Hai cercato:  dall'anno 60 all'anno 69 --- Titoli trovati: : 3371
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Wray link and his ray men jack the ripper
lp [edizione] nuovo  mono  usa  1963  sundazed 
blues rnr coun
La bella ristampa in vinile pesante del secondo grande album del fondamentale chitarrista Frederick Lincoln Wray, nato a Dunn, North Carolina. Dopo il leggendario "Link Wray & the Wraymen" del 1960, ancora una fondamentale carrellata di brani magnifici, in gran parte stumentali, ponte fondamentale tra il rock'n'roll piu' selvaggio degli anni '50 e la nascente scena surf, che al modo di suonare la chitarra di Wray deve praticamente tutto (le magnifiche "Mr.Guitar" o le leggendarie "Jack the Ripper" e "Fat Back" spiegano bene il concetto...), ed attraverso la quale l' influenza del chitarrista giunse sino al garage punk di meta' anni '60 (basta ascoltare le episodi come "Deacon Jones" o la incredibile, mitica "Run Chicken Run"). Un capitolo a parte merita poi "Big Ben", brano davvero incredibile, sorta di proto surf al rallentatore e psichedelico, con una linea di basso geniale che non si spiega come possa essere venuta in mente all' epoca. Un genio, appunto. Anche i Cramps ringraziano.
Euro
33,00
codice 2102477
scheda
Wray link and his ray men law of the jungle - swan demos '64
lp [edizione] nuovo  mono  usa  1964  sundazed 
blues rnr coun
Copertina lucida, etichetta nera ed argento, vinile colorato di alta qualita', e registrazione in rigoroso mono. Pubblicato nel 2005 dalla benemerita Sundazed, questo album contiene quattordici brani registrati in studio nel 1964 ma rimasti inediti, almeno in queste versioni, sebbene alcuni siano stati pubblicati successivamente in versione diversa. Dopo il leggendario "Link Wray & the Wraymen" del 1960 e l' altrettando fondamentale "Jack the Ripper" del 1963, oltre ad una lunga serie di singoli ed un paio di raccolte, ancora una splendida carrellata di brani magnifici, in gran parte stumentali, dal chitarrista che ha rappresentato un ponte fondamentale tra il rock'n'roll piu' selvaggio degli anni '50 e la nascente scena surf, che al modo di suonare la chitarra di Wray deve praticamente tutto, ed attraverso la quale l' influenza del chitarrista giunse sino al garage punk di meta' anni '60. Si tratta in sostanza di un terzo album "perduto" di Frederick Lincoln Wray, nato a Dunn, North Carolina, giacche' queste registrazioni avrebbero essere la base per un terzo album che purtroppo non vedra' la luce; Wray si allontanera' al contrario dalle scene, almeno in parte, durante la seconda meta' dei '60, pur rimanendo la sua musica attualissima, ed un suo terzo lavoro vedra' la luce solo nel '71 su Polydor (intitolato semplicemente "Link Wray"). Questa la lista dei brani: Law Of The Jungle / Ace Of Spades / 5-10-15-20 (Can Your Monkey Do The Dog) / Bo Diddley / Mustang / Frenchy / Begin The Beguine / Deuces Wild / Run Boy Run / Scatter / Return Of The Birdland / The Sweeper / What A Price / My Alberta.
Euro
29,00
codice 2066913
scheda
Wray link and his ray men swan singles collection 1963-1967
lp2 [edizione] nuovo  mono  usa  1963  sundazed 
blues rnr coun
Doppio album, copertina apribile in cartoncino ruvido con barcode ricca di note e foto, etichetta bianca e rossa. Imperdibile raccolta messa in piedi dalla fondamentale Sundazed con tutti i 26 brani contenuti nei favolosi singoli incisi tra il 1963 ed il 1967 per l' etichetta Swan dal fondamentale chitarrista Frederick Lincoln Wray, nato a Dunn, North Carolina, brani, in gran parte inediti su album, che testimoniano il periodo forse piu' straordinario di Wray, quello in cui il suo approccio chitarristico si fa piu' grezzo e graffiante, come il suono ricercato in studio, ed appare evidentissimo, a posteriori, come straordinaria sia stata la sua capacita', in questi brani in gran parte strumentali, di precorrere di svariati anni il garage punk americano a venire, cosi' come le sue precedenti incisioni avevano in parte anticipato, anche per via di una tecnica chitarristica che fu presto imitatissima, certa surf music. Insieme al leggendario primo album "Link Wray & the Wraymen" del 1960, ed al secondo favoloso / Please Please Me / Rumble ‘65 / Girl From The North Country / You Hurt Me So / The Fuzz / Ace Of Spades 1 / Batman Theme / Alone / Ace Of Spades 2 / Hidden Charms / Let The Good Times Roll / Soul Train.
Euro
40,00
codice 2070839
scheda
Wray link and his wraymen link wray and the wraymen
lp [edizione] nuovo  mono  eu  1960  rumble 
blues rnr coun
ristampa con copertina pressoché identica alla prima stampa del primo grande album del fondamentale chitarrista Frederick Lincoln Wray, nato a Dunn, North Carolina. Una carrellata di brani magnifici, eslusivamente strumentali, ponte fondamentale tra il rock'n'roll piu' selvaggio degli anni '50 e la nascente scena surf, che al modo di suonare la chitarra di Wray (tra l'altro Wray e' l'inventore del cosiddetto "fuzz-tone") deve praticamente tutto ed attraverso la quale l' influenza del chitarrista giunse sino al garage punk di meta' anni '60. Contiene "Raw-Hide", dopo "Rumble" inciso per la Cadence, il suo secondo "million seller", arrivato al n.23 nella classifica Usa. Link Wray ed i suoi Raymen sono probabilmente il gruppo che ha maggiormente influenzato le bands americane di garage punk per oltre 30 anni: ispirarono gruppi di ogni epoca, racchiusi idealmente tra i Kingsmen dei primi anni '60 ed i Cramps degli anni '80. Wray, che ha ascendenze indiane Shawnee, suona la chitarra fin da ragazzo con i fratelli Vernon e Doug in un complesso country. Dopo il servizio militare in Corea, forma i Lucky Wray & The Palomino Ranch Hands, con i fratelli Vernon (chitarra), Doug (batteria) e il cugino Shorty Horton (basso). La tubercolosi9 contratta in Corea gli provoca l'asportazione di un polmone e lo costringe a indirizzare il proprio stile verso un suono prevalentemente strumentale. Nel '56 e nel '57 effettua diverse incisioni a nome Lucky Wray e Link Wray. Nel '58 Link Wray & His Raymen incidono alcuni brani strumentali per la Cadence di New York, tra cui un originale intitolato "Rumble", suo primo "million seller" e diventato nel tempo una sorta di suo marchio di fabbrica. Nel '59 passa alla Epic ("Raw-Hide"). Dal '60 al '62 vede la concorrenza di Duane Eddy che, grazie ad uno stile piu' calmo e melodico, ottiene maggiori successi. Comunque pubblica per la sua etichetta, la Rumble, un altro classico, "Jack The Ripper", che in seguito, grazie ad un sapiente rifacimento, fara' rientrare Wray nella Top 100 Usa. Dal '67 al '69, ritiratosi nel Maryland in una comune familiare, registra diverse variazioni sul tema come "Rumble Mambo", "Rumble '68" e "Rumble '69". Nei '70 la riscoperta del personaggio da parte di musicisti come Pete Townshend, Jeff Beck e John Lennon lo portano di nuovo alla ribalta: abbandonera' il genere esclusivamente strumentale e proporra' un genere country rock blues che gli procurera' nuovi fans e successi; collaborera' inoltre con Robert Gordon ("Robert Gordon with Link Wray" e "Fresh Fish Special"). Nel '79 incide "Live At The Paradiso", registrato live ad Amsterdam. Nel 1980 sposa la danese Olive Julie Paulson e si stabilisce in Danimarca. Dal 1989 al 1991 incide alcuni ottimi album per la Ace; nel frattempo diverse altre etichette ripropongono innumerevoli registrazioni passate e portano alla luce alcuni inediti. Nel '93 incide a Copenhagen "Indian Child", dove evidenzia con orgoglio le proprie origini. Da segnalare inoltre nel '97 l'incisione di "Shadowman" che offre all'ascolto il meglio degli strumentali del chitarrista. All'inizio del nuovo secolo alcuni album propongono alcuni preziosi inediti.
Euro
20,00
codice 2111946
scheda
Wright leo Blues shout
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1960  pure pleasure / atlantic 
jazz
Ristampa rimasterizzata, in vinile 180 grammi per audiofili, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1960 dalla Atlantic, inciso a New York il 25 maggio ed il 29 agosto del 1960 da Leo Wright (sax alto, flauto), Richard Williams (tromba), Harry Lookofsky (violino), Junior Mance (pianoforte), Art Davis (contrabbasso) e Charlie Persip (batteria). Il primo dei troppo pochi album solisti di Leo Wright e' forse il suo piu' conosciuto ed apprezzato. Un piccolo classico del bop jazz, in cui Wright sintetizza le sue esperienze sotto Dizzy Gillespie e con Lalo Schriffin, offrendo ispirati e riflessivi assoli carichi di lirismo, sia con il sax che con il flauto, in un jazz melodico e piacevole ma mai banale. Questa la scaletta: ''Sigi'', ''Angel eyes'', ''Autumn leaves'', ''Indian summer'', ''Blues shout'', ''Night in tunisia'', ''The wind'', ''Two moods''. Considerato uno dei migliori altosassofonisti del bop ed uno dei massimi flautisti della storia del jazz, Leo Wright (1933-1991) esordi' in sala d'incisione nel 1958 Dave Pike e l'anno successivo si esibi' a Newport con Charles Mingus, quindi suono' nel gruppo di Dizzy Gillespie fra il 1959 ed il 1962. Suono' sia in Europa che negli Stati Uniti negli anni successivi, lavorando con artisti diversi ma di grande spessore come Antonio Carlos Jobim, Lee Konitz, Lalo Schriffin e Red Garland, fra gli altri.
Euro
21,00
codice 3024252
scheda
Wynder k. frogg / Robert Parker Saturday club session '66
7" [edizione] nuovo  mono  uk  1966  1960s 
rock 60-70
7" ep in mono, copertina flipback su due lati sul retro e senza codice a barre, label custom gialla e rossa con scritte nere e rosse, catalogo REP029. Pubblicato nell'aprile del 2019 dalla 1960s, questo ep contiene registrazioni tratte da una sessione effettuata per la trasmissione radiofonica Saturday Club della BBC, risalente all'11 ottobre del 1966. Protagonisti erano il cantante e sassofonista soul afroamericano di New Orleans Robert Parker, ricordato soprattutto per la sua hit del 1966 "Barefootin'", insieme ai britannici Wynder K. Frogg, gruppo guidato dal tastierista Mick Weaver (ex Fairies), che realizzò una manciata di singoli oltre ad alcuni lp nella seconda metà degli anni '60, basati su di un impasto strumentale fra beat, funk e soul, guidato da un denso organo Hammond e da una sezione fiati, e sostenuto da ritmi dalla solida groove funk/r'n'b. Qui li ascoltiamo in quattro brani, "Barefootin'", "Wade in the water", "Happy feet" e "Let's go baby (where the action is)", seguiti da un'intervista a chiusura della scaletta.
Euro
14,00
codice 3512301
scheda
Wynder k.frog Out of the frying pan
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1968  island 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
l' originale, molto rara stampa inglese, copertina laminata fronte e retro, etichetta ''orange black circle'' ruvida , rosa con logo arancione e nero, nella sua primissima versione, SENZA "Made in England". Retrocopertina con indirizzo ''155-157 Oxford Street London W1 England'', trail off matrix "+A" e "+B", rispettivamente nelle due facciate. Pubblicato nel 1968 dalla Island in Gran Bretagna, e dalla United Artists in America, il secondo album, uscito dopo ''Sunshine superfrog'' (1967) e prima di ''Into the fire'' (1970). Un classico impasto strumentale anni '60 fra beat, funk e soul, guidato da un denso organo Hammond e da una sezione fiati souleggianti, e sostenuto da ritmi dalla solida groove funk/r'n'b; molte le cover di successi dell'epoca, fra cui una ''Jumping jack flash'' degli Stones. Questo gruppo britannico era guidato dal tastierista Mick Weaver (ex Fairies), e realizzo' una manciata di singoli oltre ad alcuni lp nella seconda meta' degli anni '60. Weaver suono' in seguito nei Capaldi, Wood, Mason and Weaver, prima di diventare un session man. Gli altri membri del gruppo erano anche nei Greaseband.
Euro
150,00
codice 109216
scheda
Wynder k.frog Out of the frying pan
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1968  united artists 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
la prima molto rara stampa americana, copertina cartonata, etichetta rosa ed arancione. Pubblicato nel 1968 dalla Island in Gran Bretagna, e dalla United Artists in America, il secondo album, uscito dopo ''Sunshine superfrog'' (1967) e prima di ''Into the fire'' (1970). Un classico impasto strumentale anni '60 fra beat, funk e soul, guidato da un denso organo Hammond e da una sezione fiati souleggianti, e sostenuto da ritmi dalla solida groove funk/r'n'b; molte le cover di successi dell'epoca, fra cui una ''Jumping jack flash'' degli Stones. Questo gruppo britannico era guidato dal tastierista Mick Weaver (ex Fairies), e realizzo' una manciata di singoli oltre ad alcuni lp nella seconda meta' degli anni '60. Weaver suono' in seguito nei Capaldi, Wood, Mason and Weaver, prima di diventare un session man. Gli altri membri del gruppo erano anche nei Greaseband.
Euro
60,00
codice 215742
scheda
Wynder k.frog Superfrog
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  unknown 
rock 60-70
Copertina lucida a busta senza codice a barre, label multicolore che riproduce particolari dello artwork di copertina e con scritte bianche. Questa raccolta ripropone quindici brani dei britannici Wynder K. Frog, tratti dai loro tre album ''Sunshine superfrog'' (1967), ''Out of the frying pan'' (1968) e ''Into the fire'' (1970). Un classico impasto strumentale anni '60 fra beat, funk e soul, guidato da un denso organo Hammond e da una sezione fiati, e sostenuto da ritmi dalla solida groove funk/r'n'b; molte le cover di successi dell'epoca, dagli Stones a Sam & Dave. Questa la scaletta: ''Harpsichord shuffle'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Gasoline alley'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Dancin' pain'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Bad eye'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Green door'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Don't fight it'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Tequila'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Somebody help me'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Jumpin' jack flash'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Into the fire'' (1970, da ''Into the fire''), ''I feel so bad'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Hold on, I'm coming'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Sunshine superman'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Hi-heel sneakers'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Willie and the hand jive'' (1968, da ''Out of the frying pan''). Questo gruppo britannico era guidato dal tastierista Mick Weaver (ex Fairies), e realizzo' una manciata di singoli oltre ad alcuni lp nella seconda meta' degli anni '60. Weaver suono' in seguito nei Capaldi, Wood, Mason and Weaver, prima di diventare un session man. Gli altri membri del gruppo erano anche nei Greaseband.
Euro
27,00
codice 3503741
scheda
Wynder k.frog Superfrog
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1967  private 
rock 60-70
Copertina lucida a busta senza codice a barre, label multicolore che riproduce particolari dello artwork di copertina e con scritte bianche. Questa raccolta ripropone quindici brani dei britannici Wynder K. Frog, tratti dai loro tre album ''Sunshine superfrog'' (1967), ''Out of the frying pan'' (1968) e ''Into the fire'' (1970). Un classico impasto strumentale anni '60 fra beat, funk e soul, guidato da un denso organo Hammond e da una sezione fiati, e sostenuto da ritmi dalla solida groove funk/r'n'b; molte le cover di successi dell'epoca, dagli Stones a Sam & Dave. Questa la scaletta: ''Harpsichord shuffle'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Gasoline alley'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Dancin' pain'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Bad eye'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Green door'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Don't fight it'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Tequila'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Somebody help me'' (1967, da ''Sunshine superfrog'', ''Jumpin' jack flash'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Into the fire'' (1970, da ''Into the fire''), ''I feel so bad'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Hold on, I'm coming'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Sunshine superman'' (1967, da ''Sunshine superfrog''), ''Hi-heel sneakers'' (1968, da ''Out of the frying pan''), ''Willie and the hand jive'' (1968, da ''Out of the frying pan''). Questo gruppo britannico era guidato dal tastierista Mick Weaver (ex Fairies), e realizzo' una manciata di singoli oltre ad alcuni lp nella seconda meta' degli anni '60. Weaver suono' in seguito nei Capaldi, Wood, Mason and Weaver, prima di diventare un session man. Gli altri membri del gruppo erano anche nei Greaseband.
Euro
27,00
codice 3503742
scheda
Yancey mama Mama yancey sings, art hodes plays blues
Lp [edizione] originale  mono  usa  1965  verve folkways 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good blues rnr coun
prima stampa USA in mono, copertina (con leggeri segni di invecchiamento e con alcune piccole scritte sul retro) cartonata con logo Folkways sotto quello Verve, etichetta oro opaco con logo "Folkways" nero scritto in alto, sotto al logo "Verve" bianco, catalogo FV-9015. Pubblicato nel 1965 dalla Verve Folkways, inciso a Chicago nel giugno dello stesso anno, questo album e' frutto del fantastico incontro tra la grande e misconosciuta cantante blues Mama Yancey (per quarant'anni moglie del pianista folk-blues Jimmy Yancey) ed il pianista Art Hodes (negli anni '20 con Armstrong e nei '40 giornalista per la rivista "Downbeat"), nato in Russia ma cresciuto e vissuto tra New York e Chicago, che qui sostituisce l'ormai al tempo dipartito marito della Yancey, deceduto nel 1951. Un disco di solo piano e voce,nella grande tradizione jazz e blues che prende spunto dagli stili originati prima della seconda guerra mondiale, e dove la voce di Mama spicca per il suo timbro particolarissimo, limpido e penetrante; l'album fu composto esclusivamente dalla Yancey, con la sola eccezione di "Grandpa's bells", brano che chiude il disco, scritto da Hodes e che consiste in un assolo del grande pianista. Questa la scaletta: ''Good package blues'', ''Cabage patch'', ''Good conductor'', ''How long'', ''Every day in the week'', ''Get him out of your system'', ''Sweet lovin' daddy'', ''Trouble in mind'', ''Grandpa's bells''. Estelle ''Mama'' Yancey (1896 – 1986), originaria di Cairo nello Illinois, e' stata una grande cantante jazz e blues, rinomata come membro del duo composto con il marito Jimmy Yancey (1894-1951), grande pianista boogie-woogie gia' attivo nei decenni prebellici. Dotata di grande umorismo e di carisma sul palco, ''Mama'' canto' spesso accompagnando il marito negli anni '30 e '40, e nel 1948 si esibirono al prestigioso Carnegie Hall; scomparso il consorte nel 1951, la cantante continuo' a suonare dal vivo e ad incidere musica nei decenni successivi, regalando ancora ottima musica con la sua voce.
Euro
25,00
codice 328559
scheda
Yardbirds Dazed and confused: the yardbirds in '68 – live at the bbc and beyond
Lp [edizione] nuovo  mono  eu  1968  repertoire 
rock 60-70
Edizione limitata a duemila copie, in vinile bianco da 180 grammi, e con allegato DVD audiovisivo con riprese degli Yardbirds dal vivo alla televisione francese nel 1968 (contiene i brani ''Train Kept A-Rollin’'', ''Dazed And Confused'' e ''Goodnight Sweet Josephine''), copertina apribile senza codice a barre, inserto apribile con note a cura di Chris Welch, label custom, catalogo V261. Pubblicato nel 2018 dalla Repertoire, questo album compila leggendarie sessioni radiofoniche inglesi e francesi effettuate dagli Yardbirds nel marzo del 1968, quando il gruppo era ormai vicino alla fine della sua breve e gloriosa storia, ma ancora ricco di ispirazione e di idee innovative, fra proto hard rock e freakbeat di prim'ordine. Tutti i brani sono in MONO. Questa la scaletta: SIDE A (Live At The BBC March ‘68. Recorded for the Saturday Show) 01. Interview: Jimmy Page talks about touring 02. Goodnight Sweet Josephine 03. My Baby 04. Think About It 05. White Summer (Instrumental) 06. Dazed And Confused SIDE B (Live on Bouton Rouge – French TV, March 1968) 01. Train Kept A-Rollin’ 02. Dazed And Confused 03. Goodnight Sweet Josephine 04. Think About It (Alternate BBC Sessions Take). Attivi fra il 1963 ed il 1968, gli Yardbirds sono stati un fondamentale e storico gruppo inglese, alfieri, nei loro primi anni, dell'ala piu' legata al blues ed allo r'n'b del beat inglese, con efficacissime cover di classici blues come ''Smokestack lightning'' e ''Good morning little school girl'', alle quali seppero dare un tocco personale e britannico, grazie anche al talento di una formazione di grande spessore (vi militarono in quegli anni chitarristi come Eric Clapton e Jeff Beck), che avrebbe poi influenzato il movimento rock blues inglese di fine anni '60; ma furono capaci anche di produrre con successo canzoni piu' vicine alla sensibilita' pop dell'epoca, come dimostra ad esempio ''For your love'', e poi nei loro ultimi anni della loro breve carriera si aprirono ad influssi psichedelici, prima di diventare il ''bozzolo'' dal quale sarebbero fuoriusciti i Led Zeppelin (nei loro ultimi concerti e sessioni radiofoniche, con Jimmy Page in formazione, gli Yardbirds suonavano alcuni brani che sarebbero poi entrati nel repertorio zeppeliniano). Il gruppo si e' poi riformato nei primi anni '90, sotto la guida di Jim McCarthy e di Chris Dreja, due membri della formazione originaria.
Euro
33,00
codice 2082056
scheda
Yardbirds Featuring Jeff Beck (1965 / 66)
lp [edizione] originale  stereo  ita  1966  charly 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Fair rock 60-70
Prima stampa italiana del 1976, copertina (con diversi segni di invecchiamento ed una larga nella parte bassa della copertina, visibile anche sul retro) nella versione senza alcun logo Charly sul fronte, con "Made in Italy by Ducale spa Brebbia (Varese)" sul retro in basso, etichetta con logo colorato su sfondo nero da un lato, arancione dall' altro, catalogo CR300013, timbro Siae del secondo tipo, in uso dal 1975 al 1978/'79, con marchio Siae che ne occupa ancora l' intero cerchio centrale. Pubblicato a partire dal 1972 in vari paesi con titoli e copertine diverse (in Francia su Byg come "Faces and Places Vol.11", in Usa su Springboard come "Shape of Things", in Giappone su Byg come "Feedback Yardbirds" nel 1973Uscito su Charly in Inghilterra nel 1976, questo album contiene dieci brani tratti perlopiu' da rari singoli del grande gruppo inglese ed inediti su album del periodo che va dal marzo 1965 al giugno 1966 (alcuni brani come registrati nel 1964), quello che vedeva Jeff Beck alla chittarra solista (con Chris Dreja, Jim McCarthy, Paul Samwell-Smith e Keith Relf), con poche eccezioni antecedenti, in cui la chitarra solista e' ancora di Eric Clapton. Ecco la lista dei brani: "Shapes of things" (singolo 2/66), "What do you want" (dall' album "The yardbirds (Roger The Engineer)", 6/66), "New York city blues" (singolo 3/66), "Someone to love part one" (inedito), "For R.S.G." (inedito), "You' re a better man than i" (singolo 2/66), "Someone to love part two" (inedito), "I ain't got you" (singolo 10/64), "I ain't done wrong" (nell' album americano "For your love", 7/65).
Euro
10,00
codice 253238
scheda
Yardbirds for your love
Lp [edizione] originale  mono  usa  1965  epic 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima davvero oramai rarissima stampa usa in Mono, copertina cartonata, etichetta gialla con logo ovale in alto e con scritta "Nonbreakable" (eliminata durante il '66), con "N.F." scritto a pennarello sull' etichetta del secondo lato. Pubblicato in Usa nel luglio del 1965 dopo il live ''Five live Yardbirds'' e prima di ''Having a rave up'', giunto al numero 96 dele classifiche Usa. Il primo album in studio del gruppo, mai pubblicato in Uk. Uno dei capolavori assoluti del beat di sempre, contiene una serie di brani che in uk uscirono sotto forma di 6 ep's o singoli, la selezione del materiale fu fatta dal manager del gruppo, giorgio gomelsky, clapton, peraltro mai menzionato nell'lp, uscira' dal gruppo proprio a causa della title track, da lui ritenuta ''troppo lontana dal blues'', ma che avvalendosi dell'organo di brian auger, entrera' nelle classifiche uk. data la confusione imperante sulla discografia degli yardbirds, cerchiamo di chiare le idee sulla genesi dei brani presenti in questo album. il disco contiene 11 episdi , pubblicati, come detto, solo negli usa sotto forma di lp, i corrispondenti inglesi furono editi nel seguente ordine- for your love - got to hurry- singolo del marzo 1965, i wish you would - a certain girl- singolo del gennaio 1964, good morning little schoolgirls-ain't got you- singolo del ottobre del 1964, i'm not talking'', ''ain't done wrong'', ''my girl sloopy'' sono tratti dall'ep '' five live yardbirds'' del 1964, sweet music ( con paul jones ai cori ) e putty sono invece inediti, registrati nel dicembre del 1964 a londra. tutti i brani vedono eric clapton alla chitarra, ad eccezione di -'' i'm not talking'', ''i aint' done wrong'', '' my girl sloopy'' che vedono invece ivi impegnato jeff beck.
Euro
300,00
codice 221714
scheda
Yardbirds legend of the yardbirds vol. 4
lp [edizione] originale  stereo  ger  1965  babylon budget 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
l' originale stampa, realizzata negli anni '80 in Germania dalla Babylon per la sua linea economica Babylon Budget, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida senza barcode, etichetta multicolore, catalogo F80049. Volume 4 di un serie di raccolte dedicate alla grande band inglese, contiene i seguenti brani (alcuni dei quali rari e difficilmente inseriti in raccolte, come i primi due: A1 Got Honey In Your Hips A2 Boom Boom (questi primi due brani erano le due facciate del primo singolo tedesco della band, pubblicato nel 1964, entrambi rimasti inediti a lungo su album), A3 Five Long Years A4 Pretty Girl A5 Got Love If You Want It (tre brani dal primo album inglese "Five Live Yardbirds" del febbraio 1965), B1 Putty (dal primo album americano "For Your Love" del luglio 1965, B2 A Certain Girl (versione Live del brano publicato per la prima volta come b-side del primo singolo, nel giugno del 1964, e quindi anche nel primo album americano "For Your Love"), B3 My Girl Sloopy (da "For Your Love"), B4 You're A Better Man Than I (retro del singolo "Shapes of Things" pubblicato in Inghiltera nel febbraio del 1966, unico brano qui presente senza Eric Clapton alla chitarra, ma con Jeff Beck al suo posto); B5 Too Much Monkey Business (da "Five Live Yardbirds").
Euro
14,00
codice 701492
scheda
Yardbirds little games
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1967  epic 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
prima davvero oramai molto rara stampa americana, copertina (con moderati segni di invecchiamento) cartonata, etichetta gialla con logo ovale in alto, catalogo BN26313 su copertina ed etichetta. Pubblicato in Usa nell' agosto del 1967 dopo "Over under sidewayd down " e prima di ''Live Yardbirds featuring Jimmy Page'', giunto al numero 80 delle classifiche Usa e non pubblicato all'epoca in Uk. Il quarto album americano. Lavoro registrato senza Paul Samwell-Smith che aveva lasciato nel giugno del 1966 rimpiazzato da Jimmy Page, prima al basso e poi alla chitarra con Jeff Beck (con Chris Dreja che passa al basso), ed infine unico chitarrista dopo l'abbandono di Beck nel 1966. Nello stesso tempo il 45 "Happenings Ten Years Time Ago" pubblicato nel novembre del 1966 fu un insuccesso commerciale totale ed il gruppo si affido' a Mickie Most, all'epoca produttore di enorme successo con Donovan , Herman's Hermits, Animals, etc. le radici blues e le tendenze progressive del gruppo pero' si scontrarono subito con le tendenze piu' pop/rock di Most, e queste due opposte '' vie'' sono chiaramente avvertibili nel disco finito. anche il manager era nuovo, Peter Grant, con lui la band inizio' ad intravedere i primi risultati economici, mentre suonavano live da una parte all'altra dell' America. nell'album il classico blues con tendenze sperimentali e psychedeliche del gruppo e' mediato dalla produzione di Most, "White Summer" discende direttamente da Davy Graham e dalla sua rilettura del brano del 1600 "She Moves Through the Fair" , "Drinking Muddy Water" e' una versione '' riscritta '' di "Rollin' and Tumblin'," uno standard blues attribuito a Muddy Waters, tra gli altri brani degni di nota "Only the Black Rose," tra l'acustico e lo psychedelico, "Stealing, Stealing,", blues dalle atmosfere pre war con l'utilizzo del kazoo; "Smile on Me," piu' hard con rimandi ai primi giorni del gruppo, "Tinker, Tailor, Soldier, Sailor" che ricorda gli Who piu' psichedelici. e' questo anche il periodo in cui sia Relf che Jim McCarty iniziano ad interessarsi alle sostanze allucinogene ed alla ideologia del flower power , prova ne e' proprio "Glimpses," dove Jimmy Page per la prima volta usa l'archetto del violino per suonare la chitarra elettrica ( l'aveva visto fare a Londra ai Creation nel 1966 ). un album legendario, frammentario e indefinito, ma certamente una pietra miliare nella musica rock, rappresentando non solo l'ultimo capitolo degli Yardbirds ma anche il primo '' vagito'' che prelude al cambio di nome in Led Zeppelin che avverra' alla fine del 1968.
Euro
100,00
codice 253239
scheda
Yardbirds Live at the bbc 1965-1968
lp2 [edizione] nuovo  mono  eu  1965  repertoire 
rock 60-70
Vinile doppio da 180 grammi, copertina apribile senza codice a barre, inner sleeve, inserto, label custom fotografiche con immagine diversa su ciascuna delle quattro facciate e scritte bianche, scritta ''manufactured in the E.U.'' lungo il bordo, catalogo V199. Pubblicata nel 2016 dalla Repertoire, questa e' una pregiata selezione delle piu' importanti registrazioni delle performances per la inglese BBC effettuate dagli Yardbirds fra il 1965 ed il 1968. Quasi tutti questi brani erano gia' apparsi nella momumentale raccolta ''Glimpses 1963-1968'', uscita nel 2011 solo in formato cd. Compilate in ordine cronologico, queste tracce delineano l'interessantissimo percorso evolutivo della band in quel breve periodo con Jeff Beck e poi Jimmy Page alla chitarra solista, che da originali reinvenzioni di r'n'b, blues e beat arriva alla psichedelia, al freakbeat ed ai primi vagiti dello hard rock (e' presente una versione di quella ''Dazed and confused'' che sarebbe poi diventata cavallo di battaglia dei Led Zeppelin, ma che fu inizialmente suonata dagli Yardbirds con Jimmy Page alla guida, poco prima del loro scioglimento). Questa la scaletta, con date di registrazione: LP 1 SIDE A: 01. I Ain’t Got You (22/3/65) 02. Interview: Keith Relf talks about the band’s background (22/3/65) 03. For Your Love (22/3/65) 04. I Wish You Would (1/6/65) 05. Interview: Paul Samwell-Smith talks about the recording and the USA tour (1/6/65) 06. Heart Full Of Soul (1/6/65) 07. I Ain’t Done Wrong (21/6/65) 08. Too Much Monkey Business (6/8/65) 09. I’m A Man (6/8/65) 10. Evil Hearted You (27/9/65) SIDE B: 01. Interview: Paul Samwell-Smith talks about the ‘Still I’m Sad’ single (27/9/65) 02. Still I’m Sad (27/9/65) 03. Hang On Sloopy (27/9/65) 04. Smokestack Lightning (18/11/65) 05. Interview: The Yardbirds give their New Year’s resolutions (18/11/65) 06. Mister You’re A Better Man Than I (18/11/65) 07. The Train Kept A-Rollin’ (18/11/65) 08. Dust My Broom (28/2/66) LP 2 SIDE A 01. Mister You’re A Better Man Than I (28/2/66) 02. Baby, Sctratch My Back (6/5/66) 03. Interview: Keith Relf (6/5/66) 04. Over, Under, Sideways, Down (6/5/66) 05. The Sun Is Shining (6/5/66) 06. Interview: Keith Relf (6/5/66) 07. Shape Of Things (Alternate version) (6/5/66) 08. Most Likely You Go Your Way (And I’ll Go Mine) (4/4/67) 09. Little Games (4/4/67) SIDE B 01. Drinking Muddy Water (4/4/67) 02. Think About It (15/3/68) 03. Interview: Jimmy Page (15/3/68) 04. Goodnight Sweet Josephine (15/3/68) 05. My Baby (15/3/68) 06. White Summer (1968) 07. Dazed And Confused (1968). Attivi fra il 1963 ed il 1968, gli Yardbirds sono stati un fondamentale e storico gruppo inglese, alfieri, nei loro primi anni, dell'ala piu' legata al blues ed allo r'n'b del beat inglese, con efficacissime cover di classici blues come ''Smokestack lightning'' e ''Good morning little school girl'', alle quali seppero dare un tocco personale e britannico, grazie anche al talento di una formazione di grande spessore (vi militarono in quegli anni chitarristi come Eric Clapton e Jeff Beck), che avrebbe poi influenzato il movimento rock blues inglese di fine anni '60; ma furono capaci anche di produrre con successo canzoni piu' vicine alla sensibilita' pop dell'epoca, come dimostra ad esempio ''For your love'', e poi nei loro ultimi anni della loro breve carriera si aprirono ad influssi psichedelici, prima di diventare il ''bozzolo'' dal quale sarebbero fuoriusciti i Led Zeppelin (nei loro ultimi concerti e sessioni radiofoniche, con Jimmy Page in formazione, gli Yardbirds suonavano alcuni brani che sarebbero poi entrati nel repertorio zeppeliniano). Il gruppo si e' poi riformato nei primi anni '90, sotto la guida di Jim McCarthy e di Chris Dreja, due membri della formazione originaria.
Euro
31,00
codice 2099218
scheda
Yardbirds London 1963 – the first recordings
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1963  tiger bay 
rock 60-70
Edizione per audiofili in vinile da 180 grammi a 45 giri. Ristampa del 2017 ad opera della Tiger Bay, con copertina eslusiva. Originariamente pubblicato nel 1981 dalla L+R in Germania, questo oscuro ma storicamente eccezionale album raccoglie alcune fra le primissime, se non le prime, registrazioni dal vivo degli Yardbirds, effettuate da Giorgio Gomelski nel suo locale, il Craw Daddy Club di Londra, il 7 e l'8 dicembre del 1963, con l'eccezione degli ultimi tre brani in scaletta, incisi in uno studio londinese. Notevole la qualita' di registrazione, per i canoni del 1963, che permette di apprezzare un sound gia' vibrante e tostissimo, intriso di blues e con l'ottima ed acerca chitarra di Eric Clapton in bella evidenza, cosi' come la voce carismatica e l'armonica di Keith Relf; nel brano ''Take it easy baby'' si unisce al gruppo il grande Sonny Boy Williamson alla voce ed all'armonica. Un documento di grande rilevanza storica, ma anche musicalmente godibilissimo, fantastico esempio del primo british r'n'b. Questa la scaletta: ''Smokestack lightnin''', ''You can't judge a book by the cover'', ''Take it easy baby'', ''Talkin' about you'', ''Let it rock'', ''I wish you would'', ''Boom boom'', ''Honey in your hips'', ''Who do you love''. Attivi fra il 1963 ed il 1968, gli Yardbirds sono stati un fondamentale e storico gruppo inglese, alfieri, nei loro primi anni, dell'ala piu' legata al blues ed allo r'n'b del beat inglese, con efficacissime cover di classici blues come ''Smokestack lightning'' e ''Good morning little school girl'', alle quali seppero dare un tocco personale e britannico, grazie anche al talento di una formazione di grande spessore (vi militarono in quegli anni chitarristi come Eric Clapton e Jeff Beck), che avrebbe poi influenzato il movimento rock blues inglese di fine anni '60; ma furono capaci anche di produrre con successo canzoni piu' vicine alla sensibilita' pop dell'epoca, come dimostra ad esempio ''For your love'', e poi nei loro ultimi anni della loro breve carriera si aprirono ad influssi psichedelici, prima di diventare il ''bozzolo'' dal quale sarebbero fuoriusciti i Led Zeppelin (nei loro ultimi concerti e sessioni radiofoniche, con Jimmy Page in formazione, gli Yardbirds suonavano alcuni brani che sarebbero poi entrati nel repertorio zeppeliniano). Il gruppo si e' poi riformato nei primi anni '90, sotto la guida di Jim McCarthy e di Chris Dreja, due membri della formazione originaria.
Euro
23,00
codice 3026799
scheda
Yardbirds yardbirds (roger the engineer)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1966  repertoire 
rock 60-70
Ristampa in vinile 180 grammi epr audiofili, rimasterizzata con sistema half-speed mastering nei prestigiosi Abbey Road Studios, copertina senza barcode pressoche' identica alla prima molto rara tiratura uscita nel '66 in Inghilterra su Columbia. Pubblicato in Inghilterra (e non in America) nel luglio del 1966 prima di "Little games" (uscito a sua volta in America e non in Inghilterra) e dopo "Having a rave up with the Yardbirds'' (anche quello solo per il mercato Usa), giunto al numero 20 delle classifiche Uk, mentre in America, dove fu pubblicato con copertina, alcuni brani diversi e con il titolo di ''Over under sideways dawn'' giunse al numero 52 delle classifiche. Il secondo ed ultimo album britannico. Intitolato in Uk "The Yardbirds", ma comunemente conosciuto come ''Roger the engineer'', e' il disco in cui Jeff Beck da il meglio di se, mix di r'n'b', psychedelia, beat, avanguardia, musica orientale, sempre e comunque ancoratissimo alle radici blues, e' allo stesso tempo lavoro innovativo nelle sonorita', composto interamente dalla band senza alcuna cover version, tutti i brani sono firmati '' Dreja- McCarty,-Beck- Relf, Samwell Smith '', contiene alcuni episodi divenuti classici ed entrati nella leggenda dlel musica britannica del decennio, "Hot House of Omagarashid", ''Over Under Sideways Down'', '' Jeff's Boogie'' e ''Lost Women''. considerato generalmente come il miglior lavoro del gruppo contiene certamente i loro brani di pschedelia piu' riusciti, manca, forse, per renderlo un disco senza tempo, l' attitudine all' album visto come opera organica e non come raccolta di brani, tendenza sbocciata proprio nel 1966, alla quale pero' gli yardbirds, band purista e figlia della tradizione '' A Quick One '' del primo r'n'b inglese, non aderira' mai completamente.
Euro
29,00
codice 2106933
scheda
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1966  music on vinyl 
rock 60-70
ristampa in vinile 180 grammi per audiofili, pressoche' identica alla prima rara tiratura su Mgm. Pubblicato in Usa nel 1966 ed il altri paesi nel 1967 (Inghilterra inclusa), registrato da un giovanissimo Herbie Hancock che agisce agli ordini di Michaelangelo Antonioni, e' il migliore e piu' conosciuto affresco della Londra dell' epoca swinging London; il groove del disco e' quello bluesy con brani lenti mantrici e dall'incedere funky; naturalmente il disco e' passato alla storia della musica rock per l'inclusione, insieme ai brani di Hancock, di un brano degli Yardbirds "Stroll On" (retitolazione del vecchio standard "The Train Kept A-Rollin'"), una delle sole tre registrazioni esistenti che vedono alla chitarra la coppia Jeff Beck e Jimmy Page. Forse non tutti sanno che, nei piani originali, la colonna sonora doveva essere composta dai Tomorrow, che registrarono anche allo scopo alcuni brani rimasti inediti. Questa la lista completa dei brani, tutti di Herbie Hancock eccetto la gia' citata "Stoll On", degli Yardbirds: Main Title / Verushka (Part I) / Verushka (Part II) / The Naked Camera / Bring Down The Birds / Jane's Theme / The Yardbirds - Stroll On / The Thief / The Kiss / Curiosity / Thomas Studies Photos / The Bed / End Title - "Blow Up".
Euro
29,00
codice 2110708
scheda
Yardbirds / Sonny Boy Williamson Sonny Boy Williamson & Yardbirds
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1966  mercury 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
ristampa americana della meta' degli anni '70, copertina cartonata nella versione uscita per la prima volta in Usa su Mercury nel 1970, con immagine sul fronte disegnata, completamente diversa da quella (fotografica) originariamente uscita sia in Usa che in Uk, eticjetta multicolore con grattacieli e "Manufactured and Distributed By Phonogram Inc" in alto, catalogo SR-61271. Pubblicato in UK su Fontana nel Gennaio 1966, pressoche' contemporaneamente al terzo album del gruppo "Having a Rave Up", non entrato in classifica in Inghilterra ne' in America, dove' uscira' nel febbraio dello stesso anno, e' un live registrato, nella formazione ancora con Eric Clapton alla chitarra, l' 8 dicembre del 1963, immortalando al Crawdaddy Club di Richmond la collaborazione tra il grande bluesman americano di colore e la giovanissima band inglese, che ancora non aveva esordito discograficamente. Non si tratta semplicemente di un live album pubblicato peraltro circa tre anni dopo la data di registrazione, rivelando, visto il successo nel frattempo raggiunto dagli Yardbirds, i suoi intenti speculativi. Gran parte dei brani del disco infatti furono appositamente composti per l' occasione, e l' idea di registrarli dal vivo piuttosto che in studio sembro' il modo migliore per rendere omaggio alla estemporanea collaborazione. Uno dei documenti che testimoniano nel migliore dei modi il legame fortissimo e l' influenza fortissima del blues americano piu' sanguigno con la nuova scena inglese. Questa la lista completa dei brani di questa primigenia versione: Bye Bye Bird / Mister Downchild / 23 Hours Too Long / Out On The Water Coast / Baby Don't Worry / Pontiac Blues / Take It Easy Baby / I Don't Care No More / Do The Weston.
Euro
28,00
codice 248991
scheda
Yays and nays Yays and nays
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1968  groovie 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa del 2009, copertina senza codice a barre, pressoche' identica a quella della prima rarissima tiratural del 1968, venduta quasi esclusivamente trammite asta. Originariamente pubblicato dalla Neo negli USA, questo e' l' unico eponimo album del sestetto americano composto da tre ragazzi e tre ragazze, autori di un eclettico pop che metteva insieme folk rock, folk, 60's pop, qualche influenza rock'n'roll, il tutto con un approccio tipicamente 60's beat e con qualche occasionale screziatura psichedelica. I brani sono caratterizzati da curate e ricche armonie vocali, a cui fanno da contrappunto voci soliste maschili che sembrano evocare quelle di Johnny Cash o Elvis Presley, il che contribuisce a dare luogo ad un disco in un certo senso senza tempo, in relazione alla musica americana degli anni '50 e '60, fondendo elementi di alcuni dei principali movimenti della musica popolare Usa di quei due decenni.
Euro
18,00
codice 3503462
scheda
Yays and nays Yays and nays
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1968  groovie 
rock 60-70
Copertina liscia a busta senza codice a barre, label nera in alto e grigia in basso, scritte color crema e nome del gruppo in nero, catalogo GROO020LP. Ristampa del 2009 ad opera della Groovie Records, pressoche' identica alla rarissima prima stampa del 1968, venduta quasi esclusivamente trammite asta. Originariamente pubblicato dalla Neo negli USA, questo e' l'unico eponimo album del sestetto americano composto da tre ragazzi e tre ragazze, autori di un eclettico pop che metteva insieme folk rock, country, echi del rock'n'roll anni '50 e qualche leggero tocco psichedelico. I brani sono guidati ora da voci corali che sanno sia di anni '60 che di anni '50, o da voci maschili che sembrano evocare quelle di Johnny Cash o Elvis Presley, il che contribuisce a dare luogo ad un disco in un certo senso senza tempo, in relazione alla musica americana degli anni '50 e '60, fondendo elementi di alcuni dei principali movimenti della musica popolare USA di quei due decenni.
Euro
24,00
codice 2014494
scheda
Yes yes
Lp [edizione] seconda stampa  stereo  uk  1969  atlantic 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
Seconda stampa inglese del 1971/72, copertina apribile pressoche' identica alla prima tiratura del 1969 (si tratta della versione inglese del disco, con copertina completamente diversa da quella della versione americana), etichetta arancio e verde, senza piccolo logo 'W'' lungo la circonferenza, catalogo K40034, versione con "Made in Uk" a sinistra e una "V" sotto il numero di catalogo a destra sia sul lato A che sul lato B, trail off matrix "A//1" e "B//1" sulle rispettive facciate. Pubblicato in Uk nel luglio del 1969 prima di ''Time and a World", non entrato in classifica in Uk ne' negli Usa dove usci' il 15 ottobre dello stesso anno. Il primo album, registrato da Bill Bruford, Tony Kaye, Peter Banks, Chris Squire e Jon Anderson alla fine della stagone classica della psichedelia ed agli albori del progressive. Il gruppo presenta un lavoro deciso e con un suono assai diverso da quello a cui ci abitueranno, in un esordio che si apre con il brano "Beyond and Before" dai sapori quasi hard-psych, ma e' con il secondo, la cover dai Byrds' "I See You", che si coprende come la miscela di psichedelia, progressive e jazz sia un mezzo perfetto per illustrare la capacita' tecnica del gruppo, con Peter Banks e Bill Bruford che costruiscono spirali sonore e trasformano completamente il brano, "Harold Land" sara' l'archetipo del suono che rendera' celebre il basso di Chris Squire ed anticipa anche le strutture concept a venire, "Every Little Thing", considerata la piu' riuscita cover dei Beatles ad essere registrata su un album inglese, vede una grandiosa performance di Jon Anderson. Durante la realizzazione del disco vi furono numerosissimi problemi, il produttore Paul Clay ed i tecnici non comprendevano la natura della musica del gruppo che frustrato per la propria inesperienza di studio, non riusciva ad essere soddisfatto della qualita' della registrazione; il volume della chitarra e della batteria e' alto in maniera inusuale per i loro lavori, e questo rende il suono il piu' particolare della loro produzione.
Euro
50,00
codice 253207
scheda
Yes Yes – Something's Coming: The BBC Recordings 1969-1970 + bonus 7"
lp2 [edizione] originale  stereo  ita  1969  get back 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Doppio album in vinile 180 grammi, con allegato bonus 7" (inciso solo da un lato), copertina (con lievi segni di invecchiamento) apribile, con adesivo Siae bianco e rosa sul retro, catalogo GET505; il singolo allegato, completo di copertina ripiegata attorno al disco, ha invece catalogo GET7505. Pubblicato per la prima volta in vinile nel 1998 dalla Get Back, questo album documenta le registrazioni radiofoniche del celeberrimo gruppo progressivo inglese presso la BBC, effettuate fra il 1969 ed 1970; fra queste, troviamo l' inedita ''For everyone'', regstrata dal vivo al Sunday Show il 17-3-70, presente nel singolo allegato. Gli Yes stavano allora definendo il loro personale stile, come testimoniato dai coevi primi due album, facendo ancora convivere il germe del rock progressivo con gli influssi pop rock e post psichedelici, ma gia' si intrevedono le soluzioni complesse ed i brani articolati che diventeranno uno dei loro tratti distintivi, oltre che del rock progressivo in generale. Questa la scaletta, con date di incisione: ''Something's coming'' (dal musical ''West side story''), ''Everydays'' (cover di Stephen Stills), ''Sweetness'', ''Dear father'', ''Every little thing'' (cover dei Beatles) (registrazioni live a Top Gear con John Peel, 12/1/69); ''Sweet dreams'', ''Something's coming'' (registrazioni live a Top Gear con John Peel, 23/2/69); "Beyond and Before" (proveniente da una registrazione radiofonica effettuata in Francia), ''(Intro) Sweetness'' (registrazione dal vivo al Johnny Walker show, 14/6/69), ''Lookin around'' (registrazione dal vivo al Dave Symonds Shoe, 4/8/69); ''Sweet dreams'' e ''Then'' (registrazioni dal vivo al Dave Lee Travis Show, 19/1/70); ''Astral traveller'', ''Every little thing'', ''Everydays'' e "Then" (registrazioni effettuate dal vivo al Sunday Show, 17/3/70); ''No opportunity necesseary, no experience needed'' (cover di Richie Havens, trasmissione radiofonica tedesca).
Euro
32,00
codice 253225
scheda

Page: 133 of 135


Pag.: oggetti: