Hai cercato:  prezzo min 100 --- Titoli trovati: : 543
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Ballard hank and midnighters don't change your.../we'll never...
78 [edizione] originale  mono  usa  1955  federal 
  [vinile]  Very good soul funky disco
il quattordicesimo singolo di Henry (Hank) Ballard ed i suoi Midnighters; 78rpm su Federal verde senza "hi-fidelity", scritte argento, "Federal" in corsivo in alto, (uscito su 45rpm, lo stesso anno con la stessa etichetta). I due pezzi qui presenti fanno parte del periodo d'oro del gruppo, che va dal '52 (inizialmente con il nome di Royals) al '56, anche grazie agli arrangiamenti del chitarrista Carl Green. Famosi per aver inciso quel gioiello di R&B che va sotto il titolo di "Work With Me Annie", pezzo che suscit= forte scandalo presso la comunitÓ puritana americana, e che dette luogo ad un'altra serie di "brani risposta" come "Roll With Me Henry" (Etta James in duetto con Richard Berry), dove Henry Þ lo stesso Hank.
Euro
100,00
codice 300123
scheda
Barber patricia Live: a fortnight in france
lp2 [edizione] originale  stereo  usa  2004  blue note / classic records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
copia ancora fornita della originaria busta plastificata esterna con adesivo "200 Gram Classic Records", seconda assai rara e ricercata stampa, realizzata nel 2010 dalla Classic Records, doppio album in vinile 200 grammi, copertina cartonata apribile senza barcode, label marrone chiara con scritte marroncine, logo Blue Note in alto, catalogo JP5007. Pubblicato nel 2004 dalla Blue Note, dopo ''Verse'' (2002) e prima di ''Mythologies'' (2006), questo album dal vivo venne registrato in Francia durante concerti a Parigi, Metz e La Rochelle, dalla cantante e pianista americana insieme al suo fedele gruppo di supporto, composto da Neal Alger (chitarra), Michael Arnopol (contrabbasso) e Eric Montzka (batteria). La Barber mescola sapientemente il suo jazz con moderate dosi di pop e rock, attraverso un set di brani in egual misura cover e composizioni proprie, dove emerge la capacita' di improvvisazione sua e del proprio gruppo, ma anche il livello compositivo delle sue canzoni jazz, cariche di riferimenti letterari e di spunti filisofici ed anche politici. Questa la scaletta: ''Gotcha'', ''Dansons la gigue!'', ''Crash'', ''Laura'', ''Pieces'', ''Blue prelude'', ''Witchcraft'', ''Norwegian wood'', ''Whiteworld'', ''Call me''. Figlia d'arte (il padre Floyd era membro della band di Glenn Miller), l'americana Patricia Barber e' una cantante e pianista jazz originale e decisa a portare avanti un discorso musicale personale, proponendo spesso brani di propria composizione, accanto ad interpretazioni di brani di altri autori. Si fece strada negli ambienti jazz di Chicago, rifuggendo da facili categorizzazioni, che non le facilitarono i rapporti con la critica; ciononostante, la sua reputazione crebbe nel corso degli anni '90, e fece un deciso balzo in avanti quando si accaso' presso la storica etichetta Blue Note.
Euro
180,00
codice 253163
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1970  transatlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima molto rara stampa inglese, copertina (con giusto lievi segni di distacco della laminatura vicino alla costola) laminata fronte retro, fabbricata da MacNeill Press come indicato sul retro, etichetta bianca e viola con logo Transatlantic al centro, catalogo TRA222. Pubblicato nel 1970 dalla Transatlantic in Gran Bretagna e dalla Verve Forecast negli USA, il primo album solista, precedente ''Peter bardens'' (1971). Prodotto da Bardens stesso, che vi suona organo e piano oltre che cantare, fu inciso con un un gruppo di collaboratori che includeva i cantante Steve Ellis (Love Affair) e Linda Lewis, il bassista Bruce Thomas (poi negli Attractions di Elvis Costello) ed il grande chitarrista Peter Green (sebbene non accreditato), che suona qui alcune delle sue migliori partiture chitarristiche, acide e distorte dallo wah wah, sullo stile del suo album solista ''The end of the game'', uscito nello stesso anno. I lunghi brani danno occasione sia a Green che al trascinante organo di Bardens di prodursi in eccellenti assoli e dialoghi, muovendosi tra rock blues, progressive e acid rock con energia ed inventiva; sicuramente queste jam sono il piatto forte di ''The answer''. Originario di Londra, l'abile tastierista Peter Bardens e' stato uno dei personaggi cardine della scena r'n'b inglese dei primi '60: inizia con Cheynes, quindi nel 1965 si unisce brevemente ai Them, prima di formare nel febbraio del 1966 i Peter B's Looners, nei quali militavano anche Mick Fleetwood e Peter Green; pubblicarono un solo singolo, fra l'altro l'esordio discografico di Green. Da questa formazione nacquero poi gli Shotgun Express, altro gruppo r'n'b che includeva anche il cantante Rod Stewart, autori di un paio di singoli e di un ep nel 1966/67. Nel 1969 formo' i Village, che suonarono con lui nel suo primo album solista ''The answer'' (1970), a cui fece seguito il secondo ''Peter Bardens'' (1971); questi due album presentano lunghi brani per lo piu' improvvisati, dominati dalla tastiera, suonata dallo stesso Bardens. Nel 1972 fu tra i fondatori dei Camel, gruppo progressive che ottenne un discreto successo in Gran Bretagna; lasciati i Camel nel 1978, pubblico' ulteriori album solisti, utilizzando sonorita' principalmente elettroniche a partire dai tardi anni '80. Scompare nel 2002 a causa di un male incurabile.
Euro
120,00
codice 328453
scheda
Bead game Welcome
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1970  avco embassy 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, prima rara stampa USA, copertina cartonata, label viola scuro con bordo arancio, scritte bianche lungo il bordo ed argentate al centro, scritta ''stereo'' bianca in alto a destra, logo Avco Embassy bianco in alto, catalogo AVE33009. Pubblicato nel 1970 dalla Avco Embassy negli USA, non uscito in Gran Bretagna, il primo leggendario ed unico album non postumo dei Bead Game. Prodotto da Gary Kannon ed inciso ai Record Plant East di New York con Tony Bongiovi, ''Welcome'' e' un lavoro interessante e non molto famoso fuori della ristretta cerchia collezionistica, che si colloca nel periodo post psichedelico del rock americano di inizio anni '70: armonie vocali di stampo vagamente westcoastiano, alcune affinita' con i Grateful Dead del 1970, ma meno legate alla riscoperta folk e blues di quelli, si coniugano ad un sound denso ed energico, talora vicino all' hard rock melodico, con potenti assoli chitarristici di matrice acid rock in brani come ''Punchin' judy'' e ''Wax circus'', ma anche sfumature barocche e delicate in ''Lady'' e ''Country girls'', mentre il lungo brano di chiusura ''Slipping'' porta all'apice l'interazione fra chitarre elettriche e tastiere gia' ascoltata nel corso del disco, aggiungendo qualche tocco progressive. Provenienti da Boston, gli americani Bead Game erano autori di un rock melodico e diretto, con occasionali passaggi guidati da chitarre fuzz. Il gruppo pubblica il primo lp ''Welcome'' nel 1970 su Avco Embassy, sciogliendosi poco dopo. Un'ulteriore lp, ''Baptism'', inciso nel 1970 prima del contratto con la Avco Embassy, vede la luce solo nel 1996, ma sempre nel 1970 furono tutti coinvolti in un altro progetto che approdo' ad un album per la Mercury, i Freedom Express. Il chitarrista John Sheldon aveva suonato con Van Morrison nel 1968, mentre il batterista e cantante Jim Hodder milito' in seguito negli Steely Dan, suonando nei loro primi due album.
Euro
190,00
codice 329486
scheda
Beatles A hard day's night
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  Parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima assai rara stampa inglese in mono, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro con scritta ''mono'' in nero sulla copertina di media grandezza (circa 4 cm) e completamente nera e non "outline", nella versione stampata da Garrod & Lofthouse" (contemporaneamente anche negli stabilimenti di "Ernest J. Day & Co" furono stampate le copertine di questo disco), etichetta "Parlophone yellow black", nera con logo giallo, con ''Recording first published 1964'' a sinsitra, scritta lungo la circonferenza che inizia con ''The Parlophone co'', CON ''Sold in Uk subject to resale" sopra il foro centrale, scritte sull' etichetta nella primissima versione con stile "chubby", ovvero un grassetto molto pieno e tondeggiante, trail- off matrix "XEX 481 - 3N" sul lato A e "XEX 482 - 3N" sul lato B. Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
250,00
codice 110387
scheda
Beatles A hard day's night
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  parlophone 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima assai rara stampa inglese in mono, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro con scritta ''mono'' in nero sulla copertina di media grandezza (circa 4 cm) e completamente nera e non "outline", nella versione stampata da Garrod & Lofthouse" (contemporaneamente anche negli stabilimenti di "Ernest J. Day & Co" furono stampate le copertine di questo disco), etichetta "Parlophone yellow black", nera con logo giallo, con ''Recording first published 1964'' a sinsitra, scritta lungo la circonferenza che inizia con ''The Parlophone co'', CON ''Sold in Uk subject to resale sopra il foro centrale, scritte sull' etichetta in caratteri "sans serif", nella versione con sulla facciata A l' "1" che precede il primo brano pressocche' in corrispondenza della "s" finale di "Songs..", trail- off matrix "XEX 481 - 3N" sul lato A e "XEX 482 - 3N" sul lato B. Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
230,00
codice 231098
scheda
Beatles early beatles
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1965  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima assai rara stampa americana in stereo (il brano "Please Please Me" e' diverso rispetto alla versione monofonica, cosa particolarmente evidente nelle tracce vocali dell' ultimo verso), copertina cartonata (con giusto lievi segni di invecchiamento, e due piccoli segni a penna biro sul retro) senza marchio RIAA sul fronte, etichetta nera con arcobaleno lungo la circonferenza SENZA "a subsidiary of Capitol" in basso, catalogo ST-2309, copia pressata negli stabilimenti Columbia Records Pressing Plant di Terre Haute, Indiana, con una "T" e dal codice "53" incisi sul trail off dei due lati (la copertina di questo pressaggio del disco non ha alcun codice numerico identificativo sul retro). Pubblicato in Usa nel marzo del 1965 dopo ''Beatles 65'' e prima di ''Beatles VI'' , giunto al numero 1 delle classifiche Usa e non pubblicato in Uk. Riacquisiti i diritti per la pubblicazione dei brani gia' usciti in varia forma per la Vee Jay, dopo che li aveva rifiutati nel 1963, la Capitol appronto' questo disco, che contiene 11 dei 14 brani di 'Please Please Me'' . Piu' che una raccolta, il tentativo della Capitol di rimediare alla mancata pubblicazione del primo album dei Beatles, uscito in Usa per la Vee Jay con il titolo di '' Introducing the Beatles'' . Il brano "Please Please Me" e' diverso rispetto alla versione mono, cosa particolarmente evidente nelle tracce vocali dell' ultimo verso.contiene- love me do, twist and shout, anna, chains, boys, ask me why, please please me, p.s. i love you, baby it's you, a taste of honey, do you want to know a secret.
Euro
100,00
codice 252453
scheda
Beatles for sale
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima molto rara stampa inglese in mono, con copertina (con moderati segni di invecchiamento) apribile ''unipak'', con disco estraibile dall'interno, laminata fronte e retro e flipback all'interno su due lati con la scritta mono sulla copertina in outline (solo contorno) , la copertina NON riporta il nome dello stabilimento di stampa (le cronache riportano comunque che questa prima tiratura fu pressata presso gli stabilimenti Garrod & Lofthouse), etichetta "yellow black", nera con scritte argento e logo giallo, con la scritta lungo la circonferenza che inizia con "The Parlophone Co.Ltd.", con ''Recording first published 1964'', e con "Sold in Uk subject to resale price conditions see price list'', nella versione che sulla seconda side ha il punto a seguire "NCB" sia dopo il quinto che dopo il sesto brano, trail off matrix "XEX 503 -3N" (lato A) e "XEX 504 - 4N" (lato B). Pubblicato in Inghilterra il 27 Novembre 1964 dopo ''A hard day's night'' e prima di ''Help!'', giunto al primo posto delle classifiche U.K e non uscito in U.S.A. (dove venne pubblicato con il titolo ''Beatles ' 65'' nel Gennaio del del 1965 giungendo al numero 1 delle classifiche). Il quarto album. Incastonato tra le due colonne sonore ed immesso sul mercato nel momento clou della beatlemania, in anni di tour in tutto il mondo, mostra gia', a partire dalla copertina, fotografata da Robert Freeman, i segnali della svolta di ''rubber soul''. Il disco, prodotto da George Martin, contiene sei revisitazioni di brani classici tratti da Chuck Berry, Carl Perkins, Dr. Feelgood, Little Richard, Buddy Holly ed otto composizioni del gruppo, tra cui ''Eight Days A Week'', ''I' ll Follow The sun'', "Words of Love'', la canzone di Ringo fu ''Honey Don't'', mentre George si cimenta con ''Everibody's Trying To Be My Baby''. Il tono dell'opera e' assai piu' oscuro del precedente, i brani piu' riflessivi ed intimisti, ed emerge il talento di Paul Mc Cartney come autore di ballate acustiche, il disco, all'epoca della sua uscita, venne recensito, tra le altre, con queste parole ''75% pubblicita', 20% capelli, 5 % lamenti cadenzati'' (New York Tribune), ''C'e' qualcosa di magico e sinistro nelle persone che si assomigliano molto. La mitologia ne parla molto. I Beatles ispirano terrore, rispetto e riverenza. Non avevo idea che si somigliassero tanto - differenze marginali su un tema identico. E con quei capelli mi ricordano i cuculi di Midwich'' (Jonathan Miller).
Euro
160,00
codice 106465
scheda
Beatles for sale
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Prima molto rara stampa inglese in mono, con copertina apribile ''unipak'', con costola che va a restringersi vicino alle estremita', con disco estraibile dall'interno, laminata fronte e retro e flipback all'interno su due lati con la scritta mono sulla copertina in outline (solo contorno) , la copertina NON riporta il nome dello stabilimento di stampa (le cronache riportano comunque che questa prima tiratura fu pressata presso gli stabilimenti Garrod & Lofthouse), etichetta "yellow black", nera con scritte argento e logo giallo, con la scritta lungo la circonferenza che inizia con "Parlophone Co.Ltd.", con ''Recording first published 1964'', e con "Sold in Uk subject to resale price conditions see price list'', nella versione che sulla seconda side ha il punto a seguire "NCB" sia dopo il quinto brano che dopo il sesto, trail off matrix "XEX 503 -3N" (lato A) e "XEX 504 - 3N" (lato B). Pubblicato in Inghilterra il 27 Novembre 1964 dopo ''A hard day's night'' e prima di ''Help!'', giunto al primo posto delle classifiche U.K e non uscito in U.S.A. (dove venne pubblicato con il titolo ''Beatles ' 65'' nel Gennaio del del 1965 giungendo al numero 1 delle classifiche). Il quarto album. Incastonato tra le due colonne sonore ed immesso sul mercato nel momento clou della beatlemania, in anni di tour in tutto il mondo, mostra gia', a partire dalla copertina, fotografata da Robert Freeman, i segnali della svolta di ''rubber soul''. Il disco, prodotto da George Martin, contiene sei revisitazioni di brani classici tratti da Chuck Berry, Carl Perkins, Dr. Feelgood, Little Richard, Buddy Holly ed otto composizioni del gruppo, tra cui ''Eight Days A Week'', ''I' ll Follow The sun'', "Words of Love'', la canzone di Ringo fu ''Honey Don't'', mentre George si cimenta con ''Everibody's Trying To Be My Baby''. Il tono dell'opera e' assai piu' oscuro del precedente, i brani piu' riflessivi ed intimisti, ed emerge il talento di Paul Mc Cartney come autore di ballate acustiche, il disco, all'epoca della sua uscita, venne recensito, tra le altre, con queste parole ''75% pubblicita', 20% capelli, 5 % lamenti cadenzati'' (New York Tribune), ''C'e' qualcosa di magico e sinistro nelle persone che si assomigliano molto. La mitologia ne parla molto. I Beatles ispirano terrore, rispetto e riverenza. Non avevo idea che si somigliassero tanto - differenze marginali su un tema identico. E con quei capelli mi ricordano i cuculi di Midwich'' (Jonathan Miller).
Euro
250,00
codice 110244
scheda
Beatles for sale
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Prima molto rara stampa inglese in mono, con copertina apribile ''unipak'', con costola che va a restringersi vicino alle estremita', con disco estraibile dall'interno, laminata fronte e retro e flipback all'interno su due lati con la scritta mono sulla copertina in outline (solo contorno) , la copertina NON riporta il nome dello stabilimento di stampa (le cronache riportano comunque che questa prima tiratura fu pressata presso gli stabilimenti Garrod & Lofthouse), etichetta "yellow black", nera con scritte argento e logo giallo, con la scritta lungo la circonferenza che inizia con "Parlophone Co.Ltd.", con ''Recording first published 1964'', e con "Sold in Uk subject to resale price conditions see price list'', nella versione che sulla seconda side ha il punto a seguire "NCB" dopo il sesto brano ma non dopo il quinto, trail off matrix "XEX 503 -4N" (lato A) e "XEX 504 - 3N" (lato B). Pubblicato in Inghilterra il 27 Novembre 1964 dopo ''A hard day's night'' e prima di ''Help!'', giunto al primo posto delle classifiche U.K e non uscito in U.S.A. (dove venne pubblicato con il titolo ''Beatles ' 65'' nel Gennaio del del 1965 giungendo al numero 1 delle classifiche). Il quarto album. Incastonato tra le due colonne sonore ed immesso sul mercato nel momento clou della beatlemania, in anni di tour in tutto il mondo, mostra gia', a partire dalla copertina, fotografata da Robert Freeman, i segnali della svolta di ''rubber soul''. Il disco, prodotto da George Martin, contiene sei revisitazioni di brani classici tratti da Chuck Berry, Carl Perkins, Dr. Feelgood, Little Richard, Buddy Holly ed otto composizioni del gruppo, tra cui ''Eight Days A Week'', ''I' ll Follow The sun'', "Words of Love'', la canzone di Ringo fu ''Honey Don't'', mentre George si cimenta con ''Everibody's Trying To Be My Baby''. Il tono dell'opera e' assai piu' oscuro del precedente, i brani piu' riflessivi ed intimisti, ed emerge il talento di Paul Mc Cartney come autore di ballate acustiche, il disco, all'epoca della sua uscita, venne recensito, tra le altre, con queste parole ''75% pubblicita', 20% capelli, 5 % lamenti cadenzati'' (New York Tribune), ''C'e' qualcosa di magico e sinistro nelle persone che si assomigliano molto. La mitologia ne parla molto. I Beatles ispirano terrore, rispetto e riverenza. Non avevo idea che si somigliassero tanto - differenze marginali su un tema identico. E con quei capelli mi ricordano i cuculi di Midwich'' (Jonathan Miller).
Euro
225,00
codice 110024
scheda
Beatles for sale
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima molto rara stampa inglese in mono, con copertina (con qualche segno di invecchiamento lungo la costola) apribile ''unipak'', con costola che va a restringersi vicino alle estremita', con disco estraibile dall'interno, laminata fronte e retro e flipback all'interno su due lati con la scritta mono sulla copertina in outline (solo contorno) , la copertina NON riporta il nome dello stabilimento di stampa (le cronache riportano comunque che questa prima tiratura fu pressata presso gli stabilimenti Garrod & Lofthouse), etichetta "yellow black", nera con scritte argento e logo giallo, con la scritta lungo la circonferenza che inizia con "Parlophone Co.Ltd.", con ''Recording first published 1964'', e con "Sold in Uk subject to resale price conditions see price list'', nella versione che sulla seconda side ha il punto a seguire "NCB" sia dopo il quinto brano che dopo il sesto, trail off matrix "XEX 503 -3N" (lato A) e "XEX 504 - 3N" (lato B). Pubblicato in Inghilterra il 27 Novembre 1964 dopo ''A hard day's night'' e prima di ''Help!'', giunto al primo posto delle classifiche U.K e non uscito in U.S.A. (dove venne pubblicato con il titolo ''Beatles ' 65'' nel Gennaio del del 1965 giungendo al numero 1 delle classifiche). Il quarto album. Incastonato tra le due colonne sonore ed immesso sul mercato nel momento clou della beatlemania, in anni di tour in tutto il mondo, mostra gia', a partire dalla copertina, fotografata da Robert Freeman, i segnali della svolta di ''rubber soul''. Il disco, prodotto da George Martin, contiene sei revisitazioni di brani classici tratti da Chuck Berry, Carl Perkins, Dr. Feelgood, Little Richard, Buddy Holly ed otto composizioni del gruppo, tra cui ''Eight Days A Week'', ''I' ll Follow The sun'', "Words of Love'', la canzone di Ringo fu ''Honey Don't'', mentre George si cimenta con ''Everibody's Trying To Be My Baby''. Il tono dell'opera e' assai piu' oscuro del precedente, i brani piu' riflessivi ed intimisti, ed emerge il talento di Paul Mc Cartney come autore di ballate acustiche, il disco, all'epoca della sua uscita, venne recensito, tra le altre, con queste parole ''75% pubblicita', 20% capelli, 5 % lamenti cadenzati'' (New York Tribune), ''C'e' qualcosa di magico e sinistro nelle persone che si assomigliano molto. La mitologia ne parla molto. I Beatles ispirano terrore, rispetto e riverenza. Non avevo idea che si somigliassero tanto - differenze marginali su un tema identico. E con quei capelli mi ricordano i cuculi di Midwich'' (Jonathan Miller).
Euro
175,00
codice 107719
scheda
Beatles Help! (Stereo!)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1965  Parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima estremamente rara stampa inglese in stereo (molto piu' rara della corrispondente prima stampa mono), copia con davvero lievi segni di invecchiamento, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro, stampata da '' Garrod & Lofthouse ltd'', con ''Patents pending'' sul retro, nella primissima versione con la scritta ''stereo'' in ''outline'', ovvero solo contorno, etichetta nera e gialla con scritte lungo il bordo che inizia con ''The Gramophone co'' ed in orrizzontale ''Sold in the Uk subject to... '', trail off "YEX 168 1" sul primo lato e "YEX 169 1" sul secondo, caratteri utilizzati sull' etichetta "Sans Serif", nella versione con l' asterisco dopo l' indicazione del brano "I Need You", e non prima, e con meno spazio a sinistra tra "(YEX.168)" e "(YEX 169)" e "(p) 1965". Pubblicato in Inghilterra nel Luglio del 1965 dopo ''Beatles For Sale'' e prima di ''Rubber Soul'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane dove fu pubblicato (con sia la copertina che alcuni brani diversi) nell' Agosto del 1965 . Il quinto album dei Beatles nonche' la colonna sonora del loro secondo film, l'ultimo album del primo periodo, costruito come i precedenti su di un mix di composizioni originali affiancati a riletture di brani ''rock and roll'', ma anche in questo caso, vedi "Act Naturally" e "Dizzy Miss Lizzy", l'una cantata da Ringo e l'altra da John, appare evidente come lo stile del gruppo si stia trasformando e allontanandosi dai modelli originali, in "You've Got to Hide Your Love Away" ed in ''Help !'' si colgono immediatamente le prime avvisaglie del periodo successivo, che iniziera' con ''Rubber Soul'', e chiaramente vi si avvertono le influenze di Dylan nei testi e dei Byrds nei suoni delle 12 corde elettriche, vedi "Ticket to Ride". "You're Going to Lose That Girl", "The Night Before", "Another Girl", "I've Just Seen a Face" e "Yesterday", sono testimonianze di un suono che stava maturando e che oramai iniziava a mostrare sfaccettature di grande complessita', con arrangiamenti e suoni innovativi e raffinatissimi che sbocceranno nel Rubber Soul. Anche George Harrison con ''I Need You'' e '' You Like Me Too Much'', da' qui il suo contributo facendo presagire immediatamente gli sviluppi delle sue composizioni future. Un album di importanza eccezionale che rappresenta lo spartiacque tra il primo periodo dei Beatles e della musica inglese in genere (gli anni che vanno dal 1963 al 1965, quelli della ''beatlemania'') che si concludera' proprio in questo 1965, e quello della sperimentazione in studio che inizia nel 1966, ''Help!'' ne coglie entrambi i lati, ma la sua vera peculiarita' va ricercata comunque piu' che nelle composizioni, peraltro eccezionali, negli arrangiamenti e nelle sonorita' che dimostrano come il gruppo sia stato stimolato dalla ventata americana di Dylan e dei primi Byrds e la stia rieleborando in una maniera completamente originale e totalmente inaspettata.
Euro
380,00
codice 249162
scheda
Beatles i favolosi beatles (with the beatles)
Lp [edizione] seconda stampa  mono  ita  1963  parlophon 
  [vinile]  Good  [copertina]  Excellent rock 60-70
seconda comunque rarissima stampa italiana, in mono, copia con diversi segni di invecchiamento sul vinile (che suona comunque piu' che dignitosamente), copertina laminata fronte e retro, flipback sul retro su due lati, etichetta non piu' vinaccia ed argento ma rossa ed argento (venduta per solito come prima stampa), con logo Parlophon, senza la "e" finale (come anche la copertina), catalogo PMCQ31503, "Biem" riquadrato a sinistra, "4-2-64" inciso sul trail off dei due lati. Con l' esclusivo titolo "I Favolosi Beatles" ed un' esclusiva copertina, la versione italiana dell' album inglese "With The Beatles", con gli stessi brani di quello. Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1963 dopo '' Please, Please Me'' e prima di '' A hard Day' s Night '' giunto al numero 1 delle classifiche U.K e non pubblicato negli U.S.A., ( dove usci' con il titolo '' Meet The Beatles'' nel gennaio del 1964 e giunse al numero 1 delle classifiche ). Il secondo album. Considerato dalla critica come ''un punto fermo della musica moderna'', l'unico album dei primi ''60 che mantiene inalterata la freschezza e il respiro musicale che apparvero evidenti al momentoi della pubblicazione e naturalmente uno dei migliori albums dei beatles in assoluto''. Prodotto da george martin, contiene 14 brani, di cui sei sono revisitazioni di standards del rock'n'roll e otto originali, tra questi il primo brano composto da george harrison, '' don't bother me'', ''all my loving'' e il brano scritto per i Rolling Stones ''i wanna be your man''. il disco e' un classico del ''beat'' dei primi anni ''60 , la emi aveva deciso di investire sul gruppo e gli concesse mezzi e tempi di registrazione assi piu' lunghi rispetto a quelli minimi del primo album, a cominciare dalla copertina, che e' molto distante dallo stile ancora in voga, si dimostra come un opera piu' ''di studio'', registrato con molta maggiore cura del primo e' anche il disco in cui si iniziano a intravedere, nei suoni e negli arrangiamenti, le straordinarie qualita' evolutive che porteranno il gruppo ad incarnare mirabilmente lo spirito del decennio, l'album si chiude con uno dei brani piu' incisi della storia del rock, '' Money'', di Barrett-Strong, che lo stesso Lennon avrebbe reinterpretato con la Plastic Ono Band nell'album dal vivo a Toronto .
Euro
125,00
codice 242967
scheda
Beatles introducing (1st track list)
Lp [edizione] originale  mono  usa  1963  vee-jay 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Bella copia con giusto lievissimi segni di invecchiamento, l' originale prima rarissima stampa americana CON "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU", nella terza versione che finalmente riporta sul retro la lista dei brani (dopo le provvisiorie "Ad back cover" e "Blank back cover", la prima con pubblicita' di altri albums sul retro, la seconda senza alcuna indicazione), con vinile pressato il 29 Giugno del 1963 (sul trail-off c' e' scritto "Audiomatrix" e viene riportata la data 6/29/63) e copertina stampata nel Gennaio del 1964, etichetta nera con fascia esterna multicolore con logo in un ovale, con nome del gruppo e titolo sopra il buco centrale. Relativamente alla seconda versione del disco gran parte delle copie in circolazione sono delle contraffazioni, non cosi' per le copie di questa prima versione con "Love Me Do" e "P.s. I Love You", che naturalmente vede la copertina senza la scritta "Printed in USA" in basso a sinistra sul fronte, l' ombra di George Harrison chiaramente visibile a destra. Secondo il Record Collector magazine questa versione del disco esisterebbe solo mono, avendo ancora la Vee Jay, all' epoca della sua stampa, alcune giacenze di copie stereo con la "ad back cover". Pubblicato in Usa nel giugno del 1963 prima di ''Meet the Beatles'' giunto al numero 2 delle classifiche Usa, non pubblicato in Uk. Il primo album americano. "Introducing...The Beatles" e' una versione lievemente diversa di "Please Please Me", che era uscito in Inghilterra 4 mesi prima, esiste in due versioni, la prima , uscita il 29 Giugno del 1963 prevede due brani in meno rispetto all' edizione Britannica, "Please Please Me" ed "Ask Me Why", ma l' inclusione, al posto di essi, di "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU". La seconda versione del disco, pressata il 22 Febbraio del '64, non includera' invece "LOVE ME DO" E "P.S. I LOVE YOU", ma al loro posto "Please Please Me" e "Ask Me Why".
Euro
800,00
codice 218349
scheda
Beatles let it be box set (complete!)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1970  apple 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Prima straordinariamente rara stampa inglese, oramai assolutamente scomparsa in questa prima limitatissima e magnifica versione, che ha raggiunto quotazioni che esulano dal mercato discografico per avvicinarsi a quello dell' arte contemporanea. Box set assolutamente completo, che include: copertina del box pressata da ''Garrod & Lofthouse Limited'' con indicazione ''Patents Pending'', laminata fronte e retro, libro con le pagine ancora completamente incollate (il libro a causa di un problema di incolaggio vede in quasi tutte le copie le pagine che si staccano al solo aprirle), con copertina lucida con 170 pagine patinate a colori , il portalibro sagomato nero, l' album ''Let it be'', con copertina laminata fronte e retro stampata da ''Garrod & Lofthouse Ltd'' , nella sua versione limitata con il retrocopertina con la mela rossa e non verde, etichetta con mela verde da un lato e con mela tagliata dall' altro, trail off lato 1: "YEX 773 3U" e lato 2: "YEX 774 3U". Il libro e' presente nella versione con la prima pagina nera e non bianca (versioni contemporanee) e nella rara primissima versione provvisoria, con la pagina dei crediti che inizia con "Designed by John Kosh" e finisce alla decima riga con "By Apple Publishing", ma questa versione provvisoria del libro riporta altresi', sotto queste indicazioni, anche una striscia adesiva applicata provvisioriamente, con ulteriori informazioni che poi saranno anche stampate nella versione definitiva. Anche l' etichetta e' presente nella rara variante che e' considerata da alcune fonti la sua primissima versione, con uno spazio piu' ampio tra l' indicazione del lato e la lista dei brani ed a destra il marchio cerchiato "p" piu' piccolo dell' anno "1970", e non della stessa misura. Pubblicato in tutto il mondo l' 8 maggio del 1970 ma registrato nei primi mesi del 1969, giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed al primo posto di quelle americane. Il dodicesimo album. L' ultimo disco dei Beatles ad essere pubblicato ma il penultimo ad essere registrato, frutto del mai portato a termine ''Get back'' ed ultimato con la produzione di Phil Spector. Fu l'unico album del gruppo a ricevere recensioni anche molto negative, ed e' certamente uno dei dischi piu' controversi della storia della musica rock. per comprendere meglio i motivi di questo '' caso Let It Be '' e' necessario ripercorrere, per sommi capi, la genesi del progetto. pubblicato nel maggio del 1970, venne pero' registrato in massima parte circa 15 mesi prima, nei primi mesi del 1969, assai prima, quindi, di Abbey Road, questo tempo trascorse per il gruppo tra beghe legali, litigi, apatie, querele e abbandoni. let it be e' un film sul disco, piuttosto che il contrario, l'intenzione iniziale era quella di documentare il lavoro dei beatles dentro allo studio di registrazione, ma gli attriti interni colpirono let it be fin dall'inizio, costruendo un documentario visivo e sonoro sulla disintegrazione del gruppo. solo paul mc cartney sembrava interessato a portare a termine il progetto, che si doveva intitolare originariamente '' Get Back'' e doveva essere un ritorno al suono senza sovraincisioni degli anni pre Rubber Soul, con brani semplici suonati e registrati in diretta. la produzone originale fu di George Martin e l'assistenza tecnica di Glyn Jones, ad un certo punto il gruppo riascolto' i nastri, trovarono l'intero lavoro senza scopo e decisero di abbadonare tutto, allora la apple , per evitare che davvero tutto venisse gettato, contatto' Glyn Jones perche' remixasse le tracce , e fu allora che entro' in gioco il produttore americano Phil Spector, famoso per il suo suono ultrapotente detto ''Wall Of Sound '' ( una tecnica che, a forza di sovraincisioni, creava una superproduzione che aveva il suo equilibrio proprio nell'eccesso ). il risultato, come scrisse rolling stone '' salvava il prodotto, ma dandone una dimensione opposta a quella che era stata originariamente intesa '' . l'onesta' e la semplicita' del progetto iniziale, si scrisse, vennero seppellite da muri di violini ed arrangiamenti commerciali, Spector, non lavoro' con il gruppo, che di fatto era allo sbando, e prese gran parte delle decisioni autonomamente , nel disinteresse dei quattro. tra le mosse piu' criticate ci fu naturalmente quella del massiccio utilizzo degli archi, ma in realta' questo tipo di arrangiamento e' presente soltanto in "The Long and Winding Road" e in parte in "Across the Universe" e "I Me Mine", mentre in effetti, il materiale contenuto nel disco e' molto meno uniforme rispetto agli altri lavori del gruppo, ancora recentemente Spector sostiene che il disco venne approvato da tutto il gruppo prima della pubblicazione, mentre Mc Cartney dichiara di '' non avere avuto il coraggio di ascoltare i nastri nemmeno una volta prima della pubblicazione''. detto questo, il disco e' largamente sottovalutato, si tratta comunque di un capolavoro, uno dei dischi dei Beatles in cui , per esempio, McCartney e' in migliore forma, scrive "Let It Be,'', "Get Back," , "The Long and Winding Road," solo per citare tre brani celeberrimi, il contributo migliore di John e' ''Across the Universe'' ma vi sono anche gli splendidi episodi di '' I Me Mine '' "Two of Us,", "I've Got a Feeling" , e "Dig a Pony." . [ per chi volesse farsi un idea piu' precisa della situazione, ricordiamo che nel Novembre 2003, e' stata pubblicata la versione ''alternativa'' di Let It Be intitolata Let It Be... Naked, che si rifa' ai nastri pre- Spector, quindi privi delle sue manipolazioni e sovraincisioni , in questa versione, inoltre, "Dig It" e "Maggie Mae"sono state tolte in favore di "Don't Let Me Down," .]
Euro
1.500,00
codice 236036
scheda
Beatles Magical mystery tour (mono!)
Lp [edizione] originale  mono  usa  1967  Capitol 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima molto rara stampa americana IN MONO, copia con moderati segni di invecchiamento sul vinile, copertina cartonata apribile, con crediti "Maclen Music, Inc., BMI" indicati all' interno per tutti i brani, nella versione "East Coast" con (sempre all' interno) "No You're Not" sotto "I Am The Walrus" scritto non in corsivo, con libretto di 24 pagine spillato all' interno, etichetta Capitol black rainbow, nera con fascia esterna multicolore, SENZA "a subsidiary of Capitol" in basso, con i crediti "BMI" indicati per tutti i brani, catalogo MAL-2835. Pubblicato in USA nel dicembre del 1967 dopo ''Sgt Pepper's Lonely Heart Club Band'' e prima di ''Yellow Submarine'', giunto al numero 1 delle classifiche USA e non uscito in Uk, contiene i brani dell' omonimo doppio EP pubblicato contemporaneamente in Uk con aggiunti i brani dei singoli inglesi del '67, ovvero "Strawberry Fields Forever"/"Penny Lane", "All You Need is Love"/ "Baby You' re a Rich Man" ed "Hello Goodbye"/"I am the Walrus". Alcuni brani presentano delle differenze sostanziali nelle due versioni stereo e mono. Uno dei piu' leggendari artefatti della stagione floreale ed una delle ultime testimonianze degli anni psichedelici del gruppo, fu la colonna sonora del film tv, girato in preda alle piu' potenti droghe allucinogene in circolazione dai Beatles per la TV inglese B.B.C. che lo mise in onda il 26 dicembre del 1967. Non fu pubblicato sotto forma di lp in Inghilterra, dove invece usci' contemporaneamente, sempre nel dicembre del 1967, la versione a doppio EP (ma mancante dei brani, solo qui inclusi, che erano usciti in uk su singolo nel '67, ovvero "Strawberry Fields Forever"/"Penny Lane", 2/67, "All You Need is Love"/ "Baby You' re a Rich Man" 7/67 ed "Hello Goodbye"/"I am the Walrus" 11/67), le restanti tracce, contenute sono le stesse dell'ep inglese, ''magical mistery tour'', ''your mother should know'', ''i am the walrus'', ''the fool on the hill'', ''flying'', ''blue jay way''.
Euro
280,00
codice 253174
scheda
Beatles Meet the Beatles! (1st cover)
Lp [edizione] originale  mono  usa  1964  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima molto rara stampa americana, in mono, nella primissima versione con il NOME DEL GRUPPO IN MARRONE sul fronte della copertina, e non verde oliva come nella seconda tiratura dello stesso 1964, e senza "Produced By George Martin" sul retro, copertina cartonata, etichetta nera con arcobaleno lungo la circonferenza SENZA "a subsidiary of Capitol" in basso nella versione completa dei crediti BMI ed Ascap. Pubblicato in Usa nel nel gennaio del 1964 dopo ''Introducing the Beatles'' e prima di '' The Beatles Second Album'', giunto al numero 1 delle classifiche Usa e non pubblicato in Uk. Il secondo album americano, il primo su Capitol; contiene 9 dei 14 brani del secondo album inglese"With the Beatles", uno dal primo, "Please Please Me" ed il singolo "I Want To Hold Your Hand" ( 11/63) completo de retro ''This Boy'' inedito su album in Uk. I cinque pezzi mancanti usciti in Uk su "With the Beatles" furono pubblicati presto in "Second Album". uscito un mese prima che i Beatles sbarcassero per la prima volta a New York ed in piena esplosione della beatlemania , Meet the Beatles! non e' un semplice album, ma la testimonianza stessa della presa d'atto della nascita della generazione che in tre anni avrebbe creato la summer of love, tra i brani "I Want to Hold Your Hand," "I Saw Her Standing There," "It Won't Be Long,"e "All My Loving", il gruppo proprio grazie a questo album sara' invitato all' Ed Sullivan Show e fu proprio questo programma a propagare le fiamme della Beatlemania al di la' dell' oceano, insieme al singolo di "She Loves You". Tutti i brani sono scritti dal gruppo, a parte la cover da Meredith Willson di "Till There Was You", c'e la prima composizione di George Harrison "Don't Bother Me", e tutti e 4 i componenti cantano almeno un brano, incluso Ringo Starr che si cimente con ''I Wanna Be Your Man'' brano gia' '' prestato'' ai Rolling Stones . Decisamente un pezzo fondamentale della storia musicale e del costume dei primi anni '60.
Euro
230,00
codice 229537
scheda
BEATLES please please me (deep groove - decca pressing!)
Lp [edizione] terza stampa  mono  uk  1963  Parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
terza stampa inglese nella rarissima versione pressata negli stabilimenti della Decca; riconoscibile per il facilmente visibile "deep groove" sull' etichetta, si tratta quindi del primo dei cosiddetti "CONTRACT PRESSING" dei dischi dei Beatles: per soddisfare la grande quantita' di copie richieste dal mercato dei dischi del gruppo, la Parlophone piu' volte commissiono' negli anni il pressaggio di piccole quantita' di copie (enormemente piu' rare di quelle "regolari") agli stabilimenti della Decca o della Pye. "Please Please Me" esiste appunto in questa rara versione che per la prima volta proponiamo nel nostro catalogo; la stampa corrisponde alla terza stampa del disco: etichetta "yellow black", pressata come le precedenti nel 1963 (enormemente rare le prime due tirature, tra cui la primissima con la leggendaria etichetta "gold black"), copertina pressata da "Garrod & Lofthouse", ed ovviamente con l' indicazione "mono" in alto a destra larga piu' di 2 pollici e non piccola; etichetta "Parlophone Yellow Black", gialla e nera con scritta lungo la circonferenza che inizia con ''The Parlophone Co'', ancora SENZA ''Sold in Uk... '' ma gia' con ''Recording First Published 1963'' (quest' ultima indicazione era assente nelle primissime copie pressate con etichetta "yellow black", addirittura piu' rare delle copie "gold black"). Pubblicato in Inghilterra nel Marzo del 1963, prima di ''With the Beatles'', giunto al numero 1 delle classifiche UK e non pubblicato in USA (dove usci' con il titolo ''Introducing The Beatles'' nel Luglio del 1963 ma giunse al numero 2 delle classifiche solo nel Febbraio del 1964). Il primo album. Prodotto da George Martin e registrato negli studi della EMI in 16 ore, contiene i brani che il gruppo suonava live nel periodo, 14 canzoni, sei standard rock'n'roll ed otto composizioni originali, ''Love Me Do'', ''Please, Please Me'', "I Saw Her Standing There'', ''Do You Want To Know A Secret'' tra gli altri. Album dalla carica straordinaria e dalla potenza, per l'epoca, devastante, suonava alla sua uscita come qualcosa di mai sentito prima (ricordiamo che il ''new sound'' nel 1963 era il rock'n'roll americano, Chuck Berry, Elvis, Buddy Holly, etc. ed in Inghilterra non esisteva una vera scena rock, a parte lo skiffle o gruppi strumentali quali gli Shadows), sconvolse in maniera permanente la vita di milioni di teen agers in tutto il mondo e scateno' uno dei piu' grandi fenomeni di massa della storia del secolo. Chiunque abbia ascoltato il disco all'epoca della sua uscita vi confermera' che l'impatto con questo lavoro fu indimenticabile ed assolutamente inaspettato, da questa miscela tra rock'n'roll di matrice Buddy Holly, beat, skiffle, mersey sound, blues e garage nascera' tutto cio' che oggi viene comunemente indicato come ''musica rock''. Un album che piu' che fondamentale e' una icona ed una parte, ma davvero grande, della storia del secolo passato.
Euro
280,00
codice 229599
scheda
Beatles Revolver (Stereo)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1966  Parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima davvero molto rara stampa inglese in stereo, copertina (con lievi segni di invecchaimento) laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro, pressata da "Garrod & Lofthouse" (come indicato sul retro), trail off matrix "YEX 605 1" sul lato 1 e "YEX 606 1", etichetta nera con logo parlophone giallo, con scritta lungo la circonferenza che inizia con "The Gramophone co." e con "Sold in the Uk...", nella versione con: 1) caratteri "Sans Serif", 2) sul secondo lato il quarto brano indicato come "Doctor Robert" e non "Dr.Robert", 3) ogni singolo titolo in righe separate e non consecutivamente, 4) indicati rispettivamente titolo, autore tra parentesi e cantante di ogni brano e non rispettivamente titolo, cantante e autore di ogni brano. Le versioni sono contemporanee, perche' esistono "Dr.Robert" e "Doctor Robert" sia in "sans serif" che in "Times New Roman"; esiste ordine "titolo / cantante ed autore" oppure "titolo / autore / cantante" con "Dr.Robert" oppure "Doctor Robert" (verificato almeno nella versione stereo); esistono "Dr.Robert" e "Doctor Robert" sia con titoli su righe separate che non separate. Inoltre verificato nella versione mono trail off matrix "XEX 606 2" con "Doctor Robert" e "XEX 606 3" (sicuramente successivo) con "Dr.Robert" (che alcuni sostengono precedente). Pubblicato originariamente in Inghilterra il 5 Agosto del 1966 e giunto al primo posto delle classifiche UK ed americane. Il settimo album dei Beatles, il successore di ''Rubber Soul'' e l'opera che precede ''Sgt Pepper's''. Riportiamo le parole della critica dell'epoca che lo descrisse in questo modo alla sua uscita ''questo album praticamente privo di difetti puo' essere considerato il punto piu' alto della carriera creativa dei Beatles in particolare e della musica moderna in generale''. Sicuramente tra i 10 albums piu' riusciti di sempre, cattura il gruppo nel periodo immediatamente precedente all'estate dei fiori del 1967, vale la pena di riportare per intero la scaletta, che suscita sconcerto, Taxman, Elenor Rigby, I'm Only Sleeping, Love You Too, Here There and Everywhere, Yellow Submarine, She Said She Said, Good Day Sunshine, And Your Bird Can Sing, For No One, Dr. Robert, I Want To Tell You, Got To Get You Into My Life, e, soprattutto, Tomorrow Never Knows. E' il primo album dei cosiddetti ''studio years'', il perioodo in cui i Beatles cessarono ogni attivita' concertistica, l'ultimo concerto e' dell' Agosto del 1966, il disco e' completamente impregnato di cio' che diverra' di li' a poco l'ideologia dell'estate dei fiori, controcultura, metafisica, sogno, droghe, brani geniali, musica indiana, esperimenti mai prima tentati, ma anche testi che divengono impegnati, anche socialmente, inoltre qui emerge la figura di George Harrison, in secondo piano nel primo periodo, diviene, con il suo interesse per la cultura ed il misticismo indiano, una influenza di enorme impatto sui Beatles prima e sulla intera scena poi, opera multiforme e caleidoscopica, e' invecchiato benissimo e suona sorprendente e geniale oggi come dovette esserlo 40 anni fa.
Euro
300,00
codice 108268
scheda
Beatles rubber soul (loud cut mix, rarest label version!)
Lp [edizione] originale  mono  uk  1965  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima rara stampa inglese mono nella introvabile e ricercatissima versione con "loud cut mix" (alcune particolarmente rare copie mono cosi' definite hanno un mixaggio diverso di alcuni brani), copertina nella versione stampata da ''Ernest J.Day & Co", flipback sul retro su tre lati e laminata sul fronte, etichetta nera con logo giallo, scritta lungo la circonferenza che inizia con "The Gramophone Co." e con "Sold in the Uk...", trail off matrix "XEX 579 - 1" (lato A) e "XEX 580 - 1" (lato B); si tratta della piu' rara variante delle poche copie con il "loud cut mix": con i caratteri sull' etichetta in "Times new roman" e non "sans serif", e con poco spazio tra il foro centrale e d il titolo sotto di esso (neppure l' autorevolissimo ""Beatles for Sale On Parlophone Records" riporta l' esistenza di questa versione). Pubblicato il 3 dicembre del 1965, prima di ''Revolver'' e dopo ''Help'', giunto al numero 1 delle classifiche uk ed al numero 1 di quelle usa. Il sesto album della discografia inglese, sicuramente uno dei lavori piu' importanti di tutti i tempi, qui per la prima volta la psichedelia si affaccia nelle partiture dei Beatles, tra echi di 12 corde byrdsiane, la scoperta delle droghe leggere a cui furono introdotti da bob dylan, ed i primi nastri al contrario, e' anche il disco preferito di george harrison, mirabile e miracoloso equilibrio tra la primavera della stagione acida ed i suoni iniziali, contiene, solo per citarne alcuni, brani del calibro di ''norwegian wood'','' nowhere man'', ''in my life'', ''drive my car'',''run for your life'', ''michelle'', fu recensito, all'epoca della sua uscita, con le parole '' e' tale la sostanza del lavoro che entriamo oramai in un territorio in cui le note critiche hanno una valenza quasi esclusivamente soggettiva''. si nota subito sin dalla copertina e poi anche nei testi, che sono taglienti, aspri e critici, l'addio alla canzone d' amore per i teen agers ed il primo passo del gruppo verso la mistica e l'arte pura e totale. fondamentale gradino dell'evoluzione sia della musica rock che del 33 giri, forse per la prima volta inteso come opera compiuta e non come mera raccolta di brani, mette in luce il conflitto e la contraddizione tra cio' che i beatles rappresentavano agli occhi di milioni di fans, ragazzini puliti e ben vestiti, e cio' che invece erano divenuti veramente, ovvero quattro artisti che cercavano di spostare il loro limite sempre piu' oltre, avranno tempo per puntualizzare la propria posizione nella incredibile escalation che partendo da qui durarera' inarrestabile fino allo scioglimento nel 1969.
Euro
580,00
codice 235500
scheda
Beatles rubber soul (stereo!)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1965  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima estremamente rara stampa inglese in stereo (molto piu' rara della corrispondente prima stampa mono), copertina (con giusto lievi segni di invecchiamento) laminata sul fronte e flipback sul retro su tre lati pressata (come indicato sul retro) da "Garrod & Lofthouse" (contemporaneamente anche gli stabilimenti "Ernest J.Day" pressarono un' altra parte delle copertine), etichetta Parlophone nera con logo giallo, scritta lungo la circonferenza che inizia con "The Gramophone Co." e con "Sold in the Uk...", trail off matrix "YEX 178-3" (lato A) e "YEX 179-3" (lato B), nella versione con caratteri dei titoli e dei crediti in "Sans Serif", con spazio tra i titoli e l' asterisco corrispondente, e nella versione con "Stereo" in alto a destra in corrispondenza di "...on.." del logo Parlophone, il numero del lato e' indicato (a sinistra) immediatamente sotto l' anno di uscita, senza spazio, e in corrispondenza del "..65" dell' anno stesso di uscita, e sul primo lato il brano "Norwegian Wood" e' correttamente indicato. Pubblicato il 3 dicembre del 1965, prima di ''Revolver'' e dopo ''Help'', giunto al numero 1 delle classifiche uk ed al numero 1 di quelle usa. Il sesto album della discografia inglese, sicuramente uno dei lavori piu' importanti di tutti i tempi, qui per la prima volta la psichedelia si affaccia nelle partiture dei Beatles, tra echi di 12 corde byrdsiane, la scoperta delle droghe leggere a cui furono introdotti da bob dylan, ed i primi nastri al contrario, e' anche il disco preferito di george harrison, mirabile e miracoloso equilibrio tra la primavera della stagione acida ed i suoni iniziali, contiene, solo per citarne alcuni, brani del calibro di ''norwegian wood'','' nowhere man'', ''in my life'', ''drive my car'',''run for your life'', ''michelle'', fu recensito, all'epoca della sua uscita, con le parole '' e' tale la sostanza del lavoro che entriamo oramai in un territorio in cui le note critiche hanno una valenza quasi esclusivamente soggettiva''. si nota subito sin dalla copertina e poi anche nei testi, che sono taglienti, aspri e critici, l'addio alla canzone d' amore per i teen agers ed il primo passo del gruppo verso la mistica e l'arte pura e totale. fondamentale gradino dell'evoluzione sia della musica rock che del 33 giri, forse per la prima volta inteso come opera compiuta e non come mera raccolta di brani, mette in luce il conflitto e la contraddizione tra cio' che i beatles rappresentavano agli occhi di milioni di fans, ragazzini puliti e ben vestiti, e cio' che invece erano divenuti veramente, ovvero quattro artisti che cercavano di spostare il loro limite sempre piu' oltre, avranno tempo per puntualizzare la propria posizione nella incredibile escalation che partendo da qui durarera' inarrestabile fino allo scioglimento nel 1969.
Euro
300,00
codice 230975
scheda
Beatles second album (brown "the beatles")
Lp [edizione] originale  mono  usa  1964  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima molto rara stampa americana in mono, copertina cartonata nella prima versione con "THE BEATLES" in MARRONE (e non in verde oliva come nella seconda edizione dello stesso 1964), etichetta nera con arcobaleno lungo la circonferenza SENZA "a subsidiary of Capitol" in basso, nella primissima versione in cui sul lato B non e' indicata la durata dei primi due brani, catalogo T2080. Pubblicato in Usa nell' aprile del 1964 dopo ''Meet the beatles'' e prima di ''Something New", giunto al numero 1 delle classifiche statunitensi, il terzo album americano. Contiene i 5 brani dell' album inglese "With the Beatles" mancanti in "Meet the Beatles" ("Please Mr. Postman", "Roll Over Beethoven", "You really got a hold on me", "Devil in her heart" e "Money") piu' 2 tracce nuove ("Long tall sally" ed "I call your name", poi pubbliate nel giugno 1964 nell' ep inglese ''Long all sally") e 4 tratte da singoli: "Thank you girl" (singolo dell' aprile 1963), "You can't do that" (singolo del marzo 1964), "I' ll get you" (singolo dell' agosto 1963) e "She loves you", singolo dell' agosto 1963). Come altri quattro albums "americani" dei Beatles, fu anche stampato in UK dalla Parlophone, ma esclusivamente per l' esportazione in altri paesi europei (CPCS 103) e mai distribuito in Inghilterra.
Euro
230,00
codice 243423
scheda
Beatles second album (brown "the beatles")
Lp [edizione] originale  mono  usa  1964  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima molto rara stampa americana in mono, copertina cartonata nella prima versione con "THE BEATLES" in MARRONE (e non in verde oliva come nella seconda edizione dello stesso 1964), etichetta nera con arcobaleno lungo la circonferenza SENZA "a subsidiary of Capitol" in basso, nella primissima versione in cui sul lato B non e' indicata la durata dei primi due brani, catalogo T2080; si tratta di una rara "Rca pressing", con scalino simile a "deep groove" a circa 1,5 cm. dal bordo esterno dell' etichetta. Pubblicato in Usa nell' aprile del 1964 dopo ''Meet the beatles'' e prima di ''Something New", giunto al numero 1 delle classifiche statunitensi, il terzo album americano. Contiene i 5 brani dell' album inglese "With the Beatles" mancanti in "Meet the Beatles" ("Please Mr. Postman", "Roll Over Beethoven", "You really got a hold on me", "Devil in her heart" e "Money") piu' 2 tracce nuove ("Long tall sally" ed "I call your name", poi pubbliate nel giugno 1964 nell' ep inglese ''Long all sally") e 4 tratte da singoli: "Thank you girl" (singolo dell' aprile 1963), "You can't do that" (singolo del marzo 1964), "I' ll get you" (singolo dell' agosto 1963) e "She loves you", singolo dell' agosto 1963). Come altri quattro albums "americani" dei Beatles, fu anche stampato in UK dalla Parlophone, ma esclusivamente per l' esportazione in altri paesi europei (CPCS 103) e mai distribuito in Inghilterra.
Euro
250,00
codice 243007
scheda
Beatles Sgt. Pepper's lonely hearts club band
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1967  parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
La prima rara stampa inglese, nella versione stereo, copia completa di inner sleeve ed inserto; copertina apribile laminata all' esterno ed all' interno, flipback in alto all' interno, con "This is a Stereo Recording...." e "Printed and made by Garrod & Lofthouse Ltd." sul retro in basso, versione con retro senza "Patent Pending"), inserto in cartoncino che presenta l' indicazione "Printed in England" in basso a sinistra, inner sleeve con "Made in Great Britain Patents Applied For" in basso a destra su uno dei due lati, etichetta "Parlophone Yellow Black", nera con scritta Parlophone gialla e scritta "Sold in Uk subject to resale...", con tax code "K" in rilievo vicino al foro centrale, nella prima variazione: il titolo dell' album inizia e finisce in corrispondenza dell' indicazione del lato (1 o 2), trail off con "YEX 637-1" (lato A) e "YEX 638-1". I caratteri sono come sempre nella prima stampa "sans serif", qui' nella versione con il nome del gruppo in basso piu' grande dei titoli dei brani. Pubblicato in Uk il primo giugno del 1967 dopo ''Revolver'' e prima del ''White album'', giunto al primo posto sia delle classifiche inglesi che di quelle americane. L' ottavo album. La pubblicazione di questo lavoro, preceduta dall'uscita dal singolo ''Penny Lane" / "Strawberry fields forever'' del 17 febbraio del 1967, rappresenta l' alba di una nuova era per la musica rock; l' immagine di buonismo che era stata ritagliata al gruppo loro malgrado viene qui del tutto smentita, tanto che ''A day in the life'', nel giorno della sua uscita, viene bandita dalla messa in onda sia un Uk che in Usa per ''presunti riferimenti alla droga''. ''Sgt Pepper's'' e' uno stupefacente collage di musica, parole, rumori, messaggi cifrati, effetti orchestrali, campane, suoni da pollaio, sequenze da sogno, osservazioni politiche e sociali ed e' frutto del piu' avanzato lavoro di studio mai effettuato fino ad allora, della durata di nove mesi con registratori 4 tracce, lavoro che costo' all' epoca circa 40.000 sterline. E' il primo concept album della storia, il primo in cui i testi sono pubblicati in copertina, il primo in cui i brani non hanno spazi vuoti tra uno e l' altro, il primo concepito come un unico organico lp e non come una raccolta di 45 giri o comunque composti singolarmente; insomma rappresenta un punto di non ritorno per l' arte degli anni '60 ed il suo impatto all'epoca fu pazzesco, sia tra i musicisti ed i critici che tra i semplici ascoltatori che ne rimasero in molti casi cosi' sorpresi da lasciare il disco sul piatto per mesi interi. Da Londra a San Francisco non si parlava d' altro che di questo lp, fu interpretato in tutti i modi, riportiamo alcuni commenti della stampa dell' epoca: ''La colonna sonora del giorno del giudizio'', ''sensazione di progressivo distacco e galleggiamento che ricalca quella del fumo dei derivati della canapa indiana'', '' l' avverarsi della profezia di Armageddeon''. La copertina era di per se' un enigma in cui si volle vedere ogni sorta di messaggio, i Betles avevano ora tutti baffi, indossavano caffetani e portavano mazzi di fiori, presto avrebbero incontrato il Maharishi Maesh Yogi a Bangor in Galles, Brian Epstain sarebbe morto e sarebbero partiti per l' india, la ''stagione dell'amore e dei fiori'' che cantano in questo lp sarebbe presto virata nel durissimo autunno del 1968, ma il passo in avanti compiuto dalla musica rock in questo giugno del 1967 e' enorme e certamente questo lp merita totalmente il titolo di ''piu' grande album di sempre'' di cui e' stato fregiato dall' epoca stessa della sua pubblicazione. Molto piu' di un disco, IL definitivo specchio dei tempi un cui fu concepito. Ecco la scaletta: "Sgt pepper's lonely hearts club band", "With a little help from my friends", "Lucy in the sky with diamonds", "Getting better", "Fixing a hole", "She's leaving home", "Being for the benefit of mr. Kite", "Within you without you", "When i'm sixty four", "Lovely Rita", "Good morning good morning", "A day in the life".
Euro
400,00
codice 253165
scheda
Beatles Tutti Per Uno (A Hard Day's Night) red-silver label, no Biem logo!
Lp [edizione] originale  mono  ita  1964  parlophon 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima rarissima stampa italiana, ricercatissima esclusiva versione dell' album "A Hard Day's Night" con copertina esclusiva, e titolo tradotto in italiano, nella primissima tiratura monofonica (la versione stereofonica del disco non venne all' epoca pubblicata), caratterizzata non solo dalla originaria etichetta rossa ed argento, presto cambiata in nera ed argento, ovviamente con logo Parlophon e non Parlophone in alto, ma si tratat di una delle primissime copie che non presentano ancora il marchio Biem riquadrato a sinistra, come sara' in altre due tirature effettuate ancora con etichetta rossa ed argento; copertina laminata fronte e retro, flipback sul retro, catalogo PMCQ31504 su copertrina ed etichetta, data sul trail off dei due lati "28-7-64". Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
400,00
codice 242401
scheda

Page: 2 of 22


Pag.: oggetti: