Hai cercato:  dall'anno 90 all'anno 99 --- Titoli trovati: : 3660
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Tuxedomoon urban leisure (tel aviv 13/6/1997)
Lp [edizione] originale  stereo  eu  1997  private press 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent punk new wave
Copia con vinile a tratti un po' "rumoroso" (a causa della qualita' di stampa, e non dell' usura), copertina lucida senza barcode, etichetta custom a colori. Pubblicazione "private press" realizzata nel 2016, questo album contiene sette brani registrati dal vivo il 13 giugno del 1997 al Dellal Center di Tel Aviv, storica occasione in cui il nucleo principale dei Tuxedomoon (Steven Brown, Peter Principle e Blaine L. Reininger) si ritrovo' insieme per la prima volta dai tempi dell' album "The Ghost Sonata" del 1991, dopo un invito a Brown a partecipare al Next Music Festival di Tel Aviv con un progetto individuale, che invece si trasformo' in una benvenuta reunion, con la band che provo' per una decina di giorni in studio prima della propria esibizione, talmente riuscita da spingere il gruppo a tornare presto insieme a tutti gli effetti. I Tuxedomoon si formano a San Francisco nel 1977, nei loro primi concerti univano rappresentazioni teatrali dove mescolavano cabaret espressionista, romanticismo di chiara ascendenza mitteleuropea e brandelli di futurismo umanoide. Le forme della musica classica vennero piegate a raccogliere gli scempi psicologici dell'evo industriale, coniando un genere fortemente innovativo che caratterizzo' immediatamente l'universo Tuxedomoon. Le loro ideologie erono molto piu' vicine alla mentalita' europea piuttosto che a quella americana e per questo il gruppo nel 1980 decise di trasferirsi in a Rotterdam dove i componenti iniziarono i loro primi lavori solisti. I Tuxedomoon sono stati tra i gruppi piu' importanti della scena post-punk americana, dotati di affinita' musicali decisamente europee sono tra i migliori gruppi capaci di caratterizzare l'intera decade a seguire con una personalissima e seminale alchimia che vedeva avanguardia, elettronica, minimalismo wave e sperimentazione unirsi in una affascinante armonia.
Euro
16,00
codice 245181
scheda
Tvtv$ Blow up the world
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1993  helter skelter 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good indie 90
Prima stampa, pressata in esclusiva dalla italiana Helter Skelter, copertina (con lievi segni di invecchiamento) senza barcode, completa di piccolo inserto con testi e di piccolo adesivo ancora da staccare con il logo ''Rap music is killing america'', label bianca con scritte nere e grande logo Helter Skelter Records su di una facciata, bianca e grigia con scritte nere sull'altra, catalogo HS931238. Pubblicato nel 1993 dalla italiana Helter Skelter, il secondo album, successivo a ''Brainwashington'' (1991) e precedente ''We the sheeple...'' (1994). Si tratta di una versione estesa del minicd uscito nello stesso 1993 in America su Flipside "Rap Music Is Killing America", con i cinque brani di quel disco qui contenuti nella seconda facciata. La band di Blaze James adotta qui un approccio ibrido, alternando brani brevi, tiratissimi e sferraglianti, in cui l' hardcore si incontra con il punk melodico californiano, ed episodi piu' lunghi e lenti di sanguigno alternative rock, che culminano nei sette minuti di ''Rap music is killing america'', lenta e cupa litania con voci piu' narranti che cantanti e sonorita' ipnotiche. Punk band californiana dell'area di Hollywood attiva negli anni '90 e guidata da Blaze James, i Tvtv$ suonavano un eccellente ed imprevedibile punk ricco di influenze diverse e talora al limite del crossover, ed ebbero il solo torto di venir fuori in un momento in cui l'interesse per queste sonorita' andava scemando, cosi' come scarso riscontro potevano avere nei blandi anni '90 i testi acidamente cinici e politicizzati di James.
Euro
12,00
codice 259053
scheda
Tvtv$ Blow up the world
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1993  helter skelter 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa, pressata in esclusiva dalla italiana Helter Skelter, copertina senza barcode, completa di piccolo inserto con testi e di piccolo adesivo con il logo ''Rap music is killing america'', lbel bianca con scritte nere e grande logo Helter Skelter Records su di una facciata, bianca e grigia con scritte nere sull'altra, catalogo HS931238. Pubblicato nel 1993 dalla italiana Helter Skelter, il secondo album, successivo a ''Brainwashington'' (1991) e precedente ''We the sheeple...'' (1994). Si tratta di una versione estesa del minicd uscito nello stesso 1993 in America su Flipside "Rap Music Is Killing America", con i cinque brani di quel disco qui contenuti nella seconda facciata. La band di Blaze James adotta qui un approccio ibrido, alternando brani brevi, tiratissimi e sferraglianti, in cui l' hardcore si incontra con il punk melodico californiano, ed episodi piu' lunghi e lenti di sanguigno alternative rock, che culminano nei sette minuti di ''Rap music is killing america'', lenta e cupa litania con voci piu' narranti che cantanti e sonorita' ipnotiche. Punk band californiana dell'area di Hollywood attiva negli anni '90 e guidata da Blaze James, i Tvtv$ suonavano un eccellente ed imprevedibile punk ricco di influenze diverse e talora al limite del crossover, ed ebbero il solo torto di venir fuori in un momento in cui l'interesse per queste sonorita' andava scemando, cosi' come scarso riscontro potevano avere nei blandi anni '90 i testi acidamente cinici e politicizzati di James.
Euro
15,00
codice 326542
scheda
Tvtv$ brainwashington
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1991  flipside 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
il primo album della punk band californiana dell' area di Hollywood, nella prima stampa americana con copertina senza codice a barre, completa di inserto, etichette custom, catalogo FLIP38. Pubblicato dalla Flipside nel 1991, dopo un singolo su Posh Boy prodotto dal grande Geza X, e prima di "Blow up the world" (1993), il primo album. Punk band californiana dell'area di Hollywood attiva negli anni '90 e guidata da Blaze James, i Tvtv$ suonavano un eccellente ed imprevedibile punk ricco di influenze diverse e talora al limite del crossover, ed ebbero il solo torto di venir fuori in un momento in cui l'interesse per queste sonorita' andava scemando, cosi' come scarso riscontro potevano avere nei blandi anni '90 i testi acidamente cinici e politicizzati di James.
Euro
18,00
codice 10992
scheda
Twink Mr. rainbow
Lp [edizione] originale  stereo  fra  1990  twink 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa, con copertina (con moderati segni di invecchiamento) e vinile pressati in Francia per il mercato inglese (pratica diffusa all'epoca fra le etichette britanniche), copertina lucida fronte retro senza barcode e con distribuzione Cartel sul retro, label grigia con scritte nere, catalogo TWKLP1. Pubblicato nel marzo del 1990 dalla Twink Records nel Regno Unito, il secondo album solista di Twink, successivo al fondamentale "Think pink" (1970) ed alla collaborazione con i Plasticland "You need a fairy goodmother" (1989), e precedente la raccolta "Odds and beginnings" (1991) e la collaborazione con i romani Technicolour Dream "You reched for the stars" (2013). Inciso da Twink (voce) con Robbie Gladwell (chitarre), Darrell King (basso), Andy Dowding (batteria) e Richard Harker (cori), l'album contiene nuovi brani e rifacimenti di vecchi classici come "Baron saturday" e "Ballon burning" dei Pretty Things (originariamente sul loro album "S.F. Sorrow", inciso con Twink in formazione), e "Do it" dei Pink Fairies. Lo stile è quello di un moderno rock psichedelico ma dal sound relativamente melodico, per quanto reso bizzarro dalla eccentrica musa di Twink e da inevitabili stramberie soniche, che si fanno più graffianti sulla seconda facciata. Una delle leggende dell' underground inglese degli anni '60 e '70, John ''Twink'' Alder, batterista dei Pretty Things, Tomorrrow, Deviants, Shagrat con Steve Peregrin Took e Pink Faries, tra gli altri, pubblica il suo primo album solista "Think Pink" nel 1970, disco considerato come l' ultimo atto della psichedelia inglese, fra le opere più belle ed oscure dello underground britannico a cavallo fra gli anni '60 e '70; la sua attività musicale prosegue nel corso dei decenni, anche con nuovi album solisti, fra cui tre sequels di ''Think pink'', usciti fra il 2015 e nel 2019.
Euro
18,00
codice 254366
scheda
Twink Mr. rainbow
Lp [edizione] originale  stereo  fra  1990  twink 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa, con copertina e vinile pressati in Francia per il mercato inglese (pratica diffusa all'epoca fra le etichette britanniche), copertina lucida fronte retro senza barcode e con distribuzione Cartel sul retro, label grigia con scritte nere, catalogo TWKLP1. Pubblicato nel marzo del 1990 dalla Twink Records nel Regno Unito, il secondo album solista di Twink, successivo al fondamentale "Think pink" (1970) ed alla collaborazione con i Plasticland "You need a fairy goodmother" (1989), e precedente la raccolta "Odds and beginnings" (1991) e la collaborazione con i romani Technicolour Dream "You reched for the stars" (2013). Inciso da Twink (voce) con Robbie Gladwell (chitarre), Darrell King (basso), Andy Dowding (batteria) e Richard Harker (cori), l'album contiene nuovi brani e rifacimenti di vecchi classici come "Baron saturday" e "Ballon burning" dei Pretty Things (originariamente sul loro album "S.F. Sorrow", inciso con Twink in formazione), e "Do it" dei Pink Fairies. Lo stile è quello di un moderno rock psichedelico ma dal sound relativamente melodico, per quanto reso bizzarro dalla eccentrica musa di Twink e da inevitabili stramberie soniche, che si fanno più graffianti sulla seconda facciata. Una delle leggende dell' underground inglese degli anni '60 e '70, John ''Twink'' Alder, batterista dei Pretty Things, Tomorrrow, Deviants, Shagrat con Steve Peregrin Took e Pink Faries, tra gli altri, pubblica il suo primo album solista "Think Pink" nel 1970, disco considerato come l' ultimo atto della psichedelia inglese, fra le opere più belle ed oscure dello underground britannico a cavallo fra gli anni '60 e '70; la sua attività musicale prosegue nel corso dei decenni, anche con nuovi album solisti, fra cui tre sequels di ''Think pink'', usciti fra il 2015 e nel 2019.
Euro
25,00
codice 334284
scheda
7" [edizione] originale  stereo  uk  1999  fierce panda 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
copertina non incollata, etichetta bianca scritte e logo neri. Il secondo singolo della band (tutta al femminile) di Birmingham. Hanno suonato di supporto a Muse e Coldplay, Si sono sciolte nel 2002 pubblicando 3 singoli ed un album. Alt-rock con gusto grunge (somiglianze con gli Hole)
Euro
4,00
codice 110123
scheda
Two nice girls Chloe liked olivia
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1991  rough trade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa USA, copertina con barcode 02313-81262-13, inserto in cartoncino sottile con testi, label crema con bordo grigio e scritte nere, catalogo R262-1, groove message ''dedicated to'' sul lato A e ''my lovely wife'' sul lato B, vinile ambrato se posto contro una forte luce. Pubblicato nel 1991 dalla Rough Trade negli USA, non uscito in Gran Bretagna, il secondo ed ultimo album, successivo a ''Two nice girls'' (1989) ed al mini lp ''Like a version'' (1990). ''Chlow liked olivia'' vede il quartetto femminile americano adottare un sound piu' aperto al mainstream ed al rock rispetto agli esordi, senza tralasciare un piu' raffinato folk pop presente nelle squisite ''Eleven'' e ''Rational heart''; accanto ad episodi esuberanti e rockeggianti come ''Let's go bonding'' e ''Princess of power'', il gruppo sa anche pennellare toccanti e delicatissime ballate acustiche o semiacustiche come ''Throw it all away'' e ''Swimming in circles''. Formate ad Austin in Texas nel 1989, le Two Nice Girls erano inizialmente un duo composto da Gretchen Phillips e Laurie Freelove, a cui si aggiunse Kathy Korniloff. Il trio pubblico' il suo primo eponimo album nel 1989, riscuotendo favorevoli critiche per il suo stile inclassificabile che fondeva influenze folk americane, rock e cajun con grande calore, cantando con bellissime armonie vocali e scrivendo pezzi arguti e pregni di umorismo. Freelove lascio' poi per la carriera solista ed il gruppo aggiunse due nuove compagne diventando un quartetto, pubblicando il mini lp ''Live a version'' (1990) ed il secondo e finale album ''Chloe liked olivia'' (1991), prima di sciogliersi.
Euro
18,00
codice 325846
scheda
U.s. bombs Garibaldi guard
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1996  alive 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima rara stampa USA, nella versione in vinile nero, copertina lucida fronte retro con barcode 095081001916, label nera con scritte bianche e logo Alive bianco e nero a destra, catalogo ALIVE0019. Pubblicato nell'aprile del 1996 dalla Alive, il secondo album, successivo a "Put strenght in the final blow" (1995) e precedente "Never mind the opened minds" (1997). Inciso con una formazione rinnovata, in cui accanto al cantante Duane Peters, al bassista Steve Reynolds ed al chitarrista Kerry Martinez non c'è più il batterista Benny Rapp, sostituito da due nuovi ingressi, quelli di Alex Gomez (batteria) e Chuck Briggs (chitarra), "Garibaldi guard" prende ancora spunto dal trascinante punk'n'roll dei Clash del 1977/78 e dall'indisponenza dei Sex Pistols, reinvigoriti da una pulsante vena figlia dello HC punk melodico, che aumenta ulteriormente i ritmi in molti brani, mentre il cantato si rifa a sua volta a quello del punk britannico (anche nell'accento del cantante, che sembra più inglese che americano). Un sound trascinante e divertente per quanto carico di rabbia, anthemico ed ispiratore di sano pogo. Formati nel 1993 ad Orange County, California, dal cantante Duane Peters, il chitarrista Kerry Martinez, gia' nei grandi Shattered Faith, il bassista Wade Walston ed il batterista Benny Rapp (ma presto ci sarebbero stati degli avvicendamenti nell'organico...), gli americani U.S. Bombs sono un gruppo che ravviva il retaggio del primo punk 77ettino britannico, ispirandosi fortemente ai gruppi ormai "classici" come Clash e Sex Pistols e proponendo un sound anthemico, trainante e relativamente melodico, ma con i graffi ed i segni del primo punk di Albione, e con una vena ancor più energica che evidenziava come la band avesse avuto la sua genesi dopo la stagione dello hardcore e del punk melodico californiano. Dopo un debutto a 33 giri su Vinyl Dog, "Put the strenght in the final blow" (1995), nel 1996, accasatisi presso la label californiana Alive, pubblicando un EP eponimo ed il secondo album "Garibaldi guard", seguito nel 1997 da "Never mind the opened minds", quindi passano su Hellcat, con la quale pubblicheranno i successivi quattro album, usciti fra il 1997 ed il 2003.
Euro
35,00
codice 334858
scheda
U.s. bombs Never mind the opened minds here's the us bombs
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1997  alive 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, prima stampa USA nella versione in vinile nero, copertina lucida fronte retro con barcode, label custom grigia con ritratto fotografico su di una facciata, catalogo ALIVE0024. Pubblicato all'inizio del 1997 dalla Alive, il terzo album, successivo a "Garibaldi guard" (1996) e precedente "War birth" (9/1997). Dedicato alla memoria di Sid Vicious, "Never mind..." è un disco intriso fino al midollo nel punk 77ettino inglese, soprattutto quello dei Sex Pistols, ma anche dei primi Clash come di quello ancor più stradaiolo degli Sham 69; nel cantato riecheggia, o meglio rimbomba, l'eco della voce indisponente di Johnny Rotten, nei toni quel misto di rabbia, provocazione ed ironia quasi sempre presente nella musica dei Sex Pistols. Formati nel 1993 ad Orange County, California, dal cantante Duane Peters, i chitarristi Chuck Briggs e Kerry Martinez, quest' ultimo gia' nei grandi Shattered Faith, il bassista Wade Walston ed il batterista Chip Hanna (ma presto ci sarebbero stati degli avvicendamenti nell'organico...), gli americani U.S. Bombs sono un gruppo che ravviva il retaggio del primo punk 77ettino britannico, ispirandosi fortemente ai gruppi ormai "classici" come Clash e Sex Pistols e proponendo un sound anthemico, trainante e relativamente melodico, ma con i graffi ed i segni del primo punk di Albione, e con una vena ancor più energica che evidenziava come la band avesse avuto la sua genesi dopo la stagione dello hardcore e del punk melodico californiano. Dopo un debutto a 33 giri su Vinyl Dog, "Put the strenght in the final blow" (1995), nel 1996, accasatisi presso la label californiana Alive, pubblicando un EP eponimo ed il secondo album "Garibaldi guard", seguito nel 1997 da "Never mind the opened minds", quindi passano su Hellcat, con la quale pubblicheranno i successivi quattro album, usciti fra il 1997 ed il 2003.
Euro
30,00
codice 335876
scheda
U.s. bombs Put strenght in the final blow (+1 track, red vinyl)
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1995  alive 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Copia ancora incellophanata, seconda stampa del 1999, realizzata dalla americana Alive, in vinile di colore rosso e con una bonus track (l'inedita "Trak rockets", posta alla fine della seconda facciata), copertina lucida fronte retro senza barcode, label nera, bianca e grigia con disegno su di una facciata, bianca con scritte nere e logo del gruppo in bianco su campo nero sull'altra facciata, catalogo ALIVE0037. Originariamente pubblicato nel 1995 dalla Vinyl Dog negli USA, il primo album, precedente "Garibaldi guard" (1996). L'ispirazione del primo punk britannico dei primi Clash e dei Sex Pistols, così come quello ancor più stradaiolo ed anthemico alla Sham '69, si sposano con la potenza dello hardcore punk melodico californiano nelle undici tracce di "Put strenght in the final blow", dove rabbia e leggerezza raggiungono un certo equilibrio all'insegna di un punk rock divertente ed anthemico, lontano dalla cupezza di molto hardcore impegnato, e portatore di quel sano scazzo che era così presente nel punk 77ettino. Formati nel 1993 ad Orange County, California, dal cantante Duane Peters, i chitarristi Chuck Briggs e Kerry Martinez, quest' ultimo gia' nei grandi Shattered Faith, il bassista Wade Walston ed il batterista Chip Hanna (ma presto ci sarebbero stati degli avvicendamenti nell'organico...), gli americani U.S. Bombs sono un gruppo che ravviva il retaggio del primo punk 77ettino britannico, ispirandosi fortemente ai gruppi ormai "classici" come Clash e Sex Pistols e proponendo un sound anthemico, trainante e relativamente melodico, ma con i graffi ed i segni del primo punk di Albione, e con una vena ancor più energica che evidenziava come la band avesse avuto la sua genesi dopo la stagione dello hardcore e del punk melodico californiano. Dopo un debutto a 33 giri su Vinyl Dog, "Put the strenght in the final blow" (1995), nel 1996, accasatisi presso la label californiana Alive, pubblicando un EP eponimo ed il secondo album "Garibaldi guard", seguito nel 1997 da "Never mind the opened minds", quindi passano su Hellcat, con la quale pubblicheranno i successivi quattro album, usciti fra il 1997 ed il 2003.
Euro
32,00
codice 334857
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1993  amarillo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa Usa, copertina senza codice a barre, etichette viola con scritte argento, Lp pubblicato in Usa dalla Amarillo Records nel 93, prima di "Tender places come from nothing" (94), il notevole debutto full lenght per la band di San Francisco che vedeva in formazione il chitarrista e violoncellista Brian Hageman dei Thinking Fellers Union Local 282. Opera che presenta una predominante valenza acustica, talvolta supportata da strumenti elettrici distorti, proponendo cosi' un collage sonoro libero da schemi, una sorta di indie rock acustico/rumoristico, miscela originale di blues, country e folk eseguito (senza batteria) da basso, chitarra e viola, oltre che dalle varie voci dei tre membri che si susseguono o cantano ad unisono. Minimale, lento, con un andamento zoppicante, con voci tendenzialmente fra dramma e canto religioso, con riferimenti che contemplano i Thinking Fellers Union Local 282 i mai abbastanza valutati Souled American e qualche affinita' con i Low (che esordiranno solo un anno dopo). Tra i brani, la cover di Lowell George "Willin'". Trio proveniente dalla Bay Area, costituito dal cantante bassista David Tholfsen, dalla cantante chitarrista Margaret Murray (SF Seals, Zip Code Rapists, Three Doctors Band) e dal chitarrista e violoncellista Brian Hageman (Thinking Fellers Union Local 282); paragonati dalla critica ai Red Red Meat ed ai Morphine, hanno licenziato durante la loro carriera 4 albums: "My company is misery" (93), "Tender places come from nothing" (94), "United saucer attack" e "Hell, yes!" (97).
Euro
25,00
codice 600964
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1993  amarillo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa Usa, copertina senza codice a barre, etichette viola con scritte argento, inserto con catalogo dell' etichetta, COPIA A CUI IL VECCHIO PROPRIETARIO DEL DISCO HA ALLEGATO IL RARO SINGOLO "Size It Up / Consuela" uscito nello stesso anno dell' album (due brani altrimenti inediti); Lp pubblicato in Usa dalla Amarillo Records nel 93, prima di "Tender places come from nothing" (94), il notevole debutto full lenght per la band di San Francisco che vedeva in formazione il chitarrista e violoncellista Brian Hageman dei Thinking Fellers Union Local 282. Opera che presenta una predominante valenza acustica, talvolta supportata da strumenti elettrici distorti, proponendo cosi' un collage sonoro libero da schemi, una sorta di indie rock acustico/rumoristico, miscela originale di blues, country e folk eseguito (senza batteria) da basso, chitarra e viola, oltre che dalle varie voci dei tre membri che si susseguono o cantano ad unisono. Minimale, lento, con un andamento zoppicante, con voci tendenzialmente fra dramma e canto religioso, con riferimenti che contemplano i Thinking Fellers Union Local 282 i mai abbastanza valutati Souled American e qualche affinita' con i Low (che esordiranno solo un anno dopo). Tra i brani, la cover di Lowell George "Willin'". Trio proveniente dalla Bay Area, costituito dal cantante bassista David Tholfsen, dalla cantante chitarrista Margaret Murray (SF Seals, Zip Code Rapists, Three Doctors Band) e dal chitarrista e violoncellista Brian Hageman (Thinking Fellers Union Local 282); paragonati dalla critica ai Red Red Meat ed ai Morphine, hanno licenziato durante la loro carriera 4 albums: "My company is misery" (93), "Tender places come from nothing" (94), "United saucer attack" e "Hell, yes!" (97).
Euro
28,00
codice 237556
scheda
U.s. saucer (Thinking Fellers Union Local 282) Tender places come from nothing
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1994  amarillo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa Usa, copertina lucida senza codice a barre, etichetta arancione con scritte nere, Lp pubblicato un Usa dalla Amarillo Records nel 1994, dopo " My company is misery" (93) e prima di "United saucer attack" (96), il secondo album della band di San Francisco che vedeva in formazione il chitarrista e violoncellista Brian Hageman dei Thinking Fellers Union Local 282. Lavoro contiguo al precedente, con una maggiore fedelta' alla tradizione country-folk americana e con voci che ricordano lo stile di Margo Timmins dei Cowboy Junkies. Sempre senza l'ausilio della batteria, la ritmica e' sostenuta dal basso con linee e suoni di chitarra che ricordano i Velvet Underground, con rimandi anche verso i Crazy Horse, evidenziando il tipico e puculiare tocco della band, quasi da canzone natalizia. Presenti il traditional "Silent night" e la covers, "Ride away vaquero" di Terry Gilkyson e "Hold on dear brother", scritta da Blondie Chaplin e Ricky Fataar (Beach Boys). Trio proveniente dalla Bay Area, costituito dal cantante bassista David Tholfsen, dalla cantante chitarrista Margaret (SF Seals, Zip Code Rapists, Three Doctors Band) e dal cantante violoncellista, Brian Hageman (Thinking Fellers Union Local 282); paragonati dalla critica ai Red Red Meat ed ai Morphine, hanno licenziato durante la loro carriera 4 albums: "My company is misery" (93), "Tender places come from nothing" (94), "United saucer attack" e "Hell, yes!" (97).
Euro
25,00
codice 600963
scheda
U2 Discotheque (promo version)
12"3 [edizione] originale  stereo  uk  1997  island 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
triplo 12", l' originale rara stampa inglese, nella rara versione promozionale, copertina (con leggeri segni di usura ed una piccolissima abrasione in alto a destra sul fronte) lucida senza codice a barre, con piccolo catalogo 12 ISD 649DJ sul retro in azzurro, inner sleeve semirigide con sagomatura per fuoriuscita del vinile, etichette con effetto textured, custom su di un lato e con dati sui brani e con "For Promo Only - Not For Resale" a sinistra su sfondo rispettivamente di colore blu, arancio e porpora sull'altro lato, con lo stesso esclusivo numero di catalogo del retrocopertina. Il triplo dodici pollici con sei versioni della title track, singolo che nel febbraio del 1997 anticipo' l' album "Pop". Inutile dire che sia il singolo che l' album, della band di Dublino, raggiunsero il primo posto della classifica inglese, e l' album anche di quella americana. Gli irlandesi U2 sono stati il principale fenomeno rock degli anni ottanta, guidati dal cantante Bono Vox (Paul Hewson) e dal chitarrista The Edge (Dave Evans), gli U2 i cui esordi furono caratterizzati da personalissime ed affascinanti sonorita' che trovavano base nell'impeto post-punk dei primi anni ottanta, nel corso della loro inarrestabile carriera hanno coniato un proprio inconfondibile metodo di composizione dove la canzone riesce a fondere gli stili "alti" e "bassi" della musica popolare, l'urlo di dolore del folk, il pianto dimesso del blues, l'incalzante fervore del gospel e la vibrante frustrazione del punk-rock. Formatisi a Dublino nel 1976, inizialmente con il nome di Feedback e poi The Hype, prima di assumere nel 1978 la loro sigla definitiva, gli U2 sono stati il principale fenomeno rock degli anni ottanta, i loro esordi furono caratterizzati da personalissime ed affascinanti sonorita' post-punk, sonorita' che nel corso della inarrestabile carriera del gruppo, sono riuscite a convogliare emanazioni punk-rock, folk, blues e gospel, coniando un inconfondibile e personalissimo sound che ancora oggi continua ad avere nuovi estimatori, consegnando cosi' il gruppo tra le formazioni piu' importanti nella storia del rock.
Euro
25,00
codice 261069
scheda
U2 Pop
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1997  island / universal 
punk new wave
Ristampa del 2018, rimasterizzata ed in vinile 180 grammi, doppio album con copertina apribile pressoche' identica a quella della prima molto rara tiratura, corredata di inner sleeves ed inserto con testi. Il doppio album (il nono lp in studio) pubblicato nel marzo del 1997, a tre anni dal precedente "Zooropa", giunto al primo posto in classifica sia in Gran Bretagna che negli USA, "POP e' uno dei loro progetti piu' ambiziosi e complessi, con un uso sempre piu' ingente della tecnologia da parte della band, ancora una volta pero' numero uno delle classifiche di almeno mezzo mondo conosciuto, con la bellezza di sei singoli che ne vennero tratti: "Discotheque", "Staring At The Sun" (intensa e scarna ballata che torna all' "antico"), "Last Night On Earth", "Please", "If God Will Send His Angels" e "Mofo". Sara' seguito tre anni dopo da ''All that you can't leave behind''.
Euro
48,00
codice 2119867
scheda
U2 Zooropa (2lp expanded version)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1993  island / universal 
punk new wave
Doppio album in vinile 180 grammi, ristampa del 2018, rimasterizzata, corredata di inner sleeves, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura, ma con i brani del disco distribuiti su due vinili per una migliore qualita' di ascolto e due tracce aggiunte: "Lemon (The Perfecto Mix)" e "Numb (Gimme Some More Dignity Mix)". "Zooropa" e' stato il successore di "Achtung Baby"; pubblicato nel luglio del 1993, fu l' ennesimo numero uno delle classifiche di almeno mezzo mondo conosciuto per la band irlandese di Dublino. Realizzato ancora una volta con la coproduzione di Brian Eno, l'album segue in parte le sonorita' del suo predecessore, con riferimenti psichedelici, shoegazer e baggy, atmosfere notturne e spesso decadenti. Ne vennero tratti i singoli "Lemon", "Numb" e "Stay (Faraway, so close!)". Ospite il grande Johhny Cash in "The Wonderer", uno dei brani migliori di un disco che si caratterizza anche per la novita' delle sua marcate influenze dance.
Euro
42,00
codice 2120989
scheda
Ub40 Tell me is it true
12" [edizione] originale  stereo  uk  1997  virgin 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent reggae
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 724389438369, label custom multicolore con scritte nere, catalogo DEP4812. Pubblicato nell'aprile del 1997 dalla Virgin, giunto al 14esimo posto in classifica nel Regno Unito, non entrato in classifica negli USA, il singolo che contiene quattro versioni del brano che gli UB40 incisero per la colonna sonora del film "Speed 2: cruise control". "Tell me is it true" è qui presente nella versione inclusa nella colonna sonora, in "Fugees remix" prodotto da Wyclef Jean dei Fugees in chiave hip hop, uno "Sly and robbie mix", effettuato dalla celebre coppia di strumentisti e produttori reggae giamaicani Sly & Robbie, e una versione intitolata "It's true", mixata da Dave Bascombe. Celeberrimo gruppo reggae multietnico, gli UB40 si formarono a Birmingham nel 1978 attorno ai fratelli Ali e Robin Campbell. Il gruppo incentrava i suoi testi sui problemi della working class (il loro nome deriva da una pratica burocratica inglese riguardante la disoccupazione) e riscosse un notevole successo già con il primo singolo ''Food for thought'' del 1980, approdato nella top ten inglese, per poi ottenere positivi riscontri anche negli USA, dove la loro interpretazione di ''I got you babe'' di Sonny & Cher giunse nella top 30; il brano vdeva la partecipazione di Chryssie Hynde dei Pretenders. Il gruppo avrà una lunga e prolifica carriera, che li vede ancora in attività nel primo decennio del nuovo secolo.
Euro
15,00
codice 331879
scheda
Ufomammut Godlike snake (remixed)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1999  supernatural cat 
indie 2000
Ristampa in versione remixata e rimasterizzata dai nastri originali del primo storico album . Band piemontese, composta da Poia (chitarra e sint), Urlo (Basso sint e voce) e Vita (batteria), la cui musica e' un doom metal, influenzato da bands seminali come Melvins e Neurosis e da tocchi pischedelici. Il primo album, "Goodlike snake" fra stoner rock e psichedelia dura, esce nel 2000, cui segue, dopo 4 anni, "Snailking" per l'americana The Music Cartel, con un suono piu' pesante sludge e doom. Seguono successivamente "Lucifer songs" nel 2007, "Idolum" nel 2008, "Eve" nel 2010 e "Oro: Opus primum" nel 2012.
Euro
27,00
codice 2129093
scheda
Lpm [edizione] originale  stereo  uk  1998  duophonic 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
l' originale stampa inglese, copertina con barcode 5024545053364 (con adesivo Siae sul rero che indica che la copia fu distribuita in Italia), etichetta rossa con scritte bianche, catalogo DS45-19, groove messages incisi sul trail off dei due lati: "NOW ONE, NOW THE OTHER SIDE" e "WE LOVE VICTOR MATURE! PRIMED". Pubblicato nel settembre del 1998 dalla Duophonic in Gran Bretagna e dalla Bingo in Usa, questo ep e' frutto di una estemporanea collaborazione fra gli americani UI e gli inglesi Stereolab, riuniti qui sotto la sigla Uilab. L'unione dei nomi delle due band ben riassume le sonorita' del disco, in cui il minimalismo ed il pop degli Stereolab si mescolano con le preponderanti linee di basso di Sasha Frere Jones e le influenze funk degli UI, qui trasfigurate attraverso brani che talvolta sfociano nella sperimentazione. Il canto soffuso di Laetitia Sadier ondeggia sul basso di Jones e sopra ipnotici ritmi ed arpeggi di chitarra. Musicalmente il disco segue un approccio piu' ostico rispetto alla direzione presa dagli Stereolab alla fine degli anni '90, senza essere comunque abrasivo. Contiene sei brani, di cui quattro sono cover di ''St. Elmo's fire'', un brano di Brian Eno: ''St. Elmo's fire (radio)'', ''Less time'', ''St. Elmo's fire (red corona)'', ''St. Elmo's fire (spatio-dinamic)'', ''Impulse rah!'' (ispirata dal jazzista Sun Ra), ''St. Elmo's fire (snow)''.
Euro
20,00
codice 232970
scheda
lpm [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  improved sequence 
indie 90
Ristampa del 2022 del lavoro uscito originariamente nel 1996 solo in cd su Les Disques Du Soleil Et DE L'Acier, dopo "Ulan Bator" (95) e prima di "Vegetale", il secondo album. Lavoro interamente strumentale, che propone un post rock nel quale vengono fusi progressive, new wave (soprattutto nellel inee del basso) e kraut rock anni settanta: un ipotetico punto di convergenza fra Slint, Can, Neu! e Faust. Cinque tracce di una durata media di cinque minuti, che definiscono un estetica musicale austera e dilatata, in una continua aggiunta e sottrazione di strumenti, fra atmosfere post moderne e post industriali. Questo lavoro e' il primo che fece apprezzare la band oltre i confini nazionali. Gli Ulan Bator sono una band sperimentale francese, fra le piu' significative nel panorama internazionale. Nascono a Parigi nel 1993 per opera di Amaury Cambuzat (voce, chitarra e tapes) e Olivier Manchion (basso) e Frank Lantignac (percussioni e tromba), poi sostituito da Matteo Dainese. Proponendo un post rock intenso e viscerale, con elementi kraut e new wave, hanno collaborato con Michael Gira, con il Consorzio Suonatori Indipendenti, con i Faust e con Egle Sommacal dei Massimo Volume.
Euro
25,00
codice 2110892
scheda
Ultra vivid scene joy 1967-1990
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1990  4ad 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina con barcode, inner sleeve semirigida con sagomatura sul lato di apertura, label custom, catalogo CAD0005, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambe le facciate, catalogo CAD0005. Pubblicato nell'aprile del 1990 dalla 4AD in Gran Bretagna e dalla Columbia negli USA, il secondo album, successivo a ''Ultra vivid scene'' (1988) e precedente ''Rev'' (1992). Un disco dalle sonorita' piu' variegate ed ancor piu' pop rispetto all'esordio, grazie anche alla produzione di Hugh Jones, questo secondo lp del progetto di Kurt Ralske rimane apprezzato dalla critica seppure presenti testi piu' ''normali'' e meno conturbanti o disturbanti rispetto al primo lp, ed un sound piu' aperto al mainstream. Permane l'approccio musicale minimale influenzato da Velvet Underground e primi Modern Lovers, cosi' come il caratteristico stile vocale di Ralske, qui forse un po' addolcito. Il brano ''Special one'' vede oscpite alla voce Kim Deal dei Pixies (e delle Breeders). Gli Ultra Vivid Scene si formano a New York nel 1988 su impulso del cantante Kurt Ralske, personaggio con trascorsi nella scena jazz ed hardcore americana. Kurt si trasferi' in Inghilterra dove fondera' le formazioni Nothing But Happiness, autrice di un singolo e di un solo album ed i Crash, con i quali invece incidera' tre singoli ed un album. Dopo queste brevi avventure Kurt ritornera' negli Stati Uniti dove formera' gli Ultra Vivid Scene, otterra' un contratto con la 4ad e conseguentemente si traferira' nuovamente Inghilterra dove dara' inizio alla breve parabola di uno dei gruppi piu' sottovalutati ma nello stesso tempo, tra i piu' influenti protagonisti delle sonorita' che caratterizerannno i primi anni novanta. Autori di tre album che, al momento delle rispettive uscite, istantaneamente saranno disco della settimana sulle piu' note riviste inglesi, gli Ultra Vivid Scene saranno capaci di acquisire i consensi della critica specializzata ma non il successo di pubblico meritato.
Euro
20,00
codice 11068
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1992  4ad 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa inglese, copertina (con moderati segni di invecchiamento) con barcode, inner sleeve semirigida con testi e sagomatura sul lato di apertura, label custom, catalogo CAD2017, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nell'ottobre del 1992 dalla 4AD in Gran Bretagna e dalla Columbia negli USA, il terzo ed ultimo album, successivo a ''Joy 1967-1990'' (1990). Il canto del cigno del gruppo di Kurt Ralske e' forse il suo disco piu' maturo e riuscito, nel quale UVS mescola efficacemente il torbido e morboso dream pop dei lavori precedenti con sonorita' segnate dal rock classico, il tutto shakerato con la psichedelia. Episodi dal sound quasi ''jangle'' e venati di psichedelica come ''Mirror to mirror'' e ''The portion of delight'' riportano alla mente le lezione dei Byrds ma anche dei R.E.M. della seconda meta' degli anni '80, mentre ''How sweet'' e le lunghe ''Medicating angels'' e ''Blood & thunder'' fanno emergere forti influssi del sanguigno sound dei Rolling Stones degli anni 1969-1972, filtrato attraverso sonorita' ammodernate ed ancora una volta intinte nella psichedelia. Gli Ultra Vivid Scene si formano a New York nel 1988 su impulso del cantante Kurt Ralske, personaggio con trascorsi nella scena jazz ed hardcore americana. Kurt si trasferi' in Inghilterra dove fondera' le formazioni Nothing But Happiness, autrice di un singolo e di un solo album ed i Crash, con i quali invece incidera' tre singoli ed un album. Dopo queste brevi avventure Kurt ritornera' negli Stati Uniti dove formera' gli Ultra Vivid Scene, otterra' un contratto con la 4ad e conseguentemente si traferira' nuovamente Inghilterra dove dara' inizio alla breve parabola di uno dei gruppi piu' sottovalutati ma nello stesso tempo, tra i piu' influenti protagonisti delle sonorita' che caratterizerannno i primi anni novanta. Autori di tre album che, al momento delle rispettive uscite, istantaneamente saranno disco della settimana sulle piu' note riviste inglesi, gli Ultra Vivid Scene saranno capaci di acquisire i consensi della critica specializzata ma non il successo di pubblico meritato.
Euro
18,00
codice 18443
scheda
Ultra vivid scene Special one + 3
12'' [edizione] originale  stereo  uk  1990  4ad 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Bella copia con leggeri segni di invecchiamento sulla copertina, prima stampa inglese, copertina ruvida fronte retro con barcode, label custom nera e oro con particolari dello artwork di copertina diversi su ciascuna facciata, catalogo BAD0016, scritta ''MPO'' incisa sul trail off di entrambi i lati. Pubblicato nel novembre del 1990 dalla 4AD in Gran Bretagna e dalla Columbia negli USA, il singolo tratto dal secondo album ''Joy 1967-1990'' (1990). Questa versione su 12'' contiene quattro brani: ''Special one'', tratta dal sopracitato lp, brano molto influenzato da ''September gurls'' di Alex Chilton, e con KIM DEAL DEI PIXIES ospite alla voce, una lenta e narcotica ''Lightning (72bpm/4am)'', in versione diversa da quella sul sopracitato album, e gli inediti su album ''Kind of a drag'' (dalle sonorita' vicine all' hip hop) e ''A smile and a death wish''. Gli Ultra Vivid Scene si formano a New York nel 1988 su impulso del cantante Kurt Ralske, personaggio con trascorsi nella scena jazz ed hardcore americana. Kurt si trasferi' in Inghilterra dove fondera' le formazioni Nothing But Happiness, autrice di un singolo e di un solo album ed i Crash, con i quali invece incidera' tre singoli ed un album. Dopo queste brevi avventure Kurt ritornera' negli Stati Uniti dove formera' gli Ultra Vivid Scene, otterra' un contratto con la 4ad e conseguentemente si traferira' nuovamente Inghilterra dove dara' inizio alla breve parabola di uno dei gruppi piu' sottovalutati ma nello stesso tempo, tra i piu' influenti protagonisti delle sonorita' che caratterizerannno i primi anni novanta. Autori di tre album che, al momento delle rispettive uscite, istantaneamente saranno disco della settimana sulle piu' note riviste inglesi, gli Ultra Vivid Scene saranno capaci di acquisire i consensi della critica specializzata ma non il successo di pubblico meritato.
Euro
12,00
codice 321232
scheda
Ultramarine (a primary industry) Saratoga / nova scotia
7'' [edizione] originale  stereo  uk  1992  rough trade 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro, senza barcode, con vinile estraibile dall'alto e con sagomatura sul lato di apertura, allegato inserto da compilare e rispedire per iscriversi al Singles Club della Rough Trade, label bianca con foro centrale piccolo, scritte nere e logo Rough Trade Singles Club in alto a destra, catalogo 45REV7. Pubblicato nell'aprile del 1992 dalla Rough Trade in Gran Bretagna, per il Rough Trade Singles Club, questo singolo segui' il secondo album ''Every man and woman is a star'' (1991). Contiene due brani, inediti sulla prima versione del sopracitato album, ma poi inseriti nella seconda stampa del 1992: ''Saratoga'' e ''Nova scotia'', brani scanditi da ritmiche ballabili che fondono con eleganza funk, elementi elettronici e melodie jazzate, vicine al soul jazz nella b-side. Originalissimo gruppo che fuse con successo sonorita' elettroniche di origine house con atmosfere pastorali ed influssi di scene come quella dei gruppi inglesi della scena di Canterbury degli anni '60/'70 (collaborarono fra l'altro con Robert Wyatt e Kevin Ayers), gli Ultramarine ebbero la loro origine dagli A Primary Industry. Formatisi nel 1984 a Chelmsford in Inghilterra, gli A Primary Industry erano artefici di un oscuro ed atmosferico incrocio fra post punk, sperimentazione e industrial. Pubblicarono una manciata di singoli ed ep, oltre ad un album, ''Ultramarine'' (1986), ed a un mini lp, ''Wyndham lewis'' (1988), prima cambiare nome in Ultramarine intorno al 1989, mantenendo inizialmente buona parte della formazione, con l'aggiunta di qualche nuovo componente. Gli Ultramarine pubblicarono interessanti lavori per circa un decennio, prendendosi poi un lungo periodo di pausa per tornare sulle scene intorno al 2011.
Euro
8,00
codice 328155
scheda

Page: 137 of 147


Pag.: oggetti: