Hai cercato:  immessi ultimi 90 giorni --- Titoli trovati: : 2855
«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 115  ---»
Pag.: oggetti:
compatta
ordina per aiuto su ricerche
Aa.vv. (garage usa)    You treated me bad!
Lp [edizione] originale  mono  usa  1964  teenage shutdown 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa americana, copertina lucida fronte retro senza barcode e con note sul retro, che proseguono poi sull'inserto formato A4 ancora allegato, label celeste con scritte nere e logo Teenage Shutdown in alto, catalogo LP-TS6602; ristampato successivamente dopo il trasferimento della Crypt in Germania, dove sara' pressata quella ristampa. Pubblicato nel 1998 negli USA, sottotitolato "The Teener Side Of The Mid 60's Garage Explosion", il secondo volume della eccellente serie di antologie "Teenage Shutdown", in tutto quindici lp usciti fra il 1998 ed il 2000, curati da Tim Warren della Crypt Records e "Mop Top" Mike Markesich: la serie è caratterizzata per le ottime e dettagliate note biografiche ed introduttive, e per l'apprezzata qualità sonora. E' una serie di compilations che scava a fondo nel foltissimo sottobosco del garage rock americano brulicante intorno a metà anni '60, con una miriade di gruppi che pubblicarono magari solo uno o pochi singoli; come spiegato sulle stesse note di retro copertina, le versioni qui ascoltate sono state registrate direttamente dai 45 giri originali suonati con un impianto ed una puntina mono di alta qualità. In questo secondo capitolo della serie ascoltiamo diciannove grezzi brani, di scatenato garage punk, r'n'b irruvidito e beat ispirato dalle band britanniche, fra cui gli spassosi Little John & the Sherwoods, dal Massachusetts, che suonavano in costume da Robin Hood una brillante interpretazione delle sonorità della British invasion, i Quests, dal Michigan, ancora dediti a sonorità surf rock nel 1966, gli scatenati Twyliters da Plattsburgh, New York, che rispondevano colpo su colpo alla British invasion, il teenbeat dei Messengers da Milwaukee, i Juju's, che con "You treat me bad" danno il titolo a questa antologia, caratterizzati dal particolare cantato di Ray Hummel. Questa la scaletta completa: The Gremlins, "Wait" (10/66); The Moxies, "Get a move on" (1965); J.D. Rogues, "Why did god make girls?" (8/67); Monday's Mondos, "I'm cryin'" (1965); Terry Davidson & The Barracudas, "Hurray for hazel" (1967); Little John & The Sherwoods, "Long hair" (11/65); Quests, "Scream loud" (3/66); Plagues, "I've been through it before" (7/66); Twiliters, "The girl from liverpool" (9/64); Midknights, "Pain" (8/66); Possums, "She's loving me" (2/67); Morticians, "It's gonna take a while" (1967); Sound Extraction, "I feel like crying"; Messengers, "I've seen you around" (1/65); Sants, "Leaving you baby" (4/66); Dead Beats, "She don't love me" (7/66); Mystery Men, "I've got a feeling" (9/66); Shoremen, "She's bad" (9/65); Juju's, "You treat me bad" (9/65).
Euro
26,00
codice 332985
scheda
Aa.vv. (heavy metal)    Lethal noise
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1988  amtal blade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good heavy metal
Prima stampa italiana, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida fronte retro senza barcode, inserto con note sui gruppi rappresentati, label nera con scritte bianche e grande scritta Blade rossa al centro, catalogo BLADE1, scritta ''speed/trash/hardcore'' incisa sul trail off del lato A e ''metal/punk sample'' su quello del lato B. Pubblicata dalla Amtal Blade nel 1988, questa compilation documenta principalmente la scena metal italiana, con qualche inserimento hardcore, con gruppi dediti in larga parte a speed metal e trash metal, ma senza trascurare band vicine ad altri filoni del metal. Troviamo gruppi quali i toscani Carcinoma, i torinesi Creepin' Death ed i napoletani Desaster. Questa la scaletta: Creepin' Death, ''Anger and pain''; Fingernails, ''(Acid) Shadow of the blade''; Henker, ''Legion of dunes'';; Desaster, ''This morning I woke up three times''; U.N.S., ''Memory blank''; M.A.C.E., ''The beast''; Outrage, ''Insurrection''; Raw, ''Outbreakers''; Randagi, ''Slavery''; Carcinoma, ''Distrutto il giorno dopo'', ''Sangue caldo''.
Euro
14,00
codice 248158
scheda
Aa.vv. (heavy metal)    Lethal noise
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1988  amtal blade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent heavy metal
Prima stampa italiana, copertina lucida fronte retro senza barcode, inserto con note sui gruppi rappresentati, label nera con scritte bianche e grande scritta Blade rossa al centro, catalogo BLADE1, scritta ''speed/trash/hardcore'' incisa sul trail off del lato A e ''metal/punk sample'' su quello del lato B. Pubblicata dalla Amtal Blade nel 1988, questa compilation documenta principalmente la scena metal italiana, con qualche inserimento hardcore, con gruppi dediti in larga parte a speed metal e trash metal, ma senza trascurare band vicine ad altri filoni del metal. Troviamo gruppi quali i toscani Carcinoma, i torinesi Creepin' Death ed i napoletani Desaster. Questa la scaletta: Creepin' Death, ''Anger and pain''; Fingernails, ''(Acid) Shadow of the blade''; Henker, ''Legion of dunes'';; Desaster, ''This morning I woke up three times''; U.N.S., ''Memory blank''; M.A.C.E., ''The beast''; Outrage, ''Insurrection''; Raw, ''Outbreakers''; Randagi, ''Slavery''; Carcinoma, ''Distrutto il giorno dopo'', ''Sangue caldo''.
Euro
20,00
codice 247883
scheda
Aa.vv. (jazz / soul / funk)    Groovy: a collection of rare jazzy club tracks
LP2 [edizione] originale  stereo  ita  1969  irma 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good jazz
prima stampa, pressata solo in Italia, vinile doppio, copertina (con leggeri segni di invecchiamento ed una abrasione di circa 2 x 3 centimetri sul retro in basso) semilucida con barcode 5099748412812 (stampato anche sulle etichette della seconda e della quarta facciata), label gialla sul primo vinile e verde sul secondo, con particolari dell' artwork di copertina sulla prima e terza facciata, catalogo IRMA484128-1. Pubblicato nel 1996 dalla italiana Irma, questo è il primo volume della serie di antologie "Groovy: a collection of rare jazzy club tracks", uscite nella seconda metà degli anni '90, e dedicate alla riscoperta di poco conosciuti gioiellini di musica al confine fra jazz, funk e soul, quindi intrecci fra improvvisazione e grooves ballabili, sonorità acustiche ed elettriche, concentrate soprattutto su produzioni degli anni '60 e '70. Qui ascoltiamo pezzi di un prestigioso autore jazz come Milt Jackson, uno dei padri della bossanova internazionale come Eumir Deodato, la versatile cantante Esther Phillips, dotata di una voce potente e decisa, che si espresse in una grande varietà di stili, dal jazz al soul, dalla disco al blues per arrivare addirittura al country, la popstar Liza Minnelli, gli Aquarians del pianista Vladimir Vassilief, nei quali militavano due jazzisti di grande spessore come il vibrafonista Bobby Hutcherson ed il chitarrista Joe Pass, ed i funkeggianti 24 Carat Black. Questa la scaletta: 24 Carat Black, "24 carat black (theme)" (1973); Claudio Roditi, "Snow samba" (1988); Liza Minnelli, "Use me" (1973); Esther Phillips, "Home is where the hatred is" (1971); The Aquarians, "Bayu bayu" (1969); Milt Jackson, "The medal melther" (1974); Boz Scaggs, "Hercules" (1974); Baricentro, "Afka" (1976); Patti Austin, "That's enough for me" (1977); Webster Lewis, "El bobo" (1981); Asha Putli, "Right down here" (1974); Nancy James, "Carcara" (1970); Deodato, "Superstrut" (1973).
Euro
13,00
codice 332951
scheda
Aa.vv. (jazz / soul / funk)    Our new orleans 2005
LP2 [edizione] nuovo  stereo  hol  2005  nonesuch 
jazz
Vinile doppio pesante, copertina apribile con "made in the nederlands" sul retro in basso, label rossa sul primo vinile e blu sul secondo, scritte bianche e giallo/oro, catalogo 075597918458. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2020 su Nonesuch, contenente ben cinque bonus tracks INEDITE (tutte sulla quarta facciata; vedi scaletta più in basso). Originariamente pubblicata nel novembre del 2005 dalla stessa label solo in cd, questa è una delle più apprezzate compilation benefiche realizzate per raccogliere fondi per una organizzazione di assistenza delle vittime del devastante uragano Katrina che colpì New Orleans e le zone circostanti. "Our New Orleans" è frutto del contributo di importanti artisti provenienti da o legati a New Orleans, una delle culle della moderna musica statunitense: nomi del calibro di Allen Toussaint, Dr. John, Irma Thomas, Dr. Michael White (uno dei più stimati clarinettisti jazz della seconda metà del '900), la storica Preservation Hall Jazz Band (dedita al jazz di New Orleans dai primi anni '60), Buckwheat Zydeco (uno dei più famosi esponenti della musica zydeco) e la storica band cajun Beausoleil, offrono brani incisi poco dopo la sciagura che colpì la città della Louisiana, espressioni di dolore ma che non perdono la vitalità e l'esuberanza della ricca tradizione musicale locale, fra jazz, soul, funk, cajun e zydeco, lanciando un grido al tempo stesso di dolore e di speranza. Questa la scaletta: Allen Toussaint, "Yes we can can"; Dr. John, "World I never made"; Irma Thomas, "Back water blues"; Davell Crawford, "Gather by the river"; Buzkwheat Zydeco, "Cryin' in the streets"; Dr. Michael White, "Canal Street blues"; Wild Magnolias, "Brother john is gone / Herc-jolly-john"; Eddie Bo, "When the saints go marching in"; Dirty Dozen Brass Brand, "My feet can't fail me now"; Carol Fran, "Tou' les jours c'est pas le meme"; Beausoleil, "L'ouragon"; Preservation Hall Jazz Band, "Do you know what it means to miss New Orleans"; Charlie Miller, "Prayer for New Orleans"; The Wardell Quezergue Orchestra feat. Donald Harrison, "What a wonderful world"; Allen Toussaint, "Tipitina and me"; Randy Newman and the Louisiana Philharmonic Orchestra with members of The New York Philharmonic, "Louisiana 1927"; Davell Crawford, "Do you know what it means"; Buckwheat Zydeco & Ry Cooder, "Let's work together"; Dr. Michael White, "Crescent city serenade"; Dr. John, "Walking by the river"; The Wardell Quezergue Orchestra feat. Donald Harrison, "Do you know what it means".
Euro
30,00
codice 3513356
scheda
Aa.vv. (jazz)    Jazzactuel part 2
LP3 [edizione] originale  stereo  ita  1969  get back 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Triplo album in vinile pesante, prima stampa vinilica, pressata solo in Italia, contenuto musicale inciso su cinque facciate e con la sesta scolpita ("etched"), copertina apribile in tre, lucida all'esterno ed all'interno, senza barcode, catalogo GET300. Pubblicata nel 2001 dalla Charly in cd e dalla italiana Get Back in vinile, questa è la seconda parte della monumentale antologia dedicata alla collana Jazzactuel della Byg Records: in questa edizione vinilica, l'album fu pubblicato sotto forma di due tripli album separati ma originariamente venduti assieme in un unico pacchetto. Compilata da Thurston Moore (Sonic Youth) e Byron Coley (poeta e critico musicale), entrambi appassionati conoscitori del catalogo Jazzactuel, questa antologia è un manifesto "postumo" di una delle serie di pubblicazioni più avventurose del jazz sperimentale ed in particolare del free, ma aperte anche alla musica elettronica ed allo art rock (vedi la presenza dei Gong), uscite fra il 1969 ed il 1971 sulla label francese Byg. Tratti dagli album usciti durante quegli anni, questi brani documentano un progetto radicale ed anticommerciale, selvaggiamente creativo ed anticonformista, che vide coinvolti artisti del calibro di Don Cherry, Anthony Braxton Dewey Redman, Jimmy Lyons, Alan Silva ed i Musica Elettronica Viva. I brani qui raccolti sono ascolti impegnativi, a volte ermetici ed ostici, che però costituiscono una tappa pressoché irrinunciabile per chi desidera esplorare i meandri del jazz sperimentale di quei fertili anni. Questa la scaletta: Frank Wright, "One for john / China, part 2" (da "One for john", 1969); Dewey Redman, "Tarik" (da "Tarik", 1969); Acting Trio, "Cello discordato no. 9" (da "Acting trio", 1969); Don Cherry, "Teo-teo-can (excerpt)" (da Mu second part", 1969); Anthony Braxton, "B-Xo NO147a (excerpt)" (da Anthony Braxton", 1969); Jimmy Lyons, "Premonitions" (da "Other afternoons", 1969); Claude Delcloo / Arthur Jones, "Africanasia, part 1 (excerpt)" (da "Africanasia", 1969); Gong, "Squeezing sponges over policemen's heads / Foghat digs holes in space" (da "Camembert electrique", 1971); Musica Elettronica Viva, "The sound pool, part 1A" (da The sound pool", 1969); Kenneth Terroade, "Blessing" (da "Love rejoice", 1969); Alan Silva and the Celestial Communications Orchestra, "The seasons, part 6" (da "The seasons", 1970).
Euro
30,00
codice 332981
scheda
Aa.vv. (jazz)    Swinging cheese: croon tunes and kitscherama
LP2 [edizione] originale  stereo  ita  1966  irma 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa, pressata solo in Italia, vinile doppio, copertina apribile semilucida con barcode 5099748868916 (stampato anche sulle etichette della prima e terza facciata), label custom fotografica a colori con particolari dello artwork di copertina, diversi su ciascun vinile, scritte bianche, presenti solo sulla prima e terza facciata, catalogo IRMA488689-1. Pubblicata nel 1997 dalla italiana Irma, questa antologia compila sedici brani principalmente strumentali (e qualcuno cantato), risalenti al periodo 1966-1972, fra jazz funk, easy listening, soul jazz, sixties pop, incroci con musiche latino-americane ed una sottile dose di "kitsch", ma anche autori di alto livello come Woody Herman, grande esponenente del jazz orchestrale, Ray Conniff, trombonista ed arrangiatore fra i massimi protagonisti dello easy listening degli anni '60, e Mel Tormé, uno dei piu' grandi cantanti jazz pop americani del Novecento. Su tutto splende la dorata patina degli anni '60 con il loro dinamismo e la leggerezza alla "swingin' London", fra interpretazioni scoppiettanti e latineggianti di Beethoven (Jules Ruben con il suo Latin Ensemble che propone "The Beethoven rhumba"!), una cover "kitsch" di "Oye como va" di Tito Puente proposta dal direttore d'orchestra ed arrangiatore canadese Percy Faith, o una spumeggiante versione soul jazz del classico sixties pop "The spanish flea" ad opera dell'eccellente organista afroamericana Trudy Pitts. Questa la scaletta: Pepe Amarillo and his Latin American Rhythm, "Exotica" (1966); Woody Herman, "Here I am, baby" (1968); Mel Tormé, "Secret agent man" (1966); Roberto Delgado and his Orchestra, "Hawaii five-o" (1969); Percy Faith & his Orchestra, "Oye como va" (1971); Bossa Rio, "Old devil moon" (1968); Joe Loss and his Orchestra, "Poppa lo quero (cha-cha)" (1966); Trudy Pitts, "The spanish flea" (1967); Englebert Humperdinck, "Quando quando quando" (1968); Woody Herman, "Light my fire" (1968); Augusto Alguero and his Orchestra, "Bocaccio soul" (1968); Tony Osborne and his Orchestra, "A hard day's night" (1967); Ray Conniff and the Singers, "Where is the love" (1972); The Manzanilla Sound, "Mammy blue" (1972); Englebert Humperdinck, "Can't take my eyes off you" (1968), Jules Ruben and his Latin Ensemble, "The Beethoven rhumba" (1968).
Euro
18,00
codice 332952
scheda
Aa.vv. (punk italiano)    rock 80
lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1980  hate 
punk new wave
ristampa pressocche' identica alla prima rara tiratura su Cramps, corredata di inner sleeve con testi. Uscito nel 1980, questo e' un vero manifesto della scena punk e post punk italiana dell' epoca, ritratta attraverso sette bands e tredici brani, perlopiu' pubblicati dalla stessa Cramps Records su rari singoli, sunto infatti di una collana di 7" intitolata "Rock 80" come questa raccolta. Si inizia con gli SKIANTOS di "Fagioli", uscita su singolo nel '79 e rimasta inedita su album, forse non uno dei vertici assoluti del gruppo demenziale bolognese, ma comunque divertentissima; i WINDOPEN, sempre da Bologna e sempre legati al filone demenziale, sono presenti con i due brani del loro unico 7", l' anthem "Sei In Banana Dura" e "La Testa"; i TAKE FOUR DOSES di Stefano Pistolini (poi apprezzato critico musicale) propongono due brani atipici, tra post punk e melodia (la due facciate del loro unico singolo)", "Vita Di Strada", affascinate e suggestiva, davvero molto riuscita, e "La Notte Che Inventarono Gli Eroi"; piu' propriamente punk i notevoli KAOS ROCK, di Bologna, giudati da Muciaccia, boyfriend di Joe Squillo, con i due brani del primo singolo, l' anthem irresistibile "Basta, Basta" e la piu' graffiante "La Rapina" (poi per loro un altro singolo ed un album); gli X RATED furono tra le migliori punk band italiane di quegli anni, provenivano da Milano ed i due brani "Blockhead Dance" e "Routine", sebbene solo indicativi del potenziale del gruppo che si esprimeva appieno dal vivo, dimostrano una caratura musicale ed artistica indubbiamente notevole (si tratta dei due brani del purtroppo unico singolo del gruppo); imperdibili i due brani delle KANDEGGINA GANG di Jo Squillo, "Sono Cattiva" ed "Orrore", usciti su singolo anch'essi, testimonianza tra le piu' notevoli del punk demenziale italiano, grezzo punk con accenni vagamente pop, fortemente caratterizzato dalla voce stridula di Jo Squillo e da testi a meta' tra ribellione e demenzialita'; si chiude con i DIRTY ACTIONS, genovesi e punk non certo da un punto di vista strettamente musicli, con i due brani del loro singolo "Rosa Shocking" e "Figli Del Demonio (Dirty Actions S-Ha)", comunque atipici ed interessanti.
Euro
19,00
codice 2098025
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Bippp / french synth-wave 78-85
lp [edizione] nuovo  stereo  fra  1978  born bad 
punk new wave
RIstampa pressoche' identica alla prima tiratura, completa di inner sleeve e libretto formato compact disc con foto, notizie e discografie dei gruppi inseriti in questa magnifica raccolta testimonianza del movimento synth wave che caratterizzo' fortemente l'innovativa nuova onda sonica transalpina nei primi anni ottanta. Grande pubblicazione ad opera della Born Bad nell'anno 2006, un disco indubbiamente consigliato per tutti coloro che amano le sonorita' new wave ricche di vibranti melodie nate da synth analogici. Tredici gruppi che testimoniano una scena attivissima in Francia oggi oggetto di una attenta rivalutazione da parte dei collezionisti piu' accaniti alla ricerca degli introvabili singoli accreditati ai movimenti minimal synth e minimal wave. A Trois Dans Les Wc, Act, Les Visiteurs Du Soir, Vox Dei, Comix, TGV "partie I", Ckc, Mary Moor, Deux "game and performance", Ruth "polaroid-roman-photo", Vitor Hublot, Visible, Casino Music sono i magnifici interpreti di queste rare testimonianze altrimenti di difficilissima reperibilita' per cui la raccolta impiegherebbe molto tempo e denaro visto la fortissima rivalutazione della scena transalpina. I gruppi misconosciuti ai piu' sono specchio della fervida attivita' artistica che pervase la Francia nei primissimi anni ottanta, sonorita' elettroniche forti delle lezioni impartite dai maestri Kraftwerk, ma qui riviste in chiave wave in bilico tra pop ed introspettive oscurita' e ricche di geniale originalita'.
Euro
19,00
codice 3025974
scheda
Aa.vv. (punk new wave)    Vertigo - synth punk blasts 1978-1984 (ltd)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  ancient monument 
punk new wave
Edizione limitata a 300 copie, copertina senza codice a barre, label rossa con scritte nere e turchese su di una facciata, turchese con scritte rosse e nere sull'altra, catalogo ANMLP-001. Pubblicata nel dicembre del 2020 dalla Ancient Monument, questa interessante antologia compila sedici rari e misconosciuti brani di altrettante bands americane (ci sono però anche i famosi Village People!), tedesche, britanniche e svedesi, che esprimono un tagliente e vitale synth punk, un incontro fra elettronica ed aggressività punk; il termine "synth punk" assume qui il suo significato più letterale, se così si può dire, in quanto i brani compilati esprimono l'aggressività, la rabbia ed anche il nichilismo del punk, ma con il sintetizzatore che sostituisce la chitarra come strumento principe, sostenuto da grooves ritmici semplici e scattanti, lontani da velleità sperimentali ed intellettuali, così come dai toni zuccherini del synth pop; un termine di paragone potrebbero essere i primi lavori dei Devo, ma con un accento più grezzo e punk. Questa la scaletta: Active Ingredients, "Laundromat – loverboy" (1980, USA); The Steves, "Making time" (1980, USA); Adaptors, "Trust in technology" (1979, USA); Craig Bevan & The Tourists, "Businessman's bounce" (1980, USA); The MD's, "Love me tonight" (1981, Porto Rico); The Naros, "Bo party" (1980, USA); Plastic Idols, "Sophistication" (1979, USA); G Spot, "Idle worship" (1984, USA); Village People, "Food fight" (1981, USA); Schematix, "Nothing special" (1981); Lord Manuel & La Peste, "Computer love" (1978, USA); Kitchen & The Plastic Spoons, "Happy funeral" (1980, Svezia); Hit Parade, "Here's what you find in any prison" (1982, UK); Der Kunftige Musikant, "Es ist kalt" (1982, Germania); Anti-Matter, "Invisible man" (1981, USA); Treatment, "Stamp out mutants" (1981, UK).
Euro
23,00
codice 3513342
scheda
Aa.vv. (punk)    killed by john peel vol.2
LP [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  vatican radio 
punk new wave
Copertina lucida senza barcode, etichetta nera con scritte bianche. Pubblicato nel 2021, il secondo vulume della imperdibile serie "Killed By John Peel"; mette insieme tredici tracce, registrate tra il 1977 ed il 1982 presso gli studi della BBC inglese, e trasmesse dal leggendario John Peel nella sua trasmissione su Radio One, splendide testimonianze della punk e post punk inglese, rimaste perlopiu' assolutamente inedite. Come sempre per le Peel Sessions, si tratta di registrazioni live in studio di livello eccezionale, spesso effettuate prima dell' uscita dei dischi delle bands, se non addirittura contenenti materiale che sarebbe rimasto del tutto inedito. Ecco la lista dei brani contenuti: 2TV "Mary Thompson" (22 agosto 1979, gruppo mai giunto alla pubblicazione discografica) / Expelaires "Nasty Media" (25 giugno 1979, il gruppo autore di due singoli tra il 1979 ed il 1980, con Craig Adams, poi Sisters of Mercy e Mission) / The Prefects "Escort Girls" (11 agosto 1978, gruppo di Birmingham che registro' una Peel Session anche nel 1979, pubblicata in vinile nel 1987, ed autore di un singolo nel 1980) / The Petticoats "Paranoia" (15 ottobre 1980, progetto basato a Londra ma guidato dalla tedesca Stef Petticoat, ed autore di un 7"ep nel 1980) / Tanz Der Youth "I'm Sorry, I'm Sorry" (2 agosto 1978, poche settimane prima dell' uscita dell' unico singolo di questo gruppo guidato da Captain Sensible, durante la sua momentanea fuoriuscita dai Damned) / The Piranhas - "Jilly" (7 febbraio 1979, ben prima del primo singolo, di cui il brano sara' facciata A, nel 1980, poi autori di un album nello stesso 1980 e vari altri singoli fino al 1983) / The Desperate Bicycles "Skill" (4 luglio 1978, dal geniale gruppo autore, sempre all' insegna della totale autoproduzione, di vari singoli, un ep ed un album tra il 1977 ed il 1980) / Jimmy Norton's Explosion "Just Like Lazarus" (30 luglio 1979, gruppo formato nel 1979 dal bassista dei Sex Pistols Glen Matlock dopo lo scioglimento dei Rich Kids, con il chitarrista Danny Kustow ex-Tom Robinson Band, ed il batterista Budgie, ex-Big In Japan, Slits e poi Siouxsie & The Banshees; il gruppo non ha pubblicato alcunche, ma dalle loro ceneri sarebbero nati gli Spectres, autori du due singoli nel 1980) / Leyton Buzzards "Love Is Just A Dream" (18 dicembre 1978, gruppo autore di un singolo nel 1978 su Small Wonder prima di approdare alla Chrysalis, per cui pubblichera' vari singoli ed un album nel 1979) / Icon A.D. "Face The Facts" (25 settembre 1982, prima dei due 7"ep pubblicati dalla anarco-punk band nel 1983) / Splodgenessabounds "Rolf" (28 ottobre 1980, gruppo della seconda ondata punk, vicini alla scena Oi, ed autore di vari singoli, un ep e due albums tra il 1980 ed il 1982) / The Molesters "Disco Love" (4 ottobre 1978, per loro due singoli su Small Wander tra il 1978 ed il 1979) / The Gymslips "Drink Problem" (1 settembre 1982, forse l' unico gruppo interamente femminile vicino alla scena Oi, autore di vari singoli ed eps ed un album tra il 1982 ed il 1985) / The Zeros "Hungry" (23 novembre 1977, brano comparso nella facciata A dell' unico singolo della band, pubblicato in quegli stessi giorni su Small Wonder; ovviamente niente a che vedere con gli omonimi californiani).
Euro
19,00
codice 3025495
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1995  mca 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, prima stampa USA, copertina ruvida fronte retro con barcode 008811117917, grande inserto apribile in tre con artwork e note, label custom bianca, marrone e cachi chiaro, catalogo MCA-11179. Pubblicata nel 1995 dalla MCA negli USA, questa antologia compila un set di brani fra i più rappresentativi dell' indie rock dei primi anni '90, ad opera di gruppi che avevano inciso presso lo studio di registrazione Fort Apache di Boston. La scaletta è decisamente impressionante, nonostante si tratti quasi interamente di brani già editi su singoli ed album (tuttavia il brano "Murdering stone" degli Walkabouts, già apparso sul loro album "New west motel" del 1993, è qui in una versione leggermente più breve), e contiene pezzi come "The freed pig" dei Sebadoh, un vero inno del low fi, il dirompente punk blues di "Off one side" dal primo album dei Come di Thalia Zedek, la dolente e riflessiva "Crutch" dei Buffalo Tom, tratta da quello che quasi certamente è il loro capolavoro, il terzo album "Let me come over", l'eccellente "Sulk" del moderno cantautore Billy Bragg, i Radiohead con "Anyone can play guitar", considerato uno dei migliori brani dell'album "Pablo honey", ed i Treat Her Right, gruppo in cui militava Mark Sandman prima dei Morphine, con lo splendido blues spettrale e postmoderno "I think she likes me". Un'antologia che può essere un ottimo punto di partenza per chi si volesse addentrare una prima volta nel ricco panorama del rock indipendente dei primi anni '90. Questa la scaletta: Cold Water Flat, "Magnetic north pole" (dall'album "Cold water flat", 1995); Dinosaur Jr, "Not you again" (dall'ep "Whatever's cool with me", 1991); Belly, "Star (full band version)" (B-side del singlo "Feed the tree", 1993); Lemonheads, "Stove" (dall'album "Lovey", 1990); The Walkabouts, "Murdering stone" (versione inedita); Buffalo Tom, "Crutch" (dall'album "Let me come over", 1992); Throwing Muses, "Run letter" (dall'album "House tornado", 1988); Sebadoh, "The freed pig" (dall'album "III", 1991); Radiohead, "Anyone can play guitar" (dall'album "Pablo honey", 1993); Juliana Hatfield, "Here comes the pain" (dall'ep "I see you", 1992); Billy Bragg, "Sulk" (dal 7"ep "Accident Waiting To Happen (Red Star Version)", 1992); Treat Her Right, "I think she likes me" (dall'album "Treat her right", 1986); Come, "Off to one side" (dall'album "Eleven: eleven", 1992).
Euro
18,00
codice 332937
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Bonnie and clyde and other roaring hits
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1968  fontana 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina laminata fronte retro, label blu con parte argento in alto, scritte argento e logo Fontana blu in alto, con loghi BIEM e D.R. ("Diritti Riservati"), senza logo né timbro SIAE (introdotti nel 1970), anno 1968 stampigliato sul trail off. Pubblicato nel 1968 dalla Fontana in Austria, Olanda ed Italia, questo misterioso album, di cui non si conosce il nome degli artisti coinvolti, contiene una scaletta di covers di successi pop dell'epoca, fra cui "Here we go round the mulberry bush" dello Spencer Davis Group, "Hello goodbye" dei Beatles, "World" dei Bee Gees e "Susannah's still alive" dei Kinks. I musicisti cercano di mantenere le vibrazioni delle versioni originali, con arrangiamenti nel complesso meno elaborati ed inevitabilmente senza le qualità dei geniali autori (difficile per chiunque, se non impossibile, arrivare ai livelli di Lennon / McCartney, dei fratelli Gibb e Davies, o di Steve Winwood nei loro giorni di massimo splendore...), ma con una coerenza di fondo che percorrre tutta la variegata scaletta. Questa la lista dei brani: "Ballad of bonnie and clyde", "World", "Daydream believer", "Thank U very much", "Something's gotten hold of my heart", "Here we go round the mulberry bush", "Hello goodbye", "Walk away renee", "I'm coming home", "Kites", "The other man's grass", "Susannah's still alive".
Euro
18,00
codice 333017
scheda
Aa.vv. (rock 60-70)    Brown acid: the eleventh trip - vol. 11
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  ridingeasy 
rock 60-70
Versione in vinile nero, Pubblicato nel novembre 2020, questo e' l' undicesimo volume della serie di compilation ''Brown acid - Heavy Rock From the Underground Comedown'' edite dalla label californiana Ridingeasy, con lo scopo di riportare all'attenzione del pubblico una serie di rari brani e di misconosciuti gruppi dell' underground post psichedelico e hard rock perlopiu' americano fra la fine degli anni '60 e quella degli anni '70. Brani tratti da rarissimi singoli, spesso autoprodotti e venduti per lo piu' in poche centinaia di esemplari. Svanito il sogno psichedelico e pacifista a fine decennio, con l'avvento delle droghe pesanti, la tragedia di Altamont ed il persistere dell'atroce conflitto vietnamita, il rock si fece piu' duro e tormentato, sostituendo le melodie folk rock e le visionarie invenzioni psichedeliche con la potenza e l'aggressivita' dell' hard rock e del protopunk, che influenzarono a loro volta una generazione di musicisti destinati a restare misconosciuti o ricordati solo a livello locale, ma capaci comunque di dare poche prove di selvaggia creativita' all'insegna di una crudezza figlia del garage di poco precedente e dei seminali primi lavori dei Blue Cheer e precorritrice del punk, almeno nello spirito, che fruttarono dirompenti, sporchi e cattivi hard rockers stradaioli; questa la scaletta di questo undicesimo volume: A1 Adam Wind "Something Else" (da Tacome, Washington, 1969), A2 Grump "I'll Give You Love" (Boston, Massachussetts, 1969), A3 Bagshot Row "Turtle Wax Blues" (Stevens Point, Winsconsin, 1973), A4 Larry Lynn "Diamond Lady" (Milwaukee, Winsconsin, 1970), A5 Renaissance Fair "In Wyrd" (Sault Ste. Marie, Michigan, 1968), B1 Zendik "Mom's Apple Pie Boy" (Chicago, Illinois, 1970), B2 Daybreak "Just Can't Stay" (San Mateo, California, 1970), B3 West Minist'r "I Want You" (Fort Dodge, Iowa, 1975), B4 Debb Johnson "Dancin In The Ruin" (Saint Louis Park, Minnesota, 1969), B5 Crazy Jerry "Every Girl Gets One" (New Yor City, New York, 1973).
Euro
23,00
codice 2098824
scheda
Aa.vv. (soul / funky)    Eccentric funk
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  190  numero group 
soul funky disco
copertina senza barcode, adesivo sul cellophane "The Only Funk Record You'll Ever Need To Own". Pubblicato nel giugno 2020, questo contiene dodici brani, imperdibili ed oscuri esempi di deep funk, provenienti perlopiu' da rarissimi singoli, usciti tra la fine degli anni '60 e la meta' deglia nni '70. Ecco la lista completa dei brani: A1 Swithold "Slow Burner" (dall' unico singolo del 1975) A2 Human Race "Human Race" (dall' unico singolo del 1971) A3 Village Crusaders "Akiwawa" (dall' unico singolo del 1968) A4 Hot Chocolate "So Dam Funky" (dall' unico album, del 1971, della band di Cleveland, Ohio, da non confondersi con gli omonimi inglesi) A5 Mickey & The Soul Generation "Iron Leg" (singolo del 1969) A6 Duralcha "Ghet-To Funk" (singolo del 1974) B1 Harvey & The Phenomenals "Soul And Sunshine" (singolo del 1967) B2 Sonny Harris "The Vibration" (singolo del 1969) B3 The Young Senators "Jungle" (singolo del 1971) B4 Creations Unlimited "Corruption Is The Thing" (singolo del 1972) B5 Joyce Williams "The First Thing I Do In The Morning" (singolo del 1972) B6 Willie Wright "Right On For The Darkness" (singolo del 1974).
Euro
21,00
codice 2099842
scheda
Aa.vv. (soul, r'n'b)    Whip! wobble & grind! 1962 - 1964
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1962  club harlem recordings 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Copia ancora incellophanata, l' originale stampa USA, copertina lucida fronte retro senza barcode, nella versione, molto piu' rara, con label grigio/nera, con scritte e logo gialli, catalogo WWG-8006164. Pubblicata dalla Club Harlem Recordings negli USA durante gli anni '90, questa antologia compila dociotto rari brani tratti da singoli di r'n'b e del primo soul, usciti in gran parte fra il 1962 ed il 1964 (alcuni di essi pochi anni prima o dopo), ad opera di artisti pressoché sconosciuti al grande pubblico ma senz'altro noti agli appassionati, come il cantante texano Johnny Talbot (aka Johnny Tolbert), il detroitiano Spyder Turner, fra le altre cose collaboratore di Norman Whitfield e poi autore della hit "Do your dance" dei Rose Royce, i Fabulous Playbouys, sempre da Detroit, ex Falcons e poi reincarnatisi nei Firestones, i Metronomes della cantante newyorchese Shirley Ellis, che ottenne alcune hits in stile "novelty", in particolare "The clapping song" (1965), Johnny Adams, da New Orleans, soprannominato "il canarino abbronzato", autore di una folta discografia attraverso i decenni a partire da fine anni '50; la musica di questi ed altri diversi cantanti è accomunata da un approccio energico, non di rado graffiante, ed una vibrante e selvaggia vena rock'n'roll, che li avvicinano al James Brown di inizio anni '60. Questa la scaletta: Johnny Talbot, "Watcha wanna do pt. 1" (1964); Spyder Turner, "Ride in my 322" (1964); Larry Birdsong & The Larryettes, "Continental time" (1961); The Fabulous Playboys, "Honky tonk woman" (1961); Brice Coefield, "Cha-cha twist" (1960); The Antennas, "Be yourself" (1962); The Virgos, "Do the sway"; Billy "The Kid" Emerson, "The whip part 1" (1963); Sonny Dublin, "The pigmy grind part 1" (1967); The Metronomes, "Chicky goo" (1962); Hector & The Eastmen, "Wobble you" (1967); The Parkettes, "El matador" (1963); Larry Hale, "Shout & do the duck" (1966); Johnny Adams, "Spunky onions" (1965); Emanuel Laskey, "The monkey" (1963); Lester Young & his California Playboys, "Wobble time" (1962); Tangiers, "Doin' the waddle" (1962); Cymbols, "Dip baby dip".
Euro
19,00
codice 332983
scheda
Aa.vv. (soundtracks)    (Italian girls like) ear-catching melodies
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  dagored 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima stampa, pressata solo in Italia, vinile pesante, copertina semilucida apribile e con barcode 8013252010415, inserto con scaletta e crediti, label nera con parti bianche e scritte bianche, logo Dagored bianco e nero in alto, catalogo RED104-1. Pubblicata nel 1999 dalla italiana Dagored, questa antologia compila sedici brani opera di alcuni dei più grandi maestri italiani della musica per il cinema, da Piero Piccioni ad Armando Trovajoli, da Riz Ortolani a Francesco De Masi, da Guido e Maurizio De Angelis a Roberto Pregadio, tratti dalle colonne sonore di film della seconda metà degli anni '60 e della prima metà dei '70, alcuni inediti su album: intrecci fra pop orchestrale strumentale, sbarazzini influssi beat, jazz melodico, easy listening, sfumature ora esotiche ora funkeggianti, melodie ed atmosfere inconfondibilmente legate a quelle del cinema italiano di registi come Lucio Fulci, Gina Wertmuller, Dino Risi o Pasquale Festa Campanile. Questa la scaletta: A1 "La Bella Signora", dal film "Tutto A Posto Niente In Ordine" (G. Wertmüller, 1973) A2 "Diamanti Swing" dal film "Troppo Per Vivere, Poco Per Morire" (M. Lupo, 1967) A3 "Theme For A Murderer" dal film "Blazing Magnum" (A. de Martino, 1975) A4 "Susan And Jane" dal film "Una Sull'Altra" (L. Fulci, 1969) A5 "Beat Trombone" dal film "Straziami, Ma Di Baci Saziami" (D. Risi, 1966) A6 "What Is This Love" dal film "Si Puo' Fare Molto Con 7 Donne" (F. Piccioni, 1971) A7 "Qualcosa Piu' Grande Di Noi" dal film "Rapporto Fuller, Base Stoccolma" (S. Greigo, 1967) A8 "Il Sorriso Della Iena M6" dal film "Il Sorriso Della Iena" (S. Amadio, 1972) B1 "Grand-Dad's Girl" dal film "Dimmi Che Fai Tutto Per Me" (P. Festa Campanile, 1976) B2 "The Roaring Twenties" dal film film "Una Sull'Altra" (L. Fulci, 1969) B3 "Teresa L'Illusa" dal film "Teresa La Ladra" (C. Di Palma, 1973) B4 "Louise" dal film "Blazing Magnum" (A. De Martino, 1975) B5 "La Storia Comincia" dal film "La Polizia Incrimina, La Legge Assolve" (E.G. Girolami, 1973) B6 "Planning The Snatch" dal film "Dimmi Che Fai Tutto Per Me" (P. Festa Campanile, 1976) B7 "Hot Camera Shake" dal film "Troppo Per Vivere, Poco Per Morire" (M. Lupo, 1967) B8 "One More Time" dal film "Quel Caldo Maledetto Giorno Di Fuoco" (P. Bachini, 1968).
Euro
20,00
codice 332982
scheda
Aa.vv. (sting, eric clapton, jeff beck, donovan...)    Secret policeman's concert
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1982  island 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good rock 60-70
prima stampa italiana, copertina (con diversi segni di invecchiamento) senza barcode, etichetta blu con palma colorata in basso, catalogo HAHA6004. Originariamente uscito in Inghilterra come "Secret Policeman' s Other Ball - The Music" (con copertina diversa), nel 1982 su etichetta Springtime, l'album tratto dal concerto ''Secret policeman's other ball'', che fu il quarto show di beneficenza dato per raccogliere fondi a favore di Amnesty International. Questo album fu ricavato dal concerto dato a Londra il 9 settembre del 1981, ed e' il seguito di ''The secret policeman's ball'' del 1979. Il disco contiene brani dal vivo suonati da illustri partecipanti allo show del 1981: Sting, Jeff Beck, Eric Clapton, Donovan, Bob Geldof ed altri ancora, che propongono classici dei loro repertori, e si chiude con una interpretazione collettiva di ''I shall be released'' di Bob Dylan. Questa la scaletta: Sting: ''Roxanne'', ''Message in a bottle''; Jeff Beck & Eric Clapton: '''Cause we've ended as lovers'', ''Farther up the
Euro
10,00
codice 248310
scheda
Aa.vv. (usa 60's garage)    back from the grave vol. 1
Lp [edizione] nuovo  mono  usa  1966  crypt 
rock 60-70
il primo storico volume, ristampa con copertina per l' occasione apribile, con le note dell' originario inserto scritte all' interno, della piu' famosa ed importante serie di compilation sul garage punk americano degli anni 60, influenza e punto di riferimento fondamentale per tutta la scena neo garage degli anni '80. Naturalmente, come spesso accade, inevitabile che il primo volume sia anche perlomeno uno dei migliori in assoluto degli innumerevoli usciti negli anni, con 15 brani introvabili da singoli rarissimi ursciti in gran parte tra il '65 ed il '66: i texani Elite, tra garage e beat, con "My Confusion" (uno di loro poi nei Yellow Payges), i Jujus del Michigan, grezzi e minimali, con una bellissima "Do You Understand Me?", gli immensi Alarm Clocks, dall' Ohio, con i due miticissimi brani del loro unico singolo, ripresi da decine di gruppi, "Yeah" e "No Reason to Complain", vere perle senza tempo, insuperabili esempi di "snotty" garage punk, i californiani Fabs con "The Bag I'm In", grande fuzz guitar ed organo Farfisa da urlo, i favolosi Malibus del Connecticut con la micidiale "Cry", i Bel-Aires del Michigan con la divertente "Ya Ha Be Be", i Legends del Michigan con la perfetta "I'll Come Again" (tra garage e folk rock, da studiare a scuola...), i incredibili Rats, con le due facciate del loro unico singolo del 1963 ("Rats Revenge Part 1" e "Rats Revenge Part 2") di Akron, Ohio, intestatari nello stesso anno di un singolo come Decades, un singolo minimale e grezzissimo, figlio bastardo del surf piu' selvaggio, anticipatore del garage punk di la' da venire, chitarre basso male accordati, orgia di voci ed urla, puro "primal sound" da amare od odiare incondizionatamente, gli One Way Streets, dall' Ohio, con "We All Love Peanut Butter" e la loro versione di "Jack the Ripper", i favolosi texani Larry & the Blue Notes con la stratosferica "Night of the Phantom", i proto soogesiani Swamp Rats di Pittsbourgh con una versione killer di "Psycho", incredibile orgia di fuzz e distorsori, ed infine i pazzeschi Cords, gruppo di frati francescani del Winsconsin, con una strumentale "Ghost Power" tra surf, garage e psichedelia........Imperdibile!
Euro
19,00
codice 2098023
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1988  imaginary 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa inglese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida fronte retro con barcode, label azzurro chiaro con scritte blu, catalogo ILLUSION 002. Pubblicata nel giugno del 1988 dalla Imaginary Records in Gran Bretagna, questa compilation e' un tributo al seminale ed eccentrico Captain Beefheart, con dodici dei suoi brani interpretati da gruppi indie e post punk, fra cui Sonic Youth, XTC, That Petril Emotion e Primevals. Se non avete mai sentito Thurston Moore e compagni cimentarsi con il blues ''veloce e bulboso'' questa e' l'occasione giusta. Questa la scaletta dei brani: The Dog Faced Hermanns, ''Zig zag wanderer''; XTC, ''Ella guru''; The scientists, ''Clear spot''; The Membranes, ''Ice cream for crow''; The King Of Luxembourg, ''Long necked bottles''; The Beat Poets, ''Sun zoom spark''; That Petrol Emotion, ''Hot head''; The Primevals, ''China pig''; Sonic Youth, ''Electricity''; Good And Gone, ''Harry Irene''; The Screaming Dizbusters, ''Frying pan''; The Mock Turtles, ''Big eyed beans from Venus''.
Euro
20,00
codice 321999
scheda
Abuelo miguel and nada    miguel abuelo and nada
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  guerssen 
rock 60-70
ristampa del maggio 2019, copertina apribile senza barcode pressoche' identica alla prima rarissima tiratura pubblicata in Francia su Moshe-Naim nel 1975, corredata di inserto apribile con foto e testi. Originariamente pubblicato solo in Francia nel 1975, il leggendario unico album accreditato a Miguel Abuelo & Nada e' certamente uno dei capolavori dell' underground argentino degli anni '70 e probabilmente uno dei lavori migliori mai partoriti da artisti rock sudamericani. Miguel Abuelo (vero nome Miguel Angel Peralta), argentino di Buenos Aires, aveva pubblicato gia' tre singoli solisti tra il 1968 ed il 1970, uno dei quali a nome Miguel Abuelo & Nada, quando diede vita ad una nuova versione dei suoi Nada in Europa nel 1972, con altri musicisti argentini, come lui esuli in Europa, incidendo nel 1973 a Parigi questo album, prima di sciogliere il gruppo che vedra' pubblicato il suo disco, solo in Francia, due anni dopo, L' album quindi non venne mai promosso, tuttavia la fama dell' opera si propago' rapidamente facendone un disco di culto da subito collezionato e ricercatissimo. Musicalmente il disco vede sette lunghe tracce che mischiano psichedelia, folk e hard-rock, tra le quali da citare almeno l' oscuro viaggio allucinato di "El Muelle", con arrangiamenti ricchi e mai banali, marchiato dalla forte personalita' di Abuelo, cantante istrionico e sovente volutamente sopra le righe. Abuelo tornera' attivo discograficamente solo dal 1980, dopo il suo ritorno in patria, con lavori solisti, dischi incisi con nuove versioni dei Nada e varie collaborazioni. Morira' prematuramente nel 1988.
Euro
25,00
codice 2098147
scheda
AC/DC    Back in black
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1980  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1980, in vinile pesante, con copertina in rilievo e note e foto sull'inner sleeve non presenti sull'originale. Il loro ottavo album, uscito originariamente nel Luglio del 1980 su Atlantic, pubblicato dopo "Highway To Hell" e prima di "For Those About To Rock", giunto al numero 1 delle classifiche UK ed al numero 4 di quelle USA. Il primo disco senza Bon Scott, fulminato da una scossa elettrica del microfono nel Febbraio del 1980, rimpiazzato da Brian Johnson gia' con i Geordie, vendera' sedici milioni di copie negli USA soltanto, il nuovo cantante, potente come Bon Scott ma piu' bluesy e pieno di entusismo, sara' ben accolto sia dalla critica che dal pubblico. Questo lp uscito solo 5 mesi dopo la morte di Scott, ed a lui ovviamente dedicato, e' certamente da annoverarsi tra i grandi classici dell' hard rock del decennio, lo stile e' quello classico, chitarre violente e distorte, voce in primo piano, con brani che fanno tutt'ora parte del repertorio live del gruppo, ''back in black'', ''hell's bells'', ''shoot to thrill'', ''rock and roll ain't noise pollution'', ''you shook me all night long''. Il disco e' stato inserito dalla critica europea, durante il referendum del 1999, nella sezione ''hard and heavy'' nella top 5 degli albums di tutti i tempi insieme a Led Zeppelin 2, l'omonimo Van Halen, "Are you experienced" di Jimi Hendrix e "Paranoid" dei Black Sabbath.
Euro
27,00
codice 2100363
scheda
Ac/dc    Fly on the wall
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1985  columbia / sony 
rock 60-70
ristampa pressoche' identica alla prima tiratura, corredata di inner sleeve. Pubblicato nel luglio del 1985 prima di ''Blow up your video'' e dopo ''Flick of the switch'', giunto al numero 32 delle charts Usa ed al numero 7 di quelle Uk. Il decimo album. Lavoro molto duro nello stile classico della band, con brani epici e dagli arrangiamenti taglienti vicini al new metal della meta' del decennio, sara' seguito da una opera video in 5 episodi basata sulle tracce del disco. Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
25,00
codice 2099938
scheda
Ac/dc    live from the atlantic studios
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  Atlantic / private 
rock 60-70
Ristampa private press, copertina lucida senza codice a barre, etichetta nera con scritte e logo bianchi. "Live From the Atlantic Studios" e' un eccezionale album live degli AC/DC pubblicato originariamente sul box "Bonfire" e registrato live presso gli Atlantic Recording Studios di New York, il 7 Decembre 1977 (notevolissima la qualita' di registrazione), tra gli albums "Let There Be Rock" e "Powerage", poi remixato da George Young. Il disco vide la luce come lp separato solo come Radio Station Promo nel 1978, e venne stampato in CD nel 1986. Il concerto degli AC/DC da cui l'album e' tratto fu il primo di una serie di eventi organizzati a scopo promozionale dalla Atlantic Records. Contiene i seguenti brani: "Live Wire", "Problem Child", "High Voltage", "Hell Ain't a Bad Place to Be", "Dog Eat Dog", "The Jack", "Whole Lotta Rosie", "Rocker".
Euro
16,00
codice 3025784
scheda
Ac/dc    melbourne 1974 (and the best of the tv shows 76-78) white/red splatter
lp2 [edizione] originale  stereo  eu  1974  parachute 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
edizione limitata in bianco e rosso con effetto splatter; doppio album realizzato dalla Parachute nel 2017, copertina apribile. Contiene cinque brani registrati durante il Festival Hall di Melbourne, nella notte del 31 dicembre 1974, trasmessi all' epoca anche radiofonicamente, ed alcuni brani registrati durante apparizioni nella TV australiana tra il 1976 ed il 1978, oltre ad alcuni stralci di intervista. Questo il dettaglio del materiale incluso: A 1 She's Got Balls (Live At The Festival Hall, Melbourne 1974) A 2 Soul Stripper (Live At The Festival Hall, Melbourne 1974) A 3 Show Business (Live at the Festival Hall, Melbourne 1974) A 4 Can I Sit Next to You, Girl (Live at the Festival Hall, Melbourne 1974) B 5 Baby Please Don't Go (Live at the Festival Hall, Melbourne 1974) B 6 Baby Please Don't Go (Live Tv Appearances 1976 - 1978) B 7 TNT (Live Tv Appearances 1976 - 1978) C 8 Let There Be Rock (Live Tv Appearances 1976 - 1978) C 9 Live Wire (Live Tv Appearances 1976 - 1978) C 10 Problem Child (Live Tv Appearances 1976 - 1978) C 11 Sin City (Live Tv Appearances 1976 - 1978) D 12 Bad Boy Boogie (Live Tv Appearances 1976 - 1978) D 13 AC/DC London Interview 1976 & 1977 (Live)
Euro
26,00
codice 248423
scheda

Page: 2 of 115

«---  1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 115  ---»
Pag.: oggetti: