Hai cercato:  dall'anno 90 all'anno 99 --- Titoli trovati: : 3672
 
Pag.: oggetti:
 
ordina per
aiuto su ricerche
Pag.: oggetti:
Antiseen Southern hostility
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1991  rave 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima rara stampa USA, pressata in soli mille esemplari, copertina (con leggeri segni di invecchiamento) senza barcode e fabbricata in Canada, completa dell'inserto con collage di foto, e di inserto catalogo della Rave che arriva al numero 22 (immediatamente precedente quello di questo disco), label nera ed argento, catalogo RAVE023. Pubblicato nel novembre del 1991 dalla Rave negli USA, uscito in Europa su Zuma, il terzo album, successivo a "Noise for the sake of noise" (1989) e precedente "Eat more possum" (1993). Prodotto in modo grezzo e primitivo, "Southern hostility" si rotola senza ritegno nel lato più cattivo e brutale del Sud degli Stati Uniti, scatenando un assalto di delirante "destructo punk" cantato al vetriolo con atteggiamento politicamente scorretto, un sound grezzo e diretto che si ricollega alle radici del rock'n'roll ma le perverte con un approccio iperabrasivo e nichilista, basato su strutture grezze e semplici, ma efficaci, ereditate forse dai Ramones; il brano "Evil rock 'n' roll" fu scritto dal frontman Jeff Clayton insieme a G.G. Allin. Gli Antiseen sono una grande ed anche controversa punk rock band americana del North Carolina, attiva dal 1983; sono conosciuti sia per essere stati il gruppo di supporto dell'iconoclasta G.G. Allin nel suo album "Murder junkies", sia per essere una delle formazioni più longeve e prolifiche del "destructo" punk, combinando caratteri della cultura "redneck" con quella del rock, con l'aggressione e le grezze sonorità del punk, una propria visione libertaria ed una dose di cruda ironia. Fronteggiati da Jeff Clayton, sorta di Lemmy statunitense, per lo meno nel modo di cantare, dalla voce roca ed abrasiva, e proponenti di un sound sporco e potente, devoto al miglior punk rock americano di fine anni '70, gli Antiseen hanno prodotto nel corso dei decenni una mole impressionante di dischi, mentre la formazione ruotava attorno a Clayton ed a Joe Young.
Euro
18,00
codice 334999
scheda
Apartments a life full of farewells
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  riley / talitres 
punk new wave
Corredata di inner sleeve, e di codice per il download digitale dell' album. Per la prima volta in vinile, in questa edizione realizzata dalla Riley / Talitres nell' aprile 2021, il terzo album degli Apartments, originariamente pubblicato nel 1995 solo in cd, dopo ''The evening visits... and stays for years'' (1985) e "Drift" (1993) e prima di ''Fete Foraine" (1996). L' album, davvero bellissimo, conferma il felicissimo momento artistico del gruppo australiano, che in questo piccolo capolavoro definisce in modo definitivo la sua poetica, attraverso una raccolta di delicate ballate autunnali ed intimiste, intrise di malinconia, frutto di una vena compositiva ed espressiva non distante da quella dei maturi Go-Betweens, raffinate e caratterizzate da arrangiamenti essenziali ma preziosissimi. Attivi sin dal lontano 1978, formati a Brisbane da Peter Milton Wlash, gli australiani Apartments pubblicarono il loro primo 7ep nel '79 per la Able label degli amici Go-Betweens (di cui Walsh fu anche per un breve periodo un componente), poi scomparvero dalle scene per lunghi anni, con Walsh autore di un singolo nel 1980 con gli Out of Nowhere, e quindi, dopo una parentesi statunitense, nei Laughing Clowns di Ed Kuepper (suona il basso nell' album "Law Of Nature"). La band torna pero' attiva e nel 1984, tra gli altri con l'ex Fun Things Graeme Beavis alla chitarra, incide un singolo, prima del trasferimento a Londra di Walsh che diede vita all' ennesima line up del gruppo, riuscendo finalmente ad incidere il suo primo album, "The Evening Visits...", autentico disco di culto registrato con la partecipazione di personaggi come Ben Watt (Everything But The Girl), Clare Kenny (ex Orange Juice) e Graham Lee (Triffids). Peter Walsh vi si rivela autore di grande caratura e personalita', in un filone del tutto particolare (dalle parti di certo David J solista, di un magnifico perdente come Nikki Sudden), quello di un cantautorato tormentato e crepuscolare, dove un lirismo intenso ma sempre ripiegato su se stesso da' vita ad episodi di grande fascino, elettroacustici ed autunnali, come sara' anche negli anni a venire per i troppo pochi lavori incisi di tanto in tanto, sempre lontano dalla luce dei riflettori.
Euro
22,00
codice 2102813
scheda
Aphex twin I care because you do
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  uk  1995  warp 
indie 90
Ristampa a cura della Warp, vinili 180 grammi, copertina con apertura in alto, pressoche' identica all'edizione originale, corredata da coupon per il download digitale, adesivo sul cellophane, del terzo album di Aphex Twin, realizzato originariamente sempre dalla Warp nell'aprile 1995, dopo "Selected ambient works, vol.2" (949 e prima di "Richard D. James album" (96). Considerato uno degli album piu' solidi del musicista elettronico, questo Lp e' una sintesi fra il suo lato piu' aggressivo ed acido e quello piu' atmosferico e meditativo, vicino all'ambient e qui anche al trip hop; l'album e' piu' versato all'ascolto, attraverso ipnotiche e glaciali composizioni strumentali. Non mancano episodi dai ritmi piu' tirati ed dall'atmosfera piu' agitata, che in ogni caso non raggiungono la malevolenza e l'abrasivita' dei primi singoli di Aphex Twin (si vedano ad esempio quelli raccolti in "Classics", 1996). Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e l' ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da "Selected ambient works, vol. 2", altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
32,00
codice 2123976
scheda
Aphex twin Peel session 2
12" [edizione] nuovo  stereo  eu  1995  warp 
indie 90
In occasione del trentennale dell'etichetta, la Warp ha deciso una serie di uscite con registrazioni inedite dei suoi artisti. Questa uscita del 2019 è una "Peel session" registrata da Aphex Twin nell'aprile del 1995, comprende quattro brani del primo periodo tra Donkey Rhubarb e I Care Because You do: "Slo bird whistle","Radiator (original mix)", "P-string", "Pancake lizard".
Euro
23,00
codice 2119338
scheda
Aphex twin Richard d.james album
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  warp 
indie 90
Ristampa pressoché identica alla prima tiratura, in vinile 180 grammi e coupon per download digitale copertina con apertura sul lato superiore, etichette custom, Lp pubblicato nel novembre del 1996 dalla Warp, "Richard D. James album" e' il quarto album di Aphex Twin, uscito dopo "I care because you do" (1995) e prima di "Drukqs" (2001). Considerato l'album piu' accessibile pubblicato fino a quel momento dall'innovativo musicista elettronico inglese, questo lavoro vede Aphex Twin cimentarsi con brani sintetici ed in gran parte melodici, in cui molti critici vedono l'influenza della drum'n'bass di Squarepusher. Le sonorita' meno abrasive rispetto al passato non fanno comunque venir meno l'attitudine sperimentale di Aphex Twin, che disegna melodie cerebrali ed eteree sopra una ritmica schizzata e convoluta, dando vita secondo molti ad uno dei dischi cardine della drill'n'bass. Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e la ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da "Selected ambient works, vol. 2", altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...
Euro
32,00
codice 2117590
scheda
Aphex twin Selected ambient works 85-92 (original sleeve)
lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  apollo 
indie 90
doppio album, ristampa ufficiale con copertina (con barcode) pressoche' identica a quella della prima rara tiratura uscita su Apollo nel 1992. Il primo album, uscito prima di "Selected Ambient Works vol. 2", pubblicato il 12 Febbraio del 1992, capolavoro "ambient techno" del grande genio dell'elettronica Richard D. James aka Aphex Twin. Si tratta di una raccolta di materiali registrati a partire dall'adolescenza che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligence techno", costituisce il piu' valido esempio della sua musica ed uno dei migliori esempi di elettronica d'ascolto. Irlandese di Limerick, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica (a 14 anni) in solitudine, in Cornovaglia dove vive. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione 'noise' elettronica, la dance e l' ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92". In seguito James dara' luogo a varii progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...) e, influenzato dal minimalismo e dalla "ambient music" incidera' nel '94 l'album dal titolo "Selected Ambient Works vol.2", che sara' di ispirazione per tutta l'elettronica isolazionista. Nel '95, dopo l'antologico "Classics" e l'eclettico "I Care Because You Do", si dedica alla raccolta di materiale registrato negli anni precedenti, destreggiandosi tra "industrial", "trip hop" e "pop"; inoltre e' da ricordare che Philip Glass remixera' il brano "Icct Hedral", contenuto nel singolo "Donkey Rhubarb. Nel '96 esce l'album "Richard D. James" che sperimenta inedite soluzioni ritmiche e pop, inglobando anche elementi tipici del classicismo e dell'avanguardia (Satie). Poi, tra il '97 ed il '99, soprattutto con l'ep "Come To Daddy" riscuote diversi consensi grazie anche al video del brano, opera di un giovane Chris Cunningham. Senza alcun dubbio uno dei musicisti piu' influenti della scena elettronica contemporanea.
Euro
34,00
codice 2124491
scheda
Aphex twin windowlicker
12" [edizione] nuovo  stereo  uk  1999  warp 
indie 90
ristampa pressoché identica all'originale. etichetta custom fotografica. Pubblicato nel marzo del 1999 dalla Warp in Gran Bretagna e dalla Sire negli USA, il celebrato ep ''Windowlicker'' usci' dopo il quarto album ''Richard D. James album'' (1996) e prima del quinto lp ''Drukqs'' (2001). Considerato da molti uno dei massimi vertici della musica del compositore elettronico inglese, questo ep contiene tre brani inediti su album, dai toni e dagli stili differenti: ''Windowlicker'', che venne accompagnata da un celebre video, inquietante, sensuale e comico al tempo stesso, e' un pezzo melodico e notturno, in cui gli interventi vocali hanno inequivocabili richiami erotici, sostenuti da un ritmo e da melodie languide e relativamente distese; ''Equation'' si colloca invece sul versante piu' astratto e spigoloso della musica di Aphex Twin, con i suoi ritmi irregolari in preminenza, mentre il brano di chiusura ''Nannou'' e' una delicata litania cerebrale, rarefatta fin quasi al silenzio. Richard D. James, meglio noto come Aphex Twin, inizia giovanissimo a comporre musica elettronica in solitudine, nella natia Cornovaglia. La sua musica e' sempre stata caratterizzata da esperimenti a cavallo tra la sperimentazione ''noise'' elettronica, la dance e la ambient. I suoi singoli sono spesso accompagnati da video provocatori. Inizia ad incidere nel '91 dopo l'abbandono dell'amico Tom Middleton dell' iniziale progetto Aphex Twins; elimina il plurale ed incide il singolo "Analogue Bubblebath" (Mighty Force). Nel 1992 firma per l'etichetta belga R&S e pubblica il singolo "Digeridoo", un brano dalla ritmica esasperata che diventa un classico nei club dove si balla "hardcore techno". Poi esce il suo primo e celebre album "Selected Ambient Works 85-92", che mostra il precoce talento del musicista, fanatico della tecnologia che ama modificare strumenti elettronici per ottenere sonorita' inedite. L'album, che appartiene al filone allora nascente della "intelligent techno", e' seguito nel 1994 da ''Selected ambient works, vol. 2'', altrettanto apprezzato. James ha dato luogo anche ad ulteriori progetti con nomi diversi (AFX, Caustic Window, Poligon Window...).
Euro
24,00
codice 2111958
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1992  acid jazz 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima stampa inglese, copertina lucida fronte retro con barcode 5018615903215, label bianca e nera con scritte nere e logo Acid Jazz nero e bianco in alto, catalogo JAZIDLP32, scritta "the exchange" incisa sul trail off del lato A. Pubblicato nel 1992 dalla Acid Jazz nel Regno Unito, questo è l'unico album degli Apostles, gruppo da non confondere con l'omonimo gruppo anarco punk di Londra attivo da 1980. Questi Apostles erano infatti un progetto legato in qualche modo al James Taylor Quartet: fra i principali animatori troviamo il sassofonista e flautista del JTQ John Wilmott (che si occupa anche della produzione insieme al tastierista John Dutton), e poi all'organo in quattro brani siede lo stesso James Taylor, insieme al fratello David che imbraccia la chitarra nelle stesse tracce. I nove brani dell'album offrono un sinuoso, caldo e ballabile ibrido fra moderno soul urbano, jazz leggero e funk, che si può collegare al movimento acid jazz. Una ritmica precisa e dance oriented (ma suonata da musicisti in carne ed ossa) sorregge divertenti intrecci fra ottoni, un sensuale flauto che riporta agli anni '70 così come le tastiere, in particolare lo Hammond di Taylor. Importante formazione nell'ambito del fenomeno dello acid jazz, i James Taylor Quartet si formarono a Rochester in Inghilterra nel 1985, dalla scissione dei seminali Prisoners, pubblicando le prime incisioni sulla Re Elect The President, etichetta che di lì a poco si trasformò nella Acid Jazz, punto di riferimento del filone musicale omonimo. Molto apprezzati dal vivo, i JTQ propongono una musica prettamente strumentale, guidata dall'organo Hammond di James Taylor, prima autori di una splendida miscela di R&B, mod, beat e soul tanto legata agli anni '60 quanto contraddistinta dall' impronta di una forte personalità artistica, assa legata all' approccio 60's dei Prisoners, poi carica di influenze funk, dance e jazz fusion, nella quale ritmi lineari e ballabili sostengono estese improvvisazioni di organo e chitarra. I Prisoners ed i primi James Taylor Quartet hanno lasciato una traccia profondissima sulla scena inglese degli anni a venire, ispirando gran parte dei gruppi della scena "Madchester", i cui gruppi clonarono abbondantemente l' organo Hammond di James Taylor, peraltro nel frattempo approdato al successo col suo Quartet, quando però ormai la musica del gruppo si era un po' ammorbidita e la formazione in parte cambiata.
Euro
18,00
codice 334938
scheda
Apple fiona Tidal
Lp2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1996  epic 
indie 90
ristampa del 2023 in doppio vinile a 45 giri, libretto testi di 12 pagine, rimasterizzato dai nastri originali. Il primo album, pubblicato il 23 luglio del 1996, presenta la cantautrice appena 19enne in un album molto strutturato e splendidamente interpretato con brani che toccano il pop rock ed il jazz. Il singolo "criminal" vincerà il grammy award. Considerato come uno dei migliori dischi di debutto di tutti i tempi e tra i migliori degli anni 90 dalla rivista "Rolling stone". Classe 1977, Fiona Apple e' figlia della cantante Diane McAfee e dell'attore Brandon Maggart: io stile e' caratterizzato da un songwriting deciso e sicuro basato sul pianoforte, con un cantato dalla voce profonda dagli accenti blues e jazz. Pianista a 8 anni, comincia a comporre dall'eta' di 12, dopo la separazione dei genitori e lo stupro di cui e' stata vittima. Nel 1996 esordisce per la Sony con "Tidal" prodotto da Andrew Slater, i singoli estratti, "Criminal" e "Shadowboxer", porteranno l'album in testa alle classifiche americane. Seguono "When the pawn...." (99), "Extraordinarymachine" (05) e "The idler wheel" (12).
Euro
43,00
codice 2127028
scheda
Apple fiona When the pawn...
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1999  epic 
indie 90
ristampa del 2023. titolo completo è una poesia di novanta parole, il secondo album, uscito a tre anni di distanza da Tidal, del quale segue ed amplifica i contenuti musicali tra pop e jazz. Classe 1977, Fiona Apple e' figlia della cantante Diane McAfee e dell'attore Brandon Maggart: io stile e' caratterizzato da un songwriting deciso e sicuro basato sul pianoforte, con un cantato dalla voce profonda dagli accenti blues e jazz. Pianista a 8 anni, comincia a comporre dall'eta' di 12, dopo la separazione dei genitori e lo stupro di cui e' stata vittima. Nel 1996 esordisce per la Sony con "Tidal" prodotto da Andrew Slater, i singoli estratti, "Criminal" e "Shadowboxer", porteranno l'album in testa alle classifiche americane. Seguono "When the pawn...." (99), "Extraordinarymachine" (05) e "The idler wheel" (12).
Euro
39,00
codice 2127029
scheda
Appleseed cast Tale of the aftermath / skatter ik ignito
7'' [edizione] originale  stereo  swe  1998  tan bur 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
singolo in formato 7", la prima molto rara stampa, pressata solo in Svezia, pare in sole 500 copie, copertina ripiegata attorno al disco, senza barcode, completa del piccolo inserto, label neutra bianca con scritta a pennarello oro sulla prima facciata ''said ei''. Pubblicato nel 1998 dalla svedese Tan Bur, il primo singolo, precedente l'album di debutto ''The end of the ring wars'' (1998). Raro e ricercato, contiene due brani inediti su album: ''Tale of the aftermarth'' e ''Skatter ik ignito'', un emo molto intenso e potente, che si fa cupo ed oppressivo nella piu' lenta B-side. Gli Appleseed Cast sono un gruppo californiano attivo dal 1997 su impulso del chitarrista/cantante Chris Crisci, del bassista Nathan Whitman, del chitarrista Taylor Holenbeck e dal batterista Nathan Wilder; il loro suono, basato prevalentemente sulle chitarre elettriche, si e' progressivamente evoluto da un intenso emo, vicino ai Sunny Real Estate ed ai Mineral, verso un creativo post rock, anche cantato, caratterizzato inoltre da un intricato drumming ed avvolgenti arpeggi effettati.
Euro
60,00
codice 328615
scheda
Arab strap philophobia
LP2 [edizione] nuovo  stereo  eu  1998  chemikal underground 
indie 90
Per la prima volta ristampato, doppio vinile, coupon per download, adesivo su cellophane Il secondo album, uscito nell' aprile del 1998, dopo "The weeks never starts round here" e prima di "Elephant shoe", capolavoro del geniale duo post-folk scozzese di Falkirk, uno dei piu' interessanti gruppi emersi nel passato decennio nel regno unito, formato da Adain Moffat (voce e tastiere) e Malcom Middleton (chitarra, tastiere, programming). lavoro ispirato e struggente, capace di suscitare emozioni senza riserve, con una musica dilatata, composta di pochi elementi, chitarre arpeggiate che tessono trame chitarristiche ripetitive e magnetiche, come nei brani piu' lenti dei Mogwai, supportata da una rudimentale drum machine, che distilla in maniera cruda e precisa gli attimi su cui si svolgono le liriche di Moffat, coinvolgenti e distaccate allo stesso tempo, proferite da una voce dal cantato atono che in nessun modo cerca di compiacere l'ascoltatore, ma che riesce a trasmette in maniera personale ironia e sottili emozioni. disco di spietate liriche che parlano d'amore che si integrano con originalita' alle parti strumentali minimali e atmosferiche di Middleton. il titolo significa paura di innamorarsi e come dice Moffat "No one really writes honest, hateful love songs, the kids never hear it like they should hear it". nel brano "soaps" compaiono Stuart Murdoch (piano), Chris Geddes (organo) e Sarah Martin (violino) dei Belle & Sebastian, Gery Miller (basso), David Gow (batteria), inoltre Alan Barr suona il violoncello nel brano di apertura dell'album. da avere assolutamente.
Euro
38,00
codice 2123416
scheda
Arab strap the week never starts round here
Lp [edizione] nuovo  stereo  uk  1996  chemikal underground 
indie 90
Ristampato per la prima volta dal 1996, coupon per download, adesivo su cellophane, con copertina pressochè identica all'originale. Pubblicato dalla Chemikal Underground nel novembre del 1996 in Gran Bretagna e nel 1997 negli Stati Uniti, non entrato in classifica sulle due sponde dell'Atlantico, "The week never starts round here" e' l'album d'esordio dell'importante duo scozzese fondato a Flakirk nel 1995 dal cantante Aidan Moffat e dal polistrumentista Malcolm Middleton. Uscito dopo il loro primo 7" (il lato A, "The first big weekend", e' qui incluso) e subito apprezzato dalla critica cos￾ come dal dj John Peel, il primo lp degli Arab Strap contiene in nuce gli elementi caratteristici del loro sound, in cui brani minimali, dagli arrangiamenti essenziali, accompagnano il peculiare canto di Moffat, che spesso si fa parlato, come se fosse un narratore di storie, ed altre volte appena sussurrato. L'atmosfera malinconica e pacata dell'album puo' ricordare alla lontana alcuni cantautori inglesi come Nick Drake, ma anche alcuni episodi di "Spiderland" degli Slint, senza tuttavia le esplosioni chitarristiche ed il pathos che contraddistinguono il gruppo di Louisville; gli Arab Strap sono comunque un gruppo originale e non ben classificabile, gia' in questo loro esordio, come tutti quelli che hanno dato impulso a nuove direzioni musicali.
Euro
32,00
codice 2114241
scheda
Arcansiel Stillsearching
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  contempo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in carta azzurra con testi, label bianca con scritte nere e logo Contempo in alto, catalogo CONTE143. Pubblicato dalla Contempo nel 1990, il secondo album, uscito dopo ''Four daisies'' (1988) e prima di ''The normality of perversion'' (1994). L'ultimo album con il cantante e tastierista Marco Galletti (che avrebbe di li' a poco lasciato il gruppo per l'attivita' solista, sostituito da Paolo Baltaro), ''Stillsearching'' si apre con la lunghissima e complessa suite ''I'm still searching'', che occupa tutta la prima facciata, dominata dalle tastiere, immersa in atmosfere oniriche e delicate, accentuate dalla voce di Galletti; simile e' la seconda facciata, con tre brani piu' brevi. Lo stile del disco si rifa' chiaramente al rock progressivo, ma con un approccio sonoro che e' indubbiamente filtrato attraverso la sensibilita' musicale degli anni '80 e della new wave. Questo gruppo italiano, definito come ''neo-progressivo'', ha realizzato quattro album fra il 1988 ed il 2004, ''Four daisies'' (1988), ''Stillsearching'' (1990), ''The normality of perversion'' (1994) e ''Swimming in the sand'' (2004), quest'ultimo contenente per lo piu' vecchie canzoni della band, risuonate con una formazione che ha subito cambiamenti nel corso degli anni.
Euro
18,00
codice 248551
scheda
Arcansiel Stillsearching
Lp [edizione] originale  stereo  ita  1990  contempo 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Prima stampa italiana, copertina lucida fronte retro con barcode, inner sleeve in carta azzurra con testi, label bianca con scritte nere e logo Contempo in alto, catalogo CONTE143. Pubblicato dalla Contempo nel 1990, il secondo album, uscito dopo ''Four daisies'' (1988) e prima di ''The normality of perversion'' (1994). L'ultimo album con il cantante e tastierista Marco Galletti (che avrebbe di li' a poco lasciato il gruppo per l'attivita' solista, sostituito da Paolo Baltaro), ''Stillsearching'' si apre con la lunghissima e complessa suite ''I'm still searching'', che occupa tutta la prima facciata, dominata dalle tastiere, immersa in atmosfere oniriche e delicate, accentuate dalla voce di Galletti; simile e' la seconda facciata, con tre brani piu' brevi. Lo stile del disco si rifa' chiaramente al rock progressivo, ma con un approccio sonoro che e' indubbiamente filtrato attraverso la sensibilita' musicale degli anni '80 e della new wave. Questo gruppo italiano, definito come ''neo-progressivo'', ha realizzato quattro album fra il 1988 ed il 2004, ''Four daisies'' (1988), ''Stillsearching'' (1990), ''The normality of perversion'' (1994) e ''Swimming in the sand'' (2004), quest'ultimo contenente per lo piu' vecchie canzoni della band, risuonate con una formazione che ha subito cambiamenti nel corso degli anni.
Euro
25,00
codice 242134
scheda
Architectural metaphor creature of the velvet void
Lp [edizione] originale  stereo  ITa  1997  black widow 
  [vinile]  excellent  [copertina]  excellent indie 90
l' originale stampa, realizzata in esclusiva dall' italiana Black Widow, in 500 copie, copertina lucida apribile senza barcode, corredata di inserto con artwork, etichetta bianca e viola custom da un lato, viola con scritte e elogo bianchi dall' altro, catalogo BWR019. Pubblicato nel 1997, questo e' il secondo album degli Architectural Metaphor, uscito dopo ''Odysseum galacti'' (1994) e prima di ''Viva - live'' (2000). Il gruppo americano propone uno space rock influenzato da storiche band degli anni '70 come Pink Floyd, Hawkwind e Tangerine Dream. I brani, lenti ed ipnotici, sono dominati da tastiere cosmiche vicine ai Tangerine Dream e da lenti ed acidi assoli di chitarra alla Pink Floyd. Narcotici blues psichedelici si alternano con brani piu' rarefatti e cosmici, con gli strumenti che sembrano fluttuare nello spazio. L'album contiene due cover, ''All tomorrow's parties'' dei Velvet Underground e ''Golden void'' degli Hawkwind. Attivi dal 1984, gli Architectural Metaphor provengono dal Massachussets. Autori di un fluttuante space rock con marcate influenze anni '70, compongono i loro brani partendo dall'improvvisazione. Il gruppo ha attraversato innumerevoli cambiamenti di organico nel corso degli anni e tra le sue fila milita anche Patrick Murphy, gia' con i Dinosaur Jr. Il primo album ''Odysseum galacti'' esce nel 1994, seguito nel 1997 da ''Creature of the velvet void'' e da due album dal vivo, ''Viva - live'' (2000) e ''Other music'' (2004). Contraddistinti da eteree voci femminili, ritmi rallentati e tastiere vicine alla musica cosmica tedesca, danno il meglio di se' in concerto.
Euro
20,00
codice 251546
scheda
Arcwelder pull
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1993  Touch & go 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
l' originale stampa inglese, copertina (con lievi segni di invecchiamento) lucida, completa di inserto con crediti, etichetta nera con scritte bianche, catalogo TG108. Pubblicato nel 1993 dopo "Jacket Made in Canada" (1991) e prima di "Xerxes" (1994), il terzo album (incluso l' esordio del 1989 a nome Tiltawhirl) della notevole band che aveva iniziato sul finire degli anni '80 a Minneapolis, Minnesota; l' influenza dei concittadini Husker Du e' pressocche' inevitabile nella loro musica, ma nelle vibranti composizioni della band sono rintracciabili anche influenze noise e grunge, e l'eccellente risultato finale e' decisamente meritorio di considerazione, per certi aspetti premonitori di certi sviluppi futuri della storia artistica di Bob Mould, ed alcuni brani davvero memorabili. Il batterista Scott Macdonald (che aveva gia' suonato nei 2i, autori di alcuni 7" ed un album tra il 1985 ed il 1986) ed il chitarrista Bill Graber si scambiano le parti vocali, e la voce del primo ricorda davvero molto quella di Mould degli Husker Du. Davvero un gruppo sottovalutato, da riscoprire.
Euro
20,00
codice 202535
scheda
Area (Arms Of Someone New, Moon seven times) Fragments of the morning (white vinyl)
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  c'est la mort 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent punk new wave
Prima rara stampa USA, vinile bianco, copertina in cartoncino neutro nero, con sagomatura al centro ed adesivo con informazioni sul disco applicato sul fronte, label bianca con scritte nere su di una facciata e con foto in bianco e nero e scritta ''area'' in nero sull'altra, catalogo CLM031. Pubblicato nel 1990 dalla C'Est La Mort, il quinto (considerando anche il primo, uscito su cassetta) ed ultimo album, uscito dopo ''Between purple and pink'' (1989). Il gruppo americano e' qui artefice di un delicato ed essenziale sound tra influssi post punk ed indie pop dai toni sognanti, attraverso brani melodici e ''minimal'', scanditi da ritmi lenti, che rimandano sia a molti gruppi britannici della 4AD come ai primi frutti del progetto newyorchese Ultra Vivid Scene. Gruppo di Champaign, Illinois, attivo dal 1985, questo progetto capeggiato dalla cantante Lynn Canfield e dal chitarrista Henry Frayne, poi entrambi nei Moon Seven Times prima di separarsi (la prima negli Shotgun Wedding e poi solista, il secondo nei Lanterna), e dal tastierista Steve Jones, gia' negli Arms Of Someone New, era all'insegna di una musica tra post punk dalle chiare influenze inglesi (gli amanti della 4AD sono avvisati) ed un approccio vicino a quello di certi gruppi della scena "trance" di Los Angeles. Magnifica la voce delicata ed eterea di Kynn, su una musica essenziale e malinconica. Pubblicarono cinque lp prima di sciogliersi all'inizio degli anni '90.
Euro
28,00
codice 315860
scheda
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1999  six weeks 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Good indie 90
Copia con alcuni segni di usura sulla copertina, prima stampa, pressata negli USA, copertina semilucida senza barcode, label custom in bianco e nero con artwork diverso su ciascuna facciata, catalogo SW-26. Pubblicato nel 1999 dalla americana Six Weeks, lo split album opera di due importanti bands del movimento crossover fra HC punk, thrash e death, i brasiliani Armagedom ed i finlandesi Forca Macabra; i primi si erano riformati nel 1998, tornando alla ribalta con questo disco, dopo alcuni anni di inattività. Entrambe le band propongono un brutale incrocio fra hardcore punk e thrash / death metal, abbinando il sound grezzo e la ferocia dello HC con la potenza ed i riff compatti del metal, il tutto a ritmi elevati, spesso tiratissimi e vorticosi, a supporto di un cantato gutturale e rabbioso, e con un'attitudine "niente prigionieri". Gli Armagedom sono uno storico gruppo brasiliano formato nel 1984 a San Paolo, inizialmente esponenti della vitale scena hardcore punk della grande città sudamericana; la loro musica si è evoluta nel tempo in un crossover fra HC punk, death e thrash metal, talora definita come "deathcore"; si sciolsero nel 1994, per riformarsi poi nel 1998, invitati ad incidere uno split con i finlandesi Forca Macabra, loro estimatori, e da allora hanno ripreso a pubblicare nuova musica, con alcuni lp usciti nei primi decenni del XXI secolo. I Forca Macabra sono un gruppo hardcore influenzato dagli Overdose, che incrocia il crust punk ed il metal, cantando temi sia socio-politici che cupamente emotivi ed apocalittici; il gruppo, finlandese, fu formato ad Helsinki nel 1991, ma la loro ragione sociale, così come gran parte dei testi dei loro brani, sono in lingua portoghese, in tributo alle seminali bands crossover fra hardcore punk, thrash e death attive in Brasile, quali Absurdos, Psykoze, Ratos de Porao, Lobotomia e Armagedom (con questi ultimi realizzarono anche uno split album nel 1999). Hanno pubblicato una discografia nutrita soprattutto negli anni '90 e nel primo decennio del XXI secolo.
Euro
10,00
codice 334870
scheda
Armatrading joan Hearts and flowers
Lp [edizione] originale  stereo  usa  1990  a&m 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent rock 60-70
Copia ancora sigillata nel cellophane (da noi aperto per verificare il contenuto), prima stampa USA, copertina con barcode, label nera con parrti bianche e oro nella fascia centrale, scritte argento e logo A&M bianco a destra, catalogo 75021 5298 1, vinile ambrato su posto controluce. Registrato con la presenza, al basso ed alla batteria in diversi brani, dei due ex Japan MICK KARN e STEVE JANSEN, pubblicato nel giugno del 1990 dalla A&M in Gran Bretagna, dove giunse al 29esimo posto in classifica, e negli USA, dove arrivo' alla 161esima posizione, il tredicesimo album (dodicesimo in studio), della cantante nata nel 1950 a Basseterre, nell' isola caraibica di Saint Kitts, ma trasferitasi a soli tre anni a Birmingham, Inghilterra. Uscito dopo ''The shouting stage'' (1988) e prima di ''Square the circle'' (1992), e' un lavoro di raffinato pop soul d'atmosfera dal sound mainstream a cavallo fra anni '80 e '90, nel quale la cantante esplora temi sentimentali ed il rapporto fra relazioni amorose ed amicizia, con un piglio dolce-amaro. Ne furono tratti due singoli, ''More than one kind of love'' e ''Free''.
Euro
15,00
codice 320447
scheda
Armitage shanks Takin' the piss
Lp [edizione] originale  stereo  uk  1994  damaged goods 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa, realizzata in Gran Bretagna, copertina lucida fronte retro senza barcode, label nera con bordo bianco e scritte bianche, catalogo DAMGOODLP34, groove message ''cunt rock indeed!'' sul lato A e ''don't mention pete shelley'' sul lato B. Pubblicato nel 1994 dalla Damaged Goods in Gran Bretagna, il primo album, precedente ''Sing and play twenty punk hits of the seventies'' (1995). I ''deficienti del medwaybeat'', cosi' come sono presentati nelle note sul retro copertina, sono qui prodotti dal grande Billy Chidish, e ci offrono quattordici scheggie di sguaiato, semidistrutto, tecnicamente deficitario e crudissimo garage punk a bassa fedelta', che suonera' familiare a chi segue ed ama gruppi come Thee Headcoats ed altri progetti del buon vecchio Billy. Formatisi nel 1990, prendendo il nome da una marca inglese di sanitari presenti nel bagno di un pub dove si erano sbronzati (cosi' narra la leggenda...), i britannici Armitage Shanks, originariamente chiamati The Thieving Magpies (gruppo punk), sono stati autori di uno sgangheratissimo garage punk a bassa fedelta', influenzato dall'estetica di Billy Childish, che non a caso produsse il loro primo album; hanno anche spesso suonato dal vivo con Thee Headcoats. Esordirono nel 1993 con alcuni singoli, e nel 1994 con l'album ''Takin' the piss'', proseguendo nel corso degli anni fra scioglimenti ed avvicendamenti nell'organico, e risultando ancora in attivita' nel 2004/05.
Euro
20,00
codice 322054
scheda
Arrested development 3 Years, 5 months and 2 days in the life of...
Lp [edizione] nuovo  stereo  eu  1992  music on vinyl 
hip-hop
Ristampa a cura della Music on Vinyl, vinile 180 gr., copertina lucida pressoche' identica all'originale, completa di inserto con testi, del primo album della band, realizzato originariamente nel marzo 1992 dalla Chrysalis, prima di "Unplugged" (93), giunto alla posizione n.1 dell'Heatseekers top album ed alla n.3 delle charts Uk, nonche' votato miglior album di quell'anno dal Village Voice Pazz & Jop. Con un titolo che richiama il tempo impiegato per avere un contratto discografico, questo debutto del combo georgiano, mette in evidenza il peculiare hip hop degli Arrested Development, in grooves che assemblano percussioni africaneggianti, blues rurale, funk ed R&B melodico, attraverso campionamenti di pezzi di artisti del calibro di Minnie Riperton, Earth and Fire, Prince, Sly and the Family Stone, su cui si innescano le rime. I testi lasciano da parte rabbia ed odio, per abbracciare messaggi positivi, come la compassione fraterna, l'unita' dei neri d'America, lotta all'uguaglianza, tributi ai senzatetto. L'attitudine di questo disco, ampiamente amato dai fans fin dai primi giorni dall'uscita, abbraccia una sorta di sfera spirituale, quasi un 'peace and love', non comune per il rap di quel momento storico, assestato sulla rabbia e/o protesta, o sul gansta. L'album che ha permesso loro di vincere il Grammy per il miglior gruppo emergente e che dato l'imput per una nuova estetica di rap, che sara' poi propria di Goodie Mob e Nappy Roots. Gruppo Hip hop di Atlanta, Georgia, fautori di un rap alternativo, anche con contenuti spirituali in contrasto con il gansta, imperante in quel momento, alla cui guida c'è il sessantenne Baba Oje. Hanno pubblicato fino ad oggi 8 albums, raggiungendo un discreto successo, che è iniziato con il film di Spike Lee, "Malcom X".
Euro
29,00
codice 2124650
scheda
Arson garden Under towers
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1990  community 3 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Excellent indie 90
Prima stampa europea, copertina lucida fronte retro con barcode, label color crema con disegno marrone sullo sfondo e scritte nere, catalogo 3901-1. Pubblicato nel 1990 dalla Community 3, ''Under towers'' e' l' eccellente album d' esordio degli Arson Garden, uscito prima di ''Wisteria'' (1992). Il gruppo americano introduce qui il suo particolare amalgama sonoro, in cui si incontrano atmosfere spesso oscure e tensione che si ricollega al post punk come ai REM piu' mercuriali ed introspettivi; sonorita' spigolose e ritmiche spezzate si alternano con passaggi piu' fluidi e pop, con una costante vena malinconica che attraversa l'album, alimentata dalla voce lunare di April Combs. Accostati da alcuni critici ai Ten Thousand Maniacs come ai Monks Of Doom, gli Arson Garden avevano in verita' uno stile peculiare ed eclettico in cui si mescolavano tensione e cupezza post punk, malinconiche melodie alla REM e slanci piu' duri e potenti. Formatisi a Bloomington, Indiana, si fecero inizialmente notare con alcuni brani comparsi su compilation nel 1988 e nel 1989, a cui fece seguito il primo album ''Under towers'' (1990). Il successivo ''Wisteria'' (1992) registro' un indurimento nelle loro sonorita'. Il gruppo si sciogliera' dopo un terzo album; successivamente il chitarrista James Combs realizzo' alcuni album solisti, ''Remotor'' (1999) e ''Please come down'' (2001).
Euro
24,00
codice 238950
scheda
Art phag Instant ventriloquism
Lp [edizione] originale  stereo  hol  1991  resonance 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
prima stampa europea, pressata in esclusiva dalla olandese Resonance, copertina (con moderati segni di invecchiamento) semilucida con barcode 8711687001267, label nera e gialla con scritte gialle e nere, logo Resonance giallo in basso, catalogo 33-9136. Pubblicato nel 1991 dalla olandese Resonance, il terzo ed ultimo album, successivo a ''Gods of grunge'' (1989). Prodotto dal chitarrista della band Len Puch con Rick Mills (tranne un brano, "Mysterical sights", prodotto da Warren DeFever, ingegnere che poi lavorerà con la Third Man), "Instant ventriloquism" riprende il filo di una graffiante ironia, già manifesta nella copertina, che pervade la caratteristica miscela musicale degli Art Phag, delirante e psicotico intreccio fra il garage punk scalcinato ed a bassa fedelta' dei concittadini Gories, il folle psychobilly dei Cramps, e la pazzia de-costruttrice dei primi Jon Spencer Blues Explosion e degli Oblivians, il tutto condito da testi altrettanto bizzarri, da "Dahli lama of love" alla maniacale "Bobby shot a man". Un sound secco, grezzo e scarno ma incisivo e potente, che entra nelle viscere del rock'n'roll primigenio degli anni '50 e '60 e le sovverte in chiave punk. Questo gruppo di Detroit, Michigan, pubblico' tre album alla fine degli anni '80, ''Art phag'' (1988), ''Gods of grunge'' (1989) e ''Instant Ventriloquism'' (1991); faceva parte della band Len Puch, gia' membro degli Snake Out ed anche componente dei Fuknotz, oltreche' produttore del primo album dei Gories, ''Houserockin'''.
Euro
13,00
codice 333259
scheda
Arthur (14 Iced Bears) Right off / born all over (white label)
Lp [edizione] promozionale  stereo  uk  1994  target 
  [vinile]  Excellent  [copertina]  Very good punk new wave
Copia con leggeri segni di invecchiamento sulla copertina, visibili per lo più sul retro, rara copia test pressing o promozionale con label neutra bianca (sulla quale sono apposte scritte a pennarello giallo), completa di inserto catalogo della Target datato primavera / estate 1994 che preannuncia l'uscita di questo album, descritto come ancora in fase di registrazione, copertina semilucida con barcode 5019148604402, catalogo TGT014, groove message "c'mon and join us..." sul lato A e "....we're arthur spaceways inc." sul lato B, scritta "a porky prime cut" incisa sul trail off del lato A. Pubblicato nel 1994 dalla Target nel Regno Unito, questo è il primo ed unico album del gruppo di Brighton, formato da ex membri dei 14 Iced Bears; attivi nella prima metà degli anni '90, presero il loro nome da quello del carismatico leader dei Love, Arthur Lee, e pubblicarono questo lp ed una manciata di singoli. I brani di "Right off / Born all over" sono un caldo melting pot tra funk, psichedelia ed echi 60's e 70's inseriti in un contesto indie rock; un tocco "druggy" e sensuale richiama anche gli episodi più rockeggianti dei Primal Scream di "Screamadelica". Sean O'Hagan degli High Llamas curò gli arrangiamenti di archi per l'album; il groove decisamente funk è arricchito da interventi corali di ottoni, a cui fa da contrasto una chitarra distorta da wah wah e talora irruvidita e graffiante, ma mai troppo aggressiva, gli arrangiamenti di archi di O'Hagan, presenti in alcuni brani, sono aggraziati da un tocco elegante e discreto ma insinuante, i ritmi sono per lo più in mid tempo, con qualche rallentamento come nel caso della dolente "Arthur's moods", più spaziale e psichedelica; la scaletta si chiude con la ballata dagli echi stonesiani anni '70 "Brother, I got's to know".
Euro
18,00
codice 335347
scheda

Page: 10 of 147


Pag.: oggetti: