Hai cercato:  dall'anno 60 all'anno 69 --- Titoli trovati: : 3317
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Battered ornaments mantle-piece
Lp [edizione] nuovo  stereo  aus  1969  survival research 
rock 60-70
Ristampa del 2022, copertina apribile senza barcode, pressoche' identica a quella della prima molto rara tiratura. Uscito in Inghilterra su Harvest nel novembre del 1969, il secondo ed ultimo album della band inglese di Chris Spedding, pubblicato dopo ''Pete Brown's Battered Ornaments'' all' indomani delle forzate ''dimissioni'' di Brown dal gruppo; il ruolo di leader viene assunto a titolo definitivo da Chris Spedding, che produce con la band questo album, considerato uno dei capolavori dell' undrground britannico. Lavoro non di facile ascolto, mix tra progressive, sperimentazione, Canterbury, rock, talvolta zappiano, non riscosse, naturalmente, a causa della sua natura estrema, alcun successo, se non il plauso della critica piu' avant garde. Dopo sopravvenne l'inevitabile scioglimento, con il resto del gruppo che formo' la People's Band (un raro e ricercato album su Ttransatlantic), e Spedding che inizio' una fortunata carriera solistica e di produzione.
Euro
20,00
codice 2114878
scheda
Battiato franco La torre / triste come me (first two jolly singles)
7"x2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  saar / btf / jolly 
cantautori
Edizione limitata, doppio 7'' con copertina apribile e senza codice a barre (presente sull'adesivo applicato sul retro). Pubblicato nel 2015 dalla Saar Records, questo doppio 7'' contiene i primi due assai rari singoli di Franco Battiato ad uscire su Jolly, nel lontano 1967; l' artwork originario e' riprodotto sui due pannelli esterni della copertina. ''La torre / Le reazioni'' e ''Triste come me / Il mondo va cosi''', entrambi usciti nel 1967, furono i primi due singoli di Battiato per la Jolly, successivi ai primissimi due 45 pubblicati dall'artista per la rivista Nuova Enigmistica Tacabile, usciti nel 1965 a nome Francesco Battiato e contenenti solo un brano ciascuno del cantante (entrambi cover fra l'altro, mentre sull'altra facciata c'e' un brano di un altro artista). Pertanto questi due singoli su Jolly si possono considerare i primi due propriamente di Battiato, qui in piena fase beat con la malinconia di ''Triste come me'' e ''La torre'', ma anche impegnato con pungenti osservazioni socio-politiche in ''Il mondo va cosi'', brano che presenta connotati di canzone di protesta e musicalmente ibrido fra jazz e beat; ''Le reazioni'' e' infine una canzone sentimentale con begli arrangiamenti di archi ed una bella chitarra elettrica beat leggermente inacidita.
Euro
31,00
codice 2125567
scheda
Battisti lucio Lucio battisti (1 album 1969)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  sony / rca 
cantautori
Ristampa del 2018, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura. Pubblicato in Italia dalla Ricordi nel marzo del 1969 prima di ''Emozioni''. Il primo album, registrato nel 1969 con l'orchestra di Gian Piero Reverberi e Mariano Detto, e con la partecipazione di musicisti come Demetrio Stratos, Maurizio Vandelli, Franz di Ciccio. Contiene dodici brani, tutti tranne uno frutto della gia' consolidata collaborazione compositiva tra Battisti e Mogol, tra cui una bellissima e delicata "29 settembre", dalle sonorita' acustiche, e "Nel cuore, nell'anima", gia' note nelle versioni degli Equipe 84, ed anche alcuni brani pubblicati da Battisti nei suoi primi singoli, come "Un'avventura", "Balla Linda" o ancora "Per una lira", quest' ultima qui pero' con un arrangiamento nuovo; interessante anche ''Non e' francesca'', che inizia come una scarna ballata acustica per poi fiorire in un arrangiamento orchestrale e rock dalle sottili sfumature psichedeliche. Questa la lista completa dei brani: Un' avventura, 29 settembre, La mia canzone per maria, Nel sole nel vento nel sorriso nel pianto, Uno in piu', Non e' francesca, Bella linda, Per una lira, Prigioniero del mondo, Io vivro', Nel cuore nell'anima, Il vento.
Euro
30,00
codice 3034046
scheda
Baxter les Hell's belles ost
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  sidewalk 
soundtracks
Copertina senza codice a barre. Ristampa dei primi anni 2000, pressoché identica alla molto rara prima tiratura. Originariamente pubblicata nel 1969 dalla Sidewalk negli USA, questa è la colonna sonora di "Hell's belles", film di genere sulle gangs motociclistiche diretto da Maury Dexter. Le musiche furono realizzate dal maestro dell'exotica Les Baxter e contengono il piccolo classico "Hot wind": questa volta Baxter realizza un set di brevi episodi, in buona parte strumentali, basati su uno sbarazzino mix di funk e pop soul, condito da onnipresenti arrangiamenti di ottoni e dall'occasionale chitarra fuzz, e sostenuto da un groove propulsivo e da "party". Questa la scaletta: "Wheels", "Hell's Belles", "Soul Groove", "Dan's Theme", "Hot Wind", "Take It From Me", "Chain Fight", "Travelin' Man", "Dan Again", "Hogin' Machine", "Scoobee Doo", "Goin' Home". Considerato uno dei padri dell'exotica, insieme a Martin Denny, il detroitiano Les Baxter (1922-1996) è stato un pioniere dell'uso del theremin, strumento entrato anche nell'universo rock, avendo realizzato con esso un influente album, ''Music out of the moon'', già nel 1948, lavoro che contribuì alla genesi dello space age pop; nel 1951 incise il suo album ''Ritual of the savage'', considerato uno dei più rilevanti lp di exotica, e collaborò come compositore, conduttore ed arrangiatore in alcune delle prime opere di Yma Sumac, come ''Voice of the xtabay'' (1950). Ha anche lavorato molto con le colonne sonore, componendone più di cento.
Euro
22,00
codice 2125758
scheda
Beach boys 1962 / 1965
LP2 [edizione] originale  stereo  fra  1962  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Doppio album, l' originale stampa, realizzata in esclusiva in Francia, copertina apribile laminata all' esterno ed all' interno, completa della scaletta dei brani applicata tramite etichetta incollata sul retro, label arancione con scritte verde/marrone lungo il bordo e nere al centro, logo Capitol verde/marrone in basso, marchio SACEM a sinistra, catalogo 2C.184.82291/2. Pubblicata nel 1976 dalla Capitol in Francia, questa antologia compila ben ventotto brani tratti dai primi dischi dei Beach Boys, usciti originariamente fra il 1962 ed il 1965. Era il periodo più puramente surf della storica band, che in quel periodo si proiettò ai vertici del movimento, ampliandone la popolarità presso un più vasto pubblico pop con un successo dietro l'altro, ma già con il terzo album "Surfer girl", inciso a metà del 1963, emerge chiaramente il genio compositivo e produttivo di Brian Wilson, ispirato anche dalle innovazioni di Phil Spector (il creatore del "wall of sound"), e capace di pennellare gioiellini pop che andavano ben oltre i confini della musica surf con brani come "In my room", "Surfer girl" e "Catch a wave" (quest'ultimo qui incluso), una crescita che si farà ancora più evidente e fruttuosa nel 1965, con dischi come "The Beach Boys today!" e "Summer days (and summer nights)" (quest'ultimo contenente la classicissima "California girls", curiosamente rimasta fuori da questa raccolta), che preluderanno al capolavoro "Pet sounds" del 1966, ma questo sarà un altro capitolo nella storia della band californiana. Questa la scaletta: "Surfin' Safari" (da "Surfin' safari", 10/62), "Little Girl (Miss America)" (da "Surfin' safari", 10/62), "409" (da "Surfin' safari", 10/62), "Summertime Blues" (da "Surfin' safari", 10/62), "Misirlou" (da "Surfin' U.S.A.", 3/63), "Shut Down" (da "Surfin' U.S.A.", 3/63), "Finders Keepers" (da "Surfin' U.S.A.", 3/63), "Catch A Wave" (da "Surfer girl", 9/63), "Little Deuce Coupe" (da "Surfer girl", 9/63), "Your Summer Dream" (da "Surfer girl", 9/63), "Car Crazy Cutie" (da "Little deuce coupe", 10/63), "Cherry Cherry Coupe" (da "Little deuce coupe", 10/63), "Spirit Of America" (da "Little deuce coupe", 10/63), "A Young Man Is Gone" (da "Little deuce coupe", 10/63), "Fun Fun Fun" (da "Shut down volume 2", 3/64), "Don't Worry Baby" (da "Shut down volume 2", 3/64), "Why Do Fools Fall In Love" (da "Shut down volume 2", 3/64), "Louie Louie" (da "Shut down volume 2", 3/64), "I Get Around" (da "All summer long", 7/64), "All Summer Long" (da "All summer long", 7/64), "Don't Back Down" (da "All summer long", 7/64), "Do You Wanna Dance" (da "The beach boys today!", 3/65), "Help Me Rhonda" (da "The beach boys today!", 3/65), "She Knows Me Too Well" (da "The beach boys today!", 3/65), "Amusement Park U.S.A." (da "Summer days (and summer nights)", 7/65), "Salt Lake City" (da "Summer days (and summer nights)", 7/65), "Girl Don't Tell Me" (da "Summer days (and summer nights)", 7/65), "Barbara Ann" (da "Beach boys' party", 11/65).
Euro
32,00
codice 335214
scheda
Beach boys 66/69
LP2 [edizione] originale  stereo  fra  1966  capitol 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Doppio album, l' originale stampa, realizzata in esclusiva in Francia, copertina (con giusto assai lievi segni di usura) apribile laminata all' esterno ed all' interno), copia distribuita negli Usa con adesivo di importazione sul fronte, e con scaletta dei brani applicata tramite etichetta incollata sul retro, label arancione con scritte verde/marrone lungo il bordo e nere al centro, logo Capitol verde/marrone in basso, logo SACEM a sinistra, catalogo 2C.184.82293/4. Pubblicata nel 1976 dalla Capitol in Francia, questa antologia compila ben ventotto brani tratti dalla discografia del 1966 / 1969 dei Beach Boys: furono anni cruciali per la band californiana, che passò dalla gloria del capolavoro "Pet sounds" (1966) al naufragio dell'ambizioso progetto "Smile" (1966/1967), e poi attraverso alcuni albums non del tutto compresi dalla stampa e dal pubblico all'epoca, lontani dalle tendenze dello acid rock e delle nuove correnti che presero il sopravvento nei tardi anni '60, con il gruppo quasi ostracizzato dai media ed abbandonato da una fetta consistente del pubblico giovanile, ma poi rivalutati a distanza di decenni, come "Smiley smile" (1967), che fu il tentativo di recuperare i cocci del progetto "Smile", il solare "Wild honey" (1967), con le sue venature r'n'b, il rilassato "Friends" (1968) ed il transitorio "20/20" (1969), inciso con Brian Wilson praticamente assente per problemi personali: opere magari non omogenee qualitativamente, ma che mostrano un gruppo in cerca di una propria strada senza necessariamente accodarsi alle mode del momento, e che a sprazzi testimoniano ancora il genio di brian Wilson. Questa la scaletta: "Pet Sounds", "Wouldn't It Be Nice", "I'm Waiting For The Day", "I Know There's An Answer", "Here Today", "Sloop John B.", "Caroline No" (brani tratti dall'album "Pet sounds", 5/66); "Good Vibrations", "Vegetables", "She's Going Bald", "Wind Chimes", "Getting Hungry", "Fall Breaks Back To Winter", "Whistle In" (brani tratti dall'album "Smiley smile", 9/67); "Wild Honey", "Aren't You Glad", "I Was Made To Love Her", "Country Air", "Here Comes The Night", "Let The Wind Blow", "How She Boogalooed It" (brani tratti dall'album "Wild honey", 12/67); "Friends", "Wake The World", "Be Here In The Morning", "When A Man Needs A Woman", "Little Bird", "Transcendental Meditation" (brani tratti dall'album "Friends", 6/68); "I Can Hear Music" (dall'album "20/20", 2/69).
Euro
28,00
codice 334955
scheda
Beach boys christmas album (ltd. green vinyl, rsd 2023)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1964  capitol / universal 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE VERDE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL BLACK FRIDAY RECORD STORE DAY DEL NOVEMBRE 2023, ristampa in mono, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato in Usa dalla Capitol nel novembre del 1964 dopo ''All summer long'' e prima di ''Concert '', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle inglesi, e' un lavoro atipico, che vede la band cimentarsi in brani di sapore natalizio con un' orchestra di 40 elementi. Essendo il gruppo, almeno in America, associato con l' estate e la California, vederli alle prese con il clima freddo e nevoso del Natale fece un certo effetto all'epoca, ma il genio assoluto di Brian Wilson fece si che anche questo lavoro dal tema bizzarro, fosse suonato, arrangiato e realizzato in maniera superba; le reinterpretazioni di "Frosty the Snowman" o "White Christmas" a fianco di materiale contemporaneo quale "The Man With All the Toys" o "Blue Christmas" rendono il disco una splendida trestimonianza della sua era, la primissima della musica rock.
Euro
36,00
codice 3033152
scheda
Beach boys party! uncovered and unplugged
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  capitol 
rock 60-70
adesivo di presentazione sul cellophane, vinile pesante, inner sleeve con foto e note, etichetta nera con fascia esterna arcobaleno, coupon con codice per il download digitale. Pubblicato in edizione vinilica per la prima volta nel marzo del 2016, questo album contiene gli stessi brani (nella medesima sequenza) dell' album "Party!" pubblicato negli Usa nel novembre del 1965, e giunto 6 delle classifiche americane ed al numero 3 di quelle inglesi (dove usci' nel febbraio del 1966), ma con le registrazioni "uncovered and unplugged", come recita il titolo, ovvero prive delle incisioni in studio che furono effettuate in occasione della pubblicazione originaria. Il risultato ci restituisce un disco deliziosamente superfluo ancora piu' piacevole e contagioso di come ricordassimo. Queste le note relative all' album originario: Lavoro stranissimo, registrato (giusto per assolvere all' impegno contrattuale con la Capitol che prevedeva un nuovo album entro la fine del 1965) live in studio in una atmosfera da party (appunto) assolutamente informale, vede l'inclusione di una cover di ''The times they're a changin'' stralunata come poche altre, della celeberrima ''Barbara ann'', oltre a vari brani dei Beach Boys riproposti per l' occasione ed ancora covers di brani degli anni '50. Fu, clamorosamente viste le circostanze di registrazione, un ennesimo successo per il gruppo. Tutti gli strumenti ad eccezione del basso, sono acustici, gli arrangiamenti infatti sono diversi e carichi di atmosfere informali e particolari. Un disco incredibile, diversissimo da come molti se lo immaginano e che merita assolutamente di essere riscoperto.
Euro
20,00
codice 2103475
scheda
Beach boys pet sounds (mono, 50th anniversary)
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1966  capitol 
rock 60-70
ristampa del 2016, realizzata in occasione del 50esimo anniversario dalla uscita originaria, in vinile 180 grammi e corredata di copupon con codice per il download digitale, che riprende il raro mix mono del disco, ed il catalogo T2458 della originaria stampa mono, copertina pressoche' identica alla prima tiratura del 1966. Pubblicato in USA il 16 Maggio 1966 prima di "Smiley Smile" e dopo "Beach Boys Party ". Giunto al numero 10 delle classifiche USA ed al numero 2 di quelle UK. L'undicesimo album. Registrato dal 12 Luglio 1965 alla fine dell'Aprile 1966. Generalmente considerato come il capolavoro dei Beach Boys ed uno dei piu' geniali albums degli anni '60, il gruppo raggiunge qui il proprio culmine creativo sia a livello di composizioni che nel lavoro di studio, utilizzando procedimenti innovativi che sovrappongono le tastiere ad orchestrazioni, in un clima assolutamente druggy e carico di misticismo che vedono un' onda indefinita costruita con chitarre effettate, campanelli di bicicletta, organi distorti, clavicembali, flauti, suoni casuali, abbaiare di cani, slide, percussioni fatte con latine di coca cola e quant' altro, i brani sono tra i piu' memorabili tra quelli scritti dal gruppo, in particolare eccezionali le melodie, ma anche i testi sono di gran lunga i loro piu' complessi e variegati, le voci di Brian e Carl Wilson sono qui tra le piu' ispirate e tecnicamente perfette della intera storia del rock, tra i brani che figurano in questo album "Wouldn't It Be Nice", "God Only Knows", "Caroline No", "Sloop John B", "You Still Believe in Me", "Don't Talk", "I Know There's an Answer", "I Just Wasn't Made for These Times". Passato alla storia come il trionfo del genio poliedrico di Brian Wilson piu' che come un album dei Beach Boys (la maggior parte dei brani sono in effetti suonati da session men e non dal gruppo), le melodie sono invece quelle classiche dei Beach Boys, anche se ora completamente trasfigurate, album che ebbe vendite piuttosto scarse in USA (il loro meno venduto in assoluto dal 1963), ma che ando' benissimo Inghilterra, diverra' una delle influenze piu' grandi per tutta la psychedelia che sboccera' nel 1967, specialmente per quella inglese, i Beatles, Donovan, i Kaleidoscope, devono moltissimo a queste sonorita'. Certamente uno degli albums piu' influenti e riusciti della storia della musica rock.
Euro
36,00
codice 2127733
scheda
Beach boys surfin' safari (+1 track)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1962  waxtime 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina esclusiva che utilizza uno scatto inedito dalle stesse sessions fotografiche della copertina originaria, e con una traccia aggiunta per l' occasione, "Luau" (retro altrimenti inedito del seminale primo singolo "Surfin' ", nel novembre del 1961, su etichetta Candix). Pubblicato dalla Capitol in Usa nel novembre del 1962 prima di "Surfin' U.S.A.", giunto al numero 32 delle classifiche Usa, non pubblicato all' epoca in Uk, il primo storico album. Registrato in un' era in cui il rock ancora non esisteva propriamente (il primo album dei Beatles e' del marzo del 1963) ed il formato LP non era certo quello di riferimento, contiene alcuni brani altamente innovativi e di eccezionale rilevanza storica, ''Surfin' Safari'' e "409", i piu' conosciuti, ma anche "Surfin' ", il loro primo singolo. L' album ha un suono molto piu' sporco e si direbbe ''garage'' dei successivi, la maggioranza dei brani e' gia' scritta da Brian Wilson, mentre si vocifera che durante le sessions diversi strumenti furono suonati da session men e non dai beach boys, ma in due degli episodi migliori, "The Shift" e lo strumentale "Moon Dawg," gia' si ascolta il surf rock piu' strutturato ed adrenalinico che trovera' compimento solo nel 1963 con "Surfin' U.S.A. ''. un album storico, dal suono potente e miracolosamente intatto nella sua freschezza oltre che una delle primissime e piu' influenti testimonianze della prima era della musica rock.
Euro
22,00
codice 2127932
scheda
Beach boys the vocals only pet sounds
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  private 
rock 60-70
copertina senza barcode, etichette custom fotografiche in bianco e nero; ristampa della pubblicazione private press uscita per la prima volta nel 2021, con copertina cambiata; questo album contiene le straordinarie tracce vocali del capolavoro del gruppo californiano, l' album "Pet Sounds" del 1966, gia' pubblicate in un box di quattro cd uscito nel 1997 per la Capitol, intitolato "The Pet Sounds Sessions", ma rimaste inedite in vinile. Per pochi dischi nella storia del rock, forse solo per questo, puo' avere senso un' operazione del genere; in quel disco le voci di Brian Wilson e compagni costituiscono una vera e propria orchestra, con le armonie vocali che raggiungono livelli di ricchezza ed accuratezza senza precedenti (e mai piu' eguagliati), ed anche le parti soliste rivelano una limpidezza ed una perfezione che lasciano a bocca aperta, tutto questo al servizio di composizioni di rara ispirazione, ma questa e' cosa nota, cosi' come il fatto che il disco che ne usci' fuori sia indubbiamente uno dei piu' belli ed importanti della storia del rock. Di seguito la descrizione relativa a quel disco: Giunto al numero 10 delle classifiche Usa ed al numero 2 di quelle UK, l' undicesimo album. Registrato dal 12 Luglio 1965 alla fine dell'Aprile 1966. Generalmente considerato come il capolavoro dei Beach Boys ed uno dei piu' geniali albums degli anni '60, il gruppo raggiunge qui il proprio culmine creativo sia a livello di composizioni che nel lavoro di studio, utilizzando procedimenti innovativi che sovrappongono le tastiere ad orchestrazioni, in un clima assolutamente druggy e carico di misticismo che vedono un' onda indefinita costruita con chitarre effettate, campanelli di bicicletta, organi distorti, clavicembali, flauti, suoni casuali, abbaiare di cani, slide, percussioni fatte con latine di coca cola e quant' altro, i brani sono tra i piu' memorabili tra quelli scritti dal gruppo, in particolare eccezionali le melodie, ma anche i testi sono di gran lunga i loro piu' complessi e variegati, le voci di Brian e Carl Wilson sono qui tra le piu' ispirate e tecnicamente perfette della intera storia del rock, tra i brani che figurano in questo album "Wouldn't It Be Nice", "God Only Knows", "Caroline No", "Sloop John B", "You Still Believe in Me", "Don't Talk", "I Know There's an Answer", "I Just Wasn't Made for These Times". Passato alla storia come il trionfo del genio poliedrico di Brian Wilson piu' che come un album dei Beach Boys (la maggior parte dei brani sono in effetti suonati da session men e non dal gruppo), le melodie sono invece quelle classiche dei Beach Boys, anche se ora completamente trasfigurate, album che ebbe vendite piuttosto scarse in USA (il loro meno venduto in assoluto dal 1963), ma che ando' benissimo Inghilterra, diverra' una delle influenze piu' grandi per tutta la psychedelia che sboccera' nel 1967, specialmente per quella inglese, i Beatles, Donovan, i Kaleidoscope, devono moltissimo a queste sonorita'. Certamente uno degli albums piu' influenti e riusciti della storia della musica rock.
Euro
22,00
codice 3032768
scheda
Beacon street union eyes of beacon street union
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1968  mgm 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima rara stampa americana, versione con etichetta blu e oro a spirale, con "MGM-a division of Metro Goldwin Mayer, Inc." in basso, ritenuta erronemente da alcuni successiva a quella con etichetta nera, ma che invece caratterizza tutte le copie pressate negli stabilimenti MGM Record Manufacturing Division di Bloomfield, New Jersey; copertina apribile e cartonata, catalogo SE4517, una "S" stilizzata sui due lati del trail off (che contraddistingue le copie pressate negli stabilimenti di Bloomfield, copia ancora corredata della originaria busta interna della Mgm con pubblicita' di altri albums dell' etichetta. Pubblicato in Usa nel luglio del 1968 prima di ''The clown that died in marvin's gardens''. Il primo album. Certamente uno dei capolavori assoluti del "Bosstown Sound", e' un assoluto masterpiece della psichedelia americana, con bani che prevedono un mix di acid rock, blues, psichedelico, ballate sognanti, assolutamente originale e interessantissimo. Esponenti principali del cosiddetto "Bosstown Sound" assieme agli Ultimate Spinach, sempre di Boston, pubblicarono due albums di psichedelia ora acida ora orchestrale, con evidenti influenze inglesi. Tre di loro, fallito commercialmente il progetto, parteciparono alle registrazioni pubblicate a nome Eagle dalla Janus nel '70.
Euro
80,00
codice 257393
scheda
Beat 4 Habia una vez
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  shadoks 
rock 60-70
Ristampa del 2012 limitata a 500 copie numerate nella parte interna della copertina vicino al lato di apertura, vinile da 180 grammi, copertina cartonata e lucida, senza barcode, pressoche' identica alla rara prima tiratura, inserto in note storiche, testi e foto. Originariamente pubblicato dalla RCA in Cile nel 1968, dopo ''Juegos prohibidos'' (1967), il quarto ed ultimo album (realizzarono in seguito una colonna sonora per l'opera teatrale d'avanguardia ''El degeneresis'', ma non e' considerata come un vero e proprio album del gruppo). Il disco e' considerato un significativo passo avanti dal punto di vista della maturazione artistica dei Beat 4, che beneficiarono di una maggiore autonomia concessa dalla loro casa discografica. Il risultato e' un disco dal suono piu' personale che in passato, e qui caratterizzato da un intreccio fra vibrante garage beat con buone dosi di fuzz, e slanci piu' lirici e semiacustici che li avvicinano al folk rock, sempre pero' con l'orecchio teso al beat; ''Habia una vez'' puo' essere accostato a dischi coevi come ''Los york's '68'' dei Los York's e ''Kaleidoscope men'' dei Los Mac's. I Beat 4 furono uno dei piu' popolari gruppi rock cileni degli anni '60, e sono ricordati come il primo gruppo del proprio paese a suonare pezzi rock con testi in lingua spagnola. Erano un quartetto di Santiago, e realizzarono negli anni '60 quattro album, fra pop, garage e beat.
Euro
45,00
codice 3505443
scheda
Beat 4 Juegos prohibidos
Lp [edizione] nuovo  stereo  cl  1967  ues / rca victor / m&e 
rock 60-70
Ristampa del 2023 ad opera della UES / RCA Victor / M&E, rimasterizzata e pressoché identica alla rarissima prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1967 dalla UES / RCA Victor in Cile, il secondo album, successivo a "Boots a go go" (1967) e precedente "Habia una vez" (1968). Un disco importante per la crescita della musica pop cilena, "Juefos prohibidos" vede i Beat 4 elaborare uno stile più personale ed un buon numero di canzoni di propria scrittura (leggermente in maggioranza in scaletta): il gruppo canta in spagnolo e suona un'interessante ibrido fra beat in salsa latino americana e timide ma deliziose aperture psichedeliche. La musica rimane melodica ed accessibile, le splendide armonie vocali avvolgenti e sognanti, ma l'atmosfera è percorsa da una vena stralunata; le influenze anglosassoni, pur evidenti, sono armonizzate con un approccio che non è più meramente derivativo. I Beat 4 furono uno dei piu' popolari gruppi rock cileni degli anni '60, e sono ricordati come il primo gruppo del proprio paese a suonare pezzi rock con testi in lingua spagnola. Erano un quartetto di Santiago, e realizzarono negli anni '60 tre album, fra pop, garage e beat, e nel 1971 una colonna sonora per l'opera teatrale d'avanguardia ''El degeneresis'', che non e' considerata come un vero e proprio album del gruppo.
Euro
33,00
codice 3515173
scheda
Beatles 1963: London to manchester
Lp [edizione] nuovo  mono  uk  1963  1960s 
rock 60-70
Copertina flipback su due lati e senza codice a barre, catalogo R&B125. Pubblicato nel 2023 dalla 1960s, questo album contiene le registrazioni dal vivo effettuate per trasmissioni britanniche nel tardo 1963. In quel periodo i Beatles avevano dato il concerto al London Palladium del 13 ottobre del 1963, uno degli eventi che fecero esplodere la Beatlemania a livello nazionale; durante il 1963 la scaletta dei loro shows, che inizialmente consisteva in buona parte da covers di artisti contemporanei americani, si concentrò sempre più sulle proprie nuove canzoni, che la coppia Lennon-McCartney stava prendendo a sfornare con sempre maggiore efficacia. Laddove, in concerti come quello dello Star Club di Amburgo nel dicembre 1962, la band proponeva solo un paio di propri pezzi come "I saw her standing there" ed "Ask me why", verso metà dell'anno successivo le proprie composizioni in scaletta erano raddoppiate, per poi aumentare sul finire del 1963. Qui di seguito la scaletta. SIDE 1: 01. She Loves You 02. Twist And Shout 03. I Saw Her Standing There 04. Long Tall Sally 05. She Loves You 06. Twist And Shout 07. Money 08. Twist And Shout 09. Newsreel (Fragments) 10. Roll Over Beethoven 11. Some Other Guy; SIDE 2: 01. From Me To You 02. She Loves You 03. Twist And Shout 04. Newsreel (Fragments) 05. From Me To You 06. All My Loving 07. She Loves You 08. From Me To You 09. She Loves You 10. Twist And Shout.
Euro
27,00
codice 3515531
scheda
Beatles a collection of beatles oldies
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1966  Parlophone 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
rima assai rara stampa inglese in Stereo, con copertina nella versione pressata da Ernest J. Day & Co che presenta l' indicazione "Stereo" sul fronte in alto a destra all' interno del dipinto e non sulla cornice bianca (tutte le copertine pressate in questo stabilimento hanno questa caratteristica), laminata sul fronte, flipback su tre lati sul retro, etichetta "Parlophone Yellow Black", nera con scritte argento e logo giallo, con scritta lungo la circonferenza che inizia con ''The Gramophone Co. Ltd'' e CON '' Sold in the uk subject to resale price conditions see price lists'', nella primissima variazione conosciuta relativamente a questo disco, con caratteri in stile "Times New Roman" (e non "Sans Serif"), con l' indicazione "Stereo" in alto a destra piu' larga che successivamente (corrisponde grossomodo in larghezza alle lettere "ONE" di "Parlophone" e con il prefisso PCS non seguito da un puntino prima del catalogo 7016, trail off matrix: "YEX619 1G" e "YEX620 1G". Pubblicato in Inghilterra nel dicembre del 1966, dopo ''Revolver'' e prima di ''Sgt pepper's..'', giunto al numero 7 delle classifiche inglesi e non pubblicato in Usa. Confezionato con una copertina sullo stile delle borse di plastica di carnaby street, contiene brani dal 1963 al 1966, per la maggior parte tratti da singoli e non pubblicati su albums oltre all' inedito assoluto ''bad boy'', pubblicato durante il natale del 1966, mentre il gruppo iniziava a lavorare su cio' che sarebe divenuto '' Sgt. Pepper's Lonely Heart's Club Band'', l'unica cosa ''nuova'' che i Beatles avevano da offrire era l'annuale e consueto l Christmas record riservato ai fan clubs, Revolver era uscito nella prima settimana di agosto, e la EMI voleva qualcosa da offrire agli ascoltatori, per questo motivo fu pubblicata questa collezione di 16 registrazioni , creando il primo "Beatles Greatest Hits" di tutti i tempi. anche se moltissimi sono i singoli che non vennero inclusi in questo lp, per esempio, "Please Please Me" e "Love Me Do," al posto dei quali figurano "Yesterday" e "Michelle" che invece non uscirono su 45 in U.K., viceversa, molti sono i brani che per la prima volta figurano su un lp inglese, non solo la cover di Larry Williams "Bad Boy" ( era stata publicata solo su Beatles VI in America nel 1965). tra le stampe stereo e mono vi sono poche differenze, la piu' rimarchevole una versione elettronicamente trasformata in stereo di "She Loves You", la foto sul retro ritrae il gruppo nel 1966. L' uscita di questo lp chiude definitivamente un epoca, infatti, i primi pezzi nuovi dei beatles giungeranno sul mercato sotto forma di un 45 nel febbraio del 1967 e saranno "Strawberry Fields Forever / Penny Lane". ecco la lista dei brani e le reletive note- she loves you ( singolo dell' agosto 1963 ), from me to you ( singolo dell' aprile 1963 ), we can work it out ( singolo del dicembre 1965 ), help ( singolo del luglio 1965 ), michelle ( brano da ''rubber soul'' ), yesterday ( singolo del settembre 1965 ), i feel fine ( singolo del novembre 1964 ), yellow submarine ( singolo dell' agosto 1966 ), can't buy me love ( singolo del marzo 1964 ), bad boy ( inedito in uk pubblicato su beatles 6 in usa nel luglio 1965 ) day tripper ( singolo del dicembre 1965 ), a hard day's night ( singolo del luglio 1964 ), ticket to ride ( singolo dell' aprile 1965 ), paperback writer ( singolo del luglio 1966 ), elenor rigby ( singolo dell' agosto 1966 ), i want to hold your hand ( singolo del novembre 1963 ).
Euro
140,00
codice 256666
scheda
Beatles A hard day's night
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1964  emi / parlophone 
rock 60-70
ristampa del 2012 rimasterizzata, in vinile 180 grammi, copertina senza barcode, pressocche' identica alla prima rara tiratura uscita in Inghilterra su Parlophone. Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
36,00
codice 2128344
scheda
Beatles A hard day's night
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  Parlophone 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima assai rara stampa inglese in mono, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro con scritta ''mono'' in nero sulla copertina di media grandezza (circa 4 cm) e completamente nera e non "outline", nella versione stampata da Garrod & Lofthouse" (contemporaneamente anche negli stabilimenti di "Ernest J. Day & Co" furono stampate le copertine di questo disco), etichetta "Parlophone yellow black", nera con logo giallo, con ''Recording first published 1964'' a sinsitra, scritta lungo la circonferenza che inizia con ''The Parlophone co'', CON ''Sold in Uk subject to resale" sopra il foro centrale, scritte sull' etichetta nella primissima versione con stile "chubby", ovvero un grassetto molto pieno e tondeggiante, trail- off matrix "XEX 481 - 3N" sul lato A e "XEX 482 - 3N" sul lato B. Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
250,00
codice 110387
scheda
Beatles A hard day's night
Lp [edizione] originale  mono  uk  1964  parlophone 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima assai rara stampa inglese in mono, copertina laminata sul fronte e flipback su tre lati sul retro con scritta ''mono'' in nero sulla copertina di media grandezza (circa 4 cm) e completamente nera e non "outline", nella versione stampata da Garrod & Lofthouse" (contemporaneamente anche negli stabilimenti di "Ernest J. Day & Co" furono stampate le copertine di questo disco), etichetta "Parlophone yellow black", nera con logo giallo, con ''Recording first published 1964'' a sinsitra, scritta lungo la circonferenza che inizia con ''The Parlophone co'', CON ''Sold in Uk subject to resale sopra il foro centrale, scritte sull' etichetta in caratteri "sans serif", nella versione con sulla facciata A l' "1" che precede il primo brano pressocche' in corrispondenza della "s" finale di "Songs..", trail- off matrix "XEX 481 - 3N" sul lato A e "XEX 482 - 3N" sul lato B. Pubblicato in Inghilterra il 10 luglio del 1964 dopo ''With The Beatles'' e prima di ''Beatles For Sale'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane. Il terzo album. prodotto da George Martin, e' la colonna sonora del primo film dei Beatles, diretto da Richard Lester, ma A Hard Day's Night non e' solo questo, tutti i brani sono originali di Lennon-McCartney ed e' il primo lavoro che vede i Beatles riunire tutte le disparate influenze che avevano caratterizzato i primi due albums in un suono originale e mai ascoltato prima, a base di chitarre elettriche squillanti e melodie che parevano provenire da un altro pianeta. E' da qui, dalla pubblicazione di A Hard Day's Night, che il gruppo diviene per la prima volta un vero mito, consacrato dalla piena e globale Beatlemania. A distanza di oltre 40 (quaranta!) anni, il disco e' ancora un' indiscutibile delizia per le orecchie, con una freschezza un' energia ed una quantita' di invenzioni che francamente non trovano paragoni, almeno nel 1964, il suono del disco e' eccitante e vitale, e le composizioni di Lennon e McCartney sono oramai un' altra cosa dallo splendido Merseybeat del 1963, il disco contiene episodi quali "Can't Buy Me Love" o "Any Time at All", "If I Fell", il proto folk-rock di "I'll Cry Instead", la magnifica ''And I Love Her'', "I Shouldn' t Have Know Better'', ''Can't Buy Me Love'', "A Hard Day' s Night'', "Things We Said Today'', solo per citarne alcune, e' qusto il testamento emozionale della collaborazione compositiva tra Lennon e McCartney, che di li' a poco inizieranno a scrivere separatamente anche se i brani continueranno ad essere pubblicati sotto la sigla di coppia, vi e' solo un brano cantato da George, "I'm Happy Just to Dance With You", che pero' contribuisce in maniera determinante al disco con il suono della rickembacker a 12 corde elettrica appena acquistata, e non ve ne e' nessuno con la voce di Ringo, che pero' fu il piu' appaludito come attore. Molto piu' della musica per un film, quindi, e forse e' proprio questo il vero vertice artistico della prima fase della loro carriera, qui ancora lontana dagli ''studio years'' che li consacreranno come una delle icone assolute del secolo passato.
Euro
230,00
codice 231098
scheda
Beatles a hard day's night / things we said today (20th Anniversary Picture Disc)
7" [edizione] ristampa  mono  eu  1964  parlophone 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", rara ristampa inglese del 1984, in vinile picture disc, custodita nell' originaria busta esterna plastificata, realizzata in occasione del 20esimo anniversario dall' uscita originaria del disco, foro al centro piccolo, catalogo RP5160. Pubblicato in Inghilterra nel luglio del 1964, giunto al primo posto delle classifiche inglesi ed americane (ma in USa fu pubblicato con b-side diversa), il celebre singolo con la memorabile facciata A, scritta essenzialmente da John Lennon, e sul retro "Things We Said Today", composta da Paul McCartney. Entrambi i brani sarebbero presto stati inclusi nell' album "A Hard Day's Night".
Euro
30,00
codice 259724
scheda
Beatles Aiuto! (Help!)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  parlophon / private 
rock 60-70
Ristampa private press della ricercatissima esclusiva versione italiana dell' album "Help!" con copertina esclusiva ed apribile, e titolo tradotto in italiano, copertina apribile lucida, senza barcode, etichetta nera e grigia con logo Parlophon e non Parlophone. Pubblicato in Inghilterra nel Luglio del 1965 dopo ''Beatles For Sale'' e prima di ''Rubber Soul'', giunto al numero 1 delle classifiche inglesi ed al numero 1 di quelle americane dove fu pubblicato (con sia la copertina che alcuni brani diversi) nell' Agosto del 1965; il quinto album dei Beatles nonche' la colonna sonora del loro secondo film, l'ultimo album del primo periodo, costruito come i precedenti su di un mix di composizioni originali affiancati a riletture di brani ''rock and roll'', ma anche in questo caso, vedi "Act Naturally" e "Dizzy Miss Lizzy", l'una cantata da Ringo e l'altra da John, appare evidente come lo stile del gruppo si stia trasformando e allontanandosi dai modelli originali, in "You've Got to Hide Your Love Away" ed in ''Help !'' si colgono immediatamente le prime avvisaglie del periodo successivo, che iniziera' con ''Rubber Soul'', e chiaramente vi si avvertono le influenze di Dylan nei testi e dei Byrds nei suoni delle 12 corde elettriche, vedi "Ticket to Ride". "You're Going to Lose That Girl", "The Night Before", "Another Girl", "I've Just Seen a Face" e "Yesterday", sono testimonianze di un suono che stava maturando e che oramai iniziava a mostrare sfaccettature di grande complessita', con arrangiamenti e suoni innovativi e raffinatissimi che sbocceranno nel Rubber Soul. Anche George Harrison con ''I Need You'' e '' You Like Me Too Much'', da' qui il suo contributo facendo presagire immediatamente gli sviluppi delle sue composizioni future. Un album di importanza eccezionale che rappresenta lo spartiacque tra il primo periodo dei Beatles e della musica inglese in genere (gli anni che vanno dal 1963 al 1965, quelli della ''beatlemania'') che si concludera' proprio in questo 1965, e quello della sperimentazione in studio che inizia nel 1966, ''Help!'' ne coglie entrambi i lati, ma la sua vera peculiarita' va ricercata comunque piu' che nelle composizioni, peraltro eccezionali, negli arrangiamenti e nelle sonorita' che dimostrano come il gruppo sia stato stimolato dalla ventata americana di Dylan e dei primi Byrds e la stia rieleborando in una maniera completamente originale e totalmente inaspettata.
Euro
19,00
codice 3034569
scheda
Beatles all you need is love / baby you're a rich man (20th Anniversary Picture Disc)
7" [edizione] ristampa  stereo  uk  1967  parlophone 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", rara ristampa inglese del 1987, in vinile picture disc, custodita nell' originaria busta esterna plastificata, realizzata in occasione del 20esimo anniversario dall' uscita originaria del disco, foro al centro piccolo, catalogo RP5620. Pubblicato nel luglio del 1967 in Inghilterra ed in America, e giunto al primo posto delle classifiche di entrambi i paesi, l' imprescindibile con l' inno di John Lennon "All You Need Is Love" sul lato A e sul retro "Baby, You're a Rich Man"; entrambi i brani, all' epoca inediti, saranno inclusi nell' album americano "Magical Mistery Tour", nel novembre dello stesso anno, rimanendo inediti invece su album in Uk.
Euro
25,00
codice 259716
scheda
Beatles all you need is love / baby you're a rich man (italian sleeve!)
7" [edizione] ristampa  mono  eu  1967  odeon / universal 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", ristampa del novembre 2019, rimasterizzata, tratta dal box di 23 singoli "Singles Collection", corredata di copertina senza barcode che riproduce quella dell' originaria rara versione tedesca del singolo, etichetta verde con logo bianco in alto, foro al centro piccolo. Pubblicato nel luglio del 1967 in Inghilterra ed in America, e giunto al primo posto delle classifiche di entrambi i paesi, l' imprescindibile con l' inno di John Lennon "All You Need Is Love" sul lato A e sul retro "Baby, You're a Rich Man"; entrambi i brani, all' epoca inediti, saranno inclusi nell' album americano "Magical Mistery Tour", nel novembre dello stesso anno, rimanendo inediti invece su album in Uk.
Euro
12,00
codice 254667
scheda
Beatles ballad of john and yoko / old brown shoe (20th Anniversary Picture Disc)
7" [edizione] ristampa  stereo  eu  1969  parlophone 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", rara ristampa inglese del 1989, in vinile picture disc, custodita nell' originaria busta esterna plastificata, e corredata del raro inserto con barcode che sul retro elenca le uscite legate alla serie "20th Anniversary Picture Discs", realizzata in occasione del 20esimo anniversario dall' uscita originaria del disco, foro al centro piccolo, catalogo RP5786 (presente anche sull' inserto). Pubblicato nel maggio del 1969, giunto al numero 1 delle classifiche in Uk ed al nono posto in quelle americane, il singolo contiene due brani che verranno inclusi quasi un anno dopo nella raccolta "Hey Jude": "Ballad of John and Yoko", composta da John Lennon (anche se come sempre accreditata a Lennon-McCartney), e suonata da Lennon e Paul McCartney (qui anche alla batteria) senza George Harrison e Ringo Starr, ed "Old Brown Shoe", composta invece da Harrison.
Euro
30,00
codice 259743
scheda
Beatles ballad of john and yoko / old brown shoe (20th Anniversary Picture Disc)
7" [edizione] ristampa  stereo  eu  1969  parlophone 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", rara ristampa inglese del 1989, in vinile picture disc, custodita nell' originaria busta esterna plastificata, realizzata in occasione del 20esimo anniversario dall' uscita originaria del disco, foro al centro piccolo, catalogo RP5786. Pubblicato nel maggio del 1969, giunto al numero 1 delle classifiche in Uk ed al nono posto in quelle americane, il singolo contiene due brani che verranno inclusi quasi un anno dopo nella raccolta "Hey Jude": "Ballad of John and Yoko", composta da John Lennon (anche se come sempre accreditata a Lennon-McCartney), e suonata da Lennon e Paul McCartney (qui anche alla batteria) senza George Harrison e Ringo Starr, ed "Old Brown Shoe", composta invece da Harrison.
Euro
25,00
codice 259718
scheda

Page: 16 of 133


Pag.: oggetti: