Hai cercato:  immessi ultimi 60 giorni --- Titoli trovati: : 1449
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Ac/Dc Dirty deeds done dirt cheap
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1976  columbia 
rock 60-70
Ristampa pressoche' identica alla prima tiratura del 1976, in vinile 180 g, corredata di inner sleeve a colori con note e foto esclusive, non presenti sull'originale, etichetta nera con scritte bianche e logo "AC/DC" in rosso. Il terzo album uscito originariamente su albert nel 1976 in australia, pubblicato dopo "tnt" e prima di "let there be rock", non entrato nelle classifiche australiane e rimasto inedito in usa fino all'uscita di questa edizione nell'aprile del 1981. composto e suonato da bon scott, angus young, malcom young, mark evans, phil rudd, e' l'ultimo dei lavori del primo periodo, quello antecedente al grande successo internazionale, considerato il loro lavoro piu' duro, fu con questo che grazie al tour inglese del 1976 il gruppo ottenne la popolarita' in europa. contiene rispetto alla stampa australiana i brani ''rocker'' studio version e ''problem child'' . Formatisi a Sidney in Australia, gli AC/DC sono uno dei piu' popolari ed influenti gruppi della storia del rock duro. Artefici di un brutale hard rock guidato dagli assalti chitarristici dei fratelli Angus e Malcolm Young, che abbina potenza e divertimento con un'attitudine selvaggia tipica di molto rock australiano, gli AC/DC esordiscono su lp in Australia con ''High voltage'' e ''T.N.T.'' nel 1975, poi compilati in parte nell'album d'esordio internazionale, anch'esso intitolato ''High voltage'' (1976). Seguono lp storici come ''Dirty deeds done dirty cheap'' (1976), ''Let there be rock'' (1977) e ''Highway to hell'' (1979), che fanno entrare il gruppo nella leggenda. La loro popolarita' resta ovviamente alta nei due decenni successivi, anche grazie agli infiammati live show del gruppo, guidati dall'istrionico Angus Young.
Euro
25,00
codice 2103283
scheda
Adamson barry I will set you free
Lp [edizione] originale  stereo  eu  2012  central control international 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
L' originale stampa, in vinile pesante, copertina lucida, inner sleeve in cartoncino sottile lucido con foto e note, label custom fotografica a colori con artwork diverso su ciascuna facciata e scritte bianche, catalogo CC1019LP. Pubblicato nel gennaio del 2012 dalla Central Control International, il decimo album, successivo a ''Back to the cat'' (2008) e precedente "Know Where To Run" (2016). Il musicista inglese ritorna con un lavoro in cui la critica riconosce ancora tracce del suo passato musicale con Bad Seeds e Magazine, ma al tempo stesso volonta innovatrice, attraverso dieci episodi di rock brumoso e decadente ma a tratti anche sbarazzino e frizzante, in cui convivono echi di post punk e musica afroamericana in un'ambientazione aggiornata al nuovo millennio. Veterano della scena musicale britannica, attivo in ambito post punk con i Magazine e poi con i Bad Seeds di Nick Cave, l'inglese Barry Adamson lascia questi ultimi nel 1987 e si dedica alla carriera solista, ispirato da compositori di colonne sonore come Ennio Morricone e John Barry, esordendo su lp con l'apprezzato ''Moss side story'' (1989), in cui emerge il suo approccio eclettico che fonde sonorita' post punk, funk, e colonne sonore da film di spionaggio. Nel decennio successivo realizza in effetti varie colonne sonore, oltre a pubblicare lavori solisti in cui l'atmosfera cinematica e' comunque un elemento costante.
Euro
25,00
codice 3505296
scheda
Adderley cannonball somethin' else (+1 track)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1958  waxtime 
jazz
ristampa in vinile 180 grammi, rimasterizzata con sistema "DMM" (Direct Metal Mastering), copertina pressoche' identica sul fronte a quella della originaria rara tiratura, con note supplementari sul retro, versione arricchita della presenza di una traccia aggiunta, "Allison's Uncle", proveniente dalle stesse sessions dell' album. Il celebre album pubblicato dalla Blue Note nel 1958, inciso nel Rudy Van Gelder Studio di Hackensack, New Jersey, il 9 marzo del 1958 con formazione a cinque composta da Cannonball Adderley (sax alto), Miles Davis (tromba), Hank Jones (pianoforte), Sam Jones (contrabbasso) e Art Blakey (batteria). Julian "Cannonbal" Adderley, uno dei massimi interpreti del sassofono alto, si uni' al gruppo di Miles Davis verso la fine del 1957, dando il suo prezioso contributo a dischi storici come "Milestones" (1958) e "Kind of Blue" (1959), e vedendo ricambiato il contributo in questo album, considerato uno dei massimi capolavori di Adderley, realizzato con una formazione a dir poco stellare, in cui l'eleganza della tromba di Davis e del pianoforte di Jones si integrano magistralmente con il soave sax di Cannoball. La scaletta comprende cinque brani, "Autumn leaves", "Love for sale", "Somethin' else", "One for daddy-o" e "Dancing in the dark".
Euro
18,00
codice 3026844
scheda
Aesop rock Appleseed (coloured vinyl)
12" [edizione] nuovo  stereo  usa  1999  Rhymesayers Entertainment 
hip-hop
Vinile marmorizzato color fumo semitrasparente, allegato coupon per il download digitale dell'album, label nera con scritte bianche e titolo stilizzato in grigio, catalogo RSE0326-1. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2021 ad opera della Rhymesayers Entertainment, questo ep originariamente pubblicato in forma privata solo come CDr nel 1999 fu la seconda pubbicazione di Aesop Rock, dopo il primo album "Music for earthworms" (1997) e prima del secondo lp "Float" (2000). Il fraseggio denso, cerebrale ed acuto del rapper americano, accompagnato da un sound lento ed ipnotizzante, dai richiami jazz e talora anche ambient ed indie rock, ed immerso in un'atmosfera notturna e sottilmente malinconica, si snoda attraverso otto episodi per una durata di poco superiore alla mezz'ora, sei dei quali prodotti dallo stesso Aesop Rock (uno a testa per Omega one e Blockhead i restanti due episodi). In alcuni episodi il rap introspettivo e stratificato crea ammalianti onde sonore con il supporto di basi dai toni nel complesso minimali ed asciutti, e comunque evoluti rispetto alle più acerbe registrazioni del primo album. Esponente dello hip hop undeground newyorchese e successivamente trasferitosi sulla West Coast, Aesop Rock esordisce alla fine degli anni '90 con alcune autoproduzioni, cui fanno seguito gli album ''Float'' (1999) e l'acclamato ''Labor days'' (2001), ispirato in parte dalla mitologia greca. Seguono ''Bazooka tooth'' (2003) e ''None shall pass'' (2007).
Euro
29,00
codice 3513706
scheda
Afterhours Folfiri o folfox (reissue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2016  universal 
indie 90
doppio vinile, inners, copertina apribile, etichette custom nere scritte bianche. “Folfiri o Folfox” (2016) è il decimo album degli Afterhours, che nel 2016 ormai sono un collettivo di musicisti, con al centro la figura di Manuel Agnelli. Il nuovo album è un doppio, per un totale di diciotto brani. Il titolo rimanda ad un’immaginario ben preciso: dolore e malattia. Lo spiega Agnelli in un’intervista a La Repubblica nel maggio 2016, "Si intitola Folfiri o Folfox. Sono due trattamenti per la chemioterapia. È un album che parla di malattia ma che, incredibilmente, non è scuro e il titolo va in questa direzione.”. Ed ancora, “È un disco di morte e di rinascita. Perché in questi anni molti di noi hanno avuto dei lutti. Capita, man mano che procedi nella vita. Io ho perso mio padre. Ma è anche un disco di rinascita perché il dolore se non ti annienta ti fa trovare energie che non pensavi di avere. È anche un lavoro molto caldo dove Padania era volutamente ghiacciato, perché doveva raccontare il gelo che ci sentivamo attorno. “ Il disco, quindi, si ricollega per certi aspetti a “Padania”, almeno nelle parti più sperimentali ed ostiche. E le ballate, invece, ricordano il periodo “Quello che non c’è”: si parla di brani come “L’odore della giacca di mio padre”, “Non voglio ritrovare il tuo nome”, “Lasciati ingannare (una volta ancora”, “Se io fossi il giudice”. Formazione milanese fra le più note del panorama rock italiano, gli Afterhours esordiscono nel 1990 con l'album ''During Christine's sleep''. Apprezzate performance dal vivo e svariati dischi accrescono la fama della band, che arriverà poi a collaborare con Greg Dulli ed i suoi Twilight Singers ed a suonare con questi ultimi in tour internazionali. Il gruppo ruota intorno alla figura carismatica di Manuel Agnelli. Numerosi i cambi di formazione, la line up attuale è composta da Manuel Agnelli (voce, chitarra e tastiera), Xabier Iriondo (chitarra), Roberto Dell'Era (basso), Rodrigo D'Erasmo (violino), Fabio Rondanini (batteria, al posto dello storico Giorgio Prette) e Stefano Pilia (chitarra).
Euro
29,00
codice 2103085
scheda
Against me! Reinventing axl rose
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2002  fat wreck 
indie 2000
Ristampa del 2019, coupon per download. Pubblicato nel marzo del 2002 dalla No Idea negli USA, il primo album, successivo alle prime pubblicazioni su cassetta e precedente il secondo lp ''As the eternal cowboy'' (2003). Acclamato da critica e fan in patria, il loro esordio a 33 giri e' un lavoro che esemplifica ottimamente l'intensita' emotiva, il cantato anthemico, l'impegno politico e sociale e la musica punk ma fuori dagli schemi stessi del punk ormai canonizzato, per cui i primi Against Me! erano amati; un sound fresco e scarno, venato di folk punk, un cantato graffiante ma piu' emotivo che duro ed un'attitudine anarcoide che con il tempo si sarebbe ammorbidita. Punk rock band basata in Florida, attiva dal 1997 per merito della cantante/chitarrista Laura Jane Grace, nata Thomas James Gabel, gli Against Me! attraverso cinque album si sono fatti amare dai fan ed apprezzare dalla critica, soprattutto in patria, gia' con le loro prime realizzazioni. I primi lavori, soprattutto il debutto, "Against me! Is reinventing Axl Rose" del 2002 ed il successivo "Against me! As the eternal cowboy", sono caratterizzati da una spontaneita' selvaggia, successivamente scemata in favore di un punk/hardcore melodico, muscolare e piu' attento al gusto del mainstream, ma sempre con interessanti temi politici e sociali.
Euro
23,00
codice 2103471
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1970  trading places 
rock 60-70
ristampa del 2021, copertina pressoche' identica sul fronte a quella della prima straordinariamente rara tiratura, ma con testi stampati sul retro, senza barcode. Pubblicato nel 1970 dalla Merlin in Inghilterra, l' unico leggendario album del gruppo di Ditchling, villaggio nel Sussex, guidato da Peter Howell e John Fernando, gia' autori dell' album "Alice Through the Looking Glass" nel 1969, e poi nel 1973 dell' album "A Game For All Who Know" a nome Ithaca. Tra acid-folk e pop psichedelico, un progetto che si giova della sua natura inequivocabilmente underground e dell' autoproduzione che lo caratterizza, fattori che gli conferiscono un fascino particolare e lo rendono uno degli artefatti musicali della scena inglese dell' epoca piu' suggestivi. I musicisti inglesi Peter Howell e John Fernando furono autori tra la fine degli anni '60 ed i primi anni '70 di alcuni leggendari gruppi underground britannici, realizzando nel 1969 un album dal titolo "Alice Through The Looking Glass", nel 1970 l' album "Fly Away" accreditato agli Agincourt e nel 1973 "A Game For All Who Know" intestato agli Ithaca, tutti rarissimi e ricercati album fra folk rock progressivo, pop sognante e venature psichedeliche; dopo un ulteriore effimero progetto insieme, i Friends, autori di un acetato nel 1974, negli anni '70 Howell si unì al Radiophonic Workshop della BBC, un gruppo di musicisti e compositori autori di musiche e di effetti sonori speciali per programmi radiofonici e televisivi inglesi, fra cui la serie ''Doctor Who''. Fra le altre cose, Howell compose la seconda versione della sigla di quella celebre serie fantascientifica. Ha poi pubblicato anche alcuni album solisti negli anni '70 e '80.
Euro
20,00
codice 2103013
scheda
Ahbez eden Eden's Island (The Music Of An Enchanted Isle)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  life goes on 
rock 60-70
Ristampa del 2021, copertina pressoche' identica alla prima molto rara tiratura uscita in Usa su Del-Fi, dell'unico album solista di questo originale artista americano; originariamente pubblicato nel 1960 su Del-Fi negli USA, il disco e' generalmente classificato nel genere exotica, anche se, sebbene non manchino sonorita' a loro modo esotiche per quei tempi (flauti, bongos, scricchiolii di barche di legno...), Ahedz carica questo disco di contenuti spirituali, recitando le sue poesie di ispirazione mistica e naturalistica nel corso dell'album, disco che Carlo Bordone definisce "tra i primi dischi psichedelici della storia..., cocept ante-litteram che mescola le suggestioni tropicali proprie di Les Baxter e Martin Denny, spoken word alla Kerouac, richiami classici, jazz, calipso, percussioni e fantasmagorici cori femminili. Musica apparentemente easy ma dal sorprendente potere ipnotico. Alexander Aberle (1908-1995), di origini newyorchesi e noto con il suo pseudonimo di eden ahbez (rifiutava di scrivere il suo nome con le maiuscole), e' stato gia' negli anni '40 uno dei pionieri di un certo modo di vivere alternativo, ispirato dal vegetarianesimo, dalla vita in mezzo alla natura, dal rifiuto del consumismo e del materialismo, che avrebbe poi ispirato almeno una parte della controcultura degli anni '60. Stabilitosi in California appunto negli anni '40, divenne famoso per essere stato l'autore del brano ''Nature boy'', che dopo essere stato notato dal celebre Nat King Cole, venne da questi riproposto dal vivo ed inciso con enorme successo; la canzone sarebbe stata poi interpretata anche da altre star quali Frank Sinatra e Dinah Shore.
Euro
22,00
codice 3026882
scheda
Ahmed mahmoud Ere mela mela
Lp [edizione] nuovo  stereo  fra  1975  l'arome 
world
Copertina lucida a busta, label in tre tonalita' di giallo con bordo bianco e scritte nere. Ristampa del 2003 ad opera della Francese L'Arome dell'album originariamente uscito su Kaifa nel 1975. Accompagnato dalla Ibex Band, il celebrato cantante etiope propone in questo album, molto considerato, un incontro fra sonorita' che alternano jazz melodico, funk e musica popolare con uno stile canoro circolare ed ipnotico che si rifa' alla tradizione della propria terra. La voce potente ed instancabile di Ahmed guida in vortici in cui Africa e musica afro-americana si fondono, dando una personale interpretazione del pop africano che in quegli anni attraversava un periodo felice con musicisti come Fela Kuti ed Osibisa. Proveniente da Addis Abeba ed attivo dagli anni '60, il cantante etiope Mahmoud Ahmed e' molto popolare in patria ma meno celebre di altri e piu' giovani connazionali all'estero. Dopo aver suonato con la Imperial Body Guard Band fino al 1974, nel 1975 pubblica insieme alla Ibex Band quello che alcuni critici considerano il suo capolavoro ''Ere mela mela''. La sua musica fonde sonorita' jazz, pop e funk con la musica tradizionale etiope, dando vita a brani ipnotici su cui si staglia il suo canto potente e quasi mantrico.
Euro
24,00
codice 2102947
scheda
Air moon safari
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1998  Parlophone 
indie 90
vinile 180 grammi, Inner sleeve con testi, etichetta custom con cielo stellato e scritte bianche. Il primo influente album del duo francese capostipite dell' "easytronica", formato da Nicolas Godin (voce filtrata, basso, chitarre elettriche, synth, organo, percussioni) e Jean-Benoit Dunckel (organo, piano, synth, voce filtrata). Pubblicato dalla Virgin nel Gennaio del 1998, il disco debuttera' al quinto posto delle classifiche inglesi, grazie al clamore suscitato dalla stampa ed al singolo "Sexy Boy". Considerato un classico del genere "Chill Out", l'album propone un' elettronica downbeat sottoforma di irresistibili canzoni pop basate su bassi rotondi e pulsanti dalla groove soul funk, imperniate di atmosfere languide e fughe ambient in stile floydiano, grazie all'ausilio di tappeti di synth (moog, Korg MS20, vocoder, casiotone), campionamenti ed effetti dalle sonorita' retro' alla Jean Michel Jarre, con alcune incursioni in territori elettro pop anni '80 contaminate da influssi Kraftwerk, il tutto in avvolto in una seducente atmosfera flou vaporosa e melliflua, ormai divenuta il marchio di fabbrica del duo. Alla realizzazione del disco hanno contribuito Beth Hirsch, voce in "All I Need" e "You Make It Easy", Eric Regert (organo), Marlon (batteria), P. Woodcock (chitarra acustica, tuba), con arrangiamenti d'archi di David Whitaker.
Euro
31,00
codice 2103247
scheda
Aitken laurel Says fire
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  black butcher classics 
reggae
Ristampa del 2014 ad opera della Black Butcher Classics, pressoché identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1969 dalla Doctor Bird nel Regno Unito, il secondo album solista, successivo a "Ska with laurel" e precedente "The high priest of reggae" (1970). Composto in buona parte da brani scirtti da Aitken, accanto ad una manciata di cover, fra cui il classico soul di "If you need me" di Wilson Pickett, e "Quando quando" (!) di Tony Renis, "Says fire" raccoglie allora recenti singoli e nuovi brani inediti di Aitken, una autentica festa al confine fra ska, rocksteady ed il primo reggae. Questa la scaletta: "Fire", "Worried over me", "Halfway to paradise", "Coconut", "Quando quando", "If you need me", "La la la", "Rice and peas", "Stand by me", "Sunnyside", "Mr. Lee", "Gonna get married". Pioniere per vocazione, Laurel Aitken infilò, tra il '58 ed il '60, due mosse decisive per quello che sarà in seguito lo sviluppo della scena reggae: l'incisione, agli ordini di Chris Blackwell, di ''Booggie in my bones" che, nel '58, fruttò a lui la fama in Giamaica e a Blackwell il capitale ed il coraggio per intraprendere l'avventura Island; ed il fatto di essere il primo dei cantanti giamaicani apprezzati nel Regno Unito, grazie al fatto che si recò in Inghilterra fino dal 1960. Molto conteso tra i produttori, Aitken disseminava il mercato di dischi, attraversando gli stili ska, blue beat e rocksteady. Molto popolare tra gli skinhead inglesi, produttore e talent scout di buona fama sul mercato britannico. Col reggae ha avuto minor fortuna, ma il revival ska di fine '80 lo ha di nuovo visto protagonista.
Euro
17,00
codice 2103755
scheda
Alasehir (bardo pond) The philosophy of living fire
Lp [edizione] nuovo  stereo  hol  2007  siltbreeze 
indie 2000
ristampa . Pubblicato dalla Siltbreeze nel settembre del 2007, ''The philosophy of living fire'' e' il terzo album degli Alasehir, uscito dopo ''Sharing the sacred'' (2006). Il gruppo americano, progetto collaterale dei Bardo Pond, propone in questo album tre lunghi brani di rock acid ed ottundente, con brani lenti ed ipnotici dominati da chitarre distorte a meta' fra psichedelia, noise e stoner. Il sound e' molto simile ai Bardo Pond, ma appare concentrato piu' sulla jam session che su composizioni strutturate. Le due chitarre elettriche costruiscono lentamente ma inesorabilmente dei vortici sonori, che in molti momenti fanno pensare ad un evoluzione acida, minimale e stravolta del blues. Gli Alasehir sono un porgetto musicale di John e Michael Gibbons, chitarristi dei Bardo Pond, uno dei gruppi di punta dello indie rock piu' acido ed ottundente. Accompagnati da diversi collaboratori, fra cui il batterista Jason Kourkounis del gruppo di origine, gli Alasehir sono autori di una musica vicina a quella dei Bardo Pond, ma piu' orientata verso lente e lunghe jam in cui le radici blues sono trasfigurate da vortici psichedelici che talvolta approdano al noise. Hanno pubblicato alcuni lavori su diverse etichette, ''The stone sentinels'' su aRCHIVE, ''Sharing the sacred'' (2006) su Important e ''The philosophy of living fire'' (2007) su Siltbreeze.
Euro
22,00
codice 2103824
scheda
Albertine viv (slits) Vermillion border (red vinyl)
Lp2 [edizione] originale  stereo  uk  2012  cadiz music 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia ancora incellophanata, l' originale stampa, doppio album in vinile rosso pesante, copertina apribile, etichette custom, l' originario catalogo CADIZLP120 (poi cambiato nella ristampa del 2019). Pubblicato dalla Cadiz Music nel novembre 2012 in cd, e dopo qualche mese in questa edizione vinilica, dopo l'Ep "Flesh" (2010), l' esordio solista full lenght per la mitica Viv Albertine, chitarrista delle seminali Slits. Lavoro inaspettatamente fresco e genuino, dove la cinquasettenne Viv Albertine, racconta la sua condizione di donna di mezza eta', uscita da un matrimonio, e di riott girls per niente pentita. Pezzi autobiografici dalle molteplici sfaccettature, la cui produzione e' stata affidata a Dennis Bovell, gia' in consolle al capolavoro delle Slits, "Cut" del 79, con una serie prestigiosa ed etereogenea di ospiti, molti dei quali bassisti: Jack Bruce dei Cream, Tina Weymouth dei Talking Heads, Wayne Nunes di Tricky, Glen Matlock dei Sex Pistols, Richard Pike dei PVT, Jenny Lee Lindberg delle Warpaint, Dennis Bovell e Norman Watt Roy di Ian Dury, Danny Thompson di Nick Drake, John Martin e Pentangle, Jah Wobble dei PIL, Wiston Blisset dei Massive Attack, Jim Barr dei Portished, oltre Mick Jones alla chitarra. Le canzoni fra disillusione, sogno ed ironia fra retaggi wave, si muovono fra molteplici rimandi, molti dei quali portano ai Wire e Stererolab, oltre al gruppo madre. Le britanniche Slits formate nel 1976 sono state le progenitrici delle "riot grrrls" movimento che sarebbe esploso dieci anni dopo negli USA, una delle band preferite da Kurt Cobain e citata da tutte le riot grrls di inizio anni 90, immensa la loro influenza anche sulle band del recente trend disco-punk. Ancor piu' delle formazioni femminili che le avevano precedute, dalle Runaways alle Go-Go's, le Slits anche se negavano di essere femministe, suonavano un feroce punk-rock ispirato ai problemi delle ragazze. Tra i brani capaci di riscuoter maggior successo da citare sicuramente "Typical Girls", che ironizzava lo stereotipo di "ragazza tipica", la vecchia "Newtown", che vi consigliamo di ascoltare anche nella versione contenuta nell' imperdibile Peel Session del gruppo, ed infine i brani "Love And Romance" e "Ping Pong Affair", bellissimi ibridi dove la rabbia punk riscopriva la musica giamaicana e la trasformava in spiritualita' post-punk capace di raggiungere soffuse melodie pop. Leggendaria la foto di copertina che le ritrae semi-nude e ricoperte di fango, foto che nel 1979 provoco' scalpore ed un semi-scandalo nelle societa' meno aperta e liberale.
Euro
32,00
codice 2040123
scheda
Ali rashied New directions in modern music (clear vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  klimt 
jazz
Accreditato a Rashied Ali Quartet. Ristampa limitata in vinile trasparente, con copertina senza codice a barre, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato dalla Survival nel 1973 negli USA, dopo ''Duo exchange'' (1973, a nome Rashied Ali/FRank Lowe), uno dei primissimi album di Rashied Ali, qui all'opera con il suo quartetto. Registrato dal vivo allo EAST da Rashied Ali (batteria, percussioni), Fred Simmons (pianoforte), Stafford L. James (contrabbasso) e Carlos Ward (sax alto, flauto). Un disco assai apprezzato dalla critica, di non facile ascolto, fra free jazz molto dinamico e talora dai toni spirituali (sono stati evocati i nomi di John e Alice Coltrane da alcuni critici come paragone) ed avanguardia, che si dipana attraverso due soli lunghissimi brani, ''As-salaam-alikum'' e ''Akela''. Rashied Ali (vero nome Robert Patterson) e' stato uno dei batteristi prominenti nell'ambito del free jazz. Dopo aver suonato con Sonny Rollins nel 1963, entro' in contatto con il free jazz e collaboro' con Sunny Murray, Pharoah Sanders ed Albert Ayler, per poi far parte (al posto di Elvin Jones) della formazione di John Coltrane negli ultimi anni di vita del grande sassofonista, quando 'Trane stava entrando nel pieno della sua esplorazione delle possibilita' del free jazz; lo stile esplosivo ed irregolare di Ali si integrava bene con la volonta' di Coltrane di superare i confini del jazz. Dopo la morte di quest'ultimo, Ali continuo' a percorrere i sentieri del free jazz negli anni '70 ed in seguito si dedico' a progetti innovativi come il trio Purple Trap insieme al chitarrista giapponese Keiji Haino ed al bassista Bill Laswell alla fine degli anni '90.
Euro
20,00
codice 3026883
scheda
Alice alice
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1981  emi 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent cantautori
Copia ancora incellophanata, prima stampa italiana, copertina senza barcode nella versione laminata, completa di inner sleeve in carta ruvida con note e testi, etichetta crema con logo rosso a sinistra, trail off con data ''27/3/81'' sul lato A e "10-4-81" sul lato B, catalogo 3C06418543. Pubblicato in Italia nel 1981 prima di "Azimuth" e dopo "Capo nord" (ed uscito anche in Germania con il titolo "Per Elisa" e con copertina diversa, ed in Giappone, anche li' con copertina esclusiva), il quarto lp. Prodotto e realizzato da Angelo Carrara, registrato con Alberto Radius, Paolo Donnarumma, Walter Calloni, Flaviano Cuffari, Filippo Destrieri, Hugo Heredia, arrangiato da Franco Battiato e da Giusto Pio. Uno dei suoi lavori piu' celebri, quello che contiene la sempre magnifica ''Per Elisa'', il brano scritto per lei da Franco Battiato e Giusto pio con il quale trionfera' al festival di Sanremo. L' album vede la cantante, ormai splendidamente maturata da un punto di vista sia tecnico che espressivo, alle prese con brani che interpreta con una energia ed una potenza fino ad allora sconosciute, ma insieme con grande sensibilita', come in ''Non devi avere paura'' e ''Tramonto urbano'', e si segnala anche per tecniche di registrazione avanguardistiche per la musica italiana dell' epoca come in ''Una notte speciale'', che in Germania avra' un grandissimo successo, e che contrastano magnificamente con i raffinati arrangiamenti da camera di Battiatio e Pio. Contiene i seguenti brani: Per Elisa, A te, Non ti confondere, Una notte speciale, Non devi avere paura, Senza cornice , Momenti d'ozio, Tramonto urbano.
Euro
30,00
codice 249702
scheda
Alice azimut
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1982  EMI 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good cantautori
copia ancora incellophanata, ma con lieve piegatura in alto a destra della copertina, prima stampa italiana, copertina senza barcode, etichetta crema con logo rosso in basso, catalogo 3C 064-18596, trail off con data "29/7/82", copia corredata di inner sleeve con testi e foto. Pubblicato nel 1982 prima di "Falsi allarmi" e dopo "Alice". Il quinto album. Prodotto e realizzato da Angelo Carrara, registrato con Filippo Destrieri, Matteo Fasolino, Alfredo Golino, Franco Testa, Claudio Bazzari, Claudio Pascoli, Alberto Radius, Giorgio Baiocco, e con la collaborazione di Franco Battiato (con lo pseudonimo Albert Kui) in due brani, i celebri singoli ''Chanson egocentrique'' e ''Messaggio'', e con la scrittura e gli arrangiamenti di Eugenio Finardi in ''Laura degli specchi'' (Finardi contribuisce pero' anche agli arrangiamenti in "La Mano", vede anche le splendide prove autografe di ''Animali d' America'' e soprattutto ''A cosa pensano'', scritta con Francesco Messina. Contiene i seguenti brani: Azimut , A cosa pensano, Animale d'america, Deciditi , Messaggio , Principessa , Chan-son egocentrique , Laura degli specchi , La mano. Da Wikipedia: L'album conferma l'abilità e l'espressività stilistica di Alice in qualità di musicista e autrice, oltre che di cantante. I successi Messaggio (che in estate anticipò l'album con risultati straordinari) e Chan-son egocentrique, portano la firma di Franco Battiato. Chan-son egocentrique, secondo singolo estratto, è praticamente un duetto tra Battiato e Alice, e venne spesso proposta dal vivo, oltre che su disco. Tra le sue canzoni più originali e riuscite, A cosa pensano fu estratto come singolo per il mercato europeo e conobbe una discreta notorietà anche in Svizzera e Germania, dove Alice tornò ad esibirsi con successo in un secondo tour internazionale, che ne consolidò la popolarità.
Euro
15,00
codice 249701
scheda
Alizadeh saba I may never see you again (180 gr.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  30m 
world
Vinile da 180 grammi, copertina ruvida fronte retro, inserto con note, label sfumata azzurro / rosa, catalogo SMR003. Pubblicato nel luglio del 2021 dalla tedesca 30M, il secondo album, successivo a "Scattered memories" (2017). Alizadeh propone in questo lavoro nove brani, prevalentemente strumentali, nei quali le lunghe, sottilmente malinconiche, contemplative e fluttuanti note del suo strumento di elezione, il kamancheh, dal suono affine ad un violino o ad una viola, sono animate da una volontà di sintetizzare la tradizione musicale iranica con la musica concreta (attraverso suggestivi campionamenti di suoni naturali) e con caratteri decostruttivi che dilatano le note, rendono sparse, talora astratte e quasi spettrali le melodie, alimentandone però anche il lato lirico e spirituale e senza recidere i legami con le melodie del proprio paese di origine; i rari interventi vocali sono operati dall'ospite Spechtl, cantante dei Ja, Panik, che impiega un approccio vocale a sua volta decostruzionista ed astrattista. Saba Alizadeh, nato a Teheran nel 1983, è un compositore itaniano e virtuoso suonatore del kamancheh, tradizionale strumento a corde dell'area iranica, suonato con l'archetto. Figlio dell'acclamato Hossein Alizadeh, compositore e virtuoso del tar e del setar conosciuto a livello internazionale, Saba dopo lunghi studi è divenuto uno dei più stimati interpreti del kamancheh nel primo scorcio del XXI secolo, ma ha anche assorbito le influenze della musica sperimentale contemporanea, studiando con Mark Traule presso il California Institute of the Arts; queste influenze hanno portato Alizadeh ad operare una decostruzione della musica tradizionale persiana ed una sintesi con nuovi linguaggi e stili, armonizzando le melodie iraniche, la musica concreta e la sperimentazione elettronica. Pubblica il suo primo album "Scattered memories" nel 2017, seguito nel 2021 da "I may never see you again".
Euro
42,00
codice 3513675
scheda
Allan davie and the arrows the wild angels vol.2
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  tower / private 
rock 60-70
ristampa private press in vinile colorato, copertina lucida senza barcode pressoche' identica alla prima rara tiratura uscita nel 1967 su Tower in America, etichetta Tower arancione. Il secondo volume della storica colonna sonora del bikers film ("I Selvaggi", il titolo in italiano) con Nancy Sinatra e Peter Fonda, pubblicato dalla Tower dopo il successo del primo volume, opera in questo caso per intero di Davie Allan & the Arrows, passati alla storia per essere stati gli autori della celeberrima "Blue's Theme", tratta proprio dalla colonna sonora di questo "Wild Angels", che e' qui presente in una versione a cui e' stata aggiunta una parte vocale, rispetto alla versione strumentale del primo volume. Questa versione di "Blues Theme" costituisce il piatto forte dell' album, insieme con il brioso 60's pop di "Makin' Love Is Fun", che apre la seconda side e non e' strumentale come indicato sul retrocopertina, ma "vocale" come indicato sull' etichetta, e ai rimanenti brani, tutti strumentali, della seconda facciata, che esaltano il sono chitarristico di Davie Allan. Era proprio nelle colonne sonore strumentali che questi californiani di Hollywood erano specializzati, con la loro musica che attingeva dal surf strumentale piu' grezzo e dal garage. Pare che i componenti di questa formazione siano gli stesssi che realizzarono, sempre per la Tower, un album a nome Max Frost and the Troopers, oltre che suonare in "No Way Out" degli Chocolate Watchband. Tra questi il batterista Larry Brown, presto nei Moon.
Euro
16,00
codice 3026937
scheda
Allen tani and his tennessee pals Complete recordings
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1950  doghouse & bone 
blues rnr coun
Copertina senza codice a barre, catalogo DGR-TA-01, Pubblicata nel 2021 dalla Doghouse & Bone, questa antologia compila tutte le incisioni di Tani Allen con i suoi Tennessee Pals, tratte da vecchi 78 giri e 7" di inizio anni '50. Tani Allen (vero nome Ivan Vestal Allen) era un band leader e suonatore di steel guitar che aveva fondato a Memphis i suoi Tennessee Pals, all'alba degli anni '50, ed unì le forze con il paroliere e cantante Houston "Buck" Turner, originario di Chattanooga, Tennessee: insieme incisero dodici canzoni per la piccola Bullet Records di Nashville, fra l'aprile del 1950 ed il dicembre del 1951, di frizzante country music con la steel guitar in bella evidenza (Allen era influenzato da Herby Wallace ed amava la musica hawaiiana), attorno alla quale affiorano piacevoli ricami di pianoforte. Negli anni '60 Turner collaborò poi con i Dixieland Drifters, provenienti anch'essi da Chattanooga. Questa la scaletta: "Empty hands, empty heart (empty pockets)", "Fatty cake", "I don't want you now", "I'll still love you (after you've gone)", "I'm back in the army", "Just checkin' on you", "Little blue-eyed blond goodbye", "On our shotgun wedding day", "Rockin' chair boogie", "Suspicion boogie", "Tennessee jive", "When hillbilly willie met kitty from the city".
Euro
19,00
codice 3513737
scheda
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  world circuit 
soul funky disco
edizione in vinile 180 grammi, fascetta con presentazione del disco ripiegata attorno alla costola, inner sleeve. Pubblicato nel marzo del 2020, il notevolissimo album frutto della collaborazione tra due figure fondamentali nella storia della musica africana, Tony Allen, tra i creatori dell' Afro-Beat essendo stato imprescindibile batterista di Fela Kuti Africa 70 and Egypt 80, oltre che autore di una starordinaria discografia solista, purtroppo morto poche settimane dopo l' uscita di questo disco, e Hugh Masekela, forse il piu' importante jazzista africano, scomparso nel gennaio del 2018. L' album contiene le registrazioni effettuate nel 2010 ma non ultimate di un album che i due, legati da amicizia e stima di antica data, avevano a lungo progettato, ma che vede la luce solo ora, ultimato efficacemente con l' aggiunta di nuove incisioni, sotto la supervisione di Allen e del produttore Nick Gold. Il disco, diviso tra brani strumentali ed altri cantati, e' esattamente quello che ci si aspetterebbe, un incontro a meta' strada tra jazz ed afro-beat, fresco e vitale, pulsante di ottime vibrazioni e degno della storia di questi due mastodontici personaggi. Esponente di spicco della musica nigeriana, Tony Allen e' stato per molti anni, in qualita' di batterista degli Africa 70 di Fela Kuti, uno dei maggiori contributori allo sviluppo dello afrobeat, stile musicale in cui le influenze soul e funk provenienti dagli USA si fusero con le melodie ed i complessi ritmi della musica africana, prendendo piede principalmente nella Nigeria degli anni '70 e poi affermandosi a livello internazionale. Allen e' un musicista eclettico, che ha sperimentato le sue concezioni con stili etnici diversi come con il dub e lo hip hop. Il suo primo album come leader, "Jealousy", usci' nel 1975 e segno' l'inizio di una carriera solista che prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo. E' dello stesso anno il secondo "Progress", cui seguono "No accomodation for Lagos" (79), "No discrimination" (79), "Ariya" (98), "Black voices", "Homecooking" (02), "Every season" (02), "Lagos no shaking" (06) e "Secret agent" (09). Celebre musicista sudafricano, Hugh Masekela impara presto a suonare la tromba (la prima gliela regala un prete, lo stesso che gli regala anche la seconda, ma questa gli arriva indirettamente da Louis Armstrong). Dal bebop e dallo swing degli inizi passa attraverso l'orchestra del musical africano King Kong e poi nei Jazz Epistles con Dollar Brand (Abdullah Ibrahim), la prima formazione nera di jazz a registrare un lp in Sud Africa. Inoltre nel 1960 studia a Londra e poi va a New York, dove nel 1962 esce il suo primo disco, "Trumpet Africa". Poi, con il produttore Stewart Levine, arriva uno dei suoi singoli di successo, quella "Grazing in the grass" che nel 1968 sara' prima nella classifica americana per due settimane sopra "Jumping Jack Flash" dei Rolling Stones. Negli anni '70 Masekela si indirizza verso una musica piu' africaneggiante e incontra Fela Kuti e l'afrobeat; entra quinfi negli Hedzolleh Sound; in seguito conoscera' Miriam Makeba ed infine si dara' nettamente a dure canzoni di protesta.
Euro
30,00
codice 2103663
scheda
Allman betts band bless your heart (coke bottle clear vinyl)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2020  bmg 
rock 60-70
Doppio album, in vinile 180 grammi di colore chiaro, copertina apribile, label custom. Pubblicato nell' agosto del 2020 dalla BMG, dopo "Down To The River" del 2019, il secondo album della band formata dai figli di Gregg Allman e Dickey Betts, membri storici degli Allman Brothers. La Allman Betts Band è stata formata nel 2018 per celebrare il cinquantesimo anniversario della fondazione della storica band con cui ha forti legami, la Allman Brothers Band: il progetto nasce infatti per la volontà di Devon Allman (chitarra, voce), figlio di Gregg, e di Duane Betts (chitarra, voce), figlio di Dickey, due membri cardine della storica band di Southern rock inizialmente guidata dal compianto Duane Allman (scomparso in un incidente nel 1971). Accompagnati da Berry Oakley Jr. (basso, anche lui figlio di un altro membro storico degli Allman Brothers, Berry Oakley), Johnny Stachela (chitarra, voce), John Ginty (tastiere), R. Scott Bryan (percussioni, voce) e John Lum (batteria), gli Allman Betts Band non si limitano a suonare solo pezzi della storica formazione dei loro genitori, ma i due leader compongono anche nuovo materiale ed e' naturale arrivare, nel 2019, all' incisione di un album, "Down To The River", a cui segue nel 2020 questo secondo lavoro, sempre all' insegna dell' orgoglio per le radici musicali dei due, con una band che suona una musica lirica e potente al tempo stesso, con spazio a bei voli strumentali chitarristici, intrisa di blues, soul, country ma muscolare e decisamente rock, rimanendo insomma fedeli alla "tradizione" del Southern rock di cui i loro padri erano stati i principali artefici.
Euro
32,00
codice 2102951
scheda
Allman brothers band Eat a peach (180 g)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  mercury / universal 
rock 60-70
doppio album in vinile 180 grammi, ristampa del 2016, rimasterizzata, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura, corredata di inserto come la stampa originale. Il doppio album pubblicato dalla Capricorn in Usa nel febbraio del 1972 dopo ''At fillmore east'' e prima di ''Brothers and sisters'', giunto al numero 4 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk. il quarto album, il terzo in studio (sebbene in parte registrato dal vivo). Il doppio album pubblicato dalla Capricorn in Usa nel febbraio del 1972 dopo ''At fillmore east'' e prima di ''Brothers and sisters'', giunto al numero 4 delle classifiche Usa e non entrato in quelle Uk. Il quarto album, il terzo in studio (sebbene in parte registrato dal vivo). Pubblicato come tributo per la morte di Duane Allman, avvenuta in un incidente motociclistico il 29 Ottobre 1971, include brani registrati al Fillmore East non inclusi nel live di un anno prima e nuovi pezzi registrati in studio, tre con ancora Duane in formazione. Il lavoro si apre pon
Euro
33,00
codice 2103087
scheda
Alphataurus alphataurus (ltd. crystal vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1973  ams 
rock 60-70
Ristampa in edizione limitata, in vinile trasparente (pesante 180 grammi), copertina apribile in tre parti, pressoche' identica alla prima molto rara tiratura pubblicata in Italia nel 1973 su Magma. Gli Alphataurus furono uno dei migliori gruppi progressive Italiani degli anni '70, il loro stile e' simile agli Emerson, Lake and Palmer, Van der Graaf Generator o King Crimson del periodo 1969-1971, ma con una groove tipicamente mediterranea; musicalmente il disco vede partiture tra musica da camera, Jazz ed Heavy progressive, e la voce del cantante, Michele Bovaro, si puo' paragonare a quella di David Byron degli Uriah Heep per lo stile e la potenza, senza le caratterizzazioni heavy metal dell' Inglese. Dei 5 brani dell'album tre sono lunghi oltre 9 minuti, tra di esse spicca l' iniziale "Peccato d'orgoglio'', di oltre 11 minuti. Il gruppo fu vittima della poca visibilita' e dell'assenza di promozione e si sciolse durante le registrazioni del secondo album nel 1974, poi pubblicato postumo nel 1993 in CD con il titolo ''Dentro l'uragano''.
Euro
29,00
codice 3026933
scheda
Alt-j An awesome wave
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2012  infectious 
indie 2000
Copertina apribile senza codice a barre, inner sleeve con foto a colori e lista brani, adesivo sul cellophane, etichetta multicolorata sul lato A, bianca con scritte circolari nere e grigie sul B, Lp pubblicato dalla Infectiuos nel giugno 2012, dopo l'Ep "Matilda/Fizzpleausure", debutto full lenght per il quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul.
Euro
23,00
codice 2103664
scheda
Alt-j This is all yours
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2014  infectious music 
indie 2000
Vinili colorati 180 gr., copertina apribile con parti interne colorate, apribile senza codice a barre completa di coupon per il download digitale (adesivo si uno dei due inner sleeves), adesivo di presentazione sul cellophane, etichette custom colorate, doppio Lp pubblicato dalla Infectious Music nel settembre 2014, dopo "An awesome wave" (12), il secondo atteso album per la band inglese. Dopo il successo del primo disco, arriva dopo una gestazione non senza problemi, che ha visto l'abbandono del bassista Gwil Sainsbury per troppo stress, rimpiazzato da una soluzione interna (suonato sulla tastiera con la mano sinistra da Gus Unger Hamilton); l'album si colloca in una attitudine folk condita da ritmiche hip hop in un mood generalmente depresso: un mix impreziosito da intrecci vocali, spesso in falsetto, del cantante chitarrista Joe Newman, reverberi e rarefazioni, sorta di convergenza fra Radiohead, Sigur Ros, Hot Chips, Bon Iver e Fleet Foxes. Quartetto di Leeds, nato nel 2007 sui banchi dell'universita', prima con i monikers Daljit Dhaliwal e The Film, poi mutato in Alt-J, coinciso con il trasferimento a Cambridge. Le coordinate sonore si collocano fra sperimentazione e attitudine pop, in una miscela seducente e fresca, fra trip hop classico alla Portished o Tricky e folk tradizionale, vicino a ballate celtiche, con riferimenti ai Four Tet, Maccabees e Wild Beats. La critica specializzata ha etichettato il loro suono come 'folk step', un ibrido fra folk tradizionale, elettronica ed indie, con la voce narrante del cantante eccentrica e vagamente soul. "An awesome wave", album d'esordio del quartetto ora diventato trio, ha venduto oltre il milione di copie, ricevendo 6 nominations al Brit Awards, vincendo un Mercury Prize nel 2013.
Euro
28,00
codice 2102956
scheda

Page: 2 of 58


Pag.: oggetti: