Hai cercato:  rsd --- Titoli trovati: : 482
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Nash graham this path tonight (rsd 2016, white vinyl + 7")
lp [edizione] originale  stereo  eu  2016  blue castle records 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, e con adesivo di presentazione sul cellophane, ma con una lieve ondulatura del vinile (senza effetti sull' ascolto), l' originale stampa, EDIZIONE LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 16 APRILE 2016, in VINILE BIANCO E CON ALLEGATO UN 7" (con due brani inediti, "Teach Your Children" e "Our House"), ormai fuori catalogo, copertina apribile, inner sleeve con testi, card con codice per il download digitale (non sappiamo se ancora utilizzabile), etichetta "custom" nera e grigia con scritte bianche (l' etichetta del bonus 7" e' bianca con scritte nere). Pubblicato nell' aprile del 2016, a distanza di quattordici anni dal precedente lavoro in studio "Songs for Survivors" (2002), il nuovo album (il sesto solista in studio) del musicista inglese, raccolta di brani composti (con il fondamentale aiuto del chitarrista Shane Fontayne, gia' tra gli altri con Springsteen, oltre che in tour con Crosby, Stills & Nash, ed autore anche di vari lavori solisti) in seguito alla separazione dalla moglie, dopo 38 anni di matrimonio, e frutto della complessita' psicologica di quel momento. Scarno ed essenziale, perlomeno in gran parte dei suoi episodi, un lavoro sentito ed intenso.
Euro
30,00
codice 3016176
scheda
Nelson willie Live at the texas opry house, 1974 (rsd 2022 + bonus tracks)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  usa  1974  atlantic / rhino 
blues rnr coun
Edizione limitata a 8500 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 23 APRILE 2022, copertina apribile, label arancio e verde con banda bianca centrale e logo Atlantic multicolore in alto, catalogo R1 671072. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2022 ad opera della Atlantic / Rhino, contenente quattro bonus track rispetto alla primissima edizione in CD, ma già presenti nella riedizione del 2006 all'interno del box CD "The complete Atlantic sessions" ("Shotgun Willie (Sunday - Set 1)", "You Look Like The Devil (Sunday - Set 1)", "Bloody Mary Morning (Electric Guitar Version) (Sunday - Set 2)", "Medley: (Saturday - Set 1): Funny How Time Slips Away / Crazy / Night Life", posti qui sulla quarta facciata), originariamente pubblicato nel 1993 solo nel triplo CD "The classic, unreleased collection", questo set contiene registrazioni effettuate ai concerti dati da Willie Nelson il 29 e 30 giugno del 1974, per un album prodotto da Jerry Wexler che per però fu lasciato inedito per quasi vent'anni. Gli show si tennero presso la Texas Opry House, all'epoca collocata ad Austin (in seguito trasferita a Houston), ed appartengono ad una fase di grande vitalità della scena outlaw country, che proprio ad Austin aveva uno dei suoi maggior centri di aggregazione. Questa la scaletta: "Whiskey River (Saturday - Set 1)", "Me And Paul (Saturday - Set 1)", "Medley: (Sunday - Set 1): Funny How Time Slips Away / Crazy / Night Life", "Stay All Night (Stay A Little Longer) (Sunday - Set 1)", "Walkin' (Saturday - Set 2)", "Bloody Mary Morning / Take Me Back To Tulsa (Saturday - Set 2)", "The Party's Over (Sunday - Set 1)", "Truck Drivin' Man (Saturday - Set 1)", "She Thinks I Still Care (Sunday - Set 1)", "Good Hearted Woman (Sunday - Set 2)", "Sister's Coming Home (Sunday - Set 2)", "Shotgun Willie (Sunday - Set 1)", "You Look Like The Devil (Sunday - Set 1)", "Bloody Mary Morning (Electric Guitar Version) (Sunday - Set 2)", "Medley: (Saturday - Set 1): Funny How Time Slips Away / Crazy / Night Life". Classe 1933 ma ancora attivissimo ed assai prolifico nei primi decenni del XXI secolo, Willie Nelson ha dato vita ad alcuni dischi fondamentali dell' "american music" di sempre, ritagliandosi un posto nella storia certo non solo della musica country; autore di brani di successo per altri autori nel corso degli anni '60, e' poi diventato una star del country nel corso del decennio successivo, durante il quale, facendo base ad Austin, Texas, si afferma con Waylon Jennings come uno dei pionieri dello outlaw country, e poi negli anni maturerà uno stile ricco di diverse influenze stilistiche che incorpora il pop tradizionale americano del great american songbook, il blues, le canzoni dei cowboy, il jazz ed il country tradizionale.
Euro
29,00
codice 3515846
scheda
New york dolls live at radio luxembourg, paris, france, december 1973 (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  radiation 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA DI 500 COPIE, NUMERATE SULL' ADESIVO DI PRESENTAZIONE POSTO SULLA BUSTA ESTERNA, IN VINILE BIANCO E ROSA "SPLATTER", copertina costituita dalla busta esterna plastificata trasparente, con largo adesivo con foto, logo del gruppo e lista dei brani. Ristampa dell' album, gia' uscito con vari titoli e copertine (e su varie etichette) a partire dal 1984, con 10 brani (in alcune edizioni brani erano stati 11) registrati a Parigi il 23 dicembre del 1973 per il programma radiofonico di Radio Luxembourg, durante il tour europeo successivo alla pubblicazione del loro secondo ed ultimo album "Too Much Too Soon", con il gruppo formato a New York nel 1972 (dalle ceneri degli Actress), vera icona del proto punk americano, inconsapevolmente intenti a dare una scossa determinante alla compassata scena europea, che ne attingera' linfa vitale per quella che presto sara' la "nuova ondata" punk. Il gruppo si avvicina al momento del collasso definitivo, presto giungera' lo scioglimento della originale storica formazione, ed arriveranno inutili tentativi di mantenerne in vita la sigla, anche sotto la spinta di un giovane Malcom McLaren che presto si occupera' dei Sex Pistols, trasferendo cosi' molta della carica trasgressiva musicale ed iconografica dei Dolls a quella che sara' la band guida della nascente scena punk inglese. Registrati con David Johansen, Johnny Thunders, Sylvain Sylvain, Arthur Killer Kane e Jerry Nolan, i brani seguenti: 1 Personality Crisis 2 Bad Girl 3 Looking for a Kiss 4 Give Her a Great Big Kiss 5 Stranded in the Jungle, 6 Pills 7 Vietnamese Baby 8 Trash 9 Chatterbox 10 Jet Boy. Di li' a poco Thunders e Nolan formeranno gli Heartbreakers, Kane si riunira' ad un New York Dolls della prima ora (Rick Rivets) formando i Brats, Sylvian formera' i Criminals e Johansen iniziera' una lunga carriera solista.
Euro
21,00
codice 3024650
scheda
New york dolls red patent leather (rsd 2019)
lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1975  culture factory 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 2019, IN VINILE BIANCO, copertina pressoche' identica alla prima rara tiratura. Pubblicato originariamente nel 1984 in esclusiva dalla francese Fan Club, questo album bellissimo contiene 13 brani registrati il 2 Marzo del 1975 al Little Hippodrome Club di New York, uno degli ultimi effettuati con la band originale al completo (con David Johansen, Johnny Thunders, Sylvain Sylvain, Arthur Kane, Jerry Nolan e l' aggiunta al "secondo basso" di Peter Jordan). La band delle bambole newyorkesi era all' epoca tenuta in piedi dal futuro manager dei Sex Pistols, Malcom McLaren, ma continuava comunque dal vivo ad essere irresistibile, con un rock'nroll stradaiolo dalle tinte vagamente glam, suonato con un approccio figlio del garage punk americano degli anni '60 e punto di riferimento imprescindibile per una generazione punk che stava per sbocciare. Perdipiu' queste registrazioni, grezze ma efiicaci, presentano solo tre brani tratti dai due albums della band (tutti dal primo); gli altri 10 (dieci!!!) sono qui editi per la prima volta in assoluto, ed e' facile immaginare che costituissero l' ossatura per un terzo album in studio che non fu mai registrato. Il punk e gli Heartbreakers erano alle porte...Ovviamente imperdibile. Questa la lista completa dei brani: A1 Red Patent Leather / A2 On Fire / A3 Something Else / A4 Daddy Rolling Stone / A5 Girls / A6 Ain't Got No Home/Dizzy Miss Lizzy / B1 Down, Down Downtown / B2 Pirate, Love / B3 Pills / B4 Teenage News / B5 Personality Crisis/Looking For A Kiss / B6 Stranded In The Jungle.
Euro
30,00
codice 2109111
scheda
Nico camera obscura (ltd. blue vinyl, rsd 2022)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1985  beggars banquet 
rock 60-70
RISTAMPA LIMITATA, IN VINILE BLU, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2022, copertina pressoche' identica alla prima tiratura. Il magnifico "Camera Obscura", uscito in Inghilterra su Beggars Banquet nel giugno del 1985, non entrato nelle classifiche inglesi; il disco e' il sesto solista della compianta affascinante e carismatica artista ex Velvet Underground, purtroppo ultimo disco in studio non postumo, pubblicato a ben quattro anni di distanza dal precedente "Drama of Exile" (1981). Registrato con l' accompagnamento e la fattiva collaborazione dei Faction, progetto di James Young e Graham Dids, prodotto da John Cale (che coscrive un brano), con Ian Carr ospite alla tromba in due brani, il disco vede un ritorno alle atmosfere cupe e ripiegate su se stesse di "The End", sebbene le sonorita' dei Faction (che poi oltre ad accompagnare Nico dal vivo realizzeranno anche dei dischi in proprio) risultino assolutamente moderne, scarne ed essenziali (solo tastiere, percussioni e l' harmonium di Nico), a tratti sperimentali, gelide ed intensissime a tempo stesso come i brani proposti, come le magnifiche "Das Lied Von Einsanen Madchens", la scarnissima "Konig", la dolorosa "Tananore" o ancora la commovente, pianistica versione di "My Bloody Valentine". Un disco di grande bellezza, assai meno conosciuto di quanto meriterebbe.
Euro
31,00
codice 2128087
scheda
Nico live at the library theatre '83 (ltd. yellow vinyl, black friday rsd 2022)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  culture factory / cherry red 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, PRESSATA IN 3000 COPIE, IN VINILE GIALLO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL BLACK FRIDAY RECORD STORE DAY DEL NOVEMBRE 2022, con fascetta di presentazione ripiegata attorno alla costola; gia' pubblicato in cd nel 1996, ed in vinile per la prima volta nel 2017 con titolo "Janitors of lunacy" (edizione in doppio album con due brani aggiunti non provenienti pero' dal concerto), la testimonianza integrale (di discreta qualita' sonora) dell' esibizione dal vivo tenuta dalla compianta musa dei Velvet Undergound, morta prematuramente il 18 luglio del 1988, al Manchester's Library Theater di Manchester il 16 giugno del 1983, tra gli ultimi suoi albums in studio "Drama of Exile" (1981) e "Camera Obscura" (1985); questi i tredici brani di quello scarno concerto: "Vegas", "Saeta", "Genghis Khan", "Janitor Of Lunacy", "Tanadore", "Afraid", "All Tomorrow's Parties" (dal repertorio dei Velvet Underground), "Purple Lips", "Femme Fatale" (dal repertorio dei Velvet Underground), "No One Is There", "Frozen Warnings", "Closing The Door", "Heroes" (di David Bowie).
Euro
33,00
codice 3030056
scheda
Nicolai bruno La dama rossa uccide sette volte ost (expanded 2lp, rsd 2022)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1972  cam sugar / decca 
soundtracks
Doppio album EDIZIONE LIMITATA IN VINILE ROSSO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2022, ristampa rimasterizzata, con copertina apribile esclusiva, ed almpliata a doppio album, con 24 tracce, invece delle 22 originarie, tra cui una del tutto inedita. Pubblicato per la prima volta su vinile nel 2015 ad opera della Dagored, dopo una prima edizione in cd del 2005, la colonna sonora del film thriller ''La dama rossa uccide sette volte'' (1972), diretto da Emilio P. Miraglia. La musica, composta e diretta dal maestro Bruno Nicolai, fu pubblicata una prima volta nel 2005 in formato cd. Nicolai realizzo' una colonna sonora carica di pathos e percorsa da un filo sinistramente decadente, amalgamando sonorita' rock e lounge con arrangiamenti orchestrali. Questa la scaletta: ''La dama rossa uccide sette volte (preludio & titoli)'', ''La dama rossa appare & primo delitto'', ''Veglia funebre & macabro ricordo'', ''In automobile'', ''L'eredita' & agguato nel buio'', ''Secondo delitto'', ''Ufficio vuoto'', ''Interrogatorio'', ''In cantina'', ''Servizio fotografico'', ''Terzo delitto'', ''Quarto delitto'', ''Segreto terribile'', ''Incubo & aggressione'', ''Quinto delitto'', ''La dama rossa appare'', ''Minaccia'', ''Scoperta & sesto delitto'', ''Inseguimento & settimo delitto'', ''Confronto finale'', ''Fine di un incubo (titoli di coda)'', ''La dama rossa uccide sette volte (ripresa)''.
Euro
43,00
codice 3028495
scheda
Nilsson harry Popeye - the harry nilsson demos (ltd. black friday rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1980  varese sarabande 
rock 60-70
Edizione limitata a 1800 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL BLACK FRIDAY del 23 novembre 2018, label custom azzurra e rossa, con ripartizione dei colori invertita su di una facciata rispetto all'altra, scritte nere, catalogo VSD00027. Pubblicato nel novembre del 2018 dalla Varese Sarabande, questo album contiene i demos della colonna sonora realizzata da Harry Nilsson per il film "Popeye" del 1980, diretto da Robert Altman ed interpretato da Robin Williams e da una grande Shelley Duvall. La colonna sonora originale fu pubblicata nello stesso 1980, mentre questo lp di demos rende per la prima volta disponibili su vinile quattordici grezze tracce, abbozzi di esilaranti canzonette pop fra antico e moderno; troviamo anche due canzoni scritte per il film ma non utilizzate all'epoca, "Everybody's got to eat" e "I'd rather be me". Questa la scaletta completa: "Sweethaven", "I’m Mean", "Swee’pea’s Lullaby", "Blow Me Down", "Everything Is Food", "He Needs Me", "Everybody’s Got To Eat", "Sail With Me", "I Yam What I Yam", "It’s Not Easy Being Me", "Kids", "I’m Popeye The Sailor Man", "I’m Mean", "Everybody’s Got To Eat" (brano interpretato da Paul Dooley). Cantante nato a Brooklyn, Harry Nilsson, dopo un primo album che ottenne il plauso della critica ma scarse attenzioni del pubblico, ottenne una grande fama con l' interpretazione "Everybody' s Talking", scritta da Fred Neil, contenuta nella colonna sonora di "Midnight Cowboy" e nel suo album "Aerial Ballet" (1968); il brano frutto' a Nilsson un successo rimasto inalterato fino alla meta' dei '70. Paradossale davvero che questo prolificissimo ed originale autore, non facile da classificare, poi attivo saltuariamente anche nei decenni successivi e morto per insufficienza cardiaca nel '94, sia ricordato da molti soprattutto per il succitato brano di Fred Neil e per un album, "Nilsson Sings Newman", costituito esclusivamente da brani scritti da Randy Newman, che vi suona anche il piano. Nilsson ha anche lavorato nel campo delle colonne sonore.
Euro
23,00
codice 3515672
scheda
Norton doris (antonius rex) Nortoncomputerforpeace (rsd 2018)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1983  mannequin 
rock 60-70
EDIZIONE REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, copertina senza codice a barre. Ristampa del 2018 ad opera della Mannequin, in occasione del trentacinquesimo anniversario dell'originaria pubblicazione, e pressoche' identica alla rara prima tiratura. Originariamente pubblicato nel 1983 dalla Durium in Italia, il quarto album solista, successivo a ''Raptus vol. 1'' (1981) e precedente ''Personal computer'' (1984). La tastierista dei gruppi di culto Jacula ed Antonius Rex e' qui accompagnata dallo stesso Antonio Bartoccetti e da Rudy Luksch. L'album contiene brani strumentali, dominati dai sintetizzatori, che si sviluppano con partiture minimali ed ipnotiche, sostenute da beats minimali e ritmi circolari che in alcuni episodi sembrano ricollegarsi al minimal synth ma anche alle sperimentazioni dei Kraftwerk, atmosfere notturne dai toni misteriosi e talora inquietanti; in certi momenti l'album mostra affinita' con la new wave sintetica del periodo, in altri appare come uno strano ponte fra un tardo dark prog elettronico e la new wave stessa. Doris Norton, nota anche come Fiamma Dallo Spirito, e' cantante e tastierista dei gruppi di culto di Antonio Bartoccetti, Jacula e Antonius Rex, a partire dagli anni '70. Appassionata di strumentazione elettronica, pubblica a partire dal 1980 (''Under ground'') una nutrita discografia solista, con la quale ha dato importanti contributi alla crescita della musica elettronica e computerizzata durante gli anni '80; la sua competenza in materia di informatica ed elettronica attrasse anche la IBM, che nel 1986 la nomino' ufficialmente propria consulente.
Euro
27,00
codice 3511128
scheda
O level (television personalities) Pseudo punk (rsd 2014)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  munster 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA USCITA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014, copertina a busta senza codice a barre, label bianca con scritte nere e scaletta dei brani posta su di una facciata, catalogo MR344, adesivo di presentazione del disco sul cellophane. Pubblicata nel 2014 dalla Munster, questa raccolta compila i brani degli unici due dischi non postumi degli O-Level, usciti su 7'' nel 1978, oltre a quattro brani inediti fino al 1992, anno in cui emersero nella cd compilation ''1977-1980: a day in the life of gilbert and george'', uscita su Rev-Ola e contenente brani sia degli O-Level che dei Teenage Filmstars. Gli O-Level furono uno dei primissimi gruppi di rilievo a cui partecipo' il vulcanico Ed Ball; nella loro formazione militavano anche John e Gerard Bennett (poi nei TV Personalities). Pubblicarono un singolo ed un ep nel 1978, caratterizzati da un crudissimo sound a bassa fedelta' non lontano dai primi Fall, ma a differenza di questi meno ferocemente sarcastico ed ossessivo, e piu' marcato dai toni solari delle sonorita' anni '60, seppure sposate con la ruvidezza del punk e spogliate di ogni orpello. Presto Ball si sarebbe lanciato nel suo nuovo progetto, i Teenage Filmstars, che avrebbero ripreso il filo musicale di questi O-Level, nelle loro prime e poche pubblicazioni del 1979/80. Questa la scaletta: ''East sheen'' (dal primo 7'', 7/78), ''Pseudo punk'' (dal primo 7'', 7/78), '''O' levels'' (indicato come tratto dal primo 7'', 7/78, dove pero' non risulta accreditato), ''We love malcolm'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Leave me'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Everybody's on revolver tonight'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Satirway to boredom'' (dal secondo 7'' ''The malcolm ep'', 12/78), ''Many unhappy returns'' (inciso nel 3/78, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992), ''I love to clean my polaris missile'' (inciso nel 3/78, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992), ''Don't play god with my life'' (inciso nel 3/78, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992), ''East sheen revisited'' (inciso nel 2/79, poi sulla raccolta ''1977-1980...'' del 1992).
Euro
25,00
codice 3035012
scheda
Ocean colour scene One from the modern (rsd 2020)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1999  island 
indie 90
ristampa limitata in vinile verde pesante, in occasione del Record store day 2020, copertina apribile, coupon per download. Il quarto album del gruppo inglese, dopo "Marchin' already", presenta un cambio di rotta dai precedenti dischi con brani più intimi e lenti. Gli Ocean Colour Scene si formano nel 1989 a Moseley, nei pressi di Birmingham, dalle ceneri dei Fanatics, autori di un solo 12'' all'inzio di quell'anno. Inizialmente collocati nella scena di ''Madchester'' che stava allora spopolando con gruppi come gli Stone Roses, gli OCS non riuscirono tuttavia a rispondere alle attese di chi li vedeva come una delle promesse dell'immediato futuro del rock inglese, pubblicando un primo album eponimo nel 1992, dopo numerose reincisioni e grossi problemi con la loro etichetta, la Fontana. Il gruppo emerse dalle difficoltà nel 1996, con una nuova label, la MCA, ed il pubblico sostegno di due star del rock inglese come Paul Weller e Noel Gallagher: il secondo LP ''Moseley shoals'' giunse al secondo posto in classifica in gran Bretagna ed i successivi concerti ebbero un grande riscontro di pubblico. Gli OCS avevano cambiato il loro stile, proponendo un rock diretto e relativamente fruibile, con sonorità brit pop dalle forti influenze anni '60 che andavano dagli Small Faces agli Stones ed ai Byrds. Il successivo album ''Marchin' already'' (1997) si attestò al primo posto in classifica in patria, scalzando addirittura ''Be here now'' degli Oasis dalla vetta; da allora il gruppo è ospite fisso dei piano alti delle classifiche inglesi.
Euro
33,00
codice 2099340
scheda
Ochs phil Best of the rest: rare and unreleased recordings (ltd. rsd 2023)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  usa  1964  liberation hall 
rock 60-70
Edizione limitata a 2500 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2023, vinile doppio, copertina apribile, label custom fotografica in bianco e nero, catalogo LIB-5230. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2023 ad opera della Liberation Hall, la raccolta originariamente uscita solo in cd nel 2020, contenente venti tracce rare o inedite (sei quelle mai pubblicate prima), registrate da Phil Ochs fra il 1964 ed il 1965, con l'eccezione delle ultime tre, risalenti al periodo 1967-70. Gran parte dei brani qui presenti risalgono quindi al periodo dei suoi album per la Elektra, prima del trasferimento in California e del passaggio alla A&M; si tratta dei cosiddetti "Warner / Chappell demos", un tassello che documenta la crescente abilità di Ochs di combinare lirismo, impegno sociale e politico ed umorismo nelle sue canzoni. Qui di seguito la scaletta. Warner/Chappell demos (circa 1964-1965): "In The Heat Of The Summer", "That's What I Want To Hear", "The Men Behind The Guns", "Days Of Decision", "Here's To The State Of Mississippi", "Sailors And Soldiers" (inedito), "City Boy", "I'm Tired", "I Wish I Could Have Been Along" (inedito), "I'm Gonna Say It Now", "Canons Of Christianity", "Song Of A Soldier", "Colored Town", "The Confession", "Love Me, I'm A Liberal", "Take It Out Of My Youth" (inedito), "Bracero"; Bonus tracks: "The War Is Over" (WBAI Broadcast, 20/11/67, inedito), "All Quiet On The Western Front" (1969, inedito), "No More Songs" (Rehearsal Take, 1970, inedito). Phil Ochs, originario del Texas, si trasferi' poco piu' che ventenne a New York, divenendo subito tra i protagonisti della giovane scena del Greenwich Village, con le sue folk songs dai contenuti fortemente politicizzati ed antimilitaristi. La rivista Broadside, dove spesso avrebbe pubblicato in anteprima i testi dei suoi brani, gli offri' un impiego come saggista e critico, pubblicando parte del materiale all' epoca inciso da Ochs dopo la sua morte; presto venne anche il contratto con la Elektra, per la quale questo "giornalista cantante" (come amava definirsi) pubblico' due scarni albums in studio ed uno dal vivo (nel primo di questi suona anche Danny Kalb, poi nei Blues Project). Ristabilitosi in California continuo' per la A&M, pubblicando subito lo splendido "Pleasures Of The Harbor" che, senza rinunciare ai soliti testi, veri pugni allo stomaco per l' America benpensante dell' epoca (con conseguente boicottaggio da parte delle radio), propose una musica piu' complessa ed ambiziosa (da ricordare almeno "The Crucifixion", lungo brano sull' assassinio di Kennedy, arrangiato da Joseph Byrd prima che formasse i grandi United States Of America). L' altrettanto valido "Tape From California" si avvale invece della collaborazione Van Dyke Parks, ed e' dominato dalla presenza di "When In Rome", lunga 13 minuti, ovvero la storia dell' America secondo Ochs. Nell 'agosto del '68, a Chicago, fu coinvolto in disordini violenti che ne causarono l' arresto per una notte, ma soprattutto il subentrare di un pessimismo che non ne altero' lo slancio polemico, ma si riflette' gravemente sul suo stato psichico, sempre piu' incline alla depressione di li' in avanti. "Rehearsals For Retirement" usci' con una lapide in copertina con la significativa incisione "Phil Ochs (American). Born El Paso, Texas, 1940. Died Chicago, Illinois, 1968"; anche la musica, naturalmente, si fece piu' triste e ripiegata su se stessa. L' ultimo album in studio, la finta raccolta "Greatest Hits", non e' certo tra i suoi dischi migliori, ma ha dalla sua un' ironia che lascia quasi commossi, a partire dalla copertina con Ochs vestito in perfetto stile Elvis Presley, con il sottotitolo "50 Phil Ochs Fans Can't Be Wrong". La presenza di molti illustri musicisti (ancora il produttore Van Dyke Parks, Ry Cooder, i Byrds Clarence White e Gene Parsons, tra gli altri) vale come attestato di merito ad un grande musicista purtroppo assolutamente ignorato dal pubblico ed osteggiato dai media. Dopo un live pubblicato solo in Canada ed in Giappone ed un paio di singoli registrati in Australia ed in Kenya durante i suoi innumerevoli viaggi di quegli anni, torno' negli Stati Uniti, pubblico' un ultimo singolo e, ormai devastato dall' alcol e vittima di depressione, si tolse la vita nel 1976.
Euro
28,00
codice 3515959
scheda
Off! (circle jerks, redd kross) live from the bbc (rsd 2015)
10" [edizione] nuovo  stereo  usa  2015  vice records 
punk new wave
Minialbum in formato 10", EDIZIONE LIMITATA, DI 5000 COPIE, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2015, corredata di inserto. Pubblicato nell' aprile del 2015, in occasione del Record Store Day, dopo il terzo album "Wasted Years" (2014) e prima di "Free Lsd" (2022), con artwork realizzato da Raymond Pettibon, questo minialbum contiene dieci brani registrati il 9 ottobre del 2014 dal vivo in studio nei Maida Vale Studios di Londra, per la BBC che li trasmise radiofonicamente. Forse ancora piu' che nei dischi in studio, il supergruppo californiano guidato da Keith Morris (nella prima line-up dei Black Flag e quindi nei Circle Jerks) ci riporta ai fasti della migliore scena hardcore punk dei primi anni '80 grazie ad un approccio diretto e rabbioso sia nelle musiche che nei testi, in questi dieci brani tiratissimi ed abrasivi che lasciano increduli rispetto all' anagrafe dei componenti del gruppo, nonche' almeno in parte rispetto alla loro storia artistica, se si considera soprattutto che di roba del genere i Circle Jerks non ne avevano certo tirata fuori dopo il primo storico album "Group Sex" (1980). Gli Off!, formati a Los Angeles nel 2009, sono una sorta di supergruppo hardcore punk composto dal cantante Keith Morris (gia' con i primi Black Flag e fondatore dei Circle Jerks), dal chitarrista Dimitri Coats (Burning Brides), dal bassista Steven McDonald (Redd Kross) e dal batterista Mario Rubalcaba (ex Hot Snakes e Rocket From The Crypt). Autori di un hardcore punk ''classico'' se cosi' si puo' dire, diretto, tiratissimo e sferragliante, da piu' parti accostato ai primi Black Flag, gli Off! hanno pubblicato nel primo lustro della seconda decade del XXI gia' tre album ed un buon numero di ep, suonando dal vivo con una discreta frequenza.
Euro
26,00
codice 3032372
scheda
Oldfield mike hergest ridge - the 1974 demos (rsd 2024)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1974  emi / mercury / universal 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2024. Descrizione completa a seguire.
Euro
36,00
codice 3034309
scheda
Oldfield mike incantations (2011 mix - rsd 2021)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1978  mercury / emi / universal 
rock 60-70
Doppio album, in vinile trasparente, pesante 180 grammi; EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL LUGLIO 2021, ristampa con copertina apribile (diversa da quella dell' originaria tiratura su Virgin, cosi' come e' diverso e' il mixaggio dell' opera, realizzato nel 2011). Pubblicato in Inghilterra nel novembre del 1978 dopo ''Ommadawn'' e prima di ''Exposed'', giunto al numero 14 delle classifiche Uk e non pubblicato all' epoca in Usa. Il quinto album. Registrato con Sally Oldfield, Pierre Moerlen, Mike Laird, Maddy Prior, David Bedford e Sebastian Bell dal dicembre del 1977 al settembre del 1978, contiene una lunga suite divisa in quattro facciate sullo stile classico di ''Tubular bells'', con uso di strumenti elettroacustici ed alettronici ed atmosfere, appunto, come recita il titolo, sognanti ed incantate. Mike Oldfield e' uno dei ''ragazzi prodigio'' del rock inglese, chitarrista ed autore tra i piu' dotati, gia'con la sorella Sally nel'album di folk psichedelico ''Sallyangie'', poi con i Barefeet e gli Whole World di Kevin Ayers, nonche' autore poi di una serie di albums che sposeranno ricerca e melodie sullo stile del primo celeberrimo lavoro solista ''Tubular bells'' (1973).
Euro
37,00
codice 2107720
scheda
Oldfield mike Opus One - 1971 demos (rsd 2023)
lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1971  emi / mercury / universal 
rock 60-70
EDIZIONE LIMITATA, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2023. Descrizione completa a seguire.
Euro
36,00
codice 3031360
scheda
Oscar & the majestics rare & unissued cuts 64-66 (rsd 2019)
10" [edizione] nuovo  mono  usa  1964  beat rocket 
rock 60-70
minialbum in formato 10", EDIZONE LIMITATA, IN VINILE COLORATO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2019, adesivo di presentazione sul cellophane. Pubblicato per la prima volta in questa occasione, questo minialbum contiene sei brani, registrati tra il 1964 ed il 1966, uno dei quali, "Haunted House", proveniente da un raro singolo del 1964, mentre gli altri sono assolutamente inediti o inediti in queste versioni, tra di essi la splendida "Got To Have Your Lovin' ", gia' contenuta nell' album "No chance baby!" pubblicato dalla Sundazed nel 2011, ma qui presente in una diversa registrazione. Questa garage band di culto dell' Indiana realizzo' tra il 1963 ed il 1969 un gruzzolo di singoli, il periodo qui testimoniato e' quello piu' rappresentativo, quello che dalla infatuazione per il sound dei gruppi della British invasion quali Who e Kinks approda all' approccio selvaggio del garage americano, sempre senza dimenticare il groove del soul e del r'n'b, il tutto guidato dalla voce del frontman Oscar Hamod, che si posiziona su un piu' misurato versante britannico che su quello piu' rauco e scatenato degli Stati Uniti. Il gruppo, formato all'inizio degli anni '60 a Gary, Indiana, dal dinamico cantante e chitarrista Oscar Hamod, riscosse un buon successo locale in alcune aree del Midwest nel corso degli anni '60, debuttando discograficamente nel 1964 con il singolo ''Jackie jackie''; la loro carriera discografica ebbe termine verso la fine del decennio, dopo una manciata di singoli, ma continuarono a suonare per alcuni anni ancora. Questa la scaletta: ''Got to have your lovin'' (alternate version), ''Anything You Want" (inedita), "Shake a Tail Feather" (inedita), "Haunted House" (pubblicata su singolo nel 1964), "Whiplash" (inedita) e "GEt Ready" (inedita).
Euro
13,00
codice 2093487
scheda
Outsiders (sound) Calling on youth / one to infinity demos & early songs (rsd 2024)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1977  lantern 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA, IN VINILE ROSSO, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2024; pubblicato per la prima volta in questa occasione, questo album contiene undici brani, registrati tra l' agosto del 1976 ed il luglio 1977, demos, tracce del tutto inedite o mix alternativi della primissima fase artistica della storica formazione punk britannica, terzetto guidato da un giovanissimo ADRIAN BORLAND, svariati anni piu' tardi con i SOUND, quella del primo album "Calling On Youth" (autoprodotto nel giugno del 1977) e del primo 7"ep "One To Infinity" (pubblicato nel novembre del 1977). I cinque brani della prima facciata sono noti per la loro inclusione nel primo album: "Calling On Youth" (demo del dicembre 1976), "Hit And Run" (demo del dicembre del 1976), "Start Over" (reigstrata tra l' agosto ed il settembre 1976), "Weird" (registrata ai Pathway Studios il 5 febbraio del 1977) e "Walking Through a Storm" (agosto/settembre 1976); sulla seconda facciata troviamo invece versioni demo registate nal maggio 1977 di "One to Infinity" e "Consequences", poi nel primo 7" ep gia' citato, e le inedite "Blowtorch" (registrata ai Pathway Studios il 5 febbraio del 1977), "Anniversary" (composta nel 1975, registrata in data imprecisata), "I'm Gonna Be Free" (agosto/settembre 1976) e "Perfect Girl" (demo registrato nel luglio 1977). Un gruppo di notevole valore storico essendo riconosciuto "Calling On Youth" come il PRIMO ALBUM AUTOPRODOTTO della scena punk inglese, oltre che per le successive avventure musicali di Borland. Un gruppo, soprattutto agli inizi, caratterizzato da un souno grezzo e tagliente, in molti episodi sorprendentemente vicino a certo punk rock americano (gli Heartbreakers erano d'altro canto all' epoca in giro per l' Inghilterra, ed influenzarono piu' di una band), ma gia' segnato dalla personalita' di Borland, che emerge chiaramente in alcuni brani con il suo approccio sofferto e lirico. "Calling On Youth" e "Hit And Run" sono gia' dei piccoli classici. Dopo un secondo album "Close Up", pubblicato nel 1978, il gruppo si sciolse, e Borland ebbe modo di rivelare appieno tutto il suo mai sufficientemente riconosciuto talento, tra gli artisti di culto della scena inglese post punk. Una fondamentale tappa nel cammino musicale di Borland, uno dei piu' sottovalutati cantori del malessere esistenziale di tutta la scena post punk inglese. Oscura formazione londinese fra punk e post punk, questi Outsiders sono generalmente ricordati perche' da essi nacquero in seguito i Sound di Adrian Borland, che peraltro era cantante, chitarrista e paroliere degli stessi Outsiders. Gruppo dedito ad un sound abrasivo, rabbioso e tirato di matrice punk, in cui non mancavano influenze di quello americano (Heartbreakers), gli Outsiders avevano anche un lato oscuro ed un certo senso tragico e di fragilita' che preludeva al dark. Il loro primo album ''Calling on youth'' (1977), uscito in un migliaio di copie, e' considerato il primo lp autoprodotto del punk inglese; venne seguito nel 1978 da ''Close up'' quindi il gruppo si trasformo' poco dopo nei Sound.
Euro
28,00
codice 3034380
scheda
Ozric tentacles sploosh! (rsd 2014)
12" [edizione] nuovo  stereo  ger  1991  dovetail 
punk new wave
EDIZIONE LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014. Ristampa del 2014 ad opera della Madfish / Dovetail, pressoche' identica alla prima tiratura. Originariamente pubblicato dalla Dovetail nel 1991 in Gran Bretagna, il 12'' tratto dal terzo album ''Strangeitude'' (1991). Contiene due lunghi brani, tratti entrambi dal sopracitato lp: "Sploosh!", dall'incedere in mid tempo che sorregge con una lenta trance partiture minimaliste basate soprattutto su tastiere ed elettronica, e "Live Throbbe", che inizia piu' rarefatta con esotiche melodie di flauto e tappeti di tastiere che paiono space ambient, per poi svilupparsi in un ipnotico space rock dalle sfumature progressive. Tra i piu' prolifici e longevi gruppi di rock psichedelico inglese, gli Ozric Tentacles si formano nel 1982 e realizzano nel corso degli anni '80 sei musicassette prima di pubblicare il primo lp nel 1989, "Pungent effulgent". Nel corso degli anni il loro suono ha assunto una caratteristica identita', contraddistinta da lunghi episodi in gran parte strumentali, dominati da chitarre acide e sintetizzatori con l'inserimento di flauti e campionamenti, sopra ritmiche ipnotiche che nei brani piu' lenti sfociano spesso nel dub ed in una atmosfera sognante ed orientaleggiante. La loro costante attvita' dal vivo e la nutrita discografia li hanno portati ad essere uno dei gruppi portabandiera del rock psichedelico inglese fra gli anni '80 e '90.
Euro
25,00
codice 3011555
scheda
P.i.l. (public image ltd) concert - live at the brixton academy 27.5.86 (rsd 2018)
LP2 [edizione] originale  stereo  eu  1985  virgin / universal 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
EDIZIONE LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 21 APRILE 2018, doppio album inedito registrato dal vivo, copertina apribile e corredata di poster apribile in sei parti, etichette custom, catalogo 672791-5. Contiene l' inedita testimonianza del concerto effettuato il 27 maggio del 1986 alla Brixton Academy, durante il tour che segui' la pubblicazione del quinto album in studio "Album", dalla storica e seminale formazione inglese di Londra guidata come sempre da John Lydon (formata nel luglio del '78 dopo lo scioglimento dei Sex Pistols, quando ancora Lydon si faceva chiamare Johnny Rotten). La scaletta, come prevedibile, attinge sia dalla scaletta del recente album sia dai tanti classici dei precedenti lavori del gruppo, e si apre con una personale versione di "Kashmir" dei Led Zeppelin. Questa la scaletta del disco: Kashmir / FFF / Low Life / Fishing / Poptones / Pretty Vacant / Banging The Door / Flowers Of Romance / Bags / Round / Home / Public Image / Rise / Annalisa.
Euro
36,00
codice 258159
scheda
Pagans what's this shit? 1977/79 (rsd 2014
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  1977  thermionic 
punk new wave
USCITA LIMITATA REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2014. Uscita esclusiva realizzata per il Record Store Day del 2014, in vinile chiaro, etichetta bianca con scritte nere da un lato, e "custom" in bianco e nero dall' altro, adesivo di presentazione sul cellophane. Il primo lato contiene un concerto intero di otto brani eseguito nella primavera del 1979 in supporto del negozio nonche' label Drome Records; sul secondo lato la leggendaria 'Six And Change' , in due versioni inedite registrate live in studio, e nella versione tratta dal primo singolo del gruppo, uscito nel '77 in 200 copie ed inciso su una sola facciata.
Euro
26,00
codice 2061567
scheda
Parker charlie Long lost bird live afro-cubop recordings (ltd. 180 gr. rsd 2023)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  usa  1945  rockbeat 
jazz
Edizione limitata a 2500 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DELL' APRILE 2023, vinile doppio da 180 grammi, copertina apribile, label custom con fotografia di Charlie Parker a sinistra in sfumature di grigio / blu e scritte multicolore, catalogo RB-3460. Per la prima volta disponibile in vinile grazie a questa edizione del 2023 ad opera della Rockbeat, originariamente pubblicata solo in cd nel 2015, questa antologia compila, per la prima volta tutti insieme, brani già editi su diverse raccolte nel corso degli anni. Si tratta di registrazioni dal vivo effettuate fra il 1945 ed il 1954, che vedono Bird accompagnato dalla crema del jazz di quegli anni, basti citare Woody Herman (sax alto, clarinetto), Ray Brown (contrabbasso), Art Blakey (batteria), Machito (percussioni), Stan Kenton (pianoforte), Dizzy Gillespie (tromba) e Milt Jackson (vibrafono), fra gli altri. Trait d'union fra i brani della raccolta è l'inclinazione alla fusione fra il jazz di scuola bop con la musica afro-cubana. Questa la scaletta, con luogo e data di registrazione fra parentesi: "Dizzy Atmosphere" (Los Angeles, Jubilee AFRS, 29/12/45), "A Night In Tunisia" (New York, Carnegie Hall, 29/9/47), "Groovin' High" (New York, Carnegie Hall, 29/9/47), "Confirmation" (New York, Carnegie Hall, 29/9/47), "Lament For The Congo" (New York, Renaissance Ballroom, 19-20/5/50), "Mambo Fortunato" (New York, Renaissance Ballroom, 19-20/5/50), "Salt Peanuts" (New York, Birdland, 20/12/50), "Leo The Lion I" (Kansas City, Municipal Arena, 22/7/51), "Cuban Holiday" (Kansas City, Municipal Arena, 22/7/51), "Lemon Drop" (Kansas City, Municipal Arena, 22/7/51), "The Goof And I" (Kansas City, Municipal Arena, 22/7/51), "Leo The Lion II" (Kansas City, Municipal Arena, 22/7/51), "Night And Day" (Portland, Civic Auditorium, 25/2/54), "My Funny Valentine" (Portland, Civic Auditorium, 25/2/54), "Cherokee" (Portland, Civic Auditorium, 25/2/54), "On The Alamo" (Portland, Civic Auditorium, 25/2/54), "Manteca" (Portland, Civic Auditorium, 25/2/54), "A Short One" (Portland, Civic Auditorium, 25/2/54). L'artefice principale del be bop, maestro dell'improvvisazione del sassofono contralto, Parker ha dato una spinta sensazionale all'evoluzione del jazz negli anni '40: "scoprii che usando gli intervalli più alti degli accordi sulla linea melodica e rinforzandoli con appropriate variazioni di accordi potevo suonare ciò che sentivo dentro. Mi sentivo rivivere". Esordisce nella natia Kansas City formando inizialmente il suo stile da quello allora eretico di Lester Young, dal quale si differenzia in seguito, già nel '40 con alcune sedute con l' Orchestra di McShann (''Early Bird'', Rca, '40-'43) con la sua sonorità netta, priva di vibrato ed il suo stile solistico rivoluzionario che sfrutta tante innovazioni younghiane ma che si rivela decisamente più aggressivo, dirompente e passionale. Da qui, Parker entra nelle session al Minton's e al Monroe's al fianco di Gillespie, Monk e Kenny Clarke, rivelandosi ufficialmente nello storico quintetto gillespiano della fine del '44. La sua maturità artistica appartiene al periodo tra il '45 ed il '48 con gruppi dove suonano stabilmente sia Miles Davis che Max Roach. Così, dopo il '48, si è già in presenza di un ultimo Parker, esecutore ancora di grandi assoli eseguiti su alcuni suoi cavalli di battaglia; un "Bird" famoso, quello del celebre concerto del '53 alla Massey Hall di Toronto, in cui, un Parker in stato di grazia, suona con un sassofono di plastica accanto a Gillespie, Bud Powell, Charles Mingus e Max Roach (Quintet of The Year).
Euro
29,00
codice 3515960
scheda
Parker graham and the goldtops Five old souls - live in southampton with the rumour brass (ltd. purple vinyl rsd 2022)
LP2 [edizione] nuovo  stereo  uk  2021  100% 
punk new wave
Edizione limitata a 800 copie, REALIZZATA IN OCCASIONE DEL RECORD STORE DAY DEL 23 APRILE 2022, vinile doppio di colore porpora, label custom a colori con disegno di teschio decorato, catalogo 100LP111. Originariamente pubblicato nel 2021 in cd, quindi edito in vinile nel 2022 dalla 100%, il primo album ufficialmente accreditato a Graham Parker con il suo nuovo gruppo, i Goldtops, con i quali aveva peraltro già inciso "Cloud symbols", uscito nel 2018, e con i quali pubblicherà poi l'album in studio "Last chance to learn the twist" (2023). Registrato dal vivo il 10 ottobre del 2018 alla Engine Room di Southampton, Inghilterra, durante un tour che lo vide accompagnato appunto dai Goldtops, e dalla sezione fiati battezzata The Rumour Brass, l'album contiene diciassette brani, attraverso i quali la band inizia con un tono lento e composto, per poi irrobustire il proprio sound, pur senza scatenarsi; Parker rivisita brani del suo vasto repertorio che copre ormai quasi mezzo secolo di carriera, toccando anche la sua discografia più recente, ed aggiunge anche una manciata di covers ben selezionate, fra cui "You left the water running" di Dan Penn (incisa tanto tempo fa anche da Otis Redding) e "Hold back the night" dei Trammps, celebre gruppo disco / soul di Philadelphia degli anni '70. Si avverte un genuino sapore di roots rock, country'n'roll e soul music. Questa la scaletta completa: "Old Soul", "Things I've Never Said", "Back Door Love", "GP Introduces The Band", "Hotel Chambermaid", "White Honey", "Ancient Past", "Bathtub Gin", "Lady Doctor", "Dreamin'", "Every Saturday Nite", "You Left The Water Running", "Not If It Pleases Me", "Hold Back The Night", "Rockin' Hawk", "Heat Treatment", "Soul Shoes". L'inglese Graham Parker, spesso accostato ai suoi contemporanei Elvis Costello e Joe Jackson, è un apprezzato cantautore di culto, emerso in epoca punk/new wave con i suoi Rumours, ed autore di una vasta discografia che partendo dai tardi anni '70 prosegue oltre l'inizio del nuovo secolo, caratterizzata da un tagliente senso dell'umorismo e da sonorità ruvide che si stemperano e si fanno più mature nel corso degli anni.
Euro
15,00
codice 3515956
scheda
Parks van dyke come to the sunshine / farther along (rsd 2013)
7" [edizione] nuovo  stereo  usa  1966  sundazed 
rock 60-70
Edizione limitata, realizzata in occasione del Record Store Day del Black Friday 2013, copertina realizzata per l' occasione (le rare copie originali ne erano prive), con note sul retro, etichetta gialla e nera che riproduce quella delle copie promozionali del disco. La ristampa del primo singolo in proprio, pubblicato dalla Mgm, del grande e mai abbastanza valutato artista americano, all' epoca giovanissimo, reduce anche da esperienze attoriali, ma gia' apprezzato autore. Lontano dalla complessita' straordinaria del suo primo album, il capolavoro "Song Cycle" che la Warner Bros pubblichera' nel 1968, questo delizioso singoletto, co-prodotto da Tom Wilson (personaggio chiave nella esplosione del folk-rock americano), dimostra gia' il notevole talento sia di compositore che di arrangiatore di Van Dyke Parks, sopratutto nella memorabile "Come to the sunshine", delizia di raffinatissimo pop, presto ripresa dagli Harpers Bizarre, con successo decisamente maggiore. Nato ad Hattiesburg, in Mississippi, attore per la tv ed il cinema tra i 10 ed i 15 anni, si dedico' poi completamente alla musica, accasandosi presso la Warner Bros, una volta trasferitosi a Los Angeles, e divenendo produttore, arrangiatore, pianista ed autore tra i piu' importanti e richiesti della scena californiana, sebbene ancora giovanissimo. Fu al lavoro tra gli altri con Beau Brummels, Byrds, Tim Buckley, Randy Newman, Phil Ochs, Little Feat e Ry Cooder. Soprattutto, un ruolo enorme ebbe nelle leggendarie registrazioni effettuate con Brian Wilson del progettato "Smile", nastri in parte finiti su "Smiley Smile", ma quasi del tutto distrutti dal leader dei Beach Boys (con il gruppo Parks torno' a lavorare piu' volte successivamente). La stima e la considerazione di cui godeva erano tali che la Warner Bros gli lascio' davvero carta bianca per questo suo primo album in proprio, che ovviamente, costato lunghe e laboriose sessions di registrazione, ebbe come prevedibile delle vendite davvero irrisorie, divenendo pero' presto uno degli oggetti di culto della scena musicale non solo americana di quegli anni. Di tanto in tanto Parks tornera' all' incisione in proprio, realizzando ancora gli albums "Discover America" nel 1972 e "Clang of the Yankee Reaper" nel 1976, poi ancora sporadicamente dagli anni '80 fino ad oggi.
Euro
12,00
codice 3011140
scheda
Parks van dyke Super Chief: Music For The Silver Screen (rsd 2013)
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  2013  bella union 
rock 60-70
copertina senza barcode, vinile pesante, allegato cd con versione dell' album che include tre tracce bonus, inner sleeve con note, etichetta nera con scritte bianche. Uscito per la prima volta in occasione del Record Store Day dell' aprile 2013, questo album contiene la virtuale colonna sonora ispirata ad un viaggio compiuto dal genaile artista americano attraverso gli Stati Uniti in treno, nel lontano 1955, all' eta' di quattordici anni, rivissuto attraverso questi 27 brevi brani inediti o selezionati dalle numerose colonne sonore realizzate da van Dyke Parks negli anni, ri-registrate rielaborate per l' occasione, dando vita ad un tassello particolare ma come sempre prezioso della sua discografia. Nato ad Hattiesburg, in Mississippi, attore per la tv ed il cinema tra i 10 ed i 15 anni, si dedico' poi completamente alla musica, accasandosi presso la Warner Bros, una volta trasferitosi a Los Angeles, e divenendo produttore, arrangiatore, pianista ed autore tra i piu' importanti e richiesti della scena californiana, sebbene ancora giovanissimo. Fu al lavoro tra gli altri con Beau Brummels, Byrds, Tim Buckley, Randy Newman, Phil Ochs, Little Feat e Ry Cooder. Soprattutto, un ruolo enorme ebbe nelle leggendarie registrazioni effettuate con Brian Wilson del progettato "Smile", nastri in parte finiti su "Smiley Smile", ma quasi del tutto distrutti dal leader dei Beach Boys (con il gruppo Parks torno' a lavorare piu' volte successivamente). La stima e la considerazione di cui godeva erano tali che la Warner Bros gli lascio' davvero carta bianca per questo suo primo album in proprio, che ovviamente, costato lunghe e laboriose sessions di registrazione, ebbe come prevedibile delle vendite davvero irrisorie, divenendo pero' presto uno degli oggetti di culto della scena musicale non solo americana di quegli anni. Di tanto in tanto Parks tornera' all' incisione in proprio, realizzando ancora gli albums "Discover America" nel 1972 e "Clang of the Yankee Reaper" nel 1976, poi ancora sporadicamente dagli anni '80 fino ad oggi.
Euro
30,00
codice 3011415
scheda

Page: 12 of 20


Pag.: oggetti: