Hai cercato:  dall'anno 70 all'anno 79 --- Titoli trovati: : 7496
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Aa.vv. (blues) American festival folk blues
lp2 [edizione] originale  stereo  fra  1973  disques festival 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good blues rnr coun
Bella copia con molto leggeri segni di usura sulla copertina ed uno scarabocchio circolare a penna nera nella parte interna della copertina, prima stampa francese, vinile doppio, copertina apribile laminata all'esterno e liscia all'interno, label grigia con scritte bianche lungo il bordo e nere al centro, logo Disques Festival rosso in alto, logo SACEM a sinistra, catalogo ALBUM125, scritta ''MPO'' incisa a caratteri stampati sul trail off. Pubblicata intorno al 1973 dalla Disques Festival in Francia, questa bella raccolta compila ventitre' brani incisi da alcuni dei piu' grandi nomi del blues afroamericano, da John Lee Hooker a Brownie McGhee, da Sonny Terry a Jimmy Reed e Lightning Hopkins. Con la sua scaletta che include sia brani del blues elettrico in stile Chicago che pezzi acustici che esemplificano il blues rurale, la raccolta puo' essere un buono strumento introduttivo per chi volesse accostarsi per la prima volta all'idioma blues. Questi i brani presenti: Jimmy Reed, ''Help yourself'', ''Going fishing''; Lightning Hopkins, ''I wonder why'', ''Buck dance boogie''; Sonny Terry, ''Goin' down slow''; Brownie McGhee, ''Mean old frisco''; John Lee Hooker, ''Baby don't you wanna go''; Memphis Slim, ''Alberta''; Papa Lightfoot, ''That mean old train''; Brownie McGhee / Sonny Terry / Lightning Slim, ''Everybody's blue'', ''Right on that shore''; John Lee Hooker, ''I'm in the mood'', ''Crawlin' king snake''; Brownie McGhee / Sonny Terry, ''Bottom blues'', ''Gone, baby, gone''; John Lee Hooker, ''Hobo blues'', ''Boogie chillun''; Memphis Minnie, ''Kidman blues''; John Lee Hooker, ''When my wife quit me''; St-Louis Jimmy, ''Trying to change my ways''; Pee Wee Hughes, ''I'm a country boy''; Curley Weaver, ''She don't treat me good no more''; Brownie McGhee, ''Livin' with the blues''.
Euro
16,00
codice 326408
scheda
Aa.vv. (blues) Live at the bootleggers
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1971  sutro park 
blues rnr coun
Copertina cartonata, catalogo SP-1024. Pubblicato nel 2014 dalla Sutro Park, questo album riporta alla luce registrazioni dal vivo effettuate nel 1971 a Lafayette, Tennessee, da Bengt Olsson e Bill Barth, che vi si erano recati alla ricerca dell'oscuro bluesman Lattie Murrell per documentarne la musica; partecipò alla sessione anche un altro musicista blues, William Floyd Davis, insieme ad alcuni personaggi rimasti ignoti, e qui riportati come "Bootleggers". Il luogo dove si tennero queste performance, pare, era anche conosciuto per la vendita illegale di alcolici (da qui l'uso del termine "bootleggers" per il disco, parola che negli Stati Uniti è stata impiegata per definire coloro che commerciavano l'alcol illegalmente). Insomma la scenografia è quella quasi da letteratura o da cinema per un'ambientazione blues rurale d'altri tempi, che però fu utilizzata per l'occasione come un improvvisato studio di registrazione, e la testimonianza storica è quella di una cultura musicale radicata nel Sud degli States da almeno un secolo, e che forse stava già allora scomparendo. Questa la scaletta: Lattie Murrell, "When a gal cross the bottom", "Spoonful", "Good morning little schoolgirl", "Howlin' in the moonlight", "Blues for mattie mae"; William Floyd Davis, "Lookin' down the road", "The capt'n", "Why did I have to leave cairo"; Lattie Murrell, "Catfish blues"; Bootlegger with Bill Barth, "Rock me baby"; Bootlegger, "Getting that stuff"; Bootlegger Quartet with Bill Barth, "Bottle up and go"; Bootlegger Quartet, "He's callin' me"; Bootlegger, "Cummins prison farm".
Euro
20,00
codice 3513537
scheda
Aa.vv. (blues) Not the same old blues crap 2 (green vinyl)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1971  fat possum 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
La prima stampa vinilica, realizzata nel 2016 in vinile verde marmorizzato, a commemorazione del venticinquesimo anniversario della Fat Possum, copertina con scritta commemorativa in leggero rilievo sul fronte in alto e con barcode 767981101514, inserto con note, label rosa con logo Fat Possum bianco e rosa in basso, catalogo FP10151-1. Originariamente pubblicato solo in cd nel settembre del 2004 dalla Fat Possum, e quindi in vinile nel 2016 dalla stessa etichetta, questo è il terzo volume di una serie di raccolte manifesto (furono infine tre) della proposta blues della importante casa discografica di Oxford, Mississippi, capace di valorizzare negli anni '90 i talenti di vecchi bluesmen spesso dimenticati o rimasti ai margini della scena nazionale per lungo tempo, ma apprezzati nel Sud degli Stati Uniti. Questo terzo capitolo compila tredici brani, quasi tutti tratti da album della Fat Possum usciti nei primissimi anni del XXI secolo, tranne uno proveniente da un vecchio lp della Ahura Mazda uscito nel 1971, ed uno inedito, poi inserito in un disco solista uscito nel 2005: rispetto ai primi due volumi della serie, usciti nel 1998 e nel 2001, questo ultimo capitolo compie una sorta di interessante trait d'union fra questi venerabili ed oscuri bluesmen del Sud, come R.L. Burnside, Nathaniel Mayer, Robert Pete Williams e T-Model Ford, con alcuni artisti di generazioni molto più giovani e di indirizzo rock'n'roll, che però hanno un legame stilistico od una passione per il blues: fanno storia a sé gli Stooges di Iggy Pop, qui presenti con una punkedelica cover di "You better run" di Junior Kimbrough, poi segnaliamo un gruppo come i Black Keys, che hanno portato le influenze di questo torrido blues nella scena indie rock del XXI secolo, i garage rockers Thee Shams, e Bob Log III, chitarrista americano dall’approccio primitivo e blues, attivo da fine anni '80. Questa la scaletta: Charles Caldwell, "Hadn't I been good to you" (da "Remember me", 2004); The Black Keys, "Set you free" (da "Thickfreakness", 2003); Nathaniel Mayer, "I found out" (da "I just want to be held", 2004); Iggy and the Stooges, "You better run" (poi sulla compilation "Sunday nights: the songs of Junior Kimbrough", uscita nel gennaio del 2005); Little Freddie King, "Crack head joe" (poi su "You don't know what I know", 2005); R.L. Burnside, "Goin' down south" (da "A bothered mind", 2004); Thee Shams, "You want it" (da "Please yourself", 2004); Kenny Brown, "Cocaine bill" (da "Stingray", 2003); Bob Log III, "Boob scotch" (da "Log bomb", 2003); Grandpa Boy, "Vampires and failures" (da "Dead man shake", 2003); T-Model Ford, "Bad man" (da "Bad man", 2002); Robert Belfour, "Pushin' my luck" (da "Pushin' my luck", 2003); Robert Pete Williams, "Goodbye slim harpo" (da "Robert Pete Williams", 1971).
Euro
18,00
codice 333339
scheda
Aa.vv. (blues) The blues... a real summit meeting
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  klimt 
blues rnr coun
Vinile doppio, copertina lucida apribile senza codice a barre. Ristampa del 2013 ad opera della Klimt, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1973 dalla Buddah, questo album documenta registrazioni dal vivo effettuate il 29 giugno del 1973 al Lincoln Center For The Performing Arts di New York, da alcuni leggendari musicisti blues, nell'ambito del festival jazz di Newport, che all'epoca si era trasferito a Manhattan. Troviamo qui interpretazioni di Big Mama Thornton, B.B. King, Muddy Waters, il grande Arthur Crudrup che suona la sua ''That's all right mama'', che Elvis coverizzo' nel suo primo storico singolo del 1954, ed ancora nomi meno noti come Clarence ''Gatemouth'' Brown con il suo violino elettrificato ed Eddie ''Cleanhead'' Vinson. Questa la scaletta: SIDE A: 1. Little Red Rooster - Big Mama Thornton 2. Ball And Chain - Big Mama Thornton 3. Smooth Sailing - Jay McShann 4. Confessin The Blues - Jay McShann SIDE B: 1. They Call Me Mr. Cleanhead - Eddie "Cleanhead" Vinson 2. Hold It Right There - Eddie "Cleanhead" Vinson 3. Back Door Blues - Eddie "Cleanhead" Vinson 4. Kidney Stew - Eddie "Cleanhead" Vinson 5. That's Alright Now Mama - Arthur "Big Boy" Crudup SIDE C: 1. Honky Tonk Train - Lloyd Glenn 2. After Hours - Lloyd Glenn 3. Pine Tops Boogie Woogie - Lloyd Glenn 4. Long Distance Call - Muddy Waters 5. Where's My Woman Been - Muddy Waters 6. Got My Mojo Workin' - Muddy Waters SIDE D: 1. The Drifter - Clarence "Gatemouth" Brown 2. Please Mr. Nixon - Clarence "Gatemouth" Brown 3. Outside Help - B.B. King.
Euro
27,00
codice 3505982
scheda
Aa.vv. (british blues) world of blues power vol. 3
lp [edizione] originale  stereo  uk  1972  decca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rara stampa inglese, copertina laminata sul fronte, pressata da "Clout & Baker" come indicato sul retro, etichetta azzurra con scritte argento e logo azzurro in un box argento in alto, catalogo SPA263. Pubblicata in Inghilterra dalla Decca nel 1972, il terzo di vari volumi dedicati dall' etichetta alla nuova scena "british blues" (con l'inclusione di alcuni episodi dei musicisti americani che piu' hanno influenzato il movimento). Questa la lista dei brani, perlopiu' tratti da rari albums del catalogo Decca / Deram: A1 –John Mayall's Bluesbreakers Featuring Peter Green "The Stumble" (dall' album "A Hard Road" del 1967); A2 –John Mayall's Bluesbreakers Featuring Eric Clapton "Ramblin' On My Mind" (dall' album "Blues Breakers with Eric Clapton" del 1966); A3 –Keef Hartley Band "Me And My Woman" (dall' album "The Battle Of North West Six" del 1969); A4 –Savoy Brown "Made Up My Mind" (dall' album "A Step Further" del 1969), A5 –Champion Jack Dupree & His Blues Band With Mickey Baker "Under Your Hood" (dall' album registrato a Londra con la produzione di Mike Vernon "Champion Jack Dupree and his Blues Band", 1967); A6 –Ten Years After "Woman Trouble" (dall' album "Stonedhenge" del 1969), B1 –Homesick James "Got To Move"; B2 –John Mayall's Bluesbreakers Featuring Peter Green "So Many Roads" (retro del singolo "Looking Back" del 1966, poi su varie raccolte) B3 –Robert Nighthawk "Merry Christmas"; B4 –Eddie Boyd "Pinetop's Boogie Woogie" (dall' album "Eddie Boyd And His Blues Band Featuring Peter Green" del 1967); B5 –Champion Jack Dupree "T.V. Mama" (dall' album "Champion Jack Dupree: From New Orleans To Chicago" del 1966 registrato a Londra con la produzione di Mike Vernon); B6 –Ten Years After "The Stomp" (dall' album "Ssssh." del 1969).
Euro
23,00
codice 33739
scheda
Aa.vv. (c.veloso,g.costa...) Brazil classic 1 – beleza tropical
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1972  emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina con barcode, inner sleeve con testi dei brani e note di David Byrne ed Arto Lindsay, label nera con spicchio verde, scritte bianche e nere, catalogo 64 7919481, data sul trail off 15/3/89. Pubblicata nell'ottobre del 1989 dalla EMI in Gran Bretagna e dalla Luaka Bop/Fly/Sire negli USA, la splendida compilation (la prima di una serie) curata da David Byrne dei Talking Heads, e tesa alla riscoperta della musica brasiliana piu' creativa di artisti come Caetano Veloso, Gal Costa, Gilberto Gil e Milton Nascimento, molti dei quali erano stati protagonisti del rivoluzionario movimento tropicalia negli anni '60; questa raccolta e' apparsa ben prima della piu' recente rivalutazione di quel movimento musicale, avvenuta alla fine degli anni '90, e presenta brani per lo piu' degli anni '70, con qualche episodio del decennio successivo, mettendo in risalto le caleidoscopiche mescolanze fra pop, musiche latine ed afro-latine che questi artisti sono stati capaci di creare. Questa la scaletta: Jorge Ben, ''Ponta de lanca africano'' (1976); Maria Bethania & Gal Costa, ''Sonho meu'' (1978); Gilberto Gil, ''So quero um xodo'' (1973); Caetano Veloso, ''Um canto de afoxe' para o bloco de ile'' (1982); Caetano Veloso, ''O leaozinho'' (1977); Chico Buarque, ''Cacada'' (1972); Milton Nascimento, ''San vicente''; Gilberto Gil, ''Quilombo, o el dorado negro'' (1984); Nazare Pereira, ''Caixa de sol'' (1982); Caetano Veloso, ''Queixa'' (1982); Gilberto Gil, ''Andar com fe''' (1982); Jorge Ben, ''Fio maravilha''; Milton Nascimento, ''Anima'' (1982); Caetano Veloso, ''Terra'' (1978).
Euro
20,00
codice 321317
scheda
Aa.vv. (canti politici) Generazione vietnam
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1975  dischi dello zodiaco 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent world
Prima stampa italiana, copia corredata dell' originario booklet allegato, copertina senza barcode, label gialla con scritte nere e logo I Dischi Dello Zodiaco nero in alto, catalogo VPA8251, date sul trail off 24/7/75 e 29/7/75, timbro SIAE del secondo tipo, in uso dal 75 al '78, con marchio SIAE che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato nel 1974 da I Dischi Dello Zodiaco, questo album raccoglie sedici canzoni a tema politico, ricorrenti fra gli anni '50 e '70, ad opera di vari musicisti italiani e stranieri, fra cui il Canzoniere delle Lame di Bologna e Joan Baez. Molte delle canzoni qui inserite sono incentrate sulla guerra del Vietnam. Questa la scaletta: Canzoniere delle Lame di Bologna, ''Liberiamo il sud Vietnam''; Il Contemporaneo di Modena, ''Lettera alla mia amica''; Canzoniere delle Lame di Bologna, ''Giu' le mani dal Vietnam''; Il Contemporaneo di Modena, ''Argento e oro''; Canzoniere delle Lame di Bologna, ''Yankee, tornatevene a casa''; Il Contemporaneo di Modena, ''Canto per Ng
Euro
23,00
codice 701314
scheda
Aa.vv. (canti politici) Multi national corporation man
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1976  dischi dello zodiaco 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent world
Prima rara stampa italiana, con titolo completamente diverso da quella americana su Paredon Records, copertina senza barcode, libretto di venti pagine con testi e note, label gialla con scritte nere e logo I Dischi Dello Zodiaco nero in alto, catalogo VPA8322, data sul trail off 3/11/76, timbro SIAE del secondo tipo, in uso dal 75 al '78, con marchio SIAE che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato dalla Paredon in America e da I Dischi Dello Zodiaco in Italia, questo album raccoglie interessantissimo materiale altrimenti inedito, dodici canzoni di protesta legate ai movimenti controculturali americani, fra cui troviamo un brano di Pete Seeger, oltre a canzoni di autori meno noti, che incentrano i loro testi sui problemi e gli eventi sociopolitici degli anni '60 e '70. Questi i brani presenti: Bill Horwitz, ''Multi-national corporation man''; Holly Near, ''It could have been me''; The Covered Wagon Musicians, ''Red dawn''; Alfonso ''Al'' Ray Riate, ''Play your guitars, American friends''; Oscar Brand, ''A very nice country''; The Human Condition, ''Inez Garcia''; Bernice Reagon, ''We've come a long way to be together''; Pete Seeger, ''How about you?''; The Redwing, ''The allen-bradley clock''; Charlie King, ''Here's a gift from rocky''; Barbara Dane, ''Ballad of the unknown soldier''; Chris Iijima, ''Song to a child''.
Euro
23,00
codice 316015
scheda
Aa.vv. (conny plank tribute) Who's that man – a tribute to conny plank
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  gronland 
rock 60-70
Titolo completo ''Who's that man – a tribute to Conny Plank''. Vinile doppio da 180 grammi, copertina apribile, label nera con scritte bianche, catalogo 5060238631020. Pubblicato nel 2013 dalla Gronland, questo album e' un tributo al leggendario ingegnere del suono e produttore tedesco Konrad ''Conny'' Plank, una figura di grandissima importanza nella storia del rock tedesco degli anni '70, in particolare il filone della ''musica cosmica'', ma anche capace di lavorare con artisti di differenti movimenti musicali, dagli Eurythmics ai D.A.F.; anche il fondamentale primo album dei Devo, ''Q: are we men...'' (1977) fu mixato ed in gran parte registrato nel suo studio di Colonia, sotto la supervisione del produttore Brian Eno. Questo ''Who's that man'' e' essenzialmente una compilation di brani editi (tranne uno inedito), tratti da album di diversi artisti che videro un importante coinvolgimento di Plank, e testimonia la sua versatilita' come le sue innovative idee di produzione ed ingegneria del suono. Questa la scaletta: Eno/Moebius/Roedelius, ''Broken heart'' (1978, da ''After the heat''); Phew, ''Signal'' (1981, da ''Phew''); Eurythmics, ''Le sinistre'' (1981, da ''In the garden''); D.A.F., ''Was ziehst du an'' (1981, ''Gold und liebe''); Moebius/Plank/Thompson, ''Farmer gabriel'' (1983, da ''Ludwig's law''); Moebius & Plank, ''Conditionener'' (1981, da ''Material''); Michael Rother, ''Feuerland'' (1977, da ''Flammende herzen''); Roedelius, ''Regenmacher'' (1978, da ''Durch die wuste''); Ibliss, ''Drops'' (1972, da ''Supernova''); Moebius/Plank/Neumeier, ''Pitch control'' (1983, da ''Zero set''); Neu!, ''Negativland'' (1972, da ''Neu!''); La Dusseldorf, ''Silver cloud'' (1976, da ''La Dusseldorf''); Crash/Gorl/Plank, ''Manson'' (1981, inedito).
Euro
34,00
codice 3506131
scheda
Aa.vv. (contemporanea) Poesia sonora
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  song cycle 
classica cont.
Vinile pesante, copertina apribile senza codice a barre. Ristampa del 2018 ad opera della Song Cycle, con copertina apribile. Originariamente pubblicata nel 1975 dalla CBS solo in Italia, la leggendaria antologia curata da Maurizio Nannucci sul ricco fenomeno artistico d'avanguardia della poesia sonora che si espresse dal secondo dopoguerra in poi, esplorando le possibili interazioni fra suono e discorso umano, fra strutture linguistiche e musica sperimentale. Vicina a movimenti come il fluxus, il minimalismo, la ''performance art'' e l'arte concettuale, questa prima generazione di ''poeti sonori'' postbellici mise in discussione il significato di musica e poesia, impiegando metodologie e tecniche innovative e controcorrente, fino ad arrivare all'uso dell'interferenza. ''Poesia sonora'' e' uno storico ed essenziale documento di questo fermento artistico fra musica e poesia. Questi i brani presenti: SIDE 1: 1. Bob Cobbing - Hymn To The Sacred Mushroom 2. Henri Chopin - Dinamisme Intégral 3. Franz Mon – Articulation 4. Arthur Pétronio – Sortileges 5. Arrigo Lora-Totino - Intonazione Quarta 6. Brion Gysin - I Am SIDE 2: 1. Bernard Heidsieck - Ravaillac Tu Connais? 2. Sten Hanson - How Are You 3. Ernst Jandl - Ode Auf N 4. Maurizio Nannucci – Spelling 5. François Dufrêne – Crirythme 6. Paul De Vree - Ode A Stockholm.
Euro
30,00
codice 2075836
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1978  antilles 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
La iper rara, introvabile davvero, prima stampa americana, copertina liscia fronte retro senza codice a barre, completo di inner sleeve in carta liscia con testi e sagomatura sul lato di apertura, etichetta nera con logo Antilles multicolorato al centro, con l' ORIGINARIO INDIRIZZO "444 MADISON AVENUE" in alto, catalogo AN7067. Il fondamentale manifesto, prodotto da Brian Eno e dato alle stampe nel dicembre del 1978, della neonata scena "no wave" newyorkese, che restera' per diversi anni tra le piu' creative ed originali del globo, ponendo inoltre i germi di molto rock alternativo a venire (i Sonic Youth, tra gli altri). Esordiscono qui i CONTORTIONS di James White/Chance ed i grandi MARS, mentre i TEENAGE JESUS & THE JERKS di una giovanissima Lydia Lunch, ed i D.N.A. di Arto Lindsay si erano da poco autoprodotti i loro singoli d'esordio: sedici geniali brani altrimenti inediti, tra funk, punk, jazz e sperimentazione, che proclamano in ogni frammento della loro musica una liberta' espressiva, uno slancio artistico ed una capacita' di anticipare scenari musicali futuri, che hanno pochi riscontri nella storia del rock, e che fanno di questo disco uno tra gli albums americani piu' importanti degli ultimi trent'anni. Ecco la lista completa dei brani: Contortions – Dish It Out / Contortions – Flip Your Face / Contortions – Jaded / Contortions – I Can't Stand Myself / Teenage Jesus And The Jerks – Burning Rubber / Teenage Jesus And The Jerks – Closet / Teenage Jesus And The Jerks – Red Alert / Teenage Jesus And The Jerks – I Woke Up Dreaming / Mars – Helen Fordsdale / Mars – Hairwaves / Mars – Tunnel / Mars – Puerto Rican Ghost / DNA – Egomaniac's Kiss / DNA – Lionel / DNA – Not Moving / DNA - Size.
Euro
90,00
codice 222962
scheda
Lp [edizione] ristampa  stereo  rus  1978  lilith 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
ristampa del 2005 in vinile 180 grammi, copertina lucida e senza barcode, pressoche' identica alla prima ormai introvabile e costosa tiratura su Antilles, corredata di inner sleeve con note in inglese e russo, catalogo LR102. Il fondamentale manifesto, prodotto da Brian Eno e dato alle stampe nel dicembre del 1978, della neonata scena "no wave" newyorkese, che restera' per diversi anni tra le piu' creative ed originali del globo, ponendo inoltre i germi di molto rock alternativo a venire (i Sonic Youth, tra gli altri). Esordiscono qui i CONTORTIONS di James White/Chance ed i grandi MARS, mentre i TEENAGE JESUS & THE JERKS di una giovanissima Lydia Lunch, ed i D.N.A. di Arto Lindsay si erano da poco autoprodotti i loro singoli d'esordio: sedici geniali brani altrimenti inediti, tra funk, punk, jazz e sperimentazione, che proclamano in ogni frammento della loro musica una liberta' espressiva, uno slancio artistico ed una capacita' di anticipare scenari musicali futuri, che hanno pochi riscontri nella storia del rock, e che fanno di questo disco uno tra gli albums americani piu' importanti degli ultimi trent'anni. Ecco la lista completa dei brani: Contortions – Dish It Out / Contortions – Flip Your Face / Contortions – Jaded / Contortions – I Can't Stand Myself / Teenage Jesus And The Jerks – Burning Rubber / Teenage Jesus And The Jerks – Closet / Teenage Jesus And The Jerks – Red Alert / Teenage Jesus And The Jerks – I Woke Up Dreaming / Mars – Helen Fordsdale / Mars – Hairwaves / Mars – Tunnel / Mars – Puerto Rican Ghost / DNA – Egomaniac's Kiss / DNA – Lionel / DNA – Not Moving / DNA - Size.
Euro
18,00
codice 247497
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1971  probe 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima stampa inglese, copertina laminata sul fronte, liscia e flipback su tre lati sul retro, label rosa con scritte nere e logo Probe nero in alto, catalogo SPB1026. Pubblicata nel 1971 dalla Probe in Gran Bretagna e dalla ABC negli USA, la colonna sonora del bizzarro hippie western ''Zachariah'', diretto da George Englund ed interpretato da John Rubinstein e Don Johnson. La colonna sonora fu prodotta da Bill Szymczyk, poi divenuto importante collaboratore degli Eagles, e composta e diretta in gra parte dal newyorchese Jimmie Haskell, stimato musicista e compositore di musica per cinema e non solo; alcuni brani furono pero' scritti e suonati da gruppi rock come Country Joe & The Fish e James Gang, oltre al violinista Doug Kershaw ed ai New York Rock'n'Roll Ensemble. Il risultato e' un'opera eclettica in cui episodi con arrangiamenti orchestrali d'altri tempi convivono con brani strumentali country, ora classico ora piu' bizzarro e contaminato, e canzoni rock che richiamano lo acid rock e lo hard rock. Questa la scaletta: Jimmie Haskell, ''Zachariah (main title)''; James Gang, ''Laguna salada''; Country Joe & The Fish, ''We're the crackers''; Jimmie Haskell, ''William tell overture''; Country Joe & The Fish, ''All I need''; Doug Kershaw, ''Ballad of job cain''; James Gang, ''Country fever''; Jimmie Haskell, ''The lonely ride'', ''Medley: Camino / Used horse salesman'', ''Camino waltz''; The New York Rock And Roll Ensemble, ''Gravedigger''; White Lightnin', ''Shy ann''; Jimmie Haskell, ''Matthew'', ''Zachariah''.
Euro
26,00
codice 326264
scheda
Aa.vv. (crazy cavan, matchbox...) Best of british rockabilly
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1975  oxford 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana su Oxford, pressata nel 1981, due anni dopo quella inglese, copertina senza barcode, label gialla e verde sfumata con scritte nere, logo Oxford giallo, verde e nero in alto, piccolo logo Ariston nero in basso, catalogo OX3230. Pubblicata nel 1979 dalla Charly in Gran Bretagna, questa raccolta documenta la rinascita del rockabilly sulla scena britannica nel corso degli anni '70, in particolare nella seconda meta' del decennio, prima e durante l'esplosione del punk; non fu un caso che una musica cosi' selvaggia ed immediata, suonata con una strumentazione relativamente limitata e legata alle origini del rock'n'roll, riemergesse nell'epoca in cui prendevano piede il pub rock di gruppi come i Dr. Feelgood e soprattutto poi il punk 77ettino, in reazione alla complessita', al professionalismo esasperato ed alla lontananza dalla nuova generazione delle rock star affermate e degli esponenti del rock progessivo. Questa compilation raccoglie quattordici brani editi, incisi fra il 1975 ed il 1979 da importanti gruppi britannici del nuovo rockabilly, e tratti da sei diversi album ed un ep pubblicati in quegli anni dalla label Rockhouse. Questa la scaletta: Steve Bloomfield, ''Hurricane'' (da ''Rockabilly originals'', 1978); Flying Saucers, ''Let's rock the town'' (dall'ep ''The ballad of johnny reb'', 1979); Crazy Cavan, ''She's the one to blame'' (da ''Crazy rhythm'', 1975); Freddie ''Fingers'' Lee, ''I'm down'' (da ''Freddie fingers lee'', 1978); Matchbox, ''All the boys'' (da ''Riders in the sky'', 1976); Little Tina & Flight '56, ''My boy elvis'' (da ''This little girl is gonna rock it'', 1977); The Riot Rockers, ''Road of steel'' (da ''The riot rockers'', 1977); Flying Saucers, ''Cat talkin''' (dall'ep ''The ballad of johnny reb'', 1979); Crazy Cavan, ''Bop little baby'' (da ''Crazy rhythm'', 1975); Steve Bloomfield, ''Rockin' rhythm'' (da ''Rockabilly originals'', 1978); Little Tina & Flight '56, ''This little girl's gone rockin''' (da ''This little girl is gonna rock it'', 1977); Riot Rockers, ''It's saturday night'' (da ''The riot rockers'', 1977); Freddie ''Fingers'' Lee, ''Dib dab boogie'' (da ''Freddie fingers lee'', 1978); Matchbox, ''Only wanna rock'' (da ''Riders in the sky'', 1976).
Euro
20,00
codice 328562
scheda
Aa.vv. (creedence clearwater revival covers) Best of creedence clearwater revival
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1973  music parade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, e con adesivo applicato sul retro copertina sotto il cellophane con prezzo ''L. 3900 IVA compresa'', prima stampa italiana, label gialla con scritte nere e logo Music Parade Cetra nero in alto, catalogo LEL168, data sul trail off 19/10/73, timbro SIAE del primo tipo, in uso dal 1970 al 1975, con diametro di circa 13/13,5 mm., piu' piccolo dei successivi. Pubblicata nel 1973 dalla Music Parade in Italia, questa raccolta compila dodici brani del repertorio dei Creedence Clearwater Revival, NON SI TRATTA DI VERSIONI ORIGINALI pero', bensi' di cover abbastanza fedeli ma chiaramente diverse, suonate da piu' che dignitosi gruppi di cui non viene specificata l'identita'. Questa la scaletta: ''I Heard It Through the Grapevine'', ''Who'll Stop the Rain'' , ''The night time is the right time'', ''I Put a Spell on You'', ''Some day never comes'', ''Hey tonight'', ''Up Around the Bend'', ''Bad Moon Rising'', ''Green River'', ''Travelin' Band'', ''Proud Mary'', ''Down on the Corner''. I Creedence Clearwater Revival nacquero, con il nome di Blue Velvets, nel '59, dall' incontro dei fratelli John e Tom Fogerty, di Berkeley, Califorrnia, con Stu Cook e Doug Clifford. Con il nome di Golliwogs pubblicarono alcuni singoli (raccolti in un album postumo del '75), poi trovarono la definitiva denominazione nel '67, iniziando una carriera folgorante che li portera' ad incidere in 5 anni ben 7 albums in studio, proponendo una miscela di grande impatto ed immediatezza che raccoglieva molto della tradizione musicale americana (il blues del Delta, il country, il bayou, il R & B ed il R & R). L' amore per il passato e' attestato dalla presenza, su questi dischi, di molte covers, ma il talento compositivo di John Fogerty e' innegabile. Il suo ruolo divento' talmente predominante nella band (componeva, arrangiava e cantava, trovando anche il tempo di fare da produttore e da manager) da causare nel '71, dopo "Pendulum", la dipartita del fratello Tom, ed una crisi che si risolse con lo scioglimento dopo il disco successivo. Tom Fogerty pubblico' sia da solo che con i Ruby, senza molta fortuna; la sezione ritmica di Doug Clifford e Stu Cook resto' unita gia' nell' album solista del primo, del '72, e poi in numerose partecipazioni a dischi altrui (Tom Fogerty stesso e Doug Sahm, su tutti); John Fogerty registro' un disco a nome Blue Ridge Rangers nel '73, suonando tutti gli strumenti, ed un lavoro a nome proprio nel '75, prima di ritirarsi dalle scene e ricomparire negli anni '80.
Euro
23,00
codice 330139
scheda
Aa.vv. (david bowie, manhattan transfer, et al.) Just a gigolo ost (different tracklist)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  music on vinyl 
soundtracks
Edizione limitata a 3000 copie, numerate sul retro copertina in basso, in vinile blu semitrasparente da 180 grammi, copertina lucida fronte retro. Ristampa del 2019 ad opera della Music On Vinyl, con copertina che riprende parzialmente lo artwork dell'edizione tedesca, e con scaletta dei brani parzialmente diversa rispetto alle edizioni originarie. Originariamente pubblicata nel 1979 dalla Jambo nel Regno Unito e da diverse etichette in altri paesi, non uscita negli USA, la colonna sonora del film "Just a gigolo", diretto da David Hemmings ed interpretato da David Bowie, nel ruolo protagonista, oltre che da Sidney Rome, Kim Novak, lo stesso Hemmings (il protagonista del film "Blow up" di Michelangelo Antonioni) e da Marlene Dietrich, qui alla sua ultima apparizione cinematorgrafica. Le musiche del film furono realizzate da diversi artisti, fra cui gli americani Manhattan Transfer, esperti nel ricreare sonorità e musiche dai diretti richiami agli anni '20; Marlene Dietrich, celebre cantante oltre che attrice, interpreta alcune canzoni, mentre altri brani sono suonati da The Pasaden Roof Orchestra, gruppo specializzato nella riproduzione di musica degli anni '20 e '30, e The Gunther Fischer Quintet; segnaliamo infine la presenza, in questa edizione del 2019 a cura della Music On Vinyl, di tre tracce suonate dai Rebels, formazione esistita solo per queste registrazioni, nella quale Bowie ricoprì il ruolo di cantante (sua è la voce del "la la lala" che si sente nei brani in questione). Questa la scaletta: SIDE A MARLENE DIETRICH - JUST A GIGOLO 2. THE PASADENA ROOF ORCHESTRA – SALOME 3. THE REBELS - DAVID BOWIE'S REVOLUTIONARY SONG (PART I) 4. THE MANHATTAN TRANSFER – JOHNNY 5. THE GUNTHER FISCHER ORCHESTRA - THE STREETS OF BERLIN 6. THE PASADENA ROOF ORCHESTRA – CHARMAINE 7. MARLENE DIETRICH - JUST A GIGOLO (PIANO) 8. SYDNE ROME - DON'T LET IT BE TOO LONG SIDE B 1. THE REBELS - DAVID BOWIE'S REVOLUTIONARY SONG (PART II) 2. THE MANHATTAN TRANSFER - JEALOUS EYES 3. THE MANHATTAN TRANSFER - I KISS YOUR HAND, MADAME 4. MARLENE DIETRICH - JUST A GIGOLO (OUTTAKE) 5. THE GUNTHER FISCHER QUINTET - KISSING TIME 6. THE PASADENA ROOF ORCHESTRA - BLACK BOTTOM 7. THE REBELS - DAVID BOWIE'S REVOLUTIONARY SONG (PART III) 8. MARLENE DIETRICH - FAREWELL GIGOLO.
Euro
29,00
codice 3512336
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1979  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
la prima stampa americana, mai ristampato neppure in CD, copertina lucida fronte retro senza codice a barre, nella rara versione con etichetta rosa con scritte nere, catalogo RNSP301, , con modulo della Rhino per l' iscrizione allo "Stupid Fan Club" dell' etichetta, il folle e ricercatissimo album tributo ai grandi DEVO pubblicato dall' ineffabile Rhino Records poco tempo dopo l' uscita del secondo album "Duty Now For The Future" della geniale e fondamentale band di Akron, Ohio; una delle prime compilation-tributo di cui si abbia memoria, nata per iniziativa della leggendaria stazione radiofonica di Los Angeles KROQ, che indisse un concorso tra le bands locali per selezionare le migliori covers della band che godeva di un seguito underground comprensibilmente fanatico (furono poi gli stessi Devo a compiere la scelta). 11 covers ed un brano originale, "Okie from Muskogee", tra Devo, Residents e Flying Lizards, dei Bakersfield Boogie Boys" che avrebbero realizzato sempre per la Rhino un 12" di li' a poco. Ecco gli altri gruppi inclusi: i Knife Lust ("Shrivel Up"), i Jupiter ("Mongoloid"), i View ("Uncontrollable Urge"), i Firemen ("Jocko Bozo"), i Deadliners "Mongoloid"), Lonnie & the Devotions ("Jocko Homo"), i Doguloids ("Blockhead"), i Touch Tone Tuners ("Jocko Homo"), gli Y-22 ("Music inspired by Space Junk"), i Sordes ("Mongoloid") ed i Bohonian Plimquins ("Gut Feeling"). Un disco straordinariamente divertente, e ricco di episodi per nulla banali, ed anzi assai creativi e stimolanti.
Euro
40,00
codice 311990
scheda
Aa.vv. (disco music) Disco rocket vol. two
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1978  k-tel 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Copia ancora incellophanata, questo album è una riedizione separata del 1978 del secondo vinile del doppio album "Disco rocket", originariamente pubblicato nel 1977, copertina senza barcode, label gialla ed arancione con scritte nere e logo K-Tel nero in alto, catalogo TU2572. "Disco rocket vol. Two", originariamente parte del doppio album "Disco rocket", è una raccolta di alcune delle maggiori hits della disco music del periodo 1975/77, qui oggetto di un parziale mixaggio che fa scorrere un brano nell'altro senza pause di silenzio; un ideale album da festa quindi, sorretto da un groove torrido e completamente votato al ballo, a partire dal tormentone "I'm your boogie man" che apre la scaletta, opera dei grandi K.C. & the Sunshine Band, seguito da nomi di spicco come Salsoul Orchestra, Diana Ross e George McCrae, fra gli altri. Questa la scaletta: K.C. & the Sunshine Band, "I'm your boogie man" (1977); Wilton Place Street Band, "Disco lucy (I love lucy theme)" (1976); T-Connection, "Do what you wanna do" (1977); Miracles, "Love machine (part 1)" (1975); Salsoul Orchestra, "Magic bird of fire (Firebird suite)" (1977); Celi Bee & the Buzzy Bunch, "Superman" (1977); Sylvers, "Hot line" (1976); George McCrae, "Love in motion" (1976); Bebu Silvetti, "Spring rain" (1976); Diana Ross, "Love hangover" (1976); Kebekelektrik, "Magic fly" (1977); Originals, "Down to love town" (1976).
Euro
19,00
codice 332328
scheda
Aa.vv. (disco music) Disco spectacular inspired by the film "hair"
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1979  rca victor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good soul funky disco
prima stampa italiana, copertina con moderati segni di invecchiamento, label marrone chiara con scritte bianche lungo il bordo e nere al centro, logo RCA Victor bianco con RCA in verticale a sinistra, catalogo PL13356, senza data sul trail off, timbro Siae ancora del secondo tipo, in uso dal 1975 al 1978/79, con marchio Siae che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato nel 1979 dalla RCA Victor nel Regno Unito e negli USA, questo album è un adattamento in chiave disco music di brani della celebre colonna sonora del musical hippie ''Hair'', composta in origine da Galt MacDermot. Prodotto da Warren Schatz, molto attivo come produttore per la RCA nel corso degli anni '70, questo adattamento fu suonato con una formazione elettrica, The Brothers, accompagnata da arrangiamenti di archi e fiati a cura di George Andrews, e cantato da alcuni esponenti della scena disco music all'epoca all'apice della popolarità: Evelyn ''Champagne'' King, Vicki Sue Robinson, The New York Community Choir (un folto coro che integrava la musica religiosa gospel con grooves soul e disco), ed i Revelation. Questa la scaletta: ''Aquarius / Let the sunshine in'', ''Where do I go?'', ''Easy to be hard'', ''Good morning starshine''.
Euro
14,00
codice 331174
scheda
Aa.vv. (dmz/real kids... Live at the rat vol. 1 + vol. 2
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1976  energy 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa italiana dei due volumi, usciti in Italia nel 1978 contemporaneamente ma separatamente (a differenza dell' originaria edizione americana che li metteva insieme in un unico doppio album); copertina di entrambi con scritta ''fabbricato e stampato a milano, 1978...'' sul retro in basso, corredata di inner sleeve con foto e crediti, etichetta di entrambi rosa con bordo azzurro e logo Energy multicolore in alto, catalogo ENR57001 nel primo e ENR57002 nel secondo, data sul trail off del primo disco e della prima facciata del secondo "5/6/78" e nella seconda facciata del secondo "8/6/78", timbro Siae in entrambi del secondo tipo, in uso tra il '75 ed il '78/79, con marchio SIAE che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Registrato dal vivo tra il 27, 28 e 29 Settembre del '76 in risposta al forse piu' noto ma decisamente inferiore "Live at GBGB's" newyorkese, ritrae magnificamente la neonata e pionieristica scena punk rock bostoniana, con 19 brani inediti del tutto o almeno in queste magnifiche versioni "on stage" di: WILLIE ALEXANDER con la sua BOOM BOOM BAND (la vecchia gloria del garage rock di Boston, gia' pure nei Velvet Underground, qui con l' intro "At the Rat", la trascinante "Pup Tune" e la bellissima e storica "Keruac", gia' facciata A del suo primo singolo del '75); THIRD RAIL (tra garage ed hard glam dai toni decadenti, con "Rodney Rush", che fu anche facciata A del loro primo di 2 singoli, e "Bad Ass Bruce"); i grandi REAL KIDS, qui al loro esordio (il magnifico garage punk di "Who Needs You" e "Better Be Good", favolosamente grezze e trascinanti); gli immensi DMZ di Mono Mann (poi alla guida dei Lyres), anche loro all' esordio (un anno dopo uno storico 7"ep, poi un album controverso prima dello scioglimento) con le incredibili "Boy From Nowhere" e "Ball Me Out"; i THUNDERTRAIN con il rock'n'roll stradaiolo vicino ai New York Dolls di "I'm so excited", facciata A del loro primo di due singoli, e della piu' dura "I've Got To Rock", vicina ai Blue Cheer, poi autori di un album di culto nel '77; i misconosciuti SUSAN (autori di un album nel '79), con l' ottima e trascinante "I Don't Want to Know Your Name" e "Right Away"; i SASS con la rock'n'rollistica "Rockin' in the USA"; gli ottimi MARC THOR con la bellissima "Circling L.A." (autori poi di due singoli); i BOIZE di Rick Corraccio (presto nei DMZ), con "I Want Sex" e "Easy To Fall In Love", tra garage e rock'n'roll; gli INFLIKTORS (UN SINGOLO SOLTANTO PER LORO 3 ANNI DOPO) con "Da Da DAli" e "Norkis of The North", articolate ed affascinanti. Un manifesto storico e straordinario di una scena troppo spesso sottovalutata, tra punk rock stradaiolo di matrice New York Dolls e garage punk figlio dei 60's.
Euro
32,00
codice 234732
scheda
Aa.vv. (droogs weasels furys l.a. in (marbled vinyl!!!)
lp [edizione] originale  stereo  usa  1979  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Molto rara e particolarmente in questa versione CON VINILE COLORATO MARMORIZZATO, non riportata da alcuna fonte e probabilmente solo promozionale, l' originale stampa americana (catalogo RNLP 009, copertina cartonata senza codice a barre, etichetta verde con scritte nere, corredata di inserto per l' iscrizione al fan club dell' etichetta) della storica raccolta pubblicata dalla mitica Rhino Records allo scopo di fotografare la scena di Los Angeles (in realta' non tutte le bands incluse sono di Los Angeles...) all' indomani dell' esplosione della scena punk rock, sottotitolata "A Collection of Rock and New Wave Bands" e contenente brani in gran parte inediti altrove. Si inizia con vigoroso rock'n'roll dei KATS ("Can't Have You"), gia' autori di alcuni singoli nella prima meta' dei '70 come Skogie & the Flaming Pachucos e semplicemente Skogie, e poi divenuti Nu Kats, Boy, Cat Klub Trio ed oggi attivi come Kut Club; gli OINGO BOINGO esordirono qui dopo un singolo come Mystic Knights of Oingo Boingo con la notevolissima "I'm Afraid", a meta' strada tra Zappa ed i Devo, molto piu' ruvida e "punk" del materiale noto della band; poi i CHARM SCHOOL con il glam rock dalle tinte quasi hard di "Stranded"; tra i migliori della raccolta i RUBBER CITY REBELS di Akron, Ohio con il punk rock di "Young And Dumb", che presto sara' nel loro album omonimo (gia' per loro un lp storico condiviso nel '77 con i Bizarros); i LOW NUMBERS avevano esordito con un singolo gia' nel '76 e qui con "Elementary Dr. Watson" (tra 60's pop e proto punk) forniscono un' anticipazione dell' imminente album "Twist Again With The Low Numbers"; deliziosa "Show Me" di DENNY WARD, ex Needles and Pins, puro 60's pop alla Phil Spector, con membri di Quick, Dickies e Pop, gia' retro di un raro singolo di un anno prima; piacevolissimi i TWISTERS con "Heartless", tra punk rock ed influenze 60's mod; i simpati SURF PUNKS fanno il loro esordio con il punk pop di "My Wave", che sara' uno dei brani migliori del loro primo album "My Beach"; "Have I The Right" e' uno dei 4 brani del 12" "Punk Rock Christmas" con cui avevano da poco esordito i RAVERS, anche loro piacevolissimi con le loro forti influenze 60's; i grandi e pionieristici DROOGS sono presenti con la bellissima "Ahead Of My Time", tra garage rock e psichedelia, ma anche con ruvidezze quais punk, dal loro terzo singolo del 1974 (!!!); SPOCK e' una ex Backstage Pass, ed "On My Radio" e' puro 60's pop venato di glam, da un raro singolo a seguire la sua partecipazione ad un' altra raccolta delle Rhino ("Saturday Night Pogo"); i FURYS, attivi dal '76, sono presenti con "Say Goodbye To The Black Sheep", dal primo di due 7" realizzati, tra power pop e rock'n roll; infine a chiudere il gioiello del disco, la mitica "Beat her with a Rake" dei folli WEASELS, secco punk rock con influenze 70's, che per il suo testo causo' non pochi problemi ai pochi negozi di Los Angeles che misero in vendita il singolo da cui e' tratta, unico parto discografico della band, a causa delle proteste delle femministe. bella copia con lieve accenno di ringwear sulla copertina.
Euro
45,00
codice 208036
scheda
Aa.vv. (dutch punk and new wave) i don't care (The No Fun And Plurex Singles)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  pseudonym 
punk new wave
edizione in vinile 180 grammi, copertina apribile; uscito nel novembre del 2015, questo album contiene diciassette brani tratti che mettono insieme nella prima facciata il contenuto dei quattro rari singoli pubblicati tra il 1978 ed il 1979 dalla piccola ma storica etichetta olandese No Fun, e nella seconda facciata quello dei primi tre 7" pubblicati nel 1978 dalla Plurex, piu' due brani inediti da un singolo di Ton Van Der Meer (poi nei Mo, oltre che solista) del 1978 che fu all' epoca annullato dalla stessa Plurex, altra piccola etichetta dei paesi Bassi, che pero' sarebbe rimasta attiva fino al 1983, producendo alcune delle piu' importanti realta' della scena post punk locale. Si tratta di un importante spaccato della ricca produzione punk e post punk dei paesi Bassi di quegli anni. Questo nel dettaglio il contenuto: GODS HEART ATTACK: "Treat Me Like A Doll" e "Ain't No Hooker" (unico singolo, primo numero del catalogo della No Fun). HELMETTES "I Don't Care What The People Say" e "1/2 2". MECANO Ltd. "Face Cover Face" e "Fools" (il primo 7" di uno dei gruppi piu' importanti ed influenti di tutta la scena post punk olandese, qui molto piu' punk che in qualunque altro loro disco). SUBWAY "Jesus Loves Me (But I Don't Care)" e "You Gotta Support" (uscito nel 1979, nello stesso anno in cui il gruppo pubblico' il suo unico album). TITS "Daddy Is My Pusher" e "We're So Glad Elvis Is Dead" (unico singolo, primo numero del catalogo della Plurex, per il gruppo con Wally Van Middendorp, poi nei Minny Pops), MOLLESTERS "Plastic" e "I Am" (unico singolo). FILTH "Don't Hide Your Hate", "Sex" e "Nothing For Me" (unico 7"), TON VAN DER MEER "Niets Aan Me Leven" e "Ik Zie 't Niet Meer Zitten" (singolo inedito).
Euro
21,00
codice 3022715
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  sony / rca 
cantautori
Ristampa del 2020, in vinile 180 grammi, coeprtina pressoché identica alla rara prima tiratura, approntata in occasione della rinascita della storica etichetta Numero Uno, il cui marchio è stato rilanciato proprio nel 2020, anno in cui la Sony Music ha ristampato alcuni dei più rappresentativi dischi del suo catalogo, fra cui questa amata antologia. Originariamente pubblicata nel 1970 dalla Numero Uno in Italia, questa importante raccolta è un piccolo manifesto artistico del primissimo periodo della etichetta fondata nel 1969 da Mogol, dal di lui padre Mariano Rapetti e da Alessandro Colombini: essa compila dieci brani, quasi tutti originariamente usciti solo su singolo (tranne i due di Bruno Lauzi, editi anche su un suo lp), firmati dai principali artisti che in quel periodo incidevano per la Numero Uno, musicalmente anche molto diversi, da Lucio Battisti a Bruno Lauzi, da Edoardo Bennato alla Formula 3, dai milanesi Jumbo, uno dei gruppi piu' considerati del rock progressivo italiano, al gruppo rock melodico pratese La Verde Stagione, che aveva interessanti ispirazioni di musica classica e che si sarebbe poi trasformato nei Tavola Rotonda, dal gruppo pop Flora Fauna e Cemento (che aveva in formazione l'ex chitarrista dei Camaleonti Mario Lavezzi) ai Computers dei fratelli Mario e Gabriele Balducci (quest'ultimo compositore di molte canzoni interpretate da altri artisti, soprattutto negli anni '70 e '80). Questa la scaletta completa: Formula 3, "Io ritorno solo" (singolo, 1970); Edoardo Bennato, "1941" (singolo del 1970, tre anni prima del suo primo album); La Verde Stagione, "Milioni di domande" (riuscita cover di "Questions" dei Moody Blues, singolo, 1970); Annamaria Rame, "Un brivido" (singolo, 1970); Bruno Lauzi, "Mary oh mary" (singolo, 1970, poi inserito nell'album "Bruno Lauzi" uscito nello stesso anno); Flora Fauna Cemento, "Superstar" (il loro primo singolo, 1970); Bruno Lauzi, "E penso a te" (B-side di "Mary oh mary", 1970, poi inserita nell'album "Bruno Lauzi" uscito nello stesso anno); Jumbo, "In the summertime" (1970, il loro primo singolo, cover del brano dei Mungo Jerry); Computers, "Bella" (singolo, 1970); Formula 3, "Nanananò" (B-side di "Io ritorno solo").
Euro
25,00
codice 3026030
scheda
Aa.vv. (female post punk) Subnormal girls – d.i.y. / post punk 1979-1984 volume 3
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1979  waiting room 
punk new wave
Edizione limitata, copertina senza codice a barre, label custom, catalogo WR003. Pubblicato nell' ottobre 2018 dalla Waiting Room, il terzo volume della serie di raccolte ''Subnormal girls'' (i primi due sono usciti nel 2016): questa bella raccolta mette insieme sedici brani provenienti da rari oscuri dischi pubblicati in tutto il mondo tra il 1979 ed il 1984, con i comuni denominatori di muoversi lungo le coordinate di un sound di matrice post punk, ora piu' ora meno sperimentale, talora prossimo a quello che si puo' definire "art punk", e di vedere protagoniste le donne, in band interamente femminili o perlomeno guidate da una presenza femminile. L'ascolto da' un quadro insieme cangiante ma anche sorprendentemente omogeneo (soprattutto dal punto di vista della volonta' di fare musica assolutamente non commerciale, innovativa, spesso ostica e spigolosa, infrangendo gli stereotipi della figura femminile tipici della musica pop mainstream), pur nella varieta' di provenienze geografiche, del fondamentale apporto artistico femminile ad un'epoca musicale gia' di per se' straordinariamente creativa. Questa la scaletta: Side 1: 1. Bound & Gagged - Clutter (Usa, 1980) 2. Playthings - Sit Down (Stand Up) (Nuova Zelanda, 1981), 3. Twelve Cubic Feet - Mary's Got The Bug (UK, 1982), 4. Sporten Ar Dod - Fontanen (Svezia, 1981), 5. Electrochok - Consume (Danimarca, 1979), 6. No Man's Land - Lantin (Belgio, 1980), 7. Kyah - Hubbing (Giapppone, 1984), 8. Pink Plastic & Panties - Bla-Bla (Olanda, 1980), SIDE 2: 1. Paraf - Javna Kupatila (Yugoslavia, 1981), 2. Alaska Y los Pegamoides - Doctor Spock (Spagna, 1981), 3. Edith Nylon - Sado Maso (Francia, 1979), 4. The Delinquents - Food Free Food (Usa, 1981), 5. Ostro 430 - Zu Cool (Germania, 1981), 6. Technycolor - Telephone (Svizzera, 1981), 7. Mydolls - In Technicolor (Usa, 1981), 8. Ixna - Mi Ne Parolas (Usa, 1981)
Euro
23,00
codice 3021075
scheda
Aa.vv. (folk / classical) Songs at the french court
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1976  arion 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent classica cont.
Prima stampa italiana, copertina laminata fronte retro, label a bande verticali in diverse tonalita' di marrone, scritte marroni scure lungo il bordo e nere al centro e logo marrone nero in alto, catalogo ARN90808, timbro SIAE del secondo tipo, in uso tra il '75 ed il '79, con marchio Siae che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato nel 1976 dalla Arion, questo album e' un affascinante viaggio attraverso la storia della musica di corte francese dal medioevo alla fine del '700, partendo dai trovieri del XIII secolo come Adam de la Halle, passando per i poeti e compositori di corte tardomedievali come Guillame de Machaut, e poi attraverso i primi secoli della modernita', fino all'epoca del Re Sole e del suo successore Luigi XV. La collocazione in ordine cronologico dei brani e le ricche note (in lingua inglese) sul retro copertina forniscono un quadro panoramico coerente ed organico delle trasformazioni subite in Francia da questo tipo di musica, nel corso di secoli ricchi di cambiamenti culturali ed estetici in Europa. Questa la scaletta: ''Bele doette'' (anonimo XII sec.), ''Dieu soit en cette maison'' (Adam de la Halle), ''Puisq'en oubli'' (Guillame de Machaut), ''Par maintes fois'' (J. Vaillant / anonimo), ''Vergine bella'' (G. Dufay / Francesco Petrarca), ''Bon jour bon mois'' (G. Dufay / anonimo), ''L'amour de moy'' (anonimo, XV sec.), ''Tant que vivray en age florissant'' (Claudin de Sermisy / Clement Marot), ''Quand le gril chante'' (Nicolas de la Grotte / Anonimo), ''Mignonne allons voir si la rose'' (anonimo / Ronsard), ''Je vous quitte, belle arrthenice'' (B. De Bacilly / M.lle de Scudery), ''N'emprissonnez pas je vous prie'' (Jacques le Frevre / anonimo), ''Je dis toujours, aimez-moi'' (Mollier / M.me de Rambouillet), ''Cantate judith'' (S. De Brossard / anonimo), ''J'avais pris mes pantouflettes'' (J.J. Rousseau / anonimo), ''Air de chloe''' (J.J. Rousseau / anonimo), ''Oscar et dermide'' (Mehul / Arnaud), ''Romance'' (G.F. Couperin / anonimo), ''La rose d'amour'' (Ferdinand Paer / Boucher de Perthes).
Euro
18,00
codice 327874
scheda

Page: 3 of 300


Pag.: oggetti: