Hai cercato:  dall'anno 90 all'anno 99 --- Titoli trovati: : 3693
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Woody peakers Going all the way
7" ep [edizione] originale  stereo  ost  1990  peak 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa, copertina in cartoncino sottile semilucido e senza barcode, con ''made in Austria'' sul retro, label bianca con scritte nere stilizzate, catalogo WP02120, foro centrale largo. Pubblicato nel 1990 su Peak Records, l'ep finale di questo gruppo triestino/pordenonese formatosi nel 1986, con all'attivo anche un 7'' d'esordio uscito nel 1986 ed un eponimo album del 1988, pieno zeppo di cover di classici garage e beat come ''Blackout of gretely'', ''Route 66'' e ''Message to pretty''. I Woody Peakers suonano con un approccio fermamente sixties, ma anche con un'attitudine aggressiva che dai confini del beat duro rasenta il punk in alcuni episodi. Si congedano discograficamente con questi quattro brani inediti su album, due originali e due cover: ''I need'', ''I believe'' (dei Remains), ''Going all the way'' (degli Squires) e ''Yeppa yeppa'', garage beat incalzante ed assolutamente ligio al sixties sound (con echi di gruppi come Gonn e ? & The Mysterians), con lo splendido organo di Ugly in evidenza in particolare nell'ultimo pezzo.
Euro
35,00
codice 323773
scheda
Wool (scream) little darlin / medication
7" [edizione] originale  stereo  usa  1992  fuck you records 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Singolo in formato 7", l' originale stampa americana, copertina (con moderati segni di invecchiamento) ripiegata attorno al disco, senza barcode, etichetta nera ed argento da un lato e blu con scritte e logo neri dall' altro, foro al centro piccolo, catalogo FU-1. Pubblicato nel 1992, contiene sul lato A l' altrimenti inedita "Little Darling", serrato episodio dove il mix di melodia e rumore della band mantiene i legami con il passato hardcore dei suoi artefici, e sul retro "Medication", presente anche nel primo album "Budspawn" uscito nello stesso 1992, molto piu' "grungy". I Wool si formano nei primi novanta nella capitale statunitense dai fratelli Peter e Franz Sthal, che per colmare le partenze del bassista Skeeter Thompson verso gli Awol e del batterista Dave Grohl verso i Nirvana, reclutano Peter Moffet (Goverment) alla batteria e Al Bloch, fratello di Kurt dei Fastbacks, al basso. Si Trasferiscono nella costa occidentale, a Los Angeles, ed ottengono un contratto con la External records; escono gli albu
Euro
5,00
codice 246062
scheda
Working week positive
12 [edizione] originale  stereo  uk  1991  ten 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
tre brani,due remix,dalla pop wave band inglese.
Euro
9,00
codice 20915
scheda
World of twist Blackpool tower suite
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1990  circa 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
ep in formato 12", l' originale stampa inglese, completa di inner sleeve in cartoncino, etichetta bianca, oro/marroncino e rossa, catalogo YRTX55. Pubblicato nel novembre del 1990 dalla Circa in Gran Bretagna, dove giunse al 42esimo posto in classifica, questo 12'' e' la prima pubblicazione degli World Of Twist, uscito prima del 12'' ''Sons of the stage'' (1991). Il gruppo di Manchester propone qui un melodico dance pop dal sapore baggy, con derive psichedeliche ed anche progressive nella lunga suite che da' il titolo al disco, che induce ad accostamenti con Happy Mondays e Stone Roses, provenienti dalla stessa scena. Ritmiche fra pop ed house sono particolarmente evidenti in ''The Storm', su cui si innesta una chitarra liquefatta e psichedelica', mentre la cover di ''She's a rainbow'' dei Rolling Stones e' prodotta da Martin Hannett. L'ep contiene tre brani, ''Blackpool tower suite'' e ''She's a rainbow'', inedite su lp, e ''The storm'', poi inserita nell'album d'esordio. Gli World Of Twist si formano a Manchester nel 1989; la loro musica, che mescola pop, psichedelia ed house, viene inserita nella scena baggy che stava allora salendo alla ribalta in Gran Bretagna. Sulla scia della popolarita' di gruppi come Stone Roses ed Happy Mondays il gruppo si imbarca in tour di successo nel 1991, anno in cui esce il primo album ''Quality street''. L'album, come i singoli precedenti, entra in classifica ma non riesce ad entrare nella top 40, mentre il cantante Tony Ogden soffre di un esaurimento nervoso e decide di lasciare il gruppo; successive tensioni interne portano gli World Of Twist allo scioglimento nel 1992 ed il chitarrista Gordon King forma gli Earl Brutus insieme al percussionista Nicholas Sanderson. La successiva affermazione di gruppi come St. Etienne ed Air riaccende l'interesse per i lavori del gruppo, che resta limitato allo status di cult band.
Euro
10,00
codice 257147
scheda
World of twist Sons of the stage (picture disc)
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1991  circa 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good indie 90
picture disc, Pubblicato nel marzo del 1991 dalla Circa in Gran Bretagna, dove giunse al 47ø posto in classifica, non uscito negli USA, questo e' il secondo 12'' degli World Of Twist, uscito dopo il primo ''The Storm'' (1990) e prima dell'album d'esordio ''Quality street'' (1991). Contiene tre brani, ''Sons of the stage'', in due versioni, una delle quali inedita su lp, e ''Life and death (remix)'', inedita su lp; tipiche sonorita' baggy, in cui si incontrano psichedelia, pop ed elettronica, non lontane da Stone Roses e Happy Mondays. Gli World Of Twist si formano a Manchester nel 1989; la loro musica, che mescola pop, psichedelia ed house, viene inserita nella scena baggy che stava allora salendo alla ribalta in Gran Bretagna. Sulla scia della popolarita' di gruppi come Stone Roses ed Happy Mondays il gruppo si imbarca in tour di successo nel 1991, anno in cui esce il primo album ''Quality street''. L'album, come i singoli precedenti, entra in classifica ma non riesce ad entrare nella top 40, mentre il cantante Tony Ogden soffre di un esaurimento nervoso e decide di lasciare il gruppo; successive tensioni interne portano gli World Of Twist allo scioglimento nel 1992 ed il chitarrista Gordon King forma gli Earl Brutus insieme al percussionista Nicholas Sanderson. La successiva affermazione di gruppi come St. Etienne ed Air riaccende l'interesse per i lavori del gruppo, che resta limitato allo status di cult band.
Euro
15,00
codice 105425
scheda
World of twist Sons of the stage (picture disc)
12'' [edizione] promozionale  stereo  uk  1991  circa 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
il raro picture disc (catalogo yrtp 62) con una presentazione da parte del booking office del gruppo (dove viene esaltato il fatto che il precedente singolo 'the storm' e' stato singolo della settimana sul nme, e che questo sicuramente entrera' nei top 40. arrivera' alla 47esima posizione delle charts inglesi). Il singolo contiene 2 versioni di 'sons...' ed un remix di 'life and death'. Band di Manchester, formatasi nell'89 in pieno movimento baggy (happy mondays, farm, stone roses, charlatans, klf). Il gruppo produrra' 4 singoli (lultimo dei quali una cover di she's a rainbow degli stones) ed un album di indie-pop con discreto successo prima di sciogliersi nel febbraio 92.
Euro
22,00
codice 102154
scheda
World of twist Sons of the stage / life and death (remix)
7" [edizione] originale  stereo  uk  1991  circa 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Singolo in formato 7", l' originale stampa inglese, copertina lucida con apertura per il disco in alto, sagomata sul retro per l' estrazione del disco, etichetta nera con scritte e logo argento, foro al centro picoclo, catalogo YR62. Pubblicato nel marzo del 1991 dalla Circa in Gran Bretagna, dove giunse al 47esimo posto in classifica, non uscito negli USA, questo e' il secondo singolo dei World Of Twist, uscito dopo il primo ''The Storm'' (1990) e prima dell' unico album ''Quality street'' (1991). Contiene due brani, il primo, "Sons of the Stage" poi inserito in quell' album, il secondo, ''Life and death (remix)", inserito solo nella versione in cd di quel disco, peraltro in versione diversa; tipiche sonorita' baggy, in cui si incontrano psichedelia, pop ed elettronica, non lontane da Stone Roses e Happy Mondays. Gli World Of Twist si formano a Manchester nel 1989; la loro musica, che mescola pop, psichedelia ed house, viene inserita nella scena baggy che stava allora salendo alla ribalta in Gran Bretagna. Sulla scia della popolarita' di gruppi come Stone Roses ed Happy Mondays il gruppo si imbarca in tour di successo nel 1991, anno in cui esce il primo album ''Quality street''. L'album, come i singoli precedenti, entra in classifica ma non riesce ad entrare nella top 40, mentre il cantante Tony Ogden soffre di un esaurimento nervoso e decide di lasciare il gruppo; successive tensioni interne portano gli World Of Twist allo scioglimento nel 1992 ed il chitarrista Gordon King forma gli Earl Brutus insieme al percussionista Nicholas Sanderson. La successiva affermazione di gruppi come St. Etienne ed Air riaccende l'interesse per i lavori del gruppo, che resta limitato allo status di cult band.
Euro
5,00
codice 259531
scheda
World party (waterboys) Goodbye jumbo
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1990  ensign 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
la prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in cartoncino sottile con testi, foto e sagomatura sul lato di apertura, label custom a colori con artwork di copertina su di una facciata e con foto di uomo ed elefante in bianco e nero sull'altra, catalogo CHEN10, groove message ''Hamlet'' sul lato A e ''...prince of prestatyn'' sul lato B. Pubblicato nel 1990 dalla Ensign in Gran Bretagna e dalla Chrysalis negli USA, il secondo album, uscito dopo ''Private revolution'' (1986) e prima di ''Bang!'' (1993). Il progetto di Karl Wallinger frutta qui un apprezzato quanto eclettico lavoro, incentrato su temi sociali come i problemi ambientali come su argomenti piu' personali, in bilico fra frizzanti episodi pop rock e brani piu' lenti ed autunnali. World Party nasce a meta' anni '80, ad opera dello ex Waterboys Karl Wallinger, che abbandona il compagno di avventura Mike Scott per dedicarsi a questo suo progetto trasudante suadente pop capace di anticipare molte di quelle sonorita' che andranno a caratterizzare gli anni novanta senza scadere in scontata commerciabilita' un pop elegante capace di fondere amorevolmente e rispettosamente piu' stili musicali. Capace di conquistarsi stima grazie al proprio talento musicale il progetto World Party e' riuscito a trovare una propria ed inarrestabile continuita' riuscendo cosi' ancora oggi, ad oltre venti anni dalla nascita del progetto, ad esibirsi ed esprimersi sulle scene musicali mondiali.
Euro
18,00
codice 314801
scheda
Would be's i'm hardly ever wrong + 3 (White, red and purple sleeve)
12" [edizione] originale  stereo  uk  1990  decoy 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
ep in formato 12"; l' originale stampa inglese, nella versione con copertina (con moderati segni di invecchiamento) con sfondo bianco, etichetta viola con scritte rosa, catalogo DYS13T. Pubblicato nel marzo 1990, il primo dei tre 12" del primo corso artistico del misconosciuto gruppo irlandese, con quattro splendidi brani, che rimasero inediti su album fino alla pubblicazione della raccolta "Silly Songs For Cynical People" (1991). Eletto singolo della settimana del New Musical Express, contine le tracce "I'm Hardly Ever Wrong" (davvero un piccolo capolavoro), "Great Expectations", "I Want To Say What Goes Without Saying" e "There Is There Are That's All", in bilico tra folk e guitar-pop, personalissimi e caratterizzati da qualita' compositive certo non comuni, da preziosi arrangiamenti e dalla splendida voce della cantante Julie McDonnell, che presto pero' lascera' il gruppo. Furono tenuti sul palmo di mano dalla critica, ma non riuscirono a raggiungere i riconoscimenti meritati. Sorprendentemente, si riformeranno nel 2000, pubblicando un buon numero di singoli e finalmente un album, "Beautiful Mess", nel 2013.
Euro
12,00
codice 202167
scheda
Wtz Deutschpunk-revolte
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1999  plastic bomb 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima molto rara stampa, nella versione in vinile nero, copertina senza barcode, completa dell'inserto con foto, testi e note (tutto in lingua tedesca), label bianca, grigia e nera con teschio crestato sullo sfondo, catalogo PBR025. Pubblicato nel 1999 dalla tedesca Plastic Bomb, l'unico raro e ricercato album dei WTZ, gruppo in cui militava il chitarrista Axel Kurth, membro della storica punk band teutonica Wizo. "Deutschpunk-revolte" è uno spassosissimo lavoro di pogo punk, che porta in sé una parte dello spirito indisponente e canzonatorio del punk 77ettino di Sex Pistols e Clash, integrato con un approccio più tirato figlio dello hardcore. Il cantato in tedesco assume tratti esilaranti in alcuni episodi grazie alla versatilità ed alla apparente ironia sardonica del cantante (memorabile l'incipit di "D.P.R.", in cui un ridicolo falsetto canta su un groove funkeggiante, prima di esplodere in una classica tirata hc punk). Tuttavia non siamo certo di fronte ad una sorta di "novelty record": pur con un approccio relativamente melodico, i WTZ pestano ritmicamente e sono graffianti e taglienti, il cantato aggressivo ed a tratti maniacale, i cori anthemici. L'album fu inciso nell'aprile del 1999 da Axel Kurth, celato dietro lo pseudonimo Hacki (voce, chitarra), e tre altri compagni celati dietro i nomignoli di Dubtscheck (chitarra), Pulle (basso) e Kaos (batteria).
Euro
75,00
codice 335501
scheda
Wu-tang clan Enter the wu-tang (36 chambers) (ltd yellow)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  sony 
hip-hop
ristampa in vinile colorato giallo limitata. copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato nel novembre del 1993 dalla RCA/Loud in Europa (giungendo al 77esimo posto in classifica in Gran Bretagna) e negli USA, dove arrivo' alla 41esima posizione, il celebrato lp di debutto del clan hip-hop, uno dei piu' influenti album rap di tutti gli anni '90. Uscito prima di ''Wu-tang forever'' (1997), questo ''Enter the Wu-tang (36 chambers)'', prodotto in modo asciutto e quasi ''low fi'' da RZA, contribuendo cosi' ad esporre il sound dello hip hop underground al grande pubblico, vede all'opera un gruppo di talentuosissimi e creativi rapper, ciascuno con il proprio stile, fatto che alimenta la grande varieta' di questo lavoro, arricchito da un senso dell'umorismo molto bizzarro. Carico di campionamenti da film cinesi sulle arti marziali e di riferimenti alla cultura pop, immerso in un'atmosfera quasi onirica (o da incubo) dagli scarni ma incisivi arrangiamenti di RZA, ''Enter the wu-tang'' fu un lavoro molto innovativo che influenzo' numerosi rapper e che dette nuova linfa alla scena hip hop newyorchese. Uno dei piu' influenti gruppi rap di tutti i tempi, con rappers provenienti dalla west-cost, ma basati a Staten Island, New York, come RZA, Method Man, Raekwon, Ghostface Killah, Inspectah Deck, U-God, Masta Killa e Ol' Dirty Bastard. Un super gruppo nato come progetto di unione tra nove artisti per consolidare le proprie carriere solistiche. Riescono ad esaltare equilibratamente le caratteristiche di ognuno dei suoi membri rendendo i propri dischi eclettici lavori che passano da scuri arrangiamenti minimalisti (rza sopratutto, vedi il suo lavoro solista per la colonna sonora di Ghost dog) a samples di pop-music e soul, liriche a volte violente a volte humor che fanno continui riferimenti alle arti marziali.
Euro
25,00
codice 2125946
scheda
Wyatt Robert a short break (picture)
lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  tiger bay 
rock 60-70
Ristampa del 2020, in vinile picture disc, copertina sagomata "die-cut" sul fronte, adesivo di presentazione sul cellophane, senza barcode, con i cinque brani incisi tutti su uno dei due lati del disco; pubblicato originariamente solo in cd nel 1992, quindi per la prima volta in vinile in un 10" realizzato dalla Vinyl Lovers nel 2009,questo minialbum contiene cinque tracce, registrazioni casalinghe effettuate dal grande artista inglese, ex Soft Machine e MAtching Mole, nell' astate del 1992 su un 4 tracce, ispirate ad un periodo trascorso da Wyatt in Portogallo negli anni '60, e vede l' autore al pianoforte, percussioni, organo e voce, alle prese con un set di brani essenziali, sorta di bozzetti intimi e malinconici che ci portano direttamente nel mondo privato e bizzarro del geniale musicista Inglese. Ecco la lista del materiale incluso: "A Short Break", "Tubab", "Kutcha", "Venti Latir", "Unmasked"; quest' ultima, coscritta con gli ex Throbbing Gristle Chris Carter e Cosey Fanni Tutti, era gia' stata interpretata da Wyatt proprio con i CTI, alias Chris & Cosey, ed in quella versione era comparsa nell' album collettivo "Core (A Conspiracy International Project)", nel 1988.
Euro
28,00
codice 3025124
scheda
Wyatt Robert dondestan (revisited and remastered)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1991  domino 
rock 60-70
Ristampa rimasterizzata, corredata di inner sleeve con i testi, della versione realizzata per la prima volta in vinile dalla Domino nel 2008, e gia' uscita in cd nel 1998, versione rivista da Robert Wyatt, che rispetto alla prima tiratura del 1991 (molto rara in vinile), differisce per l' ordine diverso dei brani e per il missaggio. Pubblicato in Inghilterra nel settembre del 1991 dopo ''Old Rottenhat'' e prima di ''Shleep'', non entrato nelle classifiche UK ne' in quelle USA. Il sesto album. Da piu' parti additato, a ragione, come il miglior album di Wyatt dopo Rock Bottom, si tratta di un capolavoro assoluto, contiene nove brani inediti, registrati da Wyatt con i testi di Alfreda Benge e la collaborazione di Hugh Hopper, misteriosamente sottovalutato da pubblico e critica, recupera il feeling indolente ed autunnale di Rock Bottom, ma con una verve ispirativa ed una varieta' di arrangiamenti assolutamente geniale. Sicuramente uno dei dischi piu' belli degli ultimi 30 anni.
Euro
25,00
codice 2127697
scheda
Wyatt robert shleep (19 tracks)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  domino 
rock 60-70
ristampa del doppio lp, in vinile 180 grammi, corredata di inner sleeves, catalogo REWIGLP45. Per la prima volta stampato in vinile nel 2008 dalla Domino come doppio album contentente 8 brani in piu' (Te Recuerdo Amanda, Yolanda, When Access was a Noun, Fridge, Salt/Ivy, Signed Curtain - plus Cornet -, September in the Rain, I Wonder How Your Breath Can Last) rispetto alla prima versione uscita solo in cd nel 1997. "Shleep" e' il sesto album dell' artista inglese in 27 anni; annunciato come un ritorno alle atmosfere di "Rock Bottom", vede la collaborazione di Brian Eno, Phil Manzanera, Philip Catherine, Evan Parker, Brian Eno e Paul Weller. Registrato nello studio dello stesso Manzanera, contiene brani lenti e dall' atmosfera rilassata con tastiera e melodia in primo piano, i testi scritti da Wyatt e dalla moglie Alfreda (Alfie) Benge trattano della vita quotidiana e della mancanza di sonno e sono stati composti durante le notti di insonnia che affliggono il musicista. Tra i brani "Free Will And Testament", "Alien", "September The Ninth" ed ancora "Out Of Season" e "Heaps Of Sheeps" in cui si sente la presenza di Eno, mentre "Was A Friend" e' scritta con il Soft Machine Hugh Hopper; bellisssima anche "Maryan", scritta con il belga Philip Catherine. Certamente un album classico di Wyatt ed uno dei migliori dell' intero anno 1997.
Euro
25,00
codice 2118426
scheda
Wylde ratttz (stooges) wylde ratttz (colored vinyl)
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1997  vampire blues 
rock 60-70
Edizione limitata, in vinile colorato (questa copia in vinile giallo-oro trasparente), numerata a mano sul retro, copertina neutra nera su cui e' ripiegato un foglio con foto sul fronte e foto e crediti sul retro, etichetta nera e bianca. Pubblicato per la prima volta nel dicembre del 2022, questo notevole album e' il frutto, finalmente reso pubblico, delle sessions registrate in occasione del film "Velvet Goldmine" di Todd Haynes, uscito nel 1998, che includera' un solo brano di questo supergruppo, una versione di "T.V. Eye" degli Stooges, il cui grande chitarrista Ron Asheton guida gli stessi Wylde Ratttz, accompagnato da un manipolo niente male di musicisti come (tra gli altri) l' ex Minutemen e Firehose Mike Watt, i due Sonic Youth Steve Shelley e Thurston Moore, Sean Ono Lennon, Don Fleming, e Mark Arm dei Mudhoney. I "ragazzi" sono alle prese con dieci torridi brani di torrido e sporco heavy rock chitarristico di stampo proto-punk, in gran parte composti per l' occasione (due dei quali dall' inedita coppia Ron Asheton - Mark Arm!), anche se tre di questi portano la firma di Asheton e Niagara (la grande cantante che aveva condiviso con Asheton l' avventura con i gloriosi Destroy All Monsters e poi aveva formato con lui anche i Dark Carnival), oltre a due covers attinte al repertorio degli amati Pretty Things, il classico "Rosalyn" ed "L.S.D.". Un disco notevole, in cui la presenza di musicisti certo non di primo pelo, ma comunque di generazioni successive a quelle di Asheton, per quanto capaci di immergersi completamente nelle atmosfere e nelle sonorita' della musica detroitiana di fine anni '60 / primi anni '70, produce anche una serie di brani brillantemente influenzati da certo alternative rock degli '80's. For the Velvet Goldmine soundtrack see: Velvet Goldmine (Music From The Original Motion Picture).
Euro
44,00
codice 3033815
scheda
Wynn steve (dream syndicate) dazzling display
lp [edizione] originale  stereo  ger  1992  atlantic 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale rara stampa europea, pressata in Germania (si tratta dell' unica versione in vinile pressata di questo disco), coeprtina lucida, etichetta verde ed arancio con fascia centrale bianca, catalogo 8122-70283-1; pubblicato nel 1992, il secondo album dell' ex leader dei grandissimi Dream Syndicate, dopo l' esordio solista di "Kerosene Man", prodotto ancora una volta da Joe Chiccarelli e registrato con l' aiuto tra gli altri di Mark Walton (gia' con Wynn nei Dream Syndicate), dell' ex Green On Red Chris Cacavas, dell' ex Romans Robert Lloyd, dell' ex True West Russ Tolman, del R.e.m. Peter Buck, Johnette Napolitano dei Concrete Blonde, di Vicki Peterson delle Bangles, Fernando Saunders, e tanti altri. Aldila' della lista impressionante di nomi, il disco rappresenta un tentativo di staccarsi un po' dal cliche' del suono dei Dream Syndicate, ancor di piu' dell' album precedente, puntando su un suono piu' immediato e comunicativo, dove produzione ed arrangiamenti giocano un ruolo molto importante; il tentativo e' solo in parte riuscito, ma una "veste" non sempre adeguata nasconde in realta' ancora una volta molti episodi memorabili, come la delicata e romantica "When She Comes Around", la splendida "Halo", suonata in punta di piedi, jazzata e un po' stranita, la incalzante "Dandy in Disguise", la ballata elettrica "Grace", dagli antichi sapori Dream Syndicate, la graffiante "405" e la bella cover della sempre magnifica "Bonnie and Clyde" di Serge Gainsbourg.
Euro
30,00
codice 246949
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa italiana, copertina senza barcode, completa di inner sleeve con foto e testi, etichetta verde sfumata con logo in bianco e nero, catalogo RHLP969. A distanza di due anni dall' ultimo album in studio degli indimenticati Dream Syndicate, il leader di quel gruppo esordisce in proprio con questo ottimo album, caratterizzato come prevedibile da un piu' marcato accento posto sul songwriting come sempre superbo dell' artista californiano piuttosto che sul sound chitarristico della sua vecchia band, e dalla ricerca di un approccio sonoro piu' moderno, peraltro restando fedele alle influenze tra Neil Young, Bob Dylan e musica westcoastiana, oltre che agli accenti roots di larga parte della scena paisley undeground di cui i Dream Syndicate erano stati i massimi esponenti. Per registrare il disco Wynn fa uso di molti vecchi amici come Mark Walton (bassista dei Dream Syndicate), Stephen McCarthy (Long Ryders), Robert Lloyd (Romans), Chris Cacavas (Green On Red), D.J.Donebrake (X), Steve Berlin (Blasters, Los Lobos), Howe Gelb (Giant Sand), Julie Christiansen (Divine Horsemen), la compagna Johnette Napolitano (Concrete Blonde) ed altri ancora, dando vita ad una raccolta di canzoni efficacissime, come "Tears Won't Help" (che avrebbe potuto far parte del repertorio dei Syndicate), la brillante "Carolyn", la insolitamente dura "Younger" (dove si sente molto la produzione di John Ciccarelli, che crea una notevole affinita' con certi contemporanei brani di Stan Ridgway, anche lui prodotto da Ciccarelli), la delicatissima "Under the Weather", la splendida "Here on Heart As Well", gia' nel repertorio dei Syndicate (cosi' come "Killing Time"), e la magnifica chiusura di "Anthem", davvero da brividi. Un disco forse un po' discontinuo e disomogeneo, ma comunque da avere. Due anni dopo sara' seguito da "Dazzling Display".
Euro
22,00
codice 247365
scheda
Wynn steve (dream syndicate) Kerosene man (+ promo portfolio!)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  rhino 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana, COPIA PROMOZIONALE CORREDATA DI PORTFOLIO PROMOZIONALE (la copertina del portfolio ha diversi segni di invecchiamento) contenente una foto promozionale in carta lucida, un inserto della Rhino Records che presenta l' album, in carta stampata, e tre fogli A4 con materiale vario su Wynn o i Dream Syndicate, copertina (con piccolo cut promozionale in alto a destra) con barcode, completa di inner sleeve con foto e testi, etichetta custom, catalogo R1 70969. A distanza di due anni dall' ultimo album in studio degli indimenticati Dream Syndicate, il leader di quel gruppo esordisce in proprio con questo ottimo album, caratterizzato come prevedibile da un piu' marcato accento posto sul songwriting come sempre superbo dell' artista californiano piuttosto che sul sound chitarristico della sua vecchia band, e dalla ricerca di un approccio sonoro piu' moderno, peraltro restando fedele alle influenze tra Neil Young, Bob Dylan e musica westcoastiana, oltre che agli accenti roots di larga parte della scena paisley undeground di cui i Dream Syndicate erano stati i massimi esponenti. Per registrare il disco Wynn fa uso di molti vecchi amici come Mark Walton (bassista dei Dream Syndicate), Stephen McCarthy (Long Ryders), Robert Lloyd (Romans), Chris Cacavas (Green On Red), D.J.Donebrake (X), Steve Berlin (Blasters, Los Lobos), Howe Gelb (Giant Sand), Julie Christiansen (Divine Horsemen), la compagna Johnette Napolitano (Concrete Blonde) ed altri ancora, dando vita ad una raccolta di canzoni efficacissime, come "Tears Won't Help" (che avrebbe potuto far parte del repertorio dei Syndicate), la brillante "Carolyn", la insolitamente dura "Younger" (dove si sente molto la produzione di John Ciccarelli, che crea una notevole affinita' con certi contemporanei brani di Stan Ridgway, anche lui prodotto da Ciccarelli), la delicatissima "Under the Weather", la splendida "Here on Heart As Well", gia' nel repertorio dei Syndicate (cosi' come "Killing Time"), e la magnifica chiusura di "Anthem", davvero da brividi. Un disco forse un po' discontinuo e disomogeneo, ma comunque da avere. Due anni dopo sara' seguito da "Dazzling Display".
Euro
35,00
codice 258997
scheda
Wyxmer The syre of (clear vinyl)
12"ep [edizione] originale  stereo  ita  1991  hd 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent heavy metal
Prima straordinariamente rara stampa italiana, in vinile TRASPARENTE, pressata pare in 300 copie, copertina lucida fronte retro senza barcode, inserto testi in carta bianca, label ner acon logo HD bianco su di una facciata, bianca con scritte nere e logo HD piccolo bianco e nero in alto sull'altra facciata, catalogo 92HD104-1. Pubblicato su HD Records in Italia, questo ep con quattro brani fu il primo e per lungo tempo unico disco di questa storica band heavy metal fiorentina: ''Human crime'', ''I will rise again'', ''King of the ladies'' e ''Steed an' cavalier'' sono brani dai toni epici che non disdegnano passaggi piu' lenti e contemplativi accanto a potenti cavalcate chitarristiche; la band sembra situarsi in questi solchi fra il metal e certo contemporaneo grunge americano, dando vita ad una sorta di crossover piuttosto riuscito. In seguito questo ep verra' dato solo nel 2005 con ''Feudal Throne'', pubblicato dalla Black Widow, contenente i quattro brani qui presenti insieme ad altri.
Euro
60,00
codice 317017
scheda
X clan To the east, blackwards
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  usa  1990  4th & Broadway 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent hip-hop
Copia ancora incellophanata e con adesivi che indicano rispettivamente l'edizione limitata e la presenza in scaletta di alcuni brani, seconda comunque rara stampa USA, con copertina pressoché identica alla prima tiratura ma con label non più gialla bensì rosa e con suffisso del catalogo cambiato, con barcode 016244-4019-16, etichetta rosa con scritte nere, logo 4th & Broadway multicolore in alto, senza logo distribuzione Island in basso, scritta lungo il bordo in basso che contiene la dicitura "...an Island Records Inc. company...", catalogo 444 019-1 (e non più "-4"). Pubblicato nell'aprile del 1990 dalla 4th & Broadway, nel Regno Unito e negli USA, dove arrivò al 97esimo posto nella classifica billboard 200, il primo album, precedente "Xodus" (1992). Lavoro acclamatissimo da una parte della critica, ma non così apprezzato all'unanimità, "To the East, blackwards" introduce su lp lo hip hop dai potenti richiami antirazzisti e dallo spirito politicizzato ed afrocentrico, supportato da una base strumentale ricchissima di campionamenti funk dai richiami anni '70 (in particolare dalla famiglia Parliament / Funkadelic), molto calda e fluida. Su tutto risplende la capacita' vocale e compositiva dei suoi MC, che non aggrediscono né minacciano ma puntano a diffondere un messaggio culturale ed identitario. Formatisi a Brooklyn alla fine degli anni '80, i newyorchesi X Clan sono stati uno dei piu' brillanti gruppi hip hop dell'epoca fra quelli impegnati; il loro messaggio fortemente afrocentrico e l'attivismo a favore dei diritti degli afroamericani e contro il razzismo faceva il paio con un impianto musicale fortemente funk che inizialmente si basava moltissimo su campionamenti di gruppi come i Parliamente, per poi ampliare le sue fonti sonore. Pubblicarono due apprezzati album all'inizio degli anni '90, ''To the East, blackwards'' (1990) e ''Xodus'' (1992), prima di sciogliersi; alcuni membri fondatori morirono prematuramente dopo la fine del gruppo, ma i superstiti riattivarono poi gli X Clan nel nuovo secolo, pubblicando ulteriori album, senza raggiungere il buon riscontro commerciale dei primi due lp.
Euro
40,00
codice 335363
scheda
X clan Xodus (the new testament)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  polydor 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent hip-hop
Copia ancora incellophanata, e con adesivo di presentazione sul cellophane, l' originale stampa americana, etichetta dorata con scritte e logo neri da un lato, custom nera e dorata dall' altro, catalogo 314513225-1. Pubblicato nel maggio del 1992 dalla Polydor negli USA, dove giunse al 31esimo posto nella classifica billboard 200, il secondo album, successivo a ''To the East, blackwards'' (1990) e precedente ''Return from mecca'' (2007). Il loro album di maggior successo, ''Xodus'' e' un lavoro di hip hop dai potenti richiami antirazzisti e dallo spirito politicizzato lontano da quello del gangsta rap, il tutto supportato da una base strumentale ricchissima di campionamenti funk dai richiami anni '70, molto calda e fluida. Su tutto risplende la capacita' vocale e compositiva dei suoi MC. Formatisi a Brooklyn alla fine degli anni '80, i newyorchesi X Clan sono stati uno dei piu' brillanti gruppi hip hop dell'epoca fra quelli impegnati; il loro messaggio fortemente afrocentrico e l'attivismo a favore dei diritti degli afroamericani e contro il razzismo faceva il paio con un impianto musicale fortemente funk che inizialmente si basava moltissimo su campionamenti di gruppi come i Parliamente, per poi ampliare le sue fonti sonore. Pubblicarono due apprezzati album all'inizio degli anni '90, ''To the East, blackwards'' (1990) e ''Xodus'' (1992), prima di sciogliersi; alcuni membri fondatori morirono prematuramente dopo la fine del gruppo, ma i superstiti riattivarono poi gli X Clan nel nuovo secolo, pubblicando ulteriori album, senza raggiungere il buon riscontro commerciale dei primi due lp.
Euro
26,00
codice 257660
scheda
X-tal die monster die
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1991  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana (con copertina pressata in Canada come tutte le copie) del secondo album del gruppo di San Francisco, con etichetta verde e nera e catalogo A012, completo di inner sleeve. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album (il precedente "Reason is 6/7 of Treason"), seguito un anno dopo da questo secondo, ancora freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana, oltre a qualche slancio psichedelico, un disco grazie al quale crebbe l' attenzione per il gruppo soprattutto in Germania, dove arrivarono a godere di un seguito di culto, giustamente considerati tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
20,00
codice 12997
scheda
X-tal everything crash
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa americana, con copertina come tutte le copie pressata in Canada, etichetta rossa e nera e catalogo A022, completa di inner sleeve con foto e testi, vinile ambrato se posto in controluce. Pubblicato nel 1992, il terzo album del gruppo di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album. Questo terzo lavoro conferma appieno le ottime impressioni lasciate dai precedenti "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", ancora freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana, oltre a qualche slancio psichedelico, e per la prima volta due covers, che ben illustrano l' attitudine della band, che prima trasforma la furiosa "Stop Torture" dei Crucifix in un malinconico brano di folk rock, con tanto di violino, e poi rileggono con affettuoso rispetto la magnifica "Genesis Hall" dei Fairport Convention. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
18,00
codice 12998
scheda
X-tal everything crash
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1992  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
l' originale stampa americana, con copertina (con lievi segni di invecchiamento) come tutte le copie pressata in Canada), etichetta rossa e nera e catalogo A022, completo di inner sleeve con foto e testi, vinile ambrato se posto in controluce. Pubblicato nel 1992, il terzo album del gruppo di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album. Questo terzo lavoro conferma appieno le ottime impressioni lasciate dai precedenti "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", ancora freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana, oltre a qualche slancio psichedelico, e per la prima volta due covers, che ben illustrano l' attitudine della band, che prima trasforma la furiosa "Stop Torture" dei Crucifix in un malinconico brano di folk rock, con tanto di violino, e poi rileggono con affettuoso rispetto la magnifica "Genesis Hall" dei Fairport Convention. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
14,00
codice 12603
scheda
X-tal reason is 6/7 of treason
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  alias 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
prima stampa USA, copertina lucida fronte retro con barcode 09371-60011-19, fabbricata in Canada, inner sleeve con artwork e testi, label nera e grigia con scritte bianche e con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo A006, groove message ''that was the asshole decade'' sul lato A e ''boycot domino's pizza'' sul lato B, vinile ambrato se posto controluce. Pubblicato nel 1990 dalla Alias negli USA, il primo album, precedente ''Die monster die'' (1991). Finalmente, dopo anni di gavetta, il gruppo americano sforno' il suo primo lavoro a 33 giri, questo disco freschissimo e brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground, con brani piacevolmente "bucolici" ed altri che rivelano invece una tensione tipicamente metropolitana o slanci decisamente psichedelici, un disco che ufficializzo' il loro ruolo di protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Formatisi nel 1983, con un continuo avvicendarsi di musicisti diversi tra cui membri di Bedlam Rovers, Catheads ed anche Barbara Manning per qualche tempo, gli X-Tal avevano esordito solo nel 1987 con un paio di brani inseriti nella compilation "San Francisco Unscene", registrati peraltro nel 1984; solo nel '90 pero' giunsero al traguardo dell' album con gli ottimi "Reason is 6/7 of Treason" e "Die Monster Die", brillantemente in bilico tra folk rock e reminescenze paisley underground. Tra i protagonisti della nuova scena "new folk" di San Francisco. Da rivalutare senz' altro.
Euro
20,00
codice 12514
scheda

Page: 146 of 148


Pag.: oggetti: