, il terzo magnifico album a tutti gli effetti solista, prodotto da James Brown e pubblicato per la King nel 1968, dopo "24 Hit Tunes" (1966) e prima di "Hangin' With Hank" (1976), dall' ex leader dei Royals e dei Midnighters. Una delle massime testimonianze del talento straordinario di uno dei grandissimi della musica nera sin dagli anni '50, capace dopo i suoi grandi trascorsi tra doo-wop, r'n'b e quant'altro (sua la "The Twist" che un anno dopo la sua versione, riproposta da Chubby Checker nel 1960, fu un immenso successo iniziando un vero e proprio sotto-filone del r'n'roll), di riciclarsi e trovare modo di esprimersi ancora su grandissimi livelli nel corso di una proficua collaborazione con James Brown, nel periodo in cui quest' ultimo con i JB's creava una vera e propria "factory" di innumerevoli artisti e musicisti all' insegna di uno straordinario deep funk il cui marchio di fabbrica e' immediatamente riconoscibile. Ecco la lista completa dei brani: How You Gonna Get Respect (Part 1) / Terdrops On Your Letter / You're So Sexy / Funky Soul Train / Slip Away / Which Way Should I Turn / With Your Sweet Lovin' Self / Are You Lonely For Me Baby / Thrill On The Hill / Woman Is Man's Best Friend / Unwind Yourself / Come On Wit' It.
Euro
20,00
codice 2095024
scheda
Band    woodstock - the full 1969 festival performance
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  parachute 
rock 60-70
Copertina apribile, vinile 140 grammi; pubblicato nel 2020, questo album contiene la registrazione (di eccellente qualita' sonora) del concerto effettuato dal grande gruppo americano durante lo storico Woodstock Festival, il 17 Agosto 1969, poco prima della pubblicazione del secondo album "The Band". La scaletta contiene molti dei brani del primo album "Music From Big Pink", ma anche diversi brani inediti, come "Don't Do It" e "Lovin' You Is Sweeter Than Ever", ma anche la dylaniana "Don't Ya Tell Henry", che comparira' anni dopo (in altra versione) nei "Basement Tapes", come il traditional "Ain't No More Cane On The Brazos". Questa la scaletta completa: "Chest Fever", "Don't Do It", "Tears Of Rage", "We Can Talk", "Long Black Veil", "Don't Ya Tell Henry", "Ain't No More Cane On The Brazos", "Wheels On Fire", "I Shall Be Released", "The Weight", "Lovin' You Is Sweeter Than Ever". Formatisi nel '59 in Canada, con il nome di Hawks, come gruppo di accompagnamento del cantante rockabilly Ronnie Hawkins, dopo qualche cambiamento d' organico iniziarono ad incidere per conto proprio nel '64 come Canadian Square o Levon & the Hawks, chiamati comunque a collaborare da Sonny Boy Williamson poco prima della sua morte (1965) e da John Hammond Jr. per la registrazione di vari lavori in studio. Quest' ultimo li introdusse a Bob Dylan, con cui inizio' un lungo periodo di collaborazione e scambio (la lunga tournee del '66, i "Basement Tapes" registrati l' anno dopo e molto altro ancora dopo l' esordio come The Band fino allo scioglimento del '76). Il meglio del "white soul" della Band e' racchiuso nei primi tre albums e negli ottimi live.
Euro
23,00
codice 2095199
scheda

Page: 3 of 37

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 37  ---»
Pag.: oggetti: