Hai cercato:  immessi ultimi 60 giorni --- Titoli trovati: : 1588
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Buscaglione fred e i suoi asternovas Fred buscaglione e i suoi asternovas (raccolta)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1955  watch the bird 
musica italiana
Copertina senza codice a barre, catalogo WTB003. Pubblicata nel 2018 dalla Watch The Bird, questa antologia compila sedici storici brani di Fred Buscaglione con i suoi Asternovas, originariamente usciti a partire da metà anni '50 fino al 1960, anno della sua tragica scomparsa. Fred Buscaglione (1921-1960) è stato uno dei più popolari e frizzanti cantanti ed attori dell'Italia del "boom" economico; personalità carismatica e naturale intrattenitore, giovanissimo conobbe Leo Chiosso, futuro drammaturgo ed autore di testi, con il quale avrebbe instaurato una importantissima collaborazione artistica, e durante la guerra, fatto prigioniero degli americani in Sardegna, ebbe modo di lavorare per la radio alleata e di entrare in contatto con le ultime novità musicali partorite negli Stati Uniti. Dopo la guerra rientrò nella natia Torino e formò il suo gruppo di supporto, gli Asternovas, al contempo lavorando alacremente con Chiosso, appassionato di romanzi gialli americani, elemento che probabilmente eserciterà un'influenza sulle canzoni che poi renderanno famoso Buscaglione, spesso incentrate su spietati gangsters, sbornie e donne di dubbia morale, ma il tutto espresso con una vena ironica ed anche surreale. Grande fu il suo successo di cantante nella seconda metà degli anni '50, ma anche la carriera di attore e di showman televisivo fu radiosa, sebbene per poco, perché un incidente stradale causò la sua morte, nemmeno quarantenne, nel 1960. Questa la scaletta: "Io", "Julia", "Tequila", "Lo stregone (witch doctor)", "Mia cara venezia", "Al chiar di luna porto fortuna", "Ogni notte così", "Buonasera (signorina)", "Che bambola", "Eri piccola così", "Giacomino", "Teresa non sparare", "Giorgio (del lago maggiore)", "Come prima", "Non partir", "Magic moments".
Euro
23,00
codice 2105532
scheda
Business official bootleg 1980-81
lp [edizione] originale  stereo  uk  1983  syndicate 
  [vinile]  Very good  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale rara stampa inglese, copia con lievi segni di invecchiamento sul vinile, copertina laminata fronte e retro, con distribuzione IDS sul retro, senza barcode, etichetta bianca con scritte nere, catalogo SYNLP2. Pubblicato nel 1983, poco dopo il primo album "Suburban Rebels", rappresenta una preziosa testimonianza del primo periodo di attivita' di questa punk band londinese, tra le principali della seconda ondata. La prima facciata contiene sei brani registrati in studio durante il 1980, con una line up diversa da quella del primo album, un suono piu' ingenuo e grezzo ed un' attitudine a tratti quasi power pop ("Out in the Cold" e' un piccolo gioiellino!); la b-side (registrata dal vivo a Bristol nel 1981) testimonia invece l' aggressivita' che i Business gia' tiravano fuori "on stage", e contiene, tra l'altro, una bella versione dell' inno degli Sham 69 "Tell Us the Truth". Un pezzo di storia. Questa la lista completa dei brani: Studio Side: Out In The Cold / Streets Where You Live / No Emotions / Dayo / Unevenly Pretty Strangers; Live In Bristol 1981: Work Or Riot #1 / Product / Tell Us The Truth / Richard Lewis / National Insurance Blacklist / Suburban Rebels / Harry May. Formati a Londra nel 1979, furono tra i principali esponenti del movimento Oi (ma nella sua diramazione "Against Racism"). Il loro punk grezzo ed anthemico era caratterizzato da efficacissimi riffs chitarristici ed una vena compositiva minimale ma efficacissima. La band rimarra' attiva per tutto il decennio, realizzando ancora due albums in studio, tra i portabandiera del' oi punk inglese.
Euro
35,00
codice 204488
scheda
Busoni ugo Valvole (ltd.)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1975  musica per immagini 
soundtracks
Edizione limitata a 500 copie. Ristampa del 2021 ad opera della Musica Per Immagini, la prima in assoluto, rimasterizzata e con copertina esclusiva. Originariamente pubblicato nel 1975 dalla Nuova Idea in Italia, il raro è ricercato "Valvole" è uno dei "library records" incisi negli anni '70 da Ugo Busoni, compositore che fu a metà decennio coinvolto anche nel progetto Clan Alleluia di Marcello Giombini (uno dei protagonisti del fenomeno delle messe beat negli anni '60), suonò nei dischi di altri autori legati ad una moderna musica cristiana come Pierangelo Comi e Giosy Cento, e prestò i suoi talenti strumentali alla colonna sonora del film "La grande avventura" di Alvaro Guglielmi (1977, in qualità di conduttore ed arrangiatore) ed all'album "Il mondo in tasca" della Schola Cantorum (1979), oltre a collaborare con le Edizioni Paoline fra il 1976 ed il 1982. "Valvole" è un delizioso esempio della ricca musica d'archivio italiana degli anni '70, contenente dodici brevi episodi tematici dalle atmosfere e dai toni chiaramente identificabili con i loro titoli, dalle suggestioni orientali di "Tokyo" a quelle da spy story nella frenetica "Controspionaggio" fino alle melodie fluttuanti di chitarra elettrica e vibrafono in "Starne". L'impronta principale sull'album è quella del rock, con sfumature funkeggianti e pseudo-progressive. Questa la scaletta: A1 Tokyo 2:42 A2 Piccola Idea 3:10 A3 Uscita Da Scuola 3:11 A4 Raid 3:19 A5 Polvere Cosmica 3:11 A6 Su Una Nuvola 2:58 B1 In Serie 2:31 B2 Rullio 2:35 B3 Digradante 3:07 B4 Oklahoma 2:58 B5 Controspionaggio 2:29 B6 Starne 3:24.
Euro
31,00
codice 3513946
scheda
Lp [edizione] ristampa  stereo  usa  1966  sundazed 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Ristampa degli anni 2000, in vinile di alta qualita', si tratta della seconda ristampa della Sundazed dopo la prima del 2001, con nuova masterizzazione, caratterizzata dalle lettere "G I" ed "NRP" incise sul trail off dei due lati, copertina pressoche' identica alla prima tiratura del 1966, etichetta dorata con logo Sundazed in alto, catalogo Lp5096. Pubblicato in USA nell'agosto del 1966 dopo ''The Paul Butterfield Blues Band'' e prima di ''The Resurrection Of Pigboy Crabshaw'', giunto al numero 65 delle classifiche USA e non entrato in quelle UK dove usci' nel dicembre dello steso anno. Il secondo album. Registrato da Mike Bloomfield, Paul Butterfield, Elvin Bishop, Jerome Arnold, Mark Naftalin, Billy Davenport, e' una delle pietre d'angolo delle musica americana; lavoro innovativo e sperimentale in cui il blues-rock si espande e diviene ''altro'', come nella title track di oltre 13 minuti, fusione di jazz , blues, ragas indiani che preannuncia la psychedelia appena nascente di questo 1966, fu il primo album di questo tipo ad essere pubblicato, il disco suona come una via di mezzo tra i Kaledoscope di ''Beacon From Mars'' o ''Side Trips'', i Grateful Dead degli anni '60 e i Fleetwood Mac di Peter Green, un album che merita senza discussioni lo status di classico e che e' da considerarsi immancabile per chiunque sia interessato alla musica rock degli anni '60.
Euro
26,00
codice 250855
scheda
Byrds have you seen her face / don't make waves
7" [edizione] originale  stereo  usa  1967  columbia 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", la originale rara stampa americana, con etichetta rossa con scritte e logo neri, foro al centro largo, catalogo 4-44157, copia priva sia della picture sleeve di cui furono fornite parte delle copie sia della piu' comune company sleeve della Columbia. Pubblicato nel maggio del 1967, giunto al numero 74 delle classifiche americane, il singolo contiene la memorabile "Have You Seen Her Face" (di Chris Hillman) sul lato A, tratta dall' album "Younger Than Yesterday" (gia' uscito nel marzo dello stesso anno) e sul lato B una versione esclusiva del brano "Don't Make Waves" (di Hillman e Roger McGuinn), composto per la colonna sonora del film omonimo, ma qui in una versione parecchio diversa negli arrangiamenti (e piu' breve).
Euro
12,00
codice 250746
scheda
Byrds My Back Pages / Renaissance Fair
[edizione] originale  stereo  usa  1967  columbia 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", la rara stampa originale americana, con etichetta rossa con scritte e logo neri, foro al centro largo, catalogo 4-44054, copia priva della originaria company sleeve della Columbia. Pubblicato nel maggio del 1967 in Usa (a marzo in Uk), giunto al numero 30 delle classifiche americane, il singolo contiene due brani tratti dall' album "Younger Than Yesterday" (uscito nel marzo dello stesso anno): la splendida versione di "My Back Pages" di Bob Dylan sul lato A e sul lato B uno delle migliori testimonianza del magnifico flirt del gruppo con la psichedelia, "Renaissance Fair", scritta a quattro mani da Roger McGuinn e David Crosby.
Euro
12,00
codice 250745
scheda
Byrds So you want to be a rock'n'roll star / everybody's been burned
7" [edizione] originale  stereo  usa  1967  columbia 
  [vinile]  Excellent rock 60-70
singolo in formato 7", la originale rara stampa americana, con etichetta rossa con scritte e logo neri, foro al centro largo, catalogo 4-43987, copia priva dell' originaria company sleeve della Columbia. Pubblicato nel gennaio 1967, giunto al numero 29 delle classifiche americane, il singolo contiene la memorabile "So You Want To Be A Rock'n'roll Star" (di Chris Hillman e Roger McGuinn) sul lato A, presto nell' album "Younger Than Yesterday" (uscito nel marzo dello stesso anno) e sul lato B uno dei lasciti piu' straordinari della permanenza di David Crosby nel gruppo: la magnifica "Everybody's Been Burned", poi anche quella nell' album.
Euro
12,00
codice 250747
scheda
Byrds untitled
lp2 [edizione] ristampa  stereo  usa  1970  columbia 
  [vinile]  excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Doppio album, ristampa americana dei primi anni '80, copertina apribile senza barcode, con catalogo CG30127, pressoche' identica alla prima rara tiratura ma non piu' cartonata, nella versione definitiva senza l' indicazione del brano ''Kathleen'' sul retrocopertina, erroneamente riportato nelle primissime copie pressate, e con l' indicazione dei lati nella tracklist sempre sul retrocopertina, nella versione che riporta, sempre sul retrocopertina, il brano "All the Things" erroneamente riportato come "All Things", etichetta rossa con scritto Columbia 6 volte lungo la circonferenza, con catalogo G30127; sul trail off di entrambi i lati una "G" indica il pressaggio negli stabilimenti Columbia Records Pressing Plant di Carrollton, Georgia, attivi dal 1981. Pubblicato in Usa nell'ottobre del 1970 dopo ''Ballad of easy rider'' e prima di ''Byrdmaniax'', giunto al 40esimo posto delle classifiche Usa ed all' 11esimo di quelle Uk dove usci' nel novembre dello stesso anno. Il nono album, doppio, contiene un album live registrato nel 1969 con in formazione Clarence White, Gene Parsons, Roger McGuinn e Skip Battin, ed uno in studio di nuovi brani, tra i quali li magnifica ''Chesnut mare''. E' sicuramente il loro miglior lavoro del periodo con un mix di psichedelia, country e rock'n'roll, e fu anche un grane successo di critica e di pubblico negli Usa.
Euro
32,00
codice 250915
scheda
C.s.i. Noi non ci saremo vol. 1 (ltd)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2001  universaql 
indie 90
edizione limitata in vinile doppio trasparente, numerata sul retro. A vent'anni dalla prima pubblicazione, viene riedita in due volumi la raccolta di rarità, versioni inedite, covers e brani dal vivo registrati dal gruppo durante la propria carriera. In questo volume spicca la collaborazione con Robert Wyatt che canta "del mondo". Alcuni brani sono tratti dal concerto con Goran Bregovic a Firenze nel gennaio 2000. i brani inclusi : A tratti (live) Intimisto Noi non ci saremo (testo: Francesco Guccini) Tutti giù per terra E ti vengo a cercare (live) (Franco Battiato) Forma e sostanza (live) Depressione Caspica (live) Il gorgo (live) Ederlezi (live) Fuochi nella notte (di San Giovanni) (feat. Goran Bregovic) (live) Sogni e sintomi (live) Unità di produzione (live) Il resto Del mondo (versione reinterpretata da Robert Wyatt) Velluto rosso
Euro
43,00
codice 2105750
scheda
C.s.i. Noi non ci saremo vol. 2 (ltd 2)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2001  universaql 
indie 90
edizione limitata in vinile doppio trasparente, numerata sul retro. A vent'anni dalla prima pubblicazione, viene riedita in due volumi la raccolta di rarità, versioni inedite, covers e brani dal vivo registrati dal gruppo durante la propria carriera. Maledirai (live a Roma, 2/7/1994) Finistère (live a Roma, 2/7/1994) Linea Gotica (live a Prato, 7/12/1996) Irata (Live a Firenze, 5/1/2000, concerto di fine Millennio con Goran Bregovic) Chairman Mao (prima stesura della canzone poi inserita nel tributo a Robert Wyatt) Brace (versione per quintetto d'archi e voce) Buon anno ragazzi (riarrangiata durante le sessioni di Tabula rasa elettrificata) Polvere (Live a Firenze, 5/1/2000, concerto di fine Millennio con Goran Bregovic) Non torna (Testo scritto a Berlino e musicato nell'autunno 2000 a Firenze) Vicini (live a Mostar, 15/6/1998) Nessuno fece nulla (tratto dal testo di un poeta incontrato a Mostar dai CSI, Nedžad Maksumic, live a Reggio Emilia, 23/5/1998) (testo: Nedžad Maksumic) Mongolishe (brano tradizionale mongolo)
Euro
43,00
codice 2105753
scheda
Cacciapaglia roberto Sei note in logica (+ acoustic cd)
Lp [edizione] ristampa  stereo  eu  1979  mupymup 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora incellophanata, ristampa rimasterizzata del 2013, ormai fuori catalogo, corredata di cd con versione acustica dell' album, altrimenti inedita, copertina senza codice a barre, pressocche' identica a quella della prima molto rara tiratura, catalogo MIR 100703. Originariamente pubblicato nel 1979 dalla Philips in Italia, il secondo raro album, uscito dopo ''Sonanze'' (1974) e prima di ''The ann stee album'' (1981). Si tratta di un'opera assai distante dal capolavoro cosmico che era ''Sonanze'', ma comunque altrettanto originale e sperimentale: Cacciapaglia compone questo lungo unico brano, ''Sei note in logica'', qui suonato dallo Ensemble Garbarino diretto da Giuseppe Garbarino, risultando in una musica che fonde il minimalismo di autori quali Steve Reich e Terry Riley, la musica classica (con strumenti come gli archi) e la musica elettronica. E' stata definita appunto come una composizione per voci (qui femminili), orchestra e computer. Nato a Milano, Roberto Cacciapaglia e' stato un artista particolarmente attivo nel campo dell'avanguardia. Collaboro' con Franco Battiato nell'album Pollution, e pubblico' il suo primo album, il celebre Sonanze nel 1975. La sua musica e' assai ambiziosa, costruita interamente sulle tastiere e lontanissima dalla media delle produzioni progressive italiana, Cacciapaglia ha collaborato lungamentecon Rolf Ulrich Kaiser, fondatore dell'etichetta tedesca Ohr, ed il suo approccio e' molto pu' vicino alla musica cosmica tedesca che a qualsiasi altro prodotto italiano ad eccezione di alcuni episodi di Franco Battiato. Spesso negli albums del musicista vi e' la presenza di un'orchestra con cantanti.
Euro
26,00
codice 3011052
scheda
Cadavre exquis Music by two composers for ten improvisers from two continents
Lp [edizione] originale  stereo  ger  1987  creative works 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent jazz
Prima stampa, pressata in Germania dalla label svizzera Creative Works, copertina lucida fronte retro senza barcode e con scritta "printed an manfactured in the federal republic of germany" sul retro, inserto formato 12" con note, crediti ed artwork, label argento con scritte nere, logo Creative Works Records nero in basso e logo SUISA a sinistra, catalogo CW1014. Pubblicato nel 1988 dalla Creative Works, l'unico album del progetto musicale guidato dai muscisti elvetici Christoph Baumann (compositore, pianoforte) e Urs Blochlinger (compositore, sax alto, sax soprano, sax baritono). L'ensemble è composto da dieci elementi, in gran parte svizzeri, tranne alcuni di origine anglosassone: accanto ai sopracitati compositori, ci sono Ian Gordon-Lennox (tromba, flicorno), Tom Varner (corno francese), Roland Dahinden (trombone), Dave Taylor (trombone basso), Nat Su (sax alto), Martin Schlumpf (sax soprano, clarinetto basso), Hami Hammerli (contrabbasso) e Dieter Ulrich (batteria). Registrato al Soundville di Lucerna nell'ottobre del 1987, l'album contiene sei brani con una durata che spazia fra i tre ed i quindici minuti, in cui il gruppo esprime un jazz per big band modernista e sperimentale, ancora legato ai temi melodici classici ma al tempo stesso capace di lanciarsi in improvvisazion collettive che rasentano il free jazz, generando una spiazzante sintesi fra armonia e caos, fra voce solista ed espressione collettiva organica, fra jazz "vecchio" e nuovo. Questa la scaletta: "A march is an introduction", "Kinderlieder nach A. Wolfli", "Wucherung II", "La belle et la bete", "Kannsch hongg?", "Ballade".
Euro
18,00
codice 333838
scheda
Calcutta Evergreen
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2018  sony 
indie 2000
edizione limitata in vinile verde trasparente, inner sleeve. "Evergreen" (2018), terzo disco a nome Calcutta, è stato prodotto dallo stesso Calcutta in collaborazione con Paco Martinelli e Andrea Suriani (già tastierista de I Cani e fonico di Cosmo) ed è stato registrato presso l'Alpha Dept. Studio a Bologna e lo Studio Nero a Roma. Conferma la vena pop del precedente "Mainstream" (2015) : melodie che rimangono in testa, ritornelli di facile presa e testi immediati e fortemente comunicativi, tra malinconia e passione. Calcutta, nome d'arte di Edoardo d'Erme, è tra gli esponenti più importanti del cosiddetto "itpop", ossia della nuova scena pop italiana, venuta da fuori dall'underground dei locali e poi affermatesi a livello mainstream. Fino ad oggi sono stati pubblicati tre dischi a nome Calcutta : il lo-fi "Forse..." (2012), "Mainstream" (2015) e "Evergreen" (2018).
Euro
29,00
codice 2106567
scheda
Calcutta Mainstream (vin. giallo)
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2015  sony 
indie 2000
Il secondo album, edizione limitata in vinile giallo. melodie che rimangono in testa, ritornelli di facile presa e testi immediati e fortemente comunicativi, tra malinconia e passione. Calcutta, nome d'arte di Edoardo d'Erme, è tra gli esponenti più importanti del cosiddetto "itpop", ossia della nuova scena pop italiana, venuta da fuori dall'underground dei locali e poi affermatesi a livello mainstream. Fino ad oggi sono stati pubblicati tre dischi a nome Calcutta : il lo-fi "Forse..." (2012), "Mainstream" (2015) e "Evergreen" (2018).
Euro
29,00
codice 2106581
scheda
Cale john words for the dying
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1989  Opal/Warner Bros 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent rock 60-70
prima rara stampa americana, copia promozionale con timbro dorato promozionale sul fronte in basso, copertina con barcode, completa di inner sleeve, etichetta con sfondo color senape e nome dell' artista in rosso, catalogo 9 26024-1 sulla copertina e 1-26024 sull' etichetta, vinile che se posto in controluce assume una colorazione verde-marrone. Pubblicato nell' ottobre del 1989 dopo ''Artificial Intelligence'' e prima di ''Paris S'eville D'autres Compositions'', non entrato nelle classifiche Usa ne' in quelle Uk. Il quattordicesimo album. Prodotto da Brian Eno (autore anche delle musiche del brano "The Soul Of Carmen Miranda" di cui co-scrive con Cale il testo), e' un lavoro basato sulla notevole "The Falklands Suite", in cui John Cale utiliza la poetica di Dylan Thomas per dare conto della guerra delle Falkland; e' diviso in sei parti piu' una introduzione, con arrangiamenti classicheggianti a cura della ''Orchestra of Symphonic and Popular Music of Gosteleradio, USSR'' e del ''Choir of Llandaff Cathedral Choir School''. Un lavoro ambizioso, lontanissimo dal pop e dal rock, come gia' lo storico capolavoro "Academy in Peril". Gallese di nascita, John Cale studio' musica classica ed elettronica a Londra e composizione moderna nel Massachussetts. In America entro' in contatto con il maestro d' avanguardia La Monte Young, e con lui e Tony Conrad incise, suonandovi la viola, un album stampato in sole 98 copie. L' incontro con Lou Reed risale all' anno successivo: fu con lui nei Velvet Underground fino al '68, mettendo a frutto le esperienze maturate in ambiti normalmente lontani dal mondo del rock, ed altrettanto fece nella sua, pur discontinua, carriera solista, caratterizzata da un eclettismo che ha pochi eguali. Almeno altrettanto importante Cale e' stato inoltre come produttore eo collaboratore tra gli altri, di Nico, Earth Opera, Stooges, Nick Drake, Modern Lovers, Patti Smith, Brian Eno.
Euro
30,00
codice 108719
scheda
Calexico the black light
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1998  city slang 
indie 90
Ristampa del 2012 a cura della City Slang, vinile 180 grammi, con inserto poster apribile in due, inner sleeve, coupon per scaricare i file mp3, etichette custo verdi con scritte bianche e nere. Il secondo album, uscito dopo "Spoke" e prima di "Hot Rail". Collettivo incentrato su Joey Burns e John Convertino, ex Giant Sand, da Tucson, Arizona. Nella musica dei Calexico, basata sulla ricerca delle radici del South West, si fondono le piu' disparete influenze, tra cui jazz, country, etno, influssi morriconiani. Burns e Convertino si incontrano per la prima volta a Los Angeles nel 1990, all'epoca Convertino faceva parte dei Giant Sand, ai quali si unira' anche Burns come contrabbassista durante un tour europeo. Durante una pausa dai Giant Sand si costituiranno come duo; stabilitisi a Tucson nel '94, iniziano a collezionare strumenti musicali e a collaboreare con i Friends of Dean Martinez. Oltre alla loro strumentazione usuale - chitarra, basso e batteria - cominceranno ad esplorare sonorita' alternative, grazie all'uso di fisarmonica, vibrafono, marimba, violoncello, e a produrre registrazioni casalinghe, con formazione a duo, che poi daranno origine al primo album, "Spoke", nel 1996, pubblicato dall'etichetta tedesca Haus Musik. Dopo aver firmato per la Quarterstick di Chicago, realizzeranno "The Black Light" nel '98 e "Hot Rail" nel 2000, accompagnati da una sempre crescente notorieta', e con una formazione ampliata, fino ad arrivare ai dischi piu' recenti, "Feast of Wire del 2003 e "Garden Ruin" del 2006.
Euro
23,00
codice 2106304
scheda
Calibro 35 Calibro 35 (180 g)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2007  record kicks 
indie 2000
Ristampa a cura della record kicks, vinili pesanti, copertina apribile diversa dall'originale, etichette nere con scritte gialle e bianche, del primo album della band lombarda, realizzato originariamente dalla Cinedelic Records nel 2007, prima di "Ritornano quelli di..." (10). Opera che recupera alcune delle colonne sonore films polizieschi dell'Italia dei settanta, firmata dai vari Morricone, Bacalov, Trovajoli e MIcalizzi; la musica che ne deriva comprende un funk jazz progressive fra Zappa, King Crimson, Tortoise e Goblin, che ne esalta l'espressivita', fra suspence, accelerazioni frenetiche da 'inseguimento' e deflagrazioni chitarristiche da 'sparatoria'. Band milanese composta da Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Fabio Rondanini, Luca Cavina e Tommaso Colliva, attivo dal 2007, la cui musica rivisita in chiave rock-funk le colonne sonore di films polizieschi dell'Italia degli anni settanta; hanno debuttato nel 2007 con l'album eponimo, dopo cui partecipano alla colonna sonora del film Said e alla compilation "Il paese e' reale", organizzata dal loro piu' famoso concittadino Manuel Agnelli. Nel 2009 suonano anche in Usa, all'Hitweek festival di Los Angeles; nel 2010 esce, anche in Usa e Uk, il secondo Lp, "Ritornano quelli di ....", mentre nel 2012 esce il terzo, "Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti e' puramente casuale".
Euro
29,00
codice 2105576
scheda
Calibro 35 Ritornano quelli di ... (reissue)
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  2010  record kicks 
indie 2000
Ristampa a cura della Record kiks del 2020, copertina apribile pressoche' identica all'originale, etichette nere con scritte bianche, gialle e fuxia, del secondo album della band lombarda, realizzato originariamente dalla Ghost nel 2010, dopo "Calibro 35" (07) e prima di "Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti e' puramente casuale" (12). Il gruppo mette in mostra una tipica attitudine funkeggiante, venata di jazz-blues, che recupera brani di colonne sonore piu' o meno conosciute, Gianni Ferrio, Ennio Morricone, Piero Umiliani e Ritz Ortolani, spesso scarnificati, con l'aggiunta di groove e di spessore elettrico. Praticamente trattasi di un tuffo nei film polizieschi degli anni settanta, come si evince anche dal pezzo che e' stato un cult-movie di un intero periodo, oltreche' un modo per indicare un genere: "Milano odia: la polizia non puo' sparare". si segnala la traccia conclusiva, la cover degli Afterhours, "I milanesi ammazzano l sabato". Band milanese composta da Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Fabio Rondanini, Luca Cavina e Tommaso Colliva, attivo dal 2007, la cui musica rivisita in chiave rock-funk le colonne sonore di films polizieschi dell'Italia degli anni settanta; hanno debuttato nel 2007 con l'album eponimo, dopo cui partecipano alla colonna sonora del film Said e alla compilation "Il paese e' reale", organizzata dal loro piu' famoso concittadino Manuel Agnelli. Nel 2009 suonano anche in Usa, all'Hitweek festival di Los Angeles; nel 2010 esce, anche in Usa e Uk, il secondo Lp, "Ritornano quelli di ....", mentre nel 2012 esce il terzo, "Ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti e' puramente casuale".
Euro
34,00
codice 2106603
scheda
Califone Roomsound
Lp [edizione] nuovo  stereo  usa  2001  thrill jockey 
indie 90
ristampa, vinile pesante, copertina ruvida senza codice a barre, pressoche' identica all'edizione originale, corredata da coupon per il download digitale e da inner sleeve, etichetta bianca con scritte e disegni neri del primo album della band, uscito originariamente solamente su Cd nel 2001, prima di "Quicksand/cradlesnakes" (2002). Con la partecipazione di Rick Rizzo e Doug McCombs degli Eleventh Dream Day, esprime un country pigro e rallentato, impastato con inserimenti folk, blues ed elettronici (loops), dilatato da atmosfere desertiche, acide e malinconiche ed impreziosito da depressioni vocali, quasi ninnananne gospel. Riferimenti a Red Red Meat, Calexico, Tom Waits, Hank Williams Jr e Taj Mahal. Formatisi nel 1998 sulle ceneri dei grandi Red Red Meat, formazione di Chicago dedita ad un originale intreccio fra blues, low fi e sperimentazione, i Califone nascono per opera di Tim Rutili e Ben Massarella. Il nuovo gruppo riprende il discorso degli ultimi Red Red Meat, sviluppando un particolare crossover fra blues, folk americano, elettronica e rock psichedelico. Dopo un mini cd ed un ep eponimi usciti nel 1998 e nel 2000 (poi raccolti in "Sometimes good weather follows bad people" nel 2001), i Califone pubblicano il loro primo album "Roomsound" nel 2001. Il secondo album in studio "Quicksand/cradlesnakes" (2002) e' considerato da alcuni critici il loro album migliore, con le sue atmosfere a metà strada fra mondo rurale ed ambientazioni metropolitane. I successivi "Heron king blues" (2004) e "Roost and clowns" (2006) li confermano fra i principali gruppi indie americani al principio del nuovo secolo.
Euro
31,00
codice 2105639
scheda
Calla televise (+promo postcard)
Lp [edizione] originale  stereo  eec  2003  quatermass 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
COPIA CORREDATA DI RARA CARTOLINA PROMOZIONALE (con date del tour italiano del marzo ed aprile 2003), la prima rara stampa, realizzata in esclusiva dalla belga Quatermass, "Manufactured in EEC" sulla costola, copertina in cartoncino lucido fronte e retro, etichetta grigia con scritte bianche e nere, catalogo QS116LP. Pubblicato il 28 gennaio 2003 dopo "Scavengers'' e prima di ''Collisions'', non entrato nelle classidfiche Usa ne' in quelle Uk. Il terzo album.Televise e' uno dei piu' originali e riusciti lavori dell' intera epopea del noise-experimantal indie rock, il suono del disco e' un mix difficilmente descrivibile di potenza repressa, lentezza distorta, melodie, esperimenti elettronici e pulsioni elettriche, la scrittura dei brani e' complessa e stratificata ed anche in episodi quali "As Quick as It Comes/Carrera", avvicinato da alcuni critici ai Yo La Tengo, la tremenda tensione emotiva sprigionata dal gruppo li rende unici e straordinariamente efficaci. Televise e' certamente uno dei migliori LP'S pubblicati negli ultimi 10 anni, impressionante, originale, con un immaginario che si rende da subito credibile ed una energia ed un progetto artistico che pongono l'opera ed il gruppo su di un piano elevatissimo e incline all'avventura sonora ed alla piena modernita'. Fondamentale come i due albums che lo precedono, nella storia del rock del futuro entrera' di diritto. I Calla sono un trio Newyorkese ma originario di Denton, Texas, ex- Factory Press, formato da Aurelio Valle (voce e chitarra), Sean Donovan (basso, tastiere e programming), e Wayne B. Magruder (percussioni, programming). Lenti, scuri, cinematici e desertici con improvvisi abbagli elettrici su basi acustiche ed interferenze elettroniche.
Euro
38,00
codice 243840
scheda
Callahan bill (smog) Shepherd in a sheepskin vest
Lp2 [edizione] originale  stereo  usa  2019  drag city 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
doppio vinile pesante, copertina apribile cartonata, etichette custom. "Shepherd in a Sheepskin Vest" (2019), pubblicato a sei anni di distanza da "Dream River" (2013), è il ritorno discografico di Bill Calllahan. L'album raccoglie ben venti brani inediti, tutti nella migliore tradizione Alt-coutry, Americana a stelle e strisce. Un lavoro di grande classe e maturità autoriale. Bill Callahan, conosciuto anche con lo pseudonimo di Smog, è un songwriter e musicista americano, tra le figure più interessanti del cantautorato lo-fi degli anni novanta e duemila, i suoi brani sono, spesso, in bilico tra malinconia e fatalismo. Fondatore degli Smog nel 1988, l'americano Bill Callahan comincia a pubblicare su cassetta le sue prime incisioni casalinghe alla fine del decennio. Considerato un precursore del movimento low fi, sebbene egli non ami questa etichetta, Callahan propone una musica estremamente cupa ed oscura, drammatizzata dagli interventi di archi e dai temi delle liriche, che trattano di alienazione, solitudine, disillusione. Con il tempo i suoi dischi si fanno piu' musicali, conservando pero' la cupezza e l'amarezza che lo contraddistinguono e che lo fanno accostare da alcuni al cosiddetto sadcore. Dopo numerose uscite a nome Smog, Callahan pubblica a suo nome l'album ''Woke on a whaleheart'' nel 2007, cui seguono "Something I wish we were an eagle" nel 2009 e "Apocalypse" nel 2011.
Euro
25,00
codice 110605
scheda
Calvi anna One breath
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  2013  domino 
indie 2000
Vinile 180 gr., copertina apribile senza codice a barre, completa di coupon per il download digitale e di inner sleeve lucida, adesivo trasparente di presentazione sul cellophane. etichette custom nere con scritte bianche e rosse, Lp pubblicato dalla Domino nell'ottobre 2013, dopo il debutto eponimo del gennaio 2011, il secondo album della cantante/chitarrista inglese. Disco abbastanza diverso dal precedente, molto piu' riflessivo e pacato rispetto all'aggressivita' del debutto: prodotto da John Congleton (Joanna Newson, Bill Callahan, Anrony & the Johnsons), vede la presenza del tastierista dei Portished, John Baggott, che immette suoni sintetici ora rumorosi ora idilliaci, in un mood molto cinematografico anni settanta, quasi morriconiano, a cui la Calvi risponde con la solita voce un po' Pj Harvey, un po' Patti Smith, intensa ed in grado di salire e scendere di tonalita' con conseguenti emozioni che spaziano in atmosfere fra pathos ed incubo. Scoperta durante un'esibizione dall'ex chitarrista dei Coral, Bill Rider-Jones, apprezzata perfino da Brian Eno, che l'ha definita come la nuova Patty Smith e da Nick Cave che l'ha voluta come supporto ai Grinderman, Anna Calvi e' una chitarrista/cantante di evidente origine italiana; dotata di una voce profonda e sensuale, combina una musica che risente di una moltitudine di influenze, dal rock classico fino all'underground, da Jimi Hendrix a Captain Beefheart, da Nina Simone a Maria Callas, dai Calexico ai Mogwai.
Euro
26,00
codice 2106672
scheda
Camisasca juri la finestra dentro (colored vinyl)
Lp [edizione] nuovo  stereo  ita  1974  bla bla 
rock 60-70
ristampa in vinile colorato blu, copertina pressocche' identica alla prima rarissima tiratura, copertina ruvida senza barcode, vinile pesante, completa di inner sleeve con foto e testi, etichetta marroncina, bianca e verde. Pubblicato in Italia nel 1974 prima di ''Te Deum'' (che arrivera' solo nel 1988!), il primo straordinario album, geniale ed originalissima opera di culto per eccellenza dell' underground italiano (ed europeo) degli anni '70. Proveniente dalla provincia di Milano, Roberto "Juri" Camisasca, ha dato vita con questo "La finestra dentro", stampato nel 1974 dalla Bla Bla, ad uno degli album migliori di quell' etichetta, e anche della musica Italiana in generale, il disco presenta testi straordinari, metafisici, poetici e originalissimi, assolutamente visionari, musicalmente fortemente influenzato dalla sua collaborazione con Franco Battiato, che porto' Juri a quella casa discografica e produsse l' LP, suonando anche il sintetizzatore VCS3. La finestra dentro puo' essere in qualche modo paragonato ai grandi lavori della sperimentazione Italiana degli anni '70, come quelli di Battiato, Aktuala, Opus avantra, Pierrot lunaire, Pholas dactylus, Saint just, N.A.D.M.A, Lino capra vaccina, Roberto Cappiapaglia, Alan Sorrenti per l' uso della voce come strumento, con un accompagnamento musicale ridotto all'essenziale in alcuni brani. Il risultato finale e' ancora piu' intenso ed originale di "Aria" di Sorrenti, senza punti deboli, ed e' un ascolto impegnativo ma gratificante. Molti dei musicisti che suonavano con Battiato (Gianfranco D'Adda, Gianni Mocchetti, Pino Massara, Lino "Capra" Vaccina) compaiono nei sette brani dell'album. Dopo due singoli del 1975, entrambi contenenti un brano dell' album ed un inedito, Camisasca fu brevemente coinvolto nel Telaio Magnetico, una specie di supergruppo di avanguardia che comprendeva anche Franco Battiato, Mino Di Martino dei Giganti e sua moglie Terra Di Benedetto (entrambi poi nell'Albergo Intergalattico Spaziale) tra gli altri.Questo gruppo fece solo una tournee nell' estate di quell'anno prima di sciogliersi. Camisasca e' poi entrato in un convento benedettino, dove e' rimasto per 11 anni fino alla fine degli anni '80, quando ritorno' alla musica con un nuovo bellissimo album (che poco pero' ha a che spartire con "La Finestra Dentro" intitolato "Te Deum"), basato su rifacimenti di canti gregoriani. Altri lavori successivi sono "Il carmelo di Echt" del 1991 ed "Arcano enigma" nel 1999, oltre ad un'attivita' di compositore per artisti come PFM, Battiato, Alice e Giuni Russo. Note in parte tratte dal bellissimo sito e libro ItalianProg di Augusto Croce.
Euro
29,00
codice 3027721
scheda
Campbell-mallinder-benge Clinker (ltd. coloured vinyl)
LPM [edizione] nuovo  stereo  eu  2021  les disques du crepuscule 
indie 2000
Edizione limitata a 800 copie in vinile color turchese, label grigia e bianca con scritte nere e logo Les Disques Du Crepuscule nero in alto, catalogo TWI1256. Pubblicato nell'ottobre del 2021 dalla Les Disques Du Crepuscule, questo mini lp con sei nuovi brani è il primo frutto della collaborazione fra Julie Campbell (aka Lonelady), Benge (Wrangler, John Foxx) e Stpehen Mallinder (Cabaret Voltaire, Wrangler). La genesi del progetto ha luogo un paio d'anni prima, con degli abbozzi di beats e patterns elettronici di Benge, ai quali Campbell sovrappone strati di sonorità chitarristiche ed effetti, alternando un approccio minimalista e ritmico ad uno decostruzionista e rumorista; rimasto in un cassetto per un biennio, il progetto è stato poi riattivato ed arricchito con le parti vocali di Mallinder, e così vede finalmente la luce "Clinker", il cui titolo è un riferimento all'ambiente industriale del Nord dell'Inghilterra. Grooves pulsanti, quasi ballabili, circolari e minimalisti, che riflettono anche ossessioni di matrice industrial accanto a suadenti ritmiche alternative dance e misteriosi e talora sinistri interventi vocali, atmosfere cupamente fantascientifiche e riferimenti alla musica di Wrangler e Cabaret Voltaire. Questa la scaletta: "Camouflage", "Monochrome", "Influx", "Signification", "Condition collapsing", "Dereliction magical".
Euro
32,00
codice 3513934
scheda
Can Doko e, live in cologne 1973
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1973  radio looploop 
rock 60-70
Ristampa del 2021, con copertina esclusiva, dell' album private press, gia' uscito con medesimo titolo nel 2019 ad opera della DBQP, e gia' nel 2011 su etichetta FPK&S Records con il titolo di ''Doko E''. Questo album presenta due lunghe tracce, ''Doko E part one'' e ''Doko E part two'', incise nel 1973 nel corso delle sessioni dell'album ''Future days'', l'ultimo con il cantante Damo Suzuki; due chilometrici e bizzarri mantra sciorinati da Suzuki sopra ipnotiche ed elastiche partiture strumentali, meno aggressive rispetto ai primi lavori. Il brano apparve originariamente in una forma molto abbreviata nell'album ''Limited edition'' del 1974, ma qui viene proposta nella sua versione integrale, lunga oltre trentasei minuti. Gruppo tedesco di enorme importanza per quello che è passato alla storia come ''krautrock'' ma anche per generazioni successive di musicisti, dalla new wave al post rock, i Can si formarono a Colonia nel 1968. Influenzati dalla musica d'avanguardia di Stockhausen e dal funk come dal pop dei Beatles e dallo underground dei primi Velvet Underground, erano maestri della elaborazione sonora in studio ma anche assai efficaci dal vivo; la loro musica, che combinava ritmi complessi quanto circolari ed apparentemente ripetitivi (ma anche quasi impercettibilmente ricchi di sfumature), prodotti dal batterista Jaki Liebezeit (che veniva dal jazz!) e dal bassista Holger Czukay (autore come solista dell'eccezionale ''Canaxis'', 1969), melodie ora molto delicate e pop, ora dissonanti e schizofreniche, funk, jazz, psichedelia, minimalismo, pop, sperimentazione, suggestioni orientaleggianti, era estremamente originale e sarebbe poi risultata seminale per le generazioni successive. Inizialmente fronteggiati dal cantante e poeta afroamericano Malcolm Mooney (con loro nel primo album ''Monster movie'', 1969, ed in parte del secondo ''Soundtracks'', 1970), trovarono poi nel giapponese Kenji ''Damo'' Suzuki una voce più duratura, seppure tanto fuori dalle righe ed aliena quanto quella di Mooney, e realizzarono dischi fondamentali come ''Tago mago'' (1972) e ''Future days'' (1973).
Euro
19,00
codice 3027595
scheda

Page: 12 of 64


Pag.: oggetti: