Hai cercato:  Ultimi arrivi (lista aggiornata ogni giovedi' sera) --- Titoli trovati: : 478
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
All them witches Nothing as the ideal
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2020  new west 
indie 2000
adesivo su cellophane. copertina apribile ruvida. Il sesto album della psych-band di Nashville, adesso un trio dopo la dipartita del tastierista, vede un buono amalgama di stili che passano dallo stoner a scure ballate blues desertiche. note a seguire. All Them Witches - Charles Michael Parks, Jr (basso), Robby Staebler (batteria), Ben McLeod, Allan Van Cleave (Fender Rhodes, organo) – sono un quartetto (adesso trio) di Nashville in bilico tra psichedelia e blues rock. Hanno all’attivo quattro dischi, “Our Mother Electricity” (2012), “Lightning at the Door” (2013), “Dying Surfer Meets His Maker” (2015) e “Sleeping Through the War” (2017).
Euro
32,00
codice 2108313
scheda
Allman brothers band Eat a peach
lp2 [edizione] ristampa  stereo  fra  1972  capricorn 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Doppio album, bella ristampa francese di meta' anni '70, copertina apribile laminata all' esterno, etichetta crema/marroncina con caprone rivolto verso destra, catalogo 2639101 sulla copertina, 2476101e 2476102 sulle etichette dei rispettivi vinili. Il doppio album pubblicato dalla Capricorn in Usa nel febbraio del 1972 dopo ''At fillmore east'' e prima di ''Brothers and sisters'', giunto al numero 4 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk. il quarto album, il terzo in studio (sebbene in parte registrato dal vivo). Il doppio album pubblicato dalla Capricorn in Usa nel febbraio del 1972 dopo ''At fillmore east'' e prima di ''Brothers and sisters'', giunto al numero 4 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk. Il quarto album, il terzo in studio (sebbene in parte registrato dal vivo). Pubblicato come tributo per la morte di Duane Allman, avvenuta in un incidente motociclistico il 29 Ottobre 1971, include brani registrati al Fillmore East non inclusi nel live di un anno prima e nuovi pezzi registrati in studio, tre con ancora Duane in formazione. Il lavoro si apre ponendo l'accento sul materiale piu' sognante, con episodi tersi e malinconici quali "Melissa", in diretto contrasto con i monumentali brani live che dominano le registrazioni in concerto; il suono del gruppo giunge all'apice nelle riletture di "One Way Out" e "Trouble No More", che ridefiniscono l'intero blues-rock americano, mentre l'immane talento di Duane puo' essere percepito in "Mountain Jam", una jam session della durata di oltre 20 minuti. Il materiale coglie la band nel suo momento piu' magico e creativo, con le acustiche di "Little Martha" che chiudono il disco a mo' di tributo al chitarrista scomparso. Un album che documenta inequivocabilmente l'enorme importanza della musica dei frateli Allman e l'influenza incommensurabile che questa avra' sulla musica americana del futuro.
Euro
32,00
codice 259838
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  bongo joe 
indie 2000
etichette custom. Il primo album, canzoni folk-pop turche passate attraverso una miscela di ritmica funky, chitarre psichedeliche con wah-wah e organi vintage. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
21,00
codice 2126859
scheda
Altin gun Yol
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  glitter beat 
indie 2000
copertina ruvida, etichette custom. Il terzo album, continua la ricerca del gruppo nella musica rock Anatolica e psichedelia turca con un tocco di di synth-pop e dancefloor. Gli Altin gun sono un gruppo di stanza ad Amsterdam formato dal bassista olandese Jasper Verhulst, che affascinato dalla musica pop-rock turca degli anni 70, che mischiava in maniera originalissima folk tradizionale con il rock psichedelico, ha messo su la band con musicisti provenienti dalla Turchia per un progetto che si immerge nella musica anatolica di artisti quali Baris Manço, Erkin Koray, Selda aggiornata ai nostri tempi con chitarre fuzz e ritmi tra danza del ventre e funky. Riferimenti a Goat, Baba Zula, Jacco Gardner.
Euro
29,00
codice 2126858
scheda
Amen dunes Freedom
Lp [edizione] originale  stereo  usa  2018  sacred bones 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 2000
copia ancora incellophanata, con adesivo di presentazione sul cellophane, copertina senza barcode, completa di download card (non sappiamo se ancora utilizzabile), di inner sleeve in cartoncino con crediti e di booklet di otto pagine con testi, etichetta nera e bianca, catalogo SBR-195. Pubblicato dalla Sacred Bones nel marzo del 2018, dopo "Love" (2014), il quinto album realizzato a nome Amen Dunes dal talentuoso Damon McMahon (anche autore di un album con il fratello Alexander McMahon a nome Inouk nel 2004 ed un lavoro a proprio nome nel 2006). Un disco solo apparentemente piu' immediato e solare rispetto al precedente (il capolavoro "Love", uno dei dischi piu' belli degli ultimi dieci anni), rivela dopo alcuni ascolti uno spessore straordinario, e molti brani splendidi. Una promessa piu' che mantenuta.
Euro
35,00
codice 259898
scheda
Angeletti maurizio Go fly a kite
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1983  moondance 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent blues rnr coun
Copia ancora parzialmente incellophanata, prima stampa italiana, senza barcode, completa di inner sleeve con artwork e foto, label azzurra con grande logo Moondance Records in bianco e nero su di una facciata e scaletta dei brani sull'altra, catalogo MR.8001. Pubblicato nel 1983 dalla Moondance in Italia, il terzo album, successivo a "Windows over the stream" (1981). "Go fly a kite" è un lavoro interamente strumentale e per la sola chitarra acustica, inciso nello Studio di Giancarlo Barigozzi a Milano nell'aprile del 1983. Tutti i brani sono composti da Angeletti, il quale suona una chitarra a 12 corde Taylor 855, con l'eccezione del brano "Good hands", in cui imbraccia una chitarra a sei corde Somogyi Dreadnought; partendo dal folk blues, fors'anche dalle esplorazioni di innovatori come John Fahey, ed ispirandosi alle più diverse fonti, dallo scrittore giapponese Tadao Saito, che parla di aquiloni, al gruppo hard rock porgressive di culto High Tide, da avventure newyorchesi alle delizie visive dello zootropio, dalla simbologia del labirinto alla sfida di annullare il rumore di una segheria con il suono melodico della chitarra. Le melodie riflessive, gentili, talora cullanti, talora fluttuanti e leggere, della chitarra di Angeletti volano via dai cliché più sfruttati della musica blues, creando una poesia sonora personale, quasi ipnotizzante, contemplativa, talora sottilmente malinconica. Maurizio Angeletti è un chitarrista acustico italiano, autore nei primi anni '80 di tre album per lo strumento, "Primo lp italiano di chitarra acustica" (1980), "Windows over the stream" (1981) e "Go fly a kite" (1983), oltre che di un importante libro scritto nel 1981 e pubblicato l'anno successivo, "American guitar", lavoro considerato ancora a decenni di distanza come un'opera molto originale sulla musica acustica. Nei primi anni '80 era attivo a Milano, dove aveva suonato anche con il più conosciuto Fabio Treves, cantante ed armonicista di ispirazione blues. Angeletti esprime nei suoi dischi una idea personale del blues, lontana dai cliché, ed ispirata forse a visionari pionieri della chitarra acustica strumentale nel country blues come John Fahey.
Euro
26,00
codice 335776
scheda
Anthrax Persistence of time (ltd. 2lp edition)
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1990  Island / megaforce 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent heavy metal
Prima stampa europea di pressaggio tedesco, NELLA RARA VERSIONE LIMITATA IN DOPPIO LP CON UN BRANO AGGIUNTO (la versione "radio edit" del singolo "Got the Time"), copertina lucida fronte retro con barcode 4007193040505, label blu con logo Megaforce Worldwide argento sotto il foro centrale e logo Island in giallo in basso, GEMA/BIEM a sinistra, catalogo 304049. Pubblicato nell'agosto del 1990 dalla Island in Gran Bretagna, dove arrivo' al tredicesimo posto in classifica, e negli USA, dove giunse alla 24esima posizione, ''Persistence of time'' e' il quinto album degli Anthrax, uscito dopo ''State of euphoria'' (1988) e prima di ''Sound of white noise'' (1993). Uno dei lavori del gruppo piu' apprezzati dalla critica, questo lp degli Anthrax mostra la potenza e la velocita' di trash/speed metal contaminato dalla furia hardcore punk, di cui e' eloquente esempio la cover di Joe Jackson ''Got the time''. Il gruppo mostra qui il suo lato piu' serio, incentrando i propri testi su riflessioni critiche riguardo l'odio sociale ed i pregiudizi, e musicalmente mostra piu' affinita' con il cupo sound dei Metallica rispetto al precedente ''State of euphoria''. Formatisi nel Queens di New York nel 1981, gli Anthrax sono tra i protagonisti indiscussi della rivoluzione del thrash e delle sonorità heavy insieme ai Metallica, ai Megadeth e agli Slayer, autori di brani dove velocità, potenza e rabbia si fondono in una alchimia devastante. Il gruppo mostra anche un lato umoristico, oltre ad un look che non risponde del tutto ai canoni metal, e la volontà di sperimentare incroci con generi diversi, come ad esempio lo hip hop e lo hardcore punk. Album come ''Spreading the disease'' (1985) e ''Among the living'' (1987) li consegnano alla storia del metal.
Euro
45,00
codice 259885
scheda
Apple fiona extraordinary machine
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2005  epic/clean slate 
indie 90
ristampa del 2023 in doppio lp, il terzo album della cantautrice newyorkese, a sei anni di distanza dal precedente "when the pawn hits the conflict...", a lungo rimasto incompleto per i ripensamenti avuti dall'autrice. la prima versione dei brani, che tra l'altro sono circolati in rete, vedeva alla produzione Jon Brion, lo stesso produttore di "when the pawn...", che aveva caricato in maniera eccessiva le composizioni con arrangiamenti complessi. la Apple per completare il disco ha poi preferito affidarsi a Mike Elizondo (Eminem; 50 Cent), che e' riuscito a dare maggiore respiro alle canzoni. lo stile della Apple e' caratterizzato da un songwriting deciso e sicuro basato sul pianoforte, con un cantato dalla voce profonda dagli accenti blues e jazz. pianista a 8 anni, comincia a comporre dall'eta' di 12, dopo la separazione dei genitori e lo stupro di cui e' stata vittima. nel 1996 esordisce per la sony con "tidal" prodotto da Andrew Slater, i singoli estratti, "criminal" e "shadowboxer", porteranno l'album in testa alle classifiche americane.
Euro
43,00
codice 2127027
scheda
Apple fiona The idler wheel.....
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  clean state/epic 
indie 90
Titolo completo: "The idler wheel is wiser than the driver of the screw and whipping cords will serve you more than ropes will ever do". Ristampa del 2023 Lp pubblicato dalla Clean State/Epic nel giugno 2012, dopo "Extraordinary machine" (05), il quarto album della cantante/compositrice/pianista americana, giunto alla posizione n.3 del Billboard. Prodotto dall'artista stessa e dal polistrumentista Charlie Drayton (collaboratore di N.Young, I.Pop e C.Love), esprime un suono fra rock, e pop con venature jazzy e swing, con rimandi A Tori Amos, ma con un tono e sensibilita' piu' introspettiva, fragile ed inquieta. Classe 1977, Fiona Apple e' figlia della cantante Diane McAfee e dell'attore Brandon Maggart: io stile e' caratterizzato da un songwriting deciso e sicuro basato sul pianoforte, con un cantato dalla voce profonda dagli accenti blues e jazz. Pianista a 8 anni, comincia a comporre dall'eta' di 12, dopo la separazione dei genitori e lo stupro di cui e' stata vittima. Nel 1996 esordisce per la Sony con "Tidal" prodotto da Andrew Slater, i singoli estratti, "Criminal" e "Shadowboxer", porteranno l'album in testa alle classifiche americane. Seguono "When the pawn...." (99), "Extraordinarymachine" (05) e "The idler wheel" (12).
Euro
39,00
codice 2127026
scheda
Apple fiona Tidal
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  epic 
indie 90
ristampa del 2023 in doppio vinile a 45 giri, libretto testi di 12 pagine, rimasterizzato dai nastri originali. Il primo album, pubblicato il 23 luglio del 1996, presenta la cantautrice appena 19enne in un album molto strutturato e splendidamente interpretato con brani che toccano il pop rock ed il jazz. Il singolo "criminal" vincerà il grammy award. Considerato come uno dei migliori dischi di debutto di tutti i tempi e tra i migliori degli anni 90 dalla rivista "Rolling stone". Classe 1977, Fiona Apple e' figlia della cantante Diane McAfee e dell'attore Brandon Maggart: io stile e' caratterizzato da un songwriting deciso e sicuro basato sul pianoforte, con un cantato dalla voce profonda dagli accenti blues e jazz. Pianista a 8 anni, comincia a comporre dall'eta' di 12, dopo la separazione dei genitori e lo stupro di cui e' stata vittima. Nel 1996 esordisce per la Sony con "Tidal" prodotto da Andrew Slater, i singoli estratti, "Criminal" e "Shadowboxer", porteranno l'album in testa alle classifiche americane. Seguono "When the pawn...." (99), "Extraordinarymachine" (05) e "The idler wheel" (12).
Euro
43,00
codice 2127028
scheda
Apple fiona When the pawn...
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1999  epic 
indie 90
ristampa del 2023. titolo completo è una poesia di novanta parole, il secondo album, uscito a tre anni di distanza da Tidal, del quale segue ed amplifica i contenuti musicali tra pop e jazz. Classe 1977, Fiona Apple e' figlia della cantante Diane McAfee e dell'attore Brandon Maggart: io stile e' caratterizzato da un songwriting deciso e sicuro basato sul pianoforte, con un cantato dalla voce profonda dagli accenti blues e jazz. Pianista a 8 anni, comincia a comporre dall'eta' di 12, dopo la separazione dei genitori e lo stupro di cui e' stata vittima. Nel 1996 esordisce per la Sony con "Tidal" prodotto da Andrew Slater, i singoli estratti, "Criminal" e "Shadowboxer", porteranno l'album in testa alle classifiche americane. Seguono "When the pawn...." (99), "Extraordinarymachine" (05) e "The idler wheel" (12).
Euro
39,00
codice 2127029
scheda
Arcade fire We (ltd bianco)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2022  sony 
indie 2000
edizione limitata in vinile bianco 180 grammi, copertina apribile con parti in rilievo e lucide, adesivo su cellophane. Il sesto album, l'ultimo con William Butler in formazione. Disco che dopo gli sperimentalismi del precedente "everything now" torna su sentieri ben conosciuti dalla band, pop rock energico e ballate folk moderne. note a seguire. Gruppo canadese formatosi a Montreal nel 2001. Guidati dalla coppia Win Butler-Regine Chassagne, gli Arcade Fire propongono gia' dal primo album "Funeral", una musica intensa ed autunnale, in equilibrio tra indie-rock e post punk, contraddistinta da un pathos pervaso di romanticismo e da un suono pieno ed energico, con pianoforte e chitarre distorte in evidenza. Hanno ottenuto un forte consenso di critica e di pubblico e hanno condiviso le scene con personaggi del calibro di David Bowie e U2.
Euro
36,00
codice 2115165
scheda
Armstrong louis / duke ellington Great summit - recording together for the first time
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1961  waxtime 
jazz
ristampa in edizione limitata in vinile pesante 180 grammi, copertina pressoche' identica sul fronte alla prima rara tiratura uscita in Usa su Roulette, con note e foto supplementari sul retro, ed arricchita della presenza di una traccia aggiunta per l' occasione, "It Don't Mean A Thing (If It Ain't Got That Swing)", registrata nelle stesse sessions dell' album. Originariamente pubblicato in Usa dalla Roulette nel 1961, la prima delle apprezzate collaborazioni fra i due grandissimi del jazz, incisa nell'aprile del 1961 con formazione composta da Louis Armstrong (tromba, voce), Duke Ellington (pianoforte), Trummy Young (trombone), Barney Bigard (clarinetto), Mort Herbert (contrabbasso) e Dany Barcelona (batteria). Satchmo e il Duca si cimentano con composizioni di quest'ultimo, con un fluido e rilassato jazz melodico, che alterna momenti piu' vivaci con ballate vocali contraddistinte dall'inconfondibile voce di Armstrong. Questa la scaletta: ''Duke's place'', ''I'm just a lucky so and so'', ''Cotton tail'', ''Mood indigo'', ''Do nothin' till you hear from me'', ''The beautiful american'', ''Black and tan fantasy'', ''Drop me off in Harlem'', ''The mooche'', ''In a mellow tone''. Il compositore, pianista e band leader Duke Ellington (1899-1974) e' senza dubbio una delle massime figure della storia del jazz e della musica del '900; uno dei massimi protagonisti dell'era swing, giunse a New York dalla natia Washington D.C. e gia' nella seconda meta' degli anni '20 divenne uno dei jazzisti piu' rispettati, grazie anche alle esibizioni con la sua leggendaria big band. Amato e rispettato anche dagli esponenti di correnti musicali successive, Ellington e' apprezzato dai conoscitori del jazz anche per il suo stile pianistico essenziale ed elegante, spesso sottovalutato perfino dallo stesso Duke. Uno dei massimi protagonisti della storia del jazz, nato poverissimo a New Orleans nel 1900, Armstrong inizia la sua carriera professionale suonando a Chicago con Kid Ory nel 1918 e poi nel 1922 con Joe King Oliver. Fra il 1925 ed il 1930 raggiunge il suo apice creativo, dirigendo i suoi gruppi Hot Five e Hot Seven e realizzando composizioni che vanno oltre l'approccio collettivo del primo jazz di New Orleans per approdare all'improvvisazione ed al solismo tipici del jazz piu' moderno. L'opera di Armstrong costituisce quindi, a prescindere dal suo valore estetico, un lavoro innovativo che fa da ponte fra le orchestre di New Orleans di inizio '900 ed il jazz cosi' come lo intendiamo oggi.
Euro
22,00
codice 3033853
scheda
Astatke mulatu Mulatu of ethiopia (remastered)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1972  strut / worthy 
world
Ristampa del 2022, rimasterizzata, copertina senza codice a barre pressoche' identica alla prima rara tiratura. originariamente pubblicata nel 1972 dalla Worthy. Un disco molto eclettico per il grande musicista etiope, in cui si alternano o si incontrano funk, soul jazz, fusion, squarci free jazz (in ''Dewel''), il tutto reso piu' omogeneo dal costante effetto ipnotico e circolare portato dalla musica etiope. Questa la scaletta: ''Mulatu'', ''Mascaram setaba'', ''Dewel'', ''Kulunmanqueleshi'', ''Kasalefkut-hulu'', ''Munaye'', ''Chifara''. Musicista importante nell'ambito del jazz etiope, di cui e' considerato uno dei fondatori, Mulatu Astatke ebbe la possibilita' di formarsi musicalmente a Londra e negli Stati Uniti, studiando negli anni '60 presso quello che sarebbe poi diventato il Berklee College Of Music di Boston; successivamente e' attivo a New York con il suo gruppo jazz Ethiopians, con il quale comincia a sviluppare la sua idea di ''ethio jazz'', incrociando jazz, musica latina ed etiope. Tornato in patria alla fine del decennio, inserisce elementi soul e funk nella sua musica e diventa uno dei musicisti piu' influenti dell'Etiopia. Viene ''riscoperto'' all'inizio del nuovo secolo in seguito all'inserimento di alcuni dei suoi brani nella colonna sonora del film ''Broken Flowers'' di Jim Jarmush.
Euro
29,00
codice 2126946
scheda
Asteroid no. 4 Northern songs (ye/bl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  cardinal fuzz 
indie 90
edizione limitata di 250 copie in vinile splatter nero e giallo, copertina lucida. Il decimo album della band di Philadelphia, nuovo episodio di sognante psichedelia che alterna brani che richiamano alla mente il jangle-pop dei byrds ed ipnotici viaggi tipo Spacemen 3. Band di Philadelphia, Usa, attiva dalla fine degli anni 90 che mescola paisley underground, movenze shoegaze e soffice psichedelia sixties con riferimenti a Jesus and mary chain, Spacemen 3, House of love, Church, Rain Parade, Stone roses.
Euro
29,00
codice 2108237
scheda
Atomic rooster in hearing of... (ltd. magenta vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa del 2023 in vinile 180 grammi per audiofili, EDIZIONE LIMITATA IN 750 COPIE, NUMERATE SUL RETRO, IN VINILE COLOR MAGENTA, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato Pubblicato in Inghilterra dalla Pegasus nel luglio 1971 dopo ''Death walks behind you '' e prima di ''Made in England'', non entrato nelle classifiche inglesi ne' in quelle americane, il terzo album. E' quello che chiude il primo periodo, piu' oscuro e sperimentale, registrato nel 1971 con Pete French dei Cactus alla voce, ed e'considerato dalla critica inglese come il loro capolavoro. Molto meno aggressivo ed accattivante dei primi lavori, "In Hearing Of" ha connnotazioni che lo avvicinano, in alcuni momenti, ad una sorta di acido funky, con "The Devil's Answer" che suona come una via di mezzo tra il Memphis soul ed il progressive inglese; i testi sono oscuri e carichi di riferimenti sovrannaturali e gotici, nello stile dell'hard rock inglese del periodo, influenze classicheggianti si fanno sentire saltuariamente, ma le tastiere di Vincent Crane sono sempre di ottimo gusto e le melodie assai caratteristiche e ottimamente eseguite. purtoppo il gruppo si sciogliera' di li a poco per riformarsi poi con una line up completamente diversa e dare vita alla seconda stagione del gruppo.
Euro
31,00
codice 2126898
scheda
Autechre incunabula
lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1993  warp 
indie 90
Doppio lp con copertina apribile, etichette nere con scritte bianche, coupon per download contenente un bonus live set. Ristampa del 2016. Il primo album capolavoro del duo inglese di techno composto da Sean Booth e Rob Brown, uno dei fondamentali gruppi di elettronica dei '90, artefici di un ambient techno con atmosfere industrial, jazz e psychedeliche, dal suono oscuro e scientifico sulla scia della compilation "artificial intelligence" dell'etichetta Warp, dalla quale ha preso il nome tutto un genere di elettronica. Duo di musicisti elettronici di Manchester, formato da Sean Booth e Rob Brown, gli Autechre sono, al pari di Aphex Twin e Boards Of Canada, fra i massimi esponenti della musica elettronica dagli anni '90 in poi, realizzando una techno complessa e cerebrale ma ricca di spunti anche sotto l'aspetto ritmico; il loro stile e' stato definito da alcuni "ambient-techno". Album come ''Incunabula'' (1993) e ''Tri-repetae'' (1995) sono considerati fra i loro principali.
Euro
32,00
codice 2126987
scheda
Average white band average white band (awb)
lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1974  Atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good soul funky disco
la seconda stampa americana, che si differenzia dalla primissima, di un anno prima, per avere (questa) la stessa etichetta verde e rossa MA CON il piccolo logo "W" in basso, copertina (con diversi segni di invecchiamento e foratura promozionale in alto a sinistra) cartonata, catalogo SD7308, corredato di inner sleeve con testi. Il secondo celeberrimo album del gruppo scozzese di Dundee. Autori di una musica dai connotati decisamente funky soul, "neri dentro" ma, come l' autoironico neme del gruppo indica chiaramente, interamente composti da musicisti bianchi (almeno in questa primissima formazione), si formarono nel '72 per iniziaiva degli ex Hopscotch Onnie McIntyre e Alan Gorrie, dell' ex Brian Auger's Oblivion Express Robbie McIntosh e di Roger Ball, Malcom Duncan e Hamish Stuart, apprezzati session men. L' intento iniziale era quello di suonare al servizio di altri artisti (nel dicembre del '72 Chuck Berry con "My Ding-A-Ling" arrivo' al numero 1 delle classsifche inglesi avvalendosi del loro supporto), ma presto prese forma l' idea di suonare autonomamente, che porto' ad un contratto con la M.C.A. che pero' li scarico' subito dopo il fallimento del primo album "Show Your Hand" e dei singoli che ne vennero tratti. Una seconda chance fu loro data dalla Atlentic, che li spedi' a New York a registrare con il produttore Arif Marden questo disco, scegliendo subito il singolo che restera' impresso indelebilmente nella memoria storica della musica di quell' epoca, quella splendida "Pick Up the Pieces" (nata da un riff di sax ispirato da "Gimme Some More" di James Brown) che, dopo gli inizi stentati, svettera' nelle classifiche di mezzo mondo, cosi' come l' album, che giunse al primo posto delle classifiche americane "pop" e, fatto senza precedenti per una band bianca, anche al primo di quelle r'n'b, con il gruppo pero' nel frattempo funestato dalla morte per overdose del batterista McIntosh. Grande successo avra' il gruppo ancora per anni, ma certo e' questa la massima espressione del suo funky soul raffinato e certo premonitore di tanti sviluppi che negli anni a venire avrebbero caratterizzato questa musica, fino a quella disco che poi li influenzera' nei loro ultimi lavori, prima dello scioglimento nel 1983, prima di varie occasionali reunion.
Euro
14,00
codice 259888
scheda
Axton hoyt Snowblind friend
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1977  mca coral 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Seconda stampa americana del 1980, copia con timbro dorato sul retro con dicitura "export only for sale outside continental United States only", sul retro copertina in basso, con il catalogo cambiato MCA-647 sulla label, e timbrato in oro sul fronte copertina (sulla costola e sul retro è invece presente il vecchio catalogo MCA-2263), copertina cartonata senza codice a barre, label azzurra con arcobaleno in alto. Originariamente pubblicato nel 1977 dalla MCA negli USA, dove giunse al 36esimo posto nella classifica country, questo lp uscì dopo "Fearless" (1976) e prima di "Free sailin'" (1978). Prodotto da Axton stesso (voce solista, chitarra acustica), fu inciso in California con Jana Lee (cori), Shandi Sinnamon (cori), Donna Roberts (tastiere, sintetizzatore ARP), Jack Skinner (basso, chitarra acustica), Mark Dawson (armonica, chitarra acustica, cori), Pete Grant (pedal steel, dobro, autoharp) e Gary Wattman (batteria). Axton propone un set di undici brani, per la maggior parte scritti da lui; ci sono anche un paio di brani firmati da Mark Dawson, e due cover, fra cui "Poncho and lefty" di Townes Van Zandt, il tutto espresso con un country rock dai toni molto rootsy, dalle sonorità essenziali e poco infiorettate, a sostegno della voce profonda, malinconica e riflessiva di Axton. Questa la scaletta: "You're the hagnail of my life", "Little white moon", "Water for my horses", "Funeral of the king", "I light this candle", "Never been to spain", "You taught me how to cry", "Snowblind friend", "Poncho and lefty", "Seven come", "I don't know why I love you". Grande autore di canzoni, spesso interpretate con successo da altri artisti (Kingstone Trio, Steppenwolf, Three Dog Night, Joan Baez, Arlo Guthrie e molti altri), Hoyt Axton (1938-1999), nato a Comanche, Oklahoma, ha anche inciso una quantita' sterminata di ottimi album tra folk e country, attraversando un momento di notevole popolarita' nella prima meta' degli anni '70, e trovando il tempo di diventare apprezzato caratterista nel mondo del cinema. Nonostante i due lavori per la M.C.A., incisi tra il '77 ed il '78, siano pericolosamente vicini al country di scuola "nashvilliana" piu' di maniera, la formazione di una personale etichetta, la Jeremiah, permise ad Axton di chiudere dignitosamente i '70, gettando buone basi per il decennio successivo.
Euro
18,00
codice 334049
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1964  esp 
jazz
Ristampa ufficiale, con copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, dell' album pubblicato nel 1966 dalla ESP, ed inciso a New York il 17 luglio del 1964 da una stellare formazione a sei composta da Albert Ayler (sax tenore), Don Cherry (tromba), JohnTchicai (sax alto), Roswell Rudd (trombone), Gary Peacock (contrabbasso) e Sonny Murray (batteria). Registrato dal registra Michael Snow per farne utilizzo nell' omonima pellicola che pero' ancora non era stata girata all' epoca della registrazione, "New York Eye And Ear Control" e' realizzato con una formazione zeppa di talenti del jazz d'avanguardia, e contiene una breve introduzione, "Dons dawn", e due lunghe improvvisazioni free, "Ay" e "Itt", interessantissimo documento del fermento musicale in atto in quel periodo nel mondo del jazz.
Euro
33,00
codice 3028152
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1980  columbia 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good soul funky disco
prima stampa USA, copertina (con leggeri segni di usura) con barcode, copia con timbro promozionale dorato sul retro), label rossa con sei loghi Columbia arancioni lungo il bordo, scritte arancio lungo il bordo e nere al centro, logo Roadshow nero e rosso in alto, catalogo JC36333. Pubblicato nel 1980 dalla Calibre nel Regno Unito e dalla Columbia negli USA, dove arrivò al 29esimo posto nella classifica r'n'b ed alla 164esima posizione nella billboard 200, il sesto album, successivo a "Shout! (shout it out)" (1978) e precedente "Keep it up" (1982). Prodotto da Morrie Brown, particolarmente attivo con il soul e la disco, "1980" contiene brani in gran parte scritti da compositori esterni alla band, e vede il sestetto di Brooklyn proporre una agile e levigata sintesi fra funk e disco, decisamente orientata alla pista da ballo con brani come "Funk theory", "Heart of fire" e "Takin' off", ed una delle loro ultime hits, "Give up the funk (let's dance)", giunta al 24esimo posto nella classifica r'n'b con il suo groove ad un tempo ballabilissimo ed ipnotico. Gruppo funk / disco afroamericano di Brooklyn, i B.T. Express furono fondati nel 1972 da Jeff Lane, inizialmente come King Davis House Rockers, poi Madison Street Express, quindi Brothers Trucking, ed infine con la sigla definitiva B.T. Express. Attivi fino alla seconda metà degli anni '80, pubblicarono sette album fra il 1974 ed il 1982, ottenendo un grandissimo successo nazionale con il primo "Do it ('til you're satisfied)", giunto al primo posto nella classifica r'n'b ed alla quinta posizione nella billboard 200, e contenente i loro due più grandi hits, la title track ed "Express", entrambi singoli di grandissimo successo. Una nutrita formazione che includeva una piccola sezione fiati, i B.T. Express dopo i primi successi su Roadshow passarono alla major Columbia, ma non riuscirono mai a tornare ai livelli di popolarità iniziali; attraversarono la breve epopea della disco, proponendo una armoniosa sintesi fra funk, soul urbano e levigato e disco. Uno dei membri della band, il tastierista Michael Jones (poi noto come Kashif Saleem) ebbe poi una carriera di successo come produttore e compositore negli anni '80.
Euro
18,00
codice 335782
scheda
Bad company Desolation angels (2lp expanded)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  usa  1979  swan song / rhino 
rock 60-70
Doppio album in vinile 180 grammi, ristampa del gennaio 2020, rimasterizzata con sistema "Half-speed mastered" presso i prestigiosi studi Abbey Road, espansa a doppio album con l' inserimento di un intero album di outtakes e versioni alternative, copertina apribile pressoche' identica alla prima rara tiratura su Swan Song, corredata di inner sleeves. Questi i brani contenuti nell' album aggiunto per l' occasione: Rock 'n' Roll Fantasy (Alternative Version) / Gone, Gone, Gone (Alternative Version) / Evil Wind (Alternative Version) / Early In The Morning (Alternative Version) / Smokin' 45 (Outtake / Alternative Version) / Oh, Atlanta (Slow Version With Rhodes) / Rhythm Machine (Alternative Version) / She Brings Me Love (Alternative Version / Rock Fever (Outtake). Pubblicato nel marzo del 1979 dopo ''Burnin' sky'' e prima di ''Rough diamonds'', giunto al numero 3 delle classifiche Usa ed al numero 10 di quelle Uk, il quinto album. Lavoro che segna una svolta nel suono dei Bad Company, "Desolation Angels", vede Rodgers e Ralphs allontanarsi dagli stereotipi del suono anni '70 e dal consueto ed oramai logoro rock & roll, con novita' negli arrangiamenti e l' inclusione della tastiera e di alcuni archi, e con la voce che vive una stagione di nuova passione, come nella magnifica "Rock 'n' Roll Fantasy". Lavoro decisamente superiore a "Burnin' Sky", contiene brani del calibro di "Gone, Gone, Gone", "Lonely for Your Love" e "She Brings Me Love", con Rodgers tornato ai suoi momenti di massimo splendore. L' album fu un notevole successo sulle due sponde dell' Atlantico anche se presto la band si sarebbe sciolta per poi riformarsi solo molti anni dopo. Questo supergruppo inglese si formo' nel '73 dagli ex-Free Paul Rodgers e Simon Kirke, dall' ex-Mott the Hoople Mick Ralphs e da Raymond "Boz" Burrell, gia' nei King Krimson. Inglesi ma basati negli Stati Uniti, dove raccolsero un successo straordinario, amministrati dallo stesso manager degli Zeppelin, mettevano insieme il rock blues di cui i Free erano stati maestri e un suono secco ai limiti dell' hardrock, ottimo per le radio e le classifiche americane. Continuarono a pubblicare dischi anche negli anni '80, prima di sciogliersi definitivamente e prendere strade diverse.
Euro
39,00
codice 3023839
scheda
Bags (l.a. punk) All Bagged Up: The Collected Works 1977-1980
lp [edizione] originale  stereo  usa  1977  artifix records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima ormai rara stampa, nella versione in vinile nero e con copertina con una musicassetta in primo piano sul fronte, senza barcode, completa di inserto (in cartoncino, a differenza della successiva tiratura) apribile, con quattro pagine con note e foto, etichetta gialla con scritte nere da un lato, custom fotografica gialla e nera dall' altro, catalogo SPR025, "THE BAGTERIA SPREADS.." e "BAGASAUARUS REX.." incisi sul trail off dei rispettivi lati; pubblicata per la prima volta dalla Artifix nel 2007, questa magnifica, imperdibile uscita per la prima volta tributa un adeguato omaggio alla grandezza della punk band di Los Angeles, autrici durante la loro breve esistenza, iniziata in pieno '77, di un solo leggendario singolo, i cui due brani aprono ovviamente questa raccolta, e di un brano comparso sulla seminale compilation "Yes L.A.", manifesto della scena locale, ma considerata nonostante questo tra le piu' grandi punk rock band che abbiano mai calcato le scene, non solo nell' ambito losangelino. "Survive" e "Babylonian Gorgon" furono pubblicate dalla mitica etichetta Dangerhouse nel dicembre del '78, se la seconda e' un irresistibile anthem, tra le piu' grandi espressioni del primo punk californiano, della prima, oltre alla sua straordinaria bellezza, va sottolineata una ferocia ed una velocita' che saranno dell' harcore ancora di la' da venire, e pressocche' inedite all' epoca; alle stesse sessions appartengono "We Don't Need The English" (tratta da "Yes L.A.") e "We Will Bury You" (comparsa nel 1980 sulla compilation "Life Is Beautiful So Why Not Eat Health Food"), micidiali schegge impazzite, all' altezza dei brani del singolo; i quattro brani successivi sono registrati il 24 febbraio del 1978 dal vivo al Masque di Los Angeles, e sono comparsi nel 1994 in un documento dal vivo della attivita' dello storico locale, registrazioni grezze ma potenti, esecuzioni assolutamente micidiali per "TV Dinner", "Violent Girl", "Animal Call" e "Chainsaw"; si prosegue con "7 and 7 Is" (brano dei Love), "1,2,3", "Gluttony", "In Love With Romance" e "Survive", registrate dal vivo il 25 novembre del 79 a Portland, Oregon e gia' note ai pochi possessori di un ormai raro video del gruppo; quindi una manciata di inediti assoluti: "Car Hell", uno degli ultimi brani composti dal gruppo, in una embrionica ed approssimativa versione, "a dei due brani del singolo, una "Real Emotions" registrata dal vivo e "Bag Bondage", dal primo demo del gruppo, registrato nel '77 ancora con Joe Nanini (anche negli Eyes e poi Wall of Voodoo) alla batteria e Geza X alla chitarra (all' epoca nei Deadbeats, poi autore di singoli ed un album per conto proprio). L' atipica "Disco's Dead" e' tratta da una rara compilation, a cui le Bags parteciparono sotto falso nome (SGAB >From The Planet Zed), "Prowlers in the Night" e "Nothing's Going On In Here" provengono da rari nastri dal vivo, ed infine "We Will Bury You" e' presente in un inedita versione diversa da quella gia' nota. Arrivato il ciclone hardcore, con Patricia Morrison ed Alice "Bag" in rotta di collisione, il gruppo si sciolse: la prima suonera' con Gun Club, Sisters of Mercy e DAmned, la seconda formera' la Alice Bag Band che partecipera' con un grande brano alla storica raccolta "The Decline of the Western Civilization", mentre Rob Ritter sara' nei 45 Grave. Imperdibile
Euro
40,00
codice 259894
scheda
Balance john / Anthony Blokdijk (Coil) the abrahadabra letters 1984-1988
BOOK [edizione] nuovo  stereo  eu  1984  korm plastics 
libro/riviste
Libro con copertina rigida, in formato A4, di 136 pagine. Tra il 1984 ed il 1988 Anthony Blokdijk frequento' assiduamente a Londra John Balance dei Coil con cui intrattenne anche una fitta corrispondenza, spesso ma non soltanto incentrata sul comune interesse per la musica. Questo libro contiene le scannerizzazioni delle lettere originali di Balance, sovente arricchite da disegni ovviamente coerenti con il particolarissimo immaginario di questo grande artista. Sono anche inclusi due articoli dalla fanzine di Blokdijk "Abrahadabra", da cui il libro prende il nome, ed un' intervista ai Coil che lo stesso condusse per la rivista olandese 'Opscene', opportunamente tradotta. I Coil si formano nel 1983 a Londra dal compianto Geoff Rushton, in arte John Balance (ex Zos Kia) e Peter Christopherson, gia' con Throbbing Gristle e Psychic TV, oltre che grafico dell'Hypnosis e autore di alcune copertine di Pink Floyd e Led Zeppelin. I Coil ai loro esordi hanno sconcertano il pubblico con un mix di elettronica, sperimentazione, musica rituale, richiami arcani e sessuali. Discepoli della "rivoluzione industriale" dei Throbbing Gristle, ricercatori delle piu' disparate sorgenti di suono, i Coil si sono rivelati gli esponenti di punta della corrente esoterica dell'industrial britannico, uno dei gruppi piu' creativi, fantasiosi e versatili del genere, la loro ricerca sul campionamento delle piu' disparate "sorgenti di suono" li ha condotti a ottenere risultati di alto livello tanto nell'avanguardia elettronica piu' ostica, quanto nella creazione di canzoni regolari e addirittura ballabili riuscendo a sposare il loro background esoterico e sperimentale a strutture piu' regolari e accessibili. Nell'universo Coil i mondi dell'Eros e del Tanatos non si trovano affatto in contrasto, bensi' coesistono, diventando la stessa cosa, sublimati nel concetto di eccesso dove i temi canonici dell'amore e della morte vengono trasfigurati ed estremizzati dalla follia e dalla tossicodipendenza. Da qui le riflessioni sulla morte, il gusto per la perversione sessuale, il tutto affrontato con piglio intellettuale e con il linguaggio dell'arte e dei riferimenti letterari, su tutti quelli all'opera di William Burroughs. Da un punto di vista strettamente musicale, ci troviamo di fronte ad una musica varia e complessa, che definire industriale puo' risultare fuorviante, poiche' riesce a fagocitare in se' i generi piu' disparati, dall'elettronica sofisticata all'ambient piu' oscuro, dal jazz al dadaismo, dal noise al gothic, un ibrido incontro tra le sonorita' dei Virgin Prunes, Cabaret Voltaire, Throbbing Gristle, Einst￾rzende Neubauten, Current 93, Can, Kraftwerk e Depeche Mode, atmosfere malsane ma solo a sprazzi eccessivamente tese e dominate da una buona dose di senso di humour nero che funge da antidoto per stemperare la tensione. La musica dei Coil e' un'entita' essenzialmente schizofrenica, inafferrabile, dominata dai repentini cambi d'umore, in cui coesiste un lato piu' grottesco, quasi surreale e divertente, ed uno terribilmente piu' morboso e inaspettato, dominati da uno spiccato gusto per l'eccesso, per lo sberleffo e per il kitsch. Un'alchimia singolarissima nata da musicisti preparati che si portano dietro anni d'esperienza (non scordiamoci che lo stesso Christopherson e' stato un pioniere nell'utilizzo di tape e sampler), di musicisti con del reale talento e che possedevano una piena padronanza delle loro capacita' espressive e dei loro intenti.
Euro
36,00
codice 3033890
scheda
Banco del mutuo soccorso io sono nato libero
Lp [edizione] ristampa  stereo  ita  1973  ricordi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa italiana della prima meta' degli anni '80, copertina non apribile, senza barcode, etichetta blu, con logo ''Orizzonte'' multicolorato su etichetta e retrocopertina, catalogo ORL8202. Pubblicato in Italia dopo ''Darwin'' e prima di ''Banco'' nel novembre del 1973. Il terzo album. Considerato il capolavoro del gruppo romano, entrato come d'altronde i precedenti 2 nella top 10 italica, contiene i brani ''Canto nomade per un prigioniero politico'', la memorabile elettroacustica ''Non mi rompete'', ''La citta' sottile''. Sara' l'ultimo lavoro con Marcello Todaro ed e' questo uno degli album manifesto dell' intero progressive italiano; musicalmente l'opera presenta brani complessi con lunghe partiture strumentali e la voce di Francesco Di Giacomo (r.i.p.) che declama testi sperimentali e carichi di pathos. Uno dei piu' importanti gruppi del rock progressivo italiano, il Banco Del Mutuo Soccorso si forma a Roma nel 1969, ed esordiscono su album nel 1972 con il leggendario album eponimo che ha la copertina a forma di salvadanaio, considerato uno dei piu' rilevanti lp di rock progressivo italiano; la loro carriera proseguira' nel quarant'anni successivi con numerosi dischi e costante entusiasmo. Il loro grande cantante Francesco Di Giacomo scompare in un incidente stradale nel 2014.
Euro
23,00
codice 259833
scheda

Page: 2 of 20


Pag.: oggetti: