Hai cercato:  dall'anno 60 all'anno 69 --- Titoli trovati: : 3490
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Who tommy - live at the royal albert hall
lp3 [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  eagle / universal 
rock 60-70
triplo album ufficiale, copertina apribile ruvida; realizzato (splendidamente) nell' ottobre del 2017, testimonia nella sua interezza il concerto eseguito dalla storica band inglese l' 1 aprile del 2017, alla Royal Albert Hall di Londra, occasione nella quale gli Who eseguirono per la prima volta, nella sua interezza, la loro leggendaria opera rock "Tommy", in occasione della partecipazione all' evento benefico annuale Teenage Cancer Trust (a cui sono devoluti anche i proventi della vendita di questo disco, come indicato sul retrocopertina); oltre ai brani di "Tommy", che, in ordine leggermente modificato, occupano i primi due dischi, la band concede al pubblico una manciata di brani tra i suoi piu' classici, sette in tutto, che occupano le due facciate de terzo disco. Ecco la lista completa dei brani: 1.Introduction 2. Overture 3. It’s A Boy 4. 1921 5. Amazing Journey 6. Sparks 7. Eyesight To The Blind (The Hawker) 8. Christmas 9. Cousin Kevin 10. The Acid Queen 11. Do You Think It’s Alright? 12. Fiddle About 13. Pinball Wizard 14. There’s A Doctor 15. Go To The Mirror! 16. Tommy Can You Hear Me? 17. Smash The Mirror 18. Underture 19. I’m Free 20. Miracle Cure 21. Sensation 22. Sally Simpson 23. Welcome 24. Tommy’s Holiday Camp 25. We’re Not Gonna Take It 26. I Can’t Explain 27. Join Together 28. I Can See For Miles 29. Who Are You 30. Love, Reign O’er Me 31. Baba O’Riley 32. Won’t Get Fooled Again
Euro
44,00
codice 3019034
scheda
Who tommy - live in amsterdam 1969
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1969  1960s / rhythm and Blues 
rock 60-70
copertina flipback su due lati sul retro; pubblicato nell' aprile del 2020, questo album contiene la seconda parte dell' esibizione dal vivo effettuata dal gruppo inglese il 29 settembre del 1969 presso il Concertgebow di Amsterdam, Olanda, concerto trasmesso anche radiofonicamente e di notevole qualita' sonora, noto per essere tra le migliori testimonianze live mai registrate della storica band, che da qualche mese aveva pubblicato la sua leggendaria rock opera "Tommy". La prima parte del concerto era stata pubblicata dalla stessa etichetta 1960's nel gennaio 2020, con titolo "Live In Amsterdam 1969". Questa la lista dei brani contenuti: A1 Overture A2 It’s A Boy A3 1921 A4 Amazing Journey A5 Sparks A6 Eyesight To The Blind A7 Christmas A8 The Acid Queen B1 Pinball Wizard B2 Do You Think It’s Alright? B3 Fiddle About B4 Tommy Can You Hear Me? B5 There’s A Doctor B6 Go To The Mirror B7 Smash The Mirror B8 Miracle Cure B9 Sally Simpson B10 I’m Free B11 Tommy’s Holiday Camp B12 We’re Not Gonna Take It.
Euro
23,00
codice 3025042
scheda
Who tommy (laminated cover + numbered booklet)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  Track 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima assai rara stampa inglese del doppio album, ormai molto rara con l' originaria copertina (con qualche segno di invecchiamento) apribile in tre parti LAMINATA esternamente (solo le primissime copie inglesi avevano la laminaura), pressata da "Ernest J. Day" come indicato sul retro, ed inoltre CORREDATA DELL' ORIGINARIO LIBRETTO di 12 pagine con testi e disegni CHE E' NELLA INTROVABILE VERSIONE NUMERATA (questa la copia numero 68938), in cui nella prima pagina in basso, accanto alla scritta ''limited edition number'', compare appunto la numerazione (solo un piccolo quantitarivo della prima stampa laminata del disco aveva la numerazione), etichetta nera opaca e scura (e non tendente al grigio) con scritte argento, con "ST 33" in due cerchi a destra, con "Double Album" a sinistra, senza "Set No. 2657-002" a destra, crediti in basso "Fabulous Music" e "Jewel Music" sulla prima facciata, "Fabulous Music" e "New Action Music" sulle altre; trail off matrix "...A//1", "...B//1", "...A//1" e "B//1" sulle rispettive facciate. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1969 dopo ''The Who Sell Out'' e prima di ''Live at Leeds'', giunto al numero 2 delle classifiche inglesi ed al numero 4 di quelle USA. Il quarto album. Divenuto successivamente musical e film con la regia di Ken Russell, e' la la piu' celebre delle opere rock , con soggetto un ragazzo cieco sordo e muto, fu il disco che trasporto' la band nell' olimpo delle leggende della musica moderna, scritta perlopiu' da Pete Townshend e stroncata dalla critica alla sua uscita, per poi, dopo trenta anni, inserirla nei 100 albums di tutti i tempi , e' sempre stato un disco controverso, difficile da assorbire completamente, come tutti i doppi, accusato di essere pretenzioso, barocco, autoreferenziale, risponde alle critiche proponendo brani del calibro di ''It's a Boy'', ''The Acid Queen'', "I'm Free", "Pinball Wizard", "Sensation", "Christmas", "We're Not Gonna Take It", ''Tommy Can You Hear Me'', lo strumentale di 10 minuti "Underture", solo per citarne alcuni. Il disco, anche se ''S.F. Sorrow'' dei Pretty Things fu pubblicato nel dicembre del 1968, e quindi NON e' la prima rock opera della storia, apri' nuove possibilita' narrative alla musica rock, ed a dispetto dell'incredibile complessita' della storia e della musica, gli Who non vennero meno alla loro principale caratteristica, ovvero la creazione di eccezionali brani pop con un' energia ed una originalita' che li ponevano su un piano che poco aveva a che fare con i loro contemporanei, certamente uno dei massimi simboli del rock degli anni '70 ed uno degli albums piu' celebri e celebrati di ogni epoca. Un' opera dal fascino e dalla fama assolutamente meritata ed un ascolto immancabile per chiunque, a prescindere dai gusti musicali.
Euro
250,00
codice 242632
scheda
Who tommy (laminated cover + numbered booklet)
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1969  Track 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
prima assai rara stampa inglese del doppio album, ormai molto rara con l' originaria copertina (con lievi segni di invecchiamento; inoltre la copia ha una piccola abrasione sull' etichetta di due lati) apribile in tre parti LAMINATA esternamente (solo le primissime copie inglesi avevano la laminaura), pressata da "Ernest J. Day" come indicato sul retro, ed inoltre CORREDATA DELL' ORIGINARIO LIBRETTO di 12 pagine con testi e disegni CHE E' NELLA INTROVABILE VERSIONE NUMERATA (questa la copia numero 23728), in cui nella prima pagina in basso, accanto alla scritta ''limited edition number'', compare appunto la numerazione (solo un piccolo quantitarivo della prima stampa laminata del disco aveva la numerazione), etichetta nera opaca e scura (e non tendente al grigio) con scritte argento, con "ST 33" in due cerchi a destra, con "Double Album" a sinistra, senza "Set No. 2657-002" a destra, crediti in basso "Fabulous Music" e "Jewel Music" sulla prima facciata, "Fabulous Music" e "New Action Music" sulle altre; trail off matrix "...A//1", "...B//1", "...A//1" e "B//1" sulle rispettive facciate. Pubblicato in Inghilterra nel maggio del 1969 dopo ''The Who Sell Out'' e prima di ''Live at Leeds'', giunto al numero 2 delle classifiche inglesi ed al numero 4 di quelle USA. Il quarto album. Divenuto successivamente musical e film con la regia di Ken Russell, e' la la piu' celebre delle opere rock , con soggetto un ragazzo cieco sordo e muto, fu il disco che trasporto' la band nell' olimpo delle leggende della musica moderna, scritta perlopiu' da Pete Townshend e stroncata dalla critica alla sua uscita, per poi, dopo trenta anni, inserirla nei 100 albums di tutti i tempi , e' sempre stato un disco controverso, difficile da assorbire completamente, come tutti i doppi, accusato di essere pretenzioso, barocco, autoreferenziale, risponde alle critiche proponendo brani del calibro di ''It's a Boy'', ''The Acid Queen'', "I'm Free", "Pinball Wizard", "Sensation", "Christmas", "We're Not Gonna Take It", ''Tommy Can You Hear Me'', lo strumentale di 10 minuti "Underture", solo per citarne alcuni. Il disco, anche se ''S.F. Sorrow'' dei Pretty Things fu pubblicato nel dicembre del 1968, e quindi NON e' la prima rock opera della storia, apri' nuove possibilita' narrative alla musica rock, ed a dispetto dell'incredibile complessita' della storia e della musica, gli Who non vennero meno alla loro principale caratteristica, ovvero la creazione di eccezionali brani pop con un' energia ed una originalita' che li ponevano su un piano che poco aveva a che fare con i loro contemporanei, certamente uno dei massimi simboli del rock degli anni '70 ed uno degli albums piu' celebri e celebrati di ogni epoca. Un' opera dal fascino e dalla fama assolutamente meritata ed un ascolto immancabile per chiunque, a prescindere dai gusti musicali.
Euro
360,00
codice 235295
scheda
Who Who live in london, paris and... felixstowe 1965-66-67
Lp [edizione] nuovo  mono  uk  1965  1960s / rhythm & blues 
rock 60-70
Copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, catalogo R&B78. Pubblicato nel 2020 dalla 1960s Records / Rhythm & Blues, questo album contiene registrazioni dal vivo effettuate fra il 1965 ed il 1967, nel Regno Unito ed in Francia, per lo più per trasmissioni radiofoniche e televisive, nel primo vivacissimo per quanto acerbo periodo della grande band inglese, interprete allora di un grezzo e potentissimo mod sound e poi via via più ambizioso e poliedrico, come testimoniato dagli album del 1966 e del 1967, "A quick one" e "Sell out"; in queste performance predomina comunque il loro lato pià energico e diretto, attraverso molteplici versioni di classici come "My generation" e "Subsitute" ad oscurità come "You rang?". Questa la scaletta: "Substitute" (ORTF Music Hall de France, 31/3/66), "Man With Money" (ORTF Music Hall de France, 31/3/66), "Dancing In The Street" (ORTF Music Hall de France, 31/3/66), "Barbara Ann" (ORTF Music Hall de France, 31/3/66), "My Generation" (ORTF Music Hall de France, 31/3/66), "Daddy Rolling Stone" (Shindig, 3/8/65), "Happy Jack" (Beat Club, The Marquee, Londra, 2/3/67), "My Generation" (Beat Club, The Marquee, Londra, 2/3/67), "So Sad About Us" (BBC Saturday Club, 13/9/66), "I’m A Boy" (Pier Pavilion Felixstowe, 18/10/66), "Substitute" (Pier Pavilion Felixstowe, 18/10/66), "My Generation" (Pier Pavilion Felixstowe, 18/10/66), "Shout & Shimmy" (Ready Steady Go!, 5/11/65), "Man With Money" (Ready Steady Go!, 5/11/65), "My Generation" (Ready Steady Go!, 5/11/65), "Jingle Bells" (Ready Steady Go!, 17/12/65), "You Rang?" (BBC Saturday Club, 15/3/66).
Euro
27,00
codice 3513822
scheda
Who - jimi hendrix backtrack 3 (Singoli 1966/67)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  track 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima stampa inglese, copertina in cartoncino semilucido fronte e retro, etichetta nera con scritte e logo argento, con "ST 33" in due cerchi a destra. Pubblicata nel 1970, questo terzo volume della serie di raccolte "Backtrack" contiene registrazioni del 1966 e del 1967, perlopiu' tratte da singoli, talvolta inedite su album, in alcuni casi in versioni stereo edite qui' per la prima volta, visto che il primo album di Hendrix ed i primi due degli Who uscirono originariamente, almeno in Inghilterra, solo in mono. Ecco la scaletta : lato A (dedicato agli Who): Substitute (Singolo del 3/66, inedita all' epoca su album se non nella raccolta "Direct Hits" del '68), Run, run, run (dal secondo album "A Quick One", 12/66 ) I'm a boy (Singolo del 8/66, inedita su album all' epoca se non nella raccolta "Direct Hits"), Whiskey man (Singolo 3/67, tratto dal secondo album "A Quick One"), Happy jack (Singolo del 12/66, e nella raccolta "Direct Hits"), So sad about us (dal secondo album). Lato B (dedicato a Jimi Hendrix): Hey joe (Singolo 12/66, inedito su album fino alla raccolta "Smagh Hits" del 1968), I don't live today (dal primo album "Are You experienced", 5/6), Purple haze (Singolo, 3/67, e poi su "Smash Hits"), Can you see me (dal primo album), The wind cries mary (Singolo, 8/67, e poi su "Smash Hits"), Stone free (Singolo, 12/66, poi su "Smash Hits").
Euro
35,00
codice 108889
scheda
Who - jimi hendrix backtrack 3 (Singoli 1966/67)
lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  track 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima stampa inglese, copertina (con giusto lievi segni di invecchiamento) in cartoncino semilucido fronte e retro, etichetta nera con scritte e logo argento, con "ST 33" in due cerchi a destra. Pubblicata nel 1970, questo terzo volume della serie di raccolte "Backtrack" contiene registrazioni del 1966 e del 1967, perlopiu' tratte da singoli, talvolta inedite su album, in alcuni casi in versioni stereo edite qui' per la prima volta, visto che il primo album di Hendrix ed i primi due degli Who uscirono originariamente, almeno in Inghilterra, solo in mono. Ecco la scaletta : lato A (dedicato agli Who): Substitute (Singolo del 3/66, inedita all' epoca su album se non nella raccolta "Direct Hits" del '68), Run, run, run (dal secondo album "A Quick One", 12/66 ) I'm a boy (Singolo del 8/66, inedita su album all' epoca se non nella raccolta "Direct Hits"), Whiskey man (Singolo 3/67, tratto dal secondo album "A Quick One"), Happy jack (Singolo del 12/66, e nella raccolta "Direct Hits"), So sad about us (dal secondo album). Lato B (dedicato a Jimi Hendrix): Hey joe (Singolo 12/66, inedito su album fino alla raccolta "Smagh Hits" del 1968), I don't live today (dal primo album "Are You experienced", 5/6), Purple haze (Singolo, 3/67, e poi su "Smash Hits"), Can you see me (dal primo album), The wind cries mary (Singolo, 8/67, e poi su "Smash Hits"), Stone free (Singolo, 12/66, poi su "Smash Hits").
Euro
28,00
codice 106750
scheda
Wichita fall Life is but a dream
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  liberty 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa inglese del 1969, copertina laminata fronte retro con printer MacNeill Press Ltd., label Liberty bicolore azzurra e blu, logo bianco e blu a sinistra, scritte blu lungo il bordo e nere al centro, catalogo LBS83208. Pubblicato nel 1968 dalla Imperial negli USA e l'anno successivo dalla Liberty nel Regno Unito, l'unico album di questa poco conosciuta band americana composta da Larry Watson (basso), David Roush (chitarra, voce), Len Feigin (batteria) e Philip Black (chitarra acustica, voce) fu inciso con un ricco budget che permise l'impiego della prestigiosa sezione archi della Los Angeles Philharmonic Orchestra, arrangiati dallo stimato Artie Butler, ma le sorti commerciali dell'album furono un fiasco, e contribuirono con ogni probabilità a segnare il destino della band. "Life is but a dream" è un lavoro accostato al sunshine pop losangelino dell'epoca, ma presenta anche influenze dei Moody Blues di "Days of the future passed" o dei Beatles più orchestrali (ad esempio quelli di "She's leaving home", ma i Wichita Fall non hanno il talento visionario e psichedelico dei Fab Four): una musica molto zuccherina ed assolutamente pop, barocca e riccamente arrangiata, dall'andamento lento o in mid tempo, guidata da armonie vocali avvolgenti e rilassate, lontana dalle eccentricità psichedeliche. Pubblicarono pure due singoli nel 1969, mostrandovi anche qualche spunto folk pop.
Euro
40,00
codice 333538
scheda
Wiggins spencer Goldwax years
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  kent soul 
soul funky disco
Label bianca e nera con scritte nere, bianche e marroncine chiare, catalogo KENT511. Pubblicata nel 2018 dalla Kent Soul, questa raccolta compila brani tratti dai singoli ed dall'unico lp del cantante soul Spencer Wiggins, usciti fra il 1965 ed il 1968 (i singoli) e nel 1977 (l'album, contenente pero' materiale inciso negli anni '60). Nativo di Memphis, Tennessee, Spencer Wiggins e' stato un ottimo cantante di soul sudista, rimasto pero' relegato allo status di culto, senza mai raggiungere il livello di successo di un suo illustre collega accasatosi anch'esso alla Goldwax, James Carr. L'etichetta di Memphis pubblico' otto singoli di Wiggins nella seconda meta' degli anni '60, ottimi esempi di sanguigno soul sudista, in alcuni casi con originali venature country (''Take me just as I am'', ''Old friend''), senza pero' riuscire ad entrare nelle classifiche r'n'b; il cantante se la cavava bene anche nelle ballate. Nel 1977 una label giapponese, la Vivid Sound, pubblico' quello che rimase il suo unico album, di fatto una raccolta di vecchi brani degli anni '60 usciti su Goldwax, con il titolo di ''Soul city U.S.A.''. Questa raccolta del 2018 su Kent Soul propone a sua volta un set di brani del periodo su Goldwax, tratti da singoli ed in due casi dal sopracitato lp del 1977. Questa la scaletta: SIDE 1: 1. I NEVER LOVED A WOMAN (THE WAY I LOVE YOU) (singolo, 1969) 2. OLD FRIEND (YOU ASKED ME IF I MISS HER) (singolo, 1966) 3. UP TIGHT GOOD WOMAN singolo, 1967) 4. THAT'S HOW MUCH I LOVE YOU (singolo, 1968) 5. TAKE ME JUST AS I AM (singolo, 1966) 6. I'M A POOR MAN'S SON (singolo, 1968) 7. LONELY MAN (singolo, 1967) SIDE 2: 1. HE'S TOO OLD (singolo, 1968) 2. ANYTHING YOU DO IS ALRIGHT (singolo, 1967) 3. I'LL BE TRUE TO YOU (dall'album ''Soul city USA'', 1977) 4. SWEET SIXTEEN (dalla compilation ''Goldwax collection vol. 2'', 1977) 5. THE POWER OF A WOMAN (singolo, 1967) 6. LOVER'S CRIME (singolo su Bandstand, 1965) 7. ONCE IN A WHILE (IS BETTER THAN NEVER AT ALL) (singolo, 1968).
Euro
20,00
codice 3510966
scheda
Wigwam Complete love records singles 1969-1975
7"BOX [edizione] nuovo  stereo  fin  1969  svart 
rock 60-70
Edizione limitata a 300 copie in vinile nero (altre 200 sono in vinile blu), cofanetto in cartoncino grezzo, senza codice a barre, flipback su di un lato sul retro, con vinili estraibili dall'alto e con sagomatura sul lato di apertura, contenente libretto, poster e sei 7'', ciascuno custodito in una copertina con artwork, catalogo SRE162. Pubblicato nel 2018 dalla Svart, questo cofanetto compila tutti e cinque i singoli degli Wigwam usciti su Love Records fra il 1969 ed il 1975, oltre ad un raro singolo uscito nel 1970 sempre su Love, split fra due importanti artisti finlandesi dell'epoca, l'attore e musicista Vesa-Matti Loiri ed il cantautore Pepe Willberg. Come molti altri gruppi dediti principalmente al rock progressivo, gli Wigwam pubblicarono pochi singoli negli anni '60 e '70, che rimangono pero' capitoli interessanti nella loro discografia in quanto per la maggior parte inediti su lp e piuttosto rari. Questa la scaletta, con date originarie di pubblicazione: 1A. Must Be The Devil 1B. Greasy Kids' Stuff (3/69); 2A. Luulosairas 2B. Henry's Highway Code (12/69); 3A. Pedagogi 3B. Häätö (7/70); 4A. Freddie Are You Ready 4B. Kite (5/75); 5A. Tramdriver 5B. Wardance (12/75); 6A. Vesa-Matti Loiri: Syyslaulu (Tombstone Valentine) 6B. Pepe Willberg: Ajatukset (Wishful Thinker) (12/70). Gli Wigwam, il piu' famoso gruppo rock finlandese degli anni '70, si formarono ad Helsinki nel 1969 su impulso di Jukka Gustavson (voce, tastiere) e dell'inglese Jim Pembroke (voce, piano, chitarra), stabilitosi in Finlandia dal 1965; entrambi componevano brani per il gruppo, mostrando un particolare contrasto nello stile sia dei testi che delle musiche. Il loro primo album ''Hard'n'horny'' usci' nel 1969, seguito nel 1970 da ''Tombstone valentine'', prodotto da nientemeno che Kim Fowley, e nel 1971 da uno dei loro lavori piu' considerati, ''Fairyport'', che mostrava anche elementi jazz rock nel loro prog rock. La loro carriera prosegui' nel corso del decennio, avvicinandosi progressivamente al mainstream, e pubblicando alcuni lavori anche in Gran Bretagna.
Euro
70,00
codice 3511255
scheda
Wild cherries 16 Pounds of r&b
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  groovie 
rock 60-70
Copertina senza codice a barre, inserto con foto e note, catalogo GROO061LP. Pubblicata nel 2017 dalla Groovie Records, questa raccolta compila sedici brani registrati in studio e dal vivo fra il 1965 ed il 1966, e gia' apparsi una prima volta su cd nel 2007 all'interno della raccolta ''That's life'', pubblicata in Australia dalla Half A Cow. Le registrazioni risalgono quindi al periodo precedente quello dei loro pochi ottimi ed anticonvenzionali singoli, usciti nel 1967 / 68 e divenuti leggendari oggetti di culto in ambito garage e punk / r'n'b. Questo gruppo, dalla fama leggendaria, nacque come blues band nel 1964 a Melbourne, suonando nei suoi primi anni un energico beat / garage / r'n'b accostato a gruppi come Rolling Stones e Yardbirds, poi con l'ingresso in formazione del chitarrista Lobby Loyde nel 1967, il loro stile si fece piu' originale, selvaggio e psichedelico, fruttando quattro eccellenti e consideratissimi singoli su Festival fra il 1967 ed il 1968, le cui A-sides fondevano psichedelia, garage, soul e proto hard rock con risultati sul livello dei primi MC5 o dei Pretty Things: quei singoli rimangono fra le produzioni piu' innovative del rock australiano degli anni '60. Lo scarso successo porto' presto allo sfaldamento della formazione, che si sciolse intorno al 1969; il batterista Keith Barber si uni' ai neozelandesi La De Das, il cantante Danny Robinson entro' nel trio vocale Virgil Brothers. Loyde riformo' brevemente nel 1971 i Wild Cherries con un organico a tre, pubblicando un ultimo singolo in uno stile piu' vicino all' hard rock, sciogliendo definitivamente il gruppo nel 1972 ed unendosi ai Coloured Balls. Questa raccolta ''16 pounds of r'n'b'' compila brani registrati prima dell'arrivo di Loyde in formazione, e documenta un periodo ancora formativo per la band (non a caso quasi tutti i brani sono cover), qui all'opera con un sound piu' vicino al beat ed allo r'n'b, accostato dalla critica a Stones e Yardbirds, ed influenzato dai padri del rock'n'roll come Chuck Berry e Bo Diddley. Questa la scaletta: ''Without you'', ''Comming home baby'' (registrazioni di meta' 1965); ''Tobacco road'', ''Worried blues'', ''You don't love me'' (registrazioni del tardo 1965); ''Get out of my life'', ''Bye bye bird'' (registrazioni di inizio 1966 ai Trend Studios di Melbourne); ''Without you'', ''I'm your kingpin'', ''Mad man blues'', ''Tobacco road'', ''Parchman farm'', ''Smokestack lightning'', ''My generation'', ''Ain't got you'', ''Baby please don't go'' (brani registrati dal vivo al Fat Black Pussycat, 19/2/66).
Euro
19,00
codice 3510112
scheda
Wilde flowers (soft machine) wilde flowers (1964-1967 demos)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  tiger bay 
rock 60-70
Ristampa del 2018, in vinile 180 grammi, copertina lucida apribile senza barcode; realizzati in vinile per la prima volta dalla Vinyl Lovers nel 2009 (resi pubblici per la prima volta in cd nel 1994), gli storici demos (1964-1967), del piu' che leggendario gruppo che dette vita alla scena Canterbury della seconda meta' degli anni '60, la band, che non ha mai fatto uscire alcunche' durante la propria esistenza, includeva: Robert Wyatt, Kevin Ayers, Hugh Hopper (tutti poi nei Soft Machine), insieme ai futuri membri dell' altra band leader del movimento Canterbury, i Caravan (David Sinclair, Richard Sinclair, Pye Hastings, Richard Coughlan, Brian Hopper). Il materiale presente e' vicinissimo ai primi Soft Machine ed in particolare all' inedito esordio del 1967. L'album include 19 tracce, alcune delle quali registrate in realta' dagli Zobe di Brian Hopper, altro storico progetto che non partori' alcun reperto discografico. Questa la lista dei brani: Lato 1: Impotence 2. Those Words They Say 3. Don't Try To Change Me 4. Parchman Farm 5. Almost Grown 6. She's Gone 7. Slow Walkin' Talk 8. He's Bad For You 9. It's What I Feel (A Certain Kind) 10. Never Leave Me 11. Just Where I Want Lato 2: 1. Time After Time 2. No Game When You Lose 3. Why Do You Care 4. The Pieman Cometh 5. Summer Spirit 6. She Loves To Hurt 7. The Big Show 8. Memories.
Euro
29,00
codice 2103338
scheda
Wilden Gert/ soundtrack i told you not to cry
lp [edizione] originale  stereo  ger  1967  crippled 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soundtracks
Prima stampa Tedesca degli anni ''80, copertina apribile in cartoncino liscio fronte retro ed all'interno completa di innner sleeve, etichetta custom. Si tratta di un album che raccoglie le migliori colonne sonore tratte dai film Thriller Tedeschi usciti tra il 1966 ed il 1972.
Euro
22,00
codice 49469
scheda
Wilkins robert (blues) Worried blues (aka remember me)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1969  fat possum 
blues rnr coun
Allegato codice per il download digitale dell'album, catalogo FP1603-1. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2017 ad opera della Fat Possum, l'album postumo originariamente uscito nel 1993 solo in cd su Genes, con il titolo di "Remember me". "Worried blues" contiene tredici brani, dodici dei quali registrati nel 1971 negli studi Urban Sound Recordingds di Bethesda, Maryland, da Dick Drevo e Gene Rosenthal, mentre l'ultimo, "In the army of the lord", fu registrato dal vivo nel 1969 al Festival Country Blues di Memphis. Il venerabile bluesman, settantacinquenne all'epoca di queste incisioni, offre una musica acustica ancora potentissima e suonata con ispirazione e convinzione, alimentata anche dall'impeto spirituale e religioso che aveva sorretto per decenni la vita e la musica di Wilkins. Questa la scaletta: "Jesus Said If You Go", "(Jesus Will Fix It) Alright", "You Gotta Move", "Streamline Frisco Limited", "Pray For Me", "Don’t Let Nobody Turn You ‘Round", "Why Don’t You Do It", "Just A Closer Walk With Thee", "Rock Of Ages", "…Remember Me", "You’ve Got To Stand Your Test In Judgement", "When The Saints Go Marching In", "In The Army Of The Lord". Bluesman di origini afroamericane e cherokee, Robert Wilkins (1896-1987) nacque a Hernando nel Mississippi. Il suo patrigno fu il chitarrista Tim Oliver, che gli dette i primi insegnamenti musicali, e presto Wilkins si dedicò alla vita del bluesman, guadagnandosi da vivere suonando a feste ed in locali. Trasferitosi a Memphis poco più che ventenne, incise alcuni 78 per la Victor e per la Vocalion fra la fine degli anni '20 ed i primi anni '30, fra cui la storica ''That's no way to get along'' che i Rolling Stones avrebbero poi trasformato in ''Prodigal son'' alla fine degli anni '60. Preso da ispirazione religiosa, si fece reverendo e si dedicò alla musica religiosa come il gospel, prima di essere riscoperto, come altri storici interpreti del blues, negli anni '60, tornando a suonare anche musica secolare.
Euro
27,00
codice 3512820
scheda
Wilkinson tri-cycle wilkinson tri-cycle
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1969  date 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
La prima molto rara stampa americana, copertina (con lievi segni di invecchiamento) cartonata, con grande adesivo "STP" sul retro (il noto marchio di olio per auto all' epoca sponsorizzava molte uscite musicali, con allegati adesivi o trasferibili con il suo logo) etichetta Date verde; l' unico interessantissimo album pubblicato nel 1969 dalla band americana di Long Island, New York, disco trascurato per decenni ma da qualche tempo doverosamente riscoperto. Registrato in una essenziale formazione a tre, questo lavoro prodotto da Warren Schatz e Stephen Shlacks (produttori di gruppi come Banchee e Yesterday's Children, tra gli altri) rivela un genuino talento, che sa esprimersi tanto in brani di fattura quasi beatlesiana quanto in episodi piu' chitarristici e graffianti, passando quindi dal pop psichedelico ad un rock psichedelico non privo di spunti quasi heavy, con una buona cover di "Leavinì Trunk" di Sleepy John Estes che pero' non fornisce certo la chiave di lettura piu' corretta dell' opera, ed alcuni episodi davvero particolarmente meritevoli di nota come l' acustica "David's Rush", arricchita da un efficace arrangiamento d' archi, o l' iniziale "What Of I", coverizzata poi dai gia' citati Yesterday's Children.
Euro
60,00
codice 227585
scheda
William penn fyve swami / blow my mind
7" [edizione] nuovo  mono  usa  1966  thunderbird 
rock 60-70
singolo in formato 7", ristampa pressoche' identica alla prima enormemente rara tiratura, con copertina neutra, ed etichetta arancio e bianca, con foro al centro largo. Pubblicato nel 1966 per l' etichetta newyorlese Thunderbird, l' unico singolo accreditato ai William Penn Fyve, gruppo californiano di San Mateo che vedeva la presenza all' organo di Gregg Rolie, poi tastierista nel gruppo di Santana e nei Journey. Ma non e' certo per gli importanti nomi a cui sara' legato Rolie che va ricordato questo singolo, ma per la sua notevole bellezza, particolarmente quella di una splendida facciata A, con la memorabile "Swami" capace di mettere insieme pulsioni garagey e psichedeliche, con influenze orientaleggianti, ed una splendida chitarra distorta che attraversa tutto il brano ed esplode in un solo straordinario; sul retro "Blow Mi Mind" e' piu' tesa ed aggressiva, confermando sebbene in modo non altrettanto eclatante la statura del gruppo, in cui oltre alla sempre bellissima chitarra spicca anche qui l' organo di Rolie.
Euro
10,00
codice 2071770
scheda
Williams larry larry williams show with j. g. w.
lp [edizione] ristampa  mono  uk  1965  edsel 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent soul funky disco
Titolo completo '' larry williams show with johnny guitar watson'' ristampa inglese degli anni '80, copertina lucida fronte retro senza barcode, etichetta gialla con logo e scritte nere. Pubblicato in In Usa nel 1965 dopo '' Here's larry williams'' e prima di ''live''. Il secondo album. Celeberrimo rock & roll singer, Larry Williams ha avuto il suo momento di maggiore popolarita' negli anni '50 con l'uscita di classici quali "Bony Maroney," "Dizzy, Miss Lizzy," "Short Fat Fannie," "Bad Boy," "She Said Yeah" , molti registrati dai gruppi della British Invassion, tra tutti John Lennon, in particolare, fu un suo grande fan e registro' molti suoi brani. Nato a New Orleans, Williams inizia a suonare il piano, quando la famiglia si sposta a Oakland, California, forma il suo primo gruppo R&B, i Lemon Drops. Nel 1954, torna a New Orleans e qui incontra Lloyd Price, che lo introduce alla Specialty di Robert "Bumps" Blackwell, proprio quando l'etichetta perde Little Richard, che si dedica alla ''carriera'' di predicatore. Esce il suo primo singolo "Just Because," con la backing band di Richard esce poi "Just Because" , seguito da "Short Fat Fannie," "Bony Maronie," "You Bug Me, Baby" e "Dizzy Miss Lizzy," i suoi dischi divengono popolarissimi in Inghilterra ed i Beatles registreranno entrmbi i lati del suo 45 "Dizzy Miss Lizzy" / "Slow Down". nel 1959, Williams viene arrestato per possesso di droga e la Specialty lo licenzia, tornera' in pista con Chess, Mercury, Island e Decca. Intorno alla meta' degli anni '60 si asocia a Johnny "Guitar" Watson e i due registrano per la OKeh Records , tra i brani "Mercy, Mercy, Mercy" e "Nobody," reguistrata con i Kaleidoscope nel 1968. Tra il 1968 ed il 1978, Williams lascia praticamente la musica, registrando pero' un notevole album di Funky, morira' a casa sua a Los Angeles per uno sparo alla testa, pare ucciso per questioni di droga, prostituzione e crimini vari.
Euro
23,00
codice 44369
scheda
Williams robert pete Louisiana blues (brown vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1966  4 men with beards 
blues rnr coun
Ristampa limitata in 600 copie, in vinile marrone, copertina cartonata senza codice a barre, pressoche' identica alla prima tiratura, originariamente pubblicata dalla Takoma di John Fahey negli anni '60, libretto di otto pagine con lunghe note su Williams. Inciso in studio nel luglio del 1966 a Berkeley in California, dove Williams si era recato per partecipare al locale festival folk, l'album mostra un potente (nello spirito) blues acustico. Questa la scaletta: ''Somebody help poor me'', ''Freight-train blues'', ''It's hard to tell'', ''I'm going down slow'', ''Motherless children have a hard time'', ''Ugly'', ''So long boogie'', ''This is a mean old world to me'', ''High as I want to be'', ''It's a long old road''. Musicista della Louisiana, molto originale nell'ambito del blues rurale del sud degli USA, Robert Pete Williams (1914-1980) era in possesso di un peculiare stile chitarristico, basato su accordi che davano toni quasi astratti alle sue canzoni ma che nascondevano una forte tensione ed un genuino spirito blues. Scoperto nella seconda meta' degli anni '50 dai musicologi Harry Oster e Richard Allen nella prigione di Angola, dove stava scontando l'ergastolo dopo essere rimasto coinvolto in un omicidio, Williams ottenne la scarcerazione nel 1959 e riprese ad esibirsi in pubblico, inizialmente in Louisiana e poi, dopo un'apprezzata apparizione al festival di Newport nel 1964, nel resto degli Stati Uniti (spesso insieme a Mississippi Fred McDowell) ed infine anche in Europa.
Euro
22,00
codice 3026203
scheda
Williams teddy Worry off my mind
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1967  big legal mess 
blues rnr coun
Allegato codice per il download dell'album da internet, inner sleeve, catalogo BLM0539. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2017 ad opera della Big Legal Mess, l'album originariamente pubblicato una decina di anni prima solo in formato CDr dalla Fat Possum. Si tratta di storiche registrazioni, tratte dalla collezione di George Mitchell, scrittore, storico musicale e fotografo che ha registrato su nastro molti bluesmen del Sud, sia oscuri che prestigiosi, fra i primi anni '60 ed i primi anni '80. Questo album fu registrato nel settembre del 1967 a Canton, nel Mississippi, dove al tempo risiedeva Teddy Williams, un vecchio bluesman nato nel 1903, amico di Do-Boy Diamond, altro bluesman conosciuto per lo piu' solo dai cultori, e probabilmente influenzato dallo stesso Williams. Quest'ultimo, originario del Mississippi occidentale, imparo' il blues ascoltando le esibizioni di altri musicisti e comincio' a suonare la chitarra in eta' relativamente avanzata, superati ormai i trent'anni; si esibiva per lo piu' in feste casalinghe nelle campagne del Sud, ma per un periodo suono' anche a Chicago. In questo album lo possiamo ascoltare in eta' avanzata, con un'ottima qualita' sonora, cantare e suonare in solitudine la chitarra acustica, esprimendo un delta blues dallo spirito fortemente rurale e primitivo, cantato con grande forza a dispetto dell'eta', ed accompagnato da scarne ed al tempo stesso intense partiture di sei corde. Un bluesman da riscoprire. Questa la scaletta: Side A 1. Shaggy Hound 2. The Swing Blues 3. Catfish Blues #1 4. Down Home Blues 5. Going Away Blues Side B 1. Catfish Blues #2 2. Black Mattie 3. Hard Time Blues 4. Sun Don’t Shine 5. You See Me Laughing.
Euro
27,00
codice 3509878
scheda
Wilp charles Fotografiert bunny
LP+7" [edizione] nuovo  stereo  eu  1965  wah wah 
rock 60-70
Edizione limitata a 500 copie, copertina apribile lucida all'esterno e liscia all'interno, senza codice a barre, busta di plastica trasparente con chiusura adesiva, allegato singolo bonus, custodito in una copertina in cartoncino (contenente due brani tratti da un 12''ep uscito nel 1982, ''Miss supertype'' e ''I type supertype'', label bianca con scritte nere, foto centrale piccolo, catalogo SGS170), inserto con foto e note, inner sleeve con foto a colori. Ristampa del 2016 ad opera della Wah Wah, pressoche' identica alla assai rara prima tiratura ma con due bonus tracks (''...Sexy-mini-super-flower-pop-on-alles ist drin (part 1)'', posta alla fine della prima facciata, e ''...Sexy-mini-super-flower-pop-on-alles ist drin (part 2)'', posta alla fine della seconda facciata; entrambi i brani utilizzati come colonna sonora di una campagna pubblicitaria per la Afri-Cola condotta da Charles Wilp). Uscito nel 1965 su Sight & Sound Productions in Germania ma non distribuito commercialmente, bensi' distribuito in regalo solo a clienti e dipendenti di aziende con cui Wilp lavorava, il raro album accreditato al fotografo tedesco Charles Wilp, molto noto ed attivo nel mondo del pop, della moda e della pubblicita' degli anni '60; fra le altre cose, egli fu il primo a fotografare Nico e fu l'autore delle foto della garage band americana di culto The Monks, basata in Germania negli anni '60. Le musiche contenute in questo album, incise da Siegfried Ulbrich, in arte Marvin Martin, consistono di un coctail easy listening a base di exotica, elettronica e jazz pop dai toni ammiccanti ad un erotismo giocoso e leggero.
Euro
27,00
codice 3509255
scheda
Wilson jackie do your thing
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  demon / brunwick 
soul funky disco
Ristampa in vinile 180 grammi, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato nel 1968 dalla Brunswick negli USA, dove giunse al 50esimo posto nella classifica r'n'b, questo album uscì poco dopo "I get the sweetest feeling'' (1968) e prima di ''This love is real'' (1970). Prodotto da Carl Davis, produttore di Chicago che proprio nella seconda metà degli anni '60 aggiornò efficacemente il sound di Wilson, e da Eugene Record, "Do your thing" uscì quando ormai il grande successo stava sfuggendo dalle mani del cantante di Detroit, cionostante l'album rimane un ispirato lavoro di classico soul anni '60, sospeso fra l'approccio melodico detroitiano e chicagoano (nel canto di Wilson si odono talora affinità con quello di Curtis Mayfield in questi solchi), ma anche con una pulsante vena sudista che emerge qua e là, complici anche gli esuberanti arrangiamenti di ottoni. "Helpless" fu la sola, e modesta, hit prodotta dal 33 giri, giungendo alla 108esima posizione nella billboard hot 100 ed alla 21esima nella classifica r'n'b; accanto ad essa, alcune interessanti rivisitazioni in chiave soul di hits come "Light my fire" dei Doors, "Eleanor rigby" dei Beatles e "Hold on I'm comin'", resa famosa da Sam & Dave. Questa la scaletta completa: "To change my love", "This guy's in love with you", "Why don't you do your thing", "This bitter earth", "Helpless", "Light my fire", "That lucky old sun", "With these hands", "Hold on, I'm comin'", "Eleanor rigby". Originario di Detroit, il cantante Jackie Wilson (1934-1984) è considerato uno dei più importanti traghettatori della musica popolare afroamericana verso il moderno soul; grande animale da palcoscenico e grande cantante, in possesso di una voce potente, Wilson ebbe un consistente successo con i suoi singoli fra gli anni '50 ed i '70 e la sua più grande hit rimane forse ''Lonely teardrops'' (1958), giunta non solo al primo posto nella classifica r'n'b, ma addirittura alla settima posizione di quella generale (la billboard hot 100). La sua produzione in studio fu spesso svantaggiata dalla scelta di brani ed arrangiamenti talora troppo pop, ma dal vivo rimaneva una forza della natura. Egli si mise in luce inizialmente nei Dominoes, importante gruppo vocale r'n'b degli anni '50, quando sostituì nel 1953 Clyde McPhatter, che aveva lasciato il gruppo per fondare i Drifters, e poi lasciò a sua volta quel complesso per lanciarsi nella carriera solista alla fine degli anni '50. Un attacco cardiaco subito durante uno show nel 1975, lo lasciò in coma con gravi danni cerebrali, fino a che non spiro' nel 1984.
Euro
29,00
codice 2099967
scheda
Wilson nancy Son of a preacher man
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1969  pure pleasure 
jazz
Edizione limitata in vinile per audiofili da 180 grammi, copertina liscia a busta senza codice a barre, label nera con bordo multicolore e scritte bianche. Ristampa ad opera della Pure Pleasure dell'album originariamente pubblicato nel 1969 dalla Capitol negli USA. La celebre cantante afroamericana ci consegna qui un set di ballate fra pop e languido soul con accompagnamento orchestrale, condite da una manciata di episodi piu' movimentati e vicini allo r'n'b, il tutto caratterizzato dal tipico approccio elegante e sensuale di Wilson. Prodotto da David Cavanaugh, l'album vede la presenza dello stimato bassista Chuck Rainey. Questa la scaletta: ''Son of a preacher man'', ''By the time I get to Phoenix'', ''Mr. Walker, It's all over'', ''I made you this way'', ''Almost persuaded'', ''Got it together'', ''Make the world go away'', ''Husbands and wives'', ''Little green apples'', ''Trouble mind''. Una delle piu' famose cantanti afroamericane fra gli anni '60 ed i '70, Nancy Wilson e' nota per la sua attivita' in ambito jazz ma anche per la tendenza a svariare attraverso altri stili, il pop, il soul e lo r'n'b, sempre con uno stile elegante e raffinato. Fra la fine degli anni '50 ed i primi anni '60 collabora con i jazzisti Cannonball Adderley e George Shearing, per poi addentrarsi con maggiore frequenza in stili piu' popolari, senza comunque abbandonare il jazz. E' ancora in attivita' nei primi anni del nuovo secolo.
Euro
32,00
codice 2030930
scheda
Wilson teddy Moonglow
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1967  black lion 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good jazz
Bella copia con leggeri segni di invecchiamento sulla copertina, prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con ''printed in england'' sul retro in alto, label gialla con scritte nere e logo Black Lion in nero in alto, logo STEMRA/CHAPPELL a destra sul lato A logo STEMRA a destra sul lato B, catalogo BLP30133. Pubblicato nel 1972 dalla Black Lion, inciso ai Chappell Studios di Londra il 18 giugno del 1967 da Teddy Wilson (pianoforte), Dave Shepherd (clarinetto), Ronnie Gleaves (vibrafono), Peter Chapman (contrabbasso) e Johnny Richardson (batteria). La sessione frutta qui un piacevolissimo e scorrevole jazz melodico dai richiami swing, ben lontano dalle correnti rivoluzionarie o moderniste del jazz di fine anni '60; soavi gli interventi del clarinetto e del vibrafono. Questa la scaletta: ''Flying home'', ''Moonglow'', ''As time goes by'', ''Honeysuckle rose'', ''Poor butterfly'', ''Ain't misbehavin''', ''I'm thru' with love'', ''Air mail special''. Eccelso pianista texano, Teddy Wilson (1912-1986) e' considerato uno dei massimi pianisti jazz dell'epoca swing, descritto da Scott Yanow addirittura come ''il pianista swing definitivo''; fu anche uno dei primissimi musicisti afroamericani a suonare insieme a musicisti bianchi, quando entro' nel gruppo di Benny Goodman verso la seconda meta' degli anni '30, in un epoca ancora caratterizzata dal segregazionismo. Wilson era in possesso di uno stile piu' accessibile rispetto a quello di Art Tatum o di Earl Hines, e suono' con grandi colleghi come Louis Armstrong e Billie Holiday, nel corso degli anni '30. Rimase ancorato allo stile swing per tutta la sua carriera, regalando al pubblico un jazz d'altri tempi ancora negli anni '70 e nei primi anni '80.
Euro
17,00
codice 328084
scheda
Winter johnny About blues (1960-1968 recordings)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  replay 
rock 60-70
Vinile da 180 grammi. Ristampa del 2018 ad opera della Replay, con copertina esclusiva. Originariamente pubblicata nel 1969 dalla Janus, questa fu una delle primissime raccolte dedicate a Johnny Winter, uscita quando il giovane bluesman texano (1944-2014) stava emergendo come uno dei migliori chitarristi sulla scena rock e blues americana. Prodotto da Roy C. Ames, ''About blues'' compila pero' brani precedenti, incisi fra il 1960 ed il 1968, ed acquisiti presso Huey Meaux, importante produttore e discografico del Sud degli States; alcuni di questi pezzi erano usciti su singolo per diverse etichette intorno a meta' anni '60, la maggior parte, come ''38-32-20'', erano inediti. La raccolta rappresenta quindi un tassello che riscostruisce il processo di crescita dell'allora giovane chitarrista, che prendendo le mosse dal blues sarebbe maturato fra la fine degli anni '60 ed i primi '70 in uno dei musicisti piu' apprezzati ed inventivi sulla scena rock blues, ma che in queste prime prove stava ancora studiando per diventare grande. Questa la scaletta: ''Parchman farm'' (singolo, 1967, con i Traits), ''Livin' in the blues'' (inedito), ''Leavin' blues'' (singolo, 1966), ''38-32-20'' (inedito), ''Bad news'' (inedito), ''Kind hearted woman'' (inedito), ''Out of sight'' (B-side del singolo ''Please come home for christmas'', 1965, uscito a nome The Insight), ''Low down gal of mine'' (inedito), ''Going down slow'' (inedito), ''Avocado green'' (inedito).
Euro
22,00
codice 3511417
scheda
Winter johnny Collection
LP2 [edizione] originale  stereo  uk  1969  castle communications 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
l' originale stampa inglese, vinile doppio, copertina apribile lucida all'esterno ed all'interno, con barcode, label bianca con scritte nere e logo The Collector Series nero in alto, catalogo CCSLP167. Pubblicata nel 1987 dalla Castle Communications, questa raccolta compila alcune delle migliori prove tratte dai primi album in studio e live di Johnny Winter, originariamente usciti fra il 1969 ed il 1974 (rimane fuori da questa raccolta il materiale del primo album "The progressive blues experiment", uscito nel 1968). Sono anni in cui il bluesman texano comincia ad imporsi, soprattutto fra il pubblico rock e rock blues, come uno dei più interessanti interpreti ed innovatori dell'idioma blues, intrecciandolo con il rock, duro e melodico, e con il progressive, senza perdere mai il legame con la tradizione, suscitando il plauso della critica e crescente successo commerciale, nonostante proprio in quegli anni intercorse un periodo di gravi difficoltà personali, nei primi anni '70, che lo allonanarono temporaneamente dalle scene. Il cantato, chiaramente bianco e non afroamericano, ma deciso e volendo anche graffiante, l'eccelso lavoro chitarristico, anche con la slide, ed un approccio moderno all'idioma blues sono elementi che rendono questi brani ancora oggi vibranti ed eccitanti, fornendo al tempo stesso una panoramica introduttiva sul lavoro di questo importante musicista. Questa la scaletta: "Rock and roll hoochie koo" (da "Johnny winter and", 9/70), "Cheap tequila" (da "Still alive and well", 3/73), "On the limb" (da "Johnny winter and", 9/70), "Slippin' and slidin'" (da "Second winter", 10/69), "Johnny b. Goode" (da "Live johnny winter and", 3/71), "Rock me baby" (da "Still alive and well", 3/73), "Let it bleed" (da "Still alive and well", 3/73), "Stray cat blues" (da "Saint and sinners", 2/74), "Riot in cell block 9" (da "Saint and sinners", 2/74), "Bony moronie" (da "Saint and sinners", 2/74), "Highway 61 revisited" (da "Second winter", 10/69), "Raised on rock" (da "John dawson winter III", 11/74), "Pick up on my mojo" (da "John dawson winter III", 11/74), "Thirty days" (da "Saint and sinners", 2/74), "Good morning little schoolgirl" (da "Live johnny winter and", 3/71), "Jumpin' jack flash" (da "Live johnny winter and", 3/71), "It's my own fault" (da "Live johnny winter and", 3/71), "Medley: Great balls of fire / Long tall sally / Whole lotta shakin' goin' on" (da "Live johnny winter and", 3/71).
Euro
14,00
codice 331567
scheda

Page: 136 of 140


Pag.: oggetti: